Manuale di Autocontrollo HACCP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Autocontrollo HACCP"

Transcript

1 Manuale di Autocontrollo HACCP Unità Produttiva: Coop. Grar Sede: Via Vicoli 93 - Ravenna Ragione Sociale: Grar Soc. Coop. Sede Sociale: Via Vicoli 93 - Ravenna P.IVA: ANAGRAFICA AZIENDA ANAGRAFICA AZIENDA Program s.r.l. - viale dei Mille n.4, Cervia RA - Tel/Fax P.Iva Operatore del Settore Alimentare Luca Lotti Responsabile dell Autocontrollo Luca Lotti Arianna Miccoli Per approvazione: Luca Lotti Data ultima revisione: 09/03/2015

2 INDICE ANALITICO Sez. 1: REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLE VERIFICHE Sez. 2: PREMESSA Riferimenti normativi Sez. 4: DESCRIZIONE AZIENDA Descrizione attività Gruppo HACCP Descrizione locali Elenco attrezzature Sez. 5: ANALISI DEI PERICOLI Diagrammi di flusso Sez. 9: PROCEDURE Procedure controlli preoperativi e operativi Procedure sanificazione, infestazioni, gestione strutture e attrezzature Procedura formazione personale Procedura approvvigionamento Procedura stoccaggio e trasporto Sez. 11: RINTRACCIABILITÀ Elenco committenti Rintracciabilità Trattamento prodotti non conformi Sez. 13: VERIFICHE Verifica / Audit Verifiche analitiche Sez. 16: DOCUMENTAZIONE VARIA Nota: le sezioni mancanti sono a disposizione per futuri aggiornamenti

3 110000_RC_cop_Grar_000_002.doc REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLE VERIFICHE Schede di riscontro dei controlli e delle verifiche: Scheda attività e verifiche del Manuale di Autocontrollo Scheda Audit Scheda verifiche analitiche - Referti analitici - Scheda non conformità verifiche analitiche Scheda lavaggio automezzi Scheda sanificazione cella Scheda verifica termometri Scheda manutenzioni GESTIONE NON CONFORMITÀ

4 112000_RC_verifiche_Grar_000_001.doc SCHEDA ATTIVITÀ E VERIFICHE DEL MANUALE DI AUTOCONTROLLO Data ATTIVITÀ E VERIFICHE NOTE Firma Controllo schede Verifica piano autocontrollo Verifica Sistema Rintracciabilità Aggiornamento piano autocontrollo Prelievi per analisi microbiologiche Test con Bioluminometro Consegna documenti Controllo schede Verifica piano autocontrollo Verifica Sistema Rintracciabilità Aggiornamento piano autocontrollo Prelievi per analisi microbiologiche Test con Bioluminometro Consegna documenti Controllo schede Verifica piano autocontrollo Verifica Sistema Rintracciabilità Aggiornamento piano autocontrollo Prelievi per analisi microbiologiche Test con Bioluminometro Consegna documenti Controllo schede Verifica piano autocontrollo Verifica Sistema Rintracciabilità Aggiornamento piano autocontrollo Prelievi per analisi microbiologiche Test con Bioluminometro Consegna documenti Controllo schede Verifica piano autocontrollo Verifica Sistema Rintracciabilità Aggiornamento piano autocontrollo Prelievi per analisi microbiologiche Test con Bioluminometro Consegna documenti Controllo schede Verifica piano autocontrollo Verifica Sistema Rintracciabilità Aggiornamento piano autocontrollo Prelievi per analisi microbiologiche Test con Bioluminometro Consegna documenti

5 113000_RC_sanif_mezzi_Grar_000_000.doc SCHEDA LAVAGGIO AUTOMEZZI Frequenza quindicinale TARGA MEZZO Mese/Anno 1 o LAVAGGIO ORDINARIO Intervento o LAVAGGIO STRAORDINARIO Firma Autista in turno

6 H.A.C.C.P _RC_san_cella_Grar_000_000.doc SCHEDA CONTROLLO SANIFICAZIONE CELLA FRIGORIFERA (Frequenza bimestrale) Data Descrizione operazioni Conforme Non conforme Firma Controlli - Ricerca di tracce visibili di sporco - Esame olfattivo - Prova fazzoletto candido - Esame tattile Non conforme Registro non conformità - Tracce di sporco - Odori - Fazzoletto sporco - Sensazione tattile di unto Azione correttiva - Ripristinare le condizioni igieniche - Richiamare l addetto - Eventualmente correggere il programma di sanificazione

7 114600_RC_ver_term_Grar_000_000.doc SCHEDA VERIFICA TERMOMETRI CELLA E AUTOMEZZI Frequenza:annuale Data Oggetto della misurazione, estremi del controllo Conforme Conforme Non Conforme Registro non conformità Non conforme Azione correttiva Firma Differenza delle temperature inferiore a ± 3 C Differenza delle temperature maggiore a ± 3 C Sostituire o riparare lo strumento di misura non conforme

8 115000_RC_manutenz_Grar_000_000.doc SCHEDA MANUTENZIONI CELLA FRIGORIFERA Riportare le manutenzioni, le riparazioni ed i controlli ogni qualvolta si interviene Oggetto della manutenzione Tipo di intervento Data e firma

9 116000_RC_reg_analisi_Grar_000_002.doc SCHEDA VERIFICHE ANALITICHE (TAMPONI AMBIENTALI) Data sessione analisi Oggetto del controllo Esiti tutti conformi Presenza esiti non conformi (rif. Scheda non conformità) Firma

10 116500_RC_NC_analisi_Grar_000_001.doc SCHEDA NON CONFORMITÀ VERIFICHE ANALITICHE Da compilare ogni volta che si verifica la non conformità DATA : NOME DEL COMPILATORE: NON CONFORMITÀ RISCONTRATA: Tampone superficiale: ANALISI DELLE CAUSE: AZIONE CORRETTIVA:. FIRMA:

11 118000_RC_cop_NC_Grar_000_000.doc GESTIONE NON CONFORMITÀ

12 118500_RC_NC_unica_Grar_000_000.doc SCHEDA NON CONFORMITÀ Da compilare ogni volta che si verifica una non conformità DATA: NOME DEL COMPILATORE: DESCRIZIONE DELLA NON CONFORMITÀ: o PULIZIA MEZZI o TEMPERATURA MEZZI o MANUTENZIONE MEZZI o SANIFICAZIONE CELLA o STOCCAGGIO A TEMPERATURA CONTROLLATA o INFESTAZIONI o MANUTENZIONI CELLA o IGIENE DEL PERSONALE o ALTRO:.. ANALISI DELLE CAUSE: AZIONE CORRETTIVA: FIRMA

13 PREMESSA

14 220000_prem_intro_Grar_000_001.doc Pag. 1/1 Premessa Il presente Piano di Autocontrollo è redatto dall Operatore del Settore Alimentare, in collaborazione con i tecnici della società PROGRAM Srl in base a: Reg. CE 852/04: igiene dei prodotti alimentari Legge 283/62: disciplina igienica produzione e vendita delle sostanze alimentari e bevande D.P.R. 327/80: disciplina igienica produzione e vendita delle sostanze alimentari e bevande Reg. UE 1169/11 e D.Lgs. 109/92: etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Reg. CEE/UE 178/2002 (art. 18 e 19): rintracciabilità degli alimenti D.Lgs. 31/01: qualità delle acque destinate al consumo umano Regione Emilia-Romagna: L.R. 11/2003 Nuove misure per la prevenzione delle malattie trasmissibili attraverso gli alimenti. Abolizione del libretto di idoneità sanitaria. e D.G.R. 342/2004 Criteri e modalità per l'organizzazione dei corsi di formazione ed aggiornamento in materia di igiene degli alimenti e per il rilascio del relativo attestato ai sensi dell art. 3 della L.R. 11/03 Regione Emilia-Romagna: D.G.R. 1869/2008 Semplificazione del Sistema HACCP per alcune imprese del settore alimentare ; tale norma riguarda le seguenti tipologie di imprese alimentari: A. Settori alimentari che non svolgono alcuna attività di preparazione, produzione o trasformazione di prodotti alimentari, oppure che svolgono semplici operazioni di preparazione degli alimenti B. Settori alimentari, in cui la manipolazione degli alimenti segue procedure consolidate, che costituiscono spesso parte della normale formazione professionale degli operatori del settore in questione Tale semplificazione prevede che a seguito dell applicazione dell analisi dei pericoli al processo considerato, la gestione degli stessi avvenga attraverso la predisposizione e l applicazione da parte dell impresa alimentare di procedure di controllo basate sull applicazione di misure igieniche di base. È parte integrante del presente Piano di Autocontrollo il Registro dei Controlli e delle Verifiche che evidenzia l applicazione decisionale e operativa di quanto emerge dall analisi dei pericoli e dai prerequisiti inerenti al tipo di attività in essere.

15 230000_prem_def_gen_Grar_000_000.doc Pag. 1/1 DEFINIZIONI GENERALI Pericolo (microbiologico chimico fisico): possibilità di rendere l alimento non salubre per il consumo. Severità: entità del pericolo, cioè gravità delle sue conseguenze in termini sanitari. Rischio: stima della probabilità che si verifichi il pericolo (unità di misura della frequenza del pericolo). Non conformità: deviazione che si riscontra dal limite critico di accettabilità. Azione correttiva: azione da intraprendere in caso di superamento dei limiti critici, per assicurare la salubrità dell alimento. Monitoraggio: sistema di controllo attraverso osservazioni e/o registrazioni di dati. Prerequisiti: condizioni di base e attività (per la sicurezza alimentare) che sono necessarie per mantenere un ambiente igienico adeguato, nell ambito della filiera alimentare, adeguato per la produzione, manipolazione e fornitura di prodotti finiti sicuri e di alimenti sicuri per il consumo umano

16 240000_prem_ana_peric_Grar_000_001.doc Pag. 1/2 ANALISI DEI PERICOLI ANALISI DEI PERICOLI I pericoli legati alle operazioni nelle attività di manipolazione degli alimenti sono distinti in: pericoli chimici pericoli fisici pericoli microbiologici Procediamo all individuazione dei pericoli e alla successiva analisi dei rischi. Pericoli chimici I pericoli chimici per gli alimenti possono derivare da: processi di pulizia e disinfezione: - la detersione e la disinfezione delle superfici di lavorazione può lasciare residui chimici che possono contaminare gli alimenti che vengono in contatto con quelle superfici. Pericoli fisici La contaminazione fisica degli alimenti può avvenire in ogni fase del percorso alimentare e può derivare da: - rotture nelle confezioni delle materie prime - condizioni ambientali di stoccaggio e trasporto Pericoli microbiologici I pericoli microbiologici sono i più importanti poiché i microrganismi patogeni sono causa delle tossinfezioni alimentari. Il pericolo microbiologico è legato ad una inaccettabile contaminazione, crescita o sopravvivenza di microrganismi patogeni. Per definire questo pericolo è fondamentale considerare i fattori di conservazione utilizzati durante il ciclo di vita dell alimento. I pericoli microbiologici possono derivare da: materie prime - alimenti che non sono stati oggetto di una corretta conservazione e si presentano all origine contaminati da microrganismi patogeni percorso alimentare - sopravvivenza e moltiplicazione microbica dovuta a un procedimento di cottura errato - contaminazione del prodotto per l errata manipolazione da parte degli operatori

17 240000_prem_ana_peric_Grar_000_001.doc Pag. 2/2 - moltiplicazione microbica dovuta ad una conservazione con temperature e/o tempi errati - contaminazione crociata fra prodotti crudi inquinati e prodotti cotti processi di pulizia e disinfezione: - contaminazione dovuta alla mancanza di igiene dei locali e delle attrezzature

18 250000_prem_az_prev_corr_Grar_000_000.doc Pag. 1/1 DEFINIZIONE DELLE AZIONI PREVENTIVE E CORRETTIVE Le azioni preventive per eliminare o ridurre a livelli accettabili i rischi analizzati sono di varia natura e si possono applicare in vari momenti del ciclo di vita degli alimenti. - Proteggere gli alimenti da qualsiasi contaminazione da agenti chimici, fisici o biologici - Gestire correttamente i tempi e temperature di conservazione - Effettuare la manutenzione di attrezzature / locali - Impedire qualunque tipo di contaminazione da parte degli operatori nella manipolazione degli alimenti - Assicurare l igiene delle superfici dei mezzi e delle celle - Sanificare e disinfettare i servizi igienici - Rispettare la legislazione vigente per gli alimenti gestiti dall attività - Rispettare le Procedure di Buona Prassi Igienica dell attività AZIONI CORRETTIVE: azioni da adottare quando il monitoraggio evidenzia che un parametro di controllo ha superato i relativi limiti critici oppure ha evidenziato anomalie. L individuazione delle azioni preventive e correttive per le singole fasi è documentata nella sezione relativa alle lavorazioni.

19 DESCRIZIONE AZIENDA

20 371000_descr_att_trasporto_Grar_000_001.doc Pag. 1/1 DESCRIZIONE DELL AZIENDA L attività in esame è una cooperativa di servizi che effettua (conto terzi) stoccaggio a temperatura controllata e trasporto di alimenti. Gli alimenti trasportati possono essere non deperibili (trasportati a temperatura ambiente) e deperibili (trasportati/stoccati a temperatura controllata). L attività di trasporto consiste nel ritiro della merce presso il cliente, trasporto e consegna presso il destinatario. L attività di stoccaggio consiste nel ricevimento della merce in magazzino, stoccaggio e ritiro da parte del cliente o trasporto. Considerando: - che il tipo di attività è ricompresa nella tipologia A secondo la D.G.R. Emilia Romagna n 1869 del 17/11/ che i consumatori non appartengono a particolari categorie a rischio per la redazione del seguente Piano si è tenuto conto di quanto indicato nella normativa sopra menzionata. PRINCIPALI TIPOLOGIE ALIMENTI TRATTATI Trasporto Stoccaggio Attività Prodotti specifici Alimenti congelati/surgelati confezionati Alimenti non deperibili confezionati e sfusi (ortofrutta) Alimenti deperibili confezionati e sfusi Mezzene e/o carne sfusa Pesce fresco Pasti pronti (in contenitori ermetici) Alimenti non deperibili confezionati e sfusi (ortofrutta) Alimenti deperibili confezionati

21 375000_descr_att_gruppo_Grar_000_001.doc Pag. 1/1 GRUPPO HACCP Il gruppo è costituito da componenti fissi facenti parte dell organizzazione aziendale supportati da consulenti esterni, coinvolti per gli aspetti scientifici e metodologici. La composizione del gruppo HACCP può mutare nel tempo per il subentro di nuove figure e/o la sostituzione di altre. Cognome e Nome LUCA LOTTI LUCA LOTTI ARIANNA MICCOLI LUCA LOTTI GIANLUCA BARCHI PROGRAM s.r.l. Mansione Operatore Settore Alimentare Responsabili dell Autocontrollo Responsabile manutenzioni Responsabile di piazzale Consulente tecnico sicurezza alimenti

22 380000_descr_att_descr_loc_Grar_000_001.doc Pag. 1/3 DESCRIZIONE DEI LOCALI E DEI MEZZI LOCALI Cella Lo stoccaggio dei prodotti deperibili avviene in cella refrigerata collacata all interno di un magazzino adibito allo stoccaggio di prodotti non alimentari Le materie prime sono stoccate in scaffalature di materiale lavabile e disinfettabile. Flotta I mezzi della flotta possiedono tutti i requisiti previsti dalle normative per essere idonei alla circolazione e al trasporto di prodotti alimentari. La documentazione di ogni automezzo è presente sull automezzo stesso e in copia presso la sede legale dell Azienda. Mezzi Note Mezzo 803 (CC714KS) FNAX 0 Mezzo 805 (EL 466 EN) FRC -20 Mezzo 806 (EG065WV) FRC -20 Mezzo 808 (EH762BD) FRCX -20 Mezzo 811 (DT 144 SA) FRCX - 20 Mezzo 816 (DM845WZ) FRC -20 Mezzo 819 (EL 147 EN) FRC - 20 Mezzo 824 (DH417HG) FRC - 20 Confez/orto Mezzo 826 (CN986ZN) FRCX - 20 Mezzo 828 (DZ646CA) FRCX - 20 Mezzo 833 (DP567ML) FRC - 20 Mezzo 834 (ET 319 ZZ) FRCX - 20 Mezzo 835 (DY932BP) FRCX - 20 Con fez/orto/pasti Mezzo 836 (DZ507CA) FRCX - 20 Con fez/orto Mezzo 838 (ER 837 XN) FRCX - 20 Mezzo 839 (DN497BP) Mezzo 841 (DW629CA) FRB - 10 Con fez/orto FRCX - 20 Con fez/orto/pasti Mezzi 842 (ET835PN) FRCX - 20 Mezzo 847 (EL987WP) FRCX - 20 Mezzo 848 (EL331EN) FRC Mezzo 849 (DT141SA) FRCX - 20 FNA (frigorifero normale classe A) il veicolo è omologato al trasporto di alimenti fino a una temperatura di +0. FRB (frigorifero rinforzato classe B) il veicolo è omologato al trasporto di alimentari fino ad una temperatura di FRC (frigorifero rinforzato classe C) il veicolo è omologato al trasporto alimentari fino ad una temperatura di X questa lettera è indicata alla fine della sigla nel caso in cui un mezzo di trasporto isotermico sia munito di gruppo frigorifero NON AUTONOMO.

23 380000_descr_att_descr_loc_Grar_000_001.doc Pag. 2/3 Toilette personale La toilette ad uso esclusivo del personale si trova adiacente al magazzino. I pavimenti e le pareti sono rivestiti di materiale resistente e facilmente lavabile e disinfettabile. La piastrellatura raggiunge i 2 m di altezza da terra. Le porte sono di materiale lavabile e non assorbente. Sono presenti lavabi con comando a fotocellula ed il sanificante per le mani è facilmente fruibile; gli asciugamani sono a perdere e vengono raccolti in un idoneo contenitore

24 380000_descr_att_descr_loc_Grar_000_001.doc Pag. 3/3 RILIEVO FOTOGRAFICO Magazzino (esterno cella frigorifera) Monitoraggio infestanti (esempio segnalazione esca) Rivestimento mezzi isotermici.

25 390000_descr_att_el_attr_Grar_000_000.doc Pag. 1/1 ATTREZZATURE Elenco indicativo delle attrezzature presenti nell attività: - Cella frigorifera - Muletti elettrici - Transpallet - Automezzi - Freezer pozzetto Nota: il freezer a pozzetto è impiegato esclusivamente in caso di reso di prodotti surgelati che non sia possibile riconsegnare subito al cliente

26 ANALISI DEI PERICOLI

27 415000_lavor_intro_GMP_Grar_000_000.doc Pag. 1/1 ANALISI DEI PERICOLI L analisi dei pericoli è eseguita esaminando le lavorazioni tipiche dell attività e la loro suddivisione in fasi (descrizione tramite diagrammi di flusso); per ciascuna fase sono individuati: o o o i pericoli tipici (di origine chimica, fisica o microbiologica) le misure preventive per evitare i pericoli i relativi controlli da effettuare

28 469000_lavor_stoccaggio_Grar_000_000.doc Pag. 1/1 STOCCAGGIO RICEVIMENTO MERCE STOCCAGGIO A T CONTROLLATA RITIRO MERCE da parte del committente TRASPORTO Fase Pericolo Azione Preventiva Controllo RICEVIMENTO E RITIRO MERCE STOCCAGGIO A TEMPERATURA CONTROLLATA Fisico: danneggiamento confezioni dovuto ad inadeguate scorretta manipolazione Microbiologico: moltiplicazione di eventuali microrganismi presenti dovuta all esposizione a temperature indadeguate Fisico: danneggiamento confezioni se inadeguate condizioni di stoccaggio Corretta e appropriata movimentazione delle merci Verifica corretto funzionamento frigorifero Sistemazione del carico in modo da evitare ribaltamenti e schiacciamenti Addestramento del personale Verifica corretta temperatura di stoccaggio e corretto posizionamento merce

29 470000_lavor_azienda_trasp_Grar_000_000.doc Pag. 1/1 TRASPORTO CARICO MERCE PRESSO IL COMMITTENTE TRASPORTO (T controllata) TRASPORTO (T ambiente) TRASPORTO PASTI (T ambiente con casse termiche) SCARICO presso il destinatario Fase Pericolo Azione Preventiva Controllo CARICO/SCARICO TRASPORTO TEMP. CONTROLLATA (prodotti sfusi e confezionati) TRASPORTO TEMP. AMBIENTE TRASPORTO PASTI Biologico (solo per mezzene): Contaminazione dovuta a scorretta manipolazione Fisico: danneggiamento confezioni dovuto ad inadeguate scorretta manipolazione Microbiologico: moltiplicazione di eventuali microrganismi presenti dovuta all esposizione a temperature inadeguate Chimico: presenza di residui di principi attivi (detersivi) per trasporto di prodotti sfusi Fisico: danneggiamento confezioni se inadeguate condizioni di trasporto Fisico: danneggiamento confezioni/contenitori se inadeguate condizioni di trasporto Fisico: danneggiamento contenitori se inadeguate condizioni di trasporto Microbiologico: moltiplicazione di eventuali microrganismi presenti dovuta all esposizione a temperature inadeguate Contaminazione dovuta a sanificazione insufficiente Corretta e appropriata movimentazione delle merci Verifica corretto funzionamento frigorifero/freezer Sistemazione del carico in modo da evitare spostamenti, ribaltamenti e schiacciamenti Sistemazione del carico in modo da evitare spostamenti, ribaltamenti e schiacciamenti Corretta esecuzione delle operazioni di sanificazione Sistemazione del carico in modo da evitare ribaltamenti e schiacciamenti Impiego di automezzi isotermici adeguatamente sanificati Addestramento del personale Verifica corretta temperatura di trasporto, corretto posizionamento merce e adeguate condizioni di pulizia Verifica corretto posizionamento merce e adeguate condizioni di pulizia Verifica corretto posizionamento merce e adeguate condizioni di pulizia

30 PROCEDURE

31 615000_proc_controlli_preop_Grar_000_003.doc Pag. 1/1 PROCEDURA CONTROLLI IN FASE PREOPERATIVA Scopo e campo di applicazione: scopo della procedura è definire i controlli da effettuare prima di iniziare il trasporto, al fine di ridurre al minimo i rischi di contaminazione degli alimenti. Responsabile: Responsabile dell Autocontrollo Preposto all applicazione: l applicazione della procedura è a carico degli autisti; all OSA (e/o Responsabile dell Autocontrollo) spetta la vigilanza sul rispetto della procedura. Periodicità: tali controlli sono eseguiti quotidianamente Modalità operative Il controllo riguarda: A. Igiene mezzi: si verificano le corrette condizioni igienico-sanitarie dei vani di carico. B. Corretto funzionamento dell attrezzatura refrigerante: si verifica che le temperature della cella e dei vani di trasporto siano corrette (T=4 C e /o T=--20 C) Registrazioni Le eventuali non conformità riscontrate sono registrate nella Scheda non conformità dove sarà descritto il problema e soprattutto l azione correttiva adottata.

32 620000_proc_controlli_op_Grar_000_001.doc Pag. 1/1 PROCEDURA CONTROLLI IN FASE OPERATIVA Scopo e campo di applicazione: scopo della procedura è definire i controlli da effettuare durante il trasporto, volti a ridurre al minimo i rischi di contaminazione. Responsabile: Responsabile dell Autocontrollo Preposto all applicazione: l applicazione della procedura è a carico degli autisti; all OSA (e/o Responsabile dell Autocontrollo) spetta la vigilanza sul rispetto della procedura. Periodicità: tali controlli sono eseguiti quotidianamente, durante le attività di lavoro. Modalità operative Al momento del carico della merce, l autista controlla che la temperatura del vano di carico sia alla temperatura del prodotto da trasportare. Durante il trasporto si controlla il mantenimento della catena della freddo visionando le temperature registrate dal termoregistratore. Registrazioni Le eventuali non conformità riscontrate sono registrate nella Scheda non conformità dove è descritto il problema e soprattutto l azione correttiva adottata.

33 625000_proc_sanif_Grar_000_003.doc Pag. 1/2 PROCEDURA IGIENE LOCALI/ATTREZZATURE Scopo e campo di applicazione: definire modalità e frequenza delle operazioni di pulizia e disinfezione della cella frigorifera dei bagni del personale. Responsabile: Responsabile dell Autocontrollo Preposto all applicazione: addetto incaricato Modalità operative Il Responsabile dell Autocontrollo programma e predispone gli interventi di sanificazione e verifica che le operazioni siano state eseguite con modalità e frequenza specificate nel Programma di Sanificazione. Le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti chimici utilizzati sono allegate al Manuale di Autocontrollo Caratteristiche di una superficie pulita (limiti di accettabilità): - assenza di tracce visibili - nessuna sensazione di unto al tatto - assenza di odori sgradevoli - un fazzoletto di carta bianco passato sulla superficie non viene sporcato

34 625000_proc_sanif_Grar_000_003.doc Pag. 2/2 PROGRAMMA DI SANIFICAZIONE CELLA Locali di lavorazione/preparazione Superfici a contatto Superficie PRODOTTO Frequenza Pareti e soffitto Pavimenti LYSOFORM LYSOFORM BIMESTRALE Spogliatoi e servizi igienici Superficie PRODOTTO Frequenza Sanitari e lavandini LYSOFORM GIORNALIERA Pavimenti e pareti LYSOFORM GIORNALIERA Porte e maniglie LYSOFORM QUINDICINALE Non conformità ed azioni correttive Qualora in fase preoperativa si evidenzi un superamento del limite di accettabilità (superfici di lavoro sporche, presenza di polvere, tracce di unto e odori sgradevoli), non si intraprendono le normali attività lavorative prima che non siano ripristinate le condizioni idonee applicando le indicazioni riportate nel Programma di Sanificazione. Registrazioni Il controllo del rispetto della procedura relativamente alla sanificazione della cella frigorifera avviene quotidianamente in fase preoperativa con registrazione nella Scheda controlli sanificazione cella frigorifera con cadenza bimestrale Le eventuali non conformità riscontrate sono registrate nella Scheda non conformità dove sarà descritto il problema e soprattutto l azione correttiva adottata.

35 625000_proc_sanif_mezzi_000_003.doc Pag. 1/2 PROCEDURA IGIENE AUTOMEZZI Scopo e campo di applicazione: definire modalità e frequenza delle operazioni di pulizia dei mezzi di trasporto Responsabile: Responsabile dell Autocontrollo Preposto all applicazione: l applicazione della procedura è a carico degli autisti; il Responsabile dell Autocontrollo programma e predispone gli interventi di pulizia e verifica che le operazioni siano state eseguite con modalità e frequenza specificate nel Programma di Sanificazione Punto di intervento Vani automezzi per trasporto prodotti confezionati e pasti Vani automezzi dedicato a mezzene e pesce fresco PROGRAMMA DI SANIFICAZIONE Prodotto usato in lavaggio ordinario CLEANER DAP CLEANER DAP + BAC 50 Frequenza minima Quindicinale Prima di ogni carico alimentare che segua un trasporto non alimentare Al termine do ogni trasporto Modalità operative: Le operazioni di lavaggio dei mezzi di trasporto vengono effettuate dagli autisti presso la stazione di lavaggio del CONSAR utilizzando gli appositi detergenti in dotazione. I veicoli adibiti al trasporto di prodotti confezionati sono regolarmente lavati con cadenza minima quindicinale e ogniqualvolta se ne determini la necessità. Considerato il trasporto esclusivo di prodotti confezionati si reputa non necessaria l operazione di disinfezione eccetto quando si determina una non conformità che può compromettere la salubrità degli alimenti trasportati. I veicoli adibiti al trasporto di carne sfusa e pesce fresco sono lavati alla fine di ogni carico prevedendo sia la detersione che la disinfezione.

36 625000_proc_sanif_mezzi_000_003.doc Pag. 2/2 Le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti chimici utilizzati sono allegate al Manuale di Autocontrollo Modalità di controllo Il Responsabile dell Autocontrollo verifica che le operazioni di pulizia sono state eseguite con modalità e frequenza specificate. Caratteristiche di una superficie pulita (limiti di accettabilità): - assenza di tracce visibili - nessuna sensazione di unto al tatto - assenza di odori sgradevoli Non conformità ed azioni correttive Qualora le operazioni di monitoraggio evidenzino un superamento del limite di accettabilità (superfici di lavoro sporche, tracce di unto e odori sgradevoli, superfici con residui di sangue o acqua di scongelamento derivante dai prodotti trasportati), non si intraprendono le normali attività di trasporto prima che non siano ripristinate le condizioni idonee applicando oltre alla normale detersione delle pareti e superfici anche la disinfezione con appropriati prodotti chimici (lavaggio straordinario). Il lavaggio straordinario è eseguito sempre a seguito di non conformità. Registrazioni Il controllo del rispetto della procedura prevede la compilazione della Scheda lavaggio automezzi. Le eventuali non conformità riscontrate sono registrate nella Scheda non conformità dove sarà descritto il problema e soprattutto l azione correttiva adottata.

37 630000_proc_infest_Grar_000_002.doc Pag. 1/2 PROCEDURA LOTTA INFESTANTI Scopo e campo di applicazione: definire le modalità di un corretto controllo degli infestanti, in particolare roditori, insetti volanti e striscianti. La lotta agli infestanti coinvolge tutti i locali ad uso alimentare. Responsabile: Responsabile dell Autocontrollo Preposto all applicazione: addetti magazzino Modalità operative Qualsiasi intervento di lotta agli infestanti è caratterizzato da: - misure preventive - monitoraggio: ricerca degli infestanti e rilevamento sistematico della loro presenza Misure preventive: prerequisiti strutturali e gestionali Il momento principale del controllo degli infestanti è rappresentato dalla messa in atto degli interventi per evitare l ingresso e comunque lo sviluppo degli infestanti stessi: - dotare le finestre di reticelle contro gli insetti - assicurare la perfetta chiusura di tutte le porte verso l esterno - sigillare eventuali crepe, fori, ed anfratti di pavimenti e pareti - dotare tutti i locali di sufficiente illuminazione - accertarsi che gli scarichi nei pavimenti e nei bagni siano correttamente sifonati - mantenere l area esterna sgombra e pulita, evitare lo stoccaggio di materiali vari a ridosso dei muri - mantenere i locali il più possibile puliti e ordinati - evitare lo stazionamento di imballaggi e di materiali ed attrezzature inutilizzati - controllare la merce in arrivo e stoccarla in modo corretto ed ordinato - evitare la presenza di spazi inaccessibili alle operazioni di pulizia - asportare e smaltire quotidianamente ogni sorta di rifiuto

38 630000_proc_infest_Grar_000_002.doc Pag. 2/2 Monitoraggio Il monitoraggio dell eventuale presenza di infestanti è svolto tramite ditta esterna con cadenza trimestrale. Il posizionamento delle trappole è riportato in apposita planimetria. Le caratteristiche specifiche delle trappole utilizzate e delle eventuali sostanze chimiche in esse contenute sono elencate e dettagliate nelle relative Schede tecniche e di sicurezza. Non conformità ed azioni correttive Qualora le operazioni di monitoraggio evidenzino una infestazione in atto, diventa indispensabile attivare un piano di trattamento (insetticidi, rodenticidi ecc.). E un intervento svolto in genere da ditte specializzate addestrate e autorizzate, poiché il tipo di disinfestazione va scelto in relazione al tipo di infestante rilevato. Prima di utilizzare sostanze disinfestanti/derattizzanti è indispensabile assicurarsi che le persone e gli alimenti non siano esposti agli agenti chimici. A tale proposito risultano indispensabili i seguenti accorgimenti: - sospendere l attività - posizionare rodenticidi solo ed esclusivamente in contenitori di sicurezza, ancorati al terreno o alle pareti e con coperchi chiusi a chiave - coprire tutte le attrezzature e piani di lavoro con idonee protezioni - aerare scrupolosamente i locali ed eseguire un accurata pulizia di locali ed attrezzature prima della ripresa delle attività Registrazioni Al Manuale di Autocontrollo sono allegati i documenti relativi al monitoraggio da parte della ditta esterna. Le eventuali non conformità riscontrate sono registrate nella Scheda non conformità dove sarà descritto il problema e soprattutto l azione correttiva adottata.

39 635000_proc_manut_Grar_000_003.doc Pag. 1/2 PROCEDURA GESTIONE STRUTTURE E ATTREZZATURE Scopo e campo di applicazione: lo scopo della procedura è definire le modalità di attuazione degli interventi di manutenzione degli automezzi e della cella. Responsabile: Responsabile dell Autocontrollo Preposto all applicazione: il Responsabile dell Autocontrollo programma e predispone gli interventi di manutenzione. Tali interventi possono essere affidati a ditte esterne o a personale interno esperto. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Punto d intervento Pareti tinteggiate/verniciate Mezzi Tipo di intervento Eliminazione di muffe, macchie ed annerimenti Eliminazione di eventuali crepe nell intonaco Manutenzione motore, pneumatici Manutenzione impianto frigorifero Gestione/rinnovo permessi (ATP, notifica trasporto alimenti, ecc.) Frequenza intervento Intervento a carattere straordinario Vedi programma Flotta Grar Verifica funzionalità termometro Annuale Cella frigorifera Verifica funzionalità motore Verifica funzionalità termometro Controllo guarnizioni e funzionalità porta Annuale

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Farmacia: Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Regolamento (CE) n. 852/2004 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Responsabile di questo Manuale di Autocontrollo è il dr titolare

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI Il sottoscritto attiva la procedura ed a tal fine fornisce le seguenti informazioni e dichiarazioni.

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini HACCP: La Storia La Storia Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point) è nato circa 50 anni fa per una esigenza operativa diversa da

Dettagli

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO 0 04/2002 1 di 6 DICHIARAZIONE DEL TITOLARE L Amministrazione della MCS S.r.l. garantisce il livello di Qualità dei suoi prodotti, rispondendo alle richieste ed alle esigenze dei Clienti. La Qualità, secondo

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione A cura dei Medici di Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL di Carbonia: Gian Mauro Vinci, Gabriella Carta, Cesare Gradoli, Gabriella Pitzalis,. Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

MANUALE di AUTOCONTROLLO. per l attività di trasporto terrestre, deposito e distribuzione fisica. di prodotti alimentari

MANUALE di AUTOCONTROLLO. per l attività di trasporto terrestre, deposito e distribuzione fisica. di prodotti alimentari SOTRAL S.r.l. MANUALE DI OCONTROLLO PIG 01 Pag. 1 di 22 Tipo documento: Procedura di igiene Copia controllata n MANUALE di OCONTROLLO per l attività di trasporto terrestre, deposito e distribuzione fisica

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 69 Visto il Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modifiche ed integrazioni; Vista la L.R. n.22 del

Dettagli

Su proposta dell Assessore alla Salute, Politiche della Sicurezza dei Cittadini; D E L I B E RA

Su proposta dell Assessore alla Salute, Politiche della Sicurezza dei Cittadini; D E L I B E RA Visti e richiamati: il Regolamento (CE) del 28 gennaio 2002 n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l Autorità europea per la sicurezza alimentare

Dettagli

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 LE NON CONFORMITA NON CONFORMITA CRITICA MAGGIORE MINORE DEVIAZIONE Deviazione di importanza

Dettagli

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L.

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. 'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR Azienda Sede azienda Farmacia Dott. Via Attività svolta Consulenza Farmacia Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. tel 0585/250783

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP PREDISPOSTO AI SENSI DEL Reg. CE 178/2002 e del Reg. CE 852/2004 Elaborato in data: 19 Novembre 2012 AMITALIA S.r.l VIA COMO, 47 20020 - SOLARO (MI) INDICE

Dettagli

AUTOCONTROLLO SEMPLIFICATO MICROIMPRESE

AUTOCONTROLLO SEMPLIFICATO MICROIMPRESE AUTOCONTROLLO SEMPLIFICATO MICROIMPRESE Definizione di microimpresa fornita dal Reg. 800/08/CE: un'impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ASL OLBIA (S.I.A.N.) SERVIZIO IGIENE E ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (S.I.A.O.A.)

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO SCHEDA PER LA CLASFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO Ragione sociale:.... Sede legale: Sede produttiva:....... Telefono: fax:..e-mail:..... Codice fiscale / partita IVA:... Legale rappresentante:...

Dettagli

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi AMBITO VOLONTARIO normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi La certificazione è l'insieme delle procedure e delle attività,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Ufficio IX Regioni

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili

Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili Parma 04 novembre 2010 Hotel Parma e Congressi 1 Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO Kraft Foods mission:

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Responsabile del Procedimento Il Referente DUVRI Potenza, lì / / PREMESSA Il

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

NOTIZIARIO TECNICO. Sistema HACCP. Informativa sul d.l. 155 26.05.1997. Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti

NOTIZIARIO TECNICO. Sistema HACCP. Informativa sul d.l. 155 26.05.1997. Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti NOTIZIARIO TECNICO Sistema HACCP Informativa sul d.l. 155 26.05.1997 Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti 1 Informativa sul D.L. n 155 del 26/05/1997 Sistema HACCP Questo D.L. dà attuazione

Dettagli

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto MANUALE di AUTOCONTROLLO redatto secondo il METODO HACCP per le fasi di TRASPORTO e DISTRIBUZIONE del VITTO ai degenti della Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce di Nemi UOC di Riabilitazione

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, 54-14100- Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti A. Requisiti degli automezzi non soggetti ad Autorizzazione sanitaria (art., D.P.R. n. 7/980) Il trasporto di qualsiasi sostanza alimentare avviene con

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05. Allegato Al1 AL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLA AZIENDA USL PER IL TRAMITE DEL COMUNE Dl DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO PER LA PRODUZIONE CASEARIA IN ALPEGGIO

MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO PER LA PRODUZIONE CASEARIA IN ALPEGGIO Pagina 1 di 33 Regione Lombardia Associazione Regionale Allevatori della Lombardia S.A.T.A. MANUALE DI PER LA PRODUZIONE CASEARIA IN ALPEGGIO della AZIENDA AGRICOLA.. RESPONSABILE dell Sig.. Pag.Pagina

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE Pag.1 Dr.Patrizia Pacini - Dirigente Medico Responsabile S.I.A.N.- Dr.Stefania Tessari Dirigente Medico S.I.A.N. p.i. Giuliano Ferron -Tecnico della Prevenzione

Dettagli

HACCP. il personale sia informato e formato, le fasi della produzione e della sanificazione siano conformi ai requisiti di igiene alimentare,

HACCP. il personale sia informato e formato, le fasi della produzione e della sanificazione siano conformi ai requisiti di igiene alimentare, Comunicazione relativa alla Sicurezza Alimentare La scuola, in quanto operatore del settore alimentare, è responsabile che tutti gli alimenti, somministrati durante l attività scolastica, siano salubri

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto Animali del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda U.S.L. della Valle d Aosta;

Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto Animali del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda U.S.L. della Valle d Aosta; LA GIUNTA REGIONALE - richiamata legge 30 aprile 1962, n. 283 recante Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA

ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della

Dettagli

Principale normativa di riferimento: D. l.vo 109/1992 e Reg. UE 1169/2011 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari)

Principale normativa di riferimento: D. l.vo 109/1992 e Reg. UE 1169/2011 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari) Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene alimenti e nutrizione Servizio Veterinario - Alimenti di Origine Animale (Area B) CONTROLLO UFFICIALE delle IMPRESE ALIMENTARI CAMPI D ESAME Il controllo ufficiale,

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

Dallo spreco alla solidarietà

Dallo spreco alla solidarietà Dallo spreco alla solidarietà Linee guida per la gestione e distribuzione di prodotti alimentari per le organizzazioni che hanno partecipato al Progetto Regionale di Contrasto alla povertà Tavolo Beni

Dettagli

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA nei Locali siti in Viale Causa 13 e Via Opera Pia 13 16145 GENOVA

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo.

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo. PRINCIPI DELL'HACCP HACCP è un sistema che identifica specifici rischi e le misure specifiche per il loro controllo. Ogni settore di preparazione alimentare deve, nell ambito delle proprie lavorazioni,

Dettagli

Ristorazione collettiva ed assistenziale

Ristorazione collettiva ed assistenziale Ristorazione collettiva ed assistenziale DEFINIZIONE Sono considerate attività di ristorazione collettiva la preparazione e/o la somministrazione di pasti in: Mense di Ospedali e Case di Cura; Case di

Dettagli

BONONI GIAMPAOLO. Loc. Perossi 20 Gropparello (PC)

BONONI GIAMPAOLO. Loc. Perossi 20 Gropparello (PC) Azienda Agricola BONONI GIAMPAOLO Loc. Perossi 20 Gropparello (PC) sanitario basato sui principi della metodologia HACCP e della Rintracciabilità per la vendita diretta presso fiere/ mercati/ manifestazioni/

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

Manuale di buone pratiche di igiene

Manuale di buone pratiche di igiene Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Bruno Ubertini Manuale di buone pratiche di igiene per le microimprese alimentari Progetto di semplificazione dell autocontrollo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute INDICAZIONI PER LE BUONE PRATICHE IGIENICHE (ai sensi dell articolo 10 del decreto legislativo 4 agosto 2008. n. 148) Le normative comunitarie dell ultimo decennio hanno determinato

Dettagli

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

SCIA- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ. NOTIFICA REGISTRAZIONE SANITARIA (ai sensi del Regolamento CE n.

SCIA- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ. NOTIFICA REGISTRAZIONE SANITARIA (ai sensi del Regolamento CE n. Al DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL DI PROSINONE S.S. Ispezione degli alimenti di o.a. Distretto per il tramite del COMUNE di SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (SUAP) NUOVA ATTIVITÀ SCIA-

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

SANCO/1955/2005 Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc)

SANCO/1955/2005 Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc) IT SANCO/1955/2005 Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc) IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, C(2005) def. PROGETTO DI Guida all applicazione delle procedure basate sui principi del sistema

Dettagli

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale «Listeria monocytogenes: Le nicchie negli impianti industriali e loro gestione» Langhirano

Dettagli

ALLEGATO E: LABORATORIO DI PANIFICAZIONE

ALLEGATO E: LABORATORIO DI PANIFICAZIONE ALLEGATO E: LABORATORIO DI PANIFICAZIONE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO di PANIFICAZIONE PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge Regionale n 8 del 02.04.2007,

Dettagli

Agostino MESSINEO Paola ABETTI. ASL RM H Castelli Romani & Litorale. Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione

Agostino MESSINEO Paola ABETTI. ASL RM H Castelli Romani & Litorale. Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione Le nuove procedure di controllo in tema di igiene degli alimenti Agostino MESSINEO Paola ABETTI Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione ASL RM H Castelli Romani & Litorale PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

Rimanendo a Vostra disposizione per ulteriori chiarimenti, colgo personalmente l occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti.

Rimanendo a Vostra disposizione per ulteriori chiarimenti, colgo personalmente l occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti. A tutti i SIGNORI CLIENTI Loro sedi Oggetto: Attuazione dei Regolamenti Comunitari concernenti l igiene dei prodotti alimentari e i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari e certificazioni

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE

MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE GRUPPO Buonristoro SEDE LEGALE Capogruppo Castelmaggiore (BO), via Bonazzi 45 c/d SEDE OPERATIVA Castelmaggiore (BO), via Bonazzi 45 c/d Il presente manuale

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva Cremona, 26 ottobre 2007 Clementina Clementi- food technical development 1 La norma internazionale sulla sicurezza alimentare

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Laura Toti Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Istituto Superiore di Sanità Reparto Pericoli Microbiologici

Laura Toti Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Istituto Superiore di Sanità Reparto Pericoli Microbiologici IL SISTEMA HACCP Laura Toti Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Istituto Superiore di Sanità Reparto Pericoli Microbiologici Autocontrollo Reg 852/2004 L azienda è responsabile

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Fac-simile esemplificativo di una possibile compilazione di piano haccp

Fac-simile esemplificativo di una possibile compilazione di piano haccp Cercare di compilare, seguendo le sottostanti tracce, un vostro ipotetico piano di autocontrollo. Immaginatevi titolari di una attività pubblica o commerciale di vostro gradimento e procedete di conseguenza.-(non

Dettagli

Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013

Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013 Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013 Adempimenti Regolamento (CE) N 852/2004 (ex D. Lgs. N 155/97) relativi al servizio di refezione scolastica nelle scuole comunali di Palermo Anno scolastico

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

REFETTORIO SCUOLA INFANZIA SAN MICHELE LIDO MANUALE AUTOCONTROLLO

REFETTORIO SCUOLA INFANZIA SAN MICHELE LIDO MANUALE AUTOCONTROLLO REFETTORIO SCUOLA INFANZIA SAN MICHELE LIDO Via G. Da Verrazzano 63900 MANUALE DI AUTOCONTROLLO LIVELLO DI EDIZIONE Edizione Data Elaborato da: Verificato ed Approvato da: 2 Consulente Esterno Comune di

Dettagli