PIANO dell OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO dell OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 PIANO dell OFFERTA FORMATIVA Redatto in data: aprile 2013 Aggiornato il: 14 Febbraio 2014 Il Dirigente Scolastico Dott. Giorgio Galanti

2 Sommario PREMESSA... 3 FINALITÀ EDUCATIVE... 3 AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO COME POLITICA DELLA QUALITÀ... 3 FINALITÀ... 3 FUNZIONIGRAMMA: Anno Scolastico ORGANIGRAMMA: Anno Scolastico STORIA DELL ISTITUTO... 7 GLI SPAZI... 8 ORARIO SCOLASTICO... 8 COMUNICAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA... 9 CALENDARIO SCOLASTICO... 9 ORGANI COLLEGIALI GLI INDIRIZZI Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico: Sistema Moda Istituto Professionale per il settore industria e artigianato: Produzioni tessili e sartoriali Istruzione e Formazione Professionale (IeFP): Operatore dell'abbigliamento-sartoria Tecnico dell abbigliamento (4 ) Istituto Professionale per il settore dei Servizi: Promozione commerciale pubblicitaria Istruzione e Formazione Professionale (IeFP): Operatore grafico multimedia Tecnico grafico (4 ) INCLUSIONE ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO PROGETTI ATTIVITA DI ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA VALUTAZIONE PERIODICA TIPOLOGIE E NUMERO MINIMO DELLE VERIFICHE CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA INDICATORI PER LA VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE FINALE COMUNICAZIONE DEI RISULTATI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL PRIMO BIENNIO ESAMI DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CREDITI SCOLASTICI CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO ATTIVITA DI RECUPERO ANNO SCOLASTICO 2013/ Pagina 2

3 PREMESSA Una cultura che immagini, non solo una cultura delle immagini è la mission che sintetizza l intera offerta formativa nei settori della Moda e della Grafica, i due volti del nostro progetto di scuola i quali, integrandosi, offrono ai nostri alunni uno sguardo acuto verso un futuro da inventare. Immaginare è anche anticipare, saper cogliere nel presente tendenze, segnali, nuovi partner, semi, che elaborati prefigurino forme e colori del domani nel campo dell artigianato e dell azienda ma anche dell arte, della pubblicità e delle attività espressive. FINALITÀ EDUCATIVE Le finalità che intendiamo perseguire nella nostra azione educativa integrata all azione di istruzione, si rif alle dichiarazioni effettuate dalle istituzioni internazionali ed europee che si sono espresse autorevolmente in tal senso ed evidentemente alla Costituzione della nostra Repubblica ma contemplano anche la specificità del contesto scolastico e ne f strumento essenziale (per esempio nella valorizzazione dell esperienza di gruppo e nell utilizzo della cooperazione fra pari) per la messa in atto di processi educativi mirati al percorso evolutivo personale, civico e professionale dei singoli studenti Punti essenziali del percorso formativo sono: Educare ai valori della libertà e del rispetto di sé e degli altri Educare ai valori della nuova cittadinanza europea in un contesto multiculturale Educare alla cooperazione e allo sviluppo Creare le condizioni ambientali favorevoli alla crescita umana, culturale e professionale degli studenti AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO COME POLITICA DELLA QUALITÀ Al termine di un percorso di sviluppo e controllo della qualità dell erogazione del servizio avviato nel 2008, affidato a un Ente certificatore esterno, a partire dal presente scolastico le competenze acquisite durante le precedenti fasi sar spese per dare inizio a un percorso di autovalutazione d istituto in coerenza con le disposizioni più attuali in materia. Tale percorso contemplerà comunque anche il monitoraggio e l esito dei questionari di customer satisfaction e porterà una maggior consapevolezza fra il personale dei meccanismi regolativi della qualità. Consapevolezza che sarà alla base dell aggiornamento e miglioramento dell offerta formativa. Alcuni temi dell innovazione e del miglioramento della qualità sono: la relazione tra dirigenza, personale e tutti gli stakeholder il processo di delega finalizzato alla condivisione delle responsabilità nelle scelte di natura collegiale la predisposizione delle condizioni ottimali per lo sviluppo delle professionalità chiamate a realizzare il sistema formativo dell Istituto l improntare a criteri di efficienza, tempestività, correttezza, trasparenza, riservatezza il lavoro amministrativo che sostiene l azione didattica il miglioramento del controllo di gestione delle risorse umane e finanziarie la comunicazione interna ed esterna la collaborazione con Enti locali e forze sociali ed economiche operanti sul territorio, per favorire esperienze di integrazione tra istruzione e formazione e di alternanza scuola lavoro. FINALITÀ E cura della Direzione definire con periodicità annuale gli obiettivi specifici di analisi, misurazione e miglioramento che intende perseguire e che si possono sintetizzare nei seguenti punti: curare lo sviluppo professionale del personale docente e ATA. migliorare la gestione del processo di progettazione sostenere il successo formativo anche attraverso un intervento educativo che, agendo sui contesti di vita scolastica, ponga le basi per un effettivo apprendimento confermare e/o migliorare la soddisfazione del cliente ampliare in modo consistente la collaborazione col territorio Pagina 3

4 FUNZIONIGRAMMA: ANNO SCOLASTICO FUNZIONE Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi Collaboratori di Presidenza Altri collaboratori Funzioni Strumentali POF Orientamento in ingresso Educazione alla Salute/Prevenzione Coordinamento attività educative Didattica per competenze Sistema di autovalutazione Responsabile Autovalutzione Responsabile Monitoraggio Gruppo dell autovalutazione Responsabili di Processo POF Alternanza Scuola/ Lavoro Program. ed Erog. Attività Didattica Intercultura L2 Orientamento in ingresso Passaggi Formazione del Personale Ed. Salute e Prevenzione Viaggi di istruzione Iscrizioni e Formazione classi Approvvigionamento Orientamento in Uscita/ Monitoraggio post diploma Commissioni Sicurezza Intercultura L2 Internazionalizzazione Orientamento in Ingresso Orientamento in Uscita Stage Alternanza- scuola lavoro Viaggi Benessere Sport POF Comunicazione Sito Passaggi Rimotivazione, Riorientamento Eventi: teatro, cinema e moda Elettorale Sostegno alunni DVA e GLI Formazione classi DSA Comitato di valutazione Commissione cultura Commissione competenze NOME Giorgio Galanti De Blasi D Amico, Colombini, Gallelli, Manfredi, Gregori Gregori De Poli Boscolo La Capria Esposito Praticò Peracchini Galanti, De Blasi, Anfossi, Gregori, Praticò, Masella Gregori Anfossi Galanti D Amico De Poli Oppizzi Galanti Boscolo Raffa Manfredi De Blasi (DSGA) Scibilia Daniele + gruppo di lavoro D Amico, Gregori Pantaleo De Poli, Ziccardi, Vignola, Spreggiaro, Violi, D Ambra Scibilia, Graglia, Orlando Anfossi, Spreggiaro, Campagna, Masella, Rosetta, Autunnale Raffa, Pantaleo, Sarno Colombini, Boscolo, D Angelo, Manfredi, Colautti, Dursi, Sarno Gregori, Mannarini, Orlando, Autunnale, Campagna D Errico, Stoduto Spreggiaro, Campagna, Autunnale, Signorino, Oppizzi + Comm. Bevar, Lo Dico, Sarno Ziccardi, Signorino, D Ambra, Mannarini, Autunnale, Scibilia Gallelli, Oprandi Docenti di sostegno Manfredi, Artiaco Ruggiero, Dell Abate, Perriello, Semeraro Anfossi, Fanucchi, Praticò, Sarno Manfredi, Mitta Lindo, Vecchiutti, Pantaleo Esposito, Perra, Rosetta, Costa, Paesano Pagina 4

5 Comitato Tecn./Scientifico In attesa di costituzione Coordinatori di materia Sostegno Lingua e letteratura italiana - Storia Inglese Spagnolo Matematica Scienze Chimica, Chimica e nobilitazione dei materiali Scienze e tecnologia tessile Diritto Economia aziendale Disegno Grafico/ Tecnologia e tecnica di rappresentazione grafica Storia dell Arte ed Espressioni Grafico visive (A025 e A061) Tecniche Professionali dei Servizi Commerciali (A007) Fotografia Disegno, Storia moda e Costume Laboratori tecnologici Religione Informatica Fisica Scienze Motorie Psicologia Coordinatori di dipartimento Artiaco Vecchiutti Sparacio Fiammenghi Stoduto Vaccaro Campagna Raffa Scaduto Cagnazzo Mannarini Orlando Violi Vignola Musci Pirovano D Errico Groppi Boscolo Dente In attesa di costituzione Responsabili di Laboratorio Moda Scienze - Fisica Foto Informatica Chimica Daniele Vaccaro, Lubello Violi D Errico Mattetti Milano, 29 ottobre 2013 Firma del DS... Pagina 5

6 ORGANIGRAMMA: ANNO SCOLASTICO Comitato tecnicoscientifico DIRIGENTE SCOLASTICO Consiglio di Istituto STAFF Collaboratori DS Gruppo autovalutazione di Istituto DSGA COLLEGIO DOCENTI Dipartimenti Consigli di materia ATA Ufficio Didattica Ufficio Personale Ufficio Contabilità Assistenti Tecnici Collaboratori Scolastici Funzioni Strumentali Consigli di percorso Consigli di Classe Commissioni Giunta Esecutiva Pagina 6

7 STORIA DELL ISTITUTO Il Caterina da Siena è l istituto storico di Milano che prepara gli operatori e i tecnici della moda e della grafica pubblicitaria da oltre cinquant anni. Situato nella zona est di Milano, tra piazzale Loreto e piazza Piola, facilmente raggiungibile sia con le linee 1 e 2 della metropolitana sia con un ampia rete di trasporti di superficie, accoglie studenti provenienti da un bacino di utenza che comprende l hinterland e l intera provincia. Da sempre il Caterina da Siena è attento sia ai bisogni formativi degli studenti sia ai processi di trasformazione delle figure professionali: oggi l istituto, in continuo rinnovamento, ha ampliato la sua offerta formativa per rispondere alle esigenze del mondo del lavoro, preparandosi a formare i professionisti della Moda e della Grafica Pubblicitaria anche in ambiti lavorativi diversi da quelli tradizionali, come quelli del web designer, della fotografia, dell organizzazione di eventi moda e a fornire le competenze necessarie alla frequenza di corsi universitari e post diploma. L Istituto propone un ampia e diversificata offerta formativa: Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico Indirizzo: Sistema Moda Articolazione: Tessile, Abbigliamento e Moda Istituto Professionale quinquennale per il settore industria e artigianato Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali Articolazione Artigianato Opzione: Produzioni tessili e sartoriali Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Operatore dell abbigliamento sartoria (triennale) Tecnico dell abbigliamento (4 ) Istituto Professionale quinquennale per il settore dei Servizi Indirizzo: Servizi Commerciali Opzione: Promozione Commerciale-Pubblicitaria Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Operatore grafico multimedia (triennale) Tecnico grafico (4 ) Sono presenti inoltre classi 5^ dell Istituto Professionale Settore Moda e Settore Grafica Pubblicitaria (vecchio ordinamento) che si avviano a concludere il percorso formativo iniziato. L Istituto Tecnico e l Istituto Professionale (Nuovo Ordinamento) h la durata di cinque anni al termine dei quali gli studenti sosterr gli esami di Stato per ottenere il diploma che consentirà loro sia l immissione nelle aziende di settore, sia la prosecuzione degli studi presso le Università o in corsi di istruzione tecnica superiore per il perfezionamento delle competenze acquisite. Pagina 7

8 Per gli studenti che aspirano ad acquisire competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro attraverso una formazione professionale di più breve durata, vi è la possibilità di frequentare i corsi IeFP (Istruzione e Formazione professionale), a ordinamento regionale che possono essere erogati dagli Istituti Professionali Statali in collaborazione con la Regione. Al termine del percorso gli studenti sosterr l esame per conseguire una Qualifica di secondo livello europeo; potr poi frequentare un IV di corso finalizzato al conseguimento di un Diploma europeo di tecnico professionale. La possiiblità di frequentare un quinto di preparazione all esame di maturità sarà verificata il prossimo in relazione alle proposte di Regione Lombardia GLI SPAZI L Istituto dispone di 52 aule per le classi e dei seguenti spazi didattici attrezzati: SPAZI DIDATTICI N. 1 Aula magna Nuovo spazio teatro (attrezzata per attività teatrali, convegni e videoconferenze) N. 1 Biblioteca N. 2 Palestre N. 7 Laboratori di informatica per il settore grafica (1 MAC e 6 PC) N. 1 Laboratori di informatica PC per il settore moda N. 1 Laboratorio di chimica N. 1 Laboratorio di fisica N. 1 Laboratorio di informatica di base N. 2 Laboratori di fotografia N. 1 Auletta per i corsi di italiano L2 N. 3 Laboratori di modellistica e confezione N. 2 Laboratori per realizzazione prodotto moda N. 3 Aule-classi attrezzate con Lavagne Interattive Multimediali N. 1 Laboratorio per alunni dva con attrezzatura informatica specifica e LIM N. 1 Aula per lo sportello psicologico N. 1 Aula multimedfiale e 1 aula video N. 1 Spazio attrezzato a infermeria N. 1 Spazio attrezzato per ricevimento genitori N. 1 Aula per attività alternativa alla religione ORARIO SCOLASTICO (Tutti i corsi sono a orario europeo: da lunedì a venerdì) L orario settimanale delle lezioni è articolato su 5 giorni con 6, 7 o 8 ore dal lunedì al venerdì, per un totale di 32 ore per le classi a nuovo ordinamento di 30 ore per le classi Quinte. ORARIO SETTIMANALE LEZIONI 1^ ora 8,25-9,15 2^ ora 9,15-10,15 3^ ora 10,15-11,15 4^ ora 11,15-12,05 Intervallo 12,05-12,30 5^ ora 12,30-13,30 6^ ora 13,30-14,25 7^ ora 14,25-15,15 8^ ora (solo per ed. fisica) 15,15-16,05 Pagina 8

9 COMUNICAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA Nella convinzione che la comunicazione scuola famiglia sia strategica per sviluppare un rapporto di collaborazione e sinergia educativa, vengono messe a disposizione, attraverso il sito della scuola, le informazioni utili relative al calendario e all orario scolastico, alle attività, alle circolari, all orario di ricevimento dei docenti e agli eventi culturali. E disponibile un area riservata in cui, con una password consegnata alle famiglie o agli studenti maggiorenni, è possibile conoscere l andamento scolastico attraverso la pubblicazione delle valutazioni per singola materia in corso d. I rapporti scuola famiglia sono affidati in prima istanza alla figura del coordinatore di classe che ha cura di tenere i contatti con la famiglia consentendole di essere aggiornata sul rendimento complessivo, sul numero di assenze e di ritardi effettuati dallo studente e sul suo comportamento. Ciascun docente settimanalmente mette a disposizione un ora per il ricevimento, secondo un orario pubblicato sul sito della scuola; le famiglie potr incontrare i singoli docenti nell'orario indicato, previo appuntamento. Sempre sul sito sono disponibili i titoli dei libri di testo e i programmi di ciascuna materia. CALENDARIO SCOLASTICO Il calendario scolastico è deliberato dal Consiglio di Istituto su indicazioni del Collegio Docenti in conformità con la normativa vigente. Per l scolastico 2013/14 le lezioni h in inizio il 19 settembre 2013 e terminano l 8 giugno Interruzioni dell attività didattica: previste dal Calendario Nazionale e Regionale: 1 Novembre 2013 dal 24 Dicembre 2013 al 6 Gennaio 2014 dal 17 aprile 2014 al 22 aprile Aprile Maggio giugno 2014 Inoltre, per effetto della delibera del Consiglio d Istituto del 16/10/2013, vengono sospese le lezioni il: 23 dicembre e 24 aprile marzo maggio 2014 Il Consiglio d Istituto ha deliberato la seguente articolazione del tempo scuola per il corrente scolastico: Settimana della didattica alternativa con corsi di recupero per gli studenti con esiti insufficienti dopo il primo quadrimestre e con attività di learning-week: 2 settimana di marzo Viaggi di istruzione: da metà marzo a metà aprile Pagina 9

10 ORGANI COLLEGIALI Il funzionamento dell Istituto è regolato dai seguenti organi collegiali: a) con potere deliberante: 1. Consiglio d Istituto, organo di gestione, composto da quattro genitori, di cui uno assume le funzioni di Presidente, dal Dirigente Scolastico, da quattro docenti e da quattro studenti; genitori, docenti e studenti vengono eletti dalla componente che rappresentano. Il Consiglio esprime al suo interno la Giunta Esecutiva, presieduta dal Dirigente Scolastico che è composta da un rappresentante per ciascuna componente e dal Direttore dei servizi amministrativi come membro di diritto. 2. Collegio dei Docenti, composto da tutti i docenti in servizio nell istituto, è presieduto dal Dirigente Scolastico. Le modalità di lavoro del Collegio prevedono la formazione di commissioni con compiti specifici e la nomina di docenti con funzioni dette strumentali, responsabili di segmenti strategici dell organizzazione didattica dell Istituto. 3. Consigli di Classe, composti dai docenti delle singole classi e dai rappresentanti dei genitori e degli studenti eletti, con il compito di seguire l andamento didattico curricolare e la progettazione delle attività anche integrative. b) con potere consultivo 1. Comitato dei genitori, in via di costituzione con indirizzo a cui i genitori interessati possono rivolgersi. 2. Comitato degli studenti, che si riunisce su convocazione, composto dai rappresentanti di classe e del Consiglio d eletti, rinnovato annualmente. GLI INDIRIZZI Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico Indirizzo Sistema Moda Articolazione Tessile, Abbigliamento e Moda Dal settembre 2010 al Caterina da Siena è stato aperto l Istituto tecnico per il Sistema Moda, nuovo percorso previsto dalla riforma per la preparazione di quadri aziendali e di professionisti in grado di operare in tutta la filiera della moda che ha a Milano il centro propulsore. La necessità di questo nuovo percorso di studi nasce dall analisi dell evoluzione del mercato che ha subito notevoli cambiamenti negli ultimi anni e condiziona tutti i segmenti della filiera: dalla creazione, alla produzione, alla vendita del prodotto moda. Il corso di studi vuole rappresentare una risposta completa ed esaustiva alle esigenze di formazione, sempre più diversificate e specializzate con un percorso improntato sulla trasversalità delle competenze che unisce il sapere al saper fare. Il corso mira a formare figure fondamentali della filiera, spaziando dal campo creativo a quello strategico, da quello organizzativo a quello commerciale, del marketing e della comunicazione, per dare le basi di professionalità che verr affinate in azienda o diversificate in percorsi tecnici superiori o universitari. Competenze in uscita L indirizzo Sistema moda ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, competenze specifiche delle diverse realtà creative, progettuali, produttive e di marketing del settore tessile, abbigliamento, accessori e moda. La preparazione dello studente è, altresì, integrata con competenze trasversali di filiera che gli consentono lo sviluppo di Pagina 10

11 sensibilità e capacità di lettura delle problematiche dell area del sistema moda. Si acquisiscono le competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione alle materie prime, ai processi, ai prodotti, con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata, per la realizzazione di tessuti e di accessori moda. A chi è rivolto: Ai ragazzi e alle ragazze: che sono interessati al mondo della moda in tutti i suoi aspetti, dal tessuto alla realizzazione, dalla commercializzazione al marketing. che vogliono approfondire le loro conoscenze tecnologiche, teoriche e applicative per progettare in modo consapevole i prodotti della moda, dall accessorio all abito, con attenzione all ambiente, alle innovazioni tecnologiche e ai nuovi processi produttivi che vogliono potersi muovere con disinvoltura nel mondo del lavoro, esprimendosi correttamente in italiano e in inglese, conoscendo i propri diritti di cittadini e di lavoratori e gli elementi essenziali dei meccanismi economici che lo regolano. che desiderano acquisire un metodo di studio e di lavoro autonomi che permettano loro di proseguire gli studi e di affrontare attività lavorative articolate che richiedono capacità decisionali. Si richiede una preparazione di base che consenta un impegno scolastico rivolto ad acquisire nuove conoscenze e competenze anche complesse. Il corso si articola: in un primo biennio mirato a fornire una solida preparazione di base incentrata sui tre assi dell istruzione (quello dei linguaggi, quello storico-sociale e quello matematico-scientificotecnologico) affiancata da discipline di indirizzo che introducono gradualmente lo studente alle conoscenze specifiche del mondo della moda in un successivo triennio in cui le discipline di indirizzo rivestono sempre più importanza, per permettere agli studenti di acquisire una conoscenza specifica dei materiali e dei processi produttivi per poter ideare, progettare e industrializzare il prodotto moda. Stage, tirocini e interventi di esperti garantiscono un proficuo collegamento con il mondo del lavoro Sbocchi: La figura in uscita è in grado di: inserirsi in aziende del settore e studi professionali (ufficio stile, ufficio tempi e metodi, ufficio controllo e qualità del prodotto, ufficio marketing) come progettista/disegnatore, come responsabile della qualità e della promozione, come analista di mercato o come organizzatore di eventi moda in redazioni ed agenzie. avviare un attività in proprio proseguire gli studi presso qualsiasi facoltà universitaria o scuole di specializzazione postdiploma. Pagina 11

12 QUADRO ORARIO del Tecnico Sistema Moda (nuovo ordinamento) MATERIE AREA DI BASE AREA DI INDIRIZZO Lingua e letteratura italiana Storia Lingua Inglese Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze della terra e Biologia) 2 2 Scienze Motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Scienze integrate (Fisica) 3* 3* Scienze integrate (Chimica) 3* 3* Tecnologia e Tecniche di Rappresentazione Grafica 3* 3* Tecnologie Informatiche 3* Scienze Tecnologiche, ed Applicate 3 Complementi di matematica 1 1 Chimica applicata e nobilitazione dei materiali per i prodotti moda Economia e marketing delle aziende moda Tecnologie dei materiali e processi produttivi e organizzativi della moda 5* 4* 5* Ideazione, progettazione e industrializzazione prodotti moda 6* 6* 6* TOTALE Legenda: Le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la copresenza parziale degli insegnanti tecnico pratici Sar inoltre attivati : corsi di L2 per gli studenti stranieri interventi mirati di recupero nelle diverse discipline in orario pomeridiano, in modo opzionale, gli studenti potr scegliere laboratorio teatrale corsi di avviamento alla pratica sportiva altre attività di ampliamento dell offerta formativa relative al settore moda Pagina 12

13 Istituto Professionale per il Settore Industria e Artigianato Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali Articolazione Artigianato Opzione Produzioni Tessili e Sartoriali L Istituto Professionale è un percorso formativo quinquennale, finalizzato al conseguimento di un titolo di studio fondato su di una solida base di istruzione generale e tecnico-professionale riferita a filiere produttive di rilevanza nazionale o a livello locale L indirizzo Produzioni Artigianali consente agli studenti di acquisire con gradualità competenze specifiche per intervenire nei processi di progettazione, lavorazione e commercializzazione di prodotti sartoriali, e competenze organizzative e gestionali correlate ai reali processi produttivi delle aziende del settore. Valorizza inoltre da una parte le tecniche e i metodi delle botteghe artigiane storicamente connessi alle tradizioni artistiche del territorio, dall altra la ricerca e l innovazione contribuendo al successo del Made in Italy. Competenze in uscita Al termine del percorso quinquennale, lo studente è in grado di: intervenire nei processi di progettazione, lavorazione e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali orientarsi tra gli aspetti relativi all ideazione, progettazione, realizzazione e commercializzazione di oggetti prodotti anche su commissione seguire con attenzione le innovazioni tecniche e creative con particolare attenzione alla produzione tipica del territorio utilizzare strumenti informatici e software dedicati al settore tessile-sartoriale applicare i sistemi di controllo qualità. A chi è rivolto: a studenti e studentesse che desiderano applicare la propria creatività ed abilità per la realizzazione di un prodotto moda, rispondendo alla domanda di specializzazione espressa dal tessuto produttivo e dei servizi del territorio conoscendo le tendenze e l evoluzione della moda. che sono interessati alle professioni della moda, alla conoscenza dei tessuti e delle loro caratteristiche, alla realizzazione concreta di prodotti di diversa tipologia, dall accessorio, all abito, alla collezione. che vogliono conoscere le tecniche di lavorazione e gli strumenti gestionali necessari per la diffusione e la commercializzazione dei prodotti che vogliono rapportarsi al mondo del lavoro in modo consapevole con solide competenze culturali e professionali e acquisire un metodo di studio e di lavoro autonomi, che permettano loro di proseguire gli studi o di impegnarsi in attività lavorative Il corso si articola in: un primo biennio mirato a fornire una preparazione di base incentrata sullo studio dei linguaggi, della storia, della matematica, delle scienze e del diritto, anche con l ausilio di laboratori; a queste conoscenze di base si affiancano le discipline di indirizzo professionalizzanti che introducono gradualmente al mondo della moda. un successivo biennio in cui le discipline di indirizzo acquistano sempre più spazio per permettere agli studenti di acquisire una conoscenza specifica dei materiali e delle tecniche di produzione e di organizzazione. un quinto che conferma l orientamento professionalizzante del secondo biennio e consolida le abilità e le conoscenze tecnologiche che consentono di realizzare e modificare i modelli con l utilizzo delle nuove strumentazioni Dal terzo, stage e alternanza scuola/lavoro garantiscono un concreto collegamento con il mondo del lavoro, permettendo agli studenti di venire a contatto con gli aspetti organizzativi e gestionali e con i reali processi produttivi delle aziende del settore Pagina 13

14 Sbocchi: La figura in uscita è in grado di: accedere a tutte le facoltà universitarie. accedere agli ITS (Istituti tecnici superiori) che rilasciano il diploma tecnico superiore. inserirsi adeguatamente nei settori di riferimento e aziende artigianali di settore come disegnatore (CAD), come modellista, costumista, addetto allo show-room. esercitare professioni di tipo artigianale in modo autonomo secondo i criteri di auto imprenditorialità. QUADRO ORARIO Istituto Professionale per il settore industria e artigianato/ Produzioni tessili e sartoriali MATERIE Lingua e letteratura italiana Storia AREA DI BASE Lingua Inglese Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze della terra e Biologia) 2 2 Scienze Motorie Religione Tecnologie dell Informazione e Comunicazione 2 2 Scienze integrate (Fisica) 2* 2* Scienze integrate (Chimica) 2* 2* AREA DI INDIRIZZO Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica 3 3 Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni 3 3 5** 4** 4** Tecnologie applicate ai materiali e ai processi produttivi 6** 5** 4** Progettazione tessile-abbigliamento, moda e costume 6** 6** 6** Tecniche di distribuzione e Marketing 2 3 TOTALE Legenda: Le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la copresenza parziale degli insegnanti tecnico pratici. Sar attivati : corsi di L2 per gli studenti stranieri interventi mirati di recupero nelle diverse discipline in orario pomeridiano, in modo opzionale, gli studenti potr scegliere laboratorio teatrale corsi di avviamento alla pratica sportiva. Pagina 14

15 QUADRO ORARIO Tecnico della moda (vecchio ordinamento, terminerà nel giugno 2014): Corso Post- Qualifica AREA DI BASE AREA DI INDIRIZZO MATERIE 5 Italiano 4 Storia 2 Inglese 3 Matematica 3 Ed.Fisica 2 Religione 1 Disegno Professionale 6 Tecniche di settore 5 Tecnologia Tessile ---- Storia dell arte e del costume 4 TOTALE 30 Inoltre, a completamento dell offerta formativa, sono previste almeno 132 ore nel biennio finale di attività di stage e alternanza presso enti o aziende di settore che verr certificate e valutate al fine dell ammissione agli esami di stato. E prevista la partecipazione a concorsi o ad attività progettuali quale opportunità di verifica della creatività degli studenti da parte di classi o di singoli allievi secondo la programmazione di ciascun consiglio di classe e/o docente. Pagina 15

16 3) Corso triennale IeFP per Operatore Abbigliamento Sartoria Gli IeFP, percorsi di Istruzione e Formazione Professionale, sono finalizzati al conseguimento di qualifiche professionali triennali e diplomi professionali quadriennali. Sono corsi a ordinamento regionale che rientrano nelle competenze della Regione e possono essere erogati dagli Istituti Professionali Statali in collaborazione con le Regioni. Permettono di acquisire le competenze tecnico-professionali necessarie per un produttivo inserimento nel mondo del lavoro. H un carattere meno teorico dei percorsi scolastici tradizionali ed una maggiore aderenza agli aspetti lavorativi, poiché privilegiano l operatività attraverso una didattica laboratoriale fornendo comunque una adeguata formazione culturale di base. Frequentare i percorsi di IeFP significa quindi acquisire competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro: infatti sia le Qualifiche, sia i Diplomi Professionali diventano titolo valido, al pari di quelli statali, per l assolvimento dell obbligo di istruzione e del diritto dovere di istruzione e formazione. Sono poi spendibili e riconoscibili su tutto il territorio nazionale, perché riferiti a standard comuni, concordati tra le Regioni e tra queste e lo Stato. Il loro riferimento ai livelli europei (III livello EQF per la Qualifica e IV livello EQF per il Diploma), li rendono inoltre riconoscibili anche nell ambito più vasto della Comunità Europea. I quadri orari dei corsi IeFP sono suddivisi in tre macro-aree, all interno delle quali trovano spazio le singole discipline. PROFILO DELL OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA L Operatore dell abbigliamento-sartoria interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione di capi di abbigliamento su misura con autonomia e responsabilità limitate a ciò che prevedono le procedure e le metodiche della sua operatività. La qualificazione nell applicazione/utilizzo di metodologie di base, di strumenti e di informazioni gli consentono di svolgere attività con competenze relative alla realizzazione di figurini e modelli, all esecuzione delle operazioni di taglio, all assemblaggio e confezionamento del prodotto sartoriale e/o di riadattamento di abiti già esistenti. A chi è rivolto: Il corso si rivolge a studenti e studentesse che desiderano applicare la propria abilità esecutiva alla realizzazione del prodotto moda. Sbocchi: Con la qualifica conseguita al termine dei tre anni di studio, l Operatore dell abbigliamento sartoria può: trovare impiego nelle imprese artigianali, nelle aziende del settore, e nei laboratori di moda, proseguire il percorso con un IV ottenendo il Diploma europeo tecnicoprofessionale ottenuto il diploma tecnico professionale, potrà essere ammesso a sostenere l esame di Stato dell Istruzione professionale Statale, attraverso la frequenza di un corso annuale integrativo attraverso la frequenza di un corso annuale integrativo la cui organizzazione deve ancora essere definita nel dettaglio. Pagina 16

17 QUADRO ORARIO: Operatore dell'abbigliamento sartoria AREA DI BASE AREA FLESSSIBILITA' AREA PROFESSIO NALE E STAGE MATERIE Lingua Italiana /Storia Inglese Matematica Diritto 2 Scienze 2 2 Religione Scienze Motorie Orientamento e Tutoring Lab.tecnologici ed esercitazioni Tecnologie dell Informazione e Comunicazione 1 1 Dis. professionale Tecnologie applicate ai materiali e ai processi produttivi TOTALE Legenda: Le ore di Orientamento e Tutoring prevedono attività predisposte dal C.d.C. Sar attivati : corsi di L2 per gli studenti stranieri interventi mirati di recupero nelle diverse discipline in orario pomeridiano, in modo opzionale, gli studenti potr scegliere laboratorio teatrale corsi di avviamento alla pratica sportiva. Pagina 17

18 4) Istituto Professionale per il Settore dei Servizi Indirizzo: Servizi Commerciali Opzione: Promozione commerciale e pubblicitaria L indirizzo Servizi Commerciali ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali, sia nell attività di promozione delle vendite; in tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli grafici e pubblicitari. Le competenze sono declinate per offrire allo studente l opportunità di operare con una visione organica e di sistema all interno di un azienda, affinando la professionalità di base. L identità dell indirizzo tiene conto, inoltre, delle differenti connotazioni che assumono oggi i servizi commerciali, sia per le dimensioni e le tipologie delle strutture aziendali, sia per le diverse esigenze delle filiere di riferimento. L indirizzo consente di sviluppare percorsi flessibili e favorire l orientamento dei giovani rispetto alle personali vocazioni professionali. Le competenze acquisite si riferiscono, pertanto, a una base comune relativa al sistema aziendale e ad approfondimenti orientati alla professionalità specifica nell ambito dei servizi commerciali della pubblicità. In questa ottica le discipline, sia dell area di istruzione generale sia di indirizzo, possono assumere caratteristiche funzionali alle scelte dell ambito di riferimento operate dalle singole istituzioni scolastiche, che, inoltre, possono utilizzare gli spazi di flessibilità previsti per adeguare l offerta formativa alle esigenze del territorio sulla base delle esperienze maturate e delle risorse professionali disponibili. All interno del profilo professionale di riferimento, relativo alla comunicazione aziendale, si tendono a sviluppare competenze nel settore della promozione commerciale e delle connesse attività di comunicazione pubblicitaria. Le competenze di ambito, in termini di conoscenze e abilità, si caratterizzano anche per la progettazione di differenti tipologie di prodotti e servizi pubblicitari. Competenze in uscita: Lo studente in uscita è in grado di: utilizzare i principi relativi alla comunicazione grafico/visiva interpretare le esigenze comunicative aziendali e di prodotto applicando metodologie e tecniche adeguate progettare e realizzare soluzioni comunicative con i software professionali utilizzando mezzi tradizionali e new media redigere relazioni tecniche e presentazioni progettuali in modo autonomo e responsabile. A chi è rivolto: Ai ragazzi e alle ragazze: che sono interessati alle professioni inerenti al mondo della comunicazione e della pubblicità. che vogliono rapportarsi al mondo del lavoro in modo consapevole con solide competenze culturali e professionali che vogliono approfondire le loro conoscenze tecnico-pratiche per sviluppare competenze professionali che consentano loro di supportare operativamente le aziende dei vari settori nell attività di promozione pubblicitaria. Il corso si articola: in un primo biennio mirato a fornire una preparazione di base incentrata sullo studio dei linguaggi, della storia, della matematica, delle scienze e del diritto, anche con l ausilio di Pagina 18

19 laboratori. Sono presenti anche discipline di indirizzo che introducono gradualmente al mondo della comunicazione in un successivo biennio in cui le discipline di indirizzo acquistano sempre più spazio per permettere agli studenti di acquisire una conoscenza specifica dei linguaggi e delle tecniche di produzione grafica e pubblicitaria un quinto che conferma l orientamento professionalizzante del secondo biennio e consolida le abilità e le conoscenze tecnologiche che consentono di realizzare e modificare prodotti con l utilizzo delle nuove tecnologie. Dal terzo stage e alternanza scuola/lavoro garantiscono un concreto collegamento con il mondo del lavoro Sbocchi: Con il diploma conseguito al termine dei cinque anni di studio il tecnico grafico può trovare sbocco lavorativo immediato nel settore con mansioni esecutive, può accedere a tutte le facoltà universitarie o agli ITS (Istituti tecnici superiori) che rilasciano il diploma di tecnico superiore. QUADRO ORARIO: Istituto Professionale per il Settore dei Servizi Indirizzo: Servizi Commerciali Opzione: Promozione commerciale e pubblicitaria MATERIE 1 AREA DI BASE AREA DI INDIRIZZO Lingua e letteratura italiana Storia Lingua Inglese Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze della terra e Biologia) 2 2 Scienze Motorie Religione Tecniche Professionali dei Servizi Commerciali 5** 5** 8** 8** 8** Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Informatica e laboratorio 2 2 Seconda lingua straniera (Spagnolo) Tecniche di comunicazione Economia aziendale Storia dell'arte ed espressioni grafiche TOTALE Legenda * * 2 ore di copresenza in laboratorio con insegnante tecnico pratico. Sar attivati: corsi di L2 per gli studenti stranieri interventi mirati di recupero nelle diverse discipline In orario pomeridiano, in modo opzionale, gli studenti potr scegliere: laboratorio teatrale corsi di avviamento alla pratica sportiva Pagina 19

20 QUADRO ORARIO: Tecnico della grafica pubblicitaria (vecchio ordinamento, terminerà nel giugno 2014). Corso Post qualifica AREA DI BASE AREA DI INDIRIZZO MATERIE 5 Italiano 4 Storia 2 Inglese 3 Matematica 3 Ed.Fisica 2 Religione 1 Progettazione Grafica 5 Pianificazione Pubblicitaria 3 Psicologia 2 Storia dell Arte 3 Tecnica Fotografica 2 TOTALE 30 Inoltre, a completamento dell offerta formativa, sono previste almeno132 ore nel biennio di attività di stage e alternanza presso enti o aziende di settore che verr certificate e valutate al fine dell ammissione agli esami di stato. E prevista la partecipazione a concorsi o ad attività progettuali quale opportunità di verifica della creatività degli studenti da parte di classi o di singoli allievi secondo la programmazione di ciascun consiglio di classe e/o docente. 5) CORSO TRIENNALE IeFP PER OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA Gli IeFP, percorsi di Istruzione e Formazione Professionale, sono finalizzati al conseguimento di qualifiche professionali triennali e diplomi professionali quadriennali. Sono corsi ad ordinamento regionale che rientrano nelle competenze della Regione e possono essere erogati dagli Istituti Professionali Statali in collaborazione con le Regioni. Permettono di acquisire le competenze tecnico-professionali necessarie per un produttivo inserimento nel mondo del lavoro. H un carattere meno teorico dei percorsi scolastici tradizionali ed una maggiore aderenza agli aspetti lavorativi, poiché privilegiano l operatività attraverso una didattica laboratoriale fornendo comunque una adeguata formazione culturale di base. Frequentare i percorsi di IeFP significa quindi acquisire competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro: infatti sia le Qualifiche, sia i Diplomi Professionali diventano titolo valido - al pari di quelli statali - per l assolvimento dell obbligo di istruzione e del diritto dovere di istruzione e formazione. Sono poi spendibili e riconoscibili su tutto il territorio nazionale, perché riferiti a standard comuni, concordati tra le Regioni e tra queste e lo Stato. Il loro riferimento ai livelli europei (III livello EQF per la Qualifica e IV per il Diploma), li rendono inoltre riconoscibili anche nell ambito più vasto della Comunità Europea. Pagina 20

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli