MONITORAGGIO DEL SUOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO DEL SUOLO"

Transcript

1 Dipartimento Provinciale di Treviso Servizio Suoli MONITORAGGIO DEL SUOLO DETERMINAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI MICROINQUINANTI ORGANICI PRIMA RILEVAZIONE A SCALA REGIONALE REPORT INTERMEDIO FEBBRAIO

2 INDICE INTRODUZIONE 3 I MICROINQUINANTI ORGANICI 3 INQUADRAMENTO NORMATIVO 4 SIGNIFICATO E IMPORTANZA DEI VALORI DI FONDO 4 MATERIALI E METODI 4 DIOSSINE E FURANI 7 POLICLOROBIFENILI 12 IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI 17 SVILUPPI FUTURI 19 Gruppo di lavoro Coordinamento attività: Campionamento dei suoli ed elaborazione dati: Analisi di laboratorio: Paolo Giandon (ARPAV - Servizio Suoli) Andrea Dalla Rosa, Adriano Garlato (ARPAV - Servizio Suoli) ARPAV Servizio Laboratori di Venezia 2

3 INTRODUZIONE Ciclicamente nel corso delle attività svolte dall ARPAV è emersa la necessità di avere dei valori di riferimento relativi alla concentrazione di alcuni inquinanti organici in prossimità di potenziali fonti di pressione o anche nei suoli utilizzati per la distribuzione di sostanze organiche di recupero (es. fanghi, compost). Si citano ad esempio i casi dei cementifici di Monselice, Pederobba e Fumane, degli inceneritori di Padova, Fusina e Schio, degli incendi della De Longhi a Treviso o del CNR di Legnaro, o del rinvenimento di diossine in fanghi di depurazione dell impianto di Fusina destinati ad utilizzo in agricoltura o per compostaggio. Tale necessità ha portato ad elaborare una proposta di monitoraggio dei suoli del Veneto con l obiettivo di verificare le concentrazioni di inquinanti organici e di dare una prima risposta alla richiesta di valori di riferimento in grado di fornire elementi utili a comprendere i fenomeni di arricchimento/contaminazione da parte di alcune sostanze. I MICROINQUINANTI ORGANICI Diossine e furani (PCDD/PCDF), policlorobifenili PCB), idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono inquinanti organici persistenti riconosciuti a livello internazionale: si tratta di prodotti particolarmente stabili e identificati come tossici sia per l ambiente che per l uomo. Tali inquinanti organici sono immessi nell ambiente da numerose sorgenti, presentano una certa mobilità tra le diverse matrici ambientali, hanno una struttura chimica stabile ed una considerevole vita media. Possono determinare un inquinamento persistente, pressoché ubiquitario ed accumularsi in occasione di eventi particolari. Negli ultimi decenni lo sviluppo delle attività industriali ne ha aumentato il rischio di immissione nell ambiente, in particolare nel suolo, dove si possono verificare fenomeni di accumulo. L ambiente terrestre può ricevere gli inquinanti ambientali attraverso differenti vie; le più importanti sono: - deposizione atmosferica; - spandimento di fanghi, compost e altri ammendanti organici; - spandimento di sedimenti provenienti da esondazioni; - erosione da aree contaminate poste nelle vicinanze; - rilascio accidentale sul suolo. Nel suolo gli inquinanti organici non presentano mobilità significativa in quanto sono generalmente adsorbiti dal carbonio organico; una volta adsorbiti, rimangono relativamente immobilizzati e, a causa delle basse solubilità in acqua, non mostrano tendenze alla migrazione in profondità. La conoscenza sul contenuto degli inquinanti organici nei suoli può fornire, quindi, utili indicazioni riguardo il livello di inquinamento diffuso e nuovi elementi per valutare eventuali rischi legati alla gestione dei suoli sia agricoli che urbani. Proprio i suoli agricoli dovrebbero rappresentare un insieme particolarmente integro da impatti antropici e possono consentire la definizione di valori di riferimento (fondo naturale-antropico) con cui poter confrontare situazioni sottoposte a maggior impatto (suoli urbani, zone industriali, aree nei pressi di inceneritori e/o cementifici, ecc.). 3

4 INQUADRAMENTO NORMATIVO Secondo la normativa di riferimento, rappresentata dal D.Lgs 152/06 e s.m.i., qualora venga riscontrato il superamento delle concentrazioni di soglia di contaminazione, anche per una sola delle sostanze inquinanti considerate, si deve procedere alla caratterizzazione del sito e all analisi del rischio sito-specifica. In particolare sono previsti per gli stessi parametri valori soglia diversi in relazione alla specifica destinazione d uso: per i suoli ad uso verde pubblico, privato e residenziale si fa riferimento alla colonna A, tabella 1, All. 5, Parte IV, mentre per i suoli ad uso commerciale e industriale i valori limite si desumono dalla colonna B della stessa tabella. Per quanto riguarda i suoli agricoli non esiste un riferimento specifico ma in via precauzionale ci si riferisce alla colonna A. SIGNIFICATO E IMPORTANZA DEI VALORI DI FONDO L analisi del rischio sito-specifica non può prescindere dalla conoscenza dei valori di fondo degli inquinanti organici di una determinata area oggetto di indagine. In particolare è importante determinare quello che può essere considerato il livello naturale dell elemento nel suolo, ossia derivante da fenomeni naturali (es. incendi), generalmente molto basso, e il livello naturale-antropico (contenuto di background), determinato dalla sommatoria del contenuto naturale e degli apporti di origine antropica. Tale approccio è descritto nella norma tecnica ISO 19258/2005 (Soil quality Guidance on the determination of background values) che indica le metodologie di campionamento e di elaborazione dei dati da seguire. Per quanto riguarda la distribuzione delle osservazioni vengono proposti due approcci possibili: il primo, sistematico, è basato sul campionamento dei suoli mediante una maglia regolare, mentre nel secondo, tipologico, i suoli vengono campionati sulla base della stratificazione dei principali materiali di partenza, tipi di suolo e usi del territorio. Nella presente proposta si predilige l approccio tipologico vista la conoscenza dei suoli e della loro geografia maturata negli anni nel territorio regionale grazie alle cartografie pedologiche realizzate dall Agenzia, prima fra tutte la carta dei suoli del Veneto in scala 1: MATERIALI E METODI La prima fase del progetto è consistita nella raccolta di tutti i dati già disponibili in ambito regionale anche se eseguiti da soggetti diversi per costituire una banca dati su cui effettuare le prime elaborazioni. In questa prima fase sono stati raccolti dati da 627 siti (figura 1) corrispondenti a 648 orizzonti di suolo analizzati. I laboratori che hanno eseguito le analisi sono stati quasi esclusivamente COINCA e ARPAV-Laboratorio di Venezia, per le diossine e furani, mentre per IPA e PCB, i diversi laboratori provinciali di ARPAV ma anche laboratori privati. Nello specifico sono state raccolte, per diossine e furani, 171 analisi provenienti da 151 siti, 527 analisi, di cui 388 nella sola provincia di Verona, provenienti da 516 siti per i PCB e 105 analisi da 91 siti per gli IPA. Dalla figura 1 è evidente che la distribuzione territoriale dei dati raccolti è molto eterogenea, in particolare: la provincia di Belluno non ha nessun dato sebbene si sia a conoscenza di alcuni dati rilevati nell ambito del progetto MONARPOP ma di cui non si conosce l esatta localizzazione; 4

