DOCUMENTO DELLA CLASSE 5^ A TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DELLA CLASSE 5^ A TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI"

Transcript

1 ANNO SCOLASTICO Vista la legge 425/97, visto il regolamento art.5, il Consiglio di Classe redige il seguente DOCUMENTO DELLA CLASSE 5^ A indirizzo TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI

2 sommario - Profilo professionale pag. 2 - E dopo il diploma? pag. 3 - Quadro Orario pag. 4 - Dati Relativi al Consiglio di Classe pag. 5 - Profilo della Classe pag. 6 - Elenco Alunni pag. 8 - Dati relativi alla Classe 4 A Tecnico dei Servizi Commerciali pag. 9 - Credito Scolastico pag Interventi di Recupero Relativi alla Classe 5 A pag Attività Integrative Curriculari ed Extra-Curriculari pag Alternanza Scuola-Lavoro pag Obiettivi trasversali pag Obiettivi generali dell indirizzo Tecnico dei Servizi Commerciali pag Valutazione degli apprendimenti pag Numero di verifiche sommative effettuate, nell intero Anno Scolastico, utilizzando le diverse tipologie di prove sottoelencate pag Progettazione della Terza Prova pag Progettazione della Seconda Prova pag

3 PROFILO PROFESSIONALE Il corso di Tecnico dei Servizi Commerciali ha come principale obiettivo quello di plasmare figure professionali competenti nell assunzione di mansioni specifiche per supportare operativamente le aziende del settore pubblico e privato (procedure contabili e amministrative, tenuta delle scritture, gestione dell organizzazione e del marketing, promozione delle vendite). Il corso, orientandosi nell ambito socio-economico territoriale e nella rete di interconnessioni che collegano fenomeni e soggetti della Regione in un contesto nazionale, sviluppa competenze professionali nell area dell amministrazione delle imprese, del marketing, della comunicazione e dell economia sociale, in organizzazioni anche di piccole dimensioni. Il corso, sotto il profilo professionale, forma all acquisizione di competenze specifiche: Contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi ad essa connessi; Contribuire alla realizzazione della gestione dell area amministrativo-contabile e di attività nell area marketing; Collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale; Utilizzare strumenti informatici e programmi applicativi di settore; Utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale; Comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia specifica; Collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 2.

4 E DOPO IL DIPLOMA? Il tecnico dei Servizi Commerciali ha la possibilità di scegliere tra diversi sbocchi o professionali o di studio: Inserimento lavorativo in: o Aziende private con mansioni contabili (industriale, analitica, generale) e commerciali (marketing e promozione delle vendite); o Uffici Pubblici (Segretaria per archiviazione o gestione dati); o Studi professionali (avvocati, commercialisti, notai ) con mansioni amministrativo-contabili; o Imprese della comunicazione commerciali e marketing. Frequentare tutte le Specializzazioni post-diploma in particolare con indirizzo: economico, giuridico, informatico. Frequentare tutte le Facoltà ma, in particolare, ad indirizzo: economico, giuridico, informatico. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 3.

5 QUADRO ORARIO MATERIA CLASSE IV CLASSE V Italiano 4 4 Storia 2 2 AREA COMUNE Prima lingua straniera: Inglese 3 3 Matematica 3 3 Ed. Fisica 2 2 Religione (per coloro che se ne avvalgono) 1 1 Diritto ed Economia 4 4 AREA INDIRIZZO Seconda lingua straniera: Francese Tecniche Professionali per i Servizi Commerciali 3 3 8(2)* 8(2)* Tecniche di comunicazione 2 2 Totale ore curriculari (*)Le ore tra parentesi sono svolte in compresenza con l insegnante di Trattamento Testi *L area professionalizzante ha ricompreso le seguenti attività: - Anno scolastico 20012/2013 e 2013/14 alternanza scuola lavoro vedi pag.13 e 14 Si fa presente che l area professionalizzante ha compreso attività per un totale di 264 ore. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 4.

6 DATI RELATIVI AL CONSIGLIO DI CLASSE Materia Docente Continuità didattica nel biennio post-qualifica Religione TORTI Luisa Si Italiano AGATI Valeria Si Storia AGATI Valeria Si Inglese PASSERA Donatella Si Matematica D ANNA Agata Si Tecnica delle Comunicazioni MONTESSORI Francesca No Diritto PIERUCCI Patrizia Si Economia aziendale LECCHI Mario Si Francese NEGRI Elena Sì Trattamento testi FOLLI Elena Si Educazione fisica ZORIACO Ernesto Si La non continuità didattica in Tecnica delle Comunicazioni è conseguenza delle varie richieste di trasferimento. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 5.

7 PROFILO DELLA CLASSE Nell A.S. 2012/13 la 3^ A (oggi 5 A) è stata individuata come classe sperimentale nel progetto Generazione Web relativo all utilizzo del tablet in sostituzione del classico libro di testo in cartaceo. Tale scelta si è dimostrata poi non felice per i seguenti motivi: a) La scelta tra l indirizzo Servizi Commerciali e l opzione Turistica avviene alla fine del secondo anno in modo che la classe, al terzo anno, risulta da una fusione delle seconde dell anno precedente. All inizio dell A.S. 2012/13 la 3^ A è partita con 26 alunni di cui 9 ripetenti e la rimanenza giungeva, in parti uguali, dalle ex classi 2^ AN e 2^ BN. b) Non tutti i docenti sono stato il risultato della continuità didattica poiché solo alcuni insegnanti del corso A sono stati mantenuti; si consideri poi che alcune materie, storicamente, vedono un avvicendamento del docente proprio all inizio del terzo anno. A seguito di queste considerazioni possiamo dire che la scelta della classe a Generazione Web è stata del tutto casuale ed i docenti non erano, in quel momento, in grado di verificare l idoneità della classe all esperimento. Inoltre la classe, oltre ad essere disomogenea per i problemi sopra elencati, ha presentato gravi e pesanti problemi didattici e disciplinari: 1) Durante l anno sono state comminate 38 note disciplinari distribuite su 12 alunni; 2) 8 alunni hanno ricevuto almeno un provvedimento disciplinare sfociato con un minimo di una sospensione per un giorno. In questa situazione di oggettivo disagio, l uso dei tablet ha rappresentato un ulteriore motivo di criticità: a) Molti tablet hanno presentato problemi funzionali: alcuni hanno subito la rottura dei cristalli liquidi, altri subito guasti nel carica-batteria non riparabili e che ne hanno presto impedito l uso; b) Spesso si assisteva alla disconnessione in rete, che ha creato interruzioni didattiche frequenti con conseguente ritardo nello svolgimento del programma a scuola e problemi per lo studio domestico. Alla fine dell A.S. 2012/13 lo scrutinio ha registrato il ritiro anticipato di 3 alunni (tra cui un ripetente) e la non ammissione all anno successivo di 10 alunni (tra cui 5 ripetenti). Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 6.

8 In conclusione, dei 26 partenti solo 13 sono stati ammessi al IV anno. Nell A.S. 2013/14, la classe 4^ ha avuto sicuramente meno problemi di ordine disciplinare e didattico ma si è presentato ancora il problema dell utilizzo del tablet. Infatti ai 13 superstiti si sono aggiunti 5 ripetenti della classe 4^ dell anno precedente, cioè un terzo della classe, e questi non avevano il tablet. Considerando poi che Generazione Web è partito nel medesimo momento della riforma Gelmini con conseguente variazione di indirizzo, programmi e materie, proprio a cavallo del 3 e 4 anno. I ripetenti si sono trovati in enormi difficoltà proprio per non essere dotati di tablet e dover affrontare esami di idoneità per le nuove materie introdotte nella riforma. Il Consiglio di Classe della 4^ A ha dovuto quindi, per gioco forza, adottare testi cartacei e dover abbandonare il tablet proprio perché un terzo della classe ne era sprovvisto, mentre molti di quelli che l avevano in dotazione erano impossibilitati nell utilizzo dal malfunzionamento di molti di essi. Nello scrutinio della classe 4^ AA non sono stati ammessi all anno successivo tre alunni, tra cui un ripetente. Nel quinto e ultimo anno, dovendo sostenere l Esame di Stato, i docenti hanno deciso di rinunciare definitivamente all adozione del tablet, onde evitare la duplice modalità tra chi fosse o non dotato del supporto informatico; gli alunni stessi si sono rifiutati di sottostare alla duplice modalità e, vista l elevata percentuale di chi non era dotato di tablet, tutti hanno deciso unanimemente di comprare i libri cartacei. All inizio del corrente anno scolastico la classe, inizialmente costituita da 15 alunni, ha visto il ritiro di un allieva all inizio del II quadrimestre. I restanti 14 candidati provengono tutti dalla classe 4 A Tecnico dei Servizi Commerciali. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 7.

9 Nel complesso il Consiglio di Classe ha ravvisato che la quasi totalità della classe non studia adeguatamente mostrando un disinteresse e un apatia generalizzata e non ascoltando suggerimenti e consigli per migliorare il proprio metodo di studio. sottolineando il comportamento non idoneo ad una classe quinta per mancanza di responsabilità, di autocritica e di disponibilità al dialogo con gli insegnanti. Tale atteggiamento è ulteriormente peggiorato all inizio del secondo quadrimestre. ELENCO ALUNNI NUM COGNOME NOME 1 BORJI Fatima Ezzahrae 2 DELU Alex 3 FLORIS Giada 4 GANDINI Andrea 5 GRANDE Andrea 6 MASIA Giulia 7 MUSANTI Eleonora 8 NEGRI Michela 9 PELLEGRINI Andrea 10 PIRAS Giusy 11 PREVIATO Martina 12 ROSSI Valentina 13 SAVELLA Vittorio Ivan 14 VRANCIANU Andrada Maria A questo elenco dovranno aggiungersi i candidati della Associazione Formazione Professionale PATRONATO SAN VINCENZO sede di Endine Gaiano (BG) i cui scrutini avverranno in data successiva alla redazione del presente documento e non si è, al momento, in grado di indicarne il numero esatto. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 8.

10 DATI RELATIVI ALLA CLASSE 4^A Tecnico dei Servizi Commerciali La classe 4A aziendale era costituita da 18 alunni. Al termine dell anno scolastico, allo scrutinio di giugno è risultata la seguente: SITUAZIONE NUM-ALUNNI Ammessi con sospensione di giudizio 8 Promossi senza sospensione di giudizio 8 Non promossi 2 Risultati dello scrutinio della classe 4^AA allo scrutinio di settembre 2014 Materia N studenti non promossi N studenti promossi con 6 N studenti promossi con 7 N studenti promossi con 8 N studenti promossi con 9-10 Italiano Storia Inglese Francese Matematica Tec.Serv.Comm Diritto Tecn. Comunic Ed.Fisica Durante il corso della classe quarta gli alunni hanno aderito al PROGETTO ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO finalizzato all orientamento post diploma in campo universitario proposto dal COR dell università di Pavia Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 9.

11 CREDITO SCOLASTICO COGNOME NOME CLASSE TERZA CLASSE QUARTA BORJI Fatima Ezzahrae 3 4 DELU Alex 4 4 FLORIS Giada 5 5 GANDINI Andrea 4 5 GRANDE Andrea 5 5 MASIA Giulia 4 4 MUSANTI Eleonora 4 5 NEGRI Michela 5 5 PELLEGRINI Andrea 5 5 PIRAS Giusy 4 4 PREVIATO Martina 4 4 ROSSI Valentina 5 6 SAVELLA Vittorio Ivan 5 5 VRANCIANU Andrada Maria 5 5 Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 10.

12 INTERVENTI DI RECUPERO RELATIVI ALLA CLASSE 5A Interventi di recupero effettuati nella classe 5^A az L attività didattica della prima fase dell anno scolastico è stata dedicata alla verifica del lavoro estivo assegnato, ripassando, con l intera classe, i contenuti essenziali del programma dell anno precedente al fine di preparare una solida base per lo svolgimento delle nuove tematiche. Durante l anno scolastico, i docenti hanno approntato la seguente attività: Pausa didattica, durante le ore curriculari di lezione, per recuperare tematiche dei programmi delle varie materie non ben assimilate Per quanto riguarda, invece, le carenze disciplinari accumulate nel primo quadrimestre del corrente anno scolastico, i docenti in ottemperanza al D.M.80/07 e alla O.M.92/07- hanno effettuato i seguenti interventi di sostegno e/o di recupero: stop didattico di una settimana dopo lo scrutinio intermedio con revisione del programma svolto; studio autonomo guidato; esercizi domestici aggiuntivi esercizi scolastici aggiuntivi colloquio individualizzato con il docente Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 11.

13 ATTIVITA INTEGRATIVE CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI Nel precedente anno scolastico si sono svolte le seguenti attività: ATTIVITA RELATORE TITOLO ARGOMENTO Una giornata di vita universitaria nella facoltà prescelta Orientamento INFO-DAY Nel corso della giornata lo COR: università di studente ha potuto assistere a universitario Pavia lezioni universitarie, visitare alcuni laboratori e strutture universitarie e incontrare i docenti per chiarire dubbi e soddisfare curiosità. Film Agati Valeria Film e Teatro Nel presente anno scolastico si sono svolte le seguenti attività: ATTIVITA RELATORE TITOLO ARGOMENTO Gita Visita didattica a Salisburgo e Vienna nel periodo gennaio 2015 Visita Ducati EXPO Filmati storici Attività di prevenzione Prof.ssa Agati Valeria Consultorio Psicologico Visita aziendale alla Ducati Moto di Borgo Panigale (BO) il 31 marzo 2015 Visita all Expo il 22 maggio 2015 Approfondimenti storici e culturali mediante la L.I.M. Prevenzione della gravidanza e malattie sessualmente trasmissibili Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 12.

14 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Il percorso formativo comprende, sia per la classe terza, sia per la classe quarta, 120 ore di alternanza scuola-lavoro onde consentire l inserimento dell allievo presso aziende del settore economico, uffici privati (commercialisti-professionisti in generale) e di enti pubblici (Uffici Comunali e Associazioni di categoria). L obiettivo dell alternanza è quello di costituire in qualche modo l anima del corso professionale garantendo concretamente il rapporto tra la scuola e il lavoro, fornendo le competenze professionali indispensabili per l inserimento in una realtà aziendale; oltre a verificare l efficacia della preparazione scolastica rispetto alle richieste delle imprese/enti/uffici ed, eventualmente, favorire l orientamento dell alunno nel periodo post-diploma (prosecuzione studi, inserimento nella realtà produttiva). Essa permette di: Potenziare le competenze utili per l'accesso al mondo del lavoro; Sviluppare percorsi per realizzare l'integrazione della formazione di base del corso di studi con le competenze di ruolo necessarie per un inserimento mirato nel mondo del lavoro. Tali percorsi vengono progettati, attuati e valutati in base a convenzioni sottoscritte da Istituto e Aziende/Enti e, per gli alunni della classe 5 A Tecnico dei Servizi Commerciali, sono stati realizzati percorsi con funzioni amministrative. Per tutti i ragazzi i giudizi delle aziende/enti sono stati positivi e in alcuni casi anche ottimi. Tuttavia l individuazione di aziende/uffici cui indirizzare gli allievi non è un compito facile poiché spesso le aziende non si mostrano disponibili ad accogliere ragazzi; rimangono disponibili le Associazioni e qualche azienda solo perché il titolare conosce personalmente la famiglia dell alunno o il docente responsabile dell alternanza. Ulteriore difficoltà è dovuta dal fatto che anche altri Istituti, per non avendo l alternanza Scuola- Lavoro nel percorso formativo obbligatorio, tendono ad eseguire tale modalità per puro prestigio, diminuendo così lo spazio disponibile, già esiguo, per i nostri alunni. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 13.

15 Si aggiunga inoltre l obbligo di effettuare stages da parte di studenti universitari per un minimo di 300 ore, che porta, ovviamente, le aziende a preferire questi candidati rispetto ai nostri alunni. In specifico, gli alunni della 5 A Tecnico dei Servizi Commerciali hanno partecipato al Progetto Alternanza Scuola-Lavoro proposto dal nostro Istituto secondo le seguenti modalità: - Due settimane all inizio del II quadrimestre e quattro settimane estive nel terzo anno (A.S. 2012/13); - Quattro settimane durante il periodo estivo nel quarto anno (A.S. 2013/14). In elenco vengono sintetizzate le esperienze effettuate da ogni candidato: COGNOME NOME DITTA/PERIODO BORJI DELU FLORIS GANDINI GRANDE MASIA MUSANTI NEGRI Fatima Ezzahrae Alex Giada Andrea Andrea Giulia Eleonora Michela Comune di Pavia dal 17/01 al 28/01 (2012) Comune di Garlasco dal 10/06 al 15/07 (2013) Lupo Pesca di Cava Manara dal 14/01 al 25/01 (2013) Lupo Pesca di Cava Manara dal 10/06 al 28/06 (2013) Lupo Pesca di Cava Manara dal 01/07 al 23/07 (2014) Comune di Casorate Primo dal 30/01 al 11/02 (2012) Comune di Casorate Primo dal 10/06 al 05/07 (2013) Comune di Pavia dal 16/01 al 26/01 (2013) Assoc. Canottieri di Pavia dal 10/06 al 28/06 (2013) Confartigianato di Pavia dal 09/06 al 11/07 (2014) Comune di Giussago dal 17/01 al 28/01 (2012) Parrocchia S.Maria Assunta di Lacchiarella dal 09/06 al 04/07 (2014) Comune di Pieve Em. Dal 14/01 al 25/01 (2013) La Piccola Casa del Rifugio di Milano dal 09/07 al 31/07 (2013 Ditta Sannola (CAF) di Pieve Emanuele dal 09/06 al 21/07 (2014) Comune di Casorate Primo dal 28/01 al 09/02 (2013) Comune di Casorate Primo dal 10/06 al 28/06 (2013) Ditta Albano SRL di Pieve Emanuele dal 09/06 al 11/07 (2014) Comune di Copiano dal 28/01 al 08/02 (2013) Officina Vittoria SRL di Copiano dal 10/06 al 28/06 (2013) Studio Top 3 SNC di Marzano dal 09/06 al 04/07 (2014) Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 14.

16 PELLEGRINI PIRAS PREVIATO ROSSI SAVELLA VRANCIANU Andrea Giusy Martina Valentina Vittorio Ivan Andrada Maria Comune di Vidigulfo dal 14/01 al 26/01 (2013) Comune di Vidigulfo dal 23/02 al 08/06 (2013) Comune di Vidigulfo dal 01/02 al 03/07 (2014) Comune di Valeggio dal 10/06 al 28/07 (2013) Studio Dr. Farina di Garlasco dal 09/06 al 25/06 (2014) Comune di Zibido S. Giacomo dal 28/01 al 08/02 (2013) Comune di Zibido S. Giacomo dal 09/06 al 25/07 (2013) Comune di Zibido S. Giacomo dal 09/06 al 25/07 (2014) Biblioteca Biblions San Matteo Pavia dal 03&06 al 27/06 (2013) Agenzia Pubblicitaria Comunicando di Pavia dal 09/06 al 26/06 (2014) F.lli Maggi SAS Concess. Yamaha dal 28/01 al 08/02 (2013) F.lli Maggi SAS Concess. Yamaha dal 09/06 al 26/06 (2013) Agenzia Pubblicitaria Comunicando di Pavia dal 07/07 al 31/07 (2014) CPED di Roberto Grugni dal 16/01 al 28/01 (2012) CPED di Roberto Grugni dal 10/07 al 05/07 Provincia di Pavia dal 10/06 al 03/07 (2013) Per gli alunni Borji, Floris, Grande e Vrancianu, provenienti dal vecchio ordinamento, erano previsti stages e non alternanza scuola lavoro, con monte orario differente. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 15.

17 OBIETTIVI TRASVERSALI All'interno del Consiglio di Classe, sono stati concordati alcuni obiettivi sulla base dei bisogni della classe e delle sue particolari caratteristiche : Potenziamento del senso di responsabilità personale, dell autonomia e della socializzazione Sviluppo delle capacità logiche e critiche Acquisizione di una mentalità professionale ed imprenditoriale Tutte le discipline hanno lavorato al fine di raggiungerli. OBIETTIVI GENERALI DELL INDIRIZZO TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI Alla fine dell anno scolastico gli alunni devono essere in grado di: Saper costruire con competenza un argomento traendo le informazioni da fonti diverse dal testo (libri specifici di materia, riviste specializzate ) Saper confrontare tematiche settoriali viste da angolazioni diverse Saper interpretare e rielaborare le informazioni collegandole, con chiarezza e precisione, in un discorso generale interdisciplinare Saper utilizzare terminologie appropriate e specifiche nelle singole discipline Saper raggiungere una certa padronanza nei calcoli Saper utilizzare gli strumenti hardware e software in modo ottimizzato Saper sviluppare la comunicazione scritta in forma grammaticalmente ed ortograficamente corretta Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 16.

18 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Al fine di rendere più omogenea la valutazione delle prestazioni degli studenti nelle varie discipline, pur tenendo conto della specificità e delle diversità contenutistiche e metodologiche fra esse esistenti, il Collegio Docenti stabilisce di utilizzare: - le griglie di valutazione, allegate al programma di ogni singolo docente, per coloro che le hanno utilizzate, che sono state stabilite durante la riunione di dipartimento delle singole discipline effettuate all inizio dell anno. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 17.

19 NUMERO DI VERIFICHE SOMMATIVE EFFETTUATE, NELL INTERO ANNO SCOLASTICO, UTILIZZANDO LE DIVERSE TIPOLOGIE DI PROVE SOTTOELENCATE: Materia Interrogazio ne (numero medio per ogni alunno) Analisi di testo; Saggio breve; Articolo giornalistico; Relazione; Tema. Italiano 2/3 6 Prova semistrutturata Prova strutturata Quesiti a risposta singola Problema Casi Esercizio Storia 4 Inglese 4/5 2 4 Francese 2/3 3 Matematica 2/3 3 5 Tecn. Serv. Commerciali Diritto ed Economia Tecn. Comunicaz. Educaz. Fisica Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 18.

20 PROGETTAZIONE DELLA TERZA PROVA La terza prova coinvolge tutte le discipline che sono in grado di determinare e sviluppare un argomento comune. Il Consiglio di Classe, tenuto conto del curricolo di studi e degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella propria programmazione didattica, sintetizzati nel paragrafo relativo agli obiettivi trasversali riportato a pagina 12 del presente documento, ha individuato, come particolarmente significativi, i legami concettuali esistenti fra le discipline inserite nella simulazione delle terze prove e segnalate dalla tabella sottostante. SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA AGLI ESEMPI DI TERZA PROVA SVOLTI DURANTE L ANNO SCOLASTICO Coerentemente con quanto sopra indicato, sono stati svolti, all interno della classe, esempi di terza prova con le seguenti modalità: Documento della Classe 5 aziendale 2014/ Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

21 Data Materie Valutazione Tipologia Durata 19/02/ /03/ //04/2015 Diritto Francese Tecn. Comunicaz. Matematica Diritto Inglese Tecn. Comunic. Matematica Diritto Inglese Tecn. Comunic. Matematica Ogni disciplina assegna un punteggio, in quindicesimi, compreso fra 115. Il voto finale della prova viene calcolato dalla media aritmetica dei risultati delle singole discipline B B B (quesiti a risposta singola) (quesiti a risposta singola) (quesiti a risposta singola) 2,5 ore 2,5 ore 2,5 ore Documento della Classe 5 aziendale 2014/ Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

22 PROGETTAZIONE DELLA SECONDA PROVA Le simulazioni di seconda prova, dalla durata di sei ore, sono state somministrate alla classe nella seconda metà del mese di maggio. Tale scelta è motivata dal docente in modo da permettere alla classe la conoscenza completa di tutti gli argomenti previsti nel programma di quinta, potendo così non porre limiti sugli argomenti da proporre. Non potendo prevedere la composizione della nuova prova, il docente ha somministrato le simulazioni basandosi, per la prima esercitazione, su parti di testo proposti con la vecchia metodologia e, per le rimanenti, estrapolandole sui vari esempi che è stato possibile individuare nel circuito internet. Al presente documento verrà allegato solo il testo della prima simulazione. Poiché le restanti prove verranno effettuate dopo l affissione dello stesso, le tracce saranno consegnate alla Commissione durante la Riunione Preliminare, onde evitare che la classe sia a conoscenza del testo delle prove prima della loro esecuzione. Si allegano i seguenti documenti: - Programmi di ogni singola disciplina corredati dalla rispettiva griglia di valutazione - Testo delle simulazioni delle 3 e prove effettuate - Testo delle simulazioni delle 2 e prove effettuate Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 21.

23 IL CONSIGLIO DI CLASSE: AGATI VALERIA D ANNA AGATA FOLLI ELENA LECCHI MARIO MONTESSORI FRANCESCA NEGRI ELENA PASSERA DONATELLA PIERUCCI PATRIZIA TORTI LUISA ZORIACO ERNESTO FOLLI ELENA Pavia lì, 16/05/2015 Il Dirigente Scolastico ALBA TAGLIANI. Documento della Classe 5 aziendale 2014/15 22.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli