Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione"

Transcript

1 Associazione Amici di Villa Borghese - Roma Isola di Antichi platani orientali di Villa Borghese Studio generale della condizione degli alberi Raccomandazioni per la loro salvaguardia e gestione Pascal Genoyer-Pousse Conseil Giugno 2011

2 Introduzione Questo studio è stato commissionato dall Associazione Amici di Villa Borghese, preoccupata dello stato attuale degli alberi, in particolare dopo la perdita del fogliame nell agosto In più, il Comune di Roma ha intenzione di potare gli alberi, perciò gli Amici di Villa Borghese, nel timore che la potatura si riveli troppo drastica e mutilante, si sono rivolti a un consulente indipendente, esperto in arboricoltura, per chiedere un parere: - sullo stato degli alberi in generale - sull opportunità di una potatura sotto il profilo sanitario 10 e della sopravvivenza a lungo termine degli alberi L indagine sul campo è stata condotta il 28 e 29 marzo Nella tarda mattinata del 29 marzo, si è svolto un incontro sul posto fra esperti del Comune di Roma, rappresentanti dell Associazione Amici di Villa Borghese e Pascal Genoyer Questo documento è redatto per conto dell Associazione Amici di villa Borghese. Contiene il resoconto dei più importanti risultati, tratti dalle osservazioni e dalle misurazioni effettuate sul campo; presenta un quadro degli alberi sotto il profilo del loro sviluppo, e fornisce un parere sulle principali cure, indispensabili o utili per la loro salvaguardia Disposizione degli alberi Gli antichi platani sono, in totale, undici. Facevano tutti parte di un sesto di impianto lungo due filari, orientati in parallelo al Viale dell Uccelliera, ai due lati del fondo della valle. I filari sono orientati da Sud-Est verso Nord-Ovest; la distanza iniziale della piantagione probabilmente era di 9 metri circa. Oggi sopravvivono lungo il filare Nord 9 alberi, numerati da 1 a 9, partendo da Est verso Ovest. Del filare Sud restano soltanto 2 alberi: i platani n. 10 e 11. 2

3 1. Architettura e stato di sviluppo degli alberi 1.1. Forma I platani presentano tutti una forma mutilata. La loro forma originale, molto probabilmente, era semilibera. Della corona originaria restano solo una parte del tronco, e una o più parti di rami principali. Le attuali corone sono costituite soltanto da polloni, diventati branche madri di rimpiazzo, e che hanno circa 40 anni d età, comparsi dopo una mutilazione estremamente severa, impietosa Dimensioni T utti gli alberi, tranne due (il n. 6 e 7), misurano tra i 20 e i 30 metri di altezza, mentre ne misuravano probabilmente più di 30 nel Settecento e nell Ottocento. Albero n Altezza (m) 26,1 27,2 26,6 20,7 24,7 Albero n Altezza (m) 15,5 26,7 22,1 20,7 29,4 La circonferenza degli alberi non è stata oggetto di misurazione sistematica. Ma il n.1, che è uno degli esemplari più grossi, misura circa 6 m (598 cm) di circonferenza, a 1,3 metri di altezza: un valore eccezionale per un platano orientale in Europa occidentale Architettura Gli alberi sono delle colonie di rami principali. La loro corona, cioè, è formata da «alberelli» all interno dell albero. Ogni alberello a sua volta è un pollone, nato in seguito all ultima potatura di riduzione degli alberi, circa 35 anni fa, e diventato ramo principale. 3 platano n. 8

4 Variazioni nella geometria e nella struttura delle corone Le corone di questi platani sono molto diverse l una dall altra: ognuna testimonia la storia specifica dell albero. Tre variabili permettono di spiegare le principali variazioni della loro architettura: il numero e il vigore dei nuovi rami principali lo stato e le dimensioni della struttura originaria l abbondanza di risorse dello spazio aereo (spazio disponibile e luce diretta). platano n. 7 platano n. 9 I platani n. 7 (sopra, a sinistra) e 9 (sopra, a destra) differiscono fra di loro soprattutto per il numero di «nuovi» rami principali, e per le dimensioni della struttura originaria ancora viva. 4

5 Variazioni nella geometria e nella struttura delle corone (segue). platano n. 6 platano n. 4 Queste due corone sono fortemente deformate, anzi degradate, a causa dell ombra creata dai platani ibridi limitrofi, i quali sovrastano i platani antichi, superandoli in altezza a sud; lo stesso vale per le corone di gran parte degli altri antichi platani. Solo il. n. 9 (foto pag. precedente) e 10 risentono poco o nulla l effetto dell ombra. 5

6 1.4. Storia probabile dello sviluppo degli alberi nel tempo 2 1 1: una forma probabile dei platani n. 1, 9 e 10 tra il 1700 e il : dopo il 1970, in seguito a un grave trauma (un deperimento oppure una potatura mutilante), si è formata una nuova corona sulla vecchia struttura , 4 e 5: a causa di un eccesso d ombra, di nuovi traumi, o di infezioni parassitarie, l ultima corona di rimpiazzo si degrada (5) o è molto incompleta (3 e 4).

7 In base alla morfologia e all architettura attuale degli antichi platani, a una foto risalente circa al 1900, all ambiente in cui sorgono e al piano dell impianto originario, è possibile immaginare la storia del loro sviluppo. Periodo n. 1: sviluppo normale (dal Seicento al Settecento) Durante i primi cento-duecento anni di vita, questi platani probabilmente si sono sviluppati normalmente, raggiungendo un altezza di oltre 30 metri, e ingrandendosi notevolmente grazie all abbondanza d acqua a disposizione vicino alla base degli alberi. È altrettanto probabile, tuttavia, che dopo qualche tempo, la riserva d acqua ai loro piedi si sia ridotta. Perciò gli alberi hanno avuto una quantità minore d acqua facilmente disponibile, e si sono indeboliti, in certi casi sono deperiti. È altrettanto certo che molti di questi alberi nel Settecento sono stati potati in modo estremamente drastico e irregolare, ad es. con capitozzature, forse per usi agricoli. Questa potrebbe essere la ragione principale della scomparsa di 29 dei 40 platani originari (nota: la vasca d acqua attorno a cui sorgevano è stata interrata nel 1790). La foto n. 1 raffigura un platano orientale, vecchio di quattrocento anni e isolato, che si trova in Francia, a Lamanon (dipartimento Bocche del Rodano). È probabile che l architettura di molti dei platani orientali sopravvissuti a Villa Borghese assomigliasse a questa tra il 1700 e il 1900 circa. La corona, invece, probabilmente era più alta e meno larga di quella del platano orientale di Lamanon mostrato nella foto (1). Periodo n. 2: incidente (o traumi) e reazioni nel Novecento I platani sopravvissuti hanno subìto certamente, nel corso degli anni 70, un grave trauma che si è tradotto in una potatura totale. Ogni albero si è rigenerato in funzione delle potenzialità e del vigore che aveva al momento del trauma, ma anche in funzione delle risorse di luce a propria disposizione. Gli alberi n. 1, 2, 3, 4, 9, 10 e 11 sono riusciti a ricostruire una corona relativamente completa, e a isolare per compartimentazione l «albero nuovo» da quello «vecchio». Gli altri sono riusciti a ricostruire solo una corona molto incompleta e deformata poiché (i n. 5, 6 e 7) hanno risentito dell ombra proiettata su di essi dai platani comuni impiantati a Sud, allora già alti circa 20 metri; oppure poiché (i n. 7 e 8) il loro stato era particolarmente degradato. Inoltre, gli alberi più fragili perché troppo in ombra (i n. 4, 7 e 11) sono stati infettati da parassiti, probabilmente fungini, installatisi grazie alle enormi ferite inferte dalla severissima potatura. Periodo n. 3: sviluppo attuale Sviluppo attuale normale: Gli alberi n. 1, 3, 5 e 10 continuano a costruire la loro corona di rimpiazzo, che ha un età di anni soltanto. I fattori limitanti (ombra, siccità, pressione dei parassiti), cui devono far fronte queste nuove corone, sono relativamente modesti e hanno effetti negativi limitati: queste corone sono più o meno simmetriche e regolari, e presentano un equilibrio gradevole alla vista. La struttura di questi alberi, dopo una fase di forte degradazione, si va rafforzando un po di più ogni anno. Sviluppo fortemente ostacolato: La nuova corona degli alberi n. 5, 6 e 7 è fortemente ostacolata e deformata dall eccessivo ombreggiamento. Piuttosto che una degradazione, si osserva una difficoltà da parte della corona a trovare il suo spazio, oltre un indebolimento lento e progressivo delle risorse interne dell albero. Nuova degradazione (iniziata meno di 10 anni fa): 7

8 Per via di un attacco di parassiti e/o di una carenza d acqua, le corone degli alberi n. 2, 4, 8, 9 e 11 hanno ricominciato lentamente a degradarsi, dopo essersi ricostruite durante oltre 25 anni. A destra: visione d insieme del platano n. 8, che sta subendo una degradazione dei nuovi rami apicali Qui accanto, a destra: dettaglio del ramo apicale sinistro, in via di deperimento, del platano n. 8 Nel platano n. 7 (qui accanto, a destra) il deperimento è molto accentuato, ma lascia spazio da diversi anni alla rigenerazione sul tronco. È d importanza vitale preservare questi polloni, che possono diventare nuovi «alberelli» della colonia, e consentirle di vivere ancora per un secolo o più. A destra: visione d insieme del platano n. 7, che deperisce dalla cima, mentre il tronco da almeno 10 anni produce dei polloni promettenti ( ) da preservare assolutamente (nell angolo a destra) 8

9 2. Vigore attuale degli alberi e anomalie della crescita o dello sviluppo 2.1. Anomalie dello sviluppo legate all ombreggiamento Uno o due degli 11 platani orientali, tra cui il n. 9, non sono affatto disturbati dall ombra dei platani ibridi più recenti. Tutti gli altri sì, ma non nella stessa misura: In certi platani (n. 1, 3, 10) l effetto dell ombra è ancora minimo: solo alcuni frammenti dei rami principali bassi sono deformati o deperiscono perché soprastati dagli altri alberi. In altri (n. 4, 5, 6 foto in basso a sinistra), che sono sottoposti all ombreggiamento da anni, è l insieme della corona a essersi completamente deformata. In alcuni casi (n. 2, 4 foto qui sotto a destra 7, 11), è probabile che l azione dell ombra si abbini a quella di uno o più agenti patogeni, e amplifichi il deperimento da questi provocato. 9

10 2.2.Risultati complessivi riguardo al vigore e al deperimento Vitalità dei rami principali, ed evoluzione nel tempo di ciascun albero (vigore dell allungamento delle principali branche madri) Albero n Allungamento (cm/anno) Evoluzione nel stabile diminuisce stabile diminuisce stabile stabile aumenta diminuisce diminuisce stabile diminuisce tempo Intensità relativa del deperimento molto debole forte molto debole forte molto debole nulla molto forte moderata nulla molto debole moderata Età del deperimento (in anni) Degradazione della nuova corona Cause possibili > 15 < < 10% 30% < 5% 25% < 10% 80 % 25% < 5% 25% ombra agente ombra agente ombra agente agente ombra agente 2.3. Elenco dei fattori limitanti al corretto sviluppo degli alberi Prendendo in considerazione gli 11 alberi nel loro insieme, vi sono tre categorie di fattori che ostacolano attualmente lo sviluppo e la crescita degli alberi: la presenza di agenti patogeni l ombreggiamento causato da altri alberi la carenza relativa di acqua in certi periodi dell anno È possibile che il calpestio umano, al di sotto delle chiome di alcuni esemplari, ne ostacoli la crescita, poiché riduce la fertilità fisica del suolo, ma l effetto non sembra eclatante. Per appurarlo, servirebbero dei sondaggi pedologici sommari. 10

11 Classificazione approssimativa dell importanza relativa dei 3 maggiori ostacoli alla crescita di ciascun esemplare: Albero n Ostacolo principale alla crescita nessuno nessuno carenza d acqua carenza d acqua carenza d acqua Ostacolo secondario ombra agente o ombra carenza d acqua ombra agente e ombra carenza d acqua ombra ombra agente e/o carenza agente d acqua ombra ombra? ombra o carenza d acqua 3. Raccomandazioni: le cure 3.1. Esposizione alla luce Principio T utti questi platani antichi possono trarre beneficio da un maggiore apporto di luce. Ma l opera va fatta con cautela: ad es. iniziando, alla fine del 2011, dagli alberi n. 1, 3, 5, 6, 8 e 10, che sono i più robusti e ne trarranno beneficio entro qualche anno: i primi risultati, infatti, si vedranno dai 2 ai 4 anni dopo l intervento. Gli alberi più fragili (n. 2, 4, 7 e 11) potranno in seguito essere esposti a maggiore luce, 2o 3 anni dopo i primi. Considerato che questi alberi sono in difficoltà, l esposizione alla luce nel loro caso dovrà avvenire in modo ancora più graduale rispetto ai primi Modalità pratiche L operazione dev essere compiuta tassativamente in modo progressivo, e non brusco. I platani orientali, infatti, anche in età adulta hanno una corteccia sottile, e i loro rami sono molto sensibili ai colpi di sole, che provocano il deperimento e spesso la morte dell albero. I rami da sopprimere sono le branche madri dei platani ibridi (Platanus X acerifolia), situati a Sud di ciascun platano antico da esporre alla luce. La maggior parte dei platani ibridi dovrà essere infine abbattuta, 5 o 6 anni dopo l inizio dell operazione complessiva, ma soltanto a patto che si siano verificate le seguenti condizioni: - che i platani orientali siano del tutto immuni da bruciature dopo 3 anni di nuova esposizione al sole - che la messa in luce abbia provocato un vero miglioramento della ramificazione e dell accrescimento dei rami principali 11

12 - che l apporto d acqua supplementare, necessario ad ogni platano orientale esposto alla luce, sia effettivamente disponibile nel terreno: e cioè, che nessun albero abbia patito la siccità, o abbia subito una diminuzione della superficiefogliare dal momento dell esposizione alla luce. Nota: volendo, è probabile che si possano anche conservare uno o due dei platani ibridi più grandi, limitandosi a eliminare soltanto una parte dei loro rami, poiché parecchi di essi sono già alberi molto belli, avviati verso un futuro promettente Apporto d acqua I platani antichi hanno probabilmente a disposizione, almeno durante il periodo estivo, meno acqua di quanta ne avessero all origine, in seguito alla scomparsa dell opera (invaso, bacino idrico?) ai bordi della quale erano stati piantati. È perciò probabile che un apporto d acqua rechi loro un beneficio. La caduta accidentale del fogliame nell agosto del 2010 sembra indicare che gli alberi abbiano patito di una carenza d acqua alla loro base, in un momento in cui l umidità dell aria era molto forte, il che ha favorito lo sviluppo dell oidio delle foglie. Tuttavia, dalle osservazioni eseguite nell aprile 2001, non è emerso che la carenza d acqua provochi un deperimento dei platani antichi. Il deperimento accentuato degli alberi n. 2, 4, 7, 8 e 11 può derivare da una relativa carenza d acqua in certi periodi dell anno, ma molto probabilmente, in molti casi, è conseguenza dell azione di funghi patogeni. Per sapere se questi alberi patiscono o no la mancanza d acqua in certi periodi dell anno, sono necessarie delle osservazioni complementari ( ad esempio attraverso delle sonde) sull umidità del suolo nel corso dell anno. È importante riflettere fin da subito sulle eventuali modalità per apportare acqua agli alberi, attraverso il suolo in profondità, in modo analogo al sistema con cui gli alberi sono stati alimentati d acqua all inizio della loro vita. Naturalmente è del tutto da escludere, per il momento, l esecuzione di lavori di muratura, di scavo o d altro genere in prossimità della base degli alberi Interventi sulla fertilità del suolo È molto possibile, anzi probabile, che la frequentazione del sito abbia progressivamente compattato il suolo, riducendone la fertilità fisica. In effetti, quando il suolo è molto umido, come succede per diversi mesi l anno, il suolo è sensibile alla compattazione. Al momento, però, nessuno dei sintomi di deperimento osservati sugli 11 platani sembra rilevare specificamente la compattazione del suolo come fattore limitante. Questo risultato, però, non indica che il suolo non sia compattato. È infatti molto possibile che la compattazione del suolo favorisca il deperimento di alcuni platani orientali. Al momento, ogni intervento sul terreno appare prematuro. Invece, varrebbe la pena di eseguire un controllo dello stato di fertilità del suolo, per essere in grado di interpretare le reazioni degli alberi in futuro, e utilizzare il suolo per effettuare alcune cure, se necessario. 12

13 3.4. Potature Potatura e cura Solo in rarissimi casi la potatura può essere considerata un intervento di cura. In realtà, nella maggior parte dei casi, le potature non aiutano gli alberi a svilupparsi. C è un solo caso conosciuto, in cui la potatura ha un effetto positivo sullo sviluppo: è quando gli alberi cominciano a rigenerarsi dopo un periodo di deperimento. È appunto il caso del platano n. 7: i suoi rami principali bassi si stanno deperendo, e vale la pena ridurli sopra il tiralinfa, come i rami di un albero in sofferenza che sia appena stato piantato (potatura di accompagnamento all impianto 1 ). Piuttosto, è di estrema importanza lasciare che i polloni del tronco si sviluppino, poiché possono diventare grosse branche madri Potatura e messa in sicurezza Si può ricorrere alla potatura su molti alberi, come mezzo per mettere in sicurezza alcuni rami principali e la struttura. È normale e abituale eliminare i rami secondari morti della corona, come anche i rami secondari giudicati troppo fragili. Quando si tratta, però, di un patrimonio arboreo antico, di enorme valore storico, come lo sono questi platani orientali, i risultati dello studio meccanico devono indicare con estrema chiarezza, per ciascun ramo da togliere o da ridurre: - la ragione dell operazione che si intende effettuare (carie, cancro, fungo xilofago responsabile e tipo di marciume riscontrato) - l intensità della potatura da effettuare (proporzione del ramo da togliere, lunghezza da decurtare, punto di taglio, eventuale localizzazione del tiralinfa). Il signor Burini del Comune di Roma mi ha segnalato il 29 marzo che era stato effettuato uno studio meccanico sui platani orientali. Lo studio ha concluso che gli alberi sono solidi. Per questa ragione, e se ho ben capito il signor Burini, le potature di messa in sicurezza da realizzare sarebbero di modesta portata, e limitate essenzialmente al legno morto. Se invece il Comune di Roma ha in programma potature di messa in sicurezza dall entità media o elevata, deve poterle giustificare, esibendo i risultati di una perizia, il cui resoconto dovrebbe essere comunicato al pubblico parecchie settimane prima di realizzare le opere di potatura. Del resto, in diversi Paesi europei, esiste una tecnica di salvaguardia, molto usata, degli alberi monumentali fragili: il consolidamento attraverso l ancoraggio dei rami principali tra di loro (in francese: haubanage). Questa soluzione tecnica mi sembra molto adatta per un sito come questo, previa consulenza di un arboricoltore esperto nelle tecniche di ancoraggio. Infine, se dopo aver eliminato i rami secondari morti, il Comune di Roma è preoccupato per la sicurezza dei frequentatori del sito, si può, più semplicemente, proibire il passaggio pedonale sotto le corone ipotizzate pericolose, per qualche settimana o per alcuni mesi, e cioè finché i rami pericolosi non siano diventati più sicuri (attraverso le tecniche descritte più sopra): Questa soluzione di messa in sicurezza è la migliore per questi platani, infatti evita di eliminare o ridurre dei rami vivi Riduzione moderata dei rami (10-20% della lunghezza), preferibilmente sopra il tiralinfa, o eliminazione di un ramo ogni 4 o 5.

14 Potatura sanitaria Le potature sanitarie hanno lo scopo di eliminare dei focolai infettivi per evitare che essi contaminino le parti sane di un albero. Non possono essere considerate alla stregua delle cure per gli esseri umani, poiché non consentono di guarire le parti infettate. Perciò sono mirate e devono essere giustificate punto per punto, in seguito a quello che in Francia definiamo uno studio sanitario. La potatura sanitaria può condurre anche a una messa in sicurezza, per esempio quando i focolai infettivi patogeni riducono la solidità dell ancoraggio o dei rami secondari. La potatura di messa in sicurezza (soppressione o riduzione dei rami secondari fragili) può anche eliminare accessoriamente dei focolai infettivi. Nel quadro dei rapporti tra l Associazione Amici di Villa Borghese e il Comune di Roma, è importante che la potatura di messa in sicurezza sia distinta in modo nettissimo dalla potatura sanitaria, quando il Comune ha in progetto degli interventi, e questo allo scopo di eliminare ogni dubbio o ambiguità riguardo alla natura, allo scopo e all impatto degli interventi che il Comune intende far eseguire. 4. BILANCIO DELLO STUDIO 1 ) Questa isola di platani orientali costituisce un insieme straordinario dal punto di vista storico e monumentale. Alcuni platani mostrano anche tracce di potature antiche, legate forse all allevamento del bestiame nel XVII, XVIII e forse XIX secolo. Dal punto di vista architettonico e botanico, questi alberi sono vestigia di quel che erano nei primi 100 o 150 anni di vita. Oggi si sviluppano come colonie, i cui elementi si rinnovano in modo irregolare, a seconda dei traumi subiti durante lo sviluppo. 2 ) Il presente studio non è né meccanico né sanitario in senso stretto: questi due aspetti sono già stati affrontati dagli esperti incaricati dal Comune di Roma. 3 ) Cinque degli undici platani sono attualmente in una situazione di difficoltà; fra di essi, uno (il n. 7) si sta rigenerando. 4 ) Sono stati individuati tre fattori limitanti, determinanti per la salute e lo sviluppo degli alberi: una relativa carenza d acqua in alcuni periodi dell anno, la pressione da parte dei parassiti, e l ombreggiamento eccessivo. 5 ) È necessario, anzi indispensabile, se si vuole conservare questi alberi il più a lungo possibile, provvedere per ogni albero in difficoltà a: - accertare la causa esatta del deperimento per poterlo curare, se possibile - seguire l evoluzione del deperimento nel corso degli anni futuri, per essere in grado di intervenire nel caso di un aggravamento o di una perpetuazione del problema. 14

15 6 ) Il signor Burini del Comune di Roma, responsabile in fine delle cure a questi alberi, mi ha dato l impressione di essere un arboricoltore competente, accorto e interessato alla preservazione di questi alberi, e in grado, probabilmente, di mobilitare i mezzi di studio e di cura necessari. Questa persona merita a mio avviso la fiducia degli Amici di Villa Borghese, i quali farebbero bene tuttavia continuare a vigilare su alcuni aspetti importanti della gestione, poiché certi errori relativi alla cura o alla gestione, potrebbero provocare la morte di alcuni platani. A mio avviso sarebbe perciò molto positivo se il Comune di Roma comunicasse alla cittadinanza compresi gli Amici di Villa Borghese gli esiti degli studi fitosanitari, commissionati sugli alberi. Questo consentirebbe di ripristinare la fiducia tra l Associazione e i rappresentanti del Comune di Roma incaricati della gestione, i quali avrebbero tutto da guadagnare, lavorando in un clima notevolmente più sereno e confortevole. Pascal Genoyer, docteur ès sciences, Lattes (Francia) 2 giugno 2011 Terminologia Bibliografia La maggior parte dei termini arboricoli usati nelle descrizioni sono presi da Drénou, La taille des arbres d ornement Du pourquoi au comment, IDF, Paris In caso di dubbi su alcuni termini, contattare Pascal Genoyer all indirizzo di posta elettronica 15

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

stipite di palme Oggetto 1 - Palme Introduzione Materiali e metodi una nuova Il 10 maggio ogni palma, richiudendo

stipite di palme Oggetto 1 - Palme Introduzione Materiali e metodi una nuova Il 10 maggio ogni palma, richiudendo Sección de Sanidad y Certificación Vegetal Profesor Manuel Sala, 2 03003 Alicante Telef.: 965934630-35 Fax: 965934688-89 Test finalizzati a determinare l efficacia dell sistema SOS-PALM stipite di palme

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni R r INFORMAZIONE PRODOTTO Turbine I-20 Ultra Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni E I - 2 0 N I B U l t U a T a PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO L

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

settore ambiente e verde urbano Regolamento..Comunale del..verde..pubblico..e..privato

settore ambiente e verde urbano Regolamento..Comunale del..verde..pubblico..e..privato settore ambiente e verde urbano Regolamento..Comunale del..verde..pubblico..e..privato Marzo 2009 INDICE TITOLO I. PRINCIPI GENERALI PER LA TUTELA DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO... 1 Articolo 1. Finalità...

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli