Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione"

Transcript

1 Associazione Amici di Villa Borghese - Roma Isola di Antichi platani orientali di Villa Borghese Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione Pascal Genoyer-Pousse Conseil Giugno 2011

2 Introduzione Questo studio è stato commissionato dall Associazione Amici di Villa Borghese, preoccupata dello stato attuale degli alberi, in particolare dopo la perdita del fogliame nell agosto In più, il Comune di Roma ha intenzione di potare gli alberi, perciò gli Amici di Villa Borghese, nel timore che la potatura si riveli troppo drastica e mutilante, si sono rivolti a un consulente indipendente, esperto in arboricoltura, per chiedere un parere: - sullo stato degli alberi in generale - sull opportunità di una potatura sotto il profilo sanitario 10 e della sopravvivenza a lungo termine degli alberi L indagine sul campo è stata condotta il 28 e 29 marzo Nella tarda mattinata del 29 marzo, si è svolto un incontro sul posto fra esperti del Comune di Roma, rappresentanti dell Associazione Amici di Villa Borghese e Pascal Genoyer Questo documento è redatto per conto dell Associazione Amici di villa Borghese. Contiene il resoconto dei più importanti risultati, tratti dalle osservazioni e dalle misurazioni effettuate sul campo; presenta un quadro degli alberi sotto il profilo del loro sviluppo, e fornisce un parere sulle principali cure, indispensabili o utili per la loro salvaguardia Disposizione degli alberi Gli antichi platani sono, in totale, undici. Facevano tutti parte di un sesto di impianto lungo due filari, orientati in parallelo al Viale dell Uccelliera, ai due lati del fondo della valle. I filari sono orientati da Sud-Est verso Nord-Ovest; la distanza iniziale della piantagione probabilmente era di 9 metri circa. Oggi sopravvivono lungo il filare Nord 9 alberi, numerati da 1 a 9, partendo da Est verso Ovest. Del filare Sud restano soltanto 2 alberi: i platani n. 10 e 11. 2

3 1. Architettura e stato di sviluppo degli alberi 1.1. Forma I platani presentano tutti una forma mutilata. La loro forma originale, molto probabilmente, era semilibera. Della corona originaria restano solo una parte del tronco, e una o più parti di rami principali. Le attuali corone sono costituite soltanto da polloni, diventati branche madri di rimpiazzo, e che hanno circa 40 anni d età, comparsi dopo una mutilazione estremamente severa, impietosa Dimensioni T utti gli alberi, tranne due (il n. 6 e 7), misurano tra i 20 e i 30 metri di altezza, mentre ne misuravano probabilmente più di 30 nel Settecento e nell Ottocento. Albero n Altezza (m) 26,1 27,2 26,6 20,7 24,7 Albero n Altezza (m) 15,5 26,7 22,1 20,7 29,4 La circonferenza degli alberi non è stata oggetto di misurazione sistematica. Ma il n.1, che è uno degli esemplari più grossi, misura circa 6 m (598 cm) di circonferenza, a 1,3 metri di altezza: un valore eccezionale per un platano orientale in Europa occidentale Architettura Gli alberi sono delle colonie di rami principali. La loro corona, cioè, è formata da «alberelli» all interno dell albero. Ogni alberello a sua volta è un pollone, nato in seguito all ultima potatura di riduzione degli alberi, circa 35 anni fa, e diventato ramo principale. 3 platano n. 8

4 Variazioni nella geometria e nella struttura delle corone Le corone di questi platani sono molto diverse l una dall altra: ognuna testimonia la storia specifica dell albero. Tre variabili permettono di spiegare le principali variazioni della loro architettura: il numero e il vigore dei nuovi rami principali lo stato e le dimensioni della struttura originaria l abbondanza di risorse dello spazio aereo (spazio disponibile e luce diretta). platano n. 7 platano n. 9 I platani n. 7 (sopra, a sinistra) e 9 (sopra, a destra) differiscono fra di loro soprattutto per il numero di «nuovi» rami principali, e per le dimensioni della struttura originaria ancora viva. 4

5 Variazioni nella geometria e nella struttura delle corone (segue). platano n. 6 platano n. 4 Queste due corone sono fortemente deformate, anzi degradate, a causa dell ombra creata dai platani ibridi limitrofi, i quali sovrastano i platani antichi, superandoli in altezza a sud; lo stesso vale per le corone di gran parte degli altri antichi platani. Solo il. n. 9 (foto pag. precedente) e 10 risentono poco o nulla l effetto dell ombra. 5

6 1.4. Storia probabile dello sviluppo degli alberi nel tempo 2 1 1: una forma probabile dei platani n. 1, 9 e 10 tra il 1700 e il : dopo il 1970, in seguito a un grave trauma (un deperimento oppure una potatura mutilante), si è formata una nuova corona sulla vecchia struttura , 4 e 5: a causa di un eccesso d ombra, di nuovi traumi, o di infezioni parassitarie, l ultima corona di rimpiazzo si degrada (5) o è molto incompleta (3 e 4).

7 In base alla morfologia e all architettura attuale degli antichi platani, a una foto risalente circa al 1900, all ambiente in cui sorgono e al piano dell impianto originario, è possibile immaginare la storia del loro sviluppo. Periodo n. 1: sviluppo normale (dal Seicento al Settecento) Durante i primi cento-duecento anni di vita, questi platani probabilmente si sono sviluppati normalmente, raggiungendo un altezza di oltre 30 metri, e ingrandendosi notevolmente grazie all abbondanza d acqua a disposizione vicino alla base degli alberi. È altrettanto probabile, tuttavia, che dopo qualche tempo, la riserva d acqua ai loro piedi si sia ridotta. Perciò gli alberi hanno avuto una quantità minore d acqua facilmente disponibile, e si sono indeboliti, in certi casi sono deperiti. È altrettanto certo che molti di questi alberi nel Settecento sono stati potati in modo estremamente drastico e irregolare, ad es. con capitozzature, forse per usi agricoli. Questa potrebbe essere la ragione principale della scomparsa di 29 dei 40 platani originari (nota: la vasca d acqua attorno a cui sorgevano è stata interrata nel 1790). La foto n. 1 raffigura un platano orientale, vecchio di quattrocento anni e isolato, che si trova in Francia, a Lamanon (dipartimento Bocche del Rodano). È probabile che l architettura di molti dei platani orientali sopravvissuti a Villa Borghese assomigliasse a questa tra il 1700 e il 1900 circa. La corona, invece, probabilmente era più alta e meno larga di quella del platano orientale di Lamanon mostrato nella foto (1). Periodo n. 2: incidente (o traumi) e reazioni nel Novecento I platani sopravvissuti hanno subìto certamente, nel corso degli anni 70, un grave trauma che si è tradotto in una potatura totale. Ogni albero si è rigenerato in funzione delle potenzialità e del vigore che aveva al momento del trauma, ma anche in funzione delle risorse di luce a propria disposizione. Gli alberi n. 1, 2, 3, 4, 9, 10 e 11 sono riusciti a ricostruire una corona relativamente completa, e a isolare per compartimentazione l «albero nuovo» da quello «vecchio». Gli altri sono riusciti a ricostruire solo una corona molto incompleta e deformata poiché (i n. 5, 6 e 7) hanno risentito dell ombra proiettata su di essi dai platani comuni impiantati a Sud, allora già alti circa 20 metri; oppure poiché (i n. 7 e 8) il loro stato era particolarmente degradato. Inoltre, gli alberi più fragili perché troppo in ombra (i n. 4, 7 e 11) sono stati infettati da parassiti, probabilmente fungini, installatisi grazie alle enormi ferite inferte dalla severissima potatura. Periodo n. 3: sviluppo attuale Sviluppo attuale normale: Gli alberi n. 1, 3, 5 e 10 continuano a costruire la loro corona di rimpiazzo, che ha un età di anni soltanto. I fattori limitanti (ombra, siccità, pressione dei parassiti), cui devono far fronte queste nuove corone, sono relativamente modesti e hanno effetti negativi limitati: queste corone sono più o meno simmetriche e regolari, e presentano un equilibrio gradevole alla vista. La struttura di questi alberi, dopo una fase di forte degradazione, si va rafforzando un po di più ogni anno. Sviluppo fortemente ostacolato: La nuova corona degli alberi n. 5, 6 e 7 è fortemente ostacolata e deformata dall eccessivo ombreggiamento. Piuttosto che una degradazione, si osserva una difficoltà da parte della corona a trovare il suo spazio, oltre un indebolimento lento e progressivo delle risorse interne dell albero. Nuova degradazione (iniziata meno di 10 anni fa): 7

8 Per via di un attacco di parassiti e/o di una carenza d acqua, le corone degli alberi n. 2, 4, 8, 9 e 11 hanno ricominciato lentamente a degradarsi, dopo essersi ricostruite durante oltre 25 anni. A destra: visione d insieme del platano n. 8, che sta subendo una degradazione dei nuovi rami apicali Qui accanto, a destra: dettaglio del ramo apicale sinistro, in via di deperimento, del platano n. 8 Nel platano n. 7 (qui accanto, a destra) il deperimento è molto accentuato, ma lascia spazio da diversi anni alla rigenerazione sul tronco. È d importanza vitale preservare questi polloni, che possono diventare nuovi «alberelli» della colonia, e consentirle di vivere ancora per un secolo o più. A destra: visione d insieme del platano n. 7, che deperisce dalla cima, mentre il tronco da almeno 10 anni produce dei polloni promettenti ( ) da preservare assolutamente (nell angolo a destra) 8

9 2. Vigore attuale degli alberi e anomalie della crescita o dello sviluppo 2.1. Anomalie dello sviluppo legate all ombreggiamento Uno o due degli 11 platani orientali, tra cui il n. 9, non sono affatto disturbati dall ombra dei platani ibridi più recenti. Tutti gli altri sì, ma non nella stessa misura: In certi platani (n. 1, 3, 10) l effetto dell ombra è ancora minimo: solo alcuni frammenti dei rami principali bassi sono deformati o deperiscono perché soprastati dagli altri alberi. In altri (n. 4, 5, 6 foto in basso a sinistra), che sono sottoposti all ombreggiamento da anni, è l insieme della corona a essersi completamente deformata. In alcuni casi (n. 2, 4 foto qui sotto a destra 7, 11), è probabile che l azione dell ombra si abbini a quella di uno o più agenti patogeni, e amplifichi il deperimento da questi provocato. 9

10 2.2.Risultati complessivi riguardo al vigore e al deperimento Vitalità dei rami principali, ed evoluzione nel tempo di ciascun albero (vigore dell allungamento delle principali branche madri) Albero n Allungamento (cm/anno) Evoluzione nel stabile diminuisce stabile diminuisce stabile stabile aumenta diminuisce diminuisce stabile diminuisce tempo Intensità relativa del deperimento molto debole forte molto debole forte molto debole nulla molto forte moderata nulla molto debole moderata Età del deperimento (in anni) Degradazione della nuova corona Cause possibili > 15 < < 10% 30% < 5% 25% < 10% 80 % 25% < 5% 25% ombra agente ombra agente ombra agente agente ombra agente 2.3. Elenco dei fattori limitanti al corretto sviluppo degli alberi Prendendo in considerazione gli 11 alberi nel loro insieme, vi sono tre categorie di fattori che ostacolano attualmente lo sviluppo e la crescita degli alberi: la presenza di agenti patogeni l ombreggiamento causato da altri alberi la carenza relativa di acqua in certi periodi dell anno È possibile che il calpestio umano, al di sotto delle chiome di alcuni esemplari, ne ostacoli la crescita, poiché riduce la fertilità fisica del suolo, ma l effetto non sembra eclatante. Per appurarlo, servirebbero dei sondaggi pedologici sommari. 10

11 Classificazione approssimativa dell importanza relativa dei 3 maggiori ostacoli alla crescita di ciascun esemplare: Albero n Ostacolo principale alla crescita nessuno nessuno carenza d acqua carenza d acqua carenza d acqua Ostacolo secondario ombra agente o ombra carenza d acqua ombra agente e ombra carenza d acqua ombra ombra agente e/o carenza agente d acqua ombra ombra? ombra o carenza d acqua 3. Raccomandazioni: le cure 3.1. Esposizione alla luce Principio T utti questi platani antichi possono trarre beneficio da un maggiore apporto di luce. Ma l opera va fatta con cautela: ad es. iniziando, alla fine del 2011, dagli alberi n. 1, 3, 5, 6, 8 e 10, che sono i più robusti e ne trarranno beneficio entro qualche anno: i primi risultati, infatti, si vedranno dai 2 ai 4 anni dopo l intervento. Gli alberi più fragili (n. 2, 4, 7 e 11) potranno in seguito essere esposti a maggiore luce, 2o 3 anni dopo i primi. Considerato che questi alberi sono in difficoltà, l esposizione alla luce nel loro caso dovrà avvenire in modo ancora più graduale rispetto ai primi Modalità pratiche L operazione dev essere compiuta tassativamente in modo progressivo, e non brusco. I platani orientali, infatti, anche in età adulta hanno una corteccia sottile, e i loro rami sono molto sensibili ai colpi di sole, che provocano il deperimento e spesso la morte dell albero. I rami da sopprimere sono le branche madri dei platani ibridi (Platanus X acerifolia), situati a Sud di ciascun platano antico da esporre alla luce. La maggior parte dei platani ibridi dovrà essere infine abbattuta, 5 o 6 anni dopo l inizio dell operazione complessiva, ma soltanto a patto che si siano verificate le seguenti condizioni: - che i platani orientali siano del tutto immuni da bruciature dopo 3 anni di nuova esposizione al sole - che la messa in luce abbia provocato un vero miglioramento della ramificazione e dell accrescimento dei rami principali 11

12 - che l apporto d acqua supplementare, necessario ad ogni platano orientale esposto alla luce, sia effettivamente disponibile nel terreno: e cioè, che nessun albero abbia patito la siccità, o abbia subito una diminuzione della superficiefogliare dal momento dell esposizione alla luce. Nota: volendo, è probabile che si possano anche conservare uno o due dei platani ibridi più grandi, limitandosi a eliminare soltanto una parte dei loro rami, poiché parecchi di essi sono già alberi molto belli, avviati verso un futuro promettente Apporto d acqua I platani antichi hanno probabilmente a disposizione, almeno durante il periodo estivo, meno acqua di quanta ne avessero all origine, in seguito alla scomparsa dell opera (invaso, bacino idrico?) ai bordi della quale erano stati piantati. È perciò probabile che un apporto d acqua rechi loro un beneficio. La caduta accidentale del fogliame nell agosto del 2010 sembra indicare che gli alberi abbiano patito di una carenza d acqua alla loro base, in un momento in cui l umidità dell aria era molto forte, il che ha favorito lo sviluppo dell oidio delle foglie. Tuttavia, dalle osservazioni eseguite nell aprile 2001, non è emerso che la carenza d acqua provochi un deperimento dei platani antichi. Il deperimento accentuato degli alberi n. 2, 4, 7, 8 e 11 può derivare da una relativa carenza d acqua in certi periodi dell anno, ma molto probabilmente, in molti casi, è conseguenza dell azione di funghi patogeni. Per sapere se questi alberi patiscono o no la mancanza d acqua in certi periodi dell anno, sono necessarie delle osservazioni complementari ( ad esempio attraverso delle sonde) sull umidità del suolo nel corso dell anno. È importante riflettere fin da subito sulle eventuali modalità per apportare acqua agli alberi, attraverso il suolo in profondità, in modo analogo al sistema con cui gli alberi sono stati alimentati d acqua all inizio della loro vita. Naturalmente è del tutto da escludere, per il momento, l esecuzione di lavori di muratura, di scavo o d altro genere in prossimità della base degli alberi Interventi sulla fertilità del suolo È molto possibile, anzi probabile, che la frequentazione del sito abbia progressivamente compattato il suolo, riducendone la fertilità fisica. In effetti, quando il suolo è molto umido, come succede per diversi mesi l anno, il suolo è sensibile alla compattazione. Al momento, però, nessuno dei sintomi di deperimento osservati sugli 11 platani sembra rilevare specificamente la compattazione del suolo come fattore limitante. Questo risultato, però, non indica che il suolo non sia compattato. È infatti molto possibile che la compattazione del suolo favorisca il deperimento di alcuni platani orientali. Al momento, ogni intervento sul terreno appare prematuro. Invece, varrebbe la pena di eseguire un controllo dello stato di fertilità del suolo, per essere in grado di interpretare le reazioni degli alberi in futuro, e utilizzare il suolo per effettuare alcune cure, se necessario. 12

13 3.4. Potature Potatura e cura Solo in rarissimi casi la potatura può essere considerata un intervento di cura. In realtà, nella maggior parte dei casi, le potature non aiutano gli alberi a svilupparsi. C è un solo caso conosciuto, in cui la potatura ha un effetto positivo sullo sviluppo: è quando gli alberi cominciano a rigenerarsi dopo un periodo di deperimento. È appunto il caso del platano n. 7: i suoi rami principali bassi si stanno deperendo, e vale la pena ridurli sopra il tiralinfa, come i rami di un albero in sofferenza che sia appena stato piantato (potatura di accompagnamento all impianto 1 ). Piuttosto, è di estrema importanza lasciare che i polloni del tronco si sviluppino, poiché possono diventare grosse branche madri Potatura e messa in sicurezza Si può ricorrere alla potatura su molti alberi, come mezzo per mettere in sicurezza alcuni rami principali e la struttura. È normale e abituale eliminare i rami secondari morti della corona, come anche i rami secondari giudicati troppo fragili. Quando si tratta, però, di un patrimonio arboreo antico, di enorme valore storico, come lo sono questi platani orientali, i risultati dello studio meccanico devono indicare con estrema chiarezza, per ciascun ramo da togliere o da ridurre: - la ragione dell operazione che si intende effettuare (carie, cancro, fungo xilofago responsabile e tipo di marciume riscontrato) - l intensità della potatura da effettuare (proporzione del ramo da togliere, lunghezza da decurtare, punto di taglio, eventuale localizzazione del tiralinfa). Il signor Burini del Comune di Roma mi ha segnalato il 29 marzo che era stato effettuato uno studio meccanico sui platani orientali. Lo studio ha concluso che gli alberi sono solidi. Per questa ragione, e se ho ben capito il signor Burini, le potature di messa in sicurezza da realizzare sarebbero di modesta portata, e limitate essenzialmente al legno morto. Se invece il Comune di Roma ha in programma potature di messa in sicurezza dall entità media o elevata, deve poterle giustificare, esibendo i risultati di una perizia, il cui resoconto dovrebbe essere comunicato al pubblico parecchie settimane prima di realizzare le opere di potatura. Del resto, in diversi Paesi europei, esiste una tecnica di salvaguardia, molto usata, degli alberi monumentali fragili: il consolidamento attraverso l ancoraggio dei rami principali tra di loro (in francese: haubanage). Questa soluzione tecnica mi sembra molto adatta per un sito come questo, previa consulenza di un arboricoltore esperto nelle tecniche di ancoraggio. Infine, se dopo aver eliminato i rami secondari morti, il Comune di Roma è preoccupato per la sicurezza dei frequentatori del sito, si può, più semplicemente, proibire il passaggio pedonale sotto le corone ipotizzate pericolose, per qualche settimana o per alcuni mesi, e cioè finché i rami pericolosi non siano diventati più sicuri (attraverso le tecniche descritte più sopra): Questa soluzione di messa in sicurezza è la migliore per questi platani, infatti evita di eliminare o ridurre dei rami vivi Riduzione moderata dei rami (10-20% della lunghezza), preferibilmente sopra il tiralinfa, o eliminazione di un ramo ogni 4 o 5.

14 Potatura sanitaria Le potature sanitarie hanno lo scopo di eliminare dei focolai infettivi per evitare che essi contaminino le parti sane di un albero. Non possono essere considerate alla stregua delle cure per gli esseri umani, poiché non consentono di guarire le parti infettate. Perciò sono mirate e devono essere giustificate punto per punto, in seguito a quello che in Francia definiamo uno studio sanitario. La potatura sanitaria può condurre anche a una messa in sicurezza, per esempio quando i focolai infettivi patogeni riducono la solidità dell ancoraggio o dei rami secondari. La potatura di messa in sicurezza (soppressione o riduzione dei rami secondari fragili) può anche eliminare accessoriamente dei focolai infettivi. Nel quadro dei rapporti tra l Associazione Amici di Villa Borghese e il Comune di Roma, è importante che la potatura di messa in sicurezza sia distinta in modo nettissimo dalla potatura sanitaria, quando il Comune ha in progetto degli interventi, e questo allo scopo di eliminare ogni dubbio o ambiguità riguardo alla natura, allo scopo e all impatto degli interventi che il Comune intende far eseguire. 4. BILANCIO DELLO STUDIO 1 ) Questa isola di platani orientali costituisce un insieme straordinario dal punto di vista storico e monumentale. Alcuni platani mostrano anche tracce di potature antiche, legate forse all allevamento del bestiame nel XVII, XVIII e forse XIX secolo. Dal punto di vista architettonico e botanico, questi alberi sono vestigia di quel che erano nei primi 100 o 150 anni di vita. Oggi si sviluppano come colonie, i cui elementi si rinnovano in modo irregolare, a seconda dei traumi subiti durante lo sviluppo. 2 ) Il presente studio non è né meccanico né sanitario in senso stretto: questi due aspetti sono già stati affrontati dagli esperti incaricati dal Comune di Roma. 3 ) Cinque degli undici platani sono attualmente in una situazione di difficoltà; fra di essi, uno (il n. 7) si sta rigenerando. 4 ) Sono stati individuati tre fattori limitanti, determinanti per la salute e lo sviluppo degli alberi: una relativa carenza d acqua in alcuni periodi dell anno, la pressione da parte dei parassiti, e l ombreggiamento eccessivo. 5 ) È necessario, anzi indispensabile, se si vuole conservare questi alberi il più a lungo possibile, provvedere per ogni albero in difficoltà a: - accertare la causa esatta del deperimento per poterlo curare, se possibile - seguire l evoluzione del deperimento nel corso degli anni futuri, per essere in grado di intervenire nel caso di un aggravamento o di una perpetuazione del problema. 14

15 6 ) Il signor Burini del Comune di Roma, responsabile in fine delle cure a questi alberi, mi ha dato l impressione di essere un arboricoltore competente, accorto e interessato alla preservazione di questi alberi, e in grado, probabilmente, di mobilitare i mezzi di studio e di cura necessari. Questa persona merita a mio avviso la fiducia degli Amici di Villa Borghese, i quali farebbero bene tuttavia continuare a vigilare su alcuni aspetti importanti della gestione, poiché certi errori relativi alla cura o alla gestione, potrebbero provocare la morte di alcuni platani. A mio avviso sarebbe perciò molto positivo se il Comune di Roma comunicasse alla cittadinanza compresi gli Amici di Villa Borghese gli esiti degli studi fitosanitari, commissionati sugli alberi. Questo consentirebbe di ripristinare la fiducia tra l Associazione e i rappresentanti del Comune di Roma incaricati della gestione, i quali avrebbero tutto da guadagnare, lavorando in un clima notevolmente più sereno e confortevole. Pascal Genoyer, docteur ès sciences, Lattes (Francia) 2 giugno 2011 Terminologia Bibliografia La maggior parte dei termini arboricoli usati nelle descrizioni sono presi da Drénou, La taille des arbres d ornement Du pourquoi au comment, IDF, Paris In caso di dubbi su alcuni termini, contattare Pascal Genoyer all indirizzo di posta elettronica 15

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA Prof. Agr. Fabrizio Cinelli Docente di Strutture Verdi e Paesaggio Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni Civili Largo L. Lazzarino

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

Torino e i suoi alberi

Torino e i suoi alberi Assessorato all ambiente e al verde pubblico Torino e i suoi alberi Un patrimonio da gestire e curare Torino e i suoi alberi Un patrimonio da gestire e curare Con questa pubblicazione, desideriamo far

Dettagli

La valutazione della stabilità degli alberi

La valutazione della stabilità degli alberi La valutazione della stabilità degli alberi Qualsiasi costruzione meccanica è leggera quanto possibile e salda quanto necessario quando subisce un carico equilibrato, cioè quando tutti i punti della sua

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA Approvato con delibera consiliare n.8 del 3 Febbraio 1997 1 PRINCIPI GENERALI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Rilevata l importanza

Dettagli

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 Committente: Comune di Camposanto Via F. Baracca n 11 Camposanto (Modena) Dott. Agr. Riccardo

Dettagli

Piante MATI Pistoia CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DI PLATANOR VALLIS CLAUSA PIANTE TUTELATE DA DIRITTO DI BREVETTO INTERNAZIONALE.

Piante MATI Pistoia CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DI PLATANOR VALLIS CLAUSA PIANTE TUTELATE DA DIRITTO DI BREVETTO INTERNAZIONALE. CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DI PLATANOR VALLIS CLAUSA PIANTE TUTELATE DA DIRITTO DI BREVETTO INTERNAZIONALE Pistoia Con la presente privata scrittura, redatta in tre originali, di cui uno per la registrazione

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I C O M U N E D I C E R V I A TRAVERSA RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I Sommario PREMESSA... 3 PROGETTO DELLE OPERE A VERDE... 3 LO STATO ATTUALE... 3 IL PROGETTO... 6 PRINCIPALI

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B2

Università per Stranieri di Siena Livello B2 Unità 9 Lavorare in sicurezza: il ponteggio CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulle regole da seguire per montare ponteggi sicuri e stabili nei cantieri edili e prevenire

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM186 G186 Marco Bagnoli Data: 26/05/2006 Caratteristiche Generali Nome Comune: Denominazione Locale: Specie: TipoAlbero: Posizione: Ciliegio Ciliegio di Luogomano

Dettagli

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 Spett.le Comune di Castell Arquato c.se att.ne arch. Francesca Gozzi

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo.

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. sul balcone o terrazzo. Di Fiorita Dino Il giardiniere

Dettagli

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO SCHEDA TECNICA N. 3 SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE AREE A VERDE DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DEI SERVIZI SPERIMENTALI PER L INFANZIA E DELLE SCUOLE D ARTE E DEI MESTIERI DEL COMUNE

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Gli anziani e l alcol

Gli anziani e l alcol Informazioni per gli anziani e le persone coinvolte Gli anziani e l alcol Come comportarsi con l alcol in età avanzata senza avere problemi? Quali segnali possono indicare la presenza di un problema di

Dettagli

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India Azienda Agricola Nardotto Capello di Nardotto Claudio C.so Repubblica 266 18033 Camporosso (IM) ITALY Nursery CITES P-IT-1002 Tel. +39.0184.29.00.69 Fax +39.0184.25.46.49 P.Iva IT01478300088 CATTLEYA Origine:

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

ELEMENTI DI POTATURA

ELEMENTI DI POTATURA LE SERATE DELL AMBIENTE Comune di Crespellano Assessorato Ambiente Centro Agricoltura Ambiente G. Nicoli Crevalcore (BO) ELEMENTI DI POTATURA indicazioni tecniche per la corretta potatura delle piante

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o M.M. no. 90 concernente la richiesta di un credito di Fr. 25'000.00 per lavori di consolidamento delle scarpate e delle opere murarie a secco del terreno al mappale 049 RFD Locarno, quale il vigneto a

Dettagli

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO ARTIFICIALE ANGUILLARA L'idrologia del Lago Trasimeno, lago

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione

Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione Valutazione delle condizioni vegetative, fitosanitarie e strutturali dell esemplare di Faggio, Fagus sylvatica, radicato all interno di Parco Porta Spinola, nel Comune di Mariano Comense (CO) Estratto

Dettagli

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate:

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Iniziamo questa rassegna con le fotografie prese dal sito www.vivaioclorofilla.it, sono 40 piante di pioppo nero potate nel modo "barbaro" visibile

Dettagli

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com L'AZIENDA Global Service Giardini si occupa della progettazione, realizzazione e manutenzione di terrazzi, parchi e

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura.

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. La, pianta, tramite le sue parti verdi, è un sensore recettivo

Dettagli

TANTE MISURE PER NULLA

TANTE MISURE PER NULLA TANTE MISURE PER NULLA a cura di Marcello Libener, Servizio Pre.S.A.L. della Asl AL Che cosa è successo Nel corso dei lavori per la realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura dei fabbricati

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 368 del 25 marzo 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 368 del 25 marzo 2014 Tutto il materiale ottenuto dalle operazioni di abbattimento dovrà essere immediatamente smaltito secondo normativa vigente, provvedendo al trasporto con mezzi coperti. Saranno scrupolosamente rispettate

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

La valutazione e la gestione di giardini storici: il caso del polo universitario ex-agraria

La valutazione e la gestione di giardini storici: il caso del polo universitario ex-agraria Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Agraria Alberto Minelli La valutazione e la gestione di giardini storici: il caso del polo universitario ex-agraria 1 - Le funzioni igienico-sanitarie

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

CAODURO spa - Cavazzale (VI) Via Chiuppese fraz. Cavazzale 36010 Monticello C. Otto tel. 0444.945959 fax 0444.945164 info@caoduro.it - www.caoduro.

CAODURO spa - Cavazzale (VI) Via Chiuppese fraz. Cavazzale 36010 Monticello C. Otto tel. 0444.945959 fax 0444.945164 info@caoduro.it - www.caoduro. Le Prove di GENT Prove realizzate nella primavera del 1998 a Gent in Belgio in un edificio lungo 50 m, largo 20 m e alto 12 m costruito appositamente per prove di grandi incendi. Dotato di impianto di

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE IN..PRIMAVERA. LA PRIMAVERA CORRISPONDE AL RISVEGLIO VEGETATIVO DELLA PIANTA DOPO LA PAUSA DEI MESI

Dettagli

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde P.I.I. FISAC-TREVITEX Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde Il progetto del verde prevede il mantenimento di porzioni di aiuole già esistenti e la creazione di nuove aree per una superficie

Dettagli

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia Progetto 133.11 dagu - Comune Della Spezia Spett.le COMUNE DELLA SPEZIA Dipartimento II Servizi Tecnici e Opere Pubbliche Progettazione e Manutenzione Aree Verdi Alla cortese attenzione di: Agr. Andrea

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

COMUNE DI NOVAFELTRIA

COMUNE DI NOVAFELTRIA COMUNE DI NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER IL VERDE PUBBLICO E PRIVATO AL DI FUORI DEI TERRITORI REGOLATI DALLE PRESCRIZIONI DI MASSIMA E DI POLIZIA FORESTALE Approvato con Deliberazione

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

Lorenzo Benedettini. una pianta per amico. il fico

Lorenzo Benedettini. una pianta per amico. il fico Lorenzo Benedettini una pianta per amico il fico foglio d albero scuola elementare La Primavera - classe III A anno scolastico 2005/2006 A mio fratello perché possa imparare a leggere. nome scientifico

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI III Direzione Centrale Patrimonio e Logistica Servizio Gestione del Verde Pubblico

COMUNE DI NAPOLI III Direzione Centrale Patrimonio e Logistica Servizio Gestione del Verde Pubblico J _...,,: '1 COMUNE DI NAPOLI III Direzione Centrale Patrimonio e Logistica Servizio Gestione del Verde Pubblico ORDINANZA SINDACALE Oggetto: divieto di abbattimento e danneggiamento alberature. IL SINDACO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XXIX - N. 105 Spedizione in abb. post. art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA MILANO - GIOVEDÌ, 29 APRILE 1999 2º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO

Dettagli

Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro

Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro BUONE PRATICHE PER LA CURA DEGLI ALBERI di Mario Carminati e Massimo Ranghetti Come far crescere bene un albero Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro territorio. Ecco alcune indicazioni

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO OLGIATE COMASCO

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO OLGIATE COMASCO REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO OLGIATE COMASCO L Amministrazione Comunale nella consapevolezza dell importanza del ruolo che il verde riveste nella definizione della qualità della vita,

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano Riferimento commessa: Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it C1202 giugno 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

Xylella fastidiosa (Wells et al.)

Xylella fastidiosa (Wells et al.) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE SISTEMATICA E DIFFUSIONE Xylella fastidiosa (Wells et al.) Xylella fastidiosa (XF) Welles et al. (1987) è un batterio gram-negativo non sporigeno appartenente alla famiglia

Dettagli

"Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012

Città Visibili - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 "Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 Titolo: Restyling paesaggistico : esperienze di recupero di siti produttivi

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

L albero nell ambiente urbano

L albero nell ambiente urbano Consiglio di Quartiere 4 Assessorato all Ambiente Assessorato alla Partecipazione democratica e ai rapporti con i Quartieri In collaborazione con ARSIA L albero nell ambiente urbano Firenze 31 Maggio 1

Dettagli