IL DEBITO COME VIA ALLA SCHIAVITU MODERNA NEL DISCORSO SULLA TRATTA A SCOPO DI SFRUTTAMENTO SESSUALE : MITO O REALTA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DEBITO COME VIA ALLA SCHIAVITU MODERNA NEL DISCORSO SULLA TRATTA A SCOPO DI SFRUTTAMENTO SESSUALE : MITO O REALTA?"

Transcript

1 Patrizia Testaì* IL DEBITO COME VIA ALLA SCHIAVITU MODERNA NEL DISCORSO SULLA TRATTA A SCOPO DI SFRUTTAMENTO SESSUALE : MITO O REALTA? Tel

2 Abstract Questo articolo affronta il tema del debito come via verso la riduzione in schiavitù. Esso si inserisce nel contesto italiano della tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Basato su una ricerca di campo intrapresa nella primavera del 2004 in quattro città italiane (Catania, Palermo, Lecce e Roma), esso esplora il concetto di debito e di schiavitù sia storicamente che sociologicamente, per esaminarne l uso fatto da attori chiave e professionisti che lavorano nei programmi di protezione sociale per le vittime di tratta nei contesti locali italiani. Le rappresentazioni sociali del debito e della schiavitù nell ambito dell industria del sesso vengono confrontate con le storie raccontate dalle donne immigrate circa le loro esperienze di indebitamento, prostituzione e migrazione, in modo tale che la schiavitù da debito e la schiavitù in generale emergono come metafore usate nella letteratura sulla tratta e nel settore di volontariato sociale ad essa connesso, per delineare particolari soggetti marginali, notoriamente le donne e le ragazze che emigrano dal Sud del mondo verso i paesi del ricco Nord al fine di lavorare nella prostituzione. Si argomenterà che l uso della schiavitù e della schiavitù da debito come metafore si rifanno ad una visione coloniale del mondo come popolato da un lato da (in)civiltà arretrate e povere e, dall altro, da popoli civili e avanzati. Questa visione non permette una lettura realistica delle migrazioni contemporanee e dello sfruttamento del lavoro migrante in generale e all interno dell industria del sesso in particolare. 2

3 Introduzione La definizione della schiavitù come opposizione di poli opposti implicante la totale mancanza di scelta è stata messa in discussione dagli storici dei rapporti sindacali, i quali hanno confutato l idea di schiavitù come un sistema di lavoro separato consistente nella completa soggezione e coercizione fisica dello schiavo. Ad esempio, con riferimento all opposizione binaria lavoro libero-lavoro non libero ed alla questione della scelta e della forza all interno dei rapporti di lavoro, Robert Steinfeld (2001) scrive: Quando parliamo della maggior parte delle forme di lavoro forzato, parliamo di situazioni dove la parte costretta si trova a dover scegliere tra alternative sgradevoli e sceglie la meno brutta. 1 Sia la schiavitù che il lavoro libero salariato, continua a dire Steinfeld, si trovano di fronte a quest ultimo tipo di costrizione, la differenza stando solo nella natura e nella gamma di alternative spiacevoli esistenti nei due casi. Egli porta i concetti di costrizione e consenso ad un paradosso, citando l affermazione di John Dawson che [I] tribunali [sono] stati lenti a comprendere che le istanze dove la pressione era più estrema erano precisamente quelle in cui il consenso espresso era più reale; più spiacevole l alternativa, più reale l accettazione di un percorso che la eviterebbe 2. L argomentazione di Steinfeld suggerisce che demarcare un confine tra lavoro libero e lavoro non libero è una questione di giudizio morale o politico, piuttosto che una questione di distinzione naturale tra tipologie di lavoro completamente diverse. Una ulteriore distinzione tra costrizione legale e costrizione economica come modalità per stabilire un confine tra lavoro libero e lavoro non libero tende a mascherare il fatto che sia la costrizione pecuniaria (cioè la costrizione soggetta alle forze del mercato) che la costrizione non pecuniaria (costrizione soggetta all uso della violenza fisica), possono condurre ad una esecuzione di lavoro forzato in determinate circostanze. Inoltre, la costrizione economica, che normalmente viene associata al lavoro libero, non si basa su alcune leggi naturali che regolerebbero i mercati, ma su un insieme di norme artificiali riguardanti la proprietà e su regole riguardanti i rapporti di lavoro costruite ad hoc. A seconda delle circostanze, la pressione economica può dunque comportare forme di coercizione che sono non meno dure della costrizione o prigionia fisica, poiché la minaccia di morire di fame può certamente funzionare in modo più potente che un sconfinamento di breve periodo 3. In questo articolo focalizzerò l attenzione sul debito come mezzo di riduzione in schiavitù, così come appare nella letteratura sul traffico a scopo di sfruttamento sessuale. Il contesto della ricerca è l Italia, dove ho recentemente intrapreso uno studio di campo sull uso della 3

4 schiavitù come metafora all interno del discorso sul traffico. Lo studio si basava su interviste approfondite con testimoni privilegiati e professionisti impegnati nei programmi di protezione sociale per le vittime di tratta in quattro città italiane e su interviste con donne migranti che lavorano come prostitute e con donne migranti che hanno usufruito dei servizi offerti dai suddetti programmi. Per lo scopo che mi propongo qui, mostrerò sia gli estratti di interviste con attori privilegiati come rappresentanti delle forze di polizia, coordinatori di progetti anti-tratta e psicologi, così come i racconti di donne immigrate relativi alle loro esperienze di migrazione e prostituzione. Prima di cominciare con l analisi delle interviste, tuttavia, vorrei fare una breve introduzione al tema del debito rivisitando la letteratura sul debito come mezzo di riduzione in schiavitù e sui problemi intorno a questo concetto, che la storia e la sociologia legano al tema della schiavitù, della povertà e dei processi migratori ad essi associati. La particolare attenzione verso le donne immigrate che lavorano nella prostituzione e di solito rappresentate come vittime speciali della tratta darà una inquadratura di genere alla tematica del debito e all articolo stesso. 1. Debito, schiavitù e rappresentazioni simboliche di povertà La schiavitù da debito è una delle forme di schiavitù che sono normalmente incluse all interno del discorso sul traffico. Un breve sguardo alla letteratura sulla schiavitù, tuttavia, rivela che la questione della schiavitù da debito e del debito come mezzo di auto-riduzione in schiavitù è centrale negli studi storici sulle società schiavistiche. 4 Due storici della schiavitù in Africa, in particolare, Toyin Falola e Paul Lovejoy, considerano il tema di importanza centrale per una comprensione delle questioni relative all indebitamento, al controllo della manodopera, al genere ed ai flussi di capitale in società che erano imperfettamente connesse con i mercati mondiali 5. Analizzando l istituzione del peonage 6 in Africa, essi ne studiano la trasformazione da meccanismo di riparazione del debito a sistema di riduzione in schiavitù di persone libere durante il periodo della tratta degli schiavi attraverso l Atlantico e della penetrazione del capitalismo in Africa. Dalla loro ricerca sembra che durante il XIX secolo le persone indebitate offrivano se stessi o membri della loro famiglia come peon (cioè come manodopera servile) con il rischio o la consapevolezza più o meno conscia che prima o poi sarebbero stati venduti come schiavi. Come osserva Toyin Falola nella sua analisi della schiavitù e del sistema di peonage nell economia yoruba, durante il commercio degli schiavi, e persino dopo la sua abolizione, quando gli schiavi della regione Yoruba dell Africa occidentale continuavano ad essere esportati in Brasile e a Cuba, il sistema di peonage divenne inestricabilmente legato alla domanda di manodopera servile in Africa, prodotta dalla intensificazione della produzione orientata all esportazione. Sia la schiavitù che il sistema di peonage, in quanto istituzioni servili, si svilupparono ampiamente in una delle aree più importanti da cui gli schiavi venivano esportati nelle Americhe 7. Scrivendo sulle connessioni tra il sistema di peonage, il colonialismo ed i rapporti di genere in Africa, la storica Jean Allman osserva che, dopo la sua abolizione agli inizi del XX secolo, il sistema di peonage 4

5 continuò a sopravvivere negli anni 40 nella forma del matrimonio, sottolineando che il sistema di peonage durante il dominio coloniale declinò in modo discontinuo, ambiguo e in forte connessione con i rapporti di genere, il che ebbe un impatto profondo sui rapporti coniugali 8. Altri antropologi e storici hanno dimostrato che, in Nigeria, il sistema di peonage detto iwofa si intrecciava in modo particolare con i rapporti di genere e con l istituto del matrimonio, esso stesso un meccanismo di riparazione dei debiti attraverso il sistema del prezzo della sposa 9. L analisi storica dei collegamenti tra il sistema di peonage e la schiavitù, mentre in se stessa testimonia delle continuità esistenti tra la schiavitù e le altre forme di lavoro servile, è importante anche per capire il rapporto tra debito e stigma, e come questo rapporto dipende dal modo in cui cambiano le percezioni di ciò che costituiscono modalità lecite e moralmente giustificate di superare le difficoltà economiche, come vedremo qui di seguito. Essa è utile anche per la comprensione delle interconnessioni tra il mondo economico e quello socio-culturale, tra i rapporti astratti di mercato e i rapporti personali di potere, e di come il significato di debito possa cambiare a seconda delle diverse combinazioni di condizioni strutturali, valori sociali prevalenti e di persone coinvolte, sia quelle indebitate che quelle che offrono servizi di credito illegali. Più in generale, la questione del debito può essere analizzata dalla prospettiva del denaro e del suo significato socio-culturale. Viviane Zelizer, ad esempio, nella sua analisi dei vari aspetti relazionali dello scambio monetario nelle società capitalistiche avanzate, osserva che l introduzione del denaro in una data società non trasforma quest ultima in un mondo fatto di relazioni più razionali, impersonali, o astratti. Il denaro, ben lontano dall essere un fenomeno puramente numerico, è soggetto ad essere contrassegnato, in modo tale che si possa distinguere tra denaro sporco o pulito, domestico o destinato alla beneficenza, mancia o salario, differenziazioni che costituiscono una caratteristica centrale delle economie capitalistiche avanzate 10. Uno degli aspetti della monetizzazione dei rapporti sociali consiste non soltanto nel fatto che gli scambi sociali sono mercificati ed influenzati dal denaro, ma anche che il denaro stesso acquista diversi valori e significati a seconda dei contesti sociali in cui esso viene scambiato, dei modi in cui viene usato, dei beni che esso acquista, della sua provenienza e delle persone che lo posseggono. La differenziazione del denaro, allora, è parte integrante della società consumistica moderna, dove spendere diventa una pratica economica centrale e un attività culturale e sociale dinamica e complessa 11. Inoltre, è proprio nella sfera privata che contrassegnare denaro acquista maggior significato, in quanto Le persone si sforzano di creare denaro designato a gestire rapporti sociali complessi che esprimono intimità ma anche disuguaglianza, amore ma anche potere, cura ma anche controllo, solidarietà ma anche conflitto. Il punto non è che queste aree della vita sociale hanno coraggiosamente resistito alla mercificazione. Al contrario, essi hanno prontamente assorbito il denaro, trasformandolo per adattarlo ad una varietà di valori e rapporti sociali. 12 5

6 Mentre il genere, come variabile che attraversa i vari setting sociali, è di particolare importanza in questo processo, altri elementi, come l età, la razza e l etnia, sono menzionati dalla Zelizer come altrettanti variabili che danno forma agli usi, ai significati ed all allocazione del denaro. La pratica di contrassegnare il denaro, comunque, non è limitata alla sfera sociale privata, ma riguarda anche l area del mercato, dove agli sforzi governativi di dar vita ad un progetto di moneta legale uniforme si aggiungono sistemi di scambio sempre più creativi, dalla carta di credito ai trasferimenti elettronici di denaro, depositi bancari diretti, shopping domestico computerizzato, e così via. La Zelizer conclude riconoscendo che, dal momento che il denaro si moltiplica e penetra in tutti gli aspetti della vita umana, le persone si sforzano di gestire i loro complicati legami sociali e rapporti a lunga distanza, ed uno dei modi per farlo è attraverso la differenziazione del denaro per soddisfare i loro complessi bisogni sociali. Uno dei modi in cui il denaro è costantemente creato e moltiplicato in una società consumistica è attraverso la creazione di sistemi di credito. Già negli anni 70, Daniel Bell legava la creazione delle banche commerciali negli Stati Uniti attraverso il Banking Act del 1933, e l istituzione di compagnie finanziarie che incoraggiavano il credito per i consumatori, ai modi in cui i governi occidentali in generale dovevano gestire economie capitalistiche avanzate caratterizzate da pressioni inflazionistiche persistenti, carenza cronica di capitale e ricorrenti crisi di liquidità 13. La sua analisi è ancora valida nella misura in cui l impegno verso la crescita economica continua a creare una serie di aspettative economiche e culturali. Questo porta sia le famiglie che l economia in generale a vivere al di là dei propri mezzi attraverso il prestito, con la conseguenza che il perseguimento dei piaceri e della felicità è sempre più raggiunto subordinando l interesse pubblico ai desideri privati del singolo, che nelle società occidentali moderne si esprimono sia attraverso interessi economici di accumulazione da perseguire nel mercato, che attraverso l accrescimento egotistico permesso da stili di vita specifici presi dal repertorio delle culture del mondo 14. Naturalmente, l accrescimento egoistico e il perseguimento del benessere economico vanno molto spesso insieme e possono prendere forme lecite e illecite, poiché la ricchezza e il perseguimento della proprietà possono essere ottenuti attraverso canali legali o illegali. Questo ci porta di nuovo al problema del debito e dello stigma, che sono così importanti nel discorso sulla tratta e in contesti di migrazioni in generale. Il debito, come il denaro, può avere diversi significati a seconda dei contesti culturali ed economici dove esso prende luogo. Per spostare l attenzione nell Italia contemporanea, Alessandro Dal Lago ed Emilio Quadrelli, nell analizzare i sistemi di credito illegali e processi di indebitamento, fanno dei collegamenti tra sistemi di credito illegali, l economia di sussistenza e le ineguaglianze strutturali nel mondo contemporaneo 15. L indebitamento, quando ha luogo in contesti marginali, acquista un significato negativo perché esso rivela la debolezza delle vittime che devono ricorrere al credito illegale, e in generale lo stigma legato al debito e ai mercati del credito in contesti 6

7 di povertà vuol dire che, mentre la maggior parte degli attori coinvolti rimane invisibile, nascosto nell economia informale e sommerso nella lotta quotidiana per la sopravvivenza, altri attori, come i lavoratori immigrati irregolari, attraggono l attenzione pubblica, poiché essi sono particolarmente a rischio di scivolare nel lavoro servile e in situazioni simili alla schiavitù 16. Mentre ciò è vero in molti casi di lavoratori immigrati senza documenti, da un punto di vista sociologico, un lavoratore immigrato irregolare che è costretto a lavorare per una paga estremamente bassa per paura di essere espulso, non è diverso dal piccolo imprenditore italiano che perde il controllo della sua azienda perché si è indebitato con gli usurai ed è costretto a lavorare per questi ultimi 17. La ragion d essere di tutti i sistemi di credito illegale è l appropriazione della proprietà, e quando la proprietà coincide con la persona fisica, come quando il debitore non ha altri mezzi di pagamento se non il suo corpo, l indebitamento porta alla servitù. Ciò è vero per l imprenditore italiano che perde il controllo della sua azienda e diventa dipendente dai suoi usurai come è vero per la figlia di una donna indebitata che è costretta a vendere servizi sessuali per ripagare gli usurai, due casi riportati da Dal Lago e Quadrelli. Ciò non ci dovrebbe indurre a concludere che tutte le forme di scambio che non hanno come oggetto la persona fisica come proprietà sono preferibili a quelli che hanno come oggetto la persona fisica, e particolarmente le parti più intime del corpo, come nel caso dei servizi sessuali. A dire il vero, la cessione di manodopera in cambio di servizi ha luogo in molti contesti sociali che non sono legati a situazioni di indebitamento, e Dal Lago e Quadrelli forniscono l esempio del lavoro volontario e del sistema di apprendistato all interno delle aziende. Comunque sia, gli aspetti personali e simbolici impliciti negli scambi lavoro-servizi diventano particolarmente visibili nel mondo illegale, notoriamente quando esiste un associazione con grosse organizzazioni mafiose e con immigrati irregolari che cedono il loro lavoro per ottenere servizi come biglietti di viaggio e visto; e questo è un aspetto che emerge chiaramente dalle interviste con attori che descrivono l indebitamento delle prostitute immigrate, come vedremo nella prossima sezione. 2. Rappresentazioni del debito nella tratta per sfruttamento sessuale Nelle narrative fornite dagli attore chiave che lavorano nei programmi di protezione sociale per le vittime di tratta, l indebitamento sembra acquistare un ulteriore significato che va oltre le questioni di domanda e offerta, siano esse legate a diversi sistemi di credito o a servizi di emigrazione. L effetto di questo significato tradizionale del debito nel contesto delle migrazioni illegali e nel discorso sulla tratta è visto come parte di un meccanismo di riduzione in schiavitù che intrappola la vittima e la sua famiglia in una situazione di sfruttamento: Il debito fa parte del sistema della tratta. Il debito è il primo meccanismo che innesca l intero processo della tratta. Esso è, come la mancanza di passaporto, uno di quegli elementi che mantiene la vittima legata ai suoi sfruttatori. Se non è il debito è il passaporto, se non è il passaporto dicono se scappi uccideremo i tuoi figli

8 Il debito è un mezzo usato dai trafficanti per mantenerli sotto controllo Perché anche dopo che le ragazze finiscono di pagare il loro debito loro [i trafficanti] direbbero sempre che devono ancora dare soldi C e sempre un debito, altrimenti chi li porterebbe qui? È un aspetto economico che viene usato come minaccia, è che semplicemente vogliono continuare a sfruttarli 19. Ti indebiti comunque, e devi pagare grandi somme di denaro, che puoi ripagare solo se lavori parecchie ore al giorno. Una volta in Italia si ritrovano a lavorare in circostanze brutali, nelle strade, nelle macchine o appoggiata ad un lampione stradale è molto più degradante, non puoi scegliere i tuoi clienti, come quando scegli consapevolmente di lavorare come prostituta 20. Il tipo di debito che emerge dalle narrative sulla tratta sembrano oltremodo rimosse dalla maggior parte delle forme di indebitamento che hanno luogo in molti paesi occidentali e non occidentali, e, ancora una volta, il genere è un aspetto importante che incide sulla stigmatizzazione del debito in contesti dove migrazione e sessualità sono implicate. Ciò che più di ogni altra cosa distinguerebbe l indebitamento delle donne immigrate è il loro essere soggette ad una forma coatta di lavoro e la mancanza di protezione giuridica che, a quanto pare, lascerebbe le donne senza alcun controllo sul loro tempo, il lavoro e la loro stessa vita. Si consideri la distinzione che fa questo poliziotto tra gli italiani che devono lavorare perché indebitati e le prostitute immigrate indebitate: Se debbo lavorare perché devo dare dei soldi agli usurai posso sempre andare al cinema la sera, posso sempre denunciare gli usurai. Le prostitute sono picchiate, sono chiuse a chiave. Si indebitano perché hanno bisogno di soldi per partire in primo luogo. Naturalmente tutti quelli che emigrano spesso si indebitano, il problema è come paghi il debito. Una cosa è pagarlo attraverso un normale lavoro, un altra cosa è essere costretti a pagare attraverso la prostituzione. Nel caso di queste donne, una volta arrivate in Italia, gli viene detto adesso devi lavorare per noi. Alla fine lavorano per mesi, anni, forse non per anni poiché riescono sempre a scappare una volta che familiarizzano con il luogo in cui si trovano 21 Mentre, come Dal Lago e Quadrelli mostrano nella loro etnografia sul crimine, la perdita della proprietà e del controllo sul proprio lavoro e sul proprio tempo è qualcosa che succede anche a cittadini italiani che vengono colti da improvvisa crisi economica (come fu il caso in Italia durante gli anni 90), credo che la ragione per cui questo ultimo intervistato considera l indebitamento degli italiani e quello delle donne immigrate come due problemi completamente diversi ha a che fare con il modo in cui i processi di stigmatizzazione e di marginalizzazione sono costruiti secondo nozioni di cittadinanza che tengono conto del genere e della sessualità delle persone considerate schiave per via del debito. Il legame tra indebitamento e schiavitù sessuale è evidente nelle narrative sulla tratta e la schiavitù sessuale presentate dagli intervistati. Queste narrative suggeriscono che l indebitamento, come la schiavitù medesima, è utilizzata come metafora per gruppi di donne la cui 8

9 Alterità viene costruita a partire dal loro lavoro sessuale e dal fatto che vengono da contesti poveri. Mentre molti tra gli intervistati riconoscono che altri lavoratori immigrati hanno contratto un qualche debito, e che il debito fa parte dell esperienza migratoria, c è una distinzione che viene fatta tra i lavoratori immigrati indebitati e le prostitute indebitate, e tra diversi gruppi di lavoratrici immigrate: Nei casi di domestiche brasiliane queste potevano uscire, la loro libertà di movimento non era limitata. Se non uscivano era perché non avevano i documenti e avevano paura della polizia se venivano scoperte dalla polizia e mandate in Brasile prima che pagavano il loro debito non avrebbero saputo come ripagarlo Ma queste donne avevano scelto di lavorare in questo modo Una volta pagato il debito erano libere di andare dove volevano. Nel caso della prostituzione il debito non poteva essere ripagato, perché i loro sfruttatori prendevano tutto il denaro. Questo accade in tutti i casi di prostituzione Per le nigeriane è diverso. Queste lasciano il loro paese con un altra donna che ha anche lavorato come prostituta precedentemente. Contrattano un debito con questa donna, ma non sanno a quanto ammonta il loro debito. Solo quando arrivano in Italia scoprono quanto denaro debbono dare alla donna. Così sono costrette a lavorare come prostitute fino all estinzione del debito, poi sono libere di lavorare indipendentemente se vogliono 22. Alle ragazze [nigeriane]viene promesso un buon lavoro in Italia, si indebitano per pagare le spese di viaggio e visto. Spesso quelle che sono venute attraverso il debito diventano anch esse sfruttatrici 23. In queste narrative, come in molte narrative sulla nuova schiavitù delle donne che lavorano nella prostituzione, troviamo tensioni e contraddizioni tra resoconti che dipingono l indebitamento come un meccanismo di coercizione e controllo che vale solo per le prostitute immigrate e resoconti che ammettono che le donne immigrate che lavorano nella prostituzione, in particolare le donne nigeriane, riescono a pagare i loro debiti e a lavorare indipendentemente nella prostituzione, o persino a mettersi in proprio reclutando altre donne dopo che saldano il loro debito. Adesso vorrei spostare l attenzione a come le donne immigrate stesse percepiscono e raccontano la loro esperienza di indebitamento e di lavoro nell industria del sesso. 3. Il debito raccontato dalle donne immigrate La tensione tra racconti che dipingono il debito come riduzione in schiavitù e perdita di controllo e racconti che lasciano spazi di libertà e di azione è più marcata quando spostiamo lo sguardo ai resoconti forniti dalle donne sulle loro esperienze di indebitamento. Mentre nei racconti degli attori chiave la questione del debito veniva usata per dipingere una situazione che era considerata, in modo quasi uniforme, come schiavitù, nel leggere le storie che raccontano le donne immigrate circa i loro debiti possiamo trovare un quadro con più sfumature riguardante le loro esperienze e le relazione stabilite tra loro ed i loro sfruttatori/creditori. Nei loro racconti, il debito non assume più le caratteristiche della schiavitù da debito, o di un fenomeno che comunque è diverso dal debito cui le persone comuni incorrono nella 9

10 maggior parte del mondo. Al contrario, esso appare come qualcosa di più ordinario, una situazione difficile che esse possono e vogliono affrontare nella maggior parte dei casi. Ad esempio, le intervistate nigeriane, le quali tipicamente usano l assistenza di terzi verso i quali si indebitano, esprimono chiaramente un misto di sentimenti circa le persone che le hanno aiutate con il viaggio e i documenti, come possiamo vedere da questo estratto di intervista con una donna nigeriana inserita in un programma di protezione sociale a Palermo: Noi ragazze della Nigeria sappiamo che soffriamo, ecco perchè veniamo qui. Ma la madam ci chiede troppi soldi 40 mila Euro. Tutti loro ti chiedono un sacco di soldi. Ma è buono che ci hanno portate qui. In un modo ci hanno aiutato. Sono secondi solo a Gesù 24 La relazione con coloro che le hanno portate in Italia è percepita in particolare dalle mie intervistate nigeriane in termini molto pratici; si può dire che il tipo di contratto stabilito tra loro e coloro che hanno facilitato la loro migrazione sia di natura imprenditoriale. Ciò non è in contraddizione con una ricerca svolta nel 1996 dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) sul traffico in Italia, la quale indicava che la maggior parte delle donne trafficate per sfruttamento sessuale avevano stabilito un minimo di accordo con i loro trafficanti, mentre un solo caso di rapimento veniva segnalato 25. Lo stesso studio trovava che nel 1995, sia le donne nigeriane che le donne albanesi che arrivavano in Italia erano al corrente del fatto che, una volta in Italia, avrebbero dovuto lavorare come prostitute per ripagare I debiti che avevano contratto alla partenza. Ciò vuol dire che queste donne danno un senso alla loro situazione, invece di rimanere totalmente passive di fronte al destino; ciò anche in un contesto che lascia ampio spazio per abusi e sfruttamento, come nel seguente caso riguardante una donna nigeriana di 25 anni che lavora sulla strada: È normale che le persone che ti aiutano a venire qui vogliono soldi, e non possono chiedere la stessa somma che spendono capisci se compri qualcosa non lo puoi vendere per lo stesso prezzo. Se dovessi aiutare mia sorella a venire qui la porterei gratis, non chiederei soldi, ma ci sono persone che portano ragazze che non sono della loro famiglia, non sono sorelle perciò chiedono dei soldi chiedono i soldi che spendono per portarle qui Questi soldi che usano per portarle qui le useranno per pagare per altre cinque (ragazze), ma dopo che tu paghi il debito possono trovare un modo per farti pagare ancora più soldi, e questo non è giusto. Se non paghi ti minacciano dicono che uccideranno tua madre, e lo faranno alcune persone sono oneste ma altre sono cattive, e le cattive sono più delle oneste per me, ci è voluto un anno per pagare i miei debiti. Non devo pagare nessuno adesso. Posso lavorare ancora per un po e poi smettere. 26. In molta letteratura sulla tratta, le condizioni relative alla migrazione su lunghe distanze, il conseguente debito, ed il lavoro nel mercato del sesso, tendono ad essere uniformemente equiparate a situazioni di schiavitù da debito. Liz Kelly, ad esempio, rende problematica la nozione di scelta in contesti dove le donne difficilmente si possono permettere di viaggiare da un continente all altro 27. Secondo lei, il 10

11 solo fatto che le donne arrivino con considerevoli debiti e che trovino lavoro nei mercati del sesso migliaia di miglia distanti attraverso facilitazioni, o addirittura il diretto reclutamento, significa che le loro circostanze non possono essere molto diverse da quelle di donne schiavizzate e trafficate attraverso il debito 28. Eppure, le interviste con le donne migranti rivelano che, persino nei contesti più limitanti menzionati dalla Kelly, l indebitamento non può essere letto solamente in termini di schiavitù da debito, e non possiamo ignorare l impatto positivo della capacità di agire in quei contesti. In particolare, il fatto stesso che le reti nigeriane sono formate principalmente da donne che hanno il ruolo sia di reclutatrici che di prostitute in un organizzazione gerarchica che permette un avanzamento di carriera, squalifica l argomentazione della Kelly che le estreme ineguaglianze strutturali e la violenza di genere riduce lo spazio di azione delle donne, mentre simultaneamente incrementa quello degli uomini 29. Le donne vedono la loro situazione di debito in termini molto realistici, cosicché spesso possono stabilire per quanto tempo lavoreranno per restituire il denaro ai loro agenti, sono nelle condizioni di resistere i tentativi di questi ultimi di estorcere tassi di interessi estremamente alti, e possono persino scappare se lo vogliono: La donna [sfruttatrice] diceva che se volevo potevo ritornare a casa ma che prima dovevo restituire i soldi [45,000 Euro]. Cosa potevo fare? Le ho dato metà dei soldi che mi ha chiesto, poi sono scappata perché ero determinate a non scopare tutti questi uomini mentre lei stava seduta comodamente e mangiava a casa 30. Tutto questo pone attenzione al modo semplicistico in cui, nell ambito del discorso sulla tratta, vengono fatti collegamenti tra il crimine organizzato e la schiavitù da debito ogni qualvolta le donne si spostano attraverso i continenti. Da un lato, come viene osservato da Julia O Connell Davidson, esiste una varietà di modelli di pratica di business da parte degli agenti intermediari che offrono servizi, i quali non sono tutti interessati allo sfruttamento a oltranza o all uso della violenza, e possono semplicemente desiderare di recuperare le loro spese in viaggi e documenti e le quote spese per i servizi 31. Dall altro canto, le storie di migrazione e prostituzione raccontate dalle mie intervistate nigeriane e, come vedremo, colombiane che si sono mosse su grandi distanze, riflettono nel complesso ciò che dice Allison Murray circa le donne tailandesi che vanno in Australia per lavorare nell industria del sesso, e cioè che la maggior parte di queste donne contrattano liberamente, e, se riescono a ripagare i loro debiti, possono a loro volta reclutare ragazze o gestire bordelli 32. Nel loro insieme, questi casi, espongono la natura problematica dell espressione schiavitù da debito (o debt-bondage), che è spesso usata nella letteratura sulla tratta di esseri umani per rendere patologico il debito per alcuni gruppi di migranti e, a dire della Murray, per perpetuare lo stereotipo della vittima indifesa. L estratto di intervista con una donna colombiana di 38 anni che rifiuta di essere aiutata con l articolo 18, illustra come l indebitamento può avere diverse forme, ed anche quando implica l estorsione, può essere accettato come onere temporaneo: 11

12 In Colombia lavoravo per una donna che forniva i clienti, un amica mi ha anche prestato dei soldi per venire in Italia, cosicché parte dei soldi li ho guadagnati da sola, parte li ho presi in prestito. Li ho restituiti senza interesse perché era un amica. Era così tra noi donne colombiane, ci aiutavamo a vicenda, perché c erano un sacco tra noi che volevano partire. Adesso non so se è ancora così Forse è cambiato perché ci sono un sacco di persone che sono invidiose, che vogliono solo approfittare Qui a Catania la gente non ne approfitta, lavori per te stessa. Mi ricordo che una volta mi hanno preso [i poliziotti]. Mi hanno mandato al mio paese, cosicché mi ritrovai lì senza soldi, non sapevo come ritornare in Italia. Un amica mi ha detto che conosceva una persona che mi avrebbe prestato dei soldi che avrei potuto restituire una volta in Italia l ammontare che dovevo restituire era il doppio, un sacco quell uomo faceva un sacco di soldi in quel modo. Quindi sì, suppongo che sono stata vittima di questo usuraio, ho dovuto pagare un sacco di soldi Comunque ho fatto una scelta, ho acconsentito di essere una vittima Ho lavorato per un anno per pagare quei soldi 33 Ciò che sul debito ha da dire un altra intervistata colombiana che lavora in strada alla periferia di Catania accanto alle donne nigeriane, illustra la complessità e la diversità del debito: Succede anche alle donne sudamericane. È vero. Si indebitano per venire in Italia. Se abbiamo una casa la dobbiamo ipotecare, o dobbiamo indebitarci con la banca. Costa Euro per venire in Italia, perché se non hai documenti altre persone devono fornirti le carte Sono cose che non si dicono, ma è così, è la vita C è corruzione. Ma voglio che sia chiaro. Sono le persone con i colletti bianchi che lavorano nelle varie ambasciate che sono veramente corrotte, non quelle che cercano di partire per sostenere le loro famiglie è la burocrazia, i politici che sono corrotti noi siamo solo atomi, non abbiamo alcun potere, non possiamo fare niente e non abbiamo niente che fare con loro. Quando penso all Africa, a quei bambini che muoiono di fame, alle donne malate, penso che questa è corruzione, come quelle ragazze africane che vedo lavorare in strada con me 34 Conclusioni Lo studio dell esperienza migratoria e del lavoro sessuale delle donne migranti rivela alcuni dei problemi connessi alle teorie sulla scelta e sul lavoro libero e coatto, e su come queste teorie sono spesso astratte, non inserite cioè nei vari contesti sociali, economici e politici. I resoconti di quelle esperienze mostrano come nel contesto della tratta a scopo di sfruttamento sessuale possiamo ben ritrovarci di fronte al paradosso di Dawson riguardo al consenso, cui ho fatto riferimento nell introduzione a questo articolo. Ciò vuol dire che l uso della metafora sulla schiavitù per queste donne migranti presenta in termini sociali ed economici gli stessi problemi e le stesse contraddizioni che troviamo nei resoconti tradizionali della schiavitù come morte sociale 35, e che, come rileva Julie Saville, 12

13 Solo come simboli astratti, strappati dai contesti sociali, possono la schiavitù e la libertà essere costruite per denotare condizioni opposte e prive di relazioni tra loro. Sia essa analizzata come fenomeno globale, come processo sociale, o come un modello dei rapporti di potere, la storia della schiavitù e della libertà è una questione di interrelazioni piuttosto che di antagonismi fissi 36. I dati di interviste esplorati in questo articolo indicano anche che i discorsi sulla schiavitù e sulla tratta connessi al debito non sono adeguati a spiegare le condizioni delle donne migranti che lavorano nel mercato del sesso in Italia. D altro canto, le narrative fornite dagli attori chiave che lavorano nei programmi di protezione sociale riflettono una concezione della nuova schiavitù che, così come elaborata negli ultimi dieci anni dai media, dal volontariato sociale nonché in ambiti accademici, rimane focalizzata sulla tratta/migrazione forzata di persone che si muovono dai paesi poveri alle regioni ricche occidentali, sul crimine transnazionale e sulla prostituzione come settore speciale dove hanno luogo abusi e pratiche simili alla schiavitù, dove le vittime sono prevalentemente donne e ragazze. Questa visione, credo sia basata sull assunto di una fondamentale dicotomia tra paesi ricchi/civili/occidentali/democratici/moderni e paesi poveri/incivili/non-occidentali/non-democratici/tradizionali. Il materiale raccolto sul campo che presenta i punti di vista degli attori chiave circa le questioni di tratta, schiavitù, prostituzione e debito rivelano un interpretazione simile dello sfruttamento contemporaneo del lavoro migrante nei termini dei summenzionati dualismi. I dati di interviste con donne migranti, tuttavia, suggeriscono nel loro complesso che le donne immigrate non vivono la prostituzione come schiavitù nè in un senso economico (come sfruttamento del lavoro) nè in un senso sociale, nè tanto meno come morte sociale, nel senso inteso da Patterson. Mentre le donne immigrate che si prostituiscono sono socialmente stigmatizzate come immigrate senza documenti, come prostitute e come individui che vengono spesso fatte oggetto di razzismo in quanto membri di culture inferiori, l evidenza empirica suggerisce che la prostituzione, ben lontano dall essere il principale problema delle donne immigrate, è un mezzo che in molti casi, e talvolta a duro prezzo, permette alle donne (sia quelle che ancora lavorano nella prostituzione che quelle che ne sono uscite tramite i programmi di protezione sociale) di cambiare le loro circostanze materiali sia nel paese di destinazione che nei loro paesi di origine, aprendo opportunità per i loro bambini e per se stesse. 1 Robert Steinfeld, Coercion, Contract, and Free Labor in the Nineteenth Century (Cambridge: Cambridge University Press, 2001), Ibid., Ibid., Orlando Patterson (1982) osserva, ad esempio, che, mentre la schiavitù da debito deve essere distinta dalla vera schiavitù, il fatto rimane che in tutte le società dove 13

14 esisteva la schiavitù da debito, la possibilità che lo schiavo per debito cadesse nella schiavitù permanente era sempre presente. Vedi Orlando Patterson, Slavery and Social Death. A comparative study (Cambridge, M.A.: Harvard University Press, 1982), Toyin Falola e Paul E. Lovejoy, Pawnship in Historical Perspective, in Pawnship, Slavery, and Colonialism in Africa, Ed. Paul E. Lovejoy e Toyin Falola. (Trenton and Asmara: Africa World Press, 2003), 2. 6 Termine intraducibile che si riferisce al sistema di lavoro servile a cui sono sottoposti i peon ( o anche pawns, da cui pawnship), cioè coloro la cui manodopera viene usata come collaterale per estinguere un debito. 7 Toyin Falola, Slavery and Pawnship in the Yoruba Economy of the Nineteenth Century, in Pawnship, Slavery, and Colonialism in Africa, Ed. Paul E. Lovejoy e Toyin Falola (Trenton and Asmara: Africa World Press, 2003), Jean Allman, Rounding up Spinsters: gender chaos and unmarried women in colonial Asante, in Wicked Women and the Reconfiguration of Gender in Africa, ed. Dorothy L. Hodgson e Shirley A. McCurdy (Portsmouth, Oxford, Cape Town: Social History of Africa, 2001), 145, n Judith Byfield, Women, Marriage, Divorce and the Emerging Colonial State in Abeokuta (Nigeria) , in Wicked Women and the Reconfiguration of Gender in Africa, ed. Dorothy L. Hodgson e Shirley A. McCurdy (Portsmouth, Oxford, Cape Town: Social History of Africa, 2001). Vedi anche Falola e Lovejoy (2003). 10 Viviane Zelizer, The Social Meaning of Money (New York: Basic Books, 1994), Ibid., Ibid., Daniel Bell, The Cultural Contradictions of Capitalism (New York: Basic Books, 1976). 14 Ibid., Alessandro Dal Lago e Emilio Quadrelli, La Città e le Ombre. Crimini, criminali, cittadini (Milano: Feltrinelli, 2003). 16 Ibid. 17 Ibid. 18 Psicologa3, Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (OIM), Roma. 19 Ufficiale carabinieri1, Roma. 20 Coordinatrice progetto protezione sociale1e, Catania. 21 Ufficiale polizia1, Lecce 22 Ufficiale polizia2, Lecce. 23 Ufficiale polizia donna1, Catania. 24 Vittima di tratta1, Palermo. 25 OIM, Trafficking in Women to Italy for Sexual Exploitation (Budapest: Migration Information Programme. International Organisation for Migrations, 1996). 26 Lavoratrice sessuale4, Catania. 27 Liz Kelly, The wrong debate: reflections on why force is not the key issue with respect to trafficking in women for sexual exploitation, Feminist Review 73 (2003), pp , 141. Vedi anche della stessa autrice The perils of inclusion and exclusion: international debates on the status of trafficked women as victims, International Review of Victimology 11 (2004), pp Kelly, 2003, Ibid., Vittima di tratta3, Catania. 31 Julia O Connell Davidson, Children in the Global Sex Trade (Cambridge: Polity Press, 2005), Alison Murray, Debt-Bondage and Trafficking. Don t Believe the Hype, in Global Sex Workers. Rights, Resistance, and Redefinition, ed. Kamala Kempadoo e Jo Doezema (New York and London: Routledge, 1998), Lavoratrice sessuale1, Catania. 34 Lavoratrice sessuale2, Catania. 35 Patterson, op. cit. 36 Julie Saville, Rites and Power: Reflections on Slavery, Freedom and Political Ritual, Slavery & Abolition 20 (1999), pp ,

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli