Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato"

Transcript

1 Trasferimento dei risultati della Ricerca di Sistema La luce della ricerca 22 Marzo 2005 Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato ove Via Rubattino, 54 - Milano Auditorium Ricerca di Sistema Elettrico

2 Il programma L evento I processi di liberalizzazione dei mercati elettrici incrementano l efficienza complessiva del sistema ma generano una complessa struttura organizzativa a causa della nascita di nuovi soggetti, con ruoli e funzioni diverse, spesso in concorrenza tra loro. Tale complessità rende indispensabile per tali soggetti disporre di adeguati strumenti di simulazione, finalizzati sia a prevedere il comportamento futuro del sistema, sotto certe condizioni, sia ad analizzarne in dettaglio il comportamento passato. Mediante tali strumenti: I produttori possono pianificare la loro produzione (e quindi l offerta sul mercato) nel breve/medio termine, tenendo conto del comportamento dei propri competitori, nonché pianificare nuovi investimenti in capacità di generazione nel lungo termine. I grossisti (così come i consumatori più evoluti), possono effettuare previsioni dei prezzi dell energia su diversi orizzonti temporali, sulle quali tarare la propria strategia commerciale. L autorità di regolazione può verificare l impatto dell applicazione di nuove regole, nonché monitorare il funzionamento del mercato, ad esempio al fine di controllare che non vi sia abuso di posizioni dominanti. L operatore di sistema può verificare, anche in prospettiva, l adeguatezza del sistema elettrico a soddisfare la domanda rispettando i previsti standard di sicurezza e di affidabilità. Le autorità politiche possono disporre di maggiori e più affidabili elementi sulla base dei quali definire gli indirizzi di sviluppo dell intero sistema elettrico. È proprio per far fronte a queste nuove esigenze che, nell ambito dei progetti di Ricerca di Sistema ENTRADE ed EXTRA, è stata condotta un intensa attività di ricerca e sviluppo di simulatori del mercato elettrico liberalizzato, che sono stati impiegati per studi di vario tipo sul mercato elettrico italiano. I risultati di tale attività saranno presentati e discussi nel presente convegno. Ulteriori informazioni al sito: La partecipazione è gratuita. Per ragioni organizzative si prega di dare conferma della partecipazione a entro Giovedì 17 Marzo :00 Registrazione 9:30 Apertura lavori A. Ortis AEEG G. Santagostino 9:45 I simulatori del mercato elettrico sviluppati nel contesto della Ricerca di Sistema 10:15 Esempi di simulazioni di scenario di breve e di lungo termine A. Gelmini E. Bompard Politecnico di Torino 11:15 Coffee break 11:30 Tavola Rotonda: Gli strumenti di simulazione nella prospettiva dei diversi attori del mercato elettrico liberalizzato Moderatore: D. Lucarella Partecipano: M. Beccarello AEEG E. Fiorino GRTN G. Aruta GME A. Biancardi Confindustria A. Livrieri Assoelettrica P. Ghislandi AIGET R. Napoli AEIT-GUSEE M. Gallanti 13:00 Buffet M. Benini

3 I simulatori del mercato elettrico sviluppati nel contesto della Ricerca di Sistema Michele Benini Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato Milano, 22 Marzo 2005 Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 1

4 Sommario Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? A chi sono utili i simulatori del mercato elettrico? I simulatori sviluppati nei progetti sul mercato elettrico: Breve Termine Medio Termine Lungo Termine Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 2

5 Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? AEEG MAP MAMB Perché un mercato elettrico liberalizzato: è un sistema strutturalmente complesso è caratterizzato dalla presenza di molti attori che svolgono ruoli e funzioni diverse che rappresentano interessi diversi spesso in competizione tra loro Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 3

6 Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? Perché un mercato elettrico liberalizzato: è l espressione economica di un sistema elettrico ed un sistema elettrico è un sistema tecnicamente complesso occorre modellare sia il lato economico che il lato tecnico Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 4

7 Perché sono utili i simulatori del mercato elettrico? In sintesi,, per dominare la complessità del sistema! Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 5

8 A chi sono utili i simulatori del mercato elettrico? Ai produttori: per pianificare la produzione e la conseguente offerta sul mercato nel breve/medio termine, tenendo conto del comportamento dei propri competitori per pianificare nuovi investimenti in capacità di generazione nel lungo termine Ai grossisti (ed ai consumatori più evoluti): per prevedere i prezzi dell energia su diversi orizzonti temporali, in base a cui tarare la propria strategia commerciale Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 6

9 A chi sono utili i simulatori del mercato elettrico? All autorità di regolazione: per verificare l impatto dell applicazione di nuove regole per monitorare il funzionamento del mercato, ad esempio per controllare che non vi sia abuso di posizioni dominanti All operatore di sistema: per verificare l adeguatezza del sistema a soddisfare la domanda, nel rispetto dei previsti standard di sicurezza e di affidabilità Alle autorità politiche: per disporre di maggiori e più affidabili elementi in base ai quali definire gli indirizzi di sviluppo dell intero sistema elettrico Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 7

10 I progetti sul mercato elettrico ENTRADE Energy trading: modelli e funzionamento dei mercati liberalizzati dell energia periodo fase iniziale della liberalizzazione del mercato elettrico italiano EXTRA Sviluppi del mercato liberalizzato dell energia elettrica in Italia e sua integrazione nel mercato elettrico europeo periodo liberalizzazione in fase avanzata, ma con molte questioni ancora aperte Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 8

11 I simulatori sviluppati nei progetti Simulazioni di BREVE TERMINE (ENTRADE): orizzonte temporale: 1 ora 1 settimana finalizzate in particolare allo studio del comportamento di offerta sul mercato spot da parte di un produttore Simulazioni di MEDIO TERMINE (ENTRADE): orizzonte temporale: 1 anno finalizzate in particolare a studi di scenario (es. analisi whatif, analisi di sensitivity, ecc.) Simulazioni di LUNGO TERMINE (EXTRA): orizzonte temporale: anni finalizzate in particolare allo studio dello sviluppo del parco di produzione e del relativo impatto sul mercato Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 9

12 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Dettaglio di modellazione: Unità termoelettriche: Minimo tecnico e potenza massima Curve quadratiche di consumo di combustibile Costi di accensione Vincoli di flessibilità in accensione / spegnimento Impianti idroelettrici: Topologia delle aste Potenza massima e rendimento in generazione e pompaggio Capacità massime e livelli dei bacini / serbatoi Apporti, sfiori, tempi di corrivazione, ecc. Rete di trasmissione: Modello zonale ad aree interconnesse radialmente Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 10

13 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Simulazione di mercato perfettamente competitivo: produzione offerta ai costi marginali da parte di tutti i competitori, per la copertura di un carico dato obiettivo: minimizzazione dei costi variabili (di combustibile) complessivi, tenendo conto dei vincoli di rete costituisce un benchmark con cui confrontare i risultati dei mercati reali (es. calcolo del PCMI), ben lontani dalla competizione perfetta, in quanto tipicamente oligopolistici Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 11

14 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Studio del comportamento di offerta di un price-maker: il price-maker è in grado di influenzare i prezzi variando la quantità prodotta obiettivo: determinare la risposta ottima alla curva di domanda residua stimata Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 12

15 Simulazione di mercato di BREVE TERMINE Studio del comportamento di offerta di un price-taker: il price-taker, per le sue piccole dimensioni, non può influenzare i prezzi variando la quantità prodotta occorre partire da una previsione del prezzo sull orizzonte temporale considerato obiettivo: determinare la risposta ottima ad un profilo di prezzo imposto sono messe in funzione le unità termoelettriche che consentono di ottenere ricavi superiori ai costi la produzione idroelettrica è concentrata nelle ore a prezzo più alto Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 13

16 Simulazione di mercato di MEDIO TERMINE Dettaglio di modellazione: analogo a quello dei simulatori di breve termine, salvo per gli impianti idroelettrici, modellati mediante equivalenti per ciascuna zona di mercato e ciascuna società Obiettivo: valutazione su un orizzonte annuale dell impatto sui prezzi orari di scenari differenziati ad es. in termini di: andamento della domanda tattiche di offerta dei partecipanti al mercato prezzi dei combustibili producibilità idroelettrica vincoli di trasporto tra zone indisponibilità accidentale e programmata degli impianti Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 14

17 Il simulatore di mercato di MEDIO TERMINE Vincoli Vincoli sulle sulle quote quote di di mercato mercato Prezzi Prezzi dei dei combustibili combustibili e e contratti contratti vincolanti vincolanti Tattiche Tattiche d offerta d offerta scelte scelte dai dai produttori produttori Modulo 1 (unit commitment minimi costi) Ordine di merito economico Costi marginali per zona e società Modulo 2 (generatore offerte per la Borsa) Offerte di vendita Modulo 3 (incrocio domanda-offerta, gestione congestioni interzonali) Prezzi orari zonali di mercato Dispacciamento di borsa Quote di mercato risultanti Domanda Domanda di di energia energia Vincoli Vincoli di di transito transito tra tra aree aree Sistema Parco elettrico produzione Elasticità Elasticità della della domanda domanda Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 15

18 Esempi di risultati di simulazioni di MT Sensitività del prezzo medio rispetto alla variazione del prezzo dei combustibili AREA NORD Pm [Euro/MWh] % 80% 90% 100% 110% 120% Variazione [%] del prezzo del com bustibile rispetto al valore di riferim ento Metano Carbone Olio Gasolio Orimulsion Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 16

19 Esempi di risultati di simulazioni di MT Transiti Nord - CentroNord MW Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini

20 Esempi di risultati di simulazioni di MT 120 Andamento del Prezzo Unico Nazionale /MWh ore Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 18

21 Simulazione di mercato di LUNGO TERMINE Dettaglio di modellazione: a differenza dei simulatori di breve / medio termine: Obiettivo: impianti idroelettrici modellati in maniera aggregata per ciascuna società (potenza massima e produzione mensile) non sono considerati i costi di accensione delle unità termoelettriche non sono modellati i vincoli di trasmissione simulare non solo la competizione in termini di prezzi e quantità ma anche la competizione in termini di investimenti in nuova capacità produttiva per valutare, ad esempio, la disponibilità futura di un sufficiente margine di riserva, l effetto di un capacity payment, ecc. Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 19

22 Simulazione di mercato di LUNGO TERMINE Un simulatore di lungo termine è quindi composto da: Un modello di breve/medio termine, in grado di determinare i risultati del mercato, in termini di quantità vendute dai diversi competitori e di corrispondenti livelli di prezzo Un modello di lungo termine che, basandosi volta per volta sui risultati del modello di breve/medio termine, determina ed implementa le strategie di investimento dei diversi competitori Ciclo LT Ciclo BT/MT Ciclo BT/MT Ciclo BT/MT Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 20

23 I simulatori di lungo termine del progetto EXTRA SPEME (Simulatore per la Previsione dell Evoluzione del Mercato Elettrico): sviluppato prendendo spunto dalla teoria della system dynamics (J.W. Forrester MIT, 1961) individuazione delle relazioni causali / temporali tra le variabili che caratterizzano il sistema e modellazione delle retroazioni positive / negative che ne derivano LRMS (Long Run Market Simulator): sviluppato sulla base della Teoria dei Giochi, modellando il comportamento degli attori del mercato come una sequenza di mosse in un gioco competitivo consente di individuare e studiare possibili equilibrî di mercato raggiungibili sia nel breve / medio che nel lungo termine Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 21

24 Presentazioni seguenti SPEME (Simulatore per la Previsione dell Evoluzione del Mercato Elettrico): Esempi di simulazioni di lungo termine LRMS (Long Run Market Simulator): Esempi di simulazioni di breve / medio termine Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 22

25 Per ulteriori informazioni Milano, 22 Marzo 2005 Michele Benini 23

26 LRMS Long Run Market Simulator Prof. Ettore BOMPARD Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato Milano, 22 Marzo 2005 Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 1

27 SOMMARIO Obiettivi Teoria dei giochi Caratteristiche del simulatore Simulatore di breve periodo Rappresentazione della domanda Unit commitment idro e termoelettrico Gioco per la simulazione dell equilibrio Contratti bilaterali e price caps Minima offerta di prezzo Costo evitabile Costi fissi Correzione di fascia Simulazioni del mercato elettrico italiano Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 2

28 OBIETTIVI DEL SIMULATORE Modellare il mercato elettrico italiano con riferimento ad un orizzonte temporale dell ordine di anni. Modellare, in particolare, la variazione della capacità di produzione. Considerare gli aspetti evolutivi del mercato quali variazioni della domanda, dei prezzi dei combustibili o delle regole. Permettere una previsione delle performance del mercato con riferimento sia agli aspetti spiccatamente economici (prezzi, efficienza del mercato, ) che di scenario (composizione del parco di generazione nazionale, autosufficienza energetica, ). Fornire uno strumento utile per la valutazione ex ante delle regole già introdotte e di futura introduzione con possibili analisi di sensitività. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 3

29 TEORIA DEI GIOCHI Fondamenti: Von Neumann e Morgenstern (1944). Equilibrio nei giochi non cooperativi: Nash (1951). Permette la modellazione dell interazione strategica tra giocatori consapevoli del fatto che l utilità ottenuta nel gioco dipende dalle scelte operate dai giocatori avversari. Fornisce modelli per la rappresentazione dei mercati oligopolistici. I giocatori sono razionali nel senso che mirano a massimizzare l utilità che deriva dal gioco. L obiettivo principale nella formalizzazione di un gioco è la modellazione del comportamento dei concorrenti e della loro interazione strategica per la determinazione del punto di equilibrio finale del gioco. L equilibrio è raggiunto quando nessun giocatore ha interesse a modificare la propria mossa se non lo fanno gli altri. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 4

30 CARATTERISTICHE DEL SIMULATORE Simulatore basato sulla teoria dei giochi. Gioco 1 - Clearing del mercato nel breve termine: Mossa: scelta del prezzo offerto sul mercato; Payoff: producer surplus; Modello: Forchheimer e Bertrand, numero di leader arbitrario. Gioco 2 Variazione della capacità di produzione: Mossa: scelta della capacità e della tecnologia da installare; Payoff: valore attuale netto dell investimento. Vincoli di rete non modellati. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 5

31 DATI DI INGRESSO Carico per ogni intervallo con individuazione del tipo e della fascia; Curve di costo, flessibilità, indisponibilità (accidentale e programmata), prezzo dei combustibili, potenza minima e massima degli impianti termoelettrici; Producibilità degli impianti idroelettrici a bacino/serbatoio per ogni periodo; Assorbimento degli impianti idroelettrici di pompaggio per ogni periodo; Importazioni, produzione CIP6 e impianti idroelettrici ad acqua fluente per ogni periodo; Percentuale di contratti bilaterali per ogni intervallo; Price cap; Costi di costruzione e gestione degli impianti termoelettrici. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 6

32 PARAMETRI E INDICI Parametri di merito economici: indici di prezzo (prezzi minimi medi e massimi, volatilità, ); indici di surplus (producer, consumer, social surplus, perdita secca,...) indici di potere di mercato (HHI, Lerner index ). Indici di scenario: indice di adeguatezza del parco nazionale di generazione (rapporto tra la capacità installata e la domanda massima); indice di competitività ( quota della capacità di produzione nazionale con costi di produzione inferiori ad una certa soglia); indici di diversificazione produttiva (percentuali di impianti con emissioni sotto una certa soglia o con una certa tecnologia produttiva); indici di importazione (energia totale importata in rapporto alla produzione nazionale). Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 7

33 SIMULATORE DI BREVE PERIODO La curva di durata equivalente della domanda per ogni periodo viene ottenuta considerando: le importazioni; gli impianti CIP6; l allocazione ottimale dal punto di vista economico dell energia prodotta degli impianti idroelettrici a serbatoio/bacino; l allocazione ottimale dal punto di vista economico dell energia consumata dagli impianti idroelettrici di pompaggio. Lo unit commitment dei gruppi termici viene effettuato definendo un numero arbitrario di flessibilità degli impianti (numero di accensioni e spegnimenti possibili in un tempo assegnato) sulla base di una lista di merito economica. Contratti bilaterali e price caps. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 8

34 CURVA DI DURATA EQUIVALENTE DELLA DOMANDA L P Smax E Smax Vincoli di potenza attivi Vincoli di potenza non attivi Vincoli di potenza non attivi P max T E T L(h*) Vincoli di potenza attivi P pmax E pmax h(t) Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 9

35 UNIT COMMITMENT MINIMA E MASSIMA POTENZA L Periodo 2.Curva di carico dopo l elaborazione festivo 1. Curva di carico originale sabato L wmin L vmin T Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 10

36 UNIT COMMITMENT LISTA DI MERITO 1 P 1 min C 1 Sempre accesi durante il periodo P 2 min P 3 min P 4 min C 2 C 3 C 4 5 P 5 min C 5 P W.E. spenti durante i giorni festivi P W.D. sempre spenti durante il periodo 6 i i+1 : : : : P 6 min P i min : : P i+1 min : : C 6 C i C i+1 : : : : Ordine ascendente con il costo di merito C i j P j+1 min C j j+1 P j+2 min C j+2 j+2 P j+3 min C j+3 : : : : : : Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 11

37 ALGORITMO PER IL GIOCO NEL BREVE PERIODO Definizione della curva di domanda residua per ogni leader (Residual Demand Curve - RDC). Esplorazione, per ogni giocatore identificato come leader, della RDC e definizione del miglior prezzo d offerta per ognuno dei suoi generatori con riferimento alla sua curva aggregata di costo marginale. Instaurazione di un processo iterativo in cui tutti i leader muovono a turno sino a quando un equilibrio di Nash, se esiste, non è raggiunto. Clearing del mercato, sulla base delle offerte di prezzo determinate strategicamente per i leader e assunte pari al prezzo minimo d offerta per le unità delle altre società di produzione, e calcolo dei parametri di merito economici. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 12

38 CONTRATTI BILATERALI Sono pre-assegnati e non entrano a far parte del gioco per la realizzazione del clearing del mercato. Sono definiti con riferimento a ciascun intervallo. La produzione e la domanda soddisfatta con transazioni bilaterali sono escluse dall offerta strategica delle unità e pertanto non vengono considerate al fine del gioco per la definizione dell equilibrio. Ai contratti bilaterali sono allocati i gruppi di produzione meno costosi essendo questa la scelta ottima (almeno in competizione perfetta). Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 13

39 PRICE CAP(S) Massimo valore ammesso per il prezzo offerto dalle società di produzione durante la formulazione strategica delle offerte. Un price-cap può essere definito dall Autorità come strumento normativo che limita il potere di mercato delle società (unico per tutto il mercato). Un price-cap può essere definito implicitamente dalla domanda come prezzo massimo associato con l offerta a prezzo più elevato (unico per tutto il mercato). Un price-cap può essere autonomamente scelto da ogni società di produzione per assicurasi quote di mercato o per evitare interventi correttivi del regolatore (diverso per società di produzione). Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 14

40 PREZZO MINIMO DI OFFERTA DEL PRODUTTORE Nel procedimento iterativo che simula l interazione strategica, ogni singolo giocatore alza il prezzo offerto per la quantità corrispondente alla differenza tra la potenza massima e minima a partire da un prezzo minimo di offerta. Ci sono diverse opzioni per definire il minimo prezzo offerto che tengono conto sia dei costi evitabili che dei costi non evitabili: costi evitabili (nel breve periodo) C V ; costi fissi C F ; correzione di fascia b z ; I costi evitabili possono essere espressi in termini di costo marginale o di costo unitario alla potenza massima. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 15

41 CORRELAZIONE PREZZO FASCIA ORARIA. I prezzi hanno evidenziato nel 2004 una spiccata correlazione con le fasce Il rapporto tra i prezzi medi per fascia ricavati dalla borsa e quello delle tariffe AT non è molto dissimile Nel simulatore si è assunto come fattore correttivo dell offerta per fascia, quello delle tariffe: b 1 b 2 b 3 b Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 16

42 SIMULAZIONE DEL MERCATO ITALIANO Periodo considerato: Aprile 2004 Dicembre Comparazione dei prezzi medi e dei prezzi medi pesati. Impatto di diverse inizializzazioni del gioco in termini di offerta minima. Impatto del gioco sul prezzo di mercato. Opzioni di inizializzazione del prezzo minimo considerate: Costo marginale C m Costo unitario alla potenza massima C u pmax Costo Unitario alla potenza massima + quota costi fissi C F + C u pmax Costo marginale corretto per fascia b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 17

43 PREZZO MINIMO: COSTO MARGINALE - C m Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 18

44 PREZZO MINIMO: COSTO UNITARIO A P max - C u Pmax Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 19

45 PREZZO MINIMO: COSTO UNITARIO P max + COSTI FISSI Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 20

46 PREZZO MINIMO: COSTO MARGINALE PER FASCIA Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa Prezzo con gioco Prezzo senza gioco Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 21

47 PREZZI CON DIVERSE OPZIONI PER IL PREZZO MINIMO PREZZO MINIMO DI OFFERTA C m ( /MWh) C u Pmax ( /MWh) C u Pmax +C F ( /MWh) b z C m ( /MWh) Prezzo medio min λ M -λ S max λ M -λ S Deviazione standard Prezzo medio pesato min λ Mw -λ Sw max λ Mw -λ Sw Deviazione standard Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 22

48 PREZZI MEDI PESATI Prezzi medi pesati ( /MWh) April May June July Aug. Sept. Oct. Nov. Dec. Borsa C m C u pmax C F +C u pmax b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 23

49 ANDAMENTO DEI PREZZI - DICEMBRE Prezzi orari di borsa ( /MWh) Borsa C m C u pmax C F +C u pmax b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 24

50 ANDAMENTO DEI PREZZI DICEMBRE Settimana dal 6 al 12 Dicembre 2004 Prezzi orari di borsa ( /MWh) Borsa C m C u pmax C F +C u pmax b z C m Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 25

51 CONCLUSIONI La teoria dei giochi è uno strumento utile per simulare l interazione strategica tra i giocatori nel mercato elettrico. Il simulatore basato sulla teoria dei giochi può fornire un riferimento per la valutazione dei risultati (sopratutto in termini di prezzo) del mercato elettrico. I risultati del simulatore non sono in buon accordo con la realtà se si considerano nella formulazione del prezzo minimo di offerta i costi marginali. I risultati del simulatore sono in buon accordo con la realtà se si considerano nella formulazione del prezzo minimo di offerta i costi fissi o la correzione per fascia. L andamento temporale dei prezzi può essere riprodotto con buona approssimazione solo considerando la correzione dell offerta minima con il meccanismo della fascia. Milano, 22 Marzo 2005 Ettore Bompard 26

52 SPEME Simulatore per la Previsione dell Evoluzione del Mercato Elettrico Alberto Gelmini Gli strumenti di simulazione del mercato elettrico liberalizzato Milano, 22 Marzo 2005 Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 1

53 Indice 1. Simulatore SPEME SCENARI SIMULATI Senza Capacity Payment Con Capacity Payment 2. Scenari simulati Minimi costi S_Base CP_Base Bid-Up S_BU CP_BU Politecnico SPEME Confronto Tecnologie Generazione al Risultati e confronti 30 Potenza disponibile (GW) Import CIP6 Rinnov. Altri Carb./Or. Carb. Inn. C.C. Repow. Olio T.G. Idroel. Pomp. Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 2

54 Simulatore SPEME 1 System Dynamics Il mercato elettrico simulato come sistema dinamico le relazioni causali / temporali tra le variabili che caratterizzano il sistema (ritardi, retroazioni, proiezioni in avanti) costituiscono lo schema del modello + Costi Combustibile Dismissioni - Prezzi + Capacità in servizio + Capacità in costruzione Bid-up Capacità attesa Margine di riserva - Dismissioni attese + Richieste di autorizzazione - + Domanda Domanda attesa Costi Comb Decisioni di investimento Prezzi attesi + Margini attesi + Nuove genco Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 3

55 Simulatore SPEME 2 Società di produzione: Condizioni iniziali Increm ento ( /M W h) Livello 1 Livello 2 Livello 3 Strategia d offerta Propensione verso nuovi investimenti Possibilità di costruzione nuovi impianti Margine termico (%) Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 4

56 Simulatore SPEME 3 Pianificazione degli investimenti: L obiettivo è il ritorno economico dell investimento (TIR) Limiti sui possibili investimenti (tecnologia, combustibile, società) Parco di generazione Parco termico dettagliato per singola unità di produzione o centrale Potenza massima e minima, curva di consumo, combustibile utilizzato, flessibilità, disponibilità, Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 5

57 Simulatore SPEME 4 Dispacciamento delle unità di produzione: Prezzi d offerta = costi variabili + bid up Bid up funzione del margine di potenza e della GenCo Modello Peak Shaving per l idroelettrico Curva di durata /MWh CS(P) Ore Turbogas CS(Pmax)+Bid Up CS(Pmax) P Min P Max MWh Ore Idro Serb. Ore Residue 3 4 Ore Pomp Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 6

58 Simulatore SPEME 5 Modellazione della domanda Incrementi percentuali annui previsti Elasticità della domanda ai prezzi nel medio termine Modello Capacity Payment Asta anticipata di tre anni Remunerazione di: costi d investimento e O&M minimi (TG) costi O&M massimi Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 7

59 Scenari simulati 1 Condizioni iniziali ANNO 2002: Fabbisogno TWh picco in Dicembre di GW Capacità installata 66.5 GW Parco termoelettrico iniziale 33.5 GW (esclusi CIP6) Produzione idroelettrica valore intermedio ultimi anni Idro fluente 13.4 TWh Idro serbatoio 31.3 TWh consumo pompaggio (-) 8.3 TWh generazione impianti pompaggio 5.9 TWh Carico contendibile = Fabbisogno CIP6 Import Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 8

60 Scenari simulati 2 Crescita domanda: Alta +2.9% primi dieci anni +2.1% anni successivi Bassa +2.5% primi dieci anni +1.8 % anni successivi Combustibili Prezzi 2002 utilizzati da AEEG per Ct Combustibile Metano Gasolio Nafta Carbone Orimulsion Prezzo /GJ Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 9

61 Scenari simulati 3 Tipologie dei nuovi impianti Tecnologia Taglia [MW] Rendimento Costo Invest. [ /kw] Costo O&M [ /kw/ mese] Tempo di costruzione Ciclo combinato % anni Ciclo combinato avanzato % anni Turbogas % anni Tradizionale a carbone % anni Supercritico a carbone % anni Milano, 22 Marzo 2005 Alberto Gelmini 10

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Alessandro Clerici Presidente Onorario WEC Italia Delegato ANIE 1 CONTENUTO Survey of energy resources del WEC Nucleare: il caso Finlandia Il costo dell

Dettagli

Investire nel parco fotovoltaico italiano esistente

Investire nel parco fotovoltaico italiano esistente SPECIALE TECNICO Investire nel parco fotovoltaico italiano esistente Documenti e testi del Workshop di QualEnergia.it Roma, 28 novembre 2014 Autori vari 1 DICEMBRE 2014 il decreto competitività ti spalma?

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Il mercato elettrico italiano: stato dell arte e prospettive Virginia Canazza

Il mercato elettrico italiano: stato dell arte e prospettive Virginia Canazza Il mercato elettrico italiano: stato dell arte e prospettive Virginia Canazza Pavia, 19 Maggio 2014 Obiettivi ed agenda Obiettivi: Trasferire le nozioni di base sull organizzazione attuale del mercato

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA PRESCRIZIONE TECNICA 1 di 26 PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E Storia delle revisioni Rev.00 17-05-2000 Prima emissione Rev.01 20-07-2008 Seconda emissione sostituisce IN.S.T.X.1014 Rev.00

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO IL NOTIZIARIO DELLA BORSA ITALIANA DELL'ENERGIA un progetto del GME in collaborazione con il Gruppo Adnkronos NEWSLETTER del n.78 GENNAIO '15 approfondimenti UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le proposte di KiteGen Resarch per un Nuovo Piano Energetico Nazionale basato sugli obiettivi UE 20-20-20

Le proposte di KiteGen Resarch per un Nuovo Piano Energetico Nazionale basato sugli obiettivi UE 20-20-20 Le proposte di KiteGen Resarch per un Nuovo Piano Energetico Nazionale basato sugli obiettivi UE 20-20-20 Di Eugenio Saraceno Luglio 2010 eugeniosaraceno@yahoo.it eugeniosaraceno@gmail.com 335 8269960

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli