Economia digitale: Smart City Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia digitale: Smart City Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane"

Transcript

1 Economia digitale: Smart City Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane Martedì 11 Giugno 2013 Palazzo Giureconsulti (Sala Esposizioni) Piazza dei Mercanti, 2 - Milano Rassegna stampa Via Leone XIII, MILANO - P.IVA Service Communication : - Tel

2 Comunicato stampa AFII - IT Economia digitale: Smart City Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane L Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali e la Chambre Française de Commerce et d Industrie en Italie (CFCII), con il supporto della Camera di Commercio di Milano, organizzano il prossimo 11 giugno una conferenza sui temi legati all economia digitale e intitolata: Economia digitale: Smart City, un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane. L evento si terrà presso la sede della Camera di Commercio di Milano in Piazza dei Mercanti e sarà scandito da presentazioni sui programmi di innovazione digitale esistenti nei due paesi e da testimonianze di esperti, grandi gruppi, PMI e Municipalità che lavorano con profitto su queste tematiche in Francia e in Italia. La Francia, pienamente impegnata nell Agenda Digitale La Francia conferma il proprio impegno per lo sviluppo dell economia digitale, con la creazione di fondi appositamente dedicati al digitale: 4,5 miliardi di euro stanziati nell ambito del programma Investissements d Avenir; 2 miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture internet (fibra ottica, soluzioni satellitari, connessione a banda larga); 1,4 miliardi di euro per sostenere le imprese del settore digitale; 850 milioni di euro dedicati al sostegno dell innovazione nelle applicazioni digitali; 250 milioni di euro per lo sviluppo delle cosidette reti intelligenti. Recentemente, il Primo Ministro Jean-Marc Ayrault ha annunciato un nuovo piano composto da oltre 18 misure a favore del digitale, tra le quali la realizzazione di un ambizioso programma di sviluppo della connessione a banda larga generalizzata entro dieci anni che sarà sostenuto da un investimento pari a 20 miliardi di euro, e l avvio di un programma di educazione alle technologie digitali che prevede l avvio di un piano di formazione di insegnanti entro il Verrà dedicata inoltre una particolare attenzione alle PMI del settore digitale, tramite la creazione di quartieri digitali in quindici città, e lo stanziamento di 300 milioni di euro sotto forma di prestiti bonificati dalla Banca Pubblica di Investimento. Nel 2010, l economia digitale ha rappresentato il 25% del tasso di crescita francese, e sono stati creati circa posti di lavoro nell arco di quindici anni. Inoltre, viene stimato che entro il 2015, verranno creati nuovi posti di lavoro, per un valore aggiunto di 130 miliardi di euro, che corrisponde al 5.5% del PIL francese. La Francia si colloca al terzo posto a livello europeo, per quanto riguarda la difusione della connessione a banda larga e le sue reti di telecomunicazione si collocano fra le migliori a livello mondiale. Le tariffe delle telecomunicazione sono fra le più competitive dell Unione Europea. Infine, l economia digitale è sostenuta da cinque cluster di innovazione nei quali vengono sviluppate partnership tra centri di ricerca privati e pubblici, università ed imprese (Cap Digital, Images et réseaux, Minalogic, SCS, Systematic). Smart city, un'opportunità per ri-pensare la città contemporanea Attraverso le innovazioni continue legate all economia digitale, la smart city si pone come obiettivo quello di rendere disponibile la tecnologia digitale alla popolazione, in modo da massimizzarne i benefici economici e sociali. In questo processo vengono coinvolti una molteplicità di attori non solo cittadini, ma anche imprese, attive sia nel pubblico che nel privato. Come sottolineato nel rapporto pubblico La dimensione culturale del Grand Paris (gennaio 2012), «la città di domani va progettata oggi. Più della metà della popolazione mondiale vive nelle città, una proporzione in costante aumento. Questa crescente urbanizzazione rappresenta una notevole sfida riguardante i trasporti, la sicurezza, l ambiente, la gestione dei rifiuti e tutti i settori dell economia. Per rispondere a queste nuove problematiche e migliorare la qualità della vita degli abitanti, la città come viene intesa oggi, sta conoscendo una vera rivoluzione, basata proprio sulle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione. La città di domani sarà quindi innanzitutto una città digitale, una città intelligente.» Contatti stampa: Clara D Orlando AFII - Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali Via Cusani, Milano Tel / Fax

3 Communiqué de presse AFII - FR Economie numérique: Villes durables, Une opportunité de marché pour les entreprises françaises et italiennes L Agence française pour les Investissements internationaux et la Chambre Française de Commerce et d Industrie en Italie (CFCII), avec le soutien de la Chambre de Commerce de Milan, organisent le mardi 11 juin une conférence sur le thème: Economie numérique: Villes durables, une opportunité de marché pour les entreprises françaises et italiennes. L initiative se tiendra à la Chambre de Commerce de Milan, Piazza dei Mercanti, et se donne pour objectif de valoriser auprès des entreprises italiennes les atouts de la France dans ce secteur d avenir grâce à des interventions d experts. Seront également au programme des témoignages d entreprises (PME et grands groupes) et de municipalités développant des projets autour de ce thème en France et en Italie. La France, pleinement engagée dans la révolution numérique La France a confirmé son engagement en faveur du développement de l économie numérique en y consacrant d importants investissements publics : 4,5 milliards d euros (au titre du programme des investissements d avenir) ont été consacrés à l économie numérique via un Fonds national pour la société numérique (FSN) ; 2 milliards d euros pour le développement des infrastructures Internet (fibre optique, solutions satellitaires, très haut débit mobile...) ; 1,4 milliard d euros pour le soutien aux entreprises du numérique ; 850 millions d euros alloués au soutien de l innovation dans les applications numériques ; 250 millions d euros pour le développement des réseaux intelligents. Récemment, le Premier ministre Jean-Marc Ayrault a annoncé 18 nouvelles mesures en faveur du numérique, parmi lesquelles la réalisation d un projet très ambitieux de haut débit pour tous d'ici à dix ans, qui nécessitera un investissement de 20 milliards d euros, et le lancement d un programme d éducation numérique prévoyant notamment la formation de enseignants aux usages du numérique avant Une attention particulière sera également accordée aux PME du secteur du numérique, grace à la création de "quartiers numériques locaux" dans quinze villes, et l octroi de 300 millions d'euros sous la forme de prêts bonifiés en provenance de la Banque publique d'investissement. En 2010, le développement du numérique a été à l origine de 25% de la croissance française en Dans l ensemble de l économie française, la diffusion des TIC a créé emplois nets en quinze ans. D ici à 2015, emplois supplémentaires devraient être créés, pour une valeur ajoutée de 130 milliards d soit, 5,5% du PIB français. La France, située dans le peloton de tête des pays équipés en haut ou très haut débit (3ème rang de l Union européenne), dispose d excellentes infrastructures numériques : ses réseaux de télécommunication comptent parmi les meilleurs au monde en termes de qualité, de disponibilité, d efficacité. Les tarifs des télécommunications sont parmi les plus compétitifs de l Union européenne. Enfin, l économie numérique est soutenue par un réseau dynamique de cinq pôles d innovation, dans lesquels se développent des partenariats entre centres de recherche publics et privés, universités et entreprises (Cap Digital, Images et réseaux, Minalogic, SCS, Systematic). Villes durables, une opportunité pour réinventer la ville contemporaine S appuyant sur les innovations permanentes permises par l économie numérique, les Villes durables se donnent pour objectif de mettre la technologie numérique au service de la population, afin d en maximiser les bénéfices économiques et sociaux. Sont ainsi concernés de nombreux acteurs, parmi lesquels citoyens, mais également entreprises privées comme publiques. Comme le souligne le rapport public «La dimension culturelle du Grand Paris» (janvier 2012), La ville de demain se construit aujourd hui. Plus de la moitié de la population mondiale vit aujourd hui dans des villes, et cette proportion augmente constamment. Cette urbanisation croissante pose des défis considérables en matière de transports, de sécurité, d environnement, de gestion des déchets, d activités économiques... Pour y répondre tout en apportant une meilleure qualité de vie aux habitants, la ville telle que nous la connaissons aujourd hui va connaître une véritable révolution. Cette révolution de la ville a ceci de particulier qu elle repose massivement sur les technologies de l information et de la communication. La ville de demain sera donc d abord une ville numérique, une ville intelligente. 3

4 Comunicato stampa CCIAA Smart city: gli imprenditori chiedono infrastrutture digitali e sviluppo sostenibile Smart cities: al via lo scambio con la Francia Circa 2 miliardi di euro l interscambio ICT tra Lombardia e Francia Bando per le imprese digitali che guardano all estero Milano, 11 giugno Dove investire per avere una smart-city? Gli imprenditori puntano sulle infrastrutture digitali (33,9%), sullo sviluppo sostenibile (26,3%) e sui servizi smart (18,8%). Tra i tipi di servizio che si vorrebbero dal progetto Smart City, il 26,9% punta sulla rete wi-fi diffusa su tutto il territorio della città, ma anche la possibilità di ottenere informazioni in tempo reale sui vari aspetti del vivere e lavorare quotidiano (17,7%). Sono questi i dati che emergono da una indagine della Camera di Commercio di Milano su oltre 200 imprese milanesi ad aprile Convegno sull economia digitale oggi in Camera di commercio. Di Smart city e innovazione digitale in Italia e Francia si è parlato oggi in Camera di commercio di Milano nel corso del convegno Economia digitale: Smart City. Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane, organizzato dall Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali e la (CFCII) in collaborazione con la Camera di commercio di Milano. Tra i temi: i servizi già disponibili per le imprese e le prospettive di evoluzione anche in relazione al patrimonio informativo delle amministrazioni pubbliche che sta diventando accessibile come occasione di sviluppo imprenditoriale. ICT, rapporti commerciali tra Lombardia e Francia. È stato di quasi 2 miliardi di euro l interscambio commerciale tra Lombardia e Francia nel settore legato all ICT nel 2012, quasi 940 milioni di euro le importazioni (64% nazionale) e 842 milioni le esportazioni (51% nazionale). Per import di prodotti Milano è prima con il 59% lombardo seguita da Monza e Brianza (35%) mentre nelle esportazioni si invertono le posizioni, Milano è seconda (29%) dopo Monza e Brianza (57%). La Lombardia esporta soprattutto componenti elettronici e schede elettroniche (64%) che sono anche il prodotto più importato (31%) insieme agli strumenti e apparecchi di misurazione e precisione (30%). Emerge da un elaborazione Camera di commercio di Milano su dati Istat al quarto trimestre 2012 e Creare una Milano smart - ha dichiarato Erica Corti, membro di giunta della Camera di Commercio di Milano - significa migliorare la qualità della vita dei cittadini, rafforzare la competitività e l attrattività della nostra città a livello internazionale. Una strada da seguire con determinazione e che può essere una occasione di sviluppo per le nostre imprese nell ambito di una collaborazione con Paesi come la Francia che hanno già compiuto passi importanti in questa direzione. 4

5 Import export lombardo con la Francia nel settore Computer, apparecchi elettronici e ottici per provincia TERRITORIO peso var 2012/2011 import export import export import export import export Varese ,6% 2,1% -25,7% -48,1% Como ,2% 0,4% -36,9% -26,3% Sondrio ,1% 0,5% -72,1% -26,5% Milano ,7% 28,9% -20,0% -9,1% Bergamo ,3% 4,5% 8,5% 9,8% Brescia ,6% 2,5% -13,8% -12,1% Pavia ,5% 0,5% -14,3% 7,9% Cremona ,1% 0,2% 43,3% 9,9% Mantova ,3% 0,1% 47,0% -19,1% Lecco ,6% 1,1% -3,9% 0,1% Lodi ,2% 2,4% -28,6% 14,0% Monza e della Brianza ,9% 56,7% -44,1% -7,9% Lombardia ,0% 100,0% -30,3% -8,8% Italia Lomb Su Italia Lomb Su Italia ,2% 50,6% -18,0% -4,6% Elaborazione Camera di commercio di Milano su dati registro imprese al quarto trimestre 2012 e 2011 Import export lombardo con la Francia nel settore Computer, apparecchi elettronici e ottici per merce MERCE var peso 2012/2011 impor expor impor expor import export import export t t t t Componenti elettronici e schede elettroniche ,9% 64,3% - 36,0% -6,5% Computer e unità periferiche ,4% 3,8% 42,5% 44,5% Apparecchiature per le telecomunicazioni ,2% 8,0% 41,6% 16,9% Prodotti di elettronica di consumo audio e video ,8% 2,4% - 19,0% 11,8% Strumenti e apparecchi di misurazione, prova e navigazione; orologi ,0% 15,1% - 13,3% -3,3% Strumenti per irradiazione, apparecchiature elettromedicali ed elettroterapeutiche ,6% 5,5% - 10,3% -2,5% Strumenti ottici e attrezzature fotografiche ,8% 0,5% 24,5% 32,7% Supporti magnetici ed ottici ,2% 0,4% 16,4% 54,4% Totale Lombardia ,0 % 100,0 % - 30,3% -8,8% Elaborazione Camera di commercio di Milano su dati registro imprese al quarto trimestre 2012 e

6 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Link internet: 6

7 Testo TECHNOLOGIE Milan en passe de devenir une Smart City Savez-vous que 6 milliards de terriens seront connectés demain à des téléphones mobiles? Que deux personnes sur trois vivront en ville? Et que Milan compte 55 voitures pour 100 habitants, contre 30 dans les autres villes? Des chiffres à faire tourner la tête mais qui reflètent la réalité avec laquelle l ensemble des acteurs politiques, institutionnels et privés doivent faire face. Dans 20 ans, Milan sera une mégacité. Chaque jour, elle pose les briques de son avenir dans l économie digitale et confirme sa position unique en Italie. Milan est en marche pour devenir une Smart City à la hauteur de ses ambitions. Un vrai rendez-vous pour la population. C'est quoi une Smart City? Avec les évolutions démographiques que connaissent les grandes villes et les progrès technologiques, la politique des villes doit, pour améliorer la qualité de la vie, intégrer les changements en matière d échanges qu il s agisse de transport, d eau, d énergie, de culture ou bien d informations. Smart City est un concept fédérateur qui permet de se faire rapprocher les acteurs. Il repose sur l idée de connexion, de collaboration et d interactivité. "Le monde n a pas arrêté de changer. L invention de l écriture a ouvert le chemin de la civilisation La seule ressource réexploitable est la matière grise. Elle représentera la 6ème vague de progrès et permettra de résoudre les problèmes de santé, de transports, de ressources" déclarait le 11 juin dernier lors de la cinquième conférence sur l économie digitale, Jean-Pierre Corniou, directeur général du cabinet Sia Partners et ancien directeur des systèmes d information d Usinor. "Le problème, c est que beaucoup trop d entreprises vivent encore au 20ème siècle, alors que les jeunes sont déjà au 21ème. Désormais, la technologie doit être présente là où les individus en ont besoin, que ce soit à titre professionnel ou personnel. La technologie doit être Alawadas, c est à dire any time, any where, any device, any screen". Lors de la conférence, Guillaume Declerck, Responsable business development d Alcatel Lucent pour l Europe de l ouest et l Europe du sud en a donné une illustration concrète pour la gestion des situations d urgence. "Lors des inondations en Ligurie, nous avons pu envoyer des sms sur les portables des personnes présentes sur place grâce à la géolocalisation. De pareilles applications peuvent servir en fait dans le domaine de la santé, de la justice, de la sécurité etc". 3, 2, 1 Smart City Milano c est parti! A l approche de l Expo 2015, les projets autour de l économie digitale sont toujours plus concrets. Dans un premier temps, il s agit"d utiliser intelligemment les moyens existants et de les renforcer" déclare Cristina Tajani, adjointe au maire pour le travail et le développement économique de ville de Milan. Mais aussi "d utiliser toutes les opportunités européennes et bilatérales pour permettre aux habitants et aux visiteurs un usage plus technologique de la ville". La ville et la Chambre de Commerce de Milan collaborent toujours plus dans ce sens. Demain mercredi 3 juillet, l administration communale présentera son plan d action. Un des axes majeurs porte sur le thème des Smart Cities, en collaboration avec le secteur privé. La Chambre de Commerce, quant à elle, travaille 7

8 particulièrement au partage des données pour rendre les informations plus fluides pour les entreprises. Concrètement, un appel a candidature a été lancé pour faciliter l internationalisation des entreprises digitales. "En fait, la ville s est pleinement impliquée dans le projet depuis fin 2012 avec la rédaction d une nouvelle grille de lecture du projet Smart City. Il s est agit d un signe fort" a souligné Renato Galliano, directeur du projet Milano Smart City. Le PGT (Piano Governo Territorio) a ainsi intégré par exemple le chauffage urbain (teleriscalmendo), la mobilité à vélo, l accès à la culture, le partage des informations de la municipalité, l open data pour des accès internet toujours plus faciles, etc. Mais pour mener à bien un projet d une telle ampleur, François de Brabant, Président de Between Spa, a rappelé l impératif d une approche méthodologique. Ainsi, la gestion du projet Smart City Milano a-t-il été divisé en 25 thématiques (bande large, mobilité, santé, éducation, gouvernement, culture et tourisme, énergies renouvelables, efficience énergétique, ressources naturelles, etc.). Pour chaque thème, il s agit de définir le positionnement de la ville, de vérifier les systèmes existants, de mesurer la faisabilité et de communiquer. L Italie regarde vers la France En ouverture de cette conférence organisée par l AFII et la CFCII, Alain Le Roy, Ambassadeur de France en Italie n a pas manqué de rappeler la solidité des relations entre les deux pays. Il est vrai que l année 2012 a été particulièrement riche puisque le nombre de projets d investissement italiens en France a augmenté de 37% et que les stocks d investissements français en Italie se sont soldés à 48 milliards d euros. Les relations bilatérales se renforcent depuis la rencontre des chefs de gouvernement en décembre dernier. Un nouveau sommet est prévu le 20 novembre prochain à Rome. Pour Giorgio Rapari de la Chambre de Commerce de Milan, "les rapports commerciaux entre la France et l Italie sont consolidés. Les échanges avec la France, pour la seule Lombardie, s élèvent à 2 milliards d euros". Aussi, comme dans d autres domaines, l Italie regarde de près l expérience française en matière d économie digitale. En France, l économie numérique représente emplois. "Dans les années 70 en France, la moitié des français avaient l abonnement au téléphone, l autre attendait de recevoir les appels" ironise François de Brabant. "Les deux pays ont une approche très différente en matière de politique digitale. Les Français ont lancé le marché des télécommunications alors que l Italie a séparé les réseaux. C est d ailleurs le premier cas au monde après la Nouvelle Zélande!" Evidemment le changement ne se fera pas du jour au lendemain. Et la clé de succès du projet Smart City Milano reposera sur la coopération entre l ensemble des acteurs. Sophie Her (Lepetitjournal.com de Milan) mardi 2 juillet

9 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Italiefrance.com Link internet: un%e2%80%99opportunit%c3%a0-di-mercato-per-le-aziende-francesi-e-italiane.html 9

10 Testo Economie numérique: Villes durables, une opportunité de marché pour les entreprises françaises et italiennes 03 Jun 2013 Écrit par Clara D'Orlando - Agence française pour les Investissements internationaux Affichages : 1444 Milan - L Agence française pour les Investissements internationaux, en partenariat avec la Chambre Française de Commerce et d Industrie en Italie (CFCII), et avec le soutien de la Chambre de Commerce de Milan, organise le mardi 11 juin une conférence sur le thème: Economie numérique: Villes durables, une opportunité de marché pour les entreprises françaises et italiennes. L initiative se tiendra à la Chambre de Commerce de Milan, Piazza dei Mercanti, et se donne pour objectif de valoriser auprès des entreprises italiennes les atouts de la France dans ce secteur d avenir grâce à des interventions d experts. Seront également au programme des témoignages d entreprises (PME et grands groupes) et de municipalités développant des projets autour de ce thème en France et en Italie. La France, pleinement engagée dans la révolution numérique La France a confirmé son engagement en faveur du développement de l économie numérique en y consacrant d importants investissements publics : 4,5 milliards d euros (au titre du programme des investissements d avenir) ont été consacrés à l économie numérique via un Fonds national pour la société numérique (FSN) ; 2 milliards d euros pour le développement des infrastructures Internet (fibre optique, solutions satellitaires, très haut débit mobile...) ; 1,4 milliard d euros pour le soutien aux entreprises du numérique ; 850 millions d euros alloués au soutien de l innovation dans les applications numériques ; 250 millions d euros pour le développement des réseaux intelligents. Récemment, le Premier ministre Jean-Marc Ayrault a annoncé 18 nouvelles mesures en faveur du numérique, parmi lesquelles la réalisation d un projet très ambitieux de haut débit pour tous d'ici à dix ans, qui nécessitera un investissement de 20 milliards d euros, et le lancement d un programme d éducation numérique prévoyant notamment la formation de enseignants aux usages du numérique avant Une attention particulière sera également accordée aux PME du secteur du numérique, grace à la création de "quartiers numériques locaux" dans quinze villes, et l octroi de 300 millions d'euros sous la forme de prêts bonifiés en provenance de la Banque publique d'investissement. En 2010, le développement du numérique a été à l origine de 25% de la croissance française en Dans l ensemble de l économie française, la diffusion des TIC a créé emplois nets en quinze ans. D ici à 2015, emplois supplémentaires devraient être créés, pour une valeur ajoutée de 130 milliards d soit, 5,5% du PIB français. 10

11 La France, située dans le peloton de tête des pays équipés en haut ou très haut débit (3ème rang de l Union européenne), dispose d excellentes infrastructures numériques : ses réseaux de télécommunication comptent parmi les meilleurs au monde en termes de qualité, de disponibilité, d efficacité. Les tarifs des télécommunications sont parmi les plus compétitifs de l Union européenne. Enfin, l économie numérique est soutenue par un réseau dynamique de cinq pôles d innovation, dans lesquels se développent des partenariats entre centres de recherche publics et privés, universités et entreprises (Cap Digital, Images et réseaux, Minalogic, SCS, Systematic). Villes durables, une opportunité pour réinventer la ville contemporaine S appuyant sur les innovations permanentes permises par l économie numérique, les Villes durables se donnent pour objectif de mettre la technologie numérique au service de la population, afin d en maximiser les bénéfices économiques et sociaux. Sont ainsi concernés de nombreux acteurs, parmi lesquels citoyens, mais également entreprises privées comme publiques. Comme le souligne le rapport public «La dimension culturelle du Grand Paris» (janvier 2012), La ville de demain se construit aujourd hui. Plus de la moitié de la population mondiale vit aujourd hui dans des villes, et cette proportion augmente constamment. Cette urbanisation croissante pose des défis considérables en matière de transports, de sécurité, d environnement, de gestion des déchets, d activités économiques... Pour y répondre tout en apportant une meilleure qualité de vie aux habitants, la ville telle que nous la connaissons aujourd hui va connaître une véritable révolution. Cette révolution de la ville a ceci de particulier qu elle repose massivement sur les technologies de l information et de la communication. La ville de demain sera donc d abord une ville numérique, une ville intelligente. Informations et participation Smart City - Milan Où: Palazzo Giureconsulti (Sala Esposizioni) - Piazza dei Mercanti, 2 Milano Quand: 11 juin 2013 Contacts: AFII - Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali Via Cusani, Milano Tél / Fax Réf: Clara D Orlando 11

12 Testo Economia digitale: Smart City, un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane 03 Jun 2013 Scritto da Clara D'Orlando - Agence française pour les Investissements internationaux Visite: 1445 Milano - L Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali, in partnership con la (CFCII), e con il supporto della Camera di Commercio di Milano, organizza il prossimo 11 giugno una conferenza sui temi legati all economia digitale e intitolata: Economia digitale: Smart City, un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane. L evento si terrà presso la sede della Camera di Commercio di Milano in Piazza dei Mercanti e sarà scandito da presentazioni sui programmi di innovazione digitale esistenti nei due paesi e da testimonianze di esperti, grandi gruppi, PMI e Municipalità che lavorano con profitto su queste tematiche in Francia e in Italia. La Francia, pienamente impegnata nell Agenda Digitale La Francia conferma il proprio impegno per lo sviluppo dell economia digitale, con la creazione di fondi appositamente dedicati al digitale: 4,5 miliardi di euro stanziati nell ambito del programma Investissements d Avenir; 2 miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture internet (fibra ottica, soluzioni satellitari, connessione a banda larga); 1,4 miliardi di euro per sostenere le imprese del settore digitale; 850 milioni di euro dedicati al sostegno dell innovazione nelle applicazioni digitali; 250 milioni di euro per lo sviluppo delle cosidette reti intelligenti. Recentemente, il Primo Ministro Jean-Marc Ayrault ha annunciato un nuovo piano composto da oltre 18 misure a favore del digitale, tra le quali la realizzazione di un ambizioso programma di sviluppo della connessione a banda larga generalizzata entro dieci anni che sarà sostenuto da un investimento pari a 20 miliardi di euro, e l avvio di un programma di educazione alle technologie digitali che prevede l avvio di un piano di formazione di insegnanti entro il Verrà dedicata inoltre una particolare attenzione alle PMI del settore digitale, tramite la creazione di quartieri digitali in quindici città, e lo stanziamento di 300 milioni di euro sotto forma di prestiti bonificati dalla Banca Pubblica di Investimento. Nel 2010, l economia digitale ha rappresentato il 25% del tasso di crescita francese, e sono stati creati circa posti di lavoro nell arco di quindici anni. Inoltre, viene stimato che entro il 2015, verranno creati nuovi posti di lavoro, per un valore aggiunto di 130 miliardi di euro, che corrisponde al 5.5% del PIL francese. La Francia si colloca al terzo posto a livello europeo, per quanto riguarda la difusione della connessione a banda larga e le sue reti di telecomunicazione si collocano fra le migliori a livello mondiale. Le tariffe delle telecomunicazione sono fra le più competitive dell Unione Europea. 12

13 Infine, l economia digitale è sostenuta da cinque cluster di innovazione nei quali vengono sviluppate partnership tra centri di ricerca privati e pubblici, università ed imprese (Cap Digital, Images et réseaux, Minalogic, SCS, Systematic). Smart city, un'opportunità per ri-pensare la città contemporanea Attraverso le innovazioni continue legate all economia digitale, la smart city si pone come obiettivo quello di rendere disponibile la tecnologia digitale alla popolazione, in modo da massimizzarne i benefici economici e sociali. In questo processo vengono coinvolti una molteplicità di attori non solo cittadini, ma anche imprese, attive sia nel pubblico che nel privato. Come sottolineato nel rapporto pubblico La dimensione culturale del Grand Paris (gennaio 2012), «la città di domani va progettata oggi. Più della metà della popolazione mondiale vive nelle città, una proporzione in costante aumento. Questa crescente urbanizzazione rappresenta una notevole sfida riguardante i trasporti, la sicurezza, l ambiente, la gestione dei rifiuti e tutti i settori dell economia. Per rispondere a queste nuove problematiche e migliorare la qualità della vita degli abitanti, la città come viene intesa oggi, sta conoscendo una vera rivoluzione, basata proprio sulle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione. La città di domani sarà quindi innanzitutto una città digitale, una città intelligente.» Informazioni e partecipazione Smart City - Milano Dove: Palazzo Giureconsulti (Sala Esposizioni) - Piazza dei Mercanti, 2 Milano Quando: 11 giugno 2013 Contatti: AFII - Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali Via Cusani, Milano Tel / Fax Ref: Clara D Orlando 13

14 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Key4biz.it / Rubrica Smart City Link internet: ancia_italia_convegno_europa_ html 14

15 Testo ITALIA Innovazione e smart city: a Milano aziende francesi ed italiane a confronto sull Europa digitale Tre i panel previsti in cui si parlerà di strategie governative in favore dell economia digitale, della ricerca di partenariati strategici, dell innovazione digitale come fattore fondamentale per la competitività delle città europee. SMART CITY - Il prossimo 11 giugno a Milano si svolgerà l incontro Economia digitale: Smart City, un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane, evento che vedrà la partecipazione di imprese nazionali e d oltralpe e dedicato al mondo dell innovazione tecnologica, dell ICT e delle smart city. Alla manifestazione, organizzata dalla Camera Francese di Commercio e Industria in Italia (CFCII), dall Agenzia francese per gli investimenti internazionali (AFII) e dalla Camera di Commercio di Milano, saranno presenti tra gli altri Alain Leroy, ambasciatore di Francia in Italia, Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca del Comune di Milano, Piero Fassino, sindaco di Torino e rappresentate ANCI Osservatorio Smart City, Brigitte DELIRY, Agenzia regionale di sviluppo economico Paris Ile de France, Renato Galliano, direttore Sviluppo economico, Innovazione, Università e Smart city del Comune di Milano. All interno dei diversi panel previsti, si parlerà di strategie governative in favore dell economia digitale, della ricerca di partenariati strategici, dell innovazione digitale come fattore fondamentale per la competitività delle città europee. Rappresentanti di enti locali, dell industria nazionale, delle Camere di Commercio e dei centri di ricerca, di agenzie internazionali, di città come Torino e Parigi, dirigenti di aziende affermate come Between, SIA, Alcatel-Lucent, Fidal, GridPocket, Softech Engineering, Astrium, si alterneranno sul palco per illustrare esperienze, best practice e case study. Un occasione per aprire un confronto multidisciplinare e dare vita a delle collaborazioni più forti tra più soggetti economici, istituzionali ed accademici attorno al tema delle smart city, dell innovazione tecnologica e dell ICT applicata ad ogni settore: economico, culturale, scientifico e sociale. In Francia sono ormai numerose le città coinvolte in piani di ammodernamento infrastrutturale e di promozione di servizi e applicazioni di nuova generazione, come nel caso di Greater Lyon, Parigi, Nizza, Marsiglia, solo per citare le 15

16 esperienze più conosciute. Stessa cosa nel nostro Paese, con il triangolo Smart di Torino- Genova-Milano, le tante realtà lmbardo-venete, gli esempi di Trento, Bologna, Firenze, Udine, Bari. Il panorama è vasto, il modello di sviluppo urbano ancora confuso, nonostante gli sforzi dell Europa e dei singoli Paesi partner, per l Italia ad esempio il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, con il piano Smart Cities & Communities, ma gli obiettivi da raggiungere sono chiari a tutti: innovare le infrastrutture, ridurre sprechi e inquinamento, rendere la crescita economica sostenibile, avvicinare amministrazioni pubbliche e cittadini, potenziare i canali di comunicazione con questi ultimi, tutelare le aree verdi, dare impulso alla green economy, stimolare gli spostamenti con mezzi pubblici elettrici e invitare la popolazione ad usare veicoli puliti, promuovere le smart grid e le fonti rinnovabili. A Palazzo Giureconsulti si avrà modo di approfondire tutti questi argomenti e di ascoltare i suggerimenti provenienti dal mondo delle imprese e della Pubblica Amministrazione, con l opportunità di aprire nuovi canali di confronto tra Italia e Francia e di far circolare nuove idee e soluzioni per lo sviluppo di un modello italo-francese di smart city valido per tutta l Europa. Maggiori informazioni sull incontro e il programma degli interventi sono disponibili sul sito dellacamera di Commercio di Milano. (f.f.) 04 Giugno notizia Key4biz Smart City è un progetto Key4biz-NetConsulting 16

17 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Dailyenmoveme.com Link internet: 17

18 Testo Inviato da Redazione il Mer, 05/06/ Economia digitale: Smart City Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane L Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali, in partnership con la Chambre Française de Commerce et d Industrie en Italie (CFCII), e con il supporto della Camera di Commercio di Milano, organizza il prossimo 11 giugno una conferenza sui temi legati all economia digitale e intitolata: Economia digitale: Smart City, un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane. L evento si terrà presso la sede della Camera di Commercio di Milano in Piazza dei Mercanti e sarà scandito da presentazioni sui programmi di innovazione digitale esistenti nei due paesi e da testimonianze di esperti, grandi gruppi, PMI e Municipalità che lavorano con profitto su queste tematiche in Francia e in Italia. La Francia, pienamente impegnata nell Agenda Digitale La Francia conferma il proprio impegno per lo sviluppo dell economia digitale, con la creazione di fondi appositamente dedicati al digitale: 4,5 miliardi di euro stanziati nell ambito del programma Investissements d Avenir; 2 miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture internet (fibra ottica, soluzioni satellitari, connessione a banda larga); 1,4 miliardi di euro per sostenere le imprese del settore digitale; 850 milioni di euro dedicati al sostegno dell innovazione nelle applicazioni digitali; 250 milioni di euro per lo sviluppo delle cosidette reti intelligenti. In particolare, il Piano France Digitale definisce 57 nuove priorità per favorire lo sviluppo dell economia digitale entro il Tale piano comprende misure destinate a tutte le aziende, comprese le PMI. Nel 2010, l economia digitale ha rappresentato il 25% del tasso di crescita francese, e sono stati creati circa posti di lavoro nell arco di quindici anni. Inoltre, viene stimato che entro il 2015, verranno creati nuovi posti di lavoro, per un valore aggiunto di 130 miliardi di euro, che corrisponde al 5.5% del PIL francese. La Francia si colloca al terzo posto a livello europeo, per quanto riguarda la difusione delle connessione a banda larga e le sue reti di telecomunicazione si collocano fra le migliori a livello mondiale. Le tariffe delle telecomunicazione sono fra le più competitive dell Unione Europea. Infine, l economia digitale è sostenuta da cinque cluster di innovazione nei quali vengono sviluppate partnership tra centri di ricerca privati e pubblici, università ed imprese (Cap Digital, Images et réseaux, Minalogic, SCS, Systematic). 18

19 Smart city, un'opportunità per ri-pensare la città contemporanea Attraverso le innovazioni continue legate all economia digitale, la smart city si pone come obiettivo quello di rendere disponibile la tecnologia digitale alla popolazione, in modo da massimizzarne i benefici economici e sociali. In questo processo vengono coinvolti una molteplicità di attori non solo cittadini, ma anche imprese, attive sia nel pubblico che nel privato. Come sottolineato nel rapporto pubblico La dimensione culturale del Grand Paris (gennaio 2012), «la città di domani va progettata oggi. Più della metà della popolazione mondiale vive nelle città, una proporzione in costante aumento. Questa crescente urbanizzazione rappresenta una notevole sfida riguardante i trasporti, la sicurezza, l ambiente, la gestione dei rifiuti e tutti i settori dell economia. Per rispondere a queste nuove problematiche e migliorare la qualità della vita degli abitanti, la città come viene intesa oggi, sta conoscendo una vera rivoluzione, basata proprio sulle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione. La città di domani sarà quindi innanzitutto una città digitale, una città intelligente.» 19

20 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Smartcityjournal.com Link internet: 20

21 Testo Francia e Italia si confrontano su Digitale e Smart City Di Smart city e innovazione digitale in Italia e Francia si è parlato in Camera di commercio di Milano nel corso del convegno Economia digitale: Smart City. Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane, organizzato dall Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali e lachambre Française de Commerce et d Industrie en Italie (CFCII) in collaborazione con la Camera di commercio di Milano. La nostra testata è stata unico media partner dell evento.tra i temi: i servizi già disponibili per le imprese e le prospettive di evoluzione anche in relazione al patrimonio informativo delle amministrazioni pubbliche che sta diventando accessibile come occasione di sviluppo imprenditoriale. Si è parlato anche di Smart City il cui obiettivo è quello di rendere disponibile la tecnologia digitale alla popolazione con il coinvolgimento di imprese attive sia nel pubblico che nel privato. Erica Corti, membro di giunta della Camera di Commercio di Milano - ha dichiarato Creare una Milano Smart significa migliorare la qualità della vita dei cittadini, rafforzare la competitività e l attrattività della nostra città a livello internazionale. Una strada da seguire con determinazione e che può essere una occasione di sviluppo per le nostre imprese nell ambito di una collaborazione con Paesi come la Francia che hanno già compiuto passi importanti in questa direzione. È stato di quasi 2 miliardi di euro l interscambio commerciale tra Lombardia e Francia nel settore legato all ICT nel 2012, quasi 940 milioni di euro le importazioni (64% nazionale) e 842 milioni le esportazioni (51% nazionale). Per import di prodotti Milano è prima con il 59% lombardo seguita da Monza e Brianza (35%) mentre nelle esportazioni si invertono le posizioni, Milano è seconda (29%) dopo Monza e Brianza (57%). La Lombardia esporta soprattutto componenti elettronici e schede elettroniche (64%) che sono anche il prodotto più importato (31%) insieme agli strumenti e apparecchi di misurazione e precisione (30%). Emerge da un elaborazione Camera di commercio di Milano su dati Istat al quarto trimestre 2012 e 2011 Cristina Tajani Nel convegno si sono susseguiti altri interventi tra cui quello di Cristina Tajani assessore alle Politiche per Lavoro, Università e Ricerca del Comune di Milano che ha dichiarato Entro fine mese sapremo quali e quanti dei 12 progetti per una Milano più smart verranno approvati e finanziati dal Miur, per un ammontare complessivo di circa 170 milioni di euro - prosegue l assessore Finanziamenti indispensabili che consentirebbero di avviare la realizzazione di quelle infrastrutture sia fisiche che tecnologiche necessarie a uno sviluppo intelligente della città come richiesto dal tessuto imprenditoriale, universitario e dall intero mondo della ricerca, ed evidenziato dall indagine presentata oggi. A rendere più incisiva l azione dell Amministrazione verso Smart City conclude Tajani anche la recente partecipazione all assegnazione dei 16 milioni di euro di contributi erogati dalla Regione Lombardia a favore della realizzazione di idee imprenditoriali nell ambito della sostenibilità ambientale, a cui il Comune parteciperà con 19 progetti. Il bando prevede la creazione di soluzioni intelligenti a problemi su scala urbana e metropolitana per il miglioramento della qualità della vita attraverso l utilizzo di nuove tecnologie, applicazioni e modelli di integrazione e inclusione. Ricordiamoci che le nostre citta si stanno dirigendo verso l EXPO 2015 e gli appuntamenti come ad esempio Milano + Expo = Smart City ( tenutosi a fine maggio) rappresentano l occasione anche per i partner tecnologici di Expo 2015 di presentarsi alla città illustrando i propri progetti e i lasciti tecnologici che, dopo l appuntamento con la grande esposizione, diverranno parte integrante delle strutture e infrastrutture della città. Interessante intervento di Francois de Brabant, presidente di Between che ha messo a punto progetti sulle citta intelligenti e la piattaforma di analisi Smart City Index ( un ranking delle citta intelligenti ) I relatori francesi hanno sottolineato l impegno della Francia per lo sviluppo dell economia digitale. La Francia va in questa direzione con la creazione di fondi appositamente dedicati al digitale: 4,5 miliardi di euro stanziati nell ambito del programma Investissements d Avenir; 2 miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture internet (fibra ottica, soluzioni satellitari, connessione a banda 21

22 larga); 1,4 miliardi di euro per sostenere le imprese del settore digitale; 850 milioni di euro dedicati al sostegno dell innovazione nelle applicazioni digitali; 250 milioni di euro per lo sviluppo delle cosidette reti intelligenti. Recentemente, il Primo Ministro Jean-Marc Ayrault ha annunciato un nuovo piano composto da oltre 18 misure a favore del digitale, tra le quali la realizzazione di un ambizioso programma di sviluppo della connessione a banda larga generalizzata entro dieci anni che sarà sostenuto da un investimento pari a 20 miliardi di euro, e l avvio di un programma che riguarda le scuole con la formazione e digitalizzazione di 150 mila insegnanti entro il Verrà dedicata inoltre una particolare attenzione alle PMI del settore digitale, tramite la creazione di quartieri digitali in quindici città, e lo stanziamento di 300 milioni di euro sotto forma di prestiti bonificati dalla Banca Pubblica di Investimento. 17 giugno

23 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Planetinspired.info Link internet: https://www.planetinspired.info/web/it/-/business-e-smart-city-un-ponte-oltralpe 23

24 Testo Smart Thinking / Europe and Mediterranean BUSINESS E SMART CITY. UN PONTE OLTRALPE Focus sull'economia digitale all'evento organizzato presso la Camera di commercio del capoluogo lombardo 11 giugno 2013 Al di qua e al di là delle Alpi si parla la stessa lingua: quella delle smart city. E' così che le cugine Italia e Francias'incontrano su un terreno comune: quello che si propone di sfruttare le opportunità che l'economia digitale delle città intelligenti può fornire per incoraggiare la crescita delle proprie realtà imprenditoriali. E' stato questo il focus della conferenza "Economia digitale: Smart City, un'opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane" che si è svolta oggi presso la Camera di commercio di Milano. L'evento, organizzato dall'agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali, in partnership con la Chambre Française de Commerce et d'industrie en Italie (CFCII), e con il supporto della Camera di Commercio di Milano, è stato scandito da presentazioni sui programmi di innovazione digitale esistenti nei due Paesi e da testimonianze di esperti, grandi gruppi, PMI e municipalità che lavorano con profitto su queste tematiche in Francia e in Italia. Tra i relatori, Guillaume Declerck, Business Development Director West&Southern Europe Region di Alcatel-Lucent Italia; Filip Gluszak, CEO di GridPocket SAS; Matteo Ainardi, Strategy & Business Development Manager di Astrium; Massimo Galletto, amministratore unico di Softech Engineering; Philippe Debry, avvocato e socio di Fidal International; Thierry Martin, vicedirettore generale per l'innovazione e lo sviluppo economico di Metropoli Nizza Costa Azzurra. Le tre sessioni di dibattito e confronto sono stati ottimi spunti per le realtà di entrambi i Paesi, per venire a contatto con ciò che accade "fuori" e trarne esempio o nuova ispirazione. Nel Paese d'oltralpe il dibattito attorno alle smart city e l'impegno per l'incremento dell'economia sono già in stadio avanzato. La Francia ha infatti confermato la propri intenzione a voler arrivare con successo al termine del percorso, con la creazione di fondi appositamente dedicati al digitale: 4,5 miliardi di euro stanziati nell'ambito del programma Investissements d'avenir; 2 miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture internet (fibra ottica, soluzioni satellitari, connessione a banda larga); 1,4 miliardi di euro per sostenere le imprese del settore digitale; 850 milioni di euro dedicati al sostegno dell'innovazione nelle applicazioni digitali; 250 milioni di euro per lo sviluppo delle cosiddette reti intelligenti. Inoltre, recentemente, il primo ministro Jean-Marc Ayrault ha annunciato un nuovo piano composto da oltre 18 misure a favore del digitale, tra le quali la realizzazione entro dieci anni di un ambizioso programma di sviluppo della connessione a banda larga generalizzata che sarà sostenuto da un investimento pari a 20 miliardi di euro, e l'avvio di un programma di educazione alle tecnologie digitali che prevede l'avvio di un piano di formazione di 150mila insegnanti entro il Verrà dedicata, inoltre, una particolare attenzione alle PMI del settore digitale, tramite la creazione di "quartieri digitali" in quindici città e lo stanziamento di 300 milioni di euro sotto forma di prestiti bonificati dalla Banca Pubblica di Investimento. Come è emerso nel corso della conferenza di oggi, nel 2010, l'economia digitale ha rappresentato il 25% del tasso di crescita francese; nel settore sono nati circa 700mila posti di lavoro. nell'arco di 15 anni e le stime parlano di altri 450mila nuovi occupati entro il 2015, per un valore aggiunto di 130 miliardi di euro, che corrisponde al 5.5% del Pil francese. 24

25 Quanto a connessione e digital communication, la Francia ha dalla sua ottime performance a livello europeo: si colloca al terzo posto per diffusione della connessione a banda larga, le sue reti di telecomunicazione sono tra le migliori a livello mondiale e le tariffe delle telecomunicazione sono fra le più competitive dell'unione europea. Infine, l'economia digitale è sostenuta da cinque cluster d'innovazione nei quali vengono sviluppate partnership tra centri di ricerca privati e pubblici, università e imprese. L'Italia, da parte sua, pur se tra maggiori difficoltà, ha sposato in pieno la causa "digital" e non resta a guardare. Il Governo del Belpaese punta infatti ad azzerare il digital divide tra Nord e Sud dello Stivale, finanziando con 900 milioni di euro l'avanzamento della copertura della rete internet e la disponibilità della banda ultralarga e contribuendo a creare, in tal modo, lungo l'intera filiera delle telecomunicazioni circa 5mila nuovi posti di lavoro. Un primo passo, ma fondamentale, per convertire tutti i cittadini alla religione dell'e-communication. Come si legge nel rapporto pubblico "La dimension culturelle Grand Paris" pubblicato nel gennaio 2012 a cura del Governo francese, la città di domani va progettata oggi Sarà innanzitutto una città digitale, una città Planet Inspired 25

26 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Energia.sia-partners.com Link internet: 26

27 Testo Convegno «Economia digitale: Smart City»: il 21 secolo è il secolo della città L 11 giugno si è svolto a Milano il convegno sull economia digitale co-organizzato dall AFII, la CFCII e la Camera di Commercio di Milano in presenza di S.E.S. Alain Leroy, Ambasciatore di Francia. Jean-Pierre Corniou, Vice Direttore- Generale di Sia Partners, ha presentato la sua visione dell economia digitale e delle strategie governative che l accompagnano, affrontando il nuovo dilemma del leadership per determinare chi condurrà questo cambiamento. Sono molte le opportunità nell ambito delle smart cities tra Italia e Francia. Esse si possono verificare dall interscambio ICT tra Lombardia e Francia che rappresenta circa 2 miliardi di euro nel La Francia è molto impegnata per sviluppare l economia digitale nelle proprie città, che dovrebbe portare alla creazione di nuovi posti di lavoro entro il 2015, corrispondente ad un valore aggiunto di 130 miliardi di euro ovvero 5,5% del PIL francese. Nel corso dei dibattiti di oggi, è emersa una visione della smart city applicata a queste aree: Servizi digitali per la sanità, il welfare e le interazioni sociali Mobilità urbana integrata Consumi di energia e servizi ambientali Interazioni di business tra aziende, stakeholder e cittadini In particolare, sia aziende che enti locali adottano un nuovo modello che riceve e integra intelligenze ed expertise esterne. Le competenze diventano sempre più trasversali e le città si dotano di partnership diversi e strategici in vari ambiti: cultura e intrattenimento, consumi energetici intelligenti, green building, welfare, monitoraggio dell inquinamento, ecc. Tre esempi di approccio molto concreto sono stati illustrati durante il Convegno attraverso le innovazioni digitali implementate a Nizza, Parigi e Milano. Erica Corti, Membro del Consiglio della Camera di Commercio di Milano, vede la smart city soprattutto come un opportunità di migliorare la qualità di vita 27

28 dei cittadini. La tecnologia digitale deve essere messa a disposizione della popolazione in quanto sono le persone a vivere la smart city e ad approfittare delle sue comodità. La cittadinanza è quindi al centro della smart city, come lo ricorda Jean-Pierre Corniou: la democrazia non è più solamente rappresentativa ma è ormai divenuta collaborativa perché le decisioni si fabbricano in tempo reale con il contributo di tutti gli stakeholder. La collaborazione e la cooperazione sono così al centro del modello di governance della smart city: è un esperienza inedita che non dipende solo da sviluppi tecnologici ma che rappresenta una vera e propria conquista sociale e politica. La presentazione completa di Jean-Pierre Corniou è disponibile scrivendo 28

29 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Milanoartexpo.com Link internet: 29

30 Testo CFCII Smart city ed economia digitale POSTED BY MILANOARTEXPO GIUGNO 12, 2013 LASCIA UN COMMENTO ARCHIVIATO IN AGENZIA FRANCESE PER GLI INVESTIMENTI INTERNAZIONALI, CHLOÉ DAMBRINE, ERICA CORTI, FIBRA OTTICA, RETI INTELLIGENTI CFCII : Smart city ed economia digitale. Un convegno organizzato dall Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali e dalla Chambre Française de Commerce et d Industrie en Italie (CFCII) in collaborazione con la Camera di commercio di Milano si è tenuto l 11 giugno 2013 a Milano in Piazza dei Mercanti. Il titolo dell incontro è stato Economia digitale: Smart City. Un opportunità di mercato per le aziende francesi e italiane. Creare una Milano smart ha dichiaratoerica Corti a proposito di Smart city - significa migliorare la qualità della vita dei cittadini, rafforzare la competitività e l attrattività della nostra città a livello internazionale. Una strada da seguire con determinazione e che può essere una occasione di sviluppo per le nostre imprese nell ambito di una collaborazione con Paesi come la Francia che hanno già compiuto passi importanti in questa direzione. La Francia conferma il proprio impegno per lo sviluppo dell economia digitale, con la creazione di fondi appositamente dedicati al digitale: 4,5 miliardi di euro stanziati nell ambito del programma Investissements d Avenir; 2 miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture internet (fibra ottica, soluzioni satellitari, connessione a banda larga); 1,4 miliardi di euro per sostenere le imprese del settore digitale; 850 milioni di euro dedicati al sostegno dell innovazione nelle applicazioni digitali; 250 milioni di euro per lo sviluppo delle cosidette reti intelligenti. Recentemente, il Primo Ministro Jean-Marc Ayrault ha annunciato un nuovo piano composto da oltre 18 misure a favore del digitale, tra le quali la realizzazione di un ambizioso programma di sviluppo della connessione a banda larga generalizzata entro dieci anni che sarà sostenuto da un investimento pari a 20 miliardi di euro, e l avvio di un programma di educazione alle tecnologie digitali che prevede l avvio di un piano di formazione di insegnanti entro il Verrà dedicata inoltre una particolare attenzione alle PMI del settore digitale, tramite la creazione di quartieri digitali in quindici città, e lo stanziamento di 300 milioni di euro sotto forma di prestiti bonificati dalla Banca Pubblica di Investimento. Nel 2010, l economia digitale ha rappresentato il 25% del tasso di crescita francese, e sono stati creati circa posti di lavoro nell arco di quindici anni. Inoltre, viene stimato che entro il 2015, verranno creati nuovi posti di lavoro, per un valore aggiunto di 130 miliardi di euro, che corrisponde al 5.5% del PIL francese. 30

31 A proposito dell ICT nei rapporti commerciali tra Lombardia e Francia: è stato di quasi 2 miliardi di euro l interscambio commerciale tra Lombardia e Francia nel settore legato all ICT nel 2012, quasi 940 milioni di euro le importazioni (64% nazionale) e 842 milioni le esportazioni (51% nazionale). Per import di prodotti Milano è prima con il 59% lombardo seguita da Monza e Brianza (35%) mentre nelle esportazioni si invertono le posizioni, Milano è seconda (29%) dopo Monza e Brianza (57%). La Lombardia esporta soprattutto componenti elettronici e schede elettroniche (64%) che sono anche il prodotto più importato (31%) insieme agli strumenti e apparecchi di misurazione e precisione (30%). Emerge da un elaborazione Camera di commercio di Milano su dati Istat al quarto trimestre 2012 e

32 Data di pubblicazione: Fonte/Source: ilvelino.it Link internet: 32

33 Data di pubblicazione: Fonte/Source: Avvenire.it Link internet: 408c-ac07-55d1b4a0422a 33

Cliquer ici pour accéder aux tarifs et à la licence

Cliquer ici pour accéder aux tarifs et à la licence Pigafetta, Filippo (1533-1604). Relatione del reame di Congo et delle circonvicine contrade, tratta dalli scritti e ragionamenti di Odoardo Lopez portoghese per Filippo Pigafetta,... 1591. 1/ Les contenus

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Chaque produit a son histoire. Speciale. Belgique Charleroi, un modèle d intégration. Luxembourg Viaggiando in Italia con...

Chaque produit a son histoire. Speciale. Belgique Charleroi, un modèle d intégration. Luxembourg Viaggiando in Italia con... Magazine trimestriel d information Driemaandelijks Tijdschrift Chambre de Commerce Belgo-Italienne Camera di Commercio Italo-Lussemburghese Belgique Charleroi, un modèle d intégration Speciale Chaque produit

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione Nota della Redazione 1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione scientifica Revue des questions scientifiques n. XXVII del 1920. Benché le Œuvres edite

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Conformità alle normative e importanti informazioni sulla sicurezza

Conformità alle normative e importanti informazioni sulla sicurezza Conformità alle normative e importanti informazioni sulla sicurezza La certificazione obbligatoria / i marchi di approvazione di questo dispositivo si possono trovare in Impostazioni > Informazioni su

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE Oggi aprono le pre-iscrizioni sul sito www.nuvolarosa.eu 150 corsi gratuiti,

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

DIALOGHI SULL ORIENTAMENTO DALLE ESPERIENZE AI MODELLI

DIALOGHI SULL ORIENTAMENTO DALLE ESPERIENZE AI MODELLI Temi&Strumenti Studi e ricerche 25 Temi&Strumenti Studi e ricerche 25 L orientamento non è più quello di un tempo. Pare, questa, una delle tante affermazioni comuni che vengono regolarmente pronunciate

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

La filosofia dell uomo di Jean-Luc Marion tra Cartesio e la fenomenologia

La filosofia dell uomo di Jean-Luc Marion tra Cartesio e la fenomenologia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, PEDAGOGIA E PSICOLOGIA SCUOLA DI DOTTORATO DI SCIENZE UMANE E FILOSOFIA DOTTORATO DI RICERCA IN FILOSOFIA CICLO / ANNO (1 anno d iscrizione):

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni: NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati. Per questo con NOInet

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

L'URBANISME ET LE TERRITOIRE DANS L'ENSEIGNEMENT DU PROJET OU COMMENT ET QUOI ENSEIGNER

L'URBANISME ET LE TERRITOIRE DANS L'ENSEIGNEMENT DU PROJET OU COMMENT ET QUOI ENSEIGNER L'URBANISME ET LE TERRITOIRE DANS L'ENSEIGNEMENT DU PROJET OU COMMENT ET QUOI ENSEIGNER MARC COLLOMB ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO 04 05 10 Motorway N2, aesthetic consulting, 1963-1983 Rino Tami

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli