I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte"

Transcript

1 I rischi di mercato Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele Lanotte Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

2 Le novità della disciplina sui rischi di mercato 1) interventi volti a modernizzare il vecchio framework regolamentare definizione di trading book (requisiti organizzativi) disciplina specifica per il rischio di posizione e cambio degli OICR derivati di credito di negoziazione e di copertura del rischio specifico rischio di regolamento: operazioni DVP/FREE DELIVERIES rischio di default per i modelli interni 2) modifiche che riflettono le novità in materia di rischio di credito/controparte fattori di ponderazione rischio specifico nuove metodologie di calcolo dell esposizione al rischio di controparte 3) allineamento alla CRD versus Basilea rischio di specifico su titoli di capitale rischio di cambio: modifica del calcolo del requisito patrimoniale (ORO) rischio su merci: metodo basato sulle fasce di scadenza ampliato 4) modifiche regolamentari nazionali strumenti legati a fattori di rischio non codificati nella normativa strumenti complessi: scomposizione versus approccio sensitività 2

3 DEFINIZIONE DI TRADING BOOK Circolare n. 263 REQUISITI ORGANIZZATIVI La banca deve disporre di strategie, politiche e procedure per gestire la posizione o il portafoglio che rispettino determinati requisiti stabiliti dalla normativa (cfr. allegato A, Parte A, Titolo II, Capitolo 4, della Circolare n. 263/2006) La banca istituisce e mantiene sistemi e controlli per la gestione del portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza conformemente a specifici criteri (cfr. allegato A, Parte B, Titolo II, Capitolo 4, della Circolare n. 263/2006) 3

4 DEFINIZIONE DI TRADING BOOK Circolare n. 155 AMBITO DI APPLICAZIONE Rientrano nel portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza i titoli di debito, i titoli di capitale, O.I.C.R., le operazioni attive e passive di riporto e di PCT sugli anzidetti strumenti finanziari o su merci classificati in bilancio nel portafoglio Attività finanziarie detenute per la negoziazione ( [1] ) ( [2] ) o Passività finanziarie di negoziazione ( [3] ) Sono esclusi i finanziamenti ad eccezione di quelli derivanti da pct attivi Solo incluse le attività incluse nel HFS provenienti da HFT Solo pct e riporti passivi 4

5 DEFINIZIONE DI TRADING BOOK Circolare n. 155 AMBITO DI APPLICAZIONE Ai fini della presente disciplina si considerano inoltre nel portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza : a) le posizioni verso cartolarizzazioni riguardanti proprie attività, se a fini prudenziali si è realizzato l effettivo trasferimento del rischio di credito sottostante alle attività cartolarizzate, classificate dalla banca come di negoziazione a fini gestionali interni b) le operazioni di riporto e di PCT passive rilevate in bilancio tra le passività a fronte di attività cedute non cancellate dal bilancio, se trattate a fini interni come operazioni di negoziazione c) le assunzioni e le concessioni di titoli o merci in prestito d) le operazioni fuori bilancio gestite con finalità di negoziazione; si considerano i contratti derivati negoziati singolarmente, nonché i contratti derivati incorporati in strumenti finanziari strutturati se trattati a fini interni come derivati di negoziazione e) gli impegni assunti nelle gestioni patrimoniali (individuali e collettive) alla restituzione del capitale investito e/o alla corresponsione di un rendimento minimo, in quanto assimilati ad opzioni put emesse di negoziazione con sottostanti gli strumenti finanziari delle gestioni 5

6 RISCHI DI MERCATO RISCHI DI MERCATO Le diverse metodologie di calcolo del rischio Le diverse metodologie di calcolo del rischio rischio di posizione (standard / modelli interni) rischio di regolamento (standard) rischio di controparte (standard / modelli interni di tipo EPE) rischio di cambio (standard / modelli interni) rischio di posizione su merci (standard / modelli interni) 6

7 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR La precedente disciplina.. La direttiva CAD prevedeva per le quote di OICR il calcolo del requisito patrimoniale all interno del coefficiente di solvibilità piuttosto che dei rischi di mercato According to Annex 1, paragraph.11 of the CAD (position risk): Positions in units of collective-investment undertakings will be subject to the capital requirements of the SRD [89/647/EEC] (now the codified directive 2000/12/EC) rather than to position-risk requirements under this Annex. 7

8 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR La precedente disciplina il requisito patrimoniale, inoltre, era funzione dell attività più rischiosa tra quelle che costituiscono gli investimenti del fondo (approccio worst case) nella maggior parte dei casi, l approccio summenzionato si traduceva nell applicazione di un fattore di ponderazione pari al 100% ai fini del calcolo si consideravano solo le posizioni lunghe! 8

9 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR La nuova disciplina per ciascuna quota di OICR ai fini del calcolo del requisito sono previste quattro metodologie alternative (tre metodi specifici ed uno residuale) che sono funzione delle caratteristiche del fondo e delle informazioni a disposizione della banca investitrice si considerano le posizioni lunghe e corte! 9

10 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Le linee guida della nuova disciplina l utilizzo dei metodi specifici per il calcolo del requisito patrimoniale è subordinato al rispetto di criteri di ammissibilità previsti dalla normativa non è ammessa la compensazione tra gli investimenti effettuati dal fondo e altre posizioni allocate nel portafoglio di trading (eccezione: metodo della scomposizione integrale) è ammessa la compensazione preventiva tra le posizioni lunghe e corte nelle medesime quote di OICR è previsto un cap per il requisito generico più quello specifico pari al 32% del valore corrente della quota le banche possono delegare a un soggetto terzo (SGR, banca depositaria o sub-depositaria) il calcolo del requisito per il rischio di posizione sottostante le quote di O.I.C.R., a condizione che sia garantita la correttezza della misurazione 10

11 IL TRATTAMENTO DELLE QUOTE DI OICR NEL PORTAFOGLIO DI NEGOZIAZIONE DI VIGILANZA Requisito patrimoniale versus trasparenza informativa Requisito patrimoniale residuale scomposizione parziale scomposizione semplificata scomposizione integrale Trasparenza informativa 11

12 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Metodologie di calcolo Metodi specifici scomposizione integrale (cd. full look through) scomposizione semplificata scomposizione parziale (cd. partial look through) residuale Necessità di rispettare determinati requisiti di ammissibilità 12

13 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR I requisiti di ammissibilità per i metodi specifici I tre metodi specifici possono essere adottati unicamente con riferimento a quote di O.I.C.R. emesse da società soggette a vigilanza in Paesi dell UE o del G-10 oppure costituite nei Paesi dell UE o del G-10, che rispettano i seguenti requisiti: a) il prospetto dell O.I.C.R. o documento equivalente deve contemplare: - le tipologie di attività in cui l O.I.C.R. è autorizzato ad investire - i limiti di investimento e le relative metodologie di calcolo, laddove applicati - il limite massimo di leva finanziaria, laddove ammessa - la procedura per limitare il rischio di controparte cui l O.I.C.R. si espone qualora esso possa negoziare derivati finanziari OTC, oppure operazioni PCT o di prestito titoli b) pubblicazione di un bilancio e di una relazione semestrale nei quali l operatività dell O.I.C.R. sia illustrata in maniera adeguata per poter effettuare una valutazione in merito alle attività e alle passività del fondo, nonché al risultato economico conseguito e all attività svolta dall O.I.C.R. nel periodo di riferimento c) le quote/azioni (nel caso di SICAV) devono poter essere rimborsate, su richiesta del possessore e su base giornaliera, in contanti attraverso lo smobilizzo delle attività dell O.I.C.R. d) deve essere prevista la segregazione del patrimonio dell O.I.C.R. rispetto alle attività del gestore e) la banca investitrici deve effettuare un adeguata valutazione della rischiosità di tali quote 13

14 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Scomposizione integrale (cd. full look through) 1. necessità di conoscere su base giornaliera gli investimenti effettivi dell OICR (es. ETF) 2. le posizione lunghe o corte nelle quote di O.I.C.R. sono considerate come posizioni lunghe o corte negli investimenti sottostanti agli O.I.C.R. stessi 3. il valore corrente della quota di O.I.C.R. va attribuito agli strumenti finanziari che compongono l O.I.C.R. in proporzione al peso che ciascuno di essi ha sul totale degli investimenti dell O.I.C.R. 4. ogni posizione su titoli di debito, titoli di capitale, quote di OICR o merci così determinata va assoggettata ai relativi requisiti patrimoniali (rischio generico, specifico, ecc.) 5. è ammessa la compensazione preventiva tra gli strumenti finanziari sottostanti le quote e le altre posizioni detenute nel portafoglio di trading, a condizione che la banca detenga un numero di quote sufficienti per consentire il rimborso ovvero l attribuzione degli strumenti finanziari sottostanti alle quote di O.I.C.R. oggetto di compensazione 14

15 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Scomposizione semplificata (1) tale metodo si applica alle quote riferite ad O.I.C.R. che replicano la composizione e la performance di indici esternamente determinati, oppure di insiemi (basket) prestabiliti di titoli di debito o titoli di capitale per l applicazione del metodo in esame deve esserci una correlazione minima dello 0.9 per cento tra la dinamica dei prezzi giornalieri delle quote di O.I.C.R. e quella dell indice esterno o del basket prestabilito di titoli di debito o titoli di capitale che l O.I.C.R. replica tale correlazione deve essere stata rispettata per un periodo minimo di sei mesi per correlazione si intende il coefficiente di correlazione tra i rendimenti giornalieri della quota di O.I.C.R. e i rendimenti giornalieri dell indice esterno o del basket prestabilito di titoli di capitale o di titoli di debito che l O.I.C.R. 15

16 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Scomposizione semplificata (2) in base al metodo della scomposizione semplificata la banca segnalante calcola i requisiti patrimoniali per il rischio generico e per il rischio specifico relativi alle posizioni in quote di O.I.C.R. facendo riferimento a posizioni sintetiche in titoli di debito o di capitale, a seconda della tipologia di attività sottostanti all indice esterno oppure al basket prestabilito oggetto di replica i requisiti patrimoniali per i rischi generico e specifico relativi alle posizioni sintetiche lunghe o corte così determinate vanno calcolati in base alle generali in materia di rischio generico e specifico dei titoli di debito e di capitale 16

17 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Scomposizione parziale (1) tale metodo si applica quando la banca non è a conoscenza su base giornaliera degli investimenti effettivi dell O.I.C.R., ma conosce la tipologia di attività sottostanti le posizioni lunghe o corte relative alle quote di O.I.C.R. sono determinate nel seguente modo: -si ipotizza che l O.I.C.R. investa in primo luogo e nella misura massima consentita dal regolamento, nelle tipologie di attività cui corrisponde il requisito patrimoniale più elevato per i rischi generico e specifico e continui ad investire nelle attività via via meno rischiose, fino a che non sia raggiunto il limite massimo complessivo per gli investimenti; -il valore corrente della quota di O.I.C.R. va attribuito agli strumenti finanziari in cui l O.I.C.R. può investire in proporzione al peso che ciascuno di essi ha, in base al regolamento dell O.I.C.R., sul totale degli investimenti che l O.I.C.R. può effettuare 17

18 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Scomposizione parziale (2) ). se il regolamento del fondo consente il ricorso all indebitamento ( effetto leverage ) occorre tenere conto dell esposizione indiretta massima che l O.I.C.R. può raggiungere facendo investimenti mediante indebitamento in questo caso il valore corrente della quota di OICR va incrementato in proporzione all aumento massimo che in base al regolamento dell O.I.C.R. gli investimenti sottostanti possono raggiungere ESEMPIO: Si ipotizzi che il regolamento dell O.I.C.R. X preveda investimenti per 100 che possono essere incrementati attraverso l indebitamento sino a 110. In tal caso, il valore corrente della quota di O.I.C.R. X va incrementato del 10 per cento ( /100) 18

19 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Scomposizione parziale (3) i requisiti patrimoniali per il rischio generico su titoli di capitale e per il rischio specifico su titoli di debito e titoli di capitale relativi alle posizioni lunghe e corte come sopra determinate vanno calcolati sulla base di regole analoghe a quelle previste per il metodo della scomposizione semplificata il requisito patrimoniale per il rischio generico su titoli di debito relativo alle posizioni lunghe e corte come sopra determinate si determina applicando una delle due metodologie previste per il rischio generico su titoli di debito la normativa italiana detta regole convenzionali per attribuire le quote nello scandenziere nel caso in cui il regolamento non fornisca informazioni sull orizzonte temporale degli investimenti 19

20 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR Metodo residuale 1. applicabile nei casi non riconducibili nelle precedenti metodologie 2. requisito patrimoniale: 32% del valore della quota 20

21 TRATTAMENTO DI QUOTE DI OICR REQUISITO MASSIMO (CAP) Il requisito massimo per i rischi generico e specifico computabile a fronte di singole quote di O.I.C.R. sulla base dei metodi della scomposizione semplificata e parziale non può essere superiore al 32 per cento del valore corrente delle medesime quote 21

22 Rischio di regolamento DEFINIZIONE Il rischio di regolamento si riferisce alle transazioni del portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza non ancora liquidate dopo lo scadere della data di consegna dei titoli di debito, dei titoli di capitale, delle merci oppure degli importi di denaro dovuti. A tale scopo si tiene conto anche delle operazioni fuori bilancio in valuta estera e su merci aventi finalità di negoziazione. Sono escluse le operazioni attive e passive di riporto e di pronti contro termine, nonché le operazioni di assunzione o concessione di titoli o merci in prestito. Sono altresì esclusi i contratti derivati senza scambio di capitale. 22

23 Rischio di regolamento AMBITO DI APPLICAZIONE Ai fini del calcolo del requisito patrimoniale si distingue tra: a) transazioni per le quali è previsto il regolamento del tipo consegna contro pagamento ( Delivery versus Payment ) o viceversa) b) transazioni per le quali il contante (titoli o merci) può (possono) essere liquidato (essere consegnati) prima di ricevere i titoli o le merci (il contante) (operazioni non DVP o a consegna libera; Free Deliveries ) 23

24 Rischio di regolamento DISFUNZIONI DI NATURA SISTEMICA Nel caso di disfunzioni di natura sistemica di sistemi di regolamento o compensazione, la Banca d Italia può sospendere l applicazione, in tutto o in parte, dei requisiti patrimoniali con riferimento alle operazioni non regolate, sino al momento i cui non sia ripristinato il regolare funzionamento dei sistemi stessi. Inoltre, del mancato regolamento delle transazioni in esame da parte delle controparti non si tiene conto ai fini della nozione di default prevista dal rischio di credito 24

25 Requisito patrimoniale per le transazioni DVP Il requisito patrimoniale richiesto è determinato applicando all esposizione creditizia risultante dalla differenza fra il valore convenuto alla scadenza e il valore corrente dei titoli o merci o valute i seguenti fattori di ponderazione differenziati per fasce temporali di inadempimento, indipendentemente dalla natura della controparte: - 8 per cento: dal 5º al 15º giorno lavorativo - 50 per cento: dal 16º al 30º giorno lavorativo - 75 per cento: dal 31º al 45º giorno lavorativo -100 per cento: oltre il 45º giorno lavorativo NESSUNA NOVITÀ RISPETTO ALLA PRECEDENTE NORMATIVA! 25

26 Requisito patrimoniale per le transazioni non DVP Il requisito patrimoniale per le transazioni non DVP (Free Deliveries) si applica: quando la banca ha pagato i titoli di debito, i titoli di capitale, le valute o le merci acquistati prima della loro consegna da parte della controparte, ovvero, ha ceduto i titoli di debito, i titoli di capitale, le valute o le merci vendute prima del loro pagamento da parte della controparte nelle transazioni transfrontaliere quando uno o più giorni sono trascorsi dal pagamento o dalla consegna di titoli di debito, titoli di capitale, valute o merci 26

27 Requisito patrimoniale per le transazioni non DVP CALCOLO DELL ESPOSIZIONE (1) BANCHE STANDARD ponderano l importo esposto al rischio di regolamento sulla base delle regole di ponderazione per il merito creditizio del debitore previste da detto metodo BANCHE IRB possono determinare il fattore di ponderazione delle esposizioni verso debitori per i quali non hanno esposizioni classificate nel portafoglio bancario, in base ai metodi alternativi di seguito indicati: -inserimento nelle previste funzioni regolamentari di: a) una PD ricavata sulla base del rating esterno assegnato da una ECAI riconosciuta; l assegnazione della PD va operata rispettando gli specifici criteri previsti in tali situazioni nell ambito della disciplina sui rating interni; b) una LGD pari al 45 per cento, in luogo di quella calcolata internamente qualora la banca adotti il metodo avanzato, a condizione che tale valore di LGD sia applicato a tutte le esposizioni free deliveries ; -utilizzo per tutte le esposizioni in esame dei fattori di ponderazione previsti dalla metodologia standardizzata relativa al rischio di credito; -utilizzo per tutte le esposizioni in esame di un fattore di ponderazione pari al 100 per cento. 27

28 Requisito patrimoniale per le transazioni non DVP CALCOLO DELL ESPOSIZIONE (2) Le banche indipendentemente dalla metodologia applicata per calcolare il rischio di credito (standardizzata, IRB base o avanzata) possono applicare un fattore di ponderazione pari al 100 per cento alle esposizioni di importo non significativo (ovviamente sempre se le posizioni non sono da dedurre) 28

29 DERIVATI SU CREDITI DI COPERTURA DEL RISCHIO SPECIFICO COMPENSAZIONE PREVENTIVA DEI DERIVATI DI CREDITO La normativa disciplina due fattispecie: 1) contratti derivati su crediti aventi le medesime condizioni contrattuali (durata, reference obligation, ecc.) 2) posizioni lunghe per cassa coperte da TROR (o viceversa) purchè vi sia: esatta corrispondenza tra reference obligation e underlying exposure non vi sia maturity mismatch 29

30 DERIVATI SU CREDITI DI COPERTURA DEL RISCHIO SPECIFICO Alcune considerazioni introduttive: è una modifica richiesta dall industria rappresenta una modalità di compensazione diversa dalla COMPENSAZIONE PREVENTIVA che riguarda il rischio generico e specifico si applica ai derivati di tipo single name e ai prodotti basket sono previste quattro tipologie di copertura in base al matching tra le caratteristiche del derivato di copertura e del titolo coperto 30

31 DERIVATI DI COPERTURA DEL RISCHIO SPECIFICO NEL PORTAFOGLIO DI NEGOZIAZIONE DI VIGILANZA Requisito patrimoniale versus matching dei contratti Requisito patrimoniale NESSUNA COPERTURA COPERTURA PARZIALE COPERTURA 80% COPERTURA TOTALE Matching dei contratti 31

32 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO DERIVATI CREDITIZI A COPERTURA DEL RISCHIO SPECIFICO DI POSIZIONI PER CASSA PRODOTTI SINGLE NAME: TIPOLOGIA COPERTURA Protezione integralmente Protezione riconosciuta parzialmente Protezione non riconosciuta riconosciuta Protezione con compensazione fino all 80 per cento REQUISITO PATRIMONIALE nessun requisito sia sulla posizione lunga sia sulla posizione corta si considera il requisito maggiore a fronte del rischio specifico tra le due gambe della transazione; tale ammontare è diminuito dell 80% si considera solo il requisito maggiore per rischio specifico tra le due gambe della transazione si sommano i requisiti patrimoniali di entrambe le gambe della transazione 32

33 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO Esempio di protezione riconosciuta integralmente la protezione è riconosciuta integralmente quando i valori della posizione lunga per cassa (cioè, l underlying exposure ) e della posizione corta di protezione (cioè, la reference obligation ) variano sempre in direzioni opposte e nella medesima misura tale situazione si verifica quando la posizione lunga per cassa è protetta per il tramite di un TROR (o viceversa) e vi è un esatta corrispondenza tra la reference obligation e l underlying exposure, ma è presente maturity mismatch se non ci fosse maturity mismatch saremmo nella compensazione preventiva 33

34 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO DERIVATI CREDITIZI A COPERTURA DEL RISCHIO SPECIFICO DI POSIZIONI PER CASSA PRODOTTI BASKET: TIPOLOGIA COPERTURA Protezione riconosciuta integralmente Protezione con compensazione fino all 80 per cento Protezione riconosciuta parzialmente Protezione non riconosciuta REQUISITO PATRIMONIALE si considera protetta la posizione rientrante nel basket cui corrisponde la minore esposizione ponderata a fronte del requisito per il rischio specifico si considera protetta la posizione rientrante nel basket cui corrisponde la minore esposizione ponderata a fronte del requisito per il rischio specifico si considera protetta la posizione rientrante nel basket cui corrisponde la minore esposizione ponderata a fronte del requisito per il rischio specifico si considera il requisito patrimoniale sul derivato di credito e sull underlying exposure 34

35 Rischio di cambio Le novità regolamentari: ai fini del calcolo della posizione in cambi è esplicitamente disciplinato il trattamento delle posizioni in quote di OICR coerentemente con la direttiva CRD e differentemente da Basilea la posizione in oro non costituisce una posizione ad hoc da sommare alla posizione netta lunga o corta in valuta ma la relativa posizione lunga netta o corta va sommata alle posizioni nette lunghe o corte in valuta, prima di determinare la posizione netta in cambi 35

36 Rischio di cambio Il trattamento delle quote di OICR Relativamente alle quote di O.I.C.R. occorre distinguere tra: a) quote di O.I.C.R. di cui la banca conosce le correnti sottostanti posizioni in valuta estera b) altre quote di O.I.C.R. Per gli O.I.C.R. di cui al punto a) il relativo valore di bilancio va attribuito alle attività in valuta che compongono l O.I.C.R. in proporzione al peso che ciascuna di esse ha sul totale degli investimenti dell O.I.C.R.. Le posizioni in valuta così determinate concorrono al calcolo della posizione netta in cambi 36

37 Rischio di cambio Il trattamento delle quote di OICR Le posizioni in valuta riferite alle altre quote di O.I.C.R. come sopra determinate vanno trattate come valute non distinte nel caso in cui la banca conosca il segno (attivo o passivo) delle posizioni in valuta sottostanti; tali posizioni (lunghe e corte) possono essere sommate, rispettivamente, ai totali delle posizioni attive e passive in valuta. Nei rimanenti casi le quote di O.I.C.R. vanno trattate come valute distinte. Non è consentita alcuna compensazione tra posizioni lunghe e corte riferite a medesime quote di O.I.C.R. oppure a quote di O.I.C.R. differenti 37

38 Rischio di cambio CALCOLO DELLA POSIZIONE NETTA IN CAMBI: UN ESEMPIO POSIZIONI YEN YUAN GB RUBLO DOLLARI ORO LUNGHE CORTE LUNGHE NETTE CORTE NETTE TOTALE LUNGHE NETTE 300 TOTALE CORTE POSIZIONE NETTA IN CAMBI REQUISITO PATRIMONIALE REQUISITO PATRIMONIALE (VECCHIA NORMATIVA) 300 0,08*300 = SOMMA [MAX (TOT. LUNGHE NETTE; TOT. CORTE NETTE)] + ORO = MAX [300;235]+ 35 0,08*( ) = 26,8 38

39 Rischio di cambio CALCOLO DELLA POSIZIONE NETTA IN CAMBI: VALUTE NON DISTINTE CONOSCENZA DELLA POSIZIONE POSIZIONI YEN YUAN GB RUBLO DOLLARI OICR: VALUTE NON DISTINTE ORO LUNGHE CORTE LUNGHE NETTE CORTE NETTE NO NETTING -35 TOTALE LUNGHE NETTE TOTALE CORTE POSIZIONE NETTA IN CAMBI REQUISITO PATRIMONIALE MAX (TOT. LUNGHE NETTE; TOT. CORTE NETTE) = 265 0,08*265 = 21,2 ( ) = -265 Nel caso di quote di OICR per le quali non applico il look through ("valute distinte" e "valute non distinte ) non è ammesso il netting tra le posizioni 39

40 Rischio di cambio CALCOLO DELLA POSIZIONE NETTA IN CAMBI: VALUTE DISTINTE SEGNO DELLA POSIZIONE SCONOSCIUTO POSIZIONI LUNGHE CORTE SEGNO POSIZIONI NON CONOSCIUTO LUNGHE NETTE CORTE NETTE TOTALE LUNGHE NETTE TOTALE CORTE POSIZIONE NETTA IN CAMBI REQUISITO PATRIMONIALE YEN YUAN GB RUBLO DOLLAR I SOMMA [MAX (TOT. LUNGHE NETTE; TOT. CORTE NETTE) + FONDI: VALUTE DISTINTE] = ,08*285 = 22,8-235 OICR: VALUTE DISTINT E 50 ORO

41 La disciplina sui rischi di mercato e il COREP SCHEMI SEGNALETICI CONTENUTI NEL COREP rischio generico e specifico sui titoli di debito e di capitale e quote di OICR rischio di posizione su merci rischio di regolamento (SOLO OPERAZIONI DVP) rischio di cambio modelli interni N.B. Il rischio di controparte e le operazioni free-deliveries sono trattati negli schemi sul rischio di credito 41

42 RISCHIO GENERICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE PORTAFOGLIO DI NEGOZIAZIONE A FINI DI VIGILAN ZA: METODOLOGIA S TANDARDIZZATA TITOLI DI DEBITO RISCHIO GENERICO METODO BASATO SULLA SCADENZA Tipo tasso Vita residua tipo A Vita residua tipo B Valute Tipo importo 1. Titoli di proprietà posizioni lunghe posizioni corte 2. Operazioni fuori bilancio 2.1 Contratti derivati con titolo sottostante posizioni lunghe posizioni corte 2.2 Contratti derivati senza titolo sottostante posizioni lunghe posizioni corte 2.3 Altre operazioni fuori bilancio posizioni lunghe posizioni corte 3. Totale portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza posizioni lunghe posizioni corte NESSUNA NOVITÀ RISPETTO AD ALLA PRECEDENTE NORMATIVA Le informazioni aggiuntive rispetto al COREP (tipo tasso; titoli di proprietà /operazioni fuori bilancio) sono state richieste in quanto utili ai fini del 2 pilastro 42

43 RISCHIO GENERICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE PORTAFOGLIO DI NEGOZIAZIONE A FINI DI VIGILANZA: METODOLOGIA STANDARDIZZATA TITOLI DI DEBITO RISCHIO GENERICO METODO BASATO SULLA DURATA FINANZIARIA 1. Totale portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza posizioni lunghe posizioni corte Zona Valuta Zona: 68 zona 1 71 zona 2 74 zona 3 Valuta: codice valuta 43

44 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE Lo schema BI è allineato alle informazioni COREP In particolare è prevista la ripartizione tra: posizioni verso cartolarizzazioni altre posizioni derivati su crediti di copertura posizioni compensate attributi informativi: vita residua; tipologia emittente 44

45 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE PORTAFOGLIO DI NEGOZIAZIONE A FINI DI VIGILANZA: METODOLOGIA STANDARDIZZATA TITOLI DI DEBITO RISCHIO SPECIFICO 1. Posizioni verso cartolarizzazioni 1.1 Posizioni lunghe 1.2 Posizioni corte 2. Altre posizioni 2.1 Posizioni lunghe 2.2 Posizioni corte 3. Derivati su crediti di copertura di: 3.1. Posizioni verso cartolarizzazioni Posizioni lunghe Posizioni corte 3.2. Altre posizioni Posizioni lunghe Posizioni corte Tipologia emittente Vita residua 4. Posizioni compensate esposte al rischio specifico 4.1. Posizioni verso cartolarizzazioni 4.2. Altre posizioni 45

46 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE VITA RESIDUA: Fino a 6 mesi 1.Da oltre 6 mesi e fino a 24 mesi 2.Oltre 24 mesi attributi informativi TIPOLOGIA EMITTENTE: 1.Emittenti a ponderazione nulla 2.Emittenti qualificati (fattori di ponderazione: 20%; 12,5%; 3,125%) 3.Emittenti non qualificati (fattore di ponderazione 100%) 4.Emittenti ad alto rischio (fattore di ponderazione 150%) L informazione vita residua e tipologia emittente non deve essere richiesta in corrispondenza della voce posizioni verso cartolarizzazioni 46

47 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE Cosa segnala nella voce 1 Posizioni verso cartolarizzazione? In tale voce vanno indicati i titoli derivanti da operazioni di cartolarizzazione ai quali è associato un fattore di ponderazione del 1250% 47

48 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE Cosa segnala nella voce 2 Altre posizioni? In tale voce vanno indicati i titoli e le operazioni fuori bilancio (derivati creditizi, finanziari, etc.) diversi da quelli ricondotti nella voce 1 posizioni verso cartolarizzazione e dai derivati creditizi di copertura 48

49 RISCHIO SPECIFICO SU TITOLI DI DEBITO: SEGNALAZIONE INDIVIDUALE Cosa segnala nella voce 3 Derivati su crediti di copertura la banca protection buyer? a) nel caso di protezione riconosciuta integralmente, l importo ponderato oggetto di copertura; b) nel caso di protezione con compensazione fino all 80 per cento : l 80 per cento del valore ponderato dell attività coperta, se questa è quella più rischiosa; l 80 per cento del valore ponderato dell attività coperta diminuito del 20 per cento della differenza tra valore ponderato del derivato di copertura e del valore ponderato valore dell attività coperta se il derivato di copertura costituisce la posizione più rischiosa ([1]); c) nel caso di protezione riconosciuta parzialmente non va segnalato alcun importo se l underlying exposure costituisce la maggiore esposizione per il rischio specifico ovvero va segnalata con segno negativo la differenza tra il valore ponderato del derivato e quello dell underlying assets ([1]) Si ipotizzi a titolo di esempio che l attività coperta sia pari a 100 e il valore del derivato di copertura sia pari a 110. In tal caso andrà segnalato un importo pari a 78 [(80% * % ( )] = (80 20% * 10) = (80 2) =

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti

Dettagli

diversi da quelli tipici dell'attività gestoria, dovendosi altresì escludere che il soggetto che assume l'impegno in parola possa rivalersi, in caso

diversi da quelli tipici dell'attività gestoria, dovendosi altresì escludere che il soggetto che assume l'impegno in parola possa rivalersi, in caso PROVVEDIMENTO Banca d'italia 20 gennaio 2003 Gestioni patrimoniali individuali e collettive garantite (G.U. n. 31, 7 febbraio 2003, Serie Generale) IL GOVERNATORE DELLA BANCA D'ITALIA 1. L'elevata volatilità

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUI RISCHI DI MERCATO

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUI RISCHI DI MERCATO RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUI RISCHI DI MERCATO Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti all applicazione

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza FINMA sugli investimenti collettivi, OICol-FINMA) del 27 agosto 2014 (Stato 1 gennaio

Dettagli

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito testo unico ); Visto l'articolo

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale Questo testo è una versione provvisoria. Solo la versione che sarà pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali (www.admin.ch > Diritto federale > Raccolta ufficiale) fa fede. Ordinanza dell

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Circolare n. 148 del 2 luglio 1991 11 aggiornamento del 29 novembre 2001 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 in vigore dal 31 marzo 2011 le modifiche sono evidenziate in grassetto Vista la direttiva 2006/48/CE, relativa all accesso

Dettagli

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo interno. INFORMAZIONI

Dettagli

3. Copertura patrimoniale per il rischio di controparte

3. Copertura patrimoniale per il rischio di controparte 5) per gli strumenti finanziari derivati di cui alla lettera f) della premessa, all equivalente creditizio determinato secondo le modalità indicate nell Allegato E. Ai fini del calcolo delle differenze

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 in vigore dal 31 marzo 2011 le modifiche sono evidenziate in grassetto Vista la direttiva 2006/48/CE, relativa all accesso

Dettagli

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE I0717_1 COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE Tipo intermediario B Indicazioni per la predisposizione dell input Il pannello-guida delle scelte aziendali per la soluzione Basilea3 Il pannello-guida delle scelte

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to)

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Convegno ASSILEA-ASSOFIN-ASSIFACT Le nuove disposizioni di vigilanza della Banca d Italia per le banche e

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza FINMA sugli investimenti collettivi, OICol-FINMA) 1 del 21 dicembre 2006 (Stato

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2007/16/CE CONCERNENTE LE ATTIVITA IN CUI POSSONO ESSERE INVESTITI I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Consultazione pubblica

Consultazione pubblica Consultazione pubblica sull approccio da adottare per il riconoscimento dei sistemi di tutela istituzionale a fini prudenziali Guida 1 Introduzione 1. Il documento di consultazione espone l approccio che

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto.

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. -omissis- 1.7 Il ruolo delle garanzie Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. Riteniamo che queste affermazioni nascano

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it

PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it L istruttoria del credito e la valutazione delle garanzie: profili giuridici PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it Il piano

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 Progetto Basilea 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 1 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2012 (aggiornamento del documento pubblicato nel luglio 2012)

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO ALLEGATO 1 VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza Divisione Analisi macroprudenziale Settore Impatto della regolamentazione ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: MODIFICA

Dettagli

ISPL Unit Private Style

ISPL Unit Private Style Prospetto d offerta Offerta al pubblico di ISPL Unit Private Style Prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked Si raccomanda la lettura della Parte I (Informazioni sull investimento e sulle coperture

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE SULLE TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO E SULLA CARTOLARIZZAZIONE Il presente documento fornisce

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte e delle esposizioni verso controparti centrali in Basilea 3 Domande frequenti Dicembre 2012 (aggiornamento

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Obbligazionario Mercati Emergenti Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Obbligazionario Mercati Emergenti Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (circolare n. 263 del 27 dicembre 2006) 30 giugno

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2014 Approvata dal CdA il 27/05/2015 1/22 --/--/---- INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 L indice di leva finanziaria e i requisiti di informativa pubblica

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 L indice di leva finanziaria e i requisiti di informativa pubblica Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 L indice di leva finanziaria e i requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli