IL DEBITO COME VIA ALLA SCHIAVITU MODERNA NEL DISCORSO SULLA TRATTA A SCOPO DI SFRUTTAMENTO SESSUALE : MITO O REALTA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DEBITO COME VIA ALLA SCHIAVITU MODERNA NEL DISCORSO SULLA TRATTA A SCOPO DI SFRUTTAMENTO SESSUALE : MITO O REALTA?"

Transcript

1 Patrizia Testaì* IL DEBITO COME VIA ALLA SCHIAVITU MODERNA NEL DISCORSO SULLA TRATTA A SCOPO DI SFRUTTAMENTO SESSUALE : MITO O REALTA? Tel

2 Abstract Questo articolo affronta il tema del debito come via verso la riduzione in schiavitù. Esso si inserisce nel contesto italiano della tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Basato su una ricerca di campo intrapresa nella primavera del 2004 in quattro città italiane (Catania, Palermo, Lecce e Roma), esso esplora il concetto di debito e di schiavitù sia storicamente che sociologicamente, per esaminarne l uso fatto da attori chiave e professionisti che lavorano nei programmi di protezione sociale per le vittime di tratta nei contesti locali italiani. Le rappresentazioni sociali del debito e della schiavitù nell ambito dell industria del sesso vengono confrontate con le storie raccontate dalle donne immigrate circa le loro esperienze di indebitamento, prostituzione e migrazione, in modo tale che la schiavitù da debito e la schiavitù in generale emergono come metafore usate nella letteratura sulla tratta e nel settore di volontariato sociale ad essa connesso, per delineare particolari soggetti marginali, notoriamente le donne e le ragazze che emigrano dal Sud del mondo verso i paesi del ricco Nord al fine di lavorare nella prostituzione. Si argomenterà che l uso della schiavitù e della schiavitù da debito come metafore si rifanno ad una visione coloniale del mondo come popolato da un lato da (in)civiltà arretrate e povere e, dall altro, da popoli civili e avanzati. Questa visione non permette una lettura realistica delle migrazioni contemporanee e dello sfruttamento del lavoro migrante in generale e all interno dell industria del sesso in particolare. 2

3 Introduzione La definizione della schiavitù come opposizione di poli opposti implicante la totale mancanza di scelta è stata messa in discussione dagli storici dei rapporti sindacali, i quali hanno confutato l idea di schiavitù come un sistema di lavoro separato consistente nella completa soggezione e coercizione fisica dello schiavo. Ad esempio, con riferimento all opposizione binaria lavoro libero-lavoro non libero ed alla questione della scelta e della forza all interno dei rapporti di lavoro, Robert Steinfeld (2001) scrive: Quando parliamo della maggior parte delle forme di lavoro forzato, parliamo di situazioni dove la parte costretta si trova a dover scegliere tra alternative sgradevoli e sceglie la meno brutta. 1 Sia la schiavitù che il lavoro libero salariato, continua a dire Steinfeld, si trovano di fronte a quest ultimo tipo di costrizione, la differenza stando solo nella natura e nella gamma di alternative spiacevoli esistenti nei due casi. Egli porta i concetti di costrizione e consenso ad un paradosso, citando l affermazione di John Dawson che [I] tribunali [sono] stati lenti a comprendere che le istanze dove la pressione era più estrema erano precisamente quelle in cui il consenso espresso era più reale; più spiacevole l alternativa, più reale l accettazione di un percorso che la eviterebbe 2. L argomentazione di Steinfeld suggerisce che demarcare un confine tra lavoro libero e lavoro non libero è una questione di giudizio morale o politico, piuttosto che una questione di distinzione naturale tra tipologie di lavoro completamente diverse. Una ulteriore distinzione tra costrizione legale e costrizione economica come modalità per stabilire un confine tra lavoro libero e lavoro non libero tende a mascherare il fatto che sia la costrizione pecuniaria (cioè la costrizione soggetta alle forze del mercato) che la costrizione non pecuniaria (costrizione soggetta all uso della violenza fisica), possono condurre ad una esecuzione di lavoro forzato in determinate circostanze. Inoltre, la costrizione economica, che normalmente viene associata al lavoro libero, non si basa su alcune leggi naturali che regolerebbero i mercati, ma su un insieme di norme artificiali riguardanti la proprietà e su regole riguardanti i rapporti di lavoro costruite ad hoc. A seconda delle circostanze, la pressione economica può dunque comportare forme di coercizione che sono non meno dure della costrizione o prigionia fisica, poiché la minaccia di morire di fame può certamente funzionare in modo più potente che un sconfinamento di breve periodo 3. In questo articolo focalizzerò l attenzione sul debito come mezzo di riduzione in schiavitù, così come appare nella letteratura sul traffico a scopo di sfruttamento sessuale. Il contesto della ricerca è l Italia, dove ho recentemente intrapreso uno studio di campo sull uso della 3

4 schiavitù come metafora all interno del discorso sul traffico. Lo studio si basava su interviste approfondite con testimoni privilegiati e professionisti impegnati nei programmi di protezione sociale per le vittime di tratta in quattro città italiane e su interviste con donne migranti che lavorano come prostitute e con donne migranti che hanno usufruito dei servizi offerti dai suddetti programmi. Per lo scopo che mi propongo qui, mostrerò sia gli estratti di interviste con attori privilegiati come rappresentanti delle forze di polizia, coordinatori di progetti anti-tratta e psicologi, così come i racconti di donne immigrate relativi alle loro esperienze di migrazione e prostituzione. Prima di cominciare con l analisi delle interviste, tuttavia, vorrei fare una breve introduzione al tema del debito rivisitando la letteratura sul debito come mezzo di riduzione in schiavitù e sui problemi intorno a questo concetto, che la storia e la sociologia legano al tema della schiavitù, della povertà e dei processi migratori ad essi associati. La particolare attenzione verso le donne immigrate che lavorano nella prostituzione e di solito rappresentate come vittime speciali della tratta darà una inquadratura di genere alla tematica del debito e all articolo stesso. 1. Debito, schiavitù e rappresentazioni simboliche di povertà La schiavitù da debito è una delle forme di schiavitù che sono normalmente incluse all interno del discorso sul traffico. Un breve sguardo alla letteratura sulla schiavitù, tuttavia, rivela che la questione della schiavitù da debito e del debito come mezzo di auto-riduzione in schiavitù è centrale negli studi storici sulle società schiavistiche. 4 Due storici della schiavitù in Africa, in particolare, Toyin Falola e Paul Lovejoy, considerano il tema di importanza centrale per una comprensione delle questioni relative all indebitamento, al controllo della manodopera, al genere ed ai flussi di capitale in società che erano imperfettamente connesse con i mercati mondiali 5. Analizzando l istituzione del peonage 6 in Africa, essi ne studiano la trasformazione da meccanismo di riparazione del debito a sistema di riduzione in schiavitù di persone libere durante il periodo della tratta degli schiavi attraverso l Atlantico e della penetrazione del capitalismo in Africa. Dalla loro ricerca sembra che durante il XIX secolo le persone indebitate offrivano se stessi o membri della loro famiglia come peon (cioè come manodopera servile) con il rischio o la consapevolezza più o meno conscia che prima o poi sarebbero stati venduti come schiavi. Come osserva Toyin Falola nella sua analisi della schiavitù e del sistema di peonage nell economia yoruba, durante il commercio degli schiavi, e persino dopo la sua abolizione, quando gli schiavi della regione Yoruba dell Africa occidentale continuavano ad essere esportati in Brasile e a Cuba, il sistema di peonage divenne inestricabilmente legato alla domanda di manodopera servile in Africa, prodotta dalla intensificazione della produzione orientata all esportazione. Sia la schiavitù che il sistema di peonage, in quanto istituzioni servili, si svilupparono ampiamente in una delle aree più importanti da cui gli schiavi venivano esportati nelle Americhe 7. Scrivendo sulle connessioni tra il sistema di peonage, il colonialismo ed i rapporti di genere in Africa, la storica Jean Allman osserva che, dopo la sua abolizione agli inizi del XX secolo, il sistema di peonage 4

5 continuò a sopravvivere negli anni 40 nella forma del matrimonio, sottolineando che il sistema di peonage durante il dominio coloniale declinò in modo discontinuo, ambiguo e in forte connessione con i rapporti di genere, il che ebbe un impatto profondo sui rapporti coniugali 8. Altri antropologi e storici hanno dimostrato che, in Nigeria, il sistema di peonage detto iwofa si intrecciava in modo particolare con i rapporti di genere e con l istituto del matrimonio, esso stesso un meccanismo di riparazione dei debiti attraverso il sistema del prezzo della sposa 9. L analisi storica dei collegamenti tra il sistema di peonage e la schiavitù, mentre in se stessa testimonia delle continuità esistenti tra la schiavitù e le altre forme di lavoro servile, è importante anche per capire il rapporto tra debito e stigma, e come questo rapporto dipende dal modo in cui cambiano le percezioni di ciò che costituiscono modalità lecite e moralmente giustificate di superare le difficoltà economiche, come vedremo qui di seguito. Essa è utile anche per la comprensione delle interconnessioni tra il mondo economico e quello socio-culturale, tra i rapporti astratti di mercato e i rapporti personali di potere, e di come il significato di debito possa cambiare a seconda delle diverse combinazioni di condizioni strutturali, valori sociali prevalenti e di persone coinvolte, sia quelle indebitate che quelle che offrono servizi di credito illegali. Più in generale, la questione del debito può essere analizzata dalla prospettiva del denaro e del suo significato socio-culturale. Viviane Zelizer, ad esempio, nella sua analisi dei vari aspetti relazionali dello scambio monetario nelle società capitalistiche avanzate, osserva che l introduzione del denaro in una data società non trasforma quest ultima in un mondo fatto di relazioni più razionali, impersonali, o astratti. Il denaro, ben lontano dall essere un fenomeno puramente numerico, è soggetto ad essere contrassegnato, in modo tale che si possa distinguere tra denaro sporco o pulito, domestico o destinato alla beneficenza, mancia o salario, differenziazioni che costituiscono una caratteristica centrale delle economie capitalistiche avanzate 10. Uno degli aspetti della monetizzazione dei rapporti sociali consiste non soltanto nel fatto che gli scambi sociali sono mercificati ed influenzati dal denaro, ma anche che il denaro stesso acquista diversi valori e significati a seconda dei contesti sociali in cui esso viene scambiato, dei modi in cui viene usato, dei beni che esso acquista, della sua provenienza e delle persone che lo posseggono. La differenziazione del denaro, allora, è parte integrante della società consumistica moderna, dove spendere diventa una pratica economica centrale e un attività culturale e sociale dinamica e complessa 11. Inoltre, è proprio nella sfera privata che contrassegnare denaro acquista maggior significato, in quanto Le persone si sforzano di creare denaro designato a gestire rapporti sociali complessi che esprimono intimità ma anche disuguaglianza, amore ma anche potere, cura ma anche controllo, solidarietà ma anche conflitto. Il punto non è che queste aree della vita sociale hanno coraggiosamente resistito alla mercificazione. Al contrario, essi hanno prontamente assorbito il denaro, trasformandolo per adattarlo ad una varietà di valori e rapporti sociali. 12 5

6 Mentre il genere, come variabile che attraversa i vari setting sociali, è di particolare importanza in questo processo, altri elementi, come l età, la razza e l etnia, sono menzionati dalla Zelizer come altrettanti variabili che danno forma agli usi, ai significati ed all allocazione del denaro. La pratica di contrassegnare il denaro, comunque, non è limitata alla sfera sociale privata, ma riguarda anche l area del mercato, dove agli sforzi governativi di dar vita ad un progetto di moneta legale uniforme si aggiungono sistemi di scambio sempre più creativi, dalla carta di credito ai trasferimenti elettronici di denaro, depositi bancari diretti, shopping domestico computerizzato, e così via. La Zelizer conclude riconoscendo che, dal momento che il denaro si moltiplica e penetra in tutti gli aspetti della vita umana, le persone si sforzano di gestire i loro complicati legami sociali e rapporti a lunga distanza, ed uno dei modi per farlo è attraverso la differenziazione del denaro per soddisfare i loro complessi bisogni sociali. Uno dei modi in cui il denaro è costantemente creato e moltiplicato in una società consumistica è attraverso la creazione di sistemi di credito. Già negli anni 70, Daniel Bell legava la creazione delle banche commerciali negli Stati Uniti attraverso il Banking Act del 1933, e l istituzione di compagnie finanziarie che incoraggiavano il credito per i consumatori, ai modi in cui i governi occidentali in generale dovevano gestire economie capitalistiche avanzate caratterizzate da pressioni inflazionistiche persistenti, carenza cronica di capitale e ricorrenti crisi di liquidità 13. La sua analisi è ancora valida nella misura in cui l impegno verso la crescita economica continua a creare una serie di aspettative economiche e culturali. Questo porta sia le famiglie che l economia in generale a vivere al di là dei propri mezzi attraverso il prestito, con la conseguenza che il perseguimento dei piaceri e della felicità è sempre più raggiunto subordinando l interesse pubblico ai desideri privati del singolo, che nelle società occidentali moderne si esprimono sia attraverso interessi economici di accumulazione da perseguire nel mercato, che attraverso l accrescimento egotistico permesso da stili di vita specifici presi dal repertorio delle culture del mondo 14. Naturalmente, l accrescimento egoistico e il perseguimento del benessere economico vanno molto spesso insieme e possono prendere forme lecite e illecite, poiché la ricchezza e il perseguimento della proprietà possono essere ottenuti attraverso canali legali o illegali. Questo ci porta di nuovo al problema del debito e dello stigma, che sono così importanti nel discorso sulla tratta e in contesti di migrazioni in generale. Il debito, come il denaro, può avere diversi significati a seconda dei contesti culturali ed economici dove esso prende luogo. Per spostare l attenzione nell Italia contemporanea, Alessandro Dal Lago ed Emilio Quadrelli, nell analizzare i sistemi di credito illegali e processi di indebitamento, fanno dei collegamenti tra sistemi di credito illegali, l economia di sussistenza e le ineguaglianze strutturali nel mondo contemporaneo 15. L indebitamento, quando ha luogo in contesti marginali, acquista un significato negativo perché esso rivela la debolezza delle vittime che devono ricorrere al credito illegale, e in generale lo stigma legato al debito e ai mercati del credito in contesti 6

7 di povertà vuol dire che, mentre la maggior parte degli attori coinvolti rimane invisibile, nascosto nell economia informale e sommerso nella lotta quotidiana per la sopravvivenza, altri attori, come i lavoratori immigrati irregolari, attraggono l attenzione pubblica, poiché essi sono particolarmente a rischio di scivolare nel lavoro servile e in situazioni simili alla schiavitù 16. Mentre ciò è vero in molti casi di lavoratori immigrati senza documenti, da un punto di vista sociologico, un lavoratore immigrato irregolare che è costretto a lavorare per una paga estremamente bassa per paura di essere espulso, non è diverso dal piccolo imprenditore italiano che perde il controllo della sua azienda perché si è indebitato con gli usurai ed è costretto a lavorare per questi ultimi 17. La ragion d essere di tutti i sistemi di credito illegale è l appropriazione della proprietà, e quando la proprietà coincide con la persona fisica, come quando il debitore non ha altri mezzi di pagamento se non il suo corpo, l indebitamento porta alla servitù. Ciò è vero per l imprenditore italiano che perde il controllo della sua azienda e diventa dipendente dai suoi usurai come è vero per la figlia di una donna indebitata che è costretta a vendere servizi sessuali per ripagare gli usurai, due casi riportati da Dal Lago e Quadrelli. Ciò non ci dovrebbe indurre a concludere che tutte le forme di scambio che non hanno come oggetto la persona fisica come proprietà sono preferibili a quelli che hanno come oggetto la persona fisica, e particolarmente le parti più intime del corpo, come nel caso dei servizi sessuali. A dire il vero, la cessione di manodopera in cambio di servizi ha luogo in molti contesti sociali che non sono legati a situazioni di indebitamento, e Dal Lago e Quadrelli forniscono l esempio del lavoro volontario e del sistema di apprendistato all interno delle aziende. Comunque sia, gli aspetti personali e simbolici impliciti negli scambi lavoro-servizi diventano particolarmente visibili nel mondo illegale, notoriamente quando esiste un associazione con grosse organizzazioni mafiose e con immigrati irregolari che cedono il loro lavoro per ottenere servizi come biglietti di viaggio e visto; e questo è un aspetto che emerge chiaramente dalle interviste con attori che descrivono l indebitamento delle prostitute immigrate, come vedremo nella prossima sezione. 2. Rappresentazioni del debito nella tratta per sfruttamento sessuale Nelle narrative fornite dagli attore chiave che lavorano nei programmi di protezione sociale per le vittime di tratta, l indebitamento sembra acquistare un ulteriore significato che va oltre le questioni di domanda e offerta, siano esse legate a diversi sistemi di credito o a servizi di emigrazione. L effetto di questo significato tradizionale del debito nel contesto delle migrazioni illegali e nel discorso sulla tratta è visto come parte di un meccanismo di riduzione in schiavitù che intrappola la vittima e la sua famiglia in una situazione di sfruttamento: Il debito fa parte del sistema della tratta. Il debito è il primo meccanismo che innesca l intero processo della tratta. Esso è, come la mancanza di passaporto, uno di quegli elementi che mantiene la vittima legata ai suoi sfruttatori. Se non è il debito è il passaporto, se non è il passaporto dicono se scappi uccideremo i tuoi figli

8 Il debito è un mezzo usato dai trafficanti per mantenerli sotto controllo Perché anche dopo che le ragazze finiscono di pagare il loro debito loro [i trafficanti] direbbero sempre che devono ancora dare soldi C e sempre un debito, altrimenti chi li porterebbe qui? È un aspetto economico che viene usato come minaccia, è che semplicemente vogliono continuare a sfruttarli 19. Ti indebiti comunque, e devi pagare grandi somme di denaro, che puoi ripagare solo se lavori parecchie ore al giorno. Una volta in Italia si ritrovano a lavorare in circostanze brutali, nelle strade, nelle macchine o appoggiata ad un lampione stradale è molto più degradante, non puoi scegliere i tuoi clienti, come quando scegli consapevolmente di lavorare come prostituta 20. Il tipo di debito che emerge dalle narrative sulla tratta sembrano oltremodo rimosse dalla maggior parte delle forme di indebitamento che hanno luogo in molti paesi occidentali e non occidentali, e, ancora una volta, il genere è un aspetto importante che incide sulla stigmatizzazione del debito in contesti dove migrazione e sessualità sono implicate. Ciò che più di ogni altra cosa distinguerebbe l indebitamento delle donne immigrate è il loro essere soggette ad una forma coatta di lavoro e la mancanza di protezione giuridica che, a quanto pare, lascerebbe le donne senza alcun controllo sul loro tempo, il lavoro e la loro stessa vita. Si consideri la distinzione che fa questo poliziotto tra gli italiani che devono lavorare perché indebitati e le prostitute immigrate indebitate: Se debbo lavorare perché devo dare dei soldi agli usurai posso sempre andare al cinema la sera, posso sempre denunciare gli usurai. Le prostitute sono picchiate, sono chiuse a chiave. Si indebitano perché hanno bisogno di soldi per partire in primo luogo. Naturalmente tutti quelli che emigrano spesso si indebitano, il problema è come paghi il debito. Una cosa è pagarlo attraverso un normale lavoro, un altra cosa è essere costretti a pagare attraverso la prostituzione. Nel caso di queste donne, una volta arrivate in Italia, gli viene detto adesso devi lavorare per noi. Alla fine lavorano per mesi, anni, forse non per anni poiché riescono sempre a scappare una volta che familiarizzano con il luogo in cui si trovano 21 Mentre, come Dal Lago e Quadrelli mostrano nella loro etnografia sul crimine, la perdita della proprietà e del controllo sul proprio lavoro e sul proprio tempo è qualcosa che succede anche a cittadini italiani che vengono colti da improvvisa crisi economica (come fu il caso in Italia durante gli anni 90), credo che la ragione per cui questo ultimo intervistato considera l indebitamento degli italiani e quello delle donne immigrate come due problemi completamente diversi ha a che fare con il modo in cui i processi di stigmatizzazione e di marginalizzazione sono costruiti secondo nozioni di cittadinanza che tengono conto del genere e della sessualità delle persone considerate schiave per via del debito. Il legame tra indebitamento e schiavitù sessuale è evidente nelle narrative sulla tratta e la schiavitù sessuale presentate dagli intervistati. Queste narrative suggeriscono che l indebitamento, come la schiavitù medesima, è utilizzata come metafora per gruppi di donne la cui 8

9 Alterità viene costruita a partire dal loro lavoro sessuale e dal fatto che vengono da contesti poveri. Mentre molti tra gli intervistati riconoscono che altri lavoratori immigrati hanno contratto un qualche debito, e che il debito fa parte dell esperienza migratoria, c è una distinzione che viene fatta tra i lavoratori immigrati indebitati e le prostitute indebitate, e tra diversi gruppi di lavoratrici immigrate: Nei casi di domestiche brasiliane queste potevano uscire, la loro libertà di movimento non era limitata. Se non uscivano era perché non avevano i documenti e avevano paura della polizia se venivano scoperte dalla polizia e mandate in Brasile prima che pagavano il loro debito non avrebbero saputo come ripagarlo Ma queste donne avevano scelto di lavorare in questo modo Una volta pagato il debito erano libere di andare dove volevano. Nel caso della prostituzione il debito non poteva essere ripagato, perché i loro sfruttatori prendevano tutto il denaro. Questo accade in tutti i casi di prostituzione Per le nigeriane è diverso. Queste lasciano il loro paese con un altra donna che ha anche lavorato come prostituta precedentemente. Contrattano un debito con questa donna, ma non sanno a quanto ammonta il loro debito. Solo quando arrivano in Italia scoprono quanto denaro debbono dare alla donna. Così sono costrette a lavorare come prostitute fino all estinzione del debito, poi sono libere di lavorare indipendentemente se vogliono 22. Alle ragazze [nigeriane]viene promesso un buon lavoro in Italia, si indebitano per pagare le spese di viaggio e visto. Spesso quelle che sono venute attraverso il debito diventano anch esse sfruttatrici 23. In queste narrative, come in molte narrative sulla nuova schiavitù delle donne che lavorano nella prostituzione, troviamo tensioni e contraddizioni tra resoconti che dipingono l indebitamento come un meccanismo di coercizione e controllo che vale solo per le prostitute immigrate e resoconti che ammettono che le donne immigrate che lavorano nella prostituzione, in particolare le donne nigeriane, riescono a pagare i loro debiti e a lavorare indipendentemente nella prostituzione, o persino a mettersi in proprio reclutando altre donne dopo che saldano il loro debito. Adesso vorrei spostare l attenzione a come le donne immigrate stesse percepiscono e raccontano la loro esperienza di indebitamento e di lavoro nell industria del sesso. 3. Il debito raccontato dalle donne immigrate La tensione tra racconti che dipingono il debito come riduzione in schiavitù e perdita di controllo e racconti che lasciano spazi di libertà e di azione è più marcata quando spostiamo lo sguardo ai resoconti forniti dalle donne sulle loro esperienze di indebitamento. Mentre nei racconti degli attori chiave la questione del debito veniva usata per dipingere una situazione che era considerata, in modo quasi uniforme, come schiavitù, nel leggere le storie che raccontano le donne immigrate circa i loro debiti possiamo trovare un quadro con più sfumature riguardante le loro esperienze e le relazione stabilite tra loro ed i loro sfruttatori/creditori. Nei loro racconti, il debito non assume più le caratteristiche della schiavitù da debito, o di un fenomeno che comunque è diverso dal debito cui le persone comuni incorrono nella 9

10 maggior parte del mondo. Al contrario, esso appare come qualcosa di più ordinario, una situazione difficile che esse possono e vogliono affrontare nella maggior parte dei casi. Ad esempio, le intervistate nigeriane, le quali tipicamente usano l assistenza di terzi verso i quali si indebitano, esprimono chiaramente un misto di sentimenti circa le persone che le hanno aiutate con il viaggio e i documenti, come possiamo vedere da questo estratto di intervista con una donna nigeriana inserita in un programma di protezione sociale a Palermo: Noi ragazze della Nigeria sappiamo che soffriamo, ecco perchè veniamo qui. Ma la madam ci chiede troppi soldi 40 mila Euro. Tutti loro ti chiedono un sacco di soldi. Ma è buono che ci hanno portate qui. In un modo ci hanno aiutato. Sono secondi solo a Gesù 24 La relazione con coloro che le hanno portate in Italia è percepita in particolare dalle mie intervistate nigeriane in termini molto pratici; si può dire che il tipo di contratto stabilito tra loro e coloro che hanno facilitato la loro migrazione sia di natura imprenditoriale. Ciò non è in contraddizione con una ricerca svolta nel 1996 dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) sul traffico in Italia, la quale indicava che la maggior parte delle donne trafficate per sfruttamento sessuale avevano stabilito un minimo di accordo con i loro trafficanti, mentre un solo caso di rapimento veniva segnalato 25. Lo stesso studio trovava che nel 1995, sia le donne nigeriane che le donne albanesi che arrivavano in Italia erano al corrente del fatto che, una volta in Italia, avrebbero dovuto lavorare come prostitute per ripagare I debiti che avevano contratto alla partenza. Ciò vuol dire che queste donne danno un senso alla loro situazione, invece di rimanere totalmente passive di fronte al destino; ciò anche in un contesto che lascia ampio spazio per abusi e sfruttamento, come nel seguente caso riguardante una donna nigeriana di 25 anni che lavora sulla strada: È normale che le persone che ti aiutano a venire qui vogliono soldi, e non possono chiedere la stessa somma che spendono capisci se compri qualcosa non lo puoi vendere per lo stesso prezzo. Se dovessi aiutare mia sorella a venire qui la porterei gratis, non chiederei soldi, ma ci sono persone che portano ragazze che non sono della loro famiglia, non sono sorelle perciò chiedono dei soldi chiedono i soldi che spendono per portarle qui Questi soldi che usano per portarle qui le useranno per pagare per altre cinque (ragazze), ma dopo che tu paghi il debito possono trovare un modo per farti pagare ancora più soldi, e questo non è giusto. Se non paghi ti minacciano dicono che uccideranno tua madre, e lo faranno alcune persone sono oneste ma altre sono cattive, e le cattive sono più delle oneste per me, ci è voluto un anno per pagare i miei debiti. Non devo pagare nessuno adesso. Posso lavorare ancora per un po e poi smettere. 26. In molta letteratura sulla tratta, le condizioni relative alla migrazione su lunghe distanze, il conseguente debito, ed il lavoro nel mercato del sesso, tendono ad essere uniformemente equiparate a situazioni di schiavitù da debito. Liz Kelly, ad esempio, rende problematica la nozione di scelta in contesti dove le donne difficilmente si possono permettere di viaggiare da un continente all altro 27. Secondo lei, il 10

11 solo fatto che le donne arrivino con considerevoli debiti e che trovino lavoro nei mercati del sesso migliaia di miglia distanti attraverso facilitazioni, o addirittura il diretto reclutamento, significa che le loro circostanze non possono essere molto diverse da quelle di donne schiavizzate e trafficate attraverso il debito 28. Eppure, le interviste con le donne migranti rivelano che, persino nei contesti più limitanti menzionati dalla Kelly, l indebitamento non può essere letto solamente in termini di schiavitù da debito, e non possiamo ignorare l impatto positivo della capacità di agire in quei contesti. In particolare, il fatto stesso che le reti nigeriane sono formate principalmente da donne che hanno il ruolo sia di reclutatrici che di prostitute in un organizzazione gerarchica che permette un avanzamento di carriera, squalifica l argomentazione della Kelly che le estreme ineguaglianze strutturali e la violenza di genere riduce lo spazio di azione delle donne, mentre simultaneamente incrementa quello degli uomini 29. Le donne vedono la loro situazione di debito in termini molto realistici, cosicché spesso possono stabilire per quanto tempo lavoreranno per restituire il denaro ai loro agenti, sono nelle condizioni di resistere i tentativi di questi ultimi di estorcere tassi di interessi estremamente alti, e possono persino scappare se lo vogliono: La donna [sfruttatrice] diceva che se volevo potevo ritornare a casa ma che prima dovevo restituire i soldi [45,000 Euro]. Cosa potevo fare? Le ho dato metà dei soldi che mi ha chiesto, poi sono scappata perché ero determinate a non scopare tutti questi uomini mentre lei stava seduta comodamente e mangiava a casa 30. Tutto questo pone attenzione al modo semplicistico in cui, nell ambito del discorso sulla tratta, vengono fatti collegamenti tra il crimine organizzato e la schiavitù da debito ogni qualvolta le donne si spostano attraverso i continenti. Da un lato, come viene osservato da Julia O Connell Davidson, esiste una varietà di modelli di pratica di business da parte degli agenti intermediari che offrono servizi, i quali non sono tutti interessati allo sfruttamento a oltranza o all uso della violenza, e possono semplicemente desiderare di recuperare le loro spese in viaggi e documenti e le quote spese per i servizi 31. Dall altro canto, le storie di migrazione e prostituzione raccontate dalle mie intervistate nigeriane e, come vedremo, colombiane che si sono mosse su grandi distanze, riflettono nel complesso ciò che dice Allison Murray circa le donne tailandesi che vanno in Australia per lavorare nell industria del sesso, e cioè che la maggior parte di queste donne contrattano liberamente, e, se riescono a ripagare i loro debiti, possono a loro volta reclutare ragazze o gestire bordelli 32. Nel loro insieme, questi casi, espongono la natura problematica dell espressione schiavitù da debito (o debt-bondage), che è spesso usata nella letteratura sulla tratta di esseri umani per rendere patologico il debito per alcuni gruppi di migranti e, a dire della Murray, per perpetuare lo stereotipo della vittima indifesa. L estratto di intervista con una donna colombiana di 38 anni che rifiuta di essere aiutata con l articolo 18, illustra come l indebitamento può avere diverse forme, ed anche quando implica l estorsione, può essere accettato come onere temporaneo: 11

12 In Colombia lavoravo per una donna che forniva i clienti, un amica mi ha anche prestato dei soldi per venire in Italia, cosicché parte dei soldi li ho guadagnati da sola, parte li ho presi in prestito. Li ho restituiti senza interesse perché era un amica. Era così tra noi donne colombiane, ci aiutavamo a vicenda, perché c erano un sacco tra noi che volevano partire. Adesso non so se è ancora così Forse è cambiato perché ci sono un sacco di persone che sono invidiose, che vogliono solo approfittare Qui a Catania la gente non ne approfitta, lavori per te stessa. Mi ricordo che una volta mi hanno preso [i poliziotti]. Mi hanno mandato al mio paese, cosicché mi ritrovai lì senza soldi, non sapevo come ritornare in Italia. Un amica mi ha detto che conosceva una persona che mi avrebbe prestato dei soldi che avrei potuto restituire una volta in Italia l ammontare che dovevo restituire era il doppio, un sacco quell uomo faceva un sacco di soldi in quel modo. Quindi sì, suppongo che sono stata vittima di questo usuraio, ho dovuto pagare un sacco di soldi Comunque ho fatto una scelta, ho acconsentito di essere una vittima Ho lavorato per un anno per pagare quei soldi 33 Ciò che sul debito ha da dire un altra intervistata colombiana che lavora in strada alla periferia di Catania accanto alle donne nigeriane, illustra la complessità e la diversità del debito: Succede anche alle donne sudamericane. È vero. Si indebitano per venire in Italia. Se abbiamo una casa la dobbiamo ipotecare, o dobbiamo indebitarci con la banca. Costa Euro per venire in Italia, perché se non hai documenti altre persone devono fornirti le carte Sono cose che non si dicono, ma è così, è la vita C è corruzione. Ma voglio che sia chiaro. Sono le persone con i colletti bianchi che lavorano nelle varie ambasciate che sono veramente corrotte, non quelle che cercano di partire per sostenere le loro famiglie è la burocrazia, i politici che sono corrotti noi siamo solo atomi, non abbiamo alcun potere, non possiamo fare niente e non abbiamo niente che fare con loro. Quando penso all Africa, a quei bambini che muoiono di fame, alle donne malate, penso che questa è corruzione, come quelle ragazze africane che vedo lavorare in strada con me 34 Conclusioni Lo studio dell esperienza migratoria e del lavoro sessuale delle donne migranti rivela alcuni dei problemi connessi alle teorie sulla scelta e sul lavoro libero e coatto, e su come queste teorie sono spesso astratte, non inserite cioè nei vari contesti sociali, economici e politici. I resoconti di quelle esperienze mostrano come nel contesto della tratta a scopo di sfruttamento sessuale possiamo ben ritrovarci di fronte al paradosso di Dawson riguardo al consenso, cui ho fatto riferimento nell introduzione a questo articolo. Ciò vuol dire che l uso della metafora sulla schiavitù per queste donne migranti presenta in termini sociali ed economici gli stessi problemi e le stesse contraddizioni che troviamo nei resoconti tradizionali della schiavitù come morte sociale 35, e che, come rileva Julie Saville, 12

13 Solo come simboli astratti, strappati dai contesti sociali, possono la schiavitù e la libertà essere costruite per denotare condizioni opposte e prive di relazioni tra loro. Sia essa analizzata come fenomeno globale, come processo sociale, o come un modello dei rapporti di potere, la storia della schiavitù e della libertà è una questione di interrelazioni piuttosto che di antagonismi fissi 36. I dati di interviste esplorati in questo articolo indicano anche che i discorsi sulla schiavitù e sulla tratta connessi al debito non sono adeguati a spiegare le condizioni delle donne migranti che lavorano nel mercato del sesso in Italia. D altro canto, le narrative fornite dagli attori chiave che lavorano nei programmi di protezione sociale riflettono una concezione della nuova schiavitù che, così come elaborata negli ultimi dieci anni dai media, dal volontariato sociale nonché in ambiti accademici, rimane focalizzata sulla tratta/migrazione forzata di persone che si muovono dai paesi poveri alle regioni ricche occidentali, sul crimine transnazionale e sulla prostituzione come settore speciale dove hanno luogo abusi e pratiche simili alla schiavitù, dove le vittime sono prevalentemente donne e ragazze. Questa visione, credo sia basata sull assunto di una fondamentale dicotomia tra paesi ricchi/civili/occidentali/democratici/moderni e paesi poveri/incivili/non-occidentali/non-democratici/tradizionali. Il materiale raccolto sul campo che presenta i punti di vista degli attori chiave circa le questioni di tratta, schiavitù, prostituzione e debito rivelano un interpretazione simile dello sfruttamento contemporaneo del lavoro migrante nei termini dei summenzionati dualismi. I dati di interviste con donne migranti, tuttavia, suggeriscono nel loro complesso che le donne immigrate non vivono la prostituzione come schiavitù nè in un senso economico (come sfruttamento del lavoro) nè in un senso sociale, nè tanto meno come morte sociale, nel senso inteso da Patterson. Mentre le donne immigrate che si prostituiscono sono socialmente stigmatizzate come immigrate senza documenti, come prostitute e come individui che vengono spesso fatte oggetto di razzismo in quanto membri di culture inferiori, l evidenza empirica suggerisce che la prostituzione, ben lontano dall essere il principale problema delle donne immigrate, è un mezzo che in molti casi, e talvolta a duro prezzo, permette alle donne (sia quelle che ancora lavorano nella prostituzione che quelle che ne sono uscite tramite i programmi di protezione sociale) di cambiare le loro circostanze materiali sia nel paese di destinazione che nei loro paesi di origine, aprendo opportunità per i loro bambini e per se stesse. 1 Robert Steinfeld, Coercion, Contract, and Free Labor in the Nineteenth Century (Cambridge: Cambridge University Press, 2001), Ibid., Ibid., Orlando Patterson (1982) osserva, ad esempio, che, mentre la schiavitù da debito deve essere distinta dalla vera schiavitù, il fatto rimane che in tutte le società dove 13

14 esisteva la schiavitù da debito, la possibilità che lo schiavo per debito cadesse nella schiavitù permanente era sempre presente. Vedi Orlando Patterson, Slavery and Social Death. A comparative study (Cambridge, M.A.: Harvard University Press, 1982), Toyin Falola e Paul E. Lovejoy, Pawnship in Historical Perspective, in Pawnship, Slavery, and Colonialism in Africa, Ed. Paul E. Lovejoy e Toyin Falola. (Trenton and Asmara: Africa World Press, 2003), 2. 6 Termine intraducibile che si riferisce al sistema di lavoro servile a cui sono sottoposti i peon ( o anche pawns, da cui pawnship), cioè coloro la cui manodopera viene usata come collaterale per estinguere un debito. 7 Toyin Falola, Slavery and Pawnship in the Yoruba Economy of the Nineteenth Century, in Pawnship, Slavery, and Colonialism in Africa, Ed. Paul E. Lovejoy e Toyin Falola (Trenton and Asmara: Africa World Press, 2003), Jean Allman, Rounding up Spinsters: gender chaos and unmarried women in colonial Asante, in Wicked Women and the Reconfiguration of Gender in Africa, ed. Dorothy L. Hodgson e Shirley A. McCurdy (Portsmouth, Oxford, Cape Town: Social History of Africa, 2001), 145, n Judith Byfield, Women, Marriage, Divorce and the Emerging Colonial State in Abeokuta (Nigeria) , in Wicked Women and the Reconfiguration of Gender in Africa, ed. Dorothy L. Hodgson e Shirley A. McCurdy (Portsmouth, Oxford, Cape Town: Social History of Africa, 2001). Vedi anche Falola e Lovejoy (2003). 10 Viviane Zelizer, The Social Meaning of Money (New York: Basic Books, 1994), Ibid., Ibid., Daniel Bell, The Cultural Contradictions of Capitalism (New York: Basic Books, 1976). 14 Ibid., Alessandro Dal Lago e Emilio Quadrelli, La Città e le Ombre. Crimini, criminali, cittadini (Milano: Feltrinelli, 2003). 16 Ibid. 17 Ibid. 18 Psicologa3, Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (OIM), Roma. 19 Ufficiale carabinieri1, Roma. 20 Coordinatrice progetto protezione sociale1e, Catania. 21 Ufficiale polizia1, Lecce 22 Ufficiale polizia2, Lecce. 23 Ufficiale polizia donna1, Catania. 24 Vittima di tratta1, Palermo. 25 OIM, Trafficking in Women to Italy for Sexual Exploitation (Budapest: Migration Information Programme. International Organisation for Migrations, 1996). 26 Lavoratrice sessuale4, Catania. 27 Liz Kelly, The wrong debate: reflections on why force is not the key issue with respect to trafficking in women for sexual exploitation, Feminist Review 73 (2003), pp , 141. Vedi anche della stessa autrice The perils of inclusion and exclusion: international debates on the status of trafficked women as victims, International Review of Victimology 11 (2004), pp Kelly, 2003, Ibid., Vittima di tratta3, Catania. 31 Julia O Connell Davidson, Children in the Global Sex Trade (Cambridge: Polity Press, 2005), Alison Murray, Debt-Bondage and Trafficking. Don t Believe the Hype, in Global Sex Workers. Rights, Resistance, and Redefinition, ed. Kamala Kempadoo e Jo Doezema (New York and London: Routledge, 1998), Lavoratrice sessuale1, Catania. 34 Lavoratrice sessuale2, Catania. 35 Patterson, op. cit. 36 Julie Saville, Rites and Power: Reflections on Slavery, Freedom and Political Ritual, Slavery & Abolition 20 (1999), pp ,

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi Sono nigeriana, sono stata migrante, clandestina, vittima della tratta e vedo la violenza in modo diverso dalle donne italiane, europee, occidentali.

Dettagli

IV International Media Forum On the Protection of Nature

IV International Media Forum On the Protection of Nature IV International Media Forum On the Protection of Nature "Protection of Nature, Protection of Health" Roma, 4-7 Ottobre 2006 Carlotta Sami Direttrice dei Programmi, Save the Children Italia Chi siamo Save

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Introduzione Né colpevoli né vittime

Introduzione Né colpevoli né vittime Introduzione Né colpevoli né vittime di Sexyshock Appena preso in mano Temporaneamente tua, ci sono balzate agli occhi innanzitutto le differenze con la stragrande maggioranza delle (poche) pubblicazioni

Dettagli

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO PATRIZIA MILESI, ISABELLA ALBERICI Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica di Milano Introduzione Varie ricerche hanno dimostrato

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO. Martina Simoni

LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO. Martina Simoni LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO Martina Simoni Il 10 dicembre 1948, l'assemblea generale delle Nazioni Unite proclamò a Parigi la Dichiarazione universale dei diritti umani. Essa è composta

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Migrazioni internazionali: cause e flussi

Migrazioni internazionali: cause e flussi Migrazioni internazionali: cause e flussi Aspetti definitori La mobilità è attitudine della popolazione a spostarsi sul territorio Non esistono in genere società statiche Gli spostamenti - anche temporanei

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Audizione Commissione Speciale del Parlamento Europeo sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro.

Audizione Commissione Speciale del Parlamento Europeo sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro. Audizione Commissione Speciale del Parlamento Europeo sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro. Aretusa Tematica legislativa All interno della rete Aretusa vi è la presenza

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Sogni innocenti. Clienti e donne vittime di traffico in Italia

Sogni innocenti. Clienti e donne vittime di traffico in Italia Sogni innocenti. Clienti e donne vittime di traffico in Italia How Much? A pilot study on four key EU member and candidate countries on the demand for trafficked prostitution (Progetto finanziato dalla

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PER UNA CULTURA ANTIDEBITO

PER UNA CULTURA ANTIDEBITO FONDAZIONE BEATO G I U S E P P E TO V I N I Fondo di solidarietà per il prestito di soccorso per la prevenzione dell usura onlus PER UNA CULTURA ANTIDEBITO Presentazione Quella della Fondazione Tovini

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi Cari Presidenti, le prossime elezioni per il rinnovo del Comitato Centrale coincidono con la conclusione della mia esperienza

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

AREE D'INTERVENTO Testimonianze

AREE D'INTERVENTO Testimonianze File scaricabile esclusivamente per lettura personale, non utilizzabile per pubblicazioni senza l'autorizzazione della Gedama onlus AREE D'INTERVENTO Testimonianze " IO MI NOLEGGIO A ORE " Io mi noleggio

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba

Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba ESPERIENZA dell AMBULATORIO FIOR DI LOTO Consultori familiari ASLTO1 e Associazione Verba Violenza e Disabilità Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba Violenza nella donna con disabilità

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA E-BOOK i 7 ERRORI che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA INDICE 2 Se non sei ricco è perché nessuno te l ha ancora insegnato. C Libertà Finanziaria: non dover più lavorare per vivere perché

Dettagli

La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità. Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano

La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità. Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano LA VIOLENZA E un'azione molto intensa che ha come fine

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione Lo sviluppo e il sottosviluppo 269 4.6 La socialità e la nuova povertà urbana Come dimostra la recente nascita di un pianeta di bidonville: i contadini espulsi dalle terre non possono venire assorbiti

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini ARTICOLO 4 di Veronica Longhini NESSUN INDIVIDUO POTRA ESSERE TENUTO IN STATO DI SCHIAVITU O DI SERVITU ; LA SCHIAVITU E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI SARANNO PROIBITE SOTTO QUALSIASI FORMA Il fenomeno della

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Intervista a Derek White:

Intervista a Derek White: Intervista a Derek White: Le pagine che seguono, riportano una mia intervista a Derek White. L ho inviata a lui tramite mail, vi riporto l originale, e vi affianco la sua traduzione: Il mio tentativo è

Dettagli

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Nome........ Classe. SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Perché perché Ci sono tanti buoni motivi per impegnarsi nello stage? Individua 3 buoni motivi per cui ritieni che valga la

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Anna e Alex alle prese con i falsari

Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato: insieme, ne hanno viste delle belle. Sono proprio due

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Lewis Hine e l indagine sociale

Lewis Hine e l indagine sociale Lewis Hine e l indagine sociale Con Hine la fotografia degli Stati Uniti raggiunge una maturità di testimonianza sociale. Dopo aver studiato sociologia e pedagogia, Hine scopre che l apparecchio fotografico

Dettagli

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Selezione di buone prassi in Turchia, UK, Slovenia e in altri paesi europei I pericoli e le forme di violenza attuali rendono oggi giorno la sicurezza una delle più importanti

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!»

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «La sottomissione della politica alla tecnologia e alla finanza si dimostra nel fallimento dei Vertici mondiali sull ambiente. Ci sono troppi interessi

Dettagli

INDICE. www.al-maqdese.org. Edizione 3 / Aprile 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme3

INDICE. www.al-maqdese.org. Edizione 3 / Aprile 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme3 Edizione 3 / Aprile 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello sfruttamento

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video :

[NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video : [NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video : "Come essere pagato per generare contatti " Bene, oggi parliamo di soldi, e come farne di più, a partire proprio da ora, nel tuo business. Quindi,

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

Cristina Gamberi Università di Bologna

Cristina Gamberi Università di Bologna Cristina Gamberi Università di Bologna ...di genere Educazione Educazione alle alledifferenze differenze...di cultura...di orientamento sessuale...di abilità fisica Le differenze di genere John Money parla

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO Dal fallimento al successo La storia di un uomo che affronta la vita, estratto del libro in anteprima È il 1990: ho 42 anni e sono praticamente fallito. Sono con l acqua

Dettagli

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base Business and Human Rights: una introduzione Sessione pilota del Corso di formazione di base Milano, 12 Novembre 2015 I Diritti Umani: una definizione Cosa sono i Diritti Umani? I Diritti Umani: una definizione

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI. In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti.

PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI. In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti. PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti. In modo rapido ma efficace saranno esaminati gli aspetti

Dettagli

7 errori che distruggono le tue vendite in fiera

7 errori che distruggono le tue vendite in fiera 7 errori che distruggono le tue vendite in fiera INTRO: Ciao, mi chiamo Giampaolo Formica e sono uno specialista nella progettazione e realizzazione di stand fieristici per le PMI italiane. Probabilmente

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli