INDICE ALLEGATO 1: analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo generale ALLEGATO 2:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE ALLEGATO 1: analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo generale ALLEGATO 2:"

Transcript

1

2 INDICE 1. INTRODUZIONE pag RIFERIMENTI NOMATIVI pag STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag MODELLO GEOTECNICO DEL SITO pag ANALISI GEOTECNICA GLOBALE AGLI SLU / SLE pag ANALISI GEOTECNICA DELLE FONDAZIONI AGLI SLU pag. 11 ALLEGATO 1: ALLEGATO 2: ALLEGATO 3: ALLEGATO 4: ALLEGATO 5: ALLEGATO 6: analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo generale analisi ad elementi finiti: modalità di calcolo in funzione dei parametri geotecnici dei terreni analisi ad elementi finiti: modalità di calcolo in funzione dei valori caratteristici dei terreni analisi ad elementi finiti: spostamenti nodali in condizioni statice analisi ad elementi finiti: spostamenti nodali in condizioni sismice analisi ad elementi finiti: grafici di analisi * * * * 1

3 1. INTRODUZIONE I fenomeni sismici connessi con l evento del 6 aprile 2009 anno causato il collasso parziale della sede stradale dell unica strada comunale di accesso alla Frazione di Castiglione della Valle del Comune di COLLEDARA (TE), oltre a numerosi danni agli edifici del borgo stesso, tanto da necessitare di un ordinanza sindacale di divieto di transito al traffico sia veicolare e sia pedonale. Figura 1: vista panoramica della sede stradale collassata. Da un sopralluogo effettuato unitamente agli amministratore comunali è emersa la necessità di ripristinare in tempi brevi la suddetta viabilità, stante ance l urgenza di eseguire la messa in sicurezza della frazione di Castiglione della Valle ce riciederà il transito di mezzi meccanici. Nella presente relazione geotecnica vengono quindi illustrate le modalità di calcolo del progetto di consolidamento, ce prevede, oltre alla risagomatura della sede stradale collassata, ance la realizzazione di opere flessibili di sostegno con gabbionate a tre file, come meglio rappresentato negli elaborati grafici in allegato. L intervento è infine completato dalla regimazione delle acque superficiali drenate dalla strada, mediante ripristino della funzionalità dei sistemi di smaltimento pubblico. 2

4 2. RIFERIMENTI NORMATIVI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Decreto 14 gennaio 2008 Norme tecnice costruzioni - paragrafo 3.2, azione sismica - paragrafo 6, progettazione geotecnica. 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO Dalla lettura dello studio geologico del sito, ed in particolare dall analisi della sezione stratigrafica, è emersa una conformazione geologica del sito caratterizzata dalla presenza di terreni di copertura (depositi colluviali) di spessore variabile e di natura granulometrica sostanzialmente fine (limi ed argille con sabbia subordinata), in relazione alla tipica morfologia e morfometria di tali depositi; gli stessi risultano poi sovrastare il substrato roccioso, appartenente alla Formazione della Laga, il quale è localmente rappresentato da litotipi marnosi sovrastante quelli arenacei lungo un passaggio stratigrafico ubicato poco a valle della sede stradale. Il modello geomorfologico del sito prevede la presenza di un pendio di acclività variabile, da media ad alta, con una evoluzione topografica corrispondente alla passaggio stratigrafico all interno della formazione di base e in funzione della differente rigidezza manifestata dai litotipi marnosi rispetto a quelli arenacei, così come meglio evidenziato nella figura 2. Per quanto concerne l azione delle acque sotterranee occorre evidenziare ce durante i diversi sopralluogi e rilievi è stata individuata la presenza di una falda persistente ubicata all interno delle colluvioni, per soglia di permeabilità dettata dalla presenza delle argille e limi OC del substrato roccioso tipicamente caratterizzati da una bassissima permeabilità relativa tanto da poter essere assimilati a dei veri e propri acquicludi. Infine, da un punto di vista sismico non sono stati rilevati elementi strutturali di particolare pericolosità, se non limitati agli ed effetti puramente topografici ai quali attribuire possibili fenomeni di focalizzazione delle onde sismice in relazione alla 3

5 variazione topografica corrispondente all incirca alla sede stradale oggetto di consolidamento. Figura 2: sezione stratigrafica con profilo geotecnico (scala 1:200). 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE La definizione di una corretta progettazione delle indagini geognostice è passata attraverso l analisi del modello geologico del sottosuolo, ed in particolare delle informazioni morfologice e morfometrice emerse durante la fase di studio geologico preliminare dell area. 4

6 In questo modo, con particolare riferimento alla descrizione della natura geologica del sito, ce mostra diffusi affioramenti del substrato roccioso nella zona di preminente interesse, è stato possibile evitare, stante ance l urgenza dell intervento, ulteriori indagini geognostice utilizzando: 1) l analisi geomeccanica dell ammasso roccioso limitata ai litotipi arenacei del substrato roccioso, per i cui approfondimenti si rimanda alla relazione geologica allegata al progetto di consolidamento; 2) i risultati di studi scientifici relativi al comportamento meccanico dei litotipi marnosi del substrato roccioso, con particolare riferimento a Il contributo della geotecnica nella comprensione dei dissesti storici dell abitato di Campli (Di Francesco et. ali, XXII Convegno Nazionale di Geotecnica AGI 2004, Palermo); 3) una definizione statistica dei parametri relativi ai depositi colluviali, stante la modesta influenza degli stessi nei confronti del dissesto in atto. In questo modo è stato possibile definire il modello geotecnico illustrato nella figura 2 per i cui approfondimenti si rimanda al paragrafo successivo. 5. MODELLO GEOTECNICO DEL SITO La lettura dei parametri geotecnici espressi nella figura 2 e contenuti nella seguente tabella 1: Tabella 1: parametri geotecnici Terreni γ n E c φ (kn/m 3 ) (kpa) (kpa) ( ) Depositi colluviali fini Substrato arenaceo Substrato marnoso riciede alcune riflessioni relative alla loro determinazione: 1) i valori utilizzati nella caratterizzazione delle arenarie sono inferiori rispetto a quelli derivanti dall analisi geomeccanica dell ammasso roccioso; in questo modo è stato tenuto conto sia della loro possibile variabilità statistica, derivante da differenti stati di fratturazione e/o giaciturali, e sia del loro stato di alterazione superficiale ce raggiunge spessori metrici tipici. 5

7 2) Allo stesso modo i parametri geotecnici delle marne sono inferiori a quelli derivanti dalle prove di laboratorio illustrati nei riferimenti bibliografici indicati, al fine di tenere conto delle medesime condizioni di cui al punto precedente; 3) Infine i parametri di resistenza delle colluvioni anno tenuto conto del loro stato di parziale saturazione, stante la presenza di una falda stagionale con sovrastante frangia capillare e zona di aerazione; tutti elementi ce conducono all esistenza di una coesione intercetta ance per terreni a grana fine NC, in funzione della forza di serraggio interparticellare alla quale attribuire valori non nulli di c. Una volta definito il profilo geotecnico è stato ance possibile individuare i valori caratteristici da applicare nelle analisi agli SLU, così come riciesto dalle nuove NTC al paragrafo 6 (progettazione geotecnica) mediante l utilizzo di un coefficiente riduttore pari a 1.25 (ce si ricorda essere unitario nel caso del peso di volume): Tabella 2: valori caratteristici Terreni γ n E c φ (kn/m 3 ) (kpa) (kpa) ( ) Depositi colluviali fini Substrato arenaceo Substrato marnoso ANALISI GEOTECNICA GLOBALE AGLI SLU / SLE Al fine di poter meglio comprendere il comportamento dell insieme terreno-struttura di progetto è stata eseguita un analisi numerica del problema modellando il complesso con il metodo matematico degli elementi finiti (FEM), il quale permette la risoluzione di sistemi di equazioni differenziali di secondo grado alle derivate parziali (ved. relazione di calcolo in allegato 1). A tale scopo è stato utilizzato un codice numerico, implementato in un software applicato alla meccanica delle terre e delle rocce ed alla valutazione dell interazione terreno-struttura (versione ottobre 2006), sviluppato dai ricercatori dell Università di Lausanne (Svizzera) con il supporto finanziario della Commissione per le Tecnologie e le Innovazioni (CTI) ed in collaborazione con il Laboratorio di Strutture e Meccanica del Continuo dell Università di Losanna, l Istituto di Tecnologia di Losanna, il Laboratorio di Meccanica delle Rocce ed il Laboratorio di Meccanica delle Terre di Cracovia. 6

8 L impostazione di funzioni di esistenza temporali a permesso la simulazione degli step esecutivi e quindi la ricostruzione della storia tensionale e deformativa; gli step principali di calcolo sono quindi stati: 1. analisi dello stato tensionale geostatico in presenza delle gabbionate e dei carici di progetto; 2. simulazione dell analisi limite globale a rottura sia in condizioni statice e sia sismice; 3. analisi della resistenza a rottura della fondazione nei confronti dei carici verticali (rottura per compressione) ed orizzontali (rottura per scivolamento). Per quanto concerne le analisi sismice è stato introdotto l accelerogramma relativo alla componente Nord (deconvoluta) del terremoto del ore con epicentro Colfiorito, non essendo ancora noto l accelerogramma relativo all evento del 6 aprile 2009 e costituendo entrambi tipici esempi di terremoti appenninici. TERREMOTO DI COLFIORITO: COMPONENTE NS Tempo (sec) Accelerazione (cm/secq) Figura 3. time istory del terremoto di progetto. Da un punto di vista della modellazione matematica, i criteri di snervamento adottati sono stati i seguenti: a) per i terreni colluviali ed il litotipo marnoso della Formazione della Laga è stato utilizzato il modello Drucker-Prager (elastico non lineare perfettamente plastico), la cui superficie di snervamento è rappresentata, nello spazio degli sforzi principali (σ 1 > σ 2 > σ 3 ), da un cono il cui asse è passante per il punto di origine; b) gli elementi strutturali (gabbionate) noncé il terreno costituente il rinfianco ed il corpo stradale sono stati simulati con la teoria dell elasticità non lineare, al fine di 7

9 non obliterare il reale punto di vista relativo alle analisi di cui ai precedenti punti 2 e 3 ; c) le arenarie stratificate e fratturate del substrato sono state modellate come un materiale multisuperficie (Modello Multilaminate), con la matrice assimilata ad un mezzo elastoplastico tipo Hoek-Brown mentre gli strati ed i giunti esibiscono un comportamento attritivo alla Coulomb. Nel modello proposto sono stati introdotti 2 piani di scivolamento variamente orientati (α i inclinazione degli strati e dei giunti), ognuno dei quali rimane fisso nello spazio ed è caratterizzato da una coesione c i un angolo di attrito φ i come da tabella 1 noncè un angolo di dilatanza ψ i = 15 ; d) il calcolo è stato eseguito tenendo conto dell accoppiamento delle tensioni (in condizioni di deformazione piana); inoltre i parametri tensionali sono positivi in trazione e negativi in compressione, mentre i parametri deformativi sono positivi in sollevamento e negativi in cedimento. e) Infine il calcolo è stato impostato in quattro fasi matematice: determinazione dello stato tensionale nei nodi mediante risoluzione delle equazioni statice al contorno di Caucy; imposizione di un legge costitutiva per ognuno dei geomateriali utilizzati; analisi Lagrangiana delle deformazioni; risoluzione delle equazioni di compatibilità o congruenza delle deformazioni (ved. allegato 1). Relativamente al punto 3 occorre ance considerare ce, mentre le superfici di stratificazione anno rispettato la geometria reale mostrata nella sezione stratigrafica allegata alla relazione geologica ed alla figura 2 della presente, le fratture sono state simulate con inclinazione di 30 rispetto all orizzontale e con giacitura a franapoggio, al fine di rispettare eventuali condizioni di massima criticità; ciò a comportato, come visibile nei grafici relativi all analisi limite globale di cui all allegato 6, ce utilizzando i valori caratteristici previsti dalle nuove NTC si manifesta una doppia condizione di rottura inerente sia l insieme gabbionate corpo stradale e sia le sottostanti arenarie con formazione di un cuneo di espulsione. La formulazione della non-linearità del problema meccanico è stata risolta mediante l adozione dello scema iterativo di Newton-Rapson modificato il quale, rispetto allo scema iniziale di Newton-Rapson, consente un onere computazionale minore. Di fatti, l utilizzo nella linearizzazione della funzione della stessa pendenza per ogni 8

10 iterazione permette di evitare di dover ricostruire la matrice dello Jacobiano e di operare la sua fattorizzazione ad ogni passo. La procedura seguita è stata la seguente: 1. inizializzazione vettore soluzione X 2. valutazione dello Jacobiano 3. decomposizione dello Jacobiano 4. ciclo di Newton-Rapson modificato (n volte) 5. convergenza raggiunta entro le iterazioni previste? a. SI termine operazioni b. NO torna al passo 2 Per la valutazione della convergenza del sistema è stato impostato il controllo della norma euclidea, della norma relativa all incremento di energia e della norma relativa all energia totale, secondo il seguente scema: F ext n+ 1 F ext n+ 1 F int( i+ 1) n+ 1 F int n 10 2 Δ Δ S ( i+ 1) S ( i) F ( i+ 1) F ( i) En+ 1 ΔEn ΔEn+ 1 ΔEn S ( i= 2) F ( i= 2) ΔEn+ 1 ΔEn+ 1 S ( i+ 1) S ( i) F ( i+ 1) F ( i) En+ 1 ΔEn ΔEn+ 1 ΔEn S F ΔEn ΔEn dove F è la fase fluida ed S quella solida. Occorre poi precisare ce, com è noto nella meccanica delle terre, a differenza di quanto accade nella maggioranza dei problemi di Ingegneria Strutturale nei quali lo stato tensionale indotto dal peso proprio delle strutture è trascurato (o inglobato nei carici esterni), la non linearità del legame costitutivo dei terreni a imposto di mettere in conto lo stato tensionale dovuto al peso proprio degli stessi, conducendo all introduzione di tutti i calcoli attraverso la determinazione dello stato tensionale geostatico (punto a ad inizio paragrafo). Occorre ance precisare ce, trattandosi di un problema al contorno caratterizzato da condizioni tempo-indipendenti, le scansioni temporali adottate negli step di calcolo sono da considerare puramente fittizi e non necessariamente devono corrispondere alla possibile durata delle varie fasi esecutive. 9

11 Per la determinazione del fattore di sicurezza, rispetto alla rottura globale dell insieme terreno struttura, è stata eseguita un analisi limite adottando un algoritmo di calcolo denominato C-φ REDUCTION ALGORITHM il quale impone le seguenti equazioni: SF ( C + σ ' tanφ) dγ τ dγ = Γ s Γ i i C = C SF i tanφ = (tanφ) s SF i s s valutando quindi costantemente la resistenza al taglio disponibile con quella mobilitata per tutti i nodi costituenti la mes, tenendo conto ance del fenomeno della rottura progressiva. Rimandando al paragrafo successivo per l analisi dei dati relativi al comportamento delle fondazioni, i risultati della verifice di stabilità (punto b ) anno fornito i seguenti coefficienti di sicurezza: - F S = 1.8 in condizioni statice, - F S = 1.36 in condizioni sismice, entrambi svolte utilizzando la combinazione dei coefficienti parziali A 2 + M 2 + R 2 prevista dalle nuove NTC. Quindi, considerato ce valgono: - A 2 = 1.0 per i carici permanente non strutturali, - M 2 = 1.25 per tutti i parametri geotecnici con esclusione del peso di volume, - R 2 = 1.1 per la definizione della resistenza globale del sistema, Si a: Rd Fs - = = E R d 2 ce denota una riserva di resistenza minima del sistema del 24% rispetto alla rottura, ritenuta ampliamente soddisfacente per garantire la vita utile nominale dell intervento. Per quanto concerne il comportamento sotto sisma rispetto agli SLE i risultati della simulazione anno dimostrato spostamenti orizzontali e verticali delle gabbionate prossimi rispettivamente a circa 12 ed 8 millimetri (vedere grafici di cui all allegato 6), ritenuti ance in questo caso perfettamente compatibili con l integrità dell opera di consolidamento. 10

12 7. ANALISI GEOTECNICA DELLE FONDAZIONI AGLI SLU L importanza dell assunzione del metodo agli elementi finiti nell analisi geotecnica dell opera di sostegno deriva dalla possibilità di poter eseguire una verifica a 360, capace cioè di individuare la condizioni e la geometria di collasso di ogni punto della mes costruita consentendo pertanto di analizzare con dettaglio ogni singolo possibile cinematismo; in questo modo, oltre ad in individuare il fattore di sicurezza rispetto alla rottura globale dettagliato nel paragrafo precedente, è stato ance determinato la massima tensione di contatto distribuita dalla gabbionata sui terreni di fondazione: kpa, la quale costituisce pertanto il valore di E d previsto dalle NTC. Nel dettaglio, per quanto concerne la verifica geotecnica della fondazione della gabbionata, secondo le metodologie di analisi agli SLU previste dalle nuove NTC, sono stati applicati l Approccio 1 combinazione 2 e l Approccio 2 combinazione 1, ognuno dei quali con una differente combinazione degli effetti dell azioni di progetto, dei valori caratteristici dei terreni e delle resistenze globali. Nel contempo, al fine di addivenire al carico di collasso per compressione, è stata seguita una filosofia di analisi basata sull applicazione di un carico uniformemente distribuito di 10 kn/m 2 e di una legge di incremento lineare fino al raggiungimento delle condizioni limite ultime. I risultati anno mostrato i seguenti valori del carico di collasso (ved. grafici di analisi in allegato 6): kpa, calcolato secondo l Approccio 1 combinazione 2; kpa applicando l Approccio 2 combinazione 1. In questo modo risultano le seguenti azioni valide per carici permanenti sfavorevoli: - Approccio 1 combinazione 2: A 2 = kpa 1.0 = kpa; - Approccio 2 combinazione 1: A 1 = kpa 1.3 = kpa. Confrontando infine i risultati si ottiene: a) Approccio 2 combinazione 1: R d = kpa > E d = kpa; b) Approccio 2 combinazione 1: R d = kpa > E d = kpa. ovvero entrambi le verifice condotto con metodi semiprobabilistici sono risultate rispettate. 11

13 ALLEGATO 1 : ANALISI AD ELEMENTI FINITI: relazione di calcolo generale

14 Analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo Per l analisi geotecnica è stato utilizzato il metodo di calcolo agli elementi finiti, basato sulla soluzione di sistemi di equazioni differenziali alle derivate parziali. Esso discretezza il mezzo continuo, gli attribuisce un numero finito di gradi di libertà e in un secondo tempo impone le leggi di conservazione (di massa ed energia) e di calcolo. Gli algoritmi gestionali e di calcolo implementati in un software sono suddivisi in tre fasi distinte: 1. preprocessore 2. processore 3. postprocessore Nel preprocessore è stata assemblata la mes (griglia), la cui complessità a dovuto tenere conto della geometria del problema. In esso è stata inserita la stratigrafia, le opere di contenimento (gabbionate), sono state impostate le leggi di variazione dei carici, le condizioni idraulice al contorno, i carici statici derivanti dal traffico veicolare ed i carici sismici. La mes è stata realizzata con elementi quadrati e/o triangolari, uniti tra di loro da nodi e linee; i nodi costituiscono i punti di calcolo, le linee le leggi costitutive impostate ed utilizzate. Inoltre ogni elemento di calcolo contiene ance 4 punti gaussiani, per cui avendo utilizzato elementi quad isoparametrici, per ogni quadrato i punti complessivi di calcolo sono stati 8. Per la simulazione delle varie condizioni pertinenti ai processi fisici osservati o attesi, sono state impostate leggi matematice lineari, quadratice, parametrice o ancora più complesse, le cui variabili anno rappresentato le caratteristice dei geomateriali, l idraulica del sottosuolo, i carici, il tempo ecc. È importante notare ce nel preprocessore sono stati associati i materiali ad ogni elemento noncé tutte le leggi di variazione. Infine la mes è stata completata con l imposizione dei vincoli cinematici. Questo percé altrimenti la mes, sotto l azione della forza di gravità ce simula lo stato tensionale geostatico, autocollasserebbe impedendo quindi ulteriori calcoli, dal momento ce i metodi ad elementi finiti utilizzano il metodo della convergenza ovvero della divergenza. Di fatti, com è noto nella meccanica delle terre, a differenza di quanto accade nella maggioranza dei problemi di Ingegneria Strutturale in cui lo stato tensionale indotto dal peso proprio delle strutture è trascurato (o inglobato nei carici esterni), la non linearità del legame costitutivo dei terreni impone di mettere in conto lo stato tensionale dovuto al peso del terreno. Sui limiti laterali verticali della mes sono stati imposti vincoli a cerniera mobile, poicé sono impediti gli spostamenti orizzontali, ma non quelli verticali e le rotazioni. Di conseguenza le condizioni cinematice sono: n 1 vincolo (traslazione X) e n 2 gradi di libertà (traslazione Y e rotazione). Sul limite inferiore orizzontale sono stati imposti vincoli a cerniera, consentendo quindi la sola rotazione delle linee costituenti la mes. Le relative condizioni cinematice sono: n 2 vincoli (traslazione X e Y) e n 1 grado di libertà (rotazione). Tutti gli altri nodi della mes sono soggetti a 3 gradi di libertà (traslazione X, traslazione Y e rotazione). Gli elementi utilizzati nel preprocessore sono: 1. quadrati per la mes relativa al terreno; 2. elementi strutturali (beam) ai quali associare carrelli o cerniere o incastri e soggetti a sforzi M, N e T; 3. filtri direzionali per la simulazione delle fasi di drenaggio della falda. 1

15 Analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo Nel seguito, in relazione all estrema complessità dei sistemi di equazione utilizzati ce non consente una completa trattazione matematica del problema, vengono introdotte solo alcune delle equazioni utilizzate, relative alla legge di Darcy sulla quale si fonda l analisi dell idrodinamica di falda per condizioni di flusso laminare, in condizioni di falda in quiete, in regime di filtrazione stazionaria o transitoria: * * * * Mezzi bi-fase saturi Viene applicato il seguente set di equazioni: legge di equilibrio in termini di tensioni totali: tot σ ij, j + b i = 0 dove tot σ ij è la componente dello sforzo totale e b i è la componente vettoriale delle forze di massa legge di equilibrio in termini di tensioni efficaci secondo il concetto di Terzagi (gli sforzi di trazione sono positivi): tot ij σ = σ + δ p ij ij dove σ ij è la componente del tensore di sforzo efficace, p è la pressioni interstiziale, δ ij è il delta di Kronecker; I1 = σ kk, J 1 2 = ij 2 s ij s, con σ kk sij = σ ij δij, sono gli invarianti associati alle condizioni di 3 sforzo efficace. Si omette lo sviluppo dei singoli invarianti. la legge di continuità è garantita da: F n F &ε kk + div ( v ) p& = Q F K dove F ε& denota la velocità di deformazione volumetrica dello sceletro solido, ( v ) kk div il divergente F della velocità del fluido, n la porosità e K il modulo di bulk del flusso. una legge costitutiva elasto-plastica per la fase solida, espressa in termini di velocità è la seguente e p 1 & σ ij = Dijkl (& ε kl & ε kl ) con ε ij = ( u i, j + u j, i ) 2 da cui la legge di Darcy : v F i p = k ij F γ + z, j le condizioni limite al contorno sono: trazione su Γ t : σ spostamenti si Γ u : ij n j = t u = u, and Γ = Γ t + Γ u flusso su Γ q : F vi ni = q pressione interstiziale su Γ p : le condizioni iniziali sono: u = 0) = i ( t t ui0 p = p, and Γ = Γ q + Γ p 2

16 Analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo 3 0 0) ( p t t p = = Dipendendo dal tipo di analisi, possono essere risolte con continuità solo le condizioni di equilibrio o di equilibrio accoppiato o disaccoppiato. Formulazione di Galerkin (GLS) per mezzi bifase Una formulazione discreta può essere ottenuta usando l applicazione del calcolo differenziale. [ ] ( ) ( ) 0 ) ( ),, ( 1 = Γ Ω Ω + = Ω Γ Ω d d d p R T e u T e u e p T T T e f t w N f w N p 1N B σ B w w u dove B definisce la relazione deformazioni-spostamenti nella forma usuale di: ( ) e Bu u ε = La forma discretizzata dell equazione di continuità del flusso della fase fluida può essere scritta nel seguente modo: ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) 0 ),, ( 2 = Ω Γ + Ω Ω Ω = Ω Γ Ω Ω Ω d Q qd d K n d d q p R F T e p T e p T e p F T e p F T e p T T e p f q q N q N p N q N v q N u ε 1 q N u & & Tali equazioni possono essere scritte ance in una forma combinata tipo: 0,, 2 1 = Δ = ) q,p ( R t ),p ( R ),q,p, ( R f f f u w u w u θ dove f R 2 è stato premoltiplicato per un fattore t Δ θ, dove θ è un coefficiente di integrazione algoritmica e t Δ il tempo incrementale. Tecnice di stabilizzazione La formulazione della discretizzazione variazionale modificata appare quindi nella forma: 0,,, 2 1 = + Δ = ),q,p, ( R ) q,p ( R t ),p ( R ),q,p, ( R GLS f f f f w u u w u w u θ la quale deve essere soddisfatta per ogni step di calcolo. A questo punto può essere introdotto il seguente termine basato solo sul residuo dell equazione dei continuità del flusso della fase fluida:

17 Analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo R Nel f, GLS & ε e= 1 e Ω & ε kk kk ( u, w,p,q ) = ( w ) T 1 F e ( u ) + k p k z cp& Q dω γ F 1 + F γ T * k q cq& τ Nella parte ponderale il termine T k z è omesso poicé l elevazione z per problemi geometricamente lineari rimane invariata. Il fattore scalare * τ a il significato di un fattore di stabilizzazione. L equazione matriciale ce deriva dalle precedenti equazioni sfocia in una formulazione mista la quale comporta gli spostamenti e la pressione interstiziale quali variabili principali. * * * * Nel caso specifico del diaframma progettato, le impostazioni nel preprocessing sono state le seguenti: 1. analisi 2D in condizione di deformazione piana 2. numero di nodi utilizzati: numero di elementi quad: numero di elementi beam: numero di vincoli cinematici totali del sistema: numero di cerniere mobili: numero di cerniere fisse: numero di gradi di libertà del sistema: 3187 Nel processore sono stati eseguiti i calcoli, avendo avuto l accortezza di impostare preliminarmente i dati di analisi. Per prima cosa è stato necessario stabilire le procedure di calcolo per un sistema bifase (terreno + acqua), quindi è stata impostata la procedura di analisi dello stato tensionale geostatico ed infine le varie tipologie di calcolo. Ogni calcolo è stato svolto secondo la seguente procedura matematica: 1. calcolo dello stato tensionale geostatico mediante risoluzione delle equazioni statice al contorno o equazioni di Caucy, ovvero equazioni indefinite di equilibrio alla traslazione, alle quali vanno inoltre aggiunte le equazioni di equilibrio alla rotazione; in tal modo risulta definita in modo univoco l analisi dello stato di sforzo: di nuovo per i terreni, a causa della marcata non-linearità del comportamento tensodeformativo, è stato necessario dapprima determinare le tensioni verticali, orizzontali e di taglio, il livello di sforzo e le pressioni interstiziale. Ciò è avvenuto tramite il calcolo tensoriale determinando gli invarianti dei tensori di tensione di 1, 2 e 3 (I 1, I 2 e I 3 ) suddivisi nella componente volumetrica e deviatorica. Tale stato è risultato quindi indeformato e di riferimento per tutte le procedure successive. In particolare le equazioni di Caucy sono equazioni derivate dalla meccanica del continuo e comunemente utilizzate in ingegneria strutturale. Esse prendono origine dall analisi dello stato di sforzo puntuale ce, nello spazio 3D, comportano 6 componenti di sforzo assiale e 3 componenti di sforzo tagliante, arrangiate in notazione matriciale. Ne risulta infine un sistema di 6 equazioni di cui quelle per l equilibrio alla traslazione sono le seguenti: 4

18 Analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo σ x x τ yx + y τ + z zx + ω = 0 x τ yx x σ y + y τ yx + z + ω = 0 y τ x zx τ xy + y σ z + z + ω = 0 z 2. Imposizione delle leggi costitutive (leggi di comportamento tensodeformativo) in relazione del tipo e complessità del terreno, al percorso di carico, della storia geologica e tensionale precedente ecc. Le leggi utilizzate sono state: la legge elastica di Hooke in campo non lineare, per la simulazione del comportamento della massicciata stradale, delle gabbionate e del materiali di riempimento; teoria elasto-plastica non lineare di Drucker-Prager per i terreni colluviali ed i litotipi marnosi della Formazione della Laga; Multi-Laminate per i litotipi arenacei della Formazione della Laga. Nei casi di formulazioni elasto-plastice la prima componente è stata ottenuta a partire dalla legge di Hooke per mezzi trasversalmente isotropi (es. un deposito orizzontale infinitamente esteso lateralmente con piano ed asse di simmetria come nel caso di accumuli marini) associando uno scema iterativo definito di Newton-Rampson modificato; la relazione tra lo sforzo e la deformazione, ottenuta tramite le costanti E, G e K (elastica, tangenziale, volumetrica) connesse mediante il coefficiente di Poisson, sono servite per assemblare la matrice di rigidezza, ce viene quindi ad essere associata ad ogni nodo della mes. La deformazione plastica è funzione della teoria di calcolo la quale considera, nel piano deviatorico (q p ), un limite di snervamento rappresentato da una curva ce intercetta l asse delle ordinate a seconda del valore della coesione intercetta. Poicé tale teoria riguarda la plasticità perfetta, nel momento in cui lo stato tensionale raggiunge la curva limite, il punto deve muoversi su tale limite, determinando quindi un aumento delle deformazioni plastice. Ovviamente al di fuori di tale curva non esistono punti fisici possibili, poicé si violerebbe la condizione di rottura e si genererebbero aumenti di energia (condizione termodinamicamente impossibile). Viceversa ogni calcolo deve tenere simultaneamente conto del bilancio di massa e di energia per non diventare termodinamicamente inaccettabili 3. Analisi Lagrangiana delle deformazioni (mediante equazione caratteristica del tensore di deformazione o equazione secolare di Lagrange), ance se tale calcolo avviene simultaneamente a quello precedente essendo tensodeformativo. Le equazioni sono in pratica le stesse solo ce risultano basate sugli invarianti dei tensori di deformazione di 1, 2 e 3 ordine (J 1, J 2, J 3 ), sempre suddivisi nella componente volumetrica e deviatorica. 4. Infine, dal momento ce le incognite superano il numero di equazioni disponibili, è stato necessario impostare e risolvere le cosiddette equazioni di compatibilità o congruenza delle deformazioni, ce permettono di trasformare le deformazioni in spostamento (x,y,z e rotazione): 2 ε x 2 y 2 ε y 2 z 2 ε y 2 + x 2 ε z 2 + y 2 γ xy = x y 2 γ yz = y z 5

19 Analisi ad elementi finiti: relazione di calcolo 2 ε z 2 x 2 ε x 2 + z 2 γ xz = x z * * * * La procedura è valida sia per i terreni ce per tutti gli altri elementi utilizzati. Una volta impostati i dati relativi ai geomateriali, sono state impostate le funzioni di esistenza e di carico al fine di simulare le sollecitazioni derivanti dal traffico veicolare e da quelle sismice. * * * * Terminata la fase preliminare è stata attivata la modalità di calcolo mediante il processore. Esso quindi per ogni calcolo (iterativo) a verificato l andamento delle matrici di rigidezza per la fase solida e quella fluida, noncé per il bilancio di massa e di energia. Nel caso di divergenza di calcolo la procedura si arresta. Questo può avvenire qualora ad esempio il carico trasmesso da una fondazione è superiore alla resistenza ultima del terreno. L ultima fase a riguardato il postprocessore, laddove tutti i risultati vengono graficizzati per essere utilizzati nel modo più conveniente, ad esempio: visualizzare il campo di deformazione, sotto forma di mes deformata o di vettori spostamento; valutare il campo di sforzo, con vettori proporzionati allo stato tensionale per direzione, verso e modulo; visualizzare a colori tutti gli stati tensionali, deformativi, di spostamento, relativo alle pressioni interstiziali, alle sovrappressioni interstiziali, ai bulbi di pressione e di deformazione, alla velocità del fluido, ecc.; verificare i valori ed i grafici relativi agli stati di M, N e T per gli elementi strutturali; graficizzare i risultati per i nodi monitorati (es. grafico carico-cedimento per una fondazione; grafico tempo-pressioni interstiziali per un processo di consolidazione, ecc). * * * * 6

20 ALLEGATO 2 : ANALISI AD ELEMENTI FINITI: modalità di calcolo in funzione dei parametri geotecnici dei terreni

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO INDICE 1. INTRODUZIONE pag.. DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO pag. 3. EFFETTI DELLE AZIONI pag. 4 4. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI VERTICALI pag. 5 5. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI TRASVERSALI pag.

Dettagli

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE. Cedimenti nel caso di falda profonda e fondazione a p.c. 3 t δ 3 I cedimenti sono non lineari con il carico falda Al termine della fase di carico, i cedimenti sono trascurabili.

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi e sovraccarichi

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008.

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008. GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM Via C. Colombo 89 Bianco (RC) geostru@geostru.com PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC Bogogno - NOVARA, 27 novembre 2012 Applicazioni

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

Geotecnica e Laboratorio

Geotecnica e Laboratorio Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio Distribuzione delle tensioni nel terreno per effetto di carichi in superficie Cedimenti e mail: Prof. Ing. Marco

Dettagli

Verifica di muri di sostegno a gravità secondo la nuova normativa sismica

Verifica di muri di sostegno a gravità secondo la nuova normativa sismica C. di Prisco Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Verifica di muri di sostegno a gravità secondo la nuova normativa sismica Sommario Leca 8-20 Peso in opera ~ 400 kg/m 3 Angolo

Dettagli

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL.

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. AREA VIABILITA' SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITA' II EX S.S. N 31 BIS DEL MONFERRATO. COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. PROGETTO DEFINITIVO Revisione n 01 Descrizione

Dettagli

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA Tensioni nel sottosuolo, capacità portante e cedimenti delle fondazioni, geofisica ed idrologia. Concetti

Dettagli

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Namirial SpA Il presente testo non vuole essere né una trattazione teorica, né un lezione sul tema della valutazione di vulnerabilità

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Modellazione delle opere di fondazione e strutture del complesso Garibaldi in Milano

Modellazione delle opere di fondazione e strutture del complesso Garibaldi in Milano Modellazione delle opere di fondazione e strutture del complesso Garibaldi in Milano TORRE A TORRE B CORPO C PIASTRA E SPAZI ACCESSORI Nell ambito del progetto di risanamento conservativo del Complesso

Dettagli

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO SOMMARIO 1 GENERALITA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 DATI GEOTECNICI E MATERIALI... 2 4 VERIFICHE... 2 5 Verifica a s.l.e. in combinazione rara (Vindolo_2_Rara.PRT)... 3 5.1 Modello Strutturale...

Dettagli

Consorzio di Bonifica dell Emilia Centrale SOMMARIO

Consorzio di Bonifica dell Emilia Centrale SOMMARIO ISO 9001: 2008 ISO 14001:2004 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Indagini geognostiche e sismiche effettuate... 2 1.2 Successione stratigrafica, parametri geotecnici e classificazione sismica del suolo... 3

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Verifica di muri di sostegno a gravità secondo la nuova normativa sismica

Verifica di muri di sostegno a gravità secondo la nuova normativa sismica C. di Prisco Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Verifica di muri di sostegno a gravità secondo la nuova normativa sismica Sommario L ingegnere geotecnico si trova molto spesso

Dettagli

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE DI CALCOLO VR010A - Relazione di calcolo.doc

Dettagli

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO PROVINCIA DI TORINO INTERVENTO URGENTE DI RICOSTRUZIONE DEL VIADOTTO LUNGO LA S.P. 10 (EX S.R. 10) "PADANA INFERIORE" AL KM 7+400 RELAZIONE DI CALCOLO OPERE PROVVISIONALI R011A - Relazione di calcolo opere

Dettagli

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa DEFINIZIONE FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa concepite per ripartire le sollecitazioni provenienti dalla struttura in elevazione

Dettagli

6 PROGETTAZIONE GEOTECNICA

6 PROGETTAZIONE GEOTECNICA 6 PROGETTAZIONE GEOTECNICA 6.1 DISPOSIZIONI GENERALI 6.1.1 OGGETTO DELLE NORME Il presente capitolo riguarda il progetto e la realizzazione: delle opere di fondazione; delle opere di sostegno; delle opere

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO < CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO #$$! "! " %&'()**) +,-./ ?@1 3>?@1 012 34561 75 ;33849: Dinamica dei Terreni Studia il comportamento

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1 Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione geotecnica del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi +

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO Resistenza al taglio in corrispondenza dei contatti fra le particelle Definizione dell angolo di attrito Φ μ tgφ μ = f con f = coefficiente di attrito Interpretazione micromeccanicistica

Dettagli

Norme tecniche - 6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA

Norme tecniche - 6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA Ministero delle infrastrutture D.M. 14-1-2008 Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni. Pubblicato nella Gazz. Uff. 4 febbraio 2008, n. 29, S.O. Norme tecniche - 6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI INDICE DELLA SEZIONE GENERALITÀ METODI PER IL CALCOLO DEL CARICO LIMITE METODI PER IL CALCOLO DEI CEDIMENTI INTERAZIONE TERRENO STRUTTURA DEFINIZIONE (NTC 2008) GENERALITÀ

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE-PILASTRI

Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE-PILASTRI Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - PILASTRI È presentata nel seguito un ampia ed approfondita campagna di analisi numeriche condotte con il metodo degli elementi finiti. Le analisi

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008

APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008 BELLUNO 8 Marzo 2012 APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008 Seminario tecnico Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008 GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM

Dettagli

Validazione codice di calcolo

Validazione codice di calcolo Validazione codice di calcolo Informativa sull affidabilità dei codici di calcolo D.M. 14-01-2008 paragrafo 10.2. Le fasi di progettazione e sviluppo dei software GeoStru sono sottoposti al controllo gestione

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L Elaborato SR4 Scala CONSULENZA Codice 2270C02_0 Data 0 Sett. 2011 1 2 3 Rev Titolo elaborato:

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009 www.dicea.unifi.it Anno accademico 2008/2009 Ingegneria Sismica CIS Emanuele Del Monte E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo Firenze, 12/03/2009 PRIMA PARTE CARATTERISTICHE

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza

Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università di Basilicata marco.vona@unibas.it

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA DI PROGETTO AI SENSI DEL NUOVO TESTO UNICO

MODELLAZIONE GEOLOGICA DI PROGETTO AI SENSI DEL NUOVO TESTO UNICO MODELLAZIONE GEOLOGICA DI PROGETTO AI SENSI DEL NUOVO TESTO UNICO DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC D.M. 14.01.2008 E DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

SIMULAZIONI LTCA MEDIANTE METODI F.E.M. PER L ANALISI DI INGRANAGGI CILINDRICI A DENTI DRITTI

SIMULAZIONI LTCA MEDIANTE METODI F.E.M. PER L ANALISI DI INGRANAGGI CILINDRICI A DENTI DRITTI Autori: SIMULAZIONI LTCA MEDIANTE METODI F.E.M. PER L ANALISI DI INGRANAGGI CILINDRICI A DENTI DRITTI Marco Beghini Fabio Presicce Ciro Santus Marco Facchini Collaborazione fra DIMNP, Università di Pisa

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza)

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza) COMUNE DI VIGGIANO (Provincia di Potenza) PALESTRA COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI 1 RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI Dalla relazione geologica redatta dallo

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Meccanica dei solidi e delle travi. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Meccanica dei solidi e delle travi. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste Meccanica dei solidi e delle travi

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CALCOLO AGLI STATI LIMITE E SULLA NORMATIVA SISMICA (O.P.C.M. n 3274/2003 e successive modifiche ed integrazioni)

CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CALCOLO AGLI STATI LIMITE E SULLA NORMATIVA SISMICA (O.P.C.M. n 3274/2003 e successive modifiche ed integrazioni) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Commissione Strutture e Geotecnica CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CALCOLO AGLI STATI LIMITE E SULLA NORMATIVA SISMICA (O.P.C.M. n 3274/2003 e successive modifiche

Dettagli

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Finite Element Method, FEM Finite Element Analysis, FEA Finite Element, FE Applicazione all analisi strutturale Prof. Ciro Santus Dip. di Ingegneria Civile e

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI C3. AZIONI SULLE COSTUZIONI C3.1 OEE CIVILI ED INDUSTIALI C3.1.3 CAICHI EMANENTI NON STUTTUALI La possibilità di rappresentare i carichi permanenti portati come uniformemente distribuiti, nei limiti dati

Dettagli

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 7 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 7 A. Compressibilità dei terreni: considerazioni generali ed applicazioni B. L edometro C. La pressione di

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Normativa sismica Fondazioni ed opere di sostegno pagina 1/9 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DI OPERE DI FONDAZIONE E DI SOSTEGNO DEI TERRENI

Normativa sismica Fondazioni ed opere di sostegno pagina 1/9 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DI OPERE DI FONDAZIONE E DI SOSTEGNO DEI TERRENI Normativa sismica Fondazioni ed opere di sostegno pagina 1/9 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DI OPERE DI FONDAZIONE E DI SOSTEGNO DEI TERRENI 1 OGGETTO DELLE NORME...2 2 REQUISITI DEL SITO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO Corso Specialistico di Formazione Professionale sul Recupero di Edifici Esistenti in Muratura Bologna, 11 marzo 2011 STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO (CON

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

CAPITOLO 6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA

CAPITOLO 6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA CAPITOLO 6. 6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA 238 CAPITOLO 6 6.1. DISPOSIZIONI GENERALI 6.1.1. OGGETTO DELLE NORME Il presente capitolo riguarda gli aspetti geotecnici della progettazione e della esecuzione

Dettagli

IS Muri MANUALE UTENTE

IS Muri MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Indice: Premessa... 2 1 Utilizzo del Programma... 2 1.1 Elementi strutturali... 4 1.1.1 Fusto e Fondazione... 4 1.1.1.1 Armatura... 5 1.1.2 Mensole... 5 1.1.3 Dente... 5 1.1.4 Pali... 6

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

PREMESSA...2 PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO...2 TEORIA DEL CALCOLO PORTANZA E CEDIMENTI DI FONDAZIONI SUPERFICIALI...3 VERIFICA PORTANZA CORPO

PREMESSA...2 PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO...2 TEORIA DEL CALCOLO PORTANZA E CEDIMENTI DI FONDAZIONI SUPERFICIALI...3 VERIFICA PORTANZA CORPO PREMESSA...2 PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO...2 TEORIA DEL CALCOLO PORTANZA E CEDIMENTI DI FONDAZIONI SUPERFICIALI...3 VERIFICA PORTANZA CORPO "A"...9 VERIFICHE CEDIMENTI CORPO "A"...15 VERIFICA PORTANZA

Dettagli

tipo di opera Sondaggi Indagine sismica n. 1 CPT: CPT8 sull argine Secchia in sinistra idraulica al Cavo Lama fino alla profondità di -13 m.s.l.m.

tipo di opera Sondaggi Indagine sismica n. 1 CPT: CPT8 sull argine Secchia in sinistra idraulica al Cavo Lama fino alla profondità di -13 m.s.l.m. ISO 9001: 2008 ISO 14001:2004 1) Premessa Con riferimento: - alla relazione geologica allegata al progetto preliminare redatta dallo studio Geo-Log a firma del Dott. Mario Mambrini redatta in Novembre

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è di fondamentale importanza per poterne definire il

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 11 marzo 1988 (1) a «Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e

DECRETO MINISTERIALE 11 marzo 1988 (1) a «Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e DECRETO MINISTERIALE 11 marzo 1988 (1) «Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la

Dettagli

Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a.

Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a. Nuovo Software Muri NTC Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a. Muri NTC è un software completo, ma semplicissimo da usare per il calcolo dei muri di sostegno e di cantina secondo le NTC 2008. Parametri

Dettagli

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S.460 LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLE FONDAZIONI SCALZATE ED ALLARGAMENTO DELLA SEDE STRADALE DEL PONTE DI CUORGNE' AL KM 30+300 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE GEOTECNICA FONDAZIONI

Dettagli

Metodologia laser scanning per lo studio della stabilità dei fronti di cava apuani mediante modellazione numerica ad elementi distinti

Metodologia laser scanning per lo studio della stabilità dei fronti di cava apuani mediante modellazione numerica ad elementi distinti Metodologia laser scanning per lo studio della stabilità dei fronti di cava apuani mediante modellazione numerica ad elementi distinti Tesi di Laurea di Machetti Emilio Relatore: Prof. Riccardo Salvini

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli