ANNUAL REPORT 2006 GRUPPO GABETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNUAL REPORT 2006 GRUPPO GABETTI"

Transcript

1 ANNUAL REPORT 2006 GRUPPO GABETTI 1

2 DATI SOCIETARI Sede legale in Milano Gabetti Property Solutions S.p.A. Via Ugo Bassi, 4/b Telefono Telefax Dati legali Capitale sociale Euro interamente versato C.F. e Registro delle Imprese di Milano n R.E.A. Milano n P.I. n Iscrizione U.I.C. n Investor Relator Direzione Affari Istituzionali e Comunicazione Dr. Maurizio Monteverdi Telefono 02/

3 A tutti quelli del nostro "mondo": la sensazione costante "che bello il nostro lavoro e che brevi questi quarant'anni". L'ho amato questo nostro lavoro. Mi affascina ancora. Jerome K. Jerome ha detto del lavoro: "Posso stare seduto a guardarlo. Adoro tenermelo vicino, la sola idea di liberarmene mi spezza il cuore". E affermo io, la possibilità di trovare se stessi, la propria realtà. Di sentire e trovare in te ciò che nessun altro potrà mai conoscere. Giovanni Gabetti 3

4 Indice Organi sociali Pagina 5 Mission 7 I servizi 8 La storia 10 Relazione sulla gestione Lettera agli azionisti 12 Il mercato immobiliare 14 Principali eventi del Fattori critici di successo 20 Linee guida strategiche 21 Informazioni per gli azionisti 22 Composizione del capitale sociale 23 Andamento del titolo Gabetti 24 Azioni proprie 25 Calendario Corporate 26 Ricerca e sviluppo 27 Struttura del Gruppo 28 Conto economico consolidato di sintesi 31 Dati sintetici della struttura patrimoniale e finanziaria consolidata 33 Risultati consolidati e andamento delle aree di business 34 Indicatori finanziari 40 Le persone 41 Fatti di rilievo dopo la chiusura dell esercizio ed evoluzione prevedibile della gestione 43 Bilancio Consolidato Stato Patrimoniale 45 Conto Economico 47 Corporate Governance 48 Note al Bilancio Consolidato 87 Prospetti supplementari ed allegati 118 Relazione del Collegio Sindacale 127 Relazione della Società di Revisione 128 Documento di aggiornamento al documento informativo relativo alla fusione per Incorporazione di La Gaiana società per azioni in Gabetti Property Solutions SpA 130 Relazione della Società di Revisione 143 Bilancio della Capogruppo Relazione sulla gestione 149 Stato Patrimoniale 170 Conto Economico 172 Note al Bilancio della Capogruppo 178 Prospetti supplementari ed allegati 195 Relazione del Collegio Sindacale 208 Relazione della Società di Revisione 214 4

5 ORGANI SOCIALI AL 31 DICEMBRE 2006 Presidente Onorario Giovanni Gabetti Consiglio di Amministrazione Presidente e Amministratore Elio Gabetti Delegato - Chairman Vice Presidente Deputy Chairman Ugo Giordano Amministratore Delegato Chief Maurizio Monteverdi Executive Officer Direttore Generale Chief Operating Maurizio Benassi Officer Consiglieri Maurizio Dallocchio Amministratore Indipendente Claudio De Albertis Amministratore Indipendente Hugh Malim Riccardo Lagorio Serra Amministratore Indipendente Colin Vincent Virgilio Tesan Collegio Sindacale Presidente Sindaci effettivi Sindaci Supplenti Alberto Donnet Salvatore Canonici Giuseppe Deiure Luca Guatelli Massimo Meroni Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. (Scadenza del mandato: approvazione bilancio al 31/12/2006) Comitato per il Controllo interno Hugh Malim Claudio De Albertis Riccardo Lagorio Serra Ugo Giordano Presidente 5

6 Cariche sociali e Deleghe conferite Al Presidente, all Amministratore Delegato e al Direttore Generale spettano, ai sensi dell art. 18 dello Statuto sociale, la firma sociale e la rappresentanza legale della società di fronte ai terzi ed in giudizio anche separatamente l uno dall altro, nei limiti della delega loro conferita. Il Consiglio di Amministrazione ha conferito, con firma libera, al Presidente Elio Gabetti ed all amministratore delegato Maurizio Monteverdi, tutti i più ampi poteri per l ordinaria amministrazione della Società, fatta eccezione unicamente per quelli non delegabili a norma di legge e dell art. 19 dello Statuto sociale. I membri del Consiglio di amministrazione resteranno in carica sino alla data di approvazione del Bilancio al 31 Dicembre

7 MISSION "Posizionarsi come il primo full service provider italiano nel settore immobiliare per innovazione, capillarità, capacità, credibilità, affidabilità e trasparenza" 7

8 I SERVIZI Il Gruppo, tramite le proprie società controllate, offre alla clientela un ampia gamma di servizi nei diversi settori del mercato immobiliare: INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE Clientela retail Gabetti Agency S.p.A., attraverso la propria rete diretta ed in franchising, con circa 787 punti vendita operativi al 31 Dicembre 2006, è presente sull intero territorio nazionale svolgendo attività di intermediazione immobiliare. Gabetti Agency S.p.A. è inoltre attiva nel mercato degli immobili esclusivi attraverso il marchio SantAndrea, per clienti che necessitano di un servizio altamente personalizzato nel segmento top del mercato. Clientela corporate Il mercato degli immobili per le imprese presenta ancora grandi possibilità di sviluppo. Al fine di soddisfare le esigenze dei potenziali clienti di questo mercato, Gabetti Agency S.p.A. si è strutturata nel tempo con una rete di unità operative specializzate, che forniscono alla propria clientela i classici servizi di intermediazione, con riferimento alla compravendita e alla locazione, oltre a una gamma di servizi che vanno nella direzione di soddisfare le diverse necessità immobiliari degli operatori. Il Gruppo è in grado di operare nelle aree di mercato a maggiore potenzialità e interesse a livello nazionale, mentre eventuali esigenze a livello internazionale possono essere gestite attraverso ONCOR INTERNATIONAL, un network presente in oltre 50 paesi del mondo. Gabetti Agency S.p.A. opera inoltre nell ambito dei Frazionamenti e dei Cantieri rivolgendo la propria attenzione a proprietari e costruttori interessati all alienazione di interi stabili, ed è in grado di fornire un servizio completo attraverso strutture specializzate. PRODOTTI FINANZIARI Gabetti Finance S.r.l. è specializzata nell attività di mediazione creditizia per clienti interessati a contrarre mutui ipotecari per l acquisto di immobili ad uso abitativo, nonché finanziamenti e leasing destinati all acquisto di immobili ad uso diverso. Ai principali partner finanziari con cui sono stipulate apposite convenzioni, Barclays Bank Plc (con il marchio Banca Woolwich) ed il Gruppo Monte dei Paschi di Siena, secondo le strategie previste nel piano industriale, Gabetti Finance S.r.l. ha affiancato ulteriori accordi nell ottica di fornire alla clientela un servizio multibrand. All attività di segnalazione di mutui e leasing, si affianca quella relativa a prodotti assicurativi e finanziari pronti a soddisfare le esigenze finanziarie della clientela. 8

9 ASSET MANAGEMENT E CONSULENZA IMMOBILIARE Gabetti Property Solutions S.p.A, con il proprio settore Asset Management è specializzata nella gestione dei grandi patrimoni immobiliari, ed è in grado di seguire per il proprio cliente ogni singola fase del ciclo dell investimento immobiliare al fine di massimizzarne i risultati, offrendo una ampia gamma di servizi, destinati ad investitori, utilizzatori e detentori di patrimoni immobiliari, per mezzo dei quali è in grado di assumere una gestione globale o di fornire consulenze specifiche e mirate. Nell ambito dell attività di consulenza, Patrigest S.p.A. è strutturata per offrire servizi che si concretizzano in valutazioni immobiliari, analisi e studi di fattibilità, prevalentemente rivolti ad investitori e fondi immobiliari. PROJECT, PROPERTY E FACILITY MANAGEMENT Il Gruppo Abaco Team Servizi S.r.l. è specializzato a fornire per il mercato tutti i servizi di property e facility management, con attività consolidate nello svolgimento di due-diligence tecniche, urbanistiche ed ambientali, ricognizioni, censimenti e regolarizzazioni. ATTIVITA DI CO-INVESTIMENT E TRADING IMMOBILIARE Gabetti Property Solutions S.p.A., tramite appositi veicoli societari, partecipa ad operazioni di investimento immobiliare in partnership con operatori di primario standing, nell ottica di diventarne full service provider. Il Gruppo, inoltre, opera nel trading immobiliare con Agedil S.p.A. e le sue collegate, e con Brunilde S.p.A., quest ultima in partecipazione con la società Cifin S.p.A. (Gruppo La Gaiana S.p.A.) che detiene una quota del 49,902%. L attività consiste prevalentemente nell acquisizione di interi stabili, che vengono in seguito venduti frazionatamente dopo eventuali interventi di ristrutturazione, non escludendo la possibilità di attivare progetti di promozione e vendita di nuove iniziative immobiliari. GESTIONE DI PORTAFOGLI NPL Gabetti Property Solutions S.p.A., è strutturata per gestire portafogli non performing loans, grazie anche al supporto di una rete di legali convenzionati distribuita su tutto il territorio nazionale. 9

10 LA STORIA Il marchio Gabetti con i suoi oltre 50 anni di esperienza, ha scritto la storia dell intermediazione immobiliare in Italia. Ecco le tappe strategiche: Anni 50: Giovanni Gabetti fonda a Torino la prima agenzia di intermediazione immobiliare, rivolta prevalentemente al mercato residenziale. Anni 60-80: si realizza la diversificazione del business Gabetti con attività di finanziamento immobiliare, interventi nel settore degli immobili industriali e per il terziario ed il potenziamento dell ufficio studi. Gabetti diventa una Holding. Marzo 1990: Gabetti Holding, ormai la più importante società di intermediazione immobiliare italiana, viene quotata in Borsa consolidando l approccio di trasparenza e di orientamento al mercato che l ha sempre contraddistinta. Anni 90: attraverso il progetto Franchising, Gabetti espande la propria rete di agenzie garantendo una presenza sempre più capillare sul territorio. Contemporaneamente viene ampliata la gamma dei prodotti e servizi con nuove divisioni e società specializzate. Gennaio 2006: Gabetti Holding presenta il nuovo Piano Industriale che propone obiettivi ambiziosi e prevede l ingresso in nuovi mercati contigui al business immobiliare. In questo contesto Gabetti Holding diventa Gabetti Property Solutions. Marzo 2006: nasce Gabetti Finance, la società con cui il Gruppo opererà nell ambito della mediazione creditizia e della promozione di prodotti finanziari tradizionali e alternativi. Maggio 2006 : Gabetti Property Solutions acquisisce Abaco Servizi, società attiva nella gestione dei patrimoni immobiliari, nei servizi tecnici specializzati e nella gestione dei processi di acquisizione e dismissione. Febbraio 2007: l'assemblea Straordinaria degli Azionisti di Gabetti Property Solutions approva il progetto di fusione per incorporazione di La Gaiana in Gabetti Property Solutions. La fusione ha come obiettivo l'integrazione di due realtà tra loro fortemente complementari, operanti in segmenti di mercato contigui, consentendo di realizzare una maggiore diversificazione nel mix dei ricavi. All'attività di service provider viene infatti affiancata una più consistente attività di investment. 10

11 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE GRUPPO GABETTI 11

12 LETTERA AGLI AZIONISTI Signori azionisti, nel corso dell esercizio il Gruppo ha avviato il programma di sviluppo previsto dal piano strategico industriale presentato alla Comunità Finanziaria ad inizio 2006, proseguendo in tutte le attività necessarie al raggiungimento degli obiettivi prefissati, attraverso investimenti in capitale intellettuale, tecnologico e puntando al rafforzamento dei business storici ed allo sviluppo di tutte le sinergie derivanti dai processi di acquisizione intrapresi. Tale sforzo, che ha avuto riflessi sul risultato netto dell esercizio, ha comunque portato ad un risultato operativo ampiamente superiore alle attese. Molto importante è stato l impegno profuso nel comunicare i contenuti del piano oltre che alla Comunità Finanziaria, anche a tutto il personale ed alle rete di vendita, di proprietà ed affiliata, che ha visto un passaggio confortante nello svolgimento della più grande Convention aziendale mai realizzata dal Gruppo (oltre partecipanti). Nel mese di Marzo è stata costituita e lanciata la nuova realtà aziendale Gabetti Property Solutions Finance S.r.l., società dedicata all intermediazione creditizia e finanziaria tramite un modello innovativo di multi brand ed open architecture, mentre nel mese di Maggio è stata acquisita una partecipazione di controllo in Abaco Servizi S.r.l., Gruppo leader nel settore dei servizi tecnici connessi alla gestione di patrimoni immobiliari. Nel mese di Settembre è stata costituita Gabetti Property Solutions Cube S.r.l., società orientata allo studio e allo sviluppo di progetti speciali e/o innovativi. Tale realtà ha già attivato alcuni progetti di diversa natura nel campo dell Information Technology, dell energia e dell interazione tra i core-business del Gruppo. Nell ultimo trimestre del 2006, è stato infine avviato il progetto di fusione con La Gaiana S.p.A., unione tra due soggetti complementari, che rappresenta la sintesi di un progetto industriale fortemente condiviso, in grado di sviluppare e realizzare ulteriori sinergie ed efficienze con l effetto di migliorare la posizione competitiva del nostro Gruppo nel suo complesso, dal punto di vista dimensionale e per profilo operativo. Tale progetto, da Voi approvato nello scorso mese di Febbraio, rappresenta un nuovo spunto importante per lo sviluppo dell attività del Gruppo nel corso dell anno. Il 2007 sarà quindi dedicato all avviamento delle attività appena introdotte nel panorama del Gruppo ed al consolidamento di quelle ristrutturate nel corso del

13 Tutto ciò avverrà all interno di un mercato immobiliare che, nel secondo semestre del 2006 ha pesantemente risentito dei mutamenti legislativi introdotti, dopo una fase di stabilità dei prezzi, e che per il 2007 ci prospetta l allungamento delle tempistiche di vendita in ambito retail, con buone prospettive per i segmenti di nicchia (immobili di pregio e mercato turistico), e che ci vedrà quali protagonisti di una trasformazione della domanda-offerta in ambito corporate, determinata da una maggiore esigenza di focalizzazione sul service e sulla qualità. In tali circostanze il nostro Gruppo dovrà riuscire ad accrescere la propria quota di mercato e grazie alla forza del proprio brand dimostrerà ulteriormente l affidabilità attraverso una crescita sia da un punto di vista di ricavi sia di risultato economico. Il contesto macroeconomico di medio periodo favorirà, come detto, la crescita di servizi immobiliari qualificati, che costituiscono il mercato di riferimento del Gruppo Gabetti. In sostanza quindi, grazie a tutto quanto sopra esposto, il nostro Gruppo potrà ulteriormente consolidare la propria leadership nel settore immobiliare italiano quale full service provider garantendo innovazione, capillarità, capacità, credibilità, affidabilità e trasparenza e sviluppando nel proprio ambito attività pienamente complementari, affinché la completezza della nostra offerta ci possa dare un forte vantaggio competitivo nei confronti degli altri operatori presenti oggi sul mercato. Nella consapevolezza dell importanza della sfida in corso, la Fusione contribuirà alla crescita della redditività, con beneficio per tutti gli azionisti ai quali, con fiducia, porgo i miei più sentiti ringraziamenti. p. Il Consiglio di Amministrazione Il Presidente (Dott. Elio Gabetti) 13

14 IL MERCATO IMMOBILIARE: ANDAMENTI E PREVISIONI Mentre i prezzi delle abitazioni si sono quasi ovunque raffreddati, il ciclo del mercato, inteso come l insieme delle unità immobiliari scambiate, é ancora in fase espansiva. Infatti l insieme delle compravendite immobiliari, giunte alla soglia di unità, é cresciuto nel 2006 del 4,8% (la variazione media annua dal 2000 è di oltre 5 punti percentuali) e le nostre previsioni per il 2007 indicano un ulteriore estensione delle transazioni (+3,9%) anche se il residenziale, principale segmento del mercato, potrebbe rallentare la propria crescita (+2,2%). Il mercato residenziale registra una significativa espansione degli scambi nelle città di provincia (+5,5% nel 2006) ed ancor più negli hinterland metropolitani (+6,7%). La fase di generale stabilità dei prezzi si consolida nelle grandi città e si afferma anche nelle città di media dimensione. Prezzi invece in fibrillazione negli hinterland metropolitani con incrementi medi dell 8,1%. Il 2007 dovrebbe assecondare le dinamiche del momento con una domanda che tenderà a concentrarsi soprattutto nei segmenti di fascia alta e di fascia bassa senza tuttavia incidere sulle dinamiche dei prezzi, che resteranno sugli attuali livelli. Qualche incremento di valore potrà interessare le abitazioni di nuova costruzione, segnatamente nelle aree extraurbane. La domanda dovrebbe mantenersi sostenuta: in particolare è crescente la spinta da parte della popolazione residente straniera, con richieste concentrate verso abitazioni di piccolo e medio taglio nei quartieri periferici e nei comuni degli hinterland metropolitani. L anno in corso consoliderà la fase di raffreddamento dei prezzi, con probabili eccezioni negli hinterland metropolitani. Per il segmento degli immobili di pregio, che continua ad avere un andamento positivo, è atteso un ulteriore moderato incremento delle quotazioni ma limitatamente alle grandi città del Nord Italia. Buone prospettive anche per il mercato delle seconde case al mare ma anche nei piccoli comuni d entro terra. I prezzi delle abitazioni lungo costa nel 2006 sono cresciuti mediamente del 5,9% e nel 2007 la domanda dovrebbe mantenersi vivace specie nelle località emergenti. Oramai alle spalle l impetuosa crescita dei prezzi, il 2007 potrebbe sancire l inizio di un cammino fondato su processi di stabilizzazione, accompagnando il mercato verso una fase di ordinario sviluppo. Le uniche possibili ombre che si intravedono riguardano il probabile (lieve) rialzo dei tassi di interesse ed il timore, al momento ingiustificato, per un prossimo aggravio della pressione fiscale sulla casa. Il mercato corporate, dopo la gelata dovuta alle incertezze conseguenti ai mutamenti legislativi, ha riacceso tutti i fari. L attenzione degli investitori si rivolge anche a territori prima inesplorati (il Sud, le città intermedie) e a tipologie di prodotto in fase di forte sviluppo (l alberghiero, la GDO, la logistica). Nel segmento degli uffici Milano e Roma trainano la fase di rilancio con canoni di locazione in crescita rispettivamente del 6,9% e del 5,0% nelle prime location; rendimenti attorno al 5,8% a Milano e al 5,3% a Roma. 14

15 CLIENTELA RETAIL Per il nono anno consecutivo il mercato residenziale marca nel 2006 un ulteriore netta crescita con compravendite (+4,0%). E in atto tuttavia un mutamento della geografia degli scambi: mentre nelle città capoluogo le transazioni tendono a stabilizzarsi (+0,7% nel 2006) nei comuni di minore dimensione il mercato avanza al galoppo (+5,5%) e ancor più spedito viaggia nei comuni delle aree metropolitane (+6,7%). Sul fronte dei prezzi si consolida la fase di generale stabilità che ora, oltre alle grandi città dove i prezzi rimangono vivaci solo nelle zone centrali e di pregio, riguarda anche le aree urbane di media dimensione. Il quadro dei valori, invece, si riarticola profondamente nei comuni degli hinterland metropolitani con incrementi medi dell 11,1% nel Centro Italia e dell 8,5% al Nord. I tempi di vendita, superiori ai 4 mesi in tutti i settori delle grandi città, si stanno lievemente allungando, si registra al contrario una lieve riduzione tra il prezzo di richiesta iniziale e quello finale, pari all 11,6% nelle grandi città e al 9,5% in quelle medie. Nel mercato delle locazioni i canoni non registrano significative variazioni. Solo nel caso di Bologna i costi abitativi risultano in crescita uniforme in tutta la città (+10 % circa) mentre qualche aumento (5% circa) interessa i quartieri semicentrali e periferici di Torino, Napoli e Bari. Generalmente statico il quadro dei valori nelle città di media dimensione. Stabili quindi i rendimenti da locazione per i quali si conferma come le grandi città, che presentano valori spesso superiori al 4%, offrano profili reddituali più elevati delle città medie. Sempre molto vivace il mercato dei box con compravendite nel 2006 (+5,8%), prezzi in crescita (nelle grandi città +14% in centro, + 11% in semicentro e +9% in periferia) e rendimenti mediamente intorno al 5%. CLIENTELA CORPORATE Nel segmento corporate il mercato ha ritrovato slancio e vivacità già verso la fine del La forte liquidità disponibile sul mercato degli investitori, sempre più propensi a perseguire obiettivi di stabilità e di sicurezza dei rendimenti piuttosto che puntare alla loro massimizzazione, incontra un cronico ostacolo nella carenza di asset di qualità. Gli orizzonti operativi si sono comunque estesi ai segmenti in fase di forte espansione come l alberghiero, la GDO, la logistica. La domanda proveniente dalle aziende private è sostenuta mentre vi è un calo di richieste da parte della Pubblica Amministrazione. In chiusura d anno sono ripresi con intensità gli scambi che del resto, già nel primo semestre, avevano fatto registrare incrementi del +11,9% nel terziario uffici, del 3,9% nel retail ed addirittura del 22,7% nell industriale. Milano e Roma, mercati di riferimento per operatori ed investitori nazionali ed esteri, chiudono il 2006 rendendosi protagoniste di uno slancio in avanti. 15

16 Dopo un triennio trascorso all insegna di valori stabili se non calanti i canoni di locazione per gli uffici in prime location indicano per Milano e Roma valori in crescita rispettivamente tra il 6,9% ed il 5,0%, con redditività nell ordine del 5,8% a Milano e del 5,3% a Roma. Al traino di tali andamenti crescono anche i valori nelle altre principali città, seppure in misura inferiore. Compravendite di unità immobiliari nel mercato italiano (N.I. 2000=100) (*) 2007 (**) Immobili residenziali Altre tipologie Immobili per le attvità economiche Totale (*) Stime; (**) Previsioni Fonte: elaborazioni Uff. Studi Gabetti Property Solutions su dati Ag. Del Territorio Numeri indice di prezzi, compravendite e abitazioni (Base 1958 = 100) prezzi reali compravendite n abitazioni Fonte: Market Research & Analysis - Gabetti Property Solutions 16

17 Attese di incrementi per componenti del mercato Tendenze 2007 Nuove famiglie Miglioramento abitativo = Popolazione residente straniera Seconde case Immobili di prestigio Investimento Fonte: Market Research & Analysis - Gabetti Property Solutions 17

18 PRINCIPALI EVENTI DEL 2006 GENNAIO Presentazione alla comunità finanziaria del piano strategico industriale FEBBRAIO Inaugurazione del primo Open Point Gabetti in Milano e presentazione al mercato del progetto vetrina interattiva. MARZO Acquisizione del controllo di Gabetti Finance S.r.l.. Convention Gruppo Gabetti a Parma con oltre partecipanti tra dipendenti, affiliati e collaboratori. APRILE Acquisizione di partecipazioni di co-investment in Royal Land S.r.l. e Royal Building S.r.l.. MAGGIO Acquisizione del controllo di Abaco Servizi S.r.l., holding del Gruppo di servizi tecnici in ambito immobiliare ABACO TEAM, leader nei settori dell asset, property e facility management. Gabetti Holding S.p.A. diventa Gabetti Property Solutions S.p.A.: nuova denominazione sociale, più attività operative e nuova governance. LUGLIO Comunicazione del nuovo modello organizzativo rivolto al Top e Middle Management di Gabetti Agency ed annuncio di un nuovo sistema di Compensation elaborato secondo l ingegneria più innovativa di matrice americana. Nuova convenzione per l intermediazione di prodotti finanziari, con Barclays Bank Plc (con il marchio Banca Woolwich), eliminando il rapporto di esclusiva nell ottica di offrire alla clientela un servizio finanziario multibrand. 18

19 SETTEMBRE Accordo di partnership commerciale con il Gruppo Capitalia con apertura di 60 punti Gabetti Agency all interno della loro rete di sportelli bancari nell ambito del progetto Cambia Tutto, iniziativa volta a modificare il modo di fare banca. OTTOBRE Gabetti Property Solutions S.p.A. e La Gaiana S.p.A. approvano le linee generali del progetto di fusione. Nasce Gabetti Property Solutions Cube S.p.A. società dedicata allo sviluppo di studi e progetti innovativi in campo immobiliare, facendo leva sul lateral thinking. A NOVEMBRE ttività Gabetti Finance S.r.l. ottiene l iscrizione all Art.106 del D.Lgs. 385 del 01/09/1993, elenco generale degli intermediari finanziari. Approvazione da parte dei Consigli di Amministrazione di Gabetti Property Solutions S.p.A e La Gaiana S.p.A. del progetto di fusione per incorporazione di La Gaiana S.p.A. in Gabetti Property Solutions S.p.A.. 19

20 FATTORI CRITICI DI SUCCESSO 1. BRAND AWARENESS Il Gruppo ha un marchio che gode di grande riconoscibilità. E proseguito nell esercizio il potenziamento anche attraverso il lancio di una nuova Brand Identity, l utilizzo di una vetrina interattiva e numerose ulteriori iniziative volte a rafforzare l immagine corporate. 2. FULL SERVICE Coerentemente con la mission del Gruppo, la società intende continuare a sviluppare tutte le attività correlate alla catena del valore del settore dei servizi immobiliari con l obiettivo di essere Full service Provider di riferimento per il mercato. 3. CAPITALE INTELLETTUALE Consapevole che il Capitale Intellettuale rappresenta un asset fondamentale ed un fattore chiave di successo della sua evoluzione strategica, GABETTI intende investire ulteriormente per valorizzare le competenze esistenti ed attrarre i migliori talenti. 4. CAPILLARITA DELLA PRESENZA TERRITORIALE Grazie alla presenza capillare sul territorio nazionale (148 agenzie immobiliari di proprietà e 639 agenzie operative in franchising), il Gruppo Gabetti vanta una approfondita conoscenza del mercato che consente una migliore comprensione delle esigenze dei clienti. 5. PARTNERSHIP Nel mercato globale, caratterizzato da un crescente tasso di competitività e complessità, risulta vincente per il Gruppo Gabetti la capacità di realizzare accordi con operatori nazionali ed internazionali altamente qualificati, al fine di generare uno scambio di sinergie e di know-how. 20

21 LINEE GUIDA STRATEGICHE OBIETTIVO DEL GRUPPO E' LO SVILUPPO DI TUTTI I SERVIZI IMMOBILIARI IN OTTICA DI FULL SERVICE PROVIDER RAFFORZAMENTO DEI BUSINESS STORICI Agency Retail: mantenimento del modello di rete mista con quota in proprietà e quota in franchising, secondo un approccio di gestione unitaria; Agency Corporate: mantenimento del presidio territoriale con finalità di copertura di due macro aree di business: Mid accounts (il mercato secondario) e Large Accounts (il mercato di riferimento); Attività di co-investment immobiliare: disponibilità alla partecipazione ad iniziative di capitale, finalizzata allo sviluppo del business indotto dei servizi immobiliari attraverso la razionalizzazione delle attività di partecipazione, privilegiando partecipazioni minoritarie in un numero anche elevato di operazioni; Valutazioni: rafforzamento della leadership tramite la ridefinizione del modello di business, focalizzando il centro di competenza già presente in azienda sulle attività gestionali a valore aggiunto e valorizzando la rete territoriale per le attività operative connesse; Servizi Finanziari Retail: linea di business dedicata alla intermediazione creditizia e finanziaria in ottica di rappresentatività multibrand in ambito di open architecture. CRESCITA IN NUOVI BUSINESS PER VIE INTERNE Advisory: consulenza per servizi immobiliari ad alto valore aggiunto sfruttando le forti sinergie infragruppo per crescere nel mercato dei top accounts (property companies, enti, fondi pensione, fondi risparmio, banche ed assicurazioni) Asset management: sviluppo di capacità di gestione di patrimoni complessi, soprattutto sottesi da attività di co-investiment immobiliare Gestione portafogli non performing loans: realizzazione di accordi strategici con primari istituti di credito italiani ed aziende finanziarie estere attraverso un team dedicato. 21

22 INFORMAZIONI PER GLI AZIONISTI Principali dati per azione I dati vengono ottenuti sottraendo dal numero delle azioni che compongono il Capitale Sociale il numero medio delle azioni proprie detenute dalla Capogruppo, pari a nel 2006 (8.697 nel 2005) Cash Flow per azione (1) 0,17 0,06 Risultato per azione (2) -0,16 0,08 Dividendo per azione 0 0,07 Patrimonio netto per azione (3) 1,03 1,21 Prezzo ufficiale per azione 3,783 3,430 Capitalizzazione (Euro ml) * Dividendo proposto in pagamento nell assemblea convocata per il 29 Aprile (1-2-3) Cash flow, risultato e patrimonio netto per azione sono riferiti al bilancio consolidato. 22

23 COMPOSIZIONE DEL CAPITALE SOCIALE 23

24 ANDAMENTO DEL TITOLO GABETTI Riportiamo l andamento del titolo Gabetti Property Solutions S.p.A. nel corso dell anno 2006 raffrontato rispettivamente con l indice relativo del settore Real Estate in Europa e con l indice relativo Comit GABETTI 21/2/ JAN FEB MAR APR MAY JUN JUL AUG SEP OCT NOV DEC PRICE PRICE REL. TO MILAN COMIT GENERAL + - PRICE INDEX HIGH /2/06,LOW /1/06,LAST /12/06 Source: Thomson Datastr eam 24

25 AZIONI PROPRIE Al 31 Dicembre 2006 non sono detenute azioni proprie in portafoglio. Nel corso del 2006 la società non ha effettuato acquisti di azioni proprie ed ha venduto tutte le n azioni possedute al 31 Dicembre 2005, liberando la relativa riserva di patrimonio netto e realizzando una plusvalenza lorda pari ad Euro 54 mila. Il 9 Novembre 2006 si è concluso il procedimento di liquidazione delle n azioni per le quali era stato esercitato il diritto di recesso, in conseguenza della modifica della clausola dell oggetto sociale deliberata dall Assemblea Straordinaria in data 22 Maggio Il valore di liquidazione delle azioni, determinato ai sensi dell Art ter, terzo comma, del codice civile, è stato pari ad Euro 3,802 per azione. La quotazione di mercato di una azione Gabetti Property Solutions S.p.A. al 29 Dicembre 2006 era pari ad Euro 3,783 (Euro 3,43 al 30 Dicembre 2005). 25

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli