Comparazione degli effetti sulla guida fra uno psicofarmaco di ultima generazione e l alcool

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comparazione degli effetti sulla guida fra uno psicofarmaco di ultima generazione e l alcool"

Transcript

1 Psicologia Comparazione degli effetti sulla guida fra uno psicofarmaco di ultima generazione e l alcool Che i farmaci antipsicotici deteriorino le prestazioni di guida è noto sin dalla loro prima comparsa; anzi, la prima generazione di psicofarmaci appariva talmente invalidante che vari uffici localmente competenti sulle patenti in Italia avevano acquisito i nominativi dei soggetti trattati dai servizi psichiatrici e tolto ipso facto la patente ai pazienti. Tuttavia, l importanza della guida per la riabilitazione psichiatrica da un lato, l arrivo di alcuni psicofarmaci meno invalidanti, come quelli a base di Litio, dall altro lato, e molti di quelli di ultima generazione, hanno indotto molti Stati, fra cui l Italia, a mantenere sì un divieto generico di guida sotto l effetto dei farmaci psicotropi, ma lasciando alla valutazione del medico curante la compatibilità con la guida per il singolo paziente. Valutazione purtroppo difficile e normalmente priva di verifiche scientifiche. La Commissione Europea, considerando che anche la concentrazione alcolemica consentita in molti Stati è essa stessa parzialmente invalidante, ha finanziato un ampio progetto di ricerca comparata fra gli effetti della quantità consentita di alcool, da un lato, e quelli connessi all uso di droghe e di farmaci, dall altro. A tale progetto era stato attribuito dapprima il nome inglese ENABLE, per riunire nella stessa parola sia il concetto relativo alla capacità di un soggetto a guidare, sia con accezione burocratica relativa all autorizzazione a mettersi alla guida di un veicolo. Poi il titolo è diventato DRUID, DRiving Under the Influence of Drugs, alcohol and medicines. Sperimentare gli effetti di uno psicofarmaco sulla guida di pazienti psicotici presenta problemi peculiari. Da un lato, usare i simulatori di guida in un laboratorio non attiva i meccanismi emotivi che in questo tipo di pazienti incidono molto sull efficienza; dall altro lato, far guidare questi pazienti nel traffico reale presenta problemi giuridici ed assicurativi irrisolvibili, e rischi non accettabili dai Comitati Etici. In Italia, l équipe di SIPSiVi, Società Italiana di Psicologia della Sicurezza Viaria, come membro del Consorzio DRUID, ha trovato una soluzione intermedia nel circuito di ACI-Vallelunga, progettato proprio per imitare tipiche difficoltà stradali che possano indurre in errori tipici, ma predisponendo bordi (ed altri accorgimenti) tali da annullare le conseguenze degli errori. Ottenuta la concessione del circuito e delle sue attrezzature, abbiamo concordato con l équipe psichiatrica dell ASL RM7, competente su quel territorio, l accompagnamento di 15 pazienti psicotici sotto trattamento di uno psicofarmaco di ultima generazione, il Risperidone-Paliperidone. Le loro analisi ematiche, come la più parte delle altre analisi di DRUID, sono state effettuate a cura di Gisela Skopp presso l istituto di medicina legale di Heidelberg, Germania. Le prestazioni di guida dei pazienti sono state misurate utilizzando lo strumento VisLab, assistito dai ricercatori dell Università di Pavia. L impostazione e l attuazione delle prove è stata seguita anche dagli psicologi GianMarco Sardi e Claudio Signoretti; il prof. Richard Freeman ha collaborato all analisi dei dati ed alla stesura finale del report 1

2 completo 1. Il particolare impegno dell équipe psichiatrica per l inserimento lavorativo dei pazienti ha consentito a questi di superare la paura di perdere la patente e la copertura assicurativa, che normalmente impedisce loro di partecipare a questi esperimenti. Per tale timore, altri psicofarmaci sono stati testati di solito su soggetti sani, o transitoriamente bisognosi di sostegno farmacologico. Ad esempio, alcuni antidepressivi sono stati testati su soggetti in lutto per qualche grave perdita. Quasi tutti gli altri psicofarmaci sono stati testati in laboratorio o valutati per stime da parte di esperti, non sperimentalmente come in questo caso, che può considerarsi innovativo. Ad ogni modo, è opinione ampiamente condivisa che gli psicofarmaci di seconda generazione siano meno invalidanti dei precedenti. Soyka, et al. (2005) 2 nota che esiste qualche prova, ancorché limitata, che pazienti sotto nuovi neurolettici atipici mostrano meno riduzione delle capacità rispetto ai neurolettici convenzionali. Sono necessari più studi clinici e sperimentali. In precedenza, una rassegna da parte di Meltzer e Gurk (1999) 3 notava chiari miglioramenti rispetto alle disfunzioni cognitive nella schizofrenia, specialmente per quanto riguarda memoria verbale e lavorativa, attenzione, funzione esecutiva, coordinazione motoria nel Risperidone, uno di questi nuovi antipsicotici, che sembra dunque dare risultati migliori degli altri antipsicotici di nuova generazione. Tuttavia, non vi è ancora consenso circa la riduzione di efficienza nella capacità di guida prodotta dal Risperidone. Nella Review of existing classification efforts, allegata ai risultati di DRUID, risulta per il Risperidone (N05AX08) quanto segue. Non è classificato sotto Wolschrijn, et al. (1991) 4 ; è classificato II (probabile che produca minori o moderati effetti negativi) da ICADTS (International Council on Alcohol, Drugs and Traffic Safety) e classificato anche II (con circa lo stesso significato attribuito da ICADTS) in Belgio, Spagna, Portogallo e nella prima edizione della Francia. Tuttavia, la seconda ed ultima edizione francese lo classifica come III (attenzione, pericolo: non guidare). Quest ultima classificazione, introdotta nel 2005, è legalmente coercitiva e riprodotta sulle scatole del farmaco. L ultima edizione della Grecia lo classifica con un +, che significa ha impatto sulla capacità di guida mentre la Norvegia con w, che significa sostanza psicotropa con avvertimento. Altre classificazioni lo ignorano. In pratica, solo l ultima normativa della Francia proibisce di guidare sotto Risperidone. Il nostro studio è stato condotto usando uno schema doppio cieco combinato. Il gruppo sperimentale stava assumendo una dose regolare di Risperidone (3-4 mg/die). Ambedue i gruppi, sperimentale e di riferimento, venivano controllati per l uso di droghe, ed i soggetti venivano inclusi solo se negativi. I soggetti 1 Confronta in inglese da pag. 216 a pag. 225 del Deliverable 1.2.2, Cap Soyka, M., Kagerer, S., Brunnauer, A., Laux, G. and Moller, H.J. (2005). Driving ability in schizophrenic patients: effects of neuroleptics. International Journal of Psychiatry Clinical Practice, 9(3), Meltzer, H.Y. and McGurk, S.R. (1999). The effect of clozapine, risperidone, and olanzapine on cognitive function in schizophrenia. Schizophrenia Bulletin, 25, Wolschrijn, H., De Gier, J. J. and De Smet, P. A. G. M. (1991). Drugs and Driving: A New Categorization System for Drugs Affecting Psychomotor Performance. Technical Report. Limburg, The Netherlands: Institute for Drugs, Safety and Behavior, University of Limburg. 2

3 inclusi nel gruppo di riferimento, corrispondente a quello sperimentale per età, sesso, peso e Km percorsi annualmente, avevano ricevuto alcool puro al 98% mescolato con 200 mg di succo d arancia amara in una formula proporzionale peso/concentrazione in modo da raggiungere la concentrazione alcolemica nel sangue di 0,5 g/l, la massima consentita in Italia e nella maggior parte dei Paesi europei. Il placebo somministrato random a metà del gruppo di riferimento consisteva in succo di arancia. Il gruppo sperimentale, sotto Risperidone, veniva accompagnato a Vallelunga da due psichiatri e quattro infermieri. Ambedue i gruppi accedevano al circuito in numero massimo di cinque, alle ore 8.00 del mattino, ricevevano informazioni e dopo firmavano un consenso informato. Poi effettuavano le prove entro le ore Gli infermieri hanno raccolto i campioni (siero, sangue intero e macchia secca di sangue) prima delle prove di guida. Per ragioni di privacy, la codificazione dei campioni era effettuata dal personale sanitario, che provvedeva anche alla centrifugazione ed all invio al laboratorio di Heidelberg. Ogni soggetto, oltre a ricevere le istruzioni, praticava, prima di ciascuna prova, le manovre sino a raggiungere una saturazione dell apprendimento. La prima prova consisteva in un adattamento del Road tracking, traducibile in italiano come tracciato all interno della strada, in pratica la misurazione dell ondeggiamento a serpentina che tipicamente è causato da eccessiva alcolemia. Questa prova è stata perfezionata in Olanda, Paese in cui la legislazione consente lo smercio ed il consumo di varie droghe leggere. Louwerens, Gloerich, de Vries, Brookhuis, & O Hanlon (1987) hanno costruito il Road tracking test con le seguenti caratteristiche: velocità costante di 95 Km/h, traiettoria più diritta possibile, con misurazione principale della SDLP, Standard Deviation from Lateral Position, deviazione media dalla posizione laterale e, come misurazione secondaria, quella della velocità e delle sue variazioni. Con questo test sono state calibrate le conseguenze sulla guida di molte sostanze, a partire dall alcool: le oscillazioni a serpentina crescono in proporzione alla sua concentrazione nel sangue. Gli esperimenti olandesi sono effettuati in autostrada, su lunghi percorsi diritti, a velocità elevata, per cui evitare le oscillazioni a serpentina costituisce la maggiore difficoltà. Modificare la distanza dal bordo strada, invece, può essere ragionevole rispetto alle esigenze di altri conducenti; sul circuito la prestazione diventa più simile a quella di una strada cittadina, in cui si tratta di trovare il percorso giusto fra ostacoli a sinistra e a destra, e diventa più difficile rispettare una distanza corretta e prefissata rispetto alla linea bianca che a destra protegge pedoni e ciclisti, nonché rispettare una velocità prescritta, ovviamente più bassa che nella guida autostradale. Anche nell adattamento italiano abbiamo preso in considerazione le prestazioni dei soggetti sotto i 0,5 mg/ml di alcolemia, come riferimento per le prestazioni dei soggetti sotto Risperidone. Per meglio comparare i nostri risultati con quelli olandesi, inoltre, abbiamo separato le misurazioni nelle curve strette, che in autostrada non esistono, dalle misurazioni nei tratti rettilinei del circuito. La velocità qui prescritta era di 30 Km/h, in due condizioni: con il contachilometri visibile o viceversa celato, anzi, disattivato, perché il VisLab continuava a misurare la velocità separatamente. In assenza di traffico reale, è stato possibile richiedere al conducente di tenere una distanza fissa di 30 cm dalla linea bianca sul lato destro, come nel traffico reale può essere necessario in caso di restrizione da sinistra e di eventuale presenza pedonale o ciclistica da destra. L automobile usata era equipaggiata con un DPM, Driver Performance Monitor, sviluppato dal gruppo di ricerca VisLab, comprensivo di una telecamera, di un computer e di un quadro touch-screen a disposizione del passeggero che seguiva da bordo l esperimento, selezionando e controllando le diverse prove in corso. Tale DPM permette l acquisizione di dati senza restrizioni di scenario e una notevole miglioria della validità dell analisi. Inoltre, potenziato da algoritmi avanzati, il DPM ha consentito di gestire diverse prove per estrarre un profilo completo delle prestazioni di ogni conducente. 3

4 In questa prima prova i dati principali collazionati sono: la posizione del veicolo rispetto alla linea bianca, la sua velocità ed i tempi di reazione del conducente. Una seconda prova consisteva nel Sudden event, o evento improvviso. Il conducente raggiunge la velocità di 40 Km/h e passa vicino ad una paratia dalla quale un automobile per bambini (bobby car) può apparire sbucando in un set randomizzato di passaggi. La bobby car viene rilasciata nell istante in cui la fronte dell automobile passa davanti ad una fotocellula, ma il VisLab comincia a misurare i tempi di reazione solo quando la bobby car diventa visibile al conducente e ferma la misurazione quando il conducente comincia a frenare. VisLab misura anche la lunghezza del percorso dopo l inizio della frenata ed i movimenti del volante (angolo e velocità della rotazione). Prove di guida. Traiettoria su strada Per le quattro misurazioni sui tratti rettilinei (velocità media, deviazione standard dalla media, posizione laterale media e deviazione standard dalla posizione laterale, qui richiamata con le iniziali inglesi SDLP), nessuna differenza è risultata significativa, ma la SDLP (cioè l oscillazione della traiettoria a serpentina) si avvicinava alla significatività (F1.5, 20.4 = 3.60, p =.058), con una tendenza a variazioni più ampie nella distanza dalla linea bianca per il Risperidone. Quando alla consegna suddetta si aggiungeva il compito di monitoraggio della velocità, abbiamo rilevato un effetto significativo per la posizione laterale (F2, 28 = 3.79, p =.035), con una differenza significativa fra le condizioni di alcool e di Risperidone (t14 = 2.17, p =.048). Cioè, quei conducenti che erano sotto effetto dell alcool si tenevano troppo vicino alla linea bianca: invece che a 30 cm come richiesto, questi si tenevano mediamente a 22, mentre quelli sotto placebo stavano mediamente a 29, e quelli sotto Risperidone a 32 cm. Le tre collocazioni si possono vedere sinotticamente nella Fig. 1. Fig. 1 - Distanza laterale media dalla linea bianca a dx, tenuta nelle tre condizioni di guida, rispetto alla richiesta distanza di 30 cm, qui segnata dalla linea rossa. Per le ragioni sopra richiamate, questi risultati, presi da soli, sono difficilmente comparabili con quelli ottenuti in autostrada dagli olandesi, che invece si sono dimostrati molto interessati al comparare con i propri i risultati seguenti, concernenti la SDLP, cioè l oscillazione della traiettoria a serpentina. Anche questo compito, quando abbinato alla richiesta di controllare la velocità, mostrò un effetto significativo (F2, 28 = 3.65, p =.039), con una differenza significativa fra l alcool ed il Risperidone (t14 = 2.65, p =.019) con una variazione più grande nella distanza dalla linea bianca per i conducenti sotto Risperidone. Evento improvviso Per l improvvisa apparizione dell automobilina sulla strada, il tempo di reazione per l inizio della frenata è risultato significativo (F2, 28 = 3.52, p =.043), mentre non si riscontrava una differenza significativa fra l alcool ed il Risperidone (t14 =.66, p =.518). Sia i tempi di reazione medi causati dall alcool (340 ms) che quelli causati dal Risperidone (300 ms) sono risultati più lenti, di circa un terzo, rispetto a quelli dei soggetti sotto Placebo (210 ms), come si può vedere in Fig. 2. 4

5 Fig. 2 - Tempi di reazione (in millisecondi) all evento improvviso nelle tre condizioni di guida. Vienna test Per meglio comparare il nostro campione sperimentale con le capacità di guida della popolazione generale, alcuni psicologi lo hanno sottoposto ad uno dei test più comunemente usati in Europa per le verifiche della capacità di guida, conosciuto come Vienna test. Non tutti i pazienti hanno accettato, per via della diffusa paura che i risultati fossero poi usati per privarli della patente. Degli undici che hanno accettato, nove sono risultati in grado di guidare in sicurezza: una percentuale che i nostri colleghi che utilizzano sistematicamente tali test considerano buona; bisogna infatti tenere conto che il mancato raggiungimento del livello di sicurezza non implica, di per sé, l esclusione giuridica dalla guida. Comunque uno dei due soggetti che non hanno raggiunto il livello di sicurezza era già stato diffidato dai suoi stessi parenti all astenersi dal guidare a causa di incidenti frequenti. La correlazione fra i risultati del Vienna test e quelli delle prove di cui sopra è apparsa abbastanza forte (0.67). Discussione e conclusioni Il quadro risultante è ampiamente coerente internamente, ed anche con i risultati più generali di DRUID, che dimostrano come l alcool, pur godendo ancora di una immagine in generale migliore rispetto alle droghe o agli psicofarmaci, ed essendo quindi ancora molto consumato prima di guidare, non meriti questa presunzione di innocenza. Anche nelle concentrazioni consentite, l alcool determina gravi ritardi nei tempi di reazione ad eventi improvvisi ed una pericolosa tendenza ad avvicinare troppo spensieratamente quel che invece andrebbe tenuto a debita distanza. Dal canto loro, i pazienti sotto Risperidone appaiono temere fin troppo tali avvicinamenti, senza peraltro riuscire a tenere una traiettoria immune dalle oscillazioni a serpentina che caratterizzano pericolosamente la guida sotto alcool. Gli psichiatri sono giustamente tenuti dalla legge a controllare eventuali eccessive manchevolezze dei propri pazienti sotto Risperidone, farmaco che determina conseguenze di rilevanza clinica, anche utilizzando controlli delle prestazioni del paziente mediante strumenti come il Vienna test. Le imprese produttrici di psicofarmaci, invece di limitarsi a generici avvertimenti sulla loro pericolosità, dovrebbero testarli meglio nei loro effetti sulla guida, come il Consorzio DRUID ha fatto per questa ed anche per altre sostanze, dietro finanziamento della Commissione Europea DG-TREN (TREN-05-FP6TR-S DRUID). Riferimenti bibliografici Meltzer, H.Y. and McGurk, S.R. (1999). The effect of clozapine, risperidone, and olanzapine on cognitive function in schizophrenia. Schizophrenia Bulletin, 25, Ramaekers, J. G. (2003). Antidepressants and driver impairment: empirical evidence from a standard on-theroad-test. Journal of Clinical Psychiatry, 64(1), Soyka, M., Kagerer, S., Brunnauer, A., Laux, G. and Moller, H.J. (2005). Driving ability in schizophrenic patients: effects of neuroleptics. International Journal of Psychiatry Clinical Practice, 9(3), Wolschrijn, H., De Gier, J. J. and De Smet, P. A. G. M. (1991). Drugs and Driving: A New Categorization System for Drugs Affecting Psychomotor Performance. Technical Report. Limburg, The Netherlands: Institute for Drugs, Safety and Behavior, University of Limburg. 5

Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale

Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale Francesco Frendo, Riccardo Bartolozzi, Francesco Bucchi Dipartimento di ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione (DIMNP) - Università

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW 1 novembre 2012 Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW Dal 1 novembre 2012, saranno introdotti alcuni cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW. Molti di questi cambiamenti sono semplicemente un

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA Nel corso dell istruzione obbligatoria gli alunni europei sono mediamente sottoposti ad almeno tre test esterni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

REGOLAMENTO ENDURANCE CIRCUITO SAN MARTINO DEL LAGO

REGOLAMENTO ENDURANCE CIRCUITO SAN MARTINO DEL LAGO REGOLAMENTO ENDURANCE CIRCUITO SAN MARTINO DEL LAGO La mancata osservanza delle regole del presente regolamento e/o degli orari delle varie fasi dell'evento, (briefing, etc...) farà scattare la squalifica

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I.

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I. PRESENTAZIONE E OBIETTIVI DEL CORSO I corsi di reclutamento della C.R.I. sono strutturati secondo un sistema modulare, per permettere di entrare nell ente anche a quelle persone che non intendono dedicarsi

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM 3.1 Test di conoscenza sulla EBM 1) Quali sono i due modi principali in cui viene tradotto in italiano Evidence-Based medicine?: a) b) 2) Quali sono

Dettagli

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA Agenda Direttiva 6/2006 Effetto giroscopico La Matrice Scheda di guida Contributi Video dalla Spagna DIRETTIVA 2006/126/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Gli strumenti Governo Clinico

Gli strumenti Governo Clinico Gli strumenti Governo Clinico 1) LINEE GUIDA Sono raccomandazioni di comportamento clinico E non hanno tutte la stessa forza Non tutte le linee guida hanno le stesse caratteristiche di qualità 2) AUDIT

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

L Associazione Italiana Professionisti per la Sicurezza Stradale. Roma 14 Novembre 2014 Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria Università Roma Tre

L Associazione Italiana Professionisti per la Sicurezza Stradale. Roma 14 Novembre 2014 Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria Università Roma Tre L Associazione Italiana Professionisti per la Sicurezza Stradale Roma 14 Novembre 2014 Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria Università Roma Tre COS È LA SICUREZZA STRADALE? La parola sicurezza viene

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale.

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Di Fiorino Mirabella, psicologo e psicoterapeuta, Istituto Superiore di Sanità, comitato scientifico

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

INDAGINE SULLA SEGNALETICA STRADALE 2008

INDAGINE SULLA SEGNALETICA STRADALE 2008 INDAGINE SULLA SEGNALETICA STRADALE 2008 SI TESI DEI RISULTATI Ottobre 2008 I segnali sulle strade d Europa: troppi e mal collocati Perdersi non è mai stato così facile Il 61% degli automobilisti considera

Dettagli

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia HelpedGal Classi: IV B Mattei e IV C Fermi 1. DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE I pedoni sono tutti coloro che interagiscono con la circolazione, scegliendo di muoversi

Dettagli

MIGLIORARE LA SICUREZZA STRADALE DEI PEDONI: DAGLI SCENARI DI INCIDENTE ALLE CONTROMISURE

MIGLIORARE LA SICUREZZA STRADALE DEI PEDONI: DAGLI SCENARI DI INCIDENTE ALLE CONTROMISURE III CONVEGNO LA SICUREZZA SULLE STRADE DELLA CITTA CAMMINARE IN PERIFERIA Lucca, 21 febbraio 2008 MIGLIORARE LA SICUREZZA STRADALE DEI PEDONI: DAGLI SCENARI DI INCIDENTE ALLE CONTROMISURE Dott. Ing. Francesca

Dettagli

Guida Sicura Bosch. TEC Driving System. TEC Driving System. La miglior garanzia di sicurezza siete voi

Guida Sicura Bosch. TEC Driving System. TEC Driving System. La miglior garanzia di sicurezza siete voi TEC Driving System Guida Sicura Bosch La miglior garanzia di sicurezza siete voi 1 TEC Driving System è la Scuola di Formazione del Gruppo Bosch in Italia nata per rispondere alle esigenze di formazione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Conducenti: occhio ai bambini! Guidare con particolare prudenza nei pressi di scuole, fermate di scuolabus o mezzi pubblici. Moderare la velocità e tenersi pronti a frenare

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Videocorso Guida Sicura

Videocorso Guida Sicura GUIDA SICURA Le tecniche di guida per limitare i rischi di chi lavora al volante Slide n. 1 Indice del corso La sicurezza comincia da noi Il guidatore Il veicolo Tecniche di guida Come si affronta una

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA E SPERIMENTAZIONI DELLE CORRENTI DI GRAVITA CHE INTERAGISCONO CON FORME DI FONDO

MODELLAZIONE NUMERICA E SPERIMENTAZIONI DELLE CORRENTI DI GRAVITA CHE INTERAGISCONO CON FORME DI FONDO MODELLAZIONE NUMERICA E SPERIMENTAZIONI DELLE CORRENTI DI GRAVITA CHE INTERAGISCONO CON FORME DI FONDO Relazione di tirocinio di Flavio Consolo matricola 281865 Corso ingegneria civile per la protezione

Dettagli

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO Jesús Palacios Università di Siviglia Milano, 10 giugno, 2011 Ricerca sull adozione La ricerca sull adozione é un fenomeno relativamente recente Si

Dettagli

AVVISO N. 76 AI GENITORI DELLA SCUOLA PRIMARIA

AVVISO N. 76 AI GENITORI DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIAMONTEBELLO Scuola dell Infanzia,Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Via Montebello,18/a- 43123 Parma Tel. 0521252877 fax 0521962435 Cod.Fisc. 80010890343 C.M.PRIC834003

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

Nell'ambito del progetto UR:BAN, MAN sta studiando sistemi di assistenza alla guida per una mobilità più efficiente e sicura all'interno delle città

Nell'ambito del progetto UR:BAN, MAN sta studiando sistemi di assistenza alla guida per una mobilità più efficiente e sicura all'interno delle città Nell'ambito del progetto UR:BAN, MAN sta studiando sistemi di assistenza alla guida per una mobilità più efficiente e sicura all'interno delle città A Braunschweig i ricercatori presenteranno l'attuale

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

La nuova generazione di sistemi di sicurezza MAN

La nuova generazione di sistemi di sicurezza MAN La nuova generazione di sistemi di sicurezza MAN Nuovo sistema di assistenza alla frenata di emergenza EBA con fusione dei sensori di radar e telecamera Segnale di arresto di emergenza (ESS, Emergency

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA università degli studi di padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA anno accademico 2005/2006 PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA Francesco Grigoletto Lo sviluppo

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita Programma innovativo territoriale TR11 INTERVENTI DI RIABILITAZIONE COGNITIVA INTEGRATI NEL PROGETTO TERAPEUTICO- RIABILITATIVO DI PAZIENTI CON PSICOSI SCHIZOFRENICHE E LORO IMPATTO SULL ESITO FUNZIONALE

Dettagli

Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente per il perfezionamento alla guida

Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente per il perfezionamento alla guida Con il patrocinio del Comune, della Provincia e dell Osservatorio Provinciale Sicurezza Stradale di Reggio Emilia 0522 33 16 80 Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 22 Dicembre 2014. www.subaru.it

COMUNICATO STAMPA 22 Dicembre 2014. www.subaru.it EyeSight system: debutta in primavera l assistenza preventiva alla collisione di Subaru Il sistema sarà montato sulla nuova Outback Grazie al nuovo sistema, Subaru è già stata premiata con il massimo punteggio

Dettagli

Tossicodipendenze: tra persona e necessità

Tossicodipendenze: tra persona e necessità Tossicodipendenze: tra persona e necessità Direttore Generale Dr. Enrico Desideri Direttore Amministrativo Dr. Moraldo Neri Direttore Sanitario Dr.ssa Branka Vujovic Direttore servizi sociali Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Identificazione di modulo B 1

Identificazione di modulo B 1 Identificazione di modulo B 1 Titolo Condizioni Competenza Certificato di competenza Livello Obiettivi Distinzione Durata Processi Attestato del livello secondario II o di una formazione equivalente Conoscenze

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle,5 t 1 PREMESSA Il presente documento integra il testo del Protocollo

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Sostanze illecite e guida. Dr. Edoardo Polidori Direttore UOC Dipendenze Patologiche Azienda USL di Forlì

Sostanze illecite e guida. Dr. Edoardo Polidori Direttore UOC Dipendenze Patologiche Azienda USL di Forlì Sostanze illecite e guida Dr. Edoardo Polidori Direttore UOC Dipendenze Patologiche Azienda USL di Forlì Cocaina e guida Guida aggressiva Ricerca della velocità Scarso controllo del veicolo Guida irregolare

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Grounding transfer di simboli con reti neurali

Grounding transfer di simboli con reti neurali Grounding transfer di simboli con reti neurali A. Greco, T. Riga, A. Cangelosi Università di Genova Università di Plymouth Paper presentato al Congresso dell'associazione Italiana di Scienze Cognitive

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005 La Fondazione Ania per la sicurezza stradale La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale nasce nel 2004 per volontà delle Compagnie di assicurazione, al fine di contribuire all impegno assunto da tutti

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale

Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale S E M I N A R I O : L A S A L U T E E S I C U R E Z Z A S U L L A V O R O N E L L A G R A N D E D I S T R I B U Z I O N E E N E L L E R S A C A P A N N O R I

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali

L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano romagnola: dalla lettura dei dati alle azioni di promozione L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali Nicoletta Bertozzi Patrizia

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE

RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE ISTITUTO SPERIMENTALE RINASCITA - A. LIVI - MILANO SCUOLA MEDIA STATALE A ORIENTAMENTO MUSICALE RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE docente: BRUNO GIUSY PREMESSA Moodle è una piattaforma

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

6 ActiMotion. 6.1 Stato dell arte

6 ActiMotion. 6.1 Stato dell arte 6 ActiMotion 6.1 Stato dell arte L ActiMotion è un dispositivo che consente di misurare le accelerazioni attraverso l uso di un accelerometro bi-assiale e di immagazzinare i dati acquisiti in memorie non

Dettagli

INCROCI CON DIRITTO DI PRECEDENZA

INCROCI CON DIRITTO DI PRECEDENZA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON DIRITTO DI PRECEDENZA Visione d insieme Un incrocio a traffico misto e con diritto di precedenza è la soluzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

I.S.I.S. EDITH STEIN GAVIRATE. YLENIA D ELIA e MIGENA NEZHA IV A Costruzione Ambiente e Territorio

I.S.I.S. EDITH STEIN GAVIRATE. YLENIA D ELIA e MIGENA NEZHA IV A Costruzione Ambiente e Territorio I.S.I.S. EDITH STEIN GAVIRATE YLENIA D ELIA e MIGENA NEZHA IV A Costruzione Ambiente e Territorio 1 PERCHE BARRIERE..2014 come attraversare senza poter guardare? 2 INDICE Introduzione cosa si intende per

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo SANTAMARIA GAETANO 31, VIA GORIZIA 23100 SONDRIO - ITALIA Telefono 0342213516 CELL. 3472800805

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

La politica europea di sicurezza stradale

La politica europea di sicurezza stradale Modena, 3 dicembre 2008 La politica europea di sicurezza stradale Giulia BOCCHI Rappresentanza a Milano Commissione europea 1 La politica dell UE per la sicurezza stradale Dati e Statistiche Focus su alcuni

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE Soggetto promotore: Responsabile progetto: Obiettivi dello studio: Protocollo del test: Utilizzo dei dati raccolti: Diritti dei soggetti partecipanti:

Dettagli

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro ISTITUTO COMPRENSIVO N 17 Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro [L. 125/01 e D.Lgs 81/08] Il lavoratore, oltre a proteggere la propria salute e sicurezza, deve tutelare quella altrui come

Dettagli

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA INDIPENDENZA e LIBERTÀ di MOVIMENTO Sappiamo che l indipendenza e la mobilità è estremamente importante per tutte le persone, in particolare per le persone che vivono quotidianamente su una carrozzina

Dettagli

La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione

La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione Daniela Renzi Progetto internazionale La città dei bambini ISTC-CNR Convegno internazionale AUTONOMIA E SALUTE L autonomia di movimento delle bambine

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 16 settembre 2015 166 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Nuovo testo

Dettagli

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari negli animali dei medicinali veterinari Modelli innovativi di lotta alla varroa: l acido formico in gel. Dr. Salvatore Macrì Dirigente Veterinario Ministero della Salute Roma Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

Il Tuo Amico RIFLESSOMETRO

Il Tuo Amico RIFLESSOMETRO Il Tuo Amico RIFLESSOMETRO Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro Applicazione disponibile per tutti i cellulari e tablet con sistema operativo ios e Android Sistema brevettato e protetto da copyright.

Dettagli

M{ZD{ 6 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 2 3 1 7 6 4 5 18 19 SKYACTIV TECHNOLOGY 20 21 6 1 7 5 2 4 3 8 22 23 LA POSIZIONE PIÙ SICURA SULLA STRADA Tutte le auto Mazda di nostra produzione integrano

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli