La voce questa sconosciuta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La voce questa sconosciuta"

Transcript

1 IN CANTIAMO CI Voi non venite qui a cantare una nota qualunque. Voi venite qui a cantare la vostra nota. Non è una cosa da niente: è una cosa bellissima. Avere una nota, dico: una nota tutta per sé. Riconoscerla, fra mille, e portarsela dietro, dentro, e addosso. Potete anche non crederci, ma io vi dico che lei respira quando voi respirate, vi aspetta quando dormite, vi segue dovunque andiate statemi a sentire... anche se la vita fa un rumore d'inferno affilatevi le orecchie fino a quando arriverete a sentirla e allora tenetevela stretta, non lasciatela scappare più. Portatela con voi, ripetetevela quando lavorate, cantatevela con la testa, lasciate che vi suoni nelle orecchie, e sotto la lingua e nella punta delle dita. E magari anche nei piedi A. Baricco Castelli di rabbia La voce questa sconosciuta La voce è la prima manifestazione dell Essere uomo: il neonato grida al momento della nascita e qui la voce, come flusso energetico, testimonia l inizio di una nuova vita. Secondo antiche cosmogonie all origine del cosmo troviamo il grido: <<Il canto di lode della morte, il grido o la risata rappresentano la musica primordiale che partorisce il cosmo 1 >>. La voce quindi è molto di più dello strumento più naturale ed efficace per fare musica, la voce è respiro, soffio vitale, testimonianza dell essere. Essa è affermazione della nostra identità perché è strettamente legata al nostro corpo, da cui è generata e morfologicamente caratterizzata e a cui ritorna come eco, ma è anche il mezzo che ci permette di relazionarci con gli altri e che maggiormente ci identifica nell atto comunicativo. Diventa perciò molto importante per la costruzione di un curricolo formativo, e non solo musicale, educare questo strumento espressivo. Il corretto e buon uso della voce è inoltre di fondamentale importanza anche per gli stessi insegnanti dal momento che esso risulta essere il loro primo utensile di lavoro. Come per un attore davanti al suo pubblico, l efficacia del messaggio dipende in modo imprescindibile dal mezzo di comunicazione usato, rappresentato non tanto dal codice verbale quanto da quello non verbale, di cui la voce è componente primaria. Per vocalizzare, ciascuno di noi utilizza le corde vocali, due membrane tese tra le pareti della laringe: Ma per mettere in funzione le corde vocali e produrre un suono sono necessari: un impulso energetico, dato da tutta la persona nell atto espiratorio, per portare le corde vocali dallo stato di quiete alla vibrazione; la vibrazione delle corde vocali per la produzione di onde sonore che si propagano nell aria; l amplificazione e la trasformazione del suono attraverso i risuonatori del corpo, che hanno la funzione di cassa armonica (faringe, cavità toracica, bocca, cavità nasali, ecc.) Una corretta emissione della voce sia parlata che cantata richiede dunque la perfetta coordinazione di una serie di meccanismi che sovrintendono alla sua regolazione, quali la respirazione, l emissione vocale e la risonanza. 1 M. Schneider, Il significato della musica, coll. Cultura Nuova, Rusconi, Milano1970.

2 La respirazione Inspirare ed espirare sono movimenti naturali involontari che il più delle volte facciamo incosapevolmente, ma poiché la voce viaggia sul fiato, il respiro deve divenire attività cosciente e controllata. Per un corretto uso della voce è fondamentale l emissione graduale dell aria espiratoria: ciò presuppone una perfetta coordinazione tra i muscoli addominali ed intercostali interni da una parte e le resistenze offerte dal diaframma e dalla glottide dall altra. L equilibrio dinamico tra queste forze antagoniste pemette di sostenere la colonna d aria che fa vibrare le corde vocali durante l atto espiratorio. A tal riguardo le tecniche per un buon uso della voce sia parlata che cantata raccomandano di non utilizzare la cosiddetta respirazione alta (con l evidente sollevamento delle spalle e del petto), che mette in funzione i muscoli respiratori accessori con la conseguente eccessiva rigidità del collo che riduce la mibilità laringea. Sdraiati a terra supini appoggiamo le mani sulla pancia, o seduti rilassati Sdraiati a terra supini appoggiamo le mani sulla pancia, o seduti rilassati Servono? TOCCHIAMO IL RESPIRO Respirazione circolare: Inspirare per 4 tempi apnea per 4 tempi espirare per 4 tempi (proseguendo si può farla in 7 tempi) Sequenze diverse: Inspirare lentamente apnea espirare velocemente; Inspirare da una sola narice (tappando l altra) - apnea espirare da entrambe e viceversa; Inspirare ed espirare liberamente. Tossire Ridere Emissione di un suono sibilante, es. /s/, /sc/, /z/ continua e intermittente Gioco per i bambini: Il toro Fernando Tutti i bambini, sdraiati a terra, imitano il Toro Fernando che invece di correre nell arena ama distendersi all ombra di un grande albero ad annusare il profumo dei fiori e farne volar via, con il soffio, i petali. La zanzara I bambini hanno ciascuno in mano un filo da pesca Si percepisce il movimento dell addome che si alza e si abbassa con l insipirazione e l espirazione. I muscoli diaframmatici, infatti, permettono alla membrana diaframmatica di abbassarsi spingendo in fuori l addome per permettere ai poloni di gonfiarsi d aria. Nell atto espiratorio il diaframma è riportato nella posizione inziale, favorendo così la fuoriuscita delll aria incamerata. Con il tossire, il ridere, l uso di suoni sibilanti si può percepire anche l azione volontaria dei muscoli diaframmatici, la stessa che aiuta a manenere un emmissione costante e graduale del fiato.

3 A coppie: uno sta sdraiato in posizione prona, l altro, in ginocchio, appoggia le mani sulla zona lombare A coppie, uno dietro l altro. Il compagno dietro appoggia le mani tra i fianchi e la cassa toracica con appeso un pezzo di carta, o di stoffa, o di metallo plasticato arrotolato che funge da zanzara. Le zanzare (libera o guidata da un bambino che farà il direttore con il suo movimento) si spostano ora di qua ora di là, ora in su ora in giù, chissà dove si poseranno. Inspirare ed espirare liberamente Gioco per i bambini: Il benzinaio chi è in ginocchio con una cannuccia <<gonfia>> il compagno, come fosse un benzinaio. (soffiare con la cannuccia si può sperimentare precedentemente anche nell acqua) La gara delle palline A terra, supini, in riga. Ciascun bambino deve spingere al di là del traguardo una pallina da ping pong o di carta con il soffio. Il compagno davanti inspira ed espira sollevando leggermente e lentamente le braccia verso l esterno, come fossero le braccia di un burattino con due fili appesi ai gomiti e sollevati dal burattinaio. Le farà poi tornare lentamente nella posizione iniziale con l espirazione Si percepisce il movimento di espansione toracica della zona costo-lombare, le ultime due costole infatti non sono fissate allo sterno, e si evita l utilizzo della respirazione alta o clavicolare, non corretta perché causa tensione dei muscoli che controllano la fonazione e non consente un controllo graduale e costante del fiato in emissione. Chi sta dietro percepisce e controlla che nell atto inspiratorio il compagno apra il suo mantice respitatorio proprio come fosse un ombrello, e non alzi le spalle. Emissione vocale Le corde vocali si adducono, cioè si tendono avvicinandosi e vengono messe in vibrazione dalla pressione esercitata dall aria espirata. Il suono poi si articola in parola a seconda della posizione della lingua, del palato molle e del movimento delle labbra mentre la sua modulazione avviene per l azione delle strutture neuromuscolari della laringe che permettono di modificare la forma, la tensione e l adduzione delle corde vocali in modo da dare all emmissione vocale la frequenza 2 e l intensità 3 desiderate. A differenza della voce parlata, nel canto si richiede una maggiore modulazione dell intensità, per cui un migliore controllo del mantice respiratorio, ed una estensione della gamma tonale che da un escursione di 4 6 toni della voce di conversazione arriva alle due ottave della voce di un cantante. I muscoli vocali 4 interessati devono contrarsi però senza bloccare il flusso della colonna d aria da un lato e senza causare brusche chiusure e sfregamenti delle corde vocali dall altro. La risonanza Il suono prodotto dall organo fonatorio viene amplificato dai risuonatori (cavità nasali, seni paranasali, faringe e cavità orale) che ne determinano anche il timbro mediante l azione d attenuazione o di enfatizzazione delle frequenze che compongono lo spettro vocale in rapporto alla diversa forma e alla diversa dimensione che essi possono avere. I suoni pur di altezza diversa ma simili nel <<colore>> formano ciò che viene chiamato registro vocale. Comunemente si distinguono: il registro di testa che utilizza soprattutto i risuonatori superiori ( seni paranasali, tempie) soprattutto per i suoni più acuti; il registro di petto che utilizza come cassa di risonanza soprattutto il petto per l appunto; la voce nasale: che risuona soprattutto nel naso; la voce di gola: che utiilizza poco gli altri risuonatori ed è tipica della voce parlata. Molti sono i stati i tentativi di spiegare cosa accade durante l emissione vocale e soprattutto cosa si dovrebbe fare per sostnere il suono, per non affaticare le corde vocali, per usare i risuonatori in modo corretto e come passare da un registro all altro senza rotture della voce, mantenendo lo stesso colore, ma poiché la voce non è uno 2 La frequenza di un suono è direttamente proporzionale alla tensione delle corde vocali e inversamente proporzionale alla massa vibrante. 3 L intensità è collegata alla pressione della colonna d aria sottoglottica e aumenta a seconda dell accostamento delle corde vocali. 4 La tensione cordale si ottiene per contrazione del muscolo tiroaritenoideo mentre l estensione vocale dipende sia dalla tensione cordale sia dall allungamento delle corde vocali per la contrazione del muscolo cricotiroideo.

4 strumento esterno a noi, non si può vedere al di fuori cosa accade, diventa così fondamentale l esperienza personale e una esplorazione consapevole delle variabili che entrano in gioco. Tocchiamo la voce Già Lucrezio nel suo De rerum natura, affermava che la voce, per quanto possa sembrare invisibile e inafferrabile, è un corpo. In effetti possiamo toccare la voce come? Alterniamo suoni sordi (prodotti senza l uso di corde vocali: p, t, c (dura) k) e sonori (con l uso di corde vocali: b, d, c) Proviamo a dire il nostro nome. Proviamo a cantare il nostro nome. Alterniamo suoni gravi e suoni acuti. Imitiamo un missile in caduta e Proviamo ad intonare l ululato del lupo, i suoni di un fantasma che vuole impaurire qualcuno, la sirena dell ambulanza, l abbaiare in lontananza di un cane. Emettiamo un suono a bocca chiusa: mmm Cantiamo una /o/ una /a/ prolungata Emettiamo un suono a bocca chiusa: mmm Ripetiamo l esercizio aprendo gradualmente le labbra nell emmissione della vocale /u/ e interrompendola con la fuoriuscita di tutta l aria come un soffio o uno sbuffo Appoggiamo la mano sul collo ESPLORIAMO LA VOCE Appoggiamo il palmo della mano sulla base del collo, cosa percepiamo? Appoggiamo ora il palmo sul petto e sul collo Proviamo a toccare con i polpastrelli delle dita la laringe e con il palmo della mano il petto. E se posizionassimo i polpastrelli sul pomo d adamo? Appoggiamo i polpastrelli sulle guance Tappiamoci il naso, anche ad intermittenza Tocchiamo leggermente le labbra Mettiamo la mano vicina alla bocca Percepiamo la presenza di vibrazione con i fonemi sonori a differenza di quelli sordi Percepiamo le vibrazioni nelle zone di risonanza della voce di gola: caratteristica del parlato quotidiano e spesso anche del canto nella popular music, che non utilizza comerisuonatori tranne il tratto orofaringeo. Questa è la zona interessata dal registro di petto, che utilizza come cassa di risonanza la cavità toracica e la faringe, la vibrazione risulta molto evidente al tatto, irregolare nel parlato, più regolare nel cantato La vibrazione si sposta dalla zona superiore della laringe a quella inferiore e in particolare percepiamo l abbassamento della stessa quando la voce sale ai toni acuti e progressivamente il suo ritorno in posizione normale a mano a mano che la voce scende. Il registro di testa, che utilizza come cavità di risonanza le fosse nasali e paranasali, le tempie, il palato, è solitamente accompagnato da un abbassamento della laringe per permettere alle corde vocali di allungarsi e al suono di passare agevolmente nelle cavità superiori. Quando cantiamo a bocca chiusa risulta evidente che non possiamo emettere il suono nel momento in cui ci tappiamo il naso, perché utilizziamo solo il canale nasale per l emissione. Quando invece vocalizziamo, se il suono non si interrompe significa che la nostra non è un emissione nasale, e continua anche a naso chiuso. La voce nasale dunque utilizza prevalentemente il naso come canale di emissione e nella nostra cultura, a differenza ad esempio degli indiani d America, è considerata una caratteristica da correggere. Si dovrebbe percepire la vibrazione delle labbra e un leggero solletico Si percepisce la diversa intensità della colonna d aria che esce quando si canta e quando si fa uscire l aria senza suono. Proviamo a produre con voce piena, forte un glissato ascendente sulla vocale /a/ imitando una navicella spaziale che decolla Tocchiamo la laringe La laringe sembra stirarsi fino ad un punto in cui la voce non riesce più a proseguire a registro pieno: è il punto di passaggio di registro (in gergo detto crack), dopo il quale la voce cambia colore, diventa più leggera, se non utilizza bene i risuonatori, altrimenti i suoni vengono emessi con difficoltà e stancano le corde vocali. I suoni nella zona centrale di passaggio risultano duri, graffiati oppure rochi e soffiati.

5 La voce parlata La voce parlata racchiude in sé un potenziale musicale sorprendente, spesso trascurato a favore del canto, che rappresenta però, come abbiamo visto, un uso più raffinato del mezzo vocale ed esplorabile con minore facilità dai bambini per la difficoltà di coordinare testo e melodia. Esplorando il medium vocale come fosse un oggetto sonoro vi ritroviamo una grande ricchezza di componenti espressive, timbriche, dinamiche, di durata e di articolazione. L esplorazione della voce parlata, che i bimbi naturalmente fanno fin dai primi mesi di vita (bubbling) rappresenta certamente una tappa imprescindibile per l acquisizione della competenza fonematica necessaria nei processi linguistici e di letto-scrittura. La sua stimolazione in ambito educativo può arricchire il percorso spontaneo fatto dal bambino ampliando il suo campo di esperienza, favorendo un utilizzo più consapevole delle sue scoperte con finalità ludiche ed espressive, affinando la sua percezione dei suoni a favore di un migliore riconoscimento e di una più corretta riproduzione degli stessi. Infine offre innumerevoli possibilità di operare in modo creativo con il materiale sonoro sperimentato, di riorganizzare la sua riappropriazione espressiva in funzione di forme ludiche più strutturate, assimilabli al gioco di regole, finalizzandola anche alla realizzazione di progetti non più solamente individuali e improvvisati ma collettivi e compositivi. Vocali e consonanti Sperimentiamo con le lettere dell alfabeto il parametro della durata: suono lungo e corto Sperimentiamo con le lettere dell alfabeto il parametro dell altezza: suono sonoro o sordo (l uno può scendere e salire l altro no) Sperimentiamo più volte e in maniera continuativa ciascuno dei seguenti gruppi consonantici: 1 - P/T/CH/GH/ 2 - L/M/N/R 3 - F/S/SC(i)/C(i) Anche con le seguenti sillabe: PI TI CHI/CHI TI PI RO MO LO/RI MI NI SI(di Silvia: sorda) SI(sposi: sonora) FO. 5 LA VOCE PARLATA Gioco della statua di ghiaggio i bambini sono statue di ghiaggio che si sciolgono quando sentono un suono. Proviamo a farci sciogliere dalle lettere che compongono il nostro alfabeto: quali lettere riescono a scioglierci completamente e quali invece solo un po? Disegno di punti e linee Ascoltando le lettere dell alfabeto e/o altri suoni prodotti con la voce si disegnano le loro durate con punti e linee Posizioniamo la mano sul collo e pronunciamo le lettere Quali fanno vibrare le corde vocali? Gioco dell astronave Proviamo a far scendere e salire i suoni (glissati vocali). Lo possiamo fare con tutti? Dirigiamo i movimenti dell astronave. Tracciamo il percorso dell astronave. Riproduciamo il percorso fatto leggendo le tracce lasciate. Osserviamo le reazioni corporee, toccando il collo, la zona addominale, le guance. Prestiamo attenzione alla nostra lingua. I suoni punto sono i fonemi occlusivi (p/t/k/b/d/gh) che vengono prodotti per la chiusura al passaggio dell aria prodotta dalla lingua o dalle labbra. I suoni linea sono: le vocali evidentemente, africate (g/c) laterale (l) le nasali (m/n/gn), le vibranti, le fricative (v/s/z), che permettono il passaggio più o meno aperto dell aria. I suoni sordi: p/t/k/f/s/sc/z (t+z)/c (i) vengono prodotti senza l utilizzo delle corde vocali e quindi non possono variare la loro altezza Il 1 gruppo aumenta l abilità articolatoria : il punto di occlusione si sposta dalle labbra (/p/ labiale), agli alveoli dentali con l apice della lingua (/t/ apicale), al velo palatino con il dorso della lingua (/k/gh/ dorsale), il 2 gruppo sensibilizzano al fenomeno della risonanza il 3 gruppo sollecitano il diaframma 5 Cfr. S. Korn, L uso della voce e l educazione dell orecchio musicale, Vol. I, L articolazione e il parlato, Edizioni Amadeus, Mozzecane (VR) 1987.

6 Fonosimbolismo del linguaggio Oltre all attivazione senso motoria che alcuni fonemi producono, si pensi ai fonemi che occorrono maggiormente nelle interiezioni degli adulti e a quelli ripetuti con più frequenza dai bimbi nel bubbling, i suoni del linguaggio sono essi stessi portatori di senso: <<un senso che fa leva su dimensioni sinestesiche, utilizzando schemi di significazione analogica, propri del pensiero simbolico utilizzato dai bambini nel periodo prescolastico e attivato dall adulto soprattutto in riferimento ad esperienze di fruizione estetica>> 6. Presentando le sagome utilizzate dallo psicologo della Gestalt Kohler e chiedendo ai soggetti quale delle due rappresentasse MALUMA e quale TAKETE, questi hanno motivato la loro scelta evidenziando il carattere morbido ed arrotondato dei suoni della prima parola (sonore liquide e nasali), che ben si poteva associare alle linee curve della prima figura, e quello duro dei suoni della seconda (occlusive) che rappresentavano meglio le linee spezzate dell altra. MALUMA TAKETE Dogana, nel suo Suono e senso, ha rintracciato nel linguaggio parlato tre tipologie di fonosimbolismo 7, il cui utilizzo è facilmente riconoscibile in ambito poetico, e può diventare una preziosa risorsa didattica. TIPOLOGIE DI SIMBOLISMO POSSIBILITÀ DIDATTICHE Simbolismo ecoico (dell onomatopea): il suono richiama caratteristiche uditive dell evento rappresentato. Es. RiMBoMBo Simbolismo Sinestesico: il suono evoca caratteristiche pertinenti ad altre modalità sensoriali Es. TaKeTe MaLuMa Le tracce degli animali Immaginiamo quali tracce possono lasciare diversi animali sulla sabbia (es. l elefante e la formica, il canguro e il serpente) scegliamo i suoni adatti per ridrodurle. Scriviamo e leggiamo le tracce lasciate. Sonorizziamo le storie 8 Durante la lettura i bambini riproducono le onomatopee ascoltate per creare l ambientazione sonora del racconto. L insegnante dovrà evidentemente enfatizzare, nella lettura, le onomatopee e i le parole che si prestano allo scopo. Filastrocca del mulino Cfr.paragrafo sull orchestrazione L inventa parole Ascoltiamo i suoni prodotti con oggetti, anche di uso comune, disegnamo un simbolo per ogni suono, inventiamo delle parole per ciascun simbolo. Come continuare Realizziamo una partitura di simboli ed eseguiamola 6 S. Lucchetti, Musica nella scuola d infanzia: contributi metodologici per una pedagogia delle condotte musicali, p.50, CLEUP, Padova Ibidem, p RIFERIMENTO AD ALTRO CAPITOLO

7 Simbolismo fisiognomico: il suono evoca caratteristiche emotive e psicologiche Es. MaMMa Mostri e fantasmi Inventiamo dei nomi mostruosi o fantasmagorici, magari richiamando oggetti o personaggi o situazioni che spaventano e disegnamone delle maschere. Come continuare Inventiamo nomi e aggettivi per piatti succulenti, per amici immaginari, per luoghi di vacanza fantastici, per personaggi divertenti o strani, per maschere, ecc. Dal parlato al canto Il gesto vocale Date le possibilità espressive del parlato, il tratto che lo distingue dal canto è molto breve. Come l antica poesia epica, le narrazioni popolari e la cantillazione, anche il discorso retorico conosceva la portata delle inflessioni e dei gradi melodici della voce umana sulle emozioni dell ascoltatore e lo jubilus cristiano, precursore di ciò che sarebbe diventato in seguito il Canto gregoriano, ne è una chiara testimonianza. Volendo analizzare infatti l evoluzione della melodia occidentale, «tecnicamente non esiste soluzione di continuità tra lingua parlata e lingua cantata 9». Come trasformare in strategia didattica la vicinanza del parlato al canto? Innanzitutto, l ascolto dei bambini è un ascolto del movimento e delle sue qualità fatto principalmente con il corpo attraverso il gesto. Il suono è per sé stesso segno di movimento <<si manifesta come una forza, un energia che si sprigiona. [ ] Come intermediario fra il pensiero musicale e il suono prodotto, il gesto traduce tutto ciò che l autore ha voluto mettere nel suono. [ ] Il gesto lancia il suono un po come una palla in una direzione precisa. >> 10. E proprio una pallina birichina può costituire un utile dipositivo materiale, anche in un gioco di presentazione, per trasformare un gesto corporeo in gesto vocale parlato o cantato. Il gesto di ciascuno può diventare di volta in volta il gesto di tutti, così da rappresentare, come sostiene Monique Frapat, un occasione di esperienza condivisa, raccolta e migliorata 11. Questa pallina biricchina vuole chiamare Marzia stamattina Marzia la chiama forte la chiama piano Marzia e le arriva nella mano. Questa pallina biricchina vuole saltare stamattina, salta in su, sù u salta in giù, giù u ora la prendi proprio tu. a) Gioco del direttore Con una pallina in mano il direttore dirige i glissandi del gruppo muovendo la pallina. b) Ti lancio il nome 9 S. Corbin, La musica cristiana dalle origini al gregoriano, Milano 1987, p C. Renard, Il gesto musicale, Milano, Ricordi, 1987, p M. Frapat, l invenzione musicale nella scuola d infanzia, Junior, Bergamo 1994

8 Ogni bambino lancia la palla ad un compagno dicendo il suo nome e accompagna al gesto l accento vocale, l intensità, la durata del suono. Le filastrocche Le parole hanno un proprio ritmo. Già nella poesia greca e latina la struttura metrica era determinata dalla composizione quantitativa delle sillabe, cioè dalla percezione delle sillabe lunghe e brevi all interno delle parole Il testo parlato è caratterizzato sì da un ritmo libero, ma possiede anche una propria articolazione ritmica data dalla successione degli accenti delle parole e dalla strttura sintattica delle frasi, oltre che dall articolazione impressa da chi parla. Le filastrocche, in particolare, rappresetano una forma particolare di parlato in cui il ritmo è molto evidente perché le frasi sono solitamente isosillabiche, quindi della stessa lunghezza, con la presenza di rime che sottoloneano la chiusura delle frasi, e di assonanze, allitterazioni, onomatopee che ne enfatizzano la componente timbrica. E stato infatti verificato che ciò che colpisce maggiormente l attenzione di un bambino nell imitazione di un testo sia parlato che cantato è la ricchezza timbrica (SOUND) dei suoni del linguaggio (vocali e consonanti) 12. Per queste ragioni, le filastrocche costituiscono uno strumento insostituibile nel processo di apprendimento non solo musicale ma addirittura linguistico. Esse infatti stimolano le facoltà uditive ed orali che, in stretta relazione, sono deputate a distinguere, codificare e a riprodurre i fonemi, la loro altezza, la loro intensità, il timbro, la durata, la struttura ritmica e la loro intonazione. Un esempio: la filastrocca Ambarabà ciccì cocò ambarabà ciccì cocò tre civette sul comò che facevano l amore con la figlia del dottore il dottore s ammalò ambarabà ciccì cocò I versi sono tutti ottonari (alcuni tronchi altri piani), con 4 accenti principali, le rime sono baciate con distici alterni: AA BB AA. I suoni più ricorrenti ed efficaci sono la vocale /o/ aperta finale e l alternanza della consonante /c/ dura (cocò) e dolce (ciccì), con parallelismi tra sillabe atone (cic-/co-) e toniche (-cì/-cò). La struttura è speculare (3 versi + 3 versi invertiti). La frase d apertura e di chiusura sono nonsense come pure il suo conenuto. Dal punto di vista fonologico la filastrocca si presta per l articolazione delle labbra (con le labiali /b/m/) e della lingua ( con la liquida /r/ come pure con la /c/ gutturale e palatale). Dalla parola al ritmo Per il compositore tedesco Carl Orff, fondamentale era l utilizzo del parlato sia come fase propedeutica al canto, sia come strumento ritmico in sé, così che nel suo Schulwerk (insieme di brani e di esercizi attraverso i quali i bambini sviluppano il senso ritmico, imparano ad esprimersi musicalmente ed improvvisano con ritmi e suoni) ritroviamo ostinati ritmici a filastrocche tradizionali, canti, nonsense, realizzati con sillabe, parole, suoni onomatopeici, giochi vocalici e consonantici. Il suo metodo, infatti, è improntato sull unione di gesto, musica e parola e su esercitazioni di musica elementare prodotta con uno strumentario meglio conosciuto oggi col nome di strumentario Orff, comprendente strumenti a percussione a suono indeterminato e determinato. 12 S. Lucchetti, Musica nella scuola dell infanzia: contributi metodologici per una pedagogia delle condotte musicali, CLEUP, Padova p.45.

9 E proprio dal parlato può essere costruito un percorso graduale di educazione ritmica che sfrutta le potenzialità offerte dalla scansione sillabica di filastrocche per affrontare con gradualità le difficoltà implicate nell esperienza di percezione/produzione/rappresentazione ritmica. FILASTROCCHE RITMICHE Scandiamo la filastrocca battendo alternativamente le mani sulla coscia destra e sinistra (gesto suono su metro binario) per rafforzare la pulsazione Camminiamo la filastrocca Sul ritmo della filastrocca, accompagnati dalla scansione del tamburo Scansione interna (quindi muta) della filastrocca mentre camminiamo, sempre accompagnati dal tamburo Alternanza voce strumento: un direttore alterna la scansione vocale della filastrocca alla scansione suonata dal tamburo. IN UN COPPO q q q q IN UN COPPO POCO CUPO POCO PEPE PESTO CAPE DIN E DAN e e q DIN E DAN FI D UN CAN FI D UN GATT TI XE MATT Visualizzazione scritta dell alternanza: possiamo utilizzare dei simboli scelti dai bambini per identificare le sillabe suonate e quelle scandite con la voce (possono essere utilizzati dei cartoncini con riportate le sillabe, anche se i bambini non le sanno leggere, introdotte come semplice gioco di letto-scrittura) Ai simboli scelti per il suono del tamburo possiamo associare la figura ritmica corrispondente: la semiminima q TA Come proseguire con altri giochi di letto-scrittura Distribuiamo ad un gruppo di bambini disposti uno di fianco all altro, pari al numero di sillabe della filastrocca, i cartoncini che riportano da un lato la sillaba, dall altro la figura q. Si chiede loro di esporre verso il resto del gruppo schierato di fronte, quale lato del cartoncino ciascuno vuole far riprodurre ai compagni e quindi si inizia l esecuzione che risulterà un alternanza di sillabe e di battiti di mano o di tamburo. Distribuiamo i cartoncini a terra di fronte ad altrettanti bambini con la consegna di scandire la sillaba riportata quando viene calpestata: il resto del gruppo si disporrà in fila all attacco della filastrocca e uno alla volta la camminerà la stessa, scegliendo se calpestare in ordine tutte le sillabe o saltandone qualcuna, se andare avanti o tornare indietro, in una sorta di pastice sillabico. Questa idea si può sviluppare anche a canone, acendo partire i bambini ongi quattro pulsazioni. La filastroca presenta due figurazioni: q ee Dopo una prima scansione della filastrocca sempre alternando il battito delle cosce sulla paulsazione come nella filastrocca precedente, possiamo dividere i bambini in due gruppi, per i quali scegliamo due gesti-suono differenti (esempio mani per ti-ti e piedi per ta ) e il diretor fa scandire le sillabe corrispondenti a ciascun gruppo. Al termine si può visualizzare l esecuzione distinguendo i due piani ritmici. Pensavo di inserire immagine esemplificative

10 all orchestrazione 2) Ciccio cena Ciccio cena con la ciccia E più cena più pasticcia Si cibasse invece a ceci e ciucciasse con la bocca non farebbe più pasticci questo Ciccio degli impicci. 3) Canta il mulino Canta il mulino l eterna canzone Gran grano gran gran Grano grano gran Crusca farina frumento granone Gran grano gran gran grano grano gran. 4) Ambarabà ambarabà cicci cocò tre civette sul comò che facevano l amore conla figlia del dottore il dottore s ammalò ambarabà ciccì cocò Canto e sviluppo del concetto di altezza Gli studi sulla percezione infantile hanno dimostrato che un bambino riesce a riprodurre un canto, appartenente al contesto musicale a lui famigliare, in modo sufficientemente accurato verso i 5 anni. L apprendimento e la riproduzione corretta di un canto, infatti, presuppone l acquisizione del testo, della sua struttura ritmica, e del suo sviluppo intervallare (le note su cui si sviluppa e la relazione tra esse) Verso i 3 anni, i bambini riescono mediamente a riprodurre, seppur con approssimazione, la struttura ritmica grazie alla sequenza di accenti del testo, mentre rimane assai imprecisa l imitazione delle altezze, limitata al profilo melodico. Si già accennato alla percezione di tipo globale che caratterizza il bambino in questa fase, per la quale grande rilevanza riveste il timbro tanto che Teplov parla di una percezione timbrale dell altezza: se vi è una sufficiente distanza tra i suoni, il bambino li percepisce e li classifica per sinsestesia con categorie timbrali: quelli acuti come suoni chiari e leggeri, mentre quelli gravi, scuri e pesanti. Per poter percepire, e conseguentemente riprodurre, suoni ad altezze diverse è necessario che: sia attivata una sensazione di movimento ascendente o discendente a seconda del movimento melodico; la distanza tra due suoni sia percepita come intervallo, cioè come relazione tra essi (si pensi ad una scala e alle distanze tra i suoi gradini) indipendentemente dalle modificazioni timbriche o di intensità; sarà poi il contesto musicale in cui vive, attraverso l ascolto e la stimolazione alla produzione, a familiarizzare il bambino con le strutture tonali del proprio sistema musicale di riferimento. Col procedere dell età si affinano le strategie percettive e di memorizzazione degli intervalli e a 6 anni un bambino riesce a padroneggiare l ambito tonale, cioè le relazioni esistenti tra i vari gradi della scala. A livello didattico diventa perciò indispensabile rinforzare con attività di movimento, di autopercezione e di rinforzo visivo, la produzione vocale. Sviluppo del concetto di Obiettivi Strategie didattiche altezza Cfr. S. Lucchetti, op. cit., p.69

11 Percezione timbrale dell altezza Differenziare l altezza dal timbro Opposizioni timbriche Interpretare animali scelti per categorie qualitative e quantitative opposte (elefanti/uccellini orsi/lucciole mucche/pulcini-ecc.): con due strumenti di timbro qualitativo opposto (es. tamburo triangolo); Opposizioni di registro con due registri diversi sullo stesso strumento (pianoforte, xilofono o metallofono soprano e basso, Movimento melodico in uno spazio tonale: i glissati Attribuzione di una direzione al suono Percezione delle tensioni propriopercettive legate alla produzione vocale di glissati Tocchiamoci la voce: toccando il collo percepire la tensione e i movimenti della laringe mentre si imita l ambulanza, oppure un missile in caduta, ecc. Con il corpo utilizzando come dispositivo la voce oppure il flauto a coulisse. Gioco del palloncino che diventa sempre più piccolo e si sgonfia quando il glissato è discendente, quando è ascendente si gonfia e sale. Da fare da soli (in piedi e a terra), in cerchio (si chiude e si apre); oppure con un palloncino in mano che si alza e si abbassa. Relazione tra suoni: gli intervalli Con il segno per creare una relazione suono/segno che rinforza la percezione. Gioco dell ascensore: con il corpo si segue il movimento discendente o ascendente dello stimolo sonoro Disegnare il movimento dell ascensore o del palloncino o di qualche altro dispositivo ed eseguire la traccia lasciata: Suono fermo Suono sale Suono scende Relazione tra suoni: gli intervalli Acquisizione di schemi scalari e relazioni intervallari stabili Percezione della relazione tra suoni ad altezza determinat Gioco: Testa-pancia-piedi Scegliamo prima 2 poi 3 piastre sonore distanti tra loro (DO-DO /DO-SOL-DO oppure DO-MI- SOL com bambini ai 6-7 anni) e associamo il suono grave ai piedi, il suono acuto alla testa, il suono medio alla pancia. L insegnante propone e gli alunni toccano la parte del corpo corrispondente, ripetendo anche il suono ascoltato. Inoltre è possibile fissare graficamente l altezza del suono su una partitura come questa: DO 1 SOL DO Capacità di intonare la melodia Controllo motorio dell intonazione Canto Successivamente i suoni possono essere chiamati dal direttore con l uso di gesti concordati. Di seguito vengono elencati quelli proposti

12 convenzionalmente da Kodaly per tutti i gradi della scala. Come insegnare un canto ai bambini? I bambini tra i tre e i cinque anni hanno un estensione vocale che va indicativamente dal RE al LA sul rigo, un adulto invece ha un estensione molto più ampia, soprattutto nella zona grave, specie per la voce parlata. Per evitare di far usare la voce in modo forzato e scorretto ai bambini, e per mantenere in salute la propria voce, evitando così la possibilità di vedere insorgere noduli o difonie vocali, è dunque necessario che gli adulti utilizzino il registro di testa e propongano canti con un range vocale adatto. Può essere utile, almeno inizialmente, proporre canti che comincino con suoni acuti e si sviluppino con un andamento discendente così da attaccare il suono già dal registro di testa. E evidente come le molteplici componenti fisiologiche che entrano in gioco nell atto vocale debbano integrarsi in un mirabile equilibrio dinamico che richiede, per un corretto funzionamento, l eutonia psico-fisica del soggetto. Diventa importante dunque curare non solo la tecnica vocale ma anche il contesto in cui si usa la voce sia nel parlato sia nel canto e soprattutto l immagine vocale che intendiamo dare di noi stessi nell atto comunicativo. Innanzitutto è necessario riequilibrare i volumi sonori con un attenzione agli ambienti in cui si agisce (meglio se sonorizzati, non troppo ampi, cercando di eliminare i rumori di fondo); con la cura del nostro tono muscolare complessivo, con il quale imprimiamo l energia dell emissione vocale da cui deriva la frequenza più alta e l intensità maggiore ma che caratterizza anche il timbro, più penetrante, duro e freddo, la respirazione, più rapida e superficiale, l espressione del viso, la gestualità e la postura, più contratte e meno accoglienti. La voce risulta così <<meno comunicativa, più faticolsa fisiologicamente per chi emette il suono e più faticolsa psicologicamente er chi ascolta>> 14. L acquisizione di strategie altre rispetto al tono alto con cui parlare per ottenere l attenzione diventa quindi una risorsa non solo per mantenere sana la nostra voce ma anche per migliorare le risposte affettive e cognitive dei bambini: si possono valorizzare le pause, il timbro, la modulazione del tono, cioè le potenzialità espressive della voce da un lato e la gestualità, la mimica facciale, la postura, quindi il linguaggio non verbale dall altro, ricordandosi prima di tutto di respirare! Un canto in 7 tappe. E difficile dare delle indicazioni precise per l insegnamento/apprendimento di un canto a scuola in quanto questo dipende dalla tipologia del canto, dal suo grado di difficoltà, dall obbiettivo che si vuole raggiungere con esso: se si tratta di un canto gioco è bene introdurlo gradualmente ma come un gioco e quindi prestando attenzione alla chiarezza con cui si presentano le regole del gioco, se invece si tratta di un canto danzato dobbiamo valutare se è preferibile introdurre prima le figure e i passi della danza, mentre l insegnante cantilla la melodia o la canta direttamente, o se è più utile insegnare il canto, o ancora insegnare la frase musicale accompagnata dai gesti. Un percorso possibile per l insegnamento di un canto di media difficoltà senza gesti suono o figure coreografiche può seguire la seguente sequenza. 1. Contestualizzazione del canto, tanto più se i bambini sono piccoli. 2. Presentazione del canto completo (se non troppo lungo) altrimenti di una o due strofe, lasciando immaginare cosà succederà nelle successive, se si tratta di un canto narrativo. 3. Scansione ritmica del testo, che enfaitizzi gli elementi timbrici, prosodici, quasi ad anticipare il profilo melodico, e ritmici (con lo stesso ritmo che poi avrà il testo cantato) accompagnata da un semplice gesto suono che mantenga la pulsazione (es. battito alternato delle mani sulle cosce), suddividendolo in frasi o semifrasi a seconda della loro durata. I bambini apprendono per imitazione (l insegnante può aiutarsi con due gesti differenti per indicare il momento in cui propone la frase e quello in cui i bambini dovrebbero ripeterla, in modo da non creare pause tra i due, mantenendo così l attenzione e la concentrazione del gruppo). 14 M Geronimi, Il bambino tra i suoni, Ricordi, Milano 1987.

13 4. Apprendimento del canto per imitazione, riutilizzando la suddivisione in frasi e semifrasi come nella scansione del testo, i gesti di alternanza io-tutti, e un rinforzo di tipo visivo (chironomia, vedi par. precedente) 5. Memorizzazione e rinforzo utilizzando il gioco dell interruttoree: acceso-canto collettivo/spento-canto interiore. L insegnante ascolta l esecuzione e ripete le parti poco chiare. 6. Memorizzazione e rinforzo individuale: in cerchio, l insegnante sceglie un bambino per cantare con lui una frase della canzone, mentre percorrono insieme il cerchio camminando sulla sua scansione ritmica, al termine della frase il bambino prende il posto del compagno davanti al quale è arrivato, che continuerà il canto e il giro al suo posto. 7. Esecuzione completa del canto, anche alternata a gruppi per favorire l ascolto. Risultano sicuramente più semplici ed efficaci i canti-gioco scanditi da movimenti la cui coordinazione inizialmente potrebbe dare l idea di maggior complessità, ma che in breve tempo si rivela un rinforzo alla memorizzazione del canto. L integrazione di diverse modalità sensoriali e la dimensione cinestesica, tipiche dell apprendimento percettivo-motorio delle culture orali diventa così una strategia molto efficace per l educazione al canto, così come avevano già evidenziato Orff e Kodaly nelle metodologie da loro sperimentate. La scelta del repertorio E stato più volte posta in evidenza la necessità di dare al bambino la possibilità di sperimentare il proprio mezzo vocale, diventando primo artefice della propria crescita vocale. Ecco l importanza non solo di proporre materiale da riprodurre per imitazione ma soprattutto di ampliare le possibilità espressive del bambino. Andrà perciò valorizzata la produzione originale di giochi di parole, di rime, di melodie, di canzoni originali. Anche nelle Indicazioni 15 si fa specifico riferimento all uso di diverse tipologie di espressioni vocali (parlato, declamato, canto, recitazione, ecc.), giochi vocali individuali e di gruppo, filastrocche, non-sense, proverbi, favole, racconti; si invita ad utilizzare la voce a partire da stimoli musicali, motori, ambientali e naturali per espressioni parlate, recitate e cantate, anche riproducendo e improvvisando suoni e rumori del paesaggio sonoro; si suggerisce di eseguire per imitazione semplici canti e brani, individualmente e/o in gruppo, accompagnandosi con oggetti di uso comune e coi diversi suoni che il corpo può produrre, fino all utilizzo dello strumentario didattico, collegandosi alla gestualità e al movimento di tutto il corpo. Contemporaneamente si deve poter disporre di un materiale musicale ricco e articolato, ma rispettoso delle fasi di sviluppo vocale e cognitivo del bambino stesso, che stimolino l educazione dell orecchio, la fonazione, sia nell articolazione che nell intonazione dei suoni, e che si prestino ad essere motivanti e gratificanti sul piano affettivo come, ad esempio, i giochi motori e le filastrocche. A questo fine risulta molto efficace il repertorio tradizionale, italiano e straniero, in quanto già opportunamente selezionato dalla cultura musicale di provenienza: un patrimonio indiscutibile di apprendimenti valoriali, sociali oltre che motori, linguistici, percettivi e musicali. Nell analisi fatta in precedenza sono stati evidenziati i caratteri peculiari di questo materiale: testi brevi, ripetitivi, scanditi e chiari sia dal punto di vista fonologico che ritmico; presenza di rime, assonanze, allitterazioni, onomatopee, nonsense, con grande pregnanza timbrica; temi vicini al vissuto del bambino; associabili a gesti che li accompagnano; la linea melodica si muove solitamente per gradi congiunti con un estensione vocale adatta allo sviluppo vocale e percettivo dei bambini; rispondono al piacere del gioco, sia esso motorio, simbolico o di regole. Tra i sostenitori dell utilizzo del repertorio popolare nell educazione della voce, oltre al già citato Carl Orff, dobbiamo annoverare certamente Zoltan Kodaly, compositore e ricercatore del repertorio popolare ungherese, per il quale il canto rappresentava il modo più diretto e immediato per vivere e comprendere la musica. Per Kodaly in sintesi era fondamentale: 15 Cfr. Musica nella Indicazioni Nazionali, Scuola Primaria.

14 attingere al repertorio tradizionale del proprio paese; proporre in modo graduale canti che contengano intervalli via via più ampi; cantare a più voci, senza il supporto del pianoforte o di altri strumenti, per educare l orecchio ad una buona intonazione; utilizzare la solmisazione 16 per avvicinare i discenti alla lettura della musica. In Italia questi principi sono stati raccolti e diffusi da Roberto Goitre che ha riadattato il repertorio didattico Kodalyano, su scala pentatonica 17 tipica delle melodie ungheresi, introducendo canti su base tonale e attingendo alla tradizione italiana. Quali canti? I canti possono accompagnare diversi momenti della giornata a scuola e altrove, diverse occasioni legate a particolare festività e ricorrenze, con altrettanteo diversificate funzioni (canzoni per divertirsi, per piangere, per salutare, per lavorare, per imparare, per giocare, ecc.), l importante è scegliere materiali eterogenei, vicini alle possibilità e al vissuto del bambino, ma nel contempo interessanti dal punto di vista relazionale, percettivo, linguistico, motorio e musicale. La scelta qui proposta vuole sottolineare le possibilità didattiche di un canto rispetto alla fua forma: Forma responsoriale solo-tutti: Il musicista di Forlì 16 La solmisazone è un metodo per l apprendimento del canto che risale a Guido d Arezzo. Regola fondamentale del sistema, chiamato anche del do-mobile, è quella di prescindere dall'altezza assoluta dei suoni per interessarsi esclusivamente ai rapporti costituiti dagli intervalli di grado congiunto, che sono di tono o semitono; a tal punto è sufficiente studiare una sola scala in quanto tutte le altre partirebbero dalla stessa nota che è il do. 17 Cfr. R. Goitre, Cantar Leggendo, Suvini Zerboni, Milano 1972 e G. Mangione, La riscoperta della musica attraverso il metodo Kodaly, Acquafresca, Firenze 1981.

15 Il canto, di origine italiana, presenta un alternanza solo-tutti che ben si presta a giochi imitativi per la melodia, per il testo e anche per un possibile accompagnamento con strumenti a piccola percussione intonati e non. L insegnante propone (io sono. e vengo da / io mi chiamo. e vengo da. tu ti chiami e vieni da.) e i bambini ripetono. Forma antifonale con ostinati: funga alafia Il canto di benvenuto, di origine centr africana, si struttura su una frase di 4 battute(:funga alafia asce asce:) che può essere proposta dal I coro e ripetuta dal II coro. L alternanza dei due cori può arricchire l esecuzione del canto con l aggiunta di ostinati ritmici e melodici più o meno semplici che potrebbero essere inventati dagli stessi bambni. Canone: ciao hallo La melodia del canone, di tradizione orale, presenta tre frasi ben distinte A (batt.1-4) B (batt. 5-8); C (batt. 9-12) e facilmente riconoscibili. L impianto armonico e la struttura ritmica permette di acompagnarla con ostinati ritmici e bordoni sul I e sul V grado della scala, e di cosruire su essa una semplice coreografia con mitazioni gestuali.

16 Produzione: inventare canzoni Abbiamo visto che nelle Indicazioni Nazionali come pure nei Programmi Mnisteriali del 1985 grande rilevanza viene data all atto creativo anche in musica, per il quale la voce riveste un ruolo fondamentale, soprattutto nell approccio iniziale. Tra le varie possibilità 18 di seguito ne sono indicate alcune molto efficaci nella fascia d età presa in esame. Dillo cantando Come rilevato dall analisi delle produzioni vocali in età infantile, un bambino sa inventare melodie anche se il senso tonale appare acquisito completamente solo verso i 10 anni 19. Un pratica di canto che stimola il bambino a confrontarsi con il tessuto armonico utilizzando non solo canti monodici ma anche l accompagnamento armonico 20 con ostinati realizzati con la voce, le piastre sonore, metallofoni o xilofoni, opportunamente arrangiati e magari utilizzati dai bambini stessi oppure con strumenti armonici quali la chitarra e il pianoforte, può risultare utile per educare l orecchio tonale. Le strategie didattiche possono essere diverse: dillo cantanto: chiedere ai bambini di ripetere il proprio nome o brevi frasi modulandole col canto; E tu come ti chiami 21 (ora è tempo di mangiar, e il menù indovinar) marco cosa vuoi mangiar pastasciutta al sugo) esempi giochi vocali di domanda e risposta in cui completare melodie; Cambia parole Anche la trasformazione di un testo di un canzone data può rappresentare un gioco divertente e utile per manipolare gli elementi metrici e prosodici del linguaggio, nel rispetto della scansione ritmica della melodia. Musica e lingua La musica è frequentamente utilizzata nei supporti didattici per l apprendimento della seconda lingua, ed in effetti si trovano numerosi riscontri in ambito scientifico che confermano l efficacia della musica per l apprendimento linguistico, facendo riferimento in particolar modo al potere della musica di creare un clima positivo nella classe e di rilassare il discente così da ottimizzarne le capacità attentive e ricettive. Inoltre le attività accompagnate dalla musica, come ad esempio la presentazione di testi o giochi cantati, non stancano, risultano meno noise, anche se ripetute più volte, con il conseguente rinforzo degli apprendimenti. In particolare, riferendosi alla teoria innatista del linguista Krashen, che considera fondamentale l imput, cioè la chiarezza del significante, e la componente affettiva nell apprendimento, le canzoni narrative, magari rappresentate con immagini o con gesti, favoriscono l apprendimento di nuovi vocaboli e motivano gli studenti rispondendo ai loro bisogni di gratificazione e di un vissuto emotivo positivo. Se invece prendiamo come riferimento la teoria delle intelligenze multiple di Gardner 22, il linguaggio musicale può contribuire all apprendimento linguistico perché usa un intelligenza alternativa a quella linguistica e quindi può avvalersi di strategie e di percorsi efficaci anche per alunni che non sono eccellenti in quest ultima. Anche gli studi di psicologia confermano che la musica, e soprattutto il ritmo, contribuiscono efficacemente alla memorizzazione, e si suppone all apprendimento linguistico, anche se in verità mancano studi specifici mirati. In partcolare la musica, stimolando soprattutto l attività di ascolto 23, ci riporta ai meccanismi di apprendimento della cultura orale dove l uomo è essenzialmente uditivo. Anche un bambino che ancora non conosce la 18 Cfr.F. Cappelli, M I. Tosto, Geometrie vocali, Ricordi, Milano Gli studi di psicologia della musica (cfr. Imberty) hanno rilevato che nel processo di ascolto il bambino in età presclastica non riesce a focalizzare la sua attenzione sia sulla figura (melodia) che sullo sfondo (accompagnamento), il quale non viene preso apparentemente in considerazione nel momento della produzione, per cui il bambino si concentra sull andamento melodico (prospettiva orizzontale/ contour scheme) senza considerare le relazioni delle note tra loro, ossia nel loro rapporto con l impianto armonico (propsettiva verticale). 20 Per accompagnamento armonico si intende una serie di suoni eseguiti simultaneamente (accordo) o in successione (arpeggio) 21 Cfr. Stfania Lucchetti, op. Cit. 22 Secondo Howard Gardner, esistono ottto distinte intelligenze: musicale, spaziale, logica, linguistica (verbale), logico-matematica, fisico-cinestetica (il movimento), sociale (interpersonale e intrapersonale) e naturalistica. 23 Cfr. gli studi di A. Tomatis, per il quale la musica non è una semplice fantasia, un messaggio riservato a un élite, il frutto di una cultura. È una necessità. Favorisce la cristallizzazione delle diverse strutture funzionali del sistema nervoso. Facilita

17 lettura e la scrittura << è un individuo che agisce e apprende mediante meccanismi analoghi a quelli che regolano la cultura orale>> 24 quindi si può affermare che la musica favorisca la percezione e la riproduzione delle caratteristiche ritmiche della lingua; la percezione e la riproduzione delle caratteristiche melodiche della lingua da apprendere (intonazioni ascendenti e discendenti, tonalità per lingue sonore); la percezione e la riproduzione delle differenze nella pronuncia dei fonemi linguistici; la percezione e la riproduzione della componente affettiva della lingua da apprendere; un piacere estetico nei confronti della lingua da apprendere; la memorizzazione di vocaboli e delle strutture linguistiche; l appropriazione di situazioni linguistiche quotidiane, sottoforma di drammatizzazioni e di giochi cantati; un trattamento della lingua di tipo ludico. I canti e le filastrocche, da un lato fanno leva sulla motivazione per la gratificazione e il coinvolgimento emozionale che dà la loro esecuzione in gruppo, magari accompagnati da strumenti o da azioni mimico-gestuali, dall altro essendo strutture chiaramente segmentate si riescono a memorizzare più facilmente 25, anche a lungo termine, anche a perché utilizzano più sistemi di segmentazione e più circuiti associativi (componente fonologica, ritmica, melodica, semantica, gestuale). Con la voce si può Esplorare le componenti e i meccanismi della fonazione: la respirazione, l emissione vocale, l articolazione dei suoni; Favorire la percezione fisica del suono scoprendo vocali e consonanti: funzione logopedica dell educazione alla voce esplorare e sperimentare le potenzialità espressive della voce, sia essa parlata, recitata o cantata; scoprire il rapporto tra canto, corpo e movimento: funzione fisiotonica del canto favorire l apprendimento della lingua veicolare e della seconda lingua; riprodurre suoni per sonorizzare storie, per creare ambienti sonori, per costruire azioni sceniche; giocare utilizzando i parametri: altezza, durata, intensità, timbro; eseguire e accompagnare con ostinati vocali filastrocche e canti; operare in modo creativo con il materiale musicale; costruire un percorso propedeutico all alfabetizzazione ritmica; imparare ad intonare i suoni con l uso della notazione; fare esperienze artistiche individuali e di gruppo attraverso il canto, affinando il proprio gusto estetico; la produzione di energia legata agli stimoli di cui il cervello ha bisogno per pensare. Apre il cammino che porta alla voce cantata e all espressione corporea. Esiste prima del linguaggio stesso...; si prende in carica il corpo nella sua totalità al fine di modellarlo in un architettura verbalizzante. È dalla musica che nascono i ritmi e le intonazioni inerenti il processo della formazione delle lingue 24 E. Maule - S. Cavagnoli - S. Lucchetti, Musica e apprenidmento linguistico, Quaderni operativi n.18 coll.dell Istituto pedaggico provincale di Bolzano, ed. Junior, Bergamo 2005, p La nostra memoria non si espande utlizzando zone cerebrali di maggior estensione ma organizzando i dati da memorizzare in modo più strutturato, cioè riducendo la complessità delle strutture percepite: ad esempio se dobbiamo ricordare un numero telefonico (743529) risulta più facile ricordarlo accorpando le singole cifre in due blocchi ( ). In ambito linguistico e musicale la strutturazione ritmica di un testo, ad esempio, ne favorisce notevomente la memorizzazione. Cfr. Gfeller, K. (1983). Musical mnemonics as an aid to retention with normal and learning disabled students. Journal of Music Therapy, 20(4),

OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE PRIMA

OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE PRIMA MUSICA TRAGUARDI DI COMPETENZA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Gestisce diverse possibilità espressive della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA MONGINEVRO ARCORE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA MONGINEVRO ARCORE CURRICOLO MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA A.1. Discriminare ed interpretare eventi sonori A.2. Attribuire significati a segnali sonori e musicali, a semplici sonorità quotidiane ed eventi naturali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO MUSICA

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO MUSICA Biennio: PRIMO (classe prima e seconda scuola primaria) a fine biennio 1. Eseguire in modo espressivo, collettivamente ed individualmente brani vocali appartenenti a repertori di vario genere e provenienza,

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MUSICA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MUSICA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MUSICA CLASSE

Dettagli

SAPER ASCOLTARE CON ATTENZIONE SAPER ANALIZZARE/CONFRONTARE I SUONI IN RELAZIONE AI PRINCIPALI PARAMETRI

SAPER ASCOLTARE CON ATTENZIONE SAPER ANALIZZARE/CONFRONTARE I SUONI IN RELAZIONE AI PRINCIPALI PARAMETRI UAD N. 1 SAPER ASCOLTARE CON ATTENZIONE SAPER ANALIZZARE/CONFRONTARE I SUONI IN RELAZIONE AI PRINCIPALI PARAMETRI Riferimento OSA: 2-4(conoscenza) e D E F- G (abilità) Il silenzio e il suono. Suono e rumore

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI MUSICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI MUSICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ ASCOLTARE E COMPRENDERE FENOMENI SONORI E MESSAGGI MUSICALI LEGGERE E PRODURRE UTILIZZARE LA VOCE IN MODO ESPRESSIVO

Dettagli

MUSICA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA

MUSICA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA CLASSE 1 a AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione

Dettagli

M U S I C A CLASSE PRIMA COMPETENZE GENERALI CONOSCENZE ABILITA. NUCLEI ESSENZIALI PAESAGGIO SONORO (percepire)

M U S I C A CLASSE PRIMA COMPETENZE GENERALI CONOSCENZE ABILITA. NUCLEI ESSENZIALI PAESAGGIO SONORO (percepire) CLASSE PRIMA NUCLEI ESSENZIALI PAESAGGIO SONORO (percepire) FONTI SONORE (produrre) M U S I C A COMPETENZE GENERALI CONOSCENZE ABILITA Percepire e riconoscere eventi sonori dal punto di vista qualitativo

Dettagli

IC DANTE-GALIANI Via Dante, 9 71013 San Giovanni Rotondo (FG) MUSICA CLASSE PRIMA- SCUOLA PRIMARIA

IC DANTE-GALIANI Via Dante, 9 71013 San Giovanni Rotondo (FG) MUSICA CLASSE PRIMA- SCUOLA PRIMARIA C.M. FGIC84500N IC DANTE-GALIANI Via Dante, 9 71013 San Giovanni Rotondo (FG) C.F. 83002380711 MUSICA CLASSE PRIMA- SCUOLA PRIMARIA Nuclei tematici Traguardi per sviluppo competenze Obiettivi di apprendimento

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1. PRATICA VOCALE E STRUMENTALE 1.1 Riprodurre con la voce, semplici strumenti e oggetti vari suoni e rumori che imitano il paesaggio sonoro. 1.2 Utilizzare la voce per produrre espressioni

Dettagli

EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA

EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1 VOCE, SUONO E RITMO 1. Conoscere le caratteristiche del suono 2. Sviluppare le capacità di canto in coro 3. Sviluppare la capacità di produrre

Dettagli

Traguardi di competenza e obiettivi di apprendimento

Traguardi di competenza e obiettivi di apprendimento PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE di Musica CLASSI: PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LIBRO DI TESTO: Suona subito ed.oro. Editore: Petrini Traguardi di competenza e obiettivi di apprendimento Competenze ESECUZIONE:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Biennio: PRIMO (classe prima e seconda scuola primaria) COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Traguardi di sviluppo della competenza a fine biennio 1. Conoscere e padroneggiare il proprio corpo (consapevolezza

Dettagli

CURRICULO DI MUSICA A.S. 2001/2002. Sottocommissione curricola: Educazione Musicale ABILITA GENERALI:

CURRICULO DI MUSICA A.S. 2001/2002. Sottocommissione curricola: Educazione Musicale ABILITA GENERALI: CURRICULO DI MUSICA (Infanzia Primaria Secondaria di I grado) A.S. 2001/2002 Sottocommissione curricola: Educazione Musicale ABILITA GENERALI: 1- ESPLORAZIONE E SIMBOLIZZAZIONE DI FENOMENI SONORI dai suoni/rumori

Dettagli

CARLA PASTORMERLO - ELENA RIZZI DISENGI DI FABIOLA ZARDONI

CARLA PASTORMERLO - ELENA RIZZI DISENGI DI FABIOLA ZARDONI CARLA PASTORMERLO - ELENA RIZZI DISENGI DI FABIOLA ZARDONI INDICE Sezione ROSSA GIOCHIAMO CON I SUONI pag. 3-12 Educazione dell orecchio AZZURRA IL CASTELLO DELLE NOTE 13-28 Lettura notazione melodica

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA/ SECONDA / TERZA

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA/ SECONDA / TERZA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA/ SECONDA / TERZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITÀ Fruizione consapevole di eventi sonori attraverso lo sviluppo delle capacità

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO.

EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. ELENCO CONTENUTI SCRITTI IN MODO SCHEMATICO E GRADUALE in collaborazione con il Prof. Francesco Bellomi (docente Conservatorio di Milano) EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. GRIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) La voce: dal parlato al canto

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH)  La voce: dal parlato al canto ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA Riconosce alcuni elementi

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf Scuola dell Infanzia ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw MUSICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Laboratorio linguistico-fonologico nella Scuola dell Infanzia. Dott.ssa Luciana Ventriglia Insegnante- Pedagogista clinico

Laboratorio linguistico-fonologico nella Scuola dell Infanzia. Dott.ssa Luciana Ventriglia Insegnante- Pedagogista clinico Laboratorio linguistico-fonologico nella Scuola dell Infanzia Dott.ssa Luciana Ventriglia Insegnante- Pedagogista clinico Scrittura Aspetti comunicativi Aspetti costruttivi Aspetti linguistici e metalinguistici

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE IMMAGINI,SUONI,COLORI (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA)

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE IMMAGINI,SUONI,COLORI (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA) (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA) IMMAGINI,SUONI,COLORI /ESPERIENZE Il bambino sviluppa la capacità di attenzione ed ascolto. Il bambino usa la voce per produrre un semplice canto. Riconosce i segnali

Dettagli

CURRICOLO DEL PRIMO CICLO

CURRICOLO DEL PRIMO CICLO CURRICOLO DEL PRIMO CICLO MUSICA CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA Utilizzare voce, strumenti e nuove tecnologie sonore in Eseguire collettivamente e individualmente semplici brani vocali/strumentali curando

Dettagli

Area linguistico artistico - espressiva TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI - ATTIVITÀ

Area linguistico artistico - espressiva TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI - ATTIVITÀ CLASSE PRIMA Esplora la realtà attraverso il linguaggio dei suoni. Ascoltare, per il piacere di ascoltare, brani musicali diversi. Percepire il contrasto suono/silenzio. Distinguere suoni naturali e artificiali.

Dettagli

segni musicali Le dimensioni del suono Pulsazione e velocità

segni musicali Le dimensioni del suono Pulsazione e velocità Il giardino dei segni musicali Le dimensioni del suono Ogni parola al suo posto Impara ad usare correttamente il vocabolario musicale. Ogni parola in musica ha un senso preciso. Nel linguaggio comune questi

Dettagli

Progettazione curricolare di Musica Ambito Fruizione musicale

Progettazione curricolare di Musica Ambito Fruizione musicale Progettazione curricolare di Musica Ambito Fruizione musicale Dalle Indicazioni nazionali Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado Traguardi sviluppo delle competenze Sviluppare

Dettagli

MUSICA Curricolo verticale Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo Statale di Mestrino (PD) MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA Curricolo verticale Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo Statale di Mestrino (PD) MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA Curricolo verticale Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo Statale di Mestrino (PD) MUSICA - CLASSE PRIMA TRAGUARDI per lo sviluppo delle OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE Al termine

Dettagli

MUSICA CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

MUSICA CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA sonori, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri. voce, il corpo. Esegue, in gruppo, semplici brani vocali appartenenti a generi e culture differenti. Applica varie strategie interattive

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA della scuola primaria

CURRICOLO DI MUSICA della scuola primaria CURRICOLO DI MUSICA della scuola primaria CURRICOLO DI MUSICA al termine della classe prima della scuola primaria. CURRICOLO DI MUSICA al termine della classe seconda della scuola primaria CURRICOLO DI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE INGLESE

SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE INGLESE - L alunno comprende brevi messaggi e semplici istruzioni orali legati alla sua esperienza. - Interagisce nel gioco utilizzando il lessico appreso. - Esegue compiti secondo le indicazioni date in lingua

Dettagli

LABORATORIO DI MUSICA D INSIEME I biennio

LABORATORIO DI MUSICA D INSIEME I biennio LABORATORIO DI MUSICA D INSIEME I biennio ARTICOLAZIONE DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONI NAZIONALI A. Acquisire i principi e i processi di emissione vocale / Ambito tecnico

Dettagli

1. LA MARCIA DELLE FORMICHE CINESI

1. LA MARCIA DELLE FORMICHE CINESI 1. LA MARCA DELLE ORMCHE CNES Elaborazione per pianoforte a 4 mani su tema di Zoltán Kodály (Bicinia Hungarica, vol. n. 6) Perder tempo a chi più sa, più spiace. Dante Alighieri 8 Difficoltà Diteggiatura

Dettagli

PROGETO FIABE PER CRESCERE 2. Anno scolastico 2014-2015

PROGETO FIABE PER CRESCERE 2. Anno scolastico 2014-2015 PROGETO FIABE PER CRESCERE 2 Anno scolastico 2014-2015 Il Progetto ipotizzato per questo anno scolastico prevede l accostamento al mondo delle fiabe ricche di importanti messaggi grazie all intreccio di

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO classe 3^ PER ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE I Q. II Q. CONTENUTI /ATTIVITA 1a) Ascolto e comprensione di ciò che l insegnante e i compagni comunicano

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La cavità orale 23/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La cavità orale 23/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La cavità orale 23/3/2006 I cinque sensi La bocca Parte del corpo molto importante che ha principalmente 4 funzioni percezione del

Dettagli

Il flauto dolce. Unità didattica di Educazione Musicale. Classe prima. Corpo

Il flauto dolce. Unità didattica di Educazione Musicale. Classe prima. Corpo Il flauto dolce Unità didattica di Educazione Musicale Classe prima Gli obiettivi del nostro lavoro Conoscere il flauto dolce. Capire come funziona e come si utilizza. Imparare le posizioni delle note

Dettagli

UNITA D APPRENDIMENTO

UNITA D APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO di NOCETO Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria Primo Grado Via Passo Buole, 6-43015 NOCETO (Parma) Tel. 0521/625110 codice fiscale: 82003390349 E-mail: pric80800e@istruzione.it PEC:

Dettagli

CURRICOLO STRUMENTO MUSICALE Istituto Comprensivo Nievo San Donà AS 2015-2016. Classe prima

CURRICOLO STRUMENTO MUSICALE Istituto Comprensivo Nievo San Donà AS 2015-2016. Classe prima CURRICOLO STRUMENTO MUSICALE Istituto Comprensivo Nievo San Donà AS 2015-2016 Classe prima Conosce le parti costitutive del proprio strumento e del suo funzionamento. Conosce i parametri fondamentali del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TRICESIMO - PROGETTAZIONE FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO TRICESIMO - PROGETTAZIONE FORMATIVA SEZIONE COMPETENZE TRASVERSALI AMBITI Relazionale e individuale Cognitivo Metacognitivo DESCRITTORI Motivazione ad apprendere Autonomia e responsabilità Collaborazione e interazione Conoscenze concettuali

Dettagli

INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016

INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016 INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016 Nell ordine: Italiano, Matematica, Scienze, Tecnologia, Storia, Geografia, Inglese, Arte ed Immagine, Musica e Motoria. ITALIANO ASCOLTO E PARLATO 1)a

Dettagli

MUSICA DELLA SEZIONE A INDIRIZZO MUSICALE F. A. BONPORTI

MUSICA DELLA SEZIONE A INDIRIZZO MUSICALE F. A. BONPORTI ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto MUSICA DELLA SEZIONE A INDIRIZZO MUSICALE F. A. BONPORTI CLASSE PRIMA notazioni non convenzionali e/o tradizionali. scrittura. e/o individualmente,

Dettagli

IL NUOTO IN CARTELLA. Progetto nuoto per la scuola per l Europa. Rif. Multisport Ilaria Pirelli tel. 0521257040 ilaria.pirelli@multisport-parma.

IL NUOTO IN CARTELLA. Progetto nuoto per la scuola per l Europa. Rif. Multisport Ilaria Pirelli tel. 0521257040 ilaria.pirelli@multisport-parma. IL NUOTO IN CARTELLA Progetto nuoto per la scuola per l Europa Divisione in gruppi: 1. Ambientamento Socializzazione; Rilassatezza; Educazione respiratoria. 2. Prime forme propulsive Sviluppo coordinazione;

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLASSE/I 3^L - M N 35 ALUNNI CLASSE/I N ALUNNI CLASSE/I 4^L - M N 35 ALUNNI CLASSE/I N ALUNNI

SCHEDA PROGETTO CLASSE/I 3^L - M N 35 ALUNNI CLASSE/I N ALUNNI CLASSE/I 4^L - M N 35 ALUNNI CLASSE/I N ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI Via Cernaia, 40-25034 ORZINUOVI (BS) Cod. Mec. : BSIC893008 - C.F. : 86001210177 Telefono 0309941805 Fax 0309444432

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente PICCHI MARIA LETIZIA Plesso Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione A e B (anni 5) Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

SCRIVERE Costruire l interesse per la scrittura autonoma. Scrivere autonomamente un breve testo su un esperienza motivante.

SCRIVERE Costruire l interesse per la scrittura autonoma. Scrivere autonomamente un breve testo su un esperienza motivante. CURRICOLO DI LINGUA CLASSI 1 Ascoltare e parlare Avvio alla costruzione del Sé e alla percezione delle emozioni Ascoltare e comprendere una semplice consegna organizzativa e didattica Narrare un esperienza

Dettagli

ESERCIZI RITMICI FONDAMENTALI

ESERCIZI RITMICI FONDAMENTALI 1/9 ESERCIZI RITMICI FONDAMENTALI ESERCIZI RITMICI FONDAMENTALI ESERCIZIO 1 Questo esercizio sull accordo di Mim su un tempo di 2/4 deve essere eseguito in modo che la successione delle battute sia chiaramente

Dettagli

Giuliani. Metodo progressivo per Corno. Edizioni Eufonia 09794D - Via Trento, 5-25055 Pisogne (BS) Tel. 0364 87069

Giuliani. Metodo progressivo per Corno. Edizioni Eufonia 09794D - Via Trento, 5-25055 Pisogne (BS) Tel. 0364 87069 Giuliani Metodo progressivo per Corno Edizioni Eufonia 9794D - Via Trento, 5-555 Pisogne (BS) Tel. 64 8769.edizionieufonia.it INDICE Prefazione Suggerimenti preliminari Esercizi diatonici legati e staccati

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE MUSICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE MUSICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Sviluppare ed affinare la sensibilità uditiva. Esplorare i suoni presenti in natura.

Dettagli

"UN VIAGGIO TRA LE STORIE PERCHE'...DA STORIA NASCE STORIA"

UN VIAGGIO TRA LE STORIE PERCHE'...DA STORIA NASCE STORIA Scuola dell'infanzia "Umberto I" Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO "UN VIAGGIO TRA LE STORIE PERCHE'...DA STORIA NASCE STORIA" DESTINATARI: Bambini Mezzani TEMPI: Febbraio Maggio

Dettagli

DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

DISCIPLINA: LINGUA INGLESE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE Finalità: Esercitare la cittadinanza attiva nel contesto in cui il discente vive, anche oltre i confini del territorio nazionale. Educazione plurilingue e interculturale per

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: MUSICA

AREA DI APPRENDIMENTO: MUSICA AREA DI APPRENDIMENTO: MUSICA COMPETENZE indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e metodologiche, in situazioni di studio e di lavoro e nello sviluppo

Dettagli

Progetto di continuità Scuola Infanzia Arcobaleno Scuola Primaria Tommaso-Gulli Istituto Comprensivo Statale Europa Faenza-Ra

Progetto di continuità Scuola Infanzia Arcobaleno Scuola Primaria Tommaso-Gulli Istituto Comprensivo Statale Europa Faenza-Ra 1 2 L intelligenza musicale, secondo H.Gardner, rientra nella pluralità delle intelligenze, non è solo un attitudine individuale, ma può essere sviluppata attraverso un processo educativo significativo

Dettagli

Laboratorio di linguaggio: costruire la lingua attorno alle esperienze

Laboratorio di linguaggio: costruire la lingua attorno alle esperienze Laboratorio di linguaggio: costruire la lingua attorno alle esperienze Dott.ssa Nicoletta Staffa Dott.ssa Valentina Ortelli 25.03.2013 Apprendimento: Implicito Principi: Sistematicità e Gradualità Prima

Dettagli

Le nostre linee guida pedagogiche

Le nostre linee guida pedagogiche Le nostre linee guida pedagogiche Sorgono tante domande. Il primo colloquio personale è il primo passo verso una collaborazione improntata sulla fiducia tra genitori e Tagesmutter o staff della microstruttura

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA COMPETENZE DI CITTADINANZA INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI COLLABORARE E PARTECIPARE COLLABORARE E PARTECIPARE ACQUISIRE E INTERPRETARE L INFORMAZIONE IMPARARE AD IMPARARE AGIRE IN MODO AUTONOMO E

Dettagli

Musica, strumenti e voci. Relazione di educazione musicale

Musica, strumenti e voci. Relazione di educazione musicale Musica, strumenti e voci Relazione di educazione musicale Lucia Runca classe 2F Scuola Secondaria di primo grado LEONARDO DA VINCI E. MONTALE Bollate (MI) LE PERCUSSIONI CARATTERISTICHE FRA TUTTE LE FAMIGLIE,QUELLA

Dettagli

Tecniche di respirazione

Tecniche di respirazione Tecniche di respirazione Le tecniche di respirazione raccolte in questo documento possono essere praticate sia prima o dopo un kriya o una meditazione, sia singolarmente come tecnica a se stante. Nello

Dettagli

INGLESE IL CURRICOLO DI BASE - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA

INGLESE IL CURRICOLO DI BASE - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA INGLESE IL CURRICOLO DI BASE - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA DELLA LINGUA ORALE DELLA LINGUA SCRITTA MONOENNIO I BIENNIO II BIENNIO Comprendere il senso globale di unità fonico-acustica

Dettagli

PROPOSTE DI LABORATORI MUSICALI ANNO SCOLASTICO 2009 2010 SCUOLA DELL INFANZIA

PROPOSTE DI LABORATORI MUSICALI ANNO SCOLASTICO 2009 2010 SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DI LABORATORI MUSICALI ANNO SCOLASTICO 2009 2010 SCUOLA DELL INFANZIA L équipe de La Fabbrica dei Suoni ha predisposto i seguenti progetti musicali destinati ai bambini e alle bambine della Scuola

Dettagli

FRANCESE. Classe SECONDA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SEZIONE A: Traguardi formativi e percorsi didattici

FRANCESE. Classe SECONDA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SEZIONE A: Traguardi formativi e percorsi didattici FRANCESE Classe SECONDA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO COMPETENZE SPECIFICHE LINGUA Saper raccontare un fatto passato. Ascoltare linguistiche riprodotte con materiale audio e audiovisivo. Ascoltare ritmi

Dettagli

CORSO PREACCADEMICO CANTO. Settore disciplinare:

CORSO PREACCADEMICO CANTO. Settore disciplinare: Disciplina Codice disciplina Tipologia della disciplina Obiettivi di apprendimento Canto (livello B) 954 Conoscenze: -Conoscenza basilare della voce e della vocalità; -Elementi fondamentali di tecnica

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE

TRAGUARDI DI COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE ARTE E IMMAGINE classe PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE Utilizza in modo semplice gli elementi di base del linguaggio visuale (linea-forma-colore) per osservare e descrivere

Dettagli

L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS

L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS L orientamento consiste nel mettere un individuo in condizione di prendere coscienza delle sue caratteristiche personali e di svilupparle in vista della scelta degli studi

Dettagli

AUTISMO Un percorso di fede possibile A cura della do+.ssa Daniela Bertozzi

AUTISMO Un percorso di fede possibile A cura della do+.ssa Daniela Bertozzi AUTISMO Un percorso di fede possibile A cura della do+.ssa Daniela Bertozzi Psicologa Assistente educa1vo-culturale Specializzanda in Psicoterapia cogni1va autismo L autismo è una sindrome cerebrale complessa

Dettagli

ESERCIZI PAZIENTI TORACICO

ESERCIZI PAZIENTI TORACICO Dipartimento Medicina Interna e Spec. Mediche Dott. Angelo Ghirarduzzi - Responsabile ESERCIZI PER PAZIENTI CON STRETTO TORACICO SUPERIORE Reggio Emilia, Settembre 2006 2 Esercizio n 1 METTERSI IN POSIZIONE

Dettagli

ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA. riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Produzione e rielaborazione dei messaggi visivi.

ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA. riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Produzione e rielaborazione dei messaggi visivi. ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA Capacità di vedere osservare e comprendere riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Conoscenza ed uso delle tecniche espressive. Produzione e rielaborazione

Dettagli

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo)

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) - Introduzione Il modo migliore per affrontare un problema di automazione industriale (anche non particolarmente complesso) consiste nel dividerlo in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIONS

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIONS ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIONS PROGRAMMAZIONE DI MUSICA CLASSI SECONDA E TERZA Scuola Primaria di: Chions, Pravisdomini,Villotta LIVELLI DI PADRONANZA DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI LIVELLI DESCRITTORI

Dettagli

La storia di Marilù e i 5 sensi

La storia di Marilù e i 5 sensi Carlo Scataglini La storia di Marilù e i 5 sensi Con l albero delle filastrocche alla scoperta della percezione Illustrazioni di Michela Molinari Erickson Sommario Introduzione 7 Capitolo primo 11 Capitolo

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 2 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI TEMI/CONTENUTI COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI TEMI/CONTENUTI COMPETENZE INGLESE CLASSE IV OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI TEMI/CONTENUTI COMPETENZE ASCOLTARE PER: Comprendere (ricezione Arricchire il bagaglio di conoscenze ed esperienze Comprendere e rispondere con

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI. individuale di testi.

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI. individuale di testi. ASSE CULTURALE: LINGUAGGI DISCIPLINA: ITALIANO TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI Classe Microcompetenze specifiche (Testo narrativo

Dettagli

La soluzione esatta è sempre la prima delle tre opzioni

La soluzione esatta è sempre la prima delle tre opzioni SCUOLA SUPERIORE DI MUSICA HARMONIUM LECCE Corso Preaccademico di Teoria Ritmica e Percezione Musicale - I CICLO Test di Primo Trimestre La soluzione esatta è sempre la prima delle tre opzioni 1) A chi

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ANNUALI RICEZIONE SCRITTA (LETTURA)

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ANNUALI RICEZIONE SCRITTA (LETTURA) INGLESE - CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA Comprende semplici vocaboli orali per eseguire consegne elementari Riproduce semplici vocaboli per memorizzarli

Dettagli

Il Linguaggio Del Corpo Femminile

Il Linguaggio Del Corpo Femminile Il Linguaggio Del Corpo Femminile Di ArteSeduzione.it Ecco Come Leggere Il Corpo Di Una Donna Guardandola Il Linguaggio Del Corpo Femminile ArteSeduzione.it Pag. 1 Condizioni d Uso Tutti i diritti sono

Dettagli

"Per mezzo mio vivete e per mezzo mio morite. Nelle mani ho potere di vita e morte, imparate a conoscermi e siate sereni". A.T.

Per mezzo mio vivete e per mezzo mio morite. Nelle mani ho potere di vita e morte, imparate a conoscermi e siate sereni. A.T. IL DIAFRAMMA "Per mezzo mio vivete e per mezzo mio morite. Nelle mani ho potere di vita e morte, imparate a conoscermi e siate sereni". A.T. Still CHE COS È IL DIAFRAMMA? E' una cupola muscolo-tendinea

Dettagli

TECNICHE PIÚ ADEGUATE PER FASCE DI ETÀ

TECNICHE PIÚ ADEGUATE PER FASCE DI ETÀ LE TNF TNF ETA TECNICHE PIÚ ADEGUATE PER FASCE DI ETÀ O - 2 anni Contatto fisico: toccare, accarezzare, cullare Musica, giocattoli sopra la culla 2 4 anni Giocare con pupazzi, raccontare storie, leggere

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA 3 4 5 ANNI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA 3 4 5 ANNI CURRICOLO VERTICALE ITALIANO COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: I DISCORSI E LE PAROLE Saper utilizzare frasi complete e termini nuovi. Saper inventare e raccontare storie. Ampliare il proprio repertorio

Dettagli

7 Disegni sperimentali ad un solo fattore. Giulio Vidotto Raffaele Cioffi

7 Disegni sperimentali ad un solo fattore. Giulio Vidotto Raffaele Cioffi 7 Disegni sperimentali ad un solo fattore Giulio Vidotto Raffaele Cioffi Indice: 7.1 Veri esperimenti 7.2 Fattori livelli condizioni e trattamenti 7.3 Alcuni disegni sperimentali da evitare 7.4 Elementi

Dettagli

Bruno Tescione. Le Triadi. Un Approccio Razionale per lo Studio delle Triadi sulla Chitarra

Bruno Tescione. Le Triadi. Un Approccio Razionale per lo Studio delle Triadi sulla Chitarra Bruno Tescione Le Triadi Un Approccio Razionale per lo Studio delle Triadi sulla Chitarra Bruno Tescione P.Iva 05136730651 www.brunotescione.it info@brunotescione.it Tutti i diritti riservati I Indice

Dettagli

PIANOFORTE I I biennio

PIANOFORTE I I biennio PIANOFORTE I I biennio OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ABILITÀ CONOSCENZE (REPERTORIO DI RIFERIMENTO) 1. Acquisire gradualmente tecniche di: a. Esercizi relativi a: 1.1. rilassamento, cura della postura

Dettagli

LE COMPETENZE CHIAVE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE

LE COMPETENZE CHIAVE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE FRANCESE LE COMPETENZE CHIAVE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE L intero iter scolastico ha come finalità il raggiungimento delle seguenti competenze definite dal Parlamento e dal Consiglio dell Unione Europea

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE DI firme degli estensori COGNOME NOME... SCUOLA... CLASSE... NOME QUALIFICA FIRMA Data ASSE 1: AFFETTIVO RELAZIONALE ASSE 2: AUTONOMIA ASSE 3 E ASSE 4 :COMUNICAZIONALE E LINGUISTICO

Dettagli

Campo di esperienza: LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE

Campo di esperienza: LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Campo di esperienza: LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE OBIETTIVI 3 ANNI EDUCAZIONE ESTETICA INCORAGGIARE L'ESPLORAZIONE DELLE QUALITA' MATEIRCHE DI SEMPLICI SOSTANZE (ES. ACQUA, SABBIA, FARINE, SALE,

Dettagli

CURRICOLO DI LETTERE

CURRICOLO DI LETTERE Triennio scuola media TRAGUARDI DI COMPETENZA: ascoltare Classe 1ª media Ascolto funzionale a se stesso 1. Acquisire il piacere dell ascolto fine a se stesso Ascolto funzionale alle conoscenze 1. Ascolta

Dettagli

Per ulteriori approfondimenti visitate il sito: www.corsodimusica.jimdo.com SUONARE LE SCALE AL PIANOFORTE

Per ulteriori approfondimenti visitate il sito: www.corsodimusica.jimdo.com SUONARE LE SCALE AL PIANOFORTE Per ulteriori approfondimenti visitate il sito: www.corsodimusica.jimdo.com SUONARE LE SCALE AL PIANOFORTE La scala è una successione di suoni procedente per grado congiunto che parte da una nota specifica

Dettagli

INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA

INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE (comunicazione, lingua, cultura) È lo specifico campo delle capacità comunicative riferite al linguaggio orale e al primo contatto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE. ALUNNI di 4 anni

PROGRAMMAZIONE ANNUALE. ALUNNI di 4 anni SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII CALASETTA PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2015/16 ALUNNI di 4 anni Unità didattiche: Consolidamento dei colori primari e scoperta dei colori secondari Schema corporeo Le

Dettagli

CURRICOLO TRASVERSALE SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015-16

CURRICOLO TRASVERSALE SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015-16 CURRICOLO TRASVERSALE SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015-16 Competenza n 1: Comunicazione nella madrelingua o lingua di istruzione. Utilizza la lingua italiana per comprendere semplici enunciati e raccontare esperienze

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO-ESPRESSIVA. COMPETENZE ABILITA SPECIFICHE CONOSCENZE (nuclei tematici)

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO-ESPRESSIVA. COMPETENZE ABILITA SPECIFICHE CONOSCENZE (nuclei tematici) CURRICOLO DI INGLESE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA Comprendere ciò che viene detto, letto o narrato da altri. COMPETENZE ABILITA SPECIFICHE CONOSCENZE 1.a Comprendere istruzioni e Nucleo 1: ASCOLTO ( Listening)

Dettagli

Progetto DSA: Guida al metodo di studio

Progetto DSA: Guida al metodo di studio Progetto DSA: Guida al metodo di studio CESPD - Centro Studi e Ricerche per la Disabilità Scuola di Psicologia Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia Scuola di Ingegneria Dipartimento di

Dettagli

CHECKLIST PER INDIVIDUARE LE DIFFICOLTA DEL SINGOLO ALUNNO

CHECKLIST PER INDIVIDUARE LE DIFFICOLTA DEL SINGOLO ALUNNO CHECKLIST PER INDIVIDUARE LE DIFFICOLTA DEL SINGOLO ALUNNO Non tutti i bambini con disturbo dello spettro autistico hanno le stesse difficoltà. Questa checklist aiuta ad individuare le aree di criticità

Dettagli

PROGETTO OTTO PASSI AVANTI. I CAMPANELLI DI ALLARME DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Dr. Manuela Orrù Pediatra Associazione Culturale Pediatri

PROGETTO OTTO PASSI AVANTI. I CAMPANELLI DI ALLARME DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Dr. Manuela Orrù Pediatra Associazione Culturale Pediatri PROGETTO OTTO PASSI AVANTI I CAMPANELLI DI ALLARME DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Dr. Manuela Orrù Pediatra Associazione Culturale Pediatri Le 5 aree di funzione * Capacità motorie grossolane *

Dettagli

ITALIANO UNITÀ DIDATTICA N. 1 ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ

ITALIANO UNITÀ DIDATTICA N. 1 ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ UNITÀ DIDATTICA N. 1 ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ 1. Adeguare la comunicazione, prestando attenzione all interlocutore, alla situazione,all argomento. 2. Esprimersi

Dettagli

Insegnamento: TEORIA E SOLFEGGIO (settore disciplinare:teoria ed analisi)

Insegnamento: TEORIA E SOLFEGGIO (settore disciplinare:teoria ed analisi) MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA E VA R I S T O F E L I C E D A L L A B A C O PROGRAMMI CORSI PRE-ACCADEMICI I CICLO (1-2 livelli

Dettagli

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione orale

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione orale INGLESE CLASSI 1^ INGLESE CLASSI 1^ SCUOLA PRIMARIA INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione orale lavoro a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIANO DA CHIUSI. Via Ascanio Dei n.30 53043 CHIUSI (SI)-Tel/fax 0578/20132

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIANO DA CHIUSI. Via Ascanio Dei n.30 53043 CHIUSI (SI)-Tel/fax 0578/20132 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIANO DA CHIUSI Via Ascanio Dei n.30 53043 CHIUSI (SI)-Tel/fax 0578/20132 siic81800a@istruzione.it- C.M. SIIC81800A C.F. 81002560522 - www.icchiusi.it Proposta progettuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE DI CLASSE PRIMA Ia. s. 2007/2008

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE DI CLASSE PRIMA Ia. s. 2007/2008 PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE DI CLASSE PRIMA Ia. s. 2007/2008 OBIETTIVO FORMATIVO Osservare la realtà per individuarne gli elementi caratterizzanti e per mettersi in relazione con gli altri per impostare

Dettagli

TECNICHE DI MONTAGGIO

TECNICHE DI MONTAGGIO Anna Jerry Berolo Il montaggio/editing Significato : ordinamento nella composizione Scopo: conferire alla rappresentazione audiovisiva, tramite l unione delle immagini in movimento, significato e logica

Dettagli

RUBRICHE DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

RUBRICHE DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA RUBRICHE DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA RUBRICA VALUTATIVA ITALIANO Classi prima e seconda. DIMENSIONI DI COMPETENZA (quali aspetti considero?) CRITERI (Cosa valuto?) OBIETTIVI DI LIVELLO / BASE

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la Colonna Vertebrale

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la Colonna Vertebrale Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la Colonna Vertebrale Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la Colonna

Dettagli