BANDO IFTS - POLI FORMATIVI Anno Accademico 2009/2010 Scheda descrittiva percorso formativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO IFTS - POLI FORMATIVI Anno Accademico 2009/2010 Scheda descrittiva percorso formativo"

Transcript

1 BANDO IFTS - POLI FORMATIVI Anno Accademico 2009/2010 Scheda descrittiva percorso formativo Sezione 1 - Scheda Introduttiva Parte 1.1 Identificativo del corso (Dati Libra Denominazione del corso Altri dati del corso Codice: Denominazione: TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO SOFTWARE Indirizzo/i: INDIRIZZO WEB DEVELOPER Codice progr. def.: 0001 Certificazione: SPECIALIZZAZIONE Asse/Obiettivo Specifico/Attività/Azione: IV.L Settore: TERZIARIO Comparto: SERVIZI COMMERCIALI Durata complessiva: 800 Annualita: ANNUALE Data presunta avvio corso: Corso a Pagamento: Intervallo di costo per allievo: Min.: 0 Max.: 0 Identificazione univoca della Struttura Formativa Sede occasionale Percorso di riferimento Ente: A208 - I.T.I.S. PININFARINA Centro: A208 / 1 - I.T.I.S. PININFARINA Indirizzo: VIA PONCHIELLI 16 Cap.: Comune: MONCALIERI Telefono: - Indirizzo: Cap.: Telefono: Fax: Comune: Fax: IFTS Tecnico superiore per lo sviluppo software - Web Developer Nome/i Profilo/i: IFTS - Diagnosticare Profili professionali STANDARD IFTS - Economico Aziendale Profili professionali STANDARD IFTS - Giuridica - Estratto da Profili professionali NUOVO IFTS - Lingua Inglese Profili professionali STANDARD 1 /

2 Parte 1.2 Destinatari IFTS - Relazionarsi Profili professionali STANDARD 2005 IFTS - Tecnico Superiore per lo Sviluppo del Software- Analisi e progettazione di applic. Web Based Profili professionali NUOVO 2009 IFTS - Tecnico superiore per i sistemi e le tecnologie informatiche -Estratto da Profili professionali NUOVO 2009 IFTS - Tecnologica (Informatica estratto Profili professionali NUOVO 2010 Pari opportunita' Obiettivi STANDARD 2008 Posizione sul Mercato del Lavoro: 1 GIOVANI DISOCCUPATI Livello di scolarità: DIPLOMATI Altri titoli di studio ammessi o richiesti: L'accesso ai percorsi IFTS e' consentito anche a coloro che sono in possesso dell'ammissione al quinto anno dei percorsi liceali, ai sensi del D.lgs. 17 ottobre 2005, n. 226, articolo 2, comma 5, nonche' a coloro che non sono in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore, previo accreditamento delle competenze acquisite in precedenti percorsi di istruzione, formazione e lavoro successivi all'assolvimento dell'obbligo di istruzione di cui al regolamento adottato con decreto del Ministro della Pubblica Istruzione 22 agosto 2007, n Prerequisiti del percorso: Motivazione ed attitudine alla figura professionale Attività preliminari Descrizione sintetica prova d'ingresso o di orientamento: In mancanza del diploma verra' somministrato un test (elaborato dagli Standard Formativi della Regione Piemonte relativo ai requisiti di cui sopra come indicato dalla Conferenza Unificata del 2 Marzo 2000 e del 1 Agosto 2002 (Allegato E. Verranno valutati, mediante colloqui individuali aspetti motivazionali relativi allo sbocco professionale e verificati, mediante test, aspetti attitudinali (logico verbali,attitudine a relazionarsi e ad inserirsi positivamente in un contesto di gruppo. Altri dati Deroga ore: Deroga requisiti: 2 / 54

3 Sezione 2 - Profilo di riferimento Parte 2.1 Identificazione univoca del Profilo di riferimento IFTS - Tecnico Superiore per lo Sviluppo del Software- Analisi e progettazione di applic. Web Based Indirizzo: Tipo: Edizione: Profili professionali 2009 Il Tecnico superiore per lo sviluppo del software opera e collabora nelle attivita' di analisi e progettazione, manutenzione evolutiva e collaudo delle soluzioni software, sulla base delle specifiche individuate utilizzando le metodologie piu' appropriate; contribuisce alle fasi di sviluppo, individuando gli strumenti piu' opportuni alla realizzazione delle applicazioni software. ATTIVITA' PROFESSIONALI FONDAMENTALI --collabora nelle attivita' di individuazione e formalizzazione dei requisiti del software, in termini funzionali ed architetturali; --partecipa alle attivita' di pianificazione e progettazione del software di base e applicativo; --interviene nelle fasi di individuazione e selezione degli strumenti e delle metodologie per la conduzione delle attivita' di analisi, progettazione e sviluppo del software; --contribuisce alle fasi di sviluppo del software applicativo, anche utilizzando metodologie volte all'integrazione per componenti software; --collabora nelle operazioni di installazione e configurazione del software realizzato; --partecipa alle attivita' di collaudo, gestione tecnica, manutenzione e assistenza del software realizzato Parte 2.2 Descrizione analitica Attività: Azioni: Attività: Attività: Focus: Azioni: Formalizzare i requisiti del software Redigere i requisiti utente Utilizzare software CASE per la gestione dei requisiti Redigere i documenti di analisi Redigere il piano dei costi di sviluppo di una applicazione Metodologie di analisi e gestione Focus: Azioni: Redigere documenti di analisi Delineare le specifiche Descrivere le strutture dati Disegnare il diagramma di flusso Descrivere le procedure e le funzioni Disegnare le maschere ed i report di stampa Metodologie e tecniche di programmazione Strutture dati Database relazionali Produrre un diagramma di flusso Realizzare le applicazioni Creare le strutture dati Scrivere il codice ed includere le librerie Disegnare l'interfaccia video ed i report Utilizzare l'ambiente di sviluppo Modificare le applicazioni Realizzare la guida utente Ambienti di sviluppo Ambienti DBMS 3 / 54

4 Focus: Attività: Azioni: Attività: Focus: Azioni: Focus: Competenza: Capacità: Focus: Competenza: Capacità: Focus: Competenza: Capacità: Scrivere il codice Installare e configurare software Installare pacchetti software Configurare pacchetti software Risolvere incompatibilità e ripristinare il sistema Fondamenti dei sistemi operativi Reti di computer Software applicativo Configurare software utente Realizzare la manutenzione dell'applicazione Effettuare collaudi Determinare le cause dei malfunzionamenti Installare aggiornamenti Tecniche di debug Verificare la correttezza del codice Esaminare i requisiti utente Individuare i requisiti utente Rappresentare i requisiti utente in maniera formale Determinare i costi di sviluppo dell'applicazione Rappresentare i requisiti utente Progettare software di base e applicativo Dettagliare le specifiche tecniche Schematizzare l'architettura del sistema Formalizzare lo schema del software in un modello multi-tier Garantire l'usabilità Formalizzare lo schema dell'applicazione Sviluppare software Tradurre i moduli nel linguaggio di programmazione Formalizzare l'interfaccia dell'applicazione Individuare moduli di librerie Diagnosticare le anomalie Gestire le verifiche e le modifiche funzionali Strutturare le informazioni per l'utente 4 / 54

5 Focus: Competenza: Capacità: Gestire il processo di sviluppo secondo standard di qualità Focus: Sviluppare un'applicazione funzionante Individuare gli strumenti di sviluppo software Valutare gli strumenti di sviluppo software presenti sul mercato Scegliere il sistema operativo Scegliere la piattaforma hardware Scegliere l'architettura di rete Verificare la compatibilita' dell'applicazione con una piattaforma data 5 / 54

6 Parte 2.3 Matrice Attività/Competenze A1 A2 A3 A4 A5 C1 C2 C3 C4 X X X X X Elenco competenze: C1 - Esaminare i requisiti utente C2 - Progettare software di base e applicativo C3 - Sviluppare software C4 - Individuare gli strumenti di sviluppo software Elenco attività: A1 - Formalizzare i requisiti del software A2 - Delineare le specifiche A3 - Realizzare le applicazioni A4 - Installare e configurare software A5 - Realizzare la manutenzione dell'applicazione 6 / 54

7 Sezione 3 - Percorso Formativo Parte 3.1 Descrizione Percorso formativo di riferimento IFTS Tecnico superiore per lo sviluppo software - Web Developer Descrizione del Corso di Formazione: Il Percorso intende sviluppare le competenze per formare la figura di tecnico superiore per lo sviluppo software. Allo scopo sono state introdotte diverse unita' formative specifiche per sviluppare le competenze di un Web Developer come lo studio di metodologie di analisi e progettazione di applicativi web based, la conoscenza dell'ambiente di sviluppo LAMP, l'apprendimento dei linguaggi PHP e JAVA (lato client e server, per lo studio e l'interfacciamento con database. Il percorso prevede di approfondire competenze tecniche avanzate che vengono ben utilizzate nell'ambito ICT delle aziende e delle istituzioni pubbliche. Il progetto si pone tra le iniziative che favoriscono il rientro nell'attivita' produttiva di inoccupati e di disoccupati in possesso di competenze o titoli di studio non richiesti dal mercato del lavoro. Alle competenze di tipo tecnico professionalizzante si sono aggiunte anche competenze ti tipo commerciale (marketing e linguistico (PET. Il percorso prevede l'erogazione della didattica su tre sedi grazie alla modalita' di formazione e-learning, utilizzando la piattaforma sincrona Training Center di CISCO e la piattaforma di e-learning asincrona Moodle, gli allievi presenti in aula dove non e' previsto il docente saranno guidati da un e-tutor. In base alla riduzione della durata del percorso formativo da ore (D.I. 436/2000 a 800 ore (D.P.C.M. 25/1/08 a fronte del mantenimento degli stessi obiettivi formativi correlati alle figure/profili professionali di tecnico superiore verra' posta particolare attenzione nell'accertamento, in ingresso, del possesso delle competenze di base necessarie per poter conseguire le competenze attese in esito; la struttura del percorso e' stata progettata focalizzandosi in modo particolare sulle competenze tecnico professionalizzanti, riferite al profilo di riferimento, riducendo l'incidenza dei moduli formativi riferiti alle competenze di base. Totale ore U.F.: 544 Durata stage: 240 Durata prova finale: 16 Durata complessiva: 800 Numero ore FAD: 0 di cui Ore non professionalizzanti: 116 Percorso nuovo: No Percorso invariato: No Percorso variato solo perchè riscritto in funzione dell'evoluzione dei profili: Si Percorso variato nei seguenti punti: Collegamento ad altri percorsi: Annotazioni: Il modello del corso integra la componente geografica interprovinciale confrontando la mappa dell'offerta di lavoro con quella della possibile erogazione, alla ricerca di meccanismi di orientamento ai corsi che minimizzino gli spostamenti delle persone e comunque possano prevedere all'occorrenza anche forme di erogazione di corsi residenziali. In questa logica si prevede di erogare il corso in contemporanea con le province di Torino (Istituto Pininfarina di Moncalieri, Verbania (Istituto Cobianchi e di Novara (Immaginazione e Lavoro, utilizzando le moderne tecnologie che il web 2.0 permette. Gli allievi delle tre province potranno seguire le lezioni utilizzando la piattaforma di e-learning Training center di CISCO in una aula informatizzata ed in presenza di un tutor d'aula. Verranno svolte diverse riunioni di coordinamento dei docenti e dei tutor e di formazione ove previsto. Innovazioni collegate Parte 3.2 Struttura del percorso Struttura sintetica Denominazione Accesso al corso Orientamento in ingresso Informatica di base Inglese Competenze Relazionali e Organizzative ELEMENTI PER LA SOSTENIBILITA' Fase professionalizzante Algoritmi e programmazione C Programmazione Java Programmazione WEB client-side LAMP Ore / 54

8 Il marketing Basi di dati Programmazione WEB server-side PHP Programmazione WEB server-side JSP Metodologie di analisi e progettazione di applicazioni web based Sviluppo di un'applicazione web Orientamento al mondo del lavoro Pari opportunita' Diritto privato, contrattualistica e sicurezza Introduzione all'esperienza di stage aziendale Esercitazioni per Esame finale Preparazione e ripasso Misure di accompagnamento Strumenti Laboratorio Informatico Multimediale - ITIS Pininfarina Moncalieri 8 / Stage: 240 Prova finale: 16 Totale: 800 Attrezzature in dotazione: 1 N? 1 Laboratorio Wireless (Aula E02 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento wireless alla rete, Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,HD 80 GB,Masterizzatore DVD,Lettore DVD,Monitor 17", Scheda rete wireless 108 Mbps Windows XP Professional SP2 Office 2003 Professional N? 25 Postazione Studente con collegamento alla rete Wireless Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17", Scheda rete wireless 108 Mbps Windows XP Professional SP2 Office 2003 Professional N? 6 Postazione Studente con computer portatili Centrino 1.8 Il laboratorio e' attrezzato per erogare il curriculum Cisco CCNA1 CCNA2 CCNA3 CCNA4 Fundamentals of Wireless LANs 2N? 1 Laboratorio Informatica (Aula E05 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento alla rete Intel P IV 2.8GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows XP Professional SP2 Office 2003 Professional Autocad 2003 N? 25 Postazione Studente Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows XP Professional SP2 Office 2003 Professional Autocad N? 1 Laboratorio Informatica (Aula E06 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento alla rete Intel P IV 3.0 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows XP Professional SP2 Office 2003 Professional Derive Cabri N? 25 Postazione Studente Intel P IV 3.0,Ram 256,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows XP Professional SP2 Office 2003 Professional Derive Cabri 4N? 1 Laboratorio Wireless (Aula E19 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento Wireless alla rete Intel P IV 2.6 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Scheda rete wireless 54 Mbps Windows XP Professional SP2 Office XP Professional

9 Derive Cabri N? 25 Postazione Studente Intel P IV 2.6 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Scheda rete wireless 54 Mbps Windows XP Professional SP2 Office XP Professional Derive Cabri 5N? 1 Laboratorio Linguistico (Aula E20 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento alla rete Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17", Scheda di rete 10/100 Mbps Windows XP Professional SP2 Office 2000 Professional N? 15 Postazione Studente Intel Pentium MMX 166 MHz,Ram 32,HD 20 GB,Lettore CD,Monitor 15" Scheda di rete 10/100 Mbps Windows 95 Office 97 6 N? 1 Laboratorio Informatica (Aula E21 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento alla rete Intel P IV 1.8 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows 2000 Professional SP4 Scheda rete 10/100 Mbps Office 2000 Professional Derive Cabri N? 25 Postazione Studente Intel P IV 2.6 GHz,Ram 256,HD 20 GB,Lettore CD,Monitor 17" Scheda di rete 10/100 Mbps Windows 2000 Professional SP4 Office 2000 Professional Derive Cabri 7N? 1 Laboratorio Informatica (Aula E23 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento alla rete Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17", Scheda rete 10/100 Mbps Windows 2000 Professional SP4 Office 2000 Professional Derive Cabri N? 25 Postazione Studente Intel P III 800 MHz,Ram 256,HD 20 GB,Lettore CD,Monitor 17" Scheda di rete 10/100 Mbps Windows 2000 Professional SP4 Office XP Professional Derive Cabri Il laboratorio e' attrezzato per erogare il curriculum Cisco CCNA1 CCNA2 CCNA3 CCNA4 Fundamentals of Wireless LANs Connessione satellitare (ricezione digitale e terreste 8N? 1 Laboratorio Informatica (Aula E24 N?1 Postazione docente con collegamento al proiettore e collegamento alla rete Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,Masterizzatore DVD,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows 2000 Professional SP4 Office 2000 Professional N? 25 Postazione Studente Intel P IV 2.8 GHz,Ram 256,HD 80 GB,Lettore DVD,Monitor 17" Windows 2000 Professional SP2 Office 2000 Professional Server di Dominio (Windows 2003 File Server (Windows 2003 Proxy Server (Windows (Isa Server Connessione Internet 10 Gb (FatWeb Il Pininfarina e' una Regional/Local Academy aderente al Cisco Network Academy 9 / 54

10 e conta tra i suoi collaboratori 4 istruttori certificati CCNA (Cisco Certified Network Academy,dal 10/10/2005 e' la prima scuola pubblica ad erogare Fundamentals of Wireless LANs Il Pininfarina e' Microsoft IT Academy abilitato alla formazione e certificazione Microsoft e conta tra i suoi collaboratori 4 istruttori Master Instructor LABORATORIO DI SVILUPPO SOFTWARE: Software: Server internet:-microsoft Internet Information Server Ambiente di sviluppo (installati 1 per ogni pc dell'aula: -Visual Studio.NET -SDK.NET Linguaggi di Sviluppo (installati 1 per ogni pc dell'aula: -C# -HTML -ASP -XML -Soap -WSDL -SQL DBMS: -Microsoft SQL SERVER 2000 con Enterprise Manager SQL server -Mysql CDROM/DVD Supporti con materiale didattico interattivo Dispense Materiale didattico preparato dal docente Intranet Server nella rete locale per archiviazione materiale didattico Lavagna Lavagna bianca con pennarelli cancellabili Personal computer Computer di ultima generazione Server FAD Server di formazione a distanza su piattaforma Moodle Testi Libri consigliati dal docente Via telematica Collegamento ad Internet da rete locale Videoproiettore Per la proiezione su grande schermo dalla postazione docente Laboratorio linguistico Il Laboratorio linguistico Multimediale e' uno Strumento Didattico tecnologicamente avanzato in grado di sopperire alle piu' svariate esigenze didattiche e rappresenta un valido strumento per l'insegnamento della lingua inglese. Laboratorio Informatico Multimediale - Immaginazione e Lavoro Novara Il laboratorio dispone di 14 postazioni con PC Multimediale Intel Pentium IV 1.8 GHz con 512MB/1GB Ram, Hd 40 GB, CD ROM 52X, Scheda di rete 1 Gbps, Monitor 17'. Su ogni PC e' installato il Sistema operativo XP Professional ed e' installato il software MS Office. Sono inoltre installati e costantemente aggiornati specifici software Antivirus. Inoltre disponiamo di software specifici come: Autocad Tutti i PC sono collegati ad internet tramite ADSL FastWeb distribuita su una rete LAN gestita dal SERVER DI SEDE. Il browser per Internet e' Explorer 8.0. Il filtro DAVIDE impedisce la visione dei siti contenenti pornografia, violenza e pedofilia. Laboratorio Informatico Multimediale - IIS Cobianchi Verbania Aula/Laboratorio dotato di: - 1 PC docente collegato a videoproiettore e monitor interattivo - 20 PC postazioni corsisti 10 / 54

11 Kit Parita' Stampante di rete L'intero laboratorio e' completamente cablato sia in rame, sia in Wireless, cosi' da consentire sia l'accesso ai server della Rete informatica dell'istituto, sia la navigazione controllata in Internet con linea XDSL 4MB. Sono presenti inoltre i seguenti strumenti per la teledidattica: N.1 Lavagna Interattiva 3M? Digital Board DB565 N.1 Sistema per videoconferenza completo di registrazione automatica dell'attivita' in formato video digitale ed archiviazione su server cosi' composto: - Sistema videoconferenza HD completo di condivisione dei dati. - Modulo Multipunto 4 siti di prestazioni - Monitor LCD 46'' Full HD con ingresso HDMI - Server di registrazione e streaming Polycom RSS2000 Materiale liberamente tratto dal Kit Parita' distribuito dalla Regione Piemonte a tutte le scuole di ogni ordine e grado ed agenzie formative - 1 volumetto Diritti e Rovesci della grammatica della parita' - 10 schede operative 10 segni di civilta' - 1 poster - 10 cartoline - 1 Dvd Open Mind Project - 1 pieghevole Giochi di Societa' - 1 copia della Lectio Magistralis di N. Bobbio Altro materiale: - Gioco Etnopoli - Manuale Dire no alla Violenza - riviste contenenti il codice pari opportunita' - dispense e glossari - opuscoli con rapporti di ricerca - documenti ed atti legislativi con allegati strumenti di orientamento e guida all'utilizzo - la Costituzione della Repubblica Italiana (in particolare artt.: 3, 37, 51 - le direttive fondamentali della Comunita' Europea - il Decreto Legislativo n. 151 del 26 marzo 2001 (Testo unico delle disposizioni in materia di tutela e sostegno della maternita' e della paternita' - Legge 125/91 (azioni positive per rimuovere ostacoli che impediscono le pari opportunita', l'aggiornamento bibliografico relativo all'area delle pari opportunita' - film, documentari e altro materiale video - Testo ''Dalla parte delle bambine'' di Elena Gianini Belotti NORMATIVA SOPRANAZIONALE Le disposizioni internazionali: - Convenzione ONU sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (18/12/1979 Le disposizioni comunitarie: - Art. 141 (ex art. 119 del Trattato di Amsterdam - Direttiva del Consiglio delle Comunita' europee, del 10 febbraio 1975, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative all'applicazione del principio della parita' delle retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile (75/117/Cee - Direttiva del Consiglio delle Comunita' europee, del 9 febbraio 1976, relativa all'attuazione del principio della parita' di trattamento fra gli uomini e le donne, per quanto riguarda l'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionale e le condizioni di lavoro (76/207/Cee - Direttiva del Consiglio del 15 dicembre 1997 riguardante l'onere della prova nei casi di discriminazione basata sul sesso (97/80/CE - Direttiva del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parita' di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro (2000/78/CE - Raccomandazione dei Consiglio delle Comunita' europee, del 13 dicembre 1984, sulla promozione di azioni positive a favore delle donne (84/635/Ce NORMATIVA NAZIONALE e NORMATIVA REGIONALE o Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri (27 marzo Azioni volte a promuovere l'attribuzione di poteri e responsabilita' alle donne, a riconoscere e garantire liberta' di scelte e qualita' sociale a donne e uomini o Parita' e pari opportunita' nel lavoro - Legge 9 dicembre 1977, n Parita' di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro - Legge 10 aprile 1991, n Azioni positive per la realizzazione della parita' uomo-donna nel lavoro - L. 25 febbraio 1992, n Azioni positive per l'imprenditoria femminile - Disciplina dell'attivita' delle Consigliere e dei Consiglieri di parita' e disposizioni in materia di azioni positive, a norma dell'art. 47 della legge o Accesso all'impiego, pari opportunita' telelavoro e part-time nella pubblica amministrazione - Legge 9 febbraio 1963, n Ammissione della donna ai pubblici uffici ed alle professioni - Decreto Legislativo 3 febbraio 1993 n. 29 e successive modifiche e integrazioni - Legge 16 giugno 1998, n Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, e 15 maggio 1997, n. 127, nonche' norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Disposizioni in materia di edilizia scolastica - Decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n Regolamento recante disciplina del telelavoro nelle pubbliche amministrazioni, a norma dell'articolo 4, comma 3, della legge 16 giugno 1998, n Decreto Legislativo 25 febbraio 2000, n Attuazione della direttiva 97/81/CE relativa all'accordo-quadro 11 / 54

12 sul lavoro a tempo parziale concluso dall'unice, dal CEEP e dalla CES o La tutela della lavoratrice madre e i congedi parentali - Legge 9 gennaio 1963, n. 7 - Divieto di licenziamento delle lavoratrici per causa di matrimonio e modifiche alla legge agosto 1950, n. 860, "Tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri" - DPR 25 novembre 1976 n Regolamento di esecuzione della Legge 30 dicembre 1971 n. 1204, sulla tutela delle lavoratrici madri - Legge della Regione Puglia 5 settembre1977, n Istituzione del servizio di assistenza alla famiglia e di educazione alla maternita' e paternita' - Decreto legge 29 marzo 1991, n. 103 convertito con legge 1? giugno 1991, n Disposizioni urgenti in materia previdenziale - Legge 5 febbraio 1992, n Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate - Decreto Legislativo 25 novembre 1996, n Recepimento della direttiva 92/85/CEE concernente il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento o Gli organismi per le pari opportunita' a livello territoriale - Legge 9 dicembre 1977, n Parita' di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro - Legge 10 aprile 1991, n Azioni positive per la realizzazione della parita' uomo-donna nel lavoro L. 25 febbraio 1992, n Azioni positive per l'imprenditoria femminile Kit per lo Sviluppo Sostenibile 2009 Sitografia: Regione Piemonte: Kila, il punto di vista delle donne: Ministero delle pari opportunita': http//www.pariopportunita.gov.it/ Sito consigliera parita' di Torino: Portale del Comune di Torino: Ufficio politiche di genere del Comune di Torino: blog.i4e.it/2006/06/2007_anno_europ.html; Sito Melting Lab : Sito pari opportunita' della Regione Marche: Sito pari opportunita' della Provincia di Trento: Filmografia: Il coraggio della Verita', Erin Brockovich Mobbing, mi piace lavorare La figlia del generale, Billy Elliott Grazie signora Thatcher Monna Lisa Smile Vogliamo anche le rose'' di Alina Marazzi Waitress: Ricette d'amore Il Vangelo secondo Precario North Country-Storia di Josey; Corazones de Mujer 1. SITOGRAFIA: (Valutazione (VAS (valutazione VIA (valutazione rischio ambientale 12 / 54

13 Modalità DISPENSA 3. MANUALE ON LINE: 80 COSE GIUSTE DA FARE PER LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE comprendente: - comportamenti responsabili nella gestione dei consumi domestici - comportamenti responsabili sul luogo di lavoro 4. Documento ''CRESCITA E OCCUPAZIONE - lavorare insieme per il futuro dell'europa - Il Rilancio della Strategia di Lisbona'' Analisi di casi Autoistruzione Ricerca di documentazione e di approfondimenti sui vari argomenti Discussione e confronto Esercitazione di laboratorio Esercitazione pratica Realizzazione di un'esercitazione da effettuarsi individualmente Lezione frontale Erogazione della formazione in aula Problem solving Simulazione Testimonianza Presenza in aula di esperti del mondo del lavoro ORIENTAMENTO AI PERCORSI DI STUDIO_IFTS Destinatari previsti: Occupati Inoccupato Disoccupato -- Attivita' previste: Approfondimento delle motivazioni del fabbisogno formativo e delle progettualita' individuali -- Modalita' di realizzazione: Consulenza e offerta di spazi e servizi per la realizzazione di attivita' di laboratorio destinate a studenti di scuole superiori Consulenza e Collaborazione ad iniziative di Scuole, Enti locali e Associazioni attivamente impegnate nelle diverse discipline inerenti i beni culturali. Esperti di orientamento/psicologi aiuteranno l'utente a fare l'analisi delle sue reali attitudini e della sua propensione a svolgere l'attivita' della figura professionale a cui il corso e' preposto. Durante tutto il percorso sanno svolti colloqui individuali di anamnesi e di restituzione, in modo da far fronte a esigenze individuali o di gruppo per un miglior apprendimento e orientamento sulle competenze relative alla figura professionale del corso. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio: Fase iniziale di accoglienza ed in itinere nell'ambito dello svolgimento delle UFC trasversali -- Operatori impiegati: Esperti di orientamento (psicologi ed educatori, tutors. -- Attivita' previste: Predisposizione di piani di studio personalizzati -- Modalita' di realizzazione: Valutazione ed accertamento delle competenze d'ingresso e programmazione di un eventuale piano individuale. Durante la fase iniziale del percorso formativo, i docenti delle materie tecnicospecifiche predisporranno un test per verificare il livello di conoscenze tecniche base relative agli argomenti dell'unita' Formativa che sta per iniziare. Sulla base dei risultati e sulla base di specifiche richieste individuali da parte degli allievi, si provvedera' ad applicare azioni formative di recupero in determinate giornate oppure verra' fornito del materiale supplementare a quello normalmente distribuito. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? Durante la durata del corso -- Operatori impiegati: Docente e coordinatore didattico. FLESSIBILITA' DEGLI ORARI PER ADULTI OCCUPATI_IFTS -- Destinatari previsti:? Occupato con altre esperienze di lavoro? Occupato con esperienza nel settore -- Attivita' previste:? Flessibilita' nell'erogazione dell'intervento? Orari di fruizione dedicati? Tutoraggio 13 / 54

14 -- Modalita' di realizzazione:? riconoscimento crediti. Gli argomenti trattati dal corso sulle competenze di base e trasversali generalmente vengono riconosciuti come crediti agli allievi occupati perche' si tratta di competenze che normalmente si acquisiscono lavorando oppure perche' si tratta di competenze acquisite con il percorso di studi precedente. La valutazione avverra' attraverso l'acquisizione di documenti se presenti, colloqui con i docenti delle unita' formative interessate e, se necessario, attraverso prove pratiche o scritte.? accordo con gli allievi per l'inserimento di lezioni al sabato o per il prolungamento dell'orario in fascia serale. Una volta composta l'aula si analizzano le esigenze che possono emergere e, in accordo con la classe, si puo' decidere di inserire in calendario giornate di 4/8 ore al sabato oppure di prolungare l'orario delle lezioni in alcune occasioni fino alle 10 di sera? Formazione individuale: E' possibile programmare con gli allievi brevi moduli formativi individuali con il riconoscimento della frequenza attraverso crediti formativi. In questo modo sara' possibile aiutare ulteriormente gli allievi occupati a portare a termine con successo il percorso. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? In ingresso dopo la fase di selezione e di orientamento -- Operatori impiegati:? Docente? Docente esperto? Tutor formativo? Coordinatore didattico CONSULENZA INDIVIDUALE_IFTS -- Operatori impiegati:? Altro? Tutor formativo? Tutor aziendale? Coordinatore didattico CERTIFICAZIONE DI CREDITI IN INGRESSO_IFTS -- Destinatari previsti:? Occupato con altre esperienze di lavoro? Occupato con esperienza nel settore? Inoccupato? Disoccupato -- Attivita' previste:? Colloqui individuali -- Modalita' di realizzazione:? Attivita' personalizzata, ispirata al modello del counselling,che mira a sostenere l'allievo durante il percorso formativo e a supportarlo nell'elaborazione di un progetto professionale. Rientra nell'ambito di una azione globale continua di rafforzamento delle motivazioni personali e professionali di ogni singolo allievo. E' un supporto fornito alle persone che ne necessitano e ne fanno richiesta,per allievi che presentano particolari difficolta' causate da demotivazione o disorientamento, al fine di operare una adeguata rimotivazione e rintracciare correttamente la traiettoria formativo-lavorativa insieme. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? In ingresso e nelle fasi pre-post stage, per la definizione del progetto personale professionale. -- Destinatari previsti:? Occupati? Inoccupato? Disoccupato -- Attivita' previste:? Procedura di selezione? Procedura di accreditamento delle competenze - Fase 1 Individuazione e definizione delle eventuali acquisizioni pregresse? Procedura di accreditamento delle competenze - Fase 2 Riconoscimento del/dei credito/i formativo/i corrispondente/i -- Modalita' di realizzazione:? L'attivita' di selezione e' propedeutica all'ottimale realizzazione del percorso formativo. Essa si pone come obiettivo la verifica della presenza delle condizioni di ammissibilita' e l'analisi delle competenze in ingresso dei singoli soggetti.? La procedura di accertamento delle competenze in ingresso permettera' a coloro che hanno maturato significative esperienze sia in contesti lavorativi che formativi di ridurre la durata del percorso: mediante il confronto tra le competenze in possesso degli individui che vi accedono e quelle relative alla figura professionale in uscita al percorso,verranno riconosciuti i crediti formativi. Partendo dalla valorizzare delle competenze possedute dalle persone che intendono frequentare si potra' cosi' tendere alla personalizzazione dei percorsi,in modo che tipologia e durata dell'intervento siano quelle necessarie per l'acquisizione delle competenze specifiche previste. La verifica delle competenze in ingresso sara' effettuata attraverso specifiche prove di riscontro e colloqui individuali tra il richiedente e un operatore abilitato, durante cui il candidato interessato presenta un 14 / 54

15 -- Operatori impiegati:? Tutor formativo? Coordinatore didattico? Selezionatore AZIONI DI RIALLINEAMENTO DELLE COMPETENZE DI BASE_IFTS proprio dossier individuale contenente informazioni sulle competenze gia' maturate,autodichiarate e/o documentate che afferiscono ai seguenti ambiti:? istruzione, formazione e tirocini (es. titoli di studio, certificazioni o attestazioni formative, esperienze formative interrotte o in corso, stage e tirocini formativi o di orientamento, contenuti dei diversi percorsi, conoscenze e competenze acquisite; -esperienze professionali (es. documentazione relativa alle esperienze professionali in corso e pregresse, settore di riferimento, attivita' svolte, prodotti/risultati,conoscenze e competenze acquisite;? attivita' extra-professionali (es. esperienze, attivita' svolte, conoscenze e competenze acquisite. Ai partecipanti di questo progetto sara' fornito un servizio di "bilancio delle competenze" personali e professionali. Saranno individuate competenze, attitudini professionali e personali, bisogni, aspirazioni dei soggetti al fine di tracciare le loro possibili evoluzioni professionali. Inoltre, il bilancio potra' anche rappresentare un valido strumento della progettazione formativa, in particolare per i percorsi individualizzati. Il dossier individuale,cosi' come le informazioni e documentazioni in esso contenute, e' sottoposto a vincolo di riservatezza ed e' quindi consultabile soltanto dall'utente interessato,oppure da coloro che fanno parte dello staff del corso,ed esclusivamente in relazione a questo. Ai candidati non in possesso di diploma verranno somministrate le prove di valutazione delle competenze alfabetico funzionali pubblicate dagli Standard Formativi della Regione Piemonte come indicato dalla Conferenza Unificata del 1 Agosto Verra' assegnato un punteggio ai singoli test/colloqui che porteranno alla stesura della graduatoria di selezione. Per l'ammissione al corso sara' necessario ottenere un punteggio minimo di 60/100. In generale si verificheranno le seguenti competenze:-conoscenza della lingua Inglese? conoscenza e utilizzo del mezzo informatico? competenze alfabetico-funzionali? disponibilita' alla pianificazione e organizzazione delle proprie risorse. Le procedure di selezione si baseranno su :? test di domande a risposta multipla di cultura generale, lingua inglese e informatica (40% del punteggio totale? colloquio individuale di motivazione e orientamento (60% del punteggio totale I test sopra descritti, unitamente a documenti forniti dagli allievi avranno lo scopo di riconoscere eventuali crediti formativi in ingresso. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? Durante la fase di reperimento -- Destinatari previsti? Occupato con altre esperienze di lavoro? Occupato con esperienza nel settore? Inoccupato? Disoccupato -- Attivita' previste? Predisposizione di piani di studio personalizzati -- Modalita' di realizzazione? Nel caso di uno studente non diplomato, e' previsto un test di valutazione predisposto dalla regione Piemonte atto a verificare e certificare le competenze di base necessarie all'ingresso dei percorsi IFTS. In seguito all'analisi e certificazione delle competenze si concorda con l'utente un piano di studi personalizzato idoneo al superamento di eventuali lacune iniziali.? -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio? In ingresso dopo la fase di orientamento -- Operatori impiegati? Tutor formativo? Coordinatore didattico -- Destinatari previsti? Occupato con altre esperienze di lavoro? Occupato con esperienza nel settore? Inoccupato? Disoccupato -- Attivita' previste? Moduli di recupero extra corsuali -- Modalita' di realizzazione? Predisposizione di aule ed attrezzature (informatiche, linguistiche assistite da un tutor. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio? In fase iniziale e durante la formazione in aula -- Operatori impiegati? Tutor formativo? Docente? Docente esperto ATTIVITA' PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO E DI SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI IMPRESA_IFTS -- Destinatari previsti:? Occupato con altre esperienze di lavoro 15 / 54

16 ? Occupato con esperienza nel settore? Inoccupato? Disoccupato -- Attivita' previste:? Collegamento a banche dati -- Modalita' di realizzazione:? Invio della documentazione informativa sul corso alle aziende presenti nelle banche dati a disposizione; successivo invio curriculum vitae ad aziende che dimostrano interesse ad accogliere uno o piu' allievi in stage. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? Prima del periodo di inizio Stage e al termine del corso. -- Operatori impiegati:? Tutor formativo? Coordinatore didattico? Coordinatore di attivita' non formative -- Attivita' previste:? Incontri con le aziende presenti sul territorio -- Modalita' di realizzazione? Presentazione alle aziende del percorso formativo, dei curricula degli allievi e svolgimento di colloqui individuali. Condivisione dei risultati ottenuti con l'ats. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? Durante l'intero percorso. -- Operatori impiegati:? Direttore di corso? Tutor aziendale? Coordinatore didattico? Tutor di stage -- Attivita' previste:? Seminari e giornate informative -- Modalita' di realizzazione:? Presentazione alle aziende del percorso formativo,dei curricula degli allievi e svolgimento di colloqui individuali. Condivisione dei risultati ottenuti con le aziende partner del Polo. -- Tempi di realizzazione luoghi/collegamenti con il territorio:? Durante lo svolgimento del corso -- Operatori impiegati:? Altro? Docente? Docente esperto? Tutor formativo -- Attivita' previste:? Collegamento a servizi telematici presenti sul territorio -- Modalita' di realizzazione:? Disponibilita' di stazioni informatiche con accesso Internet guidato alle banche dati Lavoro attraverso le quali gli allievi potranno mettersi in contatto con imprese del settore per migliorare la propria posizione lavorativa o per la ricerca di posti di lavoro. -- Tempi di realizzazione:? Durante lo svolgimento del corso,in modo continuativo -- Operatori impiegati:? Altro? Tutor formativo COMPORTAMENTO SOSTENIBILE IN AULA E NEI LABORATORI La parte pratica delle lezioni che prevede l'uso del computer e dei materiali di consumo (soprattutto carta viene condotta trasmettendo agli allievi i principi dello sviluppo sostenibile e della gestione equilibrata delle risorse. Questa modalita', gestita dai docenti di qualsiasi disciplina, prevede l'attento utilizzo dei materiali e dei supporti elettronici utilizzati durante le ore di lezione. Gli allievi vengono accompagnati a comprendere cosa si intende per sviluppo sostenibile e comportamento sostenibile attraverso l'invito ad un corretto uso di carta, computer, struttura. USO DELLA CARTA: Gli allievi sono invitati a utilizzare i fogli su entrambe le facciate, e a utilizzare carta di riciclo per le stampe di prova di lavori, relazioni, esercitazioni... Le dispense prodotte e distribuite come fotocopia sono sempre in formato fronte/retro; se possibile vengono stampate quattro pagine per foglio. TRATTAMENTO DEI RIFIUTI: Le aule avranno a disposizione un cestino per i rifiuti in genere, un cestino per la plastica e nei corridoi sara' a disposizione un cesto per il riciclo della carta. USO DEI COMPUTER: 16 / 54

17 Viene chiesto agli allievi di spegnere correttamente il PC e lo schermo prima di lasciare l'aula. Viene sollecitato l'uso delle anteprime di stampa al posto della stampa di prova, Il materiale se possibile viene salvato nella cartella a disposizione del corso ed e' copiabile su un supporto elettronico da parte degli allievi. USO DELLA STRUTTURA: Vengono invitati gli allievi a prestare attenzione all'uso corretto delle risorse energetiche (accensione/spegnimento luci, accensione/spegnimento PC Viene consegnato agli allievi un regolamento per l'utilizzo delle fotocopiatrici a disposizione dei corsisti. 17 / 54

18 Fase Accesso al corso Durata: 74 La prima fase del percorso e' finalizzata all'orientamento formativo, alla condivisione e al riallineamento delle competenze di base necessarie ad affrontare la fase professionalizzante e l'esperienza di stage. L'orientamento formativo e' rivolto agli allievi affinche' siano in grado di valutare, con cognizione di causa, il reale interesse e attitudine alle professioni che dovranno svolgere nel loro futuro lavorativo. La condivisione e riallineamento delle competenze e' utilizzata affinche' gli allievi acquisiscano un bagaglio di attivita' e competenze tali da assicurare una sufficiente omogeneita' di preparazione. Unità formativa Orientamento in ingresso Durata: 8 In questa UF vengono affrontati gli elementi che concorrono alla scelta esplicitata nel progetto personale di ciascun allievo/a. Sara' attivato un percorso di analisi delle competenze che ha lo scopo di aiutare a fare il punto su se stessi, rilevando capacita' acquisite, esperienze maturate, interessi, attitudini e aspirazioni spesso inespresse quindi sconosciute allo stesso soggetto. Si tratta di un percorso di orientamento che prevede non solo una parte in gruppo, ma anche dei momenti di counseling individuale per poter individualizzare meglio il percorso. Competenze Capacità: Riconoscere e valutare situazioni e problemi di lavoro Identificare le problematiche e il contesto organizzativo della professione Monitorare i processi di inferenza Controllare l'effetto dell'azione applicata Attività Sviluppare il proprio progetto professionale Azioni: Esplicitare le proprie motivazioni e aspettative Indicare i propri punti di forza e debolezza Costruire un progetto professionale Strumenti per la costruzione del dossier personale Il profilo anagrafico e il curriculum del corsista Il fabbisogno formativo individuale Le evidenze relative all'attivita' di formazione effettuata La valutazione periodica Linee guida per la definizione del proprio progetto individuale Valutazione, con cognizione di causa, del reale interesse e attitudine alle professioni che i corsisti dovranno svolgere nel loro futuro lavorativo. Stesura del patto formativo Strumenti Laboratorio Informatico Multimediale - ITIS Pininfarina Moncalieri Dispense N. allievi per strumento: Intranet N. allievi per strumento: Lavagna N. allievi per strumento: Personal computer Server FAD N. allievi per strumento: Testi N. allievi per strumento: Via telematica N. allievi per strumento: Laboratorio Informatico Multimediale - Immaginazione e Lavoro Novara Videoproiettore Laboratorio Informatico Multimediale - IIS Cobianchi Verbania Modalità Analisi di casi Discussione e confronto Lezione frontale Problem solving 18 / 54

19 N. allievi per strumento: 1 Argomenti liberi Unità formativa Informatica di base Durata: 16 L'unita' formativa intende introdurre gli studenti alle problematiche legate all'informatica, sia dal punto di vista "culturale", sia dal punto di vista "tecnologico". Insieme alle competenze dell'unita' formativa ''Algoritmi e programmazione C'' si possono acquisire crediti in ingresso presso l'universita' e il Politecnico. Competenze Capacità: Individuare le caratteristiche di un PC e relativo sistema operativo Identificare i principali componenti hardware, software di un elaboratore Riconoscere le caratteristiche generali di un'interfaccia utente Attività Utilizzare in modo consapevole un PC e i principali programmi applicativi Azioni: Eseguire le principali operazioni di gestione dei file Configurare, utilizzare le principali periferiche Hardware e periferiche ARCHITETTURE DI SISTEMI DI ELABORAZIONE -- Modello Von Neumann (programma in memoria, UC, UO -- CPU (velocita' di esecuzione e cache -- Architettura di un PC (scheda grafica, dischi, bus di I/O, Trasmissione dati (collo di bottiglia, banda condivisa, velocita' asimmetriche Sistemi operativi ARCHITETTURA SOFTWARE -- Linguaggio macchina, assembler, di alto livello -- Traduzione dei linguaggi, librerie ed esecuzione -- Il sistema operativo (gestione dei task Strumenti Laboratorio Informatico Multimediale - ITIS Pininfarina Moncalieri Dispense N. allievi per strumento: Intranet N. allievi per strumento: Lavagna N. allievi per strumento: Personal computer Server FAD N. allievi per strumento: Testi N. allievi per strumento: Via telematica N. allievi per strumento: Laboratorio Informatico Multimediale - Immaginazione e Lavoro Novara Videoproiettore Laboratorio Informatico Multimediale - IIS Cobianchi Verbania Modalità Autoistruzione Discussione e confronto Esercitazione di laboratorio Esercitazione pratica Lezione frontale Problem solving Simulazione 19 / 54

20 Argomenti liberi Informazione numerica e non numerica RAPPRESENTAZIONI NUMERICHE E NON NUMERICHE Numeri senza segno - concetto di intervallo di rappresentazione - operazioni in binario puro: somma, sottrazione, overflow Numeri con segno - modulo e segno: rappresentazione - complemento a due: rappresentazione, somma, sottrazione, overflow, shift Numeri frazionari (fixed e floating point - conversione di numeri frazionari ed errore di conversione - fixed-point e floating-point (rappresentazione esponenziale Codifica dei caratteri (ASCII, UNICODE Codifica di immagini (raster e vettoriale Codifica di suoni (campionamento Codifica di filmati (differenziale Compressione e controllo errori ALGEBRA DI BOOLE Operatori AND, OR, NOT ed espressioni logiche Unità formativa Inglese Durata: 38 Il corso di lingua inglese e' strutturato in modo da esercitare, sviluppare e migliorare le quattro abilita' di base ( reading- writing- listening- speaking e portare gli allievi in grado di sostenere l'esame P.E.T. della Cambridge University, esame che attesta il raggiungimento di un livello intermedio della conoscenza della lingua inglese. Accanto alla parte prettamente comunicativa della lingua inglese, viene svolta una parte piu' specialistica il cui obiettivo e' quello di mettere gli studenti a contatto con una lingua di settore (ESP indispensabile per inserirsi nel mondo del lavoro. Competenze Capacità: Capacità: Contestualizzare testi scritti e orali in lingua inglese Interpretare e analizzare il testo scritto e orale Distinguere le varietà linguistiche e le tipologie testuali Individuare le fonti, le finalità e gli strumenti espressivi Gestire comunicazioni scritte e orali in lingua inglese Individuare i ruoli della comunicazione e il contesto linguistico Scegliere lo stile, il registro e la funzione comunicativa appropriati al contesto e alla finalità Organizzare la comunicazione secondo criteri di coerenza Gestire il processo di presentazione e promozione della propria candidatura Attività Utilizzare l'inglese in modo autonomo Azioni: Comprendere testi scritti e orali anche complessi su argomenti inerenti la vita quotidiana Comprendere il linguaggio scritto e orale dei mezzi di comunicazione Interagire in conversazioni e comunicazioni con spiegazioni e argomentazioni Esporre oralmente descrizioni e presentazioni con approfondimenti Produrre testi scritti comparando e sintetizzando informazioni Regole grammaticali e sintattiche Regole grammaticali e sintattiche Potenziamento e approfondimento delle regole grammaticali e sintattiche Uso del dizionario bilingue Tempi e modi verbali Present simple Present continuous past simple - verbi regolari e irregolari Past continuous passato prossimo trapassato prossimo futuro (going to, shall, will congiuntivo condizionale frasi ipotetiche di 1?,2?,3? tipo passivo verbi ausiliari (be- have verbi modali (can, could, may, might, should, must, have to, mustn't, don't have to verbi irregolari verbi frasali uso di pronomi ed avverbi interrogativi 20 / 54

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli