SOLUZIONI E IDEE PER UN ITALIA UNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONI E IDEE PER UN ITALIA UNICA"

Transcript

1 SOLUZIONI E IDEE PER UN ITALIA UNICA 14 giugno 2014

2 Questo documento contiene un primo set di proposte, presentate in forma molto sintetica, che Italia Unica sostiene per rilanciare l Italia, la sua economia e la sua democrazia. Sono solo una parte delle proposte messe a punto dai gruppi di lavoro tematici che Italia Unica ha organizzato negli ultimi dodici mesi, proposte che si sono arricchite attraverso l ascolto e il confronto con moltissimi interlocutori nel nostro Viaggio in Italia e il dialogo con molteplici rappresentanze. Le proposte di questo documento costituiscono una prima piattaforma programmatica di Italia Unica che verrà messa in consultazione pubblica attraverso il meccanismo dei media civici sul sito 2

3 MANIFESTO DI SOLUZIONI PER UN ITALIA UNICA Il nostro Programma in breve La nostra Italia è Unica e di questo siamo orgogliosi. È una Storia di sorprendenti talenti e di pluralismo creativo, è un Paese pieno di intelligenze, di vitalità e di cuore. È a questa Italia che ci rivolgiamo con una proposta che ha una visione ambiziosa, ma allo stesso tempo realizzabile. Una proposta in grado di sbloccare le energie spesso inespresse o soffocate del nostro Paese e di tutelare le libertà civili e il merito per garantire un benessere comune. Vogliamo rilanciare con vigore l Italia e creare occupazione per le sue donne e i suoi uomini, mobilitando risorse mai immaginate negli ultimi anni: 400 miliardi di euro al servizio della crescita economica. Perché la forza di una nazione si misura soprattutto con i posti di lavoro e non solo con gli indicatori economici. Lo possiamo fare anche perché l Italia dispone di un patrimonio pubblico di almeno 1000 miliardi di euro, un tesoro non valorizzato che può essere determinante per affrontare i drammatici problemi del debito pubblico e del credito. Per esempio, per rimborsare subito 100 miliardi di debiti della PA nei confronti delle imprese. Dobbiamo smettere di disperdere e sprecare decine di miliardi di Fondi Strutturali che vengono dall Europa e invece concentrarli su pochi grandi progetti strategici in infrastrutture, ricerca e innovazione. Progetti che abbiamo già individuato e che risolverebbero finalmente i problemi strutturali del Sud. Vogliamo mettere più soldi in tasca agli italiani, in questo modo si riprenderanno i consumi e l economia nel suo complesso. Chi lavora deve poter disporre da subito del proprio TFR, uno stipendio in più, e il Fondo Centrale di Garanzia può aiutare le aziende ad anticiparlo. Vogliamo dare inoltre la possibilità a imprese e lavoratori di contrattare ulteriori salari di produttività. Fino a tre stipendi in più in busta paga all anno, ogni anno, possono fare la differenza. 3

4 Vogliamo aiutare le famiglie, che devono diventare incubatori di pari opportunità. Investiamo su bambini e anziani, entrambi risorse per il nostro futuro. Oggi ad occuparsene sono le donne che in molti casi rappresentano il vero ammortizzatore sociale. Sviluppiamo politiche attive per l inclusione e la valorizzazione delle donne, soprattutto quelle con figli e altri famigliari non autosufficienti a carico, nel mondo del lavoro: un Italia con occupazione femminile pari a quella maschile vedrebbe crescere il Pil di oltre il 10%. Anche il nostro modello di istruzione deve essere ripensato e deve preparare meglio i nostri giovani all ingresso nel mondo del lavoro. E poi ci vogliono più asili nido a tempo pieno come lo deve essere anche la scuola materna ed elementare. Facciamo guadagnare ai nostri ragazzi un anno di vita riducendo il ciclo di studi di scuola primaria a secondaria a 12 anni ma con obbligo scolastico fino alla fine per tutti, senza lasciare indietro nessuno. Anche il Terzo settore può svolgere un ruolo da protagonista per il nostro Welfare familiare e non solo: gli va riconosciuta dignità giuridica e garantita la distribuzione del 100% del 5 per mille. Scommettiamo sui singoli italiani, premiando le donazioni di privati cittadini verso onlus ma anche verso altri in stato di comprovata povertà, con detrazioni d imposta che incentivino la cittadinanza solidale attiva. Apriamo a tutti coloro che vogliono la possibilità di prestare il servizio civile. Il no profit può essere anche determinante per la valorizzazione del nostro patrimonio ambientale e culturale, la bellezza che ci distingue nel mondo e ci rende unici. Vogliamo una democrazia efficiente con istituzioni rispettabili e rispettate. Proponiamo la riduzione del numero di Ministeri chiarendo meglio le loro responsabilità, un Parlamento monocamerale, meno leggi e meno decreti attuativi. Il federalismo sbilenco del 2001 può essere emendato, lasciando un solo livello amministrativo tra Comuni e Stato ed evitando la frammentazione di politiche su temi come la sanità, l ambiente, l energia e il turismo e realizzando finalmente anche il federalismo fiscale. Nella stessa ottica, dobbiamo liberare la società italiana dal peso asfissiante della cattiva burocrazia (che non è tutta la Pubblica 4

5 Amministrazione), dall'ingerenza ingiustificata dei partiti e dall'odioso meccanismo delle raccomandazioni. Mettiamo fine alla politica di cooptazione, ad esempio per le nomine in sanità o nella tv pubblica, a favore di una politica basata sul merito. Ovunque non sia necessario, lo Stato deve arretrare e i cittadini devono poter tornare a decidere con autonomia del proprio futuro. Con regole più semplici ma su cui si dovrà vigilare più severamente. Le partecipazioni pubbliche in aziende vanno cedute tutte, ad eccezione di quelle che servono a controllare le reti essenziali. Lo Stato deve essere leale e chiedere lealtà ai contribuenti. Non bisogna introdurre nessuna nuova tassa, anzi le tasse dovranno diminuire: si potrà ridurre di 25 miliardi l IRPEF ogni anno, riconoscendo fino a 8000 euro di no-tax-area per ogni figlio o famigliare non autosufficiente a carico, e dimezzare la tassazione sugli utili di imprese. Questo grazie a tagli non lineari, ai recuperi di entrate e ai risultati della potente crescita innescata dai 400 miliardi di shock. Dove lo Stato deve invece avanzare con forza e autorevolezza è nel liberare la società dai condizionamenti della malavita. Serve un sistema giudiziario garantista ma efficiente, meno sbrigativo nell uso delle custodie cautelari, messo in condizioni di essere più efficace contro la corruzione e la criminalità, più veloce e specializzato nelle cause commerciali. Così l Italia sarà un luogo di sicurezza e diventerà più attrattiva per gli investimenti internazionali. Questa è la nostra Italia Unica: un Italia più forte, più libera, più unita e più bella. Un Italia che possiamo essere se tutti insieme diamo il nostro contributo per costruirla. 5

6 INDICE 1. PRIMA DI TUTTO RIAVVIAMO LO SVILUPPO: 400 MILIARDI DI CURA SHOCK 2. TAGLIARE 50 MILIARDI DI TASSE A FAMIGLIE E IMPRESE E ABBATTERE IL DEBITO PUBBLICO 3. CRESCITA, IMPRESA E LAVORO 4. CULTURA E TERRITORIO 5. ISTRUZIONE 6. FAMIGLIA E TERZO SETTORE 7. SALUTE 8. DEMOCRAZIA 9. MENO E MIGLIORE BUROCRAZIA 10. GIUSTIZIA E SICUREZZA 11. ITALIA PROTAGONISTA IN EUROPA E NEL MONDO 12. DIRITTI CIVILI 6

7 1. PRIMA DI TUTTO RIAVVIAMO LO SVILUPPO: 400 MILIARDI DI CURA SHOCK Non si batte la recessione in una delle più grandi economie del mondo con i pizzicotti o con la sola austerità. Si possono mobilitare almeno 400 miliardi che raggiungano le tasche delle imprese, e quindi dei cittadini, senza venir meno agli impegni europei sul deficit pubblico. Per cambiare traiettoria ad una delle più grandi economie del mondo è necessario agire contemporaneamente sulla liquidità delle imprese, sul credito, sugli investimenti pubblici e privati e sui consumi. 100 miliardi di liquidità alle imprese possono venire dal ripagamento immediato dei debiti commerciali scaduti della Pubblica Amministrazione applicando anche in Italia il meccanismo già sperimentato in Spagna. Creazione di una Società veicolo che anticipa il pagamento ai creditori e poi se la vede con le singole Amministrazioni. La società veicolo può essere capitalizzata con miliardi di attivi pubblici e potrebbe facilmente finanziarsi sul mercato per la parte rimanente. 100 miliardi direttamente nelle tasche dei lavoratori agendo su due leve principali: 1) anticipazione del TFR in busta paga per i lavoratori che lo richiedono (eventuali difficoltà finanziarie delle imprese posso essere gestite con l intervento del Fondo Centrale di Garanzia così come gli eventuali ammanchi nelle entrate dell INPS e 2) fino a due mensilità in più in busta paga senza contributi e tasse a fronte di accordi di produttività a livello aziendale (pagabili anche sotto forma di servizi di welfare aziendale) miliardi di credito possono venire raddoppiando, almeno, la forza di fuoco della Cassa Depositi e Prestiti e del Fondo Centrale di Garanzia aumentando il capitale di miliardi attraverso apporto di attivi pubblici e applicando alla Cassa Depositi e Prestiti il modello operativo e gestionale della tedesca KFW. Tra le priorità di sviluppo dell attività di finanziamento ci sarebbero sicuramente le esportazioni, le infrastrutture e il rilancio del mercato immobiliare e dei mutui per le famiglie miliardi di nuovi investimenti pubblici e privati 7

8 possono venire destinando almeno 50 miliardi di Fondi Strutturali a grandi progetti infrastrutturali (es. ferrovie del Sud) e almeno 15miliardi a un credito di imposta pluriennale per investimenti in Ricerca e Innovazione. 50 miliardi di investimenti possono venire accelerando cantieri già sbloccati e finanziati nel 2012, facilitando quelli autofinanziabili (es. Infrastrutture "defiscalizzate") e quelli che dovremo considerare autofinanziabili perché si coprono con i risparmi che generano (es. efficienza energetica nell'illuminazione pubblica o nelle scuole e negli edifici pubblici, investimenti per il recupero del dissesto idrogeologico o antisismici). In realtà, i miliardi mobilitabili sono ben oltre 400 e qui non menzioniamo molte altre misure come ad esempio la diffusione dei minibond attraverso i Fondi di Credito, l'utilizzo intelligente del Fondo per la Crescita (oltre 1.2 miliardi) creato dal Ministro dello Sviluppo Economico nel 2012, cancellando oltre 40 leggi di incentivazione "vecchio stile" e la mobilitazione a favore dello sviluppo dei vastissimi patrimoni finanziari dei Fondi Complementari e delle Casse di Previdenza. I 400 miliardi di risorse mobilitabili per la crescita e l'occupazione non comporterebbero problemi di deficit pubblico: il pagamento del debito commerciale scaduto della PA si porterebbe dietro 20 miliardi di introiti IVA, per non parlare dell'effetto indiretto sulle casse pubbliche derivanti dal riavvio dell'economia. Si può riavviare la crescita mentre la vecchia politica ci costringe all'austerità e alla recessione. 8

9 2. TAGLIARE 50 MILIARDI DI TASSE A FAMIGLIE E IMPRESE E ABBATTERE IL DEBITO PUBBLICO Qualunque tipo di intervento volto a rilanciare il sistema economico deve affiancarsi ad una decisa semplificazione fiscale e ad una riduzione dell'imposizione sui redditi di famiglie e imprese. L obiettivo è abbattere di 50 miliardi le tasse su famiglie e imprese, in aggiunta alle risorse mobilitate attraverso il piano shock di 400 miliardi di euro. Nella prima parte di questo capitolo verranno indicate le risorse da valorizzare per trovare le coperture strutturali, nella seconda le misure di alleggerimento fiscale possibili in favore dei contribuenti. A. Valorizzare le risorse che abbiamo per ridurre le imposte L Italia ha ancora delle risorse da mobilitare, materiali e immateriali. Ma è necessario scegliere bene gli obiettivi, smettendo di inseguire l emergenza dei buchi di bilancio, cancellando gli sprechi e valorizzando il nostro patrimonio pubblico in un un ottica di spinta alla crescita economica, anche a mezzo di potenti sgravi fiscali, e contestuale riduzione del debito pubblico. Il debito non si ridurrà mai in maniera strutturale se il Pil non tornerà a crescere. Siamo contrari a qualsiasi ipotesi di imposta patrimoniale, ordinaria o straordinaria, per l abbattimento del debito. Crediamo che, per non avvitarci, nel rapporto debito/pil il denominatore (il Pil) debba crescere, per ridurre l incidenza del numeratore (il debito). Soltanto la crescita ridurrà il debito, e noi ci punteremo tutto il possibile. Dalla crescita che produce nuova base imponibile - arriveranno nuove ulteriori entrate fiscali senza alzare le aliquote e si ridurranno uscite pubbliche soprattutto legate al welfare. Per coprire le riduzioni di entrate fiscali previste dal programma, ridurremo altrettante spese inutili o non prioritarie, oppure prevedremo aumenti strutturali di altre entrate che non comportino nuove tasse o aumento di tasse esistenti. Possiamo ridurre strutturalmente sprechi e spese non indispensabili. E ragionevole puntare ad una riduzione tra il 5 e il 10% dei circa 500 miliardi di spesa pubblica non pensionistica certamente attraverso tagli NON lineari. Una parte può venire, ad esempio: 9

10 dall'applicazione rigorosa dei costi standard - per la sanità ma non solo - che devono avvicinare tutte le Amministrazioni a quelle virtuose, che vanno prese come punto di riferimento misurabile; dalla eliminazione di contributi regionali a fondo perduto e altre forme di incentivazione più o meno a pioggia (malgrado la non chiarezza dei dati contabili si possono stimare in miliardi); dalla razionalizzazione di molte spese replicate (es. si deve passare da 5000 centri elaborazione dati della PA a 5, e abbattere il numero di centrali di acquisto sparse sul territorio); dalla chiusura di enti inutili, da disboscamento incarichi, ecc. Recuperiamo molte entrate pubbliche strutturali non fiscali che mancano all'appello per mala gestione, incurie e inefficienze sempre più insopportabili. E necessario riorganizzare il rapporto tra finanza pubblica centrale e locale, responsabilizzando le Amministrazioni locali per le imposte di loro competenza. Non sono sostenibili comportamenti irresponsabili delle classi politiche locali, che promettono spesa o riduzioni di entrate locali a carico del bilancio statale, come non è difendibile uno Stato che trasferisce competenze senza risorse. Non è tollerabile che si chiedano soldi da parte di Amministrazioni che non raccolgono imposte e tasse di loro competenza, tariffe per servizi pubblici locali, canoni di concessione e sanzioni amministrative. Non è tollerabile che si rimandi di anni se non di decenni l aggiornamento del catasto, adeguando i valori delle rendite a quelli del mercato (solo questa operazione potrebbe metterci in condizione di togliere del tutto l IMU sulla prima casa!) Occorre rimettere ordine nelle concessioni: quelle balneari sono soltanto un esempio e possono valere miliardi: vanno incoraggiati i veri imprenditori e coloro che hanno investito e intendono investire, ma non è tollerabile che beni comuni vengano dati in uso quasi gratuito per finalità commerciali. 10

11 Si può recuperare miliardi dalle grandi aree di truffa allo Stato ancora esistenti (dalle false invalidità alle false esenzioni dai ticket o dalle rette universitarie). Demoliamo un altro pezzo del colosso dell'evasione fiscale. Si può puntare a recuperare almeno 25 miliardi di euro annui evasi. Si deve ricostruire un rapporto di fiducia con i cittadini: lo Stato si fida di te, ma se lo imbrogli la punizione è immediata e fortissima. Oggi le norme fiscali sono fatte per cercare di combattere gli evasori e gli imbroglioni e invece rendono la vita difficile ai moltissimi cittadini onesti, senza scoraggiare i veri "cattivi". Si possono alleggerire quindi le procedure e gli adempimenti ma anche punire più efficacemente e severamente chi abusa della fiducia. Facciamo pagare un aliquota fiscale agevolata alle "imprese tutte trasparenti" (che operano solo attraverso pagamenti e fatturazioni elettroniche). Restituiamo in contanti ai privati cittadini una parte dell IVA versata con acquisti effettuati tramite pagamento elettronico (abbattendo al massimo i costi di commissione): l'effetto netto potrebbe essere molto positivo per le casse statali. Riduciamo l'evasione anche introducendo più "conflitto di convenienze" per i cittadini, attraverso la possibilità di detrarre talune prestazioni fino ad un massimo di 5000 euro annui per famiglia (es. detrazioni per efficientamento energetico e ristrutturazioni delle abitazioni). Per creare risorse a favore degli interventi per lo sviluppo e per facilitare la riduzione progressiva del debito pubblico è necessario utilizzare in maniera più intelligente il nostro enorme patrimonio pubblico. Far emergere a bilancio tutto l attivo pubblico dovunque si trovi: terreni, immobili, partecipazioni, crediti, brevetti, ecc. (discorso a parte andrebbe fatto per il patrimonio culturale e artistico che non viene 11

12 considerato come fonte di cessioni possibile). Utilizzare parti di patrimonio pubblico per capitalizzare attraverso apporto e quindi senza necessità di dismissioni strumenti finanziari in grado di favorire lo sviluppo: dalla società veicolo per pagare i debiti commerciali scaduti della PA alla Cassa Depositi e Prestiti. Privatizziamo tutte le partecipazioni attualmente detenute dalle Amministrazioni Centrali, con esclusione, eventualmente, delle reti essenziali, e vendiamo la miriade di aziende municipalizzate locali. Questo arretramento è fondamentale per distinguere i ruoli tra la politica che fa le regole - e il mercato, che le deve rispettare. Controllori e controllati non possono coincidere, altrimenti il malaffare e la corruzione dilagheranno, con gravi contraccolpi sulla libertà economica. Si deve anche intervenire per legge bloccando la creazione di nuove società operative da parte delle Amministrazioni Locali e forzando la vendita di quelle attualmente possedute, prevedendo meccanismi di vero commissariamento per la vendita in caso di non rispetto dei tempi. Valorizzare singole categorie di beni, senza svenderli, apportandoli a uno o più fondi che ne incrementino il valore attraverso progetti di sviluppo immobiliare concordati con le Amministrazioni Locali, come nel caso delle caserme nelle città. Questi fondi porteranno risorse alle casse pubbliche cedendo quote di capitale a terzi, cedendo i beni posseduti e distribuendo i proventi sotto forma di dividendi, indebitandosi in modo "non recourse" (cioè con responsabilità solo nei limiti dei beni dati a garanzia, senza possibilità per i creditori di rifarsi su altri beni dello Stato in caso di insufficienza delle garanzie). 12

13 B. Abbattiamo di 24 miliardi le tasse sulle imprese, aiutiamo le partite IVA Le imprese sono la fonte della crescita e della occupazione. Oggi in Italia le imprese sono soggette a un fisco soffocante. Le principali misure per dare sollievo fiscale alle imprese che crescono e per rendere più attraente l Italia agli occhi degli imprenditori italiani e degli investitori internazionali sono le seguenti: Dimezziamo la tassa sui redditi d impresa (IRES). L IRES vale circa 32 miliardi l anno e pesa per il 27,5% sulle aziende italiane: dimezzarla non vuol dire soltanto mettere a disposizione delle aziende risorse perché possano patrimonializzarsi e investire ma renderebbe molto più attrattiva l Italia per chi vuole fare impresa. Azzerare i contributi a fondo perduto e le mille incentivazioni a pioggia soprattutto regionali sarebbe quasi sufficiente a coprire l onere per le classi pubbliche. Abbattiamo del 30% l IRAP per i privati. Questa misura potrebbe portare ossigeno per 8 miliardi nelle casse delle imprese e dei professionisti. Costruiamo un credito di imposta per investimenti in Ricerca e Innovazione utilizzando fino a 15 miliardi di Fondi Strutturali Europei (come indicato nel capitolo 1). Riduciamo al 21% (da una media attuale del 28%) l aliquota contributiva INPS per un milione di lavoratori autonomi e parasubordinati, fino ad oggi costretti a pagare troppo malgrado la pesante precarietà che rende difficile immaginare un futuro. C. Un fisco più leggero per le famiglie Le famiglie hanno assorbito tutta la pressione della crisi e il numero delle famiglie in difficoltà sta diventano enorme. Dal Piano Shock del capitolo 1 possono derivare alle famiglie di lavoratori fino a tre mensilità: diamo a tutti i lavoratori dipendenti la 13

14 facoltà di incassare subito l'accantonamento del TFR senza imposte e contributi, che corrisponde a una mensilità circa; offriamo alle imprese la possibilità di pagare un salario di produttività fino a due mensilità nette di imposte e contributi previdenziali. Aumentiamo la No Tax Area per i nuclei famigliari con reddito inferiore ai in funzione dei famigliari a carico: tra 5000 e 8000 euro aggiuntivi per ogni figlio minorenne e per ogni altro famigliare non autosufficiente a carico. Per le famiglie che non raggiungono il livello della No Tax Area si tratterebbe di dare un vero e proprio contributo, anche utilizzando i fondi improvvidamente sparsi a pioggia dal Governo nel 2014 (i cosiddetti 80 euro ). A regime, si tratta di circa 20 miliardi a sostegno delle famiglie italiane. 14

15 3. CRESCITA, IMPRESE E LAVORO Far crescere le nostre imprese nel mondo diventando più competitivi: più innovazione e mondo del lavoro più aperto. La Crescita può e deve riguardare tutti i settori portanti della nostra economia. L'industria manifatturiera deve rimanere l'asse portante della nostra economia: da questo settore dipende e continuerà a dipendere buona parte della nostra capacità di innovazione e di esportazione. Grande potenziale di crescita e di occupazione vengono però anche da settori come Agricoltura, Turismo e Artigianato che negli ultimi decenni sono stati sottovalutati - se non addirittura penalizzati - e potrebbero godere di importanti sinergie. Fare politica economica non significa sostituirsi alle imprese nelle loro scelte di investimento ma creare le condizioni di competitività di sistema. Solo alcuni esempi: A. Grande spinta all'innovazione: diventare attrattivi e, di conseguenza, importatori netti di cervelli Ricerca ed innovazione costituiscono due motori importanti per la crescita. Le esternalità positive delle imprese innovative (posti di lavoro, nascita di ulteriori imprese, miglioramento dei contesti urbani) sono diverse volte superiori rispetto a quelli generati da imprese non innovative sul territorio in cui si collocano. L'Italia non è certo sprovvista di creatività e professionalità che, se supportate da un giusto sistema di regole, possono finalmente dare quell'impulso necessario a lanciare nuove attività produttive. Per questo è necessario prevedere percorsi a tassazione agevolata per l'insediamento di centri di ricerca e di startup innovative, incentivando anche l'ingresso di nuove energie dall'estero. Ciò non può prescindere anche dalla promozione di quella realtà produttiva di piccola-media grandezza tipicamente italiana che, se dotata degli strumenti fiscali e normativi specifici, potrebbe conquistare posizioni anche più forti di oggi nei mercati internazionali, soprattutto in quei settori dove l'italia eccelle da sempre. 15

16 Mettiamo il turbo a Ricerca e Innovazione - Possiamo tornare ad essere terra di ricerca e di innovazione in tutti i campi. Nel mondo globalizzato si deve essere esportatori e contemporaneamente importatori di "cervelli" e l'italia si può candidare come destinazione di investimenti in centri di ricerca da tutto il mondo, giocandosi vantaggi competitivi molto forti: qualità dei nostri laureati, storia di contaminazioni culturali ed etniche, qualità della vita, ecc. Confermare ed estendere il credito di imposta per l'assunzione di "cervelli" portandolo da 50 a 100 milioni annui. Favorire gli investimenti in Ricerca e Sviluppo utilizzando parte dei Fondi Strutturali Europei per un programma strutturale di credito di imposta fino a 15 miliardi di euro. Facilitiamo gli investimenti dall'estero in centri di Ricerca semplificando le procedure dei visti, favorendo fiscalmente coloro che dall'estero vengono a lavorare in Italia, garantendo buone scuole internazionali, ecc. Concentrare i contributi pubblici alla Ricerca solo nei migliori centri di ricerca privati e pubblici e solo nelle migliori università anche differenziando tra università di ricerca e università di mero insegnamento - basta contributi a pioggia. Creare un'agenzia per l'allocazione delle risorse pubbliche alla ricerca, che funzioni secondo i migliori standard internazionali. Dare ai centri di ricerca pubblici una struttura giuridica e organizzativa che permetta la massima trasparenza, la minimizzazione dei costi amministrativi, l applicazione dei migliori standard internazionali e, in generale, una gestione privatistica e non da Pubblica Amministrazione (es. Fondazioni di Ricerca). Favorire la crescita delle Start-up dando piena attuazione alla nuova legislazione, creando un Fondo di Fondi di almeno 1 miliardo tra CDP e i principali investitori istituzionali (es. Fondi Pensione) sulla falsariga del Fondo Italiano di Investimento. 16

17 B. Aprire il mercato del lavoro e premiare la produttività Si può aprire il mondo del lavoro senza penalizzare i giovani e gli outsider, anzi introducendo flessibilità positiva, premiando la produttività e mettendo a disposizione dei lavoratori fino a tre mensilità nette senza contributi e tasse. Fare del contratto di apprendistato un vero e proprio contratto di inserimento allungando il periodo di prova (1 anno) e la durata (4 anni), alzando i limiti di età (35 anni). Per quanto riguarda la formazione, va lasciata solo all interno dell impresa prevedendo però che, nel caso di arti, mestieri e professioni specifiche, la formazione fornita dall impresa possa essere compensata da un congruo credito di imposta al momento della trasformazione definitiva in contratto a tempo indeterminato. Accelerare il ricambio di personale nelle aziende bloccando, almeno in questa situazione di crisi occupazionale, la crescita dell'età di anzianità per la pensione (41 e 42 anni, rispettivamente per donne e uomini, di anzianità appaiono già un livello più che sufficiente) e finanziando questa iniziativa attraverso un piccolo contributo di solidarietà a carico delle pensioni d oro sopra un certo livello di ammontare e sotto un certo livello di contribuzione. Premiare l'aumento della produttività mettendo a disposizione delle imprese la possibilità di pagare fino a due mensilità di salario in più senza contributi e tasse a fronte di accordi di forte aumento della produttività a livello aziendale. Facilitare le ristrutturazioni aziendali attraverso la semplificazione della Legge 223 e una maggiore liberalizzazione del demansionamento. Va inoltre chiarito che i licenziamenti per oggettive ragioni economiche non possono comportare il reintegro in azienda da parte della magistratura ma devono, eventualmente, prevedere indennizzi in denaro. Facilitare la ricollocazione lavorativa attraverso vera formazione, un contratto di ricollocazione da realizzare in cooperazione con le agenzie private, un bonus mobilità per chi deve trasferire la residenza 17

18 per accettare un nuovo lavoro e un più trasparente ed efficace uso degli ammortizzatori sociali: chi gode di ammortizzatori sociali non può rifiutare l'opportunità di nuovi lavori o di programmi di formazione pena la perdita dell'ammortizzatore. Inoltre, appare opportuno prendere atto che gli Uffici pubblici per l'impiego, da sole, sono strutture inadatte al compito. Priorità lavoro pari e flessibile. Si può incentivare la flessibilità dell orario di lavoro, soprattutto nei settori a più alta intensità intellettuale/tecnologica e comunque a favore dei genitori con figli piccoli, e sviluppare politiche attive e incentivanti per l inclusione e la valorizzazione delle donne nel mondo del lavoro: agevolazioni fiscali per le imprese che rispettano la parità di genere e che introducono servizi di welfare aziendale adeguati alla conciliazione tra famiglia e lavoro. Dare certezze alla rappresentanza. E fondamentale rendere stabile e vincolante una chiara normativa sulla rappresentanza che dia garanzie di certezza dei contratti e della loro esigibilità. Gli accordi succedutisi tra le parti sociali in questi ultimi anni devono tramutarsi in norme di legge e in meccanismi operativi trasparenti. C. Crescere sui mercati che crescono: le esportazioni ci salveranno Occorre favorire l'internazionalizzazione delle grandi ma anche e soprattutto delle nostre piccole e medie imprese e delle loro reti. Lo spazio per crescere su mercati internazionali esiste. Rafforziamo l ICE concentrandovi tutte le risorse promozionali dell Italia all estero. Integriamo in un unica Agenzia Promozionale Enit e l Agenzia ICE. Potenziamo il budget promozionale per allinearlo ai livelli europei, portando Stanziamento Piano Nazionale Promozionale a 150 milioni l anno (dagli attuali circa 50). Adeguiamo la Rete di promozione nelle aree ad alto tasso di crescita (15 nuovi uffici tra Cina, ASEAN e Africa Sub Sahariana). Creiamo in Cassa Depositi e Prestiti una vera e propria export bank in grado di finanziare (seguendo il modello della KFW tedesca) le grandi opere infrastrutturali fatte da aziende italiane nei 18

19 paesi emergenti e di fornire abbondante finanza a costi accessibili per tutti gli esportatori Italiani. Formiamo una Task force di "Export Facilitation" tra Ministero dello Sviluppo Economico, Dogane, Ministero dei Trasporti e Ministero della Salute, per rimuovere le difficoltà di esportazione che derivano dal mancato coordinamento tra i soggetti Italiani. Adottiamo pienamente lo Sportello Unico Doganale. Con l attuazione di uno Sportello Unico Doganale, già comunque previsto da un regolamento CE del 2008 e considerato dal Piano della Logistica tra le azioni con maggiore priorità strategica, si potrebbe ottenere una maggiore flessibilità dell organico doganale al fine assicurare, come in molti altri paesi europei, la piena operatività 24 ore al giorno sui 7 lavorativi, e garantendo il completamento del ciclo documentale tutto dematerializzato in tempi brevi. D. Accelerare le infrastrutture Si può e si deve accelerare le Infrastrutture strategiche per il Paese e ancora di più per il Sud Italia. Priorità alle infrastrutture (ai corridoi europei, all'ammodernamento in particolare delle ferrovie locali). Vi sono molti progetti già finanziati e pronti per essere realizzati e altri che possono autofinanziarsi. Si tratta, infatti, per 50 miliardi, di dare concreta attuazione a progetti di infrastrutture già approvati dal CIPE e finanziati. La competitività nei continenti e fra i continenti non può prescindere da efficienti collegamenti. L'Europa ritiene essenziali 9 assi direzionali (i c.d. corridoi) che identificano, tra l'altro, autostrade, ferrovie, porti e aeroporti. Per la realizzazione delle infrastrutture necessarie è possibile un cofinanziamento europeo. All'Italia sono assegnati 4 corridoi, 11 aeroporti e 12 porti ritenuti "strategici". Dobbiamo rapidamente colmare il gap esistente nei collegamenti e nella logistica la cui carenza si traduce in una "tassa occulta" per le imprese. Occorrono finanziamenti imponenti e, pertanto, si deve ricercare il coinvolgimento del capitale privato rafforzando il P.P.P. e gli strumenti dei project bond, delle obbligazioni di scopo e della 19

20 defiscalizzazione laddove necessaria. Per migliorare il Trasporto Pubblico Locale che - soprattutto nelle aree metropolitane - rovina la vita ogni giorno a decine di migliaia di italiani, facendo loro perdere tempo prezioso che potrebbero usare meglio, è necessario consolidare le mille piccole aziende inefficienti, coordinare ferro e gomma, mettere a gara i servizi attirando i migliori operatori del mondo, investendo anche a costo di disinvestire da servizi che possono essere privatizzati (es. Alta Velocità). Per superare il Digital Divide, che in Italia è ancora fortissimo, è prioritario anche investire nelle reti di telecomunicazione. Avere servizi a portata di click aiuterà imprese e individui a recuperare tempo, risorsa sempre scarsissima a causa delle inefficienze sistemiche dell Italia, e quindi ad aumentare la produttività. E. Ridurre fisco su lavoro e impresa, fisco per la crescita Alleggerire la tassazione sulle imprese che investono, assumono e consolidano il proprio patrimonio. Le misure specifiche sono elencate nel capitolo 1) e nel capitolo 2). F. Ridurre il costo dell'energia per le imprese E necessario sviluppare fino in fondo le linee guida dalla Strategia Energetica Nazionale (SEN), che ha come primo obiettivo la riduzione del costo dell energia in Italia. Al termine di questo percorso, in un orizzonte di circa due-tre anni, è possibile ipotizzare un sostanziale allineamento dei prezzi sia del gas sia dei carburanti al netto della componente fiscale. In particolare: Nel settore elettrico: la piena integrazione del mercato italiano con quello europeo (c.d. market coupling), il rafforzamento della rete nazionale per eliminare i numerosi colli di bottiglia che impediscono 20

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it L ITALIA NEL MONDO CHE CAMBIA 1. L Italia del PD sceglie il multilateralismo: per le missioni internazionali di pace, contro il riarmo convenzionale e nucleare; per i diritti umani, contro il riscaldamento

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 SOMMARIO 05 LE PRIORITÀ 07

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

LO 'SBLOCCA ITALIA' IN PILLOLE. Queste alcune delle principali misure previste dal provvedimento:

LO 'SBLOCCA ITALIA' IN PILLOLE. Queste alcune delle principali misure previste dal provvedimento: LO 'SBLOCCA ITALIA' IN PILLOLE Queste alcune delle principali misure previste dal provvedimento: AFFITTI: Per chi acquista una casa (dal primo gennaio 2014 al 31 dicembre 2017) e l'affitta per otto anni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Lo Sblocca Italia in pillole

Lo Sblocca Italia in pillole Lo Sblocca Italia in pillole Con il decreto Sblocca Italia il Governo ha varato una serie di norme volte a rimettere in moto il settore produttivo del Paese, a sostegno della filiera imprenditoriale e

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CONTRATTO CON GLI ITALIANI

CONTRATTO CON GLI ITALIANI CONTRATTO CON GLI ITALIANI tra Silvio Berlusconi, nato a Milano il 29 settembre 1936, leader di Forza Italia e della Casa delle Libertà, che agisce in pieno accordo con tutti gli alleati della coalizione,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli