COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ISTRUZIONE U.O. Igiene, Nutrizione Controllo Pasti Nidi d'infanzia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ISTRUZIONE U.O. Igiene, Nutrizione Controllo Pasti Nidi d'infanzia"

Transcript

1 COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ISTRUZIONE U.O. Igiene, Nutrizione Controllo Pasti Nidi d'infanzia Quartiere. Nido d infanzia. Anno 2011

2 A cura di: Per il Comune di Bologna Settore Istruzione d.ssa Alves Carpigiani responsabile U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti Nidi d'infanzia Mariapaola Brusa Con la collaborazione di Tiziana Balducci Assistente Sanitaria

3 PREMESSA Il Comune di Bologna vanta una lunga esperienza in tema di gestione di strutture educative per la prima infanzia; sin dall inizio, (i primi due nidi comunali sono nati nel 1969) i bambini hanno potuto godere oltre ad una attenta cura pedagogica anche dell opportunità di consumare un pasto confezionato all interno del nido. Attualmente sono a gestione comunale 50 nidi di cui 40 dotati di cucina autorizzata per la preparazione dei pasti. Il menu che viene proposto è semplice, ma vengono anche preparati programmi dietetici personalizzati per bambini con patologie. I pasti sono preparati utilizzando la tecnica cuoci e servi Per ogni cucina, come previsto dal regolamento CEE 178/2002, dal regolamento CEE 852/2004, dal regolamento 882/2004, inerenti la sicurezza alimentare, si è reso necessario predisporre un manuale di corretta prassi igienica, adeguato alle caratteristiche strutturali e di utenza del nido, integrato con schede operative relative alla pulizia e sanificazione dei locali, degli arredi e delle attrezzature. La predisposizione del documento ha richiesto un notevole impegno da parte degli operatori della U.O. Igiene Nutrizione Controllo Pasti Nidi del Settore Istruzione del Comune di Bologna e di tutti gli operatori addetti alla preparazione dei pasti e alla sanificazione dei locali di ogni struttura educativa Si ringrazia il gruppo di lavoro costituito da operatori di: AUSL Città di Bologna Dipartimento minori- Settore pediatria di Comunità AUSL Città di Bologna Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ARPA Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente- Sezione provinciale di Bologna Comune di Bologna : Settore Istruzione Il gruppo ha prodotto nel 2000 il documento Linee guida per la produzione di pasti in autocontrollo per gli asili nido del comune di Bologna, documento che è stato la fonte tecnico scientifica di riferimento per la stesura di un manuale di autocontrollo personalizzato per ogni struttura educativa nel 2005

4 INDICE Scheda anagrafica Elenco operatori GESTIONE DELL IGIENE DEL PERSONALE Criteri generali di attuazione GESTIONE DEL RICEVIMENTO E DELLO STOCCAGGIO DELLE DERRATE.. Interventi esterni periodici Verifica automezzi Approvvigionamento Ricevimento Stoccaggio Schemi di flusso Interventi esterni periodici Verifica dispensa frigorifero freezer Preparazione degli alimenti Schema di flusso Interventi esterni periodici Campionamento alimenti IGIENE DELLE ATTREZZATURE E DEI LOCALI ADIBITI ALLA PREPARAZIONE DEI PASTI Sanificazione Piano di sanificazione dettagliato per singole attrezzature e locali Stoviglie (piatti bicchieri posate ecc. ) coltelli taglieri Tritacarne omogenizzatore spremiagrumi grattugia elettrica robot Biberon succhiotti tettarelle Lavastoviglie frigorifero freezer Cucina Interventi esterni periodici Verifica ispettivo/sensoriale Verifica oggettiva/tamponi Taratura delle attrezzature PULIZIA DEGLI AMBIENTI ADIBITI AD USO COLLETTIVO Spazi esterni aree verdi giochi Accettazione scale e corridoi Sezione attività ludiche e consumo pasti Bagno dei bambini Camera da letto Bagno del personale Lavanderia, spogliatoio ecc. Pulizie periodiche Disinfestazione/derattizzazione Monitoraggio attività PRODOTTI DI PULIZIA IN USO NEGLI ASILI NIDO.. TECNICHE DI PULIZIA.. Procedura A Procedura A1 Procedura A2 Procedura B Procedura B1

5 NIDO D INFANZIA. Scheda anagrafica cucina Via Bologna Tel Fax 051. Autorizzazione sanitaria N del Pasti prodotti giornalmente: n. bambini di età compresa dai 3 ai 36 mesi

6 Operatori ai Servizi Prima Infanzia addetti alla preparazione pasti..... Il personale in elenco può subire delle modifiche in relazione a: assenze del personale e/o aumento di organico. La gestione del personale è a carico del quartiere di riferimento che dispone le sostituzioni attingendo da graduatorie predisposte a livello centrale

7 GESTIONE DELL IGIENE DEL PERSONALE COLLABORATORE Ogni operatore è responsabile della propria igiene personale.

8

9 CRITERI GENERALI DI ATTUAZIONE LA FORMAZIONE In ottemperanza alla legge Regionale n 11 del 24 giugno 2003 e successiva delibera 342/2004 Nuove misure per la prevenzione delle malattie trasmissibili attraverso gli alimenti, abolizione del libretto di idoneità sanitaria viene soppresso l obbligo del libretto di idoneità sanitaria per il personale alimentarista, che sarà sostituito da una formazione/aggiornamento in materia d igiene degli alimenti con conseguente rilascio di attestato da parte del Dipartimento di Sanità Pubblica. Sono esclusi gli operatori in possesso di specifici titoli di studio che prevedono una formazione in materia igienico sanitaria e igiene degli alimenti (allegato 1 delibera 342/2004). Sarà compito dell Ente Gestore formare il personale collaboratore nei tempi e nei modi previsti dalla legge. Per i nuovi assunti si prevede una formazione specifica entro tre mesi dalla data di assunzione in materia igienico sanitaria e igiene degli alimenti, di quindici ore. LA SALUTE DELL OPERATORE In caso di: malattia delle prime vie aeree, occorre indossare mascherina facciale o prevedere la non attività in cucina. diarrea, vomito e foruncoli, informare gli operatori sanitari preposti alla vigilanza della struttura. La cura delle mani Aspetto: Unghie corte, pulite e senza smalto, senza anelli (anche la fede), bracciali, orologi. Processi infiammatori, ferite ed escoriazioni delle mani vengono coperte con un cerotto e guanti di lattice. NOTA PER GLI OPERATORI In condizioni di cute integra, non c è bisogno di guanti di lattice per la manipolazione degli alimenti. Lavaggio: Quando: prima di iniziare il turno, dopo l uso del WC, dopo aver toccato oggetti non attinenti gli alimenti (telefono), dopo essersi soffiati il naso, stretto altre mani, quando le mani appaiono sporche, quando si manipolano alimenti diversi (cotto/crudo, carni/verdure...), dopo operazioni di pulizia e smaltimento di rifiuti. Dove: in cucina nel lavandino dedicato al lavaggio delle mani. nel lavello sguatteria presente nelle cucine. nel bagno del personale. Come: utilizzando detergente distribuito con dispenser. Asciugatura con materiale monouso.

10 La cura del vestiario Cambio: gli abiti personali sono sostituiti con l abbigliamento da lavoro all inizio del turno. Abbigliamento da lavoro: camice o tuta di colore chiaro, grembiule con pettorina, cuffia, pantaloni o salopette, maglietta, calzature. Abiti da lavoro in numero sufficiente per potersi cambiare al bisogno e due paia di calzature: un paio per l attività di cucina e l altro per la pulizia generale della struttura. Modalità di lavaggio: l abbigliamento da lavoro viene lavato nella lavatrice della struttura nido con detergente specifico e alla temperatura indicata in etichetta. Sono utilizzate procedure di protezione delle calzature per tutte le persone (operatori, genitori...) che entrano nelle sezioni, dove sono presenti lattanti e bambini che gattonano. Il personale addetto alla distribuzione del pasto indossa un grembiule con pettorina pulita e il copricapo. Il personale addetto alla somministrazione del cibo, indossa abiti puliti o grembiule con pettorina. NOTA PER GLI OPERATORI E necessario che il personale che ha svolto attività di pulizia e successivamente viene a contatto con gli alimenti e/o con le relative attrezzature indossi abiti o grembiule con pettorina puliti. I comportamenti E necessario prestare attenzione: tossire e starnutire sugli alimenti, manipolare con le mani cibi pronti per il consumo o cibi da non sottoporre ad ulteriore cottura, assaggiare il cibo con le posate utilizzate per mescolare e servire alimenti, toccarsi i capelli, il viso, le orecchie e il naso durante la preparazione degli alimenti, consumare cibi e bevande durante le lavorazioni, masticare caramelle e chewing gum, afferrare posate, bicchieri e stoviglie direttamente con le mani nelle parti destinate al contatto con gli alimenti, pulirsi le mani sul camice, addobbare e/o tenere piante in cucina.

11 DIVIETO DI FUMO NEI LUOGHI APERTI AL PUBBLICO Legge n 584 dell 11 novembre Divieto di fumare in determinati locali e su mezzi di trasporto pubblico Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14 dicembre 1995 Divieto di fumo in determinati locali della pubblica amministrazione o dei gestori di servizi pubblici Per amministrazioni pubbliche, ai sensi dell articolo 1, comma 2, del D.Lsg 29/1993, si intendono tutte le amministrazioni dello Stato ivi compresi: Istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative Legge n 3 del 16 gennaio Art. 51 E vietato fumare nei locali chiusi ad eccezione di: a) quelli privati non aperti ad utenti o al pubblico b) quelli riservati ai fumatori e come tali contrassegnati.

12

13 GESTIONE DEL RICEVIMENTO E DELLO STOCCAGGIO DELLE DERRATE Si intende come Responsabile delle procedure la persona che, essendo in turno nella giornata, svolge effettivamente la procedura in oggetto.

14

15 INTERVENTI ESTERNI PERIODICI Verifica degli automezzi Elementi da monitorare: - Igiene dei ripiani di carico Stoccaggio delle merci che non devono essere a contatto con prodotti di tipo diverso Autorizzazione sanitaria per gli automezzi che trasportano refrigerati e surgelati Le temperature di consegna dei prodotti come da tabella di seguito riportata Alimenti T durante il trasporto (DPR.327/80-54/97) Uova Pastorizzate da 0 C a +4 C Pesce Surgelato da 21 C a 15 C Carne Avicunicola da 1 C a +3 C Latte intero fresco da 0 C a +4 C Verifica Eseguita, annualmente e su segnalazione del personale del Nido, dagli operatori dell ufficio Igiene e Nutrizione del Settore Istruzione, che conservano in sede il registro dei controlli effettuati. Documentazione: Registrazione su: Report A

16

17 APPROVVIGIONAMENTO FORMULAZIONE DEGLI ORDINI Il responsabile della procedura formula l ordine valutando il fabbisogno degli alimenti sulla base delle presenze previste per la settimana successiva, del menù, delle diete speciali e delle giacenze degli alimenti. PERIODICITÀ DELLE CONSEGNE: Tabella 1 Prodotti Prodotti confezionati Ortofrutta Latte Carne Latticini Pesce Pane Periodicità 1 volta al mese 2 volte alla settimana 2 volte alla settimana 1 volte alla settimana 1 volta alla settimana 1 volta alla settimana Quotidiano Documentazione / Verifica I moduli d ordine sono compilati e trasmessi via fax al fornitore. Una copia resta in sede per eseguire il controllo all arrivo delle derrate. CONSEGNA DELLE MERCI (percorso fornitore) L ingresso avviene attraverso la porta di servizio Il fornitore non entra in cucina (le merci non vanno consegnate direttamente in cucina) Il fornitore entra in dispensa, se per questo non è necessario attraversare la cucina. Le merci vengono appoggiate su carrelli ( o preferibilmente su un piano di appoggio individuato I carrelli per appoggiare le merci vengono sanificati dopo l uso prima dell utilizzo per la distribuzione dei pasti.

18 RICEVIMENTO CONOSCENZA DEL CAPITOLATO Il personale collaboratore è a conoscenza del capitolato. Nel nido è presente una copia del capitolato e l elenco di aggiudicazione dei prodotti alimentari conosciuti e consultabili da tutto il personale collaboratore. Quantità e qualità delle merci devono essere conformi al capitolato e alla bolla di consegna. MONITORAGGIO DEI PRODOTTI Viene eseguito appena possibile, prima dello stoccaggio e si verifica la corrispondenza al capitolato, all ordine eseguito e alla bolla di consegna NOTA PER GLI OPERATORI Per i prodotti da conservare in frigorifero e nel congelatore il monitoraggio viene eseguito subito dopo il ricevimento. Si controlla : quantità caratteristiche organolettiche (colore, odore, sapore, consistenza, composizione) verificate,per alcuni prodotti, prima dell utilizzo caratteristiche delle confezioni (integre e/o non imbrattate) etichettatura: denominazione prodotto, produttore, scadenza. vita commerciale, il rispetto del 50% di vita residua dell alimento, per gli alimenti freschi e per i prodotti confezionati In particolare per i prodotti di seguito indicati si verifica: Prodotti Caratteristiche Parmigiano Prosciutto cotto/crudo Frutta Verdura Carni Surgelati Barattoli In confezione sottovuoto In confezione sottovuoto Fresca e di stagione Fresca Esenti da macchie ed ematomi, bel colorito, in confezione sottovuoto Non bagnati, senza ammassi (indice di precedenti scongelamenti) Esenti da importanti ammaccature, gonfiore, ruggine Azioni correttive In caso di non conformità l operatore telefona, previo accordo con l ufficio Igiene e Nutrizione, al fornitore e a seguito delle informazioni ricevute può : restituire la merce al momento della consegna (annullamento della voce dalla bolla di consegna) eliminare le merci previo accordo con il fornitore (annullamento della voce dalla bolla di consegna) collocare la merce, in attesa della restituzione, in una zona appositamente individuata e segnalata (annullamento della voce dalla bolla di consegna e compilazione della bolla di reso)

19 MONITORAGGIO TEMPERATURE DI CONSEGNA DEGLI ALIMENTI Tabella 2 Frequenza Alimento Dove misurare T uguali o inferiori a: Martedì A campione Uova pastorizzate al cuore +2 C (*) Martedì Ad ogni consegna Pesce surgelato Alla superficie -15 C (**) Martedì Ad ogni consegna Carne avicunicola Alla superficie +8 C A campione Latte intero fresco al cuore +9 C Giorno Martedì e Venerdì Sono ritenute accettabili, come da accordi presi con li Dipartimento di Sanità Pubblica - Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione, le temperature alla consegna rispettivamente: (* ) uovo: + 4 C (**) pesce: - 10 C in quanto gli alimenti sopracitati, a queste temperature, non subiscono nessun tipo di degradazione, fermo restando una segnalazione al fornitore, per avere, alla consegna, le temperature indicate in tabella. NOTA PER GLI OPERATORI Se gli alimenti freschi vengono consegnati a temperatura inferiore a 4 C viene data segnalazione all ufficio Igiene e Nutrizione

20 MODALITA RILEVAZIONE TEMPERATURE La rilevazione temperatura al cuore e alla superficie viene eseguita, utilizzando il termometro, dotato di sonda appuntita. Per il pesce surgelato posizionando la sonda tra due confezioni, per la carne avicunicola la confezione viene piegata a metà e la sonda viene posizionata a contatto con la superficie ripiegata. La rilevazione al cuore nell uovo pastorizzato viene effettuata immergendo direttamente la sonda nell alimento. L uovo sarà poi utilizzato, entro la giornata, per le preparazioni previste dal menù o eliminato. La rilevazione temperature nell uovo pastorizzato viene fatta in ogni nido o più nidi, scelti come campioni per quartieri. La rilevazione nel latte viene eseguita, in una confezione da ½ litro, immergendo direttamente la sonda nell alimento. Il latte controllato viene eliminato o utilizzato per le eventuali preparazioni previste dal menù della giornata di riferimento che richiedano la cottura. NOTA PER GLI OPERATORI Per gli alimenti che non sono indicati nella tabella del monitoraggio non è richiesta nessuna rilevazione della temperatura alla consegna. MONITORAGGIO DELLE TEMPERATURE Il responsabile delle procedure controlla ad ogni arrivo la temperatura degli alimenti. Azioni correttive Se al monitoraggio il responsabile della procedura rileva temperature difformi da quelle indicate nel manuale di autocontrollo telefona, previo accordo con l ufficio Igiene e Nutrizione, al fornitore e a seguito delle informazioni ricevute può : restituire la merce al momento della consegna (annullamento della voce dalla bolla di consegna) eliminare le merci previo accordo con il fornitore (annullamento della voce dalla bolla di consegna) collocare la merce, in attesa della restituzione, in una zona appositamente individuata e segnalata (annullamento della voce dalla bolla di consegna e compilazione della bolla di reso) Documentazione Il responsabile del ricevimento : Firma la bolla di consegna e conserva in sede una copia fino al consumo del prodotto. Compila, entro le ore 13 il registro delle forniture ( report1)dove annota: data e ora di consegna, le temperature, ove richiesto. le eventuali non conformità e firma. Entro le ore 13 compila inoltre il registro delle non conformità (report2) per le eventuali difformità riscontrate e le conseguenti azioni correttive eseguite e firma

21 STOCCAGGIO Eseguito dal responsabile della procedura. STOCCAGGIO IN DISPENSA Il responsabile della procedura al momento dello stoccaggio, (mensile), esegue un controllo sui prodotti in giacenza in relazione a: scadenza stato di conservazione (per rilevare eventuali modifiche dell aspetto) collocazione integrità delle confezioni Azioni correttive Eliminazione di alimenti in seguito a rilevazione di non conformità (scaduti, visibili condizioni di deterioramento...) Ricollocazione in caso di stoccaggio scorretto. In caso di temperatura superiore ai 25 C. la frutta (esclusa la banana) viene collocata nel frigorifero. Lo stoccaggio avviene entro le ore 17 per gli alimenti che non necessitano di refrigerazione, quali paste alimentari, scatolame, farine, zucchero e vegetali quali aglio, patate, cipolle, banane. I prodotti sono collocati in scaffalature alte da terra almeno 30 cm e posizionati in modo da facilitare la rotazione, distanziati e non accatastati per permettere la circolazione dell aria. Le confezioni singole aperte di cereali, farinacei sono richiuse dopo ogni uso e riposte in armadietti o mobili chiusi. Le confezioni aperte degli alimenti per lattanti sono richiuse dopo ogni uso e riposte in armadietti o mobili chiusi. Patate e frutta non deperibile (mele, pere e arance...) sono riposte nel piano più basso della dispensa, tranne che nella stagione estiva in cui la frutta (esclusa la banana)viene riposta in frigorifero (se la temperatura ambientale è superiore ai 25 C). Sono presenti solo prodotti alimentari. E individuata una zona per riporre alimenti che non sono conformi alle caratteristiche richieste. E concessa la tenuta della documentazione di controllo (report) in uno spazio apposito. NOTA PER GLI OPERATORI Tutte le confezioni aperte di alimenti, conservate in dispensa o in armadietti chiusi in cucina, a fine anno scolastico vanno eliminate

22 STOCCAGGIO IN FRIGORIFERO In presenza di frigoriferi con un'unica cella, la temperatura di regolazione è quella degli alimenti da conservare a temperatura più bassa ( 0 C + 2 C ) I prodotti sono collocati in modo da facilitare la rotazione (in evidenza quelli a scadenza più ravvicinata), distanziati e non accatastati per permettere la circolazione dell aria. Gli alimenti che sono in confezioni integre e protette (carne sottovuoto...) vengono riposti senza rimuovere la confezione. Gli alimenti in confezioni a rischio di gocciolamenti sono riposti in vaschette, nella confezione originale, per evitare l eventuale contaminazione. Le confezioni di burro aperte sono conservate in frigorifero, in un contenitore dedicato, avendo cura di richiudere molto bene l involucro. Gli ortaggi in foglia vengono riposti nella cella per gli alimenti di origine vegetale, senza lavaggio preliminare, avvolti in un canovaccio. Al parmigiano viene tolta la pellicola di imballaggio 2o3 giorni prima dell utilizzo, viene avvolto in carta da forno o in canovaccio e collocato poi in una ciotola. Viene mantenuta l etichetta fino all esaurimento del parmigiano aperto. Il parmigiano è grattugiato al momento del consumo Le confezioni delle uova pastorizzate vengono riposte chiuse nel frigorifero. Una volta aperto il contenitore per il monitoraggio della temperatura, la confezione viene ricollocata in frigorifero fino all utilizzo per la preparazione prevista nella giornata. Al termine della giornata viene eliminato ogni residuo. I latti liquidi di qualsiasi origine, le confezioni di passata di pomodoro, di confetture, di miele e di liofilizzati una volta aperti, vengono riposti nel frigorifero ben chiusi con la data di apertura. I pomodori pelati residuati dalle confezioni aperte vengono riposti in contenitori per alimenti, ben chiusi, con la data di apertura. NOTA PER GLI OPERATORI Possono essere conservati in frigorifero alimenti per diete speciali previa autorizzazione dell ufficio Igiene e Nutrizione Non devono essere presenti uova fresche o alimenti non destinati ai bambini, né alimenti manipolati. Non devono essere presenti confezioni parzialmente utilizzate di omogeneizzati. Possono essere conservati in frigorifero i farmaci, in confezione originale, in apposito contenitore e in spazio dedicato, solo se autorizzati dalla Pediatria di Comunità

23 TEMPERATURA DI CONSERVAZIONE Tabella 3 Prodotti Ovoprodotti (uova pastorizzate) Alimenti di origine animale Latticini, yogurt Frutta biologica e frutta deperibile Altri alimenti di origine vegetale Tutta la frutta eccetto le banane Temperatura di conserv. 0 C / +2 C 0 C / +4 C 0 C / +4 C 0 C / +8 C 0 C / +8 C 0 C / +8 C Quando Sempre Sempre Sempre Sempre Sempre Se T ambiente > 25 C TEMPI E MODI DI CONSERVAZIONE DEI PRODOTTI APERTI Tabella 4 Prodotto Liofilizzato Passata e pomodori pelati Confettura Miele Latte di origine animale liquidi Latte di origine vegetale liquidi Caciotta Ricotta Prosciutto crudo Prosciutto cotto Latte di origine animale in polvere Conservazione massima 24 ore 3 giorni Dove Frigorifero Frigorifero 7 giorni 1 mese 48 ore Frigorifero Frigorifero Frigorifero 48 ore Frigorifero Frigorifero Frigorifero Frigorifero Frigorifero In contenitori/mobili chiusi dispensa/cucina Pastina 4 giorni 24 ore 48 ore 48 ore Entro la data di scadenza indicata, nella confezione, per il prodotto aperto. 3 mesi Biscotto granulato 2 mesi Creme di cereali, mais e tapioca ecc 3 mesi In contenitori/mobili chiusi dispensa/cucina In contenitori/mobili chiusi dispensa/cucina In contenitori/mobili chiusi dispensa/cucina NOTA PER GLI OPERATORI Stracchino e carni fresche non possono essere conservati in frigorifero dopo l apertura della confezione

24 MONITORAGGIO DELLA TEMPERATURA Due volte al giorno, (apertura/chiusura del nido), utilizzando un termometro di massima e minima, dotato di sonda collocata all interno del frigorifero nella cella dei prodotti di origine animale. Dopo aver controllato e registrato sul Report 3 le temperature rilevate si effettua l azzeramento del termometro. Azioni correttive Alimenti di origine animale Si contatta l ufficio Igiene e Nutrizione se al controllo si rilevano le seguenti temperature: temperatura attuale uguale o superiore a +4 O temperatura massima superiore a +7 Le eventuali azioni correttive vengono concordate di volta in volta con l ufficio Igiene e Nutrizione Alimenti di origine vegetale. Se la temperatura indicata dal termometro del frigorifero è superiore a +8 C: Valutare l aspetto organolettico dei prodotti. Eliminare le parti visibilmente deteriorate. Consumare entro le 24 ore. Documentazione Annotazione sul report 3, delle temperature rilevate; in caso di non conformità registrazione sul report 2 delle eventuali difformità riscontrate e le conseguenti azioni correttive eseguite e firma.

25 STOCCAGGIO IN FREEZER Eseguito dal responsabile della procedura. Gli alimenti vengono stoccati in freezer, subito dopo la consegna e vengono mantenuti separati per tipologia e nelle confezioni originali. I prodotti aperti vanno mantenuti nelle confezioni originali con l etichetta originale e la data di apertura della confezione. La temperatura di conservazione è inferiore o uguale a - 18 C. MONITORAGGIO DELLA TEMPERATURA Due volte al giorno, (apertura/chiusura del nido), utilizzando un termometro di massima e minima, dotato di sonda collocata all interno del congelatore. Dopo aver controllato e registrato sul Report 4 le temperature rilevate si effettua l azzeramento del termometro. Azioni correttive Si contatta l ufficio Igiene e Nutrizione se al controllo si rilevano le seguenti temperature: temperatura attuale uguale o superiore -15 O temperatura massima uguale o superiore a 0 Le eventuali azioni correttive vengono concordate di volta in volta con l ufficio Igiene e Nutrizione Documentazione Annotazione sul report 4, delle temperature rilevate; in caso di non conformità registrazione sul report 2 delle eventuali difformità riscontrate e le conseguenti azioni correttive eseguite e firma. NOTA PER GLI OPERATORI Dopo le operazioni di pulizia delle parti interne di frigorifero (settimanale) e congelatore (trimestrale ) il termometro deve essere azzerato e le temperature rilevate vanno registrate sui report 3 e 4

26

27 SCHEMA DI FLUSSO A) Stoccaggio dispensa Fase - Stoccaggio - Temperatura ambiente Identificazione del pericolo - Contaminazione batterica e da infestanti Misure preventive Limiti critici Monitoraggio - Idoneità dei locali (freschi e asciutti) - Buone condizioni igieniche della dispensa - Dotare la dispensa di idonee scaffalature scostate dalle pareti e sollevate da terra in modo da consentire la circolazione dell aria ed un idonea pulizia - Assenza di infestanti e loro tracce - Controllo quotidiano delle condizioni di ordine e pulizia della dispensa - Assenza di promiscuità degli alimenti - Assenza di alimenti scaduti Azioni correttive - Riordino e pulizia dei locali Documentazioni e verifiche - Registrazione delle irregolarità nel registro di non conformità e - Disinfestazione delle azioni correttive e derattizzazione adottate dei locali (vedi - Controllo piani di - Verifica trimestrale sul periodico disinfestazione) registro di non presenza conformità infestanti - Eliminazione dei cibi non - Controllo integri e scaduti mensile dello e loro stato di integrità segregazione o degli alimenti eliminazione come rifiuto - Controllo mensile della data di scadenza delle confezioni

28 SCHEMA DI FLUSSO B) Stoccaggio refrigerato/surgelato Fasi Identificazione del pericolo Stoccaggio Contaminazione/ moltiplicazione batterica Misure preventive - Assicurare idonee condizioni di ordine e pulizia nei frigoriferi e congelatori - Idonea separazione degli alimenti - Taratura annuale dei frigoriferi e congelatori - Temperatura di conservazione adeguate Limiti critici - Assenza di promiscuità degli alimenti - Assenza di alimenti scaduti - Temperature di conservazione fra 0+2 C (cibi deperibili) < -18 C (surgelati/congelati) Monitoraggio - Controllo quotidiano delle condizioni di ordine e pulizia dei frigoriferi e congelatori - Controllo due volte al giorno delle temperature con termometro - Controllo dello stato di integrità degli alimenti - Controllo settimanale della data di scadenza Azioni correttive Documentazioni e verifiche - Riordino e pulizia delle attrezzature refrigeranti e dei locali - Registrazione delle irregolarità nel registro di non conformità e delle azioni correttive adottate - Eliminazione dei cibi non integri o scaduti e loro segnalazione o eliminazione - Verifica trimestrale sul registro di non conformità - Taratura delle attrezzature di refrigerazione in caso di cattivo funzionamento - Disinfestazione e derattizzazione dei locali (vedi piani di disinfestazione) - Verifica annuale documentazione apparecchiature refrigerazione

29

30 INTERVENTI ESTERNI PERIODICI Verifica dello stoccaggio e della temperatura ambientale in dispensa Eseguita dal personale dell ufficio Igiene e Nutrizione del Settore Istruzione, che conserva in sede il registro dei controlli effettuati. Di norma trimestrale e al bisogno per quantità (accatastamento),qualità, scadenza, collocazione, stato di conservazione, integrità delle confezioni originali, protezione alimenti sfusi. Azioni correttive Eliminazione di alimenti in seguito a rilevazione di non conformità (scaduti, visibili condizioni di deterioramento ecc...) Ricollocazione in caso di stoccaggio scorretto. In caso di temperatura superiore ai 25 C. la frutta (esclusa la banana) viene collocata nel frigorifero. Documentazione Registrazione sul Report B

31 INTERVENTI ESTERNI PERIODICI Verifica di stoccaggio in frigorifero. Eseguita dal personale dell ufficio Igiene e Nutrizione del Settore Istruzione, che conserva in sede il registro dei controlli effettuati. Di norma trimestrale e al bisogno per quantità(accatastamento),qualità, scadenza, collocazione, stato di conservazione, integrità delle confezioni originali, protezione alimenti sfusi. Azioni correttive Eliminazione di alimenti in seguito a rilevazione di non conformità (scaduti, visibili condizioni di deterioramento ecc...) Ricollocazione in caso di stoccaggio scorretto. Documentazione Registrazione sul Report C

32 INTERVENTI ESTERNI PERIODICI Verifica di stoccaggio in freezer. Eseguita dal personale dell ufficio Igiene e Nutrizione del Settore Istruzione, che conserva in sede il registro dei controlli effettuati. Di norma trimestrale e al bisogno per quantità(accatastamento),qualità, scadenza, collocazione, stato di conservazione, integrità delle confezioni originali, protezione alimenti sfusi. Azioni correttive Eliminazione di alimenti in seguito a rilevazione di non conformità (scaduti, visibili condizioni di deterioramento ecc...) Ricollocazione in caso di stoccaggio scorretto. Documentazione Registrazione sul Report D

33 PREPARAZIONE DEGLI ALIMENTI SCONGELAMENTO Esclusivamente mediante cottura diretta dei prodotti ancora surgelati o congelati. NOTA PER GLI OPERATORI Gli alimenti debbono essere manipolati secondo ricetta, considerando i tempi necessari per la preparazione e pronti immediatamente prima del consumo. Le preparazioni di latti artificiali e alimenti per lattanti sono tutte predisposte in cucina dal personale collaboratore. Le manipolazioni a temperatura ambiente sono effettuate nel minor tempo possibile (max 2 ore). Tabella 5 Prodotto Carni rosse Carni bianche Coniglio Verdure a foglia Altre verdure Frutta Operazioni - apertura della confezione sottovuoto - scolatura dei liquidi - tamponare con canovaccio da cucina - preparazione - eliminazione di pelle e altri residui grossolani - lavaggio - tamponare con canovaccio da cucina - preparazione - eliminazione di residui grossolani - lavaggio - tamponare con canovaccio da cucina - preparazione - mondatura - lavaggi fino ad ottenere deflusso di acqua pulita - asciugatura (centrifuga) - mondatura - sbucciatura - lavaggio - asciugatura per le verdure consumate crude - mondatura, - lavaggio - asciugatura (si effettua collocando la frutta su un canovaccio) -Sbucciatura (la frutta a coltivazione biologica non necessita di sbucciatura ) Esiste separazione tra le lavorazioni di matrici alimentari diverse. Il nido è dotato di piani di lavoro, taglieri distinti per tipi di matrice Se in un unico piano di lavoro vengono effettuate lavorazioni con matrici diverse, viene eseguita la sanificazione tra una lavorazione e l altra. Taglieri per pane, formaggi, carni e verdure sono identificati con sigle indelebili.

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 09 SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di

Dettagli

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*)

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) MESE ANNO G I O R N O 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 REGIONE SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) T C 1 T C 2 T C

Dettagli

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT H.A.C.C.P. HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT 1998 D.Lgs 155/97 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) A CHI E RIVOLTO Aziende di trasformazione degli alimenti (confetture latte verdure in

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO F MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Allegato F Modalità operative per la gestione del servizio 1 1 Indicazioni relative all approvvigionamento e alla preparazione dei pasti 1.1 Approvvigionamento

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SOMMARIO 1 - Stoccaggio delle derrate 2 - Tecnologie di manipolazione e di cottura 3 - Operazioni

Dettagli

ELENCO GARANZIE IGIENICO-SANITARIE

ELENCO GARANZIE IGIENICO-SANITARIE ALLEGATO D - CAPITOLATO D ONERI ELENCO GARANZIE IGIENICO-SANITARIE La ditta appaltatrice è tenuta a curare con la massima scrupolosità l osservanza di tutte le norme igienico-sanitarie che regolano il

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

NORME PER L UTILIZZO DELLA CUCINA MOBILE PROVINCIALE E DI COMPORTAMENTO NELLA MANIPOLAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PREMESSA:

NORME PER L UTILIZZO DELLA CUCINA MOBILE PROVINCIALE E DI COMPORTAMENTO NELLA MANIPOLAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PREMESSA: NORME PER L UTILIZZO DELLA CUCINA MOBILE PROVINCIALE E DI COMPORTAMENTO NELLA MANIPOLAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PREMESSA: Le Norme di seguito elencate dettano le regole basilari che

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

2. Annotazioni dei quantitativi delle merci ricevute e dei consumi giornalieri

2. Annotazioni dei quantitativi delle merci ricevute e dei consumi giornalieri SCHEDA TECNICA N. 5 INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE NEI NIDI DOVE, PER RAGIONI CONTINGENTI, DOVESSE ESSERE INTERROTTO IL SERVIZIO GESTITO IN ECONOMIA DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE 1 Il servizio

Dettagli

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato 2 Specifiche tecniche relative alle operazioni di pulizia ordinaria ANNO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI GRUGLIASCO CIG [ 4 4 4 7 2 8 9 2 F B ]

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI GRUGLIASCO CIG [ 4 4 4 7 2 8 9 2 F B ] PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI GRUGLIASCO CIG [ 4 4 4 7 2 8 9 2 F B ] ALLEGATO N. 1 al Capitolato Speciale d Appalto SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni La prevenzione in ambiente domestico NOVARA, 29 settembre 2012 BORGOMANERO, 13 ottobre 2012 Dott.ssa Silvana Pitrolo SIAN ASL NO Ricadute sulla

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

ALLEGATO 5 PROGRAMMA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5 PROGRAMMA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AZIENDA SPECIALE MULTISERVIZI CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino Viale Buridani n. 56-10078 Venaria Reale (To) Tel.011/495850 Fax 011/5533144 Servizio di Refezione Scolastica per gli asili nido,

Dettagli

SCHEDA REGISTRAZIONI CUCINA A GESTIONE INTERNA DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA REGISTRAZIONI CUCINA A GESTIONE INTERNA DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA REGISTRAZIONI CUCINA A GESTIONE INTERNA DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE E la raccolta delle schede da utilizzare per le registrazioni

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE Pag. 1 di 17 PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative

Dettagli

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. triplice copia Oggetto: comunicazione manifestazione

Dettagli

COMUNE DI S. DORLIGO DELLA VALLE OBČINA DOLINA

COMUNE DI S. DORLIGO DELLA VALLE OBČINA DOLINA GESTIONE SALE MENSA - IGIENE PRODOTTI ALIMENTARI (HACCP) VEICOLAZIONE PASTI Allegato B GESTIONE SALE MENSA Il servizio di distribuzione pasti e merende di metà mattina e metà pomeriggio è effettuato dall

Dettagli

Raffreddamento. Capitolo 6

Raffreddamento. Capitolo 6 Capitolo 6 Raffreddamento Il raffreddamento degli alimenti, se non correttamente eseguito, rappresenta una fase molto delicata e importante per il possibile sviluppo di microrganismi patogeni. In generale,

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE)

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA' OPERATIVE PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO Allegato 4 al Capitolato di gestione Capitolato di gestione Pagina 1 di 7 SOMMARIO

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI REQUISITI IGIENICO SANITARI

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria.

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. Oggetto: comunicazione manifestazione temporanea

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

REGOLE PER LA LAVORAZIONE

REGOLE PER LA LAVORAZIONE REGOLE PER LA LAVORAZIONE La manipolazione degli alimenti deve essere ridotta al minimo indispensabile Usare piani di lavoro ed utensili differenti per carni rosse e pollame carni e verdure crude prodotti

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione SANA 14 settembre 2015 Dott.ssa M.Chiara Venturini tecnologo alimentare ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI DELL EMILIA ROMAGNA

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali)

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) ALLEGATO TECNICO N. 7 (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) I menù di seguito riportati sono quelli attualmente in vigore ed approvati dal Servizio di Igiene e Nutrizione dell ASL

Dettagli

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO. ALLEGATO n. 7

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO. ALLEGATO n. 7 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Ufficio Ristorazione Scolastica Vicolo del Gallo, 10-20092 - Cinisello Balsamo (MI) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE PROCEDURE OPERATIVE ALLEGATO n. 7 AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO PROVINCIA DI TORINO

CITTA DI PIOSSASCO PROVINCIA DI TORINO CITTA DI PIOSSASCO PROVINCIA DI TORINO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE COLLODI E DEL SERVIZIO DI SPAZIO FAMIGLIA SITUATI IN PIOSSASCO, VIA SAN BERNARDO 13 Periodo

Dettagli

ALLEGATO 4: NORME E MODALITA DI PREPARAZIONE AL CRUDO E AL COTTO DEI PASTI.

ALLEGATO 4: NORME E MODALITA DI PREPARAZIONE AL CRUDO E AL COTTO DEI PASTI. COMUNE DI CADEO Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 cap 29010 Tel. (0523) 503311 - Fax (0523) 509997 Codice Fiscale e Partita I.V.A. n. 00224340331 E-mail: comune.cadeo@sintranet.it ALLEGATO 4: NORME

Dettagli

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Maggio 2012 Questo documento è organizzato in base ai capitoli del corso online di sicurezza alimentare ServSafe. Indica le differenze tra il contenuto del

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

ASL 7 CARBONIA Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI NELLE IMPRESE ALIMENTARI

ASL 7 CARBONIA Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI NELLE IMPRESE ALIMENTARI ASL 7 CARBONIA Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI NELLE IMPRESE ALIMENTARI Ai sensi della L. 180/2011 art.11, e ad integrazione di quanto

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA

LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO ATTRAVERSO L AUTOCONTROLLO E PROCEDURE PER LA NOTIFICA DELL ATTIVITA Carignano 4 febbraio 2013 Corso Base 2013

Dettagli

TEL: +390108311595 MOBILE: +393393117702 EMAIL: tuttobargenova@gmail.com - info@tuttobargenova.it

TEL: +390108311595 MOBILE: +393393117702 EMAIL: tuttobargenova@gmail.com - info@tuttobargenova.it A TUTTO IL PERSONALE E COLLABORATORI VOUCHER DELL AZIENDA Genova, 1 aprile 2016 Norme di comportamento da tenere sul posto di lavoro per una corretta applicazione delle norme HACCP, per l igiene degli

Dettagli

Servizio Asilo nido. Allegato n.1

Servizio Asilo nido. Allegato n.1 Servizio Asilo nido Allegato n.1 al Capitolato Speciale per il Servizio di Ristorazione allegato 1 al Capit.Speciale: Servizio asilo nido pag 1/6 Gli asili nido di Limbiate sono: Asilo nido Fantasia in

Dettagli

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta!

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! 2 sai davvero difenderti da germi e batteri? Non pensare alla mozzarella blu o al pollo alla diossina: i pericoli di intossicazioni e tossinfezioni derivano

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

PULIZIA E SANIFICAZIONE DEI LOCALI ADIBITI AI PASTI NELLE STRUTTURE SCOLASTICHE: Indirizzo operativo

PULIZIA E SANIFICAZIONE DEI LOCALI ADIBITI AI PASTI NELLE STRUTTURE SCOLASTICHE: Indirizzo operativo DIREZIONE DIDATTICA G.MATTEOTTI 1 CIRCOLO Via Perugina, 58 06024 GUBBIO - TEL.0759273775 FAX 0759271650 www.primocircologubbio.it - E-Mail pgee03600q@istruzione.it - E-Mail certificata pgee03600q@pec.it

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale

Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE CARNI REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ

Dettagli

BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA

BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA Testi a cura di: Chiara Musella, Stefano Peirone, Alessandro Testa, Giuseppe Sattanino, Valentina Marotta, Francesca Piovesan, Bartolomeo Griglio. Introduzione

Dettagli

Igiene del personale: Principi e comportamenti sui Punti Critici dell HACCP

Igiene del personale: Principi e comportamenti sui Punti Critici dell HACCP Igiene del personale: Principi e comportamenti sui Punti Critici dell HACCP UOC di Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E Castellaneta, C Civale, P Ceccarelli, S Passaretti, A Gabriele HACCP

Dettagli

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto MANUALE di AUTOCONTROLLO redatto secondo il METODO HACCP per le fasi di TRASPORTO e DISTRIBUZIONE del VITTO ai degenti della Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce di Nemi UOC di Riabilitazione

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DEL COMUNE DI SASSARI Tabelle dietetiche e Menù La nutrizionista La pediatra dell'azienda

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO Schweizerischer Bauernverband Union Suisse des Paysans Unione Svizzera dei Contadini Uniun purila Svizra Laurstrasse 10 5201 Brugg AGORA Association des groupements et organisations romands de l'agriculture

Dettagli

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE PROCEDURE OPERATIVE Allegato tecnico n. 5 al Capitolato

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

Regole di igiene per la ristorazione collettiva

Regole di igiene per la ristorazione collettiva INFORMAZIONE Regole di igiene per la ristorazione collettiva Ogni anno in Germania vengono riportati oltre 100.000 casi di malattie causate dalla presenza negli alimenti di microorganismi, in particolare,

Dettagli

ALLEGATO C SCHEDE TECNICHE APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA, TRASPORTO, CONFEZIONAMENTO, SOMMINISTRAZIONE ED

ALLEGATO C SCHEDE TECNICHE APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA, TRASPORTO, CONFEZIONAMENTO, SOMMINISTRAZIONE ED ALLEGATO C SCHEDE TECNICHE APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA, TRASPORTO, CONFEZIONAMENTO, SOMMINISTRAZIONE ED SCHEDA TECNICA N. CUCINA CENTRALIZZATA Cucina Centralizzata

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI

I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 Per accedere alle attività didattiche nei laboratori di CUCINA, studentesse e studenti devono indossare le seguenti divise: Giacca bianca

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

VADEMECUM OPERATIVO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI PER OPERATORI DI ASILO NIDO E COLLETTIVITÀ SCOLASTICHE

VADEMECUM OPERATIVO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI PER OPERATORI DI ASILO NIDO E COLLETTIVITÀ SCOLASTICHE B O O K S E I AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.6 FRIULI OCCIDENTALE VADEMECUM OPERATIVO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI PER OPERATORI DI ASILO NIDO E COLLETTIVITÀ SCOLASTICHE B O O K S E I AZIENDA PER I SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL

Dettagli

ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu,

ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu, 2 Spesso la TV e i giornali ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu, ma abbiamo mai pensato che anche la preparazione domestica dei cibi, dall acquisto

Dettagli

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO 4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP E PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO PIANO DI AUTOCONTROLLO Pag. 19 MPE / SL / PF deteriorati Adeguata Fornitori Annuale, Controllo Documentale MPE / SL / PF contaminati

Dettagli

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Mille menùper una grande città Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Paola Boni SIAN AUSL di RE CHE COSA E LA CELIACHIA? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine in soggetti geneticamente

Dettagli

NOZIONI DI MICROBIOLOGIA GENERALE DEFINIZIONE DEI RISCHI CONNESSI AGLI ALIMENTI

NOZIONI DI MICROBIOLOGIA GENERALE DEFINIZIONE DEI RISCHI CONNESSI AGLI ALIMENTI Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce Servizio di Nutrizione Clinica NOZIONI DI MICROBIOLOGIA GENERALE DEFINIZIONE DEI RISCHI CONNESSI AGLI ALIMENTI UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale

Dettagli

ESERCIZIO DI VENDITA AL DETTAGLIO DI PRODOTTI ALIMENTARI IN SEDE FISSA

ESERCIZIO DI VENDITA AL DETTAGLIO DI PRODOTTI ALIMENTARI IN SEDE FISSA Ditta PITTAVINO ALESSANDRO Via Vallauri, 88 1213 Chiusa di Pesio [CN] P.IVA: 32316143 ESERCIZIO DI VENDITA AL DETTAGLIO DI PRODOTTI ALIMENTARI IN SEDE FISSA Piano di autocontrollo predisposto sulla base

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: PESCHERIA

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: PESCHERIA DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: PESCHERIA PREMESSA Con l entrata in vigore della Legge Regionale n.

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013

Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013 Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013 Adempimenti Regolamento (CE) N 852/2004 (ex D. Lgs. N 155/97) relativi al servizio di refezione scolastica nelle scuole comunali di Palermo Anno scolastico

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli