SCEGLIERE UNO SCANNER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCEGLIERE UNO SCANNER"

Transcript

1 Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento Vi forniremo le indicazioni utili alla scelta di uno scanner adatto al Vostro lavoro. rima di acquistare uno scanner dovete porvi la questione su quale utilizzo effettivamente intendete farne. Questa riflessione preliminare è fondamentale per individuare le caratteristiche del vostro futuro scanner che effettivamente rispondono alle vostre esigenze. Questi apparecchi infatti spaziano da fasce di prezzo estremamente abbordabili fino a cifre veramente rilevanti che nessun privato potrebbe (e vorrebbe) mai permettersi. Anche lasciando perdere gli scanner rivolti ai professionisti e alle aziende, tra tutti quelli pensati per il mercato consumer i requisiti e le caratteristiche sono abbastanza differenti e quindi sapere cosa esattamente si sta cercando diventa la premessa ineliminabile a qualsiasi decisione d acquisto. Ecco alcune delle domande che vi dovreste porre: Che tipo di immagini (disegni, fotografie, stampe, articoli di giornale, ecc.) ritenete di acquisire prevalentemente mediante lo scanner? Con quale frequenza settimanale (o giornaliera) fate delle scansioni? Quante immagini alla volta acquisite? Che dimensioni hanno queste immagini? Cosa scansionate di solito (immagini su supporto cartaceo, negativi di pellicola fotografica, diapositive, altro)? Avete già una buona esperienza nell utilizzo dello scanner? Intendete sottoporre le immagini acquisite a forti lavori di fotoritocco grafico o vi limiterete solo a migliorare l immagine lasciandola sostanzialmente com è? Che uso fate delle immagini acquisite da scanner? Questo è un primo livello di approfondimento delle vostre esigenze. A un secondo livello dovete chiedervi quali sono le specifiche del PC a cui connetterete lo scanner. Ad esempio domande come: Che sistema operativo impiega? Che configurazione hardware ha (RAM, processore, hard disk, ecc.)? Che porte di connessione ha disponibili (SCSI, USB, FireWire, ecc.)? Una volta data la risposta a questa lista di punti, potrete andare a guardare le caratteristiche degli scanner e scegliere quelli più idonei a soddisfare le vostre reali esigenze, elevando al massimo il rapporto qualità/prezzo del vostro acquisto. In sostanza, le caratteristiche che dovete considerare sono: la tecnologia costruttiva dello scanner e il tipo di sensori il formato la risoluzione la profondità del colore (o bit per colore)

2 l intervallo dinamico la compatibilità hardware e le porte di connessione richieste eventuali software integrati. Prima di tutto, però, dovete conoscere le linee essenziali della tecnologia con cui funziona uno scanner. Lo scanner è un apparecchio che trasforma un immagine fisica, per esempio una foto, un disegno o anche una diapositiva o un foglio di giornale, in un formato digitale, che può essere memorizzato e rielaborato da un computer. Il processo che viene attuato viene definito campionamento. Capire cos è e come si effettua un campionamento è preliminare alla comprensione del funzionamento generale di ogni tipo di scanner. Campionare un immagine, in sintesi, significa tradurre l immagine in una specie di mosaico di singoli punti ciascuno dei quali definito da valori numerici. Ciascun valore rappresenta un colore e l insieme di tutti i punti rappresenta più o meno fedelmente l immagine. Proviamo a entrare un po più in dettaglio, per vedere come il campionamento avviene e quali aspetti entrano in gioco per valutare le caratteristiche di ciascuno scanner. Ogni immagine che l occhio umano percepisce è di tipo analogico, ossia un insieme infinito di punti luminosi che vengono percepiti senza soluzione di continuità a rappresentare un quadro visivo unico. Il computer, per quanto potente possa essere, deve sempre avere a che fare con insiemi finiti di informazioni, e per di più queste informazioni sono di un unico tipo: successioni di 0 e 1, ossia, potremmo dire, di interruttori aperti e chiusi. Come si può trasformare un immagine in una successione di 0 e 1? Il primo passo è trasformare l immagine in una specie di mosaico di singoli punti luminosi, grande quanto si vuole ma comunque finito. E come se venisse applicata sull immagine una griglia quanto più fine possibile a suddividerla in un numero elevatissimo di singole caselline quadrate, ciascuna delle quali contenente un unico colore. La somma di tutte queste, come in un mosaico, produce un immagine completa, e se il numero delle caselle è sufficientemente alto l occhio non riesce più a percepire la presenza della griglia. La finezza della griglia (o raster) è la risoluzione con cui viene campionata l immagine e ogni casella viene denominata pixel. La risoluzione stessa si misura in ppi (pixel per inch) o dpi (dot per inch). Più è elevato questo valore più l'immagine è rappresentata in modo dettagliato e quindi la scansione è di qualità. Non basta: ciascun pixel ha un proprio colore. La quantità di colori che ciascun pixel può assumere è denominata profondità di colore (o bit depth). Anche qui, più alta è la profondità di colore, meno l occhio umano avrà modo di notare una differenza tra l immagine originale e quella che risulta dal suo campionamento. Questo valore viene espresso in bit, dove 1 bit significa 2 valori, 2 bit 4, 3 bit 8 (insomma ogni bit è una potenza successiva di 2). Ogni colore possibile può essere ottenuto dalla combinazione di tre fondamentali: il rosso, il verde e il blu. Normalmente 16 bit è una profondità accettabile per ciascuno di questi colori fondamentali (si ottengono varianti di colore) e quindi unendo i tre fondamentali con questa profondità si ottiene una profondità a 48 bit complessivi (ossia di colori!) di molto superiore a quella che lo stesso occhio umano anche allenato è in grado di distinguere. Questi livelli di profondità però sono utili nelle fotografie professionali in cui la resa di dettaglio deve consentire interventi differenzianti infinitesimali, per particolari processazioni delle immagini. A chi fa un uso casalingo, invece, già 24 bit sono sufficienti. Sostanzialmente quindi un immagine reale viene tradotta in una sequenza di valori numerici: un valore per ciascun punto della griglia, scelto tra un insieme di colori possibili a rappresentare il colore originale. Ciascuno di questi valori viene poi tradotto in una successione di 0 e 1 che lo rappresenti. Ovviamente, maggiore è la risoluzione maggiore è la dimensione del file risultante. Lo stesso vale per la profondità di colore: a parità di risoluzione un documento acquisito con una profondità di colore superiore avrà una dimensione in byte maggiore. Un altro parametro da tenere in considerazione è l intervallo dinamico (detto anche intervallo di densità, dynamic range). E la differenza tra il massimo livello di nero e il massimo livello di bianco che lo scanner è in grado di cogliere. I sensori di nessuno scanner infatti possono percepire i valori limite dello 0% e del 100% di

3 nero. Ogni scanner può leggere da un livello minimo a un livello massimo con una serie di valori intermedi definiti dalla profondità di colore. L intervallo dinamico è la differenza tra il valore massimo e il valore minimo di luminosità che lo scanner riesce a rilevare. Vediamo adesso come funziona uno scanner dal punto di vista tecnologico. Il campionamento viene effettuato da due dispositivi: un gruppo optoelettronico che rileva i colori presenti sul documento in scansione e li traduce in segnali elettromagnetici e un convertitore analogico-digitale che associa a ciascun tipo di segnale un valore numerico. La classificazione che si fa degli scanner si fonda sulla modalità di lettura del documento, ossia come il documento stesso entra in rapporto, per così dire, con il gruppo optoelettronico affinché quest ultimo possa acquisirne il contenuto. Uno scanner piano In questo senso si distinguono cinque tipi di scanner: a ripresa in piano (o semplicemente piano) a tamburo a inserimento di fogli per pellicola a mano. Gli scanner piani impiegano un gruppo optoelettronico che scorre parallelamente al documento, mentre questo rimane immobile su un piano orizzontale. Il gruppo è composto da una lampada fredda che emette luce bianca (nei primi apparecchi era una lampada a neon, oggi sostituita da lampade allo xenon o da una lampada fluorescente a catodo freddo). Il fascio luminoso, man mano che investe progressivamente il foglio, viene raccolto da un sistema di lenti che lo suddivide in tre componenti fondamentali (anche in questo caso il il rosso, il verde e il blu). Queste vengono indirizzate ai sensori che possono essere di due tipi: CCD (Charge Coupled Devide), negli apparecchi di maggior pregio, o CIS (Contact Image Sensor), anche se in effetti i CIS sono sempre meno impiegati e stanno diventando rapidamente desueti.

4 Uno scanner piano Il numero di sensori per pollice definisce la risoluzione ottica dello scanner misurata in ppi (o dpi) (è il primo dei due numeri che identificano la risoluzione dello scanner nelle specifiche tecniche: in uno scanner 1200x2400 la risoluzione ottica è 1200 ppi). Sostanzialmente determina la sottigliezza della griglia di punti colorati in cui l immagine viene rappresentata ed è chiamata anche risoluzione orizzontale o risoluzione-x. Naturalmente, più è elevato questo valore, migliore sarà la qualità dell immagine aquisita e la corrispondenza all originale. Un altro parametro importante è il numero di passi fatti in un pollice dal gruppo optoelettronico. Come si diceva il gruppo optoelettronico è largo quanto tutto il documento (o anche di più) e si sposta parallelamente al foglio percorrendolo in tutta la sua lunghezza. La risoluzione orizzontale dipende dal numero di sensori montati sul gruppo optoelettronico. Man mano che questo va avanzando lungo il foglio è come se venisse scattata una fotografia a ogni passo avanti. Più fotografie vengono scattate più elevata è la risoluzione verticale dell immagine. Questo valore viene definito la risoluzione meccanica (o risoluzione-y) dello scanner ed è il secondo che viene indicato quando viene data la risoluzione dello scanner (in uno scanner 1200x2400 la risoluzione meccanica è 2400 ppi). Alcuni scanner presentano una risoluzione ottica inferiore rispetto a quella meccanica. Significa che in verticale lo scanner registra più informazioni di quelle che è in grado di registrare in orizzontale. E come se si volesse sostanzialmente creare un mosaico con tessere rettangolari, più larghe alla base e con un altezza ridotta. Questo però contrasta con la logica generale del campionamento, per cui ciascun pixel ha forma quadrata. Qual è allora il senso di un indicazione del genere? Bisogna riferirsi sempre al valore della risoluzione ottica: è la risoluzione ottica infatti che fornisce le reali informazioni. Se però lo scanner riesce a dare più informazioni in verticale, allora si può aumentare mediante un calcolo artificiale il valore orizzontale, semplicemente tramite un algoritmo che tra due pixel adiacenti ne aggiunge un altro (o più d uno) con valori di colore intermedi tra i primi due. Questo processo si chiama interpolazione ed è un modo per dare immagini a più elevata risoluzione rispetto a quella effettivamente rilevata dai sensori. Nell acquisto di uno scanner, però, bisogna tenere presente sempre soltanto il valore della risoluzione ottica, ossia il numero di pixel reali, perché quello derivante da interpolazione (conseguente a un valore di risoluzione meccanica più alto di quella ottica) in realtà non dà una reale riproduzione dell immagine ma una sua ricostruzione virtuale, che si traduce in un immagine meno nitida e più sfocata. Le informazioni che vengono rilevate dai sensori e trasformate in segnali elettromagnetici vengono successivamente inviate al convertitore analogico-digitale che li trasforma in valori numerici, ossia in sequenze di 0 e 1 che poi vengono inviate al PC mediante la porta di connessione. Proprio la qualità del convertitore determina la profondità di colore. Migliore è il convertitore, meglio sarà in grado di identificare delle varianti di colore aumentando la verosimiglianza della rappresentazione dei colori dell'immagine acquisita con lo scanner.

5 Negli scanner a tamburo il gruppo optoelettronico è fermo rispetto al documento, mentre questo viene disteso intorno a un rullo rotante. Un fascio di luce bianca viene sparato sul documento e un sensore al quale il raggio riflesso viene indirizzato separa la luce riflessa dal documento in tre componenti fondamentali (di solito il rosso, il verde e il blu). Ciascuna componente viene poi inviata a un fotomoltiplicatore (PMT, Photo Multiplier Tube) che trasforma il raggio luminoso in un segnale elettrico, che viene inviato a un convertitore analogico-digitale e da qui al PC. Uno scanner a tamburo Questi scanner sono impiegati a livello industriale, soprattutto nelle tipografie che necessitano di acquisire immagini ad altissima risoluzione. Attualmente si tende a sostituirli sempre più frequentemente con degli scanner piani, che sono molto più semplici da usare e nelle forme più tecnologicamente progredite hanno ormai raggiunto dei livelli qualitativi comparabili a quelli degli scanner a tamburo. Gli scanner a inserimento di fogli presentano un gruppo optoelettronico fisso e un sistema di rulli che fanno scorrere ciascun foglio davanti al gruppo optoelettronico stesso. In questo passaggio vengono investiti da un raggio luminoso la cui luce riflessa viene convogliata tramite le lenti sui sensori i quali li trasformano in segnali elettromagnetici. Da qui al convertitore analogico-digitale e poi al PC.

6 Uno scanner a inserimento fogli Sono sistemi che in alcuni casi possono raggiungere velocità di scansione straordinarie, per cui vengono di solito impiegati a livello aziendale dove ci sono necessità di archiviare digitalmente grandissime quantità di documenti. Gli scanner per pellicola sono finalizzati ad acquisire digitalmente il contenuto di pellicole fotografiche (negativi o diapositive). In questo caso il gruppo optoelettronico e i sensori non percepiscono la luce riflessa, ma quella che viene proiettata attraverso la pellicola stessa. Anche in questo caso poi, i dati vengono digitalizzati dal convertitore analogico-digitale e quindi inviati al PC. Uno scanner per pellicola Molti scanner piani prevedono anche la funzione di acquisire pellicole, benché la qualità risultante raramente sia eccellente. Gli scanner a mano sono degli scanner di dimensioni molto contenute che vengono fatti scorrere sul documento da acquisire per ottenere una scansione rapida anche se poco qualitativa. Il funzionamento

7 è sostanzialmente quello dello scanner a inserimento di fogli solo che in questo caso è l utente che deve trasportare manualmente l apparecchio sopra il foglio da scandire. Oltre alla bassa qualità ottenibile, il problema di questi scanner è che con documenti più larghi dello scanner riesce estremamente difficile operare una scansione complessiva apprezzabile, per cui si prestano per pagine di libri e fotografie di piccole dimensioni. Un interessante variante di questi scanner è lo scanner a penna (o pen scanner). E uno scanner molto piccolo progettato per acquisire frammenti di testo piuttosto che immagini. Passato sul documento in modo da seguire il testo che si vuole acquisire (come un evidenziatore, del quale peraltro ha la forma) proietta un piccolo fascio di luce che viene riflesso dal foglio e acquisito dal sensore. Quest ultimo, che non percepisce quasi mai i colori ma solo varianti di grigio, cioè di luminosità (in pratica lavora in bianco e nero), lo trasforma in segnali elettromagnetici e quindi lo passa al convertitore. Uno scanner a Un programma di OCR (ne parleremo più avanti) è capace di interpretare la forma delle immagini acquisite e far corrispondere a ciascuna un carattere di un programma per la videoscrittura. In sostanza le immagini vengono tradotte in simboli, ossia in oggetti che possono essere modificati come caratteri e non più come immagini. Trasmessi i dati acquisiti al computer possono essere aperti mediante un programma come Microsoft Word, e quindi essere utilizzati come del testo modificabile e salvabile come se l aveste scritto voi stessi. Una tecnologia meno diffusa (e anche meno qualitativa) di quella normalmente impiegata negli scanner è quella di sostituire il gruppo optoelettronico costituito da fascio elettronico e sensori CIS o CCD con un sistema a LED. Questa tecnologia è applicata prevalentemente agli scanner piani. I LED agiscono come sorgente di luce che, impiegando un assorbimento elettrico bassissimo, possono essere alimentati direttamente dalla porta USB o FireWire. Inoltre hanno una durata molto più lunga rispetto a quella delle lampade normalmente usate negli scanner e per via delle loro dimensioni estremamente ridotte permettono di realizzare apparecchi molto più sottili pur costando sensibilmente meno. Lo svantaggio principale è che la qualità delle immagini permette una ricchezza di colori abbastanza esigua e soprattutto un intervallo dinamico piuttosto stretto, rendendo questo tipo di apparecchi consigliabili solo per un uso non professionale. Di recente la Canon ha introdotto una tecnologia denominata VAROS (Variable Refraction Optical System) che permette di duplicare la risoluzione reale di uno scanner rispetto alla risoluzione ottica effettiva. Inserendo una lente particolare ad angolo variabile nel gruppo optoelettronico è possibile, per ogni posizione del carrello di acquisizione su cui è montato il gruppo, effettuare due acquisizioni successive, la prima su un punto e la seconda, spostando la lente di 0,7 gradi, su un punto immediatamente adiacente in orizzontale e equidistante tra quelli precedentemente raccolti da due

8 sensori confinanti. Insomma ogni singolo sensore può fare due diverse rilevazioni orizzontali aumentando di due volte la risoluzione. Ovviamente anche il carrello dovrà essere capace di una risoluzione meccanica all altezza di quella ottenuta con questa tecnica. Questo sistema trova buon impiego prevalentemente su scanner piani di fascia media. La velocità con cui lo scanner è capace di effettuare la scansione è un parametro importante. Uno scanner precisissimo e di elevatissima qualità, ma lentissimo potrebbe essere la scelta meno opportuna per chi dovesse avere in programma di acquisire ingenti quantità di documenti e immagini al giorno. In ogni caso è conveniente considerare sia l aspetto qualità che l aspetto tempistica, per acquistare un apparecchio che realmente risponde alle vostre esigenze in modo ottimale. Il formato dello scanner è un altra prerogativa da tenere in grande considerazione. Qual è la dimensione fisica massima di un immagine che dovete acquisire? Ogni scanner prevede una dimensione massima del foglio da sottoporre a scansione, per cui valutate con precisione quali formati il vostro scanner dovrà essere in grado di gestire. Il funzionamento di uno scanner non dipende soltanto dalla qualità hardware dell apparecchio che scegliete. Se questa è determinante per ottenere un risultato qualitativo nell acquisizione delle immagini, toccherà ad alcuni programmi di trattare e eventualmente rielaborare il documento che avete convertito in formato digitale. Ad ogni modo il driver dello scanner, ossia quel programma che pilota lo scanner e funge da interfaccia tra il PC e il dispositivo, quasi sempre include dei programmini che permettono un fotoritocco preliminare per ottimizzare la qualità della scansione. Software di scansione Quasi sempre, quando acquisite un immagine, alcuni paramentri della foto originale possono essere migliorati (per esempio se la foto è molto scura potreste desiderare che fosse più luminosa, o se i colori sono sbiaditi come in una vecchia polaroid potreste volerle ridare qualche ritoccatina). Inoltre, per ottenere un immagine acquisita in modo ottimale ci sarà da calibrare opportunamente il modo in cui lo scanner la rileva, ci sarà da scegliere la conveniente risoluzione e un opportuna profondità di colore e valutare le dimensioni del file risultante. Tutte queste operazioni vengono compiute da software di scansione specifici. Le operazioni di calibrazione preliminare dell immagine da acquisire vengono eseguite mediante il software fornito con lo scanner. Questo, oltre a pilotare correttamente tutte le varie funzionalità di base di uno scanner, fornisce solitamente un anteprima di scansione (a bassa risoluzione) tramite la quale è possibile avere un idea precisa del risultato del immagine che andrete a campionare per correggerne il risultato e avere un acquisizione quanto più perfetta possibile. Se per esempio vi accorgete che l immagine risultante è troppo chiara potete diminuirne la luminosità, mentre se la vedete troppo sbiadita e con i colori impastati potete provare ad aumentare il contrasto. Di solito i software di preparazione preliminare della scansione non permettono grandi interventi sull immagine, ma quelli che si possono fare quasi sempre bastano a generare un immagine digitale decente. Software per il fotoritocco Se i software di scansione sono già in grado di produrre un immagine quasi sempre ottimale, la maggior parte degli interventi più mirati vengono fatti attraverso dei software per il fotoritocco. Entrare nel dettaglio delle modifiche a un immagine che i software attuali sono in grado di generare porterebbe questa guida troppo lontano dal suo tema principale. Quello che basta sapere è che programmi come Adobe Photoshop, Corel Photo Paint o Jasc Paint Shop Pro offrono una quantità di strumenti di modifica delle immagini che vi può dare modo di trasformare radicalmente le vostre immagini per migliorarle in ogni loro particolare, o per cambiarle fino a farne delle opere d arte.

9 Ovviamente i risultati più sorprendenti dipendono dal vostro talento artistico, mentre vi basta conoscere un po del funzionamento del programma di fotoritocco per produrre dei risultati soddisfacenti anche se non avete l occhio di Andy Wharol. Se acquistate uno scanner, abbiate ben presente che è assolutamente opportuno dotare il vostro PC di un sistema per il fotoritocco di qualità, per sfruttare al massimo quello che lo scanner può permettervi di fare. Inoltre, se il vostro obiettivo è di rivoltare ogni immagine acquisita come un calzino, sottoponendola a grandi rielaborazioni grafiche, allora vi occorrerà necessariamente uno scanner con un elevata risoluzione e una grande profondità di colore. TWAIN Proprio per permettere allo scanner di rapportarsi perfettamente con tutti gli altri software di fotoritocco è stato messo a punto un'api (Application Programming Interface, un software che fa da interfaccia tra altri software diversi per migliorarne l interazione), il TWAIN. In sintesi estrema, il TWAIN permette di pilotare lo scanner e l acquisizione delle immagini dall interno di altri software di grafica o di impaginazione che supportano questo protocollo. In questo modo si accelera l operatività e si migliora la qualità e l efficienza delle prestazioni dello scanner, perché immediatamente si può avere un idea del risultato del lavoro di acquisizione già all interno del contesto in cui il file verrà inserito. Se avete intenzione di lavorare in modo intensivo con elaborazioni complesse di immagini, dovrete assicurarvi che il vostro scanner, così come il programma che intendete utilizzare, implementi il TWAIN. OCR (Optical Character Recognition) Quando acquisite una pagina di testo, per esempio un articolo di un quotidiano che volete conservare nel vostro archivio personale, il vostro scanner lo trasformerà in un formato digitale identico a quello di una qualsiasi altra foto. In sostanza sarà una specie di fotografia del testo, e i caratteri (lettere e numeri) che conterrà non sono altro che un insieme di pixel a una certa risoluzione e con una certa profondità di colore. In queste condizioni voi potete leggere il testo, ma non potrete apportarvi modifiche. Potete solo migliorare la qualità dell immagine che contiene il testo senza intervenire sul testo stesso. In moltissimi casi, quando per esempio si ha a che fare con documenti professionali, o con testi che potreste voler modificare direttamente, è molto importante riuscire a trasformarli in file in cui il testo sia dello stesso tipo di quelli prodotti da un software per la videoscrittura, come per esempio il Word di Microsoft. Questa trasformazione viene compiuta dai software OCR (Optical Character Recognition), che vengono spesso forniti nel packaging di software in dotazione di uno scanner, ma che possono anche essere acquistati a parte. L utilità di un OCR dipende dall impiego dello scanner che andrete a fare. Se infatti vi serve per creare un archivio di tutte le fotografie della vostra famiglia, allora questo software non vi servirà. Al contrario, se gestite uno studio legale e volete archiviare in formato digitale quelle pratiche che possono subire aggiornamenti successivi, o volete trasformare dei moduli cartacei in un formato digitale che può accelerare i tempi di redazione dei contenuti, il software OCR può esservi di grande aiuto. I software OCR più evoluti riescono a riconoscere quasi il 100% dei caratteri di un testo, a condizione che la pagina originale non sia ovviamente troppo deteriorata. Ad ogni modo, utilizzando un buon programma di fotoritocco si può migliorare fortemente la qualità finale del documento acquisito e far sì che questo sia più facilmente riconoscibile dall OCR.

10 Usare uno scanner è un operazione semplice come procedura di base. Diventa molto complessa se desiderate ottenere dei risultati professionali e lavorate con immagini molto grandi e ricche di informazioni. Il tipo di azioni da svolgere per effettuare la scansione dipende dal tipo di scanner. Uno scanner a tamburo prevede una sequenza di operazioni molto più complicate rispetto a quelle da eseguire con uno scanner piano. Considerando che per un utilizzo casalingo o semiprofessionale (ma anche professionalmente ormai quasi tutti gli scanner adottati sono piani) non andrete mai a comprare uno scanner a tamburo e gli scanner a mano sono alla fine meno convenienti di quelli piani perché più imprecisi, la tipica sequenza delle operazioni da compiere sarà quella prevista da uno scanner piano. Semplicemente, appoggiate l immagine da acquisire sul piano trasparente dello scanner allineandola con i bordi, dopodiché, o attraverso l applicazione di fotoritocco che state usando (se lo scanner e il programma supportano il TWAIN) o mediante il pulsante di acquisizione dello scanner, fate partire il programma di acquisizione. Qui potrete scegliere, se il vostro scanner supporta questa funzione, di fare una prescansione dell immagine per regolare meglio la luminosità, la definizione, la saturazione dei vari colori, ecc. Ottimizzazione di risoluzione e profondità di colore nella scansione Definite la risoluzione e la profondità di colore, tenendo presente che di solito gli scanner per uso non professionale hanno risoluzioni di ppi e profondità di colore di bit; quelli semiprofessionali o professionali, invece, offrono risoluzioni da 4800 ppi con profondità di colore a 48 bit e oltre. Tenete a mente che più elevata è la risoluzione e la profondità di colore, maggiore sarà la dimensione in Byte dell immagine. D altronde, se fate un acquisizione di un immagine con l idea di modificarla successivamente con un programma di fotoritocco, potreste avere dei problemi se la acquisite a bassa risoluzione e a bassa profondità, perché per qualche processo di rielaborazione a cui la sottoponete potreste ottenere dei risultati non soddisfacenti per mancanza di sufficienti informazioni sull immagine. Definiti questi parametri potete eseguire la scansione. Una volta ottenuta l immagine digitale potete ritoccarla con programmi di fotoritocco oppure per esempio inviarla via , stamparla o pubblicarla in un sito web. Tenete in considerazione che una stampa decente si ottiene già con una risoluzione di 300 ppi, mentre per il web è sufficiente una risoluzione a 72 ppi. Nell ipotesi in cui non andrete a eseguire nessun particolare fotoritocco successivo, e quindi non farete particolari modifiche dell immagine come per esempio degli ingrandimenti di dettagli particolari (allora vi occorrerà una risoluzione molto grande, altrimenti l esito sarà un immagine sgranata), potrete calcolare la risoluzione ideale a cui acquisire l immagine (e in questo modo potrete ottimizzare la dimensione in byte dell immagine) mediante la seguente formula: RS = (RF x D) / DO dove: RS = risoluzione della scansione ideale, in dpi; se per esempio volete pubblicare la foto sul web la risoluzione ideale sarà 72 dpi, mentre in stampa normale 300 dpi. RF = risoluzione del dispositivo che mostrerà l immagine finale, in dpi; per esempio un monitor avrà 72 dpi di risoluzione, una stampante 300 o 600 o di più a seconda dei casi. D = dimensione dell immagine (in larghezza) a cui verrà visualizzata sullo schermo o verrà stampata in pollici (inch). DO = dimensione dell immagine (in larghezza) dell originale da acquisire in pollici (inch).

11 Ovviamente non siete obbligati a seguire questa formula, normalmente basta prendere un po di confidenza con le scansioni per riuscire a dimensionare adeguatamente i parametri di acquisizione senza ricorrere alla calcolatrice e a misurazioni millimetriche. I più pignoli di voi, però, possono farne tesoro nei casi in cui volessero proprio ottenere immagini perfettamente ottimizzate. Considerate che quando pubblicate sul web il calcolo delle dimensioni di un immagine è importantissimo, perché bisogna mettere on line sempre immagini quanto più leggere possibile per non appesantire troppo la pagina web e rallentare fortemente i tempi di scaricamento. Uso dello scanner come fotocopiatrice Dal momento che lo scanner digitalizza le vostre immagini, se disponete di una stampante potrete immediatamente stampare quello che avete acquisito trasformando il vostro PC in una fotocopiatrice. Ovviamente i tempi di esecuzione della procedura di fotocopiatura possono variare a seconda dell integrazione tra i vari passaggi. Dovrete prima acquisire, poi successivamente stampare, e questo può farvi perdere tempo. Molti scanner prevedono l opzione fotocopia, che immediatamente provvede a farvi acquisire l immagine con parametri ottimizzati per la stampa veloce e immediatamente la inviano alla stampante per la copia senza che voi dobbiate fare nient altro. Esistono altri scanner che fungono da stazione multifunzionale, includendo nello stesso hardware lo scanner e la stampante (e spesso anche il fax) svolgendo molto più rapidamente operazioni di fotocopiatura. Questi sistemi permettono di accelerare ulteriormente i tempi di dialogo tra stampante e scanner anche se la qualità dell una e dell altro non è quasi mai professionale e il costo non sempre è di immediata accessibilità. Ultimo aspetto da tenere in considerazione quando dovete scegliere uno scanner è la compatibilità con il vostro PC. Il driver dello scanner deve essere compatibile con il sistema operativo del computer a cui lo connetterete e le porte di connessione dovranno essere supportate dal PC. E opportuno anche tenere d occhio le caratteristiche hardware del vostro PC. Se desiderare lavorare con immagini di grandi dimensioni dovete assicurarvi di disporre di una RAM molto ampia, diversamente avrete enormi rallentamenti nel processo di apertura delle immagini. Se poi avete in mente di sottoporle a forti rielaborazioni da parte di un software grafico di ritocco dovete avere un processore molto veloce, diversamente il vostro sistema non riuscirà a sviluppare i processi di rielaborazione in tempi ragionevoli. Se poi vorrete salvare le immagini in un archivio permanente nel vostro PC, vi occorrerà un hard disk molto capiente. Fate i vostri conti e considerate che un immagine in formato TIFF di dimensioni medio piccole, adatta sia alla stampa che a essere visualizzata su schermi di PC, può arrivare a pesare circa 1 MB (megabyte); la stessa immagine compressa in formato JPG, leggermente meno adatti alla stampa di qualità, può diventare circa 150 KB (kilobyte). Non entriamo qui nel dettagglio delle specifiche dei formati, aspetto che interessa più il mondo dei software di grafica che quello degli scanner, ma potete avere un idea che se lavorate su immagini di dimensioni importanti a un certo punto potreste iniziare ad avere problemi di spazio. Ad ogni modo dotare il vostro PC di un hard disk aggiuntivo oggi è un operazione a basso costo e di semplicissima esecuzione: molti di questi possono anche essere esterni e connessi al PC via porta USB, senza bisogno di installare alcun driver o software di supporto. Le porte con cui uno scanner viene connesso determinano la velocità del flusso di dati verso il PC. Per scanner non professionali il flusso di dati non è elevatissimo per cui questo fattore conta in modo minore. Più uno scanner è destinato a operare su immagini di elevata qualità e di grandi dimensioni più il problema della porta di interfacciamento diventa ingente.

12 La parte posteriore di uno scanner con porte USB e FireWire Esitono quattro tipi di porte di connessione: Porta parallela. E quella usata normalmnete dalle stampanti, che permette un traffico di dati ridotto, per cui non si presta alla connessione di scanner a elevata qualità. SCSI (Small Computer System Interface). E una porta abbastanza veloce che però non sempre è presente sui PC. USB (Universal Serial Bus). E ormai presente in tutti i PC di recente costruzione e permette una connessione semplice e rapida dello scanner con il sistema operativo. E sufficientemente veloce da gestire quasi tutti i tipi di scanner di bassa e media qualità. FireWire. E la porta in assoluto più rapida che rappresenta la soluzione ideale per tutti gli scanner professionali. Acquistare uno scanner di qualità significa tenere conto di alcuni requisiti fondamentali, che possiamo riassumere nei punti seguenti: tipo di scanner (piano, a mano, ecc.) tecnologia integrata (CCD, CIS, LED, ecc.) risoluzione ottica profondità di colore intervallo dinamico velocità di acquisizione formato software di gestione e compatibilità TWAIN eventuali altri software inclusi compatibilità hardware e porte di connessione.

Canon CanoScan LiDE 700F: tre modalità di scansione per risultati immediati in alta risoluzione

Canon CanoScan LiDE 700F: tre modalità di scansione per risultati immediati in alta risoluzione Canon Consumer Imaging Canon CanoScan LiDE 700F: tre modalità di scansione per risultati immediati in alta risoluzione Il nuovo CanonScan LiDE 700F, è il primo scanner della gamma Canon in assoluto a offrire

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale 1 Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale Sembra che, per rendersi la vita più semplice, molto spesso gli "addetti ai lavori" abbiano la tendenza a sintetizzare in minuscole sigle concetti

Dettagli

ScanExpress S40. Scanner A4 portatile

ScanExpress S40. Scanner A4 portatile ScanExpress S40 Scanner A4 portatile Manuale d uso ITALIANO Congratulazioni per l'acquisto di questo scanner portatile, ideale per essere portato con sé ad eventi speciali o riunioni. Grazie alla comoda

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

STAMPA DIGITALE. una procedura semplice ma efficace per ottenere stampe di alta qualità. a cura di. mdj. Minetti Digital Job

STAMPA DIGITALE. una procedura semplice ma efficace per ottenere stampe di alta qualità. a cura di. mdj. Minetti Digital Job STAMPA DIGITALE una procedura semplice ma efficace per ottenere stampe di alta qualità a cura di mdj Minetti Digital Job Mauro.Minetti@nikonista.it INDICE CAPITOLI PREMESSA LA RISOLUZIONE L INTERPOLAZIONE

Dettagli

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS Maria Teresa Natale (OTEBAC) 12 aprile 2010 Introduzione Argomenti: terminologia

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Guida rapida all installazione. Italiano

Guida rapida all installazione. Italiano Guida rapida all installazione Italiano 1 Guida ai manuali Guide contenute nella confezione Guida rapida all installazione (questa guida) Questa guida illustra una serie di procedure, dall apertura della

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

INFORMATICA GENERALE

INFORMATICA GENERALE INFORMATICA GENERALE a.a. 2006/2007 COGNOMI A-L Silvano Antonelli -Ricevimento : durante il corso: Martedì ore 15.30 presso Dipartimento di Informatica, Largo Pontecorvo 2 Stanza 394 negli altri periodi:

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli

Publishing & Editing Immagini

Publishing & Editing Immagini Publishing & Editing Immagini Un'immagine digitale è la rappresentazione numerica di una immagine bidimensionale. La rappresentazione può essere di tipo vettoriale oppure raster (altrimenti detta bitmap);

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

ScanGear CS-U 5.3 per CanoScan FB630U/FB636U Color Image Scanner Manuale dell utente

ScanGear CS-U 5.3 per CanoScan FB630U/FB636U Color Image Scanner Manuale dell utente ScanGear CS-U 5.3 per CanoScan FB630U/FB636U Color Image Scanner Manuale dell utente Informazioni sul copyright 1999 Canon Inc. Il presente manuale è protetto dalle leggi sul copyright, tutti i diritti

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

Dispositivi di Input. Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale

Dispositivi di Input. Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale Dispositivi di Input Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale Dispositivi di output Stampanti Video Emissione dati in forma sonora Istruzioni ad altri

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

Corso Video editing con Pinnacle Studio Lezione n. 17

Corso Video editing con Pinnacle Studio Lezione n. 17 Le immagini statiche Lezione 17: Le immagini statiche All interno di un filmato possono trovare spazio, per diverse ragioni delle immagini statiche, come disegni e, soprattutto, fotografie. Gli utilizzi

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Metodi di rappresentazione Raster: Informazione grafica rappresentata come matrice di pixel Vettoriale: Informazione grafica rappresentata da relazioni matematiche (funzioni

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

ScanGear Toolbox CS per Windows

ScanGear Toolbox CS per Windows Manuale per l utente ScanGear Toolbox CS per Windows per Scanner a colori CanoScan 1 Sommario Informazioni su ScanGear Toolbox CS... 4 Installazione di ScanGear Toolbox CS... 5 Requisiti di sistema...

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

FineScan 2750. Scansione di qualità professionale ad alta velocità sul desktop. Il nuovo scanner desktop professionale Fujifilm

FineScan 2750. Scansione di qualità professionale ad alta velocità sul desktop. Il nuovo scanner desktop professionale Fujifilm Scansione di qualità professionale ad alta velocità sul desktop FineScan 2750 Il nuovo scanner desktop professionale Fujifilm L EVOLUZIONE DELL IMMAGINE I L T E M P O È D E N A R O O R A N E A V R E T

Dettagli

DISPOSITIVI DI INPUT

DISPOSITIVI DI INPUT LA TASTIERA (o keyboard) DISPOSITIVI DI INPUT Quando viene premuto un tasto si genera un codice corrispondente alla cifra alfanumerica selezionata che viene inviato alla CPU per essere elaborato. La tastiera

Dettagli

Lavorate in modo più efficiente, più veloce e più facile.

Lavorate in modo più efficiente, più veloce e più facile. DR-2580C DR-2580C Scanner per workgroup Lavorate in modo più efficiente, più veloce e più facile. Lavorate in modo più efficiente. Risparmiate tempo e spazio. Gestite i documenti cartacei alla perfezione.

Dettagli

Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero

Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 2. Approfondimento su immagini e grafica IMMAGINI l immagine digitale è una matrice bidimensionale di numeri,

Dettagli

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com Fotografia corso base Educazione Permanente Treviso Specifiche digitali http://arcifotografiabase.wordpress.com Federico Covre Pixel (picture element) Indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Codifica delle immagini (parte I)

Codifica delle immagini (parte I) Codifica delle immagini (parte I) Prof. Marco Dell Oro December 11, 2013 1 Elementi della codifica Le immagini digitali sono risultato della composizione sugli schermi di una serie di elementi di colore

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

CORSO SULL USO DEGLI STRUMENTI MULTIMEDIALI SCUOLA MAZZINI 2006 Pag. 1 di 6 IMMAGINI -

CORSO SULL USO DEGLI STRUMENTI MULTIMEDIALI SCUOLA MAZZINI 2006 Pag. 1 di 6 IMMAGINI - CORSO SULL USO DEGLI STRUMENTI MULTIMEDIALI SCUOLA MAZZINI 2006 Pag. 1 di 6 IMMAGINI E RISOLUZIONE DELLO SCHERMO VIDEO Ogni PC a seconda della scheda video e del tipo di schermo può supportare diverse

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini La codifica delle immagini La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: 1. Il numero dei campionamenti o di misurazioni

Dettagli

Utilizzo della postazione scanner

Utilizzo della postazione scanner Utilizzo della postazione scanner Indice Utilizzo della postazione scanner...1 Indice...1 Introduzione...1 Scansione semplice per ottenere le singole immagini dei documenti in formato grafico...1 Scansione

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 La finestra di dialogo TWAIN 3 Per aprire la finestra di dialogo TWAIN... 4 Esecuzione di una scansione semplice... 5 Selezionare

Dettagli

Presentazione di. Mustek Systems, Inc.

Presentazione di. Mustek Systems, Inc. Presentazione di IT Mustek Systems, Inc. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifica senza preavviso. Società, nomi e dati utilizzati negli esempi sono fittizi a meno che non

Dettagli

1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo

1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo MANUALE (ITA) 1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo 2 Setup ATTENTION: seguire correttamente

Dettagli

Presentazione di. Mustek Systems, Inc.

Presentazione di. Mustek Systems, Inc. Presentazione di Mustek Systems, Inc. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifica senza preavviso. Società, nomi e dati utilizzati negli esempi sono fittizi a meno che non sia

Dettagli

corso di photoshop full immersion

corso di photoshop full immersion I S T I T U T O PALMISANO corso di photoshop full immersion Basic BITMAP La grafica bitmap, o grafica raster (in inglese bitmap graphics, raster graphics), è una tecnica utilizzata in computer grafica

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli

COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO. piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi

COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO. piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi 1 Introduzione Spesso sentiamo parlare delle dimensioni di una foto oppure ne leggiamo le misure entrando nelle proprietà di

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Stampare e digitalizzare

Stampare e digitalizzare Stampare e digitalizzare In questa sezione: Stampare un file Specificare una stampante predefinita Controllare la stampa Stampare fotografie Stampare pagine Web Creare un documento XPS Acquisire un immagine

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

IL PROGRAMMA INSTALLAZIONE

IL PROGRAMMA INSTALLAZIONE INDICE Il Programma... 3 Installazione... 3 La finestra DI AVVIO... 4 Salvare il documento acquisito... 5 MODALITA AVANZATA... 7 Menu File... 8 MENU HOME... 10 MENU MODIFICA... 11 MENU SCANNER... 12 Modalita

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: angelo.nicolosi@unict.it Le immagini digitali scansione di fotografie esistenti

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 11 Dispositivi periferici Lez. 11 1 Dispositivi periferici Tutte le apparecchiature che si

Dettagli

KIP 2300 SISTEMA DI SCANSIONE CCD PER VOLUMI ELEVATI

KIP 2300 SISTEMA DI SCANSIONE CCD PER VOLUMI ELEVATI KIP 2300 SISTEMA DI SCANSIONE CCD PER VOLUMI ELEVATI SISTEMA DI SCANSIONE CCD KIP 2300 Sistema di Scansione per Volumi Elevati Il nuovo scanner ad alta produttività KIP 2300 ha già fissato un nuovo standard

Dettagli

Indice - Installazione e calibratura - Impostazione predefinita - Impostazione personalizzata - Finestra per le informazioni

Indice - Installazione e calibratura - Impostazione predefinita - Impostazione personalizzata - Finestra per le informazioni DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi Antec Incorporated, 47900 Fremont Blvd. Fremont, CA 94538 USA, telefono: 510-770-1200, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto PID-100 è conforme

Dettagli

Efficienza a costi abbordabili con i nuovi sistemi digitali per la scansione dei microfilm

Efficienza a costi abbordabili con i nuovi sistemi digitali per la scansione dei microfilm MS300 / MS350 Scanner digitali per microfilm Efficienza a costi abbordabili con i nuovi sistemi digitali per la scansione dei microfilm PARTNER UFFICIALE Scanner completi per microfilm con funzionalità

Dettagli

Panoramica sulla tecnologia di stampa a colori utilizzata per la serie HP LaserJet Pro

Panoramica sulla tecnologia di stampa a colori utilizzata per la serie HP LaserJet Pro Documentazione tecnica Panoramica sulla tecnologia di stampa a colori utilizzata per la serie HP LaserJet Pro Come la tecnologia HP Image Resolution garantisce una qualità di stampa senza confronti Sommario

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI

INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI TPO PROGETTAZIONE UD 19 Fotoritocco 1 PARTE 1 INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI A.F. 2011/2012 1 L AVVENTO DEL DIGITAL IMAGING La sfera dell Imaging include processi di produzione e riproduzione

Dettagli

Come scegliere il MONITOR LCD

Come scegliere il MONITOR LCD Come scegliere il MONITOR LCD 7 criteri per fare la scelta giusta La scelta del monitor è, molto spesso, un aspetto sottovalutato dai consumatori che si apprestano ad acquistare un nuovo pc o che, semplicemente,

Dettagli

RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007

RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007 RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007 La risoluzione, specie in fotografia digitale, è una misura della qualità di un immagine. Questo concetto può essere applicato

Dettagli

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB Teoria del colore A partire da tre colori Rosso, Verde, Blu è possibile generare tutta la rimanente scala cromatica mescolando con le dovute percentuali questa terna di riferimento. Si immagini di proiettare

Dettagli

La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala

La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala DR-7580 DR-9080C Scanner veloci per grandi tirature La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala DR-7580 / DR-9080C Scansione su larga scala a tempi di record

Dettagli

Gestione dei colori. 7.2 Calibrazione dello scanner con la calibrazione IT8 di SilverFast

Gestione dei colori. 7.2 Calibrazione dello scanner con la calibrazione IT8 di SilverFast .2 Calibrazione dello scanner con la calibrazione IT8 di SilverFast Pulsante per l apertura del dialogo di Calibrazione IT8 colorato: la calibrazione IT8 è attiva grigio: la calibrazione IT8 è disattivata

Dettagli

FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI. A cura di Mauro Minetti

FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI. A cura di Mauro Minetti FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI Aprile 2005 A cura di Mauro Minetti INDICE CAPITOLI 1) PREMESSA 2) MONITOR E PROFILO COLORE 3) CALIBRAZIONE

Dettagli

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE Dott. Paolo Righetto 1 CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA Percorso dell incontro: 1) Alcuni elementi della configurazione hardware

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione TUTORIAL CALIBRAZIONE FOTOCAMERA Sommario 1. Interfacciamento PC... 3 2. Collocamento fotocamera... 4 3. Distanza di ripresa... 5 4. Interfacciamento

Dettagli

IMMAGINI DIGITALI. MEGAPIXEL.jpg.gif. perchè questo breve incontro sulle immagini digitali

IMMAGINI DIGITALI. MEGAPIXEL.jpg.gif. perchè questo breve incontro sulle immagini digitali IMMAGINI DIGITALI MEGAPIXEL.jpg.gif?? perchè questo breve incontro sulle immagini digitali le immagini digitali sono una cosa fantastica, ci permettono di fare centinaia di foto evitare la stampa conservarle

Dettagli

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009 A cura di Giancarlo Caperna bfi I PIXEL I pixel di un immagine digitale sono l analogo dei granuli di sali della

Dettagli

Come si forma l immagine digitale?

Come si forma l immagine digitale? SEZIONE BASE - CAPITOLO 2 Come si forma l immagine digitale? La luce Dalla luce ad un mondo di pixel e di bit Definizione di Pixel, di bit, di Byte Immagine Raster : una mappa di pixel Come calcolare la

Dettagli

Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno

Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno Nell esempio dell occhio il cervello riceve informazioni dall esterno:

Dettagli

PaperPort 12 comprende molte nuove e utili funzioni che consentono di gestire i documenti.

PaperPort 12 comprende molte nuove e utili funzioni che consentono di gestire i documenti. Benvenuti! Nuance PaperPort è un pacchetto software desktop per la gestione di documenti che consente di acquisire, organizzare, accedere, condividere e gestire i documenti cartacei e digitali sul personal

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Guida per l utente ScanGear Toolbox 3.0 per Windows per Macintosh(versione inglese)

Guida per l utente ScanGear Toolbox 3.0 per Windows per Macintosh(versione inglese) Guida per l utente ScanGear Toolbox 3.0 per Windows per Macintosh(versione inglese) Cliccare questo pulsante per saltare all argomento di aiuto per i pulsanti. 1 Contenuti Indice Come Usare i Pulsanti

Dettagli

Smartmedia MANUALE D USO

Smartmedia MANUALE D USO Smartmedia MANUALE D USO 1 AVVERTENZE Smartmedia Pen Touch Combina l uso della scrittura manuale con le tipiche operazioni del mouse. Ciò rende gli utilizzi del personal computer più semplici e veloci.

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY

INFORMATION TECNOLOGY PROGETTAZIONE CLASSI PRIMA A E B CONCETTI DI BASE INFORMATION TECNOLOGY SIGNIFICATO DI INFORMATION TECNOLOGY il sistema informatico La classificazione dei computer in base all uso Principali componenti

Dettagli

Scanner Visioneer OneTouch Guida all installazione PER WINDOWS

Scanner Visioneer OneTouch Guida all installazione PER WINDOWS Scanner Visioneer OneTouch Guida all installazione PER WINDOWS SOMMARIO i SOMMARIO Regolazione iniziale dello scanner........................... 1 Passaggio 1: installazione del software dello scanner..............

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 La finestra di dialogo TWAIN...3 Per aprire la finestra di dialogo TWAIN... 4 Esecuzione di una scansione semplice... 5

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale INFORMATICA Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale A.A. 2014/2015 II ANNO II SEMESTRE 2 CFU CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

TASTIERA CON SCANNER INTEGRATO E HUB "KeySCAN"

TASTIERA CON SCANNER INTEGRATO E HUB KeySCAN www.dmail.it Idee Utili e Introvabili DMedia Commerce S.p.A. Via Aretina 25-50065 Sieci (FI) ITALY Tel. +39 055 8363040 Fax +39 055 8363057 Assist. Tecnica: Tel. +39 055 4206052 E-mail: assistenza.dmail@dmc.it

Dettagli

C5510 MFP / C5540 MFP

C5510 MFP / C5540 MFP C5510 MFP / C5540 MFP Apparecchi Multifunzione a colori e monocromatici Serie C5500 C5510 MFP C5540 MFP Decisamente di più per il vostro business La Serie C5500 di OKI Printing Solutions offre qualcosa

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Manuale ACDSee32. ACDSee32. Release 1.0.1

Manuale ACDSee32. ACDSee32. Release 1.0.1 ACDSee32 Release 1.0.1 Introduzione ACDSee32 è un ottimo (anzi, direi il migliore!) visualizzatore di immagini disponibile in commercio. In queste pagine spiego come installarlo e configurarlo a dovere,

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli