L IMPEGNO AMBIENTALE. Gli investimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMPEGNO AMBIENTALE. Gli investimenti"

Transcript

1 L IMPEGNO AMBIENTALE Tutela, sicurezza e rispetto dell ambiente costituiscono per RFI, la società dell infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato, finalità primarie e qualificanti della propria missione industriale. Nel, anno particolarmente significativo per lo sviluppo delle tematiche ambientali, si sono attivate numerose iniziative tra cui: campagne ed interventi di formazione ed informazione per i dipendenti; definizione di criteri di valutazione delle prestazioni ambientali dei propri fornitori e appaltatori; verifica preventiva dell impatto ambientale per le nuove costruzioni, per i nuovi impianti e per gli interventi di manutenzione e di modifica di quelli esistenti; razionalizzazione delle risorse energetiche, delle materie prime ed utilizzo di materiali ecologici; applicazione di interventi per ridurre il rumore prodotto dalle attività ferroviarie, per tutelare l acqua, l aria e il suolo, per diminuire le quantità di rifiuti prodotti, scegliendo, per questi ultimi, quanto più possibile il recupero anziché lo smaltimento. Per RFI, quanto imposto dalle normative nazionali e comunitarie, non è considerato solo un vincolo da rispettare, ma si traduce in veri e propri obiettivi strategici. Prova ne è la pianificazione e la prossima adozione di un sistema di gestione ambientale (norma UNI EN ISO 14001), che si integrerà con gli altri sistemi di gestione aziendale, già implementati o in fase di applicazione, quali: il sistema di gestione della sicurezza del lavoro (specifica BSI-OHSAS 18001) e quelli della sicurezza della circolazione ferroviaria (norma UNI EN ISO 9000:2000). Gli investimenti Negli ultimi cinque anni, RFI ha destinato alla protezione ambientale e alla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori e dei passeggeri circa 160 milioni di euro, pari a circa il 6% delle risorse totali destinate alla manutenzione straordinaria delle infrastrutture. Come per tutte le Società più evolute e a più alto potenziale in termini di performance, anche in RFI è maturata la convinzione che migliorare la propria efficienza ambientale può determinare ritorni estremamente positivi e significativi sotto il profilo dell affidabilità e dell efficacia gestionale. Queste considerazioni sono state alla base della decisione di pubblicare il Rapporto Ambientale e questa brochure di aggiornamento, che prendono in esame gli aspetti ambientali più significativi di RFI ed illustrano l importanza che l Azienda attribuisce a queste tematiche nello svolgimento delle proprie attività. 2 A GGIORNAMENTO 3 A GGIORNAMENTO

2 2000 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI Gli incendi Negli ultimi anni sono stati raggiunti rilevanti risultati in diversi ambiti. In particolare è da evidenziare la sensibile riduzione degli incendi sulla sede ferroviaria, e nelle sue immediate vicinanze. In questo caso si è passati dai 270 del 2000 ai 79 del. INCENDI SULLA SEDE FERROVIARIA Imputabili alle FS Responsabilità non accertata I rifiuti Come ogni attività produttiva ed industriale, anche RFI produce rifiuti. Questi derivano essenzialmente dalla manutenzione delle linee e sono prevalentemente costituiti da acciaio, rame, traverse in legno, traverse in cemento armato precompresso (CAP) e pietrisco. Quando i materiali vengono rimossi dalle linee, i tecnici di RFI valutano, innanzitutto, la possibilità di riutilizzare quelli ancora in buono stato di conservazione. I materiali non reimpiegabili vengono ceduti a terzi, privilegiando le attività che garantiscono il loro recupero. Quando anche questa soluzione non è praticabile si procede allo smaltimento. Per migliorare la gestione dei rifiuti RFI ha attivato procedure rigorose ed iniziative innovative per valutare sia la qualità e la sicurezza delle prestazioni sia la performance ambientale nella gestione dei rifiuti da parte di appaltatori e fornitori. Contemporaneamente, RFI privilegia l impiego di materiali sempre più rispettosi dell ambiente e più facili da smaltire o riciclare. Un risultato importante ottenuto grazie ad un attento controllo della vegetazione (erbacea ed arbustiva), effettuando interventi di ripulitura delle scarpate e, inoltre, creando specifiche difese parafuoco. RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI NEL ( t) 7% 93% Non pericolosi Pericolosi 4 A GGIORNAMENTO 5 A GGIORNAMENTO

3 RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI PRODOTTI NEL (t/a) Metalli ferrosi e metalli misti Materiali da costruzione e demolizione e altri rifiuti lapidei (incluse traverse in CAP e pietrisco) Legno (essenzialmente traverse) Metalli non ferrosi e cavi elettrici Veicoli e apparecchiature fuori uso Carta, cartone, imballaggi, assorbenti, stracci, eccetera Altri rifiuti non pericolosi RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI PRODOTTI NEL (t/a) Rifiuti della pulizia di cisterne di navi contenenti oli Oli esausti ed altri rifiuti oleosi Soluzioni di lavaggio e solventi esauriti Batterie ed accumulatori Trasformatori e condensatori contenenti PCB Materiali isolanti contenenti amianto Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio Pitture e vernici di scarto Acidi, alcali ed altre sostanze chimiche Rifiuti dell'industria fotografica, rifiuti sanitari e altri rifiuti pericolosi Un particolare rifiuto: le traversine Le traversine, in passato, erano realizzate esclusivamente in legno, impregnato con sostanze chimiche (olio di creosoto) per resistere agli attacchi di parassiti vegetali, animali ed agli agenti atmosferici. Con il progredire della tecnica, il legno è stato progressivamente sostituito con il cemento. Una scelta che negli ultimi anni ha avuto una crescita esponenziale e che ha permesso di ridurne sensibilmente l utilizzo. Attualmente solo una piccola parte di binari (circa il 24 per cento) ha ancora traversine in legno. Una percentuale, questa, che si ridurrà ulteriormente. Peraltro l uso di traversine in legno, impregnato con olio di creosoto, è prassi in tutte le reti ferroviarie europee. Nei casi in cui, per ragioni tecniche (curve con raggio molto ristretto, ponti in ferro, particolari deviatoi), è ancora necessario utilizzare traversine in legno trattato, RFI sta prendendo in considerazione la possibilità di adottare soluzioni alternative. In particolare, l uso di sostanze chimiche ecologiche, per l impregnazione, o l impiego di legnami particolari, che non hanno bisogno di alcun trattamento chimico. Comunque, non è da escludere una combinazione delle due opzioni. Una possibilità di riutilizzo dei rifiuti: gli aggregati riciclati Gli aggregati riciclati sono materiali che derivano dal riciclo dei rifiuti provenienti da opere di costruzione e di demolizione. Il loro utilizzo, al posto dei tradizionali materiali di cava, permette un minor prelievo di risorse dall ambiente e una minore necessità di ricorrere alle discariche per lo smaltimento dei rifiuti. Per questa ragione RFI ha ammesso l impiego di aggregati riciclati per la realizzazione dei rilevati ferroviari. RFI, infatti, ha predisposto una specifica tecnica che integra quella elaborata dall UNI e definisce come utilizzare questi materiali nella realizzazione del tratto dell Alta Velocità/Alta Capacità Bologna - Milano. 6 A GGIORNAMENTO 7 A GGIORNAMENTO

4 Il rumore ferroviario La Legge Quadro sull Inquinamento Acustico (n. 447 del 26 ottobre 1995) ha introdotto l obbligo, per società e enti gestori di servizi pubblici (trasporto e infrastrutture), di presentare ai Comuni interessati piani per il contenimento e l abbattimento del rumore, qualora vengano superati i valori stabiliti. Le ferrovie hanno anche l obbligo di destinare alla mitigazione del rumore una quota, non inferiore al 7 per cento, dei fondi di bilancio destinati alla manutenzione e al potenziamento infrastrutturale. RFI ha monitorato la propria rete per stimare i livelli sonori in ambito ferroviario, con particolare attenzione ai siti che la legge definisce recettori sensibili : scuole, ospedali, case di cura. Per l attività di monitoraggio è stato utilizzato un modello di simulazione che aveva come parametri il rumore prodotto dal passaggio dei treni, il numero e il tipo di treni in circolazione e le caratteristiche del territorio adiacente alla linea ferroviaria. I dati rilevati, inseriti in un sistema cartografico computerizzato, hanno permesso di realizzare mappe acustiche per ogni Comune interessato. Nelle mappe sono rappresentati i livelli di rumore a cui sono sottoposti i diversi recettori sensibili, per pianificare, in accordo con gli Enti locali, gli interventi di risanamento e le priorità. È da sottolineare che RFI è uno tra i primi Gestori della rete, a livello europeo, ad aver realizzato le mappe acustiche, anticipando di oltre cinque anni il termine fissato dalle direttive comunitarie per la mappatura acustica dei centri urbani con oltre 25mila abitanti. RFI, inoltre, ha stanziato, per i prossimi anni, circa milioni di euro per interventi di contenimento e riduzione del rumore ferroviario. Interventi che prevedono, essenzialmente, la realizzazione di barriere fonoassorbenti, la cui tipologia sarà concordata con gli Enti locali. Ciò per garantire l integrazione delle stesse con l ambiente circostante (ad esempio con la realizzazione di barriere in legno). Inoltre, sono allo studio anche interventi sull infrastruttura (ad esempio sulle travate metalliche dei ponti), per ridurre il rumore direttamente alla fonte. I consumi di energia La fonte energetica più significativa tra quelle usate da RFI, pari a circa l 85 per cento, è l energia elettrica utilizzata per la trazione ferroviaria. Dal 1996 al i consumi energetici per prestazione di traffico sono stati ridotti del 6,4 per cento. L indicatore per valutare la performance energetica in funzione della prestazione di traffico è il rapporto tra il consumo energetico (per uso ferroviario) e i chilometri percorsi da tutti i treni che circolano sulla rete ferroviaria (treni-km) Analizzando i consumi energetici di RFI nel loro insieme, riportati nella tabella seguente, si può notare come negli anni e la riduzione complessiva sia stata di circa il 3 per cento. ENERGIA ELETTRICA (tep*1000) (tep*1000) PER USI FERROVIARI ENERGIA ELETTRICA CONSUMI ENERGETICI PER PRESTAZIONI DI TRAFFICO 12,5 13,0 IN MEDIA/BASSA TENSIONE GASOLIO PER NAVIGAZIONE GASOLIO E OLIO COMBUSTIBILE PER USO TERMICO GAS METANO ALTRO 5 7 TOTALE * Tonnellate di petrolio equivalente. 13,3 13,4 13,6 13,7 13,8 13,9 14,2 13,5 14,0 14,5 [kwh/treni-km] (stima) 8 A GGIORNAMENTO 9 A GGIORNAMENTO

5 RFI, per incrementare l impiego razionale ed efficiente delle risorse energetiche, ha avviato numerosi interventi ed investimenti in materia di risparmio di energia. A livello infrastrutturale si è intervenuti sulle centrali termiche: trasformandone molte da gasolio a metano, verificando i rendimenti di combustione e ottimizzando i consumi. Per ridurre i consumi di energia elettrica RFI ha installato anche regolatori di tensione nello scalo merci Quadrante Europa, di Verona, e nelle stazioni di Palermo (il risparmio è stato di circa il 30 per cento). Inoltre, ha acquistato nuovi strumenti portatili (analizzatori di rete) per il rilevamento, la verifica ed il monitoraggio dei consumi e ha rifasato gli impianti eliminando l energia reattiva. RFI ha effettuato anche corsi professionali e di aggiornamento, per il personale, incentrati sul risparmio energetico, nei settori elettrico e termico. Inoltre, a livello territoriale, ha costituito gruppi di lavoro per una corretta gestione di tutte le utenze (elettricità, gas e acqua) e dei servizi (riscaldamento). L amianto I rischi ambientali legati ai materiali contenenti amianto sono essenzialmente dovuti alla presenza del minerale in forma friabile. In queste condizioni l amianto può disperdere le sue fibre nell ambiente circostante (per effetto di sollecitazioni meccaniche, eoliche, da stress termico e dilavamento di acqua piovana). Per prevenire questi rischi RFI ha messo in atto, già da vari anni, un programma di controllo e bonifica o rimozione dei manufatti contenenti amianto. Programmi, in fase di completamento, che interessano apparecchiature elettriche, impianti termici e coperture in cemento-amianto (il cosiddetto eternit ). Per ottimizzare e rendere sempre più efficace la gestione delle problematiche legate alla presenza di amianto negli edifici, RFI, in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), ha inoltre realizzato un innovativo sistema di valutazione e di calcolo per determinare gli indici di pericolosità, INVESTIMENTI PER BONIFICA AMIANTO [euro x 1000] per definire gli interventi necessari ed eseguirli in sicurezza, sia per i lavoratori sia per l ambiente. Strumento che assume particolare rilevanza nei casi in cui il rischio non è facilmente individuabile (ad esempio nel caso in cui l amianto è presente in pavimenti in linoleum, in pannelli isolanti, in rivestimenti per tubature, eccetera). RFI ha effettuato corsi di formazione per fornire al proprio personale le conoscenze necessarie per applicare il sistema e poter così pianificare l attività di monitoraggio (e di eventuale bonifica) dell intero patrimonio immobiliare della Società. Policlorobifenili e policlorotrifenili (PCB e PCT) Allo scopo di ridurre al minimo i rischi, sia per l uomo sia per l ambiente, dovuti alla presenza di oli a base di PCB in alcune apparecchiature (in particolare trasformatori elettrici e condensatori), RFI ha avviato un programma per la loro bonifica o dismissione. Programma che per la tempistica adottata potrà essere completato in anticipo rispetto ai termini fissati dalla legge. Le apparecchiature con PCB, attualmente in esercizio, vengono, comunque, sottoposte a verifica costante e puntuale dello stato di conservazione. 10 A GGIORNAMENTO 11 A GGIORNAMENTO

6 Interventi straordinari di decontaminazione o di demolizione delle apparecchiature sono attivati qualora i controlli evidenzino situazioni anomale. INVESTIMENTI PER L ELIMINAZIONE DI PCB E PCT La fascia di ozono Le ricerche scientifiche hanno evidenziato che la presenza in atmosfera di composti organici provenienti da attività umane, quali i CFC (clorofluorocarburi) e gli halon (idrocarburi completamente alogenati contenenti cloro, fluoro e bromo), ha conseguenze rilevanti nella composizione chimica dello strato dell ozono stratosferico. Si tratta di composti utilizzati negli impianti di refrigerazione, come propellenti degli spray, nei sistemi antincendio ed in numerosi processi produttivi. RFI ha finanziato, avviato e concluso, in qualche caso anche in anticipo rispetto ai termini di legge, il processo per la completa dismissione degli halon in tutte le apparecchiature e in tutti gli impianti antincendio. Un programma che, tra il 1998 e il 2000, ha richiesto un investimento di euro [euro x 1000] Le risorse idriche Le attività di RFI hanno da sempre richiesto un significativo utilizzo di risorse idriche, oggi prevalentemente per uso potabile e igienico. Gli interventi messi in atto per ridurre i consumi e i costi derivanti dall approvvigionamento dalle reti di distribuzione dei gestori pubblici hanno permesso, nel, un risparmio di circa il 3 per cento rispetto ai costi sostenuti nel, circa 11,4 milioni di euro a fronte degli 11,7 dell anno precedente. RFI dispone inoltre di pozzi e sorgenti per la captazione di acqua e di acquedotti per la sua distribuzione, per usi civili e industriali. Ancora oggi, infatti, molte strutture ferroviarie (case cantoniere, edifici e piazzali di stazioni, impianti industriali) sono approvvigionate con acque provenienti da sorgenti o pozzi. RFI, ovviamente, dispone anche di impianti per la raccolta e lo smaltimento delle acque reflue, che sono prevalentemente di tipo domestico. A seguito dell entrata in vigore delle più recenti norme che regolano la materia dei prelievi e degli scarichi idrici, RFI ha avviato una serie di interventi ed iniziative per ottimizzare la gestione delle risorse idriche e per adeguare pozzi, sorgenti, condotte e scarichi alle disposizioni di legge. Nel quinquennio 1998 sono stati investiti circa 2,7 milioni di euro per l adeguamento dei punti di captazione e delle condotte e 3 milioni di euro per l adeguamento degli scarichi. La formazione L impegno di RFI per la protezione ambientale e per la sicurezza sul lavoro trova ulteriore conferma nella realizzazione di attività formative sul tali materie. La formazione, prevista per tutti i livelli aziendali, comprende, tra l altro, l approfondimento della legislazione e delle tecniche ambientali, delle metodologie di risparmio energetico, dei sistemi di gestione ambientale. Inoltre, per i neo-assunti viene effettuata una specifica formazione di base. Nel, sono state realizzate circa giornate/uomo di formazione che hanno coinvolto complessivamente dipendenti, inclusi quadri e dirigenti. 12 A GGIORNAMENTO 13 A GGIORNAMENTO

7 GLI OBIETTIVI AMBIENTALI DI RFI Sistema di gestione ambientale Identificazione delle criticità ambientali e definizione degli indicatori di prestazione (attuazione 2003). Introduzione di un sistema certificato ISO integrato con gli altri sistemi di gestione aziendali ( 2004). Redazione di un bilancio ambientale, nel quale saranno definite anche le indicazioni vincolanti per le imprese di trasporto, i fornitori e gli appaltatori (2004). Audit ambientali Verifica sistematica della conformità delle attività svolte da RFI alla normativa ambientale ed alla politica ambientale aziendale (attuazione 2004). Formazione Definizione e avvio di interventi informativi e formativi, articolati su vari livelli, per gli operatori del settore, i referenti ambientali, i dirigenti (attuazione ). Inquinamento acustico Sviluppo, anche alla luce delle legislazioni regionali, delle azioni necessarie per l attuazione dei piani di risanamento acustico e avvio degli interventi nei termini stabiliti dal D.M. Ambiente 29 novembre 2000 (attuazione 2004). Antincendio Definizione e completamento, in collaborazione con i Vigili del Fuoco, delle linee guida per la gestione delle emergenze e della sicurezza antincendio nelle Grandi Stazioni della rete (attuazione 2003). Tecnologie informatiche Attivazione di un sito WEB Intranet per sviluppare la diffusione della cultura ambientale e del sistema di gestione ambientale e fornire, in tempo reale, le informazioni sull evoluzione normativa (attuato ). Adozione di un software, gestibile dalla rete Intranet aziendale, per la diffusione e la condivisione della documentazione e delle registrazioni dei sistemi di gestione aziendali (attuazione 2003). Collaborazione con il CNR Attivazione di gruppi di lavoro congiunti per lo studio e la definizione di procedure di intervento relative ai seguenti aspetti ambientali (attuazione 2005): sostanze pericolose (in particolare PCB); emissioni in atmosfera e risparmi di energia; particolari tipologie di rifiuti; acque, scarichi e particolari problematiche idrogeologiche legate all infrastruttura ferroviaria; siti contaminati. Stazioni e vie verdi Progetti per la valorizzazione di linee ferroviarie in disuso, le cosiddette vie verdi collegate alle cosiddette stazioni verdi per contribuire alla promozione e allo sviluppo di nuove forme di turismo compatibile. L identificazione e la scelta delle stazioni verdi sarà effettuata in base ai criteri definiti dal ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio in materia di vincoli naturali e paesaggistici. Le vie verdi saranno progettate, anche in collaborazione con Associazioni ed Enti, in modo da garantire la massima accessibilità, sicurezza, facilità di identificazione topografica e comodità di percorso. Si precisa che tutti i dati relativi al esprimono stime pressoché definitive dei dati che verranno riportati nel prossimo Rapporto Ambientale di RFI. 14 A GGIORNAMENTO 15 A GGIORNAMENTO

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino

La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali ed attribuisce alla tutela

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci. Studio Mastracci P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.it indice RIFIUTI BONIFICHE INQUINAMENTO DA AGENTI FISICI

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119 CER Nome comune Nome ufficiale 120109* Acqua e olio Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni 80120 Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura

Dettagli

Sommario. Sommario VII CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE

Sommario. Sommario VII CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE VII Sommario CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE (Alessio Scarcella) 1.1. Concetto di ambiente... 1 1.2. Le fonti in generale... 3 1.3. La Costituzione e l ambiente... 5 1.4. Le norme di principio del diritto

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Dati anno 2012 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

AMBIENTE SICURO DI STEFANELLI PAOLA

AMBIENTE SICURO DI STEFANELLI PAOLA AMBIENTE SICURO DI STEFANELLI PAOLA Ambiente Sicuro è uno studio di consulenza alle imprese nato per offrire ai propri clienti un' esperienza ventennale nel campo Qualità Igiene Ambiente - Sicurezza. Le

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

LE NOSTRE CERTIFICAZIONI

LE NOSTRE CERTIFICAZIONI 1 Emme S.p.A. è una società italiana operativa dal 1995 su tutto il territorio nazionale e all estero, specializzata nel settore delle bonifiche di siti contaminati, nelle decontaminazioni da amianto e

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Modulo DTA-RCC (11/11/2009) Alla Divisione Gestione del Territorio Pagina 1 di 5 Spazio riservato al Comune di Bergamo

Modulo DTA-RCC (11/11/2009) Alla Divisione Gestione del Territorio Pagina 1 di 5 Spazio riservato al Comune di Bergamo Modulo DTA-RCC (11/11/2009) Alla Divisione Gestione del Territorio Pagina 1 di 5 Spazio riservato al Comune di Bergamo FAC-SIMILE Istanza per la riduzione del contributo di costruzione Allegata al procedimento

Dettagli

BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI NELLE PROCEDURE FALLIMENTARI

BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI NELLE PROCEDURE FALLIMENTARI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI NELLE PROCEDURE FALLIMENTARI LA DUE DILIGENCE AMBIENTALE O R D I N E D E I D O T TO R I C O M M E R C I A L I S T I E D E G L I E S P E R T I C O N TA B I L I 0 5 m a r z

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

RIFIUTI SPECIALI... PER NOI IL LAVORO AD ARTE E' UNA REGOLA!

RIFIUTI SPECIALI... PER NOI IL LAVORO AD ARTE E' UNA REGOLA! RIFIUTI SPECIALI... PER NOI IL LAVORO AD ARTE E' UNA REGOLA! SOLUZIONI PER L ECOLOGIA EcoGea è una società specializzata nelle bonifiche di amianto, nello smaltimento dei rifiuti di origine industriale

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

Revisione : 0 Modifica : 0 INDICE

Revisione : 0 Modifica : 0 INDICE 1 INDICE Revisione : 0 0.0 CERTIFICAZIONI... 3 1.0 COMPOSIZIONE DELL AREA DI LAVAGGIO... 4 1.1 Impianto a Piste... 4 0.1.1 Locale tecnico... 4 0.1.1 Struttura di copertura piste di lavaggio... 5 1.2 Impianto

Dettagli

La gestione dei rifiuti da C&D in RFI

La gestione dei rifiuti da C&D in RFI La gestione dei rifiuti da C&D in RFI Giulio Filosa Convegno sul tema: La gestione sostenibile dei materiali da scavo: casi di studio - III sessione Ferrara, 25 Settembre 2015 RFI ed i rifiuti da C&D:

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

SCARABELLO E. SERVICE

SCARABELLO E. SERVICE SCARABELLO E. SERVICE AUTOSPURGHI, VIDEOISPEZIONI, BONIFICHE AMBIENTALI SMALTIMENTO REFLUI INDUSTRIALI, RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. AZIENDA CERTIFICATA UNI ISO EN9001/2000 La nostra società Scarabello

Dettagli

Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare

Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare L UNIONE EUROPEA E L AMBIENTE (Documenti a cura della rappresentanza a Milano della Commissione delle Comunità Europee. Aprile 1998) Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare I veicoli fuori

Dettagli

Lachiver Servizi S.r.l. Ambiente, sicurezza, qualità

Lachiver Servizi S.r.l. Ambiente, sicurezza, qualità Scadenzario degli adempimenti ambiente e sicurezza dal: 01/12/2006 al n. 186 Termine entro il quale le attività di recupero dei rifiuti già autorizzate in regime semplificato alla data del 03/06/06 del

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ambiente ed Ecologia

PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ambiente ed Ecologia PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ambiente ed Ecologia ESTRATTO DEL PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DI AUTORIZZAZIONE n. 3 DEL 04-04-2013 Oggetto: Verifica di assoggettabilità a VIA - progetto per la realizzazione

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

Rifiuti speciali. Obiettivi, strategie, modalità d intervento Obiettivi Modalità d intervento Strategie

Rifiuti speciali. Obiettivi, strategie, modalità d intervento Obiettivi Modalità d intervento Strategie L ambiente in Ticino 2 Rifiuti speciali 150 150 150 150 Obiettivi, strategie, modalità d intervento Obiettivi Modalità d intervento Strategie.1.1.1.1.2.1.3 151 151 151 151 154 154 Provvedimenti messi in

Dettagli

Il nostro impegno quotidiano è teso al miglioramento continuo per ridurre l impatto ambientale delle nostre attività produttive.

Il nostro impegno quotidiano è teso al miglioramento continuo per ridurre l impatto ambientale delle nostre attività produttive. Sostenibilità Lo stabilimento di Brindisi di Basell Poliolefine Italia S.r.l. opera in maniera sostenibile in linea con la politica aziendale che prevede l'uso responsabile ed etico delle risorse naturali

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE

ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE I criteri a cui fare riferimento per la progettazione sono quelli di seguito indicati e, comunque, quelli volti all utilizzo di soluzioni sperimentali e

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta

Dettagli

Osserviamo il presente, guardando al futuro

Osserviamo il presente, guardando al futuro Laboratori Hera Osserviamo il presente, guardando al futuro Hera Laboratori 2 company profile Un sistema di controlli per aziende ed enti pubblici Il sistema laboratori del Gruppo Hera rappresenta una

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio 26 settembre 2014 Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio Pasquale DEL NORD Responsabile HSE di Trenitalia Trenitalia ed il gruppo FS Controllata al 100%

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

WWW.SKYLABORATORI.IT ANALISI E CONSULENZE

WWW.SKYLABORATORI.IT ANALISI E CONSULENZE WWW.SKYLABORATORI.IT ANALISI E CONSULENZE SKYLAB ENERGIA S.r.l. Il laboratorio di analisi chimiche, ambientali, agrarie e industriali Skylab nasce da un idea di Greenline S.r.l., società di ingegneria

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Impieghi principali dell amianto Panoramica senza lavorazione, pulizia, con lavorazione, pulizia, rimozione rimozione Pagina Amianto fortemente agglomerato

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene.

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene E un progetto con il quale Banca Popolare di Bergamo contempera l esercizio della propria attività

Dettagli

BARRIERA ACUSTICA FOTOVOLTAICA: UN CASO DI STUDIO

BARRIERA ACUSTICA FOTOVOLTAICA: UN CASO DI STUDIO Associazione Italiana di Acustica 38 Convegno Nazionale Rimini, 08-10 giugno 2011 BARRIERA ACUSTICA FOTOVOLTAICA: UN CASO DI STUDIO Cinzia Buratti (1), Stefano Cotana (2) 1) CIRIAF, Perugia 2) Fondazione

Dettagli

Gestione rifiuti tossici e nocivi. Gestione imballaggi e rifiuti da imballaggio Elenchi rifiuti pericolosi (Catalogo Europeo dei Rifiuti- CER)

Gestione rifiuti tossici e nocivi. Gestione imballaggi e rifiuti da imballaggio Elenchi rifiuti pericolosi (Catalogo Europeo dei Rifiuti- CER) ALLEGATO 4: Riferimenti legislativi La regolamentazione della gestione dei rifiuti è stata oggetto di diversi provvedimenti normativi a livello comunitario, nella tabella che segue vengono riportati i

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione)

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) E pericoloso quando si trova nelle condizioni di disperdere le sue fibre nell ambiente circostante

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE PERCHÉ UTILIZZARE IL MATERIALE DI RICICLO? Perché è buono : ha caratteristiche prestazionali paragonabili a quelle degli agli

Dettagli

Ambiente Sicurezza Qualità Prevenzione incendi Progettazione impianti. Consulenza tecnica. per vincoli normativi. TECHNOAMBIENTE GGE group

Ambiente Sicurezza Qualità Prevenzione incendi Progettazione impianti. Consulenza tecnica. per vincoli normativi. TECHNOAMBIENTE GGE group Consulenza tecnica per vincoli normativi SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE Consulenza per l implementazione di Sistemi di Gestione Ambientale (S.G.A.) secondo le norme UNI EN ISO 14000 ed EMAS PRATICHE AMBIENTALI

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA Dipartimento Attività Tecnico-Patrimoniali e Tecnologiche U.O.Edile Impiantistica Azienda USL di Ferrara Comacchio, 23 ottobre 2009 COMPITI DEL SERVIZIO

Dettagli

AcegasAps e le sfide della Green Economy

AcegasAps e le sfide della Green Economy AcegasAps e le sfide della Green Economy Il programma INDICE Il Gruppo AcegasAps Spa L economia Green AcegasAps le attività AcegasAps l Efficienza energetica Il Gruppo Hera Il Gruppo AcegasAps La Capogruppo,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

Piano di dismissione dell impianto

Piano di dismissione dell impianto Sommario PREMESSA... 2 1. SOSTENIBILITÀ DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 2 2. DECOMMISSIONING DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 3 3. TIPOLOGIA DEI MATERIALI... 3 3.1 Pannelli FV :... 3 3.2 Strutture di sostegno:...

Dettagli

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo Premessa Il concetto di End-of-Waste è stato introdotto dalla Strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti, adottata dalla Commissione europea

Dettagli

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 ITALIA - ESPORTAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI ANNO 2012 A livello nazionale la quantità totale di rifiuti esportata nel 2012 è pari a 4 milioni di tonnellate di cui

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

LA GESTIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA. Ing Vittorio BARDAZZI (Libero professionista Energy Manager)

LA GESTIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA. Ing Vittorio BARDAZZI (Libero professionista Energy Manager) LA GESTIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA Ing Vittorio BARDAZZI (Libero professionista Energy Manager) nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma ovvero l'energia cambia di forma

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP -3 %-(4 1*"/0 3&(*0/"-& %* (&45*0/& %&* 3*'*65* 130(3"..";*0/&"55*7*5}1*"/*'*$"503*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP -3 %-(4 1*/0 3&(*0/-& %* (&45*0/& %&* 3*'*65* 130(3..;*0/&55*7*5}1*/*'*$503* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM HFOOBJP PHHFUUP -3 %-(4 1*"/0 3&(*0/"-& %* (&45*0/& %&* 3*'*65* 130(3"..";*0/&"55*7*5}1*"/*'*$"503*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 4FSHJP#0-;0/&--0 1SFTJEFOUF 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

"GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali

GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali Convegno sul tema: "GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali CASI APPLICATIVI DI BONIFICA DA AMIANTO GEOM. ROBERTO RAFFAELE - Operations Manager Bonifiche Amianto, Teseco

Dettagli