Aggiornata a dicembre 2010, la Carta temporalmente ha una valenza di due anni.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornata a dicembre 2010, la Carta temporalmente ha una valenza di due anni."

Transcript

1

2 Perché la L Associazione Chiara e Francesco Onlus nasce il 9 gennaio 2003 e otto anni dopo, in seguito a una innovazione e ristrutturazione nella sua operatività, si è voluta dotare di una nuova, attraverso la quale fornire le informazioni essenziali sull Associazione e facilitare la comprensione e l accesso alle opportunità che essa offre. Aggiornata a dicembre 2010, la Carta temporalmente ha una valenza di due anni. Le fonti normative, su cui si basano l elaborazione e l adozione della, trovano fondamento nella Costituzione della Repubblica italiana, agli artt. 3, 30, 33, 34; nella direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994, Principi sull erogazione dei servizi pubblici, e nell art. 13 della legge n. 328, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. La Speranza non è un sogno, ma un modo per tradurre i sogni in realtà ( J.L. Surnens) Per gentile concessione di Paolo Poce 1

3 L Associazione Denominazione: Associazione Chiara e Francesco Onlus Indirizzo: Viale Italia, Torvaianica (Roma) Codice fiscale: Tel: Fax: Iscrizione albo regionale onlus: Determina n. D3876 del 21 novembre 2003, secondo L.R. 109/1999 n. 22. Rappresentante legale: Fabrizio Cicchini Presidente Riconoscimenti: Evidente funzione sociale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù (DIP/MGIOV P-del ) Evidente funzione sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (PROT del ) Sito: 2

4 L Associazione Rappresentante legale Fabrizio Cicchini Presidente. Coordinatore Progetti Prevenzione. Vice-Presidente Alessandro Orsini Responsabile Amministrativo Maestro Mountain Bike/Consulente per i progetti per i bambini. Direttivo: Fabrizio Cicchini Alessandro Orsini Silvana Zona Franco Brasile Giorgio Perotti Antonio Fedele Associati e Ruolo Alessio Pisani Coordinamento Erogazioni Liberali - Settore Commercio. Antonio Fedele Maestro Mountain Bike/Consulente per i progetti per i bambini. Coordinamento Manutenzione Casa Famiglia Baby. Carmelina D Agostino Logistica eventi. Allestimento case-salvadanaio per erogazioni liberali. Debora Pettinelli Interprete Lis e consulente per i progetti di prevenzione per sordi. Comunicazioni Multimediali e Spettacoli. Emanuele Iudicello Consulenza medica. Francesca Suma Psicologa delle Case Famglia. Francesco Turriziani Logistica eventi. Franco Brasile Coordinamento manutenzione Casa Famiglia Senior. Responsabile Magazzino Service audio e luci. Giacomo Cima Coordinamento animazione eventi bambini. 3

5 L Associazione Gianfranco Cambula Logistica eventi. Giorgio Perotti Coordinamento Manutenzione Casa Famiglia Junior. Responsabile Magazzino logistica. Guglielmo Pietrucci Logistica eventi. Logistica progetti prevenzione e uscite bambini. Isabella Strippoli Logistica eventi. Allenatore 1 Dan, settore Karate. Luigi Montanera Coordinatore per la Raccolta pubblica occasionale di fondi secondo art. 2 Decreto Legislativo, n. 460 del Logistica eventi. Marco Arcoraci Educatore Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Orsola Di Lorenzo Responsabile formazione Volontari. Responsabile del servizio delle volontarie nelle Case Famiglia. Referente redazione Segnali di Fumo Direttore Polo Prevenzione Silvana Zona Segreteria Assemblee e Direttivo. Coordinamento servizio sportello per le erogazioni liberali. Vanessa Graziano Consulenza medica. Volontariamente Una presenza irrinunciabile per l Associazione è costituita dal Volontariato. Una forza di centocinquanta donne e uomini che accompagnano il riordino quotidiano delle Case, la piccola manutenzione e tutti gli eventi e manifestazioni. 4

6 Missione L Associazione Chiara e Francesco Onlus è stata pensata e voluta da un gruppo di famiglie e di giovani di Torvaianica. Rappresenta il punto di arrivo di un lungo percorso, iniziato nel 1990, senza mai chiudersi o ripiegare su se stessi. Anni caratterizzati da un servizio-impegno, sia sul territorio che a favore dei poveri nel sud del mondo. I più poveri... sempre al centro della formazione. Il servizio svolto nel Centro di Ascolto della Caritas e la lettura del territorio Comunale, Provinciale e Regionale ci hanno ulteriormente spronato a prendere questa strada. Anche se nasce da un percorso parrocchiale innegabile, l Associazione non vuole chiudersi nell ambito ecclesiale, né vincolarsi a colori politici. L orizzonte resta ampio e desideriamo che il nostro sguardo si perda partendo da Torvaianica, per andare oltre Le Case Famiglia Chiara e Francesco nascono dopo essere stati messi in crisi dal bisogno che bussava prepotentemente alle nostre porte, per dare una risposta al dolore di tanti bambini che vengono maltrattati e abusati. Una crisi durata due anni e poi il volo della Speranza. Dopo questa preparazione, nell agosto del 2003, inizia il viaggio con la prima Casa Famiglia, denominata Junior (9-12 anni). Due anni dopo, il Comune di Pomezia mette a nostra disposizione un bene confiscato alla malavita. Dopo averlo ristrutturato e messo a norma, nasce Casa Baby (4-8 anni). Il viaggio prosegue e la situazione dei bambini ospiti nelle Case ci porta a riflettere e a concretizzare, con la sola forza dei nostri benefattori, la terza Casa Senior (12-17 anni), uno spazio da destinare al Polo per la Prevenzione e uno spazio per la terapia che vorrà diventare un Polo Terapeutico. Tre Case, il Polo Prevenzione, le Sale per la terapia, strumenti con i quali un popolo di cuori cerca di annullare quel silenzio imbroglione, che è il brodo dei Mostri; quel silenzio imbroglione, che maltratta e distrugge la vita dei Piccoli Angeli. Di solito non è bello vedere le spalle delle persone nel nostro caso, ci rende pienamente felici. L incamminarsi in libertà di una donna, di un uomo, di una famiglia, di un ragazzo o di un bambino, dopo un percorso fatto insieme, ci riempie di gioia. Il raggiungimento della completa autonomia è la nostra forza per il futuro. 5

7 per la La I Servizi di Case Famiglia Prevenzione Terapia 6

8 365 giorni l anno 24 ore al giorno 7

9 Autorizzazioni Casa Famiglia Junior Casa Famiglia Baby Non ha Convenzioni. Casa Famiglia Senior In Convenzione con il Comune di Pomezia. Autorizzazione ASL RM H 29 novenbre 2005 Prot. n. 2210/SISP Rilasciato dalla Dott.ssa Margherita Ruiu Dirigente sanitario Servizio I.S.P. Comune di Pomezia 20 dicembre 2005 Prot. n Autorizzazione all apertura e al funzionamento rilasciata dal Dott. Maurizio Trabocchini, Dirigente dei Servizi Sociali. Autorizzazione ASL RM H 16 luglio 2003 Prot. n. 1591/SISP Rilasciato dalla Dott.ssa Margherita Ruiu Dirigente sanitario Servizio I.S.P. Comune di Pomezia 5 agosto 2003 Prot. n Autorizzazione all apertura e al funzionamento rilasciata dal Dott. Antonio Amelio, Dirigente dei Servizi Sociali. Adeguamento L.R. 41/03 Det. 28/DIR rilasciata dal Dott. Maurizio Trabocchini, Dirigente dei Servizi Sociali. In Convenzione con il Comune di Pomezia. Autorizzazione ASL RM H 29 settembre 2010 Prot. n /SISP Rilasciato dalla Dott.ssa Margherita Ruiu Dirigente sanitario Servizio I.S.P. Comune di Pomezia 30 settembre 2010 Prot. n. 154/Dir5 Autorizzazione all apertura e al funzionamento rilasciata dal Dott. Maurizio Trabocchini, Dirigente dei Servizi Sociali. 8

10 Servizio Residenziale Casa Famiglia Baby Accoglie quattro minori, maschi e femmine, dai 4 agli 8 anni. E possibile accogliere, in aggiunta al limite previsto, ulteriori 2 minori per esigenze di pronta accoglienza. Casa Famiglia Junior Accoglie sei minori, maschi e femmine, dai 9 ai 12 anni. E possibile accogliere, in aggiunta al limite previsto, ulteriori 2 minori per esigenze di pronta accoglienza. Casa Famiglia Senior Accoglie sei minori dai 12 ai 17 anni. La particolarità di questa Casa è legata a nuove prospettive di vita (studio, lavoro, sussistenza), attraverso modalità e strumenti come il Patto di responsabilità, il Progetto di vita, la Personalizzazione degli spazi, il Sistema di monitoraggio delle responsabilità e compiti assunti. 9

11 Servizio Residenziale Modalità di ammissione: Le Case Famiglia accolgono minori provenienti da famiglie con situazioni molto problematiche e, attraverso un decreto del Tribunale per i Minorenni, viene disposto il loro temporaneo collocamento. In assenza di un decreto il minore viene accolto in Casa Famiglia su richiesta dei Servizi Sociali del Comune di residenza dello stesso, del Pronto Intervento Sociale, dei Carabinieri o della Polizia di Stato. Documenti necessari I Servizi Sociali che richiedono l inserimento del minore in Casa Famiglia devono fornire la seguent e documentazione: 1. comunicazione scritta di richiesta di inserimento del minore e relativo impegno di spesa emesso dall Ente Affidatario; 2. decreto del Tribunale dei Minorenni e documentazione ritenuta significativa; 3. documentazione sanitaria del minore comprendente tessera sanitaria, tessera di iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale e libretto delle vaccinazioni; 4. regolamentazione delle modalità di visita dei genitori e/o parenti al minore (numero di incontri autorizzati, possibilità di telefonare al minore, eventuale possibilità di uscita, etc.) Nel caso di inserimento non programmato (per situazioni di emergenza e pronta accoglienza) è sempre necessaria almeno la richiesta scritta di accoglienza da parte delle Forze dell Ordine e/o del Pronto Intervento Sociale e, in seguito, l impegno del Servizio Sociale di riferimento ad assumersi l onere previsto per la permanenza in struttura. 10

12 Servizio Residenziale Dimissione degli ospiti Le Case Famiglia accoglieranno il minore per un tempo di permanenza che varierà in funzione dei bisogni e delle necessità dello stesso. In seguito, il minore verrà accompagnato e sostenuto per il rientro in famiglia o, qualora ciò non fosse possibile, per l accesso ad altre soluzioni di tipo sostitutivo (affidamento, adozione, altra struttura idonea). Finalità e caratteristiche delle strutture Lo scopo primario delle Case Famiglia Chiara e Francesco è quello di realizzare, condividendo con gli operatori psicosociali dei Servizi, un programma di intervento che tenga conto dei bisogni di tutela e protezione del minore e della necessità di rispondere a tali bisogni utilizzando, per periodi più o meno lunghi, anche forme di residenzialità protetta. Il contesto di accoglienza deve essere in grado di dare una risposta mirata ed individuale ai bisogni dei minori. Una casa famiglia si prefigge come obiettivo quello di presentare ai minori nuove modalità di comportamento, permettendogli di sperimentare relazioni affettive adeguate e riparatorie rispetto alle deprivazioni subite. Le Case Famiglia si configurano non solo come un luogo sicuro ed accogliente, ma anche come uno spazio in cui i minori possono costruire e mettere in campo delle risorse, nel tentativo di sviluppare la propria identità ed elaborare i propri vissuti. Lista di attesa Se non è possibile l accoglienza immediata del minore, la richiesta viene inserita in una lista di attesa. I criteri di priorità per l accoglienza delle domande in lista di attesa sono: ordine cronologico, livello di pregiudizio per il minore che viene segnalato, valutazioni di opportunità tenendo conto della tipologia del caso presentato e delle caratteristiche di composizione dei minori già inseriti nelle Case Famiglia. 11

13 Servizio Residenziale Accoglienza e organizzazione delle attività con riferimento alle varie figure professionali Prima dell inserimento in Casa Famiglia, per ogni bambino sarà individuato un operatore di riferimento. L équipe psico-sociale provvederà a raccogliere informazioni sulla storia personale/familiare, medica e sulle abitudini del minore e, in seguito, verranno pianificate le attività scolastiche, sportive e ricreative, tenendo in considerazione le esigenze, le inclinazioni e i desideri del minore. All interno della struttura il minore fruirà di un sostegno psicologico o, se fosse necessario, di un percorso psicoterapeutico a cura di un consulente esterno. Si evidenzia che non si faranno accoglienze solo durante le vacanze programmate estive ed invernaliche si effettuano fuori struttura. Incontri protetti Qualora l Autorità Giudiziaria o il Servizio Sociale di riferimento del minore disponga che il minore incontri i familiari in modalità protetta, la struttura garantisce l utilizzo di spazi appositamente adibiti, con la possibilità di usufruire della strumentazione per l audio e la video-registrazione degli incontri stessi. Retta giornaliera per le strutture Casa Baby - in Convenzione 65,00 (sessantacinque/00). Per tutte le richieste che vengono fuori dal Comune di Pomezia, previa autorizzazione dello stesso, la retta deve considerarsi a 75,00 (settantacinque/00). Casa Junior 75,00 (settantacinque/00). Casa Senior - in Convenzione 75,00 (settantacinque/00). Nel caso in cui i bambini debbano usufruire di un percorso psicoterapeutico e tale prestazione non venga erogata dal servizio pubblico, e questa viene autorizzata dai Servizi territoriali o dal Tribunale o dal Tutore, le rette avranno questa variazione: Casa Baby 72,00 (settantadue/00). Casa Junior 84,00 (ottantaquattro/00). Casa Senior 82,00 (ottantadue/00). 12

14 Servizio Residenziale La retta comprende Tre sedute di osservazione psicologica del bambino, due colloqui di conoscenza del nucleo familiare nel momento dell ingresso del minore in struttura. Durante la permanenza: vitto, alloggio, vestiario, inserimento scolastico, vacanze estive ed invernali, attività ludiche e sportive, gite nel fine settimana. Colloqui di sostegno psicologico settimanali/quindicinali ed incontri protetti con personale qualificato e in spazi predisposti anche per l eventuale acquisizione audio-video. La retta non comprende La psicodiagnosi e la psicoterapia individuale del bambino; la psicodiagnosi approfondita dei genitori e/o altri significativi componenti del nucleo familiare; la valutazione delle competenze parentali e la terapia di sostegno orientata al rinforzo e all ampliamento delle competenze dei genitori; eventuali spese per accertamenti e cure mediche specialistiche, non coperte o non effettuabili tramite il Servizio Sanitario Nazionale. Sono da concordare eventuali rimborsi per costo di personale e spese vive, dovuti ad impegni che comportino tempi e spostamenti particolarmente rilevanti. Tali interventi saranno oggetto di dettagliato preventivo, concordato con i Servizi interessati e inviati alle strutture competenti per l autorizzazione. Specifiche Qualora il minore ospite sia assente dalla Casa Famiglia per rientri presso la famiglia di origine, affidataria o adottiva, nel week-end o per più giorni, l importo dovuto all Associazione è sempre del 100% della retta per il mantenimento del posto. Non sono da considerarsi giorni a retta ridotta eventuali periodi di ricovero in ospedale del bambino, in quanto l Associazione garantisce una presenza costante delle figure educative di riferimento. 13

15 Organigramma 14

16 Organigramma del Servizio Equipé Psico-Sociale Supervisori a consulenza Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Dott. Giovanni Di Cesare Psicologo-Psicoterapeuta Responsabile CF Baby Dott.ssa Federica Silvestri Educatore 6 Educatori Dott.ssa Francesca Suma Psicologa Dott.ssa Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Psicoterapeuta a consulenza Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Responsabile CF Junior Dott. Riccardo Farroni Educatore 6 Educatori Medico di base Dott. Nicola Fratto Specialista Malattie Infettive Specialista Medicina Tropicale Cod. Isc. Ordine Medici Roma Cod. Regionale Responsabile CF Senior Dott. Carlo Macale Educatore 5 Educatori 1 Operatore 15

17 per la La Prevenzione A chi si rivolge Ad alunni delle scuole di primo e secondo grado. Ai docenti, ai genitori, alla cittadinanza. In risposta a 1. Presenza, rilevata con modalità esperienziali, di numerosi casi sospetti o acclarati di maltrattamento, abuso. 2. Scarsa o nulla competenza e/o semplice conoscenza di strumenti di rilevazione e conseguenti modalità operative, denunciata o riscontrata, nelle persone che dovrebbero avere un ruolo attivo in questo ambito. 3. Pressanti richieste, soprattutto delle scuole, di percorsi di informazione e prevenzione che possano coinvolgere insegnati, alunni e famiglie. Come 1. Organizzando percorsi di prevenzione primaria e secondaria, sulla scorta di quanto sperimentato direttamente e di quanto buone prassi a livello nazionale ed europeo possono esprimere. 2. Prevedendo cicli di incontri con famiglie e cittadini, a scopo conoscitivo e informativo, utilizzando metodologie che si collocano ai vari livelli di conduzione dal direttivo-didattico, al partecipativo, al peer to peer. 3. Producendo materiali informativi sia di carattere divulgativo sia di tipo valutativo dei risultati raggiunti con le attività del polo prevenzione. 4. Istituendo un area, interna al Polo Prevenzione, di ricerca e valutazione degli interventi, volta a capitalizzare e valorizzare i percorsi effettuati, innovando e diffondendo le buone prassi sperimentate. 16

18 per la La Servizi erogati: 1. Percorsi di prevenzione alla violenza sulle donne, al bullismo, al maltrattamento e all abuso presso scuole o presso la nostra struttura. 2. Percorsi formativi sulla carta dei Diritti del Bambino. 3. Incontri tematici o cicli di incontri rivolti alla cittadinanza. 4. Corsi di formazione per insegnanti di scuola primaria. 5. Percorsi ludico-formativi per bambini. 6. Organizzazione di campi scuola estivi, escursioni nei week-end, progetti in bicicletta per bambini e preadolescenti. 7. Diffusione di materiali informativi, effettuata in maniera diretta e attraverso un area dedicata nel sito web. 8. Qualora si rendesse necessario, per i soli corsi di formazione e prevenzione, verranno messi a disposizione degli utenti n. 2 furgoni da nove posti ciascuno per gli eventuali trasferimenti verso la nostra struttura. Riferimenti-Rete: Scuole - Servizi territoriali di riferimento - Cittadinanza - Forze dell Ordine Associazioni, Fondazioni, Comitati e Circoli. Prevenzione Partner: Associazione di Volontariato Chiara e Francesco Prevenzione Onlus Nasce l 8 novembre 2006, per perseguire unicamente finalità di solidarietà sociale, senza scopi di lucro, e per portare un contributo alla tutela dei minori in situazione di disagio sociale e delle loro famiglie. Viene iscritta all Anagrafe delle Onlus presso la Direzione Regionale del Lazio con effetto dal 2 gennaio 2007, Prot. N. AC/cf/onlus 13057, e, successivamente, nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato Sezione Servizi Sociali Regione Lazio, Dipartimento Sociale Assessorato alle Politiche Sociali, Direzione Regionale Servizi Sociali, area 17 Terzo Settore e Servizio Sociale (Determinazione n. D2892 del 22/09/09).Nel corso degli anni, l Associazione ha continuato a svolgere esclusivamente la propria attività istituzionale, focalizzando il suo impegno nell attività di prevenzione (primaria e secondaria) nel campo del disagio minorile. E stata dedicata una particolare attenzione alle tematiche legate al mancato rispetto dei diritti dell infanzia, alla violenza, al maltrattamento e all abuso sessuale, attraverso azioni educative e di animazione sociale tali da produrre quelle giuste sinergie atte a tutelare ed ad arginare il suddetto disagio. 17

19 per la La Organigramma Prevenzione Direttore Dott.ssa Orsola Di Lorenzo Presidente Associazione di Volontariato Chiara e Francesco Prevenzione Onlus Coordinatore progetti Fabrizio Cicchini Presidente Associazione Chiara e Francesco Onlus Consulenze Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Dott.ssa Francesca Suma Psicologa Dott.ssa Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Educatori professionali per i progetti di prevenzione Volontari con provata esperienza in animazione e conduzione gruppi. Volontari per la logistica. Operatori con provata esperienza in campo socio-educativo 18

20 Terapia L Associazione Chiara e Francesco dal mese di febbraio 2010 ha ampliato le proprie attività di apertura al territorio, proponendo un servizio di consulenza e psicoterapia, rivolto ai minori residenti nelle strutture afferenti all Associazione, alle famiglie collegate ed ai cittadini che segnalino casi o siano entrati in contatto con casi di violenza, maltrattamento e/o abuso. Grazie alle attività di prevenzione primaria, secondaria e terziaria che svolge sul territorio, l Associazione sta assumendo sempre più la funzione di osservatorio privilegiato e, da questa posizione, sta registrando un bisogno rilevante di interventi in questi segmenti a fronte di una limitata portata della risposta pubblica. L approccio adottato dagli esperti è di tipo consulenziale e psicoterapeutico, in percorsi di medio-breve durata, centrando l attenzione sulla desensibilizzazione e la rielaborazione del trauma nei suoi effetti diretti e sul sistema relazionale. Gli utenti sono accolti, in forma gratuita, tre pomeriggi alla settimana: martedì, mercoledì e giovedì, dalle ore alle ore Qualora essi desiderino liberamente fare donazioni, queste saranno accettate esclusivamente sotto forma di erogazione liberale e dovranno pervenire all Associazione attraverso parametri riconosciuti dalla legge. La metodologia d intervento, pur articolandosi e facendo riferimento a scuole di pensiero cliniche, si muove in una logica che privilegia l integrazione dei punti di vista e degli approcci, sia in campo puramente terapeutico, che in campo educativo, valorizzando le conoscenze e le esperienze degli attori che si muovono nel sistema di riferimento del minore. L esperienza di questi primi mesi di lavoro si è sviluppata prevalentemente sul versante consulenziale attraverso attività di accompagnamento e supporto a singoli cittadini e famiglie, prospettando e avviando, in alcuni casi, veri e propri percorsi psicoterapeutici. Il servizio si muove secondo logiche di rete, alla ricerca costante di sinergie e coordinamento con i referenti dei servizi territoriali competenti. 19

21 Organigramma del Servizio Terapia Colloqui psicologici Equipe Psico-Sociale Responsabile: Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Dott.ssa Francesca Suma Psicologa Dott.ssa Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Consulenze secondo necessità per i servizi di: Dott. Psicoterapie individuali Carlo Psicoterapie Macale familiari Educatore Counseling Valutazione psicodiagnostica 20

22 Procedure di tutela Tutti gli operatori sono tenuti alla riservatezza e al rigoroso rispetto del segreto professionale riguardo la vita dei minori e delle loro famiglie. Lo stesso criterio di riservatezza viene applicato a tutto il materiale scritto, elaborato per i progetti e/o proveniente dal territorio. Ogni operatore è responsabile penalmente di quanto avviene durante il suo periodo di lavoro ed è tenuto alla compilazione quotidiana dei Diari al termine del suo orario di lavoro. Ogni operatore, con la massima cura e tempestività, segnalerà e trascriverà rivelazioni, osservazioni e/o episodi particolarmente significativi. All interno della struttura, gli operatori sono tenuti a non fumare, a limitare l uso del cellulare per motivi personali a casi eccezionali e di particolare urgenza, a non consumare alcolici durante il servizio. 21

23 Riferimenti AssociazionePartner Fabrizio Cicchini Presidente Associazione Chiara e Francesco Onlus Tel: Fax: Cell: Alessandro Orsini Vice-Presidente Associazione Chiara e Francesco Onlus Responsabile Amministrativo Tel: Fax: Cell: Orsola Di Lorenzo Presidente Associazione di Volontariato Chiara e Francesco Prevenzione Onlus Tel: Fax: Cell:

24 Riferimenti Casa Famiglia Baby Federica Silvestri Responsabile Tel/Fax: Cell: Casa Famiglia Junior Riccardo Farroni Responsabile Tel/Fax: Cell: Casa Famiglia Senior Carlo Macale Responsabile Tel: Fax: Cell: Psicoterapeuta Fabio Cupini Tel: Fax: Psicologa Francesca Suma Tel: Fax: Cell: Assistente Sociale Maria Francesca Labartino Tel: Fax: Cell:

25 Assicurazioni Casa Famiglia Baby Milano Assicurazioni RC Num. Polizza Incendio Num. Polizza Casa Famiglia Junior Milano Assicurazioni RC Num. Polizza Incendio Num. Polizza Casa Famiglia Senior, Polo Terapia e Polo Prevenzione Milano Assicurazioni RC Num. Polizza Incendio Num. Polizza Furgone 9 posti Opel Vivaro 2.5 TDI Milano Assicurazioni Polizza Furgone 9 posti Opel Vivaro 2.0 TDI Milano Assicurazioni Polizza Automobile 4 posti Chevrolet Matiz Milano Assicurazioni Polizza Fiat Doblò 7 posti Milano Assicurazioni Polizza

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI La Comunità Educativa Casa Carolina Miolli si dispone all accoglienza dei minori momentaneamente fuori dalla famiglia o che si trovano in stato di abbandono. I minori vengono

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI COMUNITÀ EDUCATIVE COMUNITÀ FAMILIARE SERVIZIO SEMIRESIDENZIALE ALLOGGIO PER L AUTONOMIA COMUNITA EDUCATIVE COMUNITA FAMILIARE FONDAZIONE PIO ISTITUTO BUON PASTORE Via

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SOGGETTO PROPONENTE: PROGETTO ZATTERA BLU SOC. COOP. SOC. ONLUS Indirizzo: Via Divisione Julia 42 Cap: 36030, Comune: Calvene, Prov. Vicenza, Telefono: 0445/325393

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Sintesi intervento della dottoressa Liviana Marelli - Il diritto alla protezione dei bambini e dei ragazzi è un concetto ampio che

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE I NOSTRI RIFERIMENTI Associazione Antidroga Picena C.so Mazzini, 248 - Ascoli Piceno aap2010@libero.it 0736/258855 DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE Condividere strategie per rendere efficaci gli incontri

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 3 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 5 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 7 opuscolo depressione

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. IL GRANELLO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Via Amalteo, 74-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Fobap Onlus, forte della convinzione che il tempo libero rappresenti qualcosa di determinante nella vita quotidiana di ogni persona, propone per il terzo

Dettagli

Missionarie della Fanciullezza

Missionarie della Fanciullezza Missionarie della Fanciullezza Nutriamo un grande amore per i fanciulli, che occupano un posto centrale nel cuore e nei progetti di ogni suora della Congregazione. Cost. Missionarie della Fanciullezza

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CAOS

PROGETTO GIOVANI CAOS PROGETTO GIOVANI CAOS Cooperativa Sociale Albatros s.c.r.l. ONLUS Sede legale e amministrativa: via Parini, 15-20094 CORSICO (MI) Tel: 02 4470420 Fax: 02 87398283 info@albatroscoop.it www.albatroscoop.it

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art.

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art. PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO L ASC InSIEME L AUSL DI BOLOGNA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE E CURA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO CASA GIADA. Via Piana di Lanna 82026 Pontelandolfo (BN) Tel.fax 0824.859012 coopgiada@libero.

CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO CASA GIADA. Via Piana di Lanna 82026 Pontelandolfo (BN) Tel.fax 0824.859012 coopgiada@libero. CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO CASA GIADA Via Piana di Lanna 82026 Pontelandolfo (BN) Tel.fax 0824.859012 coopgiada@libero.it PRINCIPI E FONDAMENTI La presente Carta dei servizi ha come fonte d ispirazione

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

un servizio residenziale rivolto a minori Sino ad un massimo di nove minori interventi educativi I progetti individualizzati fondati

un servizio residenziale rivolto a minori Sino ad un massimo di nove minori interventi educativi I progetti individualizzati fondati un servizio residenziale rivolto a minori che rivelano il bisogno di un progetto individualizzato, a carattere residenziale, per tutelare il loro sviluppo psicologico e sociale. Anche attraverso brevi

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Comuni di : Barbarano Romano Bassano Romano Blera Capranica Caprarola Carbognano Monterosi

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Assistenza dei casi di violenza: triage e percorso in Pronto Soccorso

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA TRA la Provincia di Siena, C.F. n. 80001130527 con sede legale a Siena, Piazza Duomo, 9, rappresentata dal Dott.

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e AREA DI INTERVENTO Obiettivi strategici Titolo azione Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e Specificare

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 L anno duemila (201 ), il giorno del mese di in Siziano (Pv) presso la sede municipale in piazza G. Negri n.

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII ALLEGATO A Denominazione Servizio Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE Municipio Roma XIII sostegno alle responsabilità genitoriali e di tutela del

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE PREMESSA PERCORSO DI FORMAZIONE AUTOFORMAZIONE PER OPERATORI DEI SERVIZI TERRITORIALI E DELLA TUTELA MINORI DELL'AMBITO DICREMA La proposta di

Dettagli

- Modalità di Rilevazione DIRETTA

- Modalità di Rilevazione DIRETTA Nome del Servizio: CASA TARTARUGA 1 Servizio - Codice S0097 - Codice - Nome del Servizio CASA TARTARUGA 1 - Tipologia COMUNITA' DI ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI - Referente VALENTINA DI LIBERTO - E-mail

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli