5. Le banche La Cassa di Risparmio ticinese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. Le banche. 5.1. La Cassa di Risparmio ticinese"

Transcript

1 5. Le banche La Cassa di Risparmio ticinese La Cassa di risparmio ticinese fu il primo istituto di credito del Cantone ( ), sorta su iniziativa della Società ticinese di utilità pubblica e annoverava fra i suoi membri Stefano Franscini e Giovan Battista Pioda, che fu anche il primo presidente della banca. Voluta con lo scopo di remunerare i risparmi della gente comune (artigiani, operai, agricoltori), la Cassa era destinata, come si legge nella presentazione al pubblico, «a salvare innumerevoli piccole somme dall essere gittate o nella bettola o nel giuoco». La nuova istituzione venne accolta favorevolmente dal pubblico, anche se ad approfittarne furono soprattutto i cittadini benestanti, e vennero aperte «ricevitorie» a Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio. La Cassa di risparmio era completamente dipendente dallo Stato: la somma dei depositi veniva versata alla Cassa cantonale che se ne serviva per rimborsare i crediti cantonali al 4 1 /2% o 5%. Il testo riporta il regolamento del La Cassa procura un progressivