primi passi con il modello capri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "primi passi con il modello capri"

Transcript

1 primi passi con il modello capri common agricultural policy regionalised impacts analysis un tutorial teorico e pratico a cura di Silvia Coderoni e Marcello de Maria INEA 2013

2 Istituto Nazionale di Economia Agraria Osservatorio per i metodi quantitativi e i modelli ex-ante Primi passi con il modello CAPRI Common Agricultural Policy Regionalised Impacts analysis Un tutorial teorico e pratico a cura di Silvia Coderoni e Marcello de Maria inea, roma 2013

3 Il presente lavoro è stato realizzato nell ambito delle attività del progetto Scenari di Cambiamenti climatici per gli allevamenti Italiani finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con D.M del 24 Settembre Responsabile di progetto: Silvia Coderoni Il documento è a cura di Silvia Coderoni e Marcello de Maria. Revisione: Alessandro Antimiani Autori: Silvia Coderoni: introduzione e par. 1.4 Marcello de Maria: par. 3.2 e capitolo 4 Lucia Mancini: capitolo 2 Alessandro Palma: parr. 1.1, 1.2, 1.3 e 3.1 Collana: Analisi e studi di Politica Agraria Sottocollana: Osservatorio per i metodi quantitativi e i modelli ex-ante Coordinamento editoriale: Benedetto Venuto Realizzazione grafica: Ufficio grafico INEA (J. Barone, P. Cesarini, F. Lapiana, S. Mannozzi) Segreteria editoriale: Roberta Capretti INEA, 2013 ISBN

4 Indice INTRODUZIONE 5 Capitolo 1 CAPRI: UN MODELLO DI EQUILIBRIO ECONOMICO PARZIALE Struttura del modello di equilibrio economico parziale CAPRI Il modulo dell offerta (supply module) Il modulo della domanda (market module) Il Database 15 Capitolo 2 RASSEGNA DELLA LETTERATURA E PRINCIPALI APPLICAZIONI Un esempio di applicazione del modello relativamente alla multifunzionalità 31 Capitolo 3 37 LAVORARE CON CAPRI Il software del modello Descrizione dell interfaccia grafica 41 Capitolo 4 SIMULAZIONE E ANALISI DEI RISULTATI: UN ESEMPIO PRATICO 59 Caso studio A : scenario di abbattimento omogeneo delle emissioni del 10% senza ETS 62 Caso studio B : Scenario di abbattimento omogeneo delle emissioni del 10% con ETS 64 BIBLIOGRAFIA 73 APPENDICE 81 3

5

6 INTRODUZIONE L esigenza di disporre di dati a supporto delle scelte del decisore politico diventa sempre più rilevante, soprattutto quando la scarsità delle risorse economiche e naturali è elevata e di conseguenza aumenta la competizione per il loro utilizzo. Per chi è chiamato a decidere, e per chi supporta tecnicamente queste scelte, quindi, è sempre più indispensabile poter disporre di strumenti che siano in grado di fornire un analisi di tipo ex-ante, preferibilmente con dati di tipo quantitativo, sugli impatti delle diverse misure attuabili per raggiungere un obiettivo di politica economica. Questa esigenza è evidentemente avvertita anche per le decisioni che riguardano il settore agricolo, in cui si riflettono gli effetti di politiche e misure attuate a livello locale, nazionale e sovranazionale. I modelli di equilibrio economico rappresentano uno degli strumenti utilizzabili per fornire delle informazioni sui possibili impatti delle politiche, seppure con i limiti del caso. Essi si basano sull interazione di agenti che ottimizzano funzioni obiettivo (l utilità per i consumatori, i profitti per le imprese), per spiegare la determinazione congiunta delle scelte di produzione e di consumo e dei relativi prezzi di equilibrio, tenendo conto di una serie di vincoli di natura economica e tecnologica. Tali modelli possono essere di equilibrio generale o parziale, a seconda che rappresentino al loro interno tutti i settori dell economia, o solo una parte di essi. Il modello CAPRI (Common Agricultural Policy Regionalised Impact analysis), è un modello di equilibrio economico parziale, il cui ambito di applicazione è concentrato sui paesi dell Unione Europea (UE), con particolare riferimento al settore agroalimentare e alle politiche ad esso collegate. Pertanto, il suo utilizzo, è di particolare interesse quando si tratta di valutare effetti della Politica Agricola Comune (PAC) e di scenari scaturenti da una sua variazione. L elevata versatilità del modello, che consente di integrare nell analisi numerose variabili economiche, ambientali e sociali a diversi livelli di disaggregazione geografica, ha permesso di ampliare nel tempo la gamma delle possibili applicazioni. 5

7 Dallo sviluppo della prima versione operativa, l utilizzo di CAPRI è aumentato, così come il gruppo degli utenti del modello, che è diventato sempre più diversificato. Dopo i primi anni in cui quasi tutti gli utenti hanno contribuito direttamente allo sviluppo del modello e avevano familiarità con il codice GAMS (General Algebraic Modeling System) sottostante, sempre più utenti si sono avvicinati al sistema durante gli incontri organizzati annualmente, pur avendo solo una conoscenza limitata del codice GAMS di CAPRI. Pertanto è stata sviluppata una Graphical User Interface (GUI) per supportare gli utenti di CAPRI che potessero effettuare le simulazioni e valorizzare i risultati delle stesse. Di questo gruppo di utenti, sono entrati a far parte anche alcuni ricercatori dell INEA, che hanno utilizzato il modello CAPRI in via primaria all interno del progetto finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, dal titolo Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani, per l analisi dell impatto economico derivante dall abbattimento delle emissioni di gas serra nel settore agricolo italiano, a livello regionale. Lo scopo di questo tutorial è quello di fornire una guida semplice e pratica che consenta di compiere i primi passi con il modello, illustrandone le principali caratteristiche attraverso un approfondimento sulla struttura e il dataset utilizzato e fornendo una panoramica delle sue funzionalità essenziali, dall installazione dell applicazione, fino all analisi dei risultati di una simulazione. Pertanto, nel capitolo 1 si introduce brevemente il modello, descrivendone la struttura e il dataset utilizzato. Nel capitolo 2, viene fatta una rapida rassegna della letteratura per descrivere i campi di applicazione di CAPRI e viene presentata un applicazione del modello. Nel capitolo 3, sono descritti nel dettaglio tutti i passaggi necessari all installazione dell interfaccia grafica e al suo utilizzo. Infine, nel capitolo 4 vengono presentati i risultati di alcune prime simulazioni riguardanti le politiche per la mitigazione delle emissioni di gas a effetto serra. 6

8 Capitolo 1 Capitolo 1 CAPRI: UN MODELLO DI EQUILIBRIO ECONOMICO PARZIALE I principali modelli utilizzati per le valutazioni ex-ante delle politiche sono modelli di equilibrio calcolabili 1, in genere distinti tra Modelli di Equilibrio Generale (MEG) e Modelli di Equilibrio Parziale (MEP). Questi ultimi fanno sempre riferimento alla teoria di equilibrio economico generale (per una trattazione dettagliata si veda Mas-Colell et al., 1995) ma guardano ad una parte dell economia; in genere, quindi si riferiscono in modo molto dettagliato ad un solo settore economico, che nel caso di CAPRI corrisponde a quello delle attività agricole. Nei MEG, la connessione dei mercati esiste in quanto i prodotti dell economia possono essere complementi o sostituti, quindi le variazioni della domanda e dell offerta in un mercato in uno schema di equilibrio economico generale, porta alla variazione dell equilibrio nei mercati correlati. Questo non avviene invece nei MEP, che annullano gli effetti di sostituzione, assumendo esogeni i prezzi degli altri settori ed endogeni i prezzi del settore oggetto di analisi; i settori non presi in considerazione dal modello sono considerati come un unico bene in termini di moneta o numerario. Lo scopo dei MEP è, quindi, lo studio dell equilibrio in un solo mercato, piuttosto che di tutti i mercati simultaneamente senza l interazione tra essi 2, in uno schema neoclassico; si assume pertanto che il consumatore massimizzi l utilità e il produttore massimizzi il profitto (o minimizzi i costi di produzione). L analisi con MEP ha inevitabilmente una serie di svantaggi, ma anche punti di forza. Tra gli svantaggi, come già detto, c è sicuramente il fatto che l analisi si concentra in un solo settore e non tiene conto delle interazioni con tutti gli altri 1 Ovvero è possibile ottenere, tramite uno specifico software, un set di risultati numerici come risultato di variazioni di variabili introdotte nel sistema economico. 2 Tale distinzione è comunque fittizia, poiché anche nei modelli di equilibrio parziale esiste sempre una suddivisione intra settoriale, distinguendo ad esempio tra diversi sotto-mercati presenti nello stesso settore economico. Avremo quindi, all interno del mercato agricolo, una suddivisione dei diversi prodotti (vi sarà quindi una domanda e un offerta di suini, di colture e di tutti gli altri prodotti considerati dal modello) cui corrispondo sotto-mercati differenti. Tali sotto-mercati sono anch essi soggetti alla legge di equilibrio economico tra domanda e offerta. 7

9 Capri: un modello di equilibrio economico parziale settori economici (ma, nei modelli multi regionali, preserva comunque l analisi tra paesi). Questo preclude ad esempio la possibilità di analizzare impatti distributivi di politiche settoriali o su settori appartenenti al cosiddetto indotto del mercato di analisi 3. Dall altra parte, questo rappresenta anche un vantaggio. Poiché infatti il modello considera solo un settore economico, quest ultimo può essere rappresentato con un grande livello di dettaglio, sia in termini di dati disponibili sia in termini di equazioni che descrivono il mercato della domanda e dell offerta. È questo il caso di CAPRI (Common Agricultural Policy Regionalised Impact), modello che, pur essendo definito come di equilibrio parziale, rappresenta in maniera molto disaggregata, sia merceologicamente che geograficamente, il settore agroalimentare europeo. 1.1 Struttura del modello di equilibrio economico parziale CAPRI 4 Come precedentemente anticipato, CAPRI è un modello di equilibrio economico parziale per analisi ex-ante di statica comparata. Attualmente è ampiamente utilizzato dalla Commissione Europea e dal Direttorato Generale Agricoltura (DG AGRI) per la valutazione, la simulazione e la previsione dell impatto delle politiche agricole a livello economico, commerciale ed ambientale. Esso comprende diversi elementi: una dettagliata banca dati regionalizzata a NUTS II; un software di simulazione, che comprende il modello e un interfaccia grafica (GUI) nonchè, elemento non trascurabile, una rete di ricercatori (CAPRI Network), che si occupa anche dell aggiornamento e della formazione di base per gli utilizzatori. Una volta diventati utenti CAPRI, è possibile quindi interagire con il network e arricchire le proprie capacità e competenze di modellazione. CAPRI è uno strumento di simulazione e proiezione per il settore agricolo basato su schemi coerenti di valori fisico-ambientali (ettari, bestiame, raccolto, utilizzo di input, indicatori ambientali), conti economici (prezzo al produttore, al consumatore, indicatori di reddito) e dati su politiche economiche implementate all interno della scenario di riferimento; è pertanto quello che si definisce un mo- 3 Tale svantaggio può essere superato con il cosiddetto linking tra MEP e MEG. Per quanto riguarda il linking tra il modello CAPRI e il modello GTAP, si veda Jansson et al, 2009 in 4 Il presente tutorial contiene sia testo in italiano che in inglese. La scelta di utilizzare anche l inglese è legata all utilizzo pratico del tutorial, ovvero per agevolare la comprensione delle funzioni di CAPRI, è necessario mantenere anche la lingua originale del modello stesso. 8

10 Capitolo 1 dello di tipo bottom-up 5. Una interfaccia realizzata in JAVA 6 rende più semplice l utilizzo del modello, che al suo interno racchiude il codice in linguaggio GAMS. Tale espediente, introdotto anche in altri modelli di equilibrio generale calcolabile, ha consentito la diffusione su larga scala di questi strumenti rendendoli fruibili a molti addetti ai lavori con limitate conoscenze informatiche. Tramite l interfaccia grafica di riferimento (GUI) è possibile simulare diversi scenari e analizzare facilmente risultati ricorrendo a strumenti quali tavole, grafici e mappe per la presentazione degli output. Allo stato attuale CAPRI può essere utilizzato a diversi livelli di disaggregazione spaziale, dal livello globale, passando per quello regionale (NUTS II) fino a quello locale (una griglia di oltre rettangoli di area 1km x 1km), per la simulazione di politiche europee in campo agricolo, di politiche internazionali in ambito commerciale come ad esempio accordi di libero scambio e per l analisi dei relativi impatti sulla sfera economica, commerciale ed ambientale. Il primo vero terreno di applicazione pratica del modello CAPRI è stato quello del pacchetto di riforme europee noto come Agenda 2000, alla fine degli anni 90 (Britz, 2000). Nel corso degli anni, con l aumento delle funzionalità e con l estensione del database, le applicazioni del modello sono notevolmente cresciute. Il modello economico è formato da una struttura a carattere modulare, in cui due blocchi distinti, di domanda e offerta, interagiscono e convergono ad un livello di disaggregazione spaziale che arriva fino a NUTS II. Il primo blocco è costituito dal modulo dell offerta (SM-supply module), composto dai 27 SM dell UE oltre che dai Balcani, dalla Norvegia e dalla Turchia, ed è disaggregabile in oltre 280 regioni a livello NUTS-II oltre che in 13 tipologie di aziende agricole. Il secondo blocco, invece, contiene il modulo di mercato (MM-Market Module) che consente di simulare le dinamiche del commercio internazionale tra 69 paesi divisi in 40 blocchi commerciali, per un totale di circa 50 prodotti agricoli. 5 Per la distinzione tra modello top-down e bottom-up nel settore energetico si veda, ad es., Wing, Java è il nome di un linguaggio di programmazione ad oggetti comunemente utilizzato per realizzare applicazioni informatiche. 9

11 Capri: un modello di equilibrio economico parziale Figura 1 - La struttura generale del modello CAPRI Adattato da Britz W., Il modulo dell offerta (supply module) Il modulo offerta è un insieme di modelli di programmazione non lineare, indipendenti, che sommati rappresentano le attività di tutte le aziende (a livello regionale o farm-type) e che risponde al problema di massimizzazione del profitto dato un vettore di prezzi e di vincoli delle politiche. Esso copre circa 50 sotto-settori agricoli, come descritto in appendice 1, per: regioni NUTS II se l analisi è svolta per UE-27, Balcani dell Est e Turchia; - circa 1840 aziende-tipo se invece si analizza solo l UE a 25 paesi (il resto delle aree è rappresentato a livello NUTS II). Il capitale e il lavoro non sono esplicitamente rappresentati, ma incorporati già nelle funzioni di costo. Per evitare problemi di aggregazione in programmazione 10

12 Capitolo 1 lineare, si utilizza un approccio ibrido, combinando funzioni di produzione Leontief 7 a costi variabili (a seconda della resa del raccolto su 13 diverse attività) con funzioni di costo non lineari (quadratiche) che includono effetti del lavoro e capitale sulle decisioni di produzione. La calibrazione delle funzioni quadratiche di costo è basata sull individuazione di un vettore di coefficienti tecnici, livello di produzione, prezzi, sussidi e parametri di elasticità. Queste ultime sono stimate empiricamente da serie storiche per ogni paese (Jansson, 2007) o inserite esogenamente (per approfondimenti, si veda Heckelei, 2002). Vincoli espliciti garantiscono che i requisiti di raccolto e di nutrienti animali siano rispettati anche tenendo conto degli strumenti di politica utilizzati. La maggior parte delle attività si caratterizza per un livello di intensità massima e minima che varia endogenamente in base agli input e all elasticità al prezzo associata a questi ultimi. Il livello di output totale è ottenuto quindi endogenamente su più livelli di aggregazione spaziale: i risultati a livelli di Stato Membro rappresentano una media pesata dei valori delle regioni NUTS II, in modo che i raccolti oltre il livello regionale possano cambiare anche senza simulare variazioni sui raccolti a livello NUTS II. Un altra importante variabile endogena è rappresentata dal vettore dei prezzi. Nonostante nella prima fase di risoluzione dei singoli moduli di offerta regionali, i prezzi siano assunti come dati (cioè le aziende tipo sono price-takers), nella successiva fase di simulazione generale il modulo di commercio internazionale simula prezzi di equilibrio garantendo l endogeneità dei prezzi e la convergenza tra domanda e offerta. La curva di offerta di terra risponde ai cambiamenti nei ritorni marginali ad essa associati per i relativi settori agricoli di riferimento e può variare in ogni azienda-tipo nonché da regione a regione. Inoltre dal 2009 è stata resa flessibile l allocazione tra dotazione di terra al pascolo e terra arabile, tramite l inserimento di un ulteriore elasticità di sostituzione. L approccio seguito per poter eseguire analisi su un numero così altro di aziende-tipo è di tipo modulare: ad ogni aziendatipo corrisponde un set che comprende lo stesso numero e tipologia di variabili ed equazioni. Le differenze vengono espresse solo in termini di parametri (elasticità di sostituzione e shifts di progresso tecnologico), il che garantisce un elevato livello di uniformità nell offerta aggregata (offerta additiva) e risultati omogenei del modello. 7 Come noto, nelle funzioni di tipo Leontief, l elasticità di sostituzione è pari a zero. Nel caso di CAPRI tali funzioni sono utilizzate per tutti i beni intermedi e in tutte le regioni. Pertanto non si ammette sostituzione reciproca. 11

13 Capri: un modello di equilibrio economico parziale 1.3 Il modulo della domanda (market module) Il modulo di domanda di CAPRI è anch esso basato sull analisi di statica comparata 8 ; copre circa 50 prodotti agricoli (Appendice) e 40 blocchi commerciali (Tab. 1). Tabella 1 - I ventotto blocchi commerciali presenti in CAPRI EUROPE 1 European Union 15, broken down into Member States (Luxembourg aggregated with Belgium) MEDITERRANEAN COUNTRIES 24 Turkey 2 Europen Union 10, broken down into Member States 25 Morocco 3 Norway 26 Other mediterranean countries 4 Bulgaria & Romania AFRICA 5 Western Balkan Countries 27 Nigeria 6 Switzerland 28 Ethiopia 7 Ukraine 29 South Africa 8 Rest of Europe 30 Africcan LDCs EUROASIA 31 Africa Rest (pratically ACP) 9 Russia NORTH AMERICA 10 Former Soviet Union nes 32 United States of America ASIA AND OCEANIA 33 Canada 11 India MIDDLE AND SOUTH AMERICA 12 Pakistan 34 Mexico 13 Bangladesh 35 Argentina 14 China 36 Brazil 15 Japan 37 Uruguay and Paraguay 16 Malaysia and Indonesia 38 Middle and South America ACP 17 Taiwan 39 Other South America countries 18 Asian Tigers 40 Rest of South and Middle America 19 Asian South East (Vietnam, Thailand, Brunei) 20 Asian and Ociania LDC (Afghanistan, Bhutan, Cambodia, Laos, Maldives, Myanmar, Nepal, Timor Este, Kiribati, Solomones, Samoa, Tuvalu, Vanuatu) 21 Middle East 22 Australia and New Zealand 23 Rest of Asia and Oceania 8 Ovvero si confrontano soluzioni di equilibrio riferite a due scenari simulati che differiscono fra loro per il livello delle variabili esogene, modificate ad hoc dall operatore del modello per simulare un determinato scenario. 12

14 Capitolo 1 Il suo sistema di equazioni garantisce l equilibrio competitivo tra domanda finale e offerta aggregata in ogni sotto-mercato anche a livello internazionale grazie ad un meccanismo iterativo di trasmissione dei prezzi. Il modulo di mercato comprende anche un sotto-modulo per gli allevamenti di animali più giovani, creato per differenziare i livelli di emissioni, di necessità di nutrimento etc. L insieme di equazioni comprende tre tipologie: funzioni comportamentali (che definiscono le quantità, ad esempio le funzioni di prezzo di domanda e offerta), funzioni di collegamento del prezzo (che definiscono i prezzi d importazione) e le identità tra domanda e offerta. In particolare, la domanda finale è modellata tramite un sistema GLE (Generalised Leontief function, Diewert, 1971) in cui il consumo è reso indipendente dal reddito e dal prezzo. Figura 2 - La convergenza del modello Equilibrio mercato mondiale Risolutore Prezzi Mercato mondiale Prezzi Regionali(Pr) Prezzi Regionali Pr Offerta Sr=f(Pr) Domanda Dr=f(Pr) Offerta Sr=f(Pr) Domanda Dr=f(Pr) Scambi ne; NTr= (Sr. Dr) Scambi ne; NTr= (Sr - Dr) Fonte: adattato da Jansson e Kempen, Per quanto riguarda l analisi dell Unione Europea, si arriva ad una disaggregazione per Stato Membro che consente anche un analisi sul benessere a livello nazionale 9. Il modulo di commercio internazionale tiene conto dei sussidi alle esportazioni, delle tariffe alle importazioni e della minimizzazione dei costi 9 I singoli paesi inclusi per l analisi commerciale a livello nazionale sono attualmente

15 Capri: un modello di equilibrio economico parziale di trasporto 10 e utilizza flussi commerciali bilaterali e l assunzione di Armington (1969), consentendo a CAPRI di differenziare le preferenze per alcune regioni di alcuni prodotti osservabili nel commercio reale 11. Tale caratteristica è governata da una funzione di tipo CES (ad elasticità costante). Lo stesso approccio è seguito nel modulo offerta, in cui una funzione ad elasticità di trasformazione costante (CET) che decide la vendita di beni sul mercato domestico, Europeo o extra-europeo. Il funzionamento è illustrato nella figura 2. Tale approccio risulta teoricamente consistente e di facile interpretazione in termini di variazione di benessere associate. Il meccanismo iterativo per la convergenza dei prezzi tra i moduli di offerta e domanda è illustrato nella figura 3. In particolare, in CAPRI la convergenza al prezzo di equilibrio avviene sempre se l elasticità della domanda è superiore all elasticità dell offerta, altrimenti il modello dovrà portarsi alla convergenza tramite iterazioni con diversi valori di elasticità. Figura 3 - Il modulo di offerta e di domanda dentro CAPRI Offerta Modelli di o-mizzazione regionali Sub- modelli pluriennali Quan8tà Prezzi Merca8 Modello spaziale di mercato mul8- commodity Commercio di animali giovani Modello per i pagamen8 dire- Fonte: adattato da Jansson e Kempen, Pertanto il prezzo d importazione è pari al prezzo estero meno i sussidi più le tariffe e i costi di trasporto. 11 Quest ultima consente flussi di commercio di beni omogenei anche tra paesi diversi e simultaneamente, tramite un elasticità di sostituzione tra merci estere e nazionali.. 14

16 Capitolo Il Database Il dataset di CAPRI è uno dei punti di forza del modello. In generale un modello ed i dati che esso utilizza sono pressoché inseparabili e la qualità dei risultati proposti dipende largamente dalla qualità del dataset utilizzato e dalla tipologia dei dati contenuti. L idea del progetto CAPRI è quindi quella di creare, dove possibile, legami tra dati statistici ben definiti e sviluppare algoritmi che possano essere applicati tra regioni e periodi, in modo che, i diversi elementi del dataset costituiti da fonti di dati armonizzate, ufficiali e disponibili a tutti, si possano aggiornare automaticamente. Il modello copre tutti i 27 Paesi Membri (UE-25 più Bulgaria e Romania), Norvegia, Turchia e Balcani occidentali, ed è suddiviso in circa 280 regioni amministrative (NUTS II) 12. Il modello del commercio internazionale è costruito secondo i dati della FAO, e copre circa 50 paesi o aggregati di paesi (equilibri di mercato, flussi commerciali, stima dei costi di trasporto dai valori bi-laterali unitari di importazioni e esportazioni). 13 Per l analisi ambientale sono particolarmente importanti i fattori locali come uso del suolo, la pendenza e il clima, tenuti in considerazione dal modello. Il downscaling spaziale in CAPRI distribuisce in modo consistente i risultati più importanti a livello regionale per l EU27 su circa gruppi di celle di 1x1km. Ciò permette collegamenti con modelli biofisici e consente, ad esempio, analisi specifiche sulle caratteristiche del paesaggio. Le unità spaziali sono le cosiddette unità omogenee di mappatura del terreno (Homogenous Soil Mapping Units), uniformi per parametri del suolo, classe di pendenza, classe di copertura del terreno e unità amministrativa. Possono comprendere sia una singola cella della griglia di dimensione 1x1 km, che diverse decine di migliaia di esse, a seconda della varianza spaziale delle caratteristiche di delineazione Database nazionale Il database nazionale, cosiddetto CoCo, acronimo di completo e coerente (Complete and Consistent) è ottenuto attraverso un pacchetto software, che ricostruisce le serie storiche a livello nazionale dal 1985 al 2005 di circa 50 attività 12 Nell ultima versione si stanno inserendo anche i dati per la Svizzera. 13 Le tariffe si basano su AMAD (Agricultural Market Access Database) amad.shtm. 15

17 Capri: un modello di equilibrio economico parziale e prodotti, ripartite sulla base di conti economici dell agricoltura (EAA-Economic Accounts of Agriculture). La fonte dei dati principali per il database nazionale (CoCo) è rappresentata dalle statistiche di EUROSTAT (aree coltivate, conti economici, coefficienti di produzione, prezzi, saldi di mercato). E implementato nel modello in linguaggio GAMS e utilizza tecniche di stima vincolata per eliminare eventual errori nei dati e inserire le informazioni mancanti. All interno del CoCo ci sono tre pacchetti di dati: - bilanci chiusi per area, per cui la produzione agricola deve essere uguale al rendimento per area, per tutte le colture contemporaneamente; - bilanci per capi bestiame: mandrie di animali, macellazioni, importazioni e esportazioni, equilibri di mercato per la carne, saldi per gli animali giovani, grassi e proteine, saldi per i prodotti lattiero caseari, anche in questo caso, contemporaneamente per i gruppi di animali e prodotti animali (bovini, suini, pollame, ovini e caprini, prodotti caseari ) - bilanci di mercato, per i gruppi di colture (cereali, semi oleosi, ecc). CAPRI contiene circa 50 prodotti agricoli (cfr. Appendice 1) e copre quindi tutti i prodotti così come definiti dai conti economici per l agricoltura (EAA). In particolare, contiene anche un numero limitato di prodotti trasformati (latticini, oli e dolci, bio-etanolo, bio-diesel e relativi sottoprodotti). La tabella riporta i dati presenti a livello nazionale. Tabella 2 - Tipologia di dati e fonti principali Data items Activity levels Production Farm and market balance positions Sectoral revenues and costs Producer prices Consumer prices Output coefficients Fonte: Fonte: Britz e Witzke, Source Land use statistics, herd size statistics, slaughtering statistics, statistics on import and export of live animals Farm and market balance statistics, crop production statistics, slaughtering statistics, statistics on import and export of live animals Farm and market balance statistics Economic Accounts for Agriculture (EAA) Derived from production and EAA Derived from macroeconomic expenditure data and International Labour Office data on food prices Derived from production and activity levels, engineering knowledge Per gli strumenti della politica comunitaria, non esiste un database cen- 16

18 Capitolo 1 trale, pertanto, la maggior parte dei dati è stata modificata manualmente sulla base della legislazione comunitaria 14 ; sono presenti i dati relativi agli strumenti di politica agricola a livello aziendale (quote/set-aside/premi) Il Database regionalizzato (CAP-REG) CAPREG è il nome per il pacchetto software che distribuisce, in modo consistente, i risultati regionali a livello NUTS II (superfici coltivate, dimensioni mandria, tassi di applicazione di fertilizzanti) per una griglia di celle con risoluzione 1x1 km per consentire la valutazione dell impatto ambientale e il collegamento con i modelli bio-fisici. In CAPRI non ci sono prezzi regionali, ma i prezzi per tutti gli input e gli output sono identici per tutte le regioni (NUTS II) all interno di uno Stato membro poiché sono ricavati dai conti economici dell agricoltura. L unica eccezione sono i prezzi del foraggio che riflettono i costi di produzione. Il software introduce l allocazione degli input e la dimensione regionale, prendendo i dati a livello nazionale (risultati di CoCo) (figura 4). Le principali fonti di dati sono la banca dati REGIO di EUROSTAT (cfr. tabella) e i dati sulla PAC della DG AGRI. Tabella 3 - Dati ufficiali presenti nella tabella REGIO di Eurostat Land use dal 1974 annuale Crop production (harvested areas, production and yields) dal 1975 annuale Animal production (livestock numbers) dal 1977 annuale Cows s milk collection (deliveries to dairies, % fat content) dal 1977 annuale Agricultural accounts on regional level dal 1980 annuale Structure of agricultural holdings 1983, 1985, 1987, 1989/91, 1993 Labour force of agricultural holdings dal 1983 annuale Fonte: Britz e Witzke, La figura 4 schematizza le fonti di dati presenti in CAPREG e il loro utilizzo. 14 Sono inoltre presenti le politiche del WTO e gli accordi di libero scambio. 17

19 Capri: un modello di equilibrio economico parziale Figura 4 - Dati regionali CAPREG Regioni Risulta7 CoCo Da7 di Policy Esportazione dei nutrien7 per coltura Da7 ingegneris7ci s7me FADN Assicurarsi che le superfici regionali e le mandrie corrispondano a quelli nazionali Distribuire terreni inu7lizza7, set- aside volontario, terre a maggese e produzioni non alimentari a set- aside. Distribuire input tra le aevità a livello nazionale Garan7re che le rese regionali corrispondano a quelle nazionali Modificare gli input dipenden7 dalle rese in base alle rese regionali Funzioni di produzione deiezioni Allocazione dei fer7lizzan7 di sintesi e organici tra regioni e colture. Funzioni di fabbisogno Contenuto nutrien7 Allocazione dei mangimi tra regioni e animali L impresa (farm type database) Le attività produttive sono il fulcro del modello. Nella versione attuale, da un possibile set di 39 (13x3 15 ) tipologie aziendali, sono selezionate le 9 più importanti a livello NUTS II, più una classe residuale (massimo 10 in totale). La selezione delle aziende si basa su due criteri: unità di bestiame (Livestock Units-LU) e superficie agricola utilizzata (Utilised Agricultural Area-UAA). In totale, nell UE-25 sono individuate circa tipologie aziendali, mentre per Bulgaria e Romania non sono individuate tipologie aziendali a causa della mancanza di dati. 15 Sono presenti tre classi di dimensione economica: <16 ESU (European Size Unit); compresa tra 16 e 100 ESU e >

20 Capitolo 1 Tabella 4 - Tipologie aziendali presenti nel modello n. di aziende Modelli Offerta SAU N. di aziende (Milioni) Unità di bestiame Tipologie aziendali Aziende specializzate nella coltivazione ,2 1 2,1 di cereali e di piante oleaginose e proteaginose Aziende specializzate in altre ,8 3,7 colture Aziende bovine specializzate orientamento ,9 0,5 19,4 latte Aziende bovine latte, allevamento e ,7 0,4 12 ingrasso combinati Aziende con ovini, caprini ed ,5 0,5 6,9 altri erbivori Aziende specializzate in granivori 118 2,7 0,2 10,2 Aziende con poliallevamento 85 5,1 0,5 5,1 Aziende miste (colture-allevamento) ,8 0,9 13 Aziende specializzate in viticoltura 22 1,4 0,2 0,1 Aziende specializzate in frutticoltura 13 0,6 0,2 0,1 e agrumicoltura Aziende specializzate in olivicoltura 25 3,6 0,8 0,2 Aziende con diverse combinazioni 16 0,5 0,2 0,1 di colture permanenti Aziende specializzate in ortofloricoltura 5 0,1 Classe di dimensione economica = ,6 0,6 11,9 >16 e <=100 ESU ,8 0,1 36,2 > ,6 0,2 24,8 Residui ,5 3,1 16,6 Totale ,4 10,2 89,4 Fonte: Capri training session, Il database delle tipologie aziendali contiene dati sia dalla FSS-Farm Structure Survey, che dalla FADN-Farm Accountancy Data Network. La FSS contiene soprattutto dati sulle attività produttive; si effettua ogni 3 anni e viene utilizzata per selezionare le tipologie aziendali. I dati principali usati 19

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Silvia Coderoni Istituto Nazionale di Economia Agraria Conferenza Finale Progetto LIFE- GAS OFF-Integrated strategies for ghg mitigation in

Dettagli

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_20112011 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Introduzione Si deve all economista Wassily Leontief

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO ALLEGATO C A CURA DELL AMMINISTRAZIONE Data e numero di Protocollo: Numero progressivo di arrivo: 1. Dati identificativi Proposta REGIONE CAMPANIA INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9,

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

Presentazione situazione dell allevamento italiano

Presentazione situazione dell allevamento italiano Incontro tecnico Gruppo UNIPEG Tavola Rotonda Dalle produzioni eccellenti del territorio alla Riforma PAC Presentazione situazione dell allevamento italiano Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio

Dettagli

La NAMEA per la regione Lazio Anno 2000

La NAMEA per la regione Lazio Anno 2000 La NAMEA per la regione Lazio Anno 2000 Note metodologiche 1. Principali caratteristiche dei dati prodotti I dati resi disponibili costituiscono i primi conti NAMEA delle emissioni atmosferiche diffusi

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Berna, 2002 Informazioni: Realizzazione: Diffusione: Esther Nagy, BFS Tel. ++41 32 713 66 72 / E-Mail: esther.nagy@bfs.admin.ch Jean Wiser,

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Possibili usi della Namea regionale nell ambito della Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

Possibili usi della Namea regionale nell ambito della Valutazione Ambientale Strategica (VAS) nell ambito della Valutazione Ambientale Strategica (VAS) Convegno DIRETTIVA VAS Monitoraggio degli effetti in fase di attuazione dei piani a scala locale Istat, Conti economici nazionali integrati con

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Valutazione dell impatto economico dell evento Gran Premio di Formula 1 a Roma

Valutazione dell impatto economico dell evento Gran Premio di Formula 1 a Roma ISAE Istituto di Studi e Analisi Economica Piazza dell Indipendenza, 4 00185 - Roma Valutazione dell impatto economico dell evento Gran Premio di Formula 1 a Roma Gruppo di studio Economia Territoriale

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL 2013-2014

2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL 2013-2014 2. La performance delle imprese e la relazione tra manifattura e servizi nella congiuntura del 213-214 23 2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 1 REBIS LA SICUREZZA REBIS si pone al fianco delle Aziende, con due obiettivi fondamentali: Incrementare la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro per la prevenzione

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

A cura dell interessato

A cura dell interessato A cura dell interessato DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO...l... sottoscritto/a... nato/a il a... (...) Stato... (Comune) Prov. Codice Fiscale fa domanda di partecipazione all intervento indicato Al

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano 1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4 Stefano Caserini Politecnico di Milano 1 Cambiamenti climatici e sovranità alimentare Prof. Stefano Caserini,

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

Principali Innovazioni della revisione delle serie degli investimenti fissi per branca proprietaria, dello stock di capitale e degli ammortamenti.

Principali Innovazioni della revisione delle serie degli investimenti fissi per branca proprietaria, dello stock di capitale e degli ammortamenti. Principali Innovazioni della revisione delle serie degli investimenti fissi per branca proprietaria, dello stock di capitale e degli ammortamenti. Introduzione Nell ambito della revisione generale delle

Dettagli

La digestione anaerobica: non solo elettroni rinnovabili contro il cambiamento climatico, ma molto di più

La digestione anaerobica: non solo elettroni rinnovabili contro il cambiamento climatico, ma molto di più La digestione anaerobica: non solo elettroni rinnovabili contro il cambiamento climatico, ma molto di più Negli ultimi anni il settore del Biogas italiano è cresciuto significativamente ed oggi l Italia

Dettagli

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale III anno Politiche tecnologiche dirette: Biocombustibili (M.Giugliano, S.Caserini, C.Scacchi) Politiche tecnologiche

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

Quanto vale la cooperazione agricola italiana?

Quanto vale la cooperazione agricola italiana? Eddi Fontanari *, Carlo Borzaga ** Quanto vale la cooperazione agricola italiana? * Euricse, University of Missouri - visiting scholar. **Università degli Studi di Trento, Euricse. Negli ultimi anni l

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005 3 aprile 2009 I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro di informazione

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO PON La scuola per lo sviluppo n.1999 IT 05 1 P0 013. Regione Campania Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione))

Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione)) Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione)) Chi è l RSPP in azienda, quando è obbligatorio, che titoli di studio deve avere, quali corsi e quali aggiornamenti

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano Grandi eventi e legacy: Rischi e opportunità per la competizione urbana nel mercato mondiale prima e dopo la crisi globale Politecnico di Milano, 18-20 novembre 2010 La sostenibilità economica dei grandi

Dettagli

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI TAV. A.1.1 - VALORE DELLE ED PER - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - SARDEGNA 2002 2003 2004 2005 2006 2007 (a) AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 117.278 120.905 123.364 112.785

Dettagli

Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check

Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check Workshop promosso dal Gruppo 2013 Il futuro della PAC dopo l Health Check Roma, Palazzo Rospigliosi, 26 novembre 2008 Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check Gabriele Canali Università

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Questo volume è frutto di alcuni ricercatori INEA del Servizio 1- Rilevazioni contabili e analisi

Dettagli

Determinanti dell eterogeneità nei comportamenti delle imprese nella fase di recupero dei livelli delle esportazioni pre-crisi

Determinanti dell eterogeneità nei comportamenti delle imprese nella fase di recupero dei livelli delle esportazioni pre-crisi Determinanti dell eterogeneità nei comportamenti delle imprese nella fase di recupero dei livelli delle esportazioni pre-crisi Filippo Oropallo L analisi dei dati di impresa per la conoscenza del sistema

Dettagli

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Il Regime di Pagamento Unico Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Riforma Fischler (2003) Motivazioni della riforma Allargamento dell UE del 2004 (15 25 Stati Membri): Nuovi SM: rapporto abitanti/agricoltori;

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food. Roberto Jodice

Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food. Roberto Jodice COLDIRETTI RIMINI 9 Novembre 2007 Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food Roberto Jodice C.E.T.A. Centro di Ecologia Teorica ed Applicata Gorizia LA PRODUZIONE

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

La sostenibilità nella filiera latte. Marco Trevisan Istituto di Chimica Agraria e Ambientale Università Cattolica, sede di Piacenza

La sostenibilità nella filiera latte. Marco Trevisan Istituto di Chimica Agraria e Ambientale Università Cattolica, sede di Piacenza La sostenibilità nella filiera latte Marco Trevisan Istituto di Chimica Agraria e Ambientale Università Cattolica, sede di Piacenza Piacenza, 11 febbraio 2014 Il concetto di sostenibilità Sviluppo sostenibile

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

I numeri del commercio internazionale

I numeri del commercio internazionale Università di Teramo Aprile, 2008 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it I numeri del commercio internazionale Big traders Netherlands 4% United Kingdom 4% France 5% China 6% Italy 4% Japan 7% Korea,

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini

Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini Teresa Gambuti Direzione Centrale delle Statistiche Economiche Congiunturali Indicatori di produzione dell industria Una lettura integrata delle

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA PAC?

QUALE FUTURO PER LA PAC? QUALE FUTURO PER LA PAC? Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano Società Agraria di Lombardia, 20 aprile 2011 L ennesima

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Oggetto: Mozione sulla promozione delle mense pubbliche a ridotto impatto ambientale ed elevato standard salutistico

Oggetto: Mozione sulla promozione delle mense pubbliche a ridotto impatto ambientale ed elevato standard salutistico Al Presidente del Consiglio Maurilio Ildefonso Longhin Al Sindaco Pietro Luigi Ponti Al Segretario Laura Mancini Oggetto: Mozione sulla promozione delle mense pubbliche a ridotto impatto ambientale ed

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale L INEA e RURALAND una finestra sul mondo rurale RURALAND costituisce una esempio di comunicazione ed educazione istituzionale che sviluppa i temi dello sviluppo rurale, lo sviluppo sostenibile della biodiversità

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO Regione del Veneto DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO POR FSE 2007/2013 - AZIONI INNOVATIVE PER GIOVANI ANNO 2010 DGR 2030 del 03/08/2010 - AZIONE B ASSE OCCUPABILITA Corsi finanziati per giovani disoccupati

Dettagli

Corso di formazione. La nuova Classificazione delle Attività Economiche ATECO 2007

Corso di formazione. La nuova Classificazione delle Attività Economiche ATECO 2007 Il programma del corso Corso di formazione La nuova Classificazione delle Attività Economiche ATECO 2007 Prima Parte: - - Le classificazioni economiche - Operation 2007 -La NACE Rev.2 - L ATECO 2007 Seconda

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL'INTERVENTO (da utilizzare per gli interventi rivolti alle PERSONE)

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL'INTERVENTO (da utilizzare per gli interventi rivolti alle PERSONE) Università degli Studi di Brescia A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL'INTERVENTO (da utilizzare per gli interventi rivolti alle PERSONE) Denominazione dell'ente UNIVERSITA' DEGLI STUDI

Dettagli

LA CONTABILITÀ MACROECONOMICA A PREZZI CORRENTI E A PREZZI COSTANTI DELLE SOCIETA DEL MANIFATTURIERO CREMONESE. PIERO GANUGI MASSIMO LEONARDI

LA CONTABILITÀ MACROECONOMICA A PREZZI CORRENTI E A PREZZI COSTANTI DELLE SOCIETA DEL MANIFATTURIERO CREMONESE. PIERO GANUGI MASSIMO LEONARDI LA CONTABILITÀ MACROECONOMICA A PREZZI CORRENTI E A PREZZI COSTANTI DELLE SOCIETA DEL MANIFATTURIERO CREMONESE. PIERO GANUGI MASSIMO LEONARDI Gennaio 2004 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 1. Il valore

Dettagli

Proposta di modifiche al PSR conseguenti all Health Check e all European Recovery Plan

Proposta di modifiche al PSR conseguenti all Health Check e all European Recovery Plan Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Proposta di modifiche al PSR conseguenti all Health Check e all European Recovery Plan Informativa dell Autorità Ambientale regionale alle autorità con competenze

Dettagli