Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione"

Transcript

1 Associazione Amici di Villa Borghese - Roma Isola di Antichi platani orientali di Villa Borghese Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione Pascal Genoyer-Pousse Conseil Giugno 2011

2 Introduzione Questo studio è stato commissionato dall Associazione Amici di Villa Borghese, preoccupata dello stato attuale degli alberi, in particolare dopo la perdita del fogliame nell agosto In più, il Comune di Roma ha intenzione di potare gli alberi, perciò gli Amici di Villa Borghese, nel timore che la potatura si riveli troppo drastica e mutilante, si sono rivolti a un consulente indipendente, esperto in arboricoltura, per chiedere un parere: - sullo stato degli alberi in generale - sull opportunità di una potatura sotto il profilo sanitario 10 e della sopravvivenza a lungo termine degli alberi L indagine sul campo è stata condotta il 28 e 29 marzo Nella tarda mattinata del 29 marzo, si è svolto un incontro sul posto fra esperti del Comune di Roma, rappresentanti dell Associazione Amici di Villa Borghese e Pascal Genoyer Questo documento è redatto per conto dell Associazione Amici di villa Borghese. Contiene il resoconto dei più importanti risultati, tratti dalle osservazioni e dalle misurazioni effettuate sul campo; presenta un quadro degli alberi sotto il profilo del loro sviluppo, e fornisce un parere sulle principali cure, indispensabili o utili per la loro salvaguardia Disposizione degli alberi Gli antichi platani sono, in totale, undici. Facevano tutti parte di un sesto di impianto lungo due filari, orientati in parallelo al Viale dell Uccelliera, ai due lati del fondo della valle. I filari sono orientati da Sud-Est verso Nord-Ovest; la distanza iniziale della piantagione probabilmente era di 9 metri circa. Oggi sopravvivono lungo il filare Nord 9 alberi, numerati da 1 a 9, partendo da Est verso Ovest. Del filare Sud restano soltanto 2 alberi: i platani n. 10 e 11. 2

3 1. Architettura e stato di sviluppo degli alberi 1.1. Forma I platani presentano tutti una forma mutilata. La loro forma originale, molto probabilmente, era semilibera. Della corona originaria restano solo una parte del tronco, e una o più parti di rami principali. Le attuali corone sono costituite soltanto da polloni, diventati branche madri di rimpiazzo, e che hanno circa 40 anni d età, comparsi dopo una mutilazione estremamente severa, impietosa Dimensioni T utti gli alberi, tranne due (il n. 6 e 7), misurano tra i 20 e i 30 metri di altezza, mentre ne misuravano probabilmente più di 30 nel Settecento e nell Ottocento. Albero n Altezza (m) 26,1 27,2 26,6 20,7 24,7 Albero n Altezza (m) 15,5 26,7 22,1 20,7 29,4 La circonferenza degli alberi non è stata oggetto di misurazione sistematica. Ma il n.1, che è uno degli esemplari più grossi, misura circa 6 m (598 cm) di circonferenza, a 1,3 metri di altezza: un valore eccezionale per un platano orientale in Europa occidentale Architettura Gli alberi sono delle colonie di rami principali. La loro corona, cioè, è formata da «alberelli» all interno dell albero. Ogni alberello a sua volta è un pollone, nato in seguito all ultima potatura di riduzione degli alberi, circa 35 anni fa, e diventato ramo principale. 3 platano n. 8

4 Variazioni nella geometria e nella struttura delle corone Le corone di questi platani sono molto diverse l una dall altra: ognuna testimonia la storia specifica dell albero. Tre variabili permettono di spiegare le principali variazioni della loro architettura: il numero e il vigore dei nuovi rami principali lo stato e le dimensioni della struttura originaria l abbondanza di risorse dello spazio aereo (spazio disponibile e luce diretta). platano n. 7 platano n. 9 I platani n. 7 (sopra, a sinistra) e 9 (sopra, a destra) differiscono fra di loro soprattutto per il numero di «nuovi» rami principali, e per le dimensioni della struttura originaria ancora viva. 4

5 Variazioni nella geometria e nella struttura delle corone (segue). platano n. 6 platano n. 4 Queste due corone sono fortemente deformate, anzi degradate, a causa dell ombra creata dai platani ibridi limitrofi, i quali sovrastano i platani antichi, superandoli in altezza a sud; lo stesso vale per le corone di gran parte degli altri antichi platani. Solo il. n. 9 (foto pag. precedente) e 10 risentono poco o nulla l effetto dell ombra. 5

6 1.4. Storia probabile dello sviluppo degli alberi nel tempo 2 1 1: una forma probabile dei platani n. 1, 9 e 10 tra il 1700 e il : dopo il 1970, in seguito a un grave trauma (un deperimento oppure una potatura mutilante), si è formata una nuova corona sulla vecchia struttura , 4 e 5: a causa di un eccesso d ombra, di nuovi traumi, o di infezioni parassitarie, l ultima corona di rimpiazzo si degrada (5) o è molto incompleta (3 e 4).

7 In base alla morfologia e all architettura attuale degli antichi platani, a una foto risalente circa al 1900, all ambiente in cui sorgono e al piano dell impianto originario, è possibile immaginare la storia del loro sviluppo. Periodo n. 1: sviluppo normale (dal Seicento al Settecento) Durante i primi cento-duecento anni di vita, questi platani probabilmente si sono sviluppati normalmente, raggiungendo un altezza di oltre 30 metri, e ingrandendosi notevolmente grazie all abbondanza d acqua a disposizione vicino alla base degli alberi. È altrettanto probabile, tuttavia, che dopo qualche tempo, la riserva d acqua ai loro piedi si sia ridotta. Perciò gli alberi hanno avuto una quantità minore d acqua facilmente disponibile, e si sono indeboliti, in certi casi sono deperiti. È altrettanto certo che molti di questi alberi nel Settecento sono stati potati in modo estremamente drastico e irregolare, ad es. con capitozzature, forse per usi agricoli. Questa potrebbe essere la ragione principale della scomparsa di 29 dei 40 platani originari (nota: la vasca d acqua attorno a cui sorgevano è stata interrata nel 1790). La foto n. 1 raffigura un platano orientale, vecchio di quattrocento anni e isolato, che si trova in Francia, a Lamanon (dipartimento Bocche del Rodano). È probabile che l architettura di molti dei platani orientali sopravvissuti a Villa Borghese assomigliasse a questa tra il 1700 e il 1900 circa. La corona, invece, probabilmente era più alta e meno larga di quella del platano orientale di Lamanon mostrato nella foto (1). Periodo n. 2: incidente (o traumi) e reazioni nel Novecento I platani sopravvissuti hanno subìto certamente, nel corso degli anni 70, un grave trauma che si è tradotto in una potatura totale. Ogni albero si è rigenerato in funzione delle potenzialità e del vigore che aveva al momento del trauma, ma anche in funzione delle risorse di luce a propria disposizione. Gli alberi n. 1, 2, 3, 4, 9, 10 e 11 sono riusciti a ricostruire una corona relativamente completa, e a isolare per compartimentazione l «albero nuovo» da quello «vecchio». Gli altri sono riusciti a ricostruire solo una corona molto incompleta e deformata poiché (i n. 5, 6 e 7) hanno risentito dell ombra proiettata su di essi dai platani comuni impiantati a Sud, allora già alti circa 20 metri; oppure poiché (i n. 7 e 8) il loro stato era particolarmente degradato. Inoltre, gli alberi più fragili perché troppo in ombra (i n. 4, 7 e 11) sono stati infettati da parassiti, probabilmente fungini, installatisi grazie alle enormi ferite inferte dalla severissima potatura. Periodo n. 3: sviluppo attuale Sviluppo attuale normale: Gli alberi n. 1, 3, 5 e 10 continuano a costruire la loro corona di rimpiazzo, che ha un età di anni soltanto. I fattori limitanti (ombra, siccità, pressione dei parassiti), cui devono far fronte queste nuove corone, sono relativamente modesti e hanno effetti negativi limitati: queste corone sono più o meno simmetriche e regolari, e presentano un equilibrio gradevole alla vista. La struttura di questi alberi, dopo una fase di forte degradazione, si va rafforzando un po di più ogni anno. Sviluppo fortemente ostacolato: La nuova corona degli alberi n. 5, 6 e 7 è fortemente ostacolata e deformata dall eccessivo ombreggiamento. Piuttosto che una degradazione, si osserva una difficoltà da parte della corona a trovare il suo spazio, oltre un indebolimento lento e progressivo delle risorse interne dell albero. Nuova degradazione (iniziata meno di 10 anni fa): 7

8 Per via di un attacco di parassiti e/o di una carenza d acqua, le corone degli alberi n. 2, 4, 8, 9 e 11 hanno ricominciato lentamente a degradarsi, dopo essersi ricostruite durante oltre 25 anni. A destra: visione d insieme del platano n. 8, che sta subendo una degradazione dei nuovi rami apicali Qui accanto, a destra: dettaglio del ramo apicale sinistro, in via di deperimento, del platano n. 8 Nel platano n. 7 (qui accanto, a destra) il deperimento è molto accentuato, ma lascia spazio da diversi anni alla rigenerazione sul tronco. È d importanza vitale preservare questi polloni, che possono diventare nuovi «alberelli» della colonia, e consentirle di vivere ancora per un secolo o più. A destra: visione d insieme del platano n. 7, che deperisce dalla cima, mentre il tronco da almeno 10 anni produce dei polloni promettenti ( ) da preservare assolutamente (nell angolo a destra) 8

9 2. Vigore attuale degli alberi e anomalie della crescita o dello sviluppo 2.1. Anomalie dello sviluppo legate all ombreggiamento Uno o due degli 11 platani orientali, tra cui il n. 9, non sono affatto disturbati dall ombra dei platani ibridi più recenti. Tutti gli altri sì, ma non nella stessa misura: In certi platani (n. 1, 3, 10) l effetto dell ombra è ancora minimo: solo alcuni frammenti dei rami principali bassi sono deformati o deperiscono perché soprastati dagli altri alberi. In altri (n. 4, 5, 6 foto in basso a sinistra), che sono sottoposti all ombreggiamento da anni, è l insieme della corona a essersi completamente deformata. In alcuni casi (n. 2, 4 foto qui sotto a destra 7, 11), è probabile che l azione dell ombra si abbini a quella di uno o più agenti patogeni, e amplifichi il deperimento da questi provocato. 9

10 2.2.Risultati complessivi riguardo al vigore e al deperimento Vitalità dei rami principali, ed evoluzione nel tempo di ciascun albero (vigore dell allungamento delle principali branche madri) Albero n Allungamento (cm/anno) Evoluzione nel stabile diminuisce stabile diminuisce stabile stabile aumenta diminuisce diminuisce stabile diminuisce tempo Intensità relativa del deperimento molto debole forte molto debole forte molto debole nulla molto forte moderata nulla molto debole moderata Età del deperimento (in anni) Degradazione della nuova corona Cause possibili > 15 < < 10% 30% < 5% 25% < 10% 80 % 25% < 5% 25% ombra agente ombra agente ombra agente agente ombra agente 2.3. Elenco dei fattori limitanti al corretto sviluppo degli alberi Prendendo in considerazione gli 11 alberi nel loro insieme, vi sono tre categorie di fattori che ostacolano attualmente lo sviluppo e la crescita degli alberi: la presenza di agenti patogeni l ombreggiamento causato da altri alberi la carenza relativa di acqua in certi periodi dell anno È possibile che il calpestio umano, al di sotto delle chiome di alcuni esemplari, ne ostacoli la crescita, poiché riduce la fertilità fisica del suolo, ma l effetto non sembra eclatante. Per appurarlo, servirebbero dei sondaggi pedologici sommari. 10

11 Classificazione approssimativa dell importanza relativa dei 3 maggiori ostacoli alla crescita di ciascun esemplare: Albero n Ostacolo principale alla crescita nessuno nessuno carenza d acqua carenza d acqua carenza d acqua Ostacolo secondario ombra agente o ombra carenza d acqua ombra agente e ombra carenza d acqua ombra ombra agente e/o carenza agente d acqua ombra ombra? ombra o carenza d acqua 3. Raccomandazioni: le cure 3.1. Esposizione alla luce Principio T utti questi platani antichi possono trarre beneficio da un maggiore apporto di luce. Ma l opera va fatta con cautela: ad es. iniziando, alla fine del 2011, dagli alberi n. 1, 3, 5, 6, 8 e 10, che sono i più robusti e ne trarranno beneficio entro qualche anno: i primi risultati, infatti, si vedranno dai 2 ai 4 anni dopo l intervento. Gli alberi più fragili (n. 2, 4, 7 e 11) potranno in seguito essere esposti a maggiore luce, 2o 3 anni dopo i primi. Considerato che questi alberi sono in difficoltà, l esposizione alla luce nel loro caso dovrà avvenire in modo ancora più graduale rispetto ai primi Modalità pratiche L operazione dev essere compiuta tassativamente in modo progressivo, e non brusco. I platani orientali, infatti, anche in età adulta hanno una corteccia sottile, e i loro rami sono molto sensibili ai colpi di sole, che provocano il deperimento e spesso la morte dell albero. I rami da sopprimere sono le branche madri dei platani ibridi (Platanus X acerifolia), situati a Sud di ciascun platano antico da esporre alla luce. La maggior parte dei platani ibridi dovrà essere infine abbattuta, 5 o 6 anni dopo l inizio dell operazione complessiva, ma soltanto a patto che si siano verificate le seguenti condizioni: - che i platani orientali siano del tutto immuni da bruciature dopo 3 anni di nuova esposizione al sole - che la messa in luce abbia provocato un vero miglioramento della ramificazione e dell accrescimento dei rami principali 11

12 - che l apporto d acqua supplementare, necessario ad ogni platano orientale esposto alla luce, sia effettivamente disponibile nel terreno: e cioè, che nessun albero abbia patito la siccità, o abbia subito una diminuzione della superficiefogliare dal momento dell esposizione alla luce. Nota: volendo, è probabile che si possano anche conservare uno o due dei platani ibridi più grandi, limitandosi a eliminare soltanto una parte dei loro rami, poiché parecchi di essi sono già alberi molto belli, avviati verso un futuro promettente Apporto d acqua I platani antichi hanno probabilmente a disposizione, almeno durante il periodo estivo, meno acqua di quanta ne avessero all origine, in seguito alla scomparsa dell opera (invaso, bacino idrico?) ai bordi della quale erano stati piantati. È perciò probabile che un apporto d acqua rechi loro un beneficio. La caduta accidentale del fogliame nell agosto del 2010 sembra indicare che gli alberi abbiano patito di una carenza d acqua alla loro base, in un momento in cui l umidità dell aria era molto forte, il che ha favorito lo sviluppo dell oidio delle foglie. Tuttavia, dalle osservazioni eseguite nell aprile 2001, non è emerso che la carenza d acqua provochi un deperimento dei platani antichi. Il deperimento accentuato degli alberi n. 2, 4, 7, 8 e 11 può derivare da una relativa carenza d acqua in certi periodi dell anno, ma molto probabilmente, in molti casi, è conseguenza dell azione di funghi patogeni. Per sapere se questi alberi patiscono o no la mancanza d acqua in certi periodi dell anno, sono necessarie delle osservazioni complementari ( ad esempio attraverso delle sonde) sull umidità del suolo nel corso dell anno. È importante riflettere fin da subito sulle eventuali modalità per apportare acqua agli alberi, attraverso il suolo in profondità, in modo analogo al sistema con cui gli alberi sono stati alimentati d acqua all inizio della loro vita. Naturalmente è del tutto da escludere, per il momento, l esecuzione di lavori di muratura, di scavo o d altro genere in prossimità della base degli alberi Interventi sulla fertilità del suolo È molto possibile, anzi probabile, che la frequentazione del sito abbia progressivamente compattato il suolo, riducendone la fertilità fisica. In effetti, quando il suolo è molto umido, come succede per diversi mesi l anno, il suolo è sensibile alla compattazione. Al momento, però, nessuno dei sintomi di deperimento osservati sugli 11 platani sembra rilevare specificamente la compattazione del suolo come fattore limitante. Questo risultato, però, non indica che il suolo non sia compattato. È infatti molto possibile che la compattazione del suolo favorisca il deperimento di alcuni platani orientali. Al momento, ogni intervento sul terreno appare prematuro. Invece, varrebbe la pena di eseguire un controllo dello stato di fertilità del suolo, per essere in grado di interpretare le reazioni degli alberi in futuro, e utilizzare il suolo per effettuare alcune cure, se necessario. 12

13 3.4. Potature Potatura e cura Solo in rarissimi casi la potatura può essere considerata un intervento di cura. In realtà, nella maggior parte dei casi, le potature non aiutano gli alberi a svilupparsi. C è un solo caso conosciuto, in cui la potatura ha un effetto positivo sullo sviluppo: è quando gli alberi cominciano a rigenerarsi dopo un periodo di deperimento. È appunto il caso del platano n. 7: i suoi rami principali bassi si stanno deperendo, e vale la pena ridurli sopra il tiralinfa, come i rami di un albero in sofferenza che sia appena stato piantato (potatura di accompagnamento all impianto 1 ). Piuttosto, è di estrema importanza lasciare che i polloni del tronco si sviluppino, poiché possono diventare grosse branche madri Potatura e messa in sicurezza Si può ricorrere alla potatura su molti alberi, come mezzo per mettere in sicurezza alcuni rami principali e la struttura. È normale e abituale eliminare i rami secondari morti della corona, come anche i rami secondari giudicati troppo fragili. Quando si tratta, però, di un patrimonio arboreo antico, di enorme valore storico, come lo sono questi platani orientali, i risultati dello studio meccanico devono indicare con estrema chiarezza, per ciascun ramo da togliere o da ridurre: - la ragione dell operazione che si intende effettuare (carie, cancro, fungo xilofago responsabile e tipo di marciume riscontrato) - l intensità della potatura da effettuare (proporzione del ramo da togliere, lunghezza da decurtare, punto di taglio, eventuale localizzazione del tiralinfa). Il signor Burini del Comune di Roma mi ha segnalato il 29 marzo che era stato effettuato uno studio meccanico sui platani orientali. Lo studio ha concluso che gli alberi sono solidi. Per questa ragione, e se ho ben capito il signor Burini, le potature di messa in sicurezza da realizzare sarebbero di modesta portata, e limitate essenzialmente al legno morto. Se invece il Comune di Roma ha in programma potature di messa in sicurezza dall entità media o elevata, deve poterle giustificare, esibendo i risultati di una perizia, il cui resoconto dovrebbe essere comunicato al pubblico parecchie settimane prima di realizzare le opere di potatura. Del resto, in diversi Paesi europei, esiste una tecnica di salvaguardia, molto usata, degli alberi monumentali fragili: il consolidamento attraverso l ancoraggio dei rami principali tra di loro (in francese: haubanage). Questa soluzione tecnica mi sembra molto adatta per un sito come questo, previa consulenza di un arboricoltore esperto nelle tecniche di ancoraggio. Infine, se dopo aver eliminato i rami secondari morti, il Comune di Roma è preoccupato per la sicurezza dei frequentatori del sito, si può, più semplicemente, proibire il passaggio pedonale sotto le corone ipotizzate pericolose, per qualche settimana o per alcuni mesi, e cioè finché i rami pericolosi non siano diventati più sicuri (attraverso le tecniche descritte più sopra): Questa soluzione di messa in sicurezza è la migliore per questi platani, infatti evita di eliminare o ridurre dei rami vivi Riduzione moderata dei rami (10-20% della lunghezza), preferibilmente sopra il tiralinfa, o eliminazione di un ramo ogni 4 o 5.

14 Potatura sanitaria Le potature sanitarie hanno lo scopo di eliminare dei focolai infettivi per evitare che essi contaminino le parti sane di un albero. Non possono essere considerate alla stregua delle cure per gli esseri umani, poiché non consentono di guarire le parti infettate. Perciò sono mirate e devono essere giustificate punto per punto, in seguito a quello che in Francia definiamo uno studio sanitario. La potatura sanitaria può condurre anche a una messa in sicurezza, per esempio quando i focolai infettivi patogeni riducono la solidità dell ancoraggio o dei rami secondari. La potatura di messa in sicurezza (soppressione o riduzione dei rami secondari fragili) può anche eliminare accessoriamente dei focolai infettivi. Nel quadro dei rapporti tra l Associazione Amici di Villa Borghese e il Comune di Roma, è importante che la potatura di messa in sicurezza sia distinta in modo nettissimo dalla potatura sanitaria, quando il Comune ha in progetto degli interventi, e questo allo scopo di eliminare ogni dubbio o ambiguità riguardo alla natura, allo scopo e all impatto degli interventi che il Comune intende far eseguire. 4. BILANCIO DELLO STUDIO 1 ) Questa isola di platani orientali costituisce un insieme straordinario dal punto di vista storico e monumentale. Alcuni platani mostrano anche tracce di potature antiche, legate forse all allevamento del bestiame nel XVII, XVIII e forse XIX secolo. Dal punto di vista architettonico e botanico, questi alberi sono vestigia di quel che erano nei primi 100 o 150 anni di vita. Oggi si sviluppano come colonie, i cui elementi si rinnovano in modo irregolare, a seconda dei traumi subiti durante lo sviluppo. 2 ) Il presente studio non è né meccanico né sanitario in senso stretto: questi due aspetti sono già stati affrontati dagli esperti incaricati dal Comune di Roma. 3 ) Cinque degli undici platani sono attualmente in una situazione di difficoltà; fra di essi, uno (il n. 7) si sta rigenerando. 4 ) Sono stati individuati tre fattori limitanti, determinanti per la salute e lo sviluppo degli alberi: una relativa carenza d acqua in alcuni periodi dell anno, la pressione da parte dei parassiti, e l ombreggiamento eccessivo. 5 ) È necessario, anzi indispensabile, se si vuole conservare questi alberi il più a lungo possibile, provvedere per ogni albero in difficoltà a: - accertare la causa esatta del deperimento per poterlo curare, se possibile - seguire l evoluzione del deperimento nel corso degli anni futuri, per essere in grado di intervenire nel caso di un aggravamento o di una perpetuazione del problema. 14

15 6 ) Il signor Burini del Comune di Roma, responsabile in fine delle cure a questi alberi, mi ha dato l impressione di essere un arboricoltore competente, accorto e interessato alla preservazione di questi alberi, e in grado, probabilmente, di mobilitare i mezzi di studio e di cura necessari. Questa persona merita a mio avviso la fiducia degli Amici di Villa Borghese, i quali farebbero bene tuttavia continuare a vigilare su alcuni aspetti importanti della gestione, poiché certi errori relativi alla cura o alla gestione, potrebbero provocare la morte di alcuni platani. A mio avviso sarebbe perciò molto positivo se il Comune di Roma comunicasse alla cittadinanza compresi gli Amici di Villa Borghese gli esiti degli studi fitosanitari, commissionati sugli alberi. Questo consentirebbe di ripristinare la fiducia tra l Associazione e i rappresentanti del Comune di Roma incaricati della gestione, i quali avrebbero tutto da guadagnare, lavorando in un clima notevolmente più sereno e confortevole. Pascal Genoyer, docteur ès sciences, Lattes (Francia) 2 giugno 2011 Terminologia Bibliografia La maggior parte dei termini arboricoli usati nelle descrizioni sono presi da Drénou, La taille des arbres d ornement Du pourquoi au comment, IDF, Paris In caso di dubbi su alcuni termini, contattare Pascal Genoyer all indirizzo di posta elettronica 15

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo.

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. sul balcone o terrazzo. Di Fiorita Dino Il giardiniere

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India Azienda Agricola Nardotto Capello di Nardotto Claudio C.so Repubblica 266 18033 Camporosso (IM) ITALY Nursery CITES P-IT-1002 Tel. +39.0184.29.00.69 Fax +39.0184.25.46.49 P.Iva IT01478300088 CATTLEYA Origine:

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA Approvato con delibera consiliare n.8 del 3 Febbraio 1997 1 PRINCIPI GENERALI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Rilevata l importanza

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate:

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Iniziamo questa rassegna con le fotografie prese dal sito www.vivaioclorofilla.it, sono 40 piante di pioppo nero potate nel modo "barbaro" visibile

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

La valutazione della stabilità degli alberi

La valutazione della stabilità degli alberi La valutazione della stabilità degli alberi Qualsiasi costruzione meccanica è leggera quanto possibile e salda quanto necessario quando subisce un carico equilibrato, cioè quando tutti i punti della sua

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Piante MATI Pistoia CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DI PLATANOR VALLIS CLAUSA PIANTE TUTELATE DA DIRITTO DI BREVETTO INTERNAZIONALE.

Piante MATI Pistoia CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DI PLATANOR VALLIS CLAUSA PIANTE TUTELATE DA DIRITTO DI BREVETTO INTERNAZIONALE. CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DI PLATANOR VALLIS CLAUSA PIANTE TUTELATE DA DIRITTO DI BREVETTO INTERNAZIONALE Pistoia Con la presente privata scrittura, redatta in tre originali, di cui uno per la registrazione

Dettagli

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o M.M. no. 90 concernente la richiesta di un credito di Fr. 25'000.00 per lavori di consolidamento delle scarpate e delle opere murarie a secco del terreno al mappale 049 RFD Locarno, quale il vigneto a

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 Spett.le Comune di Castell Arquato c.se att.ne arch. Francesca Gozzi

Dettagli

I rendering degli interventi. Quando la grafica aiuta i cantieri

I rendering degli interventi. Quando la grafica aiuta i cantieri 97 I rendering degli interventi. Quando la grafica aiuta i cantieri è lavoro e fatica; spesso disordine, scavi, polvere e rumore. è acciaio, mattoni, legno e calcestruzzo nel via vai di mezzi d opera o

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI

ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI AREA VERDE 1 2 ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI tre Quercus Rubra gruppo di Pinus Pinea n.34 alberature di cui 18 a foglia persistente a sud-est, quelle a foglia caduca sono

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B2

Università per Stranieri di Siena Livello B2 Unità 9 Lavorare in sicurezza: il ponteggio CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulle regole da seguire per montare ponteggi sicuri e stabili nei cantieri edili e prevenire

Dettagli

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA Prof. Agr. Fabrizio Cinelli Docente di Strutture Verdi e Paesaggio Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni Civili Largo L. Lazzarino

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Corso di potatura base

Corso di potatura base Corso di potatura base Fattoria La Quercia 16 gennaio 2016 Punto Uva Cenni storici 9.000 a.c : addomesticamento di Vitis vinifera silvestris in Asia centrale 3.000 a.c. : in un testo sumerico si parla

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 Committente: Comune di Camposanto Via F. Baracca n 11 Camposanto (Modena) Dott. Agr. Riccardo

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura.

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. La, pianta, tramite le sue parti verdi, è un sensore recettivo

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori.

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori. Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori Relazione finale Relatori: Consiglieri Umberto Ambrosoli e Lino Fossati

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO P.S.R. 2007-2013 MISURA 124 Dgr n. 745 del 15/03/2010 PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare e

Dettagli

Informarsi. Raccogliere informazioni

Informarsi. Raccogliere informazioni Fase di lavoro 1 Informarsi Spieghi con parole sue a un collega oppure a un suo parente il compito che ha dovuto svolgere e che vuole descrivere nel suo rapporto È stato in grado di esprimersi in modo

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO ARTIFICIALE ANGUILLARA L'idrologia del Lago Trasimeno, lago

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.macchineagricoledomani.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE CAPITOLO 3 R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE 1-OBBIETTIVI Gli obbiettivi di questo studio è quello di descrivere i fattori di rischio più comuni per la disidratazione o la

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO!

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! Al telefono si sente la voce contrariata di un giovane. Pronto, pronto, buongiorno signorina, parlo con Supertel?. Si, buongiorno,

Dettagli

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Nota a cura di Lorenzo Lusignoli 1. Alcune considerazioni sulla ripartizione delle risorse Gli effetti

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli