Elementi Tipografici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi Tipografici"

Transcript

1 Tipografia

2 Elementi Tipografici Realizzare il design di un logo aziendale, il brand-style di un prodotto e creare la grafica di un biglietto da visita (business card) costituiscono progetti grafici diversi. Tuttavia esistono in entrambi i casi delle linee guida di base, soprattutto per quanto riguarda la rappresentazione e l organizzazione dei caratteri tipografici.

3 I tutte le situazioni sopra proposte, le regole di design saranno già di partenza diverse, come composizione e stile, rispetto ai canoni pertinenti ad un design puramente illustrativo. Siamo infatti nel campo del cosiddetto design grafico tipografico. Un carattere di testo, come abbiamo già visto, costituisce una forma e pertanto dovrebbe essere valutato secondo quei criteri formali che abbiamo già analizzato, come ad esempio colore, proporzioni e bilanciamento visivo.

4 Pertanto ogni carattere andrebbe integrato con tutti gli altri elementi grafici all interno di un formato compositivo. Allo stesso tempo i caratteri di testo dovrebbero sempre rimanere leggibili. Inoltre dovrebbero essere utilizzati appropriatamente anche i margini di paragrafo, per creare delle divisioni armoniche tra quelle parti compositive riempite da caratteri di testo. Allo stesso tempo la spaziatura tra singoli caratteri è cruciale nel determinare l impatto comunicativo di un testo.

5 Date queste premesse la tipografia o, più precisamente, il design tipografico stabilisce i criteri rappresentativi dei caratteri di testo e la loro disposizione in uno spazio bidimensionale (per i formati di stampa e gli schermi). Infatti, anche se generalmente la parola tipografia viene utilizzato in un accezione specifica per indicare soprattutto il processo di stampa e il luogo di produzione, in realtà con questo termine si sottintendono diversi processi, tutti propri del Graphic Design:

6 La scelta o il disegno dei caratteri tipografici; L organizzazione dei caratteri sulla pagina (la cosiddetta formatura tipografica). L azione di stampa su un determinato supporto (carta, cartoncino, pergamena, stoffe, plastica, ecc.). Il packaging (confezionamento) dei supporti stampati nella loro veste di utilizzo finale: ad esempio dei biglietti da visita, carte da lettera, biglietti, poster, calendari, ecc.

7 I Caratteri Tipografici I caratteri in ambito tipografico possono essere utilizzati con la funzione specifica di intestazioni (i cosiddetti caratteri display ) oppure come semplice rappresentazione di un testo di lettura. Caratteri di tipo display vengono utilizzati come componenti tipografici dominanti e solitamente sono rappresentati in grandi dimensioni (generalmente con una dimensione minima di 30pt o superiore) e in grassetto: proprio per questo vengono generalmente adoperati con la funzione di titoli e sottotitoli, per il loro peso visivo e semantico.

8 Al contrario i caratteri puramente testuali vengono utilizzati per il corpo principale di un testo: essi pertanto formano paragrafi, colonne di testo, didascalie, ecc. Classificazione & Caratteristiche Quasi tutti i caratteri utilizzabili attualmente vengono prodotti digitalmente o manualmente; tuttavia la maggior parte della terminologia relativa ai caratteri riflette quelle procedure di stampa antiche, quando i singoli caratteri venivano prodotti in rilievo su una

9 superficie tridimensionale in metallo, che veniva poi inchiostrata e quindi stampata. I principali termini chiave, utilizzati ancora oggi per classificare i caratteri di testo, sono i seguenti: Forma (Letterform): questo termine definisce lo stile specifico e la forma di ogni lettera all interno di un alfabeto. Ogni lettera di ogni alfabeto ha un unica caratteristica che deve essere mantenuta affinchè la lettera possa essere sempre univocamente riconoscibile, come simbolo.

10 Esempio della letterform b, dell alfabeto occidentale, rappresentata attravero l utilizzo di tipologie di caratteri diverse, con stili diversi

11 Font-Family o Typeface (lett. tipologia di caratteri). Questo termine indica il design specifico di un singolo set di caratteri alfabetici, numerici e simbolici, unificato da delle costanti proprietà visive. Le proprietà essenziali di un dato tipo di famiglia dovranno rimanere costanti nel tempo e sempre riconoscibili anche nel caso in cui venissero apportati alcuni cambiamenti dal designer allo stile di partenza. Esempi di Font-Family o Typeface ci uso comune sono i seguenti: serif: a questa famiglia appartengono ad esempio quei font (o type font) specifici come Georgia, Times New Roman, Bodoni; questa

12 famiglia di caratteri, di più antica nascita ed evoluzione, presenta delle caratteristiche finiture sulla parte finale di ogni tratto. Tale famiglia di caratteri viene generalmente impiegata, per la sua chiarezza visiva, sui supporti di stampa, come libri, riviste, quotidiani, ecc. In questa dispensa si utilizza il font Times New Roman (dimensioni 26pt) che appartiene proprio alla famiglia Serif. sans-serif: a questa famiglia appartengono ad esempio quei font specifici come Arial e Verdana. Questa famiglia di caratteri viene generalmente

13 impiegata per il design tipografico delle pagine web, dal momento che permette un alta leggibilità anche a basse risoluzioni; questo paragrafo di testo è scritto in font Verdana (dimensioni 26pt). slab-serif: a questa sotto-famiglia dei caratteri serif, appartengono quei font come il Courier e il Rockwell. Questa famiglia di caratteri rappresenta un buon connubio delle qualità delle altre famiglie serif: i font che rientrano in questa famiglia presentano sempre con una buona

14 leggibilità ma aggiungono una maggiore caratterizzazione stilistica. Questo paragrafo è realizzato in Rockwell. Type font (lett. Tipologie di Font): questo termine indica un set completo di lettere, numerali e simboli, in una particolare forma, dimensione e stile, richiesta per la comunicazione scritta. Esempi di Type-font di uso comune sono il Times New Roman e l Arial (che abbiamo visto appartenere alla famiglie serif e sans-serif).

15 Ovviamente esistono moltissime altre tipologie di font, dal design tipografico diverso. Solo due esempi sono riportati di seguito.

16 Type family: questo termine viene utilizzato per indicare quei design specifici che conferiscono un ampia gamma di variazioni di stile, rispetto all aspetto base di una data typeface. Generalmente molte famiglie prevedono tipologie di font dotate già di uno stile di base, relativo alla visibilità dei tratti: tratto leggero (light), medio (medium) e grassetto (bold); alcuni font prevedono di partenza anche una variazione di stile corsiva (il cosiddetto stile italico). Le varianti di stile già previste nella tipologia di font Arial

17 Infatti se utilizziamo un programma di videoscrittura come Microsoft Word, andando a modificare l aspetto dei caratteri nell apposita finestra di dialogo, vedremo che selezionando i vari type-font, diverse saranno anche le possibilità di stile applicabili, sempre in base alle caratteristiche tipologiche di partenza di ogni font. Le varianti di stile della del font Albertus

18 Pertanto ci saranno alcuni font che verranno già di partenza utilizzati e visualizzati in uno stile grassetto e pertanto con tratti più pesanti e visibili. Gli stessi font non potranno essere utilizzati con uno stile dei tratti light. A questo scopo andrà utilizzata una versione specifica dello stesso font, caratterizzata da quest ultimo stile. E questo il caso dell Albertus Extra Bold, utilizzabile solo in grassetto. Al contrario l Albertus Medium può essere utilizzato con uno stile dei tratti normale.

19 Tipologie di Stile Vediamo brevemente quelle che sono le principali categorie degli stili di base, generalmente già comuni alle principali famiglie di font. Per tipologie di stile di intendono tutti quei cambiamenti che comportano una variazione dei caratteri in termini di: peso visivo (livelli di evidenza dei tratti all interno di un testo: leggero, medio e grassetto); larghezza o spaziatura (caratteri molto vicini tra loro, con una spaziatura regolare o estesa);

20 posizionamento e/o curvatura (caratteri in apice o pedice, oppure in corsivo. Nelle tipologie di stile rientrano anche quei cambiamenti che comportano una sottolineatura, un ombreggiatura ed una decorazione del caratteri di base di una data font-family. E molto utile conoscere queste variazioni e tipologie di stile, specialmente quando si utilizzano i programmi grafici Adobe, che fanno proprio riferimento a questa nomenclatura per la gestione degli stili tipografici.

21 Esempi di gestione delle varie tipologie di stile in Adobe Photoshop CS5

22 Per avere ulteriori e aggiornate informazioni sulle famiglie, sulla tipologia e sugli stili dei vari caratteri di testo è possibile consultare il seguente sito web: Tipografia & Misure Il tradizionale sistema di misurazione tipografico utilizza due unità di misura di base: il punto e il pica (o cicero).

23 L altezza di ogni singolo carattere viene misurata in punti, mentre la larghezza di una lettera o di una riga di caratteri consecutivi viene misurata in pica. La maggior parte di tipologie di font è disponibile in dimensioni comprese tra 5 e 72 punti. Quei caratteri utilizzati con una dimensione di 14 punti o meno vengono solitamente impiegati per i contenuti del corpo testuale. Le dimensioni di carattere superiori ai 14 punti vengono invece riservate per le titolature (di pagina, di paragrafo, ecc.).

24 La lunghezza di riga, che non è altro che l estensione orizzontale di una linea di caratteri consecutivi, viene invece misurata in pica. Una misura di 6 pica equivale ad 1 pollice (2,54 cm); 12 punti invece equivalgono ad 1 pica; pertanto 72 punti saranno equivalenti ad 1 pollice (e cm). quindi ad 2,54 La determinazione della lunghezza di riga per una leggibilità ottimale dipende ovviamente dal design tipografico scelto e in particolare

25 dalla famiglia di font, dalle dimensioni del font scelto, dell interlinea e dalla lunghezza generale del contenuto testuale. Organizzazione Spaziale del Testo Spaziatura Un Graphic Designer deve misurare un carattere e allo stesso modo calcolare l intervallo esatto di spazio tra i diversi elementi tipografici. Questi intervalli si trovano tra le singole lettere, tra le parole e tra le righe di testo.

26 Gestire l intervallo tra i singoli caratteri è un operazione definita come letterspacing o spaziatura tra caratteri. Leggermente diverso è il discorso del kerning o crenatura dei caratteri. In ambito tipografico la crenatura serve ad impostare una specifica riduzione (in punti) dell eventuale spazio in eccesso fra coppie di caratteri: tale operazione serve ad eliminare quegli spazi bianchi di troppo per conferire maggiore omogeneità al testo presentato. Generalmente nei software di tipo word-processor, per evitare una spaziatura eccessiva, è già preimpostata una corretta crenatura di base.

27 L intervallo di spazio tra le parole viene definito, nei vari software, come word-spacing o semplicemente spaziatura tra parole. L intervallo di spazio tra due righe viene invece definito come linespacing o interlinea. Esempio di letter-spacing

28 Esempio di Interlinea Per quanto riguarda la spaziatura tra parole, questa viene gestita in digitale automaticamente dai word-processor affinchè gli unici parametri regolabili dall utente siano il letter-spacing e il linespacing. Impostando valori specifici per quest ultimi, il programma andrà in automatico a creare quella spaziatura tra parole adeguata alla presentazione omogenea del testo digitato, in rispetto anche dell allineamento impostato.

29 Quando un designer vuole specificare una dimensione dei caratteri di testo, una dimensione relativa all interlinea viene di conseguenza applicata, in rispetto ai seguenti rapporti, volti a mantenere la leggibilità di un testo : 10/11 indica una dimensione generale dei caratteri di 10 punti dove il punto in più (11) è relativo alla dimensione della spaziatura tra linee; invece un rapporto di 8/11 indicherà una dimensione generale di 8 punti con 3 punti di spaziatura tra righe.

30 Quando non viene indicato un valore specifico in relazione all interlinea (line-spacing) verrà applicato un rapporto dimensionale di 10/10. In questo caso l altezza dell interlinea sarà uguale all altezza dei caratteri di testo. Esempio del rapporto tra interlinea e altezza dei caratteri di testo

31 Detto questo un interlinea doppia (con valore 2) avrà una dimensione doppia rispetto all altezza dei caratteri in uso. Un interlinea di 1,5 sarà pari ad 1 volta e 1/2 l altezza dei caratteri in uso. Diverso dal discorso dell interlinea è quello della spaziatura in verticale tra paragrafi. La spaziatura tra paragrafi può essere determinata manualmente per dividere in maniera omogenea o meno diverse sezioni di testo.

32 Esempio di Interlinea singola Esempio di spaziatura tra paragrafi di testo

33 Allineamento L organizzazione di un testo all interno di un dato formato viene definita come allineamento. Nei vari software di riferimento è possibile utilizzare 4 tipologie di allineamento preimpostate: Allineamento a sinistra: costituisce l allineamento di default nei word-processor e determina un posizionamento del testo e un suo sviluppo irregolare dal margine sinistro verso il lato destro del formato di riferimento.

34 Allineamento a destra: questo allineamento determina un posizionamento del testo e un suo sviluppo irregolare dal margine destro verso il lato sinistro del formato di riferimento. Allineamento centrato: questo allineamento determina la centratura delle righe di testo rispetto ad un immaginario asse y verticale che divide il formato di riferimento in due parti uguali. Allineamento giustificato: questo stile determina un allineamento del testo sia sul lato sinistro sia sul lato destro del formato di riferimento.

35 A queste tipologie di base possiamo aggiungere uno stile di Allineamento Asimmetrico; in questo stile le line di testo vengono allineate in maniera diversa (secondo gli allineamenti di base già vsiti), per evitare un organizzazione ripetitiva all interno di uno stesso formato. Esempi di Allineamento

36 I caratteri come forme Ogni carattere è formato dall unione di una forma negativa e una forma positiva. I tratti che costituiscono il corpo del carattere costituiscono la forme positiva; allo stesso tempo l area di spazio che circonda questi tratti costituisce la forma negativa, definibile come counter-form.

37 Esempio del rapporto Caratteri - Counter-form (in verde lo spazio tra i caratteri e in blu la forma positiva ) Proprio in relazione alla composizione della forma generale di ogni carattere è importante considerare che le singole lettere possono costituire delle forme aperte, come ad esempio la C, la V e la T oppure delle forme chiuse come ad esempio la A, la B e la D.

38 La forma positiva è indicata in nero mentre quella negativa in fucsia Esempio di utilizzo delle counter-form in relazione ai caratteri di testo Ovviamente questo rapporto tra le forme, positive e negative, aperte e chiuse, può variare in base alla famiglia di caratteri in uso, al loro

39 stile (minuscolo, maiuscolo, ecc.) e ovviamente in base all alfabeto di riferimento. Texture tipografiche Uno dei modi principali per determinare e gestire l impatto visivo dei caratteri di testo consiste nel misurare la cosiddetta texture tipografica della soluzione compositiva scelta. Il termine texture tipografica, oppure colore tipografico, si riferisce alla qualità tonale della massa di un carattere all interno di un determinato formato.

40 Nelle realizzazione grafiche che richiedono dei blocchi di testo (come paragrafi e colonne) la massa di questi ha una propria qualità tonale, rientrante generalmente nei toni di grigio (caratteri neri su sfondo bianco). Una data texture tipografica può essere creata attraverso la gestione dei seguenti fattori: spaziatura tra lettere, parole e linee; caratteristiche della famiglia di font e del tipo di font scelto; l allineamento delle righe;

41 contrasto tra diversi tipi di font, utilizzati insieme; contrasto tra diversi stili applicate ai caratteri; contrasto (per estensione, spaziatura, allineamento e stile) tra diverse aree di testo; Le variazioni all interno di una texture tipografica di base contribuiscono a creare un illusione di profondità spaziale ma, allo stesso modo, possono anche andare ad interrompere un processo di lettura, quando gestite in maniera sgradevole.

42 Pertanto a seconda dell effetto che si vuole ottenere sarà necessario utilizzare una particolare texture tipografica. Se stiamo emulando nel nostro design, dei paragrafi formali di testo, come quelli racchiusi nelle colonne di una testata giornalistica, allora sarà bene evitare particolari variazioni di texture contrastanti. Variazioni di Texture In questo piccolo esempio la semplice alternanza (per dimensioni, tipologia e stile) di caratteri realizzati manualmente crea l illusione di profondità.

43 Caratteri & Design La cosa più importante da considerare nel design grafico dei caratteri di testo è il loro potere comunicativo, che deve sempre risultare evidente. La scelta e la gestione del carattere adatto ad una composizione grafica è fondamentale per una comunicazione efficace. Per raggiungere questo obiettivo e rendere con chiarezza il messaggio dei nostri testi sarà necessario tenere conto dei seguenti fattori:

44 Scegliere un font o una famiglia di font adatta all obiettivo, al target di riferimento e al supporto di rappresentazione. Facilitare la lettura dei caratteri determinando delle adeguate dimensioni in punti, in relazione alla dimensione e alla spaziatura dei caratteri, all interlinea, alla lunghezza delle righe, al loro allineamento, all organizzazione in blocchi; determinare una resa stilistica coerente, gestendo lo spazio occupato dai testi, le possibile variazioni di stile e contrasto. Gestire i flussi di testo, per creare delle opportune gerarchie.

45 Scelta dei Caratteri La scelta del carattere adatto deve avvenire in base ad alcuni fattori di base: Impatto Estetico Come in ogni design grafico, anche utilizzando solamente caratteri di testo, l obiettivo primario del designer è generare interesse visivo, sul supporto di riferimento.

46 Pertanto la visualizzazione di ogni carattere dovrebbe essere verificata attraverso i vari supporti, sia da lontano sia a distanza ravvicinata, per valutare l impatto visivo. Per determinare le sensazioni che un tipo di carattere può trasmettere a noi e quindi anche all osservatore, la prima domanda da porsi è la seguente: Se esiste un carattere di testo che utilizzo con più frequenza rispetto ad altri, il motivo di tale scelta è?

47 Esempio di Risposta: Utilizzo il Comic Sans per la sua alta leggibilità e comunicatività, il suo stile peculiare e sempre riconoscibile, le sue forme arrotondate e piacevoli. Appropriatezza Prima di scegliere il font bisogna definire il target del nostro design grafico e di conseguenza anche il tono, la personalità e il messaggio che si cerca di trasmettere: in questo modo ci assicuriamo una comunicazione di successo.

48 E importante in questa scelta considerare anche la storia di una determinata famiglia di caratteri. Ad esempio una famiglia di font di tipo OldEnglish è strettamente associata ad un periodo storico, così come quei caratteri legati ad uno stile art déco necessariamente richiameranno una determinata epoca alla mente dell osservatore. Esempio del font Art Déco, Andes

49 Questo può essere utile se il messaggio che vogliamo comunicare effettivamente vuole richiamare un particolare periodo storico o una determinata tendenza. In caso contrario il messaggio verrò immediatamente distorto. Ad esempio il logo del brand americano di abbigliamento Juicy Couture, con i suoi caratteri OldEnglish, mira proprio a creare un abbinamento tra il significato del nome della marca e l opulenza della famiglia di caratteri usata. Inoltre i due West Highland Terrier, razza di origine scozzese, presenti in diverse versioni del logo stabiliscono un collegamento ancora più forte con il tipo di font utilizzato.

50 Il loghi di Juicy Couture

51 Leggibilità & Chiarezza Se la tipografia scelta è visibile e leggibile allora il contenuto sarà fruibile all osservatore ma soprattutto sarà gradevole alla vista. Per leggibilità si intende quanto facilmente l osservatore potrà riconoscere i caratteri. Per ottenere questo risultato bisogna considerare i seguenti fattori: Quei caratteri che sono poco o troppo marcati possono risultare difficile da leggere, specialmente se sono anche in piccole dimensioni.

52 Un contrasto tra caratteri troppo spessi e troppo sottili può ugualmente creare difficoltà nella lettura, specialmente se i caratteri sono anche in piccole dimensioni. In questo caso infatti i tratti troppo sottili tenderanno a scomparire rispetto agli altri. Insiemi di caratteri troppo espansi o eccessivamente ristretti rendono la lettura molto più difficile dal momento che risulteranno più difficili da distinguere: caratteri troppo vicini tenderanno a fondersi mentre caratteri troppo distanti tenderanno a separarsi.

53 Una tipologia di testo interamente in maiuscole risulterà sempre più difficile da leggere e soprattutto sarà meno gradevole alla vista. Un maggiore contrasto tra caratteri e sfondo aumenta il livello di leggibilità. Colori troppo saturi possono interferire con la leggibilità. Generalmente l osservatore tende a visualizzare e leggere in primo luogo i caratteri più scuri all interno di una composizione.

54 Integrazione Visiva Come approfondiremo più avanti, nella scelta di una tipologia di caratteri bisogna valutare attentamente la relazione tra font e visualizzazione generale. I caratteri devono agire sinergicamente con il resto del design grafico compositivo per comunicare insieme un dato significato. Il seguente poster rappresenta un buon esempio di come le immagini agiscono in sinergia con i caratteri, nel processo comunicativo.

55 Poster: Environmental Awareness, Aiga San Francisco Designer: Jennifer Morla, Jeanette Arambu In questo esempio la visualizzazione dei caratteri e dell immagine nella parte superiore contrasta nettamente con l illustrazione inferiore, dove sia l immagine, ma soprattutto i caratteri, di tipo sans serif in maiuscolo, contribuiscono a creare un tipo di visuale negativa perfettamente adatta al tipo di comunicazione scelta: la consapevolezza dei problemi legati all ambiente.

56 Pertanto volendo integrare gli elementi visivi con i caratteri di testo è bene porsi i seguenti quesiti e rispondere ad essi: Il font scelto deve condividere delle caratteristiche visive con il resto della grafica compositiva? Il font scelto deve rimanere neutrale rispetto al resto della grafica, permettendo a questa di svolgere un ruolo maggiore nel processo di comunicazione? I caratteri devono invece dominare la grafica?

57 I caratteri scelti devono contrastare con le caratteristiche visive del resto dalla composizione? Caratteri realizzati manualmente (non digitalmente) svolgeranno meglio il loro ruolo all interno della composizione? Esempio di caratteri realizzati manualmente (handmade-letters)

58 Alcuni esempi del rapporto comunicativo provengono dall attuale servizio pubblicitario di Vogue Italia per l Haute Couture con Milla Jovovich. In questa copertina, il design grafico scelto per la raffigurazione dello scatto mostra una buona sinergia tra visuale e testo: entrambi con forti contrasti (il rosso dell abito sul bianco-ceruleo della sfondo riprende il

59 contrasto tonale tra i caratteri del testo bianchi su sfondo rosso e nero. Allo stesso modo i caratteri di testo del cartello riprendono i restanti caratteri della scena, contribuendo insieme a ricreare quell aspetto visuale tipico di una scena del crimine. Nel design qui a fianco invece vediamo come i caratteri di testo interamente in maiuscolo siano di difficile e sgradevole lettura.

60 Tuttavia il contrasto tonale e l associazione con l immagine a destra crea un sufficiente interesse comunicativo che porta comunque l osservatore a decifrare i caratteri e soprattutto alla successiva lettura del paragrafo sottostante, evidenziato in rosso. Lo stesso effetto, senza alcun disturbo visivo, generato dallo stile dei caratteri di testo, viene ottenuto nella composizione grafica accanto, dove il potere visivo dell immagine, come

61 strumento comunicativo principale del design, tende a portare l osservatore a leggere la piccola didascalia in bianco, sul lato sinistro. Quello che infine è importante osservare, anche se non strettamente legato all utilizzo dei caratteri di testo, è l omogeneità grafica, di immagini, colori e caratteri, in tutto il design grafico realizzato per questa campagna, presa ad esempio.

62 FINE LEZIONE

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A.

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A. 9. Lettering Il presente file costituisce una SINTESI del materiale presentato nel corso delle lezioni. Tale sintesi non deve essere ritenuta esaustiva dell argomento, ma andrà integrata dallo studente

Dettagli

CARATTERE, FONT, INTERLINEA. Appendice alla lezione 9 Corpo ed interlinea. Sito IL LABORATORIO DEL LIBRO. www.fareunlibro.com

CARATTERE, FONT, INTERLINEA. Appendice alla lezione 9 Corpo ed interlinea. Sito IL LABORATORIO DEL LIBRO. www.fareunlibro.com CARATTERE, FONT, INTERLINEA Appendice alla lezione 9 Corpo ed interlinea Sito IL LABORATORIO DEL LIBRO www.fareunlibro.com a cura di Tommaso Marotta 1 2 1) PRIMO SGUARDO AL CARATTERE. Il Carattere è il

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 43

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 43 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 43 3.4 Modificare e formattare i caratteri Word permette di formattare un testo, cioè attribuirgli l aspetto che desideriamo, rendendolo più leggibile ed elegante, o dandogli

Dettagli

Da Consesus Conference celebrata all Istituto Superiore di Sanità a Roma il 6-7 dicembre 2010

Da Consesus Conference celebrata all Istituto Superiore di Sanità a Roma il 6-7 dicembre 2010 Linee guida per rendere un documento ad alta leggibilità Da Consesus Conference celebrata all Istituto Superiore di Sanità a Roma il 6-7 dicembre 2010 Indicazioni generali per la leggibilità dei testi

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e grafici, tutto nello stesso file di documento. Durante il lavoro testo e illustrazioni appaiono sullo schermo

Dettagli

8 Word seconda lezione 1

8 Word seconda lezione 1 8 Word seconda lezione 1 Word incominciamo a digitare! È il momento di iniziare a scrivere, posizionandosi con il cursore all inizio o in mezzo al documento. Talvolta però può capitare di fare degli sbagli.

Dettagli

Cos è un word processor

Cos è un word processor Cos è un word processor è un programma di videoscrittura che consente anche di applicare formati diversi al testo e di eseguire operazioni di impaginazione: font diversi per il testo impaginazione dei

Dettagli

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI MARCHIO E SUE VARIANTI SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI PAG. 2 MARCHIO ORIZZONTALE COMPLETO Il marchio ufficiale

Dettagli

Istruzioni per l uso. Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale

Istruzioni per l uso. Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale Istruzioni per l uso Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale Poche regole per indicare il corretto approccio alla composizione di

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

Linee guida. per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA

Linee guida. per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA Linee guida per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA Introduzione Il presente documento costituisce la sintesi di un lungo e complesso lavoro di ideazione della nuova grafica coordinata

Dettagli

Nozioni di base sulla progettazione

Nozioni di base sulla progettazione Nozioni di base sulla progettazione gordongroup Informazioni su gordongroup gordongroup è un'agenzia di servizi, marketing one-stop-shop e comunicazione che offre una combinazione esclusiva di servizi

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

Lavorare con i paragrafi

Lavorare con i paragrafi Capitolo 4 Lavorare con i paragrafi Utilizzare il pannello Paragrafo La maggior parte della formattazione relativa ai paragrafi è gestita dal pannello Paragrafo (Figura 4.1). In questo capitolo Utilizzare

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

Scrivere con Ms WordPad

Scrivere con Ms WordPad Scrivere con Ms WordPad E un programma di videoscrittura attraverso cui, oltre che scrivere un documento, possiamo abbellire il testo con strumenti di formattazione (dare forma) che ci permettono di scegliere

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA Il presente documento è finalizzato a regolamentare l utilizzo del logotipo e l immagine coordinata della Compagna straordinaria di formazione

Dettagli

ESERCIZI OPERATIVI WORD. 1. Crea una propria cartella di lavoro per registravi tutti i documenti creati con le

ESERCIZI OPERATIVI WORD. 1. Crea una propria cartella di lavoro per registravi tutti i documenti creati con le ESERCIZIO Word 1 1. Crea una propria cartella di lavoro per registravi tutti i documenti creati con le esercitazioni inerenti il programma Microsoft Word (si consiglia di chiamarla EserciziWord ). 2. Apri

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

Manuale di segnaletica TCS per una solida immagine del marchio

Manuale di segnaletica TCS per una solida immagine del marchio Manuale di segnaletica TCS per una solida immagine del marchio Versione 2.0 04/2012 - Ufficio del marchio Segnaletica Indice Segnaletica Introduzione 3 Corporate Design Elementi compositivi 5 Sintesi delle

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

KIT RECUPERO IDONEITA' Classi Seconde. Scienze e Tecnologie Applicate

KIT RECUPERO IDONEITA' Classi Seconde. Scienze e Tecnologie Applicate I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio (BG) KIT RECUPERO IDONEITA' Classi Seconde Scienze e Tecnologie Applicate Libro di testo Titolo: Graphic Design Autori: David Dabner, Sheena Calvert, Anoki Casey Editore:

Dettagli

Visualizzazione e Composizione

Visualizzazione e Composizione Visualizzazione e Composizione Elementi Base di Visualizzazione Contenuti, Mezzi di Comunicazione e Modalità di Visualizzazione Dopo aver creato un design concept, un graphic designer deve prendere delle

Dettagli

Disciplina informatica Uso di Excel

Disciplina informatica Uso di Excel Disciplina informatica Uso di Excel Mario Gentili Definizione Il foglio elettronico, conosciuto anche come foglio di calcolo, è una griglia di caselle all interno delle quali possono essere inseriti non

Dettagli

Modulo AM3 Elaborazione Testi

Modulo AM3 Elaborazione Testi Edizione 2011 Silvana Lombardi Piero Del Gamba Modulo AM3 Elaborazione Testi Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: Microsoft Word XP/2007 Silvana Lombardi Piero Del

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Modulo AM3 Elaborazione Testi

Modulo AM3 Elaborazione Testi Edizione 2010 Silvana Lombardi Piero Del Gamba Modulo AM3 Elaborazione Testi Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: Microsoft Word XP/2007 Silvana Lombardi Piero Del

Dettagli

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value dsdas Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value 1 Realizzazione Altravia

Dettagli

la forma: caratteri web writing slides fernando cova FORMA SCR p. 1

la forma: caratteri web writing slides fernando cova FORMA SCR p. 1 la forma: caratteri web writing slides fernando cova FORMA SCR p. 1 i caratteri tutta la documentazione aziendale scritta deve utilizzare gli stessi caratteri!!!! fernando cova FORMA SCR p. 2 fernando

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Per avviarlo, dal menu Star, selezionare Programmi e cliccare sulla voce Microsoft Word.

Per avviarlo, dal menu Star, selezionare Programmi e cliccare sulla voce Microsoft Word. L interfaccia Grafico di M. Word 1.1. Introduzione Microsoft Word è un programma per l elaborazione dei testi che semplifica e arricchisce le funzioni dell obsoleta macchina per scrivere. Permette di:

Dettagli

MIC Manuale di Immagine Coordinata Comune di San Fior

MIC Manuale di Immagine Coordinata Comune di San Fior MIC Manuale di Immagine Coordinata Comune di San Fior Manuale Operativo San Fior Negli ultimi anni molte trasformazioni hanno interessato anche l Ente Comune che, investito di nuove funzioni e competenze,

Dettagli

Applicazioni Editoriali. Cover Design

Applicazioni Editoriali. Cover Design Applicazioni Editoriali Cover Design La finalità di ogni copertina L obiettivo di base di un qualsiasi graphic design realizzato per rappresentare una copertina consiste nel catturare facilmente lo sguardo

Dettagli

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Elementi base Giugno 2007 Elementi Base. Marchio L emblema della Sapienza è costituito da un ovale, di colore porpora, nel quale sono inscritti un cherubino, sovrastato da una fiammella, e la dicitura

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Progettazione Multimediale REGOLE DI COMPOSIZIONE GRAFICA. Parte 6. Le tecniche impaginative. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale REGOLE DI COMPOSIZIONE GRAFICA. Parte 6. Le tecniche impaginative. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale REGOLE DI COMPOSIZIONE GRAFICA Parte 6 Le tecniche impaginative Prof. Gianfranco Ciaschetti L impaginazione L impaginazione è il procedimento che organizza e coordina secondo

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA EDIZIONE: GENNAIO 2013 INDICE 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 3 2 POSSIBILI APPLICAZIONI E VANTAGGI... 3 3 CONDIZIONI DI ACCESSO... 4 4 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Digital Identity Ferrovie dello Stato Corporate. Versione 1.0 Aprile 2011

Digital Identity Ferrovie dello Stato Corporate. Versione 1.0 Aprile 2011 Digital Identity Ferrovie dello Stato Corporate Aprile 2011 Indice 1 Premessa 4 Footer 2 3 Scopo del manuale Utilizzo del manuale Layout di pagina Colori Visual Icone Gabbia e misure Griglia modulare Layout

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE M.K.GANDHI WORD 2007. Isabella Dozio 17 febbraio 2012

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE M.K.GANDHI WORD 2007. Isabella Dozio 17 febbraio 2012 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE M.K.GANDHI WORD 2007 Isabella Dozio 17 febbraio 2012 L IMPOSTAZIONE DI WORD 2007 PULSANTE - Fare clic qui per aprire, salvare o stampare il documento e per informazioni

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI. PER L UTILIZZO DEI LOGHI. 2 MANUALE Indice Dimensioni reali e Proporzioni......................................................... 5 Colori...........................................................................

Dettagli

Non solo Photoshop. Una carellata su Photoshop e... Quattordicesima

Non solo Photoshop. Una carellata su Photoshop e... Quattordicesima Lezione 14 1. Non solo Photoshop 2. Palette strumenti 3. Perdere e ritrovare le palette 4. Impostare le Preferenze 5....ancora e sempre Word 6. Formattare una pagina 7. Formato - Stili e formattazione

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA. Docente. Stefania Melillo

CORSO DI INFORMATICA. Docente. Stefania Melillo CORSO DI INFORMATICA Docente Stefania Melillo Cosa significa informatica? Il termine nasce dalla fusione di due parole, INFORMazione e automatica le informazioni vengono immesse, in un calcolatore capace

Dettagli

I STITUTO P ROFESSIONALE DI STATO GAETANO SALVEMINI - Palermo

I STITUTO P ROFESSIONALE DI STATO GAETANO SALVEMINI - Palermo Programmazione primo anno: Le basi della grafica tratta tutti gli elementi della progettazione grafica singolarmente presi; scopo di tale programmazione è fare comprendere come sia possibile unire i vari

Dettagli

Il disegno della scrittura

Il disegno della scrittura Laboratorio di Graphic creations prof. arch. Ornella Zerlenga Tema d anno Il disegno della scrittura SECOND UNIVERSITY OF NAPLES DEPARTMENT OF ARCHITECTURE AND INDUSTRIAL DESIGN, ITALY ORNELLA ZERLENGA

Dettagli

Istruzioni per l impaginazione grafica dei manifesti per i corsi di formazione 2012-13. Indice dei contenuti: I - Introduzione II - Materiale

Istruzioni per l impaginazione grafica dei manifesti per i corsi di formazione 2012-13. Indice dei contenuti: I - Introduzione II - Materiale Istruzioni per l impaginazione grafica dei manifesti per i corsi di formazione 2012-13 Indice dei contenuti: I - Introduzione II - Materiale 1 - Sfondo 2 - Posizione loghi e marchi 3 - Titolo del corso

Dettagli

Formattazione e Stampa

Formattazione e Stampa Formattazione e Stampa Formattazione Formattazione dei numeri Formattazione del testo Veste grafica delle celle Formattazione automatica & Stili Formattazione dei numeri Selezionare le celle, poi menu:

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Pagina I EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Modulo 3 Elaborazione testi Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 3, Elaborazione testi, e fornisce i fondamenti per il test di tipo

Dettagli

LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA

LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA Introduzione Il presente documento è finalizzato a regolamentare l utilizzo del logotipo e l immagine coordinata su tutti i materiali prodotti

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014 Istituto d Istruzione Liceo Scientifico G.Bruno Muravera (CA) Programma di Informatica 2ªB Anno scolastico 2013/2014 Docente Prof. ssa Barbara Leo Libri di Testo e Materiali didattici Il testo di informatica

Dettagli

L 276/4 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea DECISIONE N. 190. del 18 giugno 2003

L 276/4 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea DECISIONE N. 190. del 18 giugno 2003 L 276/4 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea DECISIONE N. 190 del 18 giugno 2003 concernente le caratteristiche tecniche della tessera europea di assicurazione malattia (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH IMPOSTAZIONE DI UNA IMMAGINE ALL INTERNO DI UNA PAGINA WEB: In questo capitolo è spiegata la procedura di inserimento e modifica di una immagine

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria CORSO DI LAUREA in BIOLOGIA PROGRAMMA DEL CORSO INTRODUZONE ALL INFORMATICA A.A. 2014-15 Docente: Annamaria Bria Esercitatori: Salvatore Ielpa Barbara Nardi PROGRAMMA DEL CORSO Teoria 1. Cosa si intende

Dettagli

Uso di un programma per elaborazione testi (con riferimento a Microsoft Word)

Uso di un programma per elaborazione testi (con riferimento a Microsoft Word) Uso di un programma per elaborazione testi (con riferimento a Microsoft Word) Sommario La barra dei menu e le barre degli strumenti 2 La formattazione dei caratteri 8 La formattazione del testo 11 Le tabelle

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Cos'è Writer? Gestisce file di testo con estensione.odt, ma supporta anche.txt,.rtf,.doc,.docx, ecc.

Cos'è Writer? Gestisce file di testo con estensione.odt, ma supporta anche.txt,.rtf,.doc,.docx, ecc. Cos'è Writer? Writer è un componente del pacchetto di programmi OpenOffice. Si tratta di un editor di testo avanzato, dando la possibilità di dare degli stili al nostro testo. Per cominciare ad usare questa

Dettagli

Modulo 6 Power Point - 2014

Modulo 6 Power Point - 2014 Modulo 6 Power Point - 2014 Appunti gratuiti su Google appunti dispense modulo 6 ecdl syllabus 5.0 per chi ha acquistato la skills card dopo il 30/09/2014 specificare new ecdl o nuova ecdl 1 Utilizzo dell

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Codice a barre 3 di 9

SCHEDA TECNICA. Codice a barre 3 di 9 SCHEDA TECNICA Codice a barre 3 di 9 MAGGIO, 2013 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2 BLOCCO CODICE A BARRE... 3 3 CARATTERISTICHE DEL CODICE A BARRE 3 DI 9... 3 3.1 CARATTERISTICHE DEL CODICE

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Copia. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Copia. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Copia In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Copia di base" a pagina 3-2 "Regolazione delle opzioni di copia" a pagina 3-4 "Impostazioni di base" a pagina 3-5 "Regolazioni delle immagini"

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

WORD. Alfabetizzazione Informatica Prof. GIUSEPPE PATTI

WORD. Alfabetizzazione Informatica Prof. GIUSEPPE PATTI WORD Alfabetizzazione Informatica Prof. GIUSEPPE PATTI Word per iniziare aprire il programma In ambiente Windows, esistono diversi modi per lanciare in esecuzione Word. Il sistema classico è: Avvio/Start.

Dettagli

Dispensedi Word. CampusLab - Agenzia Formativa Sede Provinciadi Cuneo Sede Provinciadi Torino Sede Provinciadi Vercelli Sede Liguria C.

Dispensedi Word. CampusLab - Agenzia Formativa Sede Provinciadi Cuneo Sede Provinciadi Torino Sede Provinciadi Vercelli Sede Liguria C. Accreditamento Regione Piemonte Sede operativa di formazione professionale Organismo: certificato nr. 098/001 ER 0988/2003 ES-0988/2003 ISO 9001:2000 Dispensedi Word CampusLab - Agenzia Formativa Sede

Dettagli

Esempi di applicazione: Introduzione: Presentazione del Marchio: Operatività e declinazioni: INDICE

Esempi di applicazione: Introduzione: Presentazione del Marchio: Operatività e declinazioni: INDICE 1 2 INDICE 01 02 Introduzione: 4 - Cos è un Brand Book 5 - Un brand dai significati particolari 6 - I valori di Itely Hairfashion nel mondo Presentazione del Marchio: 9 - Composizione del Marchio 10 -

Dettagli

ALLEGATO 1. Prezzi degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro)

ALLEGATO 1. Prezzi degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro) ALLEGATO 1 degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro) Tab a) INVII RACCOMANDATI NON RETAIL PER L'INTERNO AM CP EU fino a 20 g 2,20 2,50 3,20 oltre 20 g fino a 50 g 2,60

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Lo schermo di Word, modalità di visualizzazione. SECONDA LEZIONE: Tecniche di selezione e modifica dei testi. TERZA LEZIONE: Formato carattere (tipo, stile, grandezza,

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

David Berti. davebe@inbox.com. Comunicarsi sul Web

David Berti. davebe@inbox.com. Comunicarsi sul Web David Berti davebe@inbox.com Comunicarsi sul Web Comunicare?? Comunicare deriva dal verbo di origine latina communicare che significa condividere Comunicare Condividere dati linguistici (informazione)

Dettagli

Modulo AM3 Elaborazione Testi

Modulo AM3 Elaborazione Testi Edizione 2010 Piero Del Gamba Silvana Lombardi Modulo AM3 Elaborazione Testi Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: OpenOffice.org Writer 3.2 Piero Del Gamba Silvana

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Start/Tutti i programmi/ Microsoft Office/Word File/Chiudi Pulsante Chiudi File/Nuovo/Documento vuoto Modelli presenti. File/Salva File/Salva con nome

Start/Tutti i programmi/ Microsoft Office/Word File/Chiudi Pulsante Chiudi File/Nuovo/Documento vuoto Modelli presenti. File/Salva File/Salva con nome Nuova ECDL Word Processing Versione per Word 2010-2013 Nuovi elementi dell interfaccia utente Barra di accesso rapido (pulsanti Salva, Annulla, Ripeti/Ripristina) Pulsante Office Backstage (FILE) Barra

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Federazione Italiana di Atletica Leggera - aprile 2011 Indice Premessa Nome e acronimo

Dettagli

PROGETTARE UNA PAGINA WEB

PROGETTARE UNA PAGINA WEB PROGETTARE UNA PAGINA WEB Che differenza c è tra una grafica cartacea e una grafica per web? Nella maggior parte dei casi, quando parliamo di grafica cartacea parliamo di cartellonistica volantini, manifesti

Dettagli