Rassegna Stampa. Martedì 05 Agosto 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Martedì 05 Agosto 2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa 05 Agosto 2014

2 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione Repubblica (la) 3 Conflitto d'interessi regalo dei deputati ai capidelle Authority (Conte Valentina) 2. Previdenza Sole 24 Ore (Il) 1 La guida pratica per la famiglia - Colf - Le ferie, l'assunzione, la previdenza - Gestire l'«aiuto in casa» dal diritto alle vacanze ai bollettini trimestrali (Rota Porta Alessandro;Lacqua O) Sole 24 Ore (Il) 1 Le vie della ripresa - Pensioni, salta «quota 96» per i docenti (Colombo Davide) Sole 24 Ore (Il) 3 L'allargamento della platea - Se l'esodato ha ancora un lavoro (Prioschi Matteo) Sole 24 Ore (Il) 3 La staffetta generazionale - Nella Pa in 240mila verso l'uscita (Colombo Davide) Sole 24 Ore (Il) 27 Ammortizzatori - Per la Cig limite a 11 mesi (Gheido Maria Rosa) Corriere della Sera 1 Sulle pensioni si ambia ancora. Bloccati gli insegnanti, ma salta il tetto di 68 anni (Di Frischia Francesco) Corriere della Sera 1 Ferrera - Un'idea di vecchiaia ormai superata, tempo e reddito si possono distribuire (Ferrera Maurizio) Repubblica (la) 1 Italia a crescita zero. Stop sulle pensioni rivolta in Parlamento. (Grion Luisa) Italia Oggi 2 L'lnail sifa digital: un raggio di luce nella caverna della p.a. (Narduzzi Edoardo) Italia Oggi 1 Va in pensione anche chi ha trovato un nuovo lavoro (Ciccia Antonio)

3 Estratto da pag. 3 Conflitto d'interessi regalo dei deputati ai capidelle Authority Alleggerite le norme peri Garanti dopo 2 anni lecito lavorare con i vigilati VALENTINACONTE Ezio Mauro BAKOM BTK ANACOM (Germania) non è previsto uno stop (Francia) 3 anni OFCOM (Regno Unito) pericommissan sono previste restrizioni contrattuali, invece per i dirigenti lo stop è di 6 mesi COMREG (Manda) 1 anno (ma i commissari possono subito lavorare nel settore pubblico) BNETZA ARCEP (Spagna) 2 anni Autorità par la comunicazioni: quanto dura il periodo di stop per gli altri garanti europei CMT (Portogallo) 2 anni ( ma m questo periodo i commissan ricevono i due terzi della loro retribuzione) (Svizzera) non è previsto uno stop (Turchia) 2 anni ROMA LaCameradeideputatidimezzailperiododi "cooling off' per i vertici delle Authority. Portando da quattro a due gli anni di "congelamento" in cui vige il divieto per presidente, commissari e anche per i dirigenti, scaduto il loro mandato presso l'autorità, di lavorare "direttamente o indirettamente" per le società del settore regolato. Che siano consulenze, collaborazioni o contratti vari. Una norma inserita nel decreto Madia sulla Pubblica amministrazione con l'intento di scansare situazioni di conflitto di interessi ed estesa per la prima volta anche ai dirigenti (esclusi dalla normativa vigente del 1995 ). E arrivata da qualche giorno in Senato già azzoppata. Eppure, nonostante il regalo di Montecitorio, gli alti burocrati sono in fibrillazione, in alcuni casi prontiavalutarepersinole dimissioni per evitare la tagliola. Così come grande preoccupazione c'è anche tra i dirigenti non a tempo indeterminato, inclusidalla Camera nella norma. Parliamo dell'articolo 22 del decreto. E di Antitrust, Consob, Autoritàdei trasporti, Autorità per l'e- Fondi pensione Pag. 1

4 Estratto da pag. 3 Ezio Mauro nergia e il gas, Autorità di garanzia nelle comunicazioni, Garante per la privacy, Autorità anticorruzione, Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione) e Garante per gli scioperi. Tutte le Authority indipendenti. Ebbene grazie auo sconto, amenodinuovemodifiche dei senatori, le posizioni apicali dovranno attendere solo due anni, la metà di quanto previsto dal gover no, per passare ad altre poltrone, restando nel settore ( da AgCom a Telecom, per dire, come da Covip a un fondo pensioni). Posti ben remunerati, sicuramente prestigiosi, dove spendere i preziosi anni di esperienza e professionalità acquisiti. Ma anche potere, contatti, meccanismi, agevolazioni. D'altro canto lanormasindasubitoavevadestato perplessità. Nella sua audizione in commissione Affari costituzionali della Camera, agli inizi di luglio, il presidente di AgCom Angelo Cardani aveva lasciato ai deputati un dossier sul "cooling off' in Europa. Per mostrare come altrove questo periodo di decantazione o non esiste ( Germania ) o è più ridotto ( in Spagna due anni, in Francia tre, nel Regno Unito appena sei mesi per i non executive, nessuna restrizione per gli executive). Un rapporto che deve aver fatto breccia. Come se non bastasse, i deputati hanno anche alleggerito la speciale deroga prevista dal governo per Consob, AgCom, Autorità dell'energia. Quella che tiene fuori dal divieto di cambio di casacca i dirigenti degli "uffici di supporto" o di staff, dunque quelli di diretta collaborazione, gabinetti, segreterie. Ebbene il decreto Madia diceva che questi manager erano esclusi se in staff da almeno quattro anni. Diventati alla Camera, anche qui, due. Dimezzati. Scrive il Senato nella suarelazione al decreto: «La relazione illustrativa del provvedimento non fornisce indicazioni sulla motivazione della deroga introdotta». Insomma, si chiedono i tecnici di Palazzo Madama, perché e per chi è stata fatta Due sconticini non da poco, dunque ( ai quali aggiungere il ritorno a cinque da tre dei commissari Consob, spesa extrapari a mezzo milione l'anno ). Regali non sufficienti però,aquantosiintuisce,aplacareleansiedi chi vede interrotti sogni di carriera imminenti. In molte Authority cresce l'ansia. Qualcuno medita di lasciare prima che il testo diventi legge, così da non incappare nel divieto. Rumors assai consistenti attribuiscono a questa norma le dimissioni di Federico Boschi dalla direzione mercati dell'authority per l'energia, lo scorso 31 luglio (delibera 404). E altre voci ancora più solide, darebbero in partenza addirittura il presidente di questa Authority, Guido Bortoni (nominato nel 2011, la carica dura sette anni), che potrebbe lasciare, restando però dirigente e se possibile dirigente di "staff'. LA SOGLIA DEI 68 ANNI Cade anche, almeno per ora, il tetto di 68 anni per il pensionamento d'ufficio introdotto per professori universitarie primari universitari: i I costo sarebbe stato di ci rea 100 milioni LAVORATORI PRECOCI Sa Ita inoltre lo stop alle penalizzazioni perchiha42anni di contributi e menodi62annidi età. Stop introdotto per venire incontro a chi ha iniziato a lavora re molto presto VITTIMESTRAGI Uno degli emendamenti soppressi sblocca va una serie di aiuti pensionistici destinati alle vittime delle stragi e ai loro familiari "QUOTA96" II più importante degli emendamenti soppressi dal governo sbloccava il pensionamento di 4 mila insegnanti che la legge Fornero aveva bloccato per un errore tecnico Fondi pensione Pag. 2

5 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano LA GUIDA PRATICA PER LA FAMIGLIA r /Assunzione, ferie, previdenza LE SCELTE DI PORTAFOGLIO 112 r /Assunzione, ferie, previdenza LE SCELTE DI PORTAFOGLIO 112 Poste r / As / Conti, buoni, libretti unzione, ferie, previden Cadeo, lacqua, Rota Porta, Zucca * pagine 32 e 33 a LE SCELTE DI PORTAFOGLIO 112 Poste r /As / Conti Collaboratori domestici e badanti: diritti e doveri Cadeo, Lacqua e Rota Porta > pagina 32 LE SCELTE DI PORTAFOGLIO Poste Pregi e difetti dei tanti p strumenti d'investimento LE SCELTE DI PORTAFOGLIO Poste Pregi e difetti dei tanti p strumenti d'investimento Zucca > pagina 33 LE SCELTE DI PORTA LA GUIDA PRATICA PER LA FAMIGLIA Le regole e le opportunità Le regole e le opportunità DOMANI - Le tasse sul risparmio Le regole e le opportunità DOMA II piano delle usate su I - Le tasse sul risparmio Le regole e le o LE FERIE, L'ASSUNZIONE, LA PREVIDENZA Gestire T«aiuto in casa» dal diritto alle vacanze ai bollettini trimestrali La spesa per un collaboratore domestico è una delle principali del bilancio di casa e interessa non poche famiglie. Si stima (dati Assindatcolf su un'indagine Censis) che colf ebadanti siano quasi 1,7 milioni e che circa 2,6 milioni di famiglie (una su dieci) si rivolgano al mercato per acquistare servizi di collaborazione, di assistenza e baby sitting. E i costi non sono irrilevanti: Assindatcolf calcola circa 580 euro al mese (6.550 l'anno) per un aiuto in casa per 15 ore la settimana che salgono a euro nel caso di una badante convivente (quasi rymila l'anno). Ora poi è tempo di vacanze, e c'è la questione sia del periodo sia della retribuzione. Infatti i lavoratori domestici - come tutti i soggetti dipendenti - hanno diritto alle ferie annuali retribuite, per il recupero delle energie. Ecco che cosa sapere. Indipendentemente dalla dura ta dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio presso lo stesso datore, il collaboratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie (domeniche e festività infrasettimanali escluse). Nei rapporti inferiori all'anno, maturano tanti dodicesimi quanti sono i mesi di attività prestata (le frazioni di 15 giorni contano come mese intero): ad Previdenza Pag. 3

6 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano esempio, una colf assunta il i "aprile 2014, a fine luglio 2014 ha maturato quattro dodicesimi di 26 giorni lavorativi (8,66 giorni). Il datore, tenendo conto anche delle esigenze del lavoratore, fissa il periodo, preferibilmente tra giugno e settembre. Le ferie hanno di norma carattere continuativo e possono essere frazionate in non più di due periodi all'anno: i giorni vanno utilizzati per almeno due settimane entro l'anno di maturazione e per altre due entro i 18 mesi successivi. Il lavoratore straniero può richiedere un periodo più lungo, "cumulando" due anni (52 giorni). Le ferie non possono essere concesse durante il periodo di preavviso di licenziamento né durante la malattia, la maternità o l'infortunio. E quando cessa il rapporto? Va corrisposta l'indennità sostitutiva per ferie non godute, ossia i dodicesimi maturati in base ai mesi di effettivo servizio. Quanto alla busta paga durante le ferie, il dipendente retribuito a mese ha diritto, per ogni giornata, a un 26 della retribuzione mensile comprensiva dell'eventuale indennità sostitutiva per vitto e alloggio. Ma oltre alle ferie, argomento clou dell'estate, molti sono gli aspetti del lavoro domestico da conoscere. Ecco alcuni capitoli base, dal contratto ai contributi. R.Ca. O.La. A.R.P. RIPRODUZIONE RISERVATA Nelle festività il lavoratore domestico ha diritto al riposo e al pagamento della normale retribuzione. In un rapporto a ore, le festi vita vanno retribuite sulla base della paga oraria ragguagliata a 1/6 dell'orario settimanale indipendentemente dal fatto che in tali giornate fosse prevista la prestazione. In caso sia richiesta attività lavorativa, sarà dovuta anche la retribuzione delle ore lavorate maggiorate del 60% Festività ILLUSTRAZIONE DI ANNA GODEASSI Previdenza Pag. 4

7 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano Dallapaga alleferìe: un patto scrìtto e dettagliato CONTRATTO Ornella Lacqua Alessandro Rota Porta II datore di lavoro può assumere un lavoratore domestico di nazionalità italiana o di Paesi Ue, direttamente, dopo aver concordato gli elementi essenziali del rapporto di lavoro (orario, retribuzione, ferie, eccetera). Il lavoratore, invece, deve produrre una serie di documenti: codice fiscale, documento d'identità e tessera sanitaria Asl; se è minorenne deve altresì presentare il certificato di idoneità al lavoro, rilasciato dall'asl, dopo visita medica a cura e a carico del datore di lavoro, nonché la dichiarazione dei genitori, vidimata dal sindaco, con cui si acconsente che il lavoratore minorenne viva presso la famiglia del datore. Se si tratta di cittadino extraue il datore deve acquisire anche il permesso o la carta di soggiorno validi. Una volta raccolti tutti i documenti necessari, si concordano tra le parti le condizioni per stipulare in forma scritta il contratto di lavoro, tenendo anche conto delle norme dettate dal contratto collettivo di categoria. La lettera di assunzione deve contenere: la data di inizio rapporto; la data di scadenza (se il contratto è a tempo determinato); la categoria d'inquadramento e l'anzianità di servizio del lavoratore nella categoria; l'eventuale durata del periodo di prova; la retribuzione pattuita; l'orario della prestazione di lavoro; il giorno del riposo settimanale se il collaboratore presta servizio a orario intero; la previsione di eventuali spostamenti; la convivenza o meno con il datore; le condizioni di vitto e alloggio se previste; il periodo concordato per le ferie annuali. Il datore di lavoro ha l'obbligo di presentare la comunicazione di assunzione all'inps, entro le 24 ore del giorno precedente (anche se festivo) a quello di instaurazione del rapporto di lavoro tramite internet (o contact center) o gli intermediari abilitati. La comunicazione ha efficacia anche nei confronti dei servizi competenti di ministero Lavoro, Inail e Prefettura. L'obbligo di comunicazione vige anche in fase di proroga, di trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato, o in caso di svolgimento dell'attività in un'abitazione del datore diversa da quella comunicata precedentemente nonché alla cessazione del rapporto di lavoro. In questi casi la comunicazione deve essere effettuata entro cinque giorni dall'evento. Inoltre, devono essere comunicate all'inps le variazioni di elementi del rapporto di lavoro utili al calcolo dei contributi (retribuzione, orario, settimane lavorate etc.). Le modifiche riguardanti orario e retribuzione sono soggette a un limite massimo di due comunicazioni a trimestre, mentre non vi sono limiti per tutte le altre variazioni che non hanno effetto sul conteggio della contribuzione. È comunque sempre possibile, al momento del pagamento, variare senza limitazioni i dati relativi a orario e retribuzione per ottenere il corretto calcolo dei contributi dovuti. RIPRODUZIONE RISERVATA DIRITTI DEL LAVORATORE Assegno per il nucleo familiare Indennità di disoccupazione Indennità di maternità Indennità antitubercolosi Curetermali Assegno di invalidità pensione di inabilità, di anzianità, di vecchiaia Pensione ai superstiti o di reversibilità FINE RAPPORTO Per il Tfr accredito finale ofrazionato II rapporto di lavoro può cessare per libera volontà del datore di lavoro e del lavoratore domestico, a patto che si dia regolare preavviso all'altra parte. In merito al calcolo del preavviso, il contratto collettivo nazionale prevede che il rapporto di lavoro possa essere risolto con l'osservanza dei seguenti termini: in caso di licenziamento, 15 giorni di calendario, per il rapporto di lavoro non inferiore a 25 ore settimanali e fino a 5 anni di anzianità presso lo stesso datore; 30 giorni di calendario, oltre i cinque anni di anzianità presso lo stesso datore. I termini sono ridotti alla metà nel caso di dimissioni da parte del lavoratore. Per il rapporto di lavoro inferiore alle 25 ore settimanali il preavviso dovrà essere di 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e di 15 giorni, oltre i due anni di anzianità. Nel caso di mancato preavviso da parte del datore è dovuta al lavoratore un'indennità sostitutiva; se invece il lavoratore dimissionano non effettua la prestazione nel suddetto periodo, viene trattenuto l'importo corrispondente al mancato preavviso. Le dimissioni volontarie o la risoluzione consensuale devono essere convalidate con le seguenti modalità: convalida del lavoratore presso la dirczione territoriale del Lavoro o il Centro per l'impiego territorialmente competenti; sottoscrizione da parte del lavoratore di dichiarazione in calce alla ricevuta della comunicazione di cessazione inviata all'inps. La cessazione del rapporto va comunicata all'inps entro 5 giorni (online o al numero gratuito ). Il versamento dei contributi relativi all'attività prestata fino alla data di cessazione, deve invece essere effettuato entro i io giorni successivi alla data di fine rapporto; l'eventuale ritardato pagamento comporta sanzioni da parte dell'inps. Si ricorda che devono essere versati, sempre entro la stessa data, anche i contributi relativi a ferie maturate manongoduteeal preavviso. Si precisa, peraltro, che per i lavoratori domestici non è dovuto il contributo di interruzione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato introdotto dalla legge 92/2012. Quando cessa il rapporto di lavoro, il collaboratore domestico ha sempre diritto al trattamento di fine rapporto, anche nel caso di rapporto saltuario o di poche ore settimanali o di risoluzione durante il periodo di prova, se superiore a 15 giorni. Per calcolare l'importo del Tfr, si deve tener conto di: retribuzione mensile, tredicesima, indennità sostitutiva di vitto e alloggio quando dovuta. Inoltre, il Tfr accantonato deve essere rivalutato annualmente sulla base dell'indice Istat. Il Tfr può anche essere frazionato nel corso del rapporto: la liquidazione può essere pagata ogni anno, su richiesta da parte del lavoratore o del datore con il consenso dell'altro. Tuttavia, la legge stabilisce che dopo otto anni di servizio il dipendente può avere diritto a un anticipo pari al 70% della liquidazione maturata. O.La. A.R.P. RIPRODUZIONE RISERVATA IL CALCOLO DEL TPR 011 NELL'ANNO Si determina la retribuzione annua utile, la quota annua d'accantonamento e si rivalutano le quote accantonate negli anni 02 I A FINE RAPPORTO Si determina la quota dell'ultimo periodo e si somma con iltfr rivalutato degli anni precedenti Previdenza Pag. 5

8 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano Le tutele per malattia infortunio e maternità ASSENZE Malattia, maternità, infortunio: ecco le regole. Il lavoratore in caso di malattia deve avvertire immediatamente il datore di lavoro (entro l'orario di inizio della prestazione) facendogli pervenire il certificato medico entro due giorni dal rilascio. Il datore di lavoro deve garantire al lavoratore domestico in malattia la conservazione del posto che varia in base all'anzianità maturata presso la stessa famiglia. E tenuto al pagamento della metà dello stipendio i primi tre giorni e del salario intero per i giorni successivi, fino a un massimo di: 8 giorni per anzianità fino a 6 mesi; io giorni (anzianità da 6 mesi a 2 anni); 15 giorni (oltre 2 anni). In caso di maternità, durante l'astensione obbligatoria, la collaboratrice ha diritto alla conservazione del posto e all'indennità sostitutiva della retribuzione. La tutela scatta se la colf possiede il requisito di 52 settimane di lavoro "utili" nei 2 anni precedenti o 26 settimane nell'anno precedente l'inizio del congedo di maternità. La maternità obbligatoria è pagata dall'inps - su domanda della lavoratrice - ed è pari alp8o% del salario convenzionale sul quale sono versati i contributi orari. Infine, nel caso di infortunio sul lavoro, il datore di lavoro deve: denunciare l'evento all'inaii e alla Ps entro 2 giorni dalla ricezione del certificato d'infortunio; pagare retribuzione globale di fatto per i primi tre giorni di assenza; conservare il posto per un periodo variabile secondo l'anzianità di servizio (io giorni di calendario per anzianità fino a 6 mesi, 45 giorni da 6 mesi a 2 anni; 180 giorni oltre i 2 anni). O.La. A.R.P. CONTRIBUTI Quattro appuntamenti per l'obbligo previdenziale I contributi dei lavoratori domestici vanno versati trimestralmente (entro il giorno io dei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre) e l'importo dovuto si ottiene moltiplicando il contributo orario per il numero delle ore retribuite nel trimestre al quale si riferisce il versamento. Per stabilire il contributo orario occorre individuare, sulla base delle tabelle Inps, la fascia in cui è compresa la retribuzione oraria effettiva (comprensiva della quota di tredicesima). Per esempio, prendendo a riferimento la retribuzione oraria effettiva di 7,86 euro, il datore di lavoro - che impiega un lavoratore domestico, a tempo indeterminato, per più di 24 ore settimanali - deve pagare, nel 2014, un contributo orario di 1,01 euro; tale importo va moltiplicato per il numero delle ore retribuite nel trimestre. Per determinare quest'ultimo dato si devono invece moltiplicare le ore retribuite in ogni settimana, per le settimane del trimestre in questione, ricordando che per settimana lavorativa s'intende l'arco temporale che decorre dalla domenica al sabato. Secondo questo criterio, in ciascun versamento devono essere ricomprese tutte le ore retribuite nelle settimane del trimestre che si concludono con il sabato: eventuali ore retribuite nei giorni successivi all'ultimo sabato del trimestre considerato, vanno sommate a quelle del trimestre solare successivo. Se dalla somma delle ore e delle frazioni di ora si ottiene un numero non intero, si arrotonda all'unità superiore. Va tenuto presente che ogni trimestre non è sempre composto da 13 settimane ma dipende dal numero dei sabati compresi nel periodo: questo dato indica le settimane cui fare riferimento per il versamento dei contributi. Se, ad esempio, un collaboratore domestico lavora 24 ore a settimana, il calcolo è il seguente: 24 ore x 13 sabati = 312 ore lavorate nel trimestre. Invece, la retribuzione oraria utile al calcolo contributivo si ottiene sommando alla retribuzione mensile o oraria (comprensiva del valore convenzionale del vitto e dell'alloggio, se dovuto) un dodicesimo per il rateo di tredicesima. In caso di cessazione del rapporto di lavoro, il versamento dei contributi deve essere effettuato entro i dieci giorni successivi alla data di fine rapporto e vanno ricompresi nel calcolo anche le ore riferite al preavviso e alle ferie maturate e non godute. Si precisa infine che, contestualmente ai contributi previdenziali, il datore può versare i contributi di assistenza contrattuale o di finanziamento al fondo bilaterale: occorre, pertanto, indicare il codice di riferimento dell'ente bilaterale cui il datore di lavoro intende pagare il contributo di assistenza e l'importo dovuto all'organizzazione (contr.org) inserito accanto al "codice organizzazione" (c.org). O.La. A.R.P. RIPRODUZIONE RISERVATA BENEFICI FISCALI 011 DEDUZIONI Chi occupa una colf, può dedurre dal proprio reddito 1 contributi versati (max 1.549,37 ) 02 I DETRAZIONI In caso di badante di persona non autosufficiente, si può detrarre dall'imposta lordail 19% delle spese (max 2.100, reddito entro 40mila ) RIPRODUZIONE RISERVATA Previdenza Pag. 6

9 Estratto da pag. 1 L'esperto risponde www. ikote24ore. com/eiperto Roberto Napoletano RETRIBUZIONE Niente scatto se lo stipendio già supera il minimo Gli scatti di anzianità del 4% per una colf che percepisce ben più della retribuzione base del suo livello devono essere applicati ogni due anni oppure no almeno fino al raggiungimento della retribuzione che sta percependo? In caso affermativo su cosa si calcola il 4%? Esempio per una paga base 2010 di 728,91 euro (stipendio 850,00 euro), si calcola lo scatto nel 2012 e nel 2014? L'articolo 36 del Ceni sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico del 17 luglio 2013 dispone che a decorrere dal 22 maggio 1972 spetta al lavoratore, per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro, un aumento del 4% sulla retribuzione minima contrattuale; per cui, nel caso indicato, il 4% va calcolato sulla retribuzione minima contrattuale e non su quella effettivamente erogata quale condizione di miglior favore. Inoltre, a partire dal i agosto 1992 gli scatti non sono assorbibili dall'eventuale superminimo e il numero massimo degli scatti è fissato in sette. FERIE Vacanze extra non retribuite senza contributi all'inps Devono essere versati i contributi relativi al periodo delle ferie? Anche nell'ipotesi di sospensiva temporanea del lavoro per rientro in patria? E la lavoratrice può seguire il datore di lavoro durante le vacanze? Nel periodo delle ferie precisa Assindatcolf- si versano i contributi come se ci fosse stata regolare attività lavorativa. Se il lavoratore ha fatto richiesta di assentarsi dal lavoro per un periodo più lungo rispetto alle ferie maturate, il datore può nconoscergli un periodo di assenza non retribuita (per il quale non essendoci retribuzione non si devono versare i contributi). Il lavoratore convivente è tenuto - se richiesto - a seguire il datore o il soggetto che assiste. Se concordato all'assunzione, non ci sarà alcuna indennità aggiuntiva (rimborso spese viaggio a parte). Altrimenti gli sarà data una diaria pan al 20% della paga minima tabellare Filo diretto Per ogni vostro quesito potete scrìvere a: ilsole24ore.com oppure Guida per la famiglia II Sole 24 Ore Via Monte Rosa Milano Previdenza Pag. 7

10 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano Cancellati gli emendamenti su ritiro anticipato di Amila insegnanti e allungamento dell'età per primari e docenti universitari Pensioni, dietrofront sulle deroghe Tensione Renzi-Ragioneria - II premier: su«quota 96» faremo intervento più ampio Con quattro emendamenti in Commissione Affari costituzionali del Senato Enti locali. Il piano di tagli il governo ha cancellato la «quota 96» nel-la scuola e i pensionamenti d'ufficio a 68 LA «GIUNGLA» DELLE SOCIETÀ LOCALI anm per docenti universitari e primari. Le soaetà parteapate d, Comunii Provlnce e Reglom Tensione tra Ragioneria e il premier, che dice: interverremo su "quota 96". Colombo, Prioschi > pagina 3 Le vie della ripresa LE RIFORME IN CANTIERE II decreto Pa al Senato Altolà anche al pensionamento d'ufficio di docenti universitari e primari Le altre norme Niente cancellazione delle penalizzazioni per chi anticipa la pensione e ha versato oltre 42 anni Pensioni, salta «quota 96» per i docenti Tensione Renzi-Ragioneria - Retromarcia sulle deroghe alla Fornero, ma il premier: intervento più ampio a fine mese Davide Colombo ROMA dunque deciso di non andare al Contrordine al Senato sul "pacchetto muro contro muro con la previdenziale" che Montecitorio Ragioneria generale dello Stato, aveva introdotto a forza nel di Pa in che aveva sollevato rilievi di fase di prima lettura. Con quattro emendamenti soppressivi presentati copertura nel documento in Commissione Affari costituzionali presentato venerdì scorso. Nel dal Governo sono state cancellate le dettaglio, secondo la che avrebbe norme su «quota 96» nella scuola e regalato il pensionamento a quella sui pensionamenti d'ufficio a settembre a 4mila insegnanti e 68 anni per docenti universitari e i addetti della scuola (platea che primari. Via anche la misura sulle potrebbe allargarsi), risul- penalizzazioni al trattamento pensionistico in caso di ritiro ta «scoperta in termini di fabbisogno e anticipato e quella sulle pensioni di indebitamento netto». E quindi per reversibilità per le vittime del assicurare «la neutralità degli effetti terrorismo. Per Matteo Renzi è stato per il 2014 la riduzione da apportare si giusto lo stop a "quota 96" perché la deve attestare a 45 milioni di euro» (e misura non c'entrava nulla con la non 34 milioni come indica la "ratio" del decreto e ha fatto sapere relazione tecnica del provvedimento). che sulla scuola è in preparazione un Le coperture ipotizzate, approvate intervento entro fine agosto assai più dalla Camera, e che consistono in un ampio, come perimetro di aumento degli obiettivi di spending riferimento, della platea dei 4mila review e tagli lineari, comportano interessati dalla misura cancellata. «criticità», sempre secondo i tecnici Insomma le tensioni con la del Mef, perché «connesse all'entità Ragioneria, che ci sono, non del ricorso a forme di copertura impediranno alla politica di operate già con precedenti interventi prevalere sulle obiezioni tecniche. attraverso l'accantonamento o la Ieri sera, dopo aver incassato il via riduzione degli stanziamenti relativi libera sui presupposti di alle spese rimodulabili». costituzionalità del disegno di legge Soloperil2Oi4taliriduzioni di conversione del decreto, è partita ammontano già a circa un miliardo di la discussione generale sul testo euro ( che vengono presi con tagli a dove entro questa mattina verrà oneri rimodulabili dei ministeri). E posto il voto di fiducia. I tempi per la perciò l'ulteriore riduzione di queste terza lettura alla Camera a questo spese porta con sé «l'elevato rischio di punto sono molto stretti: si dovrebbe determinare la formazione di debiti arrivare al voto finale (con terza fuori bilancio in relazione a spese fiducia) entro venerdì, in parallelo difficilmente comprimibili, soprattutto in una fase già avanzata della con l'approvazione del di gestione». Analoghi i rilievi per quanto riguarda il pensionamento d'ufficio a 68 anni dei professori universitari (oggi la legge Gelmini consente l'uscita obbligatoria a 70 anni - avendo abolito il cosiddetto "biennio competitivita al Senato e il primo via libera al Ddl costituzionale. Dopo un tira e molla durato tutto il week-end l'esecutivo ha Indica la somma degli anni di età anagrafica e contributiva aprendo una finestra perii diritto alla pensioned! anzianità. I periodo di contribuzione non può essere inferiore ai 35 anni, e deve essere perfezionato escludendo la contribuzione figurativa per disoccupazione ordinaria e malattia. Peri lavoratori dipendenti e iscritti ai fondi pensione sostitutivi e integrativi due le opzioni possibili: 60 anni di età + 36 di contributi oppure 61 anni di età + 35 di contributi Quota96 Amato"). Questa anticipazione di due anni, sottolinea la Ragioneria, «determina oneri non quantificati né coperti in termini di anticipazione della corresponsione dei trattamenti di pensione e di fine servizio». Sulla base dei dati forniti dal Miur il costo dell'intervento è di 34,2 milioni solo nel 2015 (dal 2015 al 2O21 è di circa 113 milioni). Nel mirino anche i conti per la cancellazione dei disincentivi introdotti da Elsa Fornero per chi lascia prima il lavoro. La relazione tecnica al di Madia ha stimato un esborso di un milione per il 2014,3 milioni per il 2015, 7 milioni per il conti rivisti dalla Ragioneria sono però maggiori: 5 milioni per il 2014,15 milioni Previdenza Pag. 8

11 Estratto da pag. 1 Roberto Napoletano Emendamenti al decreto Pa. Marianna Madia, ministro della Semplificazione e della Pubblica amministrazione Senza coperture Senza coperture INSEGNANTI Senza cope Quota 96, prepensionamenti nella scuola cancellati Salta la norma "quota 96" per il prepensionamento di Amila insegnanti a settembre. La norma introdotta alla Camera era nel mirinodella Ragioneria dello Stato che non l'ha "bollinata". Renzi sta preparando un intervento che amplia la platea dei fruitori ture INSEGNANTI Senza cope Quota 96, prepensionamenti nella scuola cancellati Salta la norma "quota 96" per il prepensionamento di Amila insegnanti a settembre. La norma introdotta alla Camera era nel mirinodella Ragioneria dello Stato che non l'ha "bollinata". Renzi sta preparando un intervento che am DOCENTI UNIVERSITARI PENALIZZAZIONI lia la platea dei fruitori ture INSEG Stop all'anticipo di due anni per professori e primari Uno dei quattro emendamenti al DI Pa presentati dal Governo al Senato blocca il pensionamento d'ufficio a 68 anni dei professori universitari e dei primari. Sulla base dei dati forniti dal Miur l'intervento sarebbe costato 34,2 milioni nel 2015 e 113 fino al 2021 ANTI Senza cope Quota 96, prepensionamenti nella scuola cancellati Salta la norma "quota 96" per il prepensionamento di Amila insegnanti a settembre. La norma introdotta alla Camera era nel mirinodella Ragioneria dello Stato che non l'ha "bollinata". Renzi sta preparando un intervento che am DOCENTI UNIVERSITARI PE Tornano i disincentivi per chi lascia a 62 anni Tornano le penalizzazioni della riforma Fornero per chi lasciai! lavoroa 62 anni. La Ragioneria ha infatti rilevato costi più alti rispetto a quelli della relazione tecnica al DI. No ai benefici per chi avesse subito un'invalidità permanentein conseguenza di atti di terrorismo ALIZZAZIONI lia la platea dei fruitori ture INSEG Stop all'anticipo di due anni per professori e primari Uno dei quattro emendamenti al DI Pa presentati dal Governo al Senato blocca il pensionamento d'ufficio a 68 anni dei professori universitari e dei primari. Sulla base dei dati forniti dal Miur l'intervento sarebbe costa per il 2015,35 milioni per il 2016,50 milioni per il 2017 e 60 milioni dal E sottostimata è anche la quantificazione delle spese (un milione per quest'anno) della norma che prevede dei benefici per le vittime degli atti di terrorismo. Una copertura, quest'ultima, che poi sarebbe stata trovata da Poletti e Delrio ma la misura entrerà in un altro provvedimento. Il dietrofront naturalmente ha scatenato un putiferio politico, soprattutto tra le componenti del Pd che alla Camera avevano sostenuto le correzioni. «Sarebbe scandaloso non risolvere "quota 96" degli insegnanti, ma soprattutto utilizzare argomenti falsi per non fare questa scelta. Chi dice che vogliamo introdurre quota 96 per estenderla a tutti i lavoratori sa di mentire o non conosce l'argomento» hanno rilevato Cesare Damiano e Maria Luisa Gnecchi. Ma anche Forza Italia non è per nulla convinta: una decisione «vergognosa in cui vince la burocrazia». Mentre per Sel «il Governo dei soli annunci ha colpito ancora». RIPRODUZIONE RISERVATA Previdenza Pag. 9

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF L'ASSICURAZIONE PER LE COLF Sono lavoratori domestici coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita familiare del datore di lavoro (tuttofare, camerieri, cuochi, bambinaie,

Dettagli

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita. LEGGE n. 92 28 giugno 2012 Affrontiamo una prima analisi del testo di legge pubblicato in gazzetta ufficiale, focalizzando

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La legge 28 giugno 2012 n. 92, di riforma del mercato del lavoro, opera un riassetto dell intera disciplina degli ammortizzatori sociali. Sul fronte

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Il rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa... 7

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

Le assicurazioni previdenziali

Le assicurazioni previdenziali Le assicurazioni previdenziali Home > Informazioni> Approfondimenti > Contributi > Contributi obbligatori > Contributi da lavoro subordinato > Lavoro domestico colf e badanti > Le assicurazioni previdenziali

Dettagli

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR COSA È Il trattamento di fine rapporto (Tfr) è una somma che viene corrisposta al lavoratore dipendente al termine del rapporto

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 28/03/2013. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER APRILE 2015

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER APRILE 2015 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER APRILE 2015 I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI In attuazione della legge delega di Riforma del Lavoro, il cosiddetto Jobs Act, il Consiglio dei Ministri ha approvato il

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2013

BILANCIO SOCIALE 2013 BILANCIO SOCIALE 2013 Abstract Premessa Il Bilancio Sociale 2013 rappresenta lo strumento principale attraverso il quale l'inps, in un'ottica di piena trasparenza, dà conto delle proprie attività ai cittadini,

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 IN PRIMO PIANO IN QUESTO NUMERO In primo piano INPS. Sindacati, con Poletti incontro interlocutorio, attesa proposta Governo (Adnkronos) p. 1 Lo sciopero

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 67 del 6 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Dall ASPI alla NASPI: da maggio sono cambiate le tutele dei lavoratori che hanno perso l impiego Gentile cliente, con

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Note esplicative dell'emendamento 22.900, sostitutivo degli articoli da 22 a 40

Note esplicative dell'emendamento 22.900, sostitutivo degli articoli da 22 a 40 Note esplicative dell'emendamento 22.900, sostitutivo degli articoli da 22 a 40 Riguarda gli ammortizzatori sociali, le tutele nel corso di un rapporto di lavoro e la protezione dei lavoratori anziani

Dettagli

Documento su: PREVIDENZA

Documento su: PREVIDENZA Documento su: PREVIDENZA La FISASCAT sottopone alla Confederazione il presente documento, concernente l insieme delle problematiche inerenti il sistema previdenziale, con riferimento specifico alle categorie,

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro

Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Area Lavoro Sul Supplemento ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre è stata

Dettagli

UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI

UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI Numero 61 luglio 2013 UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI Licenziata su due piedi dalla Riforma del Lavoro del Ministro Fornero (è la legge 92/2012) la vecchia indennità di disoccupazione ha ceduto il posto,

Dettagli

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012 La riforma Fornero Milano, 5 e 12 settembre 2012 Dimissioni Con il termine dimissioni in bianco si indica una pratica, in realtà molto più diffusa di quanto correntemente si pensi e si dica, per la quale

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) I requisiti per l accesso alla pensione per le donne... 2 Adempimenti per

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Numero 62 Settembre 2013 TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Torna, con molte novità e senza oneri per lo Stato, il cosiddetto prepensionamento ovvero quella forma di ammortizzatore sociale

Dettagli

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL)

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL) Ammortizzatori sociali NASPI SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI

RIFORMA DELLE PENSIONI RIFORMA DELLE PENSIONI I punti principali La proposta di legge delega di riforma del sistema previdenziale approvata dal Governo si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE,SPORT E RISORSE UMANE REG. GEN.LE N. 77500DEL 26/09/2014 REG. SERVIZIO

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

Informazioni Sommario

Informazioni Sommario Informazioni Sommario LA VECCHIAIA... 2 L'INVALIDITA'... 2 LA RENDITA Inail E LA REVERSIBILITA'... 3 L'ANZIANITA'... 3 IL PART TIME... 5 AZIENDA O Inps... 5 PENSIONE CONTRIBUTIVA... 5 LA VECCHIAIA Quando

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

L. 29 maggio 1982, n. 297. Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica.

L. 29 maggio 1982, n. 297. Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica. L. 29 maggio 1982, n. 297. Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica. Art. 1. Modifiche di disposizioni del codice civile. - L'articolo 2120 del codice civile è sostituito

Dettagli

Ai Segretari Regionali Ai Segretari Provinciali Ai Segretari Aziendali Ai Referenti Aziendali LORO SEDI. Carissimi,

Ai Segretari Regionali Ai Segretari Provinciali Ai Segretari Aziendali Ai Referenti Aziendali LORO SEDI. Carissimi, Segreteria Generale Prot. n. 12/A11 Roma, 7 gennaio 2015 Ai Segretari Regionali Ai Segretari Provinciali Ai Segretari Aziendali Ai Referenti Aziendali LORO SEDI OGGETTO: Legge di Stabilità 2015 e Decreto

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

LEGGE 2 APRILE 1958, N. 339. Per la tutela del lavoro domestico. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 1958, n. 93)

LEGGE 2 APRILE 1958, N. 339. Per la tutela del lavoro domestico. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 1958, n. 93) LEGGE 2 APRILE 1958, N. 339 Per la tutela del lavoro domestico (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 1958, n. 93) Articolo 1. Norme generali. La presente legge si applica ai rapporti di lavoro

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

Scheda su monetizzazione ferie non godute

Scheda su monetizzazione ferie non godute Scheda su monetizzazione ferie non godute Per il personale docente le ferie devono essere fruite durante i periodi di sospensione delle attività didattiche (ovvero dal 30 giugno al 31 agosto). Così prevedeva

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO l articolo 3 della legge 28 giugno 2012, n. 92, volto ad assicurare, ai lavoratori dei settori non coperti dalla normativa in materia d integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto

Dettagli

JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183

JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 Livorno, c/o CGIL Livorno Via Giotto Ciardi, 8 Porta a Terra JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 (G.U. 15.12.2014, n. 290) Deleghe al Governo in materia di riforma

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 27 Gennaio 2005 Circolare n. 6 Allegati 5 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 68 13.04.2015 TFR in busta paga: il focus dei CdL Dal 3 aprile 2015 i lavoratori dipendenti possono chiedere la Qu.I.R. Categoria:

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI PER I LAVORATORI DIPENDENTI COSA SONO I versamenti volontari hanno lo scopo di consentire ai lavoratori che hanno cessato l'attività di aumentare il numero

Dettagli

Rassegna Stampa. Venerdì 17 Gennaio 2014

Rassegna Stampa. Venerdì 17 Gennaio 2014 Rassegna Stampa 17 Gennaio 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Previdenza Sole 24 Ore (Il) 21 Previdenza - Contribuzione sugli arretrati «da sentenza» (Venanzi Fabio) Sole 24 Ore (Il) 20 Pensioni

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

Rita Cavaterra e Sandro Del Fattore. Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti

Rita Cavaterra e Sandro Del Fattore. Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Lavoratori salvaguardati: messaggi INPS e nota del Ministero del Lavoro. Per i lavoratori con accordi individuali o collettivi di incentivo all'esodo il termine tassativo di presentazione delle domande

Dettagli

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI Marzo 2015 Carissimi amici e amiche, Ancora un contributo proveniente dal mondo produttivo, che sarà interessato molto dai decreti sugli ammortizzatori sociali,

Dettagli

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL)

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) SINTESI CONTRATTO LAVORO OMESTICO - VALIITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) MALATTIA Anzianità di servizio Conservazione del posto per 365 giorni decorrenti dall

Dettagli

RISCATTO LAUREA A SOGGETTI NON ISCRITTI A NESSUNA FORMA DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA

RISCATTO LAUREA A SOGGETTI NON ISCRITTI A NESSUNA FORMA DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA IN BREVE n. 031-2012 a cura di Marco Perelli Ercolini riproduzione con citazione della fonte e dell autore RISCATTO LAUREA A SOGGETTI NON ISCRITTI A NESSUNA FORMA DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA in pubblicazione

Dettagli

Si legga, in particolare, quanto riguarda gli effetti sui lavoratori in mobilità e gli iscritti ai Fondi di sostegno di settore.

Si legga, in particolare, quanto riguarda gli effetti sui lavoratori in mobilità e gli iscritti ai Fondi di sostegno di settore. La manovra correttiva interviene anche sulle pensioni. Nelle more degli approfondimenti sul testo definitivo del provvedimento, riportiamo di seguito un analisi, con risposte a quesiti, pubblicata da IL

Dettagli