IX LEGISLATURA XXXII SESSIONE ORDINARIA DEL CONSIGLIO REGIONALE - Prosecuzione - RESOCONTO STENOGRAFICO N. 48 Seduta di venerdì 24 febbraio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IX LEGISLATURA XXXII SESSIONE ORDINARIA DEL CONSIGLIO REGIONALE - Prosecuzione - RESOCONTO STENOGRAFICO N. 48 Seduta di venerdì 24 febbraio 2012"

Transcript

1 IX LEGISLATURA XXXII SESSIONE ORDINARIA DEL CONSIGLIO REGIONALE - Prosecuzione - RESOCONTO STENOGRAFICO N. 48 Seduta di venerdì 24 febbraio 2012 Presidenza del Presidente Eros BREGA INDI del Vicepresidente Damiano STUFARA INDI del Vicepresidente Roberto CARPINELLI INDICE (convocazione prot. n. 812 del 16/02/2012) Oggetto n. 2 Comunicazioni del Presidente del Consiglio... 3 Oggetto n. 108 Atto n. 769 Norme sulla fiscalità agricola introdotte dal decreto legge 06/12/2011, n. 201, cosiddetto Salva Italia, convertito nella legge 22/12/2011, n. 214, e applicazione dell IMU (Imposta municipale unica)..3 Presidente...3 Votazione atto...4 Oggetto n. 4 Atti n. 717 e 717/bis Documento regionale annuale di programmazione (D.A.P.) 2012/ Presidente...5,14-19, 21-23,25,26,30,33, 43,45,52,56-58,66-69,71,72,74,75,76 Stufara, Relatore di maggioranza...5,69 Cirignoni...16,17 Lignani Marchesani, Relatore di minoranza 18 66,72,76 Monacelli...25,26,71 Nevi ,68 Barberini De Sio Chiacchieroni Dottorini ,57,74 Buconi Smacchi Marini, Presidente della Giunta Locchi...67 Votazione atto e proposte emendative. 75 Oggetto n Atto n. 770 Bando denominato Progetto nazionale: 100 impianti fotovoltaici per 100 Comuni d'italia Iniziative da adottarsi da parte della G.R. a tutela dei consumatori umbri danneggiati...75 Presidente Votazione atto...75 Oggetto n Atto n. 767 Iniziative da adottarsi da parte della G.R. A sostegno di famiglie ed imprese dei Comuni della fascia appeninica e territori dell'alto Chiascio colpiti da una pesante emergenza economica e sociale...75,79 Presidente Monacelli...76 Lignani Marchesani Smacchi....76,79 Nevi...77,78 Stufara...77 Riommi, Assessore...78 Votazione atto Oggetto n Atto n. 768 Ricostruzione delle aree colpite dagli eventi sismici in Umbria Azioni da compiersi da parte della G.R. Ai fini della copertura finanziaria degli interventi da ultimare o da realizzare..79 Presidente Barberini Votazione atto

2 Sospensioni ,25,45 Fatto personale Cirignoni...17 Presidente...18 Sull'ordine dei lavori Presidente...3,5,25,26,30,43,75-78 Cirignoni...16,17 Monacelli...25,76 Lignani Marchesani...18,19,76 Smacchi...76 Nevi...77,78 Stufara...77 Riommi

3 IX LEGISLATURA XXXII SESSIONE ORDINARIA DEL CONSIGLIO REGIONALE - Prosecuzione - La seduta inizia alle ore Presidenza del Presidente Brega - Consigliere Segretario Bottini PRESIDENTE. Prego i colleghi di prendere posto, grazie. Apro la trentaduesima sessione ordinaria del Consiglio regionale. Ricordo ai colleghi che nella Conferenza dei Capigruppo che si è svolta mercoledì si era condiviso all unanimità che, oltre al dibattito sul DAP, si sarebbero esaminate nella presente seduta due mozioni (oggetti nn. 108 e 109) e due proposte di risoluzione (oggetti nn. 106 e 107). PRESIDENTE. Chiamo l'oggetto n. 108 OGGETTO N NORME SULLA FISCALITA AGRICOLA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE 06/12/2011, N. 201, COSIDDETTO SALVA ITALIA, CONVERTITO NELLA LEGGE 22/12/2011, N. 214, E APPLICAZIONE DELL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE UNICA) Atto numero 769 Tipo atto: Mozione Presentatori:Consr. Carpinelli, Nevi, Cirignoni, Locchi, Monacelli, Zaffini, Stufara, Modena, Dottorini e Buconi PRESIDENTE. Do lettura dell'atto n. 769: ad attivarsi presso il legislatore nazionale, che già ha recepito l'importanza dell'imprenditore agricolo professionale, affinché modifichi l'attuale modulazione dei moltiplicatori prevista per i terreni agricoli di cui all'art. 13, comma 5, del decreto legge n. 201/2011, convertito dalla legge n. 22/2011, così come previsto nel testo predisposto dalle Commissioni Riunite I e V del 18 gennaio 2012 relativo al "Milleproroghe" (150; 120; 90); a sollecitare l ANCI nazionale ad intervenire verso i Comuni affinché siano adottate le delibere con le quali si applicano le aliquote più basse, così come previsto dall articolo 13, commi 6 e 8, del decreto legge n. 201/2011, al fine di salvaguardare l'interesse dell'impresa agricola a non essere colpita pesantemente nell esercizio della sua attività economica. Vi era l accordo con tutti i Capigruppo, ne avevo parlato anche con l Assessore all Agricoltura, l Assessore Cecchini, che mi aveva detto che era d accordo su questa formulazione. Se siete d accordo, senza utilizzare la votazione elettronica, per alzata di mano chiederei ai Colleghi di esprimersi su questo ordine del giorno. 3

4 Il Consiglio vota. Il Consiglio approva all unanimità. PRESIDENTE. A questo punto chiedo di poter avere il secondo testo, per poterne dare lettura. Collega Dottorini, se mi dà il testo, intanto lo leggo, le firme le raccoglierà successivamente. Intanto ne do lettura, come avevamo stabilito. (Intervento fuori microfono). Lo avevamo concordato in Conferenza dei Capigruppo. Do lettura del secondo ordine del giorno, atto n. 770: Tutto ciò premesso e considerato, il Consiglio regionale impegna: a fare urgente istanza presso la Conferenza Stato-Regioni e presso il Ministero competente di sospensione delle richieste di pagamento da parte delle società finanziarie ed attivare tutte le procedure necessarie per bloccare l iscrizione dei soggetti danneggiati dalle centrali di rischio bancario; a intraprendere tutte le azioni necessarie presso la stessa Conferenza Stato-Regioni ed il Ministero competente nell addivenire ad una soluzione condivisa che tenga conto della buonafede dei consumatori danneggiati dagli atti sopra citati e descritti, anche attivando al Tavolo di conciliazione con il Ministero i rappresentanti delle finanziarie e dei consumatore ed Enti locali; a realizzare un monitoraggio attraverso le Amministrazioni in qualche modo interessate dal bando in oggetto in modo da individuare con certezza i consumatori danneggiati. Questo è il testo dell altro ordine del giorno che avevamo condiviso nella Conferenza dei Capigruppo di approvare prima della discussione sul DAP. Ci sono problemi, colleghi? (I Consiglieri di minoranza chiedono di prendere visione dell ordine del giorno) PRESIDENTE. Sospendo il Consiglio per un minuto, pregando i Consiglieri di rimanere in Aula, grazie. Se il testo è modificato, potrei averlo? (Interventi fuori microfono). A questo punto, dato che siamo qua, sistemate il testo. Propongo di esaminare l oggetto n. 4. OGGETTO N. 4 DOCUMENTO REGIONALE ANNUALE DI PROGRAMMAZIONE (D.A.P.) 2012/ Atti numeri: 717 e 717 bis Relazione della Commissione Consiliare: I Relatore di maggioranza: Consr. Stufara (relazione orale) Relatore di minoranza: Consr. Lignani Marchesani (relazione orale) Tipo Atto: Proposta di atto di programmazione ai sensi e per gli effetti dell art comma 3 - della L.R. 28/02/2000, n. 13 Iniziativa: G.R. Delib. n. 26 del 20/01/2012 4

5 PRESIDENTE. Comunico che la Presidente, alle ore circa, dovrebbe assentarsi per un impegno istituzionale, ma ha espresso a questa Presidenza la volontà di ascoltare tutti gli interventi, nel rispetto dell Assemblea. Io proporrei, se il Consiglio è d accordo, che nel quarto d ora, venti minuti di assenza della Presidente potremmo, approvare magari l ordine del giorno che è rimasto in sospeso, sospendere il Consiglio per quindici minuti, perché la Presidente, per rispetto dell Assemblea e di chi vorrà intervenire, voleva essere presente al dibattito. Se siete d accordo, tra circa un ora interromperemo per venti minuti. A questo punto do la parola al Relatore di maggioranza, Consigliere Stufara, e ringrazio il capogruppo della Lega Nord, Cirignoni, per l accoglienza che ha fatto avere al Consiglio regionale. Prego, collega Stufara. Damiano STUFARA (Presidente gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista per la Federazione di Sinistra) Relatore di maggioranza. Il DAP 2012/2014, il secondo di questa Legislatura, documento con il quale, in coerenza con la legge regionale n. 13/2000, la Regione delinea la propria proposta progettuale e definisce le priorità su cui concentrarsi nel corso del 2012, si colloca in un quadro caratterizzato, com è noto, da una situazione di crisi molto grave. A distanza ormai di quattro anni dall insorgere a livello globale della crisi come elemento strutturale dell attuale fase, le politiche espresse dalla comunità internazionale non si sono ancora dimostrate in grado di contrastare, specialmente in Europa, gli effetti sociali del cronico indebolimento del sistema produttivo e le dinamiche speculativo-finanziarie che anche in questi giorni continuano a prodursi, minando le basi stesse delle operazioni di risanamento messe in atto dai Governi nazionali. Il dramma che investe il popolo greco e le sue Istituzioni democratiche, a cui non può non andare il nostro pensiero, parla anche di noi. A livello generale, pesano la crisi dell Eurozona, con le connesse tensioni speculative su alcuni debiti sovrani, a partire dall Italia, quadro aggravato dalle prospettive negative per l economia nel 2012, e che vede il nostro Paese e dunque anche l Umbria alle prese con i suoi problemi strutturali sia sul versante della competitività e della crescita, sia sul fronte dell equilibrio dei conti pubblici, come su quello dell equità e dei diritti. Nel DAP si cita il caso di Double-Dip (o recessione a forma di W): durante una fase recessiva la gente consuma di meno e investe di meno; le aziende, di conseguenza, devono diminuire la quantità di beni che producono e che riescono ad esportare; si determina così una situazione di cronica stagnazione, dove le fasi di ripresa e di recessione si susseguono ripetutamente. Sulla combinazione di questi elementi e sulle politiche messe in atto a livello comunitario si impone una profonda riflessione, perché mai come in questa fase è evidente che gli atti programmatori delle Istituzioni, e dunque anche il DAP, dipendano, sia nella loro impostazione 5

6 generale, che negli effetti che mirano a produrre, dal quadro complessivo degli eventi politici ed economici. E bene ricordare che le difficoltà del nostro presente hanno le loro radici nei decenni precedenti, in particolare nella scelta di un apertura universale dei mercati, indipendentemente dalle specifiche condizioni sociali, economiche e politiche degli Stati nazionali. Da questa scelta di lasciare al mercato il compito di unire il mondo, non importa su quali presupposti, da questa scelta di non scegliere più, deriva gran parte del decadimento del sistema produttivo europeo, di cui adesso misuriamo il prezzo in termini appunto di perdita di posti di lavoro, di delocalizzazioni, di accresciuta disuguaglianza sociale. Le politiche di austerità, presentate pressoché ovunque come la conditio sine qua non per il risanamento dei conti pubblici, rischiano nell attuale contesto di aggravare il quadro, soprattutto quando, come nell area dell euro, avvengono senza una regolazione del sistema bancario e finanziario, un sistema che detiene gran parte dei debiti pubblici nazionali in forma di titoli di Stato e di altri prodotti finanziari e che decide dell accesso al credito dei Governi secondo logiche che poco o nulla hanno a che vedere con gli interessi delle popolazioni e della stessa democrazia. Siamo arrivati al paradosso per cui, se nei decenni precedenti era l Europa a caratterizzarsi, in contrasto con i Governi neo liberali d oltre Atlantico, per il primato della sfera politica su quella economica, ora è lo stesso Presidente degli Stati Uniti d America ad invocare da parte dell Unione Europea delle misure tese a scongiurare la speculazione e, in particolare, la speculazione sui debiti pubblici degli Stati membri dell Unione. In assenza di provvedimenti strutturali, tra cui vorremmo ricordare la possibilità per la Banca Europea di acquistare direttamente i titoli di Stato invece di doverli comprare sul mercato secondario, ovvero da quelle stesse banche a cui si sono promessi recentemente 500 miliardi di euro a un interesse dell 1% per tre anni, le manovre di riordino dei conti pubblici rischiano di rappresentare una vera e propria fatica di Sisifo. Si effettuano risparmi nei conti pubblici in termini di tagli e mancati investimenti per ridurre il debito pubblico e onorare le scadenze nei confronti di grandi gruppi finanziari che, nello stesso momento in cui incamerano i proventi derivanti dalle crescenti quote di debito pubblico in loro possesso, giovano della loro progressiva destabilizzazione operata dalle agenzie di rating, destabilizzazione che riporta i bilanci statali al punto di partenza, ponendo di nuovo l esigenza di ulteriori riduzioni della spesa pubblica e di sacrifici sociali. Proprio questa progressiva rincorsa alla stabilità economico-finanziaria, ben testimoniata dalle manovre del 2011 del Governo Berlusconi e poi da quella del Governo Monti, sta incidendo significativamente sui cittadini, sia in via diretta, sia indirettamente, attraverso l impatto sulla finanza regionale e locale e la conseguente significativa riduzione delle risorse disponibili per l attuazione di politiche di crescita e competitività e, soprattutto, di quelle destinate alle politiche per il welfare e, più in generale, per la coesione sociale. 6

7 Basti citare il caso dell introduzione dell IMU, che se da un lato aumenta il carico fiscale sulla popolazione, chiamata di nuovo al pagamento dell imposta sulla prima casa, dall altro determina un ulteriore riduzione degli importi a vantaggio degli Enti locali e una decisa centralizzazione dei flussi tributari in direzione del Governo nazionale. Il tutto mentre si rinuncia ad ogni ipotesi di patrimoniale, anche solo per fronteggiare la straordinarietà dell attuale congiuntura. Il perpetuarsi di scelte incapaci di fronteggiare la sperequazione sociale deve preoccupare non poco, soprattutto deve preoccupare il concreto rischio di un consolidamento di quell equilibrio di sotto-occupazione nel quale, a causa della richiamata crisi del debito sovrano e del conseguente inasprimento delle condizioni monetarie, già si colloca l economia europea e in particolare quella italiana. Consolidamento che porta ad una crescente pressione in direzione di una svalutazione interna, ossia ad una compressione di prezzi e salari che si scarica in modo pesante soprattutto sulle fasce più deboli e indifese della popolazione: famiglie con bassi salari, giovani, giovani donne e precari. Al di là del pur necessario rigore finanziario, occorre riflettere sulle cause strutturali di questa crisi, riflettere su quanto ancora possa durare e capire quanto essa agisca sulla ridistribuzione della ricchezza e quindi immaginare politiche che permettano di innescare nel medio termine una ripresa duratura e sostenibile. La crescita economica degli ultimi anni è avvenuta attraverso il taglio dei costi, il trasferimento delle produzioni nei Paesi emergenti, gli arbitraggi fiscali e regolatori tra legislazioni diverse. Un processo che ha congelato i salari reali e aumentato la disoccupazione nelle economie dell Unione Europea e degli Stati Uniti d America, diretta conseguenza di una globalizzazione effettuata esclusivamente sul piano dei mercati, con una omologazione dell economia nazionale sul livello di Paesi con bassi salari e basso livello di protezione sociale. Siamo giunti al punto che, nei 34 Paesi dell OCSE, i disoccupati sono 44 milioni e, considerando i lavoratori part-time e i dipendenti sottoposti a sospensioni lunghe dell attività e scoraggiati, cioè coloro i quali non hanno più cercato lavoro negli ultimi tempi, i posti che mancano si aggirerebbero intorno ai 100 milioni. Nel DAP a tal proposito si parla di paradosso marxiano della sovraproduzione: il sistema ha fatto investimenti per sfornare una quantità di prodotti superiore alla sua capacità di consumo. E bene chiarire un secondo punto, oltre a quello sopra enucleato, rispetto alla necessità di una rigida regolazione delle transazioni finanziarie a livello comunitario ed internazionale: in una crisi che ci pone di fronte al precipitare dei valori, soprattutto immateriali, prodotti dalle economie avanzate sulla dura realtà della domanda e del consumo, tornare a produrre è dirimente per arrestare un processo di smantellamento non solo delle economie nazionali, ma delle loro stesse Istituzioni. La spirale recessiva in cui rischiamo di cadere come Italia e come Europa ha infatti un suo fattore specifico nel progressivo ridimensionamento degli stanziamenti per gli Enti locali, virtualmente impossibilitati a garantire i servizi 7

8 precedentemente erogati nelle forme in cui attualmente figurano e che tutti i cittadini conoscono. Scegliere di trovare risorse mettendo progressivamente in vendita il patrimonio pubblico in termini di aziende, immobili, terreni e quant altro, se in alcuni casi è motivato da legittime ragioni di razionalizzazione, in linea generale consente solo di spostare il problema della sostenibilità delle politiche degli Enti locali nel prossimo futuro, quando lo si dovrà affrontare privi degli strumenti per governare il territorio e programmare lo sviluppo. Le liberalizzazioni, in tale contesto, sono l espressione di un decentramento dei processi decisionali per cui allo spostamento delle produzioni rischia di corrispondere uno svuotamento delle Istituzioni in termini di capacità e di competenze. Bene lo hanno capito i cittadini lo scorso giugno quando con i referendum (che non riguardavano solo l acqua) hanno inteso ribadire l intangibilità dei servizi pubblici locali. Il criterio per operare le giuste scelte non può che essere quello di garantire appunto il primato dell interesse pubblico, del bene comune, dell occupazione, nella consapevolezza che non ci sarà risanamento senza equità. Il tema della equità sociale, che coinvolge appunto la materia fiscale, la razionalizzazione delle risorse e il ruolo delle politiche pubbliche, con particolare attenzione a quelle di welfare, rende quanto mai necessaria un operazione congiunta tra Regioni ed Enti locali, così da concordare le possibili razionalizzazioni e risparmi nella spesa pubblica, che aumentino l efficienza degli apparati salvaguardando livelli e qualità dei servizi, operazione da orientare anche verso la armonizzazione e il contenimento del prelievo fiscale. Un percorso che permetterà inoltre di avviare nel corso del 2012 una riflessione sulla complessiva strumentazione della fiscalità regionale, anche alla luce dell applicazione dei decreti legislativi in materia di federalismo fiscale. In questo quadro, denso di incertezze, si delinea per l Umbria un sentiero molto stretto lungo cui muoversi nel tentativo di coniugare la quadratura del bilancio regionale, duramente colpito dai tagli delle manovre dei Governi nazionali, con l equità e la tenuta della coesione sociale, oltre che con le necessarie prospettive di crescita e di uscita dalla crisi economica. Un quadro in cui è indispensabile ed è questo che nel DAP 2012 si cerca di delineare continuare a dare risposte ai cittadini e alle imprese, pur nella consapevolezza dei limiti delle competenze dell Amministrazione regionale e delle risorse a disposizione. Una positiva innovazione sta nell introduzione di un preambolo politico programmatico che riassume e sistematizza nel DAP le principali priorità che si intendono affrontare nell azione di governo nel nostro territorio, un innovazione che consentirà di verificare in modo puntuale e trasparente la capacità del Governo regionale di dare risposte alla nostra comunità, specie in una fase di grande difficoltà come quella attuale. Il 2012 è l anno in cui si faranno sentire in modo più stringente i pesanti effetti del complesso delle manovre finanziarie del Governo nazionale approvate nel corso del 2011, manovre varate in modo talvolta tardivo e spesso non del tutto improntato a 8

9 criteri di equità e selettività, anche se con l obiettivo di salvare l Italia da una rovinosa deriva economica e finanziaria; manovre che impongono tagli profondi alle risorse disponibili delle Regioni e degli Enti locali, riducendo le risorse previste per la sanità regionale, inasprendo le regole del Patto di Stabilità interno e tagliando i trasferimenti statali, che comportano e comporteranno complessivamente per la Regione Umbria minori risorse pari a 243 milioni di euro per il 2011, 305 milioni per il 2012, 330 milioni per il 2013 e 375 milioni di euro per il Inoltre, la legge di stabilità 2012 ha ridotto dal 25 al 20% la capacità di indebitamento delle Regioni, cosa che comporta per quasi tutte le Regioni, compresa l Umbria, la quasi impossibilità di prevedere, a partire dal 2012, mutui o prestiti a pareggio del bilancio, compromettendo non solo la possibilità di mettere in programma investimenti futuri, ma anche parte di quelli già programmati. Queste ristrettezze finanziarie cadono in un contesto economico caratterizzato da criticità ben note alla struttura economica dell Umbria, sia della propria base produttiva, dove molto rilevante è il ruolo della microimpresa, che lavora spesso in subfornitura per aziende esterne alla Regione, che dalla sua base occupazionale, nella quale un peso superiore alla media nazionale è occupato da contratti a tempo determinato e da forme di lavoro precario. L Umbria ed il DAP lo mette in luce senza reticenze ha pagato un prezzo elevato alla negativa fase congiunturale, sia in termini di caduta della produzione e del reddito, sia in termini di riduzione dei livelli occupazionali, in particolare per i giovani e le donne. La Regione, posto che le sue possibilità di manovre congiunturali anticicliche sono limitate, non è stata a guardare, in primo luogo attivando tempestivamente la leva degli ammortizzatori sociali in deroga e dell erogazione di prestazioni di politiche attive ai percettori di integrazione salariale, per un complesso di impegno vari a 43,7 milioni di euro, finanziati per la gran parte con risorse del Fondo Sociale Europeo; in secondo luogo, mitigando le conseguenze dell inasprimento delle condizioni monetarie mediante il rafforzamento del sistema regionale di garanzia per l accesso al credito. Tutto questo senza dimenticare che sono in corso in Umbria processi di ristrutturazione che riguardano gli assetti produttivi nell ambito della siderurgia, con riferimento ai materiali speciali, le reali prospettive per il settore della chimica e la possibilità di rilancio di altri rami del comparto manifatturiero dell Umbria, in particolare l industria del bianco. Su questo tema, che non incide solo sul mantenimento del tessuto industriale regionale, ma che è questione determinante per il profilo industriale del Paese, la Regione dovrà impegnarsi per l apertura di un confronto serrato con l Esecutivo nazionale e, per quanto di competenza, anche con le Istituzioni europee. Siamo a poche settimane dalla conclusione di una trattativa cruciale anche per la nostra Regione, con l avvicendamento tra ThyssenKrupp e Outokumpu nella proprietà del polo siderurgico di Terni, e ciò ha determinato qualcosa di più di un semplice passaggio di consegne. Di fronte ad un processo che è giusto giudicare positivamente, soprattutto di fronte all alternativa dei fondi pensione americani, è 9

10 ora il momento per le Istituzioni del Paese di assicurare una stabile prospettiva produttiva ed occupazionale nel settore della siderurgia e in tutti quegli ambiti che dal dopoguerra ad oggi hanno contribuito a fare anche dell Umbria un area con specifiche vocazioni industriali. In questo la Regione proseguirà le interlocuzioni già avviate nei mesi precedenti, sapendo bene e qui veniamo al cuore del DAP che occorre anche progettare un futuro dentro la crisi ed oltre la crisi, chiedendo a tutti lo sforzo di dare risposte nuove alla domanda di opportunità, di lavoro e di crescita che proviene dalla società, in particolare dai giovani. Non ci può sfuggire, rispetto al quadro nazionale, la correlazione tra la bassa internazionalizzazione dell economia umbra, la bassa produttività del lavoro e la bassa distribuzione del Prodotto Interno Lordo procapite, che rende particolarmente incerte le prospettive del sistema economico produttivo regionale. Occorre in questo senso una inversione di tendenza, che passa per la definizione di nuovi modelli per il manifatturiero e il terziario di mercato e per il sostegno alle imprese nei necessari processi di internazionalizzazione, innovazione e ricerca, nella fondata convinzione che l unica via d uscita per tornare a garantire uno stabile e diffuso benessere per la nostra popolazione è lo spostamento delle produzioni e dei servizi verso segmenti a sempre maggiore valore aggiunto. Per queste sfide occorre chiamare a raccolta le energie migliori del territorio, dalle imprese ai sindacati, dal mondo della scuola e in particolare dell Università, a quello dei servizi e delle professioni. Il DAP prevede una serie di interventi che si articolano su tre direttrici principali: la definizione della complessiva riforma istituzionale, che recepisca e delinei il disegno politico dei diversi provvedimenti in corso di discussione o approvati dal Consiglio regionale o in corso di definizione da parte della Giunta, la soppressione delle Comunità Montane e degli ATI e la rimodulazione delle funzioni in capo agli Enti che meglio si è ritenuto potessero svolgerle è stata una scelta riformatrice dettata dalla convinzione che, in tempi di crisi e di manovre economiche così difficili per la tenuta complessiva degli Enti locali e di tutto il tessuto socio-economico, debba essere prioritario riqualificare la spesa pubblica e razionalizzarla al fine di rendere la macchina amministrativa più efficiente e l architettura istituzionale più vicina alla comunità regionale. La seconda direttrice è il contributo delle politiche regionali alla competitività del sistema economico regionale, nel quale, oltre ai temi relativi alle imprese, con le diverse declinazioni sociali, alla innovazione, alla green economy, all istruzione, formazione e politiche per il lavoro, vengono ricompresi anche gli interventi legati a semplificazione amministrativa, sostenibilità dello sviluppo, difesa dell ambiente, infrastrutture e sistema dei trasporti. La terza direttrice è la riforma e il riassetto del sistema del welfare regionale, con riferimento alle politiche per la salute ed in particolare la proposta di riforma del sistema sanitario regionale e quelle per il sociale, all interno del quale si inseriscono le politiche per l abitare e quelle per l immigrazione. Un sistema, quello del welfare, 10

11 che dovrà continuare ad assicurare, in un quadro di risorse ridotte, l equità e la coesione sociale. Per quanto riguarda il primo tema, quello della riforma della Pubblica Amministrazione e della semplificazione amministrativa, nel corso del 2012 entrerà nel vivo la grande stagione di riforme avviata alla fine del 2011, attraverso la definizione di nuovi assetti regionali, sia in termini di architettura istituzionale che di funzionamento dell intero sistema della Pubblica Amministrazione regionale. L obiettivo è quello di riportare le funzioni di governo e di gestione in capo ai livelli istituzionali elettivi, puntando contestualmente a tenere insieme i compiti di spesa con gli oneri di controllo della stessa e di prelevamento delle necessarie risorse. I provvedimenti su cui incardinare questa azione di riforma sono la legge n. 8/2011 (la cosiddetta legge sulla semplificazione ) e la legge n. 12/2011 (la cosiddetta riforma endoregionale ). Un quadro, quello del riordino istituzionale, che dovrà tener conto anche delle novità introdotte dal Governo nazionale alla fine del 2011 in materia di funzioni delle Province e della necessità, stante il ricorso promosso rispetto ad alcuni articoli della legge 8/2011, di rivedere questo testo operando con la dovuta attenzione per coniugare il processo di semplificazione con il rispetto delle Istituzioni locali e della tutela del territorio. Nel complesso, il DAP prevede la definizione di una serie di provvedimenti: una specifica legge regionale per il trasferimento delle funzioni esercitate dalle Province a favore dei Comuni o per la loro acquisizione da parte della Regione stessa nei casi in cui ciò risulti necessario per assicurarne l esercizio unitario; l attuazione della legge di riforma regionale, la n. 18, attraverso la soppressione e il riordino degli Enti intermedi, cioè la cancellazione delle Comunità Montane, con il trasferimento delle loro competenze operative ad un unico soggetto regionale; la riconfigurazione dei Consorzi di Bonifica, sia con il conferimento alle Unioni Speciali dei Comuni delle funzioni in materia di bonifica, irrigazione e difesa del suolo, ora esercitato anche dalle Comunità Montane, sia con la modifica delle disposizioni relative all esazione del contributo di bonifica, interventi entrambi funzionali al ripristino dell indispensabile equità contributiva tra i cittadini umbri; la costituzione delle Unioni Speciali dei Comuni per l esercizio di funzioni di carattere amministrativo in materia agricola, di difesa idrogeologica, oggi esercitata appunto dalle Comunità Montane o dai Consorzi di Bonifica, e quelle in materia socio-sanitaria e turistica oggi esercitate dagli ATI; la semplificazione organizzativa delle funzioni di gestione e di regolazione in materia di rifiuti e di ciclo idrico integrato, attraverso appunto la costituzione dell unico Ambito di carattere regionale. In materia di risorse idriche, chiaramente, l azione della Regione terrà conto del risultato del referendum del giugno del 2011, che impone la soppressione, fra l altro, della remunerazione del capitale investito tra le componenti della bolletta, il cui importo dovrà necessariamente ridursi in maniera proporzionale, cosa che non è ancora avvenuta a livello regionale, e che rappresenta la base per un serio bilancio anche sulle forme di gestione sin qui attuate. 11

12 Un ulteriore tema da portare a compimento nel corso del 2012 è quello del nuovo assetto delle Agenzie regionali. Il DAP prevede in particolare la definizione della struttura dell Agenzia multifunzione per lo sviluppo, che raccoglierà le funzioni di Sviluppumbria, della APT e di altri soggetti che si occupano di tematiche connesse con il mondo dello sviluppo economico. Nel contempo, verrà ridisegnato l ambito di operatività di Gepafin. In termini di semplificazione amministrativa, nel corso del 2012 verrà realizzato il Piano triennale, che indica quali prioritarie tre direttrici di azione: la semplificazione normativa, la semplificazione amministrativa e la diffusione della strumentazione telematica. Per quanto riguarda, invece, il più ampio tema delle politiche per la competitività e la sostenibilità del sistema economico regionale, è chiaro che le sfide da fronteggiare sono molto difficili: superare con poche risorse e con strumenti limitati una situazione internazionale molto complessa e individuare il driver dello sviluppo su cui concentrare gli interventi, al fine di evitare inutili dispersioni dell investimento pubblico. Le criticità di carattere finanziario non impediscono comunque di mettere in programma azioni importanti per la crescita e la competitività dell Umbria, utilizzando, oltre alle residue risorse libere regionali, quelle derivanti dai programmi delle politiche di coesione. Oltre alle risorse già disponibili derivanti dai principali strumenti dell Unione Europea, il FED, il FES, l FSE e il Piano di sviluppo rurale, nel 2012 saranno finalmente messe a disposizione, anche se in misura ridotta, rispetto alle previsioni iniziali, di 39,7 milioni di euro, le risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione, l ex FAS, risorse che nel corso del 2012 giocheranno un ruolo determinante per il rilancio dell economia regionale. Il DAP mantiene una forte attenzione al tema della green economy e, più in generale, della ricerca di un nuovo rapporto tra ambiente e crescita economica, dell investimento per l innovazione, l internazionalizzazione e il capitale umano, che rappresenta lo snodo essenziale di ogni politica di sviluppo che verrà messa in campo. Nel contempo, il nostro territorio ci offre grandi opportunità per l investimento nella filiera turismo, ambiente e cultura, che si amplia fino a coinvolgere anche il commercio, l artigianato e l agricoltura di qualità e che, rappresentando il secondo motore dell economia regionale, ne rappresenta anche un fattore essenziale di rilancio. Per motivi di tempo taglio alcune considerazioni e la segnalazione di alcuni interventi, che puntualmente vengono indicati nel Documento per quanto riguarda, appunto, il tema della green economy e il tema di come essa sia legata anche al rilancio dell agricoltura nel nostro territorio regionale. Così come sul tema del turismo poc anzi citavo la filiera turismo, ambiente e cultura, che verrà implementata anche coinvolgendo dentro strategie unitarie settori come il commercio, la cultura, l artigianato e l agricoltura di qualità. Salto alcune parti, appunto, per motivi di tempo. 12

13 In termini di programmazione territoriale e di politiche ambientali, il 2012 sarà l anno in cui dovrà essere portato a termine l iter di approvazione del Piano paesaggistico regionale e l anno di azioni molto importanti in materia di risorse idriche e gestione dei rifiuti. Per il primo aspetto, attraverso le risorse del FAS si lavorerà sugli interventi per la depurazione e l adeguamento della rete fognaria, con l obiettivo di adeguarsi alle normative europee ed evitare di incorrere in una specifica ed ulteriore procedura di infrazione comunitaria; per quanto riguarda le perdite in rete, l obiettivo è quello di rispettare i vincoli posti dalla normativa regionale in materia, ricordando un aspetto importante: l intervento con risorse pubbliche è necessario per evitare che l onere di tali investimenti ricada per intero sui cittadini attraverso il sistema tariffario, quindi capite bene la validità di questa impostazione. Per quello che riguarda i rifiuti, il 2012 dovrà essere l anno decisivo per il decollo della raccolta differenziata. Nel confermare la road map prevista anche nel DAP dello scorso anno, si prevede inoltre, con l attuazione del Piano straordinario triennale, di procedere alla riorganizzazione in senso domiciliare dei servizi di raccolta nelle zone più densamente popolate della Regione e di attuare i meccanismi di premialità e di sanzionamento per i Comuni che raggiungano o meno gli obiettivi di raccolta differenziata, anche al fine di raggiungere al più presto (e in prospettiva di superare) l obiettivo del 65% di raccolta differenziata. Da tale risultato dipende, inoltre, lo sviluppo a livello regionale di un sistema impiantistico incentrato sul riciclo e sul riuso. Temi che intersecano quello della ridefinizione degli assetti istituzionali e con le scelte che verranno effettuate a livello nazionale in tema di servizi pubblici locali. Nel nuovo modello di economia che si sta delineando a seguito della profonda crisi, il fattore del capitale umano costituisce un elemento determinante per attivare nuovi percorsi di crescita, una sorta di infrastruttura su cui anche la Regione Umbria investirà con grande attenzione nel corso del Il DAP prevede, infatti, l emanazione di bandi in favore delle scuole per l integrazione e il potenziamento dei servizi di istruzione e, contestualmente, si lavorerà per l implementazione di percorsi per l ottenimento di una qualifica professionale, alternativi a quelli ordinari di istruzione superiore in favore degli studenti a rischio dispersione. Da questo punto di vista il Piano triennale per il diritto allo studio, che insieme alle politiche per l inserimento lavorativo e le proposte dell Umbria in termini di politiche attive del lavoro, faranno sì che ci sarà una massa critica di attenzione, di politiche e di risorse che si concentrerà sui giovani della nostra Regione. Dal punto di vista delle infrastrutture in senso stretto, il DAP prevede grande attenzione al tema del superamento del digital divide e al superamento degli ostacoli che in termini di competitività ancora persistono. Per quanto riguarda la mobilità, nel corso del 2012 verranno avviati i lavori delle piastre logistiche di Città di Castello, di Foligno e di Terni e si attiveranno azioni per il risanamento, il rinnovo dei binari e la sistemazione di alcune gallerie della FCU. 13

14 In materia di servizi di trasporto, nel corso del 2012 è prevista l approvazione della nuova legge regionale e subito dopo verrà aggiornato il Piano regionale dei trasporti. Le difficoltà sono legate anche in questo caso alla contrazione di risorse prevista per il 2012, pari a 7 milioni di euro, e ciò impone la realizzazione di un sistema unitario dei servizi di trasporto pubblico locale. Starà alla politica scongiurare che a ciò si accompagni una pericolosa centralizzazione dei processi decisionali, dove gli interessi dei più grandi rischierebbero di essere tutelati a danno delle realtà più piccole e più periferiche. Il nuovo assetto, che dal punto di vista dell architettura vede al centro l azienda Umbria Mobilità, si basa sulla visione del territorio regionale come un unico bacino di riferimento e punta ad ottenere una piena integrazione dell offerta attraverso nuove sinergie tra trasporto su gomma, su ferro e mobilità alternativa. Elementi caratterizzanti di questo modello saranno il sistema di Orario Unico Regionale e di Tariffa Unica Regionale. Restano da risolvere le criticità derivanti dai tagli imposti dalle norme nazionali; non ultimo, appunto, anche il rapporto con Trenitalia, soprattutto per quanto attiene il collegamento dell Umbria con i servizi dell Alta Velocità e per garantire il diritto alla mobilità dei lavoratori pendolari. Nel 2012 l azione sarà caratterizzata anche per scelte importanti nell attività di ricostruzione dell area colpita dal sisma del Le risorse messe a disposizione dal Governo nazionale, come è noto, sono del tutto insufficienti per far fronte a danni il cui valore è stimato in circa 352 milioni di euro, ma in ogni caso, grazie anche all intervento specifico sull accisa sulla benzina da autotrazione, che abbiamo già varato, verranno messe in campo risorse per intervenire, già dal 2012, su interventi prioritari. PRESIDENTE. Invito il collega a chiudere. Sono passati trenta minuti. Grazie. Damiano STUFARA (Presidente gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista per la Federazione di Sinistra) Relatore di maggioranza. Vado a chiudere rapidamente, Presidente, sulle politiche welfare. Su welfare e le prestazioni sanitarie i dati mettono in evidenza l elevata qualità dei servizi che questo territorio, questa Regione è stata in grado di assicurare ai cittadini, ma entriamo dentro una fase particolarmente caratterizzata in negativo dalle pesanti restrizioni dei trasferimenti nazionali, tanto sulle politiche di coesione sociale e di non autosufficienza, che soprattutto sulle politiche sanitarie. Su questo, in ambito sanitario nel corso del 2012 verranno rimodulati gli ambiti territoriali di competenza delle aziende sanitarie locali e si ridefinirà anche la mission delle Aziende ospedaliere, anche con l obiettivo di un integrazione maggiore e migliore con l Università degli Studi. Da questo punto di vista la riforma del Sistema Sanitario Regionale rappresenta una delle questioni principali per quello che attiene le scelte che nel 2012 questa Regione e questa maggioranza ritiene di voler e di dover assumere. 14

15 Per le politiche di welfare siamo di fronte ad una riduzione di risorse pari ad oltre 17 milioni di euro nel 2012 rispetto all anno precedente, che già era stato caratterizzato da molti tagli ai trasferimenti nazionali. L impegno che la Regione assume con il Documento Annuale di Programmazione, nonostante le riduzioni e chiudo rapidamente che quei trasferimenti hanno apportato anche alle spese complessive del bilancio, è quello di mantenere inalterato il livello di investimento delle politiche sociali e delle politiche per la non autosufficienza. Taglio ancora, per motivi di tempo, una serie di ulteriori considerazioni e vado a chiudere sul tema dell equità e della crescita. Dal punto di vista politico, ovviamente, questo è un tema fondamentale che coinvolge la materia fiscale. Sono alle ultime parole Presidente, collega Lignani Marchesani. Sono pronto, Presidente, a rinunciare ai minuti che al mio Gruppo apparterrebbero in termini di dibattito. PRESIDENTE. Prego, colleghi. Chiudiamo. Damiano STUFARA (Presidente gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista per la Federazione di Sinistra) Relatore di maggioranza. Mi scuso con l altro Relatore di minoranza, ma appunto mi impegno a recuperare il tempo in questo modo. Dicevo che dal punto di vista politico il tema dell equità sociale coinvolge appunto varie materie: la materia fiscale, la razionalizzazione delle risorse e il ruolo delle politiche pubbliche, con particolare attenzione a quelle di welfare. E ciò rende quanto mai necessaria un operazione congiunta tra Regioni ed Enti locali, così da concordare anche le possibili razionalizzazioni e i risparmi nella spesa pubblica, nell ottica della crescita dell efficienza degli apparati, salvaguardando anche per questa via i livelli e la qualità dei servizi. La Regione è consapevole che i tempi sono difficili e che le sfide a cui saremo chiamati nei prossimi anni sono straordinarie. Per questo chiamo a raccolta le energie migliori del territorio. Una sfida che impone anche di andare oltre i confini dell Umbria, costruendo intese e collaborazioni istituzionali ampie tra le diverse Amministrazioni delle Regioni dell Italia mediana, perché solo mettendo a rete eccellenze, professionalità, competenze e strutture e usufruendo delle opportunità offerte dai Fondi europei, si può salvaguardare la qualità dei servizi e delle prestazioni che caratterizzano questo pezzo d Italia. Portare l Umbria fuori dalla crisi è possibile solo se alle politiche di risanamento sapranno coniugarsi politiche di sviluppo e politiche di equità, la cui efficacia PRESIDENTE. Sta terminando, ha sforato di cinque minuti. Per cortesia, sta terminando. C è sempre stato un momento di cortesia, è una relazione di maggioranza. Per cortesia! Ci sarà la stessa situazione per il collega che interverrà dopo. Prego, collega Stufara. 15

16 Damiano STUFARA (Presidente gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista per la Federazione di Sinistra) Relatore di maggioranza. Portare l Umbria fuori dalla crisi termino in trenta secondi è possibile solo se alle politiche di risanamento sapranno coniugarsi politiche di sviluppo e politiche di equità, la cui efficacia dipenderà anche dalla autorevolezza dell azione del Governo regionale e, dunque, dalla qualità delle condotte dei suoi componenti. Non sfugge che questo difficile percorso passa per decisioni quanto mai urgenti, che devono essere prese anche e soprattutto a livello nazionale ed europeo, come all inizio ho provato a ricordare. Tuttavia, starà anche alla nostra capacità di programmazione saper gettare un ponte verso un futuro necessariamente diverso, non solo rispetto alla stagione politica che abbiamo conosciuto come Seconda Repubblica, ma rispetto a tutta l esperienza del regionalismo d Italia, un esperienza dal grande valore democratico, che può perpetuarsi nella sua funzione fondamentale, quella dell autogoverno delle comunità locali, tornando a guardare direttamente ai bisogni e alle aspettative della nostra cittadinanza in un clima di ritrovata fiducia. In questa capacità di rigenerare l economia e la società regionale rigenerando la politica sta il fulcro delle tanti e difficili sfide che avremo l onere di affrontare e che dovranno vedere il livello tanto il livello del Governo che il Consiglio regionale, nel rispetto dei ruoli che i cittadini ci hanno assegnato, come i principali protagonisti della cura, della cultura e della tutela dell interesse dell Umbria. Grazie. PRESIDENTE. Grazie. Abbiamo sforato di otto minuti la relazione di maggioranza. Capisco il clima, però credo che ci siano sempre stati otto minuti di sforamento nelle relazioni del DAP. Dato che la Presidenza è la stessa, fino a quando resisto e per poco, Consigliere Monni la linea è la stessa; quando ci sarà una persona più democratica di me a fare il Presidente, e non indagato, potrete fare sicuramente le cose che volete. Prego, collega Lignani Marchesani. Gianluca CIRIGNONI (Presidente gruppo consiliare Lega Nord Umbria - Padania). Presidente, chiedo la parola per fatto personale. PRESIDENTE. Non c è il fatto personale. Gianluca CIRIGNONI (Presidente gruppo consiliare Lega Nord Umbria - Padania). Ai sensi dell articolo 61. PRESIDENTE. Non c è il fatto personale. Prego, collega Lignani. Gianluca CIRIGNONI (Presidente gruppo consiliare Lega Nord Umbria - Padania). Io chiedo la parola per fatto personale nei suoi confronti, rispetto alle affermazioni che ha fatto prima. Ha capito, signor Presidente? 16

17 (Intervento fuori microfono del Consigliere Lignani Marchesani: vuole questo senso delle Istituzioni, gli dia la parola! ) PRESIDENTE. No, assolutamente. Se lei non vuole svolgere la relazione, non la svolga. Non c è un fatto personale. Gianluca CIRIGNONI (Presidente gruppo consiliare Lega Nord Umbria - Padania). Mi dia la parola per fatto personale. Io parlo lo stesso. Sennò stacchi il microfono, faccia come le pare. PRESIDENTE. Non do la parola per fatto personale. Il Consiglio è sospeso per dieci minuti. Grazie. La seduta è sospesa alle ore e riprende alle ore Presidenza del Presidente Brega - Consiglieri Segretari Galanello e Bottini PRESIDENTE. Do la parola sull ordine dei lavori al Consigliere Cirignoni. Gianluca CIRIGNONI (Presidente gruppo consiliare Lega Nord Umbria - Padania). Grazie, Presidente. Chiedo la parola perché vorrei chiedere conto a lei rispetto alla battuta che è stata fatta all inizio dei lavori, che riguardava la mia persona, che io ho inteso come uno sberleffo, che è uno sberleffo anche nei confronti di cittadini che, come è stato fatto tante altre volte, fanno una manifestazione pacifica di fronte a un palazzo del potere. Quindi su questo io voglio chiedere conto, anche perché credo che, rispetto anche alla votazione farsa che si è avuta due giorni fa, che ha eletto questo Ufficio di Presidenza che rappresenta solo la maggioranza, credo che non si possa neanche da parte dell opposizione, e neanche da parte di un membro di questa opposizione, tollerare un comportamento del genere, perché queste Istituzioni credo che, rispetto anche a queste parole, a quello che è successo, con un Ufficio di Presidenza che, ripeto, rappresenta solo la maggioranza, stiano scendendo in una brutta china, una china che non ci piace, una china che è antidemocratica. Per questo credo che sia nei miei confronti, perché io rappresento la Lega dentro questa Assemblea, ma poi la Lega al di fuori, in Umbria e anche nel resto del Paese, non la rappresento io, quindi ci sono tanti altri cittadini, militanti che con onestà e con pacificità perorano le loro cause e le loro idee, quindi io credo che nei miei confronti, come membro di questa opposizione, e anche nei confronti di chi era fuori a manifestare con molta tranquillità ed essendo autorizzato, credo che lei mi debba una spiegazione e anche delle scuse. Grazie. 17

18 PRESIDENTE. Io, collega Cirignoni, non intendevo offenderla. Se c è qualcuno che in questi mesi ha avuto offese, sicuramente non è lei. Comunque la volevo informare che questo non è il palazzo del potere; è un palazzo dove c è anche lei, è un palazzo dove, oltre a lei, siamo stati eletti, tutti i Consiglieri, in maniera democratica. Se lei la mia battuta l ha intesa in maniera offensiva, io le chiedo scusa. Lei conosce bene il Presidente, il sottoscritto, che non ha mai offeso nessuno, è sempre stato operoso e attento nei riguardi dei Consiglieri e dei Regolamenti. Questo richiamo, se va fatto al Presidente, da oggi in poi verrà fatto a tutti i colleghi Consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, ricordando che questo non è il palazzo di nessun potere, ma è il palazzo dell Assemblea legislativa, è stata eletta in maniera democratica dai cittadini umbri, sia i Consiglieri di opposizione che i Consiglieri di maggioranza. Dunque da oggi in poi rilevo nei confronti di tutti, visto che ci si richiama tutti al Regolamento, in Aula, fuori dall Aula, nelle Commissioni e quant altro sarà mia cura, fino a quando farò il Presidente, verificare che tutti i Regolamenti vengano rispettati e non ci saranno più deroghe per nessuno. Spero di essere stato chiaro, spero di avere chiarito la mia battuta. Da oggi in poi non ci sarà nessuna deroga per nessuno, maggioranza e opposizione, e eviteremo tante strumentalizzazioni da parte di tutti. La parola al Relatore di minoranza, Consigliere Lignani Marchesani. Vorrei ricordare al Consigliere Lignani Marchesani che io avevo proposto, se voleva fare la sua relazione in presenza della Presidente della Giunta, di sospendere il Consiglio per trenta minuti e di riprenderlo a mezzogiorno. Se lei intende andare avanti ugualmente, questa è una decisione che lascio a lei, perché io l avevo detto prima. Aspetto un suo cenno, Consigliere Lignani Marchesani. Giovanni Andrea LIGNANI MARCHESANI (Popolo della Libertà) Relatore di minoranza. Presidente, intendiamo procedere, anche perché la rappresentatività è tutta da dimostrare. PRESIDENTE. Prego a questo punto anche lei, Consigliere Lignani Marchesani, visto che poc anzi sono stato ripreso Giovanni Andrea LIGNANI MARCHESANI (Popolo della Libertà) Relatore di minoranza. La mia è una valutazione politica che non è sindacabile da lei. PRESIDENTE. Io la richiamo, collega Lignani. Giovanni Andrea LIGNANI MARCHESANI (Popolo della Libertà) Relatore di minoranza. La mia è una valutazione politica che non è da lei sindacabile. 18

19 PRESIDENTE. Prego, collega Lignani. Giovanni Andrea LIGNANI MARCHESANI (Popolo della Libertà) Relatore di minoranza. Poi le aggiungo che, finché vuole il rispetto del Regolamento in Aula e nelle Commissioni, siamo tutti d accordo, anche fuori del palazzo, io la prego... PRESIDENTE. Fuori del palazzo, collega Lignani Prego, collega Lignani. Ha trenta minuti. Giovanni Andrea LIGNANI MARCHESANI (Popolo della Libertà) Relatore di minoranza. La ringrazio. PRESIDENTE. Prego. Giovanni Andrea LIGNANI MARCHESANI (Popolo della Libertà) Relatore di minoranza. E chiaro che il nostro nervosismo, di cui chiediamo scusa alla comunità regionale, è determinato dalla situazione contingente, che voi comprendete essere eccezionale, dentro e fuori dal palazzo. E determinato anche, nella contingenza, dal fatto che il Consigliere Stufara, poco coerente su tante situazioni, non lo dico io, lo dicono i suoi stessi compagni di partito nei blog di Umbria.left, in cui si dice anche che è drammatico che una sinistra che si dice dura e pura debba prendere lezioni di moralità dal centrodestra; aggiungo anche che ho però apprezzato il fatto che si sia voluto tagliare l intervento del Relatore di maggioranza, perché chiaramente bisogna anche dare atto di questo, che la sua relazione, al contrario di quella che ci siamo sorbiti per tanti anni, fatta dagli Uffici, era sicuramente un mix tra una relazione fatta dagli Uffici, e si evinceva nella parte più tecnica, e una relazione di tipo personale, sicuramente marcatamente politica, fatta di prima mano, come si evinceva bene, che la dice anche lunga di come sia spostato l asse di questa Regione. Soprattutto la prima parte, ma anche numerosi interventi all interno della relazione medesima la dicevano lunga, davano un impronta chiara e precisa alla relazione, quindi all indirizzo che si vuole dare a questa Regione. Il Documento Annuale di Programmazione 2012, proposto dalla Giunta regionale con delibera n. 26 del 20 gennaio 2012, dovrebbe rappresentare il principale atto amministrativo che nel corso dell anno viene discusso ed approvato dal Consiglio regionale. Eppure quello di quest anno rappresenta un Documento di svolta, a nostro parere negativo, per la contingenza internazionale, nazionale e soprattutto regionale in cui si inserisce. Potremmo seguire la consueta scaletta di analisi dei vari paragrafi, così come fatto nelle relazioni degli anni scorsi. Preferiamo invece soffermarci sulla situazione 19

20 drammatica in cui la Giunta regionale, aggiungiamo a questo punto anche la maggioranza, visto che questa relazione è stata scritta prima dei fatti dell altro ieri, appaiono più come una torre d avorio completamente estranea ai drammi e alle difficoltà con cui devono confrontarsi le genti umbre. Nonostante il Documento sia in cospicuo ed ulteriore ritardo rispetto alla normativa vigente e anche rispetto agli anni passati, abbiamo di fronte un atto datato, privo di progettualità e quasi tirato via, con una sintesi e una brevità rispetto agli anni passati che, lungi dall essere un concentrato virtuoso, appare come una dichiarazione di impotenza. Le numerose manovre economiche nazionali non giustificano una presentazione dell atto stesso addirittura a fine gennaio, proprio perché in alcune parti si evincono ritardi e contraddizioni. Alcune crisi aziendali esplose violentemente nell ultimo periodo non sono nemmeno citate perché non ci si è presi nemmeno la cura di aggiornare la bozza originaria, segno evidente che le crisi interne alla maggioranza stanno facendo perdere di vista il dovere di amministrare come da mandato elettorale ricevuto. Il Documento dedica ben poche pagine alle politiche europee, alle dinamiche da porre in essere per lo sviluppo del confronto con gli altri livelli istituzionali, per uno sviluppo infrastrutturale sì sostenibile, ma prioritariamente competitivo. Traspare poi una continua ed evidente linea di vittimismo auto-assolutorio tendente a scaricare nei confronti del passato Governo Berlusconi e alle attuali dinamiche poste in essere dal Governo Monti tutte le responsabilità delle attuali criticità umbre. Basterebbe questo per bocciare senza appello il Documento, ma è necessario approfondire almeno tre linee di indirizzo per focalizzare una situazione da cui l Umbria deve provare ad uscire, perché in gioco non c è il futuro di una maggioranza (del quale evidentemente non ci preoccupiamo), ma il destino e la qualità della vita delle nostre comunità, che stanno piombando in un pericoloso sentimento frammisto di rassegnazione e disperazione, che è il preludio esplosivo di enormi tensioni sociali. Il primo parametro da analizzare è il definitivo tramonto dello strumento dell Alleanza per l Umbria, la figlia naturale (non sappiamo quanto legittima) del Patto per lo Sviluppo, da cui si voleva differenziare per evidenziare una discontinuità positiva dall era Lorenzetti, è miseramente naufragato in meri momenti di presentazione di alcune politiche, con concertazioni che evidenziano sempre più gli interessi corporativi delle singole categorie, spinte dalla disperazione della contingenza economica ad un egoismo non condivisibile ma giustificato, con l inesistenza e la mancata convocazione di tavoli territoriali e momenti tematici, che evidenziano in maniera impietosa l incapacità della Giunta regionale ad essere elemento di raccordo e riequilibrio politico tra le parti. Quello che sta provando a fare in qualche modo, invece, il Governo Monti a livello nazionale. Assistiamo al crollo di quell Umbria a rete che se da un lato certifica il fallimento delle politiche territoriali della Giunta Lorenzetti e delle conseguenti pseudo riforme del 2007, dall altro manifesta l impossibilità di creare modelli alternativi di coesione. E qui si passa al secondo parametro, che è quello delle riforme, teoricamente avviato 20

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE Il dibattito nel nostro Paese da tempo rincorre le emergenze istituzionali, economiche,

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli