«LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT»"

Transcript

1 «LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT» Marzo ore 13,45 sala Turismo Relatore: Giovanni Montesanto esperto doganale

2 Art. 13, comma 4 DPR 633/72 Operazioni in valuta estera La nuova versione del comma 4 dell art. 13, relativo al computo dei corrispettivi e delle spese in valuta in mancanza dell indicazione in fattura del giorno di effettuazione dell operazione introduce un nuovo criterio sussidiario rappresentato dal giorno di emissione della fattura. Il nuovo criterio facilita quindi la determinazione del cambio da utilizzare ai fini della determinazione della base imponibile iva. Resta confermato il computo residuale in base al cambio del giorno antecedente più prossimo, in assenza delle indicazioni sopra descritte. La conversione in euro, per tutte le operazioni effettuate nell anno solare, può essere fatta sulla base del tasso di cambio pubblicato dalla B.C.E. 2

3 Art. 17, comma 2 DPR 633/72 Inversione contabile (reverse charge) L attuale formulazione dell art. 17, comma secondo, prevede che Gli obblighi relativi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato da soggetti non residenti nei confronti di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato, compresi i soggetti indicati all'articolo 7-ter, comma 2, lettere b) e c), sono adempiuti dai cessionari o committenti. Tuttavia, nel caso di cessioni di beni o di prestazioni di servizi effettuate da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell U.E., il cessionario o committente adempie gli obblighi di fatturazione di registrazione secondo le disposizioni degli articoli 46 e 47 del D.L. 331/93. Quindi l art. 17, dal 1 gennaio 2013, dispone, in capo al soggetto passivo stabilito in Italia l obbligo di: integrare la fattura che ha ricevuto dal fornitore/prestatore UE per tutti gli acquisti di beni/servizi territorialmente rilevanti in Italia. emissione dell autofattura in caso di acquisto di beni o servizi territorialmente rilevanti in Italia da fornitori stabiliti in Paesi extra-ue. 3

4 Art. 17, comma 2 DPR 633/72 Inversione contabile (reverse charge) Adempimenti Pertanto, il committente/cessionario nazionale, relativamente alle prestazioni rese dal fornitore/prestatore UE dovrà: (art. 46 D.L. 331/93). Numerare la fattura del fornitore comunitario e integrarla con l indicazione del controvalore in euro del corrispettivo e degli altri elementi che concorrono a formare la base imponibile dell operazione espressi in valuta estera, nonché dell ammontare dell IVA; (art. 47, 1 comma, 1 periodo D.L. 331/93) annotare la fattura, già integrata, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura, e con riferimento al mese precedente, distintamente nel registro IVA vendite (art. 23, DPR n. 633/1972), secondo l ordine della numerazione, con l indicazione anche del corrispettivo dell operazione espresso in valuta estera; annotare la fattura integrata, distintamente, anche nel registro IVA acquisti (articolo 25, DPR n. 633/1972), al fine di esercitare la detrazione eventualmente spettante (articolo 47, comma 1, terzo periodo D.L. 331/93); emettere autofattura entro il giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione - nel caso di mancata ricezione della fattura del fornitore comunitario entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione - ed annotarla entro il termine di emissione e con riferimento al mese precedente (art. 46, comma 5, e 47, comma 1, secondo periodo, del D.L. n. 331/93). 4

5 Art. 17, comma 2 DPR 633/72 Inversione contabile (reverse charge) Precisazione Con risoluzione n. 89/E del 25 agosto 2010, l Agenzia Entrate, ha precisato che l IVA relativa a tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi territorialmente rilevanti ai fini dell imposta in Italia rese da soggetti stabiliti in un altro Stato membro UE deve sempre essere assolta dal cessionario o committente, se soggetto passivo stabilito in Italia, mediante l applicazione del meccanismo del reverse charge, ancorché il cedente o prestatore sia identificato ai fini IVA in Italia, tramite identificazione diretta o rappresentante fiscale. Pertanto l art. 17, secondo comma, esclude che il cedente o prestatore non residente sia tenuto all emissione della fattura (e ai conseguenti adempimenti di annotazione e dichiarazione), tramite il numero identificativo IVA italiano. Tuttavia è stato tuttavia consentito che, in relazione ad una cessione interna, il rappresentante fiscale di un soggetto estero possa per proprie esigenze - emettere nei confronti del cessionario/committente residente un documento non rilevante ai fini dell IVA, con indicazione della circostanza che l imposta afferente tale operazione verrà assolta dal cessionario o committente. 5

6 Emissione della fattura Art. 21 D.P.R. 633/72 In materia di fatturazione l art. 21, 1 comma, stabilisce totale equiparazione del documento elettronico a quello cartaceo a seguito della modifica dell art. 217 della Direttiva 112/2006/CE il quale recita: Ai fini della presente direttiva per «fattura elettronica» s'intende una fattura contenente le informazioni richieste dalla presente direttiva emessa e ricevuta in formato elettronico. Art. 21 comma 4: La fattura cartacea è compilata in duplice esemplare di cui uno è consegnato o spedito all altra parte. Art. 21 comma 5: La fattura di cui all art. 17, secondo comma, primo periodo (autofattura) è emessa in unico esemplare. L art. 21, 2 comma lett. f), stabilisce l obbligatorietà dell indicazione della P.IVA del cessionario o committente nazionale o comunitario o il codice fiscale del soggetto nazionale che agisce in veste di privato (consumatore finale). 6

7 Contenuto della fattura Art. 21 comma 2 D.P.R. 633/72 (art. 226 Direttiva 112/2006) La fattura deve contenere le seguenti informazioni: a) Data di emissione; b) Numero progressivo che la identifichi in modo univoco; c) Ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; d) Numero di partita iva del soggetto cedente o prestatore; e) Ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; f) Identificazione del soggetto cessionario o committente: N. di partita iva; N. di identificazione iva in caso di soggetto passivo stabilito in altro Paese UE; Codice fiscale in caso di soggetto privato residente nel territorio dello Stato. g) Natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell operazione h) Corrispettivi per la determinazione dell imponibile (compresi beni ceduti a titolo di sconto, premio abbuono art. 15, 1 comma, n. 2); i) Corrispettivi relativi agli altri beni ceduti a titolo di sconto premio o abbuono l) Aliquota iva, imponibile e ammontare dell imposta arrotondati al centesimo di euro; m) In caso di cessione intracomunitaria di mezzi di trasporto: Data della prima immatricolazione o iscrizione in pubblici registri; Numeri dei chilometri percorsi o delle ore navigate. n) Annotazione che la stessa è emessa, per conto del cedente o prestatore, dal cessionario o committente ovvero da un terzo 7

8 Emissione della fattura in valuta estera Art. 21 D.P.R. 633/72 In materia di fatturazione la legge di stabilità ha riformulato l art. 21, 3 comma, del DPR 633/72 eliminando dall ultimo periodo: gli importi possono essere espressi in qualsiasi valuta purché l imposta sia indicata in euro Per effetto di tale modifica l Agenzia delle entrate, con circolare 12/E del 3 maggio 2013, ha sostenuto l impossibilità di emettere fatture in valuta estera, disponendo l applicazione della regola generale: indicazione in fattura dell imposta e dell imponibile con arrotondamento al centesimo di euro (art. 21, comma 2 lett. l). Tale impostazione contrasta con: a) Direttiva 112/2006 art. 230: Gli importi figuranti sulla fattura possono essere espressi in qualsiasi moneta, purché l'importo dell'iva da pagare o da regolarizzare sia espresso nella moneta nazionale dello Stato membro utilizzando il meccanismo del tasso di conversione di cui all'articolo 91 b) Direttiva 45/2010: nuove regole aventi lo scopo di promuovere e di semplificare le norme in materia di fatturazione Pertanto è orientamento generale che risulta ancora possibile emettere fattura recanti importi in valuta estera, a condizione che la stessa contenga la relativa conversione in euro. 8

9 Emissione della fattura Art. 21 D.P.R. 633/72 Comma 4, 1 periodo La fattura e' emessa al momento dell'effettuazione dell'operazione determinata a norma dell'articolo 6 del D.P.R. 633/72: 1 comma: Le cessioni di beni si considerano effettuate nel momento della stipulazione se riguardano beni immobili e nel momento della consegna o spedizione se riguardano beni mobili. Tuttavia le cessioni i cui effetti traslativi o costitutivi si producono posteriormente, tranne quelle indicate ai numeri 1 e 2 (vendite con riserva di proprietà le locazioni con clausola di trasferimento della proprietà vincolante per ambedue le parti) dell'art. 2, si considerano effettuate nel momento in cui si producono tali effetti e comunque, se riguardano beni mobili, dopo il decorso di un anno dalla consegna o spedizione. 3 comma: Le prestazioni di servizi si considerano effettuate all'atto del pagamento del corrispettivo. Quelle indicate nell'articolo 3, terzo comma, primo periodo, si considerano effettuate al momento in cui sono rese, ovvero, se di carattere periodico o continuativo, nel mese successivo a quello in cui sono rese. 4 comma: Se anteriormente al verificarsi degli eventi indicati nei precedenti commi o indipendentemente da essi sia emessa fattura, o sia pagato in tutto o in parte il corrispettivo, l'operazione si considera effettuata, limitatamente all'importo fatturato o pagato, alla data della fattura o a quella del pagamento. 9

10 Emissione della fattura Art. 21 D.P.R. 633/72 In generale la fattura può, indistintamente, essere emessa in formato: cartaceo (fattura cartacea o analogica) elettronico (fattura in formato elettronico e fattura elettronica) Attualmente, solamente per le operazioni attive rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, vige l obbligo dell emissione della fattura elettronica. 10

11 Emissione della fattura Fattura cartacea La fattura cartacea o analogica si ha per emessa all'atto della sua consegna o spedizione al destinatario. È redatta in due esemplari di cui uno deve essere spedito o consegnato al cessionario o committente dell operazione. Può essere inviata anche tramite fax o posta elettronica ( ). In quest ultimo caso essa deve essere materializzata dal destinatario nel momento in cui è ricevuta e prende il nome di fattura in formato elettronico. 11

12 Emissione della fattura Fattura elettronica La fattura elettronica è stata introdotta dal Dlgs n. 52 del 20/02/2004 in recepimento della Direttiva Ue 115/2001. La fattura elettronica è un documento informatico con rilevanza fiscale non modificabile. In modo informatico avviene la: formazione, registrazione, trasmissione, e conservazione Non è necessario materializzare il documento stampandolo. 12

13 Emissione della fattura Fattura elettronica art. 21 comma 1 DPR 633/72 Per fattura elettronica s intende la fattura che è stata emessa e ricevuta in qualunque formato elettronico, il cui ricorso è subordinato all accettazione da parte del cessionario o committente dell operazione. La fattura elettronica s intende emessa al momento della sua: trasmissione, o messa a disposizione del destinatario. I soggetti passivi residenti nel territorio dello Stato possono incaricare terzi soggetti, anche residenti all estero, di emettere per loro conto la fattura. 13

14 Emissione della fattura Fattura elettronica art. 21 comma 3 DPR 633/72 La fattura elettronica dal momento della sua emissione e fino al termine del suo periodo di conservazione deve mantenere: L autenticità dell origine L integrità del contenuto La sua leggibilità Sia l autenticità dell origine sia l integrità devono essere garantiti da: sistemi di controllo di gestione che rendano sicuri il collegamento tra la fattura e l operazione cui la stessa si riferisce (cessione di beni o prestazione di servizi) apposizione della firma elettronica qualificata o digitale dell emittente o mediante sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati. 14

15 Emissione della fattura Fattura elettronica Circolare n. 18/E del 24/6/2014 Agenzia Entrate Con la circolare l Agenzia precisa che l elemento determinante che distingue la fattura elettronica da quella cartacea non è il tipo di formato prescelto: cartaceo o elettronico, quanto invece il fatto che la fattura sia in formato elettronico: quando viene trasmessa ovvero messa a disposizione, e quando viene ricevuta ed accettata dal cessionario o committente dell operazione; Non è elettronica la fattura emessa dal fornitore con un software di contabilità o di elaborazione testi e successivamente stampata, inviata e ricevuta in formato cartaceo. Di contro, invece, è considerata elettronica la fattura nata in formato cartaceo e successivamente trasformata in documento informatico e inviata e ricevuta tramite la posta elettronica. 15

16 Emissione della fattura Fattura elettronica Circolare n. 18/E del 24/6/2014 Agenzia Entrate L art. 21 comma 1 del D.P.R anche se specifica che il ricorso alla fattura elettronica è subordinato all accettazione da parte del destinatario non specifica le modalità con le quali quest ultimo debba manifestare il proprio consenso. La circolare n. 18/E chiarisce che il termine accettazione non presuppone un accordo formale precedente o successivo alla fatturazione. L accettazione può essere manifesta (scritta o verbale) oppure derivante da comportamenti concludenti del destinatario. Es. la stampa e la conservazione cartacea della fattura ricevuta in formato elettronico è un comportamento concludente di non accettare la fattura come elettronica. Pertanto il soggetto emittente la fattura elettronica è obbligato alla sua conservazione elettronica, mentre per il destinatario la stampa della fattura rappresenta una copia analogica di un documento informatico. 16

17 Registrazione della fattura Art. 23 D.P.R. 633/72 1 comma Tutte le fatture devono essere annotate sul registro delle fatture emesse, nel seguente modo: Fatture immediate: entro 15 giorni dalla data di emissione esempio fattura emessa il 10 febbraio registrazione entro il 25 febbraio; Fattura differita: entro il termine di emissione della fattura stessa (cioè entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione) esempio beni spediti il 25 febbraio, emissione fattura il 10 marzo registrazione entro il 15 marzo e con riferimento al mese di effettuazione dell operazione (febbraio). 17

18 Emissione della fattura Art. 21 co. 4 ultimo periodo DEROGHE art. 21 DPR 633/72 Comma 4 lett. a) Comma 4 lett. b) comma 4 lett. c) Comma 4 lett. d) Tipo operazione Cessioni di beni la cui consegna o spedizione risulta da DDT o da altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali é effettuata l'operazione Prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione, effettuate nello stesso mese solare nei confronti del medesimo soggetto Cessioni di beni effettuate dal cessionario nei confronti di un soggetto terzo per il tramite del proprio cedente Prestazioni di servizi generici non soggette all imposta (art. 7 ter) rese a soggetti passivi stabiliti nel territorio di un altro Stato membro Prestazioni di servizi generici (art. 7 ter) rese o ricevute da soggetti passivi extra-ue Prestazioni di servizi diversi da quelli generici di cui all art. 7 ter (servizi specifici art. 7 quater e 7 quinquies) Emissione Emissione di una sola fattura, recante il dettaglio delle operazioni, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni Emissione della fattura entro il mese successivo a quello della consegna o spedizione dei beni Emissione della fattura (o autofattura per i servizi ricevuti) entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione Emissione della fattura al momento di effettuazione dell operazione. (art. 6 commi 3 e 4 DPR 633/72) Fatturazione termine di Registrazione Entro il termine di emissione e con riferimento al mese di effettuazione delle operazioni. art. 23, 1 comma, ultimo periodo DPR 633/72 Entro 15 giorni e con riferimento alla data della loro emissione. art. 23, 1 comma, primo periodo DPR 633/72 Entro il termine di emissione e con riferimento al mese di effettuazione delle operazioni. art. 23, 1 co. ultimo periodo DPR 633/72 Entro 15 giorni e con riferimento alla data della loro emissione. Art. 23, 1 comma, primo periodo DPR 633/72 18

19 Numerazione fatture Fino al 31 dicembre 2012 Dal 1 gennaio 2013 La nuova formulazione dell art. 21, comma 2, lett. b) del DPR 633/72 stabilisce che la fattura deve contenere un numero progressivo che la identifichi in modo unifico La fattura è numerata e datata in ordine progressivo per anno solare (Art. 21, 2 comma, DPR 633/72) Recepimento dell art. 226 della Direttiva 112/2006: Comma 1 punto 2.. nelle fatture emesse.. sono obbligatorie ai fini dell iva soltanto le indicazioni seguenti un numero sequenziale, con una o più serie, che identifichi la fattura in modo unico Scelta della modalità di numerazione progressiva (Risoluzione 1/E del 10/1/2013) Fatturazione con numerazione progressiva senza azzeramento all inizio di ciascun anno solare Fatt. n. 1 Fatt. n. 2 Fatturazione con numerazione progressiva con azzeramento all inizio di ciascun anno solare affiancata dall indicazione dell anno solare Fatt. n. 1/2014 (ovvero 2014/1) Fatt. n. 2/2014 (ovvero 2014/2) 19

20 Fatturazione semplificata ART. 21 Bis del DPR 633/1972 Comma 1 Emissione semplificata della fattura per un ammontare complessivo di 100,00 (*) (Recepimento art. 220 bis, 1 comma, Direttiva 112/2006) DATI OBBLIGATORI a) Data di emissione b) Numero identificativo c) Ditta, ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del cedente o prestatore, del rappresentante fiscale e ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti d) Numero p. iva del cedente o prestatore h) Per le fatture emesse ai sensi dell'articolo 26, il riferimento alla fattura rettificata e le indicazioni specifiche che vengono modificate. DATI RIDOTTI e) In caso di: Soggetto stabilito nel territorio dello Stato: solo codice fiscale o numero di p. iva Soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell U.E.: solo numero di identificazione IVA attribuito dallo stato membro di stabilimento. f) In modo sintetico: descrizione dei beni ceduti e dei servizi resi g) Ammontare del corrispettivo complessivo e dell imposta incorporata, ovvero dei dati che permettono di calcolarla (*) Art. 21 bis comma 3: il limite di 100 può essere elevabile fino a 400 euro, o rimosso per alcuni settori di attività o per specifiche tipologie di soggetti, con decreto di natura non regolamentare da parte del Ministro dell economia e delle finanze. La fattura semplificata può essere utilizzata anche per le rettifiche di cui all art. 26 del D.P.R. 633/72, a prescindere dall importo, indicando il riferimento alle fatture originarie e qualificandola come fattura rettificativa, termine che sostituisce quelli abitualmente usati di: note di addebito o accredito. 20

21 Fatturazione semplificata ART. 21 Bis del DPR 633/1972 Comma 2 Operazioni escluse (Recepimento art. 220 bis, 2 comma Direttiva 112/2006) a) Cessioni intracomunitarie art. 41 D.L. 331/93 b) Operazioni di cui all art. 21, comma 6 bis, lett. a). (In genere si tratta delle cessioni di beni o prestazioni di servizi carenti del presupposto territoriale, ai sensi dell art. 7 ter, effettuate da un soggetto passivo residente nel territorio dello Stato nei confronti di un soggetto passivo di altro Stato membro debitore dell imposta). Operazioni incluse (*) Cessioni all esportazione Cessioni assimilate all esportazione Servizi internazionali Operazioni con la Città del Vaticano e la Repubblica di San Marino Operazioni non imponibili DPR art. 8 art. 8 bis art. 9 art. 71 art. 72 (*) Per le operazioni incluse sarà necessario indicare a secondo dei casi: ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome e residenza o domicilio del cessionario o committente. 21

22 Art. 21 Comma 6 DPR 633/72 Obbligo di emissione della fattura per le operazioni territoriali Il nuovo comma 6 dell articolo 21 del DPR 633/72 contiene un elenco particolareggiato delle annotazioni da riportare in fattura, prevedendo come eventuale e, quindi, non più obbligatorio il richiamo alla disposizione nazionale o comunitaria. Infatti l art. 226 della Direttiva 112/2006, riguardante il contenuto della fattura, specifica l obbligatorietà ai fini iva dell indicazione: al punto 10 bis della dicitura autofatturazione se l'acquirente/destinatario che riceve una cessione/prestazione emette una fattura in luogo del fornitore/prestatore, al punto 11 in caso di esenzione, del riferimento alla disposizione applicabile della Direttiva 112/2006 o alla disposizione nazionale corrispondente al punto 11bis la dicitura inversione contabile se l acquirente/destinatario è debitore dell imposta ai punti 13 e 14 la dicitura regime del margine rispettivamente per le operazioni in regime del margine per le agenzie di viaggio e per l applicazione di uno dei regimi speciali applicabili ai beni di occasione e agli oggetti d'arte, di antiquariato o da collezione. L indicazione eventuale in fattura della norma nazionale o comunitaria riguarda anche le: Operazioni nazionali in reverse charge (art. 17 co. 5 e 74 co. 7 del Dpr 633/72): art. 17 co. 5 cessioni di oro da investimento e materiali d oro e semilavorati art. 74 co. 7 cessioni di plastica, rottami ferrosi, stracci, carta, pelli, vetri, gomma, pallet recuperati ai cicli di utilizzo successivi al primo Cessioni intracomunitarie (art. 46 co. 2 D.L. 331/93 emissione della fattura) Le operazioni elencate nel comma 6 bis dell art. 21 del Dpr 633/72, cioè le operazioni non soggette all imposta ai sensi degli artt. da 7 a 7 septies. 22

23 Obbligo emissione fattura per operazioni territoriali senza addebito d imposta OPERAZIONI CON OBBLIGO EMISSIONE FATTURA SENZA ADDEBITO D IMPOSTA Annotazione obbligatoria INDICAZIONE IN FATTURA Eventuale norma nazionale o comunitaria Lett. a) Cessioni relative a beni in transito o depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale non soggette all imposta Operazione non soggetta Art. 7-bis DPR 633/72 (art. 161 Direttiva 112/2006) Lett. b) Operazioni non imponibili per esportazioni definitive, operazioni assimilate all esportazione, servizi internazionali e cessioni a viaggiatori extra-ue Operazione non imponibile Art. 8, 8-bis, 9 e 38-quater DPR 633/72 (Art Direttiva 112/2006) Art. 21 comma 6 DPR 633/72 Lett. c) Lett. d) Operazioni esenti di cui all art. 10 ad eccezione di quelle indicate al. n. 6 Operazioni soggette al regime del margine Operazione esente A seconda dei casi regime del margine per: - beni usati - oggetti d arte - oggetti d antiquariato o da collezione Art. 10 DPR 633/72 (art. 135 Direttiva 112/2006) D.L. n. 41/95 modificato con Legge n. 85/1995 (art. 313 Direttiva 112/2006) Lett. e) Operazioni effettuate dalle agenzie di viaggio e turismo soggette al regime del margine Regime del margine agenzie di viaggio Art. 74-ter DPR 633/72 (art. 306 Direttiva 112/2006) Art. 17 comma 5 e art. 74 comma 7 DPR 633/72 Operazioni interne in regime di reverse charge Inversione contabile Art. 17 commi 5 e art. 74 commi 7-8 DPR 633/72 (art. 199 Direttiva 112/2006) Art. 46 co. 2 D.L. 331/93 Cessioni intracomunitarie Operazione non imponibile Art. 41 D.L. 331/93 (art. 138 Direttiva 112/2006) 23

24 Art. 21 Comma 6 bis DPR 633/72 Obbligo di emissione della fattura per le operazioni non territoriali Per le operazioni attive sotto elencate, dal 1 gennaio 2013, il nuovo comma 6 bis prevede un generalizzato obbligo di fatturazione per tutte le operazioni non soggette all imposta per carenza del presupposto territoriale previsto dagli articoli da 7 a 7 septies del DPR 633/72 e con l indicazione in luogo dell ammontare dell imposta le annotazioni seguenti con l eventuale specificazione della relativa norma comunitaria o nazionale: a) Inversione contabile per le cessioni di beni e prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui agli art. 10, n da 1) a 4) e 9), effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore dell imposta in un altro Stato membro dell UE b) Operazione non soggetta per le cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate fuori dell UE 24

25 Art. 21 Comma 6 bis, lettera a), DPR 633/72 Obbligo di emissione della fattura per operazioni non territoriali Per le operazioni di cui alla lettera a) del comma 6 bis, l obbligo di emissione della fattura scaturisce al verificarsi delle seguenti situazioni: L operazione (cessione di beni o prestazione di servizi) è territorialmente rilevante in altro Stato membro ai sensi degli art. da 7 bis a 7 quinquies La controparte (cessionario o committente) è un soggetto passivo debitore dell imposta in altro Stato membro Deve trattarsi di servizi diversi da quelli previsti dall art. 10 n. da 1 a 4 e 9: cioè le prestazioni relative ad operazioni finanziarie, assicurative e relative intermediazioni. 25

26 Art. 21 Comma 6 bis, lettera b), DPR 633/72 Obbligo di emissione della fattura Per le cessioni di beni o prestazioni di servizi territorialmente rilevanti in un Paese extra-ue, ai sensi degli articoli da 7 bis a 7 septies, la fattura va sempre emessa con l indicazione di operazione non soggetta e, se si vuole, la relativa norma, a prescindere: dallo status: soggetto privato o soggetto passivo, e della residenza: Italia, UE o extra-ue della controparte (cessionario o committente) N.B. Fino al 31/12/2012 tale obbligo riguardava esclusivamente i servizi generici di cui all art. 7 ter del DPR 633/72 resi a soggetti passivi di altro Stato membro. 26

27 Obbligo emissione fattura per operazioni non territoriali Tipo operazione DPR 633/72 Servizio generico Art. 7 ter Servizi specifici rilevanti in altro Stato membro Articoli da 7 quater a 7 septies Servizi specifici rilevanti in altro Paese extra-ue Articoli da 7 quater a 7 septies Committente FATTURAZIONE Obbligo Indicazione Riferimento normativo Soggetto passivo UE SI Inversione contabile Soggetto passivo extra-ue Soggetto passivo UE Soggetto extra-ue Soggetto privato IT UE ovvero extra-ue Soggetto passivo UE ovvero extra-ue SI SI NO NO SI Operazione non soggetta Inversione contabile se il committente è debitore dell imposta nello Stato in cui l operazione è territoriale in quanto opera il meccanismo del reverse charge. Art. 21, comma 6 bis lett. a) Art. 21, comma 6 bis lett. b) Art. 21, comma 6 bis lett. a) Se la prestazione è eseguita all interno di un Paese dove non opera il meccanismo del reverse charge (ad es. Germania). In tal caso il prestatore italiano ha l obbligo di emettere la fattura nello Stato membro di esecuzione del servizio, tramite identificazione diretta o rappresentante fiscale, assoggettando ad imposta la prestazione. Oppure ad esempio: Per servizi di catering o manutenzione immobili eseguiti in Francia con committente soggetto passivo tedesco. Nei casi in cui il prestatore del servizio ha l obbligo di emettere la fattura nello Stato membro in cui l operazione è territoriale: es. servizio catering: imponibilità nel luogo di esecuzione del servizio es. manutenzione immobile: imponibilità nel Paese in cui si trova l immobile Operazione non soggetta Art. 21, comma 6 bis lett. b) Soggetto privato IT- UE ovvero extra-ue 27

28 Tipo operazione DPR 633/72 Cessione di beni estero su estero art. 7 bis esistenti in altro Stato membro dove rimangono Cessioni di beni estero su estero art. 7 bis esistenti in Paese extra-ue Cessionario Soggetto passivo UE Soggetto passivo UE Soggetto passivo extra-ue Soggetto passivo IT Obbligo emissione fattura per operazioni non territoriali FATTURAZIONE Obbligo indicazione Riferimento normativo SI NO SI Inversione contabile se il cessionario, soggetto passivo, è debitore dell imposta nello Stato in cui l operazione risulta territoriale, in quanto in tale Stato opera in via generalizzata il reverse charge (es. Francia). (*) Es. soggetto nazionale acquista in Francia beni che rivende a clienti francesi, soggetti passivi. Art. 21, comma 6 bis lett. a) Nel caso in cui vi è l obbligo di emissione della fattura nello Stato membro in cui l operazione è territoriale, in quanto in tale Paese non opera il reverse charge (*) Es. un soggetto italiano effettua una cessione locale di beni territorialmente rilevante in Germania (in quanto acquistati da un fornitore tedesco e venduti a cliente tedesco). In tal caso il soggetto italiano dovrà fatturare la cessione con iva, previa identificazione diretta o nomina di rappresentante fiscale, non risultando il cliente tedesco debitore dell imposta perché in Germania non opera il reverse charge. Operazione non soggetta Art. 21, comma 6 bis lett. b) (*) Attualmente l inversione contabile obbligatoria opera nei seguenti Stati membri: Belgio, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Lituania, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia. 28

29 Art. 21 Comma 6 ter DPR 633/72 Indicazioni in fattura Con l indicazione standardizzata delle cause di mancata applicazione dell iva in fattura il nuovo comma 6 ter, stabilisce che nei casi in cui agli obblighi iva, in luogo del fornitore, provvede il cessionario di un bene o il committente di un servizio in virtù di un obbligo proprio, la relativa fattura deve riportare l indicazione di: autofatturazione 29

30 IMPOSTA DI BOLLO D.P.R. 642/1972 Ai sensi dell art. 6 della tabella di cui al D.P.R. 642/1972, le fatture riguardanti operazioni assoggettate ad IVA sono esenti dall imposta di bollo. Le fatture, comprese le note di credito o debito, per importi superiori a 77,47 non assoggettate ad IVA sono soggette all imposta di bollo in misura di 2,00 (art. 13 della tariffa parte I, del D.P.R. 642/1972). Le fatture riportanti componenti assoggettati e non assoggettati ad IVA, il bollo è dovuto se i componenti non assoggettati ad iva superino la somma di 77,47. 30

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli