Calabria - Campania - Territorio di Lauria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calabria - Campania - Territorio di Lauria"

Transcript

1 Conosci te stesso per abbracciare l umanità Kalyan Banerjee Presidente internazionale del Rotary Costruire il rotariano per migliorare la società Pietro Niccoli Governatore del Distretto 2100 maggio 2012 allegato al numero 5 della rivista Rotary Calabria - Campania - Territorio di Lauria Pietro Niccoli Nuova vita per la Rotary Foundation Ryla e Cosenza ci attendono Michele Capasso È possibile la frattura fra chi crede nel dialogo e chi va dritto allo scontro di civiltà Napoli, Corigliano, Sorrento Buon compleanno nel segno dell amicizia rotariana Forum di Locri Credere nei principi morali Rispettare le istituzioni Rotaract Giovani protagonisti di progetti culturali e ambientali Renato Dulbecco Scienziato e rotariano

2 maggio_master:layout :34 Pagina 1 sommario n. 10 allegato al n. 5 marzo aprile 2012 della rivista Rotary Reg. Trib. di Milano n.89 del 8/3/86 Direttore Responsabile Andrea Pernice Distretto 2100 Calabria - Campania Territorio di Lauria Direttore Editoriale Pietro Niccoli Direttore Giuseppe Blasi Hanno collaborato a questo numero: Roberto Barbarossa, Giovanni Blasi, Maria Giovanna Bruno, Fiore Candelmo, Michele Capasso, Danilo De Fazio, Giuseppe D Amico, Giovanni Battista Felici, Giovanni Fino, Raffaella Gigliotti, Alessandra Giordano, Nicola Ianniti, Sandro Marotta, Aniello Palumbo, Giovanni Petracca, Cesare Pifano, Carlo Riccardi, Nando Santonastaso, Giuseppe Sarlo, Walter Scerbo, Elena Scrivano, Francesco Paolo Tondo Progetto grafico Gianpiero Scafuri Stampa Grafica Pollino S.r.l. Via Cosmai (zona P.I.P.) Castrovillari (CS) Tel Rotary news Maggio. Lettera del Governatore di Pietro Niccoli Dieci i Distretti, una l etica civile di Sandro Marotta Mare di pace e di guerra dimichelecapasso Rende, Cosenza Nord, Napoli Castel dell Ovo, Corigliano-Rossano Sybaris, Sorrento, Salerno Duomo, Battipaglia IlRotarysaleincattedra digiuseppesarlo Caserta, Lauria, Melito, Lamezia Terme, Cosenza, Avellino, Alto Casertano e Valle Telesina, Sapri, Castellammare di Stabia, Gruppo Partenopeo, Salerno Est, Salerno Nord dei Due Principati Rotaract Crotone, Catanzaro, Napoli Nord, Napoli Castel dell Ovo di Danilo De Fazio, Francesco Paolo Tondo 24 Dulbecco,scienziato-pioniere, intuìil segretodeitumori digiovannipetracca

3 maggio_master:layout :34 Pagina 2 2 Agenda Banerjee medaglia per la polio Il Presidente del RI Kalyan Banerjee presenta al Presidente afgano Hamid Karzai una medaglia in riconoscimento del suo sostegno all'iniziativa per l'eradicazione della Polio. Banerjee è il primo presidente RI a visitare l'afghanistan in veste ufficiale. Durante l'incontro di 45 minuti, Karzai e Banerjee hanno discusso sulle lezioni apprese dal successo dell'india che possono essere applicate all'afghanistan. La patria di Banerjee, l'india, è stata tolta dall'elenco dei Paesi polioendemici lo scorso febbraio. Ho incoraggiato il Presidente a mantenere il livello di intensità del pro- gramma d'immunizzazione visto che, facendo così, sarà possibile interrompere l'insorgenza della polio come abbiamo fatto in India. Una volta interrotta la trasmissione, si elimina la polio. Non si sa quando succederà, o dove sarà registrato l'ultimo caso di polio; ma un giorno, succederà, se continuate ad essere vigilanti, ha dichiarato il presidente Banerjee. Immagini di un anno A Visual Journey è il titolo della straordinaria, bella e ricca galleria di immagini dello scorso anno. Protagonisti sono non solo i rotariani, ma anche i loro amici e parenti. Il volume è disponibile nel negozio online shop.rotary.org. Le immagini possono anche essere scaricate (gratuitamente) visitando il sito Rotary Images. Leggere e scrivere Oltre 770 milioni di adulti in tutto il mondo sono analfabeti. I Rotary club stanno aiutando a sostenere l'alfabetizzazione e l'educazione di base. Nella foto una studentessa osserva la sua maestra mentre corregge i compiti in un'aula temporanea nello Sri Lanka utilizzata da 200 studenti durante la costruzione della Ran- dombekanishta- Vidyalaya, una scuola ad Ambalangoda. L'iniziativa fa parte del progetto "Risveglio delle scuole", che ha contribuito a ricostruire 22 scuole dislocate lungo la costa e danneggiate o distrutte dallo tsunami del La sfida di Bill Gate Il Rotary International è riuscito a vincere la sfida di duecento milioni lanciata dalla Bill & Melinda Gates Foundation a favore dell'eradicazione della polio. In riconoscimento dell ottimo operato del Rotary, e per ispirare i Rotariani per il futuro, la Fondazione si impegna a donare altri 50 milioni di dollari per rafforzare la nostra partnership, ha spiegato Jeff Raikes (nella foto), CEO della Gates Foundation, rivolgendosi ai dirigenti del Rotary presenti all'assemblea Internazionale. I Rotariani di tutto il mondo, dal 1985 ad oggi, hanno contribuito, con oltre un miliardo di dollari, a mettere in ginocchio la polio. Presidente a 22 anni Holly Ransom (nella foto di Frances Andrijich) è presidente eletto del Rotary Club di Crawley, Australia, dove ha scoperto che solo il due percento di Rotariani ha meno di 30 anni, e che solo il 16 per cento è costituito da donne. Non riuscivo a dimenticare quelle percentuali, ha spiegato la ventiduenne. Rivolgendosi a David Goldstone, uno dei soci fondatori del club, gli ha detto che voleva farsi coinvolgere maggiormente nella vita di club; e dopo poco tempo, la Ransom era diventata presidente eletto. Holly ricoprirà l incarico nell anno rotariano , subito dopo aver concluso i suoi studi presso la University of Western Australia. I nostri soci di club sono molto diversi, sia per rappresentanza demografica che per struttura mentale, ha spiegato.

4 maggio_master:layout :34 Pagina 3 Lettera del Governatore 3 La Rotary Foundation è tornata a volare Attesa per Ryla e congresso di Cosenza Pietro Niccoli Amiciziaepromozioneumana Carissimi amici Rotariani, è questa la lettera del mese di maggio che mi accingo a scrivervi con l entusiasmo ed il sempre vivo amore per il Rotary. Mancano due mesi alla fine del nostro anno distrettuale, caratterizzato da concretezza nei progetti, essenzialità ed armonia tra di noi. Nel mese di maggio non c è un tema fissato dal Rotary, perché ovviamente è considerato il mese preparatorio per il Congresso che si terrà a Cosenza giugno p.v. Ma permettetemi di parlare dei progetti, delle nostre iniziative di carattere umanitario e culturale che i Club, grazie alla collaborazione degli Assistenti e di tutta la squadra distrettuale, sono riusciti a realizzare. Questo impegno mostrato da parte vostra, ha creato le condizioni per un incremento della coesione tra i nostri sodalizi, molti sono stati gli Interclub effettuati che hanno portato ad azioni di maggior respiro e quindi maggiore visibilità sul Territorio in coerenza con il piano strategico del R.I. Abbiamo vissuto insieme nell anno i tradizionali valori rotariani mettendo in essere i cambiamenti espressi dal Presidente Internazionale, tanto per adeguare i Rotary ai profondi mutamenti della nostra società e del quadro Mondiale. Diceva Kalyan Banerjee all inizio del suo mandato: Cambiamento nella continuità nel solco del vero sogno rotariano. Desidero a questo punto soffermarmi sull aumento di raccolta fondi per la R.F. che ha raggiunto alla data del 30 aprile ultimo scorso, il 50 per cento in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ma non è ancora tutto, perché, purtroppo, alcuni Club - ed a loro va il mio accorato appellonon hanno ancora versato nessun contributo alla R.F. o hanno versato poco rispetto alla quota richiesta di 100 dollari a socio. Amici miei, Vi chiedo ancora un ultimo sacrificio ricordando a Voi tutti che il Distretto 2100 quest anno, non sarà l ultimo per la contribuzione alla R.F. rispetto ai Distretti Italiani ed a tutta la Zona 12. Come prima ricordavo è in preparazione il Congresso Distrettuale dell Giugno p.v. che si terrà a Cosenza e che avrà come tema: L uomo Rotariano protagonista nel Servizio e nel- la Società. Vi ricordo inoltre che a fine maggio si terrà in provincia di Cosenza il Ryla preparato con cura e professionalità dall Assistente Massimo Franco che ha dedicato all evento grande impegno. Un organizzazione di livello Internazionale con la finalità di sviluppare nei giovani la leadership, il senso di responsabilità civica e la crescita personale in spirito di servizio ed amicizia. Altro evento che si celebrerà in questo mese dal 6 al 9 maggio è il Congresso Internazionale di Bangkok che rappresenta la chiusura degli eventi, incominciati dalla preparazione di San Diego per l anno 2011/2012. Un caro saluto a tutti Voi ringraziandovi sempre per la volontà, l entusiasmo e la determinazione dimostrata nei confronti di una umanità sofferente che ha bisogno del nostro contributo umanitario dei nostri sogni e delle certezze che noi possiamo e dobbiamo dare ai nostri territori.

5 maggio_master:layout :34 Pagina 4 4 Terza Pagina Sandro Marotta* Dieci i Distretti, una l etica civile Quella che mi accingo ad illustrare, in modo inevitabilmente sommario, è la mappa, non formalizzata in nessuno degli schermi dell indagine sociologica, di un Italia delle professioni e dell impresa orientata al servizio di una comunità fatta di persone oltre che di bisogni collettivi. E la mappa italiana di un Rotary che, nello spirito unitario dei suoi dieci Distretti, ben rappresenta le varie ma convergenti modalità di un etica civile che corre parallela ai canali istituzionali dell organizzazione della società e concorre a definirne la qualità. Dopo l ultima ripartizione del 1995, con la creazione del 2120, la strutturazione italiana del Rotary in dieci Distretti sembra la più adeguata alle attuali esigenze di funzionalità. L estensione all Albania, dopo quella storica verso Malta, è stata accolta con sincera partecipazione. Lo dimostra il successo assicurato alla campagna Vita per l Albania che ha affrontato in modo efficace un emergenza sanitaria, la diffusione delle epatiti. Ogni raggruppamento di Club è a immagine di una identità non replicabile, ciascuna con una propria storia. Perché non utilizzare queste alterità culturali come chiavi di lettura di problematiche a cui dare, per parte nostra, risposte mirate? Risposte su cui impegnare il patrimonio di competenze, talenti, risorse umane e intellettuali presenti nei Club? Non si può stare alla finestra quando si tratta di definire le priorità e i bisogni reali di una società che cambia con una velocità fino all altro ieri impensabile. Va detto che oggi, nel Rotary, di questo si ha più vigile consapevolezza. La conferma ci viene dai temi dei Congressi distrettuali. In un confronto con il passato, appaiono lontani e datati i punti di attenzione proposti dai Distretti una decina di anni fa quando la distanza tra il 2040 e il 2110 era quella che corre tra le problematiche di una società postindustriale e le questioni più pratiche e urgenti dell economia meridionale. In mezzo c erano gli altri Distretti, alle prese con i più comuni problemi dell umanità e della disumanità del tempo nostro. C era, ma solo per vaghi accenni, il presagio della globalizzazione, ed i una nuova economia che avrebbe creato ricchezza ma accresciuto e reso insopportabile il divario tra il nord e il sud del mondo. E, per istinto, l adesione dei Club alle iniziative internazionali del Rotary divenne più partecipe. Una delle cose che, al passaggio di millennio, andava configurandosi come questione epocale ora, appunto, la mondializzazione dell economia e l effetto dirompente di nuovi squilibri che aprivano la strada a bibliche trasmigrazioni di popoli. Mettendo a confronto gli argomenti proposti dai Congressi negli scorsi anni con quelli di cinque anni fa, non si può fare a meno di notare una insistita attenzione a certi temi. Non è caso che il 2060, a Trieste, abbia posto ancora una volta l Europa al centro del dibattito congressuale. Ai tempi di Maastricht si dava evidenza al passaggio epocale della divisione alla comunione dei popoli d Europa; adesso si parla della sfida di un nuovo Rinascimento per l Europa del futuro. Un discorso in prospettiva viene anche dai Distretti 2040 e Il primo propone un Confronto con il futuro ; l altro, questa volta ha precisato meglio: il valore aggiunto del socio formato e informato. Vi sono, poi, aspetti specialmente considerati là dove se ne ha una più diretta percezione. Per esempio, la questione dei flussi migratori all attenzione dei Distretti 2090 e Congressi del 2090: identità e diversità in una società multietnica: problemi di una integrazione culturale, sociale ed economica. Congresso 2120: Cultura e solidarietà. Ma già in precedenza ci si era chiesto: Mezzogiorno d Italia: sud d Europa o nord del terzo mondo? Più in generale, infine, la preoccupazione che non si perda di vista la finalità ultima del Rotary nella sua azione al servizio degli altri. Si parla di Rotary per l uomo, di Rotary al servizio dell uomo, di diritto alla vita. E qui, a conclusione, mi piace richiamare quanto ha detto il Past Presidente Internazionale Luis Giay, nel 2005: La nostra posizione di rotariani ci conferisce il ruolo di architetti del futuro, a condizione che manteniamo i nostri impegni. Se vogliamo realizzare il nostro destino, se vogliamo essere gli architetti del ventunesimo secolo è ora di pensare all impronta che vogliamo lasciare. *Governatore del Centenario

6 maggio_master:layout :34 Pagina 5 Terza Pagina 5 Michele Capasso* Mare di pace e di guerra Il Mediterraneo è sempre stato uno spazio geografico e politico in movimento: oggi, dopo le recenti rivoluzioni nella Riva Sud, è ancora percorso da tensioni, crisi e conflitti e richiede con forza un dialogo rinnovato tra le donne e gli uomini dei differenti popoli, specialmente tra quelli della Riva Nord e del Mondo Arabo, nonché azioni concrete e significative capaci d integrare innovazione e tradizione, sviluppo dei diritti individuali, solidarietà sociale e giustizia internazionale. Credo importante sintetizzare la storia del Mediterraneo a partire dal Quest anno costituisce il trasferimento dell asse centrale della storia moderna dal Mediterraneo all Atlantico lungo le grandi rotte oceaniche e rappresenta la rottura fisica prima che culturale con il Vecchio Mondo e il suo Mare tra le Terre, millenario crocevia di civiltà. L atlantizzazione dei commerci e la nascita di una nuova economiamondo avvia una progressiva discriminazione del bacino mediterraneo, in seguito ulteriormente emarginato dalle politiche coloniali inglese e francese dell 800, frammentato nel proprio assetto geopolitico dai due conflitti mondiali, diviso dagli antagonismi della guerra fredda, esposto all unipolarismo statunitense, incendiato dal conflitto arabo-israeliano. Il Mediterraneo ha scritto da oltre cinquemila anni un capitolo unico della storia: punto di incontro di tre continenti, di tre civiltà e di tre religioni. Oggi il rischio di una frattura fra chi crede nel dialogo e chi va dritto allo scontro di civiltà impone un accresciuto impegno di Governi e istanze della Società Civile per promuovere una Coalizione di valori e d interessi condivisi. Più che mai i popoli del Mediterraneo e, specialmente, quelli del Mondo Arabo, devono definire essi stessi strategie che siano espressione diretta dei bisogni reali e delle aspirazioni di ciascuno. Davanti al nuovo scenario politico e socio-economico e al pericolo di vedere il Mondo Arabo destrutturato e marginalizzato, la Fondazione Mediterraneo ed altri partner si è impegnata da tempo per la creazione del Grande Mediterraneo : una dimensione geopolitica e geostrategica allargata che ha il fine di evitare barriere artificiali nel Mondo Arabo separando i Paesi Arabi Mediterranei da quelli del Golfo. Negli ultimi venti anni, infatti, sono diventati sempre meno percepibili gli effetti di iniziative di pace: si impone allora una visione allargata che comprenda non solo i Paesi Arabi Mediterranei ma anche i Paesi del Golfo proprio al fine di considerarli in un unica dimensione: il Mondo Arabo. I diversi effetti della globalizzazione, nel Mondo Arabo e in quello Occidentale, richiedono una nuova visione capace di riconsiderare il rapporto tra Mondo Arabo e Occidente. Non bisogna più ritenerli come due blocchi contrapposti ma al contrario come due elementi fondamentali per un indispensabile alleanza attraverso cui superare gli effetti perversi della stessa globalizzazione e quelli delle leggi di mercato. Un ruolo essenziale, nel Destino Mediterraneo, continuano ad esercitarlo gli Stati Uniti d America. Il Presidente Obama punta ad una trasformazione democratica, ad uno sviluppo economico ed alla conclusione del processo di pace tra israeliani e palestinesi. Ma, allo stesso tempo, Obama ha la consapevolezza che nelle trasformazioni epocali generate dalle rivoluzioni arabe vi è quella, altrettanto importante, di un nuovo rapporto tra Usa ed Europa inclusa una possibile accelerazione dello sviluppo nel continente africano che solo pochi mesi fa sembrava relegato ad un futuro lontano. Obama, come rilevano gli osservatori più attenti, in merito al processo di pace in Medio Oriente ha attuato una strategia diversa da quella adottata dal suo predecessore George Bush. I punti chiave della dottrina Bush attacco preventivo per la tutela della sicurezza americana, cambio di regime, approccio unilaterale se necessario sono stati sostituiti da Obama puntando su tre principi totalmente diversi: gli attacchi americani o degli alleati ci saranno solo per proteggere le popolazioni civili ed avverranno solo in relazione a violazioni da parte dei regimi di normative internazionali approvate nel contesto della comunità internazionale e non saranno preventivi. Un capitolo a parte riguarda la Siria, che ha visto in questi giorni accelerare il processo di isolamento anche da parte della Lega degli Stati Arabi. In questo paese la situa- *Presidente della Fondazione Mediterraneo (segue a pagina 6)

7 maggio_master:layout :34 Pagina 6 6 RENDE Calabria, calabresi, ndrangheta ma che fine ha fatto la società civile? Basta inchini e riverenze ai capi mafia: la società civile deve reagire. Possiamo sintetizzare in questa breve ma incisiva frase, il senso del convegno organizzato dal Rotary Club Rende che ha messo intorno allo stesso tavolo Nicola Gratteri, Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, don Giacomo Panizza, fondatore di un centro di assistenza per disabili con sede a Lamezia Terme in uno stabile confiscato alla mafia ed il giornalista de Il Quotidiano della Calabria, Peppe Baldessarro. Tre persone da prendere come esempio ha affermato il Presidente del Rotary Club Rende, Carlo Tansi che semplicemente svolgendo con onestà e rettitudine morale il loro lavoro, sono diventati uomini straordinari che ogni giorno, con coraggio e tenacia, combattono la mafia e la cultura mafiosa. Il convegno ha voluto evidenziare come la società civile possa e debba ribellarsi ai soprusi della ndrangheta e che, in questa vera e propria rivoluzione, un ruolo fondamentale lo riveste la famiglia, quale portatrice di educazione e sani principi che devono essere assimilati sin dalla tenera età. Questo il pensiero del magistrato Gratteri il quale ha anche sottolineato l importanza della cultura e dello studio nella lotta alla mafia e nella liberazione della società dall omologazione del pensiero e della cultura. Le numerose e continue intimidazioni della mafia locale, non hanno fermato né infiacchito la grinta di don Giacomo Panizza il quale, con la sua attività dimostra ogni giorno che il Vangelo va vissuto e non soltanto letto: Oggi non sono più solo ha affermato con soddisfazione il prete e sempre più persone sono al mio fianco. Chi fa male è pericoloso per se stesso e per gli altri; la società civile sembra fiacca e va dove la spinge la paura e non il cuore. Il mondo di oggi dà l idea di non avere più una metà al contrario della ndrangheta che, invece, sa bene quali obiettivi raggiungere ed usa ogni mezzo per aumentare il proprio potere. Per Peppe Baldessarro, invece, è necessario: rompere definitivamente il muro dell omertà. Passare, tutti, ad assumersi le proprie responsabilità di cittadini, denunciando il malaffare ed evitando di riverire certi personaggi, facendo a gara a chi offre loro il caffè per primo. Un messaggio forte, che il Rotary Club Rende ha voluto lanciare alla società tutta ma, in particolare, ai giovani giustamente ritenuti il futuro della nostra terra che, altrimenti, rischia davvero di restare relegata ai margini in termini economici, culturali e sociali. Roberto Barbarossa Mare di pace e di guerra (continua da pagina 5) zione è molto più complicata che altrove in quanto è uno Stato multietnico e multi confessionale in cui il regime della famiglia Assad ha una forte base politica: la minoranza alaouita, l esercito, le milizie, il partito Baath, i gestori e gli affaristi dell economia internazionale, la quinta colonna all interno del Libano costituita dagli Hezbollah (Partito di Dio). In questi anni la Siria si è costituita come tassello difficilmente sostituibile nello scacchiere medio-orientale ed il crollo dei suoi regimi potrebbe seriamente ripercuotersi sugli equilibri dell intera regione: dall Iran all Iraq, dalla Turchia al Libano per non parlare di Israele e Palestina. La Primavera Araba viene da molti considerata un rischio o un incognita. Vi è una parte di verità in questa affermazione ma, come qualsiasi cambiamento epocale, va in primo luogo considerata come un opportunità. In tale contesto i giovani hanno un ruolo di primo piano avendo dimostrato di poter, da soli, senza alcun appoggio politico strutturato, cambiare lo stato delle cose. L Italia naturale passerella dell Europa nel Mediterraneo è un Paese strategico nei rapporti con il Mondo Arabo per storia, tradizioni, scambi culturali e scientifici, posizione geografica: per questo è indispensabile, nel quadro dell Unione per il Mediterraneo, favorire in special modo il ruolo dell Italia nel Mondo Arabo rafforzandone la percezione come un Paese leale, amico ed affidabile. Come andrà a finire? Quali i risultati della Primavera Araba? Quale Destino per il Mediterraneo? Saranno i più responsabili, i più coraggiosi, i più intraprendenti e i più aperti tra noi ad essere i vincitori di domani. A guidarcinondovràesserelapaura ma una ragionevole speranza miscelata ad un pizzico di follia nell Osare! Tutti insieme.

8 maggio_master:layout :34 Pagina 7 7 COSENZA NORD Sconfiggere la criminalità Battere isolamento e indifferenza Classe dirigente sul banco degli imputati per aver commesso reato di inerzia o, peggio, per non aver permesso che si dispiegasse un efficace azione di contrasto a mafia e ndrangheta. L atto di accusa è stato pronunciato da un magistrato di sicura esperienza come il dott. Vincenzo Luberto, sostituto procuratore della DDA di Catanzaro e coordinatore di numerose e importanti inchieste antimafia. Il pm, invitato dal presidente del Rotary Cosenza Nord Giuseppe De Bartolo, ha tenuto una relazione sul tema: "Gli strumenti si contrasto normativi alla collusione politico-mafiosa e l'esegesi giurisprudenziale". "Si parla spesso della presenza ingombrante della ndrangheta - ha esordito il dott. Luberto- ma raramente si riesce a spiegarne adeguatamente origini e caratteristiche. Spesso si confonde tra mafia e 'ndrangheta. Non di rado si sentono strane definizioni. Qualcuno ha proposto addirittura un parallelo tra mafia e Al Qaeda, dimenticando che gli ndranghetisti tutto fanno tranne che azioni terroristiche eclatanti, preferendo piuttosto agire sotto traccia. Cos è, dunque, la ndrangheta? "Purtroppo -ha continuato il pmnon esiste una letteratura antropologica e sociologica che lo spieghi. Lo stesso Gomorra di Saviano, foto perfetta di una parte d Italia, nulla dice in merito ai perché. Su altro fronte, le inchieste giudiziarie ci dicono che la ndrangheta è forte in quanto controlla gangli vitali dell economia nazionale come il credito, le truffe all Inps che rendono molto anche sul piano clientelare, o, ancora, i lavori di movimento terra: le povere coste calabresi sono erose non per fenomeni naturali ma perché molte case sono costruite utilizzando gli inerti marini. Ed ancora, la 'ndrangheta è ben inserita nella distribuzione di beni di prima necessità e nel terziario". Forte sì, ma non imbattibile. Eppure, c è qualcosa che impedisce una lotta efficace e un risultato vincente. "La 'ndrangheta -ha continuato il magistrato- è fenomeno parassitario che vede una minoranza vivere sulle spalle della stragrande maggioranza degli onesti. Se solo la parte sana della società si organizzasse, non avrebbe difficoltà a sopraffare gli ndranghetisti. Ma questo non accade perché c è una classe dirigente composta da quanti ad ogni livello hanno poteri decisionali - che non lo consente". E le norme vigenti? Non sempre aiutano come ci si aspetterebbe. "La norma sul voto di scambio, per esempio, non considera come penalmente rilevante proprio l ipotesi più ricorrente, cioè che lo ndranghetista chieda al candidato politico non denaro, ma favori. Si è cercato di recuperare con il 416 bis, il concorso esterno, ma per farlo valere - illuminante la recente sentenza della Cassazione sul caso Dell Utri- bisogna dimostrare l apporto causale dato alla esecuzione del progetto criminoso. Luberto ha ricordato ancora che il giudice calabrese Romano de Grazia si è battuto 18 anni prima di vedere approvata la legge Lazzati, di cui è stato promotore, che vieta il proselitismo elettorale del sorvegliato speciale. La norma è stata infine approvata, ma cammina in maniera stentata. Ha comunque il merito di avere introdotto la decadenza immediata dell eletto con il supporto ndranghetista." In conclusione, secondo il pm Luberto, "questo stato di cose sta determinando sempre più in Italia una assoluta carenza di giudizio etico. Se un comportamento appare moralmente censurabile, ma non è reato -ha sottolineato- chi ne è stato protagonista e viene assolto recupera il proprio posto nella società. L auspicio, dunque, è che si riesca a ridurre la divaricazione esistente tra diritto normativo e diritto naturale e che ogni cittadino, associazione, forza viva della società si assuma la responsabilità di dare un contributo attivo perchè si determini una svolta. Sarebbe già un buon inizio riservare attenzione e sostegno ai comportamenti di quanti assumono rischi sulla propria pelle e non lasciare soli i protagonisti della lotta, spesso semplici cittadini coraggiosi. Elena Scrivano

9 maggio_master:layout :34 Pagina 8 8 NAPOLI Per le venti primavere di Castel dell Ovo Cronacanera emedaglied argento Sei anni era durata la fuga dell ultimo boss. Sei anni di ricerche, di speranze svanite all ultimo secondo, di certezze evaporate sul filo della burocrazia internazionale: eppure la squadra del maggiore Lorenzo D Aloia non ha mai mollato neppure per un secondo e nonostante una farraginosa burocrazia, aiutata dalle leggi europee sulle rogatorie e sulle intercettazioni telefoniche, è riuscito a localizzare Giuseppe Polverino, latitante inserito nell elenco dei ricercati di massima pericolosità e mettergli le manette ai polsi, una ventina di giorni fa. La cattura è stata ricordata durante la cerimonia del ventennale del Rotary Club Castel dell Ovo presieduto da Roberto Vona e al valente D Aloia è stata consegnata una targa-premio. Da anni il Club, che si riunisce al Royal, testimonia con questo gesto il valore di un rappresentante delle forze dell ordine che si sia distinto in modo particolare. Grande spirito di servizio, impegno e coraggio a difesa dei diritti dei cittadini nonché alto senso del dovere contro la fenomenologia criminale comune e organizzata facendo leva sulla spinta motivazionale raggiungendo nel contempo risposta nel plauso unanime della popolazione, così detta la targa Premio Siciliano consegnata da Gianfranco Maglione all ex Allievo della Scuola Militare Nunziatella, oggi comandante del nucleo investigativo provinciale dei Carabinieri. Durante la serata, alla quale erano stati invitati tutti gli altri presidenti del Gruppo Partenopeo, sono stati ricordati coloro che si sono distinti nel Club e, tra questi, Franco Clemente, che aveva raccolto notizie, aneddoti, ricordi, foto e appunti sulla vita del sodalizio, ha fatto un breve excursus sulla vita del Castel dell Ovo. Il giorno della consegna della Charta ha detto Clemente fu un giorno memorabile poiché furono presenti alla festa ben sette governatori, cosa che poche volte è accaduto. Ma più che una manifestazione di Club, il ventennale è stata una festa soprattutto del fondatore Giovanni Lazzara che lo ha voluto nel lontano 1992, perché con lui si è verificata una totale identità con il Club. E, ancora, Giovanni è stato l anima del Castel dell Ovo!. Uomo della Magna Grecia che con la fellowship da lui ideata, ogni anno organizzava meeting con rotariani di tutto il mondo, in Puglia, sul Vesuvio, nella zona etnea a Catania, in Costiera Amalfitana. L affollata conviviale è poi proseguita con racconti e spaccati di vent anni di Club e Giovanni Lazzara, commosso, ha ricevuto una targa ricordo per la lunga militanza e per l esemplare interesse alla vita rotariana. Il decano ha ringraziato tutti brindando al futuro del suo Club davanti ad una gigantesca torta con il logo. A Napoli mancava un club aperto ai giovani -ha ricordato Lazzara- e che facesse conoscere il suo retaggio culturale: con Modesto Caputo governatore, ho potuto creare il Club integrato con la Fellowship e un Rotaract per potenziare l impegno, coerente con la formazione classica e convalidata dalla Magna Grecia di un altro governatore, Mario Mello, a Sorrento dopo un primo tentativo di fare un tour meeting aperto ai rotariani. Mancavano le relazioni internazionali, allora con Mario Florio ho partecipato alla seconda convention di Nizza; ho avuto netta la sensazione delle finalità del Rotary quando sono stato invitato a prendere la parola nella riunione di tutte le followship e mi hanno consegnato il club Paul Harris 711. Lazzara ha anche sottolineato che, grazie al suo intervento, fu istituito il Fellowship day a livello globale, nel mese di giugno, giorno dedicato ai rotariani stranieri. Ci furono 250 sottoscrizioni e altrettanti guidoncini sono rimasti la tangibile prova di questo evento!. Una medaglia d argento è stata poi offerta da Gino de Laurentiis ai soci fondatori: oltre a Giovanni Lazzara e a Franco Clemente, sono stati chiamati Nicola Messina, Antonio Tamburro, Luigi Grilli, Enrico Ferraro Roberto Cappabianca, Ippolito Fusco, Claudio Novelli, Maurizio Salvatori, Gabriele Panico e Jean Simpson Lazzara che ha interagito con il mondo rotariano sempre con un sorriso. Alessandra Giordano

10 maggio_master:layout :34 Pagina 9 9 CORIGLIANO-ROSSANO SYBARIS Quarant anni di storia e una medaglia per il governatore Pietro Niccoli Due città unite dai rotariani Un'occasione per celebrare il quarantennale, per volgere uno sguardo al futuro e rivivere la storia del Club attraverso autorevoli testimonianze rotariane. Diamo uno sguardo alla quarantennale vita del Club. Il 12 aprile 1972, il Club Corigliano-Rossano Sybaris (all epoca solo Corigliano-Rossano ), riceveva la carta dal Rotary International. Patrocinato dal Club di Cosenza oltre che dal Governatore dell epoca del Distretto 190, Mario Florio, venne individuata nell area della sibaritide la possibilità di aprire un nuovo Club Rotary. In ossequio alle norme regolamentari dell epoca, venne effettuata una accurata indagine socioeconomica del territorio, dalla quale emerse che il nuovo Club avrebbe dovuto unire le due città più popolose della sibaritide, appunto Corigliano Calabro e Rossano che, con i loro hinterland, già all epoca, contavano oltre abitanti. La scelta fu particolarmente felice: non solo nella sibaritide venne impiantato il seme del Rotary (seme che, con il tempo germogliò altri frutti, quali il Club Trebisacce Alto Ionio Cosentino ed il Club Rossano Bisantium), quanto le intelligenze dei due paesi, storicamente legati al campanile, furono obbligate a confrontarsi e ad interagire tra loro a favore del territorio. Dal 1972 il Club ha portato avanti varie iniziative. Piace qui ricordare il premio Fortunato Bruno, (istituito dal primo anno ed ininterrottamente svolto fino ad oggi ), con il quale si intende ricordare un insigne educatore locale e, nel contempo, premiare i due giovani del territorio diplomati nell anno precedente con i migliori risultati. Il Club è stato anche il promotore del premio interdistrettuale Magna Graecia, poi intestato al compianto past presidente Arialdo Tarsitano che dello stesso era stato ideatore. Queste le premesse per la manifestazione svolta giovedì 12 aprile 2012 presso la Villa Labonia di Rossano. Alla presenza delle massime autorità distrettuali (governatore Pietro Niccoli, i past governors Vito Rosano e signora Vittoria, Alfredo Focà, Francesco Socievole, il governatore eletto Marcello Fasano e signora Stella, il governatore designato Maria Rita Acciardi, il prefetto distrettuale Antonio Bove, il segretario distrettuale alle manifestazioni Rodolfo Inderst), del rappresentante del Comune di Corigliano Calabro il vice prefetto aggiunto Eufemia Tarsia, dei rappresentanti di vari Club Rotary (Acri, Cosenza, Cosenza Nord, Crotone, Castrovillari-Pollino, Cirò Marina Terra degli Enotri, Florense di San Giovanni in Fiore, Rossano Bisantium, San Marco Argentano Valle dell Esaro Centenario e Trebisacce Alto Ionio Cosentino), di una nutrita rappresentanza del Club Rotaract Corigliano-Rossano Sibaris e dell Inner Wheel Cori- gliano-rossano Sybaris. Il presidente del Club Corigliano- Rossano Sybaris Giovanni Fino, in una suggestiva cornice, ha accolto i numerosi ospiti e soci intervenuti facendo rintoccare la campana a suo tempo donata dal Club di Cosenza nello stesso giorno in cui, quaranta anni prima, la medesima aveva emesso il primo suono. Gianni Policastri, presidente della Commissione per il Quarantennale, ha quindi illustrato la storia del Club ed ha presentato il volume pubblicato per l occasione. La socia e governatore designato Maria Rita Acciardi ha poi evidenziato le particolarità del Club e la sua importanza nel territorio della sibaritide. Ha concluso la manifestazione il governatore Pietro Niccoli che, dopo aver messo in risalto la ricchezza dei valori e delle iniziative che da sempre caratterizzano il mondo rotariano per la crescita dell uomo e della società, ha consegnato al presidente del Club una targa ricordo. Una medaglia, coniata per l occasione da parte del Club, è stata consegnata al Governatore e a quanti hanno partecipato alla storica manifestazione. G. F.

11 maggio_master:layout :34 Pagina Da venti anni nelle comunità del Camerun, Togo, Etiopia Sorrento: umanità egioiadivivere Una fresca serata primaverile, la location raffinata a picco sul golfo di Napoli dell'europa Palace, ed un clima di festosa amicizia hanno accolto i numerosissimi partecipanti al ventennale del Rotary Club di Sorrento, per ritrovarsi insieme a ripercorrere le tappe più significative di questi anni, ma anche l'occasione per ringraziare quanti nel club hanno profuso il proprio tempo con impegno e dedizione al fine di contribuire alla realizzazione di un mondo migliore.. La serata ha avuto inizio con il saluto del presidente e socio fondatore Mariano de Cesare al Governatore Pietro Niccoli, con la moglie signora Sandra, al tesoriere distrettuale Gregorio Viglialoro e la moglie signora Vincenza, all'assistente del Governatore Andrea Di Lieto, ai presidenti dei Club rotariani di Castellammare, Napoli, Napoli sud-ovest, Nocera-Sarno, Ottaviano, Pompei Oplonti, ai Presidenti dell'inner Wheel, del Rotaract e della Fidapa ed agli amici, rotariani e non che, con la loro presenza, hanno voluto rinnovare l'ap- prezzamento per il lavoro svolto. Il presidente De Cesare ha colto l'occasione per ribadire, con fermezza, i principi dell'amicizia spassionata e gratuita che trova, nel Rotary e nei suoi fondamenti, il vessillo più autorevole. Per noi rotariani -ha aggiunto- l'amicizia, quella vera, non avrà mai fine. Giuseppe Schisano, socio fondatore e primo presidente, ha ripercorso i momenti più salienti del Club ed ha illustrato i principali progetti realizzati. Significativo il ricordo dei soci che ci hanno lasciato e che continuano a vivere nei cuori e nelle menti di ognuno. Il PDG Guido Parlato ha sottolineato il prezioso contributo del club sorrentino svolto in questi anni nei confronti delle istituzioni laiche e religiose, senza trascurare la dimensione internazionale dell amicizia e della solidarietà. Guido Parlato ha colto l occasione per parlare di un gioiello raro, apprezzato e conosciuto in tutto il Distretto ed oltre e che prende il nome di Giovanni Di Martino con la moglie Anna. Il momento apicale della serata è stato quello dell'articolato intervento del Governatore Pietro Niccoli che ha espresso il suo più vivo compiacimento per il proficuo dinamismo del Club di Sorrento, sottolineando che la manifestazione per il ventennale deve essere l'occasione per riflettere sugli alti principi ispiratori del Rotary che in oltre cento anni di storia hanno contribuito a risolvere problemi umani, sociali e culturali sul piano locale e internazionale. A conclusione del suo intervento, Niccoli ha consegnato al presidente Mariano De Cesare una targa ricordo. L evento è stato concluso da belle immagini e da un libro, realizzato da alcuni soci, sulle venti straordinarie primavere di vita rotariana del Club di Sorrento. Anni di intensa partecipazione legati soprattutto agli interventi umanitari portati a termine in Camerun, Togo, Dilla (Etiopia).

12 maggio_master:layout :34 Pagina ConSkypeeUnaCasaperlaVita ilmondoèpiccoloabattipaglia In un momento in cui la vita associativa sembra soffrire un velato languore, il Rotary Club di Battipaglia, ha voluto promuovere l uso di Skype, in considerazione anche dell indolore economicità del mezzo e dell assoluta riservatezza della privacy, per poter meglio rivitalizzare la circolarità comunicativa tra i soci. Il programma Skype, con un software gratuito, supportato da elementari accessori di facile uso, in collegamento internet, consente videochiamate gratis senza limiti. Il mondo può essere per tutti molto piccolo, l incontro piacevole utile e distensivo afferma il Presidente Vittorio Fortunato. Notevole è risultata l attiva collaborazione con Una Casa per la Vita, per un Convegno sull Affido familiare, dalla presa in carico, all integrazione dei servizi, che ha visto la partecipazione di attori istituzionali, del Tribunale per i Minorenni, del Centro Affidi, di esperti e delle famiglie. Questa associazione -afferma Fortunato- può considerarsi una vera e propria costola del nostro Club, che da anni provvede a sostenerla economicamente e la segue nella gestione. Le finalità della onlus convergono con i propositi del Club Rotary che rivolge attenta cura verso le problematiche sociali del territorio, in specie per l affido familiare, che riesce a tutelare il minore coinvolto in casi non infrequenti di gravi e penosi disagi familiari. Giovanni Blasi SALERNO DUOMO Il futuro dei bambini dell Honduras Dando seguito all attività di sostegno ai bambini bisognosi dell Honduras avviata negli anni precedenti con il Progetto in favore della Scuola Ulloa di Tegucigalpa, il Club Rotary Salerno Duomo conferma la sua sensibilità continuando a offrire il suo aiuto alla comunità Honduregna grazie alla collaborazione di don Ferdinando Castriotti, sacerdote diocesano, Missionario Dono della Fede, che opera da cinque anni nel territorio di El Paraíso, ad est del Paese. Tale attività -ha affermato il presidente del Rotary Salerno Duomo Matteo De Roberto - conferma l amicizia che si è ormai creata tra il Club e la popolazione del paese centroamericano e consolida le attività internazionali di service del club, fortemente impegnato peraltro anche in ambito locale, come testimoniato dagli interventi realizzati quest anno in favore dei ragazzi disabili assistiti dall Anfass di Salerno e dal Germoglio di Cava de Tirreni oltre che da altre attività rivolte ad alleviare il disagio delle fasce di popolazione più in sofferenza. Un significativo contributo economico, raccolto grazie alla so- lidarietà volontariamente espressa da tutti i soci del Club, sarà rimesso al Missionario dal presidente incoming del Club, Francesco Dente, che lo scorso mese è andato in Honduras per verificare anche la possibilità di nuovo concreti interventi in favore della comunità. È infatti già in fase avviata di studio un progetto che favorirà la erogazione di acqua potabile alla Comunità di El Paraiso. Tale obbiettivo è alla base dell impegno del club per i prossimi anni. Maria Giovanna Bruno

13 maggio_master:layout :34 Pagina Eventi Nell interclub distrettuale di Locri il Governatore ha illustrato Interventi di Francesco D Agostino, Ernesto d Ippolito, Franco M Pietro Niccoli: circolo virtuoso e vizioso? Il Rota Pietro Niccoli, Governatore del Distretto 2100 del Rotary International che ha convocato, a Locri, una più che interessante interdistrettuale Calabria-Lauria, organizzata con il prezioso sostegno del Rotary Club di Locri, presieduto da Francesco D Agostino, su un sempre più attuale e storico tema, non si lascia influenzare da nulla e chiamato a rispondere al quesito posto dall evento su da che parte stare nella società e nello Stato tra circuito virtuoso e circuito vizioso ha subito avvertito e senza tema di smentite che la sua serena riflessione lo pone dalla parte dello Stato e della legalità proprio perché convinto che essi rappresentano il supporto ideale per la realizzazione di una società più giusta, migliore e capace di dare sempre risposte concrete ai bisogni della gente. Il tutto ha spiegato nella ferma convinzione che noi rappresentiamo il volontariato più fermo, una società civile avanzata, i più sani principi della famiglia, nella consapevolezza che il rotariano resta tra i più abili e intelligenti costruttori di sogni, utopie e realtà che aiutano la società moderna a crescere. In questa ottica ben precisa il Governatore del Distretto 2100 Pietro Niccoli non ha mancato di evidenziare che uno dei valori di sicuro riferimento resta l etica, definita un requisito essenziale del nostro modo di vivere, nella rettitudine morale e nella più complessiva condotta di vita. Entrando nel vivo dell argomento che ha interessato il folto pubblico che ha partecipato all assise rotariana dell Hotel President, accreditata dal consiglio dell ordine forense, Niccoli ha anche inteso rilevare che il cittadino deve dimostrare di credere fermamente nei principi morali, nel valore delle istituzioni locali, nello Stato, rispettando le leggi, accettando le regole di convivenza civile, osservando il rispetto, la dignità e la libertà del prossimo. Eloquente e di grande intuito, oltre che permeato di una attenta e delicata riflessione, un passaggio del suo intervento finale quando ha riportato un pensiero del grande Corrado Alvaro La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile. Messaggio colto con forte attenzione dall assemblea dalla quale si è congedato riportando anche una altrettanto significativa espressione di Robert Kennedy che citando Bernard Show ebbe a dire: ci sono coloro che guardano le cose come sono e si chiedono perché. Io sogno cose che non ci sono mai state e mi chiedo perché no!. Pietro Niccoli per offrire il senso auspicato all importante kermesse rotariana ha elevato il parterre dei protagonisti dando la parola a figure di alta autorità istituzionale e cattedratica come l avv. Ernesto d Ippolito, Presidente emerito dell unione degli ordini forensi della Calabria, al dott. Franco Mollace, Sostituto procuratore generale presso la corte d appello di Reggio Calabria e al dott. Pietro Antonio Sirena, Presidente della IV

14 maggio_master:layout :34 Pagina 13 Eventi 13 to la scelta di campo o Mollace, Pietro Antonio Sirena tary sale in cattedra sezione penale della Suprema Corte di Cassazione. Ernesto d Ippolito ha confermato la sua indiscussa ed elevata caratura culturale compiendo una straordinaria analisi sul ruolo delle vecchie agenzie educative, famiglia, chiesa, scuola, società, stato, istituzioni che hanno perduto gran parte della loro tradizionale funzione. Si è affidato all abile resoconto delle cronache dei nostri tempi per aiutarci a capire che l attuale stato di crisi è senza precedenti ed estremamente rischioso. Nel suo intelligente racconto della storia di oggi si è chiesto perché l Italia è con l acqua alla gola, ricorrendo non più alla politica e ai partiti ma ai tecnici. E chi più del Rotary ha detto, tra l altro, l illustre e prestigioso cattedratico può interrogarsi su cause, motivi, prospettive della crisi, delle crisi, immune da tentazioni personali di interesse, da personalismi ed egoismi? Per Ernesto d Ippolito l esame sincero e disincantato della società contemporanea impone a tutti la obiettiva diagnosi di un malessere diffuso, alla base del quale di primaria importanza e pericolosa incidenza c è il fallimento delle agenzie educative. Forte, poi, la stoccata alla politica. La politica non indica modelli virtuosi, non li esalta e premia, non mostra severe sanzioni per quanti perseguono il proprio particulare guicciardiniano con cinismo e prepotenza. Poi riferisce che due dati ci appaiono interessanti e negativi: un certo senso della famiglia e l arte di arrangiarsi, cui l italiano confessa di ispirarsi per risolvere i suoi problemi. Esalta il Rotary quando sottolinea che il rotariano ed il Rotary hanno possibilità di realizzazione, di progettazione, di organizzazione che un volontariato disperso e poco numeroso non possiede. Il suo intervento è, tra l altro, anche un crescendo rossiniano contro il malaffare e l illegalità e che per combatterle -a suo avviso- servono regole severe e istituzioni decise ad applicarle. Per Ernesto d Ippolito serve, soprattutto, un azione convinta dei cittadini che non abbiano il timore di essere definiti moralisti, che ricordino in ogni momento che la vita pubblica esige rigore e correttezza. Trova larga eco la relazione di Franco Mollace, magistrato di frontiera, impegnato in prima linea contro chi viola la legalità. Le sue esperienze lasciano capire che è caposcuola di una società che vive e crede fortemente nella strenua difesa dei diritti dei cittadini. Non fa cadere l attenzione la eccellente esposizione di Pietro Antonio Sirena che incassa una super attenzione da parte dei presenti. La sua storia di magistrato e di non comune personalità che aiuta lo Stato a uscire dal degrado emerge in maniera straordinaria. Il Rotary si pregia di un intervento di forte levatura. Quasi una lezione magistrale, fatta di contenuti che trovano perfetta rispondenza nella storia reale. Lo stile, la signorilità, il modo di porsi del magistrato che ha offerto un saggio della sua bravura anche in terra calabrese, alla corte d appello di Catanzaro, lascia esterrefatta l assemblea che alla fine ringrazia il Distretto 2100 del Rotary Internazional per questa splendida pagina di storia vissuta in un fazzoletto di terra assai caro al Governatore Pietro Niccoli che ne ha voluto il massimo rilievo. Giuseppe Sarlo

15 maggio_master:layout :34 Pagina Sicurezza sanitaria su tutto il territorio Primo Soccorso modello Caserta Primo soccorso, il Rotary di Caserta ancora una volta in prima linea. In collaborazione con l'azienda ospedaliera della città e in particolare con la Centrale operativa del 118, ha promosso il convegno su Importanza dell insegnamento del primo soccorso ai cittadini, con l'obiettivo di contribuire a migliorare la qualità del soccorso immediato nei confronti dei cittadini bisognosi di una prima rianimazione cardio-polmonare. E ciò attraverso la cultura della diffusione capillare sul territorio di defibrillatori semiautomatici ed alla formazione di personale abilitato al loro corretto uso. All'iniziativa ha collaborato direttamente anche la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere guidata dal dottor Corrado Lembo, che ha ricevuto dal presidente del Rotary Club Caserta Antonio Citarella un defibrillatore per la partecipazione del personale della Procura al corso BLS-D (Basic Life Support Defribillation) organizzato dall'azienda ospedaliera e coordinato dal responsabile della centrale operativa del 118 Roberto Mannella, anch'egli rotariano. Il defibrillatore come strumento per salvare vite, è stato il messaggio che i vari relatori del convegno hanno posto all attenzione della gremita platea dell Aula Magna, affollata per l occasione da numerose autorità istituzionali ed associative, ma anche da studenti e cittadini. Ad aprire i lavori il Direttore Generale dell Azienda Ospedaliera Sant Anna e San Sebastiano Francesco Bottino e il Direttore Generale dell ASL di Caserta Paolo Menduni, che come ha anche ribadito successivamente intervenendo come ospite ad una conviviale rotariana, ha rimarcato l importanza di una corretta informazione tra la cittadinanza nelle tematiche del primo soccorso, compreso l utilizzo dei defibrillatori ed evidenziando la necessità di una maggiore integrazione tra enti pubblici ed istituzioni del territorio al fine di regolamentare opportunamente la gestione delle emergenze mediche, tenendo come punto di riferimento la tutela della salute anche nella difficile congiuntura economica che investe anche il mondo della sanità. Profondo e ricco di spunti interessanti è stato l intervento del Presidente provinciale della Croce Rossa Italiana on. Gianni Piccirillo che ha affermato come la prima condizione di libertà sia la salute e che in tal senso la Croce Rossa Italiana concorre con tutte le altre istituzioni, sanitarie e non, alla finalità della tutela della salute dei cittadini, ovvero non il diritto alla salute, ma la salute dei diritti. Carismatico e pregnante è stato l intervento del Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere dottor Corrado Lembo, che ispirandosi ai valori della Costituzione, ha evidenziato la comunanza dello spirito che ha animato l iniziativa sottolineando anche l'impegno del Rotary di Caserta: L azione della Procura, che come sancito dall articolo 2 della Costituzione che riconosce e garantisce i doveri di solidarietà sociale, è orientata verso una proficua collaborazione tra le Istituzioni, chiamante necessariamente a tendersi la mano affermando che eventi come questo realizzano una corretta sinergia tra gli enti pubblici nell interesse del cittadino, affrontando tematiche di grande importanza ed impatto sociale soprattutto in un territorio complesso e difficile come quello casertano. Mannella, nel sottolineare l'impegno del Rotary di Caserta, ha dimostrato i vantaggi di una capillare diffusione sul territorio di punti di accesso ad apparecchiature di defibrillazione consentendo interventi rapidi e spesso risolutivi per salvare la vita a persone colpite da improvvise aritmie o problemi cardiaci, in attesa dell arrivo del personale qualificato del servizio 118.

16 maggio_master:layout :34 Pagina LAURIA Lagioiadell adozione Le adozioni internazionali sono in continua crescita Difficoltà legate ai problemi economici e scolastici Continua l impegno del Club di Lauria in favore delle adozioni. Su questo tema ( L adozione, un percorso di vita ) il Club ha riunito intorno ad uno stesso tavolo presso il Midi Hotel di Lagonegro le diverse figure professionali impegnate in questo delicato settore. Scopo del convegno ha affermato presidente del Club, Giuseppe Ferrari- è quello di contribuire alla crescita dell informazione e della consapevolezza, soprattutto nelle famiglie così come negli operatori, dei reali bisogni dei bambini per i quali i singoli Paesi d origine decidono di cercare una soluzione all abbandono con l adozione internazionale che negli ultimi tempi ha fatto registrare un incremento che si aggira intorno al per cento. Dopo i saluti del sindaco di Lagonegro, Domenico Mitidieri del vice presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati, Giuseppe Sabella (entrambi si sono soffermati sull importanza dell associazionismo e sul ruolo decisivo che devono svolgere le figure professionali impegnate su queste tematiche ), e del segretario distrettuale del Rotary, Pasquale Verre ( il Rotary del Distretto 2100 è particolarmente impegnato su queste tematiche, in particolare sulle adozioni a distanza, esegue con attenzione l attività svolta dal responsabile distrettuale, Calogero Bellia, e dei due delegati per la Campania e la Calabria ), il dibattito è stato moderato dalla giornalista del TG 2, Silvia Vaccarezza. Sugli aspetti giuridici del problema si è soffermato il magistrato Vincenzo Starita, giudice presso il Tribunale per i Minori di Salerno, illustrando i contenuti della Legge 184 del 1983 che per la prima volta ha disciplinato in Italia le adozioni internazionali e sui contenuti della riforma entrata in vigore nel 2007 che ha previsto la figura del difensore del minore. Particolarmente seguiti anche gli interventi di Luciano Lebotti e Alda Spillino (rispettivamente Coordinatore delle adozioni internazionali e Sociologa del Gruppo di Volontariato e Solidarietà di Potenza, attivo non solo in Basilicata ma punto di riferimento anche per le altre regioni meridionali). Entrambi hanno illustrato le difficoltà che incontrano coloro i quali decidono di adottare un bambino: problemi economici perché le adozioni costano; problemi familiari perché per poter adottare le coppie devono essere sposate da almeno tre anni; problemi di età che deve essere compatibile con il bambino; problemi scolastici derivanti dalle difficoltà della lingua per i preadolescenti adottati. Da segnalare, infine, l intervento di Massimo Santoro, psicologo, il quale si è soffermato sulle difficoltà che gli operatori sono chiamati a fare in tema di abbinamento perché è una scelta che non può essere sbagliata. Su questo concetto tutti gli intervenuti si sono detti d accordo perché i veri attori delle adozioni sono i bambini. A conclusione della serata alcune importanti testimonianze ed un vivace dibattito. Da segnalare, in particolare la testimonianza di due ragazze adottate, Anna Grazia e Maria, e dei soci Alfonso Chiacchio e Vincenzo Labanca (entrambi hanno adottato tre bambini stranieri). A giudizio di quest ultimo, autore di un libro dedicato all argomento, l adozione è un miracolo che nasce da due tragedie (una per i genitori e l altra dei bambini adottati) dalle quali nasce una grande gioia. Giuseppe D Amico

17 maggio_master:layout :35 Pagina MELITO Una vita in fumo Importante progetto rotariano nelle scuole di primo e secondo grado Grave esposizione riguardante i danni funzionali a livello respiratorio Il Rotary Club di Melito Porto Salvo Area Grecanica Capo Sud, presieduto da Walter Scerbo, ha avviato, grazie alla Socia Caterina Autelitano, un progetto di pubblica utilità nelle scuole di primo e secondo grado, per informare e sensibilizzare studenti e docenti sui danni derivanti dal fumo da sigaretta. Relatore Antonino Scaramuzzino, primario del reparto di Pneumologia e Broncoscopia del Policlinico Madonna della Consolazione di Reggio Calabria, nonché Presidente della Sezione Calabria della Società Italiana di Pneumologia. Scaramuzzino, dopo aver fatto un excursus storico sul tabacco e sulla introduzione del suo uso nell abitudine del fumo, si è soffermato sulla scioccante quantità di sostanze che si liberano durante la sua combustione e sugli effetti patologici di esse sulle funzioni dei vari organi ed apparati del nostro organismo. Una particolare attenzione l ha riservata ai catrami ed ai metalli pesanti, quali fonti di malattie neoplastiche a livello polmonare ed alla nicotina, per le caratteristiche ubiquitarie e per i devastanti effetti sul circolo. Particolarmente impressionante è stata l esposizione riguardante i danni funzionali a livello respiratorio: il sequestro operato dall abitudine al fumo di un buon dieci per cento dell emoglobina, a causa del suo legame tenace con il monossido di carbonio e la sua esclusione funzionale dalla ematosi, con conseguente decurtazione della riserva funzionale dei polmoni; la cronica costrizione dei muscoli dello Rasmussen all imbocco dei bronchioli terminali e la ovvia difficoltà al passaggio dei gas; la deposizione negli alveoli degli elementi particolati, con alterazioni pneumocitiche ed ispessimento della membrana alveolo-capillare, consequenziale rallentamento del passaggio dell ossigeno e della anidride carbonica nei due sensi, ossia dagli alveoli al sangue e dal sangue agli alveoli. Il dottor Antonino Scaramuzzino, alla fine, si è soffermato sugli effetti devastanti del fumo su Cultura della famiglia LAMEZIA TERME "Il grande sogno del matrimonio": questo il tema della conversazione tenuta dallo psichiatra e psicoterapeuta Cesare Perri. L iniziativa è stata promossa dal Rotary Club di Lamezia Terme, presieduto da Antonio Mallamo. Il relatore si è soffermato sul percorso di coppia, nel solco della familiaris consortio, promulgata da Papa Giovanni Paolo trent'anni fa e considerata una pietra miliare nel magistero della Chiesa sulla famiglia. La conversazione ha offerto utili spunti e strumenti per individuare alcune aree conflittuali -interne alle coppie- e percorsi di sostegno reciproco. Lo slogan "due cuori e una capanna" -ha spiegato lo psicoterapeuta- non rende assolutamente la verità di un cammino di coppia e di famiglia per il quale è necessario un progetto che duri nel tempo, così come sono necessarie solide fondamenta ed una buona architettura che regga agli urti, che protegga dal vento delle difficoltà e dai cambiamenti che le diverse stagioni della vita portano con sé. Raffaella Gigliotti ogni ambito del circolo, sul quale provoca alterazioni funzionali ed organiche di difficile reversibilità e sulla utilità di tre semplici esami per esplorare efficacemente la funzione respiratoria: la pneumotacografia, la broncoscopia, l emogasanalisi. Pur essendo l argomento di alto valore scientifico, la capacità di renderlo divulgativo, unitamente alla drammaticità delle immagini, ha fatto sì -ha sottolineato Walter Scerbo- che si colpisse nel segno, ossia sapere, essendone consapevoli, quanti e quali danni si evitano non fumando.

18 maggio_master:layout :35 Pagina COSENZA Libertà e unità dei Giacobinimeridionali Un viaggio nel primo Risorgimento italiano, pagina esaltante ma troppo frettolosamente ed immeritatamente rimossa dal ricordo storico contemporaneo, grazie alla presentazione del libro I Giacobini di Giuseppe Prantera Dimorano. L iniziativa è stata voluta ed organizzata dal Rotary Club Cosenza che, in questo modo, ha inteso esaltare un momento importante del lungo processo che ha portato all unità d Italia perché, nonostante la tragica conclusione della Repubblica Partenopea, i sentimenti di libertà, unità ed indipendenza tanto cari ai Giacobini meridionali, rappresentarono la base dalla quale partirono, anni dopo, i protagonisti del Risorgimento italiano. Dopo i saluti e l introduzione del Presidente del Rotary Cosenza Matteo Fiorentino il quale ha spiegato i motivi che hanno indotto il club ad organizzare la serata, è toccato allo storico Coriolano Martirano, Past-Governor del Distretto Rotary, presentare l opera che, con grande garbo letterario, dovizia di particolari ed un obiettività che rende credibile la storia, traccia un quadro esplicativo di quel periodo. Il filo conduttore del libro è proprio la ricerca dell unità nazionale, della libertà e dell indipendenza. I Giacobini, visti da molti come un movimento violento, danno il loro principale contributo alla stagione dell Illuminismo dal punto di vista strettamente culturale proprio perché si fanno portatori del sentimento e dell idea di nazione unita. Concludendo la sua presentazione, il PDG Martirano, ha sottolineato come il libro rappresenti l occasione per penetrare nell effervescenza della stagione quando, gridare viva l Italia, voleva dire inneggiare alla libertà ed all indipendenza. L autore del libro, nel ringraziare il Rotary Cosenza per l occasione, ha sottolineato l importanza di quella fase della storia italiana e l apporto dato da giovani patrioti calabresi come Francesco Saverio Salfi, Domenico Bisceglia ed Antonio Toscano veri protagonisti di quell epoca eroica e, per certi versi, complessa e drammatica che ha profondamente segnato la vita della nostra Italia. Una serata molto interessante, che ha appassionato il pubblico presente composto da rotariani e non; da ricordare la presenza del PDG Francesco Socievole e del Segretario Distrettuale Pasquale Verre. Le conclusioni sono state affidate al Governatore del Distretto, Pietro Niccoli, il quale ha sottolineato con viva soddisfazione la valenza dell incontro che ha dimostrato come, il Rotary, sia in grado di fare cultura sottolineando l attualità e l importanza dei valori evidenziati nel libro.. Roberto Barbarossa SORRENTO Cosa farò da grande? Studenti di Sorrento aperti ad un ampio e interessante confronto sul tema: Cosa farò da grande. L incontro, promosso dal Rotary di Sorrento di cui è presidente Mariano de Cesare, è stato molto utile grazie all impegno della preside del liceo Salvemini Patrizia Fiorentino e della professoressa Paola Esposito. Il dibattito è stato aperto dal presidente del Rotary De Cesare, che ha illustrato il ruolo culturale e sociale puntualmente svolto nel mondo dal Rotary. Preziosi anche gli interventi di Giancarlo Spezie, Aniello Falcone, Claudio D'Isa che si sono, rispettivamente, soffermati sulle prospettive che possono interessare le nuove generazioni sul piano scientifico, tecnico e della magistratura.

19 maggio_master:layout :35 Pagina Patto d amicizia rotariana Avellino e la Grande Mela Il prossimo 1 giugno, il Rotary Club Avellino, guidato dal presidente Domenico Fioretti, sarà negli Stati Uniti per un gemellaggio con uno dei più antichi Rotary Club del mondo, quello della città di New York. Il Club statunitense, il cui presidente è Giorgio Balestrieri, le cui origini italiane sono più che chiare, ha già stretto rapporti con diversi Rotary Club Italiani. Il Rotary Club Avellino, nel segno di questa disponibilità a stringere amicizia e partnership tra le due sponde dell Atlantico, ha deciso di cogliere l occasione per proseguire con la tradizione di amicizia con il popolo americano, in particolare con la gente di New York, città nella quale fra l altro la comunità italiana è molto numerosa, organizzando un Interclub con il blasonato Club americano. Speaker d eccezione della manifestazione ufficiale di gemellaggio sarà il console italiano a New York. E ben noto come gli italiani, - dice il presidente Fioretti- superando stereotipi che ci trasciniamo da anni, abbiano saputo prendere posto nella società americana assumendo anche ruoli di rilievo. Fra tutti Rudolph Giuliani, sindaco di New York proprio nel settembre 2001, e Mario Cuomo sono stati per anni alla ribalta politica del paese a stelle e strisce. L occasione sarà utile per stringere rapporti di amicizia, per presentare la Città e la Provincia di Avellino ai soci americani, per invitarli a visitare l Italia e soprattutto la nostra zona, dove le La Twinship Chart che verrà firmata in occasione del gemellaggio opportunità di scambio economico con gli Stati Uniti non mancano e dove i rapporti commerciali sono già presenti da anni, per esempio nel campo dell enologia. La visita a New York prevede anche una tappa a Ground Zero, dove oltre dieci anni fa perirono migliaia di persone, e tra queste diversi italoamericani, nella tragedia delle Twin Towers e una visita alla sede dell Onu, dove il Rotary International ha un seg- gio permanente. In questa occasione speriamo di poter incontrare il rappresentante rotariano al Palazzo di Vetro. I soci hanno aderito entusiasti e non vedono l ora di iniziare il viaggio, dal quale siamo certi torneremo ricchi di nuove esperienze, di opportunità e di emozioni forti, all interno delle quali sicuramente i sentimenti rotariani avranno un posto predominante. Fiore Candelmo

20 maggio_master:layout :35 Pagina SALERNO EST, SALERNO NORD DUE PRINCIPATI, ROTARACT CLUB CAMPUS Lezione sulle cellule staminali La ricerca su alcune applicazioni delle cellule staminali è ancora allo stato sperimentale, ed è svolta prevalentemente su modelli animali, ma le cellule staminali midollari sono già ampiamente utilizzate per curare anemie plastiche, diabete, leucemie, linfomi, immunodeficienze primitive. Risposte positive arrivano anche dalle sperimentazioni sulla cura di malattie come il Parkinson e l Alzheimer. A fare il punto sulla ricerca delle cellule staminali è stato Vincenzo Casolaro, professore di Immunologia Clinica all Università di Salerno, nel corso dell interclub promosso da Salerno Est, Salerno Nord Due Principati, Rotaract Club Campus, presieduti,rispettivamente, Camillo Volzone, Eva Anzalone, Valeria Vitolo. Durante l incontro dal titolo Attualità e promesse della ricerca proposto dall ingegner Massimo Serravalle, Past- President del Club Salerno Est, il professor Casolaro ha mostrato quali sono le opzioni disponibili delle cellule staminali e su quali concetti di biologia cellulare e molecolare si basano. Le cellule staminali possono essere usate, anche quando un paziente, a causa di un tumore deve fare la chemioterapia che uccide molte cellule: Prima di farla, si possono prelevare le cellule staminali sane dal midollo osseo del paziente per poi inocularle al paziente stesso dopo la conclusione della chemio ha spiegato il professor Casolaro che ha illustrato i possibili utilizzi delle cellule staminali: La possibilità di generare in vitro organi prima di trapiantarli come il fegato e la mucosa intestinale. In Florida, ultimamente, è stato dimostrato che il tempo di guarigione, in seguito a infarto del miocardio, è molto accelerato in seguito ad iniezione nel pericardio di cellule staminali derivanti da midollo. Molto c è da fare, quindi, sulle applicazioni cliniche e anche dal punto di vista etico per quanto riguarda l utilizzo delle cellule embrionali: Quelle prelevate dal sangue di cordone ombelicale,invece, si stanno usando in diverse applicazioni ha precisato il professor Casolaro, che ha anche spiegato: Le grandi compagnie che s interessano di cellule staminali, ritengono non conveniente investire sulle stesse, tranne che nel campo cosmetico. ALTO CASERTANO E VALLE TELESINA Solidarietà per l Africa Da incorniciare la serata di gala organizzata al Tour D Argent dal Rotary Club Alto Casertano Piedimonte Matese in collaborazione con il Rotary Club Valle Telesina per la raccolta di fondi Pro Africa. I due presidenti Pasquale Simonelli e Pasquale Lavorgna hanno sottolineato la grande valenza che assume la gara di solidarietà verso i più deboli e hanno illustrato il progetto Dissetiamo l Africa. Mauro Caruso, redattore del progetto, ha messo in risalto l installazione di alcune pompe sommerse azionate con pannelli solari e munite di grossi serbatoi per conservare l acqua suffi- ciente per tutta la comunità. Per mantenere un minimo di freschezza ai serbatoi è prevista anche la coibentazione con materiale specifico. Caruso ha assicurato il suo personale, gratuito, intervento per il trasporto del materiale e il successivo impianto nella località scelta dai Rotary Club Alto Casertano Piedimonte Matese e Valle Telesina. Grande soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori ed in particolare dal presidente Simonelli e dal tesoriere Pasquale Terracciano. Alla manifestazione sono intervenuti i Presidenti del Parco regionale del Matese, Pino Falco, e della Comunità Montana del Matese, Fabrizio Pepe, il sindaco di Guardia Sanframondi Floriana Pansa e gli assessori del comune di Piedimonte Matese Benny Iannitti e Attilio Costarella. Hanno allietato la serata La Posteggia Napoletana con Mimmo Civitillo, Angelo Feola, Vincenzo Gnassutta, l Amarcord Quintet con Andrea De Blasi, Antonella Scappaticcio, Luigi Zazzarino, Saverio Colella, Gabriele Cassella, il trio I Blues Man con Angelo Feola, Vincenzo Gnassutta, Gianpaolo Feola. Nicola Iannitti

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli