ANNO 19 # 01 GENNAIO 2014 BOLLETTINO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA. SPECIALE PROGRAMMA i-start

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO 19 # 01 GENNAIO 2014 BOLLETTINO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA. SPECIALE PROGRAMMA i-start"

Transcript

1 ANNO 19 # 01 GENNAIO 2014 BOLLETTINO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA SPECIALE PROGRAMMA i-start

2 #01 gennaio B.I.T. Bollettino dell Innovazione Tecnologica Periodico bimestrale di informazione aziendale Anno 19 numero 1 - gennaio 2014 Edito da: Umbria Innovazione s.c.a r.l. Sede legale: Strada delle Campore 11/ Terni Tel.: Fax: Registrazione n. 7/96 del 16/03/1996 del Tribunale di Perugia Direttore editoriale GIUSEPPE CARDONI Direttore responsabile TIBERIO GRAZIANI Responsabile di redazione SUSANNA PAONI Ufficio Stampa ELISA PARADISI Hanno collaborato a questo numero: VALERIA MANNA ELISABETTA BONCIO CATHLEEN FODERARO ANDREA MASSOLI SIMONETTA SPITONI Progetto grafico MOCART STUDIO Il BIT speciale programma i-start 2013 presenta 46 dei 48 progetti di cluster realizzati. Il prot. 10 Studio di fattibilità di un sensore elettronico di qualità di liquidi per applicazioni automotive e il prot. 68 Recupero di scorie di acciaieria per produzione di aggregati inerti a standard europeo non hanno autorizzato la pubblicazione dei risultati per accordi di riservatezza stipulati. 2

3 Programma i-start CREARE UN AMBIENTE FAVOREVOLE ALL INNOVAZIONE Le esigenze di business in questa fase economica devono spingere le aziende verso una consapevole necessità di innovare ed innovarsi per competere. L innovazione consente di creare vantaggio competitivo e costituisce il terreno per gestire il cambiamento attraverso un processo di miglioramento e di crescita. La velocità, che ha accelerato il metabolismo del mercato, ha costretto tutto il sistema imprenditoriale a muoversi verso un cambiamento costante, verso la necessità di un processo di innovazione continua. L azienda che decide di innovare è l azienda che cresce (e non soltanto in termini di fatturato, ma anche e soprattutto in termini qualitativi), che è attiva in un processo di cambiamento finalizzato a rendere migliore il suo prodotto, il suo servizio, la sua missione. In quest ottica vanno lette tutte le attività che Umbria Innovazione, attraverso il programma i-start ha realizzato negli anni 2012 e 2013 volte a favorire e accelerare i processi legati all innovazione. #

4 Il Programma i-start cerca, attraverso attività di animazione verticale ed orizzontale ed attraverso Progetti di innovazione rivolti a cluster di imprese, di stimolare la ricerca e l innovazione nelle PMI umbre che risultano essere fattori fondamentali per lo sviluppo regionale. I 48 progetti di cluster nel 2013 hanno prodotto un budget totale di ,00 di cui: ,00 di contributo pubblico ,00 di quota di cofinanziamento privato da parte delle singole imprese partecipanti ai cluster Nei progetti di innovazione per cluster di imprese 2013 sono state coinvolte 145 imprese del territorio umbro di cui: numero 1 grandi imprese (coinvolta come sponsor e non come beneficiaria); numero 15 medie imprese; numero 64 piccole imprese; numero 65 micro imprese. 4

5 CREAZIONE DI UN SUPERMATERIALE FRUTTO DELL UNIONE DEL VETRO BOROSILICATO 3.3 E DELLA MAIOLICA PORCELLANATA Le aziende protagoniste di questo progetto sono la Steroglass/Blueside con una esperienza cinquantennale nella lavorazione del vetro borosilicato, la U.Grazia che da cinquecento anni lavora la maiolica e possiede i brevetti della maiolica porcellanata e la A.G.Creazioni Ceramiche anche essa con grande esperienza nella lavorazione della ceramica. Tutto nasce perciò dalla convinzione che oggetti, per la casa e la tavola, creati utilizzando vetro borosilicato e maiolica porcellanata, sarebbero stati molto originali, performanti e di grande appeal. Il lavoro è stato diviso in tre fasi: nella prima sono state sperimentate tutte le opportunità di unire e decorare i due materiali sia a caldo che a freddo e già dalle prime prove ci si è resi conto che la messa a punto di un protocollo di unione per fusione avrebbe necessitato di tempi molto lunghi, mentre avevamo molte possibilità di riuscire utilizzando delle colle a freddo. Scartate le colle UV che prevedono una assoluta planarità delle parti non ottenibile a causa della lavorazione per soffiatura del vetro, abbiamo optato per un tipo di collante che ci garantisce una assoluta tenuta anche a temperature elevate ed ad un particolare incastro che facilmente riusciamo ad ottenere fra i due materiali. Nella seconda è stata fatta una approfondita ricerca su cosa offre il mercato e sui trend ed in base a questa è stato deciso su quali tipologie lavorare e sullo stile. Nella terza, infine, si è proceduto con la progettazione dei vari oggetti: Set sale e pepe per la tavola, con la caratteristica di avere una base ad incastro per i vari pezzi. Set di bicchieri a stelo, aventi tre tipi di calice ed un unica base UBALDO GRAZIA SNC STEROGLASS SRL A.G. CREAZIONI CERAMICHE DI AUGUSTO GIROLAMINI SNC Servizio di piatti, dove il piatto vero e proprio è in vetro mentre la base è in maiolica porcellanata Portaombrelli, con la caratteristica di avere una base in maiolica porcellanata e vari alloggiamenti per ombrelli di varie dimensioni ottenuti tramite l utilizzo di appropriati tubi in vetro borosilicato Vaso portafiori, anche questo realizzato con una base in maiolica porcellanata e tubi in vetro borosilicato per permettere all utilizzatore di decidere se contenervi uno o più fiori. Il primo risultato ottenuto è quello di aver messo a punto un protocollo per l incollaggio dei due materiali, il secondo è avere il progetto definitivo di una serie di prodotti come era previsto negli intenti progettuali, ma forse l obbiettivo più importante è quello legato all aver fatto cluster fra le tre aziende. Fare Cluster per aziende piccole, ma molto prestigiose e soprattutto insistenti sullo stesso territorio significa avere la possibilità di mettere in comune risorse, competenze e mercati. Questi sono certamente fra i motivi principali per cui le tre aziende hanno deciso di affrontare questo ambizioso progetto. Già dalle prime riunioni i responsabili delle aziende coinvolte hanno iniziato a scambiarsi informazioni, sia sui mercati che meglio conoscono, accordandosi anche sulla possibilità di presentarsi referenti e clienti, sia su procedure anche gestionali, adottate, che hanno portato risultati e potrebbero dare ottimi risultati, se adottate, anche dalle altre. I tecnici delle tre aziende hanno lavorato a stretto contatto e perciò hanno potuto scambiarsi informazioni sulle proprie tecnologie. Chiaramente questo progetto ha soprattutto permesso uno scambio di know-how tecnologico, ma anche artistico, vedi la conoscenza più approfondita del gusto contemporaneo e minimale della Steroglass/Blueside contrapposta all esperienza centenaria della cultura del decoro. Fra i programmi fatti dalle aziende che a breve daranno certamente delle ricadute economiche è quello di fare insieme Fiere e manifestazioni internazionali, ciò si tradurrà certamente in una divisione di competenze ed in una massimizzazione della visibilità. #

6 PIANO DI MARKETING PER VENDITA RTLS CBL ELECTRONICS S.R.L. SIRALAB ROBOTICS S.R.L. ESCO ELETTRONICA L obiettivo del progetto è una accurata analisi dei mercati esteri, con particolare focus sull Asia, per la commercializzazione di RTLS, un sistema wireless per il controllo dell illuminazione (Wireless Lighting Control). Il controllo integrato del sistema di illuminazione (Lighting Control System) all interno di un abitazione, di un edificio è un esigenza sempre piu sentita con l obiettivo duplice di migliorare il comfort e risparmiare energia. RTLS è un sistema costituito da componenti hardware e da un software di gestione. RTLS è una rete di comunicazione di tipo mesh wireless i cui dispositivi elettronici periferici (nodi) sono in grado di controllare degli apparecchi elettronici o elettromeccanici. RTLS puo essere utilizzato per controllare individualmente lampade, sensori ed interi sistemi di illuminazione senza il bisogno di cablaggi aggiuntivi, applicazione che si sta dimostrando di grande interesse commerciale. I benefici sono il miglioramento del comfort visivo, riduzione del consumo energetico e delle emissioni, riduzione del costo complessivo di acqusizione, installazione e manutenzione e capacità di adattarsi ai vincoli delle strutture esistenti. Il sistema si basa su un protocollo proprietario, chiuso e si è rivelato molto stabile ed affidabile. Durante il corso del progetto, si è analizzato in dettaglio il mercato asiatico con la quantificazione e localizzazione del mercato potenziale e delle sue peculiarità. Si è studiata la tipologia dei clienti potenziali ed i loro bisogni. Si è analizzata la concorrenza presente, il suo posizionamento ed i prodotti commercializzati. Infine si è fotografato il sistema distributivo e la sua profittabilita. Il progetto ha evidenziato che all interno del grande mercato del Construction market in Asia, che è oggi il piu grande del mondo, il Lighting Control sta assumendo un ruolo sempre piu importante soprattutto nei settori e mercati piu sensibili all energy saving. Secondo alcuni studi di settore il mercato complessivo sta rapidamente crescendo e raggiungerà un valore totale worldwide di circa 5 miliardi di dollari nel In Asia l area del South-East si rivela la piu interessante e con la crescita piu rapida nell adozione del controllo sull illuminazione. Lo svolgimento del progetto ha portato alla definizione di una strategia per la commercializzazione di RTLS con l obiettivo di costruire in Asia un mercato stabile e con una crescita costante nel tempo ma allo stesso tempo modulare gli investimenti in maniera commisurata alle risorse disponibili. Si sono individuati una serie di potenziali partner nella regione ed avviati contatti con alcuni degli studi di lighting design piu importanti di Singapore, Hong Kong e Cina. Nel piano marketing redatto si e definito nel dettaglio il Marketing Mix con indicazioni su come adattare il prodotto alle esigenze del mercato asiatico, sul range di prezzi competitivi, sulle modalità di distribuzione, assistenza e di promozione. Si è poi finalizzato un piano di business a medio e lungo termine con dati economici e di investimento ed individuate le attivita necessarie al suo raggiungimento. 6

7 STUDIO E PROGETTAZIONE DI UN SOFTWARE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DI KIT DOMESTICI DI FOTOVOLTAICO Il progetto è stato ideato dopo una attenta valutazione dell attuale mercato del fotovoltaico. Dalla ricerca effettuata, è stato evidenziato che essendo terminati gli incentivi erogati dai vari Conti Energia, l impianto fotovoltaico di grosse dimensioni non viene più considerato come investimento ad alto reddito e l attenzione si è spostata a favore degli impianti di piccola taglia, finalizzati alla produzione di energia per l autoconsumo. Il Cluster attraverso il progetto ha puntato ad aprire una innovativa linea comune che sia in grado di fornire una soluzione per il risparmio delle famiglie, fornendo chiavi in mano, un kit fotovoltaico domestico, bilanciato in base ai consumi medi annui, dotato di un nuovo strumento software che, collegato ai vari dispositivi elettrodomestici, possa essere programmato per ottimizzare i consumi attraverso la valutazione dei picchi di produzione dell energia dell impianto installato. ARIANNA SRL ECOBLOC SRL CONSORZIO IRFEME s.c.a.r.l Il risultato ottenuto dallo studio effettuato è un software intelligente che, collegato a monte della centralina dell edificio sormontato da impianto fotovoltaico, è in grado di riconoscere i picchi di produzione di energia rinnovabile autoprodotta. A questo punto il software attraverso il web invia all utente una od un sms sullo smartphone chiedendo all utente se desidera che vengano attivati gli elettrodomestici (impianto di condizionamento caldo-freddo, lavastoviglie, lavatrice, formo, ecc.), ed attraverso la rete ethernet il software, autorizzato dall utente, invia i comandi agli elettrodomestici dell edificio. Il software ideato, permette così non solo il risparmio sulla bolletta, ma contribuisce alla diminuzione di CO2, apportando un valore aggiunto alla gestione intelligente delle moderne SMART GRID. #

8 STEERING CONTROL APPLICATO AD AZIENDE MANIFATTURIERE SABATINI CALZATURE SRL MIGROUP SRL B.Z. SRL Schema Quadro di bordo Il progetto è stato realizzato da un cluster di tre aziende operanti nel settore tessile, abbigliamento, calzature, con l intento di trasferire il know-how dello Steering Control ai comparti di appartenenza. Lo Steering Control, nato come sistema di governo dei veicoli spaziali è stato successivamente adottato in Formula 1 e, poi ancora, nella costruzione di veicoli industriali per garantire il raggiungimento degli obiettivi anche in condizioni di elevata instabilità. Proprio quelle che, a causa della congiuntura economica, rendono difficile formulare previsioni in comparti da sempre esposti alle variabili della moda e della stagionalità e pertanto particolarmente vulnerabili. Di qui la necessità di implementare un sistema innovativo di programmazione e controllo. Le imprese del cluster hanno lavorato sull idea di trasferire all attività manifatturiera il know how dello steering control, raggiungendo interessanti risultati in termini di controllo dell indirizzo e della rotta programmata, le cui coordinate finali rimangano inalterate pur modificando il percorso di raggiungimento della meta, in ragione degli accadimenti e degli impedimenti che si frappongono. L applicazione del modello messo a punto ha consentito di sperimentare sul campo nuove modalità di controllo applicabili nel comparto specifico moda. Per quanto riguarda la ricaduta economica il progetto ha consentito la riduzione dei costi di riparazione dei danni proprio in quanto il controllo è stato impostato ricorrendo a variabili predittive con logica anticipatoria rispetto agli eventi in grado di alterare la rotta e non consentire il raggiungimento della meta. 8

9 NUOVO BUSINESS MODEL IN FASE DI GENERATIONAL TRANSFER LAVAPIÙ SRL LA PINTURICCHIO SNC Il progetto gestito dalle imprese del cluster ha inteso garantire la business continuity in fase di generational transfer attraverso la profonda innovazione della filiera fornitura/produzione/distribuzione realizzando un nuovo modello di business. Entrambe le aziende interagiscono con il mercato attraverso la modalità B2B, di qui la pressante esigenza di governare flussi e processi di distribuzione al cliente intermedio consentendogli di incrementare la customer satisfaction del cliente finale. La messa a punto del nuovo modello ha coinciso, in entrambe le aziende, con l inserimento della nuova generazione. - Appeal del brand - Efficacia del processo di selezione/affiliazione - Capacità di creare la squadra - Capacità di consolidare la squadra (coaching) - Originalità /qualità del prodotto servizio - Replicabilità della formula - Efficacia della comunicazione esterna - Assistenza gestionale, commerciale, amministrativa, finanziaria - Efficacia del sistema di relazioni - Efficienza/efficacia della comunicazione interna - Efficienza/efficacia logistica - Efficienza/duttilità del S.I. - Definizione modalità e fee di ingresso - Durata del rapporto - Dissuasione alla diserzione/studio way-out Condizioni di validità del sistema franchising (elaborazione RCE Consulting su fonte IPSOA) L attività svolta ha consentito di mettere a punto una modalità innovativa di rapporto con il mercato, coinvolgendo direttamente i giovani imprenditori in fase di inserimento nel contesto aziendale. Più puntualmente si è dimensionato un modello di franchising leggero a partire dall azienda Lavapiù. Questo rapporto di affiliazione consente maggiori margini di autonomia al cliente intermedio nella gestione di una partnership volta a migliorare il servizio nei confronti del cliente finale. I capisaldi del modello di affiliazione sono stati presi a riferimento dall azienda La Pinturicchio in fase di elaborazione del progetto di una rete di punti vendita, affiliati plurimarca. In entrambi i casi il nuovo business model è stato implementato con il contributo determinante della seconda generazione imprenditoriale che ha avuto un ruolo determinante sul fronte dell innovazione. Gli output rilevanti sono stati: l individuazione di opportunità; il progetto del nuovo business model; l incremento della cultura di customer satisfaction; l accrescimento delle potenzialità commerciali delle imprese; la più spinta responsabilizzazione dei giovani imprenditori. #

10 DEFINIZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE PER L EROGAZIONE DI UN NUOVO SERVIZIO ATTRAVERSO UN PORTALE GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO LITOGRAF EDITOR SRL CENTRO SMISTAMENTO MERCI SRL FISA KARTOTECNICA SPA POLYCART SPA D.P. DIGITAL POINT SRL progetto di cluster che si è posto l obiettivo di studiare la fattibilità di uno strumento, un portale messo a disposizione dei propri clienti, che riproduca un modello organizzativo ottimizzato, in termini logistici e di pianificazione, per la gestione di tali commesse. I clienti strategici di GPT sono aziende di grandi dimensioni, che possiedono sul territorio nazionale, ed in alcuni casi anche all estero, un elevato numero di punti vendita, punti di esposizione e negozi e si configurano come un organizzazione dotata di un MAIN CON- TRACTOR (che gestisce di norma i contratti) e molti PLAYER (negozi, store, punti espositiva e di vendita). In generale GPT acquisisce un contratto per la campagna lanciata dal proprio cliente, che funge da ordine aperto, che viene evaso parzialmente in relazione alle esigenze dei clienti stessi. Analizzando a fondo le commesse complesse, indicando con tale termine le commesse dedicate a campagne multi sito con consegne differite nei tempi e nelle destinazioni, con esigenze di personalizzazioni per ciascun PLAYER, e le esigenze dei propri clienti, sia nelle declinazioni che nelle attività, è nato il presente Ai fini della realizzazione del portale in questo progetto, è stato definito un modello di gestione delle commesse complesse ottimizzato, tradotto in specifiche sw per il portale che consentirà la gestione automatizzata del modello procedurale e che proprio in questi giorni viene ad essere implementato. Tale modello di gestione consente a GPT di presentarsi al mercato con un nuovo servizio che accompagna le forniture dei propri prodotti. Il progetto ha consentito la caratterizzazione e validazione di un service, un nuovo servizio integrato rivolto al mercato/clienti, erogato attraverso l adozione di un SW. Pertanto i risultati del progetto di cluster si ripercuotono su 2 fronti: organizzativo, con impatto sulle procedure operative aziendali e commerciale, con la presentazione del servizio innovativo a mercato e clienti. Sul fronte organizzativo la procedura implementata ha consentito un ottimizzazione della gestione nelle commesse complesse; sono stati definiti KPI per la valutazione delle performances del processo innovativo così ottimizzato. Sebbene i risultati incrementali del processo saranno disponibili una volta realizzato lo strumento SW per il quale per ora, come previsto sono state definite le specifiche, già allo stato attuale il flusso informativo e documentale di gestione commesse, sebbene realizzato con strumenti tradizionali e non con il SW, è risultato molto più snello. Sul fronte commerciale GPT si è mossa presentandosi ai clienti con il nuovo driver commerciale: la disponibilità di una soluzione per la gestione del servizio offerto. GPT infatti, consapevole della tendenza del mercato sempre più spinta, secondo la quale il prodotto si qualifica con il servizio messo a disposizione dei propri clienti, ha presentato il servizio come un plus commerciale, un valore aggiunto sui prodotti realizzati. 10

11 CONCURRENT ENGINEERING PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVI PRODOTTI COMPLESSI Il progetto è stato gestito da tre aziende, appartenenti al macrosettore della meccanica, che adottano la stessa modalità produttiva della system integration e sono accomunate dagli stessi obiettivi progettuali e dalla stessa esigenza strategica di realizzare la massima coerenza tra l efficacia del sistema di relazioni con il cliente, l elevato livello H.T. della progettazione, l elevato grado di complessità strutturale del prodotto e l efficienza dei processi industriali. In particolare le tre imprese hanno inteso coniugare la complessità della progettazione/industrializzazione/ produzione/installazione con la riduzione progressiva del delivery time, fattore al quale gli scenari internazionali in cui operano sono particolarmente sensibili. TECNOKAR TRAILERS SRL MARCANTONINI SRL S.M.R.E. SPA L attività svolta ha consentito di verificare l articolazione delle formule imprenditoriali per procedere alla valutazione dei processi progettuali e industriali e di individuare modalità di implementazione della tecnica del concurrent engineering per migliorare l efficacia e l efficienza di tutte le imprese. Più puntualmente, sono stati ridisegnati i processi decisionali chiave delle imprese applicando le tecniche di concurrent engineering, sono stati ridotti i time-to-market e i lead time con evidenti ricadute in termini di riduzione dei costi e di customer satisfaction. I principali output conseguiti sono stati: l introduzione della nuova tecnica di concurrent engineering, l incremento dell efficienza e dell efficacia, la riduzione complessiva del lead time tra conferma d ordine e consegna del prodotto. #

12 SANITANET SRL U.JET SRL TECNOSANIMED SRL CRIMO ITALIA SRL DEFINIZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE AZIENDALE INTEGRATO CLIENTE - FORNITORE Sanitanet, rete di 5 imprese, primo esempio di contratto di rete nell ambito della realtà umbra, si pone l obiettivo di sviluppare e fornire prodotti e servizi integrati, completi ed innovativi per la sala operatoria e le strutture sanitarie. In questo ambito, la società si propone come unico interlocutore rappresentativo del network e delle sue capabilities nei confronti del mercato, dei centri di ricerca, delle istituzioni pubbliche e finanziarie al fine di sviluppare nuove opportunità di mercato, progettare e sviluppare prodotti/servizi integrati ed innovativi. Attraverso le tecnologie disponibili e le pluriennali competenze professionali maturate dai propri soci, il network può offrire servizi come: progettazione e produzione di set procedurali personalizzati per la sala operatoria (ferri, verde, dispositivi medici specialistici, etc.), gestione e manutenzione ospedaliera, consulenza ospedaliera. In sintesi un servizio di global service nel settore sanitario per la fornitura e gestione in outsourcing della sala operatoria innovativo e completo. In tale contesto Sanitanet ha individuato l opportunità di offrire ai clienti un servizio aggiuntivo, su cui tra l altro le strutture clienti mostrano delle criticità legate alla recente introduzione al loro interno di logiche di gestione aziendale, per tutta la parte inerente alla gestione delle scorte, del magazzino, degli ordini e della logistica. Il modello di gestione, oggetto del presente progetto, una volta implementato e validato, è stato tradotto in uno strumento SW con l obiettivo di essere messo a disposizione del cliente finale (ospedali, cliniche, etc.) permettendo di gestire la fornitura (di prodotti/servizi) integrata tra ospedale e network. Il progetto ha beneficiato anche, come naturale sviluppo di due progetti di ricerca e sviluppo condotti da due aziende del network Sanitanet, della sperimentazione di soluzioni RFId (Radio Frequency Identification) per la tracciabilità delle proprie forniture all interno delle strutture ospedaliere. Dal punto di vista del cluster, il nuovo modello organizzativo e informativo rappresenta a tutti gli effetti uno strumento gestionale funzionale all innovazione del processo di erogazione del servizio, costituendo di fatto un valore aggiunto all interno dell offerta del network. L idea progettuale nasce dall osservazione che in questo modo, oltre ad arricchire l offerta del network con un nuovo servizio, si offre all utilizzatore finale uno strumento in grado di interagire anche con il proprio sistema gestionale aziendale. Oltre a ciò, lo strumento è in grado di garantire una gestione ottimizzata dei rapporti tra Sanitanet (main contractor che gestisce all interno di un contratto quadro prodotti e servizi integrati ai clienti) ed i propri soci (in qualità di fornitori di prodotti e servizi). In particolare dal lato cliente, il nuovo servizio offerto da Sanitanet con il presente progetto offre benefici tangibili quali una gestione completa del magazzino, una gestione completa e integrata della sala operatoria, la possibilità di individuare il costo certo dell intervento, la possibilità di fornire una completa tracciabilità dei prodotti e la loro conseguente rintracciabilità. Il tutto attraverso una piattaforma web-based consultabile con immediatezza e facilmente adattabile a gestionali diversi e che costituisce al contempo sia un ampliamento consistente dell offerta esistente, sia un integrazione del rapporto tra cliente e fornitore. La traduzione del modello in SW consente ai clienti di gestire in totale autonomia il proprio magazzino, i propri ordini, la logistica e le consegne comportando un notevole risparmio in termini di risorse impiegate e minimizzando le problematiche inerenti alla gestione degli ordini ed alla loro corretta tracciabilità lungo il percorso interno alla struttura ospedaliera. Dal punto di vista del network, il progetto ha consentito di innovare il processo di gestione del cluster incrementando l efficienza delle procedure interne per l evasione degli ordini clienti e la qualità nell erogazione del servizio al cliente, rappresentando un valore aggiunto come servizio supplementare all interno dell offerta della rete. 12

13 LA CREAZIONE DI MERCATI SENZA CONCORRENZA, IL RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO TRAMITE L APPLICAZIONE DELLA BLUE OCEAN STRATEGY (BOS) E EXPERIENCE CO-CREATION (ECC) OSMOSIT SRL INNET SRL NEXUS & SOCI SRL Il progetto vuole ridefinire la strategia di filiera del Cluster, andando a riprogettare gli obiettivi delle loro attività, inquadrando con maggior attenzione il focus dei clienti e definendo le attività organizzative in maniera efficace ed efficiente secondo una nuova visione strategica comune a tutta la filiera. Per fare questo si adotteranno metodologie innovative, BOS(1) e ECC(2), al fine di ridefinire l approccio delle aziende al mercato e disegnare nuovi processi di lavoro, che possano soddisfare i paradigmi di un nuovo approccio al mercato, declinato come una nuova strategia di azione che ha l obiettivo di differenziare la proposta commerciale rispetto ai concorrenti rendendola unica. Si dovrà creare un approccio esperienziale al cliente, enfatizzando il suo ruolo nel ripensamento di prodotti/servizi, di comunicazione, organizzazione e di gestione. (1) Blue Ocean Strategy (BOS) (2) Experience Co-creation (ECC) Il primo fronte è stato quello strategico, cioè avere la possibilità in maniera sistematica, di confrontare 3 modelli aziendali, che anche se storicamente conosciuti, per collaborazioni consolidate, hanno permesso un confronto permanente che a permesso condivisione e contaminazione di idee e metodi, che da un lato hanno arricchito competenze e dall altro hanno rafforzato i rapporti collaborativi, permettendo anche la valutazione di come le forme di aggregazione, per realtà medio piccole, diventino un vantaggio competitivo oramai imprescindibile per i nuovi mercati e modelli di business. Dunque piccolo e bello, ma se in rete con altri. Il secondo fronte è stato tattico, nel senso che le realtà aziendali, hanno avuto la possibilità di programmare azioni comuni sia mirate all ottimizzazione dei costi, sia alla possibilità di creare nuove possibilità di mercato, confrontandosi con pianificazioni comuni, azioni condivise e misurazione degli obiettivi, approcciando il tutto con metodologia, spesso lontana dai modelli organizzativi delle piccole imprese, ma che in termini di crescita professionale, ricoprono un grande valore, che potrà essere usato anche come vantaggio nel mercato. Il terzo fronte è stato quello operativo, che ha dato alle strutture operative la possibilità di avere non solo un confronto sugli aspetti quotidiani, ma di avere una visione condivisa di strategia e di mercato, che hanno reso più partecipe al progetto tutti i collaboratori. In conclusione il vantaggio del cluster è stato quello di creare un gruppo fatto di squadre che ora ha condiviso una strategia a medio lungo termine, che potrà presentarsi al mercato anche con maggiore forza ed organizzazione, rispondendo in maniera più reattiva alle dinamicità dei clienti. #

14 MADE IN ITALY ALTA GAMMA M.M. SAS DI GIORGETTI DOMENICO E FABRIZIO & C AGOS GROUP SRL Il progetto ha avuto come obiettivo quello di verificare soluzioni innovative di vendita dei prodotti delle imprese partner, attive una nel settore della produzione di maglieria di alta gamma e l altra nella commercializzazione e realizzazione di mobili per uffici e negozi e nell allestimento di spazi interni. In particolare è stata analizzata la fattibilità e l appetibilità sul mercato cinese di un nuovo concept di prodotto integrato. Entrambe le aziende partecipanti al cluster, infatti, avevano da tempo individuato la necessità di aprire nuovi sbocchi di mercato ed offrire proposte innovative per veicolare i propri prodotti nei mercati internazionali. Hanno, pertanto, individuato l opportunità di mettere a sistema le proprie competenze ed il proprio know how e presentarsi a nuovi o già fidelizzati clienti nel mondo con un prodotto innovativo: uno shop di maglieria italiana progettato insieme ai clienti su una piattaforma on-line, realizzato con allestimento fornito dalla società produttrice di mobili ed organizzato con una selezione di capi di maglieria Italian style. Il principale risultato ottenuto è rappresentato dalla progettazione della piattaforma on-line che consentirà lo studio e il disegno tecnico del negozio di maglieria Italian style in sinergia tra cliente e fornitori. Il progetto ha quindi permesso di verificare la fattibilità di una soluzione innovativa di vendita dei prodotti in forma integrata da parte delle imprese partner e ha posto le basi per l avvio della proposta sul mercato cinese del nuovo concept di prodotto progettato, con immediate ricadute sull apertura di nuovi sbocchi di mercato. Grazie al piano di sviluppo commerciale definito, inoltre, sarà possibile completare la filiera attraverso una più immediata individuazione di potenziali partner che si vadano a collocare quale ultimo anello della catena. Ne deriva quindi una più ampia diversificazione produttiva, nonché un ampliamento della gamma di clienti serviti, con la possibilità di replicare il progetto in altri mercati internazionali. Il progetto attuato in Cina può, in altre parole, rappresentare un progetto pilota da poter replicare in altre parti del mondo. Già da ora sono facilmente ipotizzabili altri paesi in cui sarà possibile utilizzare lo stesso modello: si tratta, in particolare, dei Paesi fortemente attratti dal Made in Italy e dal lusso, come gli Emirati Arabi, la Russia, l India ed il Brasile. 14

15 MAGLIERIA TAGLIATA CARDINALINI & C. SPA STERNE INTERNATIONAL SPA Il progetto ha riguardato la realizzazione di un prodotto in maglieria tagliata integrando le tecnologie della maglieria e delle confezioni attraverso un innovativa cross-fertilization tra le due. Più puntualmente, il progetto si è focalizzato sulla realizzazione di un processo produttivo di maglieria tagliata : a partire dal telo in maglieria, e a seguire con la confezione del capo finito. Ulteriore elemento di cross fertilization è stato il diverso posizionamento strategico delle imprese: fornitrice di brand internazionali la prima (B2B), affermato brand la seconda (B2C). L attività svolta ha consentito di progettare un prodotto di maglieria tagliata che supera l attuale dicotomia tra le tecnologie della maglieria e delle confezioni, integrandone i processi. Più puntualmente, gli output sono stati i seguenti: sperimentazione sul campo di nuove tecniche di co-design e co-makership tra aziende, superamento della delicata fase del rimaglio ad alto contenuto manuale, conseguente incremento del margine di contribuzione del prodotto, realizzazione di prototipi. #

16 NUOVE CHIAVI PER L INNOVAZIONE Il progetto ha avuto l obiettivo di trovare soluzioni condivise per un cluster di piccole e medie imprese umbre del settore della meccanica che si sono trovate accomunate dall esigenza di individuare soluzioni, innovative ed efficaci, volte a rendere il proprio processo produttivo ed organizzativo più efficiente. Per essere realmente competitivi in un mercato fortemente globalizzato, oggi più che mai, non è sufficiente il possesso di alta tecnologia: la capacità di generare innovazione ed un organizzazione efficiente non sono solo fattori di successo, ma influiscono in maniera assolutamente determinante. La finalità che ha mosso le aziende, quindi, è stata quella di trovare insieme e condividere nuovi modelli organizzativi e nuove strategie per acquisire elementi utili a rendere il tessuto delle imprese umbre del settore della meccanica un punto di riferimento dei big player internazionali, non solo per la produzione di componenti, ma anche per la progettazione di prodotti. Per il raggiungimento dell obiettivo comune, il progetto ha previsto l attivazione di una consulenza altamente specializzata, resa da un team di professionisti con elevata esperienza nel settore, finalizzata alla definizione di un programma di interventi per favorire l innovazione di prodotto, di processo ed organizzativa all interno delle singole aziende. F.O.M.A.P. SRL MIAL F.LLI MASSINI SRL BRUFANI MARIO &C. SNC OFFICINA MECCANICA CASAGRANDE SRL I.M.S. INOX METAL SYSTEM SRL TECNOKAR TRAILERS SRL FALUOMI SRL OFFICINA MECCANICA CICIONI GIAMPAOLO SAS VANGHETTI SRL MAZZOCCHI GIAMPAOLO CERASA MECHANICS SRL WORK MEC SNC MOVIMAC SRL COSTRUZIONI MECCANICHE CASTELLANI SRL TECNOMECCANICA MAGRINI SRL A.M.FERROTECNICA SRL MAMBRINI OLEODINAMICA SRL UMBRA PACKAGING SRL PERSICHETTI STAMPI SRL ELETTROMIL SRL A seguito di un check up personalizzato, finalizzato ad individuare le esigenze specifiche di ciascuna impresa del cluster, è stato definito un Programma operativo di interventi tagliato su misura della singola realtà aziendale, volto al raggiungimento di importanti obiettivi in termini di efficienza, nonché all individuazione di nuove opportunità legate all innalzamento del livello di innovazione e competitività. Tutte le imprese del cluster hanno quindi ottenuto, da un lato, un supporto qualificato in materia di ottimizzazione delle risorse disponibili, per l eliminazione di qualsiasi tipo di spreco; dall altro, un programma specifico di interventi finalizzati a mettere in atto, sulla base delle peculiarità e delle potenzialità di ciascuna, percorsi di innovazione di prodotto, di processo o di organizzazione, che possano consentire di raggiungere livelli competitivi più elevati. E stato quindi costituito un benchmark di riferimento con le migliori prassi evidenziate all interno del cluster ed è stata condivisa una approfondita analisi finalizzata a verificare le possibili direttrici per introdurre nuove chiavi per l innovazione e traghettare il tessuto delle imprese della meccanica in ambiti più competitivi e più rispondenti alle complesse dinamiche del mercato. 16

17 HEAT - TAVOLO RISCALDANTE PER SPAZI DEHORS Il progetto di innovazione si pone l obiettivo di integrare le competenze specifiche delle imprese partecipanti al fine di progettare e sviluppare HeaT, un innovativo tavolo riscaldante per spazi dehors (spazio esterno di pubblici esercizi, es. bar, ristoranti, ecc). L ipotesi iniziale del nuovo prodotto, destinato ad un mercato internazionale, consiste in un tavolo dal design ricercato ma con elevate possibilità di personalizzazione al fine di poter essere un elemento pubblicitario e di veicolazione del brand. Per quanto riguarda la funzione riscaldante, il funzionamento si basa su una miscelazione di aria fredda aspirata dall ambiente con una adeguata quantità di calore generata da una combustione ecologica. Lo studio accurato della fluidodinamica del sistema riscaldante e del layout del prodotto permette la creazione di una zona temperata tale da rendere piacevole l utilizzo delle aree esterne anche nelle stagioni fredde. DIGILITE SRL P-ZETA SRL Le imprese del cluster hanno realizzato tutti gli obiettivi inizialmente ipotizzati, nel dettaglio: Disporre delle competenze necessarie alla progettazione e sviluppo del prodotto: il cluster ha potuto disporre di un team multidisciplinare di consulenti in grado di progettare e sviluppare da zero il nuovo prodotto. Generare opportunità di business per le imprese partecipanti: Le aziende partecipanti dispongono ora di un prodotto esclusivo da proporre sia a nuovi clienti che attraverso attività di cross-selling ai clienti attuali con ricadute che al momento non sono prevedibili, ma che nei primi test hanno evidenziato una percentuale elevata di interesse. Utilizzo di innovative tecniche di Sviluppo Prodotto: Le imprese del cluster fino ad ora hanno realizzato prodotti in base alle specifiche richieste dei clienti e come realizzazioni uniche. Dispongono ora di una metodologia di sviluppo prodotto, avendola operativamente utilizzata, che potrà anche nel futuro permettere di realizzare anche in autonomia nuovi prodotti da lanciare o quantomeno di avere una chiara percezione del significato di sviluppare un nuovo prodotto. Rafforzare le capacità di analisi di mercato: Le imprese partecipanti dove la funzione marketing è svolta dal titolare non avevano fin ad ora operato un approfondita e metodica analisi di mercato per i propri prodotti, focalizzando l innovazione sul lato dell offerta di prodotti di terzi o su tecnologie esterne. L aver lavorato a stretto contatto con consulenti ha quindi generato nei titolari delle imprese del cluster un incremento delle capacità di reperire in maniera organizzata dati e informazioni necessaria ad assumere consapevoli decisioni strategiche in un mercato sempre più mutevole e meno prevedibile. Disporre di un prototipo funzionante del nuovo prodotto: Le imprese del cluster dispongono ora di un prototipo da poter presentare ai potenziali clienti. Le prime informali presentazioni hanno suscitato notevole interesse, pertanto la fase di lancio commerciale può essere ora agevolmente pianificata e realizzata. #

18 PROGETTO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DI UN CLUSTER DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI (EDILE E COMPONENTISTICA MECCANICA PER L EDILIZIA) IN BRASILE FALUOMI SRL EUROLEGNO SRL VANGHETTI SRL OFF. MECCANICA CICIONI GIAMPAOLO SAS R.G. DI RICCIONI PAOLI & C. SAS Negli ultimi anni l economia e la politica del Brasile sono radicalmente cambiate, rendendo il paese una stella nascente del Sud America. In particolare, il settore immobiliare - ed il suo indotto - sta rappresentando una sorta di effetto leva e moltiplicatore delle opportunità di profitto. Questo progetto trova forza nella comunione di intenti delle imprese del cluster, operanti in settori differenti (edile e componentistica meccanica per l edilizia) ma accomunate dalla presenza di competenze e specializzazioni tra loro complementari: esse rappresentano a tutti gli effetti una filiera verticale nel settore delle costruzioni ed hanno maturato una forte propensione ad individuare sinergie strategiche tese a valorizzare e rafforzare le singole realtà attraverso la ricerca di nuovi mercati. Le imprese hanno voluto, tramite il progetto, ricercare il supporto di consulenti con consolidata esperienza e professionalità in materia di internazionalizzazione delle PMI, legislazione internazionale, pianificazione economico/finanziaria e contrattualistica, per: 1. verificare le opportunità e le minacce, i rischi ed i benefici di un progetto di ingresso e penetrazione nel mercato obiettivo; 2. dotarsi di un piano strategico di sviluppo condiviso, teso individuare linee di intervento, strumenti e modalità operative efficaci per posizionare stabilmente il cluster nel mercato brasiliano; 3. ricercare opportunità di partnership ed entrare in contatto con interlocutori, privati ed istituzionali, che possano favorire la realizzazione del progetto; 4. individuare le modalità più idonee per promuovere il valore del Made in Italy nel settore delle costruzioni quale fucina di produzioni di qualità, innovazione e design, classico e contemporaneo. I risultati ottenuti sono sintetizzabili nei seguenti aspetti: è stato aperto un nuovo significativo canale in un mercato particolarmente dinamico e molto propenso al design Made in Italy e alla sua qualità, dove, operando con i giusti presupposti, per le imprese italiane possono esserci importanti opportunità di sviluppo; grazie all aggregazione, le imprese hanno sperimentato un approccio organizzativo nuovo che potrà comunque produrre notevoli benefici sia produttivi che commerciali. Il progetto ha permesso di testare e misurare il valore dell offerta collettiva, avendo aggregato, in maniera innovativa, aziende appartenenti a settori differenti, dove non sussistono precedenti esperienze di network. Il progetto viene identificato dalle imprese del cluster come il primo step di un più ampio programma che ha come obiettivo l internazionalizzazione quale crescita e consolidamento della loro azione sui mercati esteri. Questo permetterà di orientare anche altre imprese a scegliere di aggregarsi al network, con prodotti differenti e in grado di completare l offerta attuale. Il percorso quindi è tutt altro che concluso: la valutazione fortemente positiva di quanto si sta realizzando in termini di contatti nel mercato brasiliano, nel medio periodo, lascia presagire ricadute positive in termini di crescita del fatturato ed un aumento significativo della competitività collettiva e individuale. Un rilevante vantaggio commerciale deriva dall ideazione da parte del network di un offerta integrata, modulare e personalizzabile, in funzione delle specifiche esigenze di potenziali committenti/partner locali. 18

19 GREEN LEARNING La Direttiva 2010/31/CE prevede che entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a energia quasi zero. Inoltre, tutte le normative nazionali e regionali così come le direttive comunitarie dedicate al settore del risparmio energetico e della produzione di energia da fonti rinnovabili individuano nel settore dell edilizia un settore nel quale la riconversione delle imprese diventa sempre più un fattore strategico. A fronte di questi processi si assiste ad una scarsa capacità di risposta delle imprese costruttrici, di quelle artigianali e di quelle legate a tutta la filiera dell abitare. In Umbria il ritardo è particolarmente evidente essendo il mercato fortemente caratterizzato da imprese di piccole dimensioni. La formazione riveste un ruolo molto importante nel coprire i ritardi delle imprese, aiutandole nell acquisizione di nuovi saperi, di nuovi contenuti professionalizzanti, nella conoscenza di nuovi metodi costruttivi e nella ricerca di nuovi materiali e prodotti aiutando e favorendo una riconversione ecologica del settore. Il progetto Green Learning opera quindi in un campo dove la capacità di lettura dei nuovi fabbisogni formativi, della loro trasformazione in proposta formativa e l aggiornamento nelle pratiche di erogazione dei contenuti ha spesso incontrato difficoltà dovuta alla pervasiva separatezza tra gli erogatori di formazione. Questo elemento ha SUPERFICIE 8 SRL POLO INFORMATICO SRL PONTI ENGINEERING SOC. CONS. A R.L. contribuito a proporre un offerta che invece di anticipare alcune tendenze di settore le ha solo successivamente accompagnate. Il progetto ha voluto invece costruire quella sinergia tra diverse imprese (di formazione e delle nuove tecnologie) che con la loro integrazione hanno collaborato allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi e alla realizzazione di un piano strategico di commercializzazione. Il progetto si è posto dunque l obiettivo principale di contribuire allo sviluppo di una nuova cultura del costruire attraverso lo sviluppo di un offerta formativa innovativa, sia nei contenuti che nei metodi, individuata attraverso un approfondita analisi dei fabbisogni di tutta la filiera orizzontale e verticale del settore dell edilizia operando una classificazione uniforme dei profili professionali. Suddetto obiettivo è stato conseguito attraverso: lo sviluppo e l implementazione di una Piattaforma di e-learning per l erogazione della formazione in FAD, da utilizzare sia per l aggiornamento professionale che per la prima formazione; Portale per la promozione e commercializzazione dei prodotti/corsi realizzati. 1. Catalogo dell offerta formativa specialistica per l aggiornamento e la preparazione professionale degli addetti del settore dell edilizia sostenibile. L approfondita analisi dei fabbisogni formativi di tutta la filiera, orizzontale e verticale, del settore dell edilizia è stata sintetizzata in un rapporto di ricerca in cui sono state individuate le nuove e innovate competenze settoriali e i gap da colmare per fornire risposte coerenti alle future richieste da parte del mercato. L identificazione delle competenze ha permesso la loro scomposizione in contenuti di conoscenza e la successiva individuazione dei contenuti didattici per la formazione delle nuove competenze e delle nuove figure professionali richieste dal settore. Tale attività ha quindi consentito la costruzione di un impianto formativo destinato al settore dell edilizia e agli altri settori collegati. La costruzione del catalogo è stata realizzata seguendo un impostazione che ne permettesse l effettiva possibilità di frequenza per soggetti impegnati da un punto di vista lavorativo per cui i singoli corsi sono tutti di breve durata (max sei ore di impegno didattico) e sono stati pensati per un percorso asincrono. 2. Piattaforma di e-learning. La piattaforma e-learning, implementata per il progetto Green Learning, offre un ambiente formativo efficace, di semplice utilizzo e dalle molteplici funzionalità, consentendo un elevato livello di personalizzazione. Ciò grazie anche all impiego del cloud computing che rende la piattaforma adattabile alle diverse esigenze, rendendo i corsi disponibili sempre e ovunque, utilizzando una connessione web e un qualsiasi computer desktop o dispositivo mobile. È inoltre dotata di un interfaccia intuitiva che mette a disposizione, in un unica pagina, tutto quello di cui gli utenti hanno bisogno, offrendo così un esperienza formativa di livello superiore. Al suo interno è possibile trovare il catalogo di corsi di formazione, rivolti al settore dell edilizia sostenibile, disponibili attraverso contenuti multimediali (video, slide, etc.) e fruibili in modalità asincrona e sincrona grazie ai sistemi di video conferenza o chat. 3. Portale per la promozione e commercializzazione dei prodotti/corsi realizzati In questo portale si trovano informazioni utili sul mondo della green economy e l accesso diretto alla Piattaforma attraverso nozioni e corsi riguardanti la bioedilizia e il settore delle costruzioni in generale. #

20 SEDUTE E COMPLEMENTI DI ARREDO IN MODULI DI CARTONE ONDULATO FUSTELLATO I mobili e i complementi di arredo in cartone ondulato sono uno dei trend del momento, sia per l arredamento d interni sia per gli allestimenti. L obiettivo del progetto è la realizzazione di una collezione di mobili e complementi di arredo in cartone ondulato quali sedie, poltroncine, poltrone, divani, tavolinetti, progettati secondo i canoni del design industriale, con la caratteristica di poter essere composti dall assemblaggio di multipli di 4/5 moduli base realizzati con la tecnologia della fustellatura, assemblabili secondo le configurazioni desiderate dall utente finale. Realizzare questi prodotti partendo dall utilizzo di 4/5 piccoli sotto-moduli di base ripetuti, è una grande innovazione che potrà permettere di produrre tramite l economica tecnologia della fustellatura, di stoccarli e spedirli in maniera molto più razionale dunque meno costosa e abbattere totalmente i costi di pre-montaggio/incollaggio che potrà essere eseguita dall utente finale. Gli oggetti potranno essere adattati secondo le necessità del cliente: semplicemente aggiungendo moduli, potrà decidere ad esempio la larghezza delle sedie, o aggiungere i braccioli a queste trasformandole in poltroncine o prendere tanti moduli per realizzare una poltrona o più moduli per un divano. B-TRADE SRL FUSTELLIFICIO MM DI MINCIARONI & C. Grazie al progetto due aziende umbre hanno collaborato per un obiettivo comune e per ambedue i risultati sono stati raggiunti: b-trade avrà una collezione di prodotti che già piacciono moltissimo e saranno molto competitivi a livello di prezzo, funzionalità ed estetica, il fustellificio, è riuscito ad allargare le proprie competenze diventando fornitore anche di un azienda che non produce scatole. E in uscita un catalogo ufficiale del prodotto ed una campagna promozionale. L Università dei Sapori lo inserirà, come prodotto professionale, nel suo catalogo. 20

Un valido sostegno alle imprese toscane

Un valido sostegno alle imprese toscane Un valido sostegno alle imprese toscane Toscana Promozione ha come obiettivo quello di favorire la crescita sostenibile dell economia regionale attraverso il miglioramento della competitività del sistema

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi

Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi DOCUMENTO DI SINTESI DEL PROGRAMMA I-START 2012 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Umbria Innovazione, nell attuazione del Programma Istart ha realizzato nell ultimo anno

Dettagli

THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA

THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA ' LA FAMIGLIA, LE PERSONE, I VALORI, IL BRAND, LA TECNOLOGIA, I MERCATI... RAFFIGURAZIONE DI UN AZIENDA ' AL PASSO CON I TEMPI GD DORIGO rappresenta una delle

Dettagli

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it www.a4dc.it A4 Design @Design_A4 Progetto promosso e curato da A4Design Nata dall intesa

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ORANGE TIRES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

SISTEMA ACQUISIZIONE ORDINI COLOR

SISTEMA ACQUISIZIONE ORDINI COLOR SISTEMA ACQUISIZIONE ORDINI COLOR ColOr White Paper Rev. 1.3 Technosoft s.n.c CARATTERISTICHE GENERALI ColOr è un sistema informatico specificamente progettato ed implementato per l acquisizione e la gestione

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

UNA NUOVA VISIONE, UN NUOVO FUTURO CON epower

UNA NUOVA VISIONE, UN NUOVO FUTURO CON epower UNA NUOVA VISIONE, UN NUOVO FUTURO CON epower Made In Italy INTERNAZIONALIZZAZIONE epower Business Solutions & International Consulting Contatto: epower Synergies Europe, Srl Riccardo P. Coles Corso di

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA 1 Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura professionale tecnica,

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE è confermata al dr. Paolo GAGLIARDO, con le specificazioni di seguito riportate. Alle dirette

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

L evoluzione dell e-commerce per la Moda. web: www.cesaweb.it. www.evofashion.it

L evoluzione dell e-commerce per la Moda. web: www.cesaweb.it. www.evofashion.it 1 L evoluzione dell e-commerce per la Moda web: www.cesaweb.it www.evofashion.it Che cos è l E-Commerce? 2 L e-commerce è prima di ogni cosa : COMMERCIO Conoscenza del mercato: fornitori, prodotti e clienti

Dettagli

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito.

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. CATALOGO CORSI 2013/2014 INDICE AREE CORSI Area Commerciale e Marketing Area Innovazione PAG 04 PAG 07 Area Organizzazione e Risorse Umane Area Economico

Dettagli

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Fondimpresa Avviso 5/2015 Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Sintesi dei Piano Il Piano PointConnecting" coinvolge aziende del territorio campano, accomunate da piani di investimento volti

Dettagli

Etexia: Ingegneria per l Energia

Etexia: Ingegneria per l Energia Etexia: Ingegneria per l Energia I PARTE: Company Profile II PARTE: E 2 MAP Etexia Energy Management Protocol BIOMASSA FOTOVOLTAICO/SOLARE EOLICO POMPE DI CALORE ILLUMINAZIONE ENERGIA DOMOTICA Pag.2 I

Dettagli

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali L erp de Il Sole 24 ORE L INNOVAZIONE CHE FA CRESCERE LA TUA AZIENDA Controllare e snellire tutti i processi aziendali Il miglioramento dell efficienza aziendale si ottiene anche con nuovi strumenti di

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

TRADE MARKETING AND CATEGORY MANAGEMENT Prof. Sandro Castaldo Prof. Marco Rindone

TRADE MARKETING AND CATEGORY MANAGEMENT Prof. Sandro Castaldo Prof. Marco Rindone TRADE MARKETING AND CATEGORY MANAGEMENT Prof. Sandro Castaldo Prof. Marco Rindone Federica Ciccone (1729474) Riccardo Esposito (1536564) Linda Grisanti (1521889) Luciano Latina (1495423) Alessandro Norrito

Dettagli

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Relazione progetto Energy World Network: il franchising delle energie rinnovabili

Relazione progetto Energy World Network: il franchising delle energie rinnovabili : il franchising delle energie rinnovabili 1 : il franchising delle energie rinnovabili 1. Presentazione della Energy World srl La Energy World srl è un azienda giovane, dinamica, specialista dell energia

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE PIAIG PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE IMPRESE GIOVANILI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

ALYANTE Enterprise. Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta

ALYANTE Enterprise. Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta Con l esperienza del canale ACG per gestire Dimensione e Complessità aziendale 1 Indice TeamSystem 2 ACG 4 POLYEDRO 6 ALYANTE

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero (TAC)

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero (TAC) 5.1.2.2.0 ommessi delle vendite al minuto Le professioni comprese in questa unità assistono, consigliano e informano i clienti sugli acquisti di prodotti e la fornitura di beni, inclusa la fornitura di

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci

PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci Le aziende manifatturiere, per meglio competere, si sono organizzate secondo il modello della filiera estesa, una modalità operativa in cui

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY TECNICO SUPERIORE RETAIL E MARKET INTELLIGENCE SETTORE MODA-CALZATURA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura

Dettagli

ELENCO AZIENDE SETTORE TIPOLOGIA FATTURATO COSA RICHIEDONO 800.000 900.000

ELENCO AZIENDE SETTORE TIPOLOGIA FATTURATO COSA RICHIEDONO 800.000 900.000 ELENCO AZIENDE SETTORE TIPOLOGIA FATTURATO COSA RICHIEDONO Moto Produzione / 1.100.000 commerciale Assemblaggio moto e minimoto Abbigliamento Produzione e 120.000 Showroom sartoriale maschile Servizi alle

Dettagli

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria La suite a supporto dell Associazione di Categoria che si rinnova Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu L evoluzione delle associazioni

Dettagli

You need the blue way to grow your business

You need the blue way to grow your business Per entrare in un nuovo mercato, e raggiungere nuovi obiettivi bisogna conoscere la strada migliore da seguire. Noi sappiamo come gestire al meglio la tua organizzazione, personalizzandola e aiutandoti

Dettagli

Le esperienze vissute in oltre 30 anni, hanno creato la convinzione che quanto fatto sino ad ora possa definirsi solo un punto di partenza sul

Le esperienze vissute in oltre 30 anni, hanno creato la convinzione che quanto fatto sino ad ora possa definirsi solo un punto di partenza sul Moretti Spa nasce nel 1976 sull idea imprenditoriale dei tre fondatori: Fabrizio Fabbrini, Laura e Marco Cellai, e inizia la sua attività come distributrice di articoli sanitari delle più note marche presenti

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Business School since 1967

Business School since 1967 Business School since 1967 Molte aziende importanti partecipano e contribuiscono allo sviluppo professionale delle figure che escono da questo Master. Il loro impegno accompagna gli allievi dall inizio

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna Le professioni comprese in questa unità raccolgono, controllano e archiviano la documentazione sulle merci esistenti, in entrata e in uscita

Dettagli

Profilo Aziendale. L energia del sole e l esperienza di un grande gruppo

Profilo Aziendale. L energia del sole e l esperienza di un grande gruppo Profilo Aziendale. L energia del sole e l esperienza di un grande gruppo SLOV Un percorso radioso che guarda al futuro L energia rinnovabile è un investimento per il futuro prossimo e per chi sceglie di

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

I ecommerce.biz. Dalla pianificazione all operatività, valorizza il tuo Business con i servizi dedicati all e-commerce

I ecommerce.biz. Dalla pianificazione all operatività, valorizza il tuo Business con i servizi dedicati all e-commerce I ecommerce.biz Dalla pianificazione all operatività, valorizza il tuo Business con i servizi dedicati all e-commerce INDICE I principali mercati internazionali Flusso d acquisto Swat analysis Team di

Dettagli

TRONY. Profilo dell insegna

TRONY. Profilo dell insegna TRONY Profilo dell insegna Chi è Trony La mission L offerta sul punto vendita E-Commerce e CRM Trony e i fattori di successo Il nuovo modello di vendita L importanza del personale di vendita La comunicazione

Dettagli

Istituto di Formazione per la Moda

Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Accademia del Lusso è l istituto italiano specializzato nella formazione di figure professionali per i principali settori della moda:

Dettagli

INNOVAZIONE E SVILUPPO IMPRESA

INNOVAZIONE E SVILUPPO IMPRESA FORMAZIONE PER L IMPRESA Titolo: CORSO AVANZATO SUI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Attività di docenza in aula + consulenza aziendale (Febbraio Marzo 2015) TEMA BASE : Nuovi strumenti per avvicinare

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi per i Dirigenti delle imprese della Distribuzione intermedia di beni di consumo non alimentari

Analisi dei fabbisogni formativi per i Dirigenti delle imprese della Distribuzione intermedia di beni di consumo non alimentari Analisi dei fabbisogni formativi per i Dirigenti delle imprese della Distribuzione intermedia di beni di consumo non alimentari ALCUNE IPOTESI FORMATIVE PER COMPARTO E TRASVERSALI Pagina 1 di 27 INDICE:

Dettagli

L evoluzione dell e-commerce per la Moda. web: www.cesaweb.it. www.evofashion.it

L evoluzione dell e-commerce per la Moda. web: www.cesaweb.it. www.evofashion.it 1 L evoluzione dell e-commerce per la Moda web: www.cesaweb.it www.evofashion.it Che cos è l E-Commerce? 2 L e-commerce è prima di ogni cosa : COMMERCIO Conoscenza del mercato: fornitori, prodotti e clienti

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia L A B. 0 Vent anni di bassa produttività totale dei fattori sono la conseguenza di un'insufficiente capacità di reagire ai cambiamenti indotti dalla rivoluzione tecnologica, puntando con decisione su innovazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

LYNFA Azienda Il filo diretto che rafforza il legame tra azienda e studi professionali

LYNFA Azienda Il filo diretto che rafforza il legame tra azienda e studi professionali LYNFA Azienda Il filo diretto che rafforza il legame tra azienda e studi professionali Indice TeamSystem 2 POLYEDRO 4 LYNFA Azienda 8 Accessibilità, collaboration e funzionalità condivise 11 Aree funzionali

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 0 La metodologia Rilevanza per l impresal Innovatività Benefici di business Candidature 81 Imprese e PA finaliste 16 Imprese e PA vincitrici 6 1 Le categorie

Dettagli

Che cosa sottoponiamo alla vostra attenzione

Che cosa sottoponiamo alla vostra attenzione Che cosa sottoponiamo alla vostra attenzione Questa presentazione intende portare all attenzione dei soci di Habitech alcuni aspetti strategici dello sviluppo imprenditoriale, tenuti spesso in poco conto

Dettagli

AREACONSULTING & PARTNERS

AREACONSULTING & PARTNERS AREACONSULTING & PARTNERS AREA CONSULTING & PARTNERS Siamo una società attenta e dinamica orientata all attività di marketing, allo sviluppo commerciale nazionale ed internazionale e alla razionalizzazione

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen.

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen. Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico Presentazione Franchising www.sargreen.com info@sargreen.com 1 Sommario Il Franchising... 2 Mission Franchising... 2 Il settore

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

IDEA. Il marchio FREESTYLE hotels è un marchio registrato. Tutti i diritti riservati. pag. 1

IDEA. Il marchio FREESTYLE hotels è un marchio registrato. Tutti i diritti riservati. pag. 1 IDEA L idea innovativa nasce da un team operante nel settore turistico alberghiero e composto da R&D hospitality, società specializzata nella ricerca e sviluppo di opportunità di investimento turistico

Dettagli

Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova)

Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova) Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova) La storia Fusina è una piattaforma creativa di servizi di design

Dettagli

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Luca Fiorucci, Direttore Divisione FM, Cofely Italia Piergiorgio Marini, Direttore Purchaising Italia, Philip Morris Il CLIENTE: Philip

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

Il Business Plan per l Internazionalizzazione delle PMI

Il Business Plan per l Internazionalizzazione delle PMI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan per l Internazionalizzazione delle PMI RICCARDO CODA WWW STUDIORICCARDOCODA.COM 5 dicembre 2014 Milano - Il Business Plan strumento di analisi

Dettagli

Figura 1 Home page del sito www.italianmoda.com. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 Home page del sito www.italianmoda.com. Politecnico Innovazione 1 ITALIANMODA.COM S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ ItalianModa.com è un portale internet in lingua inglese totalmente dedicato alla promozione commerciale delle aziende italiane del Sistema Moda. Far incontrare

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010)

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010) PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it CLUSTER DEVELOPMENT POLICIES IN ITALY (Hanoi, UNIDO, 2010) PARTE 1: CHE COSA SONO I CLUSTER? Una concentrazione spaziale

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

Servizi di comunicazione e marketing

Servizi di comunicazione e marketing Servizi di comunicazione e marketing La creatività è contagiosa. Trasmettetela. Albert Einstein Sommario 2. Sommario 4. Come possiamo aiutarvi 6. Servizi creativi 8. Servizi digitali 10. Gestione stampe

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta

ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta 1 Indice TeamSystem 2 POLYEDRO 4 ALYANTE Enterprise 8 Accessibilità, collaboration e funzionalità condivise 11 1 Aree funzionali

Dettagli

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR 7 marzo 2011 Comunicato Stampa Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR Antonio Gentile, ex General Manager di Qurius Italia, è ufficialmente entrato a far parte del team Altea a

Dettagli