GAZZETTINO venerdì 17 gennaio Indice articoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GAZZETTINO venerdì 17 gennaio 2014. Indice articoli"

Transcript

1 GAZZETTINO venerdì 17 gennaio 2014 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata esclusivamente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli REGIONE (pag. 2) Salasso-casa, obbligatorio scegliere l aliquota più alta Santoro: torna il fondo nazionale, in arrivo un milione per il Friuli Vg Quattro doppioni da tagliare: 3 sono a Udine Progetti europei per 430 milioni dal 2014 al 2020 Province, crepe nella maggioranza UDINE (pag. 5) "Friulana Bitumi" al capolinea Il Consorzio manifesta l interesse e il caso approda in Parlamento PORDENONE (pag. 6) L'ultima chiamata per salvare Electrolux (2 articoli) Bollette gonfiate, sono gli anziani le principali vittime Crisi alla Moro. Quaranta esuberi Ciriani alla Regione: «Paga gli incentivi per le assunzioni»

2 REGIONE Salasso-casa, obbligatorio scegliere l aliquota più alta Antonella Lanfrit UDINE - Con l'arrivo del nuovo tributo sulla casa, la Tasi, per i cittadini del Friuli Venezia Giulia sarà come se l'imu prima casa persistesse. Per i Comuni, poi, di fatto non vi sarà la possibilità di scegliere quale aliquota applicare, come invece previsto dalla legge. Dovranno adottare la percentuale massima (3,3-3,5%, non è ancora definitiva) abbassando contemporaneamente le detrazioni previste gli scorsi anni. È il quadro emerso l'altro giorno all'anci nell'illustrazione puntale svolta dal referente dei sindaci per le materie finanziarie Ivo Nassimbeni, ragioniere capo e vice segretario del Comune di San Vito al Tagliamento. Immediato la reazione di «forte preoccupazione» dell'anci per le «somme ingenti che i Comuni saranno costretti a versare allo Stato causa il rilevante extra-gettito che si registrerà in Friuli Venezia Giulia». Da qui la richiesta alla Regione di «sviluppare sull'argomento un confronto per attenuare le conseguenze dell'applicazione dei criteri contenuti nella legge di Stabilità nazionale», ha affermato il presidente Mario Pezzetta. Tasi uguale Imu. «La legge di Stabilità nazionale - spiega Nassivera - ha previsto che i Comuni Fvg dovranno continuare a versare l'extra-gettito. Ciò significa, se qualcosa non cambierà, che anche nel 2014 persisterà un meccanismo di sperequazione fra i Comuni, poiché lo Stato continua a tenere conto l'aliquota Imu fissata nel 2010 anziché l'aliquota base». Per versare l'extra gettito, secondo le proiezioni illustrate all'anci, «i Comuni dovranno in sostanza riscuotere la Tasi come se l'imu prima casa, all'aliquota base del 4 per mille, non fosse stata tolta». In pratica la Tasi «dovrà essere applicata al massimo e bisognerà limare le detrazioni». Per i 19 Comuni poi che avevano applicato un'imu maggiore al 4 per mille (quelli in cui ora i cittadini pagano la mini-imu) si prospettano due scenari: drastica se non eliminazione di detrazioni sulla Tasi o aumento dell'aliquota Imu sulla seconda casa e sugli altri fabbricati. Tavolo Regione. «La nuova Iuc non risolve né il problema dei cittadini né quello dei Comuni», afferma il sindaco di Farra d'isonzo e direttore Anci, Alessandro Fabbro. Da primo cittadino la reazione è decisa: «In materia di finanza locale la Regione autonoma può far tutto, fatto salvo il saldo del Patto di stabilità. Lo Stato può dirci quanto vuole, ma non come reperire il dovuto. Quindi - prosegue Del Fabbro -, è chiaro che la Tasi e l'imu dobbiamo pagarla, ma la Regione si applichi con noi per trovare nuove regole più semplici ed eque tra i Comuni». Il sindaco si dice «poco fiducioso» rispetto a richieste di sconti a Roma, ma «possiamo adottare regole che rendano giustizia al nostro interno. Bisogna solo trovare la forza politica per agire». Regolamenti. I Comuni quando avranno pronti i regolamenti sui nuovi tributi? «In teoria con l'approvazione del Bilancio, cioè entro il 29 giugno, posto che la Finanziaria regionale ha disposto che sia varato entro 60 giorni dal riparto degli spazi finanziari previsto entro il 30 aprile», sintetizza Nassivera.

3 Santoro: torna il fondo nazionale, in arrivo un milione per il Friuli Vg TRIESTE - Spetterà un milionee 50mila euro al Fvg dei 50 milioni che il Governo si appresta a ripartire sul Fondo nazionale per il sostegno alle locazioni. Lo ha annunciato l assessore regionale Mariagrazia Santoro all esito della Conferenza Stato-Regioni. «Lo scorso anno su questo capitolo non ci furono trasferimenti statali - spiega - e solo l'incessante pressing delle Regioni condotto negli ultimi mesi ha consentito di rifinanziare il Fondo, ridando centralità al tema urgente del sostegno alle esigenze abitative. Ricordo che nella nostra regione a fronte di 6 milioni di euro regionali disponibili sono arrivate domande per 28 milioni di euro». Mentre il Fvg si appresta a chiedere la revisione dei criteri per la definizione delle aree ad alta densità abitativa, Santoro aggiunge che la regione «si dimostra realtà virtuosa, posizionandosi al quarto posto nella classifica nazionale per l'entità degli stanziamenti: 16,77 milioni negli ultimi tre anni, con un incremento, deciso dalla giunta regionale nell'assestamento di bilancio dello scorso luglio, di 570mila euro nel 2013 rispetto ai due anni precedenti». Quattro doppioni da tagliare: 3 sono a Udine TRIESTE - Come individuare i 118 posti-letto da tagliare in Friuli Venezia Giulia in omaggio alla legge Balduzzi si vedrà, ma una cosa è certa: quattro doppioni sono già stati individuati dall assessore alla Salute della Regione, Maria Sandra Telesca, e sanno già scritti nero su bianco sui "compiti per casa" impartiti dalla Direzione centrale ai direttori delle Aziende ospedaliere sul territorio. Si tratta di 3 casi riguardanti l Azienda unica udinese e un altro caso che riguarda, invece, quella di Trieste. Sia nel capoluogo friulano che in quello giuliano i doppioni sono "figli" della fusione fra realtà ospedaliera e realtà universitaria, ma ora verranno senz altro eliminati. A Udine operano in "duplex" la chirurgia maxillo-facciale, l anatomia patologica e la chirurgia plastica, mentre a Trieste si trovano due ortopedie, una all ospedale di Cattinara e una al "Maggiore". M.B. Progetti europei per 430 milioni dal 2014 al 2020 UDINE - Dotazioni finanziarie «molto importanti», cioè 430,50 milioni, e «in netto incremento rispetto agli anni precedenti sette anni, cioè del 30 per cento. Sono queste le risorse disponibili per la programmazione europea sui programmi trasfrontalieri cui parteciperà il Friuli Venezia Giulia. L'accordo sul riparto delle quote finanziarie è stato raggiunto ieri a Roma nella riunione della Conferenza dei presidenti delle Regioni. «Molto soddisfatta», la presidente Debora Serracchiani, per un «accordo unanime» che registra il Friuli Venezia Giulia come «tra i protagonisti territoriali della nuova fase di programmazione». Ai programmi Italia-Austria e Italia-Croazia sono stati assegnati rispettivamente 54,80 e 172,06 milioni di euro, a fronte dei 37,68 e 87,38 della precedente programmazione Ue Sconta invece la più severa delimitazione territoriale, oggi ristretta a Friuli Venezia Giulia e alla Provincia di Venezia, la dotazione finanziaria per il programma Italia-Slovenia, scesa da 92,4 a 66,02 milioni. Un «utile risultato», ha detto Serracchiani, perché c'era il rischio di una limatura ancora più consistente. Rispetto al riparto presentato dal Governo, i correttivi approvati dalla Conferenza delle Regioni hanno attribuito maggiori fondi al programma transnazionale Adriatico-Ionico (complessivamente 57,11 milioni), «al quale la nostra Regione partecipa con il ruolo di coordinatore interregionale del settore Trasporti e energia», ha ricordato Serracchiani. Inoltre, sul programma Spazio alpino sono stati allocati 42 milioni e sul programma Central Europe 38,5 milioni, 6 in più della programmazione precedente. A.L.

4 Province, crepe nella maggioranza TRIESTE - Scricchiola la maggioranza di centrosinistra sul superamento delle Province che prevede, in via transitoria, la loro trasformazione in enti di secondo grado composti da sindaci e consiglieri comunali. Dopo le audizioni dei giorni scorsi con la netta contrarietà manifestata dall'upi Fvg, la riforma elaborata dall assessore alle autonomie locali Paolo Panontin (che dovrebbe approdare in Aula a fine mese) è entrata nel vivo in 5. Commissione consiliare, ma i distinguo non si sono fatti attendere. Contraria all abolizione delle Province è la Slovenska Skupnost, secondo Igor Gabrovec «la loro soppressione arrecherebbe un grave danno per la rappresentatività del territorio e lascerebbe soli a se stessi soprattutto i piccoli Comuni». Sulla questione dell applicazione dei diritti e della promozione delle comunità e lingue minoritarie in particolare «le Province si sono dimostrate necessarie, la loro abolizione comporterebbe un ulteriore decurtazione della partecipazione politica attiva nella gestione del proprio territorio in cui è storicamente insediata la comunità nazionale slovena». Eppure il superamento delle Province è contenuto nel programma elettorale della presidente Debora Serracchiani, «associandolo però ribatte il consigliere alla necessità di una rivisitazione completa dell ordinamento degli enti locali, dalla Regione ai consigli di quartiere». Da qui la decisione di non partecipare all approvazione dei due provvedimenti in esame, la Legge voto di modifica dello Statuto speciale della regione (che mira a costituire un ordinamento istituzionale fondato solo su Regioni e Comuni) che ieri ha ricevuto il via libera dalla Commissione (favorevole la maggioranza e il M5S, Pdl e Ar astenuti) mentre il disegno di legge che disciplina le elezioni provinciali verrà affrontato martedì prossimo. Approvato l emendamento del Movimento 5 Stelle che riduce ad un terzo (da 15mila a 5mila) il numero di firme necessarie per presentare leggi di iniziativa popolare. Perplessità sono state espresse anche dal capogruppo di Sel Giulio Lauri, «la riforma non garantisce la rappresentatività politica di ciascuna forza presente in ogni Provincia, fa saltare il principio della coalizione confondendo maggioranza ed opposizione e non è equilibrata dal punto di vista della rappresentanza territoriale, ma l assessore è disposto a rivedere i contenuti nella direzione che gli abbiamo segnalato». Ed è lo stesso capogruppo del Pd Cristiano Shaurli ad ammettere che rischi di incostituzionalità esistono sia che si segua la strada del commissariamento delle Province che quella della proroga dei termini di mandato. Ipotesi scartate dall assessore Panontin, che ribadisce: «Questa riforma non è un salto nel buio, i risparmi potrebbero essere di milioni di euro all anno». Critico Rodolfo Ziberna (Fi): «Se non verrà modificata la Costituzione questa legge sarà cassata». Lunedì prossimo il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini e del Consiglio provinciale Fabrizio Pitton incontreranno consiglieri regionali e capigruppo provinciali per esprimere la propria contrarietà all abolizione delle Province.

5 UDINE "Friulana Bitumi" al capolinea Paola Treppo Tra poche settimane 65 degli ex-dipendenti della Friulana Bitumi di Martignacco non saranno più coperti da alcun ammortizzatore sociale e finiranno in mobilità. Il licenziamento in blocco rientra nella fase "calda" della crisi 2014 ampiamente annunciata lo scorso anno dalle organizzazioni sindacali. Nei prossimi mesi scadrà un elevato numero di casse integrazioni e centinaia di persone, in provincia di Udine, resteranno non solo senza lavoro ma anche senza entrate mensili. Martignacco è uno dei paesi maggiormente colpiti, sia per l'esaurimento dell'ultima cig per i 500 ex-dipendenti Safilo, 300 dei quali erano attivi a Precenicco, che per i 65 della Friulana Bitumi. Per le maestranze friulane già in forza negli stabilimenti di occhialeria, il licenziamento è fissato per la fine di febbraio, con messa in mobilità il primo marzo; per gli esuberi legati all'impresa di costruzioni la data nera è quella del 15 aprile. Si tratta, in totale, di 565 persone, perlopiù donne, che difficilmente riusciranno a trovare un nuovo impiego, almeno in tempi brevi. In entrambe le realtà produttive, le organizzazioni sindacali di categoria, unitamente alla Regione, hanno cercato di attivare ogni tipo di ammortizzatore sociale: casse ordinarie, mobilità volontarie o incentivate, percorsi di avvicinamento alla pensione laddove possibile, casse straordinarie, casse in deroga e contratti di solidarietà. Adesso tutti gli strumenti sono esauriti e si passa alla fase peggiore, che indubbiamente avrà importanti riflessi anche in ambito sociale, in particolare nei territori di residenza delle persone che rimarranno senza entrate fisse mensili. La Friulana Bitumi, che ha operato con successo per mezzo secolo, con addetti "storici", alcuni dipendenti da 30 anni, è fallita a causa della congiuntura economica negativa e per grave carenza di liquidità; solo parte della produzione è stata "recuperata" dalla "Spiga" di Tolmezzo, grazie a un affitto di ramo d'azienda; ma il numero di ex-dipendenti riassorbito dalla realtà carnica, sull'ordine della dozzina, resta comunque molto esiguo. Il Consorzio manifesta l interesse e il caso approda in Parlamento CAMPOFORMIDO - (PT) Detto e fatto: dopo la recentissima approvazione della delibera che autorizzava il presidente del Consorzio Agrario, Dario Ermacora, a presentare a Latterie Friulane una formale manifestazione d'interesse, lo stesso documento è stato inviato, ieri, alla Regione, al Comune di Campoformido, alla Provincia e alle organizzazioni sindacali di categoria di Cgil, Cisl e Uil. Una comunicazione veloce ma ufficiale, spedita con posta elettronica, perché i tempi sono stretti e le sorti di Latterie, per la produzione e l'occupazione, sono ancora avvolte nell'incertezza. L'incontro annunciato a inizio settimana dal vicepresidente della giunta regionale, Sergio Bolzonello, tra la stessa Regione, il presidente del Consorzio Latterie, Rossi, e il presidente di Granarolo, potrebbe tenersi nella giornata di oggi o slittare a lunedì. Nel frattempo il caso approda in Parlamento, con una proposta contenuta in una risoluzione presentata alla Camera dai portavoce del Movimento 5 Stelle Walter Rizzetto e Aris Prodani, e sottoscritta anche dai deputati Sandra Savino e Massimiliano Fedriga. «I vertici aziendali del Consorzio sono sempre più intenzionati a procedere alla fusione dell'azienda col Granarolo - dicono -, mettendo in mobilità più di 100 dipendenti; decisione scandalosa». Per il M5S, la politica deve dimostrare di essere in grado di tutelare la tipicità delle produzioni alimentari di Latterie e di salvaguardare l'intero settore agroalimentare del FriuliVg. «È necessaria, poi, un'indagine sulle problematiche che hanno determinato la crisi del Consorzio che, a oggi, non sono chiare e trasparenti, anche in considerazione del sostegno che, in passato, le Latterie Friulane hanno ottenuto attraverso le sovvenzioni della Regione».

6 PORDENONE L'ultima chiamata per salvare Electrolux Davide Lisetto Electrolux, suona un po come l ultima chiamata quella lanciata ieri dal sindaco Claudio Pedrotti per avviare finalmente la trattativa (dopo promesse, rinvii e incontri mancati) che potrebbe salvare gli stabilimenti Electrolux. O il confronto - con un unico tavolo alla presidenza del Consiglio che veda insieme governo, Regioni e sindacati - con la multinazionale parte subito rischio è di perdere la sfida. Tre mesi sono già passati e aprile si avvicina molto velocemente. Il rischio è che Electrolux concluda "indisturbata" l investigazione e alla fine dei sei mesi presenti il conto con la chiusura delle fabbriche. A cominciare da quella di Porcia che è stata più a rischio fin dall inizio. La richiesta del sindaco assume i toni di un appello ultimativo. Anche rispetto alla Regione: «Non vorremmo che Serracchiani si dimenticasse, anche se si trova di fronte un muro di gomma da parte del governo. Per pensare troppo a organigrammi di ministri, magari si trascurano i temi urgenti del lavoro». Il primo cittadino, ex manager della multinazionale svedese, cerca di alzare il tono della vertenza che sembra essere a un punto morto. E lo fa attraverso un documento-proposta stilato insieme a Giannino Padovan (ex sindacalista Fiom di lunga esperienza che seguì la storica acquisizione della Zanussi), l ingegner Mario Grillo (ex manager di punta del gruppo e profondo conoscitore del mercato europeo dell elettrodomestico) e Walter Zoccolan (delegato sindacale Fiom di Porcia). «È un contributo - ha precisato Pedrotti - che mettiamo a disposizione di tutti coloro che faranno la trattativa». Il documento sarà spedito alla Regione, alla Presidenza del Consiglio, ai sindacati nazionali. Ma intenzione del sindaco è recapitarlo anche a Stoccolma, sia ai vertici della società ma anche ai giornali svedesi. «In ogni caso - aggiunge Pedrotti - prima di procedere con qualsiasi trattativa, Electrolux deve bloccare immediatamente il processo, già in corso, mirato all espulsione degli impiegati di Porcia e Pordenone che sta proseguendo anche in queste settimane con l obiettivo di smantellare alcuni settori come quello della rete commerciale diretta a Milano». Come dire: si tratta a bocce ferme. Il documento è anche un analisi spietata degli errori commessi nell ultimo decennio da Electrolux. «Che ha adottato strategie finanziarie depauperando il patrimonio tecnologico e dimezzando il mercato italiano». Come uscirne? Secondo Padovan «è necessario che ci sia un unico tavolo con una personalità di spicco che affianchi il governo nella trattativa». Fa il nome di Corrado Passera. Per Grillo: «La partita non può essere giocata solo sul costo del lavoro. Serve un progetto di innovazione del prodotto, riduzione del costo dell energia e riduzione dei costi della logistica». E se Electrolux non ci starà? Bisognerà cominciare a pensare a una alternativa basata su un polo italiano dell elettrodomestico, ipotesi certo non facile da costruire. In Comune solo la Fiom. Lo scivolone irrita Cisl e Uil PORDENONE - (d.l.) La presenza all incontro convocato dal sindaco della sola Fiom-Cgil (per altro firmataria del documento) ha molto irritato le altre sigle di Cisl e Uil. «Potrebbe essere una ingenuità - ha fatto sapere Gabriele Santarossa della Uilm, sigla più rappresentativa a Porcia - ma l aver privilegiato una sola organizzazione lo riteniamo un errore che rischia di dividere il sindacato su una cosa così importante». «Al di là di chi fosse il progetto - gli fa eco Gianni Piccinini, segretario provinciale Fim - all inocntro in Comune andava preservata l unità sindacale senza esclusioni. Uno scivolone del sindaco che fino a oggi sulla vicenda era stato impeccabile». Intanto in fabbrica a Porcia è stata smantellata la linea Promoteo, 80 mila pezzi annui trasferiti in Polonia e senza essere rimpiazzati da modelli nuovi. Sul fronte degli impiegati sta continuando il trasferimento della rete commerciale a Milano («sbagliatissima e senza alcun senso», secondo Pedrotti) che ha preso la strada di Milano e del settore ricerca in Svezia con l azienda che propone ai "colletti bianchi" incentivi per autolicenziarsi. Anche per questo la proposta Pedrotti chiede il blocco delle iniziative. Proposta che anche il sindacato - all incontro con la stampa è intervenuto telefonicamente Walter Zoccolan, mentre erano presenti i delegati Pietro Mancino e Flavia Valerio, tutti Fiom -

7 condivide e ha contribuito a stilare. L obiettivo è di costituire un fronte unico istituzioni-sindacato per impedire la fuga della multinazionale. Così come è stato fatto in Francia: la fabbrica Electrolux di Revin non è ancora stata chiusa poiché il governo ha condizionato la trattativa obbligando gli svedesi a trovare una alternativa prima di andarsene. «Anche noi - ha detto Zoccolan - auspichiamo una operazione del genere. Ma fino a oggi, purtroppo, le istituzioni dalla Regione al Governo hanno solo fatto passerella e nessuna azione concreta». Domani oltre 300 lavoratori saranno in sciopero a Trieste proprio per incontrare la presidente Debora Serracchiani. Bollette gonfiate, sono gli anziani le principali vittime Antonella Santarelli Sono gli anziani le principali "vittime" delle compagnie telefoniche. Sono tanti infatti i nonni - il 10% di chi si rivolge allo sportello della Federconsumatori per problemi con la telefonia - che pagano da anni Adsl e servizi internet anche se non hanno mai avuto un computer, o vengono sottoposti a doppia o tripla fatturazione, poichè la disdetta del precedente gestore non è stata fatta correttamente. I problemi con le compagnie telefoniche, con il 15% dei casi affontati complessivamente in un anno, si collocano al secondo posto quanto a impegno dei volontari, preceduti solo da quelli derivanti dall erogazione di gas ed energia con il 30%. Al terzo posto, aggiunge Gianfranco Tamburini, presidente provinciale della Federconsumatori, «si trova un altra utenza domestica primaria: l energia elettrica, con il 7% dei casi. Ma affrontiamo anche un sacco di altri problemi, che nulla hanno a che fare con il consumismo di un tempo (viaggi, multiproprità, acquisti di coperte e computer di ultima generazione, eccetera). Infatti si rivolgono a noi non solo le persone che vogliono capire le bollette e liberarsi di contratti capestro, chi è stato truffato con il fotovoltaico, ma anche chi ha problemi con le Poste, chi vuole chiarimenti sui mutui e sulle rate che non riesce a onorare, sui contratti di locazione. Insomma - considera - la Federconsumatori è diventata un punto di riferimento, per chiedere assistenza e soluzioni, perchè di solito gli utenti si trovano a rapportarsi con un call center. I NUMERI - Nel 2013, la Federconsumatori ha tesserato 256 persone, si è fatta carico di oltre 400 casi, e dato un centinaio di consulenze. «In media poi - precisa Tamburini - riceviamo almeno 10 telefonate in ogni giornata di apertura della nuova sede in via San Valentino (tel )». TELEFONIA E UTENZE - Il 15% dei casi affrontati dai volontari riguarda i contratti telefonici. «E a fronte di disservizi durati anche due settimane o un mese, a causa di un cambio di gestore - racconta la volontaria conciliatrice Assunta Romor - ci rivolgiamo sempre più spesso al Corecom, per far riconoscere il danno patito agli utenti. Nel 95% dei casi si trova una soluzione tra le parti evitando l epilogo davanti al giudice. Ogni settimama in media le conciliazioni sono 2 o 3. Il risarcimento previsto dall Agcom è di 5 euro il giorno più il disagio patito (lavorativo, familiare, relazionale). In certi casi l utente ottiene anche 500 o 1000 euro. La liquidazione avviene dopo 90 giorni». PROBLEMI ECONOMICI - Sono sempre di più le persone che non ce la fanno a pagare le rate del mutui o dei prestiti, anche a causa della perdita del lavoro. «In questo caso le banche sono disponibili a cambiare il piano di ammortamento - dice Tamburini - ma le finanziarie spesso non sentono ragioni e solo saltando una rata si finisce nel registro dei cattivi pagatori, pregiudicando l apertura di nuovi prestiti. In questi casi prima consigliamo al consumatore di fare un reclamo scritto e se non si ottiene riscontro ci si rivolge all Arbitro bancario, il qualea sua volta richiede la dicumentazione del caso alla finanziaria o alla banca e poi emette la sentenza».

8 Crisi alla Moro. Quaranta esuberi Davide Lisetto Alla Moro di Fiume Veneto il calo di ordinativi e di produzioni viene ormai considerato "strutturale". Per questo l impresa - l azienda di Fiume Veneto fa parte del gruppo multinazionale Farid con sede a Torino - ritiene necessario ridurre una parte del personale per "ritarare" l organico sull attuale e futuro assetto produttivo e di mercato. La società ieri ha rifiutato un nuovo ricorso ai contratti di solidarietà e ha annunciato una quarantina di esuberi. L avvio della procedura di mobilità scatterà a breve e oltre quaranta addetti, tra operai e impiegati, saranno licenziati. A meno che l impresa non faccia dietrofront e apra un nuovo confronto: situazione che però nell incontro di ieri con le organizzazioni sindacali dei metalmeccanici è stata esclusa. È per questo che i sindacati Fim-Cisl e Fiom-Cgil hanno convocato un assemblea con tutti i lavoratori. Dopo che i rappresentati delle sigle delle tute blu (Denis Dalla Libera, Fim e Bruno Bazzo, Fiom) hanno illustrato ai lavoratori l esito dell incontro, l assemblea ha deciso di dichiarare immediatamente un ora di sciopero. Questa mattina, dalle 7,30 alle 8,30, ci sarà un presidio davanti allo stabilimento di Fiume Veneto e i lavoratori incroceranno le braccia. «Una prima iniziativa di protesta - spiega il sindacato - che ha l obiettivo di fare cambiare idea al gruppo. I contratti di solidarietà utilizzati negli ultimi due anni hanno consentito di gestire il calo produttivo. Non si capisce perché non si voglia procedere su questa strada visto che vi sarebbe la possibilità di utilizzare gli accordi di solidarietà anche per i prossimi due anni». Il nuovo fronte di crisi occupazionale che coinvolge un altra delle storiche e importanti aziende del sistema manifatturiero del territorio pordenonese preoccupa molto i dipendenti. L annuncio dei licenziamenti, infatti, non sarebbe ancora stato accompagnato da una prospettiva industriale per i prossimi anni. «È proprio - aggiunge il sindacato - questa mancanza di prospettiva che getta parecchie ombre sul futuro di un azienda che comunque, seppure con dei rallentamenti, negli ultimi due anni ha continuato ad avere commesse e a produrre, soprattutto per mercati esteri». Il confronto azienda-sindacato era cominciato alla fine del 2013 e sembrava che ci fossero le condizioni per poter arrivare al rinnovo dei contratti di solidarietà per i prossimi due anni. Il timore è che in futuro non siano da escludere accentramenti di funzioni impiegatizie o di produzioni a Torino. Il sindacato vuole perciò evitare che l annuncio della quarantina di esuberi possa essere solo il primo passo di altre pericolose operazioni.

9 Ciriani alla Regione: «Paga gli incentivi per le assunzioni» PORDENONE - Un attacco durissimo quello che il presidente Alessandro Ciriani muove nei confronti della Regione e nello specifico della presidente Serrachiani. «È una autentica vergogna che la Regione non ci abbia ancora dato i soldi che avanziamo per pagare gli incentivi alle aziende per le assunzioni del 2013 e di una parte del È una presa per i fondelli nei confronti delle imprese e della Provincia che gestisce gli incentivi mettendoci l'impegno e la faccia». È un affondo duro quello del presidente della Provincia di Pordenone, Alessandro Ciriani, riferendosi ai fondi che la Regione deve ancora alla Provincia (e che questa gira alle imprese) per finanziare e effettuare gli inserimenti di disoccupati e precari nelle aziende. «Un lavoro che la Provincia conduce da anni spiega Ciriani - ricercando in modo capillare e certosino le imprese disposte alle assunzioni e provvedendo con i propri operatori agli inserimenti». Gli uffici provinciali hanno calcolato che la Regione deve ancora sborsare 5,3 milioni di incentivi a circa 1000 imprese: 971 per assunzioni effettuate nel 2013 e una trentina per assunzioni riferite a una piccola parte del «Quello della Regione è un comportamento gravissimo attacca Ciriani - perchè danneggia le aziende e mina la credibilità delle istituzioni. Da mesi in tutte le sedi chiediamo invano di adempiere. O il lavoro è una priorità o non lo è». Poi l attacco di Ciriani diventa politico e si indirizza direttamente sulla presidente della Regione. «O si preferisce andare a Ballarò a parlare di aria fritta continua riferendosi a Debora Serracchiani - o si preferisce occuparsi dei problemi concreti dei nostri cittadini». Va precisato - spiegano ancora dalla Provincia - che a rimanere scoperto è il pregresso mentre per il 2014 i soldi per finanziare le assunzioni ci sono, «ma con quale credibilità ci presentiamo alle aziende proponendo i contributi osserva Ciriani - se non possiamo onorare i patti precedenti? Gli incentivi non risolveranno il problema occupazione, ma grazie a Dio hanno consentito di assorbire una quota di lavoratori che altrimenti sarebbero rimasti a piedi. Basti pensare che dal 2010 al 2013 la Provincia ha reinserito nelle aziende oltre 4100 disoccupati con questo sistema».

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 7994/14 Deliberazione n. 38 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 50 Seduta Pubblica del 23 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 1938-1969

Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 1938-1969 1938-1969 Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 SOGGETTO CONSERVATORE Biblioteca "Di Vittorio" CGIL Bg Tipologia partito politico, organizzazione sindacale Condizione giuridica privato Referente

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Mercoledì 28 settembre 2005 4 Commissione I

Mercoledì 28 settembre 2005 4 Commissione I Mercoledì 28 settembre 2005 4 Commissione I Donato BRUNO, presidente, sostituendo il relatore, fa presente che gli emendamenti contenuti nel fascicolo n. 3 non presentano profili problematici in ordine

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli