ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXIX / N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXIX / N. 2-2008"

Transcript

1 ANNO XXXIX / N ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A Carrù (Cn) - ITALY POSTE ITALIANE s.p.a.- SPED. IN ABB. POST. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/CN

2 NUMERO RAZZA PIEMONTESE 2 Razza Piemontese Periodico di informazioni tecniche economiche e d attualità a cura dell Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese. Direttore Responsabile: Andrea Quaglino Redazione: Fabia Pacher Realizzazione grafica e stampa: Tipolitografia Ghibaudo - Cuneo Ente Morale giuridicamente riconosciuto D.P.R. n. 1877/ Sede operativa e legale: Strada Trinità. 32/A CARRù (cn) Telefono Telefax web: Autorizzazione del Tribunale di Mondovì numero 1/04 Anno XXXIX - Numero 2/2008 Copertina: foto Marengo è consentita la riproduzione di testi o fotografie citando la fonte. 3 Sommario Meeting Nazionale della Razza Bovina Piemontese Fabia Pacher 5 La Blue Tongue: conoscerla e prevenirla Alberto Benatti Giancarlo Bertola 7 Selezione, consanguineità e imparentamento Andrea Albera 10 Tori in uscita dalle prove di progenie Andrea Albera 12 Oro Rosso Informazioni dal Consorzio di Tutela della Razza Piemontese (Coalvi) 14 Tori giovani

3 ANNO2008 Dall Associazione 4 MEETING ALLEVATORI DELLA RAZZA PIEMONTESE La quarta edizione del Meeting Annuale degli allevatori di Piemontese è stata nuovamente un grande successo. La manifestazione che si è svolta giovedì 6 marzo a Cervere (CN) presso l azienda dei fratelli Bruno e Dario Sevega ha richiamato anche Fabia Pacher Ufficio Tecnico quest anno circa persone tra allevatori e tecnici del settore, oltre ad alcune scuole di agraria, riconfermandosi quindi un evento atteso e molto gradito. Nonostante il freddo piuttosto pungente l interesse dei partecipanti è stato, come sempre, molto elevato anche durante i momenti tecnici che, pur svoltisi all aperto e senza la possibilità di poter proiettare grafici e schemi, hanno comunque dato l opportunità di approfondire la realtà specifica aziendale e altre tematiche di interesse generale sulla razza Piemontese. Alla manifestazione hanno partecipato numerose autorità accolte dal Presidente, Pistone, e dal direttore dell Anaborapi, Quaglino; al saluto di benvenuto, porto La familia Sevega con l'assessore Taricco, Pistone e Bergesio dal Sindaco di Cervere, Francesco Graglia, è seguito l intervento di Giorgio Bergesio, Presidente del Consiglio Provinciale, di Angelo Giordano, presidente del Consorzio Agrario e di Antonino Miglio, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fossano. Alla fine delle relazioni l Assessore Regionale all Agricoltura Mino Taricco ha chiuso i lavori sottolineando l importanza delle aziende zootecniche, in particolare della Piemontese, sul territorio e della valenza dei giovani allevatori sempre più attenti alla selezione ed al miglioramento genetico nonché all ambiente ed alla produzione di qualità. L incontro tecnico si è aperto con la relazione del tecnico, Rosso, del Consorzio di tutela razza Piemontese che ha esposto in dettaglio i dati agronomici e nutrizionali dell azienda, a seguire il tecnico del Consorzio Agrario Province del Nord-Ovest, Pozzetti, ha toccato attraverso brevi flash i seguenti punti: l'importanza degli aspetti ali- 3

4 Dall Associazione NUMERO 2 4 mentari e nutrizionali nella gestione sanitaria e produttiva dell'allevamento del bovino di razza Piemontese, il legame tra nutrizione e patologie, tra nutrizione e fertilità, tra nutrizione e qualità della carne e IMG. Infine i tecnici dell Anaborapi, Albera e Bona, hanno brevemente fatto il punto della situazione sugli obiettivi della selezione (accrescimento, muscolosità e facilità di parto) e sugli ottimi risultati raggiunti. Sono inoltre stati illustrati i nuovi servizi, proposti dall Anaborapi agli allevatori, per migliorare e monitorare al meglio il management della propria mandria. L appuntamento si è poi concluso con un ottimo pranzo, a base di carne Piemontese, naturalmente, in cui sono stati conferiti riconoscimenti agli allevatori proprietari dei tori di FA nel 2007 e a coloro che hanno le manze con indici allevamento più elevati. Premiazioni del Meeting 2008 Top manze 2008: un allevatore per provincia PROVINCIA ALLEVATORE COMUNE top manze Asti ROBBA RENZO SESTO CASSINASCO top manze Alessandria EREDI MORANDO di DOGLIOLI GIACOMO SEZZADIO top manze Como RIGAMONTI M. LUISA OLTRONA DI S. MAMETTE top manze Cuneo BRUGIAFREDDO PIETRO E FIGLI EMANUELE E ALBERTO RACCONIGI top manze Novara PESCIO PIERO GHEMME top manze Pavia CAMPARI LUIGI VISTARINO top manze Piacenza SCARAVELLA LINO RIVERGARO top manze Savona PERA GIOVANNI CARLO DEGO top manze Torino BRUSSINO GIOVANNI AIRASCA top manze Vercelli BUZZI ALBERTO COLLOBIANO Allevatori con tori in F.A. nel 2007 NOME ANIM. COGNOME ALLEVATORE COMUNE NIMBUS EREDI MORANDO DI DOGLIOLI DOTT. GIACOMO SEZZADIO AL NOBEL AMEGLIO BRUNO ALTAVILLA MONFERRATO AL NORMANNO AMEGLIO BRUNO ALTAVILLA MONFERRATO AL NEDVED AZ. AGR. ARCOBALENO di QUARANTA ALESSIO e MARCO S.S. BUTTIGLIERA D'ASTI AT NESQUIK VIARENGO DOMENICO ASTI AT NETTUNO POZZO GIUSEPPE BUTTIGLIERA D'ASTI AT NABUCCO MANASSERO MARIO FOSSANO CN NAPO BORGHESE MAURO MONTALDO DI MONDOVI' CN NARCISO AZ. AGR. GIACCONE di GIACCONE G. S.S. SOMMARIVA DEL BOSCO CN NASO AMBROGIO ERMANNO TARANTASCA CN NASTRO ARENA LORENZO VOTTIGNASCO CN NAVARRO SEVEGA F.LLI BRUNO e DARIO S.S. CERVERE CN NELLO RIBERO RICCARDO CARAGLIO CN NELSON MANASSERO GIOVANNI TRINITA' CN NEREO FILIPPI GUIDO CARRU' CN NERONE MONDINO RICCARDO ROCCADEBALDI CN NETTARE VINAI FRANCESCO CEVA CN NEUTRO CARENA PIERO e ANGELO SCARNAFIGI CN NIBBIO DALMASSO LUIGI CENTALLO CN NICO BRUGIAFREDDO PIETRO e FIGLI EMANUELE E ALBERTO RACCONIGI CN NILO TALLONE VALERIO TARANTASCA CN NOE AIME F. LLI DIEGO e CLAUDIO CARAGLIO CN NORD BERTOLA ROBERTO CUNEO CN NORICO SOC. AGRIC. CARENA RENATO e FIGLI VALERIO,GUIDO,SILVIO FOSSANO CN NALDO SOBRERO MASSIMO CAVOUR TO NATALE CORNELIANA AGRICOLA SOCIETA' COOPERATIVA MONTEU DA PO TO NIPIOL VAGINA GIANPIERO OZEGNA TO NOBILE REBAUDENGO CLAUDIO CAVOUR TO NODO BRUSSINO GIOVANNI AIRASCA TO NORTON SUSSETTO LIDIA CARIGNANO TO NEMO RIGAZIO LIVIO CIGLIANO VC

5 ANNO2008 Attualità La Blue Tongue: conoscerla e prevenirla La febbre catarrale degli ovini, comunemente conosciuta come blue tongue (lingua blu), è una malattia infettiva dei ruminanti, ma non contagiosa: infatti, l infezione non si trasmette mai da animale ad animale, ma esclusivamente attraverso le punture dei moscerini del genere Culicoides che si nutrono di sangue. Sebbene in natura esistano più di 1000 specie diverse di questo insetto, solo circa il 3% è in grado di diffondere la malattia. L insetto, che funge da vettore, si infetta durante il pasto di sangue su un animale malato; il virus una volta entrato nell'organismo degli insetti si moltiplica attivamente e va a colonizzare le ghiandole salivari, dalle quali è in grado di infettare un nuovo ospite quando il Culicoide fa un nuovo pasto di sangue. Questi insetti hanno un attività che potremmo paragonare a quello delle comuni zanzare; la riproduzione è favorita dalla presenza di aree d acqua stagnante e di liquami, e risultano maggiormente attivi durante i periodi più caldi con massima diffusione nella tarda estate ed inizio autunno. L insetto ha un raggio d azione breve (poche centinaia di metri), ma può spostarsi anche per decine di chilometri sfruttando la presenza di venti caldi e umidi. Con queste modalità probabilmente Alberto Benatti Veterinario Anaborapi Giancarlo Bertola Responsabile area A Asl 16 la malattia è arrivata dall Africa nel Sud Italia. Sebbene tutte le specie di ruminanti siano recettive, la malattia si manifesta clinicamente sopratutto negli ovini, con sintomi caratterizzati da infiammazioni e ulcere della bocca e delle labbra, scolo nasale di muco e pus, gonfiore della testa, aree cianotiche di colore bluastro della bocca e della lingua (da cui deriva il nome di "blue tongue"), difficoltà di respirazione, lesioni all'attaccatura degli unghielli, arrossamenti della pelle e distacco del vello. Gli animali possono morire per asfissia conseguente al grave edema polmonare, per polmonite batterica secondaria o per il grave deperimento. I bovini ed i caprini infetti raramente manifestano sintomi, ma i bovini possono rimanere infettanti per lunghi periodi: la fase viremica (cioè la presenza del virus nel sangue) può durare fino a 60 giorni ed il bovino diventa un pericoloso serbatoio dell infezione. In Italia i primi casi di malattia sono stati segnalati a partire dal 2000 ed hanno inizialmente interessato le isole e la Calabria. Le condizioni climatiche favorevoli, hanno determinato la progressiva diffusione dell'infezione in tutto il Sud e il Centro fino ai confini della Liguria. Del virus esistono ben 24 tipi diversi (chiamati sierotipi) che differiscono strutturalmente tra loro. Nel nostro Paese, sono stati isolati cinque ceppi virali diversi: all inizio il 2 e il 9, poi nel 2002 anche il 4 e il 16 e nel 2007 in Sardegna è infine comparso il sierotipo 1. Dall agosto 2006 la malattia ha fatto la sua comparsa nel Nord Europa provocata dal ceppo virale 8 ed in poco tempo si è diffusa in Olanda, Belgio, Lussemburgo, Germania e Francia. Nel corso del 2007 sono stati registrati casi anche in Svizzera, Gran Bretagna e Danimarca. Questo sierotipo si è dimostrato più virulento dei tipi presenti in Italia, infatti, sono stati registrati tassi di mortalità fino al 20% degli ovini colpiti, e sintomi clinici anche gravi nel 20% dei bovini (croste e lesioni della mucosa nasale, febbre, congiuntivite, difficoltà di alimentazione per le lesioni alla bocca, scolo nasale, apatia, diminuzione della produzione lattea e zoppia). La malattia non si trasmette in alcun caso all uomo né direttamente dagli animali infetti né tramite i prodotti di origine animale (latte, carne). 5

6 Attualità NUMERO 2 6 Misure di profilassi La Blue tongue è compresa tra le malattie sottoposte a controllo da parte degli organismi sanitari veterinari internazionali e nazionali, ed in Italia esistono delle disposizioni specifiche da adottare in caso di manifestazione di questa malattia che prevedono la delimitazione di aree di restrizione attorno all allevamento infetto, e precisamente: a) una Zona di Protezione (ZP), avente un raggio minimo di 100 km intorno all'azienda infetta; b) una Zona di Sorveglianza (ZS) che si estende almeno 50 km oltre i limiti della zona di protezione. In queste zone, che risultano pertanto molto estese, le movimentazioni di animali, di seme e di embrioni sia all interno delle stesse zone che verso aree indenni possono avvenire solamente a determinate condizioni e con precise limitazioni. Ad esempio, per lo spostamento verso zone indenni gli animali devono essere sottoposti ad un periodo di quarantena di almeno 60 giorni in strutture in grado di proteggerli da un possibile contatto con il vettore. Per verificare la presenza o meno della malattia in una determinata zona a livello comunitario è attuato un sistema di sorveglianza in grado di individuare precocemente l insorgenza dell infezione: un certo numero di allevamenti bovini, distribuiti sul territorio, fungono da aziende sentinella". Circa bovini individuati in ciascun allevamento vengono sottoposti ogni mese a controllo per la lingua blu con un prelievo di sangue. Se un animale precedentemente negativo al test diventa positivo significa che è venuto a contatto con il virus e che quindi la malattia sta circolando nella zona. Contemporaneamente viene controllata la diffusione dell insetto che, come detto, è indispensabile per la trasmissione della malattia. Tra le misure di profilassi diretta nei confronti della malattia, possono essere utilizzati repellenti a base di piretroidi irrorati sugli animali e nell ambiente, anche se garantiscono una protezione parziale e di breve duratura. Attualmente sono allo studio anche metodi di lotta biologica con l utilizzo di batteri in grado di uccidere il Culicoide. Risulta molto importante il risanamento delle zone fangose, ricche di materiale organico (letame e liquami), nelle quali l insetto trova un ambiente ideale. La profilassi indiretta mediante l uso di vaccini si è dimostrata la misura più efficace per contenere la diffusione della malattia. Come detto, esistono più tipi di virus diversi, e pertanto anche i vaccini saranno diversi secondo i tipi utilizzati. L animale vaccinato non si infetta e quindi non diventa un serbatoio dell infezione. Esistono due tipi di vaccino: quello attenuato, che ha il vantaggio di essere costituito da 15 tipi del virus, ma che contenendo virus vivo può creare qualche problema di aborto in particolare nelle fattrici nel primo periodo di gravidanza e quello inattivato, che non può creare problemi perché contiene virus morto, ma che contiene solo uno o due sierotipi. La Comunità Europea, valutando quanto verificatosi con le epidemie in Italia e in Francia, ha stabilito di finanziare la produzione di vaccino da utilizzare nelle zone con malattia in atto per prevenirne la diffusione. Il primo effetto di tale decisione è l accordo stipulato dalle autorità sanitarie italiane e francesi che prevede a partire dal 4 marzo il divieto d introduzione in Italia di bovini da riproduzione e da ingrasso, provenienti dalle zone della Francia sottoposte a restrizioni per la blue tongue, se non risultano preventivamente vaccinati. Le precauzioni che ogni allevatore può adottare per proteggere il proprio allevamento sono le stesse valide per la profilassi di qualsiasi malattia infettiva; in particolare, mantenere l azienda in buone condizioni igieniche e strutturali e acquistare animali che soddisfino tutte le garanzie sanitarie previste. Inoltre, trattandosi di una malattia che per le modalità di trasmissione risulta un po diversa da altre, la sua prevenzione e il suo controllo richiedono la collaborazione reciproca degli allevatori, dei Servizi Veterinari e delle Associazioni.

7 ANNO2008 Dall'Associazione Selezione, consanguineità e imparentamento L effetto della selezione sulla variabilità genetica della popolazione. La situazione passata, quella attuale e le prospettive Andrea Albera Ufficio Tecnico Con questo articolo riprendiamo a parlare di alcuni argomenti già trattati in precedenza: parentela e consanguineità. Questa volta ne parliamo però da una prospettiva differente, mettendo questi parametri in relazione con la selezione operata nella nostra razza ed analizzandone la loro evoluzione nel tempo. Il fatto che negli ultimi tempi siano stati selezionati per la FA numerosi tori appartenenti ad alcune linee di sangue, Zaino e Delano in particolare, ha creato qualche apprensione negli allevatori. Il timore è che ci possa essere un impatto troppo forte di queste linee, con una perdita nella variabilità genetica nella popolazione e che questo possa determinare problemi di consanguineità in futuro. La selezione, in effetti, tende ad aumentare la consanguineità ed a ridurre la variabilità genetica delle popolazioni: lo scopo della selezione è, infatti, quello di utilizzare come riproduttori gli animali geneticamente migliori ed è logico che questi tendano ad in qualche misura ad essere più parenti tra loro del resto della popolazione. Con il passare delle generazioni quindi aumenta la parentela tra i riproduttori e di conseguenza anche la consanguineità tende a crescere. L impostazione di un programma selettivo richiede perciò di trovare un buon equilibrio tra la necessità di avere animali geneticamente superiori per migliorare i caratteri che interessano e quella di mantenere bassi l imparentamento e la consanguineità. Questa esigenza è stata tenuta ben presente nella definizione dello schema di selezione che viene applicato alla Piemontese ed alcune strategie specifiche sono state adottate negli ultimi anni proprio con questo scopo. Innanzi tutto selezionando ogni anno un numero abbastanza elevato di tori per la FA si aumenta la probabilità che questi appartengano a linee di sangue differenti; fissando poi un quantitativo massimo di seme prodotto per toro di FA, si garantisce che l impatto di ogni riproduttore sulla popolazione non sia troppo elevato e si favorisce il ricambio dei tori. Questo aspetto è di particolare importanza per mantenere variabilità genetica e nello stesso tempo progredire con la selezione: sostituendo rapidamente un toro miglioratore con i suoi figli si sfrutta, infatti, tutto il suo valore genetico, ma si dimezza il suo impatto in termini di consanguineità visto che i suoi figli avranno come madri vacche di linee di sangue tra loro diverse. Queste strategie hanno dato buoni risultati come si può vedere dal Grafico 1 che riporta la consanguineità media per anno di nascita. Il valore medio di consanguineità dei nati nel 2007 è circa 1.4%, ben al di sotto del 3% che abitualmente viene indicato come soglia da non superare. Il valore è prossimo a zero per i nati nel 1960, dal momento che prima non vi era conoscenza dei pedigree, mentre la crescita negli anni 60 è dovuta alle piccole dimensioni del Grafico 1 Andamento della consanguineità per anno di nascita 7

8 Dall'Associazione NUMERO 2 8 Grafico 2 Impatto dei tori di FA vecchi sui vitelli nati in LG Libro Genealogico in quegli anni (meno di capi) ed alla progressiva conoscenza delle genealogie. Successivamente la crescita della consanguineità è molto modesta e, nonostante la selezione sia stata basata sull uso degli indici genetici e su un ampio ricorso alla FA, non si registra un aumento significativo negli ultimi anni. Un altra interessante ed informativa analisi è quella che consente di misurare l impatto che i principali tori di FA hanno avuto sulla popolazione, i cui risultati sono riportati nei Grafici 2 e 3 rispettivamente per i tori più vecchi e quelli più giovani. In pratica, nei grafici si può osservare la percentuale di geni che i vitelli nati ogni anno hanno ricevuto da uno specifico toro, ovvero una misura di quanto ogni toro ha lasciato alla popolazione come padre, nonno o antenato degli animali nati. Ad esempio, nel primo grafico il picco relativo al toro Lugano nel 1992 indica che i vitelli nati in quell anno avevano in media il 6% dei loro geni ricevuti da questo toro! Un impatto decisamente elevato, che peraltro all epoca non era stato percepito con particolare allarme nonostante la popolazione iscritta al Libro Genealogico fosse un decimo di quella attuale e quindi piuttosto piccola. Grafico 3 Impatto dei tori di FA giovani sui vitelli nati in LG Negli anni successivi l impatto di Lugano si diluisce e progressivamente si riduce perché le sue figlie, non essendo buone fattrici, sono state via via eliminate ed anche i suoi figli, diventati tori di FA, non hanno lasciato moltissimi figli in razza. Una cosa simile accade anche ad Oscar seppure in modo meno spinto: tipico toro da manze, Oscar lascia numerosi figli negli anni dal '90 al '97, poi però le sue figlie non vengono allevate ed i nati di oggi hanno solo circa 1% dei loro geni che proviene da questo toro. Quebek invece vede un accumulo dei suoi geni nel tempo, sia perché le sue figlie sono buone fattrici e quindi sono state allevate, sia perché alcuni suoi figli sono a loro volta tori FA di buon successo, ad esempio Delta o Golfo. Questo toro ha quindi ancora una discreta presenza nei geni dei vitelli che stanno nascendo. Spostandoci a tori più recenti, ed in particolare ai discussi Zaino e Delano, possiamo vedere che il loro impatto sui nati negli ultimi anni è relativamente importante, ma neppure lontanamente paragonabile a quello avuto da Lugano ad inizio anni 90,

9 ANNO2008 Dall'Associazione siamo infatti sotto il 3%. Sicuramente nei prossimi anni si avrà ancora una crescita in termini di presenza dei loro geni, ma molto difficilmente si raggiungeranno i livelli di altri tori del passato. Questo perché le strategie adottate, in particolare il limite nella produzione di seme per toro, hanno impedito che lasciassero troppi figli in Libro Genealogico. Zaino ha avuto impatto soprattutto attraverso i suoi figli e nipoti qualificati in FA, che però portano rispettivamente solo il 50% ed il 25% dei suoi geni e quindi ha contribuito molto al miglioramento genetico della razza, ma non ha però avuto un pari contributo in termini di aumento della consanguineità. I risultati presentati testimoniano come il problema del mantenimento della variabilità genetica sia stato attentamente considerato nel progettare lo schema di selezione. L impostazione selettiva degli ultimi anni non ha determinato un eccessiva concentrazione delle linee di sangue ed una conseguente crescita della consanguineità. L impressione che i giovani tori siano molto imparentati tra loro è dovuta anche al fatto che vi è una concentrazione delle uscite dalle progenie di tori appartenenti alle stesse linee: tutti i figli di Zaino ad esempio sono stati testati in Centro Genetico nello stesso periodo e quindi il seme di quelli selezionati è stato commercializzato in un breve arco di tempo. Lo stesso oggi sta accadendo ai figli di Delano ed in futuro accadrà per altri tori. Da qui la sensazione che la selezione stia puntando solo su pochissime linee di sangue, mentre invece non è così. Per il futuro si sono messe a punto ulteriori strategie per mantenere basse le parentele e la consanguineità, l ultima delle quali è la scelta di utilizzare come madri di toro negli accoppiamenti programmati, cioè come madri dei vitelli da testare del Centro Genetico, le bovine geneticamente migliori ma poco imparentate con i tori di FA. Questo significa recuperare sulla linea femminile alcuni tori interessanti, ad esempio Brasil, Zar o Umayor che sono poco presenti come padri dei giovani tori. Le problematiche relative a parentele e consanguineità sono di importanza per la razza nel suo complesso. A livello aziendale le cose sono leggermente differenti: si tratta, infatti, di sfruttare al meglio le risorse genetiche disponibili, cioè di scegliere per gli accoppiamenti di mandria i tori più adatti in rapporto alle proprie vacche ed ai propri obiettivi di miglioramento. Anche qui però occorre considerare la parentela dei tori scelti con le vacche dell allevamento ed utilizzare un parco abbastanza vasto di tori; in questo modo si contiene la consanguineità e si garantisce che le vacche di domani non siano troppo imparentate tra loro. Per supportare gli allevatori nelle scelte l Anaborapi, in collaborazione con le APA, ha sviluppato dei servizi di assistenza genetica per gli accoppiamenti mettendo anche a punto un programma informatico. Nella prossima rivista dedicheremo un articolo alla presentazione di questo nuovo servizio. 9

10 Informazioni Tecniche NUMERO 2 Tori in uscita dalle prove di progenie Andrea Albera Ufficio Tecnico Dopo un mese di Febbraio senza uscite, a Marzo sono 4 i tori che terminano le prove. Merlino, Mino e Monopoli sono selezionati, mentre Mister non supera le prove a causa di qualche problema di correttezza della progenie. MERLINO IT nato il Valore Genetico allevamento 119 carne 122 muscolosità 109 accrescimento 112 facilità nascita 116 facilità parto nascita su manze 113 figli in 77 allevamenti correttezza parti delle figlie Allevatore: Bosio Roberto - Busca (CN) Centro: Semenitaly Performance Test (dati fenotipici) peso inizio peso fine amg alt.garrese lungh.tronco circ.torace , Pedigree Indici dei genitori allev carne nascita parto padre ELISIR (IA) madre GAMARRA nonno paterno COBRA (IA) nonno materno DELANO (IA) Merlino è il secondo figlio di Elisir, dopo Minosse uscito a Gennaio, a superare le progenie. Le sue attitudini sono simili a quelle di Minosse con cui, oltre al padre, condivide anche il nonno materno Delano. E un toro sostanzialmente doppia linea, con una taglia media, un buon accrescimento e discreta muscolosità. Rispetto a Minosse la conformazione da carne è un po inferiore, al contrario la sua struttura è superiore. Con queste caratteristiche sembra perciò essere più adatto per la produzione di manze da rimonta da cui ci si attende buona capacità di partorire. I figli di Merlino nascono piuttosto bene ed è quindi possibile utilizzarlo su vacche dal secondo parto in poi, ma è prudente non usarlo sulle manze. Da non accoppiare con le Cobra e con le figlie e nipoti di Delano. MINO IT nato il Valore Genetico allevamento 119 carne 124 muscolosità 108 accrescimento 106 facilità nascita 121 facilità parto nascita su manze 108 figli in 63 allevamenti correttezza parti delle figlie Allevatore: Bertinetto Pier Giuseppe e Mauro - Villafranca P.te (TO) Centro: C.I.Z. Performance Test (dati fenotipici) peso inizio peso fine amg alt.garrese lungh.tronco circ.torace , Pedigree Indici dei genitori allev carne nascita parto padre INNO (IA) madre CICOGNA nonno paterno ZAINO (IA) nonno materno OLIMPICO (IA) 10 Mino è un toro di taglia media che presenta caratteristiche intermedie rispetto al padre Inno, toro fine e muscoloso ed il nonno Olimpico, toro di buon accrescimento e modesta conformazione. La sua muscolosità risente dell influenza di Olimpico, ed è quindi solo discreta, mentre la struttura è superiore a quella di Inno. Toro medio sui caratteri produttivi, Mino invece ha il suo punto forte nell equilibrio tra nascita e parto. I suoi figli nascono bene e quindi potrebbe essere utilizzato con qualche cautela anche sulle manze, mentre dalle sue figlie ci si aspetta una facilità di parto più che discreta. Complessivamente Mino è un toro doppia linea che conviene utilizzare su bovine con una buona conformazione da carne. Sono sconsigliati gli accoppiamenti con le figlie e nipoti di Zaino e con le figlie di Delano e Cronos.

11 ANNO2008 Informazioni Tecniche MONOPOLI IT nato il Valore Genetico allevamento 109 carne 121 muscolosità 118 accrescimento 113 facilità nascita 120 facilità parto nascita su manze 114 figli in 65 allevamenti correttezza parti delle figlie Allevatore: Borello Marco - Margarita (CN) Centro: C.I.Z. Performance Test (dati fenotipici) peso inizio peso fine amg alt.garrese lungh.tronco circ.torace , Pedigree Indici dei genitori allev carne nascita parto padre DOMINO (IA) madre FRONDA nonno paterno VIALLI (IA) nonno materno ZAINO (IA) Monopoli è invece un toro esclusivamente da carne e adatto per produrre animali da macello. E un figlio di Domino, toro della linea di Vialli che ha già avuto altri figli in FA tutti decisamente da carne, quali ad esempio Fenomeno o Levante. Come questi, Monopoli presenta una taglia media, una eccellente muscolosità e buoni accrescimenti. La sua facilità di nascita è elevata e quindi potrebbe essere utilizzato anche su manze di buona struttura e con buone aspettative per la facilità di parto. Al contrario, si sconsiglia invece l allevamento delle sue figlie come fattrici visto il suo indice di facilità parto 82. Da non usare sulle bovine di linea Vialli, sulle figlie di Pensiero e sulle figlie dei numerosi figli di Zaino. Nello scorso numero della rivista si è verificato un errore nelle fotografie dei tori in uscita dalle prove di progenie. Riportiamo qui di seguito le foto esatte e, scusandoci con i nostri lettori, ricordiamo che i dati dei tori erano comunque corretti. LORIS IT nato il Allevatore: Beltramino Domenico e Flavio - Villafranca (TO) Centro: C.I.Z. MAGNUM IT nato il Allevatore: Cascina La Reale di Allocco - Sommariva (CN) Centro: C.I.Z. MARIO IT nato il MINOSSE IT nato il MONDO IT nato il Allevatore: Buzzi Alberto - Collobiano (VC) Centro: C.I.Z. Allevatore: Longo Silvio Maria - Sanfrè (CN) Centro: C.I.Z. Allevatore: Sussetto Lidia - Chivasso (TO) Centro: Semenitaly 11

12 Il difficile momento di mercato E fuori di dubbio che il comparto dell allevamento della Piemontese in seguito alla grave crisi della BSE è stato condizionato da altalenanti andamenti di mercato. Si è assistito, infatti, nel giro di pochi anni, a periodi di elevata domanda e scarsa offerta con prezzi dei bovini vivi altissimi, ad altri periodi in cui la domanda ha segnato il passo. Da metà 2007, ad esempio, è in atto un netto calo di domanda (o un eccesso di offerta) che ha prodotto un sensibile calo dei prezzi dei bovini vivi. La domanda stagnante, oltre all evidente calo dei prezzi, porta con se due aspetti che condizionano la qualità finale della carne: un aumento dell età alla macellazione e un aumento del peso alla macellazione. In sintesi, bovini vecchi e pesanti. Nello stesso periodo, inoltre, ad aggravare la Capi etichettati dal Coalvi nel 2007 situazione, il mercato delle materie prime ha subito rialzi di prezzi inaspettati che hanno comportato un inevitabile aumento dei costi di produzione. Da una parte, dunque, aumento dell età e del peso di macellazione, dall altra un aumento dei costi di produzione. Non solo. In questi anni è indubbio che il mondo dell allevamento da carne è stato coinvolto sempre di più sugli aspetti della certificazione del prodotto carne: tracciabilità dei bovini e della carne, rispetto di capitolati di produzione della grande distribuzione, rintracciabilità degli alimenti. Tutti elementi positivi che vanno incontro alle aspettative del consumatore ma che, inevitabilmente, si ripercuotono sui costi di produzione. I dati relativi al numero di capi etichettati dai punti vendita del Consorzio non registrano sostanziali cali di vendite, anzi, si può affermare che nel 2007, si registra un lieve aumento. Può darsi, quindi, che la diminuzione della domanda debba essere ricercata in altre filiere che etichettano o vendono carne di Razza Piemontese. Il Coalvi, in ogni caso, è ben consapevole di questo momento poco favorevole all allevamento della Piemontese e, per l anno in corso, si propone per alcune soluzioni per uscire da questa crisi. Sul fronte della domanda il Consorzio si adopererà, in linea con i propri obiettivi statutari, per trovare nuovi sbocchi di mercato guardando verso le macellerie del dettaglio tradizionale, i punti vendita della grande distribuzione organizzata e il mondo della ristorazione collettiva, supportando la ricerca con una nuova e massiccia comunicazione e promozione del prodotto e senza tralasciare le altre forme di valorizzazione del prodotto carne. I momenti di crisi servono anche a riflettere sugli errori che possono essere stati commessi nel passato quando tutto sembrava andasse a gonfie vele con un euforia che il Consorzio ha sempre guardato con sospetto consapevole del fatto che solo un mercato ben strutturato e ben gestito, dall allevamento al punto vendita (sia del dettaglio, sia della grande distribuzione), può garantire un andamento regolare e costante con soddisfazione per tutti gli operatori della filiera.

13 Assistenza tecnica 2007 L aumento del prezzo delle materie prime ha senza dubbio condizionato i costi di produzione del chilo carne. La tentazione, nel tentativo di diminuire i costi, è quella di utilizzare alimenti di scadente qualità che in qualche modo sostituiscano i più costosi o, peggio ancora, diminuire la componente concentrata della razione senza preoccuparsi dei risvolti negativi. Proprio per far fronte ad un possibile scadimento qualitativo della carne dovuto a cambiamenti di razionamento per gli eccessivi prezzi delle materie Andamento negli anni del numero di allevatori soci del Coalvi prime, il Consiglio di Amministrazione del Consorzio, nella seduta del 18 febbraio 2008, ha deliberato di offrire ai soci, che ne manifesteranno l intenzione attraverso apposita domanda di iscrizione al Pratz, l adesione al nuovo Piano Regionale di Assistenza Tecnica in Zootecnia (PRATZ). Tale piano prevede oltre alle visite in autocontrollo effettuate dai tecnici negli allevamenti che aderiscono a disciplinari di etichettatura volontaria delle carni, anche visite mirate al miglioramento qualitativo del prodotto. Il costo previsto per le aziende agricole, pari al 20% della intervento tecnico relativo alle due prime visite, è dunque a carico del Consorzio che provvederà, attraverso i propri tecnici, a fornire la dovuta consulenza tecnica agli allevatori. Nel caso in cui l allevatore volesse usufruire di ulteriori visite da parte dei tecnici, la quota, a parziale copertura dell intervento, nella misura del 60%, sarà a carico dell azienda agricola. Il Consorzio nell offrire questa opportunità a tutti gli allevatori soci si augura che la domanda di carne etichettata e certificata possa di nuovo ripartire contenendo, nel contempo, i costi a carico degli allevatori. I punti vendita del Consorzio Come si può notare dal grafico crescono ancora i punti vendita che aderiscono al disciplinare di etichettatura del Consorzio. Più precisamente, nel 2007, sono entrati a far parte delle filiera 20 nuovi punti vendita di cui 12 appartenenti a gruppi della grande distribuzione e 8 del dettaglio tradizionale. Nel 2006 avevano aderito al Consorzio, invece, 12 punti vendita, 8 dei quali del dettaglio tradizionale. Un deciso aumento dei punti vendita della grande distribuzione che rappresentano circa il 23% del totale punti vendita aderenti al Consorzio. Ci sembra opportuno segnalare come, negli ultimi anni, siano cresciuti sempre le adesioni al disciplinare di etichettatura da parte della GDO, mentre il bilancio tra entrate e uscite delle macellerie tradizionali, sia decisamente negativo. Anche su questo versante, dunque, c è ancora molto da lavorare al fine di sensibilizzare le macellerie del dettaglio tradizionale che vogliono valorizzare il prodotto carne di Razza Piemontese attraverso il sistema di etichettatura del Consorzio di Tutela della Razza Piemontese.

14 Informazioni Tecniche NUMERO 2 Tori giovani Aprile - Giugno 2008 Uscita Dati di Nascita dei figli: agosto 2009 NORTON IT Nato il Allevatore: Sussetto Lidia di Chivasso (To) Misure a 12 mesi altezza Lungh. circonf. Peso amg garrese tronco torace 455 1, Genealogia NORTON FRED (IA) LAGUNA ZAINO (IA) COF (IA) Qualificato Linea Carne colore paillette: arancione Carne 123 Allevamento 116 Muscolosità 103 Accrescimento 112 INDICI GENETICI di NORTON INDICI GENETICI dei GENITORI Carne Allev. Nascita Parto FRED LAGUNA NORTON è un toro di taglia media con discreta muscolosità, caratteristiche in linea con la sua genealogia. Sia il padre Fred che il nonno materno Cof sono tra i migliori di sempre per la facilità di nascita su manze (126 e 130) quindi NORTON è atteso come toro da manze. Nonostante ciò la facilità di parto delle figlie dovrebbe essere discreta. Quindi si consiglia di usare NORTON sulle fattrici della linea carne, comprese le manze, evitando le linee Tyson e Vialli. NOBEL Qualificato Linea Carne + Linea Allevamento colore paillette: verde scuro IT Nato il Allevatore: Ameglio Bruno di Altavilla Monf.to (Al) Misure a 12 mesi altezza Lungh. circonf. Peso amg garrese tronco torace 506 1, Genealogia NOBEL LASER (IA) CLELIA ZAINO (IA) RAGUN (IA) Carne 124 Allevamento 124 Muscolosità 122 Accrescimento 115 INDICI GENETICI di NOBEL INDICI GENETICI dei GENITORI Carne Allev. Nascita Parto LASER CLELIA NOBEL è un toro di taglia medio-grande con muscolosità eccezionale e mantello fromentino scuro. NOBEL è il 2 figlio di Laser in IA dopo Nedved (mese scorso), anch'esso con nonno materno Ragun. Laser è un toro da carne con ottima facilità di nascita (126) mentre la madre (Ragun x Pasarot) è della linea allevamento con buona facilità di parto. NOBEL è quindi "bilanciato" e può essere usato su tutte le fattrici evitando le figlie di Cronos, Cerdo e della linea Tyson. NEREO Qualificato Linea Carne colore paillette: rosso chiaro 14 IT Nato il Allevatore: Filippi Guido di Carrù (Cn) Misure a 12 mesi altezza Lungh. circonf. Peso amg garrese tronco torace 497 1, Genealogia NEREO LEVANTE (IA) GARESSIO DOMINO (IA) ZAINO (IA) Carne 122 Allevamento 115 Muscolosità 113 Accrescimento 116 INDICI GENETICI di NEREO INDICI GENETICI dei GENITORI Carne Allev. Nascita Parto LEVANTE GARESSIO NEREO è un toro di taglia grande con buone masse muscolari e finezza. NEREO è il primo figlio di Levante qualificato per l'ia. Levante è un toro specializzato da carne con ottima facilità di nascita (127). Anche la madre (linea Zaino x Oscar) è più da carne quindi si consiglia di usare NEREO sulle fattrici della linea carne per produrre animali da ingrasso. Evitare sulle figlie di Fenomeno, Vialli, Baggio e della linea Tyson.

15 ANNO2008 Informazioni Tecniche Tori giovani Aprile - Giugno 2008 Uscita Dati di Nascita dei figli: agosto 2009 NASTRO IT Nato il Allevatore: Arena Lorenzo di Vottignasco (Cn) Misure a 12 mesi altezza Lungh. circonf. Peso amg garrese tronco torace 521 1, Genealogia NASTRO LIMBO (IA) B-ROMANA Qualificato Linea Carne + Linea Allevamento colore paillette: blu DELANO (IA) QUARK (IA) Carne 122 Allevamento 122 Muscolosità 120 Accrescimento 118 INDICI GENETICI di NASTRO INDICI GENETICI dei GENITORI Carne Allev. Nascita Parto LIMBO B-ROMANA NASTRO è un toro di taglia grande con ottime masse muscolari e finezza. NASTRO è il 2 figlio di Limbo in IA con dimensioni simili al padre ma maggiore finezza. Limbo era un toro molto produttivo con ottimo accrescimento (130) e caratteri riproduttivi discreti. Il nonno materno è Quark (padre di Cross), discreto toro misto. Si consiglia di usare NASTRO solo sulle pluripare, in particolare per migliorare la produttività delle femmine per la rimonta. Notizie dal Centro Genetico... Notizie dal Centro Genetico... Notizie dal Destinazione dei torelli all uscita dal Centro Genetico nel 2007 PROSSIMI APPUNTAMENTI CON LA PIEMONTESE MARZO 24 Mostra Zootecnica, Bra (CN) APRILE 5-6 Mostra Provinciale di Cuneo- Giornate Zootecniche Fossanesi Settimana della Carne, Cavour (TO) 15

16 Dall Associazione NUMERO 2 4 corso di conoscenza e valutazione della razza Piemontese Si è svolto nel mese di febbraio con un appendice conclusiva al meeting nazionale del 6 marzo il 4º Corso di Conoscenza e Valutazione della Razza Piemontese. Ben 30 gli iscritti, sia allevatori che tecnici impegnati su vari fronti nel settore zootecnico. Un ringraziamento va ai relatori che hanno esposto e dialogato con i partecipanti sui vari temi riguardanti l allevamento e la selezione del bestiame piemontese. In effetti gli argomenti sono stati vari e diversificati e hanno spaziato dalla veterinaria alla genetica, dall alimentazione alle mostre e fiere. Ringraziamo anche le aziende agricole che hanno ospitato il gruppo per le prove pratiche: Agù Antonio e figlio di Magliano Alpi e Sevega F.lli Dario e Bruno di Cervere. In considerazione della partecipazione e delle richieste pervenuteci anche in corso di svolgimento si prevede di riproporre il corso nella prossima primavera. Il programma sarà pubblicato sulle pagine della nostra rivista e sul nostro sito internet 16 L a Piemontese alla Fieragricola di Verona La Razza Piemontese e stata presente con un gruppo di 8 animali alla 108ª Fieragricola svoltasi a Verona dal 7 al 10 Febbraio. All interno del settore Italialleva, coordinato dall Associazione Italiana Allevatori, i nostri animali Piemontesi erano rappresentati da tre aziende: Barale Pieranna di Rivarolo Canavese ha esposto una vacca con vitella, due manzette e il toro Campione di riserva della Nazionale 2007 LEVIS; l Azienda Vigne di Rigazio Livio e Momo Federico di Cigliano (VC) hanno proposto due manzette e l Anaborapi ha preparato per la manifestazione il toro di F.A. MARIO. Come sempre lo stand è stato meta di un numeroso pubblico che ha apprezzato le qualità straordinarie della nostra razza e numerosi contatti sono stati allacciati tra il nostro personale e gli allevatori ed i tecnici visitatori della Fiera. Molte le delegazioni estere, provenienti in particolare dalle nazioni Balcaniche e dalla Grecia. Tra i momenti più intensi è da ricordare la sfilata finale di Italialleva alla domenica pomeriggio sul ring centrale, quando il toro Levis, magistralmente condotto da Mauro Molinero e commentato da Momo Federico e Valla Roberto, ha catturato l attenzione di un numeroso pubblico estasiato nel vedere cotanta espressione dei caratteri da carne.

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole zanzare,

Dettagli

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Andrea Albera ANABORAPI Incontri Assistenza Tecnica Zootecnica Provincia di Novara Programma Obiettivi e sistema di selezione Risultati ottenuti Quali informazioni

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Malattia virale che colpisce il bovino causata da un herpesvirus (BHV 1 ), si manifesta con sintomi respiratori (Rinotracheite infettiva

Dettagli

25 GIUGNO ANABORAPI 1960-2010 ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY. ANNO XlI N. 4-2010

25 GIUGNO ANABORAPI 1960-2010 ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY. ANNO XlI N. 4-2010 ANNO XlI N. 4-2010 ANABORAPI 1960-2010 25 GIUGNO PORTE APERTE 2 0 1 0 ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY POSTe ITAlIANe s.p.a.- SPeD. IN ABB. POST. - D.l. 353/2003 (conv.

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Pastorano Se la bufala mostra i muscoli

Pastorano Se la bufala mostra i muscoli Il meglio del materiale genetico italiano in esposizione alla Mostra tenutasi recentemente nella città campana Pastorano Se la bufala mostra i muscoli Per la prima volta la Mostra nazionale della Bufala

Dettagli

Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo.

Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo. Progetto Pilota PLZ Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo. 1. INFORMAZIONI PRELIMINARI In data 03.04.2009 prot. n. 11792 i Presidenti, delle CONFERENZE dei Sindaci Azienda

Dettagli

TECNICA DEGLI ACCOPPIAMENTI

TECNICA DEGLI ACCOPPIAMENTI TECNICA DEGLI ACCOPPIAMENTI La creazione di un ceppo NOZIONI GENERALI Gli obiettivi che un sistema razionale di accoppiamenti si propone di conseguire sono essenzialmente due: - ottenere soggetti con caratteristiche

Dettagli

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE)

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) Allegato A. 3 Scheda III Indagine epidemiologica focolaio ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA ALLEVAMENTO COMUNE. Pagina 1 di 16 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXVIII / N. 1-2007

ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXVIII / N. 1-2007 anaborapi coperta GENNAIO 2007 31-01-2007 10:34 Pagina 1 ANNO XXXVIII / N. 1-2007 ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY POSTE ITALIANE s.p.a.- SPED. IN ABB. POST. - D.L.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GIORGIO ROCCO 7, VIA GIOVANNI XXIII, 85100 POTENZA Telefono 0971441912 Fax 0971668685 E-mail rocco.giorgio@regione.basilicata.it

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

IL DIRETTORE (dr. Enrico Santus)

IL DIRETTORE (dr. Enrico Santus) Bussolengo (VR) li 10/12/2015 Risposta a Nr. di prot. VM/LP/pf 1343 Spett.li Ministero delle risorse agricole aliment. e forest.li Assessorati Regionali agricoltura Ente Fiere Verona Associazione Italiana

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXVIII / N. 3-2007

ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXVIII / N. 3-2007 anaborapi coperta APRILE 2007 23-04-2007 15:11 Pagina 1 ANNO XXXVIII / N. 3-2007 ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY POSTE ITALIANE s.p.a.- SPED. IN ABB. POST. - D.L.

Dettagli

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012.

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. Allegato Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. La selezione ed il miglioramento genetico hanno un significato economico, assumendo un carattere strutturale

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI Cap. I Prodotti della Zootecnia a) Bovini da vita, da latte, da macello Sommario COMMERCIO DEL BESTIAME BOVINI Art. 1 - Forma del contratto. Art. 2 - Termini e condizioni

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXV / N. 8-2004. anaborapi coperta dicembre 04 9-12-2004 10:46 Pagina 1

ANABORAPI. Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXV / N. 8-2004. anaborapi coperta dicembre 04 9-12-2004 10:46 Pagina 1 anaborapi coperta dicembre 04 9-12-2004 10:46 Pagina 1 ANNO XXXV / N. 8-2004 ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY POSTE ITALIANE s.p.a.- SPED. IN ABB. POST. - D.L. 353/2003

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

Ex Sala Consigliare del Comune di Asti, Sabato 14 novembre 2015

Ex Sala Consigliare del Comune di Asti, Sabato 14 novembre 2015 FOTO del CONVEGNO L ALLEVAMENTO SEMIBRADO DELLA RAZZA BOVINA PIEMONTESE: UN ALLEVAMENTO ECOSOSTENIBILE Ex Sala Consigliare del Comune di Asti, Sabato 14 novembre 2015 Saluto introduttivo da parte del Dott.

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO

IL MIGLIORAMENTO GENETICO 444 SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) IL MIGLIORAMENTO GENETICO Relatore: Prof. Carlo

Dettagli

DESTINAZIONI STALLONI 2015

DESTINAZIONI STALLONI 2015 PARCO STALLONI DI LG (PSLG) 2015 Ormai da circa un decennio ANACAITPR ha proceduto all acquisto di stalloni con cui costituire il proprio parco riproduttori. Attualmente il PSLG è in fase di ristrutturazione,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 29 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2313 - Area Generale di Coordinamento N. 20 -

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI Il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico è basato sulla scelta dei riproduttori. La valutazione dei riproduttori si può distinguere

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Laurea in Medicina Veterinaria conseguita il 6.12.1973 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell Università di Milano;

Laurea in Medicina Veterinaria conseguita il 6.12.1973 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell Università di Milano; CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome FORMENTI Nome ANGELO Luogo e Data di nascita VIMERCATE 01/03/1949 Qualifica VETERINARIO UFFICIALE Amministrazione ASL PROVINCIA MONZA E BRIANZA Incarico

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Corpo messaggio: null

Corpo messaggio: null Oggetto : Piano di gestione degli allevamenti di bovini iscritti ai Libri genealogici (LG) delle 5 razze Italiane da carne finalizzato al risanamento dal virus responsabile della rinotracheite infettiva

Dettagli

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Modenese:Layout 9-07-00 6: Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gualtieri Giuseppe Vittorio Data di nascita 21/07/1955

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gualtieri Giuseppe Vittorio Data di nascita 21/07/1955 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gualtieri Giuseppe Vittorio Data di nascita 21/07/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Zago Luigi Data di nascita 11 ottobre 1960 Qualifica Dirigente Veterinario Amministrazione ULSS 22 Incarico attuale Servizi territoriali Comuni Mozzecane Nogarole

Dettagli

Riproduzione animale: le regole in Lombardia

Riproduzione animale: le regole in Lombardia Riproduzione animale: le regole in Lombardia 1. Interventi di fecondazione artificiale La fecondazione artificiale può essere svolta esclusivamente da operatori iscritti all apposito albo regionale (sia

Dettagli

L Indennizzo degli animali

L Indennizzo degli animali L Indennizzo degli animali Linee Guida e Modulistica 1 Sommario Premessa..3 Documentazione indennizzo L. 218/88....4 Documentazione indennizzo L. 33/68....5 Modello delega riscossione indennizzo....6 Modello

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 IL SUINO (filogenesi) ORDINE: SOTTORDINE: FAMIGLIA: GENERE: SPECIE: Artiodattili Suiformi Suidae Sus Sus scrofa

Dettagli

SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI

SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI anno 211 Assessorato Ambiente, risorse idriche, acque minerali e termali, difesa del suolo, attività estrattive, economia montana, protezione civile Direzione

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Malattia da virus Zika

Malattia da virus Zika Malattia da virus Zika La zanzara Aedes che trasmette Zika virus trasmette anche Febbre Gialla Dengue e Chikungunia. AAS5 Friuli Occidentale Dipartimento di Prevenzione dr.ssa Oriana Feltrin Malattia

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE La fotografia La rilevanza del comparto: l offerta di carne bovina incide circa il 40% sul valore della produzione degli allevamenti da carne e circa ¼ su quello de totale

Dettagli

VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00)

VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00) VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00) ore 9.15 - Centro Congressi Sala Maschiella Inaugurazione ufficiale della manifestazione ore 10.00 - Palazzina 1 - Sala Riunioni Incontri Mech@grijobs: le nuove professioni

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV)

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) Nel panorama delle patologie che interessano i nostri amici gatti risultano particolarmente degne di nota l Immunodeficienza Felina (FIV) e la

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN.

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Giuliano Marchesin C o n s o r z i o I t a l i a Z o o t e c n i c a Mercoledì 24 Giugno 2015,

Dettagli

ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXIX / N. 8-2008

ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY ANNO XXXIX / N. 8-2008 ANNO XXXIX / N. 8-2008 ANABORAPI Strada Provinciale per Trinità 32/A 12061 Carrù (Cn) - ITALY POSTE ITAlIANE s.p.a.- SPED. IN ABB. POST. - D.l. 353/2003 (conv. in l. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/CN

Dettagli

RESOCONTO MONITORAGGIO 2004 SULLA CHERATOCONGIUNTIVITE DEI BOVIDI SELVATICI ALPINI IN VALLE PO E IN VALLE VARAITA

RESOCONTO MONITORAGGIO 2004 SULLA CHERATOCONGIUNTIVITE DEI BOVIDI SELVATICI ALPINI IN VALLE PO E IN VALLE VARAITA RESOCONTO MONITORAGGIO 2004 SULLA CHERATOCONGIUNTIVITE DEI BOVIDI SELVATICI ALPINI IN VALLE E IN VALLE VARAITA 1 Introduzione Nell ambito della gestione e della conservazione del patrimonio faunistico

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov.

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov. ALLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di Dipartimento Prevenzione Per il tramite del SUAP del COMUNE DI Segnalazione Certificata Inizio Attività ( S.C.I.A. ) ai fini della registrazione di nuovo allevamento

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014 LA GIUNTA REGIONALE - richiamata la legge regionale 13 febbraio 2012, n. 4 recante Disposizioni per l eradicazione della malattia virale rinotracheite bovina infettiva (BHV-1) nel territorio della regione,

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU2 14/01/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 14 dicembre 2015, n. 16-2596 Approvazione dello schema di accordo, ai sensi dell'art. 15 L.241/90 e art.22 L.r. 14/2014, tra la Regione

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale Tecnici Veterinari SATA Direttive della Normativa Comunitaria creazione di una base normativa

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana)

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Per diminuire la dipendenza di ristalli dall estero, stringere una forte alleanza tra produttori di carne & latte e valorizzare il #madeinitaly!

Dettagli

Il biologico in Piemonte

Il biologico in Piemonte Quaderno della Il biologico in Piemonte 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Agri.Bio. Piemonte è stata fondata, nel 2007, quale associazione regionale di promozione dell agricoltura

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DEL VENETO MEETING REGIONALE DELLA RAZZA : FRISONA ITALIANA SABATO 18 APRILE 2015 AZIENDA AGRICOLA BOTTONA ISIDORO & ADRIANO VIA POSSESSION LOC. BOI PESINA CAPRINO VERONESE

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE Federico Comellini Direzione Qualità Ispettore Carni VERONA 10 febbraio 2006 1 TUTTI I PRODOTTI A

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE 27.10.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 283/37 REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE del 26 ottobre 2007 relativo alle misure di applicazione della direttiva 2000/75/CE del Consiglio

Dettagli

PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere

PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere OSSERVATORIO PARASSITOSI SCOLASTICHE PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere Una guida per immagini a cura del Dott. Gaetano Scanni Medico Scolastico-Specialista Dermatologo ASL-Bari, distretto

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2002 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A: CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L ACQUISTO DI BESTIAME DA RIPRODUZIONE.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 5302 del 16/04/2014 Proposta: DPG/2014/5718 del 16/04/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli