ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1"

Transcript

1 ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE; PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITA DEGLI ENTI LOCALI Rapporto sulla funzione pubblica locale Il rapporto punta creare una occasione annuale per sottoporre ad analisi e valutazione i dati che concernano la evoluzione della funzione pubblica locale, con particolare riferimento ai processi di modernizzazione e adeguamento alla domanda sociale di servizi. Il rapporto dovrebbe essere costruito tramite: 1. la organizzazione di dati già disponibili presso la Provincia, ovvero dati relativi a fenomeni gestionali per la quale la Provincia entra ordinariamente in possesso dei dati; 2. la organizzazione di dati di cui la Provincia entra in possesso a seguito della realizzazione di particolari azioni di indagine o ricerca; 3. la organizzazione di dati resi disponibili dal sistema statistico nazionale (regionale e locale) o comunque di pubblico dominio; 4. la organizzazione di dati raccolti nelle attività di Reform srl 5. la organizzazione di dati derivanti da specifiche azioni di ricerca e indagine. CERTIFICAZIONE DI QUALITA ACCREDITAMENTO DI REFORM S.R.L. COME AGENZIA FORMATIVA 1

2 B) KNOWLEDGE MANAGEMENT, COUNSELLING, SERVIZI EVOLUTI PER LA FUNZIONE PUBBLICA LOCALE Linea 2 AFFERMARE REFORM COME TECNOSTRUTTURA AFFIDABILE, PERCEPITA COME SOGGETTO INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI, CAPACE DI AFFIANCARE IL LAVORO PUBBLICO E DI FAVORIRNE LA VALORIZZAZIONE. Estendere il numero degli enti partner; Realizzare forme di consultazione e partecipazione permanente; Realizzare forme di informazione e comunicazione diverse dal web; CONSOLIDARE IL PRIMATO DI REFORM NEL CAMPO DEL KNOWLEDGE MANAGEMENT E DELLA INTEGRAZIONE TRA KM E SVILUPPO DELLE COMPETENZE DEL PERSONALE.: Migliorare la piattaforma/madre ( restilizzandone la home page e le principali funzionalità; Svilupparne lʹintegrazione con uno strumento di social networking ( Far crescere la platea dei lead users e delle comunità di uso e di pratica.; Accrescere il numero degli utenti degli enti pubblici della Regione Toscana. SVILUPPARE NUOVI SERVIZI, PARTICOLARMENTE ATTRAVERSO IL WEB, ACCRESCENDO IL NUMERO DEGLI ENTI LOCALI CHE SE NE AVVALGONO. Sviluppare le funzionalità del sito costruendo un congruo e motivato gruppo di utilizzatori/progettisti (lead users): Integrare in un sistema di presenze sul web che favorisca la interattività degli operatori dei piccoli comuni e, con questa, un consolidamento della comunità di pratica attorno al sito, suscettibile di aumentare il numero di utenti e collaboratori 2

3 REFORM2 - ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AGLI ENTI LOCALI Reform2 è il modo con cui la Provincia di Pisa intende migliorare la propria infrastruttura tecnologica per lo svolgimento adeguato delle funzioni di Assistenza Amministrativa agli enti locali, facendo propri gli indirizzi e le finalità del Programma Regionale per la promozione e lo sviluppo dell amministrazione elettronica e della società dell informazione e della conoscenza nel sistema regionale. Reform2 fa proprie e sviluppa le funzionalità gia presenti nella piattaforma ovvero le funzioni corrispondenti alla fase di Information providing nel processo di KM (Knowledge Management) Un gruppo qualificato di operatori ricerca, individua, valuta, seleziona, rende disponibili, trasferisce e organizza informazioni utili al lavoro degli operatori della funzione pubblica locale. In aggiunta a queste funzionalità, Reform2 consentirà: - di personalizzare i pacchetti informativi lato cliente, attraverso l impiego di nuovi strumenti (RSS, social bookmarkin); - di sviluppare la integrazione tra le comunità di interesse, sia attraverso un adeguato impiego del social tasking, sia attraverso lo sviluppo di strumenti di partecipazione / interazione (propri del web2); questi strumenti consentiranno una partecipazione costante e monitorabile degli operatori degli enti locali, considerati utenti e collaboratori (lead users) - di integrare, in misura adeguata ed equilibrata, gli altri servizi che Reform gestisce per la funzione pubblica locale (osservatorio scolastico, osservatorio della edilizia scolastica, osservatorio degli impianti sportivi) Reform2 integrerà in una piattaforma sviluppata in ambiente open source: - le funzionalità di km proprie di - funzionalità di comunità di pratica; - funzionalità di alerting personalizzato, connesse specificamente alla informazione giuridico amministrativa; - ambienti di social bookmarking e comunità multitematiche. Per questi obiettivi, dovrà essere sviluppato un nuovo software, per realizzare una nuova piattaforma, pensata come struttura base cui potranno modularmente essere collegate future nuove funzionalità (analoghe a quelle degli Osservatori). 3

4 Per lo sviluppo del software e per la fase di start up, che richiederà l impiego di 3 operatori per 6 mesi, si ritiene necessario un finanziamento di euro. Il Bilancio di Reform srl copre euro (costo di 3 operatori per sei mesi e di partecipazione allo sviluppo del software). L intero finanziamento sarà comunque ricercato da fonti esterne. 4

5 Linea 3 SVILUPPO SERVIZI INTERATTIVI PER I COMUNI.IN PARTICOLARE SVILUPPARE LA NUOVA PIATTAFORMA PER I SERVIZI ALLE PERSONE IMMIGRATE, DA CONSEGNARE AGLI ENTI COMMITTENTI; Progetto PODIS Creare un portale multicanale e multilingua mediante il quale rendere disponibili informazioni sui servizi offerti dagli enti pubblici locali e dalle istituzioni alle persone immigrate, oltre che informazioni su servizi di varia utilità. Tali servizi dovranno essere fuibili in maniera interattiva.. PROMUOVERE LA COSTRUZIONE DI OPPORTUNE SEDI DI RIFLESSIONE SULLA EVOLUZIONE DELLA FUNZIONE PUBBLICA LOCALE Progetto ELITE Supportare la Provincia nel suo lavoro di ricerca delle migliori modalità per organizzare il rapporto con la rete delle autonomie: ricerca/intervento finalizzata a fare il punto sulle esperienze di costruzione di reti locali per la gestione integrata (associata, o semplicemente coordinata) dei servizi, in rapporto alla legislazione regionale e sul ruolo della Provincia in questi processi, mettendo a punto ipotesi per la realizzazione e la valorizzazione delle opportunità offerte da un ente intermedio di programmazione e di governance. SUPPORTO ENTI LOCALI FUND RISING E PROGETTUALITA : FACILITARE E AFFIANCARE LA PROGETTUALITÀ DEGLI ENTI LOCALI E LA CAPACITÀ DI INTERCETTARE RISORSE,PARTICOLARMENTE DI FONTE EUROPEA. Progetto EURO Il progetto, già collaudato nello scorso anno e realizzato in collaborazione con l Ufficio Politiche Comunitarie della Provincia di Pisa, è volto ad assistere le i Piccoli Comuni della Provincia di Pisa nella fase di reperimento dei fondi europei per il finanziamento dei progetti comunali. 5

6 Linea 4 ANTICIPARE, AFFIANCARE E SOSTENERE I PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE DELLʹENTE PROVINCIA, mettendo a punto una adeguata offerta di servizi a medio ed elevato contenuto di professionalità e di sofisticazione tecnologica, sfruttando adeguatamente il know how aziendale nel campo del knowledge management, della gestione in remoto di archivi dinamici e della formazione. In questo ambito trovano spazio le attività degli osservatori (scolastico, dellʹedilizia scolastica, dello sport) Anagrafe Alunni e servizi Codice Operazione 1.A Livello provinciale 1.A.1 1.A.1 Alimentare il Data Base degli alunni storicizzato con i dati dell anno scolastico 2008/09; 1.A.2 1.A.3 1.A.4 1.A.5 Migliorare la qualità del dato contenuto negli archivi scolastici con attività mirate nei confronti del personale delle segreterie scolastiche; Erogare servizi alle Istituzioni locali: Scuole, Comuni, Provincia, come indicato nel PIGI ed elaborazione dati su richieste particolari; Erogare servizi alle Istituzioni locali: Scuole, Comuni, Provincia, come indicato nel PIGI ed elaborazione dati su richieste particolari; Ottimizzazione del Software in uso agli osservatori scolastici e analisi e sviluppo di una procedura online per il trasferimento dei dati dalla scuola all osservatorio e tra gli osservatori e la Regione; 1.B Livello regionale 1.B.1 1.B.1 Trasferimento dei Data Base provinciali per il completamento dell anagrafe alunni regionale; 1.B.2 1.B.3 1.B.4 Sviluppo di un modulo web per il trasferimento dati tra Regione e OSP; Allineamento delle tabelle e degli archivi provinciali con quello regionale; Supporto agli altri osservatori come previsto dalla normativa regionale; 6

7 Anagrafe Edilizia Scolastica e servizi Codice Operazione 2.A Livello provinciale 2.A.1 Inserimento e aggiornamento della nuova scheda ministeriale nel portale dell edilizia scolastica; 2.A.2 Allineamento delle tabelle e del Data Base dell edilizia con quello dell anagrafe alunni; 2.A.3 Completamento dell inserimento delle planimetrie nel portale edilizia; 2.A.4 Sperimentazione di un modello per il calcolo analitico dei consumi energetici degli edifici scolastici; 2.B Livello regionale 2.B.1 Inserimento e aggiornamento della nuova scheda ministeriale nel portale dell edilizia scolastica; 2.B.2 Allineamento delle tabelle e del Data Base dell edilizia con quello dell anagrafe alunni; 2.B.3 Completamento dell inserimento delle planimetrie nel portale edilizia; 2.B.4 Analisi e sviluppo di report statistici per l elaborazione dei dati relativi all edilizia scolastica regionale fruibili da diversi tipi di utenze; 2.B.5 Sperimentazione di un modello per la gestione e verifica dei finanziamenti agli enti competenti, secondo la normativa vigente in materia di edilizia scolastica (L.23/96); Portali, Servizi Web e Server Codice Operazione 3.A Livello provinciale 3.A.1 Analisi, sviluppo e realizzazione di modulo on line protetto, per il trasferimento dati dalle scuole agli osservatori e tra gli osservatori e la Regione; 3.A.2 Implementazione, aggiornamento e manutenzione dei portali provinciali; 3.B Livello regionale 3.B.1 Implementazione del portale regionale; 3.B.2 Trasferimento del Data Base dell edilizia scolastica dalla piattaforma Access 2003 alla piattaforma SQL Server 2008 SE; 3.B.3 Trasferimento dei domini web relativi ai portali degli osservatori scolastici all interno di un server unico regionale; 3.B.4 Manutenzione e gestione del server regionale; C) WORKSHOP 7

8 Linea 5 REALIZZARE EVENTI DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE IDONEI A PROMUOVERE LA INTRODUZIONE DI MIGLIORAMENTI ORGANIZZATIVI E DI AMMODERNAMENTI TECNOLOGICI NELLA STRUTTURA DELLA FUNZIONE PUBBLICA LOCALE. La definizione del programma dei workshop è un punto di riferimento qualificante della attività di Reform s.r.l. Ad oggi sono state già calendarizzate per l anno 2009 giornate sui seguenti temi: La conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa; Le organizzazioni e le persone: motivare al cambiamento; Le vetrine di eccellenza per la toscana; Servizi educativi per la prima infanzia; Le funzioni associate e i nuovi modelli organizzativi; La gestione del personale; Società partecipate e patto di stabilità; Certificazione ambientale ( EMAS); Pari opportunità; Reti documentarie. Le ulteriori iniziative per il 2009 verranno definite: sulla base delle eventuali novità normative di interesse per gli operatori degli Enti Locali; sulla base di particolari esigenze della provincia di Pisa e degli Enti del territorio provinciale; attivando opportune sinergie con le Università. 8

9 Linea 6 D) FORMAZIONE SOSTENERE, AFFIANCARE E REALIZZARE IL CICLO COMPLETO DELLA FUNZIONE FORMATIVA PER LA STRUTTURA DELLA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE, NEL QUADRO DEI PROCESSI DI RIALLOCAZIONE DELLE FUNZIONI NELLA RETE DELLE AUTONOMIE LOCALI. Osservatorio delle Competenze Implementazione, in collaborazione con lʹuniversità di Pisa, di un sistema per lʹanalisi dei fabbisogni formativi supportato da ICT, rilevati attraverso lʹintroduzione di nuove metodologie e tecniche quali lʹutilizzo di focus group su gruppi selezionati. Il sistema permetterà di giungere a una mappatura delle competenze, che rappresenta il fulcro operativo per sviluppare le successive azioni volte alla valorizzazione dei talenti e delle competenze possedute dalle risorse umane, nonché al riconoscimento del merito. La rilevazione dei fabbisogni di competenze professionali è infatti la precondizione per ridefinire lʹofferta formativa adeguandola al continuo divenire del ruolo della funzione pubblica locale e per agevolare il raccordo domanda/offerta di servizi al cittadino. La creazione di una banca dati delle competenze rappresenta poi lʹelemento finale in cui fare confluire le risultanze di un analisi dei fabbisogni basata sulla mappatura dei processi Lʹosservatorio potrà estendere la propria attività ai comuni del territorio, in coerenza con il ruolo di facilitazione e sostegno allo sviluppo della comunità dei comuni proprio della Province. Obiettivi Messa a punto / taratura della ʺmatriceʺ per lʹosservazione delle dinamiche della funzione pubblica locale: evoluzione del ruolo, evoluzione delle competenze, individuazione del modello di professionalità, prima identificazione del fabbisogno ʺhuman assessmentʺ. Implementazione di un sistema informatico per la rilevazione dei fabbisogni Introduzione di nuove metodologie per la rilevazione dei fabbisogni 9

10 Analisi dei processi Mappatura della competenze e creazione di un archivio strutturato delle competenze (banca) Operazione Proposta del modello a un panel di testimoni privilegiati: raccolta di osservazioni, suggerimenti, integrazioni, correzioni; (verif. Partecipazione sindacato) Uno o più focus group per la validazione del modello e per una prima definizione di ʺgrappoliʺ di tematiche formative. orientate alle competenze costituzione di un team, per promuovere la condivisione sulla metodologia di lavoro basata sule competenze e al contempo formare una rete di referenti Rilevazione fabbisogni Elaborazione risultati Diffusione risultati Valorizzazione delle Competenze della struttura provinciale A seguito delle risultanze del progetto ʺOsservatorio delle Competenzeʺ, individuare: le nuove competenze da sviluppare, al fine di governare, attraverso la leva formativa, lʹevoluzione della Provincia verso il nuovo ruolo richiesto alla funzione pubblica locale, con particolare riferimento ai processi di modernizzazione e adeguamento alla domanda sociale di servizi (vedi rapporto sulla funzione pubblica). le competenze consolidate che necessitano di aggiornamento legato alla continua evoluzione normativa e alle novità tecniche le competenze di ruolo/trasversali, legate alla motivazione del personale e alla presa di coscienza del ruolo analisi di clima, sviluppo della identità aziendale, cambiamento dei rapporti con lʹesterno Prevedere il periodico aggiornamento della banca dati delle competenze 10

11 Obiettivi Creazione di un sistema costante di monitoraggio delle competenze Creazione Rete referenti per la formazione (coincidente con team previsto dal progetto1) Individuazione competenze da consolidare e sviluppare Definizione, con i dirigenti di riferimento, di linee di intervento e ipotesi di programma per ciascuna area funzione servizio Definizione, con la direzione generale, del piano dei corsi da sottoporre alle organizzazioni sindacali Azioni volte alla creazione e consolidamento della rete di referenti (prevedendo monenti di formazione specifica) Aggiornamento continuo della banca dati Realizzazione, erogazione e gestione operativa del Piano dei corsi 2009 della provincia di Pisa : Anche per il 2009 la Provincia di Pisa ha affidato a Reform srl la gestione del proprio piano formazione. L obiettivo è quello sostenere, affiancare e realizzare il ciclo completo della funzione formativa per la struttura della Amministrazione Provinciale, nel quadro dei processi di riallocazione delle funzioni nella rete delle autonomie locali, assicurando il mantenimento di elevati standard di qualità e la stretta collaborazione con i dirigenti richiedenti in fase di progettazione operativa. Ulteriore obiettivo è la gestione, in collaborazione con l amministrazione, delle richieste di corsi, non contemplati nel piano di formazione 2009, che potrebbero sorgere a seguito di rilevanti novità normative. (La possibilità di integrare il piano è prevista nel piano di formazione stesso che recita è poi prevista la possibilità di segnalare altri interventi che possono non rientrare tra quelli previsti nelle due sezioni precedenti ma che si rendono necessari per motivi di urgenza e di specifico adeguamento delle competenze, e pertanto strettamente connessi con l attività lavorativa ). Oltre ai corsi realizzati in attuazione di quanto contemplato dai piani di formazione, ulteriori momenti di aggiornamento per i dipendenti della Provincia sono rappresentati dalla loro partecipazione ai corsi a catalogo nonché ai convegni organizzati da Reform s.r.l.. 11

12 Linea 7 SOSTENERE, AFFIANCARE E REALIZZARE I PROGRAMMI DI FORMAZIONE DEGLI ENTI LOCALI DELLA COMUNITÀ PROVINCIALE, per mezzo di una autonoma offerta di prodotti formativi e sviluppando il ruolo di ʺnodoʺ di rete proprio della competenza provinciale, attivando a questi fini le opportune sinergie e gli opportuni strumenti di partenariato con le università ed i centri di ricerca. Realizzazione e gestione del Piano dei corsi per altri Enti territoriali e altri enti pubblici : L offerta prevede per gli Enti del Territorio la possibilità di affidare alla Provincia di Pisa, previo accordo ai sensi dell art. 15 della L. 241/90, la realizzazione e gestione del piano dei corsi. La Provincia, coerentemente con quanto disposto dall Art. 9 comma 1 lett. L) del TUEL ( assistenza tecnico amministrativa agli Enti Locali) e per garantire un azione più mirata di supporto può avvalersi della sua società in house, Reform srl,la quale al suo interno ha le adeguate competenze per o gestire il management dell intero processo (rilevazione dei bisogni formativi attraverso l impiego di specifiche metodologie, quali il focus group definizione del piano annuale, progettazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione dei singoli corsi) o singole fasi dello stesso. Nel primo caso rimangono in capo all Ente committente i soli compiti di indirizzo e controllo; Reform s.r.l. si offre, quindi, come sostituto di fatto delle funzioni dell ufficio formazione, con il vantaggio che le risorse umane ad esso assegnate possono essere reimpiegate in altri servizi. Nel 2009 Reform si pone come obiettivo la realizzazione e gestione del piano dei corsi redatto per il Comune di San Giuliano (con il quale nel 2008 è stato sottoscritto l accordo con la Provincia di Pisa per l affidamento delle attività di formazione) che attualmente è in fase di approvazione da parte dell Amministrazione Comunale. Nel 2009 si prevede il consolidamento dei rapporti già avviati nel 2008 tra la Provincia di Pisa con l Ente Parco San Rossore, al fine di consentire a Reform di iniziare l attività di gestione del ciclo formativo dell Ente Parco, nonché di avviare altri rapporti con i Comuni del Territorio. Realizzazione Corsi a Catalogo secondo programma da definire Tramite i corsi a catalogo la Provincia di Pisa, attraverso la Reform s.r.l., consente agli Enti Locali del territorio di usufruire di una formazione di qualità, caratterizzata dal taglio pratico operativo. I corsi a catalogo sono individuati sulla base di una attenta osservazione dei piani di adeguamento organizzativo della funzione pubblica locale. Questi tipologia di corsi, puntano in realtà a condizionare positivamente le riorganizzazioni e favorire lo sviluppo di comunità di pratica nel territorio provinciale, nonché l interscambio di esperienze. 12

13 Per l anno 2009 sono attualmente previsti corsi sui seguenti temi: Le novità della finanziaria 2009; L applicazione del codice dei contratti e del suo approvando regolamento di attuazione; Le novità nella gestione del personale; Le opportunità di finanziamento europeo per lo sviluppo del territorio; La formazione e qualificazione dei messi notificatori; Corsi in materia dei servizi per la prima infanzia; Corsi di aggiornamento sul codice della strada; Altre novità normative di interesse per gli operatori degli Enti Locali; Le tematiche sono scelte: riferendoci alle relazioni intessute con i Comuni del Territorio Provinciale e tenendo conto delle dinamiche di trasformazione e modernizzazione che interessano le strutture degli enti, in sintonia con le indicazioni contenute nella Carta di Intenti, approvata dalla giunta Provinciale con atto n. 59 del e sottoscritta da numerosi Enti del territorio provinciale. Nell ambito dell attività a catalogo, Reform srl offre anche la possibilità di realizzare Corsi di formazione su specifica commessa degli Enti del territorio, che può concretizzarsi sia in una replica del corso presso l Ente committente, sia in una progettazione personalizzata di un nuovo corso secondo le specifiche esigenze degli Enti richiedenti. Trattasi in pratica di una formazione su misura con cui Reform Srl offre la possibilità di personalizzare i contenuti dei corsi, le metodologie didattiche e la durata delle iniziative nonché di realizzare il corso presso la sede del committente. L attività è regolata tramite specifici accordi che vengono stipulati tra Provincia e Ente committente ai sensi dell art. 15 della L. 241/90. Adeguamento competenze personale della Funzione Pubblica Locale Per il 2009 Reform srl ha presentato un progetto per lʹaggiornamento delle competenze del personale dipendente dei Comuni della Provincia di Pisa, secondo quanto previsto dal Programma Operativo della Regione Toscana, Fondo Sociale Europeo Obiettivo 3, Misura D2. Il progetto, proposto a conclusione di un primo ciclo di corsi finanziato sulla misura D2 realizzato nel 2008, prevede l organizzazione di un ulteriore pacchetto di interventi formativi destinato al personale degli Enti locali del territorio della Provincia di Pisa, che rappresenti il proseguimento logico del primo gruppo di interventi e che sia finalizzato a favorire, accompagnare e razionalizzare i processi di adeguamento organizzativo e tecnologico in atto nella funzione pubblica locale. Le proposte sono state elaborate: 13

14 tenendo conto delle risultanze del primo ciclo di corsi, riproponendo cioè corsi sulle aree tematiche per le quali c è stata maggiore risposta positiva, ma anche prendendo spunto dai bisogni di competenze espressi dai partecipanti al primo ciclo, riferendoci alle relazioni intessute con i Comuni del Territorio Provinciale e tenendo conto delle dinamiche di trasformazione e modernizzazione che interessano le strutture degli enti, in sintonia con le indicazioni contenute nella Carta di Intenti, approvata dalla giunta Provinciale con atto n. 59 del e sottoscritta da numerosi Enti del territorio provinciale. 14

ReForm2010 Relazione sullo stato delle attività Piano di Lavoro

ReForm2010 Relazione sullo stato delle attività Piano di Lavoro ReForm2010 Relazione sullo stato dellee attività Piano di Lavoro 2010 Reform srl Pisa, Via Silvio Pellico 4 Phone: 050 929243 Fax: 050 929249 Email: reform@reform.it, Web Site: www.reformnet.it www. reform.it

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Il Portale del Mercato del Lavoro in Edilizia

Il Portale del Mercato del Lavoro in Edilizia Il Portale del Mercato del Lavoro in Edilizia Perugia 26 27 settembre Sala dei Notari 1 Il progetto della Borsa Lavoro Edile Nazionale La realizzazione della borsa lavoro per il settore dell edilizia è

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili trasformazioni L organigramma nelle scuole I meccanismi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO Il Servizio Orientamento Scolastico e Professionale partecipa al progetto Consolidamento della RETE DONNA-LAVORO, allo scopo di migliorare la qualità occupazionale

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

L esperienza dell Università di Bologna

L esperienza dell Università di Bologna PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 WEBINAR Ciclo delle Performance nelle Università: La programmazione della formazione e il

Dettagli

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO DEL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI PRODUTTIVI E LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA (di seguito denominata Regione) nella persona dell Assessore regionale al lavoro, università e ricerca Alessia Rosolen, domiciliata

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

1 di 5 05/11/2015 16.42

1 di 5 05/11/2015 16.42 1 di 5 05/11/2015 16.42 Identificazione dell'ente/azienda Denominazione ente/azienda Nominativo Referente (Nome, Cognome) E-mail Ufficio Scolastico Regionale del Lazio Mariangela Caturano mariangela.caturano@istruzione.it

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA PROGETTO TRASFERIMENTO BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA Piano di attività integrate fra i progetti: Ministero Pubblica Istruzione - Impresa Formativa Simulata e Ministero

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento AZIONE DI SISTEMA FILO Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento Azione di sistema: FILO- Formazione, imprenditorialità, lavoro e orientamento Il ruolo delle Camere di Commercio sui temi dello sviluppo

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Ruolo e attività del punto nuova impresa

Ruolo e attività del punto nuova impresa SISTEMA DOTALE E CULTURA D IMPRESA: UNA RETE DI SERVIZI PER IL TERRITORIO MANTOVANO a cura di Alessandra Ligabue PROMOIMPRESA Ruolo e attività del punto nuova impresa PromoImpresa, in qualità di Azienda

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del Centro Servizi CISL (C.S.C.) SRL Verona agg. 29/10/2015 PRINCIPI ISPIRATORI

CARTA DEI SERVIZI del Centro Servizi CISL (C.S.C.) SRL Verona agg. 29/10/2015 PRINCIPI ISPIRATORI Art.1 SCOPO DELLA CARTA PRINCIPI ISPIRATORI La Carta dei Servizi del Centro Servizi CISL s.r.l. informa ogni utente su: Allo stesso tempo, i cittadini e le cittadine possono verificare il livello qualitativo

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

InFormAL. Sistema informativo public domain per la gestione delle attività formative nelle Amministrazioni Locali

InFormAL. Sistema informativo public domain per la gestione delle attività formative nelle Amministrazioni Locali InFormAL Sistema informativo public domain per la gestione delle attività formative nelle Amministrazioni Locali PREMESSA Nell ambito del progetto di Osservatorio domanda e offerta di formazione nella

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 132 del 13.07.2011 REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ART. 1 FINALITÀ La Provincia di Brindisi,

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n.

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n. COMUNE DI MORNICO AL SERIO (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs. n. 33/2013) Introduzione Il principio di trasparenza deve essere inteso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi PROFILO D IMPRESA BENVENUTI IN EBS INFORMATICA L AZIENDA 01 L AZIENDA IL FUTURO DIPENDE DAL NOSTRO PRESENTE Ebs Informatica è nata da una consolidata esperienza del suo fondatore nell ambito della consulenza

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI Lorenzo Canova Futuro sostenibile: azioni e strumenti Conferenza Programmatica -25 Gennaio 2005 Milano 1 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Attività dirette al rafforzamento degli Uffici addetti alle politiche e alla gestione del personale delle Amministrazioni degli Enti Locali delle

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

P R O V I N C I A D I U D I N E

P R O V I N C I A D I U D I N E P R O V I N C I A D I U D I N E ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI U.O. SOLIDARIETA SOCIALE P R O T O C O L L O D' I N T E S A TRA PROVINCIA DI UDINE E COMUNI PER IL COORDINAMENTO DELLE PROGETTUALITA'

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: SPORTIVI NEL CUORE GARANZIA GIOVANI SETTORE e Area di Intervento: E12 (Settore Educazione e Promozione culturale; Area Attività sportiva

Dettagli

Regione Umbria - Direzione Attività produttive e Sviluppo economico, Istruzione, Formazione, Lavoro

Regione Umbria - Direzione Attività produttive e Sviluppo economico, Istruzione, Formazione, Lavoro ACCORDO PER LA SPERIMENTAZIONE IN UMBRIA DEL SOFTWARE PER L ORIENTAMENTO S.OR.PRENDO ITALIA Soggetti partecipanti: Regione Umbria - Direzione Attività produttive e Sviluppo economico, Istruzione, Formazione,

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione 1 FINALITA Dare piena attuazione all autonomia Innalzare i livelli di istruzione e le competenze Contrastare le disuguaglianze Prevenire

Dettagli