Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato"

Transcript

1 Trasferimento dei risultati della Ricerca di Sistema La luce della ricerca 22 Marzo 2005 Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato ove Via Rubattino, 54 - Milano Auditorium Ricerca di Sistema Elettrico

2 Il programma L evento I processi di liberalizzazione dei mercati elettrici incrementano l efficienza complessiva del sistema ma generano una complessa struttura organizzativa a causa della nascita di nuovi soggetti, con ruoli e funzioni diverse, spesso in concorrenza tra loro. Tale complessità rende indispensabile per tali soggetti disporre di adeguati strumenti di simulazione, finalizzati sia a prevedere il comportamento futuro del sistema, sotto certe condizioni, sia ad analizzarne in dettaglio il comportamento passato. Mediante tali strumenti: I produttori possono pianificare la loro produzione (e quindi l offerta sul mercato) nel breve/medio termine, tenendo conto del comportamento dei propri competitori, nonché pianificare nuovi investimenti in capacità di generazione nel lungo termine. I grossisti (così come i consumatori più evoluti), possono effettuare previsioni dei prezzi dell energia su diversi orizzonti temporali, sulle quali tarare la propria strategia commerciale. L autorità di regolazione può verificare l impatto dell applicazione di nuove regole, nonché monitorare il funzionamento del mercato, ad esempio al fine di controllare che non vi sia abuso di posizioni dominanti. L operatore di sistema può verificare, anche in prospettiva, l adeguatezza del sistema elettrico a soddisfare la domanda rispettando i previsti standard di sicurezza e di affidabilità. Le autorità politiche possono disporre di maggiori e più affidabili elementi sulla base dei quali definire gli indirizzi di sviluppo dell intero sistema elettrico. È proprio per far fronte a queste nuove esigenze che, nell ambito dei progetti di Ricerca di Sistema ENTRADE ed EXTRA, è stata condotta un intensa attività di ricerca e sviluppo di simulatori del mercato elettrico liberalizzato, che sono stati impiegati per studi di vario tipo sul mercato elettrico italiano. I risultati di tale attività saranno presentati e discussi nel presente convegno. Ulteriori informazioni al sito: La partecipazione è gratuita. Per ragioni organizzative si prega di dare conferma della partecipazione a entro Giovedì 17 Marzo :00 Registrazione 9:30 Apertura lavori A. Ortis AEEG G. Santagostino 9:45 I simulatori del mercato elettrico sviluppati nel contesto della Ricerca di Sistema 10:15 Esempi di simulazioni di scenario di breve e di lungo termine A. Gelmini E. Bompard Politecnico di Torino 11:15 Coffee break 11:30 Tavola Rotonda: Gli strumenti di simulazione nella prospettiva dei diversi attori del mercato elettrico liberalizzato Moderatore: D. Lucarella Partecipano: M. Beccarello AEEG E. Fiorino GRTN G. Aruta GME A. Biancardi Confindustria A. Livrieri Assoelettrica P. Ghislandi AIGET R. Napoli AEIT-GUSEE M. Gallanti 13:00 Buffet M. Benini

3 I simulatori del mercato elettrico sviluppati nel contesto della Ricerca di Sistema Michele Benini Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato Milano, 22 Marzo 2005 Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 1

4 Sommario Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? A chi sono utili i simulatori del mercato elettrico? I simulatori sviluppati nei progetti sul mercato elettrico: Breve Termine Medio Termine Lungo Termine Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 2

5 Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? AEEG MAP MAMB Perché un mercato elettrico liberalizzato: è un sistema strutturalmente complesso è caratterizzato dalla presenza di molti attori che svolgono ruoli e funzioni diverse che rappresentano interessi diversi spesso in competizione tra loro Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 3

6 Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? Perché un mercato elettrico liberalizzato: è l espressione economica di un sistema elettrico ed un sistema elettrico è un sistema tecnicamente complesso occorre modellare sia il lato economico che il lato tecnico Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 4

7 Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? In sintesi,, per dominare la complessità del sistema! Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 5

8 A chi sono utili i simulatori del mercato elettrico? Ai produttori: per pianificare la produzione e la conseguente offerta sul mercato nel breve/medio termine, tenendo conto del comportamento dei propri competitori per pianificare nuovi investimenti in capacità di generazione nel lungo termine Ai grossisti (ed ai consumatori più evoluti): per prevedere i prezzi dell energia su diversi orizzonti temporali, in base a cui tarare la propria strategia commerciale Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 6

9 A chi sono utili i simulatori del mercato elettrico? All autorità di regolazione: per verificare l impatto dell applicazione di nuove regole per monitorare il funzionamento del mercato, ad esempio per controllare che non vi sia abuso di posizioni dominanti All operatore di sistema: per verificare l adeguatezza del sistema a soddisfare la domanda, nel rispetto dei previsti standard di sicurezza e di affidabilità Alle autorità politiche: per disporre di maggiori e più affidabili elementi in base ai quali definire gli indirizzi di sviluppo dell intero sistema elettrico Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 7

10 I progetti sul mercato elettrico ENTRADE Energy trading: modelli e funzionamento dei mercati liberalizzati dell energia periodo fase iniziale della liberalizzazione del mercato elettrico italiano EXTRA Sviluppi del mercato liberalizzato dell energia elettrica in Italia e sua integrazione nel mercato elettrico europeo periodo liberalizzazione in fase avanzata, ma con molte questioni ancora aperte Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 8

11 I simulatori sviluppati nei progetti Simulazioni di BREVE TERMINE (ENTRADE): orizzonte temporale: 1 ora 1 settimana finalizzate in particolare allo studio del comportamento di offerta sul mercato spot da parte di un produttore Simulazioni di MEDIO TERMINE (ENTRADE): orizzonte temporale: 1 anno finalizzate in particolare a studi di scenario (es. analisi whatif, analisi di sensitivity, ecc.) Simulazioni di LUNGO TERMINE (EXTRA): orizzonte temporale: anni finalizzate in particolare allo studio dello sviluppo del parco di produzione e del relativo impatto sul mercato Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 9

12 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Dettaglio di modellazione: Unità termoelettriche: Minimo tecnico e potenza massima Curve quadratiche di consumo di combustibile Costi di accensione Vincoli di flessibilità in accensione / spegnimento Impianti idroelettrici: Topologia delle aste Potenza massima e rendimento in generazione e pompaggio Capacità massime e livelli dei bacini / serbatoi Apporti, sfiori, tempi di corrivazione, ecc. Rete di trasmissione: Modello zonale ad aree interconnesse radialmente Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 10

13 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Simulazione di mercato perfettamente competitivo: produzione offerta ai costi marginali da parte di tutti i competitori, per la copertura di un carico dato obiettivo: minimizzazione dei costi variabili (di combustibile) complessivi, tenendo conto dei vincoli di rete costituisce un benchmark con cui confrontare i risultati dei mercati reali (es. calcolo del PCMI), ben lontani dalla competizione perfetta, in quanto tipicamente oligopolistici Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 11

14 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Studio del comportamento di offerta di un price-maker: il price-maker è in grado di influenzare i prezzi variando la quantità prodotta obiettivo: determinare la risposta ottima alla curva di domanda residua stimata Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 12

15 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Studio del comportamento di offerta di un price-taker: il price-taker, per le sue piccole dimensioni, non può influenzare i prezzi variando la quantità prodotta occorre partire da una previsione del prezzo sull orizzonte temporale considerato obiettivo: determinare la risposta ottima ad un profilo di prezzo imposto sono messe in funzione le unità termoelettriche che consentono di ottenere ricavi superiori ai costi la produzione idroelettrica è concentrata nelle ore a prezzo più alto Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 13

16 Simulazione di mercato di MEDIO TERMINE Dettaglio di modellazione: analogo a quello dei simulatori di breve termine, salvo per gli impianti idroelettrici, modellati mediante equivalenti per ciascuna zona di mercato e ciascuna società Obiettivo: valutazione su un orizzonte annuale dell impatto sui prezzi orari di scenari differenziati ad es. in termini di: andamento della domanda tattiche di offerta dei partecipanti al mercato prezzi dei combustibili producibilità idroelettrica vincoli di trasporto tra zone indisponibilità accidentale e programmata degli impianti Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 14

17 Il simulatore di mercato di MEDIO TERMINE Vincoli Vincoli sulle sulle quote quote di di mercato mercato Prezzi Prezzi dei dei combustibili combustibili e e contratti contratti vincolanti vincolanti Tattiche Tattiche d offerta d offerta scelte scelte dai dai produttori produttori Modulo 1 (unit commitment minimi costi) Ordine di merito economico Costi marginali per zona e società Modulo 2 (generatore offerte per la Borsa) Offerte di vendita Modulo 3 (incrocio domanda-offerta, gestione congestioni interzonali) Prezzi orari zonali di mercato Dispacciamento di borsa Quote di mercato risultanti Domanda Domanda di di energia energia Vincoli Vincoli di di transito transito tra tra aree aree Sistema Parco elettrico produzione Elasticità Elasticità della della domanda domanda Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 15

18 Esempi di risultati di simulazioni di MT Sensitività del prezzo medio rispetto alla variazione del prezzo dei combustibili AREA NORD Pm [Euro/MWh] % 80% 90% 100% 110% 120% Variazione [%] del prezzo del com bustibile rispetto al valore di riferim ento Metano Carbone Olio Gasolio Orimulsion Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 16

19 Esempi di risultati di simulazioni di MT Transiti Nord - CentroNord MW Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini

20 Esempi di risultati di simulazioni di MT 120 Andamento del Prezzo Unico Nazionale /MWh ore Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 18

21 Simulazione di mercato di LUNGO TERMINE Dettaglio di modellazione: a differenza dei simulatori di breve / medio termine: Obiettivo: impianti idroelettrici modellati in maniera aggregata per ciascuna società (potenza massima e produzione mensile) non sono considerati i costi di accensione delle unità termoelettriche non sono modellati i vincoli di trasmissione simulare non solo la competizione in termini di prezzi e quantità ma anche la competizione in termini di investimenti in nuova capacità produttiva per valutare, ad esempio, la disponibilità futura di un sufficiente margine di riserva, l effetto di un capacity payment, ecc. Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 19

22 Simulazione di mercato di LUNGO TERMINE Un simulatore di lungo termine è quindi composto da: Un modello di breve/medio termine, in grado di determinare i risultati del mercato, in termini di quantità vendute dai diversi competitori e di corrispondenti livelli di prezzo Un modello di lungo termine che, basandosi volta per volta sui risultati del modello di breve/medio termine, determina ed implementa le strategie di investimento dei diversi competitori Ciclo LT Ciclo BT/MT Ciclo BT/MT Ciclo BT/MT Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 20

23 I simulatori di lungo termine del progetto EXTRA SPEME (Simulatore per la Previsione dell Evoluzione del Mercato Elettrico): sviluppato prendendo spunto dalla teoria della system dynamics (J.W. Forrester MIT, 1961) individuazione delle relazioni causali / temporali tra le variabili che caratterizzano il sistema e modellazione delle retroazioni positive / negative che ne derivano LRMS (Long Run Market Simulator): sviluppato sulla base della Teoria dei Giochi, modellando il comportamento degli attori del mercato come una sequenza di mosse in un gioco competitivo consente di individuare e studiare possibili equilibrî di mercato raggiungibili sia nel breve / medio che nel lungo termine Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 21

24 Presentazioni seguenti SPEME (Simulatore per la Previsione dell Evoluzione del Mercato Elettrico): Esempi di simulazioni di lungo termine LRMS (Long Run Market Simulator): Esempi di simulazioni di breve / medio termine Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 22

25 Per ulteriori informazioni Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 23

26 LRMS Long Run Market Simulator Prof. Ettore BOMPARD Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato Milano, 22 Marzo 2005 Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 1

27 SOMMARIO Obiettivi Teoria dei giochi Caratteristiche del simulatore Simulatore di breve periodo Rappresentazione della domanda Unit commitment idro e termoelettrico Gioco per la simulazione dell equilibrio Contratti bilaterali e price caps Minima offerta di prezzo Costo evitabile Costi fissi Correzione di fascia Simulazioni del mercato elettrico italiano Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 2

28 OBIETTIVI DEL SIMULATORE Modellare il mercato elettrico italiano con riferimento ad un orizzonte temporale dell ordine di anni. Modellare, in particolare, la variazione della capacità di produzione. Considerare gli aspetti evolutivi del mercato quali variazioni della domanda, dei prezzi dei combustibili o delle regole. Permettere una previsione delle performance del mercato con riferimento sia agli aspetti spiccatamente economici (prezzi, efficienza del mercato, ) che di scenario (composizione del parco di generazione nazionale, autosufficienza energetica, ). Fornire uno strumento utile per la valutazione ex ante delle regole già introdotte e di futura introduzione con possibili analisi di sensitività. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 3

29 TEORIA DEI GIOCHI Fondamenti: Von Neumann e Morgenstern (1944). Equilibrio nei giochi non cooperativi: Nash (1951). Permette la modellazione dell interazione strategica tra giocatori consapevoli del fatto che l utilità ottenuta nel gioco dipende dalle scelte operate dai giocatori avversari. Fornisce modelli per la rappresentazione dei mercati oligopolistici. I giocatori sono razionali nel senso che mirano a massimizzare l utilità che deriva dal gioco. L obiettivo principale nella formalizzazione di un gioco è la modellazione del comportamento dei concorrenti e della loro interazione strategica per la determinazione del punto di equilibrio finale del gioco. L equilibrio è raggiunto quando nessun giocatore ha interesse a modificare la propria mossa se non lo fanno gli altri. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 4

30 CARATTERISTICHE DEL SIMULATORE Simulatore basato sulla teoria dei giochi. Gioco 1 - Clearing del mercato nel breve termine: Mossa: scelta del prezzo offerto sul mercato; Payoff: producer surplus; Modello: Forchheimer e Bertrand, numero di leader arbitrario. Gioco 2 Variazione della capacità di produzione: Mossa: scelta della capacità e della tecnologia da installare; Payoff: valore attuale netto dell investimento. Vincoli di rete non modellati. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 5

31 DATI DI INGRESSO Carico per ogni intervallo con individuazione del tipo e della fascia; Curve di costo, flessibilità, indisponibilità (accidentale e programmata), prezzo dei combustibili, potenza minima e massima degli impianti termoelettrici; Producibilità degli impianti idroelettrici a bacino/serbatoio per ogni periodo; Assorbimento degli impianti idroelettrici di pompaggio per ogni periodo; Importazioni, produzione CIP6 e impianti idroelettrici ad acqua fluente per ogni periodo; Percentuale di contratti bilaterali per ogni intervallo; Price cap; Costi di costruzione e gestione degli impianti termoelettrici. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 6

32 PARAMETRI E INDICI Parametri di merito economici: indici di prezzo (prezzi minimi medi e massimi, volatilità, ); indici di surplus (producer, consumer, social surplus, perdita secca,...) indici di potere di mercato (HHI, Lerner index ). Indici di scenario: indice di adeguatezza del parco nazionale di generazione (rapporto tra la capacità installata e la domanda massima); indice di competitività ( quota della capacità di produzione nazionale con costi di produzione inferiori ad una certa soglia); indici di diversificazione produttiva (percentuali di impianti con emissioni sotto una certa soglia o con una certa tecnologia produttiva); indici di importazione (energia totale importata in rapporto alla produzione nazionale). Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 7

33 SIMULATORE DI BREVE PERIODO La curva di durata equivalente della domanda per ogni periodo viene ottenuta considerando: le importazioni; gli impianti CIP6; l allocazione ottimale dal punto di vista economico dell energia prodotta degli impianti idroelettrici a serbatoio/bacino; l allocazione ottimale dal punto di vista economico dell energia consumata dagli impianti idroelettrici di pompaggio. Lo unit commitment dei gruppi termici viene effettuato definendo un numero arbitrario di flessibilità degli impianti (numero di accensioni e spegnimenti possibili in un tempo assegnato) sulla base di una lista di merito economica. Contratti bilaterali e price caps. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 8

34 CURVA DI DURATA EQUIVALENTE DELLA DOMANDA L P Smax E Smax Vincoli di potenza attivi Vincoli di potenza non attivi Vincoli di potenza non attivi P max T E T L(h*) Vincoli di potenza attivi P pmax E pmax h(t) Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 9

35 UNIT COMMITMENT MINIMA E MASSIMA POTENZA L Periodo 2.Curva di carico dopo l elaborazione festivo 1. Curva di carico originale sabato L wmin L vmin T Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 10

36 UNIT COMMITMENT LISTA DI MERITO 1 P 1 min C 1 Sempre accesi durante il periodo P 2 min P 3 min P 4 min C 2 C 3 C 4 5 P 5 min C 5 P W.E. spenti durante i giorni festivi P W.D. sempre spenti durante il periodo 6 i i+1 : : : : P 6 min P i min : : P i+1 min : : C 6 C i C i+1 : : : : Ordine ascendente con il costo di merito C i j P j+1 min C j j+1 P j+2 min C j+2 j+2 P j+3 min C j+3 : : : : : : Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 11

37 ALGORITMO PER IL GIOCO NEL BREVE PERIODO Definizione della curva di domanda residua per ogni leader (Residual Demand Curve - RDC). Esplorazione, per ogni giocatore identificato come leader, della RDC e definizione del miglior prezzo d offerta per ognuno dei suoi generatori con riferimento alla sua curva aggregata di costo marginale. Instaurazione di un processo iterativo in cui tutti i leader muovono a turno sino a quando un equilibrio di Nash, se esiste, non è raggiunto. Clearing del mercato, sulla base delle offerte di prezzo determinate strategicamente per i leader e assunte pari al prezzo minimo d offerta per le unità delle altre società di produzione, e calcolo dei parametri di merito economici. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 12

38 CONTRATTI BILATERALI Sono pre-assegnati e non entrano a far parte del gioco per la realizzazione del clearing del mercato. Sono definiti con riferimento a ciascun intervallo. La produzione e la domanda soddisfatta con transazioni bilaterali sono escluse dall offerta strategica delle unità e pertanto non vengono considerate al fine del gioco per la definizione dell equilibrio. Ai contratti bilaterali sono allocati i gruppi di produzione meno costosi essendo questa la scelta ottima (almeno in competizione perfetta). Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 13

39 PRICE CAP(S) Massimo valore ammesso per il prezzo offerto dalle società di produzione durante la formulazione strategica delle offerte. Un price-cap può essere definito dall Autorità come strumento normativo che limita il potere di mercato delle società (unico per tutto il mercato). Un price-cap può essere definito implicitamente dalla domanda come prezzo massimo associato con l offerta a prezzo più elevato (unico per tutto il mercato). Un price-cap può essere autonomamente scelto da ogni società di produzione per assicurasi quote di mercato o per evitare interventi correttivi del regolatore (diverso per società di produzione). Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 14

40 PREZZO MINIMO DI OFFERTA DEL PRODUTTORE Nel procedimento iterativo che simula l interazione strategica, ogni singolo giocatore alza il prezzo offerto per la quantità corrispondente alla differenza tra la potenza massima e minima a partire da un prezzo minimo di offerta. Ci sono diverse opzioni per definire il minimo prezzo offerto che tengono conto sia dei costi evitabili che dei costi non evitabili: costi evitabili (nel breve periodo) C V ; costi fissi C F ; correzione di fascia b z ; I costi evitabili possono essere espressi in termini di costo marginale o di costo unitario alla potenza massima. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 15

41 CORRELAZIONE PREZZO FASCIA ORARIA. I prezzi hanno evidenziato nel 2004 una spiccata correlazione con le fasce Il rapporto tra i prezzi medi per fascia ricavati dalla borsa e quello delle tariffe AT non è molto dissimile Nel simulatore si è assunto come fattore correttivo dell offerta per fascia, quello delle tariffe: b 1 b 2 b 3 b Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 16

42 SIMULAZIONE DEL MERCATO ITALIANO Periodo considerato: Aprile 2004 Dicembre Comparazione dei prezzi medi e dei prezzi medi pesati. Impatto di diverse inizializzazioni del gioco in termini di offerta minima. Impatto del gioco sul prezzo di mercato. Opzioni di inizializzazione del prezzo minimo considerate: Costo marginale C m Costo unitario alla potenza massima C u pmax Costo Unitario alla potenza massima + quota costi fissi C F + C u pmax Costo marginale corretto per fascia b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 17

43 PREZZO MINIMO: COSTO MARGINALE - C m Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 18

44 PREZZO MINIMO: COSTO UNITARIO A P max - C u Pmax Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 19

45 PREZZO MINIMO: COSTO UNITARIO P max + COSTI FISSI Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 20

46 PREZZO MINIMO: COSTO MARGINALE PER FASCIA Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 21

47 PREZZI CON DIVERSE OPZIONI PER IL PREZZO MINIMO PREZZO MINIMO DI OFFERTA C m ( /MWh) C u Pmax ( /MWh) C u Pmax +C F ( /MWh) b z C m ( /MWh) Prezzo medio min λ M -λ S max λ M -λ S Deviazione standard Prezzo medio pesato min λ Mw -λ Sw max λ Mw -λ Sw Deviazione standard Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 22

48 PREZZI MEDI PESATI Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa C m C u pmax C F +C u pmax b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 23

49 ANDAMENTO DEI PREZZI - DICEMBRE Prezzi orari di borsa ( /MWh) Borsa C m C u pmax C F +C u pmax b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 24

50 ANDAMENTO DEI PREZZI DICEMBRE Settimana dal 6 al 12 Dicembre 2004 Prezzi orari di borsa ( /MWh) Borsa C m C u pmax C F +C u pmax b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 25

51 CONCLUSIONI La teoria dei giochi è uno strumento utile per simulare l interazione strategica tra i giocatori nel mercato elettrico. Il simulatore basato sulla teoria dei giochi può fornire un riferimento per la valutazione dei risultati (sopratutto in termini di prezzo) del mercato elettrico. I risultati del simulatore non sono in buon accordo con la realtà se si considerano nella formulazione del prezzo minimo di offerta i costi marginali. I risultati del simulatore sono in buon accordo con la realtà se si considerano nella formulazione del prezzo minimo di offerta i costi fissi o la correzione per fascia. L andamento temporale dei prezzi può essere riprodotto con buona approssimazione solo considerando la correzione dell offerta minima con il meccanismo della fascia. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 26

52 SPEME Simulatore per la Previsione dell Evoluzione del Mercato Elettrico Alberto Gelmini Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato Milano, 22 Marzo 2005 Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 1

53 Indice 1. Simulatore SPEME SCENARI SIMULATI Senza Capacity Payment Con Capacity Payment 2. Scenari simulati Minimi costi S_Base CP_Base Bid-Up S_BU CP_BU Politecnico SPEME Confronto Tecnologie Generazione al Risultati e confronti 30 Potenza disponibile (GW) Import CIP6 Rinnov. Altri Carb./Or. Carb. Inn. C.C. Repow. Olio T.G. Idroel. Pomp. Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 2

54 Simulatore SPEME 1 System Dynamics Il mercato elettrico simulato come sistema dinamico le relazioni causali / temporali tra le variabili che caratterizzano il sistema (ritardi, retroazioni, proiezioni in avanti) costituiscono lo schema del modello + Costi Combustibile Dismissioni - Prezzi + Capacità in servizio + Capacità in costruzione Bid-up Capacità attesa Margine di riserva - Dismissioni attese + Richieste di autorizzazione - + Domanda Domanda attesa Costi Comb Decisioni di investimento Prezzi attesi + Margini attesi + Nuove genco Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 3

55 Simulatore SPEME 2 Società di produzione: Condizioni iniziali Increm ento ( /M W h) Livello 1 Livello 2 Livello 3 Strategia d offerta Propensione verso nuovi investimenti Possibilità di costruzione nuovi impianti Margine termico (%) Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 4

56 Simulatore SPEME 3 Pianificazione degli investimenti: L obiettivo è il ritorno economico dell investimento (TIR) Limiti sui possibili investimenti (tecnologia, combustibile, società) Parco di generazione Parco termico dettagliato per singola unità di produzione o centrale Potenza massima e minima, curva di consumo, combustibile utilizzato, flessibilità, disponibilità, Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 5

57 Simulatore SPEME 4 Dispacciamento delle unità di produzione: Prezzi d offerta = costi variabili + bid up Bid up funzione del margine di potenza e della GenCo Modello Peak Shaving per l idroelettrico Curva di durata /MWh CS(P) Ore Turbogas CS(Pmax)+Bid Up CS(Pmax) P Min P Max MWh Ore Idro Serb. Ore Residue 3 4 Ore Pomp Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 6

58 Simulatore SPEME 5 Modellazione della domanda Incrementi percentuali annui previsti Elasticità della domanda ai prezzi nel medio termine Modello Capacity Payment Asta anticipata di tre anni Remunerazione di: costi d investimento e O&M minimi (TG) costi O&M massimi Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 7

59 Scenari simulati 1 Condizioni iniziali ANNO 2002: Fabbisogno TWh picco in Dicembre di GW Capacità installata 66.5 GW Parco termoelettrico iniziale 33.5 GW (esclusi CIP6) Produzione idroelettrica valore intermedio ultimi anni Idro fluente 13.4 TWh Idro serbatoio 31.3 TWh consumo pompaggio (-) 8.3 TWh generazione impianti pompaggio 5.9 TWh Carico contendibile = Fabbisogno CIP6 Import Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 8

60 Scenari simulati 2 Crescita domanda: Alta +2.9% primi dieci anni +2.1% anni successivi Bassa +2.5% primi dieci anni +1.8 % anni successivi Combustibili Prezzi 2002 utilizzati da AEEG per Ct Combustibile Metano Gasolio Nafta Carbone Orimulsion Prezzo /GJ Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 9

61 Scenari simulati 3 Tipologie dei nuovi impianti Tecnologia Taglia [MW] Rendimento Costo Invest. [ /kw] Costo O&M [ /kw/ mese] Tempo di costruzione Ciclo combinato % anni Ciclo combinato avanzato % anni Turbogas % anni Tradizionale a carbone % anni Supercritico a carbone % anni Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 10

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

La tentazione delle pianificazione Qual è la terapia necessaria per il mercato?

La tentazione delle pianificazione Qual è la terapia necessaria per il mercato? La tentazione delle pianificazione Qual è la terapia necessaria per il mercato? Next Wave Trading Milano, 31 Ottobre 2013 Tommaso Barbetti Partner elemens Stadio 0 rinnovabili Domanda Impianti di picco:

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

La rete elettrica nazionale: generalità e gestione. Roma, 24 marzo 2010

La rete elettrica nazionale: generalità e gestione. Roma, 24 marzo 2010 La rete elettrica nazionale: generalità e gestione Roma, 24 marzo 2010 Indice sistema elettrico nazionale mercato elettrico fonti rinnovabili nel sistema elettrico 2 Sistema Elettrico Nazionale 3 Sistema

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

Impianti di produzione dell energia elettrica

Impianti di produzione dell energia elettrica Impianti di produzione dell energia elettrica Alberto Berizzi Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Milano e-mail: alberto.berizzi@polimi.it Energia e lavoro Lavoro è l atto di produrre un cambiamento

Dettagli

INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO

INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO Metodi e modelli per l'analisi degli equilibri strategici nei mercati elettrici competitivi INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO (Ettore Bompard, Elena Ragazzi, Roberto Levet) Prof. Elena RAGAZZI

Dettagli

100% Rinnovabili nel 2050: il ruolo del fotovoltaico Giuseppe Sofia, Amministratore Delegato Conergy Italia SpA

100% Rinnovabili nel 2050: il ruolo del fotovoltaico Giuseppe Sofia, Amministratore Delegato Conergy Italia SpA 100% Rinnovabili nel 2050: il ruolo del fotovoltaico Giuseppe Sofia, Amministratore Delegato Conergy Italia SpA Convegno 100% Rinnovabili La sfida per le energie verdi entro il 2050 Roma, 16 febbraio 2011

Dettagli

Politiche pubbliche, disegno dei mercati, regolamentazione: I nuovi temi posti dalle rinnovabili

Politiche pubbliche, disegno dei mercati, regolamentazione: I nuovi temi posti dalle rinnovabili Workshop Iefe OIR Le rinnovabili tra crisi economica e nuovi modelli di business Politiche pubbliche, disegno dei mercati, regolamentazione: I nuovi temi posti dalle rinnovabili Michele Polo (eni Chair

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

Un simulatore del mercato elettrico per la modellazione del comportamento strategico degli operatori

Un simulatore del mercato elettrico per la modellazione del comportamento strategico degli operatori Un simulatore del mercato elettrico per la modellazione del comportamento strategico degli operatori Dicembre 2006 Progetto RdS Governo del Sistema Elettrico Rapporto ESE Economia dei Sistemi Elettrici

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Fabio Leoncini - Presidente Il Trader nel panorama energetico italiano 5 dicembre 2000 - Università Bocconi Agenda... Il ruolo del trader nel panorama

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA?

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? Che l energia elettrica sia in Italia mediamente più costosa rispetto al resto d Europa, è ancora una volta confermato da un recente rapporto EUROSTAT.

Dettagli

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari Fulvio Conti Direttore Amministrazione Finanza e Controllo, ENEL Milano, 24 Febbraio 2003 Contenuti Situazione

Dettagli

ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY. info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G Y

ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY. info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G Y ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY STUDIO E S.r.l. - via Gorizia n. 107-47100 FORLI (FC) telefono: 0543-795555 fax: 0543-795523 web: www.studioe.biz e-mail: e info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G

Dettagli

La partecipazione della domanda in borsa

La partecipazione della domanda in borsa La partecipazione della domanda in borsa ref. - Osservatorio Energia 31/01/05 La nuova fase di borsa Dal luglio 2004 tutti i clienti non domestici sono idonei Dal gennaio 2005 la domanda può partecipare

Dettagli

La riforma del Mercato Elettrico

La riforma del Mercato Elettrico Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma del Mercato Elettrico Tullio Fanelli, Alessandro Ortis, Stefano Saglia, Federico Testa ABSTRACT Il rapido incremento di impianti da fonti rinnovabili non programmabili

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002 Indice Alcune implicazioni della

Dettagli

Impatto della struttura del NAP 2008-2012 sui prezzi dell energia elettrica. Proposta metodologica per ridurre gli oneri a carico dei consumatori.

Impatto della struttura del NAP 2008-2012 sui prezzi dell energia elettrica. Proposta metodologica per ridurre gli oneri a carico dei consumatori. Impatto della struttura del NAP 2008-2012 sui prezzi dell energia elettrica. Proposta metodologica per ridurre gli oneri a carico dei consumatori. F. Santi, Nota Sintetica del 22-11-2006 Lo studio elaborato

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE DELL ENERGIA ELETTRICA 9 Febbraio 2005 Resoconto dell attività di indagine compilato da: Direzione energia elettrica, con il supporto

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

Confronto con scenari del sistema energetico nazionale Il modello MONET

Confronto con scenari del sistema energetico nazionale Il modello MONET Convegno World Energy Outlook Conseguenze sulla politica energetica nazionale 18 Giugno 2013 Politecnico di Milano Confronto con scenari del sistema energetico nazionale Il modello MONET Massimo Gallanti

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Il mercato elettrico retail

Il mercato elettrico retail Il mercato elettrico retail Autorità per l energia elettrica e il gas Valeria Contin DIREZIONE MERCATI 10 marzo 2010 Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, Direzione Mercati 1 Indice Assetto mercato

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

PV Market Parity Modelli di business alla luce delle variabili di mercato

PV Market Parity Modelli di business alla luce delle variabili di mercato PV Market Parity Modelli di business alla luce delle variabili di mercato Next Wave PV Milano 22 Maggio 2013 Andrea Marchisio Mercato & business model: nuove logiche di sviluppo pipeline Strategia di sviluppo

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas. tra Crisi ed Opportunità

Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas. tra Crisi ed Opportunità Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas tra Crisi ed Opportunità 1 Obiettivi L intervento si propone come obiettivo quello di effettuare una panoramica

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani.

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani. La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal decreto Bersani La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani. Risultati raggiunti e agenda futura Rapporto finale

Dettagli

Meccanismo aste al ribasso nella promozione RES Esperienze internazionali e suggerimenti per Italia

Meccanismo aste al ribasso nella promozione RES Esperienze internazionali e suggerimenti per Italia Meccanismo aste al ribasso nella promozione RES Esperienze internazionali e suggerimenti per Italia Annalisa D Orazio IEFE-Università Bocconi, 4 febbraio 2011 Outline 1. Le origini e le finalità del meccanismo

Dettagli

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità

Dettagli

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano La liberalizzazione del mercato elettrico italiano 21 gennaio 2013 1 La riforma del sistema elettrico nazionale 1.1 Generalità La riforma del sistema elettrico nazionale, è stata realizzata sulla base

Dettagli

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Francesco Forte Responsabile Power Trading and Portfolio Management Consorzio Utilities Ravenna (www.curaenergy.it) 2 Sommario 1. Il mercato

Dettagli

82_CE-Abuso di posizione dominante (esito: Accettazione impegni)

82_CE-Abuso di posizione dominante (esito: Accettazione impegni) Provvedimento A366 - COMPORTAMENTI RESTRITTIVI SULLA BORSA ELETTRICA DATI GENERALI tipo Chiusura istruttoria numero 16250 data 20/12/2006 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 49/2006 82_CE-Abuso di posizione dominante

Dettagli

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA Il servizio di dispacciamento è regolato dall Autorità per l energia elettrica e il gas Il mercato elettrico gestisce sia l energia elettrica sia il servizio

Dettagli

RIDEFINIZIONE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA FINO A 1 MW ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

RIDEFINIZIONE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA FINO A 1 MW ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 486/2013/R/EFR RIDEFINIZIONE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA FINO A 1 MW ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Centralizzazione dell energia elettrica,reti elettriche e tariffe elettriche

Dettagli

Mercato elettrico e fonti rinnovabili La crisi del sistema dei prezzi marginali?

Mercato elettrico e fonti rinnovabili La crisi del sistema dei prezzi marginali? Mercato elettrico e fonti rinnovabili La crisi del sistema dei prezzi marginali? Next Wave Trading Milano, 31 Ottobre 2013 Andrea Marchisio Partner elemens La Capital Intensity per le principali fonti

Dettagli

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014 SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI Agenda Mercato Gas Naturale Mercato Energia Elettrica Costi energetici delle fonderie Sviluppo normativi Mercato Gas Naturale Quotazione Day-Ahead 37,00 35,00 33,00 31,00

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 Agenda Analisi e presentazione di un modello di Borsa Gas

Dettagli

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA Dr. Maurizio SARECCHIA SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL SETTORE L Acquirente Unico (AU): Acquista energia per i clienti vincolati Acquista prodotti

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana Torelli Anno Accademico

Dettagli

Sebbene l intensità energetica dei paesi industrializzati manifesti da anni un trend decrescente altrettanto non si può dire per

Sebbene l intensità energetica dei paesi industrializzati manifesti da anni un trend decrescente altrettanto non si può dire per Criticità del sistema elettrico italiano Giulia Dramis Pier Francesco Graziani Gianna Greca Valeria Losacco Fernanda Panvini Marco Preziosa Abstract: L esercizio in sicurezza del sistema elettrico deve

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

seminario introduttivo

seminario introduttivo Percorso di eccellenza in Energy Management seminario introduttivo Giuseppe Gatti Castellanza 22 settembre 2009 Agenda 2 La costruzione degli scenari energetici La domanda I prezzi Tecnologie e combustibili

Dettagli

Il GSE presenta il Rapporto 2007

Il GSE presenta il Rapporto 2007 Il GSE presenta il Rapporto 2007 Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Nuove opportunità per l utilizzo razionale dell energia attraverso le ESCO Rimini 22 settembre 2005 ING. RICCARDO TENTI A&B-Ambientebenessere

Dettagli

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi Il Piano energetico regionale della Regione Sicilia Una rassegna delle politiche regionali in materia di efficienza energetica (estratto da RAEE 2010 - Rapporto annuale sull efficienza energetica, ENEA,

Dettagli

Dal libero mercato energia elettrica e gas per le imprese. L energia acquistala all origine

Dal libero mercato energia elettrica e gas per le imprese. L energia acquistala all origine Dal libero mercato energia elettrica e gas per le imprese L energia acquistala all origine C.U.RA. acquista energia all ingrosso direttamente dai produttori, per farvi ottenere il prezzo più conveniente

Dettagli

Domanda di Energia & Parco Elettrico in Italia

Domanda di Energia & Parco Elettrico in Italia Domanda di Energia & Parco Elettrico in Italia Verdiana Ambrosi Valentina Lugano Francesca Vendrame Alessandro Zitani Pierluigi Ameno Michele Margarone Claudio Piccinelli Gerald Rosmann Parte I: DOMANDA

Dettagli

CONCORRENZA E REGOLAZIONE NEI SETTORI ENERGETICI STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO

CONCORRENZA E REGOLAZIONE NEI SETTORI ENERGETICI STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Sezione 2 CONCORRENZA E REGOLAZIONE NEI SETTORI ENERGETICI STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE DEL GAS NATURALE OBBLIGHI DI SERVIZIO

Dettagli

Pianificazione ed Ottimizzazione dei consumi energetici nell Industria. ifs Italia

Pianificazione ed Ottimizzazione dei consumi energetici nell Industria. ifs Italia Pianificazione ed Ottimizzazione dei consumi energetici nell Industria ifs Italia 1 L azienda: i Partner storici e le referenze Fondata nel 1996 su iniziativa ifs GmbH (gruppo RWE) Solution Provider per

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

Introduzione a PowerSchedO

Introduzione a PowerSchedO Il sistema di supporto alle tue decisioni Introduzione a PowerSchedO White paper Per maggiori informazioni http://www.powerschedo.it http://www.mbigroup.it PowerSchedO è un marchio registrato MBI. Questo

Dettagli

Allegato A. Zone. Competenza: TERNA Accesso: TERNA, GME e GSE

Allegato A. Zone. Competenza: TERNA Accesso: TERNA, GME e GSE Il presente Allegato A descrive gli elenchi di dati per il monitoraggio che GME è tenuto ad acquisire ed archiviare nel data warehouse di cui al comma 3.4 della presente delibera e a condividerli con l

Dettagli

LookOut. Rinnovabili elettriche

LookOut. Rinnovabili elettriche LookOut Rinnovabili elettriche Q3-2014 elemens Mercati SOMMARIO SOMMARIO... 2 ELENCO DI FIGURE, TABELLE E GRAFICI... 4 EXECUTIVE SUMMARY... 7 1. PANORAMICA DI SETTORE... 11 1.1 Dati ufficiali finalmente

Dettagli

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori I Parte Vanna Gualandi vanna.gualandi@terna.it AGENDA Un excursus sull assetto del settore elettrico Gli organi di supervisione del settore elettrico Il

Dettagli

Il mercato elettrico italiano: organizzazione, trend storici e prospettive

Il mercato elettrico italiano: organizzazione, trend storici e prospettive Il mercato elettrico italiano: organizzazione, trend storici e prospettive Pavia, 8 giugno 2015 Virginia Canazza Obiettivi Trasferire alcune nozioni di base sull organizzazione attuale del mercato elettrico

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato Economia Politica Lezioni 12-16 Le forme di mercato Frank: Capitolo 11 (par. 1-9) Capitolo 12 (par. 1-9) Capitolo 13 (par 1-3; Appendice 13.2) Per esercitarsi: Capitolo 11: Domande 1,2,4,7-10, 12; Problemi

Dettagli

1.1 MERCATO ELETTRICO

1.1 MERCATO ELETTRICO 1. IL MERCATO LIBERALIZZATO DELL ENERGIA E LA COGENERAZIONE Negli ultimi anni il settore elettrico e il settore del gas naturale sono stati caratterizzati da una forte evoluzione a seguito dell attuazione

Dettagli

Via col vento Confronto tra i modelli di sviluppo dei Paesi leader

Via col vento Confronto tra i modelli di sviluppo dei Paesi leader Via col vento Confronto tra i modelli di sviluppo dei Paesi leader A cura di A cura di: Adolfo Nome Araneo Cognome Daniela - Nome Bartoli Cognome Anton - Nome Giulio Cognome Elia Francesca - Nome Cognome

Dettagli

Metodologie innovative per valutare la risposta della generazione allo sviluppo della rete di trasmissione nei sistemi elettrici competitivi

Metodologie innovative per valutare la risposta della generazione allo sviluppo della rete di trasmissione nei sistemi elettrici competitivi Metodologie innovative per valutare la risposta della generazione allo sviluppo della rete di trasmissione nei sistemi elettrici competitivi Dicembre 26 Progetto RdS Governo del Sistema Elettrico Rapporto

Dettagli

3) MODELLARE LA BORSA ELETTRICA ALL INTERNO DELLA TEORIA DELLE ASTE

3) MODELLARE LA BORSA ELETTRICA ALL INTERNO DELLA TEORIA DELLE ASTE 1) INTRODUZIONE 2) IL MERCATO ELETTRICO 2a) Nascita e linee guida 2b) Figure principali 2c) Organizzazione e funzioni del mercato elettrico 2d) Descrizione del mercato 2e) La disciplina e le condizioni

Dettagli

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione Alberto Biancardi 1 Sommario Lo scenario energetico italiano: l assetto attuale I driver del cambiamento Il nuovo assetto 2 Lo scenario energetico italiano

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Clara Poletti IEFE Università Bocconi Assemblea annuale Assoelettrica 4 maggio 2011 Obiettivo

Dettagli

Analisi delle Curve di offerta della Borsa del Mercato Elettrico

Analisi delle Curve di offerta della Borsa del Mercato Elettrico Analisi delle Curve di offerta della Borsa del Mercato Elettrico di Lucia Passamonti*, Stefano Caruggi*, Roberta Turra, Giorgio Pedrazzi *Autorità per l Energia Elettrica e il Gas In collaboration with

Dettagli

Laura Conti Montana SpA Energia pulita a km 0 in Sicilia: un caso di possibile investimento industriale

Laura Conti Montana SpA Energia pulita a km 0 in Sicilia: un caso di possibile investimento industriale Laura Conti Montana SpA Energia pulita a km 0 in Sicilia: un caso di possibile investimento industriale Agenda TEMI L insediamento produttivo: inquadramento, Specificità, Consumi elettrici, Elementi di

Dettagli

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL Atto n. 33/06 ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL DISPACCIAMENTO DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE CIP 6/92 Documento per la consultazione 5 dicembre 2006 1 Premessa Ai sensi della vigente normativa,

Dettagli

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 (Attuazione delle disposizioni di cui all articolo articolo 6 del regolamento (CE)

Dettagli

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Milano, 28-02-06 www.kyototarget.org Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144

Dettagli

"La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti"

La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti In collaborazione con la Commissione Finanza e Controllo di Gestione Ciclo di Incontri Finanza e gestione per le imprese lombarde degli anni 10 Terzo Seminario ENERGIA E SOSTEGNO FINANZIARIO AGLI INVESTIMENTI

Dettagli

#1y15: gennaio dicembre 2014

#1y15: gennaio dicembre 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y15: gennaio dicembre 2014 Nel 2014 i dati del settore elettrico nazionale evidenziano una contrazione della produzione

Dettagli

GAUDI. Gli adempimenti degli Operatori Elettrici per la Gestione dell Anagrafica Unica Degli Impianti

GAUDI. Gli adempimenti degli Operatori Elettrici per la Gestione dell Anagrafica Unica Degli Impianti GAUDI Gli adempimenti degli Operatori Elettrici per la Gestione dell Anagrafica Unica Degli Impianti GAUDI è il sistema di Gestione Anagrafica Unica Degli Impianti di Produzione Consente di seguire e monitorare

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Matteo Giannì Unità Studi e Statistiche - 1 - GSE: monitoraggio e informazione Attività di monitoraggio previste dalla normativa assegnate al GSE

Dettagli

Market Coupling: impatto ed opportunità per il sistema elettrico nazionale

Market Coupling: impatto ed opportunità per il sistema elettrico nazionale Market Coupling: impatto ed opportunità per il sistema elettrico nazionale Virginia Canazza Roma, 26 novembre 2014 Indice L integrazione italiana nel Market Coupling Europeo lo stato di avanzamento le

Dettagli

Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030

Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030 Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030 Milano 2 Luglio 2010 Michele Benini Tipologie di veicoli elettrici considerate Si intende valutare l impatto

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo maggio 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell'energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell'energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell'energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato Roma,

Dettagli

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Gianfilippo Mancini Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia Convegno Assocarboni 28 marzo 2014 Evoluzione domanda e parco Italia

Dettagli

Il sistema elettrico spagnolo

Il sistema elettrico spagnolo Il sistema elettrico spagnolo Struttura e procedure di gestione Marco Cecchini Hammou Chick Salah Alfredo Pastor Tella 1. Introduzione L Electric Power Act, entrato in vigore nel gennaio 98 e preceduto

Dettagli

Strategie di gestione del rischio CO2

Strategie di gestione del rischio CO2 Strategie di gestione del rischio CO2 Ester Benigni Responsabile Portfolio Management AEM Trading società del Gruppo A2A Milano, 3 aprile 2008 1 Nascita di un nuovo player 1 gennaio 2008 AZIONISTI COMUNE

Dettagli

4. Il mercato elettrico

4. Il mercato elettrico Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Nel mercato del giorno prima avente per oggetto la contrattazione d energia tramite offerte di vendita ed acquisto.

Dettagli

Il rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica di Pia Saraceno

Il rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica di Pia Saraceno ENERGIA ELETTRICA 2013 Il rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica di Pia Saraceno Gruppo di lavoro: Giulia Ardito, Sergio Ascari, Roberto

Dettagli