5 in provincia di Venezia la gran parte dei dati è stata raccolta nei dintorni di Porto Marghera, a questi dovrebbero aggiungersi nuovi dati realizzati all interno del sito di interesse nazionale prelevati da trincee, tutt oggi non ancora disponibili; per la provincia di Treviso la maggior parte dei dati sono stati raccolti in seguito all incendio della De Longhi e per il monitoraggio del cementificio Rossi a Pederobba; nelle province di Padova, Vicenza e Rovigo i dati disponibili sono pochi e si riferiscono a campionamenti eseguiti in prossimità di specifiche fonti di pressione (Cementificio di Monselice, inceneritore di San Lazzaro e Schio e discarica di Villadose); la provincia di Verona presenta un ottima copertura, ma solo per i PCB, con 388 siti campionati nel triennio dal DAP di Verona. Fig. 1: Dati sui microinquinanti organici nel suolo disponibili prima dell inizio del progetto di monitoraggio; tutti i risultati analitici sono archiviati in una banca dati predisposta appositamente per il progetto. Con il contributo dei responsabili e dei tecnici dei Servizi Sistemi Ambientali dei Dipartimenti Provinciali sono stati selezionati una serie di punti da eseguire in prossimità di particolari fonti di pressione quali fonderie, zone industriali, inceneritori, cementifici ma anche siti sensibili quali aree verdi pubbliche (figura 2). Fino ad oggi il rilevamento si è concentrato sui siti non soggetti a evidenti pressioni antropiche con l eccezione di 2 campioni, dei circa 50 individuati, uno in prossimità dell autostrada A4 ed uno nei pressi di una fonderia nel vicentino. La scelta è stata motivata oltre che da motivi organizzativi anche per permettere di effettuare le prime elaborazioni su un discreto numero di siti soggetti a basso impatto antropico e quindi rappresentativi di fenomeni di contaminazione diffusa. 5

6 In figura 2 sono visibili in verde le osservazioni realizzate fino a ottobre 2011 (38) per il progetto di monitoraggio, in rosso la griglia di campionamento mentre i quadrati in rosso identificano i punti da campionare in prossimità di particolari fonti di pressione. Fig. 2: Siti campionati dall inizio del progetto (in verde) e punti di pressione (in rosso) definiti in accordo con i Servizi Sistemi Ambientali da realizzare; la griglia rossa è indicativa della densità di campionamento per la restante superficie regionale. Su tutti i campioni, oltre alle analisi sugli inquinanti organici, sono stati determinati anche ph, tessitura, carbonio organico, calcare totale, capacità di scambio cationico e metalli pesanti, parametri che possono fornire elementi utili per stabilire l origine naturale o meno del materiale raccolto e per capire il comportamento dei composti nel suolo. Il campionamento, di tipo areale e non puntuale, è avvenuto attraverso l individuazione di aree il più possibile omogenee per ordinamento colturale e per caratteristiche pedologiche. All interno di ciascun sito si è proceduto ad un campionamento sistematico secondo le seguenti fasi (norma ISO /2005): - suddivisione del lotto in celle; - raccolta dei campioni elementari, uno per cella, per mezzo di trivella manuale; - miscelazione dei campioni elementari prelevati per singola profondità, quartatura e formazione del campione finale. La dimensione media delle aree campionate è pari a circa 4000 mq. I campioni sono stati raccolti in vasi di vetro e conservati a 4 C di temperatura fino alla consegna al laboratorio di competenza. 6

7 La profondità di campionamento nei siti indagati è stata diversa in relazione all uso del suolo e all eventuale rimescolamento dell orizzonte superficiale ad opera delle lavorazioni agricole; nei terreni arati l orizzonte superficiale corrisponde allo strato lavorato, mentre l orizzonte profondo ad uno strato di profondità compresa tra 70 e 100 cm; su suoli naturali o superfici da lungo tempo non lavorate (prati stabili, verde pubblico, vigneti inerbiti) il campione superficiale ha interessato i primi centimetri di suolo (generalmente 0-5 cm) mentre quello profondo è stato raccolto a profondità compresa tra 15 e 25 cm, per valutare l eventuale effetto della deposizione atmosferica e la mobilità dei microinquinanti all interno del suolo. Tutti i campioni sono stati analizzati dal Servizio Laboratori di Venezia, per i parametri organici, e dal Servizio Laboratori di Treviso per i parametri descrittivi del suolo. I valori sono espressi secondo quanto previsto dal D.Lgs.152 del 2006 sulla sostanza secca e sulla totalità del materiale inferiore ai 2 cm. Nelle elaborazioni statistiche preliminari, di seguito riportate, i composti presenti in concentrazioni inferiori ai limiti di rilevabilità sono stati considerati pari a 0 anche per evitare distorsioni nella valutazione dei dati dovute ai diversi limiti di rilevabilità applicati dai laboratori. DIOSSINE E FURANI La distribuzione territoriale dei dati per diossine e furani è evidenziata nella figura 3; a gennaio 2012 sono disponibili dati provenienti da 180 siti e per 40 di questi sono disponibili anche analisi in profondità. Non sono disponibili analisi per la provincia di Belluno anche se si è a conoscenza di alcuni campioni prelevati e analizzati nell ambito del progetto MONARPOP, di cui però non è nota con precisione la localizzazione (Monte Grappa e Val Visdende). Nell ambito del progetto di monitoraggio sono stati campionati ed analizzati 38 siti, 10 dei quali con campioni anche negli orizzonti profondi per un totale di 48 campioni. Sull intero dataset si sono osservati 18 superamenti delle CSC previste dal D.Lgs. 152/2006 (10 ng /kg I-TE s.s.) che corrispondono a circa il 9% dei dati disponibili. Si tratta di 13 siti di cui 4 (3 superficiali ed uno profondo) concentrati nell area attorno al cemetificio di Pederobba (fig. 5), 1 in comune di Treviso presso la Scuola Elementare Ciardi, dovuto ad un probabile apporto esterno di terreno contaminato, e 9 nell area di Porto Marghera. Tutti i superamenti presentano comunque una concentrazione inferiore a 40 ng/kg tranne uno nell area veneziana con concentrazione pari a 324 ng/kg. Per un analisi di dettaglio di queste due aree si rimanda all articolo di Della Sala et al. Assessment of PCDD/Fs, PCBs and heavy metals in soil: a mesure of the impact of the industrial zone of Porto Marghera on inland coastal areas of Italy pubblicato nel 1999 in Organohalogen Compounds e al report interno Comune di Pederobba Monitoraggio dei suoli scaricabile dal sito ARPAV. 7

8 Fig. 3: Contenuto in diossine e furani, espressa come tossicità equivalente (I-TE ng/kg s.s.), nei suoli del Veneto. Fig. 4: Dettaglio della concentrazione di diossine e furani, espressi come tossicità equivalente (I-TE ng/kg s.s.), nell area di Porto Marghera. 8

9 Fig. 5: Dettaglio della concentrazione di diossine e furani, espressi come tossicità equivalente (I-TE ng/kg s.s.), nell intorno del cementificio Rossi di Pederobba. Per quanto riguarda la distribuzione dei dati dell intera popolazione (fig. 6) si osserva che oltre il 70% dei campioni ha concentrazione inferiori a 2 ng/kg e un ulteriore 20% concentrazione compresa tra 2 e 10 ng/kg. % dati ,5 0, >40 ng/kg PCDD-PCDF Fig. 6: Classi di frequenza della concentrazione di diossine e furani, espressi come tossicità equivalente (I-TE ng/kg s.s.), per l intera popolazione % d ati ,5 0, >40 ng/kg PCDD-PCDF Fig. 7: Classi di frequenza della concentrazione di diossine e furani espressi come tossicità equivalente (I-TE ng/kg s.s.) solo per i dati campionati e analizzati nel progetto di monitoraggio. 9

10 Considerando invece solo i campioni raccolti nel progetto di monitoraggio (fig. 7) non si osservano superamenti dei limiti di legge e solo poco più del 10% della popolazione presenta concentrazioni comprese tra 2 e 10 ng/kg. I valori più elevati si sono riscontrati su tre suoli con vegetazione naturale delle Prealpi, sull altopiano di Asiago e sul Monte Grappa e sulle Prealpi Trevigiane; tali valori si riferiscono ai primi centimetri di suolo e sono compresi tra 1,8 e 5,1 ng/kg; ciò si spiega per il mancato effetto di diluizione legato alle lavorazioni del suolo, che provoca una maggior concentrazione delle deposizioni atmosferiche nei primissimi centimetri di suolo. Per il suolo del Monte Grappa è stato campionato anche l orizzonte organico di superficie (humus) che presenta però concentrazioni molto basse (0,2 ng/kg). Gli orizzonti organici vengono incorporati nel corso degli anni (da alcuni anni a qualche decina a seconda delle caratteristiche del suolo, della vegetazione e dell ambiente) nel suolo minerale e quindi rappresentano un indicatore della deposizione atmosferica più recente di tali sostanze; da questo punto di vista sembra che tale apporto recente sia in realtà contenuto ma tale ipotesi dovrà essere verificata nella prosecuzione del progetto. 35,00 30,00 30,10 25,00 ng/kg 20,00 15,00 20,22 10,00 7,65 5,33 5,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,37 0,14 0,14 1,20 0,50 0,50 0,00 0,60 2,3,7,8 - TCDD 1,2,3,7,8 - PeCDD 1,2,3,4,7,8 - HxCDD 1,2,3,6,7,8 - HxCDD 1,2,3,7,8,9 - HxCDD 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDD OCDD 2,3,7,8 - TCDF 1,2,3,7,8 - PeCDF 2,3,4,7,8 - PeCDF 1,2,3,4,7,8 - HxCDF 1,2,3,6,7,8 - HxCDF 2,3,4,6,7,8 - HxCDF 1,2,3,7,8,9 - HxCDF 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDF 1,2,3,4,7,8,9 - HpCDF OCDF Fig. 8: Concentrazione mediana dei diversi congeneri (ng/kg s.s. I-TE) per l intera popolazione. 35,00 30,00 29,79 25,00 ng/kg 20,00 15,00 20,04 10,00 6,75 5,00 4,28 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,37 0,00 0,00 1,03 0,00 0,00 0,00 0,00 2,3,7,8 - TCDD 1,2,3,7,8 - PeCDD 1,2,3,4,7,8 - HxCDD 1,2,3,6,7,8 - HxCDD 1,2,3,7,8,9 - HxCDD 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDD OCDD 2,3,7,8 - TCDF 1,2,3,7,8 - PeCDF 2,3,4,7,8 - PeCDF 1,2,3,4,7,8 - HxCDF 1,2,3,6,7,8 - HxCDF 2,3,4,6,7,8 - HxCDF 1,2,3,7,8,9 - HxCDF 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDF 1,2,3,4,7,8,9 - HpCDF OCDF Fig. 9: Concentrazione mediana dei diversi congeneri (ng/kg s.s. I-TE) solo per i dati campionati e analizzati nel progetto di monitoraggio.. 10

11 Sui restanti campioni non si osservano concentrazioni particolarmente elevate. Solo per due campioni di pianura la concentrazione risulta maggiore di 2 ng/kg I-TE ma visti i maggiori spessori di rimescolamento a cui si riferiscono tali concentrazioni fanno comunque pensare ad apporti non trascurabili. Analizzando le mediane delle concentrazioni in valore assoluto (non espressi in tossicità equivalente) dei singoli congeneri sia sulla popolazione totale che prendendo in considerazione solo i campioni raccolti per il monitoraggio (figure 8 e 9) risulta evidente il contributo predominante dell OCDD (OctaCloro Dibenzo Diossina) con valori medi pari a 30 ng/kg circa, seguito dall OCDF (OctaCloro Dibenzo Furano) con 20 ng/kg e dagli HpCDD/F (HeptaCloro Dibenzo Diossine e Furani) con concentrazioni medie comprse tra 4 e 8 ng/kg. Questa distribuzione trova conferma da quanto emerso dal monitoraggio dei suoli di Pederobba dove nei campioni con concentrazioni più basse circa la metà del contenuto totale di diossine è dovuto alle OCDD; al contrario prendendo in considerazione solo i campioni in cui le concentrazioni sono maggiori il contributo fornito dalle OCDD sale oltre l 80%. Tab. 1: Principali parametri statistici, ricavati dall intero dataset disponibile, per i diversi congeneri e per la sommatoria delle diossine e furani (ng/kg s.s.) espressa anche in tossicità equivalente (ng/kg s.s. I-TE). 2,3,7,8 - TCDD 1,2,3,7,8 - PeCDD 1,2,3,4,7,8 - HxCDD 1,2,3,6,7,8 - HxCDD 1,2,3,7,8,9 - HxCDD 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDD OCDD 2,3,7,8 - TCDF 1,2,3,7,8 - PeCDF N dati Media 0,05 0,31 0,36 1,22 0,64 32,15 360,54 3,43 2,59 2,69 6,11 2,86 1,86 1,25 28,17 3,40 82,24 530,21 4,38 Mediana 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 5,33 30,10 0,37 0,14 0,14 1,20 0,50 0,50 0,00 7,65 0,60 20,22 85,90 0,81 75 perc 0,00 0,10 0,03 0,59 0,40 10,88 78,81 1,02 0,99 1,13 2,77 1,73 1,78 0,00 19,44 2,30 54,09 226,49 2,56 95 perc 0,28 1,54 1,98 5,06 2,66 72,59 583,46 5,40 7,12 8,23 11,87 10,22 8,38 4,68 99,88 10,27 398, ,58 Massimo 3,10 10,70 15,20 47,60 32,80 971, ,00 316,00 306,00 546,00 174,00 86,80 51,20 612,00 127, , ,00 2,3,4,7,8 - PeCDF 1,2,3,4,7,8 - HxCDF 1,2,3,6,7,8 - HxCDF 2,3,4,6,7,8 - HxCDF 1,2,3,7,8,9 - HxCDF 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDF 1,2,3,4,7,8,9 - HpCDF OCDF Σ PCDD/F TOTALE I-TE Tab. 2: Principali parametri statistici, ricavati dall elaborazione dei soli siti campionati e analizzati nel progetto di monitoraggio, per i diversi congeneri e per la sommatoria delle diossine e furani (ng/kg s.s.) espressa anche in tossicità equivalente (ng/kg s.s.i-te). 2,3,7,8 - TCDD 1,2,3,7,8 - PeCDD 1,2,3,4,7,8 - HxCDD 1,2,3,6,7,8 - HxCDD 1,2,3,7,8,9 - HxCDD 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDD OCDD 2,3,7,8 - TCDF 1,2,3,7,8 - PeCDF N dati Media 0,01 0,00 0,02 0,11 0,11 6,38 57,79 0,50 0,16 0,24 1,44 0,64 0,64 0,15 10,73 1,03 36,75 118,23 0,77 Mediana 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 4,28 29,79 0,37 0,00 0,00 1,03 0,00 0,00 0,00 6,75 0,00 20,04 82,17 0,31 75 perc 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 7,55 77,90 0,78 0,00 0,00 1,69 1,05 1,27 0,00 14,92 1,54 42,80 148,12 0,91 95 perc 0,00 0,00 0,00 1,16 0,71 18,87 132,24 1,46 1,12 1,34 6,35 3,36 3,23 1,23 37,06 4,59 123,43 301,29 3,32 Massimo 0,36 0,00 1,10 1,48 2,17 30,71 414,86 2,96 2,96 3,42 7,66 5,19 4,44 2,39 42,58 9,57 163,64 628,26 5,06 2,3,4,7,8 - PeCDF 1,2,3,4,7,8 - HxCDF 1,2,3,6,7,8 - HxCDF 2,3,4,6,7,8 - HxCDF 1,2,3,7,8,9 - HxCDF 1,2,3,4,6,7,8 - HpCDF 1,2,3,4,7,8,9 - HpCDF OCDF Σ PCDD/F TOTALE I-TE In tabella 1 sono riassunti, suddivisi nei vari congeneri ed espressi come sommatoria in tossicità equivalente, i principali parametri statistici dell intera popolazione; attualmente non sono state effettuate ulteriori elaborazioni statistiche, quali un analisi della distribuzione e l eliminazione di eventuali outliers, che verrà eseguita al termine del progetto: per questo motivo il 95 indicato in tabella ha un valore puramente indicativo e non può attualmente essere utilizzato come valore di fondo per tali sostanze nei suoli. La concentrazione media delle diossine nel suolo, sull intera banca dati, è pari a 4,38 ng/kg (I-IE) mentre la mediana, indicatore meno influenzabile da valori estremi e quindi in questo caso più indicativo, è pari a 0,81 ng/kg; se si analizzano invece solo i campioni raccolti nel progetto di monitoraggio (tabella 2) la media 11

12 scende notevolmente ed è pari a 0,77 ng/kg (I-TE) valore confrontabile con la mediana che risulta pari a 0,31 ng/kg. Per quanto riguarda l andamento delle diossine con la profondità si osservano valori leggermente inferiori rispetto a quelli superficiali sia prendendo in esame la totalità dei dati disponibili (40 siti) sia valutando solo i siti campionati anche in profondità per il presente progetto (10): questo conferma la mobilità ridotta di questi composti anche a causa dell elevata affinità di tali prodotti con la sostanza organica che nei suoli si concentra in superficie. POLICLOROBIFENILI I dati disponibili per il territorio del Veneto sono attualmente 557, provenienti da 542 siti di cui 388 nella sola provincia di Verona (fig. 10). I valori superiori ai limiti del D. Lgs. 152/2006 per le aree residenziali (60 µg/kg s.s.) sono solamente due, entrambi localizzati a Porto Marghera, pari a 92 e 1607 µg/kg (fig. 14); l 87% dei dati risulta inferiore a 5 µg/kg, percentuale che sale al 95% se si considerano i valori inferiori a 10 µg/kg (fig. 11). Il restante 5% dei dati, corrispondente a 22 siti, presentano concentrazioni comprese tra 10 e 60 µg/kg: di questi, 14 ricadono nell area di Porto Marghera e 5 in provincia di Verona (fig. 13). Per molti dei dati derivanti da indagini realizzate prima dell inizio del progetto si dispone solo della sommatoria e non dei singoli congeneri. Fig. 10: Contenuto in PCB nei suoli del Veneto (µg/kg s.s.). 12

13 % dati >60 µg/kg Sommatoria PCB Fig. 11: Classi di frequenza della concentrazione di PCB (sommatoria µg/kg) per l intera popolazione. Come per le diossine, dall inizio del progetto a febbraio 2012 sono stati campionati 38 siti di cui 10 anche in profondità; in questa popolazione ridotta non si osservano superamenti dei 60 µg/kg; la distribuzione dei dati è simile a quella osservata per l intero dataset con una netta prevalenza dei campioni con concentrazioni inferiori a 10 µg/kg; il valore massimo riscontrato è pari a 16 µg/kg in un campione di suolo superficiale (0-3 cm) raccolto sulle pendici del Monte Grappa sotto vegetazione naturale % dati >60 µg/kg Sommatoria PCB Fig. 12: Classi di frequenza della concentrazione di PCB (sommatoria in µg/kg s.s.) per i siti campionati e analizzati nel progetto di monitoraggio. In figura 13 e 14 sono rappresentati due carte di dettaglio della provincia di Verona e dell area di Porto Marghera: si osserva che mentre per il veronese la situazione è assolutamente in linea con il resto del territorio regionale e sono pochi i valori sopra i 10 µg/kg, l area nei pressi del polo chimico di Porto Marghera, come anche per le diossine, presenta valori anomali rispetto al resto della regione, con una maggior frequenza di valori superiori a 10 µg/kg s.s., da ricondurre molto probabilmente ai maggiori apporti da deposizione atmosferica. 13

14 Fig. 13: Dettaglio della concentrazione di PCB (sommatoria in µg/kg s.s.) nella provincia di Verona. Fig. 14: Dettaglio della concentrazione di PCB (sommatoria in µg/kg s.s.) nell area di Porto Marghera. 14

15 Tab. 3: Principali parametri statistici per i PCB dioxin-like (µg/kg s.s.) e per la tossicità equivalente (ng WHO-TE/kg s.s.). PCB-77 PCB-81 PCB-105 PCB-114 PCB-118 PCB-123 N dati Media 0,02 0,00 0,12 0,01 0,31 0,00 0,00 0,10 0,02 0,06 0,16 0,02 5,24 Mediana 0,00 0,00 0,02 0,00 0,06 0,00 0,00 0,01 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 75 perc 0,00 0,00 0,06 0,00 0,13 0,00 0,00 0,04 0,01 0,02 0,00 0,00 0,02 95 perc 0,04 0,01 0,30 0,01 0,69 0,01 0,02 0,19 0,05 0,11 0,30 0,04 22,91 Massimo 1,15 0,44 10,10 0,78 27,70 0,21 0,30 11,40 1,29 5,29 8,45 2,37 254,94 PCB-126 PCB-156 PCB-157 PCB-167 PCB-169 PCB-189 PCB WHO-TEQ Tab. 4: Principali parametri statistici per i PCB non dioxin-like e per la sommatoria dei PCB (µg/kg s.s.). PCB-28 PCB-52 PCB-95 PCB-99 PCB-101 PCB-110 PCB-128 PCB-138 PCB-146 PCB-149 PCB-151 PCB-153 PCB-170 PCB-177 PCB-178 PCB-180 PCB-183 PCB-187 PCB-194 PCB-209 Σ PCB N dati Media 0,09 0,14 0,08 0,10 0,08 0,30 0,15 1,56 0,05 1,41 0,35 1,56 0,52 0,17 0,04 1,21 0,21 0,52 0,56 0,51 5,71 Mediana 0,01 0,02 0,04 0,02 0,02 0,04 0,02 0,14 0,03 0,11 0,02 0,16 0,04 0,02 0,03 0,09 0,02 0,05 0,03 0,08 1,50 75 perc 0,05 0,05 0,07 0,05 0,09 0,12 0,07 0,38 0,05 0,26 0,06 0,40 0,12 0,07 0,05 0,29 0,04 0,14 0,12 0,36 2,90 95 perc 0,18 0,23 0,16 0,19 0,24 0,46 0,28 2,31 0,14 1,38 0,36 2,24 0,75 0,34 0,05 1,79 0,29 0,82 0,58 1,10 8,94 Massimo 6,37 13,60 1,29 7,05 1,00 29,50 14,70 189,00 0,84 140,00 46,10 192,00 63,10 13,30 0,06 151,00 25,20 60,80 26,70 21, ,0 Per quanto riguarda la suddivisione dei PCB nei diversi congeneri si osserva, dalla lettura delle tabelle 3 e 4 e delle figure 15 e 16, che i PCB dioxin-like sono presenti in concentrazioni nettamente inferiori rispetto ai non dioxine-like. Tra i dioxine-like i più diffusi sono nell ordine i PCB-118 (mediana 0,06 µg/kg), i PCB-105 (0,02 µg/kg) e i PCB-156 (0,01 µg/kg), situazione che non cambia se si considerano solo i siti campionati nel progetto di monitoraggio. Valutando la tossicità equivalente come previsto dall OMS nel 2005 (figura 17) si osserva che, con l esclusione dell area di Porto Marghera, i valori sono sempre molto bassi, inferiori a 1 ng WHO-TE/kg, e che la mediana risulta pari a 0 che significa che oltre la metà dei campioni presenta concentrazioni inferiori al limite di rilevabilità. Nell area industriale di Porto Marghera invece ben 10 siti presentano concentrazione superiore a 10 ng WHO-TE /kg e il valore massimo è pari a 254 ng WHO-TE /kg. Prendendo in considerazione solo i dati dei 48 campioni raccolti per il progetto i valori più elevati sono pari a 2,67 ng WHO-TE/kg sul Monte Grappa e a 2,71 lungo l autostrada A4 nel veronese. 0,25 0,20 0,15 µg/kg 0,10 0,05 0,00 PCB-77 PCB-81 PCB-105 PCB-114 PCB-118 PCB-123 PCB-126 PCB-156 PCB-157 PCB-167 PCB-169 PCB-189 PCB-28 PCB-52 PCB-95 PCB-99 PCB-101 PCB-110 PCB-128 PCB-138 PCB-146 PCB-149 PCB-151 PCB-153 PCB-170 PCB-177 PCB-178 PCB-180 PCB-183 PCB-187 PCB-194 PCB-209 Fig. 15: Concentrazione mediana dei diversi congeneri di PCB (in µg/kg s.s.) per l intera popolazione. 15

16 0,25 0,20 0,15 µg/kg 0,10 0,05 0,00 PCB-77 PCB-81 PCB-105 PCB-114 PCB-118 PCB-123 PCB-126 PCB-156 PCB-157 PCB-167 PCB-169 PCB-189 PCB-28 PCB-52 PCB-95 PCB-99 PCB-101 PCB-110 PCB-128 PCB-138 PCB-146 PCB-149 PCB-151 PCB-153 PCB-170 PCB-177 PCB-178 PCB-180 PCB-183 PCB-187 PCB-194 PCB-209 Fig. 16: Concentrazione mediana dei diversi congeneri di PCB (in µg/kg s.s.) solo per i siti campionati e analizzati nel presente progetto. Per quanto riguarda i congeneri non dioxine-like i più diffusi sono i PCB 153, 138, 149 e 180 con concentrazioni che vanno da 0,09 a 0,16 µg/kg. La sommatoria presenta una media pari a 5,71 µg/kg e una mediana di 1,50 µg/kg, il 95 percentile è pari a 8,54 e quindi ben lontano dal limite di legge di 60 µg/kg. Come per le diossine, valori elevati si osservano nei suoli non coltivati con valori compresi tra 3 e 16 µg/kg, a causa del accumulo in uno spessore molto ridotto; a differenza delle diossine, nell unico campione di lettiera (humus), i valori osservati per i PCB sono confrontabili a quelli del suolo minerale sottostante, aspetto che induce a ritenere il tasso di deposizione atmosferica costante anche in epoca più recente. Fig. 17: Contenuto in PCB dioxine-like, espressi in tossicità equivalente (ng WHO- TE/kg s.s) nei suoli del Veneto. 16

17 IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI Gli IPA sono il gruppo di microinquinanti organici presenti in banca dati in numero minore; attualmente infatti sono disponibili le analisi per 132 siti corrispondenti a 152 campioni. A fronte di un numero ridotto di siti campionati rispetto agli altri microinquinanti organici, la distribuzione sul territorio veneto è abbastanza omogenea, con l eccezione della provincia di Belluno dove non è disponibile alcun dato. Dalla figura 18 si evince che nessun superamento, inteso come sommatoria degli IPA compresi tra la riga 25 e 34 della tabella 1, colonna A, del D.Lgs. 152/2006, è stato osservato e il valore massimo riscontrato è pari a 0,78 mg/kg a fronte ad un limite di legge di 10 mg/kg. Tab. 5: Principali parametri statistici per i diversi idrocarburi policiclici aromatici; dati espressi in mg/kg. Benzo(a)antracene Benzo(a)pirene Benzo(b)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(g,h,i)perilene Crisene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,l)pirene N dati Media 0,01 0,01 0,01 0,00 0,00 0,01 0,00 0,00 0,00 0,00 0,06 0,00 0,00 0,01 0,00 0,01 0,02 0,01 0,02 0,02 0,02 Mediana 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,01 0,00 0,01 0,01 0,02 75 perc 0,01 0,01 0,00 0,00 0,01 0,02 0,00 0,00 0,00 0,00 0,08 0,00 0,00 0,02 0,00 0,01 0,03 0,00 0,02 0,03 0,02 95 perc 0,04 0,04 0,03 0,01 0,03 0,07 0,00 0,01 0,00 0,01 0,26 0,01 0,02 0,05 0,00 0,03 0,08 0,04 0,05 0,04 0,06 Massimo 0,10 0,11 0,11 0,06 0,07 0,12 0,00 0,05 0,01 0,02 0,78 0,20 0,06 0,15 0,02 0,09 0,23 0,10 0,08 0,05 0,10 Limite D.Lgs 152/06 Σ IPA (25-34) 0,5 0,1 0,5 0,5 0,1 5 0,1 0,1 0,1 0,1 10 0,1 0,1 5,0 nd nd nd nd nd nd nd Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3-cd)pirene Pirene Acenaftene Fluorene Fenantrene Antracene Fluorantene Benzo(e)antracene Benzo(b+k+j) fluorantene 17

18 Fig. 18: Contenuto in IPA, espressi come sommatoria in mg/kg, nei suoli del Veneto. Per quanto riguarda la concentrazione dei singoli composti, tutti risultano inferiori ai limiti di legge e in molti casi inferiori anche ai limiti di rilevabilità strumentale (mediane pari a 0 nella tab. 4); l unico campione che presenta un superamento dei limiti tabellari per le aree residenziali è stato raccolto dal DAP di Venezia, nel parco di San Giuliano a Mestre, e presenta una concentrazione di benzo(a)pirene di 0,11 mg/kg a fronte di un limite di legge di 0,1 mg/kg. 0,30 0,25 Mediana 95 perc 0,20 mg/kg 0,15 0,10 0,05 0,00 Benzo(a)antracene Benzo(a)pirene Benzo(b)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(g,h,i)perilene Crisene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,l)pirene Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3-cd)pirene Pirene Acenaftene Fluorene Fenantrene Antracene Fluorantene Benzo(e)antracene Benzo(b+k+j) fluorantene Fig. 19: Mediana e 95 percentile dei diversi idrocarburi policiclici aromatici sull intera popolazione. I composti presenti in concentrazioni relativamente più elevate sono crisene e fenantrene. Il confronto tra l intera popolazione e i dati raccolti per il progetto di monitoraggio mette in evidenza un andamento analogo ma con concentrazioni mediamente più basse: la mediana della sommatoria degli IPA, da 25 a 34, è pari a 0,26 per l intero dataset e scende a 0,11 mg/kg per i dati del progetto e nello stesso modo si comportano i singoli idrocarburi. Dalla lettura delle figure 19 e 20 e della tabella 5 si evince che la mediana dei dati rilevati risulta per tutti gli IPA inferiore al limite di rilevabilità con l esclusione del fluorantene per entrambe le popolazioni e antracene, benzo(a)antracene e benzo(bkj)fluorantene solo per l intero dataset. Questo ha portato a richiedere al laboratorio ARPAV di Venezia di abbassare il limite di rilevabilità. Il 95 percentile mostra, per tutti gli IPA, concentrazioni sempre inferiori di un ordine di grandezza rispetto al limite di colonna A del D.Lgs. 152/2006. Il campione raccolto nei pressi dell autostrada A4 in provincia di Verona in località Dossobuono, non presenta concentrazioni significativamente diverse dalla popolazione anche per il solo campione superficiale che corrisponde ad uno spessore di 5 cm, raccolto in un vigneto inerbito e da diversi anni non lavorato (0,08 mg/kg in superficie e 0,07 mg/kg tra 15 e 30 cm di IPA espressi come sommatoria delle righe 25 e 34). 18

19 0,30 0,25 Mediana 95 perc 0,20 mg/kg 0,15 0,10 0,05 0,00 Benzo(a)antracene Benzo(a)pirene Benzo(b)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(g,h,i)perilene Crisene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,l)pirene Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3-cd)pirene Pirene Acenaftene Fluorene Fenantrene Antracene Fluorantene Benzo(e)antracene Benzo(b+k+j) fluorantene Fig. 20: Mediana e 95 percentile dei diversi idrocarburi policiclici aromatici calcolati solo per i campioni raccolti per il progetto di monitoraggio. SVILUPPI FUTURI Il completamento del campionamento è previsto per il 2013, prevedendo l esecuzione di circa 50 prelievi per l anno 2012 e altrettanti nel successivo. Terminate tutte le analisi si procederà ad una serie di elaborazioni statistiche (normalizzazione, esclusione degli outliers, ecc.) sia sull intero dataset che su sottopopolazioni selezionate in base alla vicinanza/lontananza da specifiche fonti di pressione; preliminarmente a questa fase si prevede un ulteriore confronto con i Servizi Sistemi Ambientali dei Dipartimenti Provinciali per valorizzarne la specifica conoscenza del territorio di competenza. Si valuterà successivamente la possibilità di integrare la banca dati sui microinquinanti organici con quella che attualmente il Servizio Suoli sta implementando sulle terre e rocce da scavo secondo quanto previsto dalla normativa di riferimento (DGRV 2424 del 2008). 19

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI 16 febbraio 2011 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN (ecanossa@arpa.emr.it) (mmengoni@arpa.emr.it)

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell Aria con approfondimento sui livelli dei microinquinanti organici in aria ambiente

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell Aria con approfondimento sui livelli dei microinquinanti organici in aria ambiente Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30174 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia

dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia Whorkshop Acqua e Pro Acqua Bolzano, venerdì 16 novembre 212 dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia Stefano Raccanelli - Consorzio INCA Consorzio Interuniversitario Nazionale La Chimica per

Dettagli

Fonti normative 3. I controlli analitici previsti dalla normativa 4. Il programma regionale di monitoraggio dei fanghi 4

Fonti normative 3. I controlli analitici previsti dalla normativa 4. Il programma regionale di monitoraggio dei fanghi 4 !"#$ Indice Fonti normative 3 I controlli analitici previsti dalla normativa 4 Il programma regionale di monitoraggio dei fanghi 4 Modalità di esecuzione del monitoraggio Esecuzione dei prelievi Risultati

Dettagli

150599-02 Emissioni gassose

150599-02 Emissioni gassose Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 17-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\5 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

MICRO-B srl Via Cremona, 25/b 46041 Asola (MN) C.F. : 02140460201 P. Iva: 02140460201 Tel. : 0376 712079 Fax : 0376 719207 Web: www.micro-b.it e-mail: info@micro-b.it Reg. Imp. : Cap. Soc. i.v. : MN 02140460201

Dettagli

STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE

STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO AMBIENTALE DELL AREA CIRCOSTANTE IL TERMOVALORIZZATORE DEL GERBIDO MONITORAGGIO SUOLI Committente: PROVINCIA DI TORINO Torino 23 ottobre 2007 Relazione realizzata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA

RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA Risultati delle campagne di monitoraggio vento-selettive con campionatori Wind Select di ARPA Puglia nei comuni di Brindisi e di Torchiarolo (BR). BRINDISI, 30-04-2009

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA.

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Introduzione La realizzazione di campi fotovoltaici sul suolo agrario sta

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

3 a Campagna di monitoraggio 23, 24 e 26 giugno 2008

3 a Campagna di monitoraggio 23, 24 e 26 giugno 2008 Rilevazione di PCDD/F e PCB diossina simili nei fumi di processo emessi dal camino E 312 dell impianto di agglomerazione AGL/2 dello stabilimento siderurgico ILVA S.p.A. di Taranto 3 a Campagna di monitoraggio

Dettagli

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VENEZIA DIREZIONE

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VENEZIA DIREZIONE RAPPORTO DI SINTESI SULL INCIDENTE PRESSO IL REPARTO TD5 DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE DEL TDI DI PORTO MARGHERA DELLA DITTA DOW POLIURETANI ITALIA S.R.L. AVVENUTO NELLA SERATA DEL GIORNO 28 NOVEMBRE 2002.

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 91/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 277/2012 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2012 che modifica gli allegati I e II della direttiva

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale III SESSIONE Gli studi sulle vie di contaminazione tramite la catena alimentare Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di ASL di Brescia Brescia, 22 Settembre

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato

Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato 1. Premessa... 2 2. Rimozione di rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato su strade ed aree pubbliche

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14 Data emissione: 23 settembre 2014 Committente: RUGGERI SERVICE SpA - Strada Statale 275 Maglie Leuca, Muro Leccese(LE) Sito di provenienza: Stabilimento di Muro Leccese Matrice dichiarata: Emissioni in

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di terreno per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 0 del 15/02/07 Pagina 1 di 9

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di terreno per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 0 del 15/02/07 Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 PRELIEVO, TRASPORTO E CONSEGNA DI CAMPIONI DI TERRENO PER VERIFICA D. LGS 99/92 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. RESPONSABILITA' 5. LINEA GUIDA 5.1 Definizioni 5.2

Dettagli

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Inquadramento generale LE COMPETENZE L.r. 28 aprile 1999 n.13 Disciplina delle funzioni in materia di difesa della costa, ripascimento

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Via S.Marco (cimitero comunale) Periodo di attuazione: 12 aprile 17 maggio 2013 (semestre estivo) 18 settembre 29 ottobre 2013 (semestre invernale) RELAZIONE

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

Messa a punto di un metodo GC-MS per la determinazione di 16 IPA Idrocarburi Policiclici Aromatici nei molluschi bivalvi

Messa a punto di un metodo GC-MS per la determinazione di 16 IPA Idrocarburi Policiclici Aromatici nei molluschi bivalvi 22 Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'umbria e delle Marche Webzine Sanità Pubblica Veterinaria: Numero 59, Aprile 2010 [http://www.spvet.it/] ISSN 1592-1581 Messa a punto di un metodo GC-MS per

Dettagli

4.3 Il recupero di materia

4.3 Il recupero di materia 4.3 Il recupero di materia Nel 2008 sono state gestite tramite operazioni di recupero di materia (da R2 a R13) oltre 13.000.000 t di rifiuti in Veneto nei circa 1.200 impianti ubicati sul territorio regionale.

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

PROGETTO DI VARIANTE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI MARMO FASSA POSLEN in Comune di Asiago (VI)

PROGETTO DI VARIANTE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI MARMO FASSA POSLEN in Comune di Asiago (VI) REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA PROGETTO DI VARIANTE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI MARMO FASSA POSLEN in Comune di Asiago (VI) ANALISI DEL TERRENO SUPERFICIALE DI CAVA (DGR n. 1987 del 28.10.2014)

Dettagli

CAPITOLO 9: LE FONTI DI PRESSIONE

CAPITOLO 9: LE FONTI DI PRESSIONE CAPITOLO 9: LE FONTI DI PRESSIONE PREMESSA Per rappresentare le principali fonti di pressione, ossia le diverse attività umane e naturali, che modificano lo stato di qualità dell ambiente, si utilizzano

Dettagli

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti ALLEGATO 1 Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione medi giornalieri a) Polveri

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

RELAZIONE SUI DATI AMBIENTALI DELL AREA DI TARANTO

RELAZIONE SUI DATI AMBIENTALI DELL AREA DI TARANTO RELAZIONE SUI DATI AMBIENTALI DELL AREA DI TARANTO 1 PREMESSA Nell area tarantina sono presenti numerosi e diversificati elementi di pressione antropica, legati alla presenza di attività industriali oggetto,

Dettagli

RELAZIONE DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DI VALUTAZIONE RELAZIONE DI VALUTAZIONE MONITORAGGIO AMBIENTALE DELL ARIA TERRITORIO DEL COMUNE DI CASORATE SEMPIONE 1. Scopo del monitoraggio Lo scopo del monitoraggio è quello di determinare l impatto ambientale generato

Dettagli

RISULTATI DELLE PROVE

RISULTATI DELLE PROVE Bologna (Reparto chimico degli alimenti) Via Fiorini, 5 - Bologna (BO) - Tel. 05/4200022 - Fax 05/4200055 - e-mail: chimico.bologna@izsler.it Conferimento N 203/2055 Matrice conferita: POLLO INTERO Motivazione

Dettagli

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I Servizi Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA DI SEDIMENTI FLUVIALI PER SOSPETTA PRESENZA DIIDROCARBURI PRESSO LA FOCE DEL

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

Relazione Tecnico Descrittiva Piano di caratterizzazione dei Suoli nel Comune di Acerra

Relazione Tecnico Descrittiva Piano di caratterizzazione dei Suoli nel Comune di Acerra Piano di caratterizzazione dei Suoli nel Comune di Acerra SIN Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano Maggio 2008 INDICE 1 PREMESSA... 3 1.2 Obiettivi... 4 1.3 Destinazione d uso... 4 2 INDAGINI PREGRESSE...

Dettagli

STABILIMENTO DE LONGHI (Via seitz - Treviso)

STABILIMENTO DE LONGHI (Via seitz - Treviso) STABILIMENTO DE LONGHI (Via seitz - Treviso) Evento del 18 aprile 2007 Descrizione generale stabilimento e collocazione geografica L attività svolta nello stabilimento consisteva nell assemblaggio piccoli

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. (Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al

Dettagli

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Premessa al documento LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Il seguente documento deve intendersi quale addendum al progetto presentato il 5 agosto

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Stato dell Ambiente Responsabile del Procedimento:

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A. UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA L allarme Diossina ha rappresentato in Campania uno dei più diffusi motivi di preoccupazione tra i cittadini, in gran parte a causa delle implicazioni sulla salute e sulla

Dettagli

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI UTILITA O INUTILE RISCHIO? Ferdinando de Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Presidente Ordine dei Chimici delle Marche S. Ippolito (PU) 23 aprile 2004-03-18 I terreni

Dettagli

7.7 Indagini ambientali matrice suolo

7.7 Indagini ambientali matrice suolo 7.7 Indagini ambientali matrice suolo L area del Comune di Brescia interessata dal fenomeno di inquinamento del suolo è quella riportata nella mappa che segue. Sito nazionale Brescia Caffaro : Area Industriale

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA committente Comune di Pesaro PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA ai sensi del D.Lgs. 152/06 sito Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 via Morosini, 12 Pesaro (PU) PROGETTO N : B3

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 5 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque potabili, naturali, industriali, di scarico Alluminio, Antimonio, Arsenico, Bario, Berillio, Boro, Cadmio, Calcio, Cobalto, Cromo, Ferro, Magnesio,

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Via Montello Periodo di indagine: 01 Settembre 03 Ottobre 2011 Realizzato a cura di A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing.

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B VARIAZIONE PROGRAMMA LAVORI NELL AMBITO DELLA CONCESSIONE DI COLTIVAZIONE B.C8.LF : PERFORAZIONE DI NUOVI POZZI DI COLTIVAZIONE E ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEL RECUPERO

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 756/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 756/2010 DELLA COMMISSIONE L 223/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.8.2010 REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 756/2010 DELLA COMMISSIONE del 24 agosto 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 850/2004 del Parlamento

Dettagli

Microinquinanti organici in Provincia di Venezia. Livelli in aria ambiente ed emissioni in atmosfera

Microinquinanti organici in Provincia di Venezia. Livelli in aria ambiente ed emissioni in atmosfera Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30174 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Microinquinanti organici in Provincia di Venezia

Dettagli

RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA

RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA NEL PERIODO 2003-2010 1 INDICE 1 PREMESSA 1.1 - sito di interesse nazionale Terni-Papigno 1.2 - campagna conoscitiva nel polo di incenerimento di Maratta

Dettagli

THEOLAB S.p.A. Corso Europa, 600/A Volpiano (TO)

THEOLAB S.p.A. Corso Europa, 600/A Volpiano (TO) 1 NUOVA NORMATIVA CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Febbraio Giugno 2015 Legge 11 agosto 2014 n. 116 conversione del D.L. 24 giugno 2014, n. 91 Decisione della Commissione n. 2014/955/UE del 18 dicembre 2014 (in

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO.

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO. LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO Cinzia Perrino CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO

Dettagli

Attività svolta da ARPAV nell anno 2014

Attività svolta da ARPAV nell anno 2014 Attività svolta da ARPAV nell anno 2014 L ARPAV svolge attività di verifica periodica delle attrezzature di lavoro e di impianti, ai sensi delle varie normative sottoelencate e a seguito delle convenzioni

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Via Lissa, 6 3171 Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento: Dr.ssa Luisa

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

DGRV N. 80 del 21.01.2005 NUOVI INDIRIZZI E LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI DERIVANTI DA OPERAZIONI DI ESCAVAZIONE

DGRV N. 80 del 21.01.2005 NUOVI INDIRIZZI E LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI DERIVANTI DA OPERAZIONI DI ESCAVAZIONE DGRV N. 80 del 21.01.2005 NUOVI INDIRIZZI E LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI DERIVANTI DA OPERAZIONI DI ESCAVAZIONE GUIDA ALLLA LETTURA E ALL APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLE TERRE E ROCCE DA

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

D.M. 13 marzo 2003 1 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. (G.U. 21 marzo 2003, n. 67)

D.M. 13 marzo 2003 1 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. (G.U. 21 marzo 2003, n. 67) D.M. 13 marzo 2003 1 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. (G.U. 21 marzo 2003, n. 67) Art. 1. Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica 1. Il presente decreto stabilisce i criteri

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Decreto 13 marzo 2003 (Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica)

Decreto 13 marzo 2003 (Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica) Decreto 13 marzo 2003 (Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica) Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Decreto 13 marzo 2003 (Gazzetta ufficiale 21 marzo 2003 n. 67) Criteri di

Dettagli

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 Arpa LINEA GUIDA-DIREZIONE TECNICA LG09/DT Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 PRELIEVO, TRASPORTO E CONSEGNA

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi

l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi Procedure e problemi per l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi Sommario Breve excursus dell evoluzione normativa in materia di classificazione

Dettagli

Decreto ministeriale 13/03/2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica.

Decreto ministeriale 13/03/2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. Legge Decreto ministeriale 13/03/2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. Preambolo [IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO di concerto con IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE L 320/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.12.2011 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE del 2 dicembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 per quanto riguarda i tenori

Dettagli

PROGETTO DI ADEGUAMENTO DELLA RETE DI MISURA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DEL VENETO ALLE DISPOSIZIONI DEL D. LGS. 155/2010

PROGETTO DI ADEGUAMENTO DELLA RETE DI MISURA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DEL VENETO ALLE DISPOSIZIONI DEL D. LGS. 155/2010 PROGETTO DI ADEGUAMENTO DELLA RETE DI MISURA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DEL VENETO ALLE DISPOSIZIONI DEL D. LGS. 155/2010 Dr. Ugo Pretto ARPAV Dipartimento Provinciale di Vicenza TTZ Vicenza, 14 dicembre

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Decreta: Art. 2. Impianti di discarica per rifiuti inerti 1. Fatto salvo quanto previsto dall'art. 6, sono smaltiti in discarica per rifiuti inerti:

Decreta: Art. 2. Impianti di discarica per rifiuti inerti 1. Fatto salvo quanto previsto dall'art. 6, sono smaltiti in discarica per rifiuti inerti: APPENDICE 4 Decreto 13 marzo 2003 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio. Criteri di ammissibilita' dei rifiuti in discarica. (GU n. 67 del 21-3-2003) IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA

Dettagli

Le analisi dei suoli per la realizzazione della carta pedogeochimica

Le analisi dei suoli per la realizzazione della carta pedogeochimica Le analisi dei suoli per la realizzazione della carta pedogeochimica Amorosi Alessandro, Billi Laura, Guermandi Marina, Marchi Nazaria, Sammartino Irene Bologna, 28 aprile 2010 Carta pedogeochimica della

Dettagli

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4.1. Costi totali In Veneto il costo 2 medio pro capite per il servizio di gestione dei rifiuti urbani nel 21 è pari a 127,91. Rispetto ai 124,71

Dettagli

ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria

ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria Maria Rosa ARPAV-Dip. Prov. VE ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4 Modellistica applicata

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. e con

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. e con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO e con IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la direttiva 1999/31/CE del Consiglio del 26

Dettagli