Sepam Sistemi di protezione delle reti elettriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sepam Sistemi di protezione delle reti elettriche"

Transcript

1 Sepam Sistemi di protezione delle reti elettriche Catalogo un marchio di

2 Sepam è... Conformità alla prescrizione ENEL DK5600 ed IV Allo scopo di migliorare il liello di qualità della fornitura di energia elettrica per gli utenti allacciati alla rete MT, gli Enti di distriuzione dell energia prescriono modalità di allacciamento finalizzate ad una maggiore selettiità tra il sistema di protezione dell impianto e quello dell Ente stesso. La prescrizione ENEL DK5600 (ed IV, marzo 2004) indica tutte le caratteristiche richieste all impianto di un utente che intende allacciarsi ex-noo alla rete di distriuzione pulica MT o modificare un impianto MT già esistente. In particolare, al capitolo 6 sono indicate le disposizioni per le apparecchiature che costituiscono la catena di protezione: interruttore (paragrafo 6.2.1), relè di protezione (paragrafo 6.2.2), riduttori di corrente e tensione (paragrafo 6.3). È richiesto che il sistema di protezione generale sia in grado di funzionare correttamente in tutto il campo di ariailità delle correnti e delle tensioni che si possono determinare nelle condizioni di guasto sulla rete MT. Il relè è la parte più importante della catena di protezione: engono accettati da ENEL solo quelli di comproata conformità alla prescrizione DK5600 con certificazione emessa da ente accreditato UNI-CEI-EN Conformità dei dispositii di protezione e controllo Sepam I relè di protezione e controllo Sepam Serie 20 applicazione S20 e Sepam Serie 40 applicazione S41 sono stati dichiarati conformi alla prescrizione DK5600 ed IV: la certificazione è stata emessa da ACAE, ente accreditato UNI-CEI-EN ENEL Distriuzione ha inserito i relè Sepam suindicati nell elenco delle protezioni accettate per allacciamento alla rete di distriuzione pulica MT. Sepam è stato il primo relè ad essere riconosciuto conforme da ENEL. Conformità dei sistemi di protezione con riduttori non standard I sistemi di protezione Schneider che utilizzano riduttori di corrente non standard (TA conenzionali ARM3/N1F con rapporti 50/5, 100/5, 200/5 oppure trasformatori di corrente elettronici TLP160) sono stati dichiarati conformi alla prescrizione DK5600 ed IV da parte di ACAE, ed inseriti nell elenco ufficiale ENEL.

3 Serizi La Direzione Tecnica di Schneider Electric offre risposte eolute alle esigenze degli impianti anche complessi unificando tutte le competenze tecniche specialistiche di equipment e di soluzioni nell amito della distriuzione elettrica. I nostri esperti sono in grado di effettuare: Studio e realizzazione di logiche di funzionamento personalizzate per i relè Sepam Calcoli di corto circuito Studi e analisi di rete Studi di selettiità di impianti esistenti Indiiduazione e soluzione di prolemi di continuità e/o di qualità dell alimentazione Campagne di misura Misurazione del campo elettromagnetico Retrofit di impianti esistenti Adeguamento di impianti esistenti alle Normatie igenti monitoraggio a distanza di reti elettriche con report periodici relatii all andamento dei consumi ed eentuali guasti o anomalie riscontrate. L effettuazione di campagne di misura e monitoraggio degli impianti elettrici iene eseguita dai tecnici del nostro laoratorio Luigi Magrini, più di 80 anni di esperienza e competenza al serizio della precisione e dei nostri clienti. Applicazioni Le applicazioni realizzate con il nostro supporto annoerano impianti tra i più importanti realizzati in Italia negli ultimi anni: infrastrutture (fiere e poli fieristici, grandi centri commerciali, ospedali, aeroporti nazionali e internazionali, nodi ferroiari, tunnel autostradali e ferroiari ) siti produttii (raffinerie, etrerie, cementifici, industrie automoilistiche e motociclistiche ) applicazioni naali (nai da crociera, traghetti, mercantili) centrali di produzione new-economy (internet proiders, moile-phone proiders).

4

5 Sommario generale Sepam serie 20, 40, 80 MT10997 Sepam serie 20 e 40. Presentazione generale gamma Sepam 3 Sepam serie 20 e 40 Presentazione 6 Funzioni Sepam serie 20 e Scelta 11 Misure e diagnostica 13 Protezioni Controllo e comando Comunicazione 24 Caratteristiche e dimensioni Sepam serie 20 e Unità di ase 25 Schemi di collegamento Sepam serie 20 e Serie Sepam Serie Sepam Ingressi correnti di fase 30 Ingressi corrente residua 31 Ingressi tensione Sepam serie Ingressi tensione Sepam serie Moduli ingressi/uscite Sepam serie 20 e Moduli 10 ingressi/4 uscite MES PE50015 Sepam serie 80. Sepam serie 80 Presentazione 39 Funzioni Sepam serie Scelta 40 Misure e diagnostica 44 Protezioni 50 Controllo e comando 62 Comunicazione 70 Esempi di applicazione Sepam serie Applicazioni sottostazione 72 Applicazioni sarre 75 Applicazioni trasformatore 76 Applicazioni motore 80 Applicazioni montante trasformatore-motore 81 Applicazioni generatore 82 Applicazioni montante trasformatore-generatore 83 Applicazioni condensatore 84 Caratteristiche e dimensioni Sepam serie Unità di ase 85 Schemi di collegamento Sepam serie Unità di ase 94 Ingressi correnti di fase 97 Ingressi corrente residua 98 Ingressi tensioni di fase e residua 99 Moduli aggiuntii Sepam serie Moduli 14 ingressi/6 uscite MES120 e MES120G 103 Modulo di controllo sincronismo MCS Schneider Electric 1

6 Sommario generale Sepam serie 20, 40, 80 PE50041 Software SFT2841. Accessori comuni gamma Sepam Software gamma Sepam 112 Software SFT2841 per la configurazione e l impiego 113 Software SFT2885 di programmazione Logipam 118 Software SFT2826 di analisi delle oscilloperturografie registrate 121 Moduli aggiuntii gamma Sepam 122 Scelta e collegamento 122 Modulo sonde termiche MET Modulo uscita analogica MSA Modulo interfaccia di dialogo aanzata moile DSM Comunicazione gamma Sepam 126 Reti di comunicazione e protocolli 126 Esempi di architetture 128 Dati disponiili 130 Accessori 134 Interfacce 135 Coneritori 143 PE50032 Rileatori di corrente (TA) e di tensione (TV) gamma Sepam 151 Guida alla scelta 151 Rileatori di tensione (TV) 152 Rileatori di corrente (TA) 1A/5A 153 Rileatori di corrente tipo LCPT 155 Rileatori toroidali di corrente omopolare CSH120 e CSH Toroide omopolare adattatore CSH Adattatore per ingresso omopolare ACE Toroidi omopolari CSH120 e CSH Schneider Electric

7 Presentazione generale gamma Sepam Più soluzioni La gamma di unità di protezione e misura Sepam è dedicata alla gestione delle macchine e delle reti di distriuzione elettrica delle installazioni industriali e delle sotto stazioni dei distriutori di energia per tutti i lielli di tensione. La gamma Sepam comprende soluzioni complete, semplici ed affidaili, adatte alle seguenti applicazioni: protezione delle sottostazioni (arrii e partenze linee) protezione dei trasformatori protezione dei motori protezione dei generatori protezione delle sarre. Sepam serie 20 Adatto alle applicazioni più comuni, Sepam serie 20 offre soluzioni semplici asate sulla misura delle correnti o delle tensioni. protezione delle sottostazioni (arrii e partenze linee) contro i cortocircuiti tra fasi e fase-terra 16 cure di interento a tempo dipendente tempi di mantenimento regolaili per la rileazione dei guasti ricorrenti scamio del anco di regolazione per adattarsi ai camiamenti di configurazione della rete protezione delle linee aeree con dispositio di richiusura protezione dei trasformatori contro i soraccarichi, con protezione termica RMS con 2 anchi di regolazione adattaili ai regimi di entilazione e compensati in funzione della temperatura amiente protezione dei motori contro i soraccarichi con protezione termica RMS con cura di interento a freddo regolaile in ase alle caratteristiche del motore e compensata in funzione della temperatura amiente contro i guasti interni e le anomalie legate al carico con funzioni di controllo delle condizioni di aiamento motore e di aiuto alla messa in funzione delle macchine. Le unità Sepam serie 20 tensione B21, B22 sono adatte alle seguenti applicazioni controllo della tensione e della frequenza della rete, distacco tramite funzione deriata di frequenza, per il rileamento dell assenza della rete principale su un installazione comprendente una produzione di energia locale. MT11018 MT11017 Sepam serie 40 Per le applicazioni più complesse, Sepam serie 40 offre soluzioni ad eleate prestazioni grazie alle funzioni di misura delle correnti e delle tensioni. Le unità Sepam serie 40 garantiscono le seguenti funzioni, oltre a quelle offerte dai Sepam serie 20: protezione delle reti con arrii in parallelo tramite protezione direzionale protezione contro i guasti di terra tramite protezione direzionale di terra adatta a tutti i sistemi di messa a terra del neutro, a terra, isolato o compensato protezione delle reti con configurazione ariaile, che richiedono la modifica del anco di regolazioni e la selettiità logica misura di tutte le grandezze elettriche: correnti di fase e residua, tensioni di fase, concatenate e residua, frequenza, potenze ed energie, ecc... aiuto completo alla diagnostica di rete: 20 secondi di registrazione della oscilloperturografia, storico degli ultimi 250 allarmi, memorizzazione delle informazioni relatie al contesto degli ultimi 5 interenti adattamento delle funzioni di comando tramite un editore di equazioni logiche personalizzazione dei messaggi di allarme in ase all applicazione, e/o nella lingua dell utente. Guida alla scelta dei Sepam serie 20 e 40 Criteri Serie 20 Serie 40 di scelta Misura I U U I e U I e U I e U Protezioni specifiche Distacco per deriata di frequenza Direzionale di terra Direzionale di terra e di fase Applicazioni Tipo Sottostazione S20 S40 S41 S42 Trasformatore T20 T40 T42 Motore M20 M41 Generatore G40 Sarre B21 B22 Esempio: per esigenze di protezione di un motore e per disporre delle misure di corrente e di tensione, la soluzione adatta è il Sepam M41. Schneider Electric 3

8 Presentazione generale gamma Sepam Più soluzioni PE50015 La gamma di unità di protezione e misura Sepam offre 3 dierse serie di unità Sepam serie 20 Sepam serie 40 Sepam serie 80 per rispondere a tutte le esigenze, dalla più semplice alla più complessa. Sepam serie 80 Progettata in modo specifico per rispondere alle esigenze dei grandi impianti, l unità Sepam serie 80 offre soluzioni testate per la distriuzione elettrica e la protezione delle macchine: soluzioni intelligenti per applicazioni complete. I Sepam serie 80 garantiscono le seguenti funzioni, oltre a quelle offerte dai Sepam serie 40: protezione delle reti ad anello chiuso o con arrii in parallelo tramite protezione e selettiità logica direzionali protezione contro i guasti di terra tramite protezione direzionale di terra adatta a tutti i sistemi di messa a terra del neutro impedente, isolato o compensato protezione completa di trasformatori e montanti trasformatore-motore protezione differenziale sensiile e staile grazie ad un sistema di ritenuta a rete di neuroni associata a tutte le funzioni di protezione di emergenza necessarie protezione completa dei motori e dei generatori contro i guasti interni: - protezione differenziale di macchina, sensiile e staile, con ritenuta all aiamento e su perdita rileatori - perdita di eccitazione, guasto massa statore, ecc. contro i guasti legati alla rete o al processo: perdita di sincronismo, controllo della elocità, messa sotto tensione accidentale, ecc. controllo sincronismo tra 2 reti da collegare misura del tasso di distorsione armonica su corrente e tensione, per alutare la qualità dell energia della rete 42 ingressi / 23 uscite per garantire il comando integrale dell apparecchiatura interfaccia di dialogo uomo-macchina (HMI) con sinottico per il comando in locale dell apparecchiatura software SFT2841 di configurazione e d impiego, strumento semplice e completo indispensaile ad ogni utilizzatore Sepam: preparazione assistita dei parametri e delle regolazioni informazione completa alla messa in serizio gestione e diagnostica a distanza dell apparecchiatura in esercizio editor di equazioni logiche integrato al software SFT2841 per realizzare le funzioni di comando specifiche software SFT2885 di programmazione (Logipam) opzionale, per la programmazione delle funzioni di comando e controllo specifiche 2 porte di comunicazione Modus, per l integrazione delle unità Sepam in 2 reti distinte, o in architetture ridondanti cartuccia memoria amoiile per rimessa in serizio rapida in seguito a sostituzione di un unità guasta pila di emergenza per salataggio dei dati cronologici e delle registrazioni di oscilloperturografia. Protezioni specifiche disponiili Guida alla scelta La gamma Sepam serie 80 è composta da 16 tipi di unità offrire la soluzione più adatta a ciascuna applicazione. Applicazioni Sottostazione Trasformatore S80 Direzionale di terra S81 T81 M81 Direzionale di terra e di fase S82 T82 G82 Controllo delle 3 tensioni di fase su 2 sarre Deriata di frequenza S84 Squilirio gradini condensatori Differenziale trasformatore o macchina T87 M87 G87 Differenziale per montante trasformatore-motore M88 G88 Motore Generatore Sarre Condensatore B80 B83 C86 4 Schneider Electric

9 Sommario Sepam serie 20 e 40 PE50241 PE50242 PE50243 Sepam serie 20 e 40 con HMI di ase. Sepam serie 20 e 40 con HMI aanzata fissa. Presentazione Sepam serie 20 e 40 6 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Scelta 11 Sepam serie Sepam serie Misure e diagnostica 13 Descrizione 13 Caratteristiche 14 Protezioni 15 Descrizione 15 Gamme di regolazione 17 Controllo e comando 20 Descrizione 20 Ingressi e uscite logiche 21 Segnalazioni 22 Personalizzazione 23 Comunicazione 24 Descrizione 24 Caratteristiche e dimensioni Sepam serie 20 e 40 Unità di ase 25 Dimensioni e pesi 25 Caratteristiche elettriche 26 Caratteristiche amientali 27 Schemi di collegamento Sepam serie 20 e 40 Sepam serie Sepam serie Ingressi correnti di fase 30 Ingressi corrente residua 31 Ingressi tensione Sepam serie Ingressi tensione Sepam serie Moduli ingressi/uscite Sepam serie 20 e 40 Moduli 10 ingressi/4 uscite MES Presentazione 34 Installazione 35 Assegnazione ingressi e uscite Sepam serie Assegnazione ingressi e uscite Sepam serie Sepam serie 20 e 40 con HMI aanzata moile. Schneider Electric 5

10 Presentazione Sepam serie 20 e 40 Più semplice MT11026 Più semplice Installazione installazione all interno dello scomparto senza prolemi particolari grazie alle dimensioni ridotte delle unità di ase e alla possiilità di installazione a distanza dei moduli opzionali alimentazione ausiliaria uniersale. Messa in serizio tutte le funzioni sono pronte all impiego software di configurazione su PC, ergonomico e potente per disporre di tutte le funzioni offerte dalle unità Sepam. Esercizio Con l interfaccia di dialogo uomo-macchina aanzata tutte le operazioni di esercizio in locale sono facilitate grazie ad una presentazione chiara e completa di tutte le informazioni necessarie nella lingua d impiego. MT11027 Esempio: HMI aanzata in lingua cinese. Manutenzione delle installazioni auto-diagnostica dell unità di protezione e watch-dog funzioni di aiuto alla diagnostica dell interruttore, per alutare lo stato dell apparecchiatura e pianificare delle azioni di manutenzione preentia: somma delle correnti A 2 interrotte tempi di manora e di riarmo del dispositio di interruzione. MT11019 Esempio: HMI aanzata standard in lingua inglese. Esempio: Superisione di una rete elettrica con software SMS e Sepam serie 20 e 40. Più comunicazione Comunicazione Modus Tutte le informazioni necessarie per la gestione a distanza della rete elettrica sono disponiili grazie all opzione comunicazione Modus, protocollo aperto e internazionale: alori delle misure e di diagnostica telesegnalazione e datazione degli eenti telecomando dell installazione teleregolazione delle protezioni acquisizione dei file di oscilloperturografia. Connessione Ethernet e Weserer il collegamento del Sepam ad una rete Ethernet può essere realizzato tramite passerelle di comunicazione Ethernet/Modus. Queste passerelle permettono: l integrazione delle unità Sepam in qualsiasi sistema di automazione e superisione in ase al protocollo Modus / TCP/IP multi-master e la consultazione con un naigatore Internet/intranet delle pagine We contenenti le informazioni rileate dalle unità Sepam. PowerLogic System Parte integrante del sistema PowerLogic System, la gamma Sepam può essere associata facilmente al software SMS di gestione a distanza delle reti elettriche industriali e terziarie. 6 Schneider Electric

11 Presentazione Sepam serie 20 e 40 Più modulare Più modulare La gamma Sepam è disponiile con due lielli di interfaccia Uomo Macchina (HMI): HMI aanzata, con tastiera e display LCD grafico per disporre di tutte le informazioni necessarie all impiego locale dell installazione: misure, informazioni di diagnostica, allarmi, ecc. per configurare il Sepam e regolare le funzioni di protezione per garantire la comprensione da parte di tutti, le ideate possono essere isualizzate nella lingua dell utente. L HMI aanzata può essere integrata all unità ase o installata a distanza nel punto più comodo per l utente. HMI di ase, con spie di segnalazione per installazioni gestite a distanza, mediante rete di comunicazione, senza necessità di impiego locale permanente; l impiego occasionale può essere effettuato con un PC fornito di software SFT2841. Per adattarsi al maggior numero possiile di applicazioni e consentire una ulteriore eoluzione dell installazione, l unità dispone di moduli opzionali che possono essere aggiunti in qualsiasi momento al Sepam. modulo d ingressi uscite logici con logica di comando parametrizzaile modulo comunicazione modulo sonde termiche di rileamento temperatura modulo uscita analogico. PE50241 PE50242 Sepam serie 20 e 40 con HMI di ase. Sepam serie 20 e 40 con HMI aanzata. PE50243 Sepam serie 20 e 40 con HMI aanzata moile. Schneider Electric 7

12 Presentazione Sepam serie 20 e 40 Più flessiile PE Unità di ase, con diersi lielli di interfaccia Uomo Macchina (HMI): HMI di ase HMI aanzata con display LCD grafico fisso o moile. 2 Modulo di estensione ingressi/uscite. 3 Modulo di collegamento alla rete di comunicazione Modus. 4 Modulo sonde termiche di rileamento temperatura per trasfomatori, motori o generatori. 5 Modulo uscita analogico asso liello. 6 Software per: configurazione del Sepam serie 20 e 40, regolazione delle protezioni e personalizzazione della logica di comando isualizzazione delle registrazioni di oscilloperturografia. 8 Schneider Electric

13 Presentazione Sepam serie 20 e 40 Interfaccia uomo-macchina MT10122 La gamma Sepam dispone di 2 lielli di interfaccia di dialogo uomo-macchina (HMI) adatti ad ogni esigenza d impiego. on I>51 I >> 51 Io > 51N Io >> 51N ext 0 off I on Trip reset Interfaccia di dialogo ase Questa interfaccia di dialogo offre una risposta economica adatta alle installazioni che non richiedono l utilizzazione in locale (comando da un superisore) o per sostituire i dispositii di protezione elettromeccanici o elettronici analogici. L interfaccia di dialogo uomo-macchina di ase comprende: 2 indicatori luminosi per la segnalazione dello stato dell unità Sepam: LED on erde: apparecchio sotto tensione LED rosso chiae : apparecchiatura non funzionante (fase d installazione o rileamento di una anomalia interna) 9 indicatori luminosi gialli configuraili dotati di un etichetta standard (1) tasto reset per la cancellazione dei guasti e il riarmo della protezione 1 sportellino per l accesso ad una porta RS 232 di collegamento al PC. MT10123 Esempio di HMI ase con configurazione standard dei LED. on 9 I>51 I> > 51 8 Io > 51N 7 Io >> 51N HMI aanzata con configurazione standard dei LED. ext I1 = 162A I2 = 161A I3 = 163A 6 clear 5 0 off I on reset 4 trip Interfaccia di dialogo aanzata fissa Questa interfaccia di dialogo è la risposta ottimale per un esercizio in locale semplificato grazie alla grande leggiilità, al contenuto e alla possiilità di accesso alle dierse informazioni. Oltre alle funzioni dell interfaccia di dialogo uomo-macchina ase questa ersione offre: un isore LCD grafico con regolazione automatica del contrasto e con controllo manuale della retroilluminazione. Consente la isualizzazione dei alori di misura, delle regolazioni/configurazioni e dei messaggi di allarme e di esercizio. Il numero di righe, la dimensione dei caratteri e i simoli dipendono dalle schermate e dalla ersione linguistica utilizzata. una tastiera a 9 tasti con 2 modi operatii: Tasti ianchi d impiego corrente: ➀ isualizzazione delle misure. ➁ isualizzazione delle informazioni di diagnostica apparecchiatura e rete. ➂ isualizzazione dei messaggi di allarme. ➃ riarmo. ➄ acquisizione e cancellazione degli allarmi. Tasti lu per parametrizzazioni e regolazioni: ➆ accesso alle regolazioni delle protezioni. ➇ accesso alle configurazioni del Sepam serie 20 e 40 (2). ➈ consente l inserimento di 2 codici di accesso necessari per poter modificare regolazioni e parametri. I tasti,, (➃, ➄, ➅) consentono la naigazione all interno dei menu, lo scorrimento e la conferma dei alori isualizzati. Tasto ➅ test spie luminose : sequenza di accensione di tutte le spie luminose. Interfaccia di dialogo aanzata moile Le funzioni dell interfaccia di dialogo uomo-macchina aanzata sono disponiili anche su un modulo a distanza collegato all unità Sepam con interfaccia di dialogo di ase (collegamento con cai precalati di lunghezze dierse). Questo modulo può essere installato sul fronte del quadro nel punto più adatto all impiego. (1) etichetta moile che può essere sostituita con un etichetta personalizzaile tramite software SFT (2) la configurazione della logica di comando richiede un interfaccia di dialogo expert. Schneider Electric 9

14 Presentazione Sepam serie 20 e 40 Interfaccia uomo-macchina MT10989 MT10990 SFT2841: misure. SFT2841: regolazione della protezione 50/51. Interfaccia di dialogo Expert (*) L interfaccia di dialogo uomo-macchina Expert è disponiile come complemento delle interfacce di dialogo uomo-macchina ase o aanzata sullo schermo di un PC dotato di software SFT2841 e collegato alla presa RS 232 sul fronte del Sepam (in amiente Windows u V95 o NT). Tutte le informazioni utili allo stesso scopo sono raggruppate su un unica ideata per facilitarne l utilizzo. Menu e icone specifici consentono un accesso diretto e rapido alle informazioni desiderate. Utilizzo corrente Questa interfaccia di dialogo uomo-macchina rappresenta la soluzione più adatta ad un utilizzo locale da parte di personale esigente e desideroso di accedere in modo rapido a tutte le informazioni. isualizzazione di tutte le informazioni di misura e di esercizio isualizzazione dei messaggi di allarme con l ora della loro comparsa isualizzazione delle informazioni di diagnostica quali: corrente di sgancio numero di manore dell apparecchio e somma delle correnti interrotte isualizzazione di tutti i alori di regolazione e delle parametrizzazioni effettuate isualizzazione degli stati logici degli ingressi, delle uscite e delle spie luminose. Parametrizzazione - regolazioni Permette la isualizzazione e la regolazione di tutti i parametri; le informazioni inserite possono essere preparate in anticipo e trasferite con una sola operazione nei Sepam corrispondenti (funzione down loading). Principali funzioni realizzate dal software SFT2841: modifica dei codici di accesso inserimento dei parametri generali (rapporto TA e TV, periodo di integrazione, ecc ) protetto da codice di accesso inserimento delle regolazioni delle protezioni sulla stessa pagina, protetto da codice di accesso modifica delle configurazioni della logica di comando messa in serizio/fuori serizio delle funzioni salataggio dei file. Salataggio - stampa di un rapporto i dati di regolazione e parametrizzazione possono essere salati è inoltre possiile stampare un rapporto mediante esportazione dei dati in un file di testo. Questa interfaccia di dialogo consente inoltre il recupero dei file di oscilloperturografia e la loro analisi con il softwware SFT2826. Aiuto all impiego Accesso, da tutte le ideate, ad una rurica di aiuto contenente le informazioni tecniche necessarie all utilizzo e alla messa in serizio del Sepam. Kit SFT2841 Il software dell interfaccia di dialogo Expert è disponiile sotto forma di kit comprendente: 1 CD-ROM con: software SFT2841 software SFT2826 di analisi dei file di oscilloperturografia 1 cao di collegamento seriale PC/Sepam. Configurazione minima richiesta Processore PC compatiile, Pentium 133 MHz Sistema operatio Microsoft Windows 98/NT4.0/2000/XP RAM 64 M (32 M pour Windows 98) Spazio liero su hard disk 64 M * Vedere pagina 112 e seguenti. 10 Schneider Electric

15 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Scelta Sepam serie 20 Funzioni Sepam tipo Sottostazione Trasformatore Motore Sarre Protezioni Codice ANSI S20 (4) T20 M20 B21 B22 Massima corrente di fase 50/ Massima corrente di terra, terra sensiile 50N/51N 50G/51G Massima corrente inersa Immagine termica 49RMS 2 2 Minima corrente di fase 37 1 Blocco rotore, aiamento prolungato 48/51LR/14 1 Controllo del numero di aiamenti 66 1 Minima tensione diretta 27D/ Minima tensione rimanente 27R 1 1 Minima tensione concatenata Minima tensione di fase 27S 1 1 Massima tensione concatenata Massima tensione rimanente 59N 2 2 Massima frequenza 81H 1 1 Minima frequenza 81L 2 2 Deriata di frequenza 81R 1 Richiusore (4 cicli) 79 Termostato / Buchholz Controllo sonde termiche (8 sonde, 2 soglie per sonda) 38/49T Misure Corrente di fase I1, I2, I3 RMS, corrente residua Io Corrente media I1, I2, I3, massimi alori medi delle correnti di fase IM1, IM2, IM3 Tensione U21, U32, U13, V1, V2, V3, tensione rimanente Vo Tensione diretta Vd / senso di rotazione Frequenza Temperatura Diagnostica rete e macchina Correnti di sgancio I1, I2, I3, Io Tasso di squilirio / corrente inersa Ii Oscilloperturografia Riscaldamento Tempo di funzionamento residuo prima di uno sgancio douto ad un soraccarico Tempo di attesa dopo uno sgancio douto ad un soraccarico Contatore /tempo di funzionamento Corrente e durata aiamento Tempo d interdizione all aiamento, numero di aiamenti prima dell interdizione Diagnostica interruttore Sommatoria correnti interrotte Controllo circuito comando Numero di manore, tempo di manora, tempo di riarmo Controllo e comando Codice ANSI Comando interruttore / contattore (1) 94/69 Riarmo, tacitazione 86 Selettiità logica 68 Camio anco di regolazioni (2) (2) (2) Segnalazione 30 Moduli complementari (3) 8 ingressi sonde - modulo MET uscita analogica asso liello - modulo MSA141 Ingressi / uscite logiche - MES114 (10I/4U) Interfaccia RS modulo ACE949-2 (2 fili) o ACE959 (4 fili) di ase, a seconda della configurazione dei parametri e dei moduli ingressi/uscite opzionali MES114 o MET148-2 (1) per oina a lancio di corrente o di minima tensione. (2) possiilità di scelta tra l opzione selettiità logica o passaggio da un anco di regolazioni da 2 soglie ad un altro anco da 2 soglie. (3) il tipo S20E permette l aggiunta del solo modulo ingressi/uscite logiche MES114. (4) conforme alla prescrizione ENEL DK5600, in associazione al toroide CSH200. Schneider Electric 11

16 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Scelta Sepam serie 40 Funzioni Sepam tipo Sottostazione Trasformatore Motore Generatore Protezioni Codice ANSI S40 S41 (4) S42 T40 T42 M41 G40 Massima corrente di fase 50/ Massima corrente di fase a ritenuta di tensione 50V/51V 1 Massima corrente di terra, 50N/51N terra sensiile 50G/51G Guasto interruttore (reaker failure) 50BF Massima corrente inersa Massima corrente di fase direzionale Massima corrente di terra direzionale 67N/67NC Massima potenza attia direzionale 32P Massima potenza reattia direzionale 32Q/ Immagine termica 49RMS Minima corrente di fase 37 1 Aiamento prolungato, locco rotore 48/51LR/14 1 Controllo del numero di aiamenti 66 1 Minima tensione diretta 27D 2 Minima tensione rimanente 27R 1 Minima tensione (3) 27/27S Massima tensione (3) Massima tensione rimanente 59N Massima tensione inersa Massima frequenza 81H Minima frequenza 81L Richiusore (4 cicli) 79 Controllo sonde termiche (8 o 16 sonde, 2 soglia per sonda) 38/49T Termostato / Buchholz Misure Corrente di fase I1, I2, I3 RMS, corrente residua Io Corrente media I1, I2, I3, massimi alori medi delle correnti di fase IM1, IM2, IM3 Tensione U21, U32, U13, V1, V2, V3, tensione rimanente Vo Tensione diretta Vd / senso di rotazione, tensione inersa Vi Frequenza Potenza attia, reattia e apparente P, Q, S Massimi alori medi della potenza PM, QM Fattore di potenza Energia attia e reattia calcolata (±Wh, ±VARh) Energia attia e reattia per conteggio impulsi (±Wh, ±VARh) Temperatura Diagnostica rete e macchina Contesto interento Correnti di sgancio I1, I2, I3, Io Tasso di squilirio / corrente inersa Ii Sfasamento ϕo, ϕ1, ϕ2, ϕ3 Oscilloperturografia Riscaldamento Tempo di funzionamento residuo prima di uno sgancio douto ad un soraccarico Tempo di attesa dopo uno sgancio douto ad un soraccarico Contatore / tempo di funzionamento Corrente e durata aiamento Tempo di interdizione all aiamento, numero di aiamenti prima dell interdizione Diagnostica interruttore Sommatoria correnti interrotte Controllo circuito di comando Numero di manore, tempo di manora, tempo di riarmo Controllo TA/TV 60FL Controllo e comando Codice ANSI Comando interruttore / contattore (1) 94/69 Riarmo, tacitazione 86 Selettiità logica 68 Camio anco di regolazioni Segnalazione 30 Editor di equazioni logiche Moduli complementari (5) 8 ingressi sonde - modulo MET148-2 (2) 1 uscita analogica asso liello - modulo MSA141 Ingressi / uscite logiche - MES114 (10I/4U) Interfaccia RS modulo ACE949-2 (2 fili) o ACE959 (4 fili) di ase, a seconda della configurazione dei parametri e dei moduli ingressi/uscite opzionali MES114 o MET148-2 (1) per oina a lancio di corrente o di minima tensione. - (2) 2 moduli possiili. - (3) possiilità di scelta tra tensione di fase o tensione concatenata per ciascuna delle 2 soglie. - (4) Conforme alla prescrizione ENEL DK5600, in associazione al toroide CSH200. Utilizzare un TA su ogni fase. - (5) Il tipo S41E permette l aggiunta del solo modulo ingressi/uscite logiche MES Schneider Electric

17 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Misure e diagnostica Descrizione Misure I alori sono isualizzati direttamente con la propria unità di misura: A,V,Hz, C, F, W, Corrente misura della corrente RMS per ognuna delle 3 fasi del circuito (fino alla 13a armonica) misura della corrente residua. Corrente media e massimi alori medi di corrente misura della corrente media su ognuna delle 3 fasi misura del più eleato alore della corrente media su ognuna delle 3 fasi (massimi alori medi). La misura dei massimi alori medi consente di conoscere il alore delle correnti durante le punte di carico. Il periodo di calcolo delle correnti medie può essere regolato da 5 a 60 mn, con possiilità di azzeramento dei alori (reset). Tensione misura delle tensioni di fase V1, V2, V3 misura delle tensioni concatenate U21, U32, U13 misura della tensione diretta Vd misura della tensione rimanente Vo misura della tensione inersa Vi. Frequenza Potenza Potenza attia, reattia e apparente, fattore di potenza (cos ϕ) Massimi alori medi di potenza Misura del più eleato alore della potenza attia e reattia assorita dal motore, sullo stesso periodo dei massimi alori medi di corrente, con possiilità di azzeramento dei alori (reset). Energia 4 contatori di energia calcolata a partire dalle correnti e tensioni misurate: energia attia e reattia, un contatore per ogni senso di transito da 1 a 4 contatori di energia supplementari per l acquisizione degli impulsi di energia attia o reattia emessi da contatori esterni. Temperatura Misura della temperatura di ogni sonda. Aiuto alla diagnostica di rete Contesto di sgancio Memorizzazione dei alori delle correnti delle 3 fasi e delle grandezze Io, ld, U21, U32, U13, Vo, Vi, Vd, F, P, Q, nell istante in cui iene rileato il guasto. Vengono memorizzati i alori corrispondenti agli ultimi cinque sganci. Correnti di sgancio Memorizzazione dei alori delle correnti delle 3 fasi e della corrente residua di terra misurati nel momento in cui il Sepam ha dato l ultimo ordine di apertura al fine di conoscere la corrente di guasto (analisi del tipo di guasto). Questi alori sono tenuti in memoria fino all apertura successia. Tasso di squilirio Calcolo della corrente inersa a partire dalle correnti di fase, caratteristica di uno squilirio dell alimentazione dell apparecchio da proteggere. Sfasamento scarto di fase ϕ1, ϕ2, ϕ3 tra, rispettiamente, le correnti di fase l1, l2, l3 e le tensioni U1, U2, U3 scarto di fase ϕo tra la corrente residua e la tensione rimanente. Schneider Electric Oscilloperturografia Registrazione dei alori campionati dei segnali di misura analogica e degli stati logici. Mediante configurazione è possiile scegliere: gli eenti che proocano una registrazione la durata della registrazione prima della comparsa dell eento il numero e la durata delle registrazioni (solo serie 40). Caratteristiche Serie 20 Serie 40 Numero di registrazioni 2 Regolaile da 1 a 19 in formato COMTRADE Durata totale di una registrazione 86 periodi (1,72 s a 50 Hz, 1,43 s a 60 Hz) Regolaile da 1 s a 10 s La somma totale delle registrazioni più una non dee superare i 20 s a 50 Hz e i 16 s a 60 Hz Numero di punti per periodo Durata della registrazione Regolaile da 0 a 85 periodi Regolaile da 0 a 99 periodi prima della comparsa dell eento Dati registrati Correnti o tensioni, ingressi logici, pick up e uscita logica O1 Correnti o tensioni, ingressi logici, pick up, uscite logiche (da O1 a O4) Aiuto alla gestione delle macchine Riscaldamento Misura del riscaldamento relatio douto al carico azionato. Viene isualizzato in percentuale del riscaldamento nominale. Tempo di funzionamento residuo prima di uno sgancio douto ad un soraccarico Indica il tempo residuo prima dello sgancio comandato dalla protezione termica. Tempo di attesa dopo uno sgancio douto ad un soraccarico Indica il tempo di attesa prima dell autorizzazione all aiamento tenendo conto della protezione termica. Corrente e durata aiamento/soraccarico motore Misura il alore massimo della corrente assorita dal motore durante una sequenza di aiamento o di un soraccarico motore e la sua durata. Numero di aiamenti prima dell interdizione/tempo di interdizione all aiamento Indica il numero di aiamenti ancora autorizzati dalla protezione di controllo del numero di aiamenti; inoltre, se il numero di aiamenti è uguale a zero, indica il tempo di attesa prima dell autorizzazione all aiamento. Contaore / tempo di funzionamento Somma dei tempi durante i quali l apparecchio protetto (motore o trasformatore) è alimentato e in funzione (I > 0,1 I). Il alore totale iene isualizzato in ore (da 0 a h). Aiuto alla diagnostica dell interruttore I alori di queste misure deono essere confrontati con i dati forniti dal costruttore dell apparecchio di manora. Sommatoria correnti interrotte Il alore isualizzato permette di alutare lo stato dei poli di interruzione dell interruttore. Numero di manore Somma del numero di manore di apertura effettuate dall apparecchio. Tempi di funzionamento dell apparecchio Misura i tempi di manora e i tempi di riarmo. Questi dati consentono di alutare lo stato del comando meccanico dei poli. ANSI 60FL - Controllo TA/TV Questa funzione permette di controllare l intera serie di misure: rileatori TA e TV collegamento ingressi analogici del Sepam. Il controllo è assicurato mediante: controllo coerenza delle correnti e tensioni misurate acquisizione dei contatti dei fusiili di protezione dei trasformatori di tensione di fase o rimanente. In caso di perdita dei dati di misura della corrente o della tensione, le funzioni di protezione configurate possono essere iniite al fine di eitare uno sgancio intempestio. 13

18 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Misure e diagnostica Caratteristiche Parametri generali Selezione Serie 20 Serie 40 In corrente nominale di fase (rileatori corrente primaria) I corrente di ase (corrisponde alla potenza nominale dell apparecchiatura) 2 o 3 TA 1 A / 5 A da 1 A a 6250 A da 1 A a 6250 A 3 rileatori LPCT da 25 A a 3150 A (1) da 25 A a 3150 A (1) da 0,4 a 1,3 In da 0,4 a 1,3 In Ino corrente residua somma delle 3 correnti di fase cf. In corrente nominale di fase cf. In corrente nominale fase toroide CSH120 o CSH200 caliro 2 A o caliro 20 A caliro 2 A, 5 A o 20 A TA 1 A / 5 A + toroide CSH30 da 1 A a 6250 A (Ino = In) da 1 A a 6250 A (Ino = In) TA 1 A / 5 A + toroide CSH30 Sensiilità x10 - da 1 A a 6250 A (Ino = In/10) Unp tensione concatenata nominale primaria (Vnp: tensione nominale di fase primaria: Vnp = Unp/3) Uns tensione concatenata nominale secondaria Toroide omopolare + ACE990 (il rapporto del toroide 1/n dee essere tale che 50 y n y 1500) in ase alla corrente da controllare e all impiego di un adattatore ACE990 da 220 V a 250 kv In ase alla corrente da controllare e all impiego di un adattatore ACE990 da 220 V a 250 kv 3 TV: V1, V2, V3 100, 110, 115, 120, 200, 230 V 100, 110, 115, 120, 200, 230 V 2 TV: U21, U32 100, 110, 115, 120 V 100, 110, 115, 120 V 1 TV: U21 100, 110, 115, 120 V 100, 110, 115, 120 V Conteggio energia ad impulsi Incremento energia attia - da 0,1 kwh a 5 MWh Incremento energia reattia - da 0,1 kvar a 5 MVAr Frequenza 50 Hz o 60 Hz 50 Hz o 60 Hz (1) Taella dei alori In in A: 25, 50, 100, 125, 133, 200, 250, 320, 400, 500, 630, 666, 1000, 1600, 2000, Funzioni Gamme Precisioni serie 20 (1) Precisioni serie 40 (1) MSA141 (2) Misure Corrente di fase da 0,1 a 1,5 In ± 1 % tipica ± 0,5 % tipica Corrente residua da 0,1 a 1,5 Ino ± 1 % tipica ± 1 % tipica Corrente media e massimi alori medi da 0,1 a 1,5 In ± 1 % tipica ± 0,5 % tipica delle correnti di fase Tensione concatenata da 0,05 a 1,2 Unp ± 1 % tipica ± 0,5 % tipica Tensione di fase da 0,05 a 1,2 Vnp ± 1 % tipica ± 0,5 % tipica Tensione rimanente da 0,015 a 3 Vnp ± 1 % tipica ± 1 % tipica Tensione diretta da 0,05 a 1,2 Vnp ± 5 % tipica ± 2 % tipica Tensione inersa da 0,05 a 1,2 Vnp - ± 2 % tipica Frequenza serie ± 5 Hz o 60 ± 5 Hz ± 0,05 Hz - Frequenza serie 40 da 25 a 65 Hz - ± 0,02 Hz Temperatura da -30 C a +200 C o da -22 F a 392 F ± 1 C da +20 a +140 C ± 1 C da +20 a +140 C Potenza attia da 0,015 Sn (3) a 999 MW - ± 1 % tipica Potenza reattia da 0,015 Sn (3) a 999 MVAr - ± 1 % tipica Potenza apparente da 0,015 Sn (3) a 999 MVA - ± 1 % tipica Fattore di potenza da -1 (CAP) a 1 (IND) - ± 1 % tipica Massimi alori medi di potenza attia da 0,015 Sn (3) a 999 MW - ± 1 % tipica Massimi alori medi di potenza reattia da 0,015 Sn (3) a 999 MVAr - ± 1 % tipica Energia attia da 0 a 2, MW.h - ± 1 %, ± 1 digit Energia reattia da 0 a 2, MVAr.h - ± 1 %, ± 1 digit Aiuto alla diagnostica di rete Corrente di sgancio di fase da 0,1 a 40 In ± 5 % ± 5 % Corrente di sgancio di terra da 0,1 a 20 Ino ± 5 % ± 5 % Tasso di squilirio / corrente inersa li da 10 % a 500 % I ± 2 % ± 2 % Sfasamento ϕ0 da 0 a ± 2 tipica Sfasamento ϕ1, ϕ2, ϕ3 da 0 a ± 2 tipica Aiuto al comando delle macchine Contaore / tempo di funzionamento da 0 a ore ± 1 % o ± 0.5 h ± 1 % o ± 0.5 h Riscaldamento da 0 a 800 % (100 % per I fase = I) ± 1 % ± 1 % Tempo di funzionamento residuo prima da 0 a 999 mn ± 1 mn ± 1 mn di uno sgancio douto ad un soraccarico Tempo di funzionamento residuo dopo da 0 a 999 mn ± 1 mn ± 1 mn uno sgancio douto ad un soraccarico Corrente di aiamento da 1,2 I a 24 In ± 0,1 A ± 0,1 A Tempo di aiamento da 0 a 300 s ± 300 ms ± 300 ms Tempo di interdizione all aiamento da 0 a 360 mn ± 1 mn ± 1 mn Numero di aiamenti prima dell interdiz. da 0 a Costante di tempo di raffreddamento da 5 mn a 600 mn - ± 5 % Aiuto alla diagnostica apparecchio Sommatoria correnti interrotte da 0 a ka 2 ± 10 % ± 10 % Numero di manore da 0 a Tempo di manora da 20 a 100 ms ± 1 ms ± 1 ms Tempo di riarmo da 1 a 20 s ± 0,5 s ± 0,5 s (1) Nelle condizioni di riferimento (CEI ), tipica a In o Unp. (2) Misure accessiili in formato analogico in ase alla configurazione del modulo MSA141. (3) Sn: potenza apparente, = 3.Unp.In. 14 Schneider Electric

19 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Protezioni Descrizione Protezioni di corrente ANSI 50/51 - Massima corrente di fase Protezione trifase contro i soraccarichi e i cortocircuiti tra le fasi. La protezione dispone di quattro soglie: a tempo indipendente (DT) a tempo dipendente (16 tipi di cura IDMT) istantanee o temporizzate. Ogni unità dispone di una regolazione del tempo di ricaduta (reset time) che consente: il rileamento dei guasti rei e ricorrenti il coordinamento con i relè elettromeccanici. ANSI 50V/51V - Massima corrente di fase a ritenuta di tensione Protezione trifase contro i soraccarichi e i cortocircuiti tra le fasi, ideale per la protezione di generatori con soglia di sgancio corretta in funzione della tensione. La protezione può essere regolata: a tempo indipendente (DT) a tempo dipendente (16 tipi di cura IDMT) istantanea o temporizzata. Ogni unità dispone di una regolazione del tempo di ricaduta (reset time) che consente: il rileamento dei guasti rei e ricorrenti il coordinamento con i relè elettromeccanici. ANSI 50N/51N o 50G/51G - Massima corrente di terra o terra sensiile Protezione contro i guasti a terra. Il rileamento della corrente di terra è possiile secondo configurazione a partire da: tre trasformatori di corrente di fase (somma 3I) un rileatore di corrente omopolare CSH120, CSH200 in ase al diametro necessario; questo metodo è il più preciso e garantisce la migliore sensiilità. La possiilità di scegliere fra caliri diersi garantisce una gamma di regolazione molto ampia. un trasformatore di corrente (1 A o 5 A), associato ad un toroide di adattamento CSH30. La protezione dispone di quattro soglie: a tempo indipendente (DT) a tempo dipendente (16 tipi di cura IDMT) istantanee o temporizzate. Ogni unità dispone di una regolazione del tempo di ricaduta (reset time) che consente: il rileamento dei guasti rei e ricorrenti il coordinamento con i relè elettromeccanici. Ogni soglia dispone di una ritenuta di 2a armonica per assicurare la stailità durante l inserzione del trasformatore. ANSI 50 BF - Protezione dell apparecchio contro i guasti interruttore Protezione di emergenza che emette un ordine di sgancio agli interruttori a monte o adiacenti in caso di mancata apertura dell interruttore comandato, rileata dalla misura della corrente passante in seguito ad un ordine di sgancio. ANSI 46 - Massima corrente inersa/squilirio Protezione contro gli squiliri di fase. Protezione sensiile ai guasti ifase all estremità di linee lunghe. Protezione dell apparecchio contro il riscaldamento proocato da uno squilirio dell alimentazione, dalla inersione o dalla perdita di una fase e contro gli squiliri di fase. Caratteristica a tempo dipendente o indipendente. Protezioni direzionali di corrente ANSI 67 - Massima corrente di fase direzionale Protezione trifase. Comprende una funzione massima corrente di fase associata al rileamento della direzione. Si inserisce se la funzione massima corrente di fase nella direzione scelta (linea o sarre) iene attiata per almeno una delle 3 fasi. Funziona a tempo indipendente o dipendente. È insensiile alla caduta di tensione misurata al momento del guasto. ANSI 67N/67NC - Massima corrente di terra direzionale Per rispondere a tutti i casi di applicazione e a tutti i sistemi di messa a terra del neutro (neutro impedente, isolato o a neutro compensato), la protezione dispone di 3 caratteristiche: tipo 1: la protezione utilizza la proiezione del ettore I0 tipo 2: la protezione utilizza il modulo del ettore I0 proiettato su un semipiano di interento tipo 3: la protezione utilizza il modulo del ettore I0 proiettato su un area di interento regolaile. La protezione tipo 1 permette il rileamento dei guasti con reinnesco. La protezione dispone di due soglie: a tempo indipendente (DT) a tempo dipendente (16 tipi di cura IDMT) (solo tipo 2) istantanea o temporizzata. La protezione tipo 2 dispone di una regolazione del tempo di ricaduta (reset time) che consente: il rileamento dei guasti rei e ricorrenti il coordinamento con i relè elettromeccanici. La protezione tipo 3 funziona in conformità con la normatia Enel DK5600: cura a tempo indipendente (DT) settore di interento definito da 2 angoli regolaili. Protezioni direzionali di potenza ANSI 32P - Massima potenza attia direzionale Questa protezione si inserisce se la potenza attia che transita in un senso o nell altro a seconda dell impiego (potenza fornita o potenza assorita) supera la soglia impostata. ANSI 32Q/40 - Massima potenza reattia direzionale Questa protezione si può utilizzare per rileare la perdita di eccitazione delle macchine sincrone (generatori o motori). Questa protezione si inserisce se la potenza reattia che transita in un senso o nell altro a seconda dell impiego (potenza fornita o potenza assorita) supera la soglia impostata. Protezioni di macchina ANSI 49RMS - Immagine termica Protezione dell apparecchio contro i danni termici proocati da un soraccarico. Il riscaldamento è calcolato con un modello matematico che tiene conto: del alore RMS delle correnti della temperatura amiente della corrente inersa, causa del riscaldamento del rotore del motore. Questa funzione dispone di due anchi di regolazione ognuno dei quali possiede: una soglia regolaile di allarme una soglia regolaile di sgancio una regolazione del riscaldamento iniziale per l adattamento della protezione alla tenuta termica del motore descritta dalle cure a caldo e a freddo fornite dal costruttore. le costanti del tempo di riscaldamento e di raffreddamento del motore. Sepam serie 40 dispone della funzione di calcolo automatico della costante del tempo di raffreddamento calcolata in ase alla misura della temperatura del motore mediante sonde termiche. Applicazione trasformatore: commutazione del anco di regolazione tramite ingresso logico in funzione del regime di entilazione del trasformatore, a seconda cioè che la entilazione sia naturale o forzata (ONAN o ONAF). Applicazione motore: commutazione del anco di regolazione su soglia di corrente per prendere in considerazione la tenuta termica del motore a rotore loccato. Schneider Electric 15

20 Funzioni Sepam serie 20 e 40 Protezioni Descrizione Protezioni di macchina (segue) ANSI 37 - Minima corrente di fase Protezione delle pompe contro le conseguenze di un funzionamento a uoto. Questa protezione rilea un eentuale aassamento della corrente temporizzata corrispondente alla marcia a uoto del motore. ANSI 48/51LR/14 - Aiamento prolungato / Blocco rotore Protezione dei motori che possono partire in soraccarico o con una tensione di alimentazione insufficiente e/o che azionano un carico che può loccarsi (ad esempio un mulino). La funzione locco rotore è una protezione a massima corrente che iene ailitata solo dopo un periodo di tempo corrispondente alla durata normale dell aiamento. La riaccelerazione del motore e il rileamento del locco rotore (rileamento elocità nulla) possono essere prese in considerazione dagli ingressi logici. ANSI 66 - Controllo del numero di aiamenti Protezione contro il surriscaldamento proocato da aiamenti troppo frequenti. Controllo del numero: di aiamenti all ora (o periodo di tempo regolaile) di aiamenti successii. La protezione impedisce la messa in tensione del motore per un periodo di tempo prestailito tale da consentire il ritorno ai alori limite autorizzati. La riaccelerazione del motore può essere presa in considerazione da un ingresso logico. Termostato, Buchholz, rileamento gas, pressione, temperatura Protezione dei trasformatori contro un innalzamento della temperatura e contro i guasti interni attraerso gli ingressi logici collegati a dispositii integrati negli apparecchi. ANSI 38/49T - Controllo della temperatura mediante sonde termiche Protezione che rilea i surriscaldamenti anomali degli aolgimenti e/o dei cuscinetti dei motori dotati di sonde termiche. Questa protezione preede due soglie indipendenti regolaili per ciascuna sonda. ANSI 27D - Minima tensione diretta Protezione dei motori in caso di un funzionamento non corretto douto ad una tensione insufficiente o ad uno squilirio di tensione. Rileamento del senso di rotazione delle fasi. L utilizzo di questa protezione richiede il collegamento del Sepam a trasformatori di tensione che consentano la misura delle tensioni concatenate U21e U32. ANSI 27R - Minima tensione rimanente Controllo della scomparsa della tensione sostenuta dalle macchine rotanti in seguito all apertura del circuito. Questa protezione iene utilizzata per eitare i transitori elettrici e meccanici douti alla rialimentazione rapida dei motori. Effettua inoltre il controllo della tensione concatenata U21 o della tensione di fase V1. Protezioni di tensione ANSI 27 - Minima tensione concatenata Protezione utilizzata sia per automatismi (commutazione, distacco carichi) che per la protezione dei motori in caso di un aassamento di tensione. Questa protezione controlla l aassamento di ciascuna delle tensioni concatenate misurate. ANSI 27S - Minima tensione di fase Protezione utilizzata per rileare un guasto di una fase a terra (rete a neutro isolato). ANSI 59 - Massima tensione concatenata Protezione contro un innalzamento anomalo della tensione o nel caso in cui si erifichi la presenza di una tensione sufficiente al trasferimento di alimentazione. Funziona in tensione concatenata (serie 20 e serie 40) o in tensione di fase (solo serie 40). ANSI 59N - Massima tensione rimanente Rileamento di un guasto d isolamento sulle reti a neutro isolato tramite misura dello spostamento del punto neutro. Questa protezione iene in genere associata alla protezione dell arrio trasformatore o alle sarre. Questa funzione dispone di 2 soglie. ANSI 47 - Massima tensione inersa Protezione contro gli squiliri di fase douti ad un guasto lontano, ad un inersione di fase o ad uno squilirio dell alimentazione. Protezioni di frequenza ANSI 81H - Massima frequenza Protezione contro un innalzamento anomalo della frequenza. ANSI 81L - Minima frequenza Rileamento delle diminuzioni rispetto alla frequenza nominale per mantenere la qualità dell alimentazione. Questa protezione può esssre utilizzata sia per aperture generali che per il distacco dei carichi non pioritari. ANSI 81R - Deriata di frequenza / R. O. C. O. F Protezione utilizzata per effettuare un distacco rapido di una sorgente di alimentazione in caso di guasto sulla rete o per il controllo del distacco dei carichi. Richiusore ANSI 79 Automatismo che garantisce la richiusura dell interruttore in caso di apertura douta ad un guasto temporaneo sulla linea (la funzione comprende da 1 a 4 cicli di richiusura parametrizzaili). 16 Schneider Electric

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Schneider Electric - 25/02/2009

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 1 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE ing. Massimo Ambroggi Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. 2 PRINCIPIO

Dettagli

Coordinamento delle protezioni BT. Guida Tecnica

Coordinamento delle protezioni BT. Guida Tecnica Coordinamento delle protezioni BT Guida Tecnica Sommario Glossario 2 Le esigenze della distriuzione elettrica 3 1.1. Sicurezza e disponiilità 3 1.2. Distriuzione elettrica BT 4 1.3. Funzioni e caratteristiche

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3.1 INTRODUZIONE Il collegamento dei clienti utilizzatori e di quelli autoproduttori alla rete di distribuzione necessita

Dettagli

L i n e a M o d u l e x 3. Linea Modulex3 GRID

L i n e a M o d u l e x 3. Linea Modulex3 GRID Linea Modulex3 GRID 1 Gamma dei prodotti numerici CODICE DESCRIZIONE CODICI NUMERICI MX3AM30A Relè di massima corrente di fase e di terra 51-51 - 50-51N - 51N - 50N MX3AM0A Relè di massima corrente di

Dettagli

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid DL SGWD SMART GRID Questo sistema didattico è stato progettato per lo studio e la comprensione dei concetti legati alla gestione intelligente dell energia elettrica. Questo concetto, chiamato Smart Grid,

Dettagli

Dalle DK alla Norma CEI 0-16

Dalle DK alla Norma CEI 0-16 Dalle DK alla Norma CEI 0-16 A. Cerretti - ENEL Distribuzione Protezione generale (PG) Deve essere costituita da: Protezione di massima corrente di fase almeno bipolare a tre soglie, una a tempo dipendente,

Dettagli

Analizzatore di rete

Analizzatore di rete Analizzatore di rete Analizzatori di Rete 8 grandezze, IR laterale predisposto per la comunicazione Connessione diretta 80 A Connessione a mezzo TA.../5 A fino 10.000 A Applicazione Analizzatore multifunzione

Dettagli

Criteri di allacciamento di clienti alla rete MT della Distribuzione DK 5600 Ed.IV - Marzo 2004

Criteri di allacciamento di clienti alla rete MT della Distribuzione DK 5600 Ed.IV - Marzo 2004 Questo documento contiene informazioni di proprietà di Enel SpA e deve essere utilizzato esclusivamente dal destinatario in relazione alle finalità per le quali è stato ricevuto. E' vietata qualsiasi forma

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

TURBOtech srl. SED-635 Sistema di Eccitazione Digitale. Settore Elettronica Industriale FUNZIONI. Pagina 1 di 12

TURBOtech srl. SED-635 Sistema di Eccitazione Digitale. Settore Elettronica Industriale FUNZIONI. Pagina 1 di 12 SED-635 Sistema di Eccitazione Digitale Il SED-635 costituisce un completo sistema di eccitazione capace di adattarsi al controllo di generatori sincroni di qualsiasi taglia. L integrazione dell interfaccia

Dettagli

Quadri per la misura dell energia elettrica

Quadri per la misura dell energia elettrica Quadri per la misura dell energia elettrica Azur ENERGIA Quadri per la Misura dell Energia Elettrica per Impianti in Bassa, Media e Alta Tensione. I Contatori installati all interno dei quadri sono approvati

Dettagli

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE Introduzione Lo strumento DUCA47-72 è un multimetro digitale per il montaggio a pannello che consente la misura delle principali grandezze

Dettagli

GENERALITA Cabine MT/BT

GENERALITA Cabine MT/BT CABINE MT/BT GENERALITA Cabine MT/BT anno 2012 Cabine MT/BT 2 sistemi elettrici Categorie dei sistemi elettrici In relazione alla tensione nominale i sistemi elettrici si dividono in (1) : Categoria 0

Dettagli

CM-UFD.M32 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21

CM-UFD.M32 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Relè di protezione di interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Il nuovo relè di protezione di interfaccia (SPI), deputato al controllo della

Dettagli

Italian Technology VMR 300. Stazione Portatile STAZIONE PORTATILE MISURE

Italian Technology VMR 300. Stazione Portatile STAZIONE PORTATILE MISURE STAZIONE PORTATILE MISURE INDICE Par. Descrizione Indice 2 1 Descrizione 3 1.1 Modalità di Funzionamento 4 1.2 Programmazione e Gestione 5 2 Modalità Funzionamento 7 2.1 Accensione 7 2.2 Schermate Principali

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche Generalità La Didacta Italia ha progettato una unità di studio, estremamente versatile per le prove ed i controlli di velocità sulle

Dettagli

PANNELLO PER LO STUDIO DELLE RETI DI MONITORAGGIO DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA (SCADA) MOD. EVO-MON-1

PANNELLO PER LO STUDIO DELLE RETI DI MONITORAGGIO DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA (SCADA) MOD. EVO-MON-1 PANNELLO PER LO STUDIO DELLE RETI DI MONITORAGGIO DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA (SCADA) MOD. EVO-MON-1 INTRODUZIONE Pannello per lo studio delle reti di monitoraggio (SCADA) dei consumi dell energia

Dettagli

Centralina di regolazione con gestione a distanza

Centralina di regolazione con gestione a distanza Centralina di regolazione con gestione a distanza L apparecchio regola la temperatura dell acqua di mandata dell impianto di riscaldamento. Adatte per tutti i tipi di impianti di riscaldamento di condomini,

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Test & Data Management Software

Test & Data Management Software Test & Data Management Software TDMS Relè di protezione Contatori di energia Convertitori Misura Power Quality TA - TV Trasformatori Reti di terra Interruttori AT/MT Batterie Scaricatori La soluzione di

Dettagli

NV10P K1 K1 K3 K4 K5 L5 ARF PLC. 59Uavg 59V2

NV10P K1 K1 K3 K4 K5 L5 ARF PLC. 59Uavg 59V2 RICHIUSUR UTOMTIC PER SISTEM DI PROTEZIONE DI INTERFCCI (SPI) PER UTENTI TTIVI CONFORME LL NORM ED.III Trip - U, f, df>, Uavg> Trip IN1-52B: finecorsa interruttore aperto

Dettagli

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) 0 Introduzione Scopo di questa presentazione

Dettagli

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Sistema multi-funzione per la verifica di tutte le tipologie di relè: elettromeccanici,

Dettagli

Sepam Serie 40 tipo S41 e S42 DATA LOGGER: note per il cablaggio e la regolazione da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 40 tipo S41 e S42 DATA LOGGER: note per il cablaggio e la regolazione da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 40 tipo S41 e S42 DATA LOGGER: note per il cablaggio e la regolazione da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 40 tipo S41 e S42 DATA LOGGER: note per il cablaggio e la regolazione

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE]

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] 1 di 17 SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] Redatto Collaborazioni Verificato Approvato R. Gnudi - L. Caciolli C. Cassaro N. Garau A. Costanzo

Dettagli

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV DEGLI IMPIANTI CONNEI ALLA RETE ELETTRICA DI AM TERNI A TENIONE >1kV AM TERNI.p.A. ervizio Elettrico AM D.T.010409/1 NOME CONVENZIONALE CABINA...CODICE... NOME CONVENZIONALE UTENTE...CODICE... TENIONE

Dettagli

La Commutazione Automatica delle Alimentazioni

La Commutazione Automatica delle Alimentazioni La Commutazione Automatica delle Alimentazioni Generalità La continuità di servizio negli impianti elettrici rappresenta un obiettivo operativo da perseguire già in fase di progetto. Garantire l alimentazione

Dettagli

Centralina solare CS1.2. Istruzioni di montaggio ed esercizio

Centralina solare CS1.2. Istruzioni di montaggio ed esercizio Centralina solare CS1.2 Istruzioni di montaggio ed esercizio Indice Avvertenza per la sicurezza... 2 Dati tecnici e sommario delle funzioni... 3 1. Installazione... 4 1.1 Montaggio... 4 1.2 Allacciamento

Dettagli

U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO

U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO Marca Articolo Note AEC Illuminazione S.p.A. Lampione Triloga1 Scheda prodotto AEC Illuminazione S.p.A. Palo EC5 Estratto catalogo

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT N 01 1 di 23 IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione N 01 2 di 23 INDICE 1.

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 (conformi CEI 0-21 edizione giugno 2012) PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) electric Sistemi di protezione di interfaccia Conformi CEI 0-21

Dettagli

Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I)

Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I) Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 5.1 GENERALITÀ 2 5.2 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE 5 5.2.1 Termistori motore 5 5.2.2 INT 69 VS 5 5.2.3 INT 69 RCY 6

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

DRTS 64. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter

DRTS 64. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Sistema multi-funzione per la verifica di tutte le tipologie di relè: elettromeccanici,

Dettagli

Relè di Protezione. U-MLEs-PLv. Linea Ultra. RELE' DI PROTEZIONE CABINE IN C.C. (Line Test con doppia tensione) 32, 45, 49, 64, 76, 79, 80

Relè di Protezione. U-MLEs-PLv. Linea Ultra. RELE' DI PROTEZIONE CABINE IN C.C. (Line Test con doppia tensione) 32, 45, 49, 64, 76, 79, 80 Linea Ultra RELE' DI PROTEZIONE CABINE IN C.C. (Line Test con doppia tensione) 3, 45, 49, 64, 76, 79, 80 Relè di controllo e protezione di sottostazioni in Corrente Continua particolarmente adatto ad applicazioni

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) PMVF 20 (conformi CEI 0- edizione giugno 2012) Sistemi di protezione di interfaccia Conforme CEI 0-16 edizione dicembre

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

UPM209 TA 1/5A, 80A Strumento trifase multifunzione

UPM209 TA 1/5A, 80A Strumento trifase multifunzione TA 1/5A, 80A Strumento trifase multifunzione Versione estremamente compatta da 4 moduli per guida DIN Misura bidirezionale su quattro quadranti per tutte le energie e le potenze Misura di tutti i principali

Dettagli

Nemo 96 HDLe Network monitor evolution

Nemo 96 HDLe Network monitor evolution Multifunzione Nemo 96 HDLe Network monitor evolution Nemo (Network monitor) Famiglia di strumenti multifunzione, per misure su reti in cc e ca, che consentono di monitorare i principali parametri della

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller.

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. Istruzioni per l uso Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. T( C) Controller B 170 T1 7 4 8 5 9 6 Eurotherm 2132i start

Dettagli

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Serie 2850.. Manuale di installazione e messa in servizio Grazie per aver acquistato questo apparecchio. Leggere attentamente queste istruzioni

Dettagli

Contatori di energia

Contatori di energia Contatori di energia Contatori di energia Per una gestione efficiente dei consumi energetici In uno scenario mondiale in cui l energia deve essere monitorata e gestita in modo efficiente e moderno, LOVATO

Dettagli

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO INDICE Il sistema di monitoraggio energia da Fotovoltaico La ditta RASOTTO si propone al mercato con un nuovo prodotto per il monitoraggio dell energia prodotta da un

Dettagli

Multimetri e analizzatori di rete Monitoraggio completo dell impianto

Multimetri e analizzatori di rete Monitoraggio completo dell impianto Multimetri e analizzatori di rete Monitoraggio completo dell impianto Benefici della misura, perché misurare? Nel mercato attuale è sempre più importante prestare attenzione alla riduzione dei costi di

Dettagli

Panorama delle applicazioni

Panorama delle applicazioni GCM02 Panorama delle applicazioni VANTAGGI PER LA PRODUZIONE DELLA QUADRISTICA RIDUZIONE DEI COMPONENTI, DEI TEMPI E DEI COSTI DI PRODUZIONE; CABLAGGIO LIMITATO ALLA PIASTRA INTERNA, SULLA PORTA VANNO

Dettagli

 Applicazioni. diris_581_f_1_it_cat

 Applicazioni. diris_581_f_1_it_cat / A4 Centraline di misura  Applicazioni DIRIS A4 Ethernet diris_744_a cat diris_58_f it_cat PC Software di supervisione Tabella generale dei contatori appli_384_b Monitoraggio e gestione energetica degli

Dettagli

1 CRONOMETRI SPORT, TEMPO E INNOVAZIONE

1 CRONOMETRI SPORT, TEMPO E INNOVAZIONE 1 CRONOMETRI SPORT, TEMPO E INNOVAZIONE REI2 è un cronometro professionale di concezione innovativa, che permette di soddisfare tutte le esigenze di cronometraggio nelle diverse discipline sportive. Il

Dettagli

QNA500 NEW. Analizzatore dei parametri e qualità di rete modulare componibile, in Classe S QNA500. Parametri elettrici generali

QNA500 NEW. Analizzatore dei parametri e qualità di rete modulare componibile, in Classe S QNA500. Parametri elettrici generali QNA500 Analizzatore dei parametri e qualità di rete modulare componibile, in Classe S NEW QNA500 QNA500 è un innovativo sistema modulare di misura e registrazione per la supervisione ed il controllo di

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI indice ALIMENTATORE TRIFASE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2102AL DL 2102ALCC MODULI PULSANTE DI EMERGENZA TRE PULSANTI TRE LAMPADE DI SEGNALAZIONE CONTATTORE RELE TERMICO RELE A TEMPO SEZIONATORE SENSORE

Dettagli

Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione

Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 11-28 Data Pubblicazione Edizione 1998-04 Prima Classificazione Titolo Fascicolo 11-28 4142 R Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI Giovanni Barozzi, Agostino Colombi AUTECO SISTEMI SRL Via Nazionale, 7 27049 Stradella (PV) auteco@auteco.net Sommario

Dettagli

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV SPECIFICHE TECNICHE OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV RSST04I00 rev. 0 0113 SPECIFICA SIGLA TIPO DI PRODOTTO A DIM/F TELEGESTIONE QUADRI DI CAMPO

Dettagli

Il controllo completo ad ogni distanza. Il calore è il nostro elemento. Sistema di telegestione Logamatic ECO-KOM Logamatic Easycom.

Il controllo completo ad ogni distanza. Il calore è il nostro elemento. Sistema di telegestione Logamatic ECO-KOM Logamatic Easycom. [ Aria ] [ Acqua ] Sistema di telegestione Logamatic ECO-KOM Logamatic Easycom [ Terra ] [ Buderus ] Il controllo completo ad ogni distanza Il calore è il nostro elemento T E R M O T E C Sistema di telegestione

Dettagli

Manuale d uso e funzionamento

Manuale d uso e funzionamento Manuale d uso e funzionamento Comando Remoto per Caldaria 55.1 e 100.1 Condensing A B C Selezione stato funzionamento Impostazione orologio e temperature Programma settimanale D E F G Modifica valore visualizzato

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

EASYREMOTE. Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017

EASYREMOTE. Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017 Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY INFORMAZIONI GENERALI Caratteristiche

Dettagli

la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi

la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi Roma Sapienza Università - Facoltà di Ingegneria Aula del Chiostro 5 maggio 2010 SEMINARIO Sezione di Roma Norma CEI 0-16: 0 la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT:

Dettagli

CBA 1000. Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro CARATTERISTICHE

CBA 1000. Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro CARATTERISTICHE CBA 1000 Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro Prova interruttori e microhmmetro 200 A in uno solo strumento. Misura dei tempi di 6 contatti principali, 6 resistivi e 4 ingressi ausiliari. Sino a

Dettagli

Selezione di funzioni in forma di commutatore rotatorio dell'analizzatore di armoniche PCE-GPA 62

Selezione di funzioni in forma di commutatore rotatorio dell'analizzatore di armoniche PCE-GPA 62 Analizzatore di armoniche trifase PCE-GPA 62 analizzatore di rete / misuratore di potenza e misuratore di energia (tempo reale) con registrazione dei dati, display grafico, interfaccia per PC e software

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

Energia Centro Nord Soc. consortile

Energia Centro Nord Soc. consortile Energia Centro Nord Soc. consortile Quadri trifase per fornitura di energia elettrica in Media ed Alta tensione con contatore statico a 4 quadranti In collaborazione con Prodotto QME: giugno 2006 EMH Elektrizitätszähler

Dettagli

Analizzatori di rete di ultima generazione

Analizzatori di rete di ultima generazione Analizzatori di rete di ultima generazione Analisi della qualità del servizio elettrico, analisi dei dati registrati, verifica e collaudo degli impianti fotovoltaici in termini di conformità ai dati nominali

Dettagli

Tra la società distributrice e l utente/cliente

Tra la società distributrice e l utente/cliente La qualità dell energia elettrica si misura in termini di conformità ai dati nominali e di continuità della fornitura QUALITÀ DELL ENERGIA ELETTRICA 2 di Luca Bernardi Tra la società distributrice e l

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM MANUALE DEL CONTROLLO ELETTRONICO UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM Il sistema di controllo elettronico presente a bordo delle unità

Dettagli

Analizzatori della qualità di rete per installazione fissa, Classe A

Analizzatori della qualità di rete per installazione fissa, Classe A QNA412 e QNA413 Analizzatori della qualità di rete per installazione fissa, Classe A QNA412 e QNA413 QNA412 e QNA413 sono due analizzatori dei parametri di rete e della qualità della fornitura elettrica

Dettagli

PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2

PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2 PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2 Correnti di cortocircuito A cura del Prof.: Ing. Fusco Ferdinando Capitolo 2 Correnti di cortocircuito 2.1 La corrente di cortocircuito Il valore

Dettagli

centrale di emergenza o di produzione composta da 2, 3, 4 o più gruppi elettrogeni funzionanti in parallelo tra loro.

centrale di emergenza o di produzione composta da 2, 3, 4 o più gruppi elettrogeni funzionanti in parallelo tra loro. Questo tipo di quadro elettrico è studiato per gestire una centrale di emergenza o di produzione composta da 2, 3, 4 o più gruppi elettrogeni funzionanti in parallelo tra loro. Nel caso di impianti di

Dettagli

Prodotti e soluzioni per gruppi elettrogeni

Prodotti e soluzioni per gruppi elettrogeni Prodotti e soluzioni per gruppi elettrogeni www.lovatoelectric.com Tra dizione ed innovazione LOVATO Electric S.p.A. - Bergamo Dal 1922 La prima sede LOVATO Electric nasce a Bergamo nel 1922: è il punto

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

Campus di Fisciano (SA)

Campus di Fisciano (SA) ADEGUAMENTO CABINA ELETTRICA A SERVIZIO DELLA MENSA CAMPUS DI FISCIANO RELAZIONE TECNICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO AREA VI RISORSE STRUMENTALI UFFICI TECNICI Ufficio Sistemi Elettrici -------------------------------------------------------------------

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE Ed. II - 1/31 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4 DEFINIZIONI... 3 5 CRITERI GENERALI DI ALLACCIAMENTO E DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

GC400 Mains La soluzione ideale per applicazioni SSTP, dove è richiesto il parallelo di

GC400 Mains La soluzione ideale per applicazioni SSTP, dove è richiesto il parallelo di GC400 Scheda di controllo per centrali di produzione o emergenza composte da gruppi elettrogeni funzionanti in parallelo tra loro in applicazioni MPM e MSB. GC400 Mains La soluzione ideale per applicazioni

Dettagli

CSEMIDMT831 CONTATORE MULTIFUNZIONE DI ENERGIA MID, TELELEGGIBILE, APPROVATO DA ENEL DISTRIBUZIONE 9.27

CSEMIDMT831 CONTATORE MULTIFUNZIONE DI ENERGIA MID, TELELEGGIBILE, APPROVATO DA ENEL DISTRIBUZIONE 9.27 CSEMIDMT83... CONTATORE MULTIFUNZIONE DI ENERGIA MID, DATI TECNICI display 8 cifre 7 segmenti 8x4 (lettura) 5 cifre 7seg. 6x3 (identificazione) energia attiva MID C ex 0,5S (IEC 62053-22) flusso di energia

Dettagli

-250 Controllo filtro 400V con regolazione dell energia solare

-250 Controllo filtro 400V con regolazione dell energia solare Istruzioni per l uso e di montaggio -250 Controllo filtro 400V con regolazione dell energia solare Art. Nr.: 3100000440 Dati Tecnici: Dimensioni: Tensione di esercizio: Assorbimento di potenza del controllo:

Dettagli

Contatori di energia

Contatori di energia Contatori di energia Conto OLTRE L ENERGIA Il riconoscimento dell importanza vitale che l energia ha assunto ed una nuova sensibilità verso un corretto utilizzo delle risorse, hanno indotto negli utenti

Dettagli

Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni

Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza. di Giuseppe Agostini, Electro Graphics Cause dei guasti, probabilità e percentuali La rete di distribuzione dellenergia elettrica

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI RELAZIONE TECNICA 1. IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI 0-16... 2 1.1. - Premessa... 2 1.2. Nuovo dispositivo di protezione generale... 4 1.2.1 Prescrizioni previste

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Novità in fiera. www.lovatoelectric.com. pedale. Componenti modulari. Strumenti di misura digitali COMPONENTI ELETTRICI PER AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Novità in fiera. www.lovatoelectric.com. pedale. Componenti modulari. Strumenti di misura digitali COMPONENTI ELETTRICI PER AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ENERMOTIVE 2007 Novità in fiera Pad. 22 Stand C01 Partenze motore e applicazioni di potenza Finecorsa, microinterruttori e interruttori a pedale Componenti modulari Strumenti di misura digitali www.lovatoelectric.com

Dettagli

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI)

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Manuale Utente SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Indice Informazioni preliminari 2 Prima accensione del dispositivo 2 Caratteristiche 2 Specifiche tecniche 3 Led di segnalazione

Dettagli

DIGITALE >ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO

DIGITALE >ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO ANTINCENDIO >ANTINCENDIO DIGITALE SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 Alta flessibilità del sistema Il sistema FAP500 è un sistema intelligente modulare, omologato EN54, realizzato con una tecnologia

Dettagli

Nessun jumper o dip-switch. Lista cronosequenziale degli eventi/allarmi

Nessun jumper o dip-switch. Lista cronosequenziale degli eventi/allarmi AVVIATORI STATICI PAG. -2 ADXM...BP Corrente nominale avviatore Ie 6 45A. Potenza nominale motore 2,2 22kW (400V). Relè di by-pass incorporato. Protezione totale contro le sovratemperature. Tempi di accelerazione

Dettagli

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009 EN 60204-1 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Matteo Marconi Stefano Piccagli UDINE, 22 OTTOBRE 2009 Le direttive LA LEGGE 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria (dal 01 Gennaio

Dettagli

603328/001. La soluzione ABB per il filtraggio attivo delle armoniche

603328/001. La soluzione ABB per il filtraggio attivo delle armoniche 603328/001 La soluzione ABB per il filtraggio attivo delle armoniche Distorsione della corrente di linea dovuto a un convertitore di frequenza Corrente di linea non filtrata (100 A/div) Corrente assorbita

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Wattmetri da laboratorio

Wattmetri da laboratorio Wattmetri da laboratorio Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali indipendenti 3193 Wattmetro monofase 100kHz per bassissime potenze 3332 Wattmetro mono-trifase 100kHz 3331 Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali

Dettagli

GENERATORE MESSO A TERRA CON TRASFOMATORE PRIMARIO FUNZIONAMENTO CON AVVIATORE STATICO

GENERATORE MESSO A TERRA CON TRASFOMATORE PRIMARIO FUNZIONAMENTO CON AVVIATORE STATICO GENERATORE MESSO A TERRA CON TRASFOMATORE PRIMARIO FUNZIONAMENTO CON AVVIATORE STATICO Durante il funzionamento in fase di avviamento, il turbogas è alimentato da un avviatore statico; lo schema di funzionamento

Dettagli