Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Copyright ARPA Lombardia ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Copyright 2007 - ARPA Lombardia ISBN 978-88-903167-0-8"

Transcript

1 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Copyright ARPA Lombardia ISBN Studio delle concentrazioni di POPs nell area dolomitica R. Bassan, C. Bellio, A. Cavinato, S. Ganz, R. Piol, C. Belis., D. Heublein., S. Iozza, T. Jakl, G. Jakobi, M. Kirchner, W. Knoth, N. Krauchi, W. Levy-Lopez, T. Magnani, W. Moche, M. Oehme, I. Offenthaler, R. Perthen-Palmisano, D. Schmid, K. W. Schramm, P. Schroder, H. Schrott, I. Sedivy, P. Simončič, M. Uhl, P. Vannini, U. Vilhar, P. Weiss Abstract In the context of the MONARPOP project a study on the POPs concentrations in the three sites of the Dolomites has been carried out. In the matrices needles, humus layer, mineral soil and semi permeable membrane devices (SPMD) different POPs groups have been investigated: OCP, PCB, PCDD/F, PBDE, CP and PAH and generally low or very concentrations arose, especially in the site Val Visdende, showing one of the best situation of the whole alpine area. Introduzione Nell ambito del progetto MONARPOP relativo alla presenza di inquinanti organici persistenti (POPs) in siti remoti dell arco alpino (Weiss, 2007), sono stati analizzati campioni provenienti da quattro matrici ambientali: aghi di Picea abies (L.) Karsten (Abete rosso), humus, suolo minerale e aria, quest ultima attraverso campionatori attivi e passivi. Lo studio qui presentato riguarderà in particolare le prime tre matrici più le membrane semipermeabili per il campionamento passivo dell aria (Schramm, 2007); per ognuna si analizzerà in dettaglio la situazione nel Veneto attraverso il profilo altimetrico della Val Visdende ed i siti della Val Prampera e del Monte Grappa. Materiali e Metodi La scelta dei siti di studio è stata condotta con lo scopo di coprire la montagna veneta tra e Nord, in modo tale da avere informazioni sia su aree remote affacciate sulle Alpi Austriache e l Europa, sia sulla pianura Padana. Con questi criteri informatori, a nord è stata scelta la Val Visdende con la contigua Val Frison, a sud il Massiccio del Grappa, alla testata della Val Stizzon affacciata sulla pianura trevigiana e vicentina; intermedia tra questi due siti è stata individuata la Val Prampera (Dolomiti Zoldane), inserita nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, come indicato in Figura 1. La Val Visdende è geograficamente collocata tra il mondo dolomitico a sud, caratterizzato da valli incise e forte energia del rilievo, e quello alpino a nord, con forme più dolci. La valle si presenta particolarmente ampia per la confluenza di due rami guidati dalla tettonica e modellati dalle forme glaciali e fluvio-lacustri; risulta protetta verso meridione dall orografia e viene a trovarsi relativamente aperta alle correnti

2 34 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Figura 1. Mappa dei punti veneti di campionamento. Tratta da Google earth 2007 e modificata. provenienti dal nord delle Alpi. E un area di pregio naturalistico caratterizzata da pochi insediamenti, popolati quasi esclusivamente nel periodo estivo, dall assenza di attività artigianali e industriali, e dalla presenza di viabilità esclusivamente silvo pastorale con valenza turistica nella buona stagione. Per queste motivazioni la valle è stata scelta per la realizzazione del profilo altimetrico tra 1123 e 1656 m s.l.m. e per il posizionamento delle capannine contenenti i campionatori passivi (SPMD). Nella valle sono stati anche eseguiti campionamenti di aghi di abete, humus e suolo minerale. La Val Prampera costituisce una valle remota di accesso al Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi dalla valle di Zoldo. Collocata al centro delle Dolomiti Bellunesi tra i Gruppi del Talvena, S. Sebastiano e Cime di Mezzodì, la valle presenta orografia e morfologia particolarmente aspre; è caratterizzata da una notevole energia del rilievo che la rende isolata dai contigui territori antropizzati. La Val Prampera è contraddistinta dall assenza di insediamenti stabili, dalla presenza di viabilità esclusivamente silvo pastorale con valenza turistica prevalentemente estiva. Per il campionamento è stato scelto un sito a quota 1486 m. Il Monte Grappa è un massiccio montuoso che raggiunge i 1775 m. Appartiene alle Prealpi Venete e risulta diviso tra le province di Vicenza, Treviso e Belluno. Nell ambito dei siti di progetto costituisce la finestra sulla pianura padano-veneta. Il punto di campionamento è stato scelto a 1345 m in una zona sub pianeggiante ubicata alla testata della bellunese Val Stizzon, caratterizzata anch essa da scarsissima antropiz-

3 Studio delle concentrazioni di POPs nell area dolomitica 35 zazione. Il campionamento di aghi di abete rosso, strato di humus e suolo minerale, così come la conservazione ed il trasporto dei campioni, sono avvenuti secondo metodologie standardizzate e condivise da tutti i partners di progetto, definite nell ambito di numerosi incontri tecnici. Le analisi chimiche per la ricerca degli inquinanti organici persistenti sono state quindi svolte presso i laboratori selezionati. Le elaborazioni dei dati analitici svolte presso il Dipartimento Provinciale ARPAV di Belluno, rivolte allo studio della situazione locale, sono state effettuate mediante l impiego del software statistico Kyplot e fogli di calcolo. Risultati e discussione Le elaborazioni effettuate verranno di seguito riportate per singola matrice d indagine. Si considereranno sia i siti standard che i profili altimetrici e nei confronti e calcoli delle variabili statistiche saranno trattati indistintamente. Eventuali valutazioni saranno effettuate nel dettaglio solo per i tre siti veneti, ove presenti i dati. Nella Figura 2 sono rappresentati i valori minimi, massimi e medi per le famiglie di inquinanti indagate nei siti del Veneto e del resto dell arco alpino, divisi per matrice. Aghi di abete. Gli aghi delle piante di abete sono stati sottoposti all analisi di quattro famiglie di POPs: pesticidi organoclorurati (OCP), policlorobifenili (PCB), diossine e furani (PCDD/F) e idrocarburi policiclici aromatici (PAH) (Schroder et al., 2007). Nel profilo altimetrico della Val Visdende per tutti gli OCP i valori di concentrazione più alti si sono osservati a quota 1553 m, in corrispondenza del terzo punto del profilo, con concentrazioni in quota o in fondo valle sempre inferiori (Kirchner, 2007). Sebbene tutte le concentrazioni siano comprese nell intervallo (µ 2σ) <x<(µ+2σ), il punto sopraccitato spesso presenta concentrazioni che si discostano di molto da quelle degli altri punti, in particolare per DDT e Dieldrina. Nel caso di PCB, diossine e furani in Val Visdende si sono sempre riscontrate le concentrazioni più basse dell intero arco alpino; in Val Prampera la situazione si è dimostrata lievemente peggiore per i PCB, con concentrazioni comunque nella media, mentre diossine e furani hanno presentato basse concentrazioni. Per il sito del Monte Grappa, invece, le concentrazioni di PCB e PCDD/F rilevate sono apparse nettamente superiori a quelle degli altri siti provinciali, probabilmente a causa dell influenza della vicina pianura veneta (Offenthaler et al., 2007; Offenthaler, 2007). Concludendo con l analisi dei PAH (Bassan & Ganz, 2007; Belis et al., 2007), in Val Visdende si sono riscontrate concentrazioni molto basse alle quote inferiori del profilo verticale (rispettivamente 1123, 1305 e 1553 m). Il quarto punto del profilo, a 1656 m, ha presentato invece concentrazioni decisamente elevate rispetto alla media dell arco alpino, superiori anche alle concentrazioni dei punti campionati in Val Prampera e sul Monte Grappa. Strato di humus. La matrice del suolo più superficiale e di natura organica nota come humus è stata analizzata ricercando OCP, PCB, PCDD/F, difenileteri polibromurati (PBDE), cloroparaffine (CP) e PAH. A rappresentare la situazione veneta è disponibile

4 36 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Figura 2. Valori minimi, massimi e medi per inquinanti nei siti veneti e nel resto delle Alpi, per matrice d indagine.

5 Studio delle concentrazioni di POPs nell area dolomitica 37 come unico sito quello della Val Visdende. Qui le concentrazioni maggiori di OCP si sono registrate nel punto di fondovalle (1123 m), mentre salendo di quota la situazione ha registrato significativi miglioramenti, fino a raggiungere le concentrazioni più basse di tutto l arco alpino. Per PCB, diossine e furani si è ripresentato un andamento con un massimo a quota 1553 m, terzo punto del profilo; nel caso dei PCB spesso il valore massimo è risultato notevolmente superiore alle concentrazioni di fondovalle e in quota, mentre minori differenze si sono riscontrate per diossine e furani. I PBDE hanno mostrato andamenti simili ai precedenti composti, ma con concentrazioni molto basse, prossime ai valori minimi dell intero campione (Knoth et al., 2007a, Knoth et al., 2007b). La concentrazione di cloroparaffine hanno invece presentato un trend di crescita da valle a monte, con il raggiungimento alle quote più alte (1656 m) di valori molto elevati (Iozza, 2007). Infine i PAH (Bassan & Ganz, 2007; Belis et al., 2007), presenti in concentrazioni sempre inferiori alla media, hanno di contro evidenziato un profilo decrescente con la quota, dove a 1656 m si è presentato il minimo assoluto dell intero campione alpino. Suolo minerale. Per la matrice suolo minerale i dati attualmente disponibili sono quelli relativi ai soli idrocarburi policiclici aromatici. L unico campione veneto, relativo alla Val Visdende, ha presentato concentrazioni molto basse vicine ai minimi assoluti. SPMD. I Semi Permeable Membrane Devices (SPMD) sono campionatori passivi dell aria, posizionati all interno di colonnine di legno (Levy-Lopez et al., 2007). Anche per questa matrice le analisi disponibili sono quelle relative ai PAH, con campioni provenienti dalla Val Visdende con concentrazioni mediamente basse, al di sotto della media dell arco alpino. Conclusioni Dalle analisi effettuate nei siti remoti della provincia di Belluno scelti per il monitoraggio degli inquinanti organici persistenti emerge che la situazione rispetto al quadro generale è fra le migliori. Le concentrazioni sono risultate generalmente basse, spesso inferiori alla media dell arco alpino, con valori che a volte rappresentano i minimi assoluti dell intero campione di dati. Il sito meno contaminato è risultato la Val Visdende; a seguire, nell ordine, la Val Prampera e il Monte Grappa, suggerendo così un gradiente nord-sud tra i tre siti dell area dolomitica. Interessante è risultato infine l andamento dei profili verticali in Val Visdende: per OCP negli aghi di abete e PCB, PCDD/F e PBDE nello strato di humus i massimi di concentrazione si sono verificati alla quota intermedia (1553 m), probabilmente a causa delle dinamiche dello strato mescolato nella valle. In altri casi, come ad esempio PAH e OCP nell humus, i profili sono risultati decrescenti con l altezza, con valori di concentrazione in quota pari ai minimi assoluti del campione; viceversa profili con massimi di concentrazione in quota, molto alti anche rispetto agli altri campioni dell arco alpino, si sono verificati nel caso, seppur unico, delle cloroparaffine nell humus.

6 38 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Bibliografia Bassan R. & S. Ganz, PAHs presence in the investigated matrixes: comparison end evaluation. Presenza degli inquinanti organici persistenti nelle valli alpine. Venezia, 5/10/2007. Belis C., R. Bassan, D. Heublein, S. Iozza, T. Jakl, G. Jakob, M. Kirchner, W. Knoth, N. Krauchi, W. Levy-Lopez, T. Magnani, W. Moche, M. Oehme, I. Offenthaler, R. Perthen- Palmisano, K.W. Schramm, H. Schrott, I. Sedivy, P. Simoncic, M. Uhl, U. Vilhar, P. Weis, PAHs in needles and humus in alpine ecosystem (MONARPOP). Organohalogen Compounds (in press). Iozza S., P. Schmid, P. Oehme, R. Bassan, C. Belis, G. Jacobi, M. Kirchner, I. Sedivy, N. Krauchi, W. Moche, Offenthaler, I. Simoncic, M. Uhl, P. Weiss., Chlorinated paraffins in humus layers from the Alps (MONARPOP). Tokyo Dioxin Kirchner M., G. Jakobi, B. Henkelmann, S. Bernhöft, R. Bassan, C. Belis, N. Kräuchi, W. Moche, I. Offenthaler, P. Simončič, P. Weiss, K. W. Schramm, Pesticides in soil and spruce in the Alps. Presenza degli inquinanti organici persistenti nelle valli alpine. Venezia, 5/10/2007. Knoth W., R. Bassan, C. Belis, D. Heublein, S. Iozza, T. Jakl, G. Jakobi, M. Kirchner, N. Krauchi, W. Levy-Lopez, W. Moche, M. Oehme, I. Offenthaler, R. Perthen-Palmisano, D. Schmid, K. Schramm, H. Schrott, P. Schroder, I. Sedivy, P. Simoncic, M. Uhl, P. Weiss, 2007a. Results from the Monitoring Network in the Alpine Region for POPs-MONARPOP. Polybrominated diphenyl ether (PBDE) in humus layers in remote forests. International Workshop on Brominated Flame Retardants BFR 2007 Amsterdam. Knoth W., R. Bassan, C. Belis, G. Jacobi, M. Kirchner, N. Krauchi, W. Mann, R. Meyer, W. Moche, J. Nebhuth, I. Offenthaler, I. Sedivy, P. Simoncic, M. Uhl, U. Vilhar, P. Weiss, 2007b. Poster: PBDE in humus layers in remote forests. 4th International Workshop on Brominated Flame Retardants Amsterdam. Levy-Lopez W., B. Henkelmann, G. Pfister, S. Bernhoft, A. Niklauss, M. Kirchner, G. Jakobi, R. Bassan, C. Belis, T. Jakl, N. Krauchi, T. Magnani, W. Moche, I. Offenthaler, R. Perthen- Palmisano, P. Schroder, H. Schrott, I. Sedivy, P. Simoncic, M. Uhl, P. Vannini, U. Vilhar, P. Weiss, K. W. Schramm, Semipermeables membrane devices (SPMD) as passive samplers: data interpretation regarding exposure time. Tokyo Dioxin Offenthaler I., Dioxinlike and other halogenated pollutants in forest ecosystems of the Alps. Presenza degli inquinanti organici persistenti nelle valli alpine. Venezia, 5/10/2007. Offenthaler I., W. Moche, G. Thanner, M. Uhl, K. Van Ommen, R. Bassan, C. Belis, G. Jakobi, M. Kirchner, N. Krauchi, K. W. Schramm, W. Levy-Lopez, I. Sedivy, P. Simoncic, U. Vilhar, P. Weiss, Dioxin and dioxin-like pollutants in alpine forests. Tokyo Dioxin Schramm K. W., Novel diagnostic tools for POPs in alpine area. Presenza degli inquinanti organici persistenti nelle valli alpine. Venezia, 5/10/2007. Schroder P., R. Bassan, C. Belis., D. Heublein., S. Iozza, T. Jakl, G. Jakobi, M. Kirchner, W. Knoth, N. Krauchi, W. Levy-Lopez, T. Magnani, W. Moche, M. Oehme, I. Offenthaler, R. Perthen-Palmisano, D. Schmid, K. W. Schramm, H. Schrott, I. Sedivy, P. Simoncic, M. Uhl, P. Vannini, U. Vilhar, P. Weiss, Detoxification of organic pollutants by glutathione S transferas in spruce needles alpine forests - Results from a Monitoring in the Alpine Region for POPs (MONARPOP). Chicago Americal Society for Plants Biologists (ASPB). Weiss P., MONARPOP: starting point, plan and goals of the project. Presenza degli inquinanti organici persistenti nelle valli alpine. Venezia, 5/10/2007.

7 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Copyright ARPA Lombardia ISBN Results from the Monitoring Network in the Alpine Region for POPs MONARPOP POLYBROMINATED DIPHENYL ETHER (PBDE) IN HUMUS LAYERS IN REMOTE FORESTS Knoth W 1, Bassan R 2, Belis C 3, Jakobi G 4, Kirchner M 4, Kräuchi N 5, Mann W 1, Meyer R 1, Moche W 6, Nebhuth J 1, Offenthaler I 6, Sedivy I 5, Simončič P 7, Uhl M 6,Vilhar U 7, Weiss P 6 1 Federal Environment Agency Germany 2 Regional Agency for Environmental Prevention and Protection of Veneto 3 Regional Agency for Environmental Protection of Lombardia 4 GSF National Research Center for Environment and Health Germany 5 WSL Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research 6 Federal Environment Agency Ltd. Austria 7 Slovenian Forestry Institute Riassunto I bifenili etere polibromurati (PBDE) sono una famiglia di composti molto utilizzati come ritardanti di fiamma nella produzione di sostanze plastiche e di tessuti. Nel presente lavoro vengono presentate le concentrazioni di PBDE nell humus dei congeneri più significativi tra cui la miscela PentaBDE ( BDE ), l OctaBDE (BDE 183) e il DecaBDE (BDE 209). Introduction Polybrominated diphenyl ether (PBDE) are heavily used as flame retardants in plastics and textiles and have therefore become ubiquitous (de Wit 2002, Letscher & Behnisch 2003). There exist three technical products: Pentabromodiphenylether (PentaBDE) mix, octabromodiphenylether (OctaBDE) mix and decabromodiphenylether (DecaBDE). Because of exponentially increasing levels of the congeners of PentaBDE and OctaBDE mix in human blood and milk (Hites 2004), these two products were banned in many countries (BSEF, EU 2003, NCEL) and industry voluntarily ceased production (Tullo 2003). Decabromodiphenylether was not included in these bans because it is believed to have low bioaccumulation (EU 2004) and low long-range air transport potential (Wania & Dugani 2003). About 8000 t DecaBDE were used in EU countries in 2004 (EBFRIP 2005). Industry tries to reduce existing emissions throughout the live-cycle and sponsors a deca-monitoring programme (BSEF). Plant surfaces were already used for sampling of PBDE from air. (Hassanin 2005, Mariussen 2005, Ohta 2002, Okazawa 2004, Schlabach & Gjerstad 2006, Schütz 2004, Zhu & Hites 2006). Especially the rough canopy of coniferous forests combs the bypassing air for pollutants and conifer needles efficiently trap lipophilic organic compounds due to their highly absorbing epicuticular wax. The topsoil humus layers

8 40 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino in forests with their high organic carbon content accumulate POPs from deposition and fall of needles over a long period (Weiss 2002). For this study humus samples from remote Norway spruce (Picea abies) forests were analysed for PBDE. This paper presents results from the Monitoring Network in the Alpine Region for Persistent and other Organic Pollutants (MONARPOP, Bassan 2005). Its main goal is to investigate the actual contamination of the Alps and to understand the role of high mountains in the global atmospheric transport of POPs (Daly & Wania 2005, Vighi 2006). Materials and Methods Humus Sampling 56 humus samples from remote Norway Spruce forest sites in the Alps were sampled for PBDE analysis. This was done by collecting the entire humus layer within a 30 x 30 cm metal frame. Ten pits along a 5 x 30 m rectangular grid were collected systematically and mixed to one sample. This yielded up to 60 l of humus per sampling plot. Analytical Method In indoor dust high concentrations of PBDE were detected (Knoth 2003, 2006). Therefore, a clean laboratory environment is essential for the analysis of PBDE, in particular for the analysis of DecaBDE. Polymer material (e.g. red rubber septa) was tested before use. Silica, sodium sulfate and glass wool were extracted with dichloromethane. After evaporation of the solvent, silica and sodium sulfate and all laboratory glassware used for the clean-up procedure were baken out for 16 hours at 450 C. Glass fibre extraction thimbles and filters, Pasteur pipettes and glass wool, which became brittle if heated so long, were immediately cooled down after heating up. After cooling down the glassware was immediately capped with aluminium foil or stored in metal boxes until usage. Sodium hydroxide water solution for the preparation of SiO 2 -NaOH was extracted three times with dichloromethane. To avoid cross contamination the vapour tubes of the rotary evaporators were changed after each sample. 20 g freeze-dried and homogenized humus sample was spiked with the 13 C 12 -BDE standard mixture (1 ng BDE 28, 47, 99; 2 ng BDE 153, 154, 183 and 5 ng BDE 209) and extracted by Soxhlet extraction (Knöfler-Böhm hot extractor). Residual water (0-11%) was simultaneously distillated with Dean-Stark water separator with toluene. The extract was cleaned by a four column clean-up (1. Multi-layer SiO 2 -H 2 SO 4, NaOH. 2. Macro alumina. 3. GPC bio-beads S-X3. 4. Mini alumina), spiked with the injection standard (1 ng 13 C 12 -BDE 138) and reduced to 50 µl. 1 µl was injected on-column (guard column 2 m x 0.32 mm, uncoated, deactivated) and analysed by GC-SIM(EI+)HRMS (TRACE GC-MS MAT 95 XP, ThermoFinnigan, Bremen) using a DB-5MS (15 m x 0.25 mm, 0.1 µm). The two most intense masses of the bromine cluster (Tri- and TeBDE: M +. Te- to DeBDE: M + -2Br) were measured for each homologue group. The identification of PBDE was based on retention time and correct isotope ratio for both fragments recorded. Quantification was performed by means of the 13 C 12 -labeled internal standards. All congeners except BDE 100 were quantified based on their corresponding 13 C 12 -labeled analogues used as internal

9 Polybrominated diphenyl ether (pbde) in humus layers in remote forests 41 standards. BDE 100 was quantified using the 13 C 12 -BDE 99 internal standard. PBDE concentrations were recalculated with conversion factors to reduce freeze-dried to oven dry (at 105 C) humus mass. All samples were analysed at the German Federal Environment Agency. The laboratory took part in the BSEF/QUASIMEME interlaboratory study on brominated flame retardants December 2001 to March 2002 and the interlab trial for ISO/DIS November 2004 to February Method blanks were spiked on a plug of glasswool in a Soxhlet extraction thimble and extracted and clean-up processed every four samples. Blank concentrations were calculated on a fictive mean sample weight of 18.3 g d.m.. The method detection limit (MDL) was determined as the mean concentration in the blank plus 3 times the standard deviation of 19 measurements (Table 1). Table 1. Concentrations of PBDE in humus layers in Norway spruce forests in the Alpine region Results and Discussion PBDE were detected in all humus samples. The total concentration of six significant congeners of the technical PentaBDE mix ( BDE ) ranges from 190 to 1500 (median 490) and the significant congener of the technical OctaBDE mix (BDE 183) from 14 to 3000 (median 140) ng kg -1 d.m.. Although four multimedia models predicted for DecaBDE (BDE 209) a very low potential to reach remote areas (Wania & Dugani 2003) levels from 610 to (median 1400) ng kg -1 d.m. were observed. (Table 1 and Fig. 1-3). A contribution of local but until now unknown sources is probable for two very high BDE 209 concentrations (29000 and ng kg -1 d.m.) (Fig. 3). The dominating congeners in the humus samples are BDE 209 (51-97%), BDE 183 (0.7-31%), BDE 47 and BDE 153 (both %) and BDE 99 (0.1-13%). The contribution of the other congeners is of minor importance (BDE , BDE and BDE %). BDE 183 is a minor congener in many environmental samples. Its higher percental contribution in humus layers may be due to revolatilisation of the congeners with less than seven bromine from humus to air (Fig. 4).

10 5% % % % % Monitoraggio 795 dei 297POPs sul 2550 territorio alpino 90% MDL BDE = BDE number of 6 BDE concentrations number of BDE 183 concentrations // concentration ranges [ng kg -1 d.m.] concentration ranges [ng kg -1 d.m.] % number of BDE 209 concentrations // // 80% 60% 40% 20% BDE 209 BDE 183 BDE 154 BDE 153 BDE 100 BDE 99 BDE 47 BDE % concentration ranges [ng kg -1 d.m.] sample no. Fig Frequency histogram of 6 BDE (BDE ), BDE 183 and BDE 209 Fig. concentrations 1-3. Frequency in humus histogram layers in of Norway Σ 6 BDE spruce (BDE forests ), in the Alpine region. BDE 183 and BDE 209 concentrations in humus layers in Norway spruce forests in the Alpine region. Fig. 4. PBDE congener profiles in humus layers in Norway spruce forests in the Alpine region. Fig. 4. PBDE congener profiles in humus layers in Norway spruce forests in the Alpine region. Acknowledgement MONARPOP is funded by the EU Interreg III B Alpine Space Programme (Alpine Space) and by the Austrian Federal Ministry of Agriculture, Forestry, Environment and Water Management (lead partner of MONARPOP), by the Bavarian State Ministry for Environment, Health and Consumer Protection and by the Swiss Federal Office for the Environment (together with the institutions listed above). References Alpine Space. INTERREG III B Alpine Space Programme. <http://www.alpinespace.org/ (January 17, 2007) Bassan R, Belis C, Heublein D, Iozza S, Jakl T, Jakobi G, Kirchner M, Knoth W, Kräuchi N, Levy-Lopez W, Luchetta A, Magnani T, Moche W, Oehme M, Offenthaler I, Perthen- Palmisano B, Schmid D, Schramm K-W, Schrott H, Schröder P, Sedivy I, Simoncic P, Uhl M, Weiss P. Monitoring network in the Alpine region for persistent and other organic pollutants: A multinational approach to investigate the contamination of the Alps with organic compounds. Organohalogen Comp 2005;67:1839. BSEF. Bromine Science and Environmental Forum. <http://www.bsef.com/ (January 17, 2007) Daly GL, Wania F. Organic contaminants in mountains. Environ Sci Technol 2005;39,385.

11 Polybrominated diphenyl ether (pbde) in humus layers in remote forests 43 de Wit CA. An overview of brominated flame retardants in the environment. Chemosphere 2002;46:583. EBFRIP. European brominated flame retardant industry panel. Decabromodiphenyl ether (Deca-BDE) usage in EU countries in 2004 in metric tons. 27 May 2005, 1 p. EU Directive 2003/11/EC of the European Parliament and of the Council of 6 February 2003 amending for the 24th time Council Directive 76/769/EEC relating to restrictions on the marketing and use of certain dangerous substances and preparations (pentabromodiphenyl ether, octabromodiphenyl ether). Official Journal of the European Union 2003;L42:45. EU Update of the risk assessment of bis(pentabromophenyl)ether (decabromodiphenyl ether). Final environmental draft of May CAS No , EINECS No , 114pp. Hassanin A, Johnston AE, Thomas GO, Jones KC. Time trend of atmospheric PBDEs inferred from archived U.K. herbage. Environ Sci Technol 2005;39:2436. Hites RA. Polybrominated diphenyl ethers in the environment and in people: A meta-analysis of concentrations. Environ Sci Technol 2004;38:945. Knoth W, Mann W, Meyer R, Nebhuth J. Brominated diphenyl ether in indoor dust. Organohalogen Comp 2003;61:207. Knoth W, Mann W, Meyer R, Nebhuth J. Humus from coniferous forests a reservoir for PBDE from air and deposition analysis and quality control. Organohalogen Comp 2006;68:1163 Letcher RJ, Behnisch PA, Ed.. The state-of-the science and trend of BFRs in the environment. Environment international 2003;29:663. Mariussen E, Steinnes E, Gundersen H, Borgen A, Schlabach M. Analysis of polybrominated diphenyl ethers in moss (Hylocomium splendens) from the Norwegian environment. Organohalogen Comp 2005;67:591. MONARPOP. Monitoring network in the Alpine Region for persistent and other organic pollutants. <http://www.monarpop.at/ (January 17, 2007)> NCEL. National Caucus of Environmental Legislators. Bulletins March 4 and May 31, <http://www.ncel.net/base.cgim?template=bulletins_archive (January 17, 2007)> Ohta S, Ishizuka D, Nishimura H, Nakao T, Aozasa O, Shimidzu Y, Ochiai F, Kida T, Nishi M, Miyata H. Comparison of polybrominated diphenyl ethers in fish, vegetables and meats and levels in human milk of nursing women in Japan. Chemosphere 2002;46:689. Okazawa T, Hanari N, Guruge K, Wzykowska B, Orlikowska A, Yamashita N, Falandysz J. Congener-spezific data of PBDEs in pine needles. Organohalogen Comp 2004;66:3725. Schlabach M, Gjerstad KI. Deposition of airborne BFR around the city of Ålesund, Norway. Organohalogen Comp 2006;68:73 Schütz A. Bestimmung polybromierter Diphenylether (PBDE) in Umweltproben unter besonderer Berücksichtigung des DecaBDE. Diplomarbeit, Universität Ulm, Abteilung Analytische Chemie und Umweltchemie 2004;146 pp.

12 44 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Tullo A. Flame-retardant phase out. Chemical & Engineering News November 10, 2003:13. Vighi M, Ed.. The role of high mountains in the global transport of persistent organic pollutants. Ecotoxicology and Environmental Safety 2006;63:1. Wania F, Dugani CB. Assessing the long-range transport potential of polybrominated diphenyl ethers: A comparison of four multimedia models. Environ Toxicol Chem 2003;22:1252. Weiss P. Organische Schadstoffe an entlegenen Waldstandorten Sloweniens und Kärntens. Berichte BE-195. Umweltbundesamt GmbH, Wien, September ISBN S. Zhu L, Hites RA. Brominated flame retardants in tree bark from North America. Environ Sci Technol 2006;40:3711.

13 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino Copyright ARPA Lombardia ISBN Distribution of dioxins, polychlorinated biphenyls and chlorinated pesticides in the alpine environment Ivo Offenthaler 1,*, Rodolfo Bassan 2, Claudio Belis 3, Gert Jakobi 4, Manfred Kirchner 4, Norbert Kräuchi 5, Walkiria Levy Lopez 4, Teresa Magnani 3, Wolfgang Moche 1, Karl Werner Schramm 4, Isabella Sedivy 5, Primož Simončič 6, Maria Uhl 1, Peter Weiss 1 1 Umweltbundesamt GmbH, Spittelauer Lände 5, 1090 Vienna, Austria 2 ARPA Veneto, Via F. Tomea 5, I Belluno, Italy 3 ARPA Lombardia, Via Stelvio 35, I Sondrio, Italy 4 GSF, Institut für ökologische Chemie, Ingolstädter Landstraße 1, D Neuherberg, Germany 5 WSL, Abt. Waldökosysteme und ökologische Risiken, Zürcherstrasse 111, CH-8903 Birmensdorf, Switzerland 6 Slovenian Forest Institute, Vecna pot 2, 1000 Ljubljana, Slovenia; * Riassunto Le concentrazioni di diossine e furani policlorurati, di bifenili policlorurati e di pesticidi organoclorurati sono misurabili negli ecosistemi forestali ancora anni dopo che il rilascio di queste sostanze è stato bandito. Le concentrazioni sono in generale più elevate nell humus seguite dallo strato minerale del suolo e dagli aghi. Nessuno dei composti è presente su tutta l area di studio e le concentrazioni presentano differenze longitudinali o latitudinali significative. Le informazioni ricavate da humus e aghi non sempre risultano congruenti. Con poche eccezioni le concentrazioni di inquinanti sono risultate più elevate nelle aree periferiche delle Alpi e si ritiene siano associate alla deposizione di composti legati al materiale particolato. In genere le correlazioni tra diversi inquinanti sono deboli con la sola eccezione delle diossine/furani e i PCB in una delle matrici studiate. Abstract Polychlorinated dioxins and furans (PCDD/F), polychlorinated biphenyls (PCB) and organochloropesticides (OCP) were detectable in forest ecosystems of the Alps even at remote sites and years after the banned release of some of these substances. Pollutant concentrations were generally highest in humus, followed by mineral soil and needles. Neither of the compounds was spread evenly across the investigated region, and concentrations frequently showed significant longi- or latitudinal differences. Screening humus and needles, either with its particular history of exposure, did not always lead to congruent pollution maps. With few exceptions, however, needle and

14 46 Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino humus pollution was higher in the peripheral regions of the alpine range. Pollutant patterns suggested wash- and fallout of particlebound compounds at the fringes of the study area. While in a given matrix there were numerous high correlations between PCDD/F and PCB congeners and/or totals, the majority of investigated pesticides was only weakly associated with the two earlier pollutant classes. Introduction Part of the Interreg III B project MONARPOP was the investigation of POP loads in forest ecosystems of the Alps, as indicated by pollutant contents in needles of Norway spruce (Picea abies [L.] Karst.), humus and mineral soil. Among the numerous compounds included in the survey were polychlorinated dioxins and furans, polychlorinated biphenyls and most of the pesticides belonging to the Dirty dozen of the Stockholm Convention on Persistent Organic Pollutants. Norway spruce forests were selected for this project as the type of woodland that forms a major part of the investigated area. Moreover, their rough canopy structure and the waxy needle surface is a physical and chemical trap for airborne lipophilic compounds such as POPs. Forest humus at these altitudes mineralises only slowly and remains undisturbed by soil cultivation. Similarly, biomass removal is very limited so that humus and the topmost layer of mineral soil are likely to reflect POP input over the previous years. Needles, in contrast, were chosen as ecologically relevant indicators of the current situation. Material and Methods Criteria for site selection and extent of the sampling network are described elsewhere in this volume 1-2. Shoots of the current year were harvested from two vital adult Norway spruce (2-3 branches from the top 7th whirl each), transferred in airtight vessels, defoliated in liquid nitrogen and distributed to the laboratories in airtight vials. All manipulations between opening of the transport jars and redistributions were conducted in inert N 2 atmosphere. After collecting the entire humus layer from ten regularly spaced m pits, a soil core (0 10 cm mineral soil) was taken from each pit. Humus and mineral soil samples were freeze-dried, ground (humus) under cool conditions, homogenised and sieved. PCDD/F, PCB and OCP concentrations were determined with HRGC/HRMS. Results and Discussion Humus generally showed the highest pollutant concentrations, followed by mineral soil and needles [Figure 1]. This pronounced difference is probably due to the enrich- 1 Weiss P., R. Bassan, C. Belis, G. Jakobi, M. Kirchner, N. Kräuchi, W. Levy Lopez, W. Moche, I. Offenthaler, K.-W. Schramm, I. Sedivy, P. Simončič, M. Uhl, Synthesis of the findings of the project MONARPOP. This volume. 2 supplemenal information at:

15 d Discussion ly showed the highest pollutant concentrations, followed by mineral soil and needles is pronounced Distribution difference is probably due topesticides the enrichment of lipophilic, poorly of dioxins, PCB and chlorinated in the alpine environment mus compounds in coniferous stands which retain POP contamination from needle ghfall µg kg 1 d.m. sum HCH isomers humus soil needles Figure 1: Comparison of HCH concentrations (sum of alpha epsilon-hch) in humus, mineral soil and 0.5 year old Norway spruce needles at 18 remote alpine sites. of lipophilic, poorly degradable humus compounds coniferous parison of HCHment concentrations (sum of alpha epsilon-hch) in humus,inmineral soil stands which retain POP contamination from needle litter and throughfall. d Norway spruce needles at 18 remote alpine sites. After forming longi- or latitudinal groups of comparable site count [Figure 2a], significant concentration differences site werecount found [Figure for a number of compounds [Figure longi- or latitudinal groups of comparable 2a], significant 2b]. Humus andof almost all needle[figure concentrations were highest in one differences were found concentrations for a number compounds 2b]. Humus and almost all needle concentrations were highest in one of the lateral groups. This he long-range atmospheric transport of POPs is intercepted by the alpine range. san, C. Belis, G. Jakobi, M. Kirchner, N. Kräuchi, W. Levy Lopez, W. Moche, I. Offenthaler, K.-W. vy, P. Simonþiþ, M. Uhl, Synthesis of the findings of the project MONARPOP. This volume. ormation at: a: Latitudinal grouping into northern (N), central (C) and southern (S) sites. Figure 2 a: Latitudinal grouping into northern (N), central (C) and southern (S) sites. sum PCDD/F north central south ng TEQWHO kg d.m. Figure 2 b: Total PCDD/F concentrations in humus, expressed in TEQWHO. Ranking the sites by this criterium showed a highly significant* imbalance between northern, central and southern scores. * Kruskal-Wallis, α 0.004, n=10/12/9 for northern/ central/southern sites b: Total PCDD/F concentrations in humus, expressed in TEQWHO. Ranking the sites by this showed a highly significant3 imbalance between northern, central and southern scores. and PCB congener profiles differed regionally, and there were continguous zones of ongener patterns [Figure 3]. For instance, humus from the south did not only have a higher

16 ng TEQWHO kg 1 d.m. Monitoraggio dei POPs sul territorio alpino 48 tal PCDD/F concentrations in humus, expressed in TEQWHO. Ranking the sites by this 3 wed a highly significant imbalance between northern, central and southern scores. 6 congener 8 10 profiles differed regionally, and there were continguous zones of PCB 1 ner patterns [Figure 3]. For instance, humus from the south did not only have a higher QWHO kg d.m. ans but among these the heavier particlebound congeners dominated [Figure 3]. Note different congener pattern correspond approximately to the latitudinal bands depicted s, expressed in TEQ. Ranking the sites by this Different deposition WHO regimen (temperature, precipitation, windspeed) and atmospheric etween northern, central and southern scores. ely cause for the geographical segregation between sites of similar pollutant pattern TCDF PeCDF HxCDF HpCDF OCDF TCDF PeCDF HxCDF HpCDF OCDF OCDD HxCDD HpCDD PeCDD 0.00 TCDD gionally, and there were continguous zones of humus from the south did not only have a higher ticlebound congeners dominated [Figure 3]. Note d approximately to the latitudinal bands depicted rature, precipitation, windspeed) and atmospheric ation between sites of similar pollutant pattern OCDD HxCDD HpCDD PeCDD OCDF HpCDF HxCDF PeCDF TCDF OCDD HpCDD HxCDD TCDD PeCDD TCDD Figure 3: Sites of the same number (1 4) have similar PCDD/F congener patterns in humus. The aver0.20 age congener pattern of clusters 1 (north) and 4 (south) is shown on the right. OCDF HpCDF HxCDF PeCDF TCDF OCDD HpCDD HxCDD TCDD PeCDD 0.15 α 0.004, n=10/12/9 for northern/central/southern sites of0.10the lateral groups. This suggests that the long-range atmospheric transport of POPs is0.05intercepted thesimilar alpine PCDD/F range. congener patterns in humus. The of the same number (1 4) by have 0.00 PCCD/F and PCB congener differed and there were continguous ner pattern of clusters 1 (north) and 4 (south)profiles is shown on theregionally, right. zones of similar congener patterns [Figure 3]. For instance, humus from the south did not only have a higher furans among these the heavier particlecb pollution were associated as shown byfraction several of strong andbut significant correlations ers of the two pollutant classes [Figure 4]. Σ PCBTE [µg kg 1 d.m.] outhern sites Σ PCDD F [µg kg d.m] 0.7 Figure 4: Highly significant correlation between total PCDD/F and content of 12 dioxinlike PCB (rpearson=0.86, α 0.001) y significant correlation between total PCDD/F and content of 12 dioxinlike PCB α 0.001) ns

17 Distribution of dioxins, PCB and chlorinated pesticides in the alpine environment 49 bound congeners dominated [Figure 3]. Note that zones of different congener pattern correspond approximately to the latitudinal bands depicted in Figure 2a. Different deposition regimen (temperature, precipitation, windspeed) and atmospheric loads are a likely cause for the geographical segregation between sites of similar pollutant pattern. PCDD/F and PCB pollution were associated as shown by several strong and significant correlations between members of the two pollutant classes [Figure 4]. Conclusions Dioxinlike compounds and chlorinated pesticides are traceable even in remote forest sites of the alps. The detection of the highly toxic chemicals in needles shows that these substances are still around despite rigorous emission control in large parts of Europe and the US (in the case of PCB already since the 1970ies). The degree of pollution and the chemical patterns found in environmental samples changes across the investigated area in a way which indicates that the Alps form a climatical and orographical barrier for atmospheric POP transport. As a corollary, mountainous forests can be expected to receive increased inputs of airborne POPs. Even within the narrow range of substances described here, chemicals of different source and properties were closely associated. This demonstrates how POP pollution is an issue of multiple contamination with possibly synergistic amplification of adverse effects. Acknowledgements The project MONARPOP was funded by the EU in the framework of the Interreg III B programme Alpine space and received major contributions from the Austrian Ministry for Agriculture, Forestry, Environment and Water Ressources; several Austrian provinces (Burgenland, Niederösterreich, Oberösterreich, Kärnten, Steiermark, Vorarlberg, Wien); the Bavarian State Ministry of the Environment, Public Health and Consumer Protection; the Swiss Federal Office for the Environment; the Italian Fondo Rotazione; together with substantial contributions in money or in kind from the following: Austrian Environment Agency (Umweltbundesamt), German Federal Environment Agency, German National Research Center for Environment and Health (GSF), Italian ARPA Lombardia and ARPA Veneto, Slowenian Forestry Institute, Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research.

18

dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia

dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia Whorkshop Acqua e Pro Acqua Bolzano, venerdì 16 novembre 212 dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia Stefano Raccanelli - Consorzio INCA Consorzio Interuniversitario Nazionale La Chimica per

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 91/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 277/2012 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2012 che modifica gli allegati I e II della direttiva

Dettagli

Destino ambientale dei contaminanti nel SIN BS CAFFARO

Destino ambientale dei contaminanti nel SIN BS CAFFARO PCB TCDD TCDF Destino ambientale dei contaminanti nel SIN BS CAFFARO ANTONIO DI GUARDO Università degli Studi dell Insubria Dip. Scienza ed Alta Tecnologia (Como) antonio.diguardo@uninsubria.it Università

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

LEEDer in Ecosustainability

LEEDer in Ecosustainability LEEDer in Ecosustainability Da oggi le cucine Ernestomeda sono conformi al rating system LEED, una certificazione internazionale che valuta e attesta la sostenibilità nell edilizia. Ernestomeda kitchens

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Vito VITALE e Boyan PETKOV Istituto t di Scienze dell'atmosfera e del Clima (ISAC-Bologna) Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather Catalogo generale Le chiusure, sono presenti sul mercato della pelletteria dalla nascita del prodotto e sono contraddistinte dalla famosa scatola marrone. Il marchio e la qualità, non necessitano di particolare

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE L 320/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.12.2011 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE del 2 dicembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 per quanto riguarda i tenori

Dettagli

L IMPATTO SANITARIO DELLA RESIDENZA NEI SITI INQUINATI IL PROGETTO SENTIERI

L IMPATTO SANITARIO DELLA RESIDENZA NEI SITI INQUINATI IL PROGETTO SENTIERI L IMPATTO SANITARIO DELLA RESIDENZA NEI SITI INQUINATI IL PROGETTO SENTIERI Roberta Pirastu Sapienza, Università di Roma & Gruppo di lavoro SENTIERI Obiettivi del Progetto SENTIERI Costruzione di una piattaforma

Dettagli

NOTIZIE DALLA SCOZIA

NOTIZIE DALLA SCOZIA pag 10 English Edition PERIODICO DI INFORMAZIONE N. 22 - Giugno 2013 La IMPER ITALIA Spa ha ospitato il 6 marzo 2013 il nostro Distributore Scozzese MOY MATERIALS (NORTHERN). Rappresentato da Mr. DAVID

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

M.P. - FIBRAE_Urtica dioica - azione di raccolta e trasformazione di piante selvatiche da fibra - dal 2005

M.P. - FIBRAE_Urtica dioica - azione di raccolta e trasformazione di piante selvatiche da fibra - dal 2005 M.P. - FIBRAE_Urtica dioica - azione di raccolta e trasformazione di piante selvatiche da fibra - dal 2005 M.P. (Materie Prime - Raw materials) - Fibrae_Urtica dioica action of harvesting and transforming

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Titolo (Title): VIBRATION TEST ON FRIGOBOX T0056 Richiedente (Customer): Ente/Società (Dept./Firm): Sig. (Mr.): Indirizzo (Address): EUROENGEL S.R.L. C. SCAMARDELLA Via Ferrini,

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI DI I GAMMA / POMODORI Conferimento N 1 Numero Campioni 1. Risultato

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI DI I GAMMA / POMODORI Conferimento N 1 Numero Campioni 1. Risultato Rapporto di N 157149 Data Generazione 22-10-2014 Sede Accettante Portici Utente Accettazione Richiesta N 120915 Accettata il 09-10-2014 PROGETTO QR CODE Attività di prelievo MARINO GIOVANNI Località /

Dettagli

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy RPS TL da 280 kwp a 1460 kwp RPS TL from 280 kwp to 1460 kwp RPS TL System L elevata affidabilità e la modularità della costruzione sono solo alcuni

Dettagli

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) >

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) > Allegato 1: Facsimile di Certificato per s.a.c. 1+ < Logo dell Organismo di certificazione > > CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ In conformità alla Direttiva

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243 Molle per stampi DIE SPRIGS ISO 10243 2 Die springs Molle per stampi Located in Colnago, Milano TIPCOCIMA S.r.l. is a joint-venture between TIPCO Inc., a global supplier of pierce punches and die buttons

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM For Special Protection Areas (SPA), Proposed Sites for Community Importance (psci), Sites of Community Importance (SCI) and for Special Areas of Conservation (SAC) SITE

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS)

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) Luciano Saso Deputy Rector for International Mobility Erasmus Institutional Coordinator luciano.saso@uniroma1.it February 2009 The traditional system A, B,

Dettagli

PATENTS. December 12, 2011

PATENTS. December 12, 2011 December 12, 2011 80% of world new information in chemistry is published in research articles or patents Source: Chemical Abstracts Service Sources of original scientific information in the fields of applied

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

La classificazione. - è intuitivo quindi associare la pratica della classificazione alla presenza di eterogeneità nel costo atteso tra assicurati

La classificazione. - è intuitivo quindi associare la pratica della classificazione alla presenza di eterogeneità nel costo atteso tra assicurati La classificazione - Che cosa significa fare un prezzo in un generico mercato assicurativo? Supponiamo per semplicità una situazione monopolistica; in questo mercato c è dunque una compagnia che si è impegnata

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN

RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN Per affrontare al meglio le problematiche relative al settore delle costruzioni, abbiamo ritenuto più sicura e affidabile la soluzione di costituire un consorzio stabile

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

N./No. 0474-CPR-0566. Aggregati per calcestruzzo / Aggregates for concrete. IMPRESA MILESI GEOM. SERGIO S.R.L. Via Molinara, 6-24060 Gorlago (BG)

N./No. 0474-CPR-0566. Aggregati per calcestruzzo / Aggregates for concrete. IMPRESA MILESI GEOM. SERGIO S.R.L. Via Molinara, 6-24060 Gorlago (BG) CERTIFICATO DI CONFORMITÀ DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA / CERTIFICATE OF CONFORMITY OF THE FACTORY PRODUCTION CONTROL N./No. 0474-CPR-0566 In conformità al Regolamento N. 305/2011/EU del Parlamento

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Smart Home L evoluzione digitale dell ambiente domestico Marco Canesi M2M Sales & Marketing Manager Italy Home & Building 29 Ottobre 2013 1 Le abitazioni e gli edifici stanno

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Dr. Pietro Pistolese Ministero della Salute Autorità Competente REACH R E A C H Registration, Evaluation, Authorisation and restriction

Dettagli

Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione. Giovanna Dondossola

Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione. Giovanna Dondossola Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione Giovanna Dondossola Agenda Cyber Security in RSE Evoluzione dello scenario energe7co Pia9aforma RSE di Ricerca e Innovazione Funzioni e Capacità

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria These guides have a lot information especially advanced tips such as the optimum settings configuration for quali sono scambi di assicurazione sanitaria. QUALI

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU

FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU Antonio Speranza 1 FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU Antonio Speranza Consorzio Interuniversitario Nazionale Fisica Atmosfere e Idrosfere Indice 1. Programmazione

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

pacorini forwarding spa

pacorini forwarding spa pacorini forwarding spa Pacorini Silocaf of New Orleans Inc. Pacorini Forwarding Spa nasce a Genova nel 2003 come punto di riferimento dell area forwarding e general cargo all interno del Gruppo Pacorini.

Dettagli

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP and Labelling - quick guide on EU efficiency and product labelling Settembre 2015 September 2015 2015 ErP/EcoDesign

Dettagli

Apre domani il media center per i giornalisti accreditati al VII Incontro mondiale delle famiglie

Apre domani il media center per i giornalisti accreditati al VII Incontro mondiale delle famiglie Milano, 27 maggio 2012 Apre domani il media center per i giornalisti accreditati al VII Incontro mondiale delle famiglie Apre domani, lunedì 28 maggio, dalle ore 12, alla Fieramilanocity (via Gattamelata,

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

Ccoffeecolours. numero 49 marzo / aprile 2011. edizione italiano /english. t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e

Ccoffeecolours. numero 49 marzo / aprile 2011. edizione italiano /english. t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e Ccoffeecolours t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e numero 49 marzo / aprile 2011 edizione italiano /english P r o f e s s i o n i s t i d e l c a f f e Sirai e Fluid-o-Tech: l eccellenza italiana

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Area Sistemi Sicurezza Informatica

Area Sistemi Sicurezza Informatica InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Note sull installazione di CardOS API 2.2.1 Funzione emittente 70500 Area Sistemi Sicurezza Informatica NOTE su

Dettagli

Documentazione distribuita da A.I.CHE. - Associazione Italiana CHEratoconici ONLUS (www.assocheratocono.org) 1. Siena X-linking. Siena 2 Febbraio 2007

Documentazione distribuita da A.I.CHE. - Associazione Italiana CHEratoconici ONLUS (www.assocheratocono.org) 1. Siena X-linking. Siena 2 Febbraio 2007 1 Siena X-linking Siena 2 Febbraio 2007 Andrea Paolini Comitato Etico per la sperimantazione clinica dei medicinali Azienda Ospedaliera Universitaria Senese 0577 233204 c_etico@unisi.it Fondazione Toscana

Dettagli

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride.

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. 5 12 ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. UN BAMBINO/ONE CHILD Su questo gioco può salire al massimo un bambino.

Dettagli

GerbView. 25 novembre 2015

GerbView. 25 novembre 2015 GerbView GerbView ii 25 novembre 2015 GerbView iii Indice 1 Introduzione a GerbView 2 2 Schermo principale 2 3 Top toolbar 3 4 Barra strumenti sinistra 4 5 Comandi nella barra del menu 5 5.1 File menu.......................................................

Dettagli

TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION. Company Profi le

TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION. Company Profi le TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION Company Profi le DAL 1969 Since 1969 La Spaziale S.p.A. è stata fondata nel 1969 da persone con una esperienza realizzata sin dal 1947 nel settore

Dettagli

Roma, 23 aprile 2009 Alcol e marketing sociale Tiziana Codenotti Contesto della discussione sul marketing sociale Forum Alcol e Salute Organismo individuato all interno della Strategia Europea sull alcol,

Dettagli

Le materie plastiche: criteri di selezione per l uso in prodotti finiti

Le materie plastiche: criteri di selezione per l uso in prodotti finiti Le materie plastiche: criteri di selezione per l uso in prodotti finiti Ilaria Nicoli Sales Account Executive Roberta Zaffaroni Engineering Team Leader 15 Novembre 2007 Copyright 1995-2007 Underwriters

Dettagli

Status of COSMO-ME-EPS system

Status of COSMO-ME-EPS system Status of COSMO-ME-EPS system Francesca Marcucci, Lucio Torrisi, Stefano Sebastianelli* CNMCA, National Meteorological Center,Italy * ISMAR-CNR, Venice, Italy Outline The COSMO-ME EPS system Evaluation

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014 Riccardo Saccardi, Banca Sangue Placentare Firenze Roberta Destro, Banca Sangue Placentare Padova Michele Santodirocco, Banca Sangue Placentare S. Giovanni Rotondo Senato della Repubblica Commissione Igiene

Dettagli

BUILT-IN HOODS COLLECTION

BUILT-IN HOODS COLLECTION BUILT-IN HOODS COLLECTION COLLECTION BUILT-IN Fabula 10 Heaven 2.0 11 Heaven Glass 2.0 11 SkyLift 6 SkyPad 10 BUILT-IN CABINET Inca Lux 13 Inca Lux Glass 13 Inca Plus HCS 14 Inca Smart HCS 14 Intra 18

Dettagli

Ref Date Question Answer

Ref Date Question Answer Q1 IT 10/09 Con la presente siamo a chiedere se la cifra esposta per l offerta è esatta; la frase riportata è la seguente: Il valore totale massimo dell'appalto è di 140 000 EUR per quattro anni" I 140.000

Dettagli

Valvole a sfera INOX

Valvole a sfera INOX Valvole a sfera INOX Pag. Note sulla Direttiva 94/9/EC-ATEX 2.2 2 pezzi FF a passaggio totale SF2 SF2T comando a leva basic 2.3 3 pezzi FF e SW SF3T 2.4 Wafer SFW 2.5 3vie FF SFMV 2.6 Split body SFSB 2.7

Dettagli

11. Misura e Management della Qualità

11. Misura e Management della Qualità 11. Misura e Management della Qualità LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella Punti di discussione Definizione

Dettagli

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Fondazione Lombardia per l Ambiente Milano, 26 giugno 2014 Emissioni annuali

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

PRODUCT DATA SHEET. Copernico 500 sospensione - Red TECHNICAL DATA SHEET. Features. Dimensions OPTICS DIMENSIONS LAMP LAMPS INCLUDED ELECTRICAL

PRODUCT DATA SHEET. Copernico 500 sospensione - Red TECHNICAL DATA SHEET. Features. Dimensions OPTICS DIMENSIONS LAMP LAMPS INCLUDED ELECTRICAL PRODUCT DATA SHEET Copernico 500 sospensione - Red DESIGN BY : Carlotta de Bevilacqua, Paolo Dell'Elce 2012 MATERIALS : Painted aluminium, PCB DESCRIPTION : Suspension lamp, an extension of the range of

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

- RAPPORTO DI PROVA - PER GRANDI IMBALLAGGI DESTINATI AL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE

- RAPPORTO DI PROVA - PER GRANDI IMBALLAGGI DESTINATI AL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE Allegato 3 (Decreto Dirigenziale n. 842 del 21. 07.2015) - RAPPORTO DI PROVA - PER GRANDI IMBALLAGGI DESTINATI AL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE (articolo 32, comma 5, D.P.R. 6 giugno 2005, n. 134) - TEST

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

3 rd INTERREGIONAL FORUM: CYCLING POLICIES IN ITALY: PROBLEMS, SOLUTIONS, PROJECTS

3 rd INTERREGIONAL FORUM: CYCLING POLICIES IN ITALY: PROBLEMS, SOLUTIONS, PROJECTS 3 rd INTERREGIONAL FORUM: CYCLING POLICIES IN ITALY: PROBLEMS, SOLUTIONS, PROJECTS BIKEMI, BIKE SHARING MILANO Gestione: CLEAR CHANNEL Committenti: ATM, Azienda Trasporti Milanesi e Comune di Milano BIKEMI,

Dettagli

ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL

ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL INDICE TABLE OF CONTENTS 1. Introduzione... pag. 3 1. Introduction... pag. 3 2. Requisiti di sistema... pag. 3 1. System requirements... pag. 3 3. Installazione...

Dettagli

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Raffaella Butera Toxicon srl Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it normativa complessa articolata obiettivi comuni

Dettagli

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 2 gruppi di ricerca MED & UNIBS Gruppo di Impianti Industriali Meccanici Laboratorio Chem4Tech Azioni A1 B2 e B9 C1 OPERATIONS MANAGEMENT AND INDUSTRIAL ENGINEERING

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO TELECOM ITALIA: DEFINITO IL NUOVO CALENDARIO DELLE ATTIVITA SOCIETARIE DI TELECOM ITALIA, TIM E TI MEDIA

COMUNICATO STAMPA GRUPPO TELECOM ITALIA: DEFINITO IL NUOVO CALENDARIO DELLE ATTIVITA SOCIETARIE DI TELECOM ITALIA, TIM E TI MEDIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO TELECOM ITALIA: DEFINITO IL NUOVO CALENDARIO DELLE ATTIVITA SOCIETARIE DI TELECOM ITALIA, TIM E TI MEDIA Milano, 31 dicembre 2004 Telecom Italia, Tim e Telecom Italia Media comunicano,

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli