Cooperazione con u. esso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cooperazione con u. esso"

Transcript

1 Anno 2, n 9Periodico I_ mensile della Ottobre 1983Coop Lombardia Comitato Regionale Lombardo Comitato di Redazione Sergio Ferrario, Sergio Lidia Lommi, Daniele Moltrasio, Enrico Rossi. Molto Scalpelli. Ambrogio Vaghi. Giorgio Vozza Direttore responsabile Adolfo Scalpelli Impaginazione: Franco Malaguti Disegni: Manna Vecchi Editrice Unícoop Lombardia Viale Famagosta, Milano - Tel Stampa: Coop "Il Guado" Castano P. - Tel Spedizione in abbonamento postale gruppo I11/70. Autoriz727ione del Tribunale di Milano n de! 14 aprile 1982 quale L'Associazione tra verifica e impegno futuro Tra novembre e dicembre due appuntarnend importanil 11 successi dell movimento. QD C molo pelr la Lombardia. Cooperazione con u. esso Nei prossimi mesi si terranno i congressi della Associazione delle cooperative fra consumatori aderenti alla Lega:quello nazionale a Roma ai primi di dicembre, quello lombardo a Milano il 18 e 19 novembre. Sarà l'occasione per fare un bilancio dei quattro anni trascorsi e per dei-mire la politica del periodo prossimo. La Coop ha raggiunto negli anni ottanta il primato fra le organizzazioni moderne di vendita nel settore degli alimentari. Ha percorso gli ultimi anni con un eccezionale fervore di nuove realizzazioni. In ardia le "Gi "te dei giovani consumatori" Como Villa Olmo novembre Le pagine 4 e 5 interamente dedicate all'avvenimento Con i suoi 550 negozi moderni, la Coop è presente in quasi tutta l'italia centro-settentrionale, ma è praticamente assente nel Mezzogiorno del Paese. La sua basesociale è cresciuta di quasi il 50% ed ha passato il milione di soci. Le vendite, a fine 1983, saranno attorno ai duemilaseicento miliardi. dipendenti sono aumentati di circa unità negli ultimi tre anni: un tasso di sviluppo dell'occupazione assolutamente eccezionale rispetto alla situazione generale del Paese. Alle spalle stanno quasi cinque anni di forte crescita che, fra l'altro, consente di accelerare ulteriormente i futuri programmi di espansione. Ciò sarà possibile a condizione che vengano allentati i vincoli di legge ed amministrativi volti a difendere il commercio esistente ed a limitare l'espansione dei negozi moderni. Perchè lo sviluppo è una condizione necessaria in una situazione di sostanziale stagnazione dei consumi che però non frena l'inflazione dei costi aziendali. Per la Coop, come per altre imprese moderne, vi è dunque una sola strada obbligata, quella di crescere anche per mantenere la solidità aziendale. Gli indubbi successi della cooperazione fra consumatori non mettono in ombra diversi limiti dell'organizzazione, che sono poi gli obiettivi da raggiungere nei prossimi anni. Intanto la diffusione nazionale del Movimento, troppo limitata ne] Mezzogiorno. Poi la stessa presenza nelle grandi città, ancora insufficiente. Infine la capacità di realizzare anche negozi molto grandi (centri commerciali), allargati ai non alimentari. t roppo poco praticato, anche se nelle cooperative si realizzano comportamenti che non hanno paragoni con quelli delle imprese private e pubbliche. Il livello delle conoscenze e la diffusione delle informazioni e dei programmi aziendali sono pratica corrente con i soci ed i lavorato- 11~grazja inter 1 In sostanza occorre dare risposte più avanzate su due terreni: come sviluppare il lavoro di difesa dei consumatori; come fare progredire la democrazia interna all'organizzazione. La grandezza aziendale, la professionalità delle imprese non sono dunque valori che possano esaurire il giudizio sull'attività della Coop. C'è anzi la convinh. Così pure la consuetudine ai confronto e la discussione sulle scelte, costituiscono un tratto originale delle cooperative nella loro normale attività. D'altronde queste pratiche di democrazia alimentano nuovi bisogni e rendono necessari comportamenti più evoluti. zinne fra i cooperatori che una delle condizioni per Io sviluppo dipende dal grado di consenso e di partecipazione dei dirigenti, dei lavoratori, dei soci della Coop. Ma il consenso sarà tanto più convinto quanta maggiore sarà l'impegno della cooperazione, non solo a fare nuovi negozi, ma a investire di più sulla politica del consumatore e sulla democrazia interna. s2alregaig o 3 Ei3vembme fl nuovo "Spereolpip" In rapida successione la Coop Lombardia si è arricchita di due nuovi supermercati. Supermercato per il movimento cooperativo che fa capo alla Lega non è solo un negozio in più: è anche una Sezione Soci, una presenza democratica nel settore dei consumo. Dopo Vigev ano, inaugurato in agosto, ecco ora Eareggio al centro della zona di Magenta. L'inaugurazione è stabilita per il 3 novembre. L'ultima pagina è dedicata a questa nuova importante tappa. [ Orientare i consumi FLo spazio della Lombardia F Coop con coerenza contro l'inflazione Accanto agii obiettivi quantitativi si pongono poi esigenze politiche e di attività verso i soci e di difesa dei consumatori. Occorre cioè che la Coop usi la sua forza per incidere di più sulle scelte di consumo, non limitandosi alla pur necessaria ininativa sui prezzi, ma puntando all'orientamento dei consumatori e a contrattare con la produzione la stessa qualità delle merci. I temi poi della partecipazione dei soci e dei lavoratori aprono un campo di lavoro ancora Davvero i prezzi sono stati "inchiodati"? Con grande fragore è stato presentato l'accordo sollecitato dal ministro dell'industria che le organizzazioni della grande distribuzione, compresa la Coop, hanno raggiunto per tenere fermi i prezzi di circa 50 prodotti fino alla fine del prossimo gennaio. "Il Giorno" sparava su tutta la prima pagina addirittura "Prezzi inchiodati", e altri quotidiani non si sono sbracciati di meno. Calma ragazzi. Intanto l'accordo riguarda solo il 10 per cento delle vendite (in Lombardia quasi il 20 per cento), dato che i negozi tradizionali non hanno aderito e dato che i supermercati, grandi magazzini ecc. purtroppo sono ancora pochi in Italia. I prezzi all'ingrosso poi come abbiamo scritto nel numero scorso di "Quale consumo" sono quasi fermi nel settore degli alimentari e in regresso nei non alimentari. Tenere fermi i listini in queste condizioni non è dunque un'operazione eroica. Difatti la Coop non solo non ha avuto difficoltà a sottoscrivere l'accordo, ma ha anzi assicurato che, nell'ambito degli stessi settori bloccati, farà offerte La Coop in Lombardia ha gli stessi obiettivi della Coop nel resto d'italia, ma diverse condizioni di applicazione. Intanto in Lombardia operano i più forti imprenditori commerciali; gli spazi vergini sono praticamente esauriti ed il confronto a prezzi ancora più bassi. C'è di più, nei negozi Coop i prezzi fermi non si limiteranno ai cinquanta concordati ma comprenderanno i corrispondenti prodotti in marchio Coop. Intanto, nei negozi tradizionali, è stato appiccicato un adesivo azzurro con su scritto che quei negozio si impegna a tenere i prezzi nei limiti dell'inflazione concordata (quali, per quanto tempo, con quali controlli?). La sensazione è dunque quella di un'operazione di facciata che non inciderà sostanzialmente sull'inflazione nazionale nei prezzi al consumo. Del resto la nostra Associazione, pur aderendo all'iniziativa ha sottolineato i limiti dell'operazione proponendo nuovi interventi, senza i quali anche í listini concordati non potranno che restare dei palliativi. in particolare la Coop propone una decisa riforma del settore distributivo con una più ampia presenza di negozi moderni, la creazione di un serio sistema pubblico di controllo dei prezzi, la formulazione di una politica dei consumi che tenga conto degli interessi nazionali e di quelli delle famiglie. Senza questi interventi più di fondo, non c'è da farsi illusioni sull'efficacia dell'operazione in corso. Intanto lo storico dell'inflazione potrà annotare i "listini concordati" come il quarto tentativo (dopo quello disastroso di Rumor nel '74 e dopo i due più recenti di Marcora) di imbrigliare la spirale inflattiva nel nostro Paese. fra le imprese è più diretto che in qualsiasi altra parte d'italia. Non è possibile dunque in questa regione contare su margini protetti, né pensare ad una espansione fondata su negozi di dimensione media, dal momento che la scelta per la Coop è quella di essere protagonista e leader, non gregaria q marginale. E questo il motivo che ha condotto all'unificazione fra Unicqp Lombardia, UCC Cremona e Consorzio di Pieve Emanuele, che dal 1 gennaio 1984 diventano insieme "Coop Lombardia". E per la stessa ragione viene prospettata alle altre numerose medie e piccole Coop Lombarde l'esigenza di collegamento q di fusione. Perché altrimenti la loro emarginazione sarebbe certa, mentre unendosi possono migliorare la rete di vendita e crescere sui piccoli supermercati nei numerosi medi centri della regione. La consapevolezza diffusa fra i cooperatori è che non si possa perdere tempo e che l'irrobustimento intemo dell'organizzazione sia necessario per affrontare la fase nuova prevista per la seconda metà degli anni ottanta. Dietro le spalle stanno infatti molti anni di forte accumulazione nel settore commerciale e c'è la convinzione che tutte le maggiori imprese si lanceranno in rapidi processi espansivi. Da qui la necessità per la Coop in Lombardia di concentrare le risorse e di accelerare i tempi per la crescita. Non solo nel tradizionale campo degli alimentari, non solo nella forma consueta del supermercato, ma con l'intento di allargare i servizi di vendita nei non alimentari, di cimentarsi nei grandi centri commerciali. I prossimi congressi non saranno dunque di ordinaria amministrazione. Si è conclusa una fase, quella della maturazione delle capacità imprenditoriali della cooperazione fra consumatori. Se ne apre una nuova, nella quale tutte le risorse vanno investite coraggiosamente al servizio dei cittadini e dei consumatori della Lombardia, per ampliare la presenza del Movimento nella regione. Giorgio Vozza All'interno un inserto con i documenti di preparazione e di discussione dei temi congressuali,

2 soc: nos. pconte Cofanetto con. Flavía Sponza Un frutto della montagna che fa i 7Jalbero Una festa una sagtra.:' ognuna sua culto e h'll su piatto W 1 a. i Ely senuma. 350 n Stampe rmeutir[ Ely Fro 350 Skpesce hs, Ely Prezzo al socio L Valido dal 24/10 al 12/11/1983 tfi72iia l'estate e arriva la nuova stagione, l'autunno. La vita in un certo senso si fa più casalinga, forse perchéfuori l'aria è più umida efresra, ma anche perché dopo le vacanze si sente una certa necessità nel riprendere una "regola di vita". Ci sono appuntamenti che scandiscono le nostre giornate. La domenica, viene però ancora dedicata al riposo o, meglio, alle classiche scampagnate fuori porta: niente di meglio che andare a funghi o a castagne, il che spesso si fa in un colpo solo, dato che sono le ampie chiome dei castagni ci sono il terreno ed irclima adatti anche alla crescita di ovuli e porcini. 11 castagno, questo albero che da sempre vediamo alto, maestoso e imponente. La pianta del castagno viene anche chiamata "albero del pane di montagna" perché produce lilati molto ricchi di carboidrati, elementi altamente energetici clic nel corso dei secoli sono serviti come sostentamento se non unico per lo meno basilare di gran parte delle popolazioni di montagna. Questa pianta, infarti, cresce tra i 400 e i 1000 metri d'altitudine (nei paesi più caldi arriva. fino oltre i 1300 metri) e si è sempre propagata facilmente e spontaneamente riuscendo ad imporsi ad altre specie vegetali. fino a costituire boschi, anche molto estesi. L'unica fatica che Il ersta.gille "CentocamEir bisognava fare per avere le castagne era quindi, solo quella di raccoglierle e poi di cucinarle e conservare quelle eccedenti. Oggi, invece questi frutti saporiti si trovano da tutti i fruttivendoli anche se a prezzi notevoli: sono diventati cari non solo per problemi di raccolta e di trasporto ma anche perché i castagni sono.stati gravemente colpiti da una malattia ritenuta incurabile fil "mal dell'inchiostro') che sembrava dovesse portarli all'estinzione. Oggi pare che questo pericolo sia stato scongiurato e così questi frutti riusciranno ancora ad ogni autunno a rievocare il gusto dei sapori antichi a chi mangi bollite o caldarroste composte all'angolo di strada o a chi, più fortunato e in vena di aperto romanticismo, potrà sedere con familiari e amici attorno al fuoco scoppiettante di un CaMill O in una casa di collina o di montagna. Le castagne sono sempre state simbolo d'unione familiare e c'è addirittura una tradizione lombarda molto sentita che riguarda anche il culto dei Morti. La sera del giorno dei Santi, infatti, in campagna si è soliti lasciare sul tavolo della cucina un piatto di castagne lesse, del pane e una caraffa d'acqua a disposizione degli Scomparsi che in quella notte, con il permesso di Domineddio, tornano nelle loro case per vedere se i loro cari si sono ricordati di loro. Famoso era un castagno sull'etna, chiamato dei "Centocavalli" che la tradizione vuole che abbia riparato da un uragano la regina Giovanna d'aragona e il suo seguito: la circonferenza del tronco misurava infatti 53 metri e pare che avesse 4000 anni! In Lombardia le castagne lesse sono diventate il piatto tipico del giorno di Tutti i Santi, come è tipica la cazzoeuta dei giorno dei Morti e il capretto arrosto del giorno di Pasqua, mentre i "busecchin" di castagne secche, precedute da gnocchi di patate con burro fritto e salvia o risotto con la salsiccia, è tradizione del giorno della Giubbianna. Questo nome in antico brianzolo significa "fantasma" ed anche "giovedi": ricorreva infatti nell'ultimo giovedì di gennaio (che dovrebbe corrispondere al giovedì grasso) in cui si festeggiava la festa delle donne, non più giovani, che si radunavano per festeggiare la fine delle semine nei campi_ Da non dimenticare che "giubbianà" significa anche pettegolare! Le sagre, le feste di paese rappresentano da sempre giornate particolari per tutti da dedicare E se volete provare Castagnaccfio in parte al culto religioso, ma essenzialmente al divertimento collettivo. Tra i personaggi che hanno caratterizzato questi giorni di festa ci sono stati anche i venditori di "beiegott", castagne cioè "belle e cotte", che venivano preparate cuocendole lentamente, dopo averle inumidite, nel forno o anche nelle nicchie della canna del camino. Questi belegott erano detti anche lirun" (filoni, lunghi Eli) perchè venduti infilati come le perle nello spago e portati a tracolla dai lirunate ambulanti che offrivano oltretutto l'occasione di averli per pochi soldi facendo giocare la gente con i balett (palline) numerate come nella tombola. Fortunato era chi faceva 100 con tre palline perché vinceva una fila di castagne! Dosi per quattro persone: 200 gr. di farina di castagne, I cucchiaiata di zucchero, 3 cucchiaiate di olio, l cucchiaiata di semi di finocchio, 2 cucchiaiate di pinoli, I pizzico di sale. Mescolare in una terrina la farina di castagne con lo zucchero, l'olio, il sale, e dell'acqua tiepida. Ottenuta cosi una pastella aggiungere i pinoli e i semi di finocchio. Mettere il composto alto circa due dita in una teglia e cuocere in forno a fuoco medio per circa un'ora. E ottimo anche freddo. obremi casa.? í'eptet ris Iv erli eco, Da un secolo la gente si mette insieme, in cooperativa, per risolvere il problema dell'abitazione. Le cooperative della Lega hanno costruito oltre trentamila appartamenti a Milano e dintorni: una esperienza che nessun altro ha in questo settore. I "quartieri cooperativi" sono caratterizzati da una grande coesione sociale: i soci si conoscono, hanno modo di incontrarsi c di risolvere insieme i problemi della convivenza. Nelle case cooperative si trovano quasi sempre la cooperativa di consumo, il circolo cooperativo; le attività culturali, sportive sono più frequenti qui che in altri insediamenti. Le case vengono seguite, fin dalla prima fase di progettazione, dai soci interessati. Sono quindi case costruite con intelligenza, nel miglior rapporto possibile tra prezzo e qualità. Una casa in cooperativa è un investimento che tende ad acquistare valore col tempo. Le cooperative di abitazione della Lega sono impegnate in questi anni in un grande sforzo per dare risposte intelligenti e accessibili al bisogno di casa. Sono circa diecimila gli alloggi in via dí realizznzione in tutta la Lombardia. In alcune cooperative c'è ancora possibilità di iscrizione. Segnaliamo le più interessanti per Milano e dintorni: Milano, via De Pretis Case di 4 e 7 piani. Appartamenti da 2,3, 4 locali. Negozi e laboratori lire al mq. 40 per cento coperto da mutuo; il resto dilazionato. Le forme di pagamento sono concordabili caso per caso. Consegna: primavera Visite in cantiere. Milano, via Barona Case di 5 e 9 piani. Appartamenti da 2,3,4 locali. Negozi e laboratori lire al mq. 40 per cento coperto da mutuo; il resto dilazionato. Le forme di pagamento sono concordabili caso per caso. Consegna: primavera Visite in cantiere. Pioltello, via Cicerone e via Adua Palazzine di 3 e 4 piani. Appartamenti da 3 locali (88 mq) e da 4 locali (t00 mq), lire al mq. 50 per cento coperto da mutuo; il resto dilazionato. Consegna: primavera Visite in cantiere. Lodi, frazione Torretta Villette unifamiliari con giardino. Superficie complessiva 253 mq ( I l2,2 alloggio). Costo complessivo 82 milioni; 40 milioni coperti da mutuo, il resto dilazionato. Consegna: estate Visite in cantiere, Assalto Due edifici di particolare pregio architettonico in un'area verde privata di mq. Appartamenti da 41 a 113 mq lire al mq. 50 per cento coperto da mutuo; il resto dilazionato. Consegna: estate 1985 Mediglia Villette unifamiliaricon giardinetto. Superficie 150 e l80 mq, Costo: 108 e 120 milioni; 50 per cento coperto da mutuo; il resto dilazionatd: Consegna: agosto Buccinasco Appartamenti da 2,3,4 locali e hox lire al mq. 2.W/M r-.1=_ =. t : Centinaia di cooperative stanno avviando nuovi interventi: se avete problemi di casa, immediati o lontani, vi mettiamo a disposizione l'esperienza di un secolo. LEGA Associazione Lombarda Cooperative di Abitazione Per informazioni e iscrizioni tel. 02/ Milano, viale Brianza 20 = r---11

3 tanto atmosfera e ha nutrito generazioni, (Quasi una filastrocca di Marino Moretti) a prof umo di castagne bella la castagna è liscia e ben vestita è un frutto di montagna è dolce e saporita. Se viene da! paiolo col nome di mondina va giù come di volo e tutta si sfarina. Se vien dalla padella col nome di bruciata la castagna bella è subito sbucciata. Se vien dalla pignatta col nome di ballotta per tutti i denti è fatta perché nell'acqua è cotta. Nascoste nella cenere poi un goccio di bianco Quante speranze (svanite) conservare frutto -E adesso parliamo un po' di alimentazione e calorie Montebianco Uno dei Modi tradizionali di cuocere le castagne è di arrostirle, ottenendo cosi le caldarroste o birilli. Non bisogna dimenticarsi mai di inciderle nella parte rotonda altrimenti scoppiano. Poi si cuociono nella padella di ferro col fondo bucato sulla fiamma viva solo per poco tempo, dando modo alla buccia di abbrustolire. poi lasciandole al calore della brace smuovendole di frequente affinchè la cottura avvenga lentamente e uniformemente. L'altro modo di cuocerle è in "bornis", cioè lasciate nascoste tra la cenere del camino, i! che permette di passare molte serate fredde davanti al focolare a "caccia" di quelle che sono già pronte, chiacchierando allegramente con gli amici. E buona norma quando sono pronte aspettare almeno cinque minuti prima di mangiarle, lasciandole in un contenitore avvolte con un telo inumidito o con carta da pane, in modo che diventino più morbide all'interno. E un tocco di raffinatezza. per le varietà meno saporite, è quello di dare, prima di questo riposo, una spruzzatina di vino bianco. L'altro sistema classico di cottura è quello di lessarle, mettendole in una pentola di acqua fredda in modo che rimangano completamente sommerse. In questo modo è anche possibile eliminare quelle bacate che galleggiano, dopo aver comunque rilevato la presenza dei buchini provocati dai parassiti {possono galleggiare, infatti, anche castagne sane ma "vecchie"). Nella Bassa Brianza sono in uso anche i "peladej", castagne bollite con semi di finocchio dopo essere state private della buccia esterna. Dosi per quattro persone: 500 gr. di castagne, 100 gr. di zucchero, latte abbondante una tazza di cioccolato fuso una stecca di vaniglia, mezzo litro di panna montata, sale. Sbucciare Ie castagne, scottarle in acqua bollente e togliere la pellicina. Metterle in una casseruola con il latte, lo zucchero, un pizzico di sale, la stecca di vaniglia e cuocere finché saranno ridotte in purea. Togliere la stecca di vaniglia, passare il tutto al setaccio nel piatto di portata, in modo che rimanga soffice e formi una specie di monte. Versare sopra il cioccolato fuso, lasciare raffredare e prima di servire ricoprire con la panna montata. Sergio Soave vice presidente della Lega 5n Lombardia 11 Comitato regionale lombardo della Lega nazionale cooperative e mutue ha un nuovo vicepresidente. E Sergio Soave, eletto dal Consiglio regionale della Lega, riunitosi il 22 luglio, al posto di Lodovico Festa trasferito alla direzione nazionale della Lega a Roma. Sergio Soave ha 36 anni ed è noto per gli incarichi sindacali e politici espletati in Lombardia come responsabile dell'ufficio studi della Camera dei lavoro, membro della segreteria lombarda della Federazione dei metalmeccanici e nella segreteria della Cgil milanese e come membro della segreteria della federazione comunista milanese. Nel corso della riunione del Consiglio regionale, Petralia a nome della presidenza nazionale nel' movimento e Rinaldo Ciocca, come presidente del regionale lombardo, hanno espresso a Lodovico Festa il pieno apprezzamento per il lavoro svolto e per l'incisiva presenza, esprimendogli i migliori auguri per il nuovo incarico. Dopo aver eletto all'unanimità Sergio Soave nel nuovo incarico, il Consiglio gli ha porto il cordiale benvenuto in seno al movimento cooperativo. Le castagne una volta raccolte hanno una vita abbastanza breve, perché si conservano fresche per non più di una settimana. L'uomo ha sperimentato nei secoli vari metodi che potessero mantenere questi frutti in uno stato accettabile almeno il tempo di superare l'inverno, soprattutto quando esistevano gravi problemi di sopravvivenza. Il sistema più valido è sempre stato quello di seccarle lasciandole su tavole in ambienti in cui veniva acceso un fuoco. Una volta secche venivano "pilate", ossia ripulite dalla buccia usando bastoni per batterle, e quindi eliminando anche le pellicine. Si ottenevano così le "castegn bianc" che a loro volta venivano lessate, ma in questo caso con poca acqua per non disperdere il sapore del frutto ormai non più "protetto". Il brodo di cottura, magari aggiunto di vino e 7I/Cchero, non veniva mai buttato via ma era sempre utilizzato o con le castagne stesse e polenta, o aggiungendo fette di pangiallo {costituendo casi una specie di "purnii", il classico cibo dei poveri che in Brianza costituiva la colazione del mattino). li buscechin, q castagn pesi, tipico della Bassa Brianza, era ottenuto lessando sempre castagne secche e quindi mangiato versandovi sopra latte freddo o un bicchiere di vino rosso. Ci sono anche sistemi per conservare le castagne fresche, ma non danno risultati così validi come per quelle secche. Un metodo decisamente casalingo consiste nel mettere le castagne in acqua fredda per venti ore, per eliminare le alterazioni da parassiti, quindi di lasciarle sgocciolare all'ombra e poi metterle a strati nella sabbia asciutta in casse di legno o cemento. Quanto vale una castagna a paragone di... Prodotto Unità li contenuto in carboidrati totali, dati cioè dalla somma di amido e zucchero, è per le castagne fresche di circa il 40 per cento, mentre per quelle secche sale oltre al 65 per cento, valori che superano quelli dei fagioli freschi (17 per cento), delle patate {16 per cento) e sono comparabili a quelli del pane comune {60 per cento) e del riso raffinato {78 per cento). Il valore energetico di questi frutti è molto elevato: l89 calorie ogni 100 grammi di "polpa", sempre riferito alla castagna fresca, e il contenuto in proteine non è da sottovalutare: 3,5 per cento, pari a quello contenuto in 100 grammi di latte intero. Nella tradizione popolare si trovano spesso esempi di "associazioni alimentari", di piatti cioè che presentano due o più ingredienti base che mangiati da soli sarebbero insufficienti per un'adegnata alimentazione ma che così associati aumentano considerevolmente le loro caratteristiche, tali da rendere queste preparazioni valide come "piatti unici". Esempi classici sono la pasta e fagioli, risi e bisi (piselli), le lasagne col ragù ed anche castagne e latte. Considerando infatti di mangiare una tazza di 100 gr. di castagne fresche e 200 gr. di latte intero vediamo che si assumono 317 calorie che sono date per i! 15 per cento dalle proteine, per ii 25 per cento dai lipidi e per ben ii 60 per cento dai carboidrati. A parte un leggero eccesso nei lipidi (che si può ovviare sostituendo il latte intero con quello scremaio), questi valori rispettano le proporzioni consigliate dai nutrizionisti per un pranzo o una cena sostanziosa ed equilibrata. Energia Calorie Proteine Lipidi Amido Zuccheri Calcio Ferro Tiamina Ribofla- Niacina Vit. C Vit. A Fibra KCAL GR GR GR GR MG MG MG vina-mg MG MG MC GR Castagne fresche {35) Castagne secche l {33) Fagioli freschi 104 6A Fagioli secchi Patate 85 2.l Pane tipo I O - Farina di mais I , Riso brillato O Vitello O O O O 0 0 Latte intero O Grana o Composizione chimica e valore energetico degli alimenti per 100 grammi di parte mangiabile - ~l L= i L= L E= I_ EMI Da _iocate a Calama.n Ella Un gruppo aderente alla Sezione soci dì Locate a Calamandrana (Asti) in visita alla Cantina sociale Rfamioni con 5 soci prestatori Con la ripresa autunnale della nostra attività, abbiamo programmato decine di riunioni coi Soci prestatori che si svolgeranno nei prossimi mesi. Sarà questa l'occasione per affrontare alcuni terni di sviluppo del prestito e dare ulteriori informazioni riguardanti le recenti nuove aperture dei supermercati coop. Dovremo inoltre dare un ulteriore slancio alle tesseri ne "Nuovi soci coop" avendo riscontrato risultati differenti tra le varie sezioni (alcuni positivi, altri assolutamente assenti). Stiamo, per questo, approntando nuovo materiale per un appoggio promozionale. iqta nelll'astigiano In due turni successivi, il 18 e il 25 settembre 350 soci hanno visitato la cantina sociale cooperativa di Calamandrana già nota a molti cooperatori. Dopo la visita guidata agli impianti e il saluto degli Amministratori municipali e del Presidente Pietro Chiarir) le gite si sono concluse con un pranzo sociale e un ballo popolare. ri I L 1 C-7-3 i

4 Giornale dei giovani consumatori A Como dal 14 al 25 novembre le "Giornate" dedicate da] Tu e quello che is scuollal pu ilare rinostin: cento peneffilì1 per cent Più di cento, enormi pannelli colorati, suddivisi in varie sezioni, danno vita a quello che è lo scheletro delle "Giornate": la Mostra. Sistemata per argomenti nelle varie sale di Villa Olmo la mostra affronta in maniera semplice ma efficace i vari tempi che riguardano il mondo dei consumi: l'alimentazione, la tecnologia e cento terd alimentare, la moda, l'inquinamento etc. etc... La mostra rappresenta il filo logico, il tessuto connettivo di tutte le Giornate e discutendone i contenuti con gli insegnanti, i ragazzi possono trarre da essa spunti per un approfondimento su aspetti assai importanti del mondo dei consumi. Sono passate attraverso il centro-nord le Giornate dei Giovani Consumatori ma ora sono,finalmeme approdate in LOMbarclia. Dal 14 al 25 novembre, a Como, nella stupenda cornice di Villa Olmo anche per i giovarti consumatori lombardi, si apriranno le virgolette, simbolo della manifestazione. E in queste virgolette sta il senso di questa iniziativa itinerante,' l'apertura cioè di un discorso diverso, tra i giovani ed il mondo dei consumi, tra cooperazione fra consumatori e scuola. 11 grande impegno organizzativo di queste "Giornate" è giusti-. ficato proprio dalla convinzione che la "cultura dei consumi" debba uscire dagli ambienti ristretti e specialistici per diventare di massa. Eallora perché non cominciare proprio dalle Lettole, dai giovani.che più degli altri sono oggetto della società dei consunti? Le Giornate dei Giovani Consumatori rivolgendosi alla scuola si propongono: E di far riflettere i giovani. i genitot :i gli insegnanti sui problemi inerenti i vari consumi cosi come si pongono ai giovani; E di attirare l'attenzione sull'importante ruolo economico dei giovani nel mercato: di sottolineare l'assoluta necessità di un'informazione e formazione del cortsumatore, soprattuto giovane. La Coop Lombardia ha avviato Sin dal mese (i/ maggio una serie di incontri con l'amministrazione comunale, On il Provveditore e le scuole di Conto. Il patrocinio di queste istituzioni è la garanzia che le "giornate" non saranno un fatto isolato ma il frutto di un rapporto, di una collaborazione con enti locali e scuole, che, nei nostri intenti, dovrà continuare anche nel futuro. Le "Giornate" vogliono infatti essere uno stimolo per sollevare un problema,' alla scuola, alle istituzioni, toccherà poi il compito di continuare ad approfondire il discorso che nei giorni della manifestazione sarà solo Non è un fatto da poco infine sottolineare come taforganizzazicme quale la Coop, abbia deciso di investire cospicue risorse economiche ed umane in di carattere pedagogico-culturale. Anche questo, ne siamo certi, sarà un investimento] produttivo se riuscirà, come ci auguriamo, a iniziare un discorso critico e costruttivo sul difficile terreno dei consumi, e a far crescere una nuova cultura su questi temi tra le nuove generazioni. Veduta aerea di Villa Olmo a Como, la prestigiosa sede delle 'Giornate dei Giovani Consumatori" (,0 5' to "- l'e' AUà. àé CO 1/413 1'- i al,,0 Co dal g -- V2. 9 atetel-y ttlt.t\.,tilln \TI 9 C 3.-T,:t 11_ seve'llte' *-nel)-te 9.\\e '05'1.93,jel-o-bc, \ 5211 rigida.. 11.tent2;e--9.d. es0e, ',1,E x o, 0 o atúcs.g., I, ata 023, e..,ey-gàsio e vooell 5 es cbe e\ e 4 1.1g, 3 tel." 5.9:ffi i g, \e. 203,0: sc»13\e' Aer SC ow 1 ' Ni0,20 23-\\e 5 D. cbe 9W iidel CI ' A 39e'. r ves triarto,_ dm. mamma. namr d mgar CmnK Ribm magra Ci origine ad gli: d dell'evoluzione wnsunig entari LATc)ì r. a..., -'-", r.ith h m:1,mm Y. bg.ea -mm-e e= t., mim,," o Mi eri. ~q 3.t n il Mem. ce. m eia Lb -1711, Mai limu ira mm amlm mq irmiare Imm 37,aimmo immm immai Ima. ai fame pmm, i dati a' ce., Im21 Si ari Li orali I CM, 1. ì. NxYS G1 a 0 i od ~-4. I...m mogem b,mma il.e/w.,,emagn I.LM ofdmi ah. imdm mem 4

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

CONOSCERE GLI ALIMENTI

CONOSCERE GLI ALIMENTI SCHEDA DIDATTICA 2 CONOSCERE GLI ALIMENTI Entrare dal pescivendolo e chiedere: Mi dà per cortesia due etti di proteine e 5 grammi di omega 3? Oppure rivolgersi al panettiere chiedendo: 70 grammi di carboidrati

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico.

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. Calcola la tua Libertà Finanziaria Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. 1 Prima ci presentiamo. Siamo Antonella Lamanna - Business Coach e Trainer e Amedeo Marinelli Networker

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Scuola Primaria di Campoformido

Scuola Primaria di Campoformido Scuola Primaria di Campoformido Classe Prima A UA L ambiente di vita di Gesù nel periodo della sua infanzia Religione Cattolica e Laboratorio di Intercultura Matematica e Scienze Religione Cattolica -

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Guida all uso. on line

Guida all uso. on line Guida all uso on line www.romatiburtina.it Ricco di storia, di attività, di tanti beni e servizi che sono cresciuti insieme alle case, alle famiglie e alle loro esigenze, nel V Municipio, tutto è a portata

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO Rimini Fiera 7-10 novembre 07 Presentazione La presenza dell U.O.S. Tutela dell Ambiente Naturale fra le iniziative previste nella manifestazione fieristica 2007 nasce dal desiderio di approfittare di

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

PROPOSTE PER LA SCUOLA D INFANZIA

PROPOSTE PER LA SCUOLA D INFANZIA PROPOSTE PER LA SCUOLA D INFANZIA I LEGUMI (attività legata all Expo) Laboratorio ludico didattico rivolto agli alunni della scuola dell infanzia; il modulo comprende una parte teorica ed una pratica.

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI La motivazione che mi ha fatto optare per la stesura di questo progetto è l'interesse mostrato dai bambini per le scienze ed in particolare per il tema del riciclo.

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 Tempo per la preparazione: 1 minuto Durata dell intervento tra di due candidati: minimo 4 minuti - massimo 5 minuti CANDIDATO/A A VACANZE IN EUROPA Ha deciso di visitare

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Alimentazione per Coop non solo cibo. Livorno Museo di Storia Naturale 21-11-09

Alimentazione per Coop non solo cibo. Livorno Museo di Storia Naturale 21-11-09 Alimentazione per Coop non solo cibo Livorno Museo di Storia Naturale 21-11-09 Per restare in tema di festeggiamenti. A breve, un altra ricorrenza: il Progetto di Educazione al Consumo Consapevole promosso

Dettagli

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Obiettivi: 1. Analizzare un percorso educativo realizzato in riferimento ai nuovi ordinamenti 2. Individuare il riferimento

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME?

EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME? EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME? Scuole coinvolte negli ultimi tre anni (Tutta Italia ma in particolare Lombardia, Lazio, Liguria, Umbria + Regioni ART): - 560 SCUOLE PRIMARIE - 145 SCUOLE SECONDARIE

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

Party con Kit-Zen. crea la tua occasione di successo [INSERIRE PAYOFF DEFINITIVO]

Party con Kit-Zen. crea la tua occasione di successo [INSERIRE PAYOFF DEFINITIVO] Party con Kit-Zen crea la tua occasione di successo [INSERIRE PAYOFF DEFINITIVO] Kit-Zen è l azienda che ti permette di esprimere e sviluppare le tue potenzialità, di dare gusto al tuo lavoro, trasformandolo

Dettagli

Proposte didattiche A. S. 2009-2010

Proposte didattiche A. S. 2009-2010 Proposte didattiche A. S. 2009-2010 2010 La cooperativa Altrospazio AltroSpazio sorge dalla cooperativa Spaccio Acli A. Grandi nata nel 1949 a Lainate. La prima Bottega del Mondo di AltroSpazio apre a

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Premessa Il progetto denominato Andar per Mare vuole essere il momento promozionale dell attività della pesca nella Regione Marche, che è una delle più importanti

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo

Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo Ovvero: la regola dei 3mila Quando lanci un nuovo business (sia online che offline), uno dei fattori critici è capire se vi sia mercato per quello

Dettagli

Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata in ore. Attività individuali o di gruppo. Computer LIM Prove INVALSI Giochi matematici Materiale cartaceo

Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata in ore. Attività individuali o di gruppo. Computer LIM Prove INVALSI Giochi matematici Materiale cartaceo Griglia di progettazione dell'unità di competenza classi di riferimento 3A -3D Competenza da promuovere: L'alunno riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 In base alle Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

Dalla storia personale...alla storia familiare

Dalla storia personale...alla storia familiare PERCORSI DIDATTICI Dalla storia personale...alla storia familiare di: Casci Ceccacci Antonella e Ceriachi Carla Maria scuola: F.Conti - I.C. Jesi Centro area tematica: Storia pensato per: 8-9 anni Prerequisiti:

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima.

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima. Si è svolta stamani, 1 ottobre, la prevista Conferenza Stampa, promossa dalla Cooperativa A.S.S.O. di Pescara sull'iniziativa di Assistenza gratuita agli anziani di Pescara svolta nei mesi di Agosto e

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Zucca zuccone tutta arancione

Zucca zuccone tutta arancione Zucca zuccone tutta arancione La festa di Halloween, tradizione dei paesi anglosassoni, è oramai entrata nella nostra società; i bambini sono molto attratti dalle icone paurose di questo festeggiamento:

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE Alessandra Zambelli EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE ZAMBELLI, Alessandra Educacibo. Impariamo a gustare il cibo sano ; Roma : Armando, 2014 96 p. ; 27 cm. (Scaffale aperto) ISBN:

Dettagli

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della SAPERI OBIETTIVI CONTENUTI STRUMENTI -La carta d identità. -sussidio didattico conoscenza della propria collana I quaderni identità sotto l aspetto spiga di Lucia somatico e della Russo, Cittadinanza e

Dettagli

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani UDIA: QUANTI SIAMO? I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani 1 giornata: Oggi è un giorno speciale, c'è un compleanno da festeggiare,la festeggiata assumerà

Dettagli

Ci sono tre possibili destinazioni in rapporto all importanza del regalo che si vuole fare.

Ci sono tre possibili destinazioni in rapporto all importanza del regalo che si vuole fare. Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

ESTATE 2016 QUATTRO LE SETTIMANE DEDICATE AI RAGAZZI

ESTATE 2016 QUATTRO LE SETTIMANE DEDICATE AI RAGAZZI ESTATE 2016 L ORATORIO ESTIVO IN SANTA BERNARDETTA dalla 1^ alla 5^ Primaria IN SS. NAZARO E CELSO dalla 1^ alla 5^ Primaria IN SAN GIOVANNI BONO dalla 1^ alla 3^ Media QUATTRO LE SETTIMANE DEDICATE AI

Dettagli

Gruppo di Acquisto Solidale Valle Brembana Carta d'intenti - regolamento

Gruppo di Acquisto Solidale Valle Brembana Carta d'intenti - regolamento Gruppo di Acquisto Solidale Valle Brembana Carta d'intenti - regolamento Chi siamo Il Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) Valle Brembana si è costituito nel Giugno 2010, da un gruppo di 10 famiglie residenti

Dettagli