I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte"

Transcript

1 I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele Lanotte Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

2 Basilea II, par. 644 Direttiva 2006/48/CE art. 4, par. 22 E il rischio di subire perdite derivanti dalla inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni. E incluso il rischio legale ma non quello reputazionale o strategico es. caso Barings 2

3 METODOLOGIE DI CALCOLO DEL REQUISITO PATRIMONIALE BASIC INDICATOR APPROACH (BIA) STANDARDISED APPROACH (STA) ADVANCED MEASUREMENT APPROACHES (AMA) 3

4 I coefficienti regolamentari sono calibrati ipotizzando un ammontare del requisito sui rischi operativi pari al 12% del requisito regolamentare complessivo secondo le regole di Basilea 1 Indicatore base α Requisito = α Ei Metodo standard β i Requisito = 8 i= 1 ( β i Eii ) 3,50% 3,00% perdita Metodi avanzati 2,50% 2,00% attesa perdita inattesa Stima aziendale 1,50 % 99,9 perc. 1,00 % 0,50% 0,1% 0,00% mln. euro 4

5 L impegno, per le banche e per la Vigilanza, cambia a seconda dell opzione adottata impegno della Vigilanza BIA STA MODELLI INTERNI (AMA) impegno per le banche 5

6 chi utilizza cosa. un aspettativa! BIA STA AMA Banche piccole Banche medie, banche grandi e banche specializzate 6

7 METODO BASE (1) METODO BASE (1) Il requisito è pari al prodotto tra una percentuale standard di vigilanza (denominata fattore alfa ) e la media dei margine di intermediazione positivi (indicatore rilevante) come risultano dalla voce 120 del bilancio bancario riferiti agli ultimi tre esercizi α= 15% 7

8 Metodo Base: esempio di calcolo del requisito patrimoniale Si ipotizzi che il margine di intermediazione della banca A riferito al 31dicembre 2007 e ai due esercizi precedenti sia rispettivamente pari ai valori di seguito indicati: 2005: : : 840 La media relativa agli ultimi tre esercizi è pari a: ( )/3 = 780 Il requisito patrimoniale è pari a 780*15% = 117 8

9 Metodo Base: esempio di calcolo del requisito patrimoniale Si ipotizzi che il margine di intermediazione della banca A riferito al 31dicembre 2007 e ai due esercizi precedenti sia rispettivamente pari ai valori di seguito indicati: 2005: : : 840 La media relativa ai valori di M.I. positivi riferiti agli ultimi esercizi è pari a: ( )/2 = 820 Il requisito patrimoniale è pari a 820*15% = 123 9

10 METODO STANDARDIZZATO (1) METODO STANDARDIZZATO (1) Questo modello di misurazione è più sofisticato rispetto a quello Base, dal momento che tiene conto della diversa rischiosità insita nelle linee di business attraverso i predefiniti coefficienti beta L utilizzo del metodo standardizzato è subordinato al rispetto da parte della banca di alcuni requisiti di idoneità minimi 10

11 METODO STANDARDIZZATO (2) METODO STANDARDIZZATO (2) I coefficienti Beta sono i seguenti: 1) β = 18% per l attività di corporate finance ; 2) β = 18% per l attività di negoziazioni e vendite; 3) β = 12% per l attività di retail banking; 4) β = 15% per l attività di commercial banking; 5) β = 18% per l attività di pagamenti e regolamenti; 6) β = 15% per l attività di gestioni fiduciarie; 7) β = 12% per l attività di asset management; 8) β = 12% per l attività di intermediazione al dettaglio 11

12 I dati del margine di intermediazione sono quelli di fine esercizio 12

13 METODI AMA (1) METODI AMA (1) Nel caso d'utilizzo di modelli avanzati (AMA) il requisito patrimoniale è pari alla misura generata dal sistema di misurazione per il rischio operativo sviluppato internamente dalla banca a condizione che questo rispetti i prescritti standard qualitativi e quantitativi 13

14 14

15 METODI AMA (2) METODI AMA (2) TECNICHE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO OPERATIVO: 1)polizze assicurative 2)altri meccanismi di trasferimento dei rischi operativi 3) correlazione tra le perdite 4)accantonamenti specifici effettuati in conto economico n.b. le polizze assicurative e gli altri meccanismi di trasferimento del credito possono essere utilizzati per ridurre il rischio operativo entro un limite del 20% del requisito lordo; La detrazione degli accantonamenti non può superare il valore della perdita attesa complessiva stimata nell ambito del modello di calcolo 15

16 COMMON REPORTING (COREP) Gli schemi COREP Sono previsti 18 schemi organizzati in 4 aree informative: 1. patrimonio di vigilanza e requisiti patrimoniali (2) 2. rischio di credito(7) 3. rischi di mercato (6) 4. rischio operativo (3) 16

17 COMMON REPORTING (COREP) Rischio operativo le informazioni specifiche sui tre metodi previsti dalla normativa (che possono essere utilizzati anche in modo combinato): metodo base; metodo standardizzato; metodi avanzati metodo base: informazioni sull indicatore rilevante (margine di intermediazione) per il triennio di riferimento metodo standardizzato: informazioni sull indicatore rilevante (margine di intermediazione) per il triennio di riferimento e per linee di business metodi avanzati: informazioni sul requisito patrimoniale, sulle metodologie di trasferimento del rischio operativo, rilevazioni dei dati di perdita operativa 17

18 Metodologie di calcolo a livello consolidato Metodologie di calcolo a livello consolidato Le metodologie di determinazione del requisito sono uguali a quelle previste per il calcolo su base individuale Il calcolo riguarda il solo gruppo bancario e il margine di intermediazione è quello di cui alla voce 120 del bilancio consolidato riferito alla sola componente bancaria 18

19 Metodologie di calcolo a livello consolidato Metodologie di calcolo a livello consolidato Se l area di consolidamento ai fini del calcolo del requisito patrimoniale consolidato è più piccola di quella rilevante ai fini di bilancio ai fini del calcolo del requisito bisogna fare riferimento alle sole società bancarie, finanziarie e strumentali incluse nel gruppo bancario o consolidate proporzionalmente. Pertanto, occorre rettificare il margine di intermediazione per includere i costi e i ricavi verso le altre società consolidate elisi nel processo di consolidamento Esclusione partecipazioni assicurative e industriali 19

20 Schema di segnalazione Schema di segnalazione MARGINE DI INTERMEDIAZIONE 1. Metodo Base 1.2. Margine intermediazione anno T Margine intermediazione anno T Margine intermediazione anno T Metodo Standardizzato 2.1. Margine intermediazione anno T Margine intermediazione anno T Margine intermediazione anno T Metodi Avanzati 3.1. Margine intermediazione anno T Margine intermediazione anno T Margine intermediazione anno T- 3 Linee di business

21 Regole di compilazione Regole di compilazione MARGINE DI INTERMEDIAZIONE Ø metodo base : si considerano soltanto i margini di intermediazione positivi; i margini di intermediazione negativi non formano oggetto di rilevazione Ø metodo standardizzato e metodi avanzati : i margini di intermediazione negativi vanno segnalati e, quindi, tali sottovoci possono assumere un valore negativo; il margine di intermediazione va ripartito per linee di business 21

22 ATTRIBUTI INFORMATIVI LINEE DI BUSINESS: 1. Servizi finanziari per l impresa (Corporate finance) 2. Negoziazione e vendita (Trading and sales) 3. Servizi bancari al dettaglio (Retail banking) 4. Servizi bancari a carattere commerciale (Commercial banking) 5. Servizi di pagamento e regolamento (Payment and settlement) 6. Gestioni fiduciarie (Agency services) 7. Gestioni patrimoniali (Asset management) 8. Intermediazione al dettaglio (Retail brokerage) 22

23 Metodo Base: esempio segnalazione al Si ipotizzi che la banca A calcoli il requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo con il metodo di base. Si ipotizzi altresì che la banca A abbia registrato i seguenti margine di intermediazione : a) , 700; b) , 800; c) , 840 La media aritmetica semplice degli anzidetti margine di intermediazione è pari a 780 [( ) /3]. Il requisito patrimoniale riferito al 31 dicembre del 2007 è pari a 117 (780*15%). 23

24 Metodo Base: esempio segnalazione al Nelle segnalazioni riferite al 31 marzo 2008 la banca A nella tabella Margine di intermediazione segnala: in corrispondenza della voce 1.1 metodo base: margine di intermediazione : ammontare 840 in corrispondenza della voce 1.2 metodo base: margine di intermediazione : ammontare 800; in corrispondenza della voce 1.3 metodo base: margine di intermediazione : ammontare 700 Nella segnalazione riferita al 31 marzo, la banca A nella tabella Posizione patrimoniale individuale segnala: in corrispondenza della voce rischio operativo: metodo base : ammontare 117 Nelle segnalazioni riferite al 30 giugno e 30 settembre 2008 la banca A replica le segnalazioni effettuate al 31 marzo

25 USO COMBINATO A LIVELLO CONSOLIDATO USO COMBINATO A LIVELLO CONSOLIDATO GRUPPI BANCARI: il requisito consolidato sui rischi operativi è determinato dalla somma dei requisiti rivenienti dai metodi utilizzati: componente Base, riferita al complesso dei segmenti di operatività del gruppo cui si applicano tali metodi, calcolata in base al relativo contributo all indicatore rilevante consolidato, utilizzando la metodologia di calcolo prevista per tale metodo; componente Standardizzato, riferita al complesso dei segmenti di operatività del gruppo cui si applicano tali metodi, calcolata in base al relativo contributo all indicatore rilevante consolidato, utilizzando la metodologia di calcolo prevista per tale metodo; componente AMA, riferita al complesso dei segmenti di operatività del gruppo cui si applicano tali metodi, calcolata a partire dai dati di perdita e da altre informazioni relativi a tali segmenti di operatività. 25

26 USO COMBINATO A LIVELLO INDIVIDUALE USO COMBINATO A LIVELLO INDIVIDUALE BANCHE APPARTENENTI A GRUPPI BANCARI: il requisito individuale per le banche appartenenti a gruppi bancari sui rischi operativi è pari alla somma: requisito del metodo Base relativo ai segmenti di operatività della banca cui si applica tale metodo, calcolato in base all indicatore rilevante riferito a tali segmenti di operatività, al lordo delle rettifiche infragruppo; requisito del metodo Standardizzato relativo ai segmenti di operatività della banca cui si applica tale metodo, calcolato in base all indicatore rilevante riferito a tali segmenti di operatività, al lordo delle rettifiche infragruppo; ammontare della componente AMA allocato dalla capogruppo ai segmenti di operatività della banca cui si applicano tali metodi. 26

27 Calcolo del requisito in caso di uso combinato Calcolo del requisito in caso di uso combinato BANCHE NON APPARTENENTI A GRUPPI: Nel caso di banche individuali, per il calcolo del requisito patrimoniale sul rischio operativo con l uso combinato di metodi si applicano criteri analoghi a quanto sopra descritto per l uso combinato consolidato. 27

28 USO COMBINATO: segnalazione consolidata al Si ipotizzi che il gruppo A calcoli il requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo su base consolidata in modo combinato utilizzando il metodo TSA e il metodo di base. Si ipotizzi che il requisito patrimoniale sia pari per la componente TSA a 700 e per la componente base a 50. In tal caso nella segnalazione relativa alla posizione patrimoniale consolidata, il gruppo deve indicare rispettivamente nelle sottovoci requisiti patrimoniali rischio operativo metodo base ammontare: requisiti patrimoniali rischio operativo metodo standardizzato : ammontare

29 Schema di segnalazione Schema di segnalazione METODI AVANZATI 1. Requisito patrimoniale lordo 2. Riduzioni del requisito patrimoniale lordo: 2.1 Polizze assicurative: quota deducibile 2.2 Altri meccanismi di trasferimento: quota deducibile 2.3 Accantonamenti a fronte del rischio operativo 2.4 Correlazione tra le perdite 3. Riduzioni del requisito patrimoniale lordo quota non deducibile 29

30 METODI AVANZATI: REGOLE DI COMPILAZIONE Nella sottovoce requisito patrimoniale lordo va rilevato il requisito patrimoniale al lordo delle riduzioni ammesse dalla normativa sul rischio operativo, quali ad esempio gli accantonamenti a fronte del rischio operativo iscritti in conto economico. Le sottovoci riduzioni del requisito patrimoniale lordo e riduzioni del requisito patrimoniale lordo quota non deducibile vanno segnalate soltanto dalle banche non appartenenti a gruppi bancari. Nelle sottovoci riduzioni del requisito patrimoniale lordo polizze assicurative quota deducibile e riduzioni del requisito patrimoniale lordo altri meccanismi di trasferimento quota deducibile va rilevato l importo delle polizze assicurative e degli altri meccanismi di trasferimento dei rischi non eccedente, cumulativamente, il 20 per cento del requisito patrimoniale lordo. Nella sottovoce riduzioni del requisito patrimoniale lordo accantonamenti a fronte del rischio operativo, sono ricompresi gli accantonamenti specifici iscritti in conto economico a fronte del rischio operativo. Nella sottovoce riduzioni del requisito patrimoniale lordo correlazione tra le perdite va segnalato l importo delle riduzioni connesse con le stime della correlazione. Nella sottovoce riduzioni del requisito patrimoniale lordo quota non deducibile va segnalato l importo del complesso delle riduzioni relative alle polizze assicurative e agli altri meccanismi di trasferimento eccedente il 20 per cento del requisito patrimoniale lordo. 30

31 ESEMPIO A Si ipotizzi che la banca A calcoli il requisito patrimoniale sul rischio operativo utilizzando i metodi avanzati che il requisito lordo sia pari a 100. Si ipotizzi, inoltre, che la banca A abbia effettuato in bilancio accantonamenti specifici in conto economico per 5 e che tale importo sia inferiore al valore della perdita attesa, come stimata nell ambito del modello di calcolo, ipotizzato pari a 10. Si supponga altresì che la banca A abbia stipulato una polizza assicurativa che prevede in caso di sinistro una copertura per 30. La soglia massima per il trasferimento del rischio operativo è pari 20 (20% * 100), cosicché è pari a 10 il valore della polizza assicurativa che non può essere portato in diminuzione del requisito patrimoniale. Per la banca A il requisito patrimoniale sul rischio operativo è pari a 75 ( ). requisito lordo polizza accantonamenti specifici 31

32 ESEMPIO A (segue) In tale situazione, la banca A segnala nella tabella metodi avanzati : -in corrispondenza della voce 1 requisito patrimoniale lordo : ammontare 100; - in corrispondenza della voce 2.1 riduzioni del requisito patrimoniale lordo polizze assicurative quota deducibile : ammontare 20; - in corrispondenza della voce 2.3 riduzioni del requisito patrimoniale lordo accantonamenti a fronte del rischio operativo : ammontare 5; -in corrispondenza della voce 3 riduzioni del requisito patrimoniale lordo quota non deducibile : ammontare 10. Nella tabella posizione patrimoniale individuale (sezione 11) la banca A segnala: -in corrispondenza della voce rischio operativo: metodi avanzati : ammontare

33 ESEMPIO B Si ipotizzi che ai fini del calcolo del requisito patrimoniale sul rischio operativo la banca B utilizzi i metodi avanzati, tranne che per le linee di business corporate finance e trading and sales con riferimento alle quali adotti il metodo standardizzato. Si ipotizzi che il requisito patrimoniale lordo calcolato sulla base dei metodi avanzati sia pari a 120, mentre quello derivante dall applicazione del metodo standardizzato sia pari a 40. Si supponga altresì che la banca B, con riferimento alle linee di business diverse da corporate finance e trading and sales, abbia: a) iscritto nel conto economico di bilancio accantonamenti specifici a fronte del rischio operativo pari a 8 e che tale importo sia inferiore al valore della perdita attesa ipotizzato pari a 15; b) stipulato una polizza assicurativa che prevede in caso di sinistro una copertura per 35. La soglia massima per il trasferimento del rischio operativo è pari a 24 (20% * 120), cosicché è pari a 11 il valore della polizza assicurativa che non può essere portato in diminuzione del requisito patrimoniale lordo. Il requisito patrimoniale complessivo della banca B è pari a 128, corrispondente alla somma dei requisiti calcolati con i metodi avanzati (88= ) e con il metodo standardizzato (40). requisito lordo polizza accantonamenti specifici 33

34 ESEMPIO B (segue) In tale situazione, la banca B segnala nella tabella metodi avanzati : - in corrispondenza della voce 1 requisito patrimoniale lordo : ammontare 120; - in corrispondenza della voce 2.1 riduzioni del requisito patrimoniale lordo polizze assicurative quota deducibile : ammontare 24; - in corrispondenza della voce 2.3 riduzioni del requisito patrimoniale lordo accantonamenti a fronte del rischio operativo : ammontare 8; -in corrispondenza della voce 3 riduzioni del requisito patrimoniale lordo quota non deducibile : ammontare 11. Nella tabella posizione patrimoniale individuale (sezione 11) la banca A segnala: - in corrispondenza della voce rischio operativo: metodo standardizzato : ammontare 40; - in corrispondenza della voce rischio operativo: metodi avanzati : ammontare 88. La banca B segnala inoltre nella tabella margine di intermediazione i margini di intermediazione, relativi agli esercizi T-1, T-2 e T-3, distintamente per le due metodologie di calcolo. 34

35 Schema di segnalazione Schema di segnalazione RIPARTIZIONE DELLE PERDITE OPERATIVE PER LINEE DI BUSINESS E PER EVENTI DI PERDITA 1. Numero di eventi di perdita 2 Perdite 2.1 Importo totale: 2.2 Perdita massima 2.3 Perdita mediana 3.1 Recuperi totali da: 3.2 Polizze assicurative e altri trasferimenti di trasferimento del rischio 3.2 Altri 4. Soglia minima di perdita 5. Soglia minima di perdita: segnalazione negativa LINEE DI BUSINES S EVENTI DI PERDIT A N.B. la perdita mediana non è richiesta dal COREP; il COREP prevede che la tabella sia compilata solo per il metodo AMA; tali informazioni sono state inserite perché utili a fini di analisi di 2 pilastro 35

36 RIPARTIZIONE DELLE PERDITE OPERATIVE PER LINEE DI BUSINESS E PER EVENTI DI PERDITA: REGOLE DI COMPILAZIONE La tabella va prodotta dalle banche che utilizzano il metodo standardizzato oppure i metodi avanzati. Ai fini della rilevazione della sottovoce numero di eventi di perdita, qualora un evento ha un impatto su più linee di business (cd. perdite multi-effetto) esso va segnalato con riferimento a ciascuna linea di business interessata dall evento. In corrispondenza delle variabili informative totale linee di business e totale eventi di perdita ciascun evento di perdita multi-effetto va rilevato una volta sola. perdite importo totale : va rilevato l ammontare complessivo delle perdite connesse con il rischio operativo al lordo delle riduzioni del requisito patrimoniale. L importo delle perdite multi-effetto va ripartito per le linee di business interessate in base alle evidenze interne in ordine alle perdite imputabili a ciascuna linea di business interessata. perdite perdita massima : figura la perdita operativa massima al lordo delle riduzioni del requisito patrimoniale - rilevata in ciascuna linea di business. In corrispondenza delle variabili informative totale linee di business e totale eventi di perdita occorre indicare la maggiore tra le singole perdite operative massime; con riferimento a tali variabili le perdite multi-effetto concorrono per l intero importo nel determinare la perdita massima. perdite perdita mediana : figura il valore mediano della distribuzione delle perdite operative al lordo delle riduzioni del requisito patrimoniale - rilevate in ciascuna linea di business. In corrispondenza delle variabili informative totale linee di business e totale eventi di perdita occorre indicare la perdita mediana tenuto conto della distribuzione complessiva. recuperi totali : va indicato il valore delle perdite totali recuperate dalla banca segnalante, imputabili a polizze assicurative o ad altre tipologie di trasferimento del rischio. Va indicato l intero importo recuperato, anche se superiore al limite regolamentare del 20 per cento. soglia minima di perdita : le banche che utilizzano i metodi avanzati indicano il livello minimo di perdita fissato internamente per la rilevazione della perdita stessa. Per le banche che utilizzano il metodo standardizzato va indicata la perdita minima significativa individuata dalla banca segnalante. Nel caso di uso combinato delle due metodologie nella presente voce deve essere indicato il valore della soglia minima di rilevazione più bassa tra quelle utilizzate. 36

37 SOGLIA MINIMA DI PERDITA: Metodo TSA si intende la perdita minima significativa individuata dalla banca segnalante nel periodo di riferimento tale valore viene determinato internamente dalla banca e può essere modificato a seguito di revisioni strategiche o organizzative possono essere stabilite diverse soglie minime in relazione alle diverse BL/ET es. la banca A registra 100 perdite nel semestre di riferimento di vario importo (10, 120, 200, ecc.); la soglia stabilita internamente è 50 per tutte le BL/ET. Pertanto, solo le perdite superiori a tale valore (50) devono formare oggetto di rilevazione nella tabella ripartizione delle perdite operative 37

38 ATTRIBUTI INFORMATIVI EVENTI DI PERDITA: 1) Frode interna 2) Frode esterna 3) Rapporto di impiego e sicurezza sul lavoro 4) Clientela, prodotti e prassi professionali 5) Danni da eventi esterni 6) Interruzioni dell operatività e disfunzioni dei sistemi 7) Esecuzione, consegna e gestione dei processi 8) Totale eventi di perdita LINEE DI BUSINESS: 1) Servizi finanziari per l impresa (Corporate finance) 2) Negoziazione e vendita (Trading and sales) 3) Servizi bancari al dettaglio (Retail banking) 4) Servizi bancari a carattere commerciale (Commercial banking) 5) Servizi di pagamento e regolamento (Payment and settlement) 6) Gestioni fiduciarie (Agency services) 7) Gestioni patrimoniali (Asset management) 8) Intermediazione al dettaglio (Retail brokerage) 9) Totale linee di business 38

39 ESEMPIO Si ipotizzi che la Banca X abbia registrato i seguenti eventi di perdita: - evento A (frode interna) di tipo multi-effetto per un importo complessivo pari a 14 riguardante le linee di business corporate finance (9) e commercial banking (5); - evento B (frode interna) per un importo complessivo pari a 10 riguardante la linea di business corporate finance ; - evento C (frode esterna) per un importo complessivo pari a 5 riguardante la linea di business corporate finance. Nelle segnalazioni prudenziali le linee di business/eventi di perdita gli eventi di perdita descritti sono rappresentati come segue: 39

40 Linee di business / Eventi di perdita Variabili Frode interna Frode esterna Totale eventi di perdita Numero eventi 2 (A e B) 1 (C) 3 (A,B,C) Corporate finance Perdita totale Perdita massima 19 (parte di A +B) (9+10) 10 (B) 5 (C) 5 (C) 24 (parte di A+B+C) (9+10+5) 10 (B) Perdita mediana 9, 5 (9;10) 5 9 (5;9;10) Numero eventi 1 (A) 1 (A) Commercial banking Perdita totale Perdita massima 5 (parte di A) 5(parte di A) 5 (A) 5(A) Perdita mediana 5 5 Numero eventi 2 (A e B) 1 (C) 3 (A+B+C) Perdita totale 24 (A+B) (14+10) 5(C) 29(A+B+C) ( ) Totale linee di business Perdita massima 14 (A) 5 (C) 14(A) Perdita mediana 12 (10;14)

41 In tale situazione la banca X segnala nella tabella Ripartizione delle perdite operative per linee di business e per eventi di perdita - metodi avanzati : 1) in corrispondenza della voce 1 numero eventi di perdita : - linee di business 1; eventi di perdita 1; ammontare 2; - linee di business 1; eventi di perdita 2; ammontare 1; - linee di business 1; eventi di perdita 8; ammontare 3; - linee di business 4; eventi di perdita 1; ammontare 1; - linee di business 4; eventi di perdita 8; ammontare 1; - linee di business 9; eventi di perdita 1; ammontare 2; - linee di business 9; eventi di perdita 2; ammontare 1; - linee di business 9; eventi di perdita 8; ammontare 3; 2) in corrispondenza della voce 2.1 perdite importo totale : - linee di business 1; eventi di perdita 1; ammontare 19; - linee di business 1; eventi di perdita 2; ammontare 5; - linee di business 1; eventi di perdita 8; ammontare 24; - linee di business 4; eventi di perdita 1; ammontare 5; - linee di business 4; eventi di perdita 8; ammontare 5; - linee di business 9; eventi di perdita 1; ammontare 24; - linee di business 9; eventi di perdita 2; ammontare 5; - linee di business 9; eventi di perdita 8; ammontare 29; 41

42 3) in corrispondenza della voce 2.2 perdite perdita massima : - linee di business 1; eventi di perdita 1; ammontare 10; - linee di business 1; eventi di perdita 2; ammontare 5; - linee di business 1; eventi di perdita 8; ammontare 10; - linee di business 4; eventi di perdita 1; ammontare 5; - linee di business 4; eventi di perdita 8; ammontare 5; - linee di business 9; eventi di perdita 1; ammontare 14; - linee di business 9; eventi di perdita 2; ammontare 10; - linee di business 9; eventi di perdita 8; ammontare 14. 4) in corrispondenza della voce 2.3 perdite perdita mediana : - linee di business 1; eventi di perdita 1; ammontare 9,5; - linee di business 1; eventi di perdita 2; ammontare 5; - linee di business 1; eventi di perdita 8; ammontare 9; - linee di business 4; eventi di perdita 1; ammontare 5; - linee di business 4; eventi di perdita 8; ammontare 5; - linee di business 9; eventi di perdita 1; ammontare 12; - linee di business 9; eventi di perdita 2; ammontare 5; - linee di business 9; eventi di perdita 8; ammontare

43 Grazie per l attenzione 43

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III Informativa al pubblico in materia di adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INDICE 1 PREMESSA...3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO

Dettagli

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Indice RISCHI OPERATIVI DEFINIZIONE DI RISCHI OPERATIVI

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014 Aprile 2015 Co.Mo.I. SIM S.p.A. Informativa al pubblico III Pilastro (Basilea 2) 1 INDICE PREMESSA... 3 1. OBIETTIVI E POLITICHE DI

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO ALLEGATO A CIRC. 285 DEL 17 DICEMBRE 2013... 4

INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO ALLEGATO A CIRC. 285 DEL 17 DICEMBRE 2013... 4 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA RISCHI OPERATIVI E RISCHI ASSICURABILI FRANCO FRANZOSO Assicurazioni Generali S.p.A. Linea RISCHI BANCHE AGENDA Introduzione Definizione di rischio operativo Comitato di Basilea Tipologie di cause del

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to)

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Convegno ASSILEA-ASSOFIN-ASSIFACT Le nuove disposizioni di vigilanza della Banca d Italia per le banche e

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

RISK ACADEMY. I trend dei RO - numero di eventi e ammontare delle perdite - sono, complessivamente, in crescita costante;

RISK ACADEMY. I trend dei RO - numero di eventi e ammontare delle perdite - sono, complessivamente, in crescita costante; RISK ACADEMY BANCHE E RISCHI OPERATIVI. Un problema difficile? Laura Palombi Dalla ricerca di Mediobanca 1, risulta che i rischi operativi delle principali banche italiane rappresentano circa l 11% del

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Proposte metodologiche dall esperienza del Gruppo UBI Banca Giulia Marini Claudio Andreatta BASILEA 3 2012 RISCHIO OPERATIVO-CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 2 AMBITO DI APPLICAZIONE Circolare n 288 del 3 aprile 2015 Sezione I Disposizioni di carattere generale TITOLO IV - Capitolo 2 AMBITO DI APPLICAZIONE SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 marzo 2013 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Banca Nazionale del Lavoro SpA - Iscritta all Albo delle banche e capogruppo del gruppo bancario BNL iscritto all Albo dei gruppi bancari

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 PREMESSA Copernico Sim S.p.A. con sede in Udine, via Cavour, 20, Capitale Sociale Euro 1.500.000 interamente versato iscritta a Registro Imprese di Udine n. 02104510306

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA NELLE BANCHE

LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA NELLE BANCHE LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI Dott. FRANCO FRANZOSO e Dott. FLAVIANO GIURGIUTTI Assicurazioni Generali S.p.A. 1 BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (31 marzo 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.291.457,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.035,2 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi

I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi I rischi operativi in banca Giampaolo Gabbi Gestione dei rischi finanziari Corso di Laurea in Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Anno Accademico 2013-2014 1 Agenda La definizione La regolamentazione

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione Documento per la consultazione Disciplina prudenziale delle cessioni di immobili a uso funzionale delle banche e dei gruppi bancari Il documento illustra il trattamento prudenziale delle operazioni di

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT

RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT Comunicato stampa RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT APPROVAZIONE DEI DATI ECONOMICI E PATRIMONIALI DI UNICREDIT

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello individuale

Questionario Costi 2012 a livello individuale Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte

I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte I rischi di mercato Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO. Banche Altri intermediari

LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO. Banche Altri intermediari LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Altri intermediari Le banche DEFINIZIONE DI BANCA SI DEFINISCE BANCA UN INTERMEDIARIO CHE EFFETTUA CONTESTUALMENTE: ATTIVITÀ DI CREDITO RACCOLTA DAL

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

Prot. n. 2016/ 49121. IL DIRETTORE in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

Prot. n. 2016/ 49121. IL DIRETTORE in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2016/ 49121 Imprese bancarie non residenti. Metodi di calcolo del fondo di dotazione di cui all art. 152, comma 2, secondo periodo, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R.

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli