no smoking be happy guida per il docente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "no smoking be happy guida per il docente"

Transcript

1 no smoking be happy guida per il docente

2 No smoking be happy è una grande campagna nazionale lanciata dalla Fondazione Umberto Veronesi per la prevenzione del tabagismo. Strutturata per raggiungere tutta la popolazione, coinvolgerà ogni anno Regioni differenti con interventi diversificati. Responsabile scientifico dell intero progetto è il professor Paolo Veronesi cui si affianca un Comitato Scientifico di medici specialisti per la supervisione delle attività. No smoking be happy rientra nel programma Global Health Patnership: Advancing Cancer and Tobacco Control, che coinvolge numerosi paesi in tutto il mondo in attività di educazione, formazione e comunicazione per scoraggiare il fumo di sigaretta. La legge sul fumo Nel 2003 è stata finalmente approvata la legge che limita il fumo nei luoghi pubblici, proposta il 16 maggio 2000 dal professor Umberto Veronesi, allora Ministro della Salute: è una legge che ha contribuito a formare un nuovo senso di responsabilità collettiva nei confronti del fumo e della salute. La normativa italiana, tra le prime in Europa (dopo Malta e Irlanda), è stata presa a modello da molti altri Paesi.

3 Il fumo è un problema sociale la cui entità è facilmente misurabile osservando il grande numero di adolescenti e giovani che, per ragioni non sempre immediatamente chiare, inizia a fumare. Il fumo di sigaretta è un simbolo di maturità desiderata ma non ancora raggiunta, è un gesto di indipendenza dal controllo dei genitori e degli insegnanti, è frutto di emulazione del gruppo di coetanei che diventa riferimento primario al posto della famiglia, e a volte è solo un tentativo di provare qualcosa di diverso con il gusto sottile della trasgressione. Semplificare eccessivamente l interpretazione del comportamento di adolescenti e giovani che iniziano a fumare significa trascurare colpevolmente la molteplice simbologia legata al gesto del fumo che spesso vale anche per la popolazione adulta: è troppo facile e sbagliato dire che fuma chi è insicuro oppure chi desidera mostrarsi forte e adulto. Certo, l identificazione con figure di riferimento invincibili e indipendenti con la sigaretta tra le labbra esiste, ma non vale per tutti i giovani fumatori. Così come non vale per tutte le donne: dire che la donna fuma per affermare se stessa in un mondo professionale che privilegia il sesso maschile è sicuramente vero ma non è abbastanza per spiegare l aumento dell abitudine al fumo nel mondo femminile. Mondo femminile che, paradossalmente, appare storicamente più sensibile all argomento della salute e alla tutela di figli, coniugi e amici: le donne, investite per cultura dalla missione del prendersi cura, sembrano oggi le più refrattarie ad abbandonare la sigaretta. La nemesi del fumo è che, nonostante la prima sigaretta sia spesso sgradevole e legata a sapore amaro, difficoltà respiratorie, tosse e giramenti di testa, iniziare significa di solito andare avanti con un vizio che diventa parte del quotidiano, insinuandosi nelle pieghe dell abitudine con una difficoltà crescente a smettere, fino ad arrivare a vere e proprie sindromi da astinenza psicologica e fisica. Comunicare a giovani e giovanissimi significa arrivare alla radice della società: la prevenzione di molte malattie legate direttamente al fumo è tanto più efficace quanto più si riesce a spiegare con chiarezza e con il giusto linguaggio che fumare danneggia realmente la salute (spesso in modo irrimediabile) e ha un influenza negativa anche su molti aspetti della vita di relazione. Evitare il fumo si può, ed è un grande investimento di salute. Dott.ssa Giovanna Gatti Giovanna Gatti, assistente presso il Reparto Senologia dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Medico, membro del Comitato Scientifico No smoking be happy. Supervisore Scientifico della Fondazione Umberto Veronesi.

4 No smoking. Be happy. IL RUOLO DELLA SCUOLA La campagna di prevenzione del tabagismo moltiplica la sua efficacia se sostenuta da un percorso formativo a lungo termine. Per questo la campagna No smoking be happy coinvolge anche la Scuola, con tre obiettivi fondamentali: informare gli studenti circa gli effetti del fumo responsabilizzarli ad assumere un ruolo attivo contro l abitudine al fumo nel ruolo di No smoking coach; sviluppare la loro capacità di scelta consapevole, preparandoli così a decidere di non fumare anche in presenza di modelli negativi nel gruppo dei pari. La campagna No smoking be happy rivolta alla Scuola ha preso avvio negli ultimi mesi dello scorso anno scolastico con una serie di laboratori interattivi effettuati presso alcune scuole. Questa prima fase, di grande successo in termini di gradimento da parte dei docenti e degli studenti coinvolti, ha messo in evidenza l efficacia di un approccio sì sperimentale ma divertente e informale, nel comunicare un tema così delicato ai più giovani. Da queste prime esperienze sono nati alcuni degli spunti che troverete nelle prossime pagine. Il progetto si rivolge agli studenti dagli 8 ai 12 anni, coinvolgendo perciò tanto la Scuola Primaria, quanto la Scuola Secondaria di Primo Grado. Gli spunti di attività forniti in questa Guida potranno essere sviluppati dai docenti in modo da adeguarli ai programmi specifici del proprio grado scolastico.

5 No smoking. Be happy. GLI STUDENTI PROTAGONISTI ATTIVI Nonostante le tante campagne di prevenzione del tabagismo organizzate nel passato e i continui avvertimenti lanciati dagli scienziati sui rischi legati al fumo, il tabagismo è ancora troppo diffuso. Sono oltre 14 milioni gli italiani che portano ripetutamente la sigaretta alla bocca e, fra questi, molti sono giovani: l età della prima sigaretta si è abbassata agli 11 anni! La vera novità del progetto No smoking be happy è il coinvolgimento attivo degli studenti nella campagna di prevenzione: diventati No Smoking Coach, bambini e ragazzi si proporranno ai compagni e ai familiari come non fumatori e, proprio per questo, come personaggi da imitare. A loro viene proposto di approfondire le proprie conoscenze sul fumo e di animare in ambito familiare semplici esperienze di laboratorio scientifico per la prevenzione del tabagismo a casa, in una logica di child vs. adult. Anche a scuola bambini e ragazzi animeranno successivi laboratori peer to peer per formare altri compagni al ruolo di No Smoking Coach. In questo modo bambini e ragazzi matureranno il rifiuto del fumo come conquista in un percorso di scoperta personale. Gli studenti hanno a disposizione la guida operativa pensata appositamente per loro. Mamme fumatrici: smettono di fumare se lo chiede il figlio Secondo una ricerca commissionata dalla Fondazione Umberto Veronesi all Istituto di ricerche Astra, in Italia il 22% delle donne fuma e il 17% ha fumato in passato. La media dichiarata è di 12 sigarette al giorno, ma sale a 20 per almeno un 7% di fumatrici. Sanno che fumare fa male, ma non possono farne a meno: il 64% lo reputa un gesto irrinunciabile, il 56% un atto rilassante, il 36% un rito e il 12% un modo per essere più efficienti. Dato ancora più importante, per la maggior parte di queste donne la sigaretta è legata alle relazioni interpersonali: fumano perché lo fanno gli altri (36%), per darsi un tono e perché aiuta a stringere relazioni (16%) o perché ricorda affetti e abitudini familiari (16%). Solo il 27% dichiara di farlo perché ne ha voglia! Molte di loro smetterebbero ma solo l 11% crede di potercela fare da sé, mentre per le altre quella con il pacchetto è una lotta che si può vincere solo con l aiuto del medico, ma soprattutto con il supporto del partner e... dei figli!

6 No smoking. Be happy. UN SISTEMA DI INTERVENTI EDUCATIVI i laboratori ludico scientifici Punto di partenza del processo sono stati i laboratori ludico-scientifici tenuti nella prima fase presso alcune scuole, in Lombardia, Lazio e Sicilia, da esperti animatori, come modello da riproporre poi nelle classi a cura di tutti i docenti coinvolti nella campagna. Durante i laboratori, una metodologia didattica dove gioco e sperimentazione si fondono per creare un ambiente stimolante, bambini e ragazzi riflettono sul fumo, sui suoi effetti sulla salute e sulla necessità di rendersi autonomi rispetto al gruppo nelle scelte che riguardano la propria vita. Il percorso dei laboratori è semplice e lineare. Una breve fase introduttiva presenta No smoking be happy, sottolineando che l informazione e la conoscenza sono alla base di ogni scelta libera e consapevole, mentre l ignoranza porta spesso a seguire il gregge come pecore. Quindi si segue il viaggio del fumo all interno del corpo umano, partendo dalla bocca, per arrivare agli organi periferici dove giunge con la circolazione sanguigna. Su questa via principale si innestano tutte le considerazioni riguardanti il fumo, partendo dalla sua composizione, fondamentale per far capire fino in fondo quale miscela micidiale i fumatori decidono di introdurre nei propri polmoni. La considerazione della forte percezione estetica dei ragazzi guida alla scelta di parlare dell odore sgradevole che il fumo lascia nell alito dei fumatori, sui capelli, sui vestiti, per non parlare dei divani, delle tende, dei sedili delle automobili e così via. L alito diviene punto di partenza per focalizzarsi su denti gialli, carie e gengiviti (ma anche invecchiamento precoce della pelle e irsutismo). Danni più gravi sono i tumori a labbra, lingua e guance. Gli studenti scoprono inoltre gli effetti del catrame sul tessuto spugnoso dei polmoni, come per esempio la perdita dell elasticità. Grazie a semplici esperimenti, possono vedere le differenze esistenti tra i polmoni di un fumatore e quelli di un non fumatore e imparano a collegarli con alcune delle manifestazioni macroscopiche che vedono nei fumatori, come per esempio la mancanza di fiato, la tosse e gli altri danni provocati dalle sostanze che attraverso i polmoni entrano nel sangue e raggiungono tutto l organismo. Per finire, si affronta il problema dell assuefazione da nicotina.

7 I workshop per docenti A seguito di tale prima fase, i docenti vengono coinvolti nelle medesime tre Regioni in Workshop formativi durante i quali viene distribuito il kit di supporto che contiene, oltre a questa Guida per il docente, alcune copie della Guida operativa No smoking coach per i loro studenti, un poster da affiggere nei luoghi comuni per informare tutta la scuola sugli obiettivi della campagna e la Carta dei diritti dei non fumatori proposta a supporto della campagna. Nei Workshop i docenti si preparano con l aiuto dei formatori ad avviare in classe un efficace e innovativo percorso di prevenzione del tabagismo che promuova la partecipazione attiva di bambini e ragazzi al progetto. In classe, nel corso dell anno scolastico , guideranno così i loro studenti a divenire a loro volta formatori tanto a casa quanto a scuola, così da assicurare la penetrazione capillare del messaggio. I docenti potranno comunicare anche on line le loro osservazioni sul campo e una valutazione della risposta degli studenti alle attività proposte. no smoking coach la guida operativa per gli studenti Basata sulla stessa traccia dei laboratori interattivi, la Guida operativa No smoking coach propone agli studenti alcune semplici attività sperimentali da svolgere da soli o con gli amici e fornisce loro brevi spunti di approfondimento sul fumo e sui suoi effetti. Caratteristiche della Guida sono il tono leggero e l approccio scelto per raggiungere l obiettivo di prevenzione, che fa leva sulle potenzialità positive di bambini e ragazzi, piuttosto che sullo scatenare in loro un senso di paura. Le attività proposte nella Guida operativa No smoking coach vengono spiegate più nel dettaglio nelle prossime pagine.

8 le attivita' In queste pagine sono descritte alcune semplici attività, riprese in particolare da quelle proposte nella Guida operativa No smoking coach. Per ogni attività si indicano anche possibili spunti di approfondimento che possono essere sviluppati in vari modi, facendo leva sulle qualità positive e sulle competenze di ogni studente, da elaborazioni scritte (temi, poesie...), a discussioni in classe, a cartelloni o disegni. attivita' n. 1 Ciò che si osserva è che pochi tiri di sigaretta sono sufficienti per riempire la bottiglia di fumo. Questa attività fornisce l occasione sia per indagare quali sono le sostanze contenute nel fumo, sia per scoprire come si generano e quali funzioni svolgono nel corpo.

9 APPROFONDIMENTI Tutte le sostanze del fumo... o quasi! Il fumo di sigaretta è un areosol composto di due fasi, una vapore e una particolata, nelle quali sono distribuiti i suoi vari costituenti, nel complesso circa Tra questi, gli scienziati ne hanno attualmente riconosciuti solo di cui 400 individuati come tossici. Tra questi ultimi almeno 40 con attività cancerogena. Alcune di queste sostanze sono contenute direttamente nel tabacco. Le altre possono derivare dalla coltivazione o dalla lavorazione industriale del tabacco, oppure dalla combustione che si avvia quando un fumatore accende la sigaretta. Direttamente nella pianta sono contenute la nicotina, le ammine aromatiche e le nitrosamine tabacco-specifiche. Durante la coltivazione il tabacco può contaminarsi con sostanze che si trovano in alcuni prodotti utilizzati dall uomo per ottenere buoni raccolti, come per esempio i fertilizzanti a base di fosforo che contengono il Polonio 210 e il Cadmio. Durante la lavorazione industriale tutti i componenti della sigaretta, e non solo il tabacco, vengono trattati per soddisfare certe caratteristiche finali tra cui il gusto e la capacità di bruciare anche a basse temperature di combustione. A dare tali caratteristiche sono gli additivi per esempio mentolo, zucchero di canna e liquirizia sono utilizzati come aromatizzanti, mentre la glicerina come umidificante del tabacco. Di per sé spesso innocui, gli additivi possono originare prodotti dannosi durante la combustione. Durante la combustione molte delle sostanze contenute nella sigaretta si modificano e originano prodotti dannosi per la salute, come il monossido di carbonio (CO) e il benzene. È in questa fase che si formano la maggior parte delle sostanze cancerogene contenute nel fumo di sigaretta. Il CO deriva dalla combustione a bassa temperatura del tabacco e della carta che costituiscono le sigarette. Esso è considerato una sostanza tossica perché, una volta entrato nel sangue, si lega ai globuli rossi e non li abbandona più, togliendo spazio disponibile per il trasporto dell ossigeno. In Italia, il DL n. 184 del 24 giugno 2003 (recepimento della direttiva europea 2001/37/CE) dice che la quantità massima di CO contenuta in una sigaretta non deve superare i 10 mg.

10 SOSTANZA PROVENIENZA EFFETTO Nicotina Tabacco Stimolante e velenoso per il cervello Monossido di carbonio Combustione Riduce l ossigeno in arrivo ai tessuti Ammoniaca Processo industriale Irritante Cianuro Processo industriale Citotossico e irritante Acroleina (deriva dalla glicerina) Processo industriale Citotossico e irritante Ossidi di azoto Tabacco Citotossico e irritante Catrame Combustione Cancerogeno Benzene e benzopirene Combustione Cancerogeno Glicerina Processo industriale Cancerogeno Catecolo (zucchero di canna) Processo industriale Cancerogeno Estratto di liquirizia Processo industriale Cancerogeno Nitrosamine tabacco specifiche Tabacco Cancerogeno Ammine aromatiche Tabacco Cancerogeno Polonio 210 Coltivazione Cancerogeno Cadmio Coltivazione Cancerogeno e irritante Formaldeide Processo industriale Cancerogeno e irritante Arsenico Processo industriale Cancerogeno e velenoso La tabella elenca alcune delle sostanze contenute nel fumo di sigaretta, riportandone la provenienza e gli effetti sulla salute umana. Secondo uno studio dell Istituto Superiore di Sanità, la quantità di benzene rilasciata da una singola sigaretta è compresa tra i 7,7 e i 36,6 µ/m 3, valore che può essere considerato fuori legge. In Italia esistono infatti dei valori limiti ambientali per il benzene, stabiliti con DM n. 60 dell aprile 2002 (recepimento della Direttiva Europea 2000/69/CE): nel 2000 tale valore era di 5 µ/m 3, ma a partire dal gennaio 2006 tale valore viene abbassato ogni 12 mesi di una percentuale annua costante per raggiungere lo 0% al 1 gennaio 2010.

11 SPUNTI CURRICULARI Area storico-geografico-economica Tabacco, casse dello Stato e vantaggi privati Il giornalista Stefano Malatesta scrive, su La Repubblica del 17 febbraio 2008:...I semi del tabacco furono portati 450 anni fa dal Messico in Europa. Nessuno poteva allora immaginare che da quei piccoli semi potesse nascere un fenomeno di massa così vasto, così sconvolgente, così sottovalutato nella sua pericolosità. E qui le colpe vanno divise tra i fabbricanti di sigarette, che verso la fine dell 800 hanno reso planetario il vizio immettendo sul mercato i pacchetti già confezionati, stimolando un aumento inaudito (rispetto a prima) del consumo di una merce che ha la stessa pericolosità della dinamite a scoppio ritardato, e gli stati, che un tempo per ignoranza e avidità e negli ultimi decenni per puro cinismo, a partire da Richelieu, il primo a tassare il tabacco, hanno sempre visto in quella abitudine perniciosa una fonte primaria di entrate. Napoleone davanti alla richiesta di proibire il fumo aveva risposto: Sono pronto ad abolire il fumo che fa male in cambio di qualsiasi altra merce che faccia bene e che dia allo stato gli stessi introiti... Il testo può essere spunto per parlare e riflettere con gli studenti sul ruolo delle industrie e dello Stato nella diffusione di sostanze altrettanto dannose, tra cui l alcol. Gli studenti potranno essere stimolati a riflettere anche su: Tabacco, origine e diffusione. Tabacco, uso e tradizione nei diversi popoli. SMONTIAMO I LUOGHI COMUNI... La CO è una sostanza così pericolosa che nel Regno Unito ne basta una concentrazione di 10 parti per milione nell aria per far chiudere una scuola. Alcuni studi hanno calcolato che una persona che fuma 20 sigarette al giorno arriva ad avere nel sangue una concentrazione doppia, di 20 parti per milione! Il fatto è che nel traffico di una città inquinata i prodotti della combustione sono diluiti nell aria: chi fuma invece inala in modo diretto e concentrato tutte le sostanze derivate dalla combustione. Questo è il motivo per cui l obiezione che Il fumo è l ultimo dei problemi dei polmoni perché oramai viviamo in un mondo troppo inquinato è priva di valore.

12 attivita' n. 2 Nell esperimento con le spugne i bambini e i ragazzi scoprono in prima persona quali sono gli effetti del catrame sui polmoni dei fumatori. Il catrame è il responsabile, insieme alla nicotina, del cambiamento del colore dei denti dei fumatori da bianco a giallo-nero. Questo è però solo uno dei suoi effetti negativi: il catrame si deposita infatti su tutte le superfici respiratorie, alveoli polmonari compresi, trasformando i polmoni in spugne fuligginose. D altronde, che il fumo sporchi i polmoni è un fatto noto. Ma, come sempre... un conto è sapere, un conto è vedere!

13 APPROFONDIMENTI Fumo e vie respiratorie I primi effetti: il fiato corto I primi effetti del fumo sono la riduzione della resistenza fisica e il fiato corto, anche per i fumatori più giovani che presto avvertono un maggior affaticamento durante le loro attività fisiche. Ciò si può ripercuotere anche sulla vita sociale dei giovani fumatori, che si auto-escludono da alcuni contesti, come giocare a calcio o a pallavolo con gli amici, fare una biciclettata nel parco o una corsa di gruppo. La stanchezza è dovuta in primo luogo alla presenza nel sangue di CO che, togliendo spazio utile all ossigeno, rende meno efficiente l ossigenazione degli organi periferici, muscoli e cervello compresi. Con l andare del tempo il problema si acutizza a causa del catrame e delle altre sostanze contenute nel fumo, che si depositano a livello delle vie respiratorie, riducendone l elasticità. Dalla tosse alla bronchite cronica Il fumatore alle prime armi spesso tossisce a ogni sigaretta: ciò accade perché il fumo contiene molte sostanze irritanti, come l ammoniaca, l acido cianidrico e la formaldeide. La tosse serve per eliminarle. A lungo andare la persona si abitua a tali sostanze, almeno in apparenza, e smette di tossire così tanto, almeno per un po... In effetti bronchi e trachea iniziano a difendersi producendo grandi quantità di muco, che prima o poi devono essere espulse: ecco perché a un certo punto compare la tosse grassa, quella che cerca di staccare il catarro dalle pareti e di eliminarlo dal corpo. Tosse che tende a diventare cronica. Da qui è possibile passare con grande facilità alla bronchite cronica: uno stato di irritazione perenne dei bronchi che, per difesa, continuano a produrre muco. Ecco allora che la tosse diventa ancora più cavernosa. E fare attività fisica è ancora più difficile. L asma L asma è una delle malattie che viene maggiormente acutizzata dal fumo, anche da quello passivo: le sostanze irritanti del fumo hanno infatti la capacità di ridurre ulteriormente il lume delle vie respiratorie superiori. SMONTIAMO I LUOGHI COMUNI... I giovani possono incorrere anche in malattie che di norma colpiscono gli adulti, tra cui l enfisema. In alcuni casi la giovane età può essere infatti uno svantaggio perché i ragazzi devono ancora completare il proprio sviluppo psico-fisico: il tabagismo è uno di questi casi. Questo è il motivo per cui l obiezione che Noi giovani siamo immuni dagli effetti di sigaretta è priva di valore.

14 SPUNTO PER... L'area artistico-letteraria I Simpson, un vero alleato per parlare di fumo ai giovani! Nel cartoon che ruota intorno a Homer, Marge e ai loro tre figli, Burt, Lisa e Maggie, ci sono parecchi personaggi fumatori. Per alcuni di loro la sigaretta è addirittura un hobby, come per esempio per Patty e Selma (sorelle di Marge), ma anche per Edna (insegnante della scuola elementare), Doris (cuoca della scuola), Krusty il clown e Marvin (psicologo). Inoltre, non di rado si vedono fumare anche bambini, tra cui lo stesso Burt! Il problema è che, destinati in origine a un pubblico adulto, I Simpson sono diventati un must anche per molti ragazzini... che però non sempre sono in grado di decifrarne la vena ironica. Parlare de I Simpson con gli studenti può quindi aiutarli a sviluppare un maggiore senso critico rispetto a quello che vedono in televisione. Una volta smascherata la satira che sottende il cartoon, esso diventa estremamente educativo: i suoi estremismi possono infatti essere interpretati come una critica a certi comportamenti. Chiedete agli studenti se vedono I Simpson e cosa ne pensano del fatto che ci siano così tanti fumatori nel cartoon... Le loro risposte saranno punto di partenza per avviare la discussione. Potrete anche divertirvi a cercare altri cartoni e telefilm dedicati ai ragazzi che presentano fumatori tra i personaggi e riflettere sul ruolo del cinema nel sostenere questa abitudine. L'IDEA IN PIU'... Area scientifico-tecnologica Spesso i giornali riferiscono dei prodotti della combustione che inquinano l aria... Ma cosa è il processo di combustione, dove lo troviamo e soprattutto quale è l impatto dei suoi prodotti sulla salute umana? Gli studenti possono ritagliare alcuni articoli di giornale, incollarli su un cartellone e inventare uno slogan che inviti a comportamenti utili a contenere la presenza di queste sostanze nell aria.

15 attivita' n. 3 L attività ricorda un comune gioco mutuato dall enigmistica, ma si tratta di un semplice pretesto per far ripercorrere agli studenti le informazioni che hanno ricevuto sui danni provocati dal fumo. Non tutti i danni del fumo sono stati presi in considerazione. In particolare il disegno mette in evidenza le macchie di catrame a livello dei polmoni, l eccitazione del cervello, l affaticamento del cuore e i danni a livello dello stomaco.

16 APPROFONDIMENTI Fumo e malattie cardiovascolari È da tempo dimostrato che fumare aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. I responsabili dell azione del fumo sul cuore e sul sistema circolatorio sono il monossido di carbonio e la nicotina. Il monossido di carbonio interferisce con il funzionamento del sistema circolatorio legandosi all emoglobina contenuta nei globuli rossi e riducendo l ossigenazione del sangue e dei tessuti. Il sistema nervoso centrale rileva questa diminuzione attraverso particolari recettori e induce un aumento della frequenza respiratoria e del battito cardiaco per riportare la concentrazione sanguigna dell ossigeno a livelli ottimali e aumentare nel contempo la quantità di ossigeno in arrivo alla periferia. Il problema è che il monossido di carbonio ha un affinità per l emoglobina estremamente alta e quindi anche l aumento della frequenza respiratoria e cardiaca spesso non è sufficiente per compensare la diminuzione di ossigeno trasportato. Così la frequenza resta alta e a lungo andare questa stimolazione affatica il muscolo cardiaco, aumentando il rischio di infarti. La nicotina è uno stimolante e ha molteplici effetti sul sistema cardiocircolatorio. La sua azione sul muscolo cardiaco è diretta, e porta a un aumento della frequenza cardiaca, che è indipendente dallo stato di attività del soggetto, che potrebbe essere anche a riposo (si parla di tachicardia). Questa alterazione da sola basterebbe, a lungo andare, a determinare un affaticamento cardiaco e a esporre il cuore a rischio di infarto. Ma la nicotina ha anche altri effetti negativi: l ipertensione e l aterosclerosi, due malattie che, se croniche, possono generare problemi non solo al cuore (aritmia, infarto) e al sistema circolatorio (trombosi), ma anche al cervello (ictus cerebrale), ai reni (diminuzione funzionalità renale) e ai polmoni (edema polmonare). L ipertensione da nicotina è determinata dalla sua capacità di aumentare la concentrazione corporea di adrenalina e noradrenalina, due sostanze che, agendo sulla muscolatura, determinano la vasocostrizione. L insorgenza dell aterosclerosi è invece più legata all interferenza che la nicotina ha sul metabolismo dei lipidi, che aumenta i livelli di acidi grassi nel sangue. SMONTIAMO I LUOGHI COMUNI... Spinelli&Co sono preparati usando tabacco e quindi contengono nicotina: ciò significa che portano con sé tutti i rischi della dipendenza. Inoltre anche lo spinello brucia: ciò significa che avvelena l organismo con tutte le sostanze prodotte dalla combustione. Questo è il motivo per cui l obiezione che Tanto io fumo solo spinelli è priva di valore.

17 SPUNTO PER... L'area scientifica Dai polmoni agli organi periferici: il sistema circolatorio. Il sistema circolatorio ha la funzione di trasportare il sangue ossigenato dal cuore agli organi del corpo e quello ricco di CO2 dagli organi al cuore. Ma non solo! Quella così brevemente descritta, e certamente nota a tutti, è la grande circolazione... Meno nota, ma altrettanto importante, è la piccola circolazione, ovvero quel sistema di vene e arterie che collega il cuore ai polmoni, consentendo al sangue sporco di essere riossigenato a livello degli alveoli polmonari. Piccola e grande circolazione lavorano in serie. Il sangue sporco viene trasportato dal cuore ai polmoni dall arteria polmonare, viene riossigenato e quindi riportato dai polmoni al cuore dalla vena polmonare (arteria e vena polmonare fanno parte della piccola circolazione)... Il sangue, nuovamente ricco di O2, viene trasportato dalle arterie della grande circolazione a tutti gli organi periferici. Qui lascia l O2 e si carica di CO2. Infine viene riportato al cuore, dove ricomincia il ciclo. Questo lavoro in serie è responsabile della diffusione in tutto il corpo delle sostanze che raggiungono il sangue attraverso gli alveoli polmonari. Ecco perché respirare sostanze inquinanti è così dannoso per tutto l organismo e non solo per i polmoni: da questo organo spugnoso, infatti, i composti tossici possono arrivare a reni, vescica, intestino e così via... Nel caso del tabagismo, per esempio, questa è la ragione per cui l abitudine al fumo è causa di malattie in varie parti dell organismo. Con la classe, si può analizzare la struttura della piccola e della grande circolazione e vedere in cosa differiscono. L'IDEA IN PIU'... Progettare una campagna anti-fumo! Gli studenti hanno avuto modo di vivere sulla propria pelle una campagna anti-fumo. Fategli analizzare le modalità di sviluppo di questa campagna e poi chiedete loro di organizzarne una campagna anti-fumo differente e personalizzata. Potrebbe essere utile studiare anche le strategie di comunicazione delle industrie produttrici di sigarette per pubblicizzare il fumo anche se la Legge ne vieta la pubblicità diretta.

18 attivita' n. 4 Si è usato un comune gioco per introdurre il concetto di dipendenza dalla nicotina. Al labirinto è stata data una forma che richiama il cervello, per mettere in evidenza che esso è l organo su cui agisce la nicotina sviluppando la dipendenza. Il labirinto presenta: una strada che porta sempre all uscita: il non fumatore; una strada che giunge all uscita con un percorso più lungo: la difficoltà di smettere di fumare; due strade che non hanno uscita: la dipendenza. Durante i laboratori interattivi il concetto di dipendenza viene introdotto utilizzando invece una vera trappola, un comune gioco-scherzo sud americano, un cilindro cavo di tessuto intrecciato che i bambini e i ragazzi vengono invitati a infilare nel dito medio di entrambe le mani. Si chiede poi loro di sfilarlo dalle dita tirando. A quel punto l intreccio si allunga, si stringe e intrappola le dita.

19 Nicotina e dipendenza APPROFONDIMENTI È accertato che la nicotina è una droga: essa è infatti un alcaloide psicoattivo, proprio come l eroina e la cocaina. La sua azione eccitatoria si esplica soprattutto a livello del sistema nervoso centrale, dove giunge molto rapidamente dopo l assunzione grazie alla sua forte affinità per i lipidi, il componente strutturale principale del cervello. Essa agisce modificando la naturale fisiologia cerebrale e scatenando una serie di reazioni che in breve la rendono indispensabile all organismo. A livello di cervello, la nicotina si lega ad alcuni recettori specifici che si trovano nella stessa area coinvolta nei processi della memoria, dell apprendimento e del senso di soddisfazione. Questi recettori a loro volta stimolano la liberazione della dopamina, un neurotrasmettitore che alcuni studi hanno dimostrato essere coinvolto nell insorgere della dipendenza: è infatti la dopamina a determinare nel fumatore quel senso di benessere che lo porta a collegare il fumo al piacere. La nicotina favorisce inoltre il rilascio dell adrenalina e della noradrenalina, due sostanze che aumentano lo stato di attenzione e la concentrazione. Il risultato è che il fumatore si sente più sveglio e attivo. Il problema è che adrenalina e noradrenalina sono anche causa di stress. Per calmare lo stress e ritrovare il benessere, il fumatore riaccende la sigaretta. L astinenza da nicotina porta a irritabilità, ansia, aumento dell appetito e a un forte impulso a portare la mano al pacchetto di sigarette. Quella della nicotina è una trappola ben progettata. Parlare di dipendenza e droghe non sempre è facile... Potrebbe essere utile chiedere l intervento di esperti.

20 approfondimenti smettere di fumare L azione eccitatoria della nicotina a livello cerebrale è talmente forte che alle prime sigarette un fumatore può accusare capogiri, sensi di vertigine e, nel caso la concentrazione di nicotina nel suo corpo raggiunga valori alti, anche nausea e vomito. Questi sintomi scompaiono in tempi brevi, perché il fumatore impara presto a dosare l assunzione di nicotina agendo sulla modalità in cui fuma. Si crea così una dipendenza psichica e fisica che spiega perché la maggior parte dei tabagisti continua a fumare anche se consapevole dei danni associati al fumo. Per lo stesso motivo, solo una minima parte di coloro che decidono di abbandonare il tabacco raggiunge l obiettivo. Perché smettono quelli che smettono? Secondo una recente indagine della DOXA in Italia si smette di fumare soprattutto per motivi di carattere sanitario, come dimostra la tabella sottostante. Motivo di cessazione % Per la maggior consapevolezza dei danni provocati dal fumo/perché fa male 40,0 Per motivi di salute 38,5 Gravidanza/nascita di un figlio 7,3 Imposto da partner o famigliari 3,7 Non mi piaceva più 1,5 Per non essere schiavo di un vizio 0,4 Perché raccomandato dal medico 3,6 Per il costo eccessivo 2,8 Per i divieti affissi nei luoghi pubblici 0,5 Altro 1,6 SMONTIAMO I LUOGHI COMUNI... Per sentirsi grandi non è necessario emulare il gruppo, magari iniziando a fumare: trendy è colui che pensa con la propria testa, non chi fa il pecorone. Questo è il motivo per cui l obiezione che fumare è trendy è priva di valore.

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 29.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 127/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/40/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli