contents: Investimenti Sud-Sud : una nuova opportunità di crescita.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "contents: Investimenti Sud-Sud : una nuova opportunità di crescita."

Transcript

1 Anno II_ N 07_Luglio 2007 contents: Il ruolo dei paesi emergenti e di quelli in via di sviluppo diventa sempre più importante anche nei flussi di capitali internazionali. Cresce in particolare la quota degli investimenti Sud-Sud : il fenomeno si accompagna al rafforzamento di alcune multinazionali dei paesi emergenti. Nel 2010 sarà realizzata un area di libero scambio tra l UE e i paesi partner del Mediterraneo. L Europa è impegnata per sostenerli allo scopo di una transizione più leggera. Il risultato è l aumento delle opportunità per gli investitori e- steri. Gli hedge fund favoriscono un funzionamento più efficiente dei mercati ma costituiscono anche una fonte di potenziali rischi per la stabilità del sistema finanziario. Il comparto ha registrato uno sviluppo notevole dagli anni novanta ma potrebbe essere ad un punto di svolta. E centrale per gli operatori del mercato rafforzare le funzioni di gestione dei rischi per limitare i pericoli. Investimenti Sud-Sud : una nuova opportunità di crescita. Tra il 2003 e il 2005 i paesi avanzati si confermano i maggiori investitori netti su scala globale. Questi paesi hanno contribuito all 86% degli IDE mondiali in uscita (pari a 670 miliardi di dollari), guidati dall UE che da sola incide per il 54,6% dei flussi mondiali. Per quanto riguarda gli IDE in entrata, nel triennio considerato, i paesi avanzati hanno ricevuto il 59% degli IDE totali (circa 540 miliardi di dollari), benché in continua diminuzione dai primi anni novanta. 100% 80% 60% 40% 20% 0% Flussi di investimenti in uscita 3 6,9 9,6 14, ,1 90,4 85, Paesi avanzati Paesi emergenti e PVS Fonte: elaborazioni SACE su dati UNCTAD Il peso sulla scena mondiale di nuovi paesi è però cresciuto. Anche gli investimenti che interessano i paesi emergenti (EM) ed in via di sviluppo (PVS) hanno conosciuto una forte crescita negli ultimi dieci anni. Nel triennio questi paesi hanno contato per il 14,2% degli IDE mondiali in uscita, in costante crescita dagli anni ottanta. Gli IDE verso questi mercati hanno registrato un continuo aumento dagli anni novanta, attestandosi nel triennio al 40,6% del totale. In particolare, il 18% del flusso di IDE mondiali è diretto verso l Asia e l 11% verso America Latina e Caraibi. 1

2 100% 80% 60% 40% 20% 0% 20,3 Flussi di investimenti in entrata 17,5 22,7 79,7 82,5 77,3 40,6 59, Paesi avanzati Paesi emergenti e PVS Fonte: elaborazioni SACE su dati UNCTAD La maggior parte dei flussi in uscita da EM e PVS sono destinati ad altre economie di questo gruppo 1 : tali investimenti hanno natura intra- e interregionale. I primi contano per più della metà degli IDE destinati all Asia, in particolare verso la Cina. Quest ultima, assieme a Brasile, Hong Kong, Messico e Singapore, rappresenta il 48% degli IDE totali verso gli EM e PVS. In America Latina e Caraibi gli investimenti intraregionali sono guidati da Argentina, Brasile e Messico. La Russia ha contribuito nel 2005 per il 95% dei flussi di IDE verso Europa sud-orientale e CSI. Il Sudafrica è il maggiore investitore nel continente africano: da solo rappresenta più del 50% del totale degli IDE in Botswana, ed è il più importante investitore nella Repubblica Democratica del Congo, in Lesotho, Malawi e Swaziland. Per quanto riguarda gli IDE inter-regionali, essi hanno come fonte principale l Asia e come destinazione prioritaria l Africa: in particolare Cina e Malaysia sono tra i primi 10 investitori internazionali nel continente. L Asia si configura quindi come regione sia fortemente attrattiva per i flussi di IDE, sia proattiva nel deflusso degli stessi. La crescente importanza degli investimenti Sud-Sud è confermata dai dati microeconomici: la maggior parte delle EMNCs (Emerging Multi-National Companies) tende ad investire regional- 1 Al fine di evitare il conteggio dei flussi intrapresi a mero scopo finanziario, si è scelto di escludere le transazioni collegate ai centri finanziari offshore. mente e in altri paesi emergenti prima di collocarsi sui mercati già avanzati 2. Un quarto dei progetti realizzati nei paesi in via di sviluppo sono stati finanziati da altri EM e PVS, incentivati sia dai recenti processi di liberalizzazione avviati nei paesi emergenti sia dalla prossimità culturale, etnica e sociale che porta ad una maggiore familiarità con tali mercati 3. Mln USD Più IDE "Sud-Sud" da EM e PVS 41,8 6,5 5 4,6 48,6 24,7 59, verso i paesi avanzati verso altri EM e PVS Fonte: elaborazioni SACE su dati UNCTAD La maggior parte degli investimenti Sud-Sud è concentrata nel settore dei servizi, che nel 2004 risultano l 81% dello stock degli IDE in uscita da EM e PVS, destinati principalmente verso commercio e servizi alle imprese. Il ruolo crescente dei servizi nelle filiere lunghe della produzione globale ha un peso importante nello spiegare questo risultato. Riveste un ruolo importante anche l approvvigionamento di fonti di energia da parte delle economie emergenti in forte sviluppo. Gli IDE Sud-Sud possono essere di stimolo allo sviluppo economico dei paesi di destinazione. Essi rappresentano infatti un importante possibilità di crescita per i paesi più poveri: ad esempio, il minore gap tecnologico permette al paese ospitante di assorbire le inno- 2 Si constata un alta concentrazione di paesi dai quali provengono le EMNCs: in Africa domina il Sudafrica e in America Latina il Brasile e il Messico. In Europa Centro-orientale e CSI la Russia è responsabile degli IDE più significativi; mentre in Asia si nota una distribuzione di EMNCs tra Cina, India, Malaysia, Thailandia e NICs (Newly Industrialized Economies). 3 Questa teoria può non rivelarsi sempre valida: si pensi ad esempio ai problemi di contesto economico, incentivi inadeguati o inappropriati e restrizioni riscontrati dalle aziende cinesi in Africa. 1 2

3 vazioni in modo meno traumatico. Al tempo stesso una diversificazione geografica delle EMNCs può permettere alle stesse di essere meno soggette alla volatilità dell home market. Ma questi investimenti non portano soltanto benefici. Gli IDE promossi dai paesi avanzati devono sottostare a più rigidi standard internazionali, come quelli ambientali e lavorativi: in tal senso possono avere ricadute positive anche sull evoluzione sociale del paese destinatario. La mancata adesione a tali standard delle imprese delle nuove economie può invece portare, in alcuni casi, a critiche di dumping da parte dei paesi avanzati. Nonostante questi limiti la crescita degli investimenti Sud-Sud è un dato strutturale con il quale le imprese devono fare i conti a livello globale. Mediterraneo nel 2010? Un mare di opportunità Forti potenzialità per il commercio dell area. Il 2010 è l anno del previsto completamento dell area di libero scambio tra l UE e la regione mediterranea (EMFTA 4 ). L entrata a regime dell EMFTA rappresenterà il completamento dell asse della cooperazione economica del Partenariato Euro-Mediterraneo iniziato nel 1995 con la Conferenza di Barcellona. Sarà un mercato di oltre 250 milioni di persone. Nel 2006 si è posizionato al terzo posto dietro a Usa e Russia in termini di peso sul commercio dell UE. L incidenza della regione mediterranea sul commercio europeo è pari all 8,1% (4,2% se si esclude la Turchia). 4 Euro-Mediterranean Free Trade Area. I paesi partner mediterranei (MED) coinvolti sono: Algeria, E- gitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, Cisgiordania e Gaza (la Libia partecipa come osservatore). Ne facevano parte fino al 2004 anche Malta e Cipro che ora sono membri dell UE. La futura EMFTA Fonte: Questi paesi hanno importanza crescente per gli scambi con l Italia. Dal 2002 al 2006 l export italiano nell area è cresciuto del 37% arrivando a 17,1 miliardi di euro (5,2% sul totale), un valore che si avvicina alle esportazioni italiane verso i BRIC 5 (17,7 miliardi di euro), che rappresentano invece il 5,4% del totale. L Italia è però solo il terzo partner commerciale dietro Francia e Germania. Di fatto la sua collocazione nella graduatoria delle esportazioni e importazioni (per le quali risulta rispettivamente seconda e terza) con i paesi dell area è rimasta immutata dal 2000, nonostante i notevoli vantaggi della sua posizione geografica proiettata sul Mediterraneo. Nelle esportazioni dell UE l Italia è terza* Francia Gemania Italia Spagna *Mld Fonte: elaborazioni SACE su dati Eurostat Dal punto di vista dei MED è l UE il primo partner commerciale. Nel 2005 l UE ha fornito beni per valori superiori a 100 miliardi di euro e ne ha importati per 88 miliar- 5 Brasile, Russia, India e Cina. 3

4 di contando per oltre il 46% sul totale dell import-export dell area. I dati del 2005 sono il risultato di un tendenziale aumento dei flussi commerciali a partire dal 2000 che dimostra un intensificazione dei rapporti tra le due sponde del Mediterraneo. Malgrado l UE sia il primo partner per l area, vi sono notevoli differenze tra paesi. Conta infatti per oltre metà delle importazioni di Marocco e Tunisia, mentre ha un peso del 20% circa per Giordania e Siria. tolti i dazi per l ingresso nell UE dei prodotti mediterranei, mentre i MED stanno progressivamente riducendo le tariffe per l ingresso dei prodotti europei. Per agricoltura, servizi e investimenti i negoziati sono attualmente in corso. Il peso dei servizi sulla creazione di valore aggiunto* Egitto 100 Più scambi UE-MED* Israele 80 Siria Marocco 20 0 Algeria Tunisia Giordania Export Import Balance * Mld Fonte: elaborazioni SACE su dati Eurostat Il commercio euro-mediterranneo avviene soprattutto nei settori dell energia e dei beni d investimento. L UE risulta importatore netto nel settore energetico (in particolare da Egitto, Algeria e Siria) mentre esporta prodotti nel settore della meccanica strumentale, dei mezzi di trasporto, dell elettronica e elettrotecnica, nello specifico soprattutto veicoli di trasporto su strada e apparecchiature elettriche. Nella struttura economica dei MED sono i servizi ad avere la maggior quota sul PIL, mentre l agricoltura non supera il 20% in nessuno dei paesi. Il peso dei servizi si spiega con l importante ruolo rappresentato dal turismo nell area. In sei paesi dell area valgono per oltre la metà della formazione del valore aggiunto, mentre per Israele è particolarmente sviluppato l high-tech. In paesi come Algeria e Siria invece il petrolio resta la principale fonte di ricchezza. I negoziati per gli Accordi di Associazione hanno portato ad intese su basi reciproche ma asimmetriche, sono stati Turchia Libano Agricoltura Industria Servizi * 2005, % Fonte: elaborazioni SACE su dati World Bank e EIU Questo processo è accompagnato da un crescente supporto finanziario. In vista dell obiettivo del 2010, anche la BEI (Banca Europea per gli Investimenti) partecipa al sostegno dei paesi mediterranei tramite il FEMIP (Facility for Euro-Mediterranean Investment and Partnership). Oltre al settore pubblico, beneficiano dei prestiti del FE- MIP anche le imprese che effettuano investimenti nell area. Per il periodo sono previsti 8,7 miliardi di euro per finanziare investimenti nel settore privato, dei trasporti, dell energia, dell ambiente e delle telecomunicazioni. E stato recentemente deciso, ad esempio, un prestito di 260 milioni di euro destinato alla costruzione di due nuove centrali elettriche alimentate a gas che sorgeranno ad Al Atf e Sidi Krir in Egitto. Le grandi imprese italiane hanno già colto alcune delle opportunità nell area. Due grandi investimenti sono 4

5 stati realizzati proprio da imprese italiane a fine Nel settore bancario nell ottobre dello scorso anno Intesa San Paolo ha acquistato l 80% dell egiziana Bank of Alexandria per 1,6 miliardi di dollari creando uno dei maggiori poli finanziari del paese. Nel settore dell industria automobilistica la FIAT ha delocalizzato la produzione della nuova autovettura Linea (la cui vendita è prevista per i mercati esteri) in Turchia nell ambito della joint venture paritetica Tofaş (quotata alla Borsa di Instanbul), risultato della partnership tra Fiat Auto e Koç Holding. Molti altri grandi investimenti sono stati effettuati ultimamente nei paesi dell area, soprattutto nel settore bancario, energetico e del turismo. L Europa lavora anche per una maggiore integrazione a livello Sud- Sud. Il primo segnale è stata la firma nel 2004 dell Accordo di Agadir (in vigore dal 2006) per la creazione di un area di libero scambio tra Giordania, Egitto, Tunisia e Marocco. Il processo d integrazione regionale si allarga anche verso Medio Oriente. Oltre all Union du Maghreb Arabe (UMA), cui partecipano Algeria, Tunisia, Marocco, Libia e Mauritania si segnala la collaborazione all interno della Lega Araba tra alcuni paesi membri (soprattutto mediorientali) che ha portato alla nascita nel 2005 di un area di libero scambio tra i paesi coinvolti: un primo passo che dovrebbe portare in futuro ad includere i paesi dell Accordo di Agadir con lo scopo di creare una una Greater Arab Free Trade Area (GAFTA). Il risultato, proprio grazie ai paesi mediterranei, potrebbe essere un ampliamento delle zone di libero scambio. Si potrebbe pensare ad una grande area che possa unire dal punto di vista commerciale l Europa e il Medio O- riente proprio attraverso il Mare Nostrum (anche se su questo tipo di collaborazione molto dipenderà dall avvicinamento delle posizioni politiche). Un occasione e una sfida per il nostro paese che, per la posizione geografica, si ritroverebbe proprio al centro di questa macroarea Euro-MENA 6. FOCUS ECONOMICO Hedge Fund tra benefici e rischi sistemici Lo sviluppo finanziario ha reso il mondo più rischioso?. Questo il titolo di un working paper pubblicato dal NBER nell autunno del 2005 di Raghuram Rajan. Ne emerge che non necessariamente la ripartizione dei rischi tra gli agenti nei mercati è foriera di una maggiore stabilità finanziaria. Ciò non vuol dire però che la forte intensità dell innovazione finanziaria non abbia prodotto benefici economici netti. In una fase di forte crescita dei prezzi delle attività, tuttavia, i comportamenti degli operatori finanziari possono essere tali da favorire rischi sistemici, con un innalzamento rispetto al passato della probabilità di contagio legata al verificarsi di perdite o fallimenti apparentemente isolati. In molti segnalano la possibile accumulazione di rischi per la stabilità finanziaria. In un suo recente intervento, il Governatore della BCE Trichet ha sottolineato che la serie di turbolenze, negli ultimi anni, non deve condurre a un eccessivo ottimismo sulla capacità di tenuta del sistema in caso di forti shock avversi futuri, come ad esempio un calo improvviso e repentino nella liquidità dei mercati. Tali turbolenze possono infatti essere ricondotte a episodi negativi - temporanei e circoscritti minori, in un contesto macroeconomico robusto e caratterizzato da condizioni finanziarie molto favorevoli. Una particolare attenzione merita il comparto degli hedge fund 7, oltre che quello del pri- 6 L area MENA (Middle East and Northern Africa) comprende oltre ai già citati paesi MED: Bahrain, Iran, Iraq, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Yemen. 7 La Banca di Francia ha dedicato un edizione monografica speciale della sua Financial Stability Review, la n. 10 di aprile 2007, a questi fondi. 5

6 vate equity e dei mercati del trasferimento del rischio (in cui vengono scambiati strumenti come, ad esempio, i Credit Default Swap). Su questi aspetti si sono concentrate da tempo non solo le banche centrali ma anche il FMI, accademici e analisti e i regolatori. Hedge Fund: un settore in forte espansione. Un hedge fund può essere brevemente definito come un veicolo privato (disponibile solo per investitori istituzionali e individui con grandi patrimoni) di investimento collettivo, non regolamentato, che investe su attività di diverso genere. Tali attività sono in genere scambiate sui mercati e presentano un profilo di rischio elevato, spesso con un ricorso notevole alla leva finanziaria e a strumenti finanziari derivati. A partire dall inizio degli anni novanta, questi veicoli hanno registrato una forte espansione (la loro nascita risale alla fine degli anni quaranta); si è passati da 500 fondi circa nel 1990 a quasi fondi nel 2006, con un marcato incremento delle loro attività totali stimate. Un espansione nel numero e nei valori Numero dei fondi --- Attività stimate (scala dx, miliardi $) Fonte: Cole, Feldberg e Lynch (2007) su dati Hedge Fund Research. Queste ultime avevano un controvalore di meno di 50 miliardi di dollari nel 1990 e superiore a miliardi di dollari nel 2006, una cifra più di ventotto volte superiore rispetto a 16 anni fa, di tre volte superiore a quella del 2000 e più elevata del PIL nominale del Canada. I valori in esame sono inoltre risultati superiori sia alla capitalizzazione dei mercati azionari sia di quelli obbligazionari a livello mondiale. La crescita di questo strumento si è diffusa nei vari mercati. Non sorprende che gli hedge fund siano presenti per lo più nei paesi anglosassoni, specie Stati Uniti e Regno Unito, considerata la tradizione finanziaria di questi paesi. Tra i fondi con attività superiori a 1 miliardo di dollari, 282 hanno sede in otto città di questi paesi, guidate da New York e Londra. Parigi è la prima sede tra i paesi dell Europa continentale e un certo rilievo hanno anche Sydney e Tokyo. Va tuttavia evidenziato che negli ultimi anni il comparto ha iniziato a svilupparsi anche in alcune economie emergenti, soprattutto quelle della regione dell Asia-Pacifico. Le statistiche indicano che in questa regione si è passati da 200 fondi nel 2002, per un valore dell attivo di poco inferiore a 50 miliardi di dollari, a più di mille nel 2006, con un controvalore superiore a 125 miliardi di dollari, e si prevede che si arriverà a quasi nel Riferimento per questa area è Hong Kong, dove a marzo 2006 le attività complessive degli hedge fund hanno raggiunto quasi 35 miliardi di dollari. Questi fondi hanno un ruolo importante per l efficienza e la liquidità dei mercati. Vi è un accordo generalizzato sul fatto che gli hedge fund hanno favorito un funzionamento sempre più efficiente dei mercati finanziari. La loro natura speculativa garantisce la presenza sul mercato di soggetti disposti ad assumersi rischi che per altri soggetti non sarebbero gestibili, e quindi una migliore allocazione dei rischi finanziari. Questi fondi hanno sfruttato e sostenuto i- noltre una maggiore innovazione nelle tecniche di risk management. Ne deriva la maggiore rapidità di azione che li contraddistingue ma anche un problema di limitata trasparenza delle informazioni che potrebbe avere impatti economici negativi in caso di shock inattesi. Ma quanto è dipendente dalle condizioni di liquidità questa performance? Negli anni più recenti la forte crescita globale è stata il testimone della robustezza dei fon- 6

7 damentali dell economia. Il tutto in un quadro di bassa inflazione e conseguentemente di bassi tassi di interesse, con una liquidità molto elevata e un calo rilevante negli spread delle economie emergenti, ormai sempre più integrate a quelle industrializzate. Queste condizioni non sono destinate a durare ancora a lungo. E infatti già iniziata l inversione nelle politiche monetarie che hanno assunto un atteggiamento più restrittivo. I tassi reali stanno al momento aumentando ed economie come quelle cinesi e indiane iniziano a mostrare segni di surriscaldamento. Le aspettative sono oggi di un incremento della volatilità e della percezione dei rischi. I profitti aziendali sono ancora in crescita e anche l intonazione delle borse è positiva; la volatilità, misurata dall indice VIX, è ancora bassa. Guardando avanti, tuttavia, non vi è ragione in termini storici di pensare che la volatilità continuerà ad attestarsi sui suoi livelli minimi, come ormai da più di sei anni. Le previsioni sono inoltre o- rientate verso un inversione della dinamica degli spread dei paesi emergenti. Le interdipendenze tra hedge fund e sistema bancario sono oggi forti. Il ricorso elevato alla leva finanziaria degli hedge fund è anche un elemento di debolezza. Il fenomeno è cresciuto molto negli ultimi anni e con esso anche i complessi legami di esposizione con il mondo bancario, con il rischio che eventuali difficoltà che dovessero insorgere in un comparto non resterebbero ad esso circoscritte ma si diffonderebbero ad altri soggetti più facilmente. Da qui i recenti timori, finora sotto controllo, derivanti dalle insolvenze sui mutui immobiliari nel segmento sub prime negli Stati Uniti. E evidente che, in un contesto in cui le condizioni economico-finanziarie cambiano e le interdipendenze tra gli operatori sono così alte, le preoccupazioni riguardo agli effetti sulla liquidità derivanti da forti perdite degli hedge fund, in un momento di tensione sui mercati, aumentano. Un nuovo caso Long Term Capital Management (LTCM) in vista? Il fallimento del fondo LTCM nel con ripercussioni molto forti in termini di aumento della volatilità sui mercati offre una evidenza empirica dei potenziali impatti negativi legati a performance molto sfavorevoli degli hedge fund. Le recenti elevate correlazioni tra i rendimenti degli hedge fund, così come nel 1998, potrebbero indurre a pensare che la probabilità che un episodio del genere accada di nuovo siano ora elevate. Vi è in realtà una differenza rispetto al passato: l elevata correlazione è spiegata ora da una riduzione della volatilità nei rendimenti. Come ridurre i rischi? Il ruolo dei supervisori è cruciale nello stimolare un rafforzamento da parte degli intermediari dell analisi di risk management delle controparti e nel favorire una maggiore robustezza degli intermediari stessi di fronte a potenziali episodi di erosione della liquidità del mercato. Queste regole, che richiamano la disciplina di mercato, sono necessarie anche per gli altri operatori finanziari, affinché tengano a- deguatamente conto dei rischi all approssimarsi di condizioni di mercato meno favorevoli. Hanno collaborato a questo numero: Sara Marilù Piazza, Giordano Sampieri e Alessandro Terzulli. per maggiori informazioni: tel: Le opinioni espresse dagli autori negli articoli della presente newsletter non rappresentano necessariamente le posizioni del Gruppo 7

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

L industria alessandrina della gioielleria: il commercio internazionale Osservatorio Internazionale del Distretto di Valenza e del settore orafo Rocco Paradiso Valenza, 31.01.2008 1 Internazionalizzazione.

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Alla ricerca della crescita perduta:

Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca opportunità della crescita e ritorni perduta: di un Italia opportunità più internazionale. e ritorni di un Italia più internazionale. roma, 19 novembre

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi Napoli, 4 dicembre 28 Crisi finanziaria e recessione globale La situazione

Dettagli

INDAGINE TELEMARKETING

INDAGINE TELEMARKETING INDAGINE TELEMARKETING INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali

Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali Prof. Andrea Gilardoni Presidente Osservatorio OIR Rinnovabili 2.0 Roma, 18 aprile L Osservatorio e i suoi Partner Avviato nel 2008 dalla

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Scenari internazionali: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa premessa export strategia necessaria fatturato interno ed estero dell industria italiana indice mercato estero dal 2009

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Ulisse per le vendite all estero

Ulisse per le vendite all estero 1Sistema Informativo Ulisse per le vendite all estero Gennaio 2014 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO 2Sistema Informativo, In un contesto di forti cambiamenti dell ambiente

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

FOCUS ON. Violenza politica e terrorismo: piogge sparse o tempesta in arrivo? A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY

FOCUS ON. Violenza politica e terrorismo: piogge sparse o tempesta in arrivo? A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY FOCUS ON A cura dell Ufficio Studi Economici Violenza politica e terrorismo: piogge sparse o tempesta in arrivo? EXECUTIVE SUMMARY Gli eventi di queste settimane stanno riportando all attenzione gli impatti

Dettagli

Euler Hermes Aiutiamo le imprese a sviluppare il business in sicurezza

Euler Hermes Aiutiamo le imprese a sviluppare il business in sicurezza Euler Hermes Aiutiamo le imprese a sviluppare il business in sicurezza Euler Hermes leader mondiale dell assicurazione crediti, assiste i clienti in tutto il mondo nell affrontare consapevolmente i mercati

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo?

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? intende realizzare una serie di analisi per il provvedono alla strutturazione all andamento e alle prospettive Nel decennio tra il 1995 e il 2004, la produzione

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di:

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di: La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA A cura di: per: Unioncamere Lombardia Informazione economica per lo sviluppo locale Ottobre 2009 ii INDICE Introduzione... 5 1. La

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli