INDICE. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 1 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. PAT di POZZONOVO (PD) 2009 - VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 1 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV"

Transcript

1 INDICE 01 - INTRODUZIONE IL PAT DI POZZONOVO I vincoli del PAT Carta delle fragilità del PAT Aree esondabili e PAT Trasformabilità prevista dal PAT Insediamenti produttivi e commerciali Nuova Viabilità Residenza e Servizi ATTIVITA CONOSCITIVA Dati climatici Analisi statistica delle precipitazioni Caratteri idro-geo-morfologici di Pozzonovo IL RISCHIO IDRAULICO La cartografia del rischio Rischio idraulico rete bonifica maggiore Idrografia e rischio idraulico in Pozzonovo LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO COME PROGRAMMAZIONE LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL CONTESTO ATTUALE LA STABILIZZAZIONE IDRAULICA CONCETTI DI MITIGAZIONE IDRAULICA RESI OBBLIGATORI DAL PAT NORMATIVA SPECIFICA PER POZZONOVO Scheda POZZONOVO CONCLUSIONI PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 1 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

2 01 - INTRODUZIONE Il Piano di Assetto Territoriale (PAT) è lo strumento di pianificazione urbanistica che delinea le scelte strategiche di assetto e di sviluppo per il governo del territorio al fine di perseguire la tutela dell integrità fisica ed ambientale, nonché dell identità culturale e paesaggistica dello stesso territorio. Il territorio del Comune di Pozzonovo si estende per circa 24,46 km 2 nella parte sud della provincia di Padova. Confina con Monselice a nord, Tribano ed Anguillara ad est, Boara Pisani a sud, Stanghella e Solesino ad ovest. La sua posizione geografica è compresa tra il Comune di Monselice ed il corso del fiume Adige. Pozzonovo gravita con altri paesi attorno a Monselice, immediatamente a sud della provinciale Monselice-mare e ad ovest dell autostrada A13 Bologna-Padova; il territorio comunale si allunga verso sud, fino ad abbracciare il Canale Gorzone, presentando ambiti completamente agricoli. Dal punto di vista urbanistico esiste un unico agglomerato urbano significativo, il capoluogo, dove l edificato si sviluppa prevalentemente lungo gli storici tracciati stradali. Il resto del territorio è interamente rurale; si tratta di un territorio omogeneo interamente artificiale in quanto recuperato dall uomo attraverso secoli di bonifica. La monotonia del territorio agricolo è rotta dagli argini dei canali, strumenti indispensabili per la protezione degli insediamenti e dei terreni dalle piene di fiumi e canali. La presente relazione costituisce la Valutazione di Compatibilità Idraulica (VCI) del PAT di Pozzonovo. Seguendo il disposto delle Delibere di Giunta Regionale del Veneto n 3637/2002, n 1841/2007 e s.m.i. è necessario valutare la compatibilità idraulica dei nuovi strumenti urbanistici; la procedura deve essere applicata " agli strumenti urbanistici generali o varianti generali o varianti che comportino una trasformazione territoriale che possa modificare il regime idraulico". Dalla valutazione si deve desumere "che non viene aggravato l'esistente livello di rischio idraulico né viene pregiudicata la possibilità di riduzione attuale e futura di tale livello"; la valutazione deve indicare "le misure compensative introdotte nello strumento urbanistico ai fini del rispetto delle condizioni esposte" IL PAT DI POZZONOVO La L.R. 11/2004 stabilisce all articolo 2 criteri, indirizzi, metodi e contenuti che gli strumenti di pianificazione devono avere per conseguire il raggiungimento di specifici obiettivi, fra i quali compare anche la difesa dai rischi idrogeologici. Pozzonovo ha partecipato a due Piani di Assetto del Territorio Intecomunale (PATI) di tipo tematico, denominati Conselvano e Monselicense. Con riferimento all argomento difesa del suolo il Comune di Pozzonovo nel Conselvano condivide i tematismi infrastrutture e mobilità e sistema produttivo mentre nel Monselicense i tematismi difesa del suolo e servizi a scala territoriale. Con riferimento alla difesa del suolo i temi sviluppati dal PAT riguardano la sicurezza idraulica locale e la viabilità di carattere locale. Nel PAT si è provveduto a definire le aree a maggiore rischio di dissesto idrogeologico e le aree esondabili. Il PAT ha inoltre provveduto a: 1) individuare gli interventi di miglioramento e riequilibrio ambientale da realizzare, con particolare attenzione al recepimento delle indicazioni del PAI (Piano di Assetto Idrogeologico); 2) definere le linee guida strutturali per ridurre il livello del rischio idraulico negli insediamenti esistenti ed in quelli di futura realizzazione; 3) definire indirizzi e prescrizioni per gli interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia; 4) accertare la compatibilità degli interventi con la sicurezza idraulica del territorio I vincoli del PAT Con riferimento a tematismi afferenti la presente VCI riassumiamo i vincoli presenti nel PAT di Pozzonovo ereditati, in particolare, dai PATI del Monselicense e del Conselvano : PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 2 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

3 1) Aree a pericolosità idraulica e idrogeologica. La normativa urbanistica ed edilizia a corredo del Piano Interventi (PI) e dei Piani Urbanistici Attuativi (PUA) dovrà prevedere specifiche norme volte a garantire una adeguata sicurezza degli insediamenti previsti, tenuto conto delle prescrizioni dei PATI e del PAT. In generale tali norme dovranno regolamentare le attività consentite, gli eventuali limiti e divieti, fornire indicazioni sulle necessarie opere di mitigazione da porre in essere e sulle modalità costruttive degli interventi. Al fine di evitare l aggravio delle condizioni di dissesto idraulico, PI e PUA dovranno essere corredati di specifico studio di compatibilità idraulica, sulla scorta di quello elaborato per i PATI e per il PAT, con valutazione dell alterazione del regime idraulico conseguente alle nuove previsioni urbanistiche e individuazione di idonee misure compensative da considerarsi opere di urbanizzazione primaria. Al fine di non incrementare le condizioni di rischio nelle aree di pericolosità idraulica e geologica tutti i nuovi interventi, opere, attività consentiti dal Piano o autorizzati dopo la sua approvazione devono essere comunque tali da: 1) mantenere le condizioni esistenti di funzionalità idraulica o migliorarle, agevolare e comunque non impedire il deflusso delle piene, non ostacolare il normale deflusso delle acque; 2) non aumentare le condizioni di pericolo a valle o a monte dell area interessata; 3) non ridurre i volumi di invaso delle aree interessate e favorire, se possibile, la creazione di nuove aree di libera esondazione; 4) non pregiudicare l attenuazione o l eliminazione delle cause di pericolosità; 5) migliorare o comunque non peggiorare le condizioni di stabilità dei suoli e di sicurezza del territorio; 6) non aumentare il pericolo di carattere geologico in tutta l'area direttamente o indirettamente interessata; 7) non costituire o indurre a formare vie preferenziali di veicolazione di portate solide o liquide; 8) minimizzare le interferenze, anche temporanee, con le strutture di difesa idraulica, geologica e idrogeologica. 2) Fasce di rispetto. Nelle aree destinate a fascia di rispetto idraulico il PATI del Monselicense e il PATI del Conselvano prevede: a) la demolizione di opere incongrue e determina un credito edilizio; b) sono consentite compensazioni che permettono ai proprietari di aree ed edifici oggetto di vincolo preordinato all esproprio di recuperare adeguata capacità edificatoria, anche nella forma del credito edilizio su altre aree e/o edifici, anche di proprietà pubblica, previa cessione all Amministrazione Comunale dell area oggetto di vincolo. In virtù delle previsioni dei due PATI il PAT di Pozzonovo tiene conto delle seguenti fascie di rispetto: 2a) Rete idrografica dei fiumi, torrenti e canali (L.R. 11/04 art. 41, lettera g)). La rete idrografica dei fiumi, torrenti e canali, è soggetta a tutela per una fascia di profondità di almeno m 100 dal ciglio o dall unghia esterna dell argine principale, oppure a partire dal limite dell area demaniale qualora più ampia, fatte salve le aree urbanizzate e quelle alle stesse contigue che i PI potranno meglio definire e relativamente alle quali potrà fissare distanze diverse. In conformità all art. 96 del R.D. 25 luglio 1904, n 523: a) va mantenuta libera da qualsiasi impedimento e ostacolo al transito dei mezzi manutentori, una fascia di almeno 4 m a partire dal piede dell unghia arginale o dal ciglio del corso d acqua, fatto salvo quanto specificatamente previsto dai Consorzi di Bonifica competenti; b) sono previste fasce di rispetto idrauliche inedificabili di 10 m su entrambi i lati del corso d acqua, a partire dal piede dell unghia arginale o del ciglio del corso d acqua, con riduzione di tale limite solo previa deroga autorizzata dal Consorzio di Bonifica competente. All interno delle zone di tutela sono ammessi esclusivamente: b1) opere pubbliche compatibili con la natura ed i vincoli di tutela; b2) interventi sul patrimonio edilizio esistente nei limiti di cui all art. 3, comma 1, lettere a), b), c), d) del D.P.R. n 380/2001, comprese la demolizione e la ricostruzione in loco oppure in area agricola adiacente; b3) ampliamenti di case di abitazioni esistenti ove consentiti dal PI e, per le aziende agricole esistenti, gli interventi previsti dalla L.R. 11/2004 art.44. Gli interventi edilizi citati saranno autorizzati purché non comportino l avanzamento dell edificio esistente rispetto all origine del vincolo e previo nulla-osta dell autorità preposta alla tutela del corso d acqua. Ai sensi del combinato disposto dell art. 36 e dell art. 41 della L.R. n. 11/2004, la demolizione delle opere incongrue e degli elementi di degrado all interno del fasce di rispetto determina un credito edilizio, con esclusione di quelle realizzate in assenza o difformità dei titoli abilitativi. 2b) Scoli e altri corsi d acqua minori. In conformità all art. 133 del R.D. 8 maggio 1904, n 368: 1) va mantenuta libera da qualsiasi impedimento e ostacolo al transito dei mezzi manutentori, una fascia di almeno 4 m a partire dal piede dell unghia arginale o dal ciglio del corso d acqua, fatto salvo quanto specificatamente previsto dai Consorzi di Bonifica competenti; 2) sono previste fasce di rispetto idrauliche inedificabili di 10 m su entrambi i lati dei corsi d acqua, a partire dal PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 3 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

4 piede dell unghia arginale o dal ciglio del corso d acqua con riduzione di tale limite solo previa deroga autorizzata dal Consorzio di Bonifica competente. Secondo le NTA del PATI del Monselicense e del Conselvano (a valere quindi anche nel PAT di Pozzonovo) le condizioni idrauliche del territorio, in particolare della rete minore e di bonifica, comportano la necessità di adeguate misure di manutenzione e di salvaguardia del reticolo idrografico, evitando quando possibile gli interventi che potrebbero causare ostacolo al deflusso della acque superficiali. Tali condizioni rendono necessario, già per lo stato attuale, ma soprattutto in relazione alle nuove espansioni urbanistiche, il rispetto integrale delle prescrizioni riprese di seguito oltre a quelle di interesse generale e specifiche riportate nella presente VCI: 1) favorire il recupero di volumi di mitigazione idraulica mediante la realizzazione di invasi superficiali o profondi; 2) i fossi in sede privata devono essere tenuti in buono stato, non devono essere eliminati, ridotti in dimensione se non si prevedono adeguate opere di compensazione; 3) in area agricola non deve essere consentita la tombinatura dei fossi ad eccezione per i passi carrai; in particolare le nuove tombinature devono assicurare la funzione iniziale del fossato sia in termini di volume di invaso che di smaltimento delle portate; 4) opere pubbliche e infrastrutture: per le strade dovranno essere previsti ampi fossi di guardia e dovrà essere assicurata la continuità di deflusso delle acque fra monte e valle dei rilevati; 5) il piano di imposta dei fabbricati dovrà essere convenientemente posto a quote superiori rispetto al piano campagna circostante; la valutazione in dettaglio delle nuove quote su cui attestare i piani di imposta dovrà essere precisata caso per caso e per aree omogenee del territorio comunale dai vari Piani degli Interventi in ragione del maggior dettaglio che solo tali previsioni urbanistiche di natura più circostanziata possono garantire; 6) devono essere limitate al minimo necessario le superfici impermeabili, prevedendo in sede di PI un indice di permeabilizzazione da generalizzare in tutte le nuove aree di espansione allo scopo di favorire il naturale processo di ravvenamento delle falde e la formazione di un sistema consistente di coperture vegetali. E preferibile che gli stalli di sosta nelle zone a parcheggio pubblico e privato siano di tipo drenante; gli stalli di sosta dovranno essere realizzati con tecniche che garantiscano nel tempo l efficienza dell infiltrazione, la manutentabilità e soprattutto una significativa riduzione del rischio intasamento; 7) qualsiasi intervento o modificazione della esistente configurazione all interno della fascia di m 10 dal ciglio superiore della scarpata o dal piede della scarpata esterna dell argine di acque pubbliche (consortili o demaniali), è soggetto, anche ai fini delle servitù di passaggio, a quanto previsto dal titolo IV (Disposizioni di Polizia idraulica) del R.D. 368/1904 e del R.D. 523/1904; sono in ogni caso vietate nuove edificazioni a distanza dal ciglio inferiore a m 10, con riduzione di tale limite solo previa deroga autorizzata dal Consorzio di Bonifica competente, e deve essere mantenuta completamente libera da ostacoli e impedimenti una fascia per le manutenzioni non inferiore di m 4; 8) in sede di PI, sulla scorta delle risultanze della VCI dei PATI e dei PAT, con la puntuale localizzazione delle trasformazioni urbanistiche, lo studio di compatibilità idraulica individuerà le misure compensative di mitigazione idraulica con definizione progettuale a livello preliminare/studio di fattibilità. La progettazione definitiva degli interventi relativi alle misure di mitigazione idraulica sarà sviluppata nell ambito dei PUA, con particolare riguardo ai seguenti elementi: a) descrizione del sistema di deflusso idraulico locale; b) individuazione della tipologia da adottare per la mitigazione idraulica; c) prescrizioni specifiche e di raccordo con le leggi di polizia idraulica previste dal R.D. 368/1904; d) eventuali prescrizioni del consorzio di bonifica competente nello spirito della D.G.R.V. n. 3637/2002 e successive modifiche ed integrazioni; 9) con aumento del tasso di impermeabilizzazione della zona oggetto di intervento urbanistico o edilizio significativi occorre fare in modo che i valori al picco ed i tempi al picco degli eventi di piena che scaricano verso la rete esterna, per eventi a tempo di ritorno almeno di 50 anni, rispettino il principio della stabilizzazione idraulica (base deduttiva ed induttiva, nel senso puntualizzato dalla VCI); le modalità per ottenere il rispetto dei citati principi potrà essere indifferentemente il sistema della detenzione idraulica, della ritenzione idraulica, dell immissione in falda delle acque di pioggia previa rimozione di sedimenti ed inquinanti, della disconnessione del drenaggio dalla rete fognaria ricevente e quanto altro ritenuto idoneo dal progettista dell intervento purché compatibile con il contesto idrografico ed idrogeologico locale e con le prescrizioni applicabili illustrate nella citata VCI. I volumi di invaso possono essere ottenuti, ad esempio, sovradimensionando le condotte per le acque meteoriche (detenzione distribuita o microlaminazione) ovvero mediante altre soluzioni definibili in sede attuativa. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 4 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

5 02.02 Carta delle fragilità del PAT La Tav. n 3 Carta delle fragilità allegata al PAT di Pozzonovo (ereditata dal PATI del Monselicense) suddivide il territorio in tre zone (area idonea, area idonea a condizione, area non idonea) contraddistinte da differente compatibilità geologica e penalità ai fini edificatori, sulla scorta dei vari parametri di natura geologica, geomorfologica, idrogeologica ed idraulica. Il PAT non ha modificato la classificazione PATI di tali aree. In allegato F viene presentato un estratto della Carta. Aree idonee. Sono aree caratterizzate da stabilità ambientale tale da non richiedere particolari accorgimenti di carattere tecnico per le normali costruzioni. Si tratta di una idoneità territoriale e non sito-specifica, pertanto vanno tenute in debita considerazione le Norme Tecniche che regolano le costruzioni, anche in considerazione della medio-bassa capacità portante dei terreni presenti nell intero ambito e per la presenza di falda a debole profondità. Per dette aree sono comunque fatte salve le prescrizioni della presente VCI. Aree idonee a condizione. Per le aree idonee a condizione l edificabilità è possibile a condizione che siano soddisfatte, per qualsiasi tipologia di intervento, le condizioni di seguito riportate: a) idoneità a condizione per scadenti caratteristiche geotecniche dei terreni (sigla CP). Per queste aree è richiesta una adeguata campagna di indagine geognostica che definisca in modo dettagliato le caratteristiche meccaniche dei terreni interessati dalle strutture di fondazione. La capacità portante non elevata dei terreni non esclude che si debba ricorrere all utilizzo di fondazioni profonde per interventi specifici. Per le strutture che prevedano volumetrie al di sotto del piano campagna è necessario considerare l attuazione di adeguati accorgimenti tecnici al fine di evitare infiltrazioni nelle strutture interrate. b) idoneità a condizione legata a problematiche di tipo idrogeologico (sigla ID e sigla PE). Per queste aree è richiesta una adeguata campagna di indagine geognostica che definisca in modo dettagliato le caratteristiche meccaniche e idrogeologiche dei terreni interessati dall intervento in progetto. Per le strutture che prevedano volumetrie al di sotto del piano campagna è necessario considerare l attuazione di adeguati accorgimenti tecnici al fine di evitare infiltrazioni nelle strutture interrate. La presenza di falda molto prossima al piano campagna va tenuta in considerazione per ogni possibile interazione con le opere in progetto. La scarsa permeabilità dei terreni va considerata adeguatamente nei dimensionamenti idraulici per la bassa capacità del terreno di assorbire le acque meteoriche. c) idoneità a condizione legata alle condizioni idrauliche (sigla ES). Per queste aree è richiesta una adeguata campagna di indagine geognostica che definisca in modo dettagliato le caratteristiche meccaniche e idrogeologiche dei terreni interessati dall intervento in progetto, oltre ad una valutazione di compatibilità idraulica del progetto. Aree non idonee. In queste aree l edificabilità non è consentita o è sconsigliata. Nel primo caso si tratta di aree sottoposte a vincolo di tutela geologico o paesaggistico (vedi Vincoli e Invarianti). Nel secondo caso (edificabilità sconsigliata), si tratta di aree in cui esiste il rischio particolarmente elevato di ristagno idrico in concomitanza di eventi meteorici di elevata intensità (Fragilità) Aree esondabili e PAT Il PAT di Pozzonovo (vedi quanto riproposto in allegato G ovvero quanto allegato alla cartografia urbanistica) individua le aree esondabili o a ristagno idrico ovvero aree che nel tempo sono state interessate da fenomeni ricorrenti di esondazione dei corsi d acqua o di allagamento, relazionabili a dati ed a informazioni ottenute da: 1) Comune di Pozzonovo; 2) Consorzi di Bonifica competenti per territorio; 3) PTCP - aree esondabili o periodico ristagno idrico. Le aree interessate da problemi idraulici come individuate dal PAT non hanno subito integrazioni o modifiche durante la stesura del presente studio di Valutazione di Compatibilià Idraulica. L articolo 7 del PAI (vedi Relazione allegata al Progetto di Piano PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 5 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

6 Stralcio per l Assetto Idrogeologico del bacino del Brenta-Bacchiglione) prevede nei territori per i quali non è stata ancora adottata la cartografia di perimetrazione della pericolosità idraulica, in assenza di specifici progetti, valutazioni o studi approvati dai competenti organi statali o regionali, ovvero in assenza di specifiche previsioni contenute nel Piano regolatore vigente di considerare pericolose le aree che sono state soggette ad allagamento nel corso degli ultimi cento anni. Sempre l art. 7 prevede altresì che all interno di queste aree le nuove previsioni urbanistiche devono essere definite sulla base di uno specifico studio idraulico approvato dalla Regione territorialmente competente, secondo procedure da questa definite; tale studio deve tener conto delle indicazioni e criteri contenuti nella normativa vigente e dal presente Piano e deve comunque salvaguardare le aree di pertinenza del corso d acqua. L art. 7 precisa infine che in sede di Conferenze Programmatiche sono definite le perimetrazioni e classificazioni di pericolosità o rischio idraulico derivanti da studi o dall applicazione delle indicazioni e criteri contenuti nel presente Piano, nonché sulla base dei criteri stabiliti dall art. 17 delle norme di attuazione del presente Piano. L art. 17 prevede che i territori compresi all interno degli argini di qualsiasi categoria o delle sponde dei corpi idrici costituenti la rete idrografica dei bacini sono classificati nel grado di pericolosità idraulica P4 e pertanto per gli stessi valgono le corrispondenti norme previste dal Piano (fanno eccezione i territori compromessi da edificazioni esistenti per i quali l Autorità Idraulica competente, sulla base di comprovate ed idonee documentazioni storiche, riferite ad eventi alluvionali, o attraverso adeguate analisi idrodinamiche e valutazioni delle difese esistenti, per una razionale gestione del patrimonio edilizio esistente, può proporre all Autorità di Bacino l inserimento nella classe di pericolosità P3). L art. 17 precisa altresì che nell ambito delle perimetrazioni cartografiche definite in occasione delle conferenze programmatiche di cui all art. 7, saranno anche contestualmente identificati, per i corsi d acqua principali, in termini di rischio idrogeologico, le sponde, le rive o gli argini. Con specifico riferimento al PAT di Pozzonovo (vedi allegato D) non esistono aree ricadenti nelle classi di pericolosità P1, P2 e P Trasformabilità prevista dal PAT Insediamenti produttivi e commerciali Il PAT di Pozzonovo conferma le previsioni urbanistiche del settore produttivo-commerciale previste dal vigente Piano Regolatore Generale Comunale (PRG), pari a complessivi m di cui m non ancora utilizzati. Ricordiamo che il PAT conferma le previsioni urbanistiche già adottate e trasmesse in Regione; con riferimento al tema della Valutazione di Compatibilità Idraulica ciò vuol dire in buona sostanza che m risultano: 1) già convenzionati ed in punto di partire; ovvero 2) conseguono a previsioni urbanistiche risalenti a data antecedente alla D.G.R. Veneto 3637/2002 e quindi non assoggettabili a Valutazione di Compatibilità Idraulica in quanto non costituiscono Variante Urbanistica ovvero 3) risultano previsioni successive alla data di emissione della D.G.R. 3637/2002 ma sono già corredate di Valutazione di Compatibilità Idraulica. La superficie di m riguarda previsioni urbanistiche già vigenti ed assorbite dal PAT; essendo il PAT un piano strutturale e non operativo negli elaborati urbanistici (vedi tavola della trasformabilità A.4 allegata al PAT) dette aree si possono comunque considerare dotate di direzioni di espansione. Ai fini della presente Valutazione di Compatibilità Idraulica interessano invece le previsioni circa la trasformabilità del suolo legata agli insediamenti definibili da linee preferenziali di sviluppo insediativo produttivo/commerciale nei limiti del 5% di quelle previste nel PRG vigente (art. 31 del PTCP); come vedremo dette direzioni di espansione assumono il colore ciano (vedi allegato O o vedi cartografia del PAT) e sono quelle da considerare in senso stretto ai fini della presente Valutazione di Compatibilità Idraulica. Vedremo meglio di seguito, comunque, che tutte le zone soggette a PUA, o che interessano superfici significative a far data dell approvazione del PAT, saranno soggette a mitigazione idraulica. Le nuove aree di trasformazione fanno quindi riferimento alle linee preferenziali di sviluppo insediativo (parti del territorio in cui inserire, con i PI, le nuove aree di espansione, definendone modalità di intervento, destinazioni d uso e indici edilizi). Il PATI impone le seguenti norme e prescrizioni: a) la nuova espansione non può superare i limiti fisici della nuova edificazione; b) l organizzazione urbanistica, PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 6 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

7 infrastrutturale ed architettonica dei nuovi insediamenti deve interfacciarsi e relazionarsi organicamente con gli insediamenti esistenti; c) la nuova espansione edilizia deve essere prevista, coerentemente con le linee preferenziale di sviluppo insediativo produttivo sulla scorta dei criteri e modalità di applicazione della perequazione urbanistica; d) tutte le nuove aree di espansione saranno soggette a PUA. Si osservi come per tutte le direzioni di espansione non è possibile indicare il valore esatto di superficie edificabile massima ammissibile; per tale motivo la presente Valutazione di Compatibilità evidenzierà i parametri da rispettare per acquisire la mitigazione idraulica ma senza operare un predimensionamento dei volumi di invaso necessari ovvero potranno eseguirsi conteggi di massima ma privi di riferimento rispetto al contesto territoriale limitrofo (vedi paragrafo 9) Nuova Viabilità In Pozzonovo sono presenti quattro strade a carattere provinciale: la n 104, la 37, la 84 e la 45. Il territorio comunale è attraversato in posizione periferica dal tracciato dell autostrada A13 Bologna- Padova. Esternamente al territorio comunale è previsto lo spostamento del casello autostradale di Monselice, da collocarsi nei pressi dell intersezione con la SR10. Il PATI del Monselicense indica le previsioni dei nuovi tracciati ed i potenziamenti delle infrastrutture viarie di livello sovracomunale. Il PAT di Pozzonovo assorbe le indicazioni del PATI del Monselicense (vedi allegato H o le tavole urbanistiche del PAT). La rappresentazione cartografica dei tracciati riportata costituisce indicazione sommaria rispetto alla ubicazione degli effettivi tracciati che andranno definiti in sede di specifica progettazione preliminare e definitiva. In Pozzonovo non sono previsti nuovi tracciati stradali. Gli itinerari di interesse turistico e storico-ambientale saranno realizzati in sede protetta e dotati di idonea segnaletica logica e coerente, nonché muniti di idonee opere di mitigazione e di messa in sicurezza della mobilità (in particolare le piste ciclabili) Residenza e Servizi Gli obiettivi conseguiti con il PAT sono: a) aumento volumetrico della residenza come adattamento dell aumento demografico; b) governo del processo di sviluppo in area agricola, limitando le costruzioni lungo-strada e ricorrendo alla individuazione dei nuclei abitati in zona agricola. Dal punto di vista del sistema insediativo e dei servizi il PAT non prevede direzioni di espansioni (future urbanizzazioni o interventi soggetti a PUA) ne prevede grossi interventi puntuali. L aumento volumetrico ammesso sarà spalmato in modo diffuso, ma regolamentato, nell ambito del territorio comunale. Come vedremo meglio nel paragrafo 9 per il tematismo sistema insediativo e servizi la presente VCI impone soprattutto regole di natura qualitativa ATTIVITA CONOSCITIVA Dati climatici l clima di Pozzonovo, pur rientrando nella tipologia mediterranea, presenta proprie specificità legate principalmente al fatto di trovarsi in una posizione climatica di transizione e quindi subire varie influenze: in particolare l azione mitigatrice dell Adriatico, l effetto orografico delle Alpi e Prealpi e la continentalità dell area centro-europea. Nel 2006 le precipitazioni, sia in termini di giorni piovosi che di quantitativi totali, sono risultate complessivamente contenute con scarti negativi concentrati soprattutto nei due mesi di ottobre e novembre che di norma rappresentano invece i mesi mediamente più piovosi dell'anno. Si riportano le precipitazioni registrate nel corso del trimestre settembre-novembre confrontate con le medie trimestrali e con i valori massimi e minimi del periodo PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 7 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

8 TRIMESTRE Settembre - Novembre media Massimo Minimo anno 2005 anno 1995 PD Dai dati ARPAV regionali relativi alla stazione pluviometrica di Cà Oddo in Monselice (dal 1 gennaio 1996 al 31 dicembre 2005) emerge che l anno 2003 è stato il meno piovoso del decennio mentre i più piovosi sono stati il 1996, il 2002 ed il precipitazioni Stazione Agrometeorologica Cà Oddo (Monselice) 800 mm di pioggia Il grafico precedente visualizza l andamento del totale annuo di precipitazione nel decennio Dal punto di vista delle temperature sia l inverno che l autunno 2006 risultano molto più caldi della media, con scarti di 2/3 C rispetto alla media stagionale sia per le temperature massime che minime. Per l analisi del trend delle temperature si possono considerare le medie delle minime e delle massime registrate nel periodo compreso tra il 1 gennaio 1996 ed il 31 dicembre 2005 presso la stazione Meteorologica di Cà Oddo Monselice. Temperature minime e massime annue registrate a Cà Oddo - Monselice C Temperature minime Temperature massime La figura precedente evidenzia l andamento delle temperature minime e massime nel decennio fra il 1995 e il 2005 sempre a Ca Oddo. Di seguito vengono visualizzati i valori medi mensili della direzione del vento prevalente a 10 metri dal suolo, misurati sempre a Cà Oddo. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 8 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

9 Medio Anno GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC annuale 2001 NNE NNE NNE NNE NNE NNE NE NNE NNE NNE NNE OSO NNE 2002 OSO NNE NE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE 2003 NNE NNE NE NNE NNE NNE NE NNE NNE NNE NNE NNE NNE 2004 NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE 2005 O NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE NNE Analisi statistica delle precipitazioni L'elaborazione statistico-probabilistica dei dati pluviometrici (vedi allegato K ) è stata sviluppata sui dati della stazione pluviometrografica di Monselice; lo studio della pluviometria ha fornito curve caratteristiche segnalatrici di pioggia (legame fra altezza h delle precipitazioni e la corrispondente durata t in funzione del tempo di ritorno T R ) relativamente eterogenee e differenziate. Sono state determinate per il tempo di ritorno di 50 anni le curve segnalatrici di precipitazione relative alla stazione di Monselice (vedi allegato K). Le elaborazioni di massima nella presente VCI verranno quindi fatte sulla base delle seguenti curve segnalatrici seguenti (h espresso in mm e t in ore): h P = 57,33 t 0,519 con C C = per 0 ore < t < 0,225 ore (0 min<t<14 min), h P = 60,13 t 0,551 con C C = per 0,225 ore < t < 1,014 ore (14 min<t<61 min), h P = 60,37 t 0,256 con C C = per 1,014 ore < t < 1,972 ore (61 min<t<118 min), h P = 62,88 t 0,196 con C C = per 1,972 ore < t < 4,215 ore (118 min<t<253 min), h P = 68,45 t 0,137 con C C = per 4,215 ore < t < 9,862 ore (253 min<t<592 min), h P = 72,15 t 0,114 con C C = per t > 9,862 ore (592 min<t) Caratteri idro-geo-morfologici di Pozzonovo Geologia e Litologia Pozzonovo appartiene al Monselicense; il Monselicense si sviluppa nel settore orientale della Pianura Padana, limitato a nord dai colli Euganei, a sud dal fiume Adige; è interessato dalla presenza di due corsi d acqua: l Adige che ne marca il confine meridionale e il sistema Frassine Fratta Garzone che dapprima lo borda a Ovest e poi lo attraversa in direzione circa ovest-est. Il territorio rientra completamente in quella fascia della Pianura Padana definita come bassa pianura: tale fascia si trova a valle della linea delle risorgive, dove, all aumento di sedimenti più fini si accompagna l innalzamento della falda alla superficie topografica. Questa fascia di pianura si è formata in seguito ad eventi alluvionali, posteriori all arretramento dei ghiacciai, che risalgono al periodo tardiglaciale (Pleistocene). I principali fiumi che ne hanno contribuito alla formazione sono il sistema Bacchiglione-Brenta e Adige. L assetto stratigrafico dell area risulta fortemente condizionato da peculiari meccanismi deposizionali che danno origine a numerose eteropie di facies ed interdigitazioni dei materiali sedimentatisi. Dal punto di vista litologico il territorio è costituito da un materasso formato da depositi periglaciali e fluvioglaciali caratterizzati da granulometria medio-fine (raramente ghiaie, in prevalenza sabbie e limi) interdigitati con sedimenti molto più fini (limi argillosi ed argille). I depositi più superficiali sono il risultato della deposizione dei fiumi (in particolare l Adige) che in periodo post-glaciale (olocene) assunsero un importante capacità di trasporto e quindi deposizionale: in particolare allo sbocco delle valli alpine venivano depositati ingenti spessori di materiale ghiaioso, sabbioso talora intercalato da livelli più fini, mentre man mano che i corsi d acqua si addentravano nella pianura perdevano parte della loro capacità di trasporto, depositando sedimenti via via più fini, da sabbie a limi ed argille. I processi di PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 9 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

10 sedimentazione fluviale in ambito di pianura hanno portato alla deposizione di materiali a granulometria fine con una notevole variabilità laterale di facies legata alla presenza di macroforme sedimentarie che risultano dalla sedimentazione cumulativa che spazia in tempi anche lunghi. Nella loro complessa eterogeneità, tali depositi si possono definire come un ripetersi omogeneo dell alternanza di limi, sabbie ed argille compenetrate o alternate in strati differenziati, a seconda delle particolari condizioni paleoambientali di deposizione. La divagazione delle aste fluviali dei principali corsi d acqua presenti nella zona hanno sovrapposto, nel tempo e nella sequenza stratigrafica, ambienti caratterizzati da differente energia di trasporto e deposizione; considerando l evoluzione geologica dei terreni è evidente che il grado di consolidazione è quello generato esclusivamente dall attuale carico litostatico. In genere le alluvioni quaternarie sono in una fase di consolidazione normale se non, nella parte superiore, in una fase di raggiungimento della consolidazione normale, specie ove superficialmente si sono rilevati depositi argillosi e limo argillosi a bassa permeabilità. In allegato B viene riassunto un estratto della Carta Litologica di Pozzonovo preparata durante i lavori di realizzazione del PATI del Monselicense. Le classi litologiche presenti sono: 1) materiali alluvionali, o lacustri, a tessitura prevalentemente sabbiosa; 2) materiali alluvionali, o lacustri, a tessitura prevalentemente limo-argillosa. Geomorfologia Pozzonovo appartiene alla fascia di Bassa Pianura, caratterizzata da un altitudine (esclusi i rilievi arginali) compresa fra 1 m s.m.m. e 5 m s.m.m (vedi allegato A). La geomorfologia è influenzata dalla sua storia idrografica. Sono presenti dossi fluviali (in qualche modo valutabili indirettamente dalla lettura della carta delle linee di ugual quota illustrata in allegato A); la presenza di dossi e paleoalvei è riconoscibile da caratteristiche strutture geomorfologiche costituite da fasce allungate sopraelevate rispetto il terreno circostante. Idrogeologia L assetto generale della pianura Veneta vede un progressivo differenziamento del materasso alluvionale, passando dall alta pianura, a ridosso dei rilievi collinari, alla bassa pianura. La coltre di sedimenti che costituisce il materasso alluvionale è costituito in prevalenza da ghiaie nell alta pianura, con un progressivo impoverimento di materiali grossolani a favore di materiali fini verso la bassa pianura. In corrispondenza del passaggio tra alta e bassa pianura, c è la fascia delle risorgive. Nella fascia delle risorgive l acqua infiltratasi a monte viene a giorno creando le tipiche sorgenti di pianura e alimentando diversi fiumi, tra i quali il più importante è il Sile. Il sistema multifalde è proprio della bassa pianura veneta, dove si hanno intercalazioni continue di livelli sabbiosi permeabili, sedi delle falde in pressione, e livelli argillosi impermeabili. Il sottosuolo di Pozzonovo si inserisce nel sistema multifalda della bassa pianura veneta, con un alternanza talvolta spiccata di livelli permeabili e impermeabili; si formano quindi acquiferi liberi, semiconfinati e acquiferi in pressione. In via generale si avrà una falda superficiale, poco profonda e di modesta portata, falda ricaricata prevalentemente da acque meteoriche e indirettamente dagli apporti dei corsi d acqua. Le falde sottostanti sono per lo più in pressione, alloggiate in acquiferi prevalentemente sabbiosi, separate da strati argillosi impermeabili. L idrogeologia dell area di Pozzonovo è caratterizzata dalla presenza di una falda freatica, all estremità settentrionale, ad una profondità compresa tra 0-2 metri da piano campagna (vedi allegato E). Il restante territorio è caratterizzato da una falda freatica con soggiacenza compresa tra 2-5 metri da piano campagna; la direzione di flusso sotterraneo ha un andamento da nord/ovest a sud/est IL RISCHIO IDRAULICO A Pozzonovo è presente un rischio idraulico correlato al fiume Gorzone e un rischio idraulico relativo alla rete secondaria (o di bonifica); possiamo parlare inoltre, anche se in modo marginale, di un rischio idraulico connesso alla rete di drenaggio urbana (fognatura bianca). La condizione di rischio possono dar luogo ad eventi di diversa gravità: sia le inondazioni che possono derivare dalle piene dei fiumi principali sia le esondazioni di una certa entità da reti di bonifica PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 10 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

11 sono calamità naturali; è evidente tuttavia che per la limitata estensione dei bacini di bonifica rispetto alle aree inondabili dai fiumi, la gravità dei fenomeni è nettamente minore nel caso delle bonifiche (ancor di più ovviamente per le reti cittadine). Le condizioni attuali del Gorzone a Pozzonovo possono definirsi relativamente accettabili; pur tuttavia le arginature longitudinali, in situazioni di evento pluviometrico di relativamente bassa frequenza, risultano a rischio di cedimento sia per sormonto che per franamento del corpo arginale o per rottura dei terreni di fondazione per inadeguatezza delle strutture a reggere a lungo battenti idraulici elevati o le spinte dinamiche esercitate dalla corrente. Per quanto riguarda le reti di bonifica è riscontrabile una situazione di riduzione dei volumi d invaso, particolarmente nella parte settentrionale del territorio in corrispondenza alle espansioni urbanistiche realizzate negli ultimi decenni; come vedremo meglio di seguito si ravvisa la locale perdite della continuità idraulica nelle reti di drenaggio a seguito della bassa manutenzione o della mancanza di opere idrauliche in corrispondenza ai nodi delle vie d acqua La cartografia del rischio La perimetrazione speditiva delle aree a rischio può ottenersi sovrapponendo alla cartografia degli ambiti quella delle aree pericolose. Ciò permette di dedurre qualitativamente quali insediamenti o attività antropiche sono identificabili per tipologia di rischio. In tal senso una prima lettura dell utilizzazione del territorio permette l individuazione degli oggetti presenti che possono essere esposti a danno e conseguentemente determinare condizioni di rischio. Con la esclusione del rischio legato al fiume Gorzone l allegato G riassume le principali problematiche idrauliche in Pozzonovo (il materiale è ricavato dalla documentazione del PATI del Monselicense 2008); in mancanza di un approfondito studio idraulico in grado di collegare rischio, magnitudo del danno e pericolosità, in prima approssimazione si può ritenere che le aree evidenziate in allegato G appartengano alla classe di pericolosità P1 (o di bassa pericolosità come evidenziato nel PAI del bacino del Brenta-Bacchiglione predisposto dall Autorità di Bacino di Venezia dei fiumi dell Alto Adriatico) Rischio idraulico rete bonifica maggiore Dal punto di vista della bonifica il territorio di Pozzonovo viene amministrato in parte dal Consorzio di Bonifica Adige-Bacchiglione di Conselve ed in parte dal Consorzio di Bonifica Euganeo di Este (vedi allegato C); ambedue le aree comprensoriali sono caratterizzate da problemi idraulici locali non trascurabili, specialmente nella parte di territorio afferente al Consorzio di Bonifica Euganeo. I tratti finali di alcune tra le principali dorsali di scarico sono pensili e presentano elevati rischi di tracimazione. I recipienti principali delle acque di pioggia a Pozzonovo risultano la Fossa Monselesana per quanto riguarda l area di competenza del Consorzio Adige-Bacchiglione ed il fiume Gorzone attraverso gli scoli Navegale, Collettore Bassi e Sabbadina per quanto riguarda il Consorzio di Bonifica Euganeo. Per la risoluzione dei problemi idraulici legati alla rete di bonifica maggiore sono in progetto alcuni interventi relativi alla riduzione del rischio idraulico e alla costruzione di nuovi impianti di sollevamento. In particolare il Consorzio di Bonifica Euganeo ha messo a punto un piano con la ubicazione di massima di alcuni bacini di laminazione (casse di espansione) sul territorio consorziale Idrografia e rischio idraulico in Pozzonovo Si è già anticipato come il Comune di Pozzonovo (circa ha di superficie) ricada nella parte settentrionale nel comprensorio di competenza del Consorzio di Bonifica Adige-Bacchiglione di Conselve e nella parte centro-meridionale nel comprensorio di competenza del Consorzio di Bonifica Euganeo (vedi allegato C); il confine amministrativo è collocato poco più a sud della Fossa Monselesana (via Argine). PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 11 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

12 Nessuna parte di Pozzonovo ricade in area a pericolosità idraulica secondo il Progetto di Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico del Brenta Bacchiglione, Piano predisposto dall Autorità di Bacino dei Fiumi dell Alto Adriatico (vedi allegato D). Si faccia riferimento agli allegati H ed L. La parte di Pozzonovo ricompresa entro il comprensorio del Consorzio Adige-Bacchiglione drena al sistema della Fossa Monselesana (circa 740 ha di territorio urbanizzato in percentuale stimata del 30%); la parte rimanente di Pozzonovo (esclusa la zona a sud del Fiume Gorzone) drena al Collettore Bassi e allo scolo Navegale (in ogni caso l acqua perviene all idrovora Ca Giovannelli per essere poi sollevata al fiume Gorzone); la zona a sud del Gorzone drena parzialmente allo scolo Sabbadinazza ed in parte allo scolo Valcorna (in ogni caso il recapito finale è sempre il fiume Gorzone, a sollevamento meccanico). La rete idrografica risulta visibile e con densità significativa nella parte di territorio afferente al Consorzio di Bonifica Euganeo; nella parte afferente alla Fossa Monselesana lo sviluppo urbanistico degli ultimi decenni, ha portato alla parziale sparizione della originaria rete di bonifica e allo sviluppo di una rete fognaria urbana relativamente rarefatta e con sezioni non sempre adeguate alla funzionalità idraulica, particolarmente con riferimento all effetto invaso. Il Desturo Formigaro segna per circa 5 km i confini comunali settetrionali; nasce dalla confluenza dello scolo Desturello e dello scolo Palazzetto (Desturo). Questi ultimi drenano una vasta zona in Comune di Monselice (circa 900 ha) in parte urbanizzata. Al Desturo pervengono le acque di pioggia di una vasta area a nord di via Solco, area collocata presso i confini settentironali; detta area, in situazione di piena risente del rigurgito dal Desturo a causa della morfologia locale del territorio. La Fossa Monselesana nasce come derivazione irrigua del Canale Bisatto e drena tutta la parte settentrionale del Comune di Pozzonovo (direttamente o attraverso il Desturo di Formigaro e la Diramazione Rezzole); il tratto in Pozzonovo è lungo circa 4,6 km. Alla fossa Monselesana confluisce lo scolo Rovega che nasce dalla confluenza del Desturo di Monselice e lo scolo San Bortolo; sia il Desturo di Monselice che il San Bortolo si sviluppano soprattutto in Comune di Monselice dove drenano una quantità non trascurabile di superficie urbanizzata. Lo scolo Rovega definisce per circa 1500 m il confine comunale occidentale di Pozzonovo. Tutto il territorio agricolo compreso fra lo scolo Navegale e via Argine drena al collettore Bassi e quindi all idrovora Ca Giovannelli attraverso gli scoli Secondario di Sinistra, Confinon, Boghignolo, Grimana Bassi e Allacciamento Grimana Bassi (con la sola esclusione di circa 4 ha di area agricola afferente al sistema della Grimana Alti, confluente comunque nel Navegale). Lo scolo Navegale attraversa Pozzonovo robustamente arginato da ovest ad est Pozzonovo, per circa 6 km, fino a confluire all idrovora Cà Giovannelli; il Navegale nasce in Comune di Granze dalla confluenza dello scolo Dolcetta con lo scolo Degora di Valdorsa. Tutta l area agricola di Pozzonovo compresa fra il Gorzone e il Navegale drena all idrovora Cà Giovannelli attraverso gli scoli Delle Valli, Collettore Bassi e Allacciamento Marana Bassi. A sud del Gorzone l acqua di pioggia confluisce sempre al Gorzone attraverso sollevamento meccanico (scoli Tramezzo, Sabbadinazza, Sabbadina, Duse, Valcorna e Affluente Valcorna). Il territorio comunale non soffre di significative problematiche idrauliche (sia in termini di superfici interessate, sia come frequenza dei fenomeni alluvionali), con la sola esclusione di alcune aree agricole collocate lungo lo scolo Navegale in corrispondenza ai confini comunali con Anguillara (territorio di bonifica ed a morfologia concava). Ricordiamo come il territorio a nord della Fossa Monselesana sia compreso nel bacino scolante in laguna di Venezia (vedi allegato I). Il rischio idraulico è legato quasi sempre a fenomeni di esondazione connessi a situazioni morfologiche locali e allo stato di consistenza e manutenzione degli scoli di drenaggio. Le zone interessate da rischio ristagno idrico con frequenza non trascurabile sono così riassumibili: PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 12 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

13 a) piccola area di circa due ettari a cavallo dell autostrada A13 all estremità nord del Comune con drenaggio allo scolo Desturo di Monselice. Uso del suolo agricolo ed a sedime autostradale; b) grande area agricola di circa 49 ha a ridosso del Desturo di Formigaro a nord di via Solco; A13; c) area agricola di circa 9 ha fra il canale Navegale e il canale Delle Valli ad est dell Autostrada d) due aree agricole di complessivi 20 ha fra il fiume Gorzone e lo scolo Delle Valli; e) due aree agricole di complessivi 24 ha collocate ad est del sottopasso da parte dello scolo Secondario di Sinistra allo scolo Navegale; f) piccola area agricola (circa 1 ettaro) collocata poco più a sud del sottopasso dello scolo Valcorna allo scolo Sabbadina LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO COME PROGRAMMAZIONE Per quanto riguarda le previsioni urbanistiche del PAT di Pozzonovo è necessario da subito prendere atto che la soluzione dei problemi idraulici illustrati non può essere raggiunta esclusivamente dalla mera applicazione delle Norme di uno strumento urbanistico. Pur tuttavia la Norma urbanistica può diventare occasione per concorrere ad un adeguato modello di difesa idraulica e per definire una corretta impostazione della dinamica urbanistica di modifica dell uso idrologico del suolo. Va osservato, per esempio, che anche i piccoli interventi di modifica dell uso idrologico del suolo, pur se in termini infinitesimali, possono contribuire a peggiorare la situazione idraulica; se il contributo è infinitesimale è anche vero che il numero degli interventi piccoli di impermeabilizzazione delle superfici naturali è di gran lunga più elevato rispetto agli interventi più significativi. Una corretta mitigazione idraulica deve dunque comportare la definizione di un modello di intervento che riduca o contenga l evoluzione della piena nell ambito di intervento (ad esempio volume di laminazione che assorbe un certo volume d acqua ritardando il deflusso). Si ritiene che il modello di difesa strutturale su cui mettere a punto le prescrizioni di mitigazione legate alle previsioni urbanistiche del PAT di Pozzonovo si debba basare sui seguenti concetti: MITIGAZIONE IDRAULICA INDIPENDENTEMENTE DALLE QUANTITA. L intervento edilizio o urbanistico nel momento in cui aumenta l impermeabilizzazione del suolo non va considerato solo in quanto arealmente significativo. Ciò vuol dire accettare il principio secondo il quale la polverizzazione delle previsioni del governo urbanistico del territorio non può costituire motivo per considerare ininfluenti (nel complesso) i conseguenti effetti sull impermeabilizzazione, e quindi non significativi i corrispondenti impatti sull idraulica del territorio; per tali interventi, si dovrà almeno prescrivere l obbligo di osservare una serie di indicazioni minimali tese a ridurre l impatto sull idrografia del territorio circostante (vedi paragrafo 08); INVARIANZA IDRAULICA. Nelle aree oggetto di modifica dell uso idrologico del suolo, che risultano idrograficamente a monte di altre zone prive di problemi idraulici, si deve perlomeno imporre che l intervento non aumenti il rischio; ciò puo essere fatto, nel limite del possibile anche alla luce della polverizzazione dell azione di modifica del territorio, imponendo il rispetto generalizzato della stabilizzazione idraulica base (vedi paragrafo 07); STABILIZZAZIONE IDRAULICA DEDUTTIVA. Per aree interessate da una modificazione del tasso di impermeabilizzazione collocate a monte di zone con problemi di esondazione occorrerà applicare il principio precedente, salvo aumentarne l efficacia nel momento in cui l intervento risulti significativo PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 13 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

14 (Piano di Lottizzazione, grande superficie interessata, ecc ) obbligando il Concessionario al rispetto della stabilizzazione idraulica deduttiva (vedi paragrafo 07); INTERVENTI MORFOLOGICI. Per aree che ricadono direttamente in zone a rischio idraulico non trascurabile (ovvero con possibilità non remota di ristagno d acqua o esondazione) occorrerà richiedere al Concessionario di prevedere interventi di natura passiva tesi a salvaguardare quello che verrà costruito da possibili fenomeni alluvionali che potrebbero interessare il contesto circostante (rimodellazione morfologica del terreno, rialzi dei piani terra rispetto al piano campagna circostante, ecc ). Evidentemente gli interventi di natura passiva devono prevedere il recupero dei volumi persi nell attuazione dell intervento. PIANO DELLE ACQUE. Con riferimento ai corsi d acqua minori e alle vie d acqua di fognatura il PAT del Comune di Pozzonovo, tenuto conto del contesto e della situazione idraulica illustrata relativa al territorio comunale, rende obbligatorio nel medio termine la predisposizione del Piano Comunale Regolatore delle Acque. Il Piano Comunale Regolatore delle Acque costituirà uno studio su base comunale destinato a: 1) individuare correttamente e nel dettaglio la rete scolante (suddividendo le acque e quindi le relative tratte della rete in regionali, provinciali, comunali, consorziali, pubbliche/demaniali e private) a cielo libero e intubata; 2) illustrare lo stato ed il funzionamento della rete di drenaggio e lo stato dei manufatti idraulici minori sul territorio; 3) evidenziare la continuità idraulica della rete di drenaggio in ogni punto del territorio; 4) individuare le opere necessarie a sanare i dissesti idraulici in essere; 5) definire per ogni tratto della rete le competenze ed il Titolare dell onere perenne di manutenzione; 6) definire le modalità e la frequenza degli interventi obbligatori e di messa in sicurezza per ogni tratto della rete di drenaggio LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL CONTESTO ATTUALE Si è già detto come non sia compito del PAT, o almeno non può considerarsi compito prioritario, quello di organizzare il rientro dalle criticità idrauliche in essere nel territorio comunale. Pur tuttavia aver previsto nello strumento urbanistico strategico la necessità da parte del Comune di dotarsi di un Piano delle Acque (vedi paragrafo precedente) costituisce per la presente VCI l occasione di anticipare una prima considerazione di carattere generale relativamente alle linee guida che in futuro dovrebbero regolamentare il citato rientro dalle criticità. Premesso che dal quadro conoscitivo andranno derivate soprattutto le regole per pianificare efficacemente la gestione dell acqua di pioggia ed il rientro dalle criticità in essere va osservato come i problemi idraulici in Pozzonovo, almeno quelli più significativi elencati nel paragrafo 04.03, non trovano ragione principale in un eventuale scorretto uso del suolo nel territorio comunale in Pozzonovo; la causa và piuttosto rintracciata in situazioni di uso del suolo poco rispettoso delle conseguenze di una impermeabilizzazione non mitigata, che si verificano particolarmente nei territorio extra-comunali di monte. Per tale ragione il futuro Piano delle Acque dovrà migliorare il quadro conoscitivo della rete di drenaggio soprattutto per definire puntualmente i soggetti destinatari degli obblighi di manutenzione delle vie d acqua, eventualmente valutando con Enti tutori superiori (in particolare il Consorzio di Bonifica Euganeo) la messa in programma di opere di mitigazione idraulica a monte dell idrovora Cà Giovannelli (come le casse di espansione) che per i motivi citati non possono che assumere carattere intercomunale. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 14 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

15 07 - LA STABILIZZAZIONE IDRAULICA L impermeabilizzazione delle superfici e la loro regolarizzazione, che sono le due manifestazioni più evidenti delle urbanizzazioni, contribuiscono in modo determinante all incremento del coefficiente di afflusso (la percentuale di pioggia netta che diventa deflusso superficiale) e all aumento conseguente del coefficiente udometrico (la portata per unità di superficie drenata) delle aree trasformate. Il principio della stabilizzazione idraulica sancisce che la portata al colmo di piena risultante dal drenaggio di un area deve essere costante prima e dopo la trasformazione dell uso del suolo in quell area. Il PAT di Pozzonovo, come vedremo meglio in seguito, prevede il recepimento del principio della stabilizzazione idraulica nelle sue varie accezioni (vedi allegato M), rendendone obbligatorio il rispetto nella predisposizione degli interventi urbanistici. Tranne rare eccezioni, tenuto conto del contesto idrografico e pedo-geo-morfologico comunale, l'unico modo per garantire la stabilizzazione idraulica delle trasformazioni è quello di prevedere volumi di stoccaggio temporaneo dei deflussi che compensino, mediante un'azione laminante, l'accelerazione dei deflussi e la riduzione dell'infiltrazione CONCETTI DI MITIGAZIONE IDRAULICA RESI OBBLIGATORI DAL PAT Si è già detto come il PAT di Pozzonovo intervenga sulla pianificazione dell uso del suolo su alcuni tematismi correlati strettamente a problemi di mitigazione idraulica (anche in ragione delle previsioni sull argomento del PATI del Conselvano e del Moselicense ). Tra gli obiettivi del PAT c è anche la riqualificazione strutturale del territorio nei termini ambientali e la definizione dei limiti e delle condizioni di sostenibilità degli interventi e/o delle trasformazioni del territorio; specificatamente anche la messa in sicurezza dei luoghi soggetti al rischio idraulico. Per quanto riguarda la disciplina urbanistica va qui ricordato, come già accennato in precedenza, che ai fini del rischio idraulico la presente VCI prende in considerazione il territorio di Pozzonovo sulla base di 5 situazioni zonali nettamente distinte: 1) zone esposte in modo non trascurabile al rischio idraulico diretto e in grado di aumentare significativamente il rischio idraulico nelle aree vallive; da cui derivano terreni idonei all edificazione con prescrizioni e dove va applicato in genere il principio della stabilizzazione deduttiva (vedi paragrafo M); 2) zone esposte in modo non trascurabile al rischio idraulico ma non in grado di aumentare significativamente il rischio idraulico nelle aree vallive; da cui derivano terreni idonei all edificazione con prescrizioni ed dove va applicato in genere il principio della stabilizzazione idraulica base (vedi paragrafo M); 3) zone poco esposte al rischio idraulico diretto ma che possono contribuire ad aumentare in modo non trascurabile il rischio idraulico nelle aree di valle; terreni quindi idonei all edificazione ma dove deve essere imposto il rispetto della stabilizzazione idraulica deduttiva (vedi paragrafo M); 4) zone poco esposte al rischio idraulico diretto e che non contribuiscono ad aumentare significativamente il rischio idraulico nelle aree di valle; terreni quindi idonei all edificazione ma dove deve essere comunque imposto almeno il rispetto della stabilizzazione idraulica base (vedi paragrafo M); 5) infine zone molto esposte al rischio idraulico considerate non idonee all edificazione. In sede di formazione del PI, andranno precisati con maggior dettaglio gli interventi di protezione e/o correzione finalizzati alla eliminazione o alla mitigazione del rischio idraulico secondo le scelte strategiche della presente VCI. Si sottolinea l innovazione introdotta con i concetti di stabilizzazione idraulica base, deduttiva ed induttiva (vedi allegato M); con tale suddivisione risulta più oggettiva la quantificazione dei volumi di laminazione necessari in rapporto a specificità idrografiche locali (in particolar modo la presenza di aree a rischio inondazione posizionate a valle degli insediamenti oggetto di mitigazione idraulica). Le Norme di Attuazione del PAT di Pozzonovo richiamano espressamente la presente Valutazione di Compatibilità Idraulica imponendone il rispetto delle indicazioni e delle prescrizioni. Il PAT adotta i seguenti indirizzi fondamentali di mitigazione idraulica: PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 15 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

16 PRESCRIZIONE A STABILIZZAZIONE IDRAULICA BASE. I nuovi interventi di impermeabilizzazione del suolo (nuove urbanizzazioni, nuova viabilità, nuovi poli produttivi, nuovi interventi edilizi, ecc ) non devono aumentare i coefficienti di deflusso ed i coefficienti udometrici relativamente alle singole aree di intervento, così da garantire la compatibilità con le condizioni idrografiche della rete scolante collocata a valle. Per interventi minori, non interessati da Piano Urbanistici Attuativi, salvo diversa indicazione nel paragrafo 9 e in assenza di studi idraulici specifici, dovranno essere sempre rispettate, nella parte applicabile, le prescrizioni successive. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 16 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

17 PRESCRIZIONE B STABILIZZAZIONE IDRAULICA DEDUTTIVA. Ad intervento urbanistico/edilizio eseguito la rete di smaltimento delle acque piovane deve essere sempre in grado di sviluppare valori di portata massima almeno non superiore a quella stimabile nella situazione che precede l intervento stesso, con riferimento ad un tempo di pioggia pari al tempo di corrivazione della zona oggetto di intervento (vedi prescrizione A: stabilizzazione idraulica base). Per i grandi interventi edilizi e/o urbanistici in determinate zone del territorio comunale (vedi paragrafo 9) é obbligatoria l applicazione del concetto di stabilizzazione idraulica deduttiva in funzione di caratteristiche specifiche del rischio idraulico e del contesto idrografico locale. Sono considerati interventi edilizi e/o urbanistici significativi gli interventi soggetti a PUA ovvero gli interventi di impermeabilizzazione del territorio che comportano uno sviluppo netto di aree impermeabili superiore a m 2 (nuova viabilità, parcheggi scambiatori, grandi superfici coperte, ecc...) Per interventi minori o non interessati da Piano Urbanistico Attuativo, e salvo diversa indicazione del paragrafo 9, andranno comunque rispettate le prescrizioni successive nella parte applicabile. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 17 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

18 PRESCRIZIONE C CORRETTA PROGETTAZIONE DELLE OPERE DI COLLETTAMENTO FOGNARIO. Prediligere nella progettazione delle superfici degli interventi edilizi o urbanistici basse o trascurabili pendenze di drenaggio superficiale. Dimensionare correttamente la densità della rete di punti di assorbimento (grigliati, chiusini, canalette di drenaggio, ecc ) a favore di un piu veloce accumulo dell acqua di pioggia nei volumi interrati di laminazione. PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 18 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

19 PRESCRIZIONE D STALLI DI SOSTA PUBBLICI E/O PROVATI. Incentivare l uso di schemi costruttivi che rendano permeabili le pavimentazioni destinate agli stalli di sosta veicolare pubblici/privati; in questo caso le pavimentazioni andranno realizzate su di un opportuno sottofondo che garantisca l'efficienza del drenaggio ed una capacità di invaso (porosità efficace) non inferiore ad una lama d'acqua di 15 cm. Se non è possibile adottare il sopracitato sistema costruttivo valutare l opportunità di predisporre ulteriori invasi finalizzati a compensare la perdita di capacità filtrante del terreno. Tratto da Cahill Associates, USA Tratto da SCA Consulting Group, Lacey, WA, USA PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 19 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

20 PRESCRIZIONE E SALVAGUARDARE LE VIE D ACQUA. E obbligatorio salvaguardare sempre le vie di deflusso dell acqua per garantire lo scolo e contenere il ristagno. In particolare: a) salvaguardare e/o ricostituire i collegamenti con fossati o corsi d acqua esistenti; b) rogge e fossati non devono subire interclusioni o perdere la funzionalità idraulica; c) eventuali ponticelli o tombotti interrati devono garantire una luce di passaggio mai inferiore a quella maggiore fra la sezione immediatamente a monte o quella immediatamente a valle della parte di fossato a pelo libero; d) l'eliminazione di fossati o volumi profondi a cielo libero non può essere attuata senza la previsione di adeguate misure di compensazione idraulica; e) nella realizzazione di nuove arterie stradali, ciclabili o pedonali, contermini a corsi d acqua o fossati, si deve evitare il tombinamento dando la precedenza ad interventi di spostamento (in caso di assoluta e motivata necessità il tombinamento dovrà rispettare la capacità di flusso preesistente e il rispetto del volume preesistente, volume conteggiato per tratti idraulicamente omogenei sino al ciglio superiore più basso del fossato/canale). PAT di POZZONOVO (PD) VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE pagina 20 di 37 ING. GIULIANO ZEN - POSIZIONE A1070 ORDINE TV

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Rispetta il tuo canale

Rispetta il tuo canale A CURA DI CENTRO INTERNAZIONALE Rispetta il tuo canale Il Regolamento di Polizia Idraulica: un vademecum da conoscere e mettere in pratica 2014 Consorzio di Bonifica Acque Risorgive Rispetta il tuo canale

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli