PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA SCROCCAROCCO, 20 INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO, 20 SEGNI - RM, VIA GRAMSCI SNC VALMONTONE RM) COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO (VIA SCROCCAROCCO, 20 SEGNI RM) MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (VIA PALIANESE KM. 1,200 COLLEFERRO RM) PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI (VIA PALIANESE KM. 1,200 COLLEFERRO RM) TURISMO (VIA GRAMSCI SNC VALMONTONE RM) tel (SEGNI), (COLLEFERRO), (VALMONTONE) fax (SEGNI) (COLLEFERRO) (VALMONTONE) C. F URL: URL: PEC Via Scroccarocco, SEGNI (RM) PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

2 INDICE - Premessa pag. 4 SEZIONE I Le scelte dell Istituto - L Istituto e le sue sedi pag. 5 - I soggetti del POF pag. 8 - Dove siamo pag. 8 Capitolo 1 : Risorse strutturali e didattiche - Laboratori e aule speciali pag. 9 - Rete organizzativa pag Organizzazione orario delle lezioni pag Modalità di accesso ai servizi pag Rapporti scuola-famiglia pag. 18 Capitolo 2: L offerta formativa - I Corsi pag Quadri orari e Indirizz1 pag. 21 Capitolo 3: Scelte educative e didattiche - Modalità organizzative e obiettivi formativi pag Scelte di autonomia didattica ed organizzativa pag L Accoglienza pag Formazione e aggiornamento docenti pag. 30 Capitolo 4: Progetti per il miglioramento dell offerta formativa - Progetti per l anno scolastico pag. 33 Capitolo 5: Scelte organizzative e di gestione - Criteri di formazione delle classi pag Criteri di assegnazione delle cattedre pag Integrazione alunni con disabilità pag Alunni stranieri: intercultura pag Gli organi collegiali : Consiglio d Istituto pag. 36 Collegio dei Docenti, Dipartimenti disciplinari pag. 38 Consiglio di classe pag Le Funzioni strumentali pag. 39 2

3 SEZIONE II Il progetto curricolare Capitolo 1: La valutazione - La valutazione e criteri di svolgimento degli scrutini pag Fasce di valutazione pag Criteri di attribuzione del credito scolastico e formativo pag Criteri di attribuzione dei voti e indicatori per la formulazione dei giudizi finali pag Gli I.D.E.I. pag Autovalutazione d Istituto pag. 45 Capitolo 2: Le regole - Il regolamento d Istituto pag Patto educativo di corresponsabilità pag. 75 3

4 Pof - motivazioni e finalità Premessa: PIANO OFFERTA FORMATIVA A CHE COSA SERVE IL POF Concretizzare Gli obiettivi nazionali in percorsi formativi funzionali all apprendimento e alla crescita educativa. Garantire Azioni efficaci di recupero, di sostegno e di prevenzione del disagio. Il Piano dell Offerta Formativa è il documento dei percorsi formativi, delle attività, delle iniziative didattiche ed educative, dell organizzazione e della gestione di strutture, persone e risorse della scuola. Il Piano dell Offerta Formativa presenta dunque la scuola nella sua organizzazione didattica con le sue finalità e interventi progettuali, con le sue forme e modalità di funzionamento e gestione a tutti i livelli, rendendo l istituzione trasparente all utenza cui fornisce un servizio. GARANTIRE Agli alunni il successo formativo MIRARE Allo sviluppo della persona umana MIGLIORARE L efficacia del processo di insegnamento e apprendimento 4

5 Sezione I - Le scelte dell Istituto L Istituto e le sue sedi L Istituto, denominato a partire dall a. s. 2012/2013 Istituto d Istruzione Superiore Via Scroccarocco, 20 si compone di tre sedi: I.P.I.A. Paolo Parodi Delfino a Colleferro (indirizzi Manutenzione e Assistenza tecnica; Produzioni Industriali e Artigianali), I.T.C.G. Pier Luigi Nervi a Segni (indirizzi Amministrazione, Finanza e Marketing; Costruzioni, Ambiente e Territorio), I.T.C. Pier Luigi Nervi, sezione "Enzo Gigli" a Valmontone (indirizzi Amministrazione, Finanza e Marketing; Turismo.) Bacino di utenza Gli studenti dell Istituto provengono principalmente dai comuni del 38 Distretto Scolastico (Artena, Carpineto Romano, Colleferro, Labico, Montelanico, Segni e Valmontone), ma anche dai comuni a sud di Roma e dalle province di Frosinone e Latina. La sede di Colleferro Colleferro nacque ai primi del Novecento intorno alla fabbrica SNIA BPD, attorno alla quale ha orbitato per anni lo sviluppo urbano ed industriale di questo centro. Nel territorio sono presenti molte industrie quali la BAG/BRAD SPA, la ALSTOM, la FIAT AVIO SPA, la ITALCEMENTI ma la cittadina ha sviluppato, negli ultimi anni, attività nel settore terziario, realtà importante del territorio è l artigianato, con piccole e medie imprese. L Istituto Paolo Parodi Delfino è nato come avviamento professionale con D.P.R.1962 del 10 luglio 1960 ed ha svolto per anni il ruolo di formatore privilegiato della manodopera specializzata della ditta B.P.D., i cui cancelli sono situati proprio di fronte a quello che era l ingresso principale del nostro Istituto. Con l introduzione della scuola media unificata, l Istituto ha acquisito la denominazione attuale e l edificio ha cominciato ad ospitare anche le aule della Scuola media statale G. Mazzini. Da qualche anno la sede dell istituto si è spostata in via Palianese Km 1.200, a ridosso del centro urbano, in una struttura di nuova costruzione. I corsi di qualifica professionale erano rivolti essenzialmente all acquisizione di abilità manuali, in cui i nostri studenti eccellevano, come hanno dimostrato i risultati in numerosi concorsi a livello regionale e nazionale, nonché la gran percentuale di assorbimento nel mondo del lavoro. La crisi dell industria chimica italiana ha portato un grosso ridimensionamento dell attività industriale in Colleferro; le mutate richieste del mondo del lavoro in generale, hanno portato ad un ripensamento del ruolo dell Istituto con l introduzione dei Corsi post-qualifica, con maggiore attenzione alla preparazione culturale complessiva e ad una preparazione professionale più completa e molti studenti hanno potuto in ogni modo inserirsi in un attività qualificata e gratificante grazie alla preparazione complessiva che il nostro Istituto riesce a garantire. La sede di Segni La sede di Segni del nostro istituto è inserita nel contesto dei Monti Lepini. I Monti Lepini separano il mare da una parte e la valle nel cuore del Lazio dall'altra. Il contesto socio-economico-culturale in cui l Istituto opera è caratterizzato da un tessuto produttivo di piccole e medie imprese (agricole e non) e del terziario avanzato, per quanto riguarda la quasi totalità dei paesi che costituiscono il suo bacino di utenza. A Colleferro, da cui proviene buona parte degli alunni, non mancano invece imprese di più grandi dimensioni 5

6 che, mentre in un recente passato hanno costituito una forte alternativa alle attività agricole, sono oggi motivo di disagio socio-economico, a causa della crisi occupazionale. L Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri «Pier Luigi Nervi» di Segni è nato nell a.s. 1972/73 ed è divenuto autonomo nell a.s. 1982/83. Successivamente, nell a.s. 1992/93. è stato attivato a Valmontone l indirizzo Periti aziendali e corrispondenti in lingue estere; nell a.s l indirizzo tecnico-turistico. Col passare degli anni entrambe le sedi sono state rinnovate sia a livello di organizzazione della didattica, con l introduzione dei corsi sperimentali, sia a livello di strutture e supporti didattici con l adeguamento dei locali alle nuove esigenze e l impianto e/o ammodernamento di laboratori e aule speciali, oggi all avanguardia e in grado di accogliere comodamente ciascuna classe per intero. Oggi pertanto entrambi gli edifici, peraltro situati in buona posizione geografica e con ampi spazi che consentono lo svolgimento di attività didattiche all aperto, concorrono a determinare le più favorevoli condizioni per affrontare lo studio con serenità e profitto. La sede di Valmontone Valmontone è un comune di abitanti della provincia di Roma situato su un rialzo tufaceo. La sua altitudine di 303 m l.s.m. ed è parte di un sistema orografico formato da piccole valli, e modesti rilievi. Il territorio rientra nel bacino idrografico dell'alta Valle del Sacco. Il sottosuolo è ricchissimo di acque e falde freatiche, ragion per cui a Valmontone, l Università La Sapienza di Roma ha attivato il C.E.R.I. (il centro di ricerca, previsione, prevenzione e controllo dei rischi idrogeologici). La sede è facilmente raggiungibile attraverso l Autostrada A1, la Statale Via Casilina e la Ferrovia Roma-Cassino-Napoli. Il contesto socio-economico-culturale in cui l Istituto opera è caratterizzato da un tessuto produttivo di piccole e medie imprese (agricole e di servizi) dislocate in un territorio ampio; si sta sviluppando un polo turistico integrato di notevole interesse da un punto di vista occupazionale. * L offerta formativa qui illustrata non consiste in un astratta e formale proposta di uguaglianza formativa, ma sviluppa le sue linee in un contesto di solidarietà sociale diretto a cercare il successo di tutti; sollecita le capacità e le indirizza verso conoscenze che siano fondanti di uno stile di apprendimento flessibile e ricettivo, capace di acquisire le sollecitazioni di un mondo nel quale la comunicazione viaggia sui parametri dell intelligenza artificiale e di un mondo lavorativo che richiede competenze specifiche e capaci di rimodularsi. La consapevolezza del mutato scenario culturale ci obbliga al confronto con le realtà scolastiche europee, sollecitandoci a mettere in campo strumenti didattici più efficaci e più rispondenti alle esigenze di ognuno dei nostri alunni. Il nuovo modello di scuola, come esplicitato, è finalizzato al perseguimento dei seguenti obiettivi caratterizzanti la filosofia dell Autonomia scolastica: - Indurre atteggiamenti responsabili e civili negli allievi con lo strumento disciplinare, ma con l esempio, l autorevolezza e col dialogo educativo; - Prevedere forme di recupero per limitare l insuccesso scolastico ( tutta la normativa autonomistica va in questa direzione); - Rapporti con le famiglie ispirati ai criteri della trasparenza, della informazione, della documentazione in un quadro di una loro giusta e corretta collocazione all interno della scuola. La scuola dell autonomia ha il compito di garantire, studiare e guidare i ragazzi promuovendo la conoscenza di sé, il senso di appartenenza, la coscienza dei propri limiti e delle proprie risorse, la capacità di assumere decisioni, di gestire il proprio tempo. L ipotesi progettuale che si propone cerca di fornire una delle possibili 6

7 articolazioni delle attività di una scuola che voglia completare e congiungere il curricolo ministeriale con iniziative di formazione e orientamento attivate in collaborazione con le associazioni imprenditoriali e professionali locali, attraverso stage in aziende private, enti pubblici, istituzioni bancarie e studi professionali. In questa logica vanno visti i Corsi altamente specializzati e svolti in collaborazione con enti prestigiosi. L Istituto si propone: 1) di offrire degli standard professionali di alta qualità che facilitino l inserimento nel mondo del lavoro dei suoi diplomati; 2) di far sviluppare agli studenti un buon numero di strutture culturali che permettano loro di comprendere e di incidere consapevolmente sulla realtà che li circonda; 3) di contribuire alla crescita dei ragazzi sotto il profilo culturale, sociale e delle capacità relazionali per diventare poi cittadini di una società in continua evoluzione; 4) di partecipare al recupero delle situazioni di disagio, rafforzando le qualità che gli studenti mostrano sfruttandole al massimo per superare, per quanto è possibile, gli ostacoli che si frappongono al pieno inserimento nella vita produttiva, sociale e culturale. 5) di promuovere costantemente l'insegnamento delle lingue straniere 6) di promuovere l'accoglienza e l'integrazione degli stranieri. L impegno congiunto di tutte le forze della scuola dovrà, pertanto, tendere al recupero di quei valori che hanno connotato l evoluzione della nostra civiltà, privilegiando ad esempio, la conoscenza dei diritti fondamentali dell uomo, il rispetto della persona, la formazione di una coscienza europea, l educazione alla pace, alla legalità, alla salute, alla tutela dell ambiente e così via. 7

8 I soggetti del Pof IL CONSIGLIO DELL ISTITUZIONE Definisce gli indirizzi generali e al termine adotta il piano dell Offerta Formativa. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Attiva i necessari rapporti con il territorio e coordina tutte le azioni interne all Istituto CHI IL COLLEGIO DEI DOCENTI Elabora il Piano dell offerta Formativa articolandosi al suo interno e cura il monitoraggio- I GENITORI E GLI STUDENTI Formulano proposte Dove siamo 8

9 CAPITOLO 1: RISORSE STRUTTURALI E DIDATTICHE SEDE DI COLLEFERRO LABORATORI - SETTORE CHIMICO-BIOLOGICO LABORATORIO DI CHIMICA ANALISI 1 LABORATORIO DI CHIMICA ANALISI 2 LABORATORIO DI CHIMICA ORGANICA LABORATORIO DI CHIMICA STRUMENTALE LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA SALA BILANCE SALA PREPARAZIONI LABORATORI - SETTORE ELETTRICO LABORATORIO DI CONTROLLI AUTOMATICI LABORATORIO DI ESERCITAZIONI PRATICHE I E II CLASSI LABORATORIO DI ESERCITAZIONI PRATICHE III CLASSI LABORATORIO DI FISICA LABORATORIO DI INFORMATICA LABORATORIO DI MISURE ELETTRICHE I E II CLASSI LABORATORIO DI MISURE ELETTRICHE III E IV E V CLASSI LABORATORIO DI SISTEMI SETTORE MECCANICO-TERMICO LABORATORIO CAD MECCANICO LABORATORIO DI IDRAULICA LABORATORIO DI PNEUMATICA LABORATORIO PER LE ENERGIE ALTERNATIVE LABORATORIO TECNOLOGICO (OFFICINA MECCANICA) AULE SPECIALI AULA 1 LIM AULA 2 LIM AULA MAGNA AULA VIDEO BIBLIOTECA LABORATORIO LINGUISTICO LABORATORIO MULTIMEDIALE PALESTRA 9

10 SEDI DI SEGNI E VALMONTONE AULA DI CHIMICA (SEGNI) AULA DI DISEGNO E TOPOGRAFIA (SEGNI) AULA LIM 1 (SEGNI) AULA LIM 1 (VALMONTONE) AULA LIM 2 (SEGNI) AULA LIM 2 (VALMONTONE) AULA LIM 3 (VALMONTONE) BIBLIOTECA (SEGNI) BIBLIOTECA (VALMONTONE) LABORATORIO LINGUISTICO (VALMONTONE) LABORATORIO MULTIMEDIALE 1 (SEGNI) LABORATORIO MULTIMEDIALE 1 (VALMONTONE) LABORATORIO MULTIMEDIALE 2 - Linguistico (SEGNI) LABORATORIO MULTIMEDIALE 2 (VALMONTONE) LABORATORIO MULTIMEDIALE 3 - Costruzioni (SEGNI) LABORATORIO PROVE DEI MATERIALI (SEGNI) PALESTRA (SEGNI) PALESTRA (VALMONTONE) Servizi fruibili dagli studenti In tutte le sedi sono in funzione esercizi di ristorazione. Spazi esterni Tutte le sedi dispongono di campi esterno polivalenti per pallacanestro, pallavolo,calcetto. 10

11 RETE ORGANIZZATIVA (DOCENTI) COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Francesco CIPOLLINI Prof. Salvatore PANETTA GRUPPO DI SUPPORTO DIRIGENZA Prof. Tommaso R. GALIANO Prof.ssa A. Pia GABRIELLI Prof.ssa M. Antonietta PENNESE Prof. Salvatore PLATIA Prof.ssa Tiziana PONTESILLI COORDINATORI E SEGRETARI DEI CONSIGLI DI CLASSE Segni Valmontone Classe Coordinatore Segretario Classe Coordinatore Segretario 1A AFM LORENZI D. ROSSI 1A AFM GABRIELLI A.P. AUSIELLO 2A AFM COLAIACOMO ALESSANDRONI 2A AFM FEDERICO MOLLICA 3A AFM VARI GABRIELE 4A AFM LORENZI R. RENZITTI 4A AFM MOSCETTA MERCANTI 5A PACLE BIAGIONE FANCIULLI 5A IGEA VITTORI CIANFONI 1A TUR GABRIELLI M.G. COCCIÒ 2B AFM SARAO COSCIA 2A TUR TAVOLARIO ALESSANDRONI 3A TUR SPARAGNA NUNZIATA 4A CAT GRAZIANI CIANGOLA 4A TUR ROSSI ARPAIA 5A GEO GALIANO COCCI 5A ITER PLATIA CARNEVALE 4A SIRIO PENNESE CIPOLLINI 5A SIRIO VELOTTI LEONI 3B TUR BRIGUORI D AVINO 5B ITER MIELE FORNABAIO 11

12 Colleferro Classe Coordinatore Segretario 1A MAT PELLICCIA PASQUALONI 1B MAT TUMMOLO PALOMBI 2A MAT GENTILE DE PAOLIS 2B MAT RICCI ISTRATE ANCA 3A MAT SCARLATTI SINISCALCHI 4A MAT VARI 5A TIE CARDONI SINISCALCHI 1C MAT PONTESILLI 2C MAT COSCIA 4B MAT 3B MAT GALESSO GIRETTI 3C MAT 4C MAT NAVARRA CANESTRELLI 5A TIM MARTA CONTI 3D MAT VOTTA MARTA 5A TSE CUPINI COCCI 2A PIA DE NAPOLI SCARAMELLA 3A PIA FALERA DI FRAIA 4A PIA MARCONCINI COLAIORI 5A PIA DEL SIGNORE MORCIANO 5B TIE D AMBROSIO COMITATO DI VALUTAZIONE Membri effettivi: Prof.ssa Gigliola COLAIACOMO Prof.ssa A. Pia GABRIELLI Prof. Salvatore PANETTA Prof.ssa Tiziana PONTESILLI 12

13 Membri supplenti: Prof. Francesco CIPOLLINI Prof.ssa Isabella MIELE ORGANO DI GARANZIA PER I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI (COMPONENTE DOCENTI) Prof. Francesco CIPOLLINI Prof.ssa Maria PALOMBI Prof.ssa A. Pia GABRIELLI COMMISSIONE ELETTORALE Prof.ssa Marina FALERA Prof.ssa A. Pia GABRIELLI FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. 1. GESTIONE P.O.F. Prof. Tommaso R. GALIANO, Prof.ssa Tiziana PONTESILLI 2. SUPPORTO DOCENTI Prof.ssa Emilia MARCONCINI, Prof.ssa Emilia VARI, Prof. Salvatore PLATIA 3. SUPPORTO UTENZA INTEGRAZIONE RECUPERO DEL DISAGIO PROMOZIONE DEL BENESSERE SCOLASTICO Prof.ssa Isabella MIELE, Prof.ssa M. Antonietta PENNESE, Prof.ssa Elisabetta VOTTA 4. ORIENTAMENTO Prof.ssa Gigliola COLAIACOMO, Prof.ssa A. Pia GABRIELLI, Prof. Massimo GIRETTI 5. AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RAPPORTI CON ENTI ESTERNI E AGENZIE FORMATIVE Prof. Enzo COLAIORI, Prof.ssa Giovanna SPARAGNA, Prof. Ilario MOSCETTA NUCLEI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLE FUNZIONI STRUMENTALI 1 - Nucleo Continuità e Accoglienza - RIF. FF. SS

14 Proff. PENNESE (F. S.), MIELE (F. S.), VOTTA (F. S.), VARI E., COSCIA, GALIANO (F. S.), PLATIA, MARCONCINI 2 - Nucleo Viaggi d istruzione, Visite aziendali e Visite guidate - RIF. FF. SS. 3-5 Proff. GABRIELLI A. P., PLATIA, COLAIACOMO 3 - Nucleo Consulenza - CIC - RIF. FF. SS. 2-3 Proff. MIELE (F. S.), VOTTA (F. S.), COLAIACOMO, DE PAOLIS, GIZZI, LATINI S., GABRIELLI A. P. 4 - Nucleo Biblioteca - RIF. FF. SS. 2-3 Proff. COLAIACOMO, VARI E. (F. S.), COSCIA, PONTESILLI, GIZZI, DE NAPOLI, LATINI, PELLICCIA, MIELE (F. S.) 5 Nucleo Attività culturali RIF. FF. SS. 1-3 Proff. COLAIACOMO, MIELE (F. S.), GABRIELLI A. P., VARI E., GALIANO (F. S.), VOTTA (F. S.), TUMMOLO, VITTORI, SCARLATTI, MARCONCINI 6 - Nucleo GLH - RIF. F. S. 3 DOCENTI DI SOSTEGNO 7 - Nucleo Sito d istituto - Attività multimediale - Informatizzazione - RIF. FF. SS. 2-3 Proff. GALIANO, COLAIACOMO, MIELE (F. S.), PUGLISI, MARCONCINI (F. S.), CIPOLLINI, ALESSANDRONI 14

15 COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO Prof. Marco MARTA Prof. Salvatore PANETTA Prof. Enzo COLAIORI COORDINATORI GLH Prof.ssa Antonella FULCO Prof.ssa Sandra LATINI COORDINATORI ASSISTENZA SPECIALISTICA DISABILI Prof.ssa Isabella MIELE Prof. Salvatore PLATIA Prof.ssa Elisabetta VOTTA UFFICIO TECNICO Prof. Antonio FILIPPI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) Prof. Gianfranco SINISCALCHI RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Prof. Salvatore PANETTA 15

16 RESPONSABILI VIGILANZA DIVIETO FUMO Prof. Francesco CIPOLLINI Prof. Gianfranco SINISCALCHI Prof. Roberto COLELLA Prof. Salvatore PANETTA Prof. Salvatore PLATIA Prof. Egidio VELOTTI 16

17 Organizzazione dell orario delle lezioni L orario settimanale delle lezioni è scandito coerentemente con la programmazione modulare di ciascuna disciplina. Il monte ore annuale di ciascuna disciplina è calcolato sulla base di 33 settimane. Il quadro orario segue il criterio della propedeuticità. Gli insegnamenti curriculari sono impartiti in cinque giorni alla settimana. Durata delle ore di lezione sede di Colleferro: LUN MER - VEN MAR - GIO SABATO PRIMA ORA PRIMA ORA SECONDA ORA SECONDA ORA TERZA ORA TERZA ORA INTERVALLO QUARTA ORA QUARTA ORA INTERVALLO QUINTA ORA QUINTA ORA SESTA ORA SESTA ORA SETTIMA ORA L I B E R O Durata delle ore di lezione sede di Segni: LUN MER - VEN MAR - GIO SABATO PRIMA ORA PRIMA ORA SECONDA ORA SECONDA ORA INTERVALLO TERZA ORA TERZA ORA INTERVALLO QUARTA ORA QUARTA ORA INTERVALLO QUINTA ORA QUINTA ORA INTERVALLO SESTA ORA SESTA ORA SETTIMA ORA L I B E R O Durata delle ore di lezione sede di Valmontone: MAR MER - GIO LUN - VEN SABATO PRIMA ORA PRIMA ORA SECONDA ORA SECONDA ORA TERZA ORA TERZA ORA INTERVALLO QUARTA ORA QUARTA ORA INTERVALLO QUINTA ORA QUINTA ORA SESTA ORA SESTA ORA SETTIMA ORA L I B E R O 17

18 Durata delle ore di lezione del corso Serale della sede di Segni: LUN - VEN SABATO PRIMA ORA SECONDA ORA TERZA ORA QUARTA ORA QUINTA ORA L I B E R O Modalità di accesso ai servizi DI PERSONA: presso gli uffici siti in SEGNI, VIA SCROCCAROCCO 20 tel (orario di ricevimento DAL LUNEDI AL VENERDI ORE ); VIA FAX al numero ; VIA Telefono e fax sezioni associate: Tel (COLLEFERRO), (VALMONTONE) Fax (COLLEFERRO), (VALMONTONE) Il dirigente scolastico riceve esclusivamente previo appuntamento telefonico (n ). Sono previsti sportelli settimanali di segreteria presso le sedi di Colleferro e Valmontone. I rapporti scuola-famiglia Ricevimenti dei familiari - I docenti ricevono individualmente i familiari degli alunni settimanalmente in orario antimeridiano. i familiari vengono inoltre ricevuti in orario pomeridiano nei mesi di dicembre ed aprile: tale supporto occorre che sia assiduo e continuo perché solo la collaborazione tra la scuola e la famiglia può assicurare il successo dell intervento educativo e garantire la completa formazione del giovane. Questo rapporto si esplica in due momenti: 1) contratto formativo 2) continuo contatto al fine di giungere ad una migliore conoscenza di ciascun alunno. Modalità - Negli incontri, della durata di tre ore circa, i docenti dei singoli Consigli ricevono i familiari per informarli sull andamento didattico disciplinare dei loro figli, nonché dei programmi, delle verifiche e dei criteri di valutazione adottati; per rilevare possibili difficoltà incontrate (motivazionali, cognitive, ecc.) e stabilire, tramite un produttivo confronto, strategie d intervento. Strumenti - Incontri scuola-famiglia; ricevimenti dei docenti; comunicazioni telefoniche. 18

19 I corsi Sede di Colleferro CAPITOLO 2: L OFFERTA FORMATIVA Sono attivi, solo per questo anno scolastico, i seguenti corsi post-qualifica biennali: Tecnico chimico-biologico (valido anche per il conseguimento della qualifica regionale di secondo livello Tecnico di laboratorio chimico di ricerca). Tecnico delle industrie elettriche (valido anche per il conseguimento della qualifica di secondo livello Tecnico Montatore Manutentore Elettrico Elettronico ). Tecnico delle industrie meccaniche (valido anche per il conseguimento della qualifica di secondo livello Tecnico metodista di macchine utensili a controllo numerico ). Tecnico dei sistemi energetici (valido anche per il conseguimento della qualifica regionale di Tecnico Installatore e Manutentore di impianti termici in collaborazione) I corsi attualmente esistenti sono finalizzati alla formazione di tecnici delle industrie del: settore chimico-biologico (TCB) settore elettrico (TIE) settore meccanico (TIM) settore termico (TSE) I suddetti Corsi hanno la seguente denominazione, a seconda delle nuove figure professionali: 1) Produzioni Industriali e Artigianali (Articolazione Industria) 2) Manutenzione e Assistenza Tecnica (Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili ; Opzione Manutenzione mezzi di trasporto ) Essi sono articolati in 1 biennio (obbligo), 2 biennio, classe 5 con Esame di Stato. Le classi 5 nel corrente anno scolastico seguono il vecchio ordinamento. Inoltre sono previsti, in accordo con la Regione Lazio, percorsi di integrazione che portano, al termine del terzo anno, al conseguimento di qualifiche regionali: Operatore delle produzioni chimiche; Operatore elettrico; Operatore meccanico; Operatore alla riparazione dei veicoli a motore; Operatore di impianti termoidraulici. Vengono inoltre attivati progetti di alternanza scuola-lavoro, con stage professionalizzanti presso aziende del territorio. Sede di Segni Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio Corso serale per Ragionieri SIRIO Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing L indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio forma professionisti nel settore della progettazione e della conduzione dei lavori. Dopo 5 anni si otterrà il Diploma in Costruzioni, Ambiente e Territorio con la 19

20 possibilità di accedere ai settori: edilizia, pubblica amministrazione, libera professione, enti e società provate; inoltre si potrà accedere a tutti gli studi universitari. Il Corso serale SIRIO prevede il riconoscimento delle competenze e/o esperienze maturate in ambito lavorativo, scolastico, con possibilità di riduzione delle discipline e degli anni di frequenza. Dopo i 5 anni si otterrà il diploma di ragioniere,che consentirà di accedere a tutti gli studi universitari e di rivolgersi ai settori: produttivo, commerciale, creditizio, assicurativo, pubblica amministrazione, libera professione. L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing forma esperti idonei alla gestione dei problemi economico-aziendali, fornendo abilità professionali connesse all organizzazione dell azienda ed alla sua gestione informatizzata. Dopo i 5 anni si otterrà il Diploma che consentirà di accedere a tutti gli studi universitari e di rivolgersi ai settori: produttivo, commerciale, creditizio, assicurativo, pubblica amministrazione, libera professione. Sede di Valmontone Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Indirizzo Turismo L indirizzo Turismo prepara figure professionali munite delle necessarie conoscenze tecniche, professionali e linguistiche per provvedere alla complessa organizzazione dei servizi turistici; prevede pertanto lo studio di tre lingue straniere, di geografia e di storia dell Arte.. i settori di attività riguardano: la produzione, commercializzazione e realizzazione dei servizi turistici, la promozione del turismo all interno di aziende private ed Enti pubblici. Con il diploma, che si otterrà dopo 5 anni, si potrà accedere a tutti gli studi universitari. L esame di Stato comprende tre prove scritte ed un colloquio. La prima prova scritta è intesa ad accertare la padronanza della lingua italiana o della lingua nella quale si svolge l insegnamento, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato; essa consiste nella produzione di uno scritto scelto dal candidato tra più proposte di varie tipologie tradizionali e non, individuate annualmente dal Ministero della Pubblica Istruzione La seconda prova scritta è intesa ad accertare le conoscenze specifiche del candidato ed ha per oggetto una delle materie caratterizzanti il corso di studio. Al candidato è data facoltà di scegliere tra più proposte. La terza prova, a carattere pluridisciplinare, è intesa ad accertare le capacità del candidato di utilizzare ed integrare conoscenze e competenze relative alle materie dell ultimo anno di corso, anche ai fini di una produzione scritta, grafica o pratica. La prova consiste nella trattazione sintetica di argomenti nella risposta a quesiti singoli o multipli, ovvero nella soluzione di problemi o di casi pratici e professionali, o nello sviluppo di progetti. La prova è strutturata in modo da consentire anche l accertamento della conoscenza delle lingue. Il colloquio tende ad accertare la padronanza della lingua, la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle nell argomentazione, e di discutere ed approfondire sotto vari profili i diversi argomenti. 20

21 QUADRO ORARIO INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI (COLLEFERRO) MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA DIRITTO ED ECONOMIA 2 2 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA) 2 2 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE O ATTIVITA ALTERNATIVE TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA SCIENZE INTEGRATE (FISICA) 2 2 SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) 2 2 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI TECNOLOGIE APPLICATE AI MATERIALI E AI PROCESSI PRODUTTIVI TECNICHE DI PRODUZIONE E ORGANIZZAZIONE TECNICHE DI GESTIONE- 3 5 CONDUZIONE DI MACCHINE E IMPIANTI ORE SETTIMANALI (MEDIA)

22 QUADRO ORARIO INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (COLLEFERRO) OPZIONE MANUTENZIONE MEZZI DI TRASPORTO MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA DIRITTO EDECONOMIA 2 2 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA) 2 2 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE O ATTIVITA ALTERNATIVE TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 3 3 SCIENZE INTEGRATE (FISICA) 2 2 SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) 2 2 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE 2 2 LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI TECNOLOGIE MECCANICHE E APPLICAZIONI TECNOLOGIE ELETTRICHE- ELETTRONICHE E APPLICAZIONI TECNOLOGIE E TECNICHE DI DIAGNOSTICA E MANUTENZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO ORE SETTIMANALI (MEDIA)

23 QUADRO ORARIO INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (COLLEFERRO) OPZIONE APPARATI, IMPIANTI E SERVIZI TECNICI INDUSTRIALI E CIVILI MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA DIRITTO EDECONOMIA 2 2 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA) 2 2 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE O ATTIVITA ALTERNATIVE TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA SCIENZE INTEGRATE (FISICA) 2 2 SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) 2 2 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI TECNOLOGIE MECCANICHE E APPLICAZIONI TECNOLOGIE ELETTRICO- ELETTRONICHE, DELL AUTOMAZIONE E APPLICAZIONI TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E DI MANUTENZIONE DI APPARATI E IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI ORE SETTIMANALI (MEDIA)

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli