Insegna d esercizio. lettere singole. cassonetto ammessa solo a piano terra e non ad andamento verticale; ammesse nelle Zone B C D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegna d esercizio. lettere singole. cassonetto ammessa solo a piano terra e non ad andamento verticale; ammesse nelle Zone B C D"

Transcript

1

2

3 Insegna d esercizio L Insegna serve ad identificare il luogo ove si esercita un attività, attraverso un nome e/o un logotipo dell attività stessa. uò essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. È consentita l apposizione e l installazione sulle insegne di loghi pubblicitari relativi a prodotti venduti o servizi prestati. lettere singole sono ammesse solo al piano terra; ammesse nelle Zone A B C D INSEGNE frontali Vengono applicate al paramento esterno di un edificio, presentano sempre la faccia decorata o scritta parallela alla facciata dell edificio. ossono essere di tipo: murales, iscrizioni dipinte, trompe l oeil, graffiti se si trovano sul fronte dell edificio devono limitarsi al livello del piano terreno. Sono consentite su fronti ciechi in situazioni dove altra tipologia d insegna non è compatibile, intese a rivalutare il contesto compositivo architettonico degli edifici di cui trattasi; ammesse nelle Zone B C D cassonetto ammessa solo a piano terra e non ad andamento verticale; ammesse nelle Zone B C D filamento neon ammesse solo al piano terra e ad un solo file ; ammesse nelle Zone B C D plance, pannelli sono ammesse solo al piano terra; ammesse nelle Zone A B C D bassorilievi, sculture, fregi, mosaici ammesse nelle Zone A B C D

4 Insegne a giorno Strutture esterne all edificio, autonome o raggruppate su un unico elemento espositivo, leggibili da opposte direzioni. ossono essere di tipo: su palo le strutture di supporto non devono risultare prevalenti rispetto all insegna. Non deve aggettare sulla carreggiata. Il montante deve garantire sempre un passaggio libero 120 cm., al fine di rispettare, tra l altro, anche la normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche; ammesse nelle Zone B C D Insegne a bandiera Applicate al paramento esterno di un edificio sempre perpendicolarmente ad esso, possono presentare una o due facce decorate. Devono avere un altezza non inferiore a m. 2,50 dal marciapiede rialzato o dal sedime stradale. La distanza dal muro deve essere al massimo di m. 0,20. La dimensione dell insegna deve essere al massimo di m. 0,50x0,70 ossono essere di tipo: stendardi fissi, sculture, trafori consentite solo al piano terra; ammesse nelle Zone A B C D plance, pannelli consentite solo al piano terra; ammesse nelle Zone A B C D su tetto non può essere aggettante rispetto il filo di costruzione. Le strutture di supporto non devono risultare prevalenti rispetto all insegna. Sono consentite esclusivamente all interno di un progetto d insieme. Zone ammesse: da valutare in relazione al caso specifico lettere singole ammesse nelle Zone B C D Edifici integralmente destinati ad attività commerciale o artigianali possono contenere insegne anche diverse dalle indicazioni di cui sopra, previste e studiate all interno di un progetto di insieme.

5 Insegna d esercizio Altre tipologie su chioschi Su chioschi isolati, ad esempio: bar, tabacchi, rivendita giornali, ecc., è ammessa se posta in aderenza alle pareti perimetrali o nei vani predisposti. Sono vietate le collocazioni sopra le coperture a giorno. vetrofanie Sono adesivi applicati sulla vetrina. Devono essere collocate all interno delle vetrine ubicate ai piani terra o nelle aperture poste al piano superiore aperte su percorsi o piazze (solo se costituiscono pertinenza di attività prive di vetrina al piano terra); ammesse nelle Zone A B C D su ende uò contenere scritte indicanti la tipologia di attività svolta. vetrografie Vengono realizzate direttamente sulla vetrina (smerigliatura, incisione con acido, ecc.); ammesse nelle Zone A B C D

6 targa Indica professioni ed attività in genere. La sua installazione deve avvenire nella sede di esercizio dell attività. Nel caso di targhe indicanti professioni ed attività dislocate all interno di palazzi, le stesse devono essere collocate a lato della porta di accesso al palazzo. Sono ammesse targhe metalliche o di materiale plastico di dimensioni massime cm 40x40 apposte su supporti e perfettamente allineate in senso. DESCRIZIONE ZONE Zona A: area a carattere prevalentemente storico, artistico e di particolare pregio ambientale compreso parte del nucleo storico delle Frazioni; Zona B: restante parte del centro e vie di percorrenza urbana di interesse comunicativo. Servizi di importanza pubblica: ospedale, stazione FFSS, vie di accesso al centro e zone di interesse sportivo; Zona C: parte residuale dei Centri abitati e delle Frazioni; Zona D: zona posta esternamente alla delimitazione dei Centri abitati. Sono ESENI dall imposta sulla pubblicità: le insegne, le targhe e simili apposte per l individuazione delle sedi di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non persegua scopo di lucro; le insegne, le targhe e simili la cui esposizione sia obbligatoria per disposizione di Legge o di regolamento sempre che le dimensioni del mezzo usato, qualora non espressamente stabilite, non superino il mezzo metro quadrato di superficie; le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a 5 mq. Informazioni preliminari alla progettazione circa le modalità e le tipologie di intervento possono essere richieste all Ufficio Edilizia. Se INVECE le insegne sono collocate all interno della vetrina, e comunque non aderenti alla stessa:

7 reinsegne Con il termine preinsegna si intende la scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento, ed eventualmente da simboli e da marchi, finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa. Devono essere installate unicamente sulle strade che conducono direttamente al luogo segnalato e, salvo casi di impossibilità, non oltre i 10 Km di distanza dal luogo. Non può essere luminosa né per luce propria né per luce indiretta. La segnaletica di cui si occupa il GI del Comune di Aosta è la seguente: industriale, artigianale, commerciale; alberghiera. L onere per la fornitura, per l installazione e per la manutenzione dei suddetti segnali è a carico del soggetto interessato all installazione. È consentita la collocazione di un solo impianto di segnaletica verticale di indicazione, in corrispondenza di ogni incrocio che necessiti di segnalazione, per ogni senso di marcia. Segnale di direzione per le industrie Nel caso in cui, in corrispondenza di un particolare incrocio, sia necessario segnalare l avvio ad un numero elevato di soggetti di rilevanza economica, potrà essere autorizzata la collocazione di ulteriori impianti, sul medesimo senso di marcia e in corrispondenza del medesimo incrocio; IN RESENZA DEL CONCESSIONARIO individuato dal Comune a seguito di gara ad evidenza pubblica, la fornitura, l installazione e la manutenzione dei suddetti segnali è a carico del Concessionario stesso, al quale l utente dovrà rivolgersi e al quale dovrà corrispondere il canone di noleggio dei segnali. La normativa di riferimento per forma, dimensione, colore, caratteri e simboli delle preinsegne è il Codice della Strada e relativo Regolamento di Esecuzione e di Attuazione. In assenza del concessionario In presenza del concessionario Rivolgersi direttamente al concessionario. Due orri Colomba d oro Grand Hotel Accademia Croce bianca Europa Firenze Vittoria San Luca Mercurio Sole Re Umberto Roma Caligari orino Manzetti Scaligera iccolo Segnale di preavviso alberghiero Segnale di direzione alberghiera Segnale di informazione alberghiera

8 ubblicità nei cantieri elo pittorico, pannello pubblicitario di cantiere Nei cantieri è possibile effettuare pubblicità mediante l esposizione di teli pittorici e pannelli pubblicitari. Il telo pittorico deve riportare il prospetto dell edificio oggetto dell intervento o l immagine di un opera d arte che ha attinenza con l edificio o un immagine con alto contenuto artistico oppure colorazione monocromatica. L eventuale messaggio pubblicitario va inserito organicamente nella gigantografia e deve essere circoscritto in un riquadro che lo astrae da tutta la superficie dell impianto. ale messaggio può contenere loghi o marchi delle ditte o dei materiali inerenti il cantiere, pubblicità inerenti la vendita degli immobili riferiti al cantiere stesso, nonché eventuali sponsor (per sponsor si intende un soggetto terzo che ha contribuito economicamente all opera e che, come, tale può pubblicizzare la propria immagine). Nella Zona A del GI (indicativamente corrispondente al centro Storico), il messaggio pubblicitario può occupare al massimo il 20% della superficie totale del telo. In caso di utilizzo di ponteggi predisposti per l esecuzione di interventi di conservazione di beni tutelati come beni culturali, è necessario il preventivo nulla osta o assenso della copertura per fini pubblicitari da parte della Soprintendenza BAC. L esposizione di tale manufatto, se in aree sottoposte a tutela, necessita della preventiva autorizzazione alla posa rilasciata dalla Soprintendenza Beni e Attività Culturali Con il pannello pubblicitario di cantiere possono essere pubblicizzati esclusivamente le ditte e i materiali inerenti il cantiere, nonché l attività di vendita degli immobili riferiti al cantiere specifico. Sono esclusi dall applicazione delle presenti disposizioni le tabelle di cantiere, la cui esposizione è regolamentata dalle vigenti leggi in materia. * Contestualmente all istanza di concessione edilizia o della DIA deve essere prodotto un bozzetto indicante la rappresentazione del telo ** roducendo titolo edilizio

9 ubblicità effettuata con veicoli in genere UBBLICIÀ ER CONO RORIO ermanente L imposta non è dovuta per la pubblicità effettuata per conto proprio su veicoli di proprietà dell impresa (marchio che contraddistingue il bene o il servizio, segno distintivo dell impresa, ragione sociale - sia per esteso che sotto forma di sigla - dell indirizzo, del sito web, dell indirizzo di posta elettronica, del numero di telefono, del numero di fax e simili) purché l iscrizione non sia apposta più di due volte sul veicolo. UBBLICIÀ ER CONO ERZI La pubblicità per conto terzi è consentita esclusivamente: sui veicoli adibiti al trasporto pubblico di linea e non di linea (pullman a noleggio); sui veicoli adibiti al servizio taxi. emporanea La pubblicità effettuata a mezzo delle cosiddette Vele pubblicitarie (veicoli ad uso speciale destinati ed attrezzati a mostra pubblicitaria), purché immatricolati per uso di terzi mediante locazione senza conducente, deve essere svolta dal locatario del mezzo per pubblicizzare la propria attività ed i propri prodotti, esclusivamente sulla sede stradale e sulle rispettive pertinenze, obbligatoriamente con veicolo in movimento. Su detti veicoli, se in sosta, la pubblicità dovrà essere rimossa o coperta, in modo tale che sia privata di efficacia.

10 Distribuzione di materiale pubblicitario e di locandine Sul territorio del Comune di Aosta è consentita la distribuzione di manifestini o altro materiale pubblicitario (volantini). È invece VIEAO il lancio e la collocazione degli stessi o di altro materiale pubblicitario sui veicoli in sosta. All atto della compilazione della Dichiarazione di ubblicità dovranno essere indicati i nominativi delle persone impiegate nella distribuzione, per ogni giorno o frazione. Le locandine (di formato inferiore a ½ mq) possono essere esposte esclusivamente sulle vetri- ne e/o all interno dei locali aperti al pubblico. Dovranno essere obbligatoriamente rimosse entro la data di scadenza riportata sul timbro apposto dall AS all atto della compilazione della Dichiarazione di ubblicità. ubblicità fonica er pubblicità fonica, si intende la diffusione di qualsiasi messaggio pubblicitario o di propaganda in genere, con esclusione dei messaggi di pubblico interesse disposti dall Autorità di pubblica sicurezza. ubblicità FONICA EFFEUAA CON AUOVEICOLI All interno dei Centri Abitati, è consentita dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 17,00 alle ore 19,00, esclusi i giorni festivi ed il periodo dal 1 al 4 novembre compresi, di ogni anno. Fuori dai centri abitati è consentita dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,30 alle ore 19,30. È vietata nelle aree particolarmente protette quali per esempio zone Ospedale, Case di Riposo, Chiese, Scuole, ecc.. Il livello sonoro non deve superare i limiti di emissione previsti dal D..C.M Il rilascio dell autorizzazione è subordinato alla presentazione di apposita istanza corredata da una relazione di previsione di impatto acustico di cui all art. 13, commi 1 e 2 della L.R. 20/2009 (e s.m.e i.), da presentarsi almeno 15 giorni prima dell effettivo inizio dell attività, contenente l indicazione di ogni veicolo o mezzo utilizzato per lo svolgimento dell attività, l iniziativa specifica che si intende promuovere, la durata, il luogo e il percorso. ubblicità FONICA DA OSO FISSO (CON OCCUAZIONE DEL SUOLO UBBLICO) In questo caso occorre ottenere la concessione di occupazione del suolo pubblico.

11 Impianto rimovibile delle attività artigianali e commerciali I titolari di attività commerciali possono collocare, prospicienti il fabbricato in cui ha sede la loro attività o nelle aree di pertinenza della stessa (quali ad esempio i dehors), uno dei seguenti tipi di mezzo pubblicitario: cavalletto, totem, menu, espositore, ecc., il cui formato massimo complessivo non può superare i mq. 2 (il menu: massimo mq. 1). In presenza di marciapiede, tale manufatto deve essere posto a m. 1,50 a filo del fabbricato; in assenza di marciapiede, su aree pedonali e a ZL, deve garantire un passaggio di almeno m. 3,50 per il transito dei mezzi di soccorso. Qualora l impianto abbia la funzione di indicare la direzione per raggiungere l attività, il mezzo, che può essere solo di tipo cavalletto o totem, di formato massimo complessivo di mq. 2, deve essere posto nel raggio di 15 metri. In presenza di marciapiede, deve garantire un passaggio libero sullo stesso non inferiore a m. 1,50 a filo del fabbricato; in assenza di marciapiede su aree pedonali e a ZL deve garantire un passaggio di almeno m. 3,50 per il transito dei mezzi di soccorso. RESCRIZIONI ARICOLARI er motivi di sicurezza il manufatto deve essere adeguatamente ancorato al suolo tramite idonei contrappesi, fioriere, ecc., ma deve anche essere facilmente rimovibile. Deve essere realizzato con caratteristiche di finitura tali da non recare danno ai passanti. Alla chiusura giornaliera dell attività, l impianto va ricoverato all interno dell attività stessa. Deve essere posizionato in maniera tale da non arrecare disagio o disturbo alle altre attività artigianali, commerciali o esercizi pubblici presenti in loco.

12 Bandiera e otem L installazione permanente di queste tipologie di mezzi pubblicitari è ammessa esclusivamente su aree private e di pertinenza accessoria all attività commerciale a cui si riferisce, percepibili da luoghi pubblici, per la promozione di beni o servizi per conto proprio. RESCRIZIONI ARICOLARI Bandiere Numero massimo consentito: 5 (cinque) Superficie massima: mq. 3 ciascuna Altezza massima del supporto: mq. 8. otem Superficie espositiva complessiva massima: mq. 10 L esposizione di tale manufatto, se in aree sottoposte a tutela, necessita della preventiva autorizzazione alla posa rilasciata dalla Soprintendenza Beni e Attività Culturali Segno orizzontale reclamistico La riproduzione sulla superficie stradale, con pellicole adesive, di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e di marchi, finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici è ammessa unicamente all interno di aree private ad uso pubblico di pertinenza di complessi industriali e commerciali. Deve essere realizzata con materiali antisdrucciolevoli, rimovibili, ma ben ancorati nel momento dell utilizzo alla superficie stradale.

13 Vetrina pubblicitaria Con il termine vetrina pubblicitaria si intende l esposizione di cartelli o di altri impianti pubblicitari, che abbiano relazione con l attività stessa, all interno di una vetrina. ale forma di pubblicità è esente dall imposta sulla pubblicità qualora la superficie complessiva dei cartelli o degli altri mezzi pubblicitari, nel loro insieme, non supera il mezzo metro quadrato per ciascuna vetrina. La pubblicità in vetrina, quando effettuata per vendite straordinarie, deve essere accompagnata dall assolvimento degli adempimenti amministrativi relativi a tale attività. Vetrina pubblicitaria Vendita straordinaria Bacheca uò essere utilizzata esclusivamente per la diffusione di messaggi pubblicitari per conto proprio, inerenti l attività svolta. Deve essere collocata in aderenza o a filo del fronte della sede dell attività, con una sporgenza massima dal filo esterno della muratura non superiore a otto centimetri. La superficie massima consentita è di mq. 1,5. ale struttura non può essere utilizzata come spazio porta insegna. È ammessa anche a servizio di locali d intrattenimento quali eatri e Cinema. L esposizione di tale manufatto, se in aree sottoposte a tutela, necessita della preventiva autorizzazione alla posa rilasciata dalla Soprintendenza Beni e Attività Culturali

14 Schermo luminoso È ammesso l utilizzo di visori all interno di un attività commerciale, in luoghi pubblici o aperti al pubblico o da tali luoghi percepibili, per l effettuazione di pubblicità sia per conto proprio, dell attività o dei prodotti venduti e dei servizi prestati, sia per conto terzi (a condizione, in quest ultimo caso, che lo schermo non sia aderente alla vetrina e non sia visibile dall esterno). Il formato massimo consentito è di mq. 1,5. Se aderente alla vetrina: Se all interno dell attività: ubblicità nelle stazioni di rifornimento carburante Nelle Stazioni di servizio è ammessa una superficie pubblicitaria complessiva pari all 8% della dimensione della stazione di servizio stessa (mq totali). La pubblicità luminosa sulla struttura dovrà essere limitata alla scritta dell insegna. Il calcolo della superficie pubblicitaria esposta sarà dato dalla sommatoria delle superfici di cartelli, mezzi pubblicitari in genere e insegne di esercizio contenute nella stessa area (dal computo sono esclusi quelli attinenti ai servizi prestati presso la Stazione). Fuori dai Centri abitati può essere autorizzata la collocazione, per ogni senso di marcia, di una sola insegna di esercizio per ogni stazione di riforni- mento di carburante e stazione di servizio, della superficie massima di 4 mq.. Se temporaneo Se permanente

15 Mezzi pubblicitari in occasione di manifestazioni In occasione di manifestazioni, spettacoli, mostre, iniziative di tipo culturale, sportivo, istituzionale, regolarmente autorizzati, è possibile posizionare mezzi pubblicitari quali striscioni, striscioni in sopraelevazione, stendardi, bandiere, segni orizzontali reclamistici, totem, proiezioni luminose, aeromobili, palloni frenati, gonfiabili, schermi luminosi, correlati ai relativi eventi, unicamente durante il periodo di svolgimento della manifestazione o evento a cui si riferiscono, oltre che, se espressamente richiesto, durante i 7 giorni precedenti e le 24 ore successive alla stessa. Al termine della manifestazione è fatto obbligo di rimuovere il tutto ripristinando le situazioni ed i luoghi allo stato originario, senza creare alcun danno al patrimonio pubblico. CONDIZIONI ARICOLARI ER L ESOSIZIONE DI ALCUNI MEZZI Striscioni ossono essere collocati esclusivamente sui manufatti e attrezzature utilizzati nell ambito della manifestazione, quali gazebo, transenne e simili. Il formato massimo ammesso è di mq. 2 per ogni singolo striscione. Striscioni in sopraelevazione Il formato massimo ammesso è di mq. 6. Devono essere collocati ad un altezza minima di m. 5,10 da terra e fissati in condizioni di totale sicurezza. È VIEAO l uso di pali della pubblica illuminazione, di alberi ed elementi di edificio che non ne garantiscano la stabilità e la sicurezza, come supporto. L esposizione di tale manufatto, se in aree sottoposte a tutela, necessita della preventiva autorizzazione alla posa rilasciata dalla Soprintendenza Beni e Attività Culturali Stendardi: È ammessa l esposizione unicamente in occasione di manifestazioni culturali, istituzionali, espositive di particolare interesse generale, organizzate da Enti ubblici erritoriali. La superficie massima del singolo stendardo non può essere superiore a mq. 2,00. Devono essere collocati ad un altezza minima di m. 3,00 da terra, esclusivamente sui pali della pubblica illuminazione, previo ottenimento nulla osta tecnico da parte dell ente proprietario, in numero non superiore a 20 mezzi recanti lo stesso messaggio, per lo stesso periodo. Non devono costituire ostacolo alla vista dei cartelli di segnaletica stradale, degli impianti semaforici e alla visibilità in prossimità delle intersezioni stradali.

16 Bandiere La superficie massima ammessa per ogni singolo mezzo, che può essere a sviluppo verticale o orizzontale, è di 3 mq. L altezza massima del supporto è fissata in mq. 8. L esposizione di tale manufatto, se in aree sottoposte a tutela, necessita della preventiva autorizzazione alla posa rilasciata dalla Soprintendenza Beni e Attività Culturali roiezioni luminose Qualora le immagini, scritte, simboli o fasci di luce siano proiettati su Edifici Monumento o Edifici Documento è necessaria la preventiva autorizzazione rilasciata dalla Soprintendenza B.A.C. Segni orizzontali reclamistici Devono essere realizzati con materiali antisdrucciolevoli, rimovibili ma ben ancorati, nel momento dell utilizzo, alla superficie stradale. L installazione è ammessa sulle carreggiate stradali solo per indicazioni connesse a manifestazioni su strada o competizioni sportive. I segnali devono essere rimossi prima del ripristino della normale circolazione. otem La superficie espositiva massima, complessiva, consentita è di mq. 10. L esposizione di tale manufatto, se in aree sottoposte a tutela, necessita della preventiva autorizzazione alla posa rilasciata dalla Soprintendenza Beni e Attività Culturali Aeromobili, palloni frenati, gonfiabili L aeromobile è un pallone aerostatico libero e pubblicitario, privo di strumenti di manovra e direzione; se provvisto di motore è un dirigibile. Il pallone frenato, utilizzato come mezzo pubblicitario, si distingue per essere vincolato al suolo mediante uno o più cavi. Schermi luminosi La collocazione di questa tipologia di mezzi pubblicitari è ammessa esclusivamente nelle aree pedonali e a ZL, senza limiti di formato. * Laddove l esposizione del mezzo sia soggetta al pagamento del Canone occupazione Spazi ed Aree pubbliche il contribuente dovrà recarsi presso l Ufficio ributi COSA - iazza Chanoux, 1 iano 2 - orario: dal lunedì al venerdì 8,30-12,00 e 14,30-16,15, per la determinazione, se dovuto, dell importo da versare. ** revia presentazione al Gestore dell imposta comunale sulla pubblicità di apposita: dichiarazione sostitutiva di notorietà che il manufatto è stato calcolato e realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantire stabilità e che esso è realizzato con materiale non deteriorabile e resistente agli agenti atmosferici; dichiarazione sostitutiva di notorietà, con la quale si attesta che l opera sarà realizzata in conformità alle norme vigenti in materia.

17 Sponsor Comune di Aosta Il Comune di Aosta (in qualità di sponsee) offre negli ambiti delle proprie attività (interventi pubblici, servizi, eventi, ecc.), ad un privato (sponsor), che si impegna a pagare un determinato corrispettivo nell ambito di un rapporto contrattuale di sponsorizzazione, la possibilità di pubblicizzare la propria ragione sociale, il logo, il marchio della propria attività, su appositi e predefiniti spazi pubblicitari (cartelli posizionati su rotonde o aree verdi comunali se trattasi di sostegno ad opere pubbliche o servizi), oppure su altri impianti temporanei se trattasi di contributo erogato per l organizzazione di eventi promossi dalla stessa Amministrazione Comunale. Rivolgersi allo sponsoring del Comune di Aosta el Fax

18 ubblicità spettacoli viaggianti Circhi, luna-park, ecc. Unicamente in occasione di spettacoli viaggianti quali Circhi, Luna ark e simili, possono essere posizionati mezzi pubblicitari di tipo cartello (elemento mono/bifacciale con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari), di sagoma regolare rettangolare o quadrata. Devono essere opportunamente ancorati, esclusivamente ai pali dell illuminazione pubblica di determinate Vie espressamente individuate dal vigente GI. ossono essere posizionati al massimo numero 50 cartelli, recanti lo stesso messaggio e per lo stesso periodo, di superficie massima di mq. 1,50 per faccia. Il bordo inferiore del cartello deve risultare posto ad una quota non inferiore a m. 2,20 rispetto al terreno o banchina stradale e non deve ostacolare la visibilità dei cartelli di segnaletica stradale, degli impianti semaforici nonché la visibilità in prossimità delle intersezioni stradali. È VIEAO utilizzare alberi e impianti di segnaletica stradale come supporti. La durata dell esposizione deve essere limitata al periodo di svolgimento dell evento, oltre che, se espressamente richiesto, durante i 7 giorni precedenti e le 24 ore successive allo stesso. Entro tale data ultima è fatto obbligo rimuovere il tutto ripristinando le situazioni e i luoghi allo stato originario e senza creare alcun danno al patrimonio pubblico. Elenco delle Vie in cui è ammessa la collocazione di tale tipologia di mezzo pubblicitario, da fissarsi esclusivamente ai pali dell illuminazione pubblica: Saint Martin de Corlèans XXVI Febbraio Federico Chabod Ivrea (nel tratto compreso tra via Clavalité e iazza Vuillermin) Clavalité Caduti del Lavoro Carrel Carducci artigiani Battaglione Aosta Chambery iccolo San Bernardo I maggio Vittime del Col du Mont Strada aravera (ovest)

19

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti Comune di Medicina AREA GETIONE DEL TERRITORIO tel. 051 6979208; fax. 051 6979222 Medicina, 15/12/2010 Approvato dalla QUAP in data 15/12/2010 Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Cervia, agosto 2010 Approvato con atto C.C. n. 72 del 19.11.2001 Modificato con atto C.C. n. 16 del 29.04.2011 1 2 INDICE TITOLO I

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005)

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) Art. 1 Efficacia. 1. Il presente piano costituisce, assieme

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte Marca da bollo da Euro 16,00 Settore 3 - Servizio Mezzi Pubblicitari - N Spazio riservato all Ufficio) Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte P.zza Vittoria, 47 56020 Santa Maria a Monte PI RICHIESTA

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri Comune di Faenza Settore Territorio P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I E D E G L I I M P I A N T I P E R L E P U B B L I C H E A F F I S S I O N I. - A D E G U

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI COMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993 n. 360

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE Imposta Comunale Pubblicità e Diritto Pubbliche Affissioni Comune di Cesano Maderno (MB) Gestore: ASSP S.p.A. Via Garibaldi n. 20 Cesano Maderno (MB) Telefono 0362/6445205 Fax 0362/553963 e-mail: affissioni@assp.it

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Comune di Pero Provincia di Milano PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE TAVOLA DELLA ZONIZZAZIONE Art. 3 D. Lgs. 507 del 15/11/1993 Approvazione con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE Comune di Trieste Area Pianificazione Territoriale REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE INDICE TITOLO I AMBITO APPLICATIVO, DEFINIZIONI

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

COMUNE DI EDOLO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI EDOLO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI EDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE AFFISSIONI E PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CAPRIOLO PROVINCIA DI BRESCIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 01.06.2012 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA COMUNE DI BOVOLONE Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

COMUNE DI TROFARELLO

COMUNE DI TROFARELLO COMUNE DI TROFARELLO UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, PUBBLICITARIE, DELLA CARTELLONISTICA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO SULLA

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI A CARATTERE TEMPORANEO E PERMANENTE APPROVATO CON

Dettagli

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE 1 PARTE TERZA Norme di attuazione Sommario: Premessa pag. 3 Norme

Dettagli

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATO IN VIGORE IL

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATO IN VIGORE IL Regolamento sulla disciplina per la collocazione delle insegne di esercizio, pubblicitarie, della cartellonistica RO/048/PROD CITTA DI SANTENA NORMAZIONE Edizione 1 Revisione 0 EDIZIONI ESTREMI ATTO DI

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI COMUNE DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO PER L INSTALLAZIONE Approvato

Dettagli

COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme volume III ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 198/49697 P.G. NELLA SEDUTA DEL 17/11/1997 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI N. 32/I74491 NELLA

Dettagli

COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino

COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE CITTÀ DI PALAZZOLO SULL'OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 90 del 29/11/2008 Modificato

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Città di Trevi Provincia di Perugia Imposta comunale sulla pubblicità PG TRIB 006 Rev 00 11-04-13 UFFICIO TRIBUTI Dove rivolgersi Ufficio Tributi- Piazza Mazzini 21 Tel. 0742/332233 Fax 0742332237 Orario

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio 08020 Piazza Giubileo Tel. 0784-844007 Fax. 0784-844420 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE

Dettagli

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità Comune di Castenaso Le guide dell URP Informazioni utili sull imposta di pubblicità 1 COS È È una imposta che si applica sulle esposizioni pubblicitarie, visive o acustiche, nell ambito del territorio

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato IMPOSTA DI PUBBLICITÀ E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs n.507/93 art. 12 - Categoria normale - Pubblicità ordinaria (insegne,

Dettagli

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 27.11.2008 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MACERATA REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MACERATA REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MACERATA REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 114 del 19 dicembre 2007. Esecutiva il 07 gennaio 2008 Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA Provincia di Rimini REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 1 di 15 INDICE Articolo 1 - Ambito di applicazione del regolamento 3 Articolo 2 - Suddivisione

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti Che cos è l imposta sulla pubblicità? Come l occupazione di suolo pubblico, l ICI o la tassa sui

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ALL. C) COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA RISORSE SERVIZIO ENTRATE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Capo I NORME DI CARATTERE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato del. C.C. n. 11 del 29.01.2010 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE CONCERNENTE LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO

ORDINANZA MUNICIPALE CONCERNENTE LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO ORDINANZA MUNICIPALE CONCERNENTE LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO del 2 dicembre 2013 Il Municipio di Bioggio, richiamato l art. 192 LOC (Legge Organica Comunale),

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI FOLLINA Via Martiri della Libertà n. 5 C.A.P. 31051 PROVINCIA DI TREVISO C.F. 84000810261 - P.IVA 00538080268 Tel. 0438 9733 Fax 0438 970008 mail : segreteria@comune.follina.tv.it REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome)..

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome).. AREA 3 Comune di Torri di Quartesolo Via Roma, 174 36040 TORRI DI QUARTESOLO (VI) Codice Fiscale Partita Iva : 00530900240 Posta Elettronica Certificata (PEC) : torridiquartesolo.vi@cert.ip-veneto.net

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Tipologia Tariffa annua Tariffa giornaliera. Insegne d esercizio non luminose 11.40 0.83. Insegne d esercizio luminose 33 1.03. Preinsegne 11.40 0.

Tipologia Tariffa annua Tariffa giornaliera. Insegne d esercizio non luminose 11.40 0.83. Insegne d esercizio luminose 33 1.03. Preinsegne 11.40 0. Allegato A Tariffe Canone Pubblicità (Delibera di C.C. n. 8 del 13/02/2002) L importo delle seguenti tariffe è calcolato per ciascun metro quadro di superficie occupata dal messaggio. Se la superficie

Dettagli

REGOLAMENTO. DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI SU AREE PUBBLICHE O di USO PUBBLICO E SU AREE PRIVATE TITOLO I CAPO I CAPO II

REGOLAMENTO. DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI SU AREE PUBBLICHE O di USO PUBBLICO E SU AREE PRIVATE TITOLO I CAPO I CAPO II REGOLAMENTO -Disciplina degli impianti pubblicitari su aree pubbliche o di uso pubblico. -Disciplina degli impianti pubblicitari su aree private. -Disciplina delle pubbliche affissioni. PARTE I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con delibera di consiglio comunale n. 31 del 29.12.1995 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE COMUNE DI FORLI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI - MODIFICHE - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI MODIFICHE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

RICHIEDENTE: Persona fisica: Cognome... Nome.

RICHIEDENTE: Persona fisica: Cognome... Nome. Marca da bollo 16,00 Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Bollate OGGETTO: istanza per la diffusione di messaggi pubblicitari. RICHIEDENTE: Persona fisica: Cognome... Nome.. Nato

Dettagli

NORME TECNICHE (aggiornate con l inserimento delle insegne d esercizio, dicembre 2012).

NORME TECNICHE (aggiornate con l inserimento delle insegne d esercizio, dicembre 2012). COMUNE DI LEGNAGO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D.L.gs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.L.gs. 10 settembre 1993

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, DEI CARTELLI PUBBLICITARI E DELLE TENDE SOLARI NEGLI AMBITI DI CONSERVAZIONE

REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, DEI CARTELLI PUBBLICITARI E DELLE TENDE SOLARI NEGLI AMBITI DI CONSERVAZIONE COMUNE di SARSINA PROVINCIA di FORLI' - CESENA Adottato Approvato con Del. C. C. n.20 del 03.04.2008 con Del. C. C. n. REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, DEI CARTELLI PUBBLICITARI

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

COMUNE DI CARDITO (Provincia di Napoli ) *****

COMUNE DI CARDITO (Provincia di Napoli ) ***** PP COMUNE DI CARDITO (Provincia di Napoli ) ***** REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE E PER

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI. Approvato con delibera di C.C.

COMUNE DI CAVEZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI. Approvato con delibera di C.C. COMUNE DI CAVEZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con delibera di C.C. SOMMARIO TITOLO I PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI...4 CAPO I -

Dettagli

REDATTO DALL UNITA DI PROGETTO INTERSETTORIALE ISTITUITA CON ORDINE DI SERVIZIO S.G. NR. 20 DEL 26.07.2007 COMPOSTA DAI SIGNORI:

REDATTO DALL UNITA DI PROGETTO INTERSETTORIALE ISTITUITA CON ORDINE DI SERVIZIO S.G. NR. 20 DEL 26.07.2007 COMPOSTA DAI SIGNORI: approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 18 del 24.3.2009 integrato e modificato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 73 del 24 novembre 2009 REDATTO DALL UNITA DI PROGETTO INTERSETTORIALE

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499 SETTORE 2 UFFICIO TECNICO COMUNALE marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) SPETT.LE COMUNE DI PONTE SAN PIETRO P.ZZA DELLA LIBERTA, 1 (BG) Oggetto: Domanda di autorizzazione per

Dettagli