Digitali si nasce o si diventa?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Digitali si nasce o si diventa?"

Transcript

1 Speciale Scuola e nuove tecnologie. Scenario e proposte pagine 3-13 Quadrimestrale anno XIV n. 2 maggio/agosto 2009 Reg. Trib. Civ. Modena n del 19/12/1995 Direttore responsabile Giancarlo Barbieri Editore: Comune di Modena Memo Viale Jacopo Barozzi Modena 172 tel. 059/ Redazione: Giuliano Boni Maria Grazia Rotelli Impaginazione: Alberto Accorsi Contesto Srl Stampa: Nuovagrafica Spedizione in abbonamento postale Pubblicità inferiore al 50%. Autorizzazione della Direzione Provinciale PT di Modena. Digitali si nasce o si diventa? In primo piano Cosa fare per ricevere ancora Viaggio in terza classe pagina 2 Esperienze A Vignola un bell esempio di integrazione pagina 14 Forte interesse e partecipazione ha ottenuto il convegno Analogici o digitali? La sfida delle nuove tecnologie nella relazione scolastica e nella costruzione degli apprendimenti tenutosi a Memo il 16 aprile scorso alla presenza di insegnanti, studenti e operatori delle scuole superiori di primo e secondo grado. La giornata ci ha offerto lo spunto per proporre riflessioni, approfondimenti e pensieri collaterali sviluppati dentro e fuori il convegno. Per presentare esperienze, idee, dubbi che nascono da chi si confronta quotidianamente con i giovani e i nuovi modi di apprendere. All interno troverete contributi e punti di vista di docenti, professori universitari, studenti e operatori culturali. segue a pagina 3 Progetti Quando l eco-mobilità premia pagina 15

2 Impaginazione: Alberto Accorsi Contesto Srl memo Rinnovo abbonamenti Caro lettore, sono 14 anni che Viaggio in terza classe diffonde, oltre alle esperienze vissute nelle aule, anche gli appuntamenti dedicati al mondo della scuola, le iniziative e indicazioni su strumenti di lavoro. Nel percorso può essere che qualche lettore si sia stancato, abbia cambiato casa, lavoro o non sia più interessato a leggere il nostro giornale. È per questo che intendiamo aggiornare il nostro indirizzario per essere sicuri di raggiungere chi è veramente interessato ed evitare quindi inutili sprechi. A questo proposito chiediamo la collaborazione dei nostri lettori, chiediamo cioè di riconfermare l abbonamento gratuito a Viaggio in terza classe tramite una mail alla redazione. Dal numero di settembre infatti il giornale verrà inviato solo a chi rinnoverà la propria adesione scrivendo una mail entro il 30 giugno a indicando come oggetto rinnovo abbonamento e specificando nel testo nome, cognome e indirizzo. Grazie a tutti per la collaborazione La redazione Informazioni: tel / Speciale Scuola enuove tecnologie. Scenario e proposte pagine 3-13 Quadrimestrale anno XIV n. 2 maggio/agosto 2009 Reg. Trib. Civ. Modena n del 19/12/1995 Direttore responsabile Giancarlo Barbieri Editore: Comune di Modena Memo Viale Jacopo Barozzi Modena 172 tel. 059/ Redazione: Giuliano Boni Maria Grazia Rotelli F sioni, approfondimenti e pensieri collaterali sviluppati dentro e fuori il convegno. Per presentare esperienze, idee, dubbi che nascono da chi si confronta Stampa: Le immagini in copertina e alle pagine 2, 6 e 12 sono fornite da OLIYC Olycom tramite licenza Nuovagrafica Spedizione in abbonamento postale Pubblicità inferiore al 50%. Autorizzazione della Direzione Provinciale PT di Modena. Digitali si nasce osi diventa? orte interesse e partecipazione ha ottenuto il convegno Analogici o digitali? La sfida delle nuove tecnologie nella relazione scolastica e nella costruzione degli apprendimenti tenutosi a Memo il 16 aprile scorso alla presenza di insegnanti, studenti e operatori delle scuole superiori di primo e secondo grado. La giornata ci ha offerto lo spunto per proporre rifles- In primo piano Cosa fare per ricevere ancora Viaggio in terza classe pagina 2 Esperienze A Vignola un bell esempio di integrazione pagina 14 quotidianamente con i giovani e i nuovi modi di apprendere. All interno troverete contributi e punti di vista di docenti, professori universitari, studenti e operatori culturali. segue a pagina 3 Progetti Quando l eco-mobilità premia pagina 15 Mauro Serra ha lasciato il suo posto di lavoro dopo 40 anni di attività ed ora può dedicarsi liberamente ai suoi interessi che a volte incrociano la strada dei temi educativi del nostro centro. E' stato il direttore storico di Memo e di Viaggio in terza classe, ma soprattutto ne è stato l'anima e il punto di riferimento. Ha sempre testimoniato, con il suo stile di lavoro, che è possibile lavorare con passione e competenza senza dimenticare l'aspetto umano delle relazioni. Faremo tesoro dei suoi insegnamenti e dei risultati importanti che ci ha consegnato. Un grazie di cuore L'Assessore all Istruzione Adriana Querzè e i colleghi di Memo Le vacanze di Memo Durante i mesi estivi Memo varierà gli orari di apertura al pubblico. Dall 8 giugno al 16 luglio sarà possibile accedere al centro le mattine di lunedì, martedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle Dal 20 luglio al 21 agosto invece sarà sospeso il servizio di prestito materiali che riprenderà regolarmente martedì 25 agosto. È comunque possibile contattare gli uffici del centro per altre richieste o esigenze. Il personale resterà a disposizione nelle mattine dal lunedì al venerdì e nei pomeriggi di martedì, mercoledì e giovedì. 2

3 I ragazzi venuti da Google speciale Mario Agati Redazione Ted Docente Liceo Sigonio Modena di Mario Agati Negli ultimi due anni la dicotomia nativi digitali/immigrati digitali - inventata da Marc Prensky per segnalare l ennesimo iato generazionale ha avuto un tale successo da divenire una vera e propria moda. Si scrivono post sui nativi, articoli sui nativi, saggi sui nativi E si fanno convegni sui nativi. Va da sé che l inflazione lessicale rischia di svalutarne il concetto di fondo. E da più parti si levano voci che affermano in maniera più o meno provocatoria che i nativi digitali, di fatto, non esistono. Non amo le generalizzazioni né le etichette che tentano di omologare almeno nelle definizioni fenomeni dinamici e complessi. E non credo possa esistere uno slogan che possa vestire un intera generazione. I ragazzi - come ci ricorda ancora Don Milani - sono diversi. Non esistono strategie educative valide per tutti, ma esistono percorsi d apprendimento per Giovanni, Sara, Noemi, Simone I miei due cuccioli, ad esempio, sono entrambi adorabili, ma sono del tutto diversi: uno potrebbe adattarsi perfettamente allo stereotipo del nativo digitale, l altro, che pure smanetta con disinvoltura, ha le stimmate del giovinetto analogico d antan. Quando andiamo alla ricerca dei presunti nativi digitali, quindi, non si tratta di sclerotizzare con la secchezza di un elenco puntato un intera popolazione giovanile. Si tratta solo di capire se esistono caratteristiche comuni - minimi comuni denominatori - che contraddistinguono i ragazzi di oggi. E se queste caratteristiche comuni possono in parte spiegare se non giustificare certe evidenze comportamentali nella costruzione dei loro saperi. I dubbi sulla reale esistenza e consistenza dei nativi digitali serpeggiavano ampiamente anche nella Redazione Ted alle prese con l organizzazione dell annuale convegno. Per questo abbiamo deciso di affrontare la queste (esistono i nativi?) con il supporto di alcuni docenti che si mescolano quotidianamente con i soggetti dell indagine, ma anche con studiosi di varia provenienza culturale (un pedagogista, uno psicologo, un linguista, una semiologa ). Lo stesso titolo del convegno, volutamente generico e asettico, è l evidente sintomo dei nostri dubbi e sottende la possibilità che ci possono essere ragazzi analogici e ragazzi digitali, vecchietti digitali e vecchietti analogici. Confesso, però, che il titolo è il risultato di una mediazione: io avevo proposto "I ragazzi venuti da Google" che, come si vede, è un po' sbilanciato verso il riconoscimento di una specificità generazionale. Ed avevo anche pensato ad un immagine eloquente: il vecchio Dante che guarda perplesso Silvia una mia simpatica alunna di terza - che, pur maneggiando con disinvoltura libri e parole, è ormai proiettata verso un nuovo orizzonte cognitivo fatto anche di Google e di Facebook, di tag cloud e di link, di sms e Youtube. Insomma: l etichetta potrà anche non piacere e non mi fa impazzire - ma ha una sua valenza argomentativa. Come si fa a dire che i ragazzi di oggi non sono digitali? Io credo che negli interventi di chi 3

4 speciale nega l esistenza dei nativi ci sia un equivoco di fondo. Pensare, cioè, che i nativi digitali siano cittadini consapevoli del web 2.0, surfisti scaltri, capaci di popolare il web di contenuti e link di grande impatto cognitivo Non è così, come io stesso ho più volte sostenuto. La stragrande maggioranza dei miei ragazzi naviga fra link e finestre con grande disinvoltura, ma con scarsa consapevolezza critica ed eccessiva leggerezza. Ma non è questo il punto. I ragazzi sono digitali in quanto parziale prodotto dell universo digitale. In quanto usano orologi digitali, cellulari digitali, videogiochi digitali, lettori musicali digitali E al di là dell etichetta e delle scontate approssimazioni di una dicotomia forzatamente semplicistica, mi pare evidente che esista, nel mondo della scuola almeno, una certa dissonanza fra i due mondi, fra quello degli insegnanti e quello dei ragazzi. Certo questo iato non dipende (SOLO) dall'essere o meno digitali (anche se credo che le ore di videogioco, di zapping cybernetico, di cuffie nelle orecchie, di sms... qualche traiettoria neuronale l'abbiano deviata) ma dal senso. Dal modo di ricercare un senso delle cose, delle azioni, della vita. NOI diamo un senso alle cose. LORO ne danno un altro. NOI diamo un'importanza etica alla profondità, LORO non capiscono perché devono fare tanta fatica a scavare se il piacere quasi sempre aleggia in superficie. NOI amiamo l'estetica dell'unicum e dell autentico, LORO si abbandonano all estetica del facile riuso. NOI amiamo gli stilemi classici o romantici, LORO sono melting pop. NOI tifiamo per la riflessione e l analisi, LORO sono seguaci della velocità e dell infilata di sequenze E non esprimo un giudizio di valore. Loro non sono peggiori o migliori. Sono diversi (come ogni buon antropologo dice delle civiltà altre). Chiamiamoli nativi digitali (per dirla con Prensky) o mutanti che respirano con le branchie di Google (per dirla alla Baricco) o generazione web ma loro sono inesorabilmente diversi. O meglio: sono gli inconsapevoli protagonisti di un diverso modo di tracciare il mondo. Di una diversa cultura. Di una diversa civiltà. Che ha i suoi imbelli condottieri (Larry Page e Sergey Brin; Chad Harley e Steve Chen; Shawn Fanning; Mark Zuckerberg ), i suoi semianalogici collaborazionisti (Tim Berners- Lee, Nicholas Negroponte, David Weinberger, Derrick De Kerkove ) e milioni di nuovi adepti più o meno consapevoli. E prima o poi vinceranno. O, meglio, vincerà la cultura di cui loro sono più o meno ignari vettori. Perché la Galassia Digitale è destinata in ogni caso a sostituire o comunque ad includere - la Galassia Gutemberg. Si tratta se mai di vedere cosa deve fare la scuola in questa fase di transizione. Si tratta se mai di chiedersi, ad esempio, come orientare un gruppo classe all'apprendimento in una situazione esistenziale ormai abitata da tecnologie sociali. Intanto mi viene da dire che noi insegnanti dobbiamo fare un ulteriore sforzo per cercare di conoscere di più e meglio i nativi che ci siedono di fronte. Perché non possiamo certo leggere gli studenti di oggi con gli strumenti e le strategie dei docenti di ieri. E senza conoscenza e comprensione reciproca non c è dialogo educativo che tenga. E poi, io rimango convinto che l uso intelligente di certe tecnologie (vecchie e nuove) potrebbe curvare sensibilmente la prassi didattica verso orizzonti un po più costruttivisti che inseriscano i ragazzi in percorsi di apprendimento più attivi e collaborativi. Senza dimenticare che se è vero che i nostri ragazzi sono quotidianamente sovraesposti a mitragliate di pillole cognitive, ai linguaggi sincopati di propaggini elettroniche, all indistinta schiuma di saperi che galleggiano nelle reti, è altrettanto vero che la scuola deve porsi anche - come guida, come coscienza critica, come agenzia di sintesi e sistematizzazione, se non proprio di ricomposizione olistica, della frammentazione culturale. Facendo i conti, appunto, con l identità digitale. Perché se la bulimia tecnologica genera qualche potenziale disadattato, l anoressia tecnologica genera molti potenziali emarginati. Come sempre: Est modus in rebus. Impariamo dunque, assieme ai nostri ragazzi, a godere dei piaceri delle ITC, senza abusarne, come si può imparare a gustare il buon vino senza ubriacarsi e a godere del buon cibo senza ingrassare (http://agatimario.blogspot.com) La didattica con la LIM: dalla tecnologia ai modelli pedagogici. Riflessioni sull impatto educativo dei nuovi strumenti informatici nella scuola di Giovanna Morini Nella foto piccola, Giovanna Morini docente di informatica ITIS F. Corni - Modena La proposta d'uso didattico delle Lavagne Interattive Multimediali (LIM) sta crescendo esponenzialmente negli ultimi anni in Europa ed in Italia. In realtà si tratta di una tecnologia i cui aspetti educativi sono studiati dalla fine degli anni '90. Una ricerca su un portale specializzato in testi scientifici restituisce oltre 2000 citazioni, segno dell interesse che la comunità scientifica dell area educational attribuisce al tema. Tuttavia, come spesso accade al diffondersi di una nuova tecnologia con impatto educativo, agli entusiasti sostenitori fanno seguito prese di posizione più critiche. Si tratta di fascino reale o di imbellettamento della solita lezione frontale? Le LIM sono una manna dal cielo o un carrozzone di fili e attacchi? A fronte dei massicci investimenti governativi (la tecnologia costa ) e dell entusiasmo di studenti e docenti per il grande schermo e la multimedialità (una sorta d'effetto 4

5 Dal gesso al touch screen "wow!"), si deve monitorare l efficacia dei risultati (per evitare l effetto "sboom"). È in gioco una sorta di circolo ermeneutico tra educazione e tecnologie: l educazione sfida la tecnologia chiedendo strumenti di facile utilizzo per imparare meglio, ma questa relazione non è a senso unico, poiché anche la tecnologia interroga l educazione spingendola a nuovi approcci e pratiche didattiche. Il punto quindi non è se le LIM servono, ma per quali obiettivi, a quali condizioni e con quali costi di risorse economiche ed umane. L insegnamento creativo non nasce di per sé da ciò che usi, ma da come lo usi nella didattica ordinaria. Anche la lavagna d'ardesia è da sempre tecnologia per l'aula: è usata per mostrare mediante codici numerici e alfabetici, per schematizzare, per organizzare l'informazione, per aiutare il processo d'interiorizzazione della conoscenza, ma che fatica! Infatti, la lavagna d'ardesia è per definizione volatile e consente la presentazione soltanto d'immagini statiche. Rispetto all'antico adagio: "Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco" cosa aggiunge la LIM? Essa offre un sostegno alla seconda affermazione, perché il contenuto e il processo sono sempre salvati e disponibili per rinforzare un vedere che contribuisca al ricordare, giacché i concetti si visualizzano non uno per volta, ma in rete, a mappa, in una dimensione sincronica e diacronica. Un'altra tecnologia di supporto alla didattica ordinaria è stata senz'altro l'introduzione delle presentazioni multimediali, con integrazioni di audio-immagini-filmati in un unico contenitore, con la possibilità di avere sempre a disposizione il materiale pronto per le lezioni. Tuttavia le presentazioni, dovendo essere preparate in anticipo, possono mancare di flessibilità e si riferiscono ad una didattica senza interazione, di tipo trasmissivo, ad una comunicazione unidirezionale. Anche in questo caso la LIM offre un forte valore aggiunto: "se faccio capisco", l'interazione tecnologica con la lavagna diventa interazione pedagogica tra docentestudenti-contenuti, la forte interattività ha effetti positivi sugli stili d'apprendimento (in particolare quello cinestetico), sull'attenzione, sulla motivazione. Pertanto, dietro alla scelta di utilizzare la LIM nella didattica ordinaria ci possono essere due "precomprensioni" pedagogiche: - un approccio costruttivista alla conoscenza, per cui l'interesse del docente è focalizzato non sull'addestramento, ma sulla dinamica insegnamento/apprendimento, non sui contenuti ma su quello che succede "nella testa dello studente"; - l'idea che si impara solo quello che già si sa, nel senso che ogni nuovo concetto è appreso solo nella misura in cui è agganciato alla rete della personale mappa cognitiva già posseduta, e che la conoscenza non può essere trasferita già fatta allo studente in quanto la strutturazione dei concetti può essere costruita solo dallo studente stesso. La lavagna interattiva può davvero sostenere entrambe queste scelte di campo. Disegnare, scrivere, salvare sulla LIM è un modo per costruire conoscenza interiorizzata e condivisa all'interno di un gruppo classe; richiamare e integrare prodotti digitali realizzati sulla LIM, facilmente realizzabili in modo ipertestuale, è un modo per stabilizzare un apprendimento a rete piuttosto che sequenziale. Anche grazie alla LIM l'attività didattica si può allora configurare come processo metacognitivo, piuttosto che come semplice erogazione di contenuti. Last but not least, la LIM è democratica e produce materiali alla portata degli studenti, che possono utilizzarli come un quaderno d'appunti che raccoglie insieme oggetti diversi, senza che si perdano o straccino le pagine. Il prezioso quaderno personale rimarrà, ma sarà integrato da questo quaderno elettronico, che contribuisce ad una circolazione orizzontale del sapere, più cooperativa. Concludendo, la funzione fondamentale della LIM è quella d'essere la memoria vivente e condivisa del processo educativo, sia nel corso del suo svolgimento, sia a posteriori, tutte le volte che sarà necessario riprendere il tutto o sue parti. Naturalmente, i problemi tipici nell uso delle LIM non mancano: l importanza di training e supporto ai docenti, gli aspetti logistici delle aule, i costi, il timore di mettere in circolazione molto materiale didattico di scarsa qualità. E' di conforto a proseguire nella sperimentazione d'uso l'apprezzamento degli studenti: "Ci siamo divertiti un sacco a lavorare con la lavagna, perché era tutto lì", come ha detto Luca, 4^ superiore, 1 metro e 80 di studente. La speranza è che la LIM possa facilitare la realizzazione di una didattica come strumento di "governance" dei processi e non solo di visualizzazione di prodotti speciale 5

6 speciale Nativi e immigrati digitali Luoghi altri di apprendimento: forum di sostegno, classi virtuali, social community. Un viaggio nella scuola del nuovo millennio Attilia Lavagno docente di inglese Liceo San Carlo Modena vita, le ha incontrate dopo; prima ha conosciuto il Web 1.0! Solo più tardi ha affrontato il WEB 2.0 Così l insegnante, immigrato digitale, quando si avvicina e prova ad usare la lingua dei natives mostra inesorabilmente il suo personale accento di confine. Continua a stampare i documenti da editare piuttosto che farlo direttamente sullo schermo, telefona per avvisare dell arrivo di una e- mail. Mantiene, in sostanza, comportamenti pre-digitali. In questi anni la ricerca si è interrogata sull impatto delle nuove tecnologie sull apprendimento e in particolare sul diverso ruolo svolto da attenzione, memoria e motivazione in questo contesto. Molti gli studi apparsi su cervello e Multitasking, cioè la capacità del cervello di svolgere più compiti simultaneamente. Capacità però che, secondo alcuni, andrebbe a discapito di concentrazione e attenzione. Dai colloqui settimanali con i genitori dei miei studenti viene la conferma sul campo: la maggior parte degli adolescenti è davvero Multitasker : le mamme lamentano che i figli fanno i compiti e studiano con il portatile aperto e il cellulare a fianco; così mentre leggono il libro di testo (e magari ascoltano musica dall i-pod) possono ricevere/inviare instant messages, chattare con gli amici e inviare mail e SMS. Davvero difficile tradurre latino/ greco, fare esercizi di matematica o di Lingua Straniera rielaborando in modo profondo e non superficiale regole e paradigmi Se lo scopo dell insegnamento è favorire e migliorare l apprendimento, la babele delle lingue non favorisce i nostri studenti che pensano, studiano ed elaborano in modo fondamentalmente diverso dai loro predecessori. In questo scenario reale come possono riposizionarsi gli insegnanti? Come possono interpretare nuovi fenomeni senza utilizzare solo vecdi Attilia Lavagno Il mio intervento muove dal confine, dal cosiddetto Digital Divide, cioè il territorio in cui molti insegnanti Immigrati digitali come me (M. Prensky 2001), si pongono in atteggiamento di ascolto per comprendere la lingua dei Nativi digitali che affollano le loro aule. In un certo senso, per una insegnante di Lingua Straniera come me, si tratta di una nuova ulteriore attualizzazione dell obiettivo primario da sempre perseguito - favorire la comunicazione - mediando tra due codici e due mondi. Ma chi sono gli studenti del nuovo millennio? Molti recenti studi hanno prodotto un patchwork di tratti che ne delineano l identità. I cosiddetti Millennials o NetGen, cioè i nativi digitali, sono ragazzi cresciuti all interno della tecnologia digitale: computer, internet, telefono cellulare, Mp3 e I-pod. Il loro idioma si è strutturato attraverso la condivisione dei videogames, dell instant messaging e del Web 2.0. Questo è il loro orizzonte da sempre. L adulto, l insegnante, che vuole comprendere questo mondo si è avvicinato alle più recenti tecnologie solo in una certa fase della sua 6

7 chi schemi? E in quali spazi di apprendimento? Forse in un altrove che non sia solo aula ; uno spazio altro, cioè, in cui provare a riconfigurare la relazione insegnante/apprendente, in cui reale e virtuale possano diventare complementari. In questo senso la piattaforma TED learning può rappresentare efficacemente un luogo di confine del digital divide, dove digital immigrants e natives possono collaborare ad una una giusta mediazione linguistico/culturale e soprattutto riconoscersi. Il TED può diventare un altro qui della relazione educativa; è infatti uno spazio con connotazioni familiari ai Millenials tratti distintivi vicini alla loro esperienza quotidiana, alle loro aspettative e ai loro comportamenti, forse molto più di certe aule scolastiche. Si tratta di strumenti che non sono legati ai tempi tradizionali della scuola e strumenti mobili cui i ragazzi possono accedere da diverse strade tecnologiche (portatile, palmare, cellulare, internet cafè). TED assomiglia alla vita digitale dei nostri ragazzi e può dare un feedback continuo all insegnante aiutandolo a ri-disegnare l ambiente di apprendimento in forma blended. Sulla scorta di queste osservazioni, da qualche anno ho aperto su TED, insieme ai miei colleghi di corso, classi virtuali parallele a quelle reali. Per favorire la condivisione di materiali utili per i progetti trasversali e interdisciplinari e poi per creare una piccola social community degli studenti delle diverse classi. Ogni classe virtuale si è sviluppata per l intero anno scolastico ed ha registrato ogni iniziativa dei ragazzi diventando una colorata storyboard del percorso di apprendimento di ogni classe. La partecipazione è stata sempre buona, con picchi di utilizzo del forum in occasione di concorsi letterari cui abbiamo partecipato o di rappresentazioni teatrali che abbiamo organizzato. Le presenze in TED sono state cioè molto più assidue nei momenti in cui l offerta didattica portava a decidere con piuttosto che per gli studenti. Così in quest anno scolastico, gravato dai problemi del recupero (in itinere ed extracurriculare) e del sostegno, insieme all insegnante di Latino e Greco abbiamo pensato di usare la classe virtuale per tentare di arrivare a quei ragazzi per i quali nessuna forma istituzionale di recupero funzionava. Lo strumento scelto è stato il Forum perché facile da gestire anche dalla collega immigrata digitale di ultima generazione!! Attualmente sono in corso due esperienze le cui evidenze sono pertanto solo parziali. Il primo esempio è un FORUM di sostegno che riguarda Latino e Greco che si avvale dell approccio del cooperative learning e del peerteaching rivolto ad una classe quinta ginnasio, che alla fine del primo quadrimestre e dopo un corso di recupero extra curricolare continuava a evidenziare diffuse difficoltà nella traduzione sia in Latino che in Greco. Io ho semplicemente aperto uno spazio Classics nella classe virtuale collegandolo ad un forum e la collega di Lettere Classiche, prof.ssa Antonella Nicoletti, ha postato testi da tradurre a casa e aperto un confronto sulla traduzione dei brani da lei assegnati. Le ragazze a turno inseriscono la traduzione che viene editata sia dalle compagne che dall insegnante. In questo Forum gli studenti diventano i protagonisti attivi della costruzione delle proprie abilità di traduzione favorita dall interazione sociale prodotta dal mezzo. Il medium consente di creare le condizioni favorevoli all apprendimento monitorato e moderato dall insegnante. Il secondo esempio è un vero e proprio forum di recupero su alcuni argomenti di grammatica Inglese che si rivolge ad una sola studentessa, unica a manifestare ancora problemi dopo aver frequentato un più tradizionale corso extra curricolare in presenza. La ragazza esprime molto interesse per la lingua e la cultura (canzoni, film), dimostra buona intuizione e comprensione anche degli aspetti formali in classe, difficoltà a ritenere quanto appreso, quasi nulla rielaborazione domestica dei contenuti. Esiti negativi soprattutto nella produzione scritta. Questo il quadro in cui si muove la proposta individualizzata tailored sulle sue esigenze, il cui obiettivo principale è riuscire a costruire con lei, dal basso, un percorso che produca un apprendimento più efficace. Il superamento delle barriere insegnante/apprendente e la personalizzazione dell azione potrebbero diventare il valore aggiunto di un forum di recupero, ben al di là della messa a fuoco dei concetti grammaticali speciale 7

8 speciale Voci dalla Tavola di Erika Corghi Redazione Ted Provincia di Modena Si animano blog sui nativi, nascono gruppi su facebook, si sfornano post, articoli, libri e e-book sui nativi gli aggregatori di feed sono intrisi dalla dicotomia nativi digitali-nativi analogici e nelle tag cloud i nativi spiccano a font cubitali. Ma esistono davvero i nativi digitali o è una fuggevole moda? E se esistono, chi sono, come apprendono, come comunicano, come si relazionano? E la divaricazione tra i nativi digitali e i nativi gutenberghiani tratteggia un gap o un crash generazionale? Come può la scuola intervenire attraverso l'educazione ad un utilizzo critico e consapevole dei nuovi strumenti tecnologici? Interrogativi mutevoli e molteplici ai quali la Tavola Rotonda, organizzata nell ambito del convegno Analogici o Digitali?, non ha voluto offrire risposte lapalissiane ma ha cercato di offrire policrome chiavi di lettura. Luigi Guerra, preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Bologna, ha denunciato, con viva preoccupazione, la caduta di strategie di insegnamento che oltre ai contenuti offrano anche contenitori, ovvero modelli meta-cognitivi di organizzazione intesi come ganci a cui appendere i nuovi saperi. A fronte di strategie di apprendimento più centrate sull hic et nunc, su collegamenti rapidi e provvisori, il prof. Guerra rivendica la necessità assoluta, da un punto di vista pedagogico, di prendere le distanze da un atteggiamento fenomenologico che rischia di ingessare le strategie didattiche su modelli di insegnamento/apprendimento che assecondano la perdita di punti di riferimento e inibiscono la capacità di organizzare nuove conoscenze. Ho paura del fatto che prendere semplicemente atto del nativo digitale, dando per scontato una deriva di perdita di punti di riferimento e un modo di fare cultura così provvisorio, voglia dire andare verso un consumatore di cultura che lascia del tutto scoperto il problema del produttore di cultura. Su come le nuove tecnologie possono inserirsi nella didattica, il prof. Guerra conclude affermando che non sono gli strumenti che fanno diventare socio-costruttivista un apprendimento, non è la tecnologia in sé che fa scomparire un po l insegnante bensì ci vuole un buon insegnante per scomparire un po' come insegnante. E il discorso del logos sulla teche ed è da qui, dalla didattica e non dalla tecnologia, che è necessario partire per dare un senso all uso delle tecnologie nella didattica. Silvia Menabue, dirigente scolastico dell IPSIA Corni di Modena, rappresenta la voce di chi lavora nella scuola in un momento in cui la scuola è chiamata a raccogliere la sfida educativa delle nuove tecnologie e sottolinea come, anche a fronte di un significativo sforzo ministeriale di rilancio delle dotazioni tecnologiche delle scuole, sia imprescindibile un investimento sulla formazione dei docenti. In un momento in cui si riconosce che la scuola non può fare a meno di confrontarsi con le nuove tecnologie, l impegno sottolinea la prof.ssa Menabue è quello di puntare su una formazione dei docenti in chiave di curvatura didattica della tecnologia al fine di evitare l errore di relegare i computer nei laboratori di informatica favorendo, per contro, la costituzione di un aula inclusiva in cui, anche attraverso le ICT, si possa tradurre operativamente il cooperative-learning nel rispetto dei diversi stili cognitivi e di apprendimento. Un momento del convegno Augusto Carli, professore di Glottologia e Linguistica presso la 8

9 Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università di Modena e Reggio Emilia, con meticolosa accuratezza dipinge un quadro in cui viene rappresentato, a tinte forti, il ruolo fondamentale che deve giocare la scuola intesa come agenzia educativa. A fronte di un diluvio di informazioni che caratterizza la società della conoscenza, la scuola deve fornire gli strumenti critici utili a discernere l importante dal meno importante. Studenti che oggi usano strumenti tecnologici si trovano spesso davanti ad una pletora di informazioni ma purtroppo talvolta non posseggono gli strumenti per distinguere la qualità e paratassi di informazioni vengono poste sullo stesso identico piano. In un momento storico-sociale in cui i mass media propinano non informazione critica bensì infotainment, ovvero informazione da intrattenimento, il ruolo della scuola diviene ancora più cruciale. Giovanna Cosenza, professoressa di Semiotica dei nuovi media presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università di Bologna, respinge enfaticamente il criterio anagrafico come elemento di distinzione fra i nativi e gli immigrati digitali. Io non sono giovanilista e nemmeno nativa afferma la prof.ssa Cosenza ma se devo basarmi sulle caratteristiche dei nativi digitali mi sento chiamata in causa. Sono costantemente connessa e, con un approccio multitasking, uso gli sms, facebook e il mio blog per socializzare e comunicare. Roberto Cubelli, professore di Psicologia dell Apprendimento presso la Facoltà di Scienze Cognitive dell Università di Trento, capovolge parte delle conclusioni a cui si era giunti nel precedente convegno ADI di Bologna in cui si sosteneva che il ruolo del docente dovesse sostanzialmente venire meno. Credo che la conclusione a cui giungere sia esattamente il contrario. Credo che mai come oggi il ruolo del docente vada valorizzato e posto al centro dell attenzione. I nativi digitali, intesi come persone cognitivamente e neurologicamente diverse, non esistono. Esiste, però, una generazione di studenti che dispone di conoscenze, non solo tecnologiche, che sono sconosciute al docente. Ciò pone l esigenza di recuperare una relazione, un dialogo educativo tra insegnanti e studenti. Oggi prosegue il prof. Cubelli - siamo sommersi da informazioni. A Bologna si è insistito parecchio sulla straordinaria potenza di Google, la conoscenza a disposizione, la possibilità di poter accedere a qualunque tipo di informazione immediatamente. Negli anni 60 si avevano in casa enciclopedie che rappresentavano la conoscenza raccolta e così come in quegli anni si copiavano le ricerche dall enciclopedia, oggi qualcuno scarica ricerche da internet. Solo la scuola, che ha come compito primario l istruzione, può fornire strumenti critici per non subire il punto di vista degli altri La piattaforma ted-learning Il progetto TED (Tecnologie Educative Distribuite) nasce nell'anno scolastico , promosso dall'assessorato all'istruzione e Formazione Professionale della Provincia di Modena. L idea è quella di conciliare la diffusa domanda di sperimentazione delle nuove tecnologie nel mondo della scuola con il patrimonio di esperienze innovative, sia sul piano pedagogico che sotto il profilo strettamente didattico-disciplinare, realizzate dagli istituti superiori di Modena e provincia. Nell anno scolastico 2004/2005 è stato attivato il portale Ted (http://ted.scuole.provincia.modena.it) Dal convegno del 16 aprile una sintesi degli interventi di Luigi Guerra, Silvia Menabue, Augusto Carli, Giovanna Cosenza e Roberto Cubelli Analogici o digitali? è il titolo del convegno promosso da Progetto Ted (tecnologie educative distribuite) in collaborazione con la provincia di Modena. Sul sito modena.it sono disponibili i filmati della tavola rotonda, le presentazioni in powerpoint di Attilia Lavagno e Giovanna Morini, testi dei contributi e il programma della giornata. speciale per promuovere e sostenere lo sviluppo di una comunità di studenti e docenti, come punto di raccolta, classificazione e distribuzione di materiale didattico e in grado di fornire un interfaccia di accesso a servizi condivisi anche attraverso una piattaforma e-learning. Il portale è inoltre caratterizzato da un area news notizie da e per il mondo della scuola e da un archivio di esperienze didattiche e progetti scolastici conclusi o in corso. Non ultimo uno spazio importante è occupato da S.MO.O.L. un e-magazine mensile gestito da una rete mista di studenti e insegnanti modenesi. 9

10 speciale di Elena Ferrari studentessa Liceo Sigonio Modena Elena e Marco si specchiano nel web Nel cercare di risolvere l eterno dilemma tra antico e moderno, tradizione e tecnologia, analogico e digitale, abbiamo registrato un rapido faccia a faccia fra due ragazzi dalle opinioni diverse Marco, neo diplomato dell IPSIA Corni, ed Elena, maturanda del liceo Sigonio. Quanto del tuo tempo libero trascorri al computer? M: Abbastanza. Specialmente se sono in casa capita di frequente che mi ritrovi a bazzicare su internet. Ad esempio poco fa stavo proprio creando un gruppo su Facebook. E: Molto poco. Preferisco fare sport, stare all aria aperta, leggere un libro. Il computer lo accendo una volta al giorno, se ho tempo. Sei iscritto a qualche social network? M: Certamente. Oltre a Facebook e Windows Live Messenger, comunico anche attraverso Netlog, Badoo, Hi5, Chatta e Mondochat e poi devono essercene altri ma ora non ricordo. E: Utilizzo più che altro MSN perché è il più semplice e immediato. Da pochissimo sono iscritta anche a Facebook, ma ci entro solo alla sera, quando ho voglia di distrarmi un po e di chiacchierare. A che età hai avuto il primo computer? M: A sei anni. Inizialmente lo impiegavo soprattutto per i giochi, poi però mi sono incuriosito e ho iniziato a scoprire da solo come funziona un sistema operativo: era così affascinante! Così ho imparato, da autodidatta, tutto quello che c è da sapere o quasi dell universo informatico. E: Avevo dieci anni. E il primo computer che ho avuto è stato quello usato di mio zio, che è arrivato a casa mia soltanto perché stava per essere cestinato. In effetti l uso che ne facevo era limitato al solitario e a Word. Da quanto tempo invece usi internet? E per quali scopi lo utilizzi? M: Da sei anni. Ma da quando l ho installato sono quasi sempre connesso: grazie ad internet posso fare di tutto: vedere programmi tv in differita o accedere a canali satellitari, installare nuovi programmi, comunicare con persone lontane, scaricare musica e film, creare nuovi siti E: Sono cinque o sei anni che ho internet a disposizione e lo utilizzo a parte per le mie capatine quotidiane sui social network per controllare la posta o di reperire informazioni quando ne ho bisogno. Quali strumenti usi per fare una ricerca di argomento culturale? M: Beh Google e Wikipedia sono i miei migliori alleati! E: Ricorro alle biblioteche. Vaglio la sezione di mio interesse e seleziono i testi di cui ho bisogno, poi li leggo e fotocopio alcune parti. Oppure ogni tanto sfoglio le pagine ingiallite della mia insostituibile enciclopedia Rizzoli: è sempre un emozione! Se poi mi servono anche immagini o informazioni più aggiornate integro il materiale con una ricerca in internet. A proposito di libri... con che frequenza leggi? M: In media direi un libro all anno. E: C è sempre un libro sul mio comodino! E il tuo rapporto con le biblioteche? M: Praticamente nullo. Ho perso la tessera e l ultima volta che vi ho messo piede è stata in terza media per la ricerca d esame (...ma solo perché non avevo ancora installato internet!) E: Frequento spesso le biblioteche, per prendere in prestito libri, fermarmi a leggere quando il tempo me lo consente. E poi, adoro frugare nelle bancarelle di testi usati in cerca di qualcosa di interessante. Ultima domanda: pensi che l informatica debba diventare materia obbligatoria in tutte le scuole? Perché? M: Certamente, a partire dalle elementari. Sarebbero necessarie almeno due ore settimanali. Ma non solo per utilizzare i programmi base come word, excel o power point, ma anche per apprendere la struttura del sistema. E essenziale perché al giorno d oggi i computer sono ovunque e anche in previsione di una qualsiasi professione bisogna imparare a conoscerli e utilizzarli. E: Obbligatoria è una parola grossa. Diciamo che se i soldi e i tempi lo consentono è certamente utile, ma non dimentichiamo che la scuola serve innanzitutto a sviluppare l intelligenza e il pensiero critico, quindi è fondamentale dare precedenza alle discipline base come Italiano, Matematica, Storia 10

11 di Aurelia Zoboli studentessa Liceo Sigonio Modena Io, lui e l altro Oggi esci? No donne, devo studiare Dai, non fare la secchiona... tanto sappiamo che non apri un libro! Giuro che lo faccio. Ciao! E mentre prometto di aprire mille libri penso già a quale motore di ricerca giurare fedeltà eterna. E proprio mentre mi siedo e sono nell ordine di idee di studiare, la mia migliore amica mi manda un sms dicendo di correre su msn che mi deve raccontare una novità. Le telefono: Non tentarmi, devo studiare Ma Auri..! E la telefonata procede per almeno 20 minuti. Le butto giù il telefono. Bene Auri, c è da studiare. Studiare? Si Auri, devi farlo: perché se non studi non hai futuro, i tuoi si incavolano di brutto e diventi lo scarto della società. Ho spesso conversazioni con la mia piccola e insistente coscienza e decido di renderle pubbliche su feisbuc. La Gio dopo due secondi commenta, l Ele dice che le piace e la Marti pubblica foto dove mi tagga. Auri spegni il computer! Taci coscienza, ormai non mi servi più. No, mai! Mi guardo intorno a capisco che sono in mezzo a bestie tentatrici, a stupende tecnologie colorate e splendenti, sono le Ferrari a misura del mio portafoglio. Sono provocanti meraviglie del creato che vincono ogni paragone contro vecchi libri pesanti. Auri, quei libri pesanti sono il tuo futuro! Quei libri pesanti, costosi, incartati male con l etichetta di Winnie The Pooh. Come possono essere il mio futuro pezzi di carta e inchiostro? Questa domanda la porgo con un sms alla Sari. E mentre aspetto risposta mi torno a guardare intorno e sono circondata dal libro di filosofia e il mio vitacomputer: io, lui e l altro speciale Io, barbaro Start, Programmi, Windows Live Messenger (MSN). Ecco il percorso più breve per rubare qualche minuto all ora dei sogni o per saccheggiare momenti d eternità allo studio. Accesso in corso borbotta il computer in risposta ai miei troppi click. E così guardo queste dieci dita che aspettano. Indugiano sulla tastiera, ma pizzicato il primo tasto s affrettano come per paura di dimenticare quello che devono scrivere. Le pupille sono già intente a cercare quello che deve ancora apparire sullo schermo e, ad ogni lettera digitata, è lo sguardo che precede le mani. Instant messaging, la chiamano. Ed è da qui che l invasione barbarica è cominciata. Questa nostra ricerca di velocità, d istantaneità, di zapping e guerriglia dialogica ha trovato una risposta sul web 2.0 e sui server che ci permettono di scrivere, disegnare, vederci e parlare. Messenger, Netlog, Badoo, MySpace, Facebook...voilà solo alcune delle scialuppe, navi o yacht che abbiamo per navigare in questo mondo ancora per poco così: virtuale. E come se non bastasse, complici i 160 caratteri a disposizione in un sms, ci siamo anche modellati l universo linguistico nel quale eravamo ai margini: lontani dalla correttezza e sempre troppo vicini a quei buchi neri fatti di perché scritti con la X. Ma noi usiamo una lingua nuova. Tendenzialmente più semplice, moderna, che rimbalza da telefonini, e blog, come una palla da rugby. Ed è con questa ordinata e feroce follia che rimarremo immortali. Per quanto siamo piccoli, per quanto siamo grandi, resteremo equamente presenti in una pagina di blog o in una foto su Facebook; perché anche se questi lanternoni dovessero spegnersi con noi, ci sarà sempre qualcuno che ha copiato, salvato e stivato una nostra faccia, un nostro momento di vita, tra i sui file. Come gli dei dell Olimpo, noi esistiamo. Oltre gli schermi solitari nelle nostre case, oltre i confini dei nostri stati, oltre i minuti, le ore, i secoli, noi esistiamo. Siamo tutti nella stessa grande rete, tutti pronti ad imparare a respirare con le branchie di Google! di Giovanni Montorsi studente Liceo Sigonio Modena 11

12 speciale Riflessioni tecnologiche di Gianmarco Malagoli docente istituto comprensivo San Cesario Il corso di formazione sull utilizzo delle lavagne multimediali e lo sportello consulenza sull uso dei software nella didattica e nella disabilità: bilancio e prospettive La storia di queste due esperienze, che ho svolto a Memo negli ultimi due anni scolastici, nasce dall analisi dei bisogni da una parte dei docenti, sempre più alla ricerca di nuovi stimoli, soluzioni e motivazioni per accrescere in professionalità e competenze tecnologiche; dall altra delle famiglie dei ragazzi con disabilità e disturbi specifici dell apprendimento che, molte volte, faticano a trovare riferimenti e aiuti nell ambito dell utilizzo delle tecnologie. La prima esperienza prende il via da una e vera rivoluzione culturale che le tecnologie stanno portando nelle scuole e soprattutto nelle aule. Sicuramente in pochi avrebbero scommesso che da un semplice ammasso di silicio, ne sarebbe scaturito un oggetto sorprendente, addirittura aggregante. E insieme al pc ecco comparire la Lavagna Interattiva multimediale, un nome lungo che parla di INCLUSIONE. E sicuramente la prima volta che la tecnologia mette a disposizione un oggetto didatticamente nuovo, che si può indossare come un vestito, e che si governa con un dito ; interattività, questa è la trovata direi geniale dello strumento che permette finalmente di concretizzare e manipolare quello che nel computer si può toccare solo con la fantasia del mouse. Multimediale come le nostre menti non governate solo dal testo, ma anche da tutti quei media che tv, radio e satellite ci mettono ogni giorno a disposizione; intelligenze cognitive che arrivano dove il solo grafo del testo non può arrivare; immagini che parlano; video che esprimono la dinamicità dell informazione. Nuovi linguaggi per la didattica; linguaggi accessibili per quelli che non possono come molti leggere. Strumenti che diventano voce e parole per quelli che vivono in una condizione di disabilità. E il docente? Attratto, impaurito e sicuramente attento e interessato alle diverse proposte. Per il docente uno strumento che racconta il percorso didattico e lo fissa nella memoria a disposizione di una lettura critica prima ancora della fruizione come appunto. Una strumento che insegna che nulla si perde e che tutto può diventare ricchezza della memoria didattica della nostra esperienza di docenti. E non è ancora tutto. Internet è l altra parola chiave, l altro elemento che concorre a rendere la lavagna una finestra sulla cultura in diretta, su quella cultura che si scrive in tempo reale e che rappresenta uno scrigno ancora da esplorare e pieno di ricchezze. E chi coglie queste sensazioni non può che capire quanto sia importante salire sul treno di chi ama sapere e imparare per poter insegnare con linguaggi, metodologie e contenuti sempre più vicini al mondo nel quale viviamo. La seconda esperienza, lo sportello di consulenza sulle tecnologie, si scontra con la consapevolezza di essere diversi. Una consapevolezza che molte volte esprime sofferenza. Una consapevolezza che diventa la ricchezza per trovare strategie che le tecnologie in questi ultimi anni mettono a disposizione e che fanno intravvedere orizzonti di speranza. Tecnologie amiche, semplici ma troppo spesso sconosciute. Tecnologie che molte volte trovano difficoltà ad entrare nelle scuole, nelle aule. E tanti visi, sguardi alla ricerca di una parola, di un aiuto; in particolare tanti ragazzi che presentano disturbi specifici di apprendimen- to, i famosi DSA, che faticano a capire a codificare quei segni rappresentati dalla scrittura che diventano mattoni culturali di un muro molte volte invalicabile. Ma le ruspe ci sono e sono semplici programmi informatici, spesso gratuiti, che diventano un grande paio di occhiali che aprono gli orecchi, aprono nuove strade alla cultura, permettono di compensare le mancanze ed esaltano le ricchezze di chi non legge con gli occhi ma con le orecchie. Rendono consapevoli di non essere poi così diversi, ma di aver bisogno di diverse strade. E di tutta questa esperienza rimane soprattutto l esperienza del dialogo e dello scambio con le famiglie, con i ragazzi con gli insegnanti. Il futuro è ancora più interessante che mai. Nuove tecnologie = nuove possibilità = vecchi muri abbattuti. Basta solo mettersi in gioco e. giocare 12

13 Il pinguino tra i banchi speciale Lo Sportello di supporto e sostegno all'utilizzo delle tecnologie nella Didattica e nella Disabilità è in funzione a Memo da due anni. Offre consulenze specifiche a docenti e genitori, in relazione alle esigenze dei singoli casi, sull'utilizzo delle tecnologie e dei software nella didattica e nelle diverse problematiche legate alla disabilità e alle difficoltà di apprendimento. Nell anno scolastico 2008/2009 sono state richieste 68 consulenze. Il corso L'utilizzo didattico delle lavagne interattive multimediali svoltosi a Memo ha destato molto interesse tanto da dover essere replicato in corso d anno. L argomento sarà ripreso all interno delle attività formative in programma per il 2009/2010. Ottimi risultati per il progetto organizzato dalle Politiche Giovanili del Comune di Modena per la promozione, l'informazione e la diffusione nelle scuole del software libero e della cultura open No, niente associazioni animaliste o antivivisezioniste. Il pinguino di cui parliamo è il simbolo di Linux, il sistema operativo open source, cioè liberamente utilizzabile e modificabile, disponibile in rete a costo zero. L esperienza Il pinguino tra i banchi ha preso il via lo scorso anno scolastico ed ha coinvolto inizialmente 30 studenti di indirizzo informatico dell'istituto Corni di Modena. Questi, grazie allo stage svolto presso il Dipartimento di Ingegneria dell'informazione hanno acquisito competenze specifiche sull'installazione e la configurazione del sistema Linux. Quanto appreso è stato poi applicato nell'allestimento dei laboratori di informatica di sette scuole medie modenesi a cui hanno partecipato 23 docenti e una trentina di ragazzi, al fine di aumentare il numero delle attrezzature che utilizzano Linux ed i programmi liberi. Tutto ciò è stato reso possibile grazie anche al contributo della Lapam Federimpresa provinciale, che ha donato postazioni informatiche dismesse ma ancora in ottimo stato: 70 nel 2008 e 100 nel 2009 nella sola città di Modena, arrivando a 600 nell'intero territorio provinciale. Il progetto, che oltre alle Politiche Giovanili coinvolge l Assessorato alla Cultura (Biblioteche), l'assessorato all'istruzione (Memo) e il Dipartimento di Ingegneria dell'informazione dell Università di Modena e Reggio Emilia, si è ulteriormente espanso. Nel corso del 2009 sono stati coinvolti circa 400 alunni delle scuole medie, che hanno partecipato a lezioni e a dimostrazioni nei diversi laboratori e 30 studenti dell Istituto Corni, formati all Università di Modena e Reggio Emilia, che a loro volta hanno formato 20 docenti delle scuole medie. Inoltre questi ultimi usufruiranno del tutoraggio di un docente universitario e dell attività di consulenza gratuita fornita da MyNet Garage (Via degli Adelardi 4 Modena), mentre per problemi maggiori è disponibile un servizio di assistenza in loco presso i laboratori delle scuole. Il progetto è stato selezionato per partecipare alla III Conferenza Italiana sul Software Libero che si terrà a Bologna il 12 e 13 giugno L evento si terrà nelle aule dei dipartimenti di Matematica e Scienze dell'informazione dell'università di Bologna, in piazza di Porta San Donato, 5 e via Mura di Anteo Zamboni, 7 Info: di Walter Martinelli Responsabile rete Net Garage 13

14 esperienze Peer education e rete di sostegni sono alla base del progetto di integrazione Fjalët e Tjetrit, realizzato con successo alla media Muratori di Vignola e vincitore di un concorso nazionale In alto, Silvia Ranuzzi Sotto, un momento dell esperienza Le parole dell altro Questa è la storia di un esperienza di integrazione scolastica che non avrebbe potuto realizzarsi senza un lavoro di squadra e senza la disponibilità ad apportare un cambiamento ai consueti luoghi della didattica. Tutto inizia l 8 novembre del 2007 quando alla scuola media Muratori di Vignola (Modena) arriva un ragazzo albanese di tredici anni (I) con diagnosi di ritardo cognitivo di grado medio e totale assenza di apprendimenti di tipo scolastico. Non conosce una parola di italiano, neppure la più semplice per permettere una comunicazione minima. È fortemente oppositivo, aggressivo con reazioni emotive incontrollate e un rifiuto evidente per l ambiente scolastico. Silvia Ranuzzi è l insegnante di sostegno assegnata a I. Ha alle sue spalle otto anni di insegnamento della lingua inglese, uno come sostegno e tanta passione per questo mestiere. Nasce da queste premesse il progetto didattico Fjalët e Tjetrit ( Le parole dell altro ) selezionato tra 430 partecipanti e premiato con menzione d onore nel concorso nazionale Le chiavi di scuola buone pratiche di integrazione scolastica, bandito dalla Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap. Il primo obiettivo che mi sono posta ci racconta Silvia è stato la realizzazione di un educazione linguistica legata alla comunicazione, all interazione e all affettività, oltre alla tutela dei diritti umani e delle pari opportunità dell alunno con bisogni speciali. Per metterlo in pratica Silvia ha deciso di adottare strategie didattiche alternative e di valorizzare le risorse umane e materiali della scuola. È stata creata una rete di sostegni che ha coinvolto i compagni di classe, due studenti albanesi provenienti da altre classi e diversi docenti della scuola. Per alcune ore alla settimana ci spiega Silvia Ranuzzi i due studenti mi hanno supportato nella mia attività didattica fornendomi lezioni di albanese e operando una sorta di mediazione linguistica e affettiva tra me e I. Dal canto mio mi sono impegnata a studiare e a farmi interrogare su quanto appreso. Dal momento in cui ho iniziato a pronunciare le prime parole in lingua albanese, il mio alunno ha cominciato a mettersi in gioco con la lingua italiana ed è stato il primo importante risultato. Il mantenimento e la valorizzazione della cultura d origine è uno degli altri punti cardine di questa esperienze. La docente aiutata dai suoi giovani insegnanti ha compilato una rubrica alfabetica con le parole albanesi più comuni con tanto di trascrizione fonetica. Insieme ai ragazzi ha ascoltato canzoni popolari e moderne, tradotto ricette tipiche, raccolto monete e banconote albanesi. E l aver riproposto allo studente in difficoltà suoni e atmosfere del paese d origine è stato il mezzo per instaurare un rapporto ed aiutarlo a inserirsi in un contesto nuovo. Anche i ragazzi della classe hanno svolto un ruolo attivo, affiancando il loro compagno a turno e svolgendo azione di tutor. Col passare dei mesi conclude Silvia I. ha perso quasi completamente la sua aggressività iniziale, va a scuola volentieri, si rivolge ai compagni e agli insegnanti in italiano e ha partecipato ad attività collettive. Nei ragazzi della classe coinvolta è aumentato lo spirito di collaborazione e il senso civico, anche i due studenti albanesi che hanno collaborato con me appaiono ora più motivati e coinvolti nelle attività scolastiche. La documentazione del progetto Fjalët e Tjetrit ( Le parole dell altro ) completa delle argomentazioni teoriche, del percorso di attuazione e dei materiali prodotti è consultabile a Memo presso la sezione disabilità della biblioteca 14

15 Muoversi eco, muoversi meglio progetti bambini e 76 scuole primarie di 9 paesi europei: un inizio travolgente per un progetto sulla mobilità dei giovani che ha vinto a Bruxelles il premio Energia sostenibile per l Europa 2009 Si chiama Connect (developing and disseminating excellent mobility management measures for young people) ed è un progetto, cofinanziato dalla Commissione Europea, sullo sviluppo e la promozione di buone pratiche per la gestione della mobilità per i giovani, secondo le direttive proposte nel "Libro Verde" dell'unione Europea sull'energia e nel "Libro Bianco" sui trasporti e i livelli di emissioni dei gas serra identificati nel Protocollo di Kyoto. Il progetto è cominciato nel 2008 ed ha coinvolto i bambini di Austria, Belgio, Olanda, Gran Bretagna, Ungheria, Bulgaria, Grecia, Italia e Slovenia. L assunto di base è molto semplice: sono tanti i bambini che, con i loro genitori, si trovano intrappolati in un circolo vizioso. Il traffico sulle strade aumenta, creando un numero crescente di situazioni pericolose che, a loro volta, accrescono la sensazione d'insicurezza dei genitori. Di conseguenza, i genitori accompagnano i propri figli in auto, generando così ulteriore traffico nei pressi della scuola. L obiettivo è quindi quello di spezzare questo circolo vizioso, attraverso la sensibilizzazione e l'informazione degli alunni delle scuole, degli studenti e dei loro genitori finalizzate a favorire ed incoraggiare un maggiore uso delle modalità di trasporto alternativo e sostenibile nel quotidiano tragitto casa/scuola e viceversa. Coloro che vivono nei pressi della scuola sono incoraggiati a raggiungerla a piedi o in bicicletta. I più distanti possono prendere l autobus oppure i genitori possono organizzarsi per accompagnare più bambini con un unica vettura collettiva. Andando in bicicletta e camminando più spesso, i bambini migliorano nell esecuzione di queste due attività. Acquisiscono una maggiore dimestichezza con il traffico di tutti i giorni e perfezionano la loro capacità di prevedere il comportamento degli altri utenti della circolazione. Inoltre, camminare e andare in bicicletta sono due attività che contribuiscono a raggiungere il livello raccomandato di esercizio fisico di cui necessitano bambini e adulti, oltre a ridurre la congestione creata dal traffico e lo stress di trovare parcheggio nei pressi della scuola. Per quanto riguarda il coinvolgimento della realtà modenese, le scuole primarie hanno già realizzato una prima edizione in maggio 2008 del "Gioco del serpente del traffico", seguita in autunno dalla seconda ed è in corso la terza edizione. Ben 1979 studenti hanno preso parte al gioco in maggio 2008, e 1997 in novembre nel territorio di Modena. Per quanto riguarda le scuole secondarie, esse sono attualmente impegnate nella campagna "Eco-trip" che prevede la realizzazione di corto- metraggi volti a sensibilizzare gli studenti sul tema del trasporto sostenibile; tali video gareggeranno a livello nazionale e successivamente a livello europeo e il vincitore sarà scelto come spot europeo di sensibilizzazione e potrebbe anche essere promosso in occasione di festival cinematografici. Ben 2313 studenti sono impegnati in questa campagna per l'anno scolastico 2008/2009. Alcuni video sono già visibili sul sito La giuria europea ha premiato il progetto Connect per la sue caratteristiche di alta replicabilità e perché contribuisce agli obiettivi di politica energetica ed ambientale dell'unione europea, con particolare attenzione ai temi della qualità dell'aria nelle città, attraverso la realizzazione di una campagna innovativa sulla mobilità sostenibile che ha coinvolto bambini, giovani ed i loro genitori e nella quale gli studenti hanno un ruolo attivo e centrale. Maggiori informazioni sul progetto si trovano sul sito Le scuole interessate possono rivolgersi a Ceass L olmo Ufficio Agenda 21 - Ana Maria Solis Un momento dell iniziativa di maggio

16 Libri per l'estate La classe François Bégaudeau, Einaudi Il film vincitore della Palma d'oro a Cannes nasce da un romanzo francese che ha al centro la scuola e la difficoltà di essere professori. Intessuto di dialoghi comici e bizzarri che hanno il ritmo di un rap, il libro misura la distanza tra la fissità del sapere scolastico e l'allegra fluidità dell'immaginario studentesco, ma non dà giudizi e non si schiera a favore dell'uno o dell'altro. Ne fotografa l'abissale incompatibilità con l'idea che ormai è nella scuola che si gioca l'unica vera lotta di "classe". Sulle regole Gherardo Colombo, Feltrinelli Gli uomini sono tutti uguali di fronte alla legge. Si è mai riflettuto sul significato di questo principio? La convinzione dell autore è che in uno stato di diritto e in uno Stato in cui tutti partecipano, anche se indirettamente, alla gestione della cosa pubblica e in cui esistono delle strade per modificare le regole che si ritengono ingiuste, le regole esistenti vanno osservate e basta. Ma è anche necessario fare una specie di gerarchia delle regole: alcune hanno un rilievo particolarissimo, altre un rilievo eccezionale per la convivenza, altre ancora uno molto più limitato. L amore che non scordo. Storie di comuni maestre Libreria delle donne, libro+dvd Quattro storie di maestre e un maestro, quattro classi, quattro realtà scolastiche riprese tra il 2005 e il 2007 a Milano, Roma e Bologna. Il film documentario mette in risalto quella parte invisibile nei programmi didattici, quello scambio umano così particolare e vivo nella quotidianità, che fanno l effettiva qualità di una scuola, quella elementare italiana, considerata nel mondo una delle migliori. Più colta e meno gentile. Una scuola di massa e di qualità Silvano Tagliagambe, Armando Come tutti i sistemi complessi, la scuola è caratterizzata da una grande asimmetria. Essa dipende infatti in maniera critica da una molteplicità di parti e da una varietà di fattori e di interazioni, ed ha quindi bisogno di molto tempo e di diverse sperimentazioni per essere costruita e per svilupparsi. Viceversa, un singolo evento catastrofico ne può compromettere seriamente la funzionalità e l efficienza. Il libro cerca di chiarire in che modo e a quali condizioni si possa perseguire l obiettivo di creare una scuola di massa e di qualità. L ha ucciso lei Tahar Ben Jelloun, Einaudi Nel futuro di Mohamed c'è una minaccia: la pensione. Ha lavorato per tutta la vita in Francia, lontano dal suo villaggio natale. La pensione ha ucciso il suo amico Brahim e lui non vuole fare la stessa fine. Tornerà quindi in Marocco e terminerà la casa che ha iniziato a costruire laggiù, nella speranza che la sua anima confusa e smarrita trovi un po' di pace. Un apologo folgorante sulla vecchiaia, lo sradicamento e l'emigrazione. Il club dei padri estinti Matt Haig, Einaudi Philip ha tutte le tristezze, le allegrie, le paure di un ragazzino che si affaccia all'adolescenza. E ora il padre sostiene che la sua morte non è stata un incidente, ma c'entra lo zio Alan, che vuole la mamma di Philip e il pub di famiglia. E continua a tormentare Philip con la storia del Club dei Padri estinti, una sgangherata congrega di spettri che si ritrova davanti al pub... Philip cercherà di portare a termine la vendetta del padre fantasma in un crescendo di avventure, disavventure ed episodi esilaranti fino alla tragedia finale. Kindergarten Peter Rushforth, Ellint È Natale. In televisione la gelida immagine del viso di una bambina che guarda fuori dalla finestra di una scuola di Berlino. È un ostaggio e sta per essere uccisa se le richieste dei terroristi non saranno accolte. In una piccola cittadina nel Suffolk, tre fratellini stanno per celebrare il Natale con la nonna paterna, ma quella scena rimanda loro un'altra immagine: quella della mamma uccisa pochi mesi prima in un attentato terroristico. Una intensa metafora sulla sofferenza attraverso la rilettura di miti e fiabe nella quale gli eventi dell'oggi, dominati da una crudeltà senza senso, si riallacciano a un passato di violenza. Per non sapere né leggere né scrivere Torgny Lindgren, Iperborea Affetto da un'incurabile forma di alessia, il protagonista frequenta la scuola dell'obbligo senza imparare alcunché, ma in compenso a casa apprende "tutto ciò che occorre sapere" dal nonno, professore in pensione, anch'egli colpito da cecità verbale. Insieme trascorrono ore in compagnia della Bibbia illustrata dal Doré, il nonno a raccontare le storie e il nipote a immagazzinarle sotto forma di immagini. Finendo per conoscerle tanto bene da essere in grado, molti anni dopo, perduto l'amato volume, di ridisegnarle tratto per tratto. Marinai dell immaginario. Come raccontano i bambini Sergio Viti, Manifestolibri Cosa hanno nella testa i piccoli scrittori di storie? Un insegnante elementare molto particolare affronta con i suoi scolari il tema della narrazione. Nei racconti dei bambini si intrecciano esperienze vissute e sognate, paure e desideri, delusioni e speranze; e attraverso la loro fantasia conoscono il reale, se ne difendono, manifestano la volontà di cambiarlo. La formula del professore Yoko Ogawa, Il Saggiatore Una commovente storia che cambierà il nostro modo di guardare alla matematica, al baseball, alla memoria e molto altro ancora. Lei, governante per lavoro, madre single per scelta, timida e brillante, è stata assunta da un agiato professore per occuparsi della sua casa. Lui, il professore, un genio della matematica gentile e affettuoso, è vittima di una misteriosa malattia che lo ha reso incapace di ricordare qualsiasi cosa per più di ottanta minuti. Tra loro nascerà in pochi mesi una toccante amicizia che cambierà le loro vite per sempre. La fabbrica degli ignoranti. La disfatta della scuola italiana Giovanni Floris, Rizzoli In questa inchiesta sui mali della scuola e dell'università italiane Giovanni Floris non risparmia fatti, numeri e situazioni allucinanti. Dall'asilo di Napoli che non apre perché mancano i bidelli fino all'istituto friulano che ogni anno cambia l'intero corpo docente (precario). Un libro di denuncia e insieme un atto d'amore verso una scuola di nobile tradizione, piombata in un Medioevo di strutture fatiscenti e insegnanti girovaghi come braccianti. Di fronte al declino della convivenza civile, della vita politica, dell'innovazione culturale, è ora che torniamo tutti sui banchi. Il giorno prima della felicità Erri De Luca, Feltrinelli Don Gaetano è uomo tuttofare in un grande caseggiato della Napoli popolosa e selvaggia degli anni cinquanta. Da lui impara il giovane chiamato "Smilzo", un orfano formicolante di passioni silenziose. Lo Smilzo cresce attraverso i racconti di don Gaetano, nella memoria di una Napoli (offesa dalla guerra e dall'occupazione) che si ribella alla sua stessa indolenza morale. Lo Smilzo impara così che l'esistenza è rito, carne, sfida, sangue. 16

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la creazione di un vasto spazio pubblico riempito di giudizi

Dettagli

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia!

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia! Spett. le Fondazione De Mari desideriamo ringraziarvi per il finanziamento che abbiamo ricevuto; il Vostro contributo ha dato un importante aiuto alla nostra scuola consentendole di andare avanti e di

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

NONNI SU INTERNET Contenuto del programma Corso base di 15 lezioni

NONNI SU INTERNET Contenuto del programma Corso base di 15 lezioni NONNI SU INTERNET Contenuto del programma Corso base di 15 lezioni Il progetto Nonni su Internet è adatto a tutti gli ordini di scuola. La durata degli incontri e gli argomenti da trattare vanno adattati

Dettagli

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione Finale 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto nasce dall idea di studiare una ricetta coinvolgendo la maggior parte di materie oggetto

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

RISCHIO PSICOPATOLOGICO LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali:

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali: ICS G. CAPPONI Provincia: Milano Comune: Milano Indirizzo: Via Pestalozzi 13 E-mail della scuola: elementare.pestalozzi@icscapponi.it Dirigente: prof.ssa Giuseppina Izzo Progetto Dai 5 agli a 11 anni:

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica Mavi Ferramosca Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti Partigiani s.n., 70126 Bari E-mail: mavi.ferramosca@alice.it Un uso

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Pierfranco Ravotto ITSOS Marie Curie Via Masaccio 4 Cernusco sul Naviglio pfr@tes.mi.it Sommario La formazione in rete può avere

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

La rapa gigante. EsPerienze. saperi / pr atica pensante / itinerari / info

La rapa gigante. EsPerienze. saperi / pr atica pensante / itinerari / info saperi / pr atica pensante / itinerari / info La rapa gigante di Maria Teresa Malvicini Insegnante Scuola dell Infanzia di Corte Palasio (LO) Direzione Didattica IV Circolo Lodi. Dirigente Scolastica:

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Relazione finale progetto Click, che racconto!

Relazione finale progetto Click, che racconto! Relazione finale progetto Click, che racconto! Corsista: - Tutor Mauro Cocchi 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 2. Numero di classi coinvolte, di insegnanti,

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Seminario: Difficoltà di apprendimento. Cause, individuazione precoce. e strategie di intervento

Seminario: Difficoltà di apprendimento. Cause, individuazione precoce. e strategie di intervento Rete di scuole dell Alto Friuli www.sbilf.eu Seminario: Difficoltà di apprendimento Cause, individuazione precoce e strategie di intervento Tolmezzo 9 settembre 2011 Docenti referenti dislessia e coordinatori

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it SU

Dettagli

Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali. a.s. 2013/2014. a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S.

Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali. a.s. 2013/2014. a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S. Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali a.s. 2013/2014 a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S. d Istituto Le nuove indicazioni ministeriali Riferimenti normativi -Legge

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi Clio 92. Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Corso di formazione per formatori La progettazione dei corsi di formazione Clio 92 sulla storia Bellaria, 13-14 ottobre 2007

Dettagli

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola.

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola. INTERCULTURA accoglienza, inclusione, educazione e didattica interculturale Corsi di formazione per dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente e operatori sociali che collaborano con le scuole

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Open School è un insieme di progetti rivolti a studenti, insegnanti

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015 Disciplina: Informatica, applicazioni gestionali Classe: 1A A.S 2014/2015 Docente: Prof. Renata Ambrosi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 27alunni; 5 maschi e 22 femmine.

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE MENTORI E STUDENTI STRANIERI M.I.A. COMENIUS - LLP. ROMA, 12/13 Ottobre 2012

INCONTRO DI FORMAZIONE MENTORI E STUDENTI STRANIERI M.I.A. COMENIUS - LLP. ROMA, 12/13 Ottobre 2012 INCONTRO DI FORMAZIONE MENTORI E STUDENTI STRANIERI M.I.A. COMENIUS - LLP ROMA, 12/13 Ottobre 2012 GRUPPO DI LAVORO SU INSERIMENTO,VALUTAZIONE E LINGUA ITALIANA PROBLEMA il contratto formativo non ha corrispondenza

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE. Via Decio Mure Monserrato AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE. Via Decio Mure Monserrato AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE Via Decio Mure Monserrato AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI PIANO DI LAVORO A.S. 213-214 "I computer sono incredibilmente veloci,

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE EUROPA 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2 telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 http://www.iceuropa.it - e-mail: raic809002@istruzione.it PEC: raic809002@pec.istruzione.it

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2013-2014 Piccibaby MOTIVAZIONE L'approccio corretto alle tecnologie è indispensabile per i bambini di oggi che hanno bisogno

Dettagli