CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento"

Transcript

1 CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012

2 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: Istruzione tecnica Procedura operativa Lo strumento

3 Oggetto critico Il deviatoio è una macchina complessa e le anomalie possono derivare da differenti criticità: per via dell usura. per via della movimentazione per via dell assetto del ferro. Tenere sotto controllo questa macchina non è semplice e le attività manutentive si differenziano a seconda del tipo di anomalie. L usura richiede un controllo sulla geometria delle parti componenti lo scambio rispetto all accoppiamento con il treno. La movimentazione risente degli sforzi che variano a seconda dell assetto del ferro. La variazione dell assetto del binario a seconda degli sbalzi della temperatura. Queste tre differenti azioni danni origine a diverse sollecitazioni e quindi diversi segnali che devono essere verificati dalle attività manutentive.

4 Le attività manutentive Esempio deviatoio semplice cassa di manovra P80/L90 su binario di corsa MENSILE TRISMESTRALE QUADRIMESTRALE SEMESTRALE ANNUALE VPS22050 SDS22050 C2 C4 Man. Controllo IAS22050 C1 SDS22050 C4 SDS22050 C4 Man. VPS22050 C1 dev. man. U.S. parti Visita deviatoi Man. dev. man. dev. man. elettr. VAS22050 C1 Ver. e Controllo U.S. elettr. mobili BC Linee elettr. P80/L90 P80/L90 mis. Scambio (L94) ai deviatoi P80/L90 S./S.I. LV X X X X IS X X X P.S.: Le operazioni dello stesso ciclo hanno una logica incrementale (ad esempio la trimestrale del ciclo SDS22050 C4 include la mensile dello stesso ciclo) G F M A M G L A S O N D LV M M M M+Q M M+S M M+Q M M M M+Q+S+A IS M M T M M T M M T M M A

5 Oggetto critico Manutenzione Preventiva Ispezioni Misure Diagnostica L94 On condition: Livellamento Revisione ecc

6 Il controllo dei deviatoi: L94 Per regolamentare al meglio le attività manutentive sui deviatoi si devono proceduralizzare le attività di controllo delle misure caratteristiche in maniera tale da avere: 1. Una misura certa e obiettiva 2. Una registrazione non modificabile nel tempo e nei valori. 5. La possibilità di controllare tali attività, sia nella frequenza che nei valori misurati, da parte di tutti gli attori del processo manutentivo e in particolare da parte del Dirigente responsabile delle UT.

7 La gestione dei processi aziendali: Stato degli impianti L94 SIME

8 Il processo di misura PM OdL Resp. CdL (1..n) Assegnazione Attività PS Consuntivazione Attività Reparto Pianificazione Programmazione Controllo Attività Giornaliere PM Attività della settimana... L94 NTW Moduli TEcnici pa I dati sono inseriti e gestiti attraverso il sistema informativo, ma le misure vengono effettuate con un calibro manuale Squadra 1 Squadra 2 Squadra 3

9 La gestione dei processi aziendali: InRete e i sistemi correlati Diagnostica ARCHIMEDE Centro Diagnostico Nazionale SAP R/3 IN.RETE 2000 SCMT - SSC Server Centrale Diagnostica SCMT SSB SCMT SSB SS C L94 Squadra 2

10 Oggetto critico I deviatoi soggetti a L 94 sono oggi e pertanto ogni anno devono essere eseguite circa fogli di misura.

11 Provvedimenti da adottare La circolare n. 91 del 11 maggio 1966 Armamento dei binari Libretto modello L.94 per il controllo degli apparecchi del binario in opera al punto 4.8 Interventi per l eliminazione dei difetti riporta: Il Dirigente della linea deve eliminare prontamente i difetti riscontrati; deve chiedere per iscritto al proprio Capo Reparto i mezzi occorrenti, qualora i difetti siano di natura tale da non potervi provvedere direttamente.. In particolare il Dirigente della linea deve provvedere ad eliminare prontamente l eventuale difetto riscontrato. Ciò sollecita due punti di attenzione:

12 Provvedimenti da adottare la circolare n. 91 non fornisce nessun elemento comportamentale da tenere nel periodo che intercorre fra il riscontro di una misura fuori tolleranza e l esecuzione dell attività di ripristino, troviamo solo una indicazione temporale estremamente generica prontamente, 2. nell eventualità che il Capo Tronco riscontri elementi anche se pur minimi che possano in qualche modo pregiudicare la sicurezza della circolazione ha l obbligo, come prescritto dalla Comunicazione Organizzativa n. 190/DPO del 27 settembre 2004, di imporre ove si manifestino situazioni di pericolo in atto o potenziali, le necessarie limitazioni di circolazione e/o riduzioni di velocità e dispone le cessazione delle stesse. Perciò attualmente ogni comportamento, ancorché tracciato a sistema nel pieno rispetto della circolare n.91 e previsto dalla procedura sopra menzionata, è lasciato all esperienza e alla professionalità del manutentore. 1.

13 Evoluzione della normativa normativa sta evolvendo verso l introduzione, nella La normativa tecnica e manutentiva del deviatoio, delle istruzioni comportamentali precise che deve tenere il Manutentore a seguito di rilievi geometrici non a norma. La nuova Istruzione Tecnica, in sostituzione della Circolare n 91 del 11 Maggio 1966, Controllo delle grandezze caratteristiche degli apparecchi del binario, è stata emessa in forma sperimentale. Si sta completando la Procedura Operativa Controllo delle grandezze caratteristiche degli apparecchi del binario e norme di manutenzione. È in corso l esame di questa Istruzione e della Procedura secondo il Regolamento 352 del 24 Aprile 2009 relativo all adozione di un metodo comune di determinazione e di valutazione dei rischi, analizzando le novità introdotte, con uno dei tre criteri di accettazione dei rischi: (a) codici di buona pratica (STI, norme nazionali notificate, norme europee); (b) sistemi di riferimento simili; (c) stima accurata dei rischi e criteri armonizzati di accettazione dei rischi.

14 La sfida? Misure certe e oggettive

15 Specifiche Resistente alle condizioni atmosferiche (temperature operative tra -10 e +50 C) Durata operativa di almeno 6 ore in lavoro continuo ü Prestazioni metrologiche garantite per almeno 18 mesi dopo la taratura ü Dichiarazione di Conformità (UNI CEI EN 45014) e certificato di taratura emesso da centro accreditato EA (European co-operation for Accreditation) o SIT (Servizio di Taratura in Italia). ü Interfacciamento con il SIME mediante tablet PC della RFI ü ü Grandezza geometrica Scartamento Intervalli Quote di protezione Quote di libero passaggio Sopraelevazione Sghembo base Sghembo su base l impostabile Distanza percorsa Campo di misura [mm] Incertezza massima [mm] Ripetibilità Riproducibilità massima massima [mm] [mm] Risoluzione [mm] Valore minimo Valore massimo ,35 0,35 0,25 0,25 0,3 0,3 0,1 0, ,35 0,25 0,3 0, ,35 0,25 0,3 0, ,5 0,4 1,5/l 0,3 0,2 0,5/l 0,4 0,3 1/l 0,1 0,1 0, [m]

16 Le comunicazioni Sede Tecnica Piano posa dev. Resp. CdL (1..n) L94 Sede Tecnica Piano posa dev. In Rete e ret r ste a m L94

17

18 Lo strumento FELIX viene selezionato come un normale calibro manuale FS 97 Cliccando su questa icona si stabilisce la connessione WiFi protetta tra il tablet e il PC del FELIX

19 La localizzazione e l identificazione dell oggetto di misura avvengono sul SIME

20 Connessione FELIX OK Localizzazione OK Identificazione Deviatoio OK

21 Vengono caricati automaticamente in FELIX i parametri del deviatoio selezionato Viene lanciata l interfaccia di gestione del FELIX Info aggiuntive necessari e a FELIX

22 Missione terminata: tabella risultati FELIX I campi del SIME vengono valorizzati automaticamente

23 Domande!

CARRELLO AUTOMATIZZATO MISURE BINARIO E APPARECCHI DEL BINARIO

CARRELLO AUTOMATIZZATO MISURE BINARIO E APPARECCHI DEL BINARIO CARRELLO AUTOMATIZZATO MISURE BINARIO E APPARECCHI DEL BINARIO Carrello Misure FELIX IDEA STRUMENTI DI MISURA IN USO IDEA Realizzare uno strumento capace di supportare il territorio utilizzando le migliori

Dettagli

METODOLOGIE DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

METODOLOGIE DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE METODOLOGIE DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Ing. Massimo Iorani Responsabile SO Opere Civili di Ingegneria di Manutenzione - Direzione Manutenzione Genova, 25 ottobre 2007 Indice Consistenza

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete I dispositivi di interfaccia con la rete ENEL di distribuzione in bassa tensione devono essere sottoposti ad una procedura di approvazione.

Dettagli

Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture

Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Roma, 19/11/2013 Nuova organizzazione: Metodologia Variazioni Contesto interno Nuove logiche Esigenza nuova organizzazione

Dettagli

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana Associazione Italiana di Manutenzione XX Congresso Nazionale Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza Bologna, 20-21 Febbraio 2003 Il controllo delle performances manutentive nella Rete

Dettagli

Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture

Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Roma, 21 Gennaio 2014 Compiti degli specialisti Cantieri Lavori Impianti IS-TE-LV 2 Attività specialista cantieri lavori

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza

Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Roma, 16 aprile 2013 Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID 83584 a valere sul conto formazione Fondimpresa Fondo interprofessionale

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI. Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico

PIANO DI MANUTENZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI. Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico PINO DI MNUTENZIONE IMPINTI FOTOVOLTICI Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico PREMESS Il presente elaborato ha lo scopo di pianificare e programmare l attività

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

Certificazione. Certificazione e accreditamento. Tipi di certificazione. Iter di certificazione. Iter di certificazione

Certificazione. Certificazione e accreditamento. Tipi di certificazione. Iter di certificazione. Iter di certificazione Certificazione Certificazione e accreditamento L'Organismo di Certificazione (spesso abbreviato con OdC) è una società che certifica la conformità dei sistemi di gestione o dei prodotti a specifiche norme

Dettagli

Rapporto di taratura di strumenti per pesare

Rapporto di taratura di strumenti per pesare Rapporto di taratura di strumenti per pesare Cliente esempio Indirizzo CAP 15121 Località Alessandria (AL) Relazione n 114 del 12/01/2013 Data di emissione relazione: 12/01/2013 Data di esecuzione prove:

Dettagli

TITOLO: CONTRIBUTI DI INCERTEZZA DERIVANTI DAI RISULTATI DI TARATURA DEI TRASDUTTORI DI FORZA E STIMA DELLE VARIANZE

TITOLO: CONTRIBUTI DI INCERTEZZA DERIVANTI DAI RISULTATI DI TARATURA DEI TRASDUTTORI DI FORZA E STIMA DELLE VARIANZE Identificazione: SIT/Tec-013/05 Revisione: 0 Data 2005-06-06 Pagina 1 di 10 Annotazioni: Il presente documento è ispirato al rapporto interno IMGC 1040. COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA

Dettagli

Stazione Sperimentale per l Industria. Area Validazione di Processo

Stazione Sperimentale per l Industria. Area Validazione di Processo Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Area Validazione di Processo Stefania Quintavalla Giuseppe Dipollina Roberto Loiudice 1 Obiettivi Studi - Tematiche Assistere le aziende

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010.

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. 1. GENERALITÀ 1.1 FINALITA DEL PIANO Il presente documento dovrà

Dettagli

DIAGNOSTICA INTEGRATA SU RETI METRO-FERROVIARIE

DIAGNOSTICA INTEGRATA SU RETI METRO-FERROVIARIE DIAGNOSTICA INTEGRATA SU RETI METRO-FERROVIARIE PEROTTI Internacional Tecnologias Ferroviárias Ltda. La rete ferroviaria deve essere considerata come un sistema dinamico che, per effetto delle diverse

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) con LIS-001 4 maggio

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City SMART CITY- VISIONE DI UN SISTEMA DI SISTEMI Ing. Massimo Povia L importanza della Logistica e della Manutenzione nel contesto

Dettagli

Codifica: RFI DPR-DIA DIA SF ID 01 N 01 B

Codifica: RFI DPR-DIA DIA SF ID 01 N 01 B 2 di 54 Sommario PARTE I GENERALITA...... 3 I.1 PREMESSA...... 3 I.2 SCOPO...... 3 I.3 CAMPO DI APPLICAZIONE...... 3 I.4 DOCUMENTAZIONE CORRELATA...... 4 Tutti i riferimenti qui di seguito citati si intendono

Dettagli

Sede Centrale Via Archimede, 45 47 20041 Agrate Brianza MI Tel. 039.6553.1 Telefax 039.6553.409 Internet www.demag.it

Sede Centrale Via Archimede, 45 47 20041 Agrate Brianza MI Tel. 039.6553.1 Telefax 039.6553.409 Internet www.demag.it Costruttore/Mandatario Demag Cranes & Components S.p.A. Sede Centrale Via Archimede, 45 47 20041 Agrate Brianza MI Tel. 039.6553.1 Telefax 039.6553.409 Internet www.demag.it Avete acquistato un prodotto

Dettagli

Firenze 28.11.2013. A. Colzani - L. Rota. 01/12/2013 Servizio Acquisti

Firenze 28.11.2013. A. Colzani - L. Rota. 01/12/2013 Servizio Acquisti Valutazione dei Rischi per la modifica e l installazione di un nuovo azionamento elettrico per le porte di salita in conformità alla EN 14752. Esempio di applicazione su automotrici ALN668 circolanti su

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori.

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori. Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori Gianluca Gatto Sommario Analisi di contesto Certificazione Pannelli

Dettagli

Costi e Tempi della Manutenzione sotto controllo? La soluzione è il software PrometeoManutenzione. Casi reali e dimostrazione.

Costi e Tempi della Manutenzione sotto controllo? La soluzione è il software PrometeoManutenzione. Casi reali e dimostrazione. Costi e Tempi della Manutenzione sotto controllo? La soluzione è il software PrometeoManutenzione. Casi reali e dimostrazione. MCM Mostra Convegno della Manutenzione Industriale 29 Ottobre 2013 ore 10.25

Dettagli

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT 1di 19 ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT (*) Verifica Tecnica: Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione A 15 03 2001 (*) A.5 18 09 2001 2di 19

Dettagli

Riferibilità metrologica: strumentazione, professionalità e tarature con riferimento alla norma UNI CEI EN ISO 17025: 2005

Riferibilità metrologica: strumentazione, professionalità e tarature con riferimento alla norma UNI CEI EN ISO 17025: 2005 1 Riferibilità metrologica: strumentazione, professionalità e tarature con riferimento alla norma UNI CEI EN ISO 17025: 2005 Igor Gallo 2 Vocabolario internazionale di metrologia VIM http://www.oiml.org/publications/v/v002-200-e12.pdf

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente Low and Medium voltage service ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente ABB Power Care ABB Power Care permette di gestire in modo ottimale il sistema di elettrificazione, massimizzando

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

SERVICE. Service HEIDENHAIN: puoi contare su di noi! HEIDENHAIN Service Exchange. Tool diagnostici per sistemi di misura HEIDENHAIN

SERVICE. Service HEIDENHAIN: puoi contare su di noi! HEIDENHAIN Service Exchange. Tool diagnostici per sistemi di misura HEIDENHAIN SERVICE HEIDENHAIN Service News! Service HEIDENHAIN: puoi contare su di noi! HEIDENHAIN Service Exchange Tool diagnostici per sistemi di misura HEIDENHAIN Calibrazione dei Vostri strumenti Filo diretto

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

Soluzioni per il collaudo di motori tubolari. SyTest

Soluzioni per il collaudo di motori tubolari. SyTest Soluzioni per il collaudo di motori tubolari SyTest System Electric è specializzata nella realizzazione di sistemi di collaudo automatici, fortemente integrati nel processo produttivo e facilmente collegabili

Dettagli

MODELLI PER L ACCESSIBILITÀ FRUIBILE

MODELLI PER L ACCESSIBILITÀ FRUIBILE MODELLI PER L ACCESSIBILITÀ FRUIBILE Corso base ADAM Accessibilità Fruibile 350,00 280,00 Perugia 27 Novembre Esperto/Consulente in Gestione Accessibilità Fruibile 350,00 280,00 Perugia 4 Dicembre Auditor

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Città di Rho - Provincia di Milano - Area 3 Servizi a Rete COMUNE DI RHO

Città di Rho - Provincia di Milano - Area 3 Servizi a Rete COMUNE DI RHO COMUNE DI RHO PROVINCIA DI MILANO Area 3 Pianificazione, Gestione, Tutela del Territorio e Lavori Pubblici Servizio Ecologia e Tutela ambientale verde e arredo urbano Strade, Cimiteri Servizi a rete PROGETTO

Dettagli

SETTORE MISURE E TARATURE

SETTORE MISURE E TARATURE TARATURA ACCREDITATA Cos è il CERTIFICATO DI TARATURA ACCREDIA? IL CERTIFICATO DI TARATURA ACCREDIA è un documento che può essere emesso esclusivamente da uno dei centri di taratura accreditati ACCREDIA.

Dettagli

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013 SEMINARIO TECNICO Milano 4 dicembre 2013 LA MANOMISSIONE DEI CIRCUITI DI SICUREZZA NELLE MACCHINE Relatore Dott. Ing. Federico Dosio Copyright F.D. - All rights reserved. - 1-11/17/2013 1 DIRETTIVA 2006/42/CE

Dettagli

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione:

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione: 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Come manutenzione si identifica un tipo di attività il cui scopo è quello di mantenere funzionanti ed in sicurezza, con le prescrizioni qualitative e quantitative gli impianti elettrici.

Dettagli

ALLEGATO AIB - APPARECCHIATURE DI INTERFACCIA CON LA RETE BT: PRESCRIZIONI E PROVE

ALLEGATO AIB - APPARECCHIATURE DI INTERFACCIA CON LA RETE BT: PRESCRIZIONI E PROVE ALLEGATO AIB - APPARECCHIATURE DI INTERFACCIA CON LA RETE BT: PRESCRIZIONI E PROVE 1. GENERALITA Ai fini della connessione con la rete ACSM vengono distinti tre elementi: Dispositivo di interfaccia Protezione

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

Route Spectrum 18-OCT-05 14:48: 05 OVRALL= 7.88 V-DG RMS = 7.87 LOAD = 100.0 RPM = 3600. RPS = 60.00 1795.5.499 1.067.

Route Spectrum 18-OCT-05 14:48: 05 OVRALL= 7.88 V-DG RMS = 7.87 LOAD = 100.0 RPM = 3600. RPS = 60.00 1795.5.499 1.067. RMS Velocity in mm/sec 7 6 5 4 3 2 1 0 904.03 704.79 1772.3 5620.8 5916.1 MS - SEE WATER PUMP D/G No.2 S.W.D/G2 -P06 L.O.O. 0 10000 20000 30000 40000 Frequency in CPM Route Spectrum 18-OCT-05 14:48: 05

Dettagli

MODELLI PER L ACCESSIBILITÀ FRUIBILE

MODELLI PER L ACCESSIBILITÀ FRUIBILE MODELLI PER L ACCESSIBILITÀ FRUIBILE Corso base ADAM Accessibilità Fruibile 350,00 280,00 Bologna 1 Luglio Esperto/Consulente in Gestione Accessibilità Fruibile 350,00 280,00 Bologna 2 Luglio Auditor Standard

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica Indirizzo Generale ISTITUTI TECNICI - Settore: Industria e artigianato.- Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. ISTITUTI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche N Opera oggetto di manutenzione Risorse necessarie per l intervento manutentivo Livello minimo delle prestazioni Anomalie riscontrabili personale comune

Dettagli

Modulo software HD2010MCTC DIR Versione MCTC-Net 100

Modulo software HD2010MCTC DIR Versione MCTC-Net 100 Modulo software HD2010MCTC DIR Versione MCTC-Net 100 Revisione 1.4 del 2014/07/24 INDICE PREMESSA... 4 1 - Requisiti di sistema... 5 1.1 Requisiti Hardware... 5 1.2 Requisiti Software... 5 1.3 Connettività...

Dettagli

Conferma metrologica: approfondimento

Conferma metrologica: approfondimento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Conferma metrologica: approfondimento aprile 2015 Paola Pedone Funzionario Tecnico ACCREDIA-DT Riunione Centri- Accredia Dipartimento Taratura 1 /8 Aprile 2015

Dettagli

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Monitoring, diagnostics and cable services Analyze the past, monitor the present, predict the future. Answers for energy. l evoluzione della manutenzione

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Ingegneria di Manutenzione-Macchine. La Manutenzione Predittiva: come valutarne l efficacia

Ingegneria di Manutenzione-Macchine. La Manutenzione Predittiva: come valutarne l efficacia MANUTENZIONE PREDITTIVA Premesso che vogliamo sempre essere a conoscenza della salute delle nostre macchine, siamo convinti che non occorrono strumenti costosi e sofisticati per ottenere dei buoni risultati

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

Prometeo, la manutenzione a portata di mano. Come tenere sotto controllo tempi e costi. Casi reali e dimostrazione.

Prometeo, la manutenzione a portata di mano. Come tenere sotto controllo tempi e costi. Casi reali e dimostrazione. Prometeo, la manutenzione a portata di mano. Come tenere sotto controllo tempi e costi. Casi reali e dimostrazione. MCM Mostra Convegno della Manutenzione Industriale 27 Ottobre 2015 ore 11:25 Aula C Massimiliano

Dettagli

Service di Media Tensione, Agosto 2014 Manutenzione secondo condizione Apparecchiature di media tensione

Service di Media Tensione, Agosto 2014 Manutenzione secondo condizione Apparecchiature di media tensione Service di Media Tensione, Agosto 2014 Manutenzione secondo condizione Apparecchiature di media tensione Obiettivo MyRemoteCare: La nuova soluzione ABB per la manutenzione secondo condizione. September

Dettagli

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Edificio 03 Scuola elementare Barbusi Quadro sinottico delle attività Mese di Giugno Anno 2015

Dettagli

LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO

LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO CONOSCENZE Le principali cause di infortunio. La segnaletica antinfortunistica. I dispositivi di protezione individuali e collettiva. Regole di comportamento

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

Controlli non distruttivi (CND) in edilizia

Controlli non distruttivi (CND) in edilizia Efficienza Energetica degli Edifici Termografia e altre prove non distruttive PND 27/11/2014 Controlli non distruttivi (CND) in edilizia Diagnostica non distruttiva UNI EN 473 II livello Industriale PT,

Dettagli

Pressione Temperatura. Servizi di calibrazione

Pressione Temperatura. Servizi di calibrazione Pressione Temperatura Servizi di calibrazione SERVIZIO CALIBRAZIONE PRESSIONE Noi tariamo per voi Processo di taratura nel nostro laboratorio Strumenti meccanici per la misura di pressione Trasmettitori

Dettagli

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE Introduzione La protezione contro le sovratensioni, rientra tra le prescrizioni per la sicurezza e deve

Dettagli

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica genesi e definizioni Termografia: definizioni e principio di misura Dal greco: Scrittura del calore

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

SISTEMA di GESTIONE QUALITÀ Non Conformità ed Efficacia delle Azioni Correttive Preventive

SISTEMA di GESTIONE QUALITÀ Non Conformità ed Efficacia delle Azioni Correttive Preventive SISTEMA di GESTIONE QUALITÀ Non Conformità ed Efficacia delle Azioni Correttive Preventive Il sistema di gestione della qualità a cui mi riferisco è quello relativo alla norma ISO-9001:2000. Prima di entrare

Dettagli

Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works

Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works Italia Ciclo di vita della macchina Il ciclo di vita di

Dettagli

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 Per_Ind_Valeri_Vanni - PL.doc PAG. 1 DI 8 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 LA EN 954-1 VA IN PENSIONE A fine 2011,

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LIS-001 3 LIS-002 3 Progettazione e realizzazione

Dettagli

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ...

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ... Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE ATTESTATI SULLO S STATO DI CONSERVAZIONE... 2 SCOPO DEL SERVIZIO......... 5 METODO DI LAVORO......... 6 1/9 ESEMPI DI RICONDIZIONAMENTO MACCHINE...

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

Via Chiari n. Oggetto: CONSULENZA TECNICA GESTIONE IMPIANTO DEPURAZIONE MEDIANTE : SOPRALLUOGHI, CAMPIONAMENTII E ANALISI E NS. SISTEMA TELECONTROLLO

Via Chiari n. Oggetto: CONSULENZA TECNICA GESTIONE IMPIANTO DEPURAZIONE MEDIANTE : SOPRALLUOGHI, CAMPIONAMENTII E ANALISI E NS. SISTEMA TELECONTROLLO Brescia li, Spettle Ns Rif ce VsRif Via n 25 B (BS) Via Chiari n Oggetto: CONSULENZA TECNICA GESTIONE IMPIANTO DEPURAZIONE MEDIANTE : SOPRALLUOGHI, CAMPIONAMENTII E ANALISI E NS SISTEMA TELECONTROLLO Con

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Il ruolo del fornitore di macchine nella manutenzione preventiva e calibrazioni. Dott. Marco Bellentani

Il ruolo del fornitore di macchine nella manutenzione preventiva e calibrazioni. Dott. Marco Bellentani Il ruolo del fornitore di macchine nella manutenzione preventiva e calibrazioni Dott. Marco Bellentani 1 Sommario Obiettivi del cliente Supporto del fornitore durante la fornitura della macchina Analisi

Dettagli

Gru Serie CT - CTT City - CTT Manutenzione Generale 1 MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DELLA MACCHINA 1.1 GENERALITA 1.2 REQUISITI PER LA MANUTENZIONE DELLA GRU 1.3 PRECAUZIONI DI SICUREZZA 1.4 GRUPPI SOGGETTI

Dettagli

Ufficio Appalti, Gare e Contratti Via Cicerone, n. 5 06/91146521 - -Fax 06/91146520 e-mail: contratti@comune.pomezia.rm.it

Ufficio Appalti, Gare e Contratti Via Cicerone, n. 5 06/91146521 - -Fax 06/91146520 e-mail: contratti@comune.pomezia.rm.it C O M U N E D I P O M E Z I A (PROVINCIA DI ROMA) Ufficio Appalti, Gare e Contratti Via Cicerone, n. 5 06/91146521 - -Fax 06/91146520 e-mail: contratti@comune.pomezia.rm.it BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16 Data della verifica: Certificatore Verificato (specificare nome e cognome) Certificato Verificato (numero certificato, revisione e data rilascio) Responsabile del Gruppo di Verifica (specificare nome e

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO MAGISTRI CUMACINI - COMO Via C.Colombo - Loc. Lazzago TeL 031.590.585 - FAX 031.525.005

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO MAGISTRI CUMACINI - COMO Via C.Colombo - Loc. Lazzago TeL 031.590.585 - FAX 031.525.005 INDICE 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 2 3.1 Definizioni... 2 3.2 Abbreviazioni... 2 4. APPARECCHIATURE, STRUMENTAZIONI E MATERIALI... 3 5. MODALITA

Dettagli

MANUTENZIONI & RIPARAZIONI

MANUTENZIONI & RIPARAZIONI 1 MANUTENZIONI & RIPARAZIONI M.G. SERVICE di Goldoni Marco & C. S.n.c. Il servizio offerto dalla M.G. Service S.n.c., consociata della Infissi Goldoni S.r.l., consiste nell offrire alla propria clientela

Dettagli

IL TACHIGRAFO DIGITALE

IL TACHIGRAFO DIGITALE IL TACHIGRAFO DIGITALE Treviso 13 aprile 2006 Normativa Regolamento (CEE) 3821/85 Regolamento (CE) 2135/98 Regolamento (CE) 1360/2002 Regolamento (CE) n.../2006 di modifica dei regolamenti 3821/85 e 2135/98

Dettagli

Diagnostica Impianti Fotovoltaici

Diagnostica Impianti Fotovoltaici Diagnostica Impianti Fotovoltaici Tecnologia fotovoltaica Presente e futuro Trend di mercato Integrazione architettonica Integrazione nelle Smart Grid Raggiungimento della grid parity Sfide tecnologiche

Dettagli

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate - Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Laboratori di prova per la sicurezza degli alimenti

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE. Italian Railway Investigation Body

DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE. Italian Railway Investigation Body DIREZIONE GENERALE PER LE Ing. Massimo Costa - Viareggio 19 febbraio 2013 Raccomandazioni Ufficiali della Direzione Generale per le investigazioni ferroviarie conseguenti l inchiesta effettuata dalla Commissione

Dettagli

Software LMV per la gestione degli strumenti

Software LMV per la gestione degli strumenti La certezza nella misura Software LMV per la gestione degli strumenti IL PROGRAMMA Il sotware LMV per la gestione degli strumenti di misura è un database su piattaforma access studiato per una corretta

Dettagli

per immagini guida avanzata Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Il raggruppamento e la struttura dei dati sono due funzioni di gestione dati di Excel, molto simili tra

Dettagli

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione Direzione Tecnica Ingegneria Rotabili e Tecnologie di Base Tecnologie Meccaniche e Sistemi Frenanti - Sistemi e Componenti Meccanici - Sistemi Frenanti - Processi Speciali Autori: Nannini Andrea e-mail:

Dettagli

FORMAZIONE 2012 CATALOGO CORSI ALBERTO ZAFFAGNINI CONSULENZE PER LA METROLOGIA E LA QUALITA NELL INDUSTRIA

FORMAZIONE 2012 CATALOGO CORSI ALBERTO ZAFFAGNINI CONSULENZE PER LA METROLOGIA E LA QUALITA NELL INDUSTRIA FORMAZIONE 2012 CATALOGO CORSI ALBERTO ZAFFAGNINI CONSULENZE PER LA METROLOGIA E LA QUALITA NELL INDUSTRIA Rev. 0 - gennaio 2012 INTRODUZIONE La formazione del personale è complementare alla sua istruzione

Dettagli

Monitoraggio Impianti Fotovoltaici

Monitoraggio Impianti Fotovoltaici Monitoraggio Impianti Fotovoltaici Descrizione del sistema Sistema innovativo per diagnostica e monitoraggio degli impianti fotovoltaici a livello stringa. Due o più schede di misura per stringa: una sul

Dettagli

MService La soluzione per ottimizzare le prestazioni dell impianto

MService La soluzione per ottimizzare le prestazioni dell impianto MService La soluzione per ottimizzare le prestazioni dell impianto Il segreto del successo di un azienda sta nel tenere sotto controllo lo stato di salute delle apparecchiature degli impianti. Dati industriali

Dettagli

IND780 è adatto per applicazioni di pesatura industriale e di processo, in molti settori.

IND780 è adatto per applicazioni di pesatura industriale e di processo, in molti settori. IND780 è adatto per applicazioni di pesatura industriale e di processo, in molti settori. Industriale Piattaforma di pesata singola o multipla, con dati di tara e somma metrologica, tutto su un solo display.

Dettagli

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA Programma del corso 1 a LEZIONE - 16/04/2015 ore 8.30/13.30 5 ore Contenuti: Introduzione al corso. Il Sistema Ferroviario Docente: Luca Franceschini -Amministratore CIFI Programma:L interazione tra infrastruttura,

Dettagli

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione Camera dei Deputati Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici Audizione Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155, recante

Dettagli

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI 2 di 11 ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI Rev. Data Motivo della revisione B 05/12/2008 Allineamento alla revisione del documento principale C 31/03/09 Implementata la scheda di revisione RFI_SSB_101_00.doc

Dettagli