Fatto e diritto Con decreto che dispone il giudizio del 16 giugno 2010 il g.i.p. in sede all esito dell udienza preliminare relativa al procedimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fatto e diritto Con decreto che dispone il giudizio del 16 giugno 2010 il g.i.p. in sede all esito dell udienza preliminare relativa al procedimento"

Transcript

1

2

3 Fatto e diritto Con decreto che dispone il giudizio del 16 giugno 2010 il g.i.p. in sede all esito dell udienza preliminare relativa al procedimento penale n. 8877/08 R.g.n.r. e n. 2611/09 R.g.g.i.p. traeva innanzi a questo Tribunale CAROVIGNO Alberto, chiamato a rispondere dei fatti a lui ascritti nel capo di imputazione, come compiutamente riportati in epigrafe. Nel corso della prima udienza dibattimentale, tenutasi il 1 ottobre 2010, il Collegio accertava la regolare instaurazione del contraddittorio, alla presenza dell imputato e della già costituita parte civile, MANIGRASSO Gabriella, e aperto il dibattimento rinviava il processo ad altra data in ragione dell accordo esistente tra la Presidenza del Tribunale, la Procura della Repubblica in sede ed il locale Consiglio dell Ordine Forense in base al quale la prima udienza è deputata alla trattazione delle questioni preliminari ed all apertura del dibattimento. Nell udienza all uopo fissata (ud. 14 gennaio 2011), il Tribunale ammetteva le prove richieste dalle parti ed acquisiva la documentazione sottoposta all attenzione dell Ufficio, di seguito procedendo all escussione di MANIGRASSO Gabriella, teste di lista del p.m., e rinviando il processo ad altra data per il prosieguo. In quella sede (ud. 20 maggio 2011), il Collegio istruiva il processo con l esame dell ass. PESCE Salvatore, di RESINA Caterina, di SALAMINA Anna e di SOLITO Vito, testi di lista del p.m., ed acquisiva ai sensi degli artt. 493, comma 3, e 500, comma 7, c.p.p. la consulenza tecnica compilata nel corso delle indagini dall ing. Roberto BONICA, al cui esame le parti congiuntamente rinunciavano, con conseguente revoca dell ordinanza ammissiva delle prove nella relativa parte. All esito, il processo veniva rinviato ad altra data per la conclusione dell istruttoria. Dopo alcune udienze di mero rinvio, determinato, nella prima occasione (ud. 9 marzo 2012), dalla richiesta congiunta di rinvio esternata dalle parti, e, nelle due successive (ud. 12 ottobre 2012 ed ud. 8 marzo 2013), dall assenza del teste da escutere, il processo perveniva all udienza del 22 novembre 2013, ove, esaminato l isp. TRIMBOLI Gianfranco, teste di lista del p.m., venivano acquisiti ai sensi dell art. 513 c.p.p. il verbale di interrogatorio reso nel corso delle indagini dall imputato e ai sensi degli artt. 493, comma 3, e 500, comma 7, c.p.p. la relazione di servizio dell 11 marzo 2008, a firma dell ass. PESCE Salvatore, e la 1

4 c.n.r. del 9 agosto 2008, a firma del dott. Fabio ABIS, dirigente della Squadra Mobile della Questura di Taranto. All esito, dichiarata la chiusura del dibattimento e l utilizzabilità degli atti acquisiti, il processo veniva rinviato ad altra data per la sua definizione. A seguito di un udienza di mero rinvio (ud. 21 marzo 2014), determinato dall adesione dei difensori delle parti all astensione degli avvocati dalle udienze penali, proclamata dagli organi rappresentativi della categoria, il processo perveniva all udienza del 2 maggio 2014, ove rassegnate dalle parti le conclusioni come compiutamente riepilogate in epigrafe il processo veniva definito con una pronuncia di affermazione della penale responsabilità dell imputato per il reato di cui all art. 660 c.p., con una pronuncia di assoluzione per insussistenza del fatto per il delitto di cui all art. 629 c.p. e con una declaratoria di non doversi procedere perché l azione penale non poteva essere iniziata e, comunque, non può essere proseguita, per tardività della querela con riferimento al delitto di cui all art. 609 bis c.p. Va premesso che CAROVIGNO Alberto è stato tratto a giudizio per rispondere dei reati di cui agli artt. 81 cpv, 609 bis, art. 609 septies, comma 4, 629 e 660 c.p. per avere dapprima prestato a MANIGRASSO Gabriella sua ex dipendente e amica la somma. 800,00 di cui quest ultima aveva urgente bisogno con l accordo di una comoda restituzione o di una compensazione con lavori che avrebbe potuto effettuare per suo conto (di esso CAROVIGNO), e poi richiedendole contrariamente agli accordi, una immediata ed impossibile (per la MANIGRASSO) restituzione della somma prestata, minacciando altresì di informare il padre della MANIGRASSO del prestito fattole, così costretto la stessa MANIGRASSO a sottostare a due incontri sessuali; continuando inoltre. Prima e dopo gli incontri sopracitati, a molestarla a mezzo telefono, con pedinamenti durante l intera giornata e con appostamenti anche sul luogo di lavoro della MANIGRASSO. In Taranto, nell anno 2007 con permanenza al 7 novembre Alla luce delle dichiarazioni rese nel corso del dibattimento da MANIGRASSO Gabriella si è appreso che la stessa aveva conosciuto l odierno imputato nel mese di agosto del 1998, quando ella era dipendente part-time di un negozio di telefonia ove era impiegato anche CAROVIGNO Giulio, fratello di CAROVIGNO Alberto, ed ove spesso quest ultimo si recava a trovare il proprio germano. 2

5 La MANIGRASSO ha dunque spiegato che ella dovendosi sposare ed avendo necessità di guadagnare più denaro aveva cominciato a lavorare (nelle ore pomeridiane), a far data dall anno 1999, anche presso la ditta Web Service dell imputato, ove aveva svolto le mansioni di ragioniera ed ove a far data dal mese di febbraio del 2002, a seguito del licenziamento presso il negozio di telefonia aveva lavorato a tempo pieno fino al mese di dicembre del 2003, quando rimasta incinta del secondo figlio ed in ragione di una crisi di liquidità del CAROVIGNO aveva deciso di interrompere il rapporto di lavoro in essere. MANIGRASSO Gabriella ha in ogni caso chiarito che il rapporto professionale con il CAROVIGNO si era consensualmente interrotto. Per confermare tale asserzione, la donna ha dichiarato, infatti, di aver mantenuto un rapporto amichevole con l imputato, rimasto per altro suo debitore di alcune somme di denaro dovutele a titolo di arretrati sulle buste paga formalmente in precedenza già quietanzate. La p.o. ha, quindi, asserito che dopo la nascita della sua seconda figlia, avvenuta nel mese di luglio del 2004 ella, dovendo nuovamente tornare al lavoro, aveva ricevuto una nuova proposta lavorativa dal CAROVIGNO, che, nel frattempo, aveva istituito una nuova società, presso la quale ella, però, non aveva mai iniziato a lavorare poiché non a suo agio con l oggetto dell attività commerciale, operante nel settore della pornografia. La persona offesa ha inoltre aggiunto che, a seguito di questo momento, a far data dal periodo natalizio dell anno 2006, il CAROVIGNO aveva cominciato ad importunarla, facendosi trovare continuamente nei luoghi in cui ella si recava per attendere alle sue ordinarie occupazioni. In particolare, la donna ha riferito al Tribunale di ricordare che, nel mese di dicembre del 2006, mentre era impegnata a svolgere l attività di promoter presso un negozio di telefonia ubicato alla via Cesare Battisti di Taranto, aveva più volte incontrato il CAROVIGNO in quel luogo recatosi per trovarla con il quale aveva ripetutamente consumato dei caffè e dal quale aveva ricevuto la proposta rifiutata di consumare, pur senza intraprendere una relazione, un rapporto sessuale, dovutogli secondo la richiesta avanzata per l aiuto fino a quel momento prestatole. La MANIGRASSO ha chiarito che nonostante la proposta ricevuta aveva mantenuto ancora un rapporto amichevole con il CAROVIGNO, con il quale 3

6 chiarita, come in passato (quando aveva già rifiutato le avances dell uomo), la sua posizione di disinteresse verso una relazione diversa da quella di sola amicizia aveva continuato anche a sentirsi telefonicamente, tanto da essere invitata, nel mese di gennaio del 2007, a riprendere la sua attività professionale presso una nuova società che il CAROVIGNO medesimo aveva dichiarato di essere in procinto di avviare. MANIGRASSO Gabriella dopo aver specificato che, nelle more, il CAROVIGNO aveva saldato il debito che aveva nei suoi confronti ha spiegato al Tribunale che, nel mese di gennaio del 2007, essendosi trovata in difficoltà economica, aveva richiesto (d accordo con il proprio consorte) e ricevuto un prestito dal CAROVIGNO, mostratosi disponibile ad aiutarla nel momento del bisogno. Nello specifico, la donna ha rammentato di aver ricevuto dall imputato la somma di. 800,00 e di essersi accordata per la restituzione di quel denaro senza la individuazione di particolari modalità di pagamento, posto che il CAROVIGNO si era detto disponibile a poter aspettare il momento in cui ella avesse avuto liquidità sufficienti a consentirle la restituzione del dovuto. La MANIGRASSO ha, però, aggiunto che, a seguito della consegna di questa somma di denaro nonostante la disponibilità mostrata ad attendere la restituzione dei soldi, il CAROVIGNO, già dai primi giorni del mese di febbraio, aveva cominciato a perseguitarla, raggiungendola reiteratamente al telefono, seguendola in ogni dove, sul posto di lavoro, mentre faceva la spesa, nei pressi della scuola dei bambini, nel corso delle uscite con altri parenti, chiedendo insistentemente la consumazione di un rapporto sessuale ovvero, in mancanza, l immediata restituzione dei soldi, sotto la minaccia di riferire dell esistenza di tale debito a suo padre, ignaro delle difficoltà economiche in cui ella versava. MANIGRASSO Gabriella ha, in proposito, sottolineato che le persecuzioni del tenore descritto da parte del CAROVIGNO si erano a lungo protratte, anche dopo il mese di agosto del 2007, quando il debito di. 800,00 era stato saldato. La persona offesa ha, difatti, dichiarato che il CAROVIGNO era solito seguirla anche mentre ella si trovava in compagnia di altri parenti e, in particolare, di RESINA Caterina (anch ella più volte pedinata dall odierno imputato), con la quale aveva l abitudine di uscire, poiché, non avendo la patente, veniva da costei spesso accompagnata nei suoi spostamenti. 4

7 Al fine di circostanziare i fatti, la MANIGRASSO ha descritto al Tribunale un episodio verificatosi l 11 marzo 2008, quando ella prelevata alle ore 9.00 circa dalla RESINA, la quale le aveva già riferito di essersi accorta di esser pedinata dal CAROVIGNO si era portata in compagnia della RESINA medesima presso il bar Old Fashion sito al viale Magna Grecia, ove era stata raggiunta dall odierno imputato, che aveva posto in essere un vero e proprio inseguimento dopo l uscita dal bar, tanto da indurre la RESINA a chiedere telefonicamente aiuto ad un suo amico poliziotto (tale PESCE Salvatore), il quale aveva consigliato loro di portarsi nei pressi della vicina caserma Doria e che, in quel luogo, aveva fermato la vettura del CAROVIGNO ancora intento nell inseguimento. In merito alle pretese avanzate dall imputato (facendo un passo temporale indietro rispetto all episodio da ultimo descritto), MANIGRASSO Gabriella ha altresì chiarito che, in precedenza, il 28 febbraio 2007, quando si era trovata a fronteggiare le insistenze del CAROVIGNO e l impossibilità di restituire la somma di denaro da questi pretesa, aveva suo malgrado, così credendo di interrompere le insistenze dell uomo acconsentito, pur rappresentando di non aderire per desiderio alla richiesta, ad avere un incontro sessuale con l odierno imputato. La donna ha spiegato di essersi portata insieme al CAROVIGNO in una villetta disabitata situata fuori dal centro abitato di Taranto, alla località c.d. Tramontone, e di essersi ivi spogliata invitando in lacrime il suo interlocutore a consumare rapidamente il rapporto nel corso del quale aveva precisato non avrebbe avuto nessuna forma di partecipazione e di collaborazione da parte sua. La MANIGRASSO ha poi aggiunto che, nonostante il tentativo posto in essere atteso che il CAROVIGNO si era spogliato e, ponendosi sul suo corpo, aveva cominciato a toccarla, il rapporto non era stato consumato, giacché l imputato, verosimilmente inibito dalla condizione di sua prostrazione e dal fatto che ella aveva espressamente dichiarato di non essere intenzionata a collaborare, non aveva avuto alcuna erezione, così trovandosi, pur essendosi recato più volte nel bagno per cercare di porsi nelle condizioni di agire, nell impossibilità meccanica di effettuare la penetrazione cercata. MANIGRASSO Gabriella ha quindi rammentato che, a fronte della descritta situazione, ella si era rivestita ed aveva chiesto di essere riaccompagnata a casa, ed ha precisato che, nel corso del tragitto, aveva ribadito al CAROVIGNO che non 5

8 voleva più essere importunata a maggior ragione in considerazione del fatto che il rapporto non si era concluso non per sua colpa. La persona offesa ha, però, ricordato che, nella circostanza, il CAROVIGNO l aveva accusata della mancata riuscita dell atto, mostrando di non avere l intenzione di desistere dal suo intento, tanto che, nei giorni seguenti, costui aveva nuovamente insistito per concordare un ulteriore incontro sessuale, con la solita promessa/minaccia di riferire in caso di rifiuto dell esistenza del debito ai suoi familiari. La donna ha dunque chiarito che, a circa quindici giorni dal primo convegno, era stata con le medesime modalità condotta nello stesso appartamento di Tramontone, ove compiuta la solita premessa relativa al fatto che ella non avrebbe collaborato in alcun modo all atto si era spogliata ed aveva invitato il CAROVIGNO ad ultimare rapidamente l incontro. La MANIGRASSO ha ricordato che, nella circostanza, il CAROVIGNO le aveva chiesto la consumazione di un rapporto sessuale orale che ella, tuttavia, non era stata in condizione di porre in essere poiché sentitasi male e, non essendo ancora una volta riuscito ad avere un erezione, l aveva afferrata e strattonata sbattendola sull armadio, cercando di bloccarla mentre ella si rivestiva. La persona offesa ha viepiù dichiarato che, nel medesimo contesto, il CAROVIGNO aveva da solo interrotto tale azione, lasciandola andare e prelevando l apparecchio cellulare con il quale aveva scattato alcune fotografie. MANIGRASSO Gabriella ha poi aggiunto che, nel frangente, aveva colpito il CAROVIGNO per costringerlo a cancellare gli scatti fotografici che aveva effettuato e gli aveva comunicato che sarebbe tornata a casa a piedi, venendo ciò nonostante nuovamente ricondotta in città dall uomo, il quale le aveva ancora una volta addebitato il fallimento dell incontro ed al quale ella aveva comunicato che avrebbe riferito ad altri l accaduto, sì da non sottostare più in futuro ai suoi ricatti. La persona offesa ha infatti riferito di essersi messa in contatto con RESINA Caterina alla quale aveva chiesto di raggiungerla alla via Campania ed a cui, appena entrata in macchina, in lacrime aveva riferito ogni cosa di quelle accadute sino a quel momento. La donna ha inoltre ricordato che, a seguito di un incontro avvenuto verosimilmente alla fine di marzo dell anno 2007 cui aveva partecipato anche la RESINA (offertasi di aiutarla eventualmente anche a racimolare il denaro da 6

9 restituire al CAROVIGNO) era stato convenuto che la somma dovuta all imputato gli sarebbe stata restituita un poco alla volta, cosa avvenuta (come anticipato innanzi) nel mese di agosto del Ciò non di meno, la MANIGRASSO ha reso edotto il Tribunale che, tra il momento di quest incontro, dopo il quale aveva consegnato all imputato la somma di. 100,00, un successivo incontro avvenuto, in un momento intermedio, sotto l abitazione dell imputato alla presenza anche di tale SOLITO Vito e del marito della MANIGRASSO, ed il mese di agosto del 2007, la condotta del CAROVIGNO non era in alcun modo cambiata, posto che l uomo aveva continuato a pedinarla ovunque, a chiamarla insistentemente al telefono ed a raggiungerla reiteratamente con messaggi telefonici di testo, pretendendo una volta abbandonata la pretesa di consumazione di un rapporto sessuale, non più avanzata in maniera pressante la immediata restituzione del residuo denaro. MANIGRASSO Gabriella ha, viepiù, ricordato che, nell indicato frangente temporale, la condotta molesta di pedinamento da parte del CAROVIGNO era stata posta in essere anche ai danni della RESINA, oramai al corrente di tutti i fatti. La donna ha aggiuntivamente precisato come innanzi già accennato che anche a seguito della consegna della somma il CAROVIGNO aveva continuato a perseguitarla, seguendola ovunque e mettendosi in contatto con lei per minacciarla, adducendo che la sua intenzione era quella di rovinarle la vita e di distruggerle la famiglia, e chiarendo che, per raggiungere il suo obiettivo, avrebbe inventato anche altre storie per farle togliere i figli, posto altresì che RESINA Gianluca, marito della MANIGRASSO, al corrente della vicenda relativa al prestito, era invece all oscuro degli episodi verificatisi all interno della villetta fuori Taranto. MANIGRASSO Gabriella ha, quindi, spiegato che, a seguito dell episodio dell 11 marzo 2008, conclusosi con la denuncia presentata dalla RESINA, aveva deciso di temporeggiare ancora nella presentazione della denuncia per la paura delle minacce poste in essere dall imputato, e che, da ultimo, si era determinata, dopo aver confidato la vicenda all ass. PESCE Salvatore ed aver avuto vari incontri con il sost. comm. ROSATO Vanessa della Squadra Mobile della Questura di Taranto, a presentare la denuncia da cui è stato generato il presente processo, il 7 ottobre 2008, a seguito di due ulteriori episodi verificatisi. La MANIGRASSO ha, infatti, rammentato che, qualche giorno prima della presentazione della denuncia, di ritorno dalla Questura, mentre si trovava in 7

10 prossimità della scuola di suo figlio, ove si era recata per prelevarlo, mentre attraversava la strada, era stata raggiunta dal CAROVIGNO, che, avvicinatosi, le aveva detto <<troia, puttana, tu ed il poliziotto che ti scopi>>, accennando a riprenderla con una videocamera (cfr. verb. ud. 14 gennaio 2011, p. 43). Nella stessa maniera, la donna ha ricordato che, il 1 ottobre, mentre era sul balcone della sua abitazione, aveva notato che lateralmente a tale punto era presente la vettura del CAROVIGNO e che, nei pressi di tale mezzo, fuori dall auto, vi era il CAROVIGNO medesimo con una videocamera, e si era determinata dopo che qualcuno aveva bussato al citofono di casa a richiedere l intervento delle forze dell ordine, arrivate tuttavia dopo che l imputato si era allontanato dal luogo in questione. Da ultimo, la MANIGRASSO ha riferito di aver presentato il 1 dicembre del 2008 un ulteriore denuncia nei confronti di CAROVIGNO Alberto, atteso che l uomo, in almeno altre due circostanze, l aveva nuovamente molestata. MANIGRASSO Gabriella ha, in particolare, riferito di essere stata raggiunta dall odierno imputato in occasione del decesso di suo fratello, quando il CAROVIGNO le aveva fatto pervenire un articolato messaggio di condoglianze, ed in occasione dell apertura di un nuovo punto vendita di telefonia ove ella doveva espletare la sua attività lavorativa, quando l odierno imputato pur essendo ancora il negozio chiuso al pubblico era entrato all interno dello spazio compreso tra le due vetrine ed aveva insistentemente guardato all interno dei locali, poi allontanandosi dal luogo. Con riferimento ai fatti descritti da MANIGRASSO Gabriella, RESINA Caterina, cognata della prima (poiché sorella del consorte della MANIGRASSO), ha riferito al Tribunale di aver vissuto unitamente alla propria congiunta ogni fase delle persecuzioni poste in essere dal CAROVIGNO, divenendo essa stessa vittima di alcune condotte criminose dall uomo poste in essere. Nello specifico, la RESINA ha confermato di essere al corrente tanto del fatto che la MANIGRASSO ed il CAROVIGNO si erano conosciuti presso il posto di lavoro della prima, quanto del fatto che sua cognata aveva poi prestato attività lavorativa per il CAROVIGNO medesimo, quanto, infine, del fatto che quest ultimo aveva prestato in un momento di difficoltà economica della MANIGRASSO, con il benestare del marito della stessa, al corrente della situazione a costei la somma di. 800,00. 8

11 RESINA Caterina ha quindi aggiunto che, dopo la consegna di questa somma di denaro ed anche in seguito alla sua restituzione, il CAROVIGNO aveva letteralmente perseguitato la MANIGRASSO, seguendola in ogni dove e tartassandola di telefonate. Nello specifico la donna ha dichiarato di essere stata nella maggior parte degli episodi testimone oculare dei fatti, attesa la sua abitudine di trascorrere moltissime ore in compagnia della congiunta, aggiungendo viepiù di essere divenuta a sua volta vittima delle condotte del CAROVIGNO, solito seguirla anche quando ella non era in compagnia della MANIGRASSO e, verosimilmente, aduso a contattarla con reiterate telefonate giornaliere sulla sua utenza telefonica, ove ella era stata, per tutto il periodo in cui si erano verificati i fatti e spesso in concomitanza con i pedinamenti posti in essere dal CAROVIGNO, raggiunta da numerose telefonate inviate da un numero anonimo, che si era ritenuto appartenersi all odierno imputato. La RESINA ha poi rammentato in relazione alla vicenda del prestito di avere interloquito personalmente con il CAROVIGNO in un paio di situazioni, chiedendo all uomo di interrompere la sua condotta persecutoria ed offrendosi di pagare in prima persona il debito pur di ottenere il risultato del suo allontanamento. RESINA Caterina dopo aver nuovamente ribadito che il CAROVIGNO era costantemente presente nei dintorni dei luoghi frequentati dalla MANIGRASSO, alla quale rivolgeva pressanti ed incessanti richieste di restituzione del denaro ha, altresì, reso edotto il Tribunale di aver appreso dalla MANIGRASSO (non essendo state, tali richieste, avanzate al suo cospetto) che l imputato aveva rappresentato alla sua debitrice la possibilità di rinunciare alla restituzione dei soldi ove ella avesse acconsentito ad intrattenersi sessualmente con lui, così saldando in maniera differente il suo debito, prospettando in caso di diniego e di ritardo nella dazione di quanto dovutogli di rovinarle la vita e la famiglia diffondendo non meglio precisate notizie sul suo conto. La testimone ha, inoltre, aggiunto di essere al corrente tanto che la MANIGRASSO sebbene costretta dall impellenza di liberarsi dell insistente richiesta dell uomo aveva acconsentito a recarsi con costui all interno di una villa ove avrebbe dovuto essere consumato il rapporto sessuale richiesto dal CAROVIGNO a saldo del debito, quanto che, però, nella occasione, nonostante i 9

12 due si fossero spogliati ed il CAROVIGNO avesse intrapreso l approccio sessuale, non era stato consumato alcun rapporto, atteso che verosimilmente a cagione dell atteggiamento assunto dalla MANIGRASSO, dichiaratasi, per quanto dalla stessa riferito, non collaborativa ed in lacrime l imputato aveva avuto una defaillance tale da impedirgli fisicamente di consumare l agognato amplesso. RESINA Caterina premettendo di essere al corrente di un unico incontro intercorso tra le parti presso la più volte menzionata villa fuori paese ha ricordato anche di aver appreso che, nella circostanza, il CAROVIGNO aveva scattato delle fotografie con il telefono cellulare, suscitando l ira della MANIGRASSO che aveva colpito l uomo per difendersi ed aveva cercato di distruggere le riprese che la ritraevano senza vestiti e che, in ogni caso, tanto aveva ingiunto di fare al suo interlocutore. La RESINA ha tuttavia specificato che, anche dopo tale approccio ed anche a seguito dell avvenuta consegna del denaro dovuto (compiuta da RESINA Gianluca alla presenza di SOLITO Vito), il CAROVIGNO non aveva modificato la propria condotta, proseguendo nei pedinamenti e nelle molestie continuativamente poste in essere ai danni di essa RESINA (anche indipendentemente dalla MANIGRASSO) e della MANIGRASSO, raggiunta sul luogo di lavoro, nei pressi della sua abitazione, vicino alla scuola dei figli ed in ogni dove dal CAROVIGNO. In proposito, la donna ha rievocato alla memoria l episodio verificatosi l 11 marzo 2008, quando ella e la MANIGRASSO, mentre si trovavano all interno del bar Old Fashion ove erano solite fare colazione ogni mattina ed ove sovente venivano raggiunte ed osservate dal CAROVIGNO, avevano scorto ancora una volta l uomo che le scrutava e dopo essersi allontanate a bordo della loro auto che le seguiva con la propria vettura. La RESINA ha ricordato che, nella circostanza, si era posta in collegamento telefonico con l ass. PESCE Salvatore (suo amico) e si era portata con l auto lungo il vicino Corso Italia, sì da consentire nei pressi della Caserma Doria, innanzi alla quale si era fermata chiedendo aiuto alla Polizia di Stato di fermare e di identificare il CAROVIGNO, a bordo della vettura che la seguiva da tergo. Riguardo all episodio avvenuto l 11 marzo 2008, l ass. PESCE Salvatore ha riferito che ricevuta una telefonata da RESINA Caterina, sua conoscente, che in lacrime le chiedeva aiuto aveva consigliato alla donna di portarsi con la sua 10

13 vettura nei pressi della Caserma Doria ove egli in quel momento prestava servizio per meglio comprendere cosa stesse accadendo. L operatore di p.g. ha aggiunto che, avuta la presenza della RESINA a bordo della cui vettura si trovava anche MANIGRASSO Gabriella egli aveva appreso che l uomo alla guida della vettura in marcia a tergo di quella condotta dalla donna le stava seguendo, come oramai di abitudine da circa un anno. Il poliziotto ha dunque aggiunto di aver fermato l auto in questione non senza notare che il conducente, poi identificato nell odierno imputato, alla vista dell incontro avvenuto tra la RESINA e l agente di p.g. in divisa, aveva tentato di cambiare direzione, venendo impedito in tale manovra dalle altre auto in transito e, dopo aver identificato l uomo al volante, di aver notato che costui deteneva innanzi al sedile del passeggero una video-camera. A seguito di tale evento, RESINA Caterina nelle more sentitasi male era stata invitata raggiungere gli uffici della Polizia di Stato per sporgere (cosa di poi effettivamente avvenuta) regolare querela. SALAMINA Anna vicina di casa ed amica della RESINA ha confermato tanto di aver appreso da quest ultima delle molestie poste in essere dal CAROVIGNO ai danni della MANIGRASSO, secondo quanto raccontatole, raggiunta incessantemente sul posto di lavoro e telefonicamente dall uomo, oltre che costretta a seguirlo in una casa isolata per la consumazione di un rapporto sessuale, non giunto all esito per incapacità dell uomo, inibitosi a cagione delle lacrime della sua interlocutrice, tanto di aver assistito personalmente ad alcuni episodi di tali molestie. La SALAMINA dopo aver precisato che la RESINA aveva spesso confidato a suo marito, SOLITO Vito, di essere importunata, unitamente alla MANIGRASSO, da CAROVIGNO Alberto ha ricordato che, in un occasione, a seguito della richiesta di intervento compiuta dalla RESINA, ella unitamente a suo marito, SOLITO Vito aveva assistito ad un incontro nel corso del quale, nei pressi della Concattedrale, il CAROVIGNO, sceso dalla sua vettura, aveva iniziato a discutere con la RESINA e la MANIGRASSO e si era allontanato da quel luogo, tra l altro minacciando denunce, solo a seguito dell intervento del SOLITO medesimo. SALAMINA Anna ha, quindi, dichiarato di aver visto dopo quel fatto reiterate volte dal balcone la stessa vettura in quella circostanza condotta dal CAROVIGNO, con costui a bordo, seguire la MANIGRASSO e la RESINA nei pressi 11

14 della loro abitazione, quando le donne uscivano di casa per prelevare e/o accompagnare i bambini a scuola o al catechismo. Al contrario, SALAMINA Anna ha riferito di non conoscere l eventuale pretesa creditoria vantata dal CAROVIGNO nei confronti della MANIGRASSO. Quanto a tale ultimo aspetto, invece, SOLITO Vito ha dichiarato di aver assistito in un periodo non meglio collocato nel tempo, se non con riferimento al fatto che si trattava di fine estate alla consegna del denaro richiesto dal CAROVIGNO, nella misura residua di. 700,00 (essendogli stata in una precedente occasione consegnata già la somma di. 100,00), da parte di RESINA Gianluca, marito della MANIGRASSO. Il SOLITO ha rappresentato di aver accompagnato il RESINA e la MANIGRASSO (unitamente a sua moglie, SALAMINA Anna) presso l abitazione del CAROVIGNO e di aver presenziato alla consegna del denaro, adducendo pure di aver interloquito in disparte con il CAROVIGNO, invitato a non molestare più la MANIGRASSO ed a non riferire a RESINA Gianluca all oscuro di tali fatti nulla in ordine agli incontri sessuali avvenuti presso la villa di Tramontone. Il teste ha anche ricordato che, nella circostanza, il CAROVIGNO aveva proferito ulteriori minacce rivolte alla MANIGRASSO (cui prospettava di poterle far togliere i figli), additata come l autrice di un danneggiamento patito alla sua vettura. SOLITO Vito ha inoltre aggiunto di aver appreso da RESINA Caterina e da MANIGRASSO Gabriella delle molestie poste in essere ripetutamente dal CAROVIGNO ai loro danni (atteso che il CAROVIGNO era solito telefonare insistentemente alla MANIGRASSO, pedinarla con costanza e raggiungerla nei luoghi di lavoro o di frequentazione abituale ove era certo di trovarla), tanto in un tempo antecedente alla consegna del denaro, quanto anche in momenti successivi a tale evento, giacché l odierno imputato pretendeva le scuse della MANIGRASSO per non meglio significati motivi. Il testimone ha confermato pure di aver appreso con la medesima modalità anche dei due incontri avvenuti nella villa fuori città, alla località Tramontone, ove la MANIGRASSO si era recata nella speranza di porre così fine alle persecuzioni poste in essere ai suoi danni per la restituzione del denaro, nonostante non fosse spontaneamente consenziente ad intrattenersi in convegni amorosi con il CAROVIGNO, del quale subiva la costrizione per la consumazione 12

15 di rapporti sessuali, comunque non andati a buon fine per la defaillance del CAROVIGNO medesimo, autore, in una delle due circostanze, delle riprese filmate, poi effettivamente rinvenute nell hardware del suo computer. In merito a tale ultimo aspetto, infatti, l isp. TRIMBOLI Gianfranco ha riferito di aver eseguito la perquisizione ed il sequestro presso l abitazione dell odierno imputato, ove era stato reperito il computer il cui contenuto è poi divenuto oggetto della consulenza tecnica disposta dal p.m. a mani del dott. BONICA Roberto. All esito dell attività peritale espletata per quanto in questa sede di interesse dal computer del CAROVIGNO erano stati estrapolati una conversazione intercorsa tra l imputato e la MANIGRASSO ed alcuni spezzoni di un filmato contestuale alla registrazione vocale relativi al giorno dell incontro avvenuto tra i due protagonisti della vicenda presso la villa di Tramontone, oltre che numerosi messaggi telefonici di testo, atti a dimostrare l esistenza di una fitta comunicazione tra le parti, quanto meno fino alla fine del mese di febbraio del Orbene, il testo della conversazione (alla cui lettura integrale si rimanda per ragioni di completezza, senza la trasposizione in questa sede del suo contenuto, per ragioni di sintesi espositiva), registrata nel corso del tragitto per raggiungere il luogo in cui il reato si era consumato e all interno della dimora in cui la MANIGRASSO era stata condotta per la consumazione del rapporto sessuale sebbene intervallato da numerose interruzioni che rendono difficile la comprensione integrale del contenuto, essendo molteplici i punti in cui la conversazione diviene incomprensibile, consente in ogni caso di cogliere lo stato d animo della giovane e la sua mancanza di predisposizione all atto che stava per essere consumato. Numerosi sono i passi in cui MANIGRASSO Gabriella, infatti, aveva ripetuto in lacrime (spesso addirittura singhiozzando) al CAROVIGNO di non volere (cfr.: pp. 22, 27, 28, 29, 30, 31), così evidenziando la mancanza del consenso verso l atto che evidentemente si accingeva a compiere al solo scopo di porre fine ad una condizione di prostrazione derivante dalle insistenze del suo interlocutore, dalle minacce da costui prospettate e dal fastidio provato per la sua continua presenza nei suoi spazi (cfr.: pp. 25, 26, 27). Contrariamente a quanto potrebbe arguirsi, anche la lettura della parte finale del dialogo, quando la MANIGRASSO registrata incitava il suo interlocutore a compiere l atto in essere, lungi dal consentire di ritenere che ella avesse aderito 13

16 alla richiesta avanzatale, rappresenta, visto il tenore letterale delle battute, la finalità liberatoria dell esternazione (cfr.: pp. 26 e 27) Con riferimento ai fatti oggetto della contestazione, CAROVIGNO Alberto sottopostosi ad interrogatorio nel corso delle indagini si è professato innocente, escludendo di aver posto in essere ai danni di MANIGRASSO Gabriella le condotte da costei descritte nella querela e rievocate in dibattimento. L imputato ha confermato di aver avuto una bella amicizia con la persona offesa, significando che nell ambito di tale rapporto egli le aveva effettivamente prestato del denaro, in altre occasioni regalandole pure ulteriori piccole somme per sopperire alle sue necessità, e di aver intrattenuto alcuni incontri sessuali con la donna, prestatasi consenzientemente agli stessi. Il CAROVIGNO ha, infatti, chiarito che i due episodi denunciati dalla MANIGRASSO erano stati da costoro concordati e non erano in alcun modo connessi al rapporto di debito-credito tra loro intercorrente, mentre l insistenza per ottenere la restituzione degli. 800,00 era stata determinata dal fatto che la MANIGRASSO aveva fatto comprendere di non essere intenzionata a rendere quanto dovuto. L uomo ha poi asserito di non aver in alcuna maniera seguito o molestato la MANIGRASSO, ripetutamente incontrata in maniera accidentale vista la coincidenza dei posti da entrambi frequentati. Nello specifico, con riferimento all episodio avvenuto l 11 marzo 2008, il CAROVIGNO ha chiarito di aver accidentalmente incontrato la RESINA e la MANIGRASSO all interno del bar e di essere uscito da tale esercizio commerciale indirizzandosi lungo il vicino Corso Italia, venendo superato dall auto condotta dalla RESINA postasi davanti al suo mezzo e poco dopo fermato dall ass. PESCE Salvatore. CAROVIGNO Alberto ha da ultimo affermato di essere, egli, stato vittima delle molestie e delle ingiurie poste in essere ai suoi danni dalla RESINA e dalla MANIGRASSO, nei cui confronti aveva in più occasioni provveduto a sporgere regolare querela Al fine di dare conto della conclusione raggiunta in ordine alla sussistenza del delitto di violenza sessuale e della contravvenzione di cui all art. 660 c.p. (non 14

17 potendosi ritenere integrata per le ragioni che si esporranno l ulteriore fattispecie delittuosa descritta dal p.m. nell editto di accusa), va premesso il positivo giudizio circa l attendibilità della persona offesa. Tale conclusione riposa, oltre che sulle considerazioni che di seguito si compiranno, sul pacifico orientamento giurisprudenziale a mente del quale la parola della persona offesa, pur costituta parte civile, può fondare una pronuncia di affermazione di penale responsabilità dell imputato, anche se non comprovata da riscontri esterni, essendo sufficiente un accurato vaglio sulla coerenza intrinseca ed estrinseca del narrato (per tutte, cfr.: Cass., S.U., 26 ottobre 2012, n ; Sez. III, 20 gennaio 2011, n. 1818; Cass., Sez. III, 25 febbraio 2008, n. 8382; Cass., Sez. Un., 9 marzo 2006, n. 8285; Cass., Sez. I, 4 novembre 2004, n ; Cass., Sez. VI, 13 novembre 2003, n ). Tanto premesso, a parere del Tribunale, MANIGRASSO Gabriella è apparsa teste non solo coerente, dettagliata e lineare nel racconto, ma anche non animata da alcun intento calunniatorio nei confronti del CAROVIGNO. La deposizione della MANIGRASSO è stata, infatti, connotata solo da alcune minime fisiologiche imprecisioni, in ogni caso giustificabili in ragione del lungo lasso di tempo intercorso tra il momento di verificazione dei fatti e quello della loro rievocazione in Tribunale, apparendo così complessivamente genuina. Né può trascurarsi che i toni utilizzati dalla donna sono apparsi assai pacati, non avendo ella manifestato alcun sentimento di acrimonia nei confronti dell imputato, rispetto al quale ha descritto sin da subito condotte minimamente invasive, avendo ella ammesso che i rapporti sessuali richiesti dal suo interlocutore non erano stati effettivamente consumati, poiché costui, a fronte delle sue lacrime, era stato a tal punto inibito da essere incapace di portare a termine il suo intento. Sulla scorta della considerazione da ultimo espressa, può essere logicamente escluso un intento calunniatorio della persona offesa, che a maggior ragione poiché costituitasi parte civile ove avesse dovuto addebitare all imputato fatti non rispondenti a quanto realmente accaduto avrebbe avuto tutto l interesse a calcare la mano, sì da aggravarne, anche dal punto di vista risarcitorio, la condizione. In proposito, a sostegno del ragionamento testé compiuto, non può essere trascurato, a parere del Collegio, che la MANIGRASSO la quale ha dato anche 15

18 compiutamente e condivisibilmente atto delle ragioni che l avevano indotta a denunciare i fatti a notevole distanza di tempo dal momento di loro verificazione proprio in ragione di tale ritardo nella presentazione della denuncia, stante l impossibilità di svolgere accertamenti di sorta su eventuali esiti di possibili violenze, avrebbe potuto accusare l imputato di condotte ben più gravi di quelle minimamente invasive denunciate con riferimento all approccio sessuale subito ed alla modalità attraverso la quale la violenza e la minaccia erano state poste in essere. Vi è poi che le dichiarazioni della MANIGRASSO hanno trovato conferma in quanto sostenuto da ciascuno degli altri testimoni escussi, ognuno dei quali con la propria deposizione ha fornito conforto, al contempo ricevendone, a quanto dichiarato da ciascuno degli altri. Deve, infatti, essere rammentato che SOLITO Vito e RESINA Caterina hanno confermato di aver appreso dalla MANIGRASSO con costoro confidatasi gli accadimenti relativi agli incontri sessuali avvenuti nella più volte menzionata villetta di Tramontone, i cui particolari hanno trovato, quanto meno con riferimento ad uno dei due convegni ivi avvenuti, conforto anche nel contenuto della registrazione effettuata dallo stesso imputato, che ha consentito di apprezzare tanto l esistenza della mancanza di volontà all atto della MANIGRASSO, ivi recatasi evidentemente per cercare di porre un argine alle pretese del suo interlocutore e di porre fine alla situazione in cui, suo malgrado, a seguito del ricevuto prestito era venuta a trovarsi, quanto, in ragione di ciò che è dato evincere dal colloquio trascritto, del fallito esito di tale incontro e delle innumerevoli lacrime nella circostanza in quel contesto versate dalla donna. Nella stessa maniera, SOLITO Vito e RESINA Caterina, unitamente all ass. PESCE Salvatore ed a SALAMINA Anna, hanno confermato a pieno le dichiarazioni della MANIGRASSO in ordine alla continua persecuzione dal CAROVIGNO posta in essere ai danni della donna. Ed invero, a ben vedere, lo stesso imputato non ha smentito i fatti a lui ascritti. Egli si è limitato esclusivamente a sostenere che le ragioni della sua insistenza nel contattare la donna erano determinate dall esigenza di recuperare i denari prestati alla stessa, dalla quale temeva di non ottenere la restituzione delle somme 16

19 consegnate e che la ragione dei ripetuti incontri con l odierna parte civile era da ricercarsi nella combinazione di frequentare i medesimi posti in cui ella si trovava. In proposito, non può non rilevarsi l incongruenza di tale spiegazione rispetto alla acclarata circostanza della prosecuzione delle condotte di pedinamento anche in un epoca di gran lunga successiva a quella dell avvenuto integrale pagamento del debito e di osservazione effettuata nelle immediate vicinanze della dimora della donna. Per altro, con riferimento alla frequenza dei contatti esistenti tra le parti, rileva anche la trascrizione dei numerosi sms tra costoro scambiati (sebbene nel periodo immediatamente successivo alla consegna del denaro ed antecedente alla riscossione del credito da parte del CAROVIGNO), da cui si evince in maniera pressoché inconfutabile la natura dell interesse vantato nei confronti della MANIGRASSO dal CAROVIGNO. Nella stessa maniera, il CAROVIGNO in tanto però contraddetto dal contenuto della trascrizione della registrazione della conversazione relativa all incontro (da lui stessa confezionata) non ha negato di essersi recato con la MANIGRASSO nel luogo da costei indicato per la consumazione di un rapporto sessuale, adducendo esclusivamente che tale convegno amoroso era desiderato anche dalla MANIGRASSO. In merito è solo il caso di evidenziare l incongruenza di tale ultima affermazione rispetto tanto al contenuto delle asserzioni della MANIGRASSO, per tutto il tragitto dettasi contraria all atto che stava per essere consumato, rispetto al quale ella si mostrava disposta solo per cercare di porre fine alle pretese del suo interlocutore, quanto all atteggiamento da costei assunto per la maggior parte del periodo di permanenza all interno della villa, ove ella, nel corso di verificazione degli approcci, aveva quasi sempre implausibilmente, ove dovesse intendersi che aveva scientemente scelto di aderire a quanto in essere pianto Alla luce delle superiori considerazioni, a carico di CAROVIGNO Alberto devono intendersi integrati tutti gli elementi costitutivi del delitto di cui all art. 609 bis c.p. e della contravvenzione di cui all art. 660 c.p., mentre al contrario non può giuridicamente ritenersi sussistente l ulteriore fattispecie criminosa di cui all art. 629 c.p. 17

20 In merito, va osservato che la norma da ultimo richiamata sanziona con la pena edittalmente prevista chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto. È fuori discussione che la suddetta ipotesi incriminatrice ha come oggetto della tutela sì anche la libertà personale del soggetto il cui agire venga coartato con violenza e/o minaccia ma soprattutto la protezione del patrimonio della vittima, oggetto di deminutio (con corrispettivo profitto per l agente ovvero per un terzo) per effetto del costringimento (non assoluto, vertendosi, altrimenti, nella differente ipotesi di rapina) da questa patito in ragione di quanto imposto dall autore del fatto. Nessun dubbio può sussistere in ordine al fatto che il danno patito dalla vittima del reato (a differenza del profitto per l agente ovvero per il terzo, che potrebbe consistere in qualsivoglia vantaggio, ingiusto perché non dovuto o perché ottenuto con mezzi antigiuridici) deve essere di natura patrimoniale, dovendo esso determinare un alterazione sfavorevole del rapporto fra gli elementi attivi e quelli passivi del patrimonio, da intendersi come un complesso di valori (economicamente o meno) valutabili. A tal fine va richiamato il risalente, ma non controverso, principio di diritto, secondo cui il danno non patrimoniale non lede l'interesse che costituisce l'oggetto giuridico del delitto di estorsione; infatti, trattandosi di un delitto contro il patrimonio, il danno che il soggetto passivo della violenza o altri deve subire in seguito all'imposizione deve essere un danno patrimoniale (Cass., Sez. I, 18 gennaio 1990, n. 679). Sulla scorta delle superiori premesse è evidente l insussistenza, nella specie, del delitto di estorsione. Il CAROVIGNO, nel porre quale alternativa alla legittima pretesa di restituzione della somma in precedenza prestata alla MANIGRASSO la consumazione di rapporti sessuali in cambio del silenzio nei confronti del di lei padre dell esistenza di quel debito della donna, ha posto in essere una condotta tale da dare luogo ad una coartazione della volontà della MAIGRASSO fonte per costei di un danno di natura sessuale, e dunque, pur se economicamente valutabile ai fini di un eventuale risarcimento del danno, non patrimoniale. La connotazione sessuale dell atto con la minaccia di rivelare al di lei padre l esistenza del debito in precedenza contratto imposto alla vittima fa sì che 18

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Oltre alla violenza privata, in seguito alla pubblicazione del video scatta anche la violazione della privacy di Marina Crisafi

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO -

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - 1 circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - atto di impugnazione proposto nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, relativo alla sentenza pronunciata il dal giudice per l udienza preliminare

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RUSSO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RUSSO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CONTE (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato da Associazione

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006

PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006 PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006 3 CASO: UNA PERSONA CON GRAVE DISABILITA E RESPONSABILE PER IL RISARCIMENTO E PERSEGUITAMENTO

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Marijuana, coltivazione ad uso personale

Marijuana, coltivazione ad uso personale STUDIO LEGALE AVV. ELISABETTA DORO VIA CARLO SIGONIO 2 40137 BOLOGNA TEL. 051.346996 FAX 051.7160309 E-mail: info@studiolegaledoro.it Sito internet: www.studiolegaledoro.it Marijuana, coltivazione ad uso

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI...

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI... Formula 79 Difensore 149 FORMULA 79 VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI DA PERSONE INFORMATE SUI FATTI (artt. 327 bis e 391 bis c.p.p.) R.G. n.... ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 1020/13 Reg.Sent. N. 8765/10 N.R. Il Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Ha pronunciato la seguente Nei confronti di: - P. J. Il Tribunale Penale di Treviso - Sezione Penale - S

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO

IL COLLEGIO DI MILANO IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Mauro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione.

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. CIRCOLARE n. 16 26 luglio 2012 GDV/fp Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. Con nota dello scorso

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio NOTE SU obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio 1 È previsto dall art 365 codice penale quale delitto

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso SENTENZA N. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI ROMA I SEZIONE PENALE DIBATTIMENTALE Il Giudice di Pace dott.ssa CHIASSAI Cristina Alla pubblica udienza del 16.06.2011 SENTENZA

Dettagli

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking e strategie efficaci di contrasto Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking Atti persecutori, (minacce, molestie) caratterizzate da azioni dirette e indirette come telefonate

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G. Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP (Rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP Imputati: Z.S., nato

Dettagli

Decisione N. 91 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 91 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra N. R.G. 8597/2011 S.G. TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra e COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI FONDIARIA SAI SPA ATTORE CONVENUTO Oggi 21 ottobre

Dettagli

Programmi scaricati da emule contenenti immagini pedopornografiche - Accesso al file solo dopo il down

Programmi scaricati da emule contenenti immagini pedopornografiche - Accesso al file solo dopo il down L'utente che voglia effettuare il download del file dal titolo "A" si rende conto, solo dopo averlo effettivamente scaricato, che esso contiene in realtà filmati pornografici o pedo. Tribunale Penale di

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Decisione N. 1591 del 14 marzo 2014

Decisione N. 1591 del 14 marzo 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

Decisione N. 6730 del 20 dicembre 2013

Decisione N. 6730 del 20 dicembre 2013 IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

Come inizia un procedimento per malpractice?

Come inizia un procedimento per malpractice? Come inizia un procedimento per malpractice? Quando si affronta il tema della responsabilità medica, si intercettano problemi e questioni di natura diversa. Nel presente contesto osserveremo taluni aspetti

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI Prefazione... XV CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI 1.1. Stalking:evoluzioneecaratteridefinitori... 1 1.1.1. Una possibile categorizzazione del fenomeno... 4 1.1.2. L opera di neutralizzazione da parte dello

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

La denuncia di sinistro

La denuncia di sinistro Capitolo 1 La denuncia di sinistro Bibliografia: Legislazione: C. BUZZONE-M. CURTI, Formulario RC auto, Ipsoa, Milano 2006. D.P.R. n. 254/2006. La denuncia di sinistro ha lo scopo di portare all attenzione

Dettagli

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica STALKING Indagine statistica attraverso la lettura dei fascicoli dei procedimenti definiti con sentenze di primo grado Roma, Giugno 2014 STALKING

Dettagli

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex Esame avvocato 2011: seconda traccia e svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale Caio, dipendente del comune di Beta, viene sorpreso dal Sindaco mentre, per mezzo del computer dell'ufficio,

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI CATANIA SEZIONE DELLA PERSONA E DELLA FAMIGLIA. dott. Antonella Giuliana MAGNAVITA

CORTE DI APPELLO DI CATANIA SEZIONE DELLA PERSONA E DELLA FAMIGLIA. dott. Antonella Giuliana MAGNAVITA CORTE DI APPELLO DI CATANIA SEZIONE DELLA PERSONA E DELLA FAMIGLIA Riunita in camera di consiglio e composta dai signori magistrati: dott. Tommaso FRANCOLA Presidente dott. Antonella Giuliana MAGNAVITA

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Presidente (Estensore)

IL COLLEGIO DI MILANO. Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Presidente (Estensore) IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Presidente (Estensore) Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d Italia Prof. Avv. Giuseppe

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO

Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Il processo. Con decreto di citazione diretta dell 8.9.2010, emesso a seguito di opposizione

Dettagli

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 3/2015 Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Omissione di referto

Omissione di referto Omissione di referto Art. 365 c.p. Chiunque, avendo nell esercizio di una professione sanitaria prestata la propria assistenza o opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Filodiritto.it. 1. Le massime

Filodiritto.it. 1. Le massime La responsabilità del contagio da HIV del coniuge: colpa con previsione o dolo eventuale?nota a Corte di Cassazione Sezione Quinta Penale, Sentenza 16 aprile 2012, n. 38388 Dott. Andrea Falcone Filodiritto.it

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli