Aggiornata a dicembre 2010, la Carta temporalmente ha una valenza di due anni.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornata a dicembre 2010, la Carta temporalmente ha una valenza di due anni."

Transcript

1

2 Perché la L Associazione Chiara e Francesco Onlus nasce il 9 gennaio 2003 e otto anni dopo, in seguito a una innovazione e ristrutturazione nella sua operatività, si è voluta dotare di una nuova, attraverso la quale fornire le informazioni essenziali sull Associazione e facilitare la comprensione e l accesso alle opportunità che essa offre. Aggiornata a dicembre 2010, la Carta temporalmente ha una valenza di due anni. Le fonti normative, su cui si basano l elaborazione e l adozione della, trovano fondamento nella Costituzione della Repubblica italiana, agli artt. 3, 30, 33, 34; nella direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994, Principi sull erogazione dei servizi pubblici, e nell art. 13 della legge n. 328, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. La Speranza non è un sogno, ma un modo per tradurre i sogni in realtà ( J.L. Surnens) Per gentile concessione di Paolo Poce 1

3 L Associazione Denominazione: Associazione Chiara e Francesco Onlus Indirizzo: Viale Italia, Torvaianica (Roma) Codice fiscale: Tel: Fax: Iscrizione albo regionale onlus: Determina n. D3876 del 21 novembre 2003, secondo L.R. 109/1999 n. 22. Rappresentante legale: Fabrizio Cicchini Presidente Riconoscimenti: Evidente funzione sociale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù (DIP/MGIOV P-del ) Evidente funzione sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (PROT del ) Sito: 2

4 L Associazione Rappresentante legale Fabrizio Cicchini Presidente. Coordinatore Progetti Prevenzione. Vice-Presidente Alessandro Orsini Responsabile Amministrativo Maestro Mountain Bike/Consulente per i progetti per i bambini. Direttivo: Fabrizio Cicchini Alessandro Orsini Silvana Zona Franco Brasile Giorgio Perotti Antonio Fedele Associati e Ruolo Alessio Pisani Coordinamento Erogazioni Liberali - Settore Commercio. Antonio Fedele Maestro Mountain Bike/Consulente per i progetti per i bambini. Coordinamento Manutenzione Casa Famiglia Baby. Carmelina D Agostino Logistica eventi. Allestimento case-salvadanaio per erogazioni liberali. Debora Pettinelli Interprete Lis e consulente per i progetti di prevenzione per sordi. Comunicazioni Multimediali e Spettacoli. Emanuele Iudicello Consulenza medica. Francesca Suma Psicologa delle Case Famglia. Francesco Turriziani Logistica eventi. Franco Brasile Coordinamento manutenzione Casa Famiglia Senior. Responsabile Magazzino Service audio e luci. Giacomo Cima Coordinamento animazione eventi bambini. 3

5 L Associazione Gianfranco Cambula Logistica eventi. Giorgio Perotti Coordinamento Manutenzione Casa Famiglia Junior. Responsabile Magazzino logistica. Guglielmo Pietrucci Logistica eventi. Logistica progetti prevenzione e uscite bambini. Isabella Strippoli Logistica eventi. Allenatore 1 Dan, settore Karate. Luigi Montanera Coordinatore per la Raccolta pubblica occasionale di fondi secondo art. 2 Decreto Legislativo, n. 460 del Logistica eventi. Marco Arcoraci Educatore Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Orsola Di Lorenzo Responsabile formazione Volontari. Responsabile del servizio delle volontarie nelle Case Famiglia. Referente redazione Segnali di Fumo Direttore Polo Prevenzione Silvana Zona Segreteria Assemblee e Direttivo. Coordinamento servizio sportello per le erogazioni liberali. Vanessa Graziano Consulenza medica. Volontariamente Una presenza irrinunciabile per l Associazione è costituita dal Volontariato. Una forza di centocinquanta donne e uomini che accompagnano il riordino quotidiano delle Case, la piccola manutenzione e tutti gli eventi e manifestazioni. 4

6 Missione L Associazione Chiara e Francesco Onlus è stata pensata e voluta da un gruppo di famiglie e di giovani di Torvaianica. Rappresenta il punto di arrivo di un lungo percorso, iniziato nel 1990, senza mai chiudersi o ripiegare su se stessi. Anni caratterizzati da un servizio-impegno, sia sul territorio che a favore dei poveri nel sud del mondo. I più poveri... sempre al centro della formazione. Il servizio svolto nel Centro di Ascolto della Caritas e la lettura del territorio Comunale, Provinciale e Regionale ci hanno ulteriormente spronato a prendere questa strada. Anche se nasce da un percorso parrocchiale innegabile, l Associazione non vuole chiudersi nell ambito ecclesiale, né vincolarsi a colori politici. L orizzonte resta ampio e desideriamo che il nostro sguardo si perda partendo da Torvaianica, per andare oltre Le Case Famiglia Chiara e Francesco nascono dopo essere stati messi in crisi dal bisogno che bussava prepotentemente alle nostre porte, per dare una risposta al dolore di tanti bambini che vengono maltrattati e abusati. Una crisi durata due anni e poi il volo della Speranza. Dopo questa preparazione, nell agosto del 2003, inizia il viaggio con la prima Casa Famiglia, denominata Junior (9-12 anni). Due anni dopo, il Comune di Pomezia mette a nostra disposizione un bene confiscato alla malavita. Dopo averlo ristrutturato e messo a norma, nasce Casa Baby (4-8 anni). Il viaggio prosegue e la situazione dei bambini ospiti nelle Case ci porta a riflettere e a concretizzare, con la sola forza dei nostri benefattori, la terza Casa Senior (12-17 anni), uno spazio da destinare al Polo per la Prevenzione e uno spazio per la terapia che vorrà diventare un Polo Terapeutico. Tre Case, il Polo Prevenzione, le Sale per la terapia, strumenti con i quali un popolo di cuori cerca di annullare quel silenzio imbroglione, che è il brodo dei Mostri; quel silenzio imbroglione, che maltratta e distrugge la vita dei Piccoli Angeli. Di solito non è bello vedere le spalle delle persone nel nostro caso, ci rende pienamente felici. L incamminarsi in libertà di una donna, di un uomo, di una famiglia, di un ragazzo o di un bambino, dopo un percorso fatto insieme, ci riempie di gioia. Il raggiungimento della completa autonomia è la nostra forza per il futuro. 5

7 per la La I Servizi di Case Famiglia Prevenzione Terapia 6

8 365 giorni l anno 24 ore al giorno 7

9 Autorizzazioni Casa Famiglia Junior Casa Famiglia Baby Non ha Convenzioni. Casa Famiglia Senior In Convenzione con il Comune di Pomezia. Autorizzazione ASL RM H 29 novenbre 2005 Prot. n. 2210/SISP Rilasciato dalla Dott.ssa Margherita Ruiu Dirigente sanitario Servizio I.S.P. Comune di Pomezia 20 dicembre 2005 Prot. n Autorizzazione all apertura e al funzionamento rilasciata dal Dott. Maurizio Trabocchini, Dirigente dei Servizi Sociali. Autorizzazione ASL RM H 16 luglio 2003 Prot. n. 1591/SISP Rilasciato dalla Dott.ssa Margherita Ruiu Dirigente sanitario Servizio I.S.P. Comune di Pomezia 5 agosto 2003 Prot. n Autorizzazione all apertura e al funzionamento rilasciata dal Dott. Antonio Amelio, Dirigente dei Servizi Sociali. Adeguamento L.R. 41/03 Det. 28/DIR rilasciata dal Dott. Maurizio Trabocchini, Dirigente dei Servizi Sociali. In Convenzione con il Comune di Pomezia. Autorizzazione ASL RM H 29 settembre 2010 Prot. n /SISP Rilasciato dalla Dott.ssa Margherita Ruiu Dirigente sanitario Servizio I.S.P. Comune di Pomezia 30 settembre 2010 Prot. n. 154/Dir5 Autorizzazione all apertura e al funzionamento rilasciata dal Dott. Maurizio Trabocchini, Dirigente dei Servizi Sociali. 8

10 Servizio Residenziale Casa Famiglia Baby Accoglie quattro minori, maschi e femmine, dai 4 agli 8 anni. E possibile accogliere, in aggiunta al limite previsto, ulteriori 2 minori per esigenze di pronta accoglienza. Casa Famiglia Junior Accoglie sei minori, maschi e femmine, dai 9 ai 12 anni. E possibile accogliere, in aggiunta al limite previsto, ulteriori 2 minori per esigenze di pronta accoglienza. Casa Famiglia Senior Accoglie sei minori dai 12 ai 17 anni. La particolarità di questa Casa è legata a nuove prospettive di vita (studio, lavoro, sussistenza), attraverso modalità e strumenti come il Patto di responsabilità, il Progetto di vita, la Personalizzazione degli spazi, il Sistema di monitoraggio delle responsabilità e compiti assunti. 9

11 Servizio Residenziale Modalità di ammissione: Le Case Famiglia accolgono minori provenienti da famiglie con situazioni molto problematiche e, attraverso un decreto del Tribunale per i Minorenni, viene disposto il loro temporaneo collocamento. In assenza di un decreto il minore viene accolto in Casa Famiglia su richiesta dei Servizi Sociali del Comune di residenza dello stesso, del Pronto Intervento Sociale, dei Carabinieri o della Polizia di Stato. Documenti necessari I Servizi Sociali che richiedono l inserimento del minore in Casa Famiglia devono fornire la seguent e documentazione: 1. comunicazione scritta di richiesta di inserimento del minore e relativo impegno di spesa emesso dall Ente Affidatario; 2. decreto del Tribunale dei Minorenni e documentazione ritenuta significativa; 3. documentazione sanitaria del minore comprendente tessera sanitaria, tessera di iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale e libretto delle vaccinazioni; 4. regolamentazione delle modalità di visita dei genitori e/o parenti al minore (numero di incontri autorizzati, possibilità di telefonare al minore, eventuale possibilità di uscita, etc.) Nel caso di inserimento non programmato (per situazioni di emergenza e pronta accoglienza) è sempre necessaria almeno la richiesta scritta di accoglienza da parte delle Forze dell Ordine e/o del Pronto Intervento Sociale e, in seguito, l impegno del Servizio Sociale di riferimento ad assumersi l onere previsto per la permanenza in struttura. 10

12 Servizio Residenziale Dimissione degli ospiti Le Case Famiglia accoglieranno il minore per un tempo di permanenza che varierà in funzione dei bisogni e delle necessità dello stesso. In seguito, il minore verrà accompagnato e sostenuto per il rientro in famiglia o, qualora ciò non fosse possibile, per l accesso ad altre soluzioni di tipo sostitutivo (affidamento, adozione, altra struttura idonea). Finalità e caratteristiche delle strutture Lo scopo primario delle Case Famiglia Chiara e Francesco è quello di realizzare, condividendo con gli operatori psicosociali dei Servizi, un programma di intervento che tenga conto dei bisogni di tutela e protezione del minore e della necessità di rispondere a tali bisogni utilizzando, per periodi più o meno lunghi, anche forme di residenzialità protetta. Il contesto di accoglienza deve essere in grado di dare una risposta mirata ed individuale ai bisogni dei minori. Una casa famiglia si prefigge come obiettivo quello di presentare ai minori nuove modalità di comportamento, permettendogli di sperimentare relazioni affettive adeguate e riparatorie rispetto alle deprivazioni subite. Le Case Famiglia si configurano non solo come un luogo sicuro ed accogliente, ma anche come uno spazio in cui i minori possono costruire e mettere in campo delle risorse, nel tentativo di sviluppare la propria identità ed elaborare i propri vissuti. Lista di attesa Se non è possibile l accoglienza immediata del minore, la richiesta viene inserita in una lista di attesa. I criteri di priorità per l accoglienza delle domande in lista di attesa sono: ordine cronologico, livello di pregiudizio per il minore che viene segnalato, valutazioni di opportunità tenendo conto della tipologia del caso presentato e delle caratteristiche di composizione dei minori già inseriti nelle Case Famiglia. 11

13 Servizio Residenziale Accoglienza e organizzazione delle attività con riferimento alle varie figure professionali Prima dell inserimento in Casa Famiglia, per ogni bambino sarà individuato un operatore di riferimento. L équipe psico-sociale provvederà a raccogliere informazioni sulla storia personale/familiare, medica e sulle abitudini del minore e, in seguito, verranno pianificate le attività scolastiche, sportive e ricreative, tenendo in considerazione le esigenze, le inclinazioni e i desideri del minore. All interno della struttura il minore fruirà di un sostegno psicologico o, se fosse necessario, di un percorso psicoterapeutico a cura di un consulente esterno. Si evidenzia che non si faranno accoglienze solo durante le vacanze programmate estive ed invernaliche si effettuano fuori struttura. Incontri protetti Qualora l Autorità Giudiziaria o il Servizio Sociale di riferimento del minore disponga che il minore incontri i familiari in modalità protetta, la struttura garantisce l utilizzo di spazi appositamente adibiti, con la possibilità di usufruire della strumentazione per l audio e la video-registrazione degli incontri stessi. Retta giornaliera per le strutture Casa Baby - in Convenzione 65,00 (sessantacinque/00). Per tutte le richieste che vengono fuori dal Comune di Pomezia, previa autorizzazione dello stesso, la retta deve considerarsi a 75,00 (settantacinque/00). Casa Junior 75,00 (settantacinque/00). Casa Senior - in Convenzione 75,00 (settantacinque/00). Nel caso in cui i bambini debbano usufruire di un percorso psicoterapeutico e tale prestazione non venga erogata dal servizio pubblico, e questa viene autorizzata dai Servizi territoriali o dal Tribunale o dal Tutore, le rette avranno questa variazione: Casa Baby 72,00 (settantadue/00). Casa Junior 84,00 (ottantaquattro/00). Casa Senior 82,00 (ottantadue/00). 12

14 Servizio Residenziale La retta comprende Tre sedute di osservazione psicologica del bambino, due colloqui di conoscenza del nucleo familiare nel momento dell ingresso del minore in struttura. Durante la permanenza: vitto, alloggio, vestiario, inserimento scolastico, vacanze estive ed invernali, attività ludiche e sportive, gite nel fine settimana. Colloqui di sostegno psicologico settimanali/quindicinali ed incontri protetti con personale qualificato e in spazi predisposti anche per l eventuale acquisizione audio-video. La retta non comprende La psicodiagnosi e la psicoterapia individuale del bambino; la psicodiagnosi approfondita dei genitori e/o altri significativi componenti del nucleo familiare; la valutazione delle competenze parentali e la terapia di sostegno orientata al rinforzo e all ampliamento delle competenze dei genitori; eventuali spese per accertamenti e cure mediche specialistiche, non coperte o non effettuabili tramite il Servizio Sanitario Nazionale. Sono da concordare eventuali rimborsi per costo di personale e spese vive, dovuti ad impegni che comportino tempi e spostamenti particolarmente rilevanti. Tali interventi saranno oggetto di dettagliato preventivo, concordato con i Servizi interessati e inviati alle strutture competenti per l autorizzazione. Specifiche Qualora il minore ospite sia assente dalla Casa Famiglia per rientri presso la famiglia di origine, affidataria o adottiva, nel week-end o per più giorni, l importo dovuto all Associazione è sempre del 100% della retta per il mantenimento del posto. Non sono da considerarsi giorni a retta ridotta eventuali periodi di ricovero in ospedale del bambino, in quanto l Associazione garantisce una presenza costante delle figure educative di riferimento. 13

15 Organigramma 14

16 Organigramma del Servizio Equipé Psico-Sociale Supervisori a consulenza Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Dott. Giovanni Di Cesare Psicologo-Psicoterapeuta Responsabile CF Baby Dott.ssa Federica Silvestri Educatore 6 Educatori Dott.ssa Francesca Suma Psicologa Dott.ssa Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Psicoterapeuta a consulenza Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Responsabile CF Junior Dott. Riccardo Farroni Educatore 6 Educatori Medico di base Dott. Nicola Fratto Specialista Malattie Infettive Specialista Medicina Tropicale Cod. Isc. Ordine Medici Roma Cod. Regionale Responsabile CF Senior Dott. Carlo Macale Educatore 5 Educatori 1 Operatore 15

17 per la La Prevenzione A chi si rivolge Ad alunni delle scuole di primo e secondo grado. Ai docenti, ai genitori, alla cittadinanza. In risposta a 1. Presenza, rilevata con modalità esperienziali, di numerosi casi sospetti o acclarati di maltrattamento, abuso. 2. Scarsa o nulla competenza e/o semplice conoscenza di strumenti di rilevazione e conseguenti modalità operative, denunciata o riscontrata, nelle persone che dovrebbero avere un ruolo attivo in questo ambito. 3. Pressanti richieste, soprattutto delle scuole, di percorsi di informazione e prevenzione che possano coinvolgere insegnati, alunni e famiglie. Come 1. Organizzando percorsi di prevenzione primaria e secondaria, sulla scorta di quanto sperimentato direttamente e di quanto buone prassi a livello nazionale ed europeo possono esprimere. 2. Prevedendo cicli di incontri con famiglie e cittadini, a scopo conoscitivo e informativo, utilizzando metodologie che si collocano ai vari livelli di conduzione dal direttivo-didattico, al partecipativo, al peer to peer. 3. Producendo materiali informativi sia di carattere divulgativo sia di tipo valutativo dei risultati raggiunti con le attività del polo prevenzione. 4. Istituendo un area, interna al Polo Prevenzione, di ricerca e valutazione degli interventi, volta a capitalizzare e valorizzare i percorsi effettuati, innovando e diffondendo le buone prassi sperimentate. 16

18 per la La Servizi erogati: 1. Percorsi di prevenzione alla violenza sulle donne, al bullismo, al maltrattamento e all abuso presso scuole o presso la nostra struttura. 2. Percorsi formativi sulla carta dei Diritti del Bambino. 3. Incontri tematici o cicli di incontri rivolti alla cittadinanza. 4. Corsi di formazione per insegnanti di scuola primaria. 5. Percorsi ludico-formativi per bambini. 6. Organizzazione di campi scuola estivi, escursioni nei week-end, progetti in bicicletta per bambini e preadolescenti. 7. Diffusione di materiali informativi, effettuata in maniera diretta e attraverso un area dedicata nel sito web. 8. Qualora si rendesse necessario, per i soli corsi di formazione e prevenzione, verranno messi a disposizione degli utenti n. 2 furgoni da nove posti ciascuno per gli eventuali trasferimenti verso la nostra struttura. Riferimenti-Rete: Scuole - Servizi territoriali di riferimento - Cittadinanza - Forze dell Ordine Associazioni, Fondazioni, Comitati e Circoli. Prevenzione Partner: Associazione di Volontariato Chiara e Francesco Prevenzione Onlus Nasce l 8 novembre 2006, per perseguire unicamente finalità di solidarietà sociale, senza scopi di lucro, e per portare un contributo alla tutela dei minori in situazione di disagio sociale e delle loro famiglie. Viene iscritta all Anagrafe delle Onlus presso la Direzione Regionale del Lazio con effetto dal 2 gennaio 2007, Prot. N. AC/cf/onlus 13057, e, successivamente, nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato Sezione Servizi Sociali Regione Lazio, Dipartimento Sociale Assessorato alle Politiche Sociali, Direzione Regionale Servizi Sociali, area 17 Terzo Settore e Servizio Sociale (Determinazione n. D2892 del 22/09/09).Nel corso degli anni, l Associazione ha continuato a svolgere esclusivamente la propria attività istituzionale, focalizzando il suo impegno nell attività di prevenzione (primaria e secondaria) nel campo del disagio minorile. E stata dedicata una particolare attenzione alle tematiche legate al mancato rispetto dei diritti dell infanzia, alla violenza, al maltrattamento e all abuso sessuale, attraverso azioni educative e di animazione sociale tali da produrre quelle giuste sinergie atte a tutelare ed ad arginare il suddetto disagio. 17

19 per la La Organigramma Prevenzione Direttore Dott.ssa Orsola Di Lorenzo Presidente Associazione di Volontariato Chiara e Francesco Prevenzione Onlus Coordinatore progetti Fabrizio Cicchini Presidente Associazione Chiara e Francesco Onlus Consulenze Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Dott.ssa Francesca Suma Psicologa Dott.ssa Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Educatori professionali per i progetti di prevenzione Volontari con provata esperienza in animazione e conduzione gruppi. Volontari per la logistica. Operatori con provata esperienza in campo socio-educativo 18

20 Terapia L Associazione Chiara e Francesco dal mese di febbraio 2010 ha ampliato le proprie attività di apertura al territorio, proponendo un servizio di consulenza e psicoterapia, rivolto ai minori residenti nelle strutture afferenti all Associazione, alle famiglie collegate ed ai cittadini che segnalino casi o siano entrati in contatto con casi di violenza, maltrattamento e/o abuso. Grazie alle attività di prevenzione primaria, secondaria e terziaria che svolge sul territorio, l Associazione sta assumendo sempre più la funzione di osservatorio privilegiato e, da questa posizione, sta registrando un bisogno rilevante di interventi in questi segmenti a fronte di una limitata portata della risposta pubblica. L approccio adottato dagli esperti è di tipo consulenziale e psicoterapeutico, in percorsi di medio-breve durata, centrando l attenzione sulla desensibilizzazione e la rielaborazione del trauma nei suoi effetti diretti e sul sistema relazionale. Gli utenti sono accolti, in forma gratuita, tre pomeriggi alla settimana: martedì, mercoledì e giovedì, dalle ore alle ore Qualora essi desiderino liberamente fare donazioni, queste saranno accettate esclusivamente sotto forma di erogazione liberale e dovranno pervenire all Associazione attraverso parametri riconosciuti dalla legge. La metodologia d intervento, pur articolandosi e facendo riferimento a scuole di pensiero cliniche, si muove in una logica che privilegia l integrazione dei punti di vista e degli approcci, sia in campo puramente terapeutico, che in campo educativo, valorizzando le conoscenze e le esperienze degli attori che si muovono nel sistema di riferimento del minore. L esperienza di questi primi mesi di lavoro si è sviluppata prevalentemente sul versante consulenziale attraverso attività di accompagnamento e supporto a singoli cittadini e famiglie, prospettando e avviando, in alcuni casi, veri e propri percorsi psicoterapeutici. Il servizio si muove secondo logiche di rete, alla ricerca costante di sinergie e coordinamento con i referenti dei servizi territoriali competenti. 19

21 Organigramma del Servizio Terapia Colloqui psicologici Equipe Psico-Sociale Responsabile: Dott. Fabio Cupini Psicologo-Psicoterapeuta Dott.ssa Francesca Suma Psicologa Dott.ssa Maria Francesca Labartino Assistente Sociale Consulenze secondo necessità per i servizi di: Dott. Psicoterapie individuali Carlo Psicoterapie Macale familiari Educatore Counseling Valutazione psicodiagnostica 20

22 Procedure di tutela Tutti gli operatori sono tenuti alla riservatezza e al rigoroso rispetto del segreto professionale riguardo la vita dei minori e delle loro famiglie. Lo stesso criterio di riservatezza viene applicato a tutto il materiale scritto, elaborato per i progetti e/o proveniente dal territorio. Ogni operatore è responsabile penalmente di quanto avviene durante il suo periodo di lavoro ed è tenuto alla compilazione quotidiana dei Diari al termine del suo orario di lavoro. Ogni operatore, con la massima cura e tempestività, segnalerà e trascriverà rivelazioni, osservazioni e/o episodi particolarmente significativi. All interno della struttura, gli operatori sono tenuti a non fumare, a limitare l uso del cellulare per motivi personali a casi eccezionali e di particolare urgenza, a non consumare alcolici durante il servizio. 21

23 Riferimenti AssociazionePartner Fabrizio Cicchini Presidente Associazione Chiara e Francesco Onlus Tel: Fax: Cell: Alessandro Orsini Vice-Presidente Associazione Chiara e Francesco Onlus Responsabile Amministrativo Tel: Fax: Cell: Orsola Di Lorenzo Presidente Associazione di Volontariato Chiara e Francesco Prevenzione Onlus Tel: Fax: Cell:

24 Riferimenti Casa Famiglia Baby Federica Silvestri Responsabile Tel/Fax: Cell: Casa Famiglia Junior Riccardo Farroni Responsabile Tel/Fax: Cell: Casa Famiglia Senior Carlo Macale Responsabile Tel: Fax: Cell: Psicoterapeuta Fabio Cupini Tel: Fax: Psicologa Francesca Suma Tel: Fax: Cell: Assistente Sociale Maria Francesca Labartino Tel: Fax: Cell:

25 Assicurazioni Casa Famiglia Baby Milano Assicurazioni RC Num. Polizza Incendio Num. Polizza Casa Famiglia Junior Milano Assicurazioni RC Num. Polizza Incendio Num. Polizza Casa Famiglia Senior, Polo Terapia e Polo Prevenzione Milano Assicurazioni RC Num. Polizza Incendio Num. Polizza Furgone 9 posti Opel Vivaro 2.5 TDI Milano Assicurazioni Polizza Furgone 9 posti Opel Vivaro 2.0 TDI Milano Assicurazioni Polizza Automobile 4 posti Chevrolet Matiz Milano Assicurazioni Polizza Fiat Doblò 7 posti Milano Assicurazioni Polizza

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il CON-DOMINIO SOCIALE

Il CON-DOMINIO SOCIALE dal 1984 lavoriamo a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie. Innovativo Residenziale Il CON-DOMINIO SOCIALE Via Cassano,35 Cassano d Adda MI CARTA DEL SERVIZIO innovativo residenziale IL

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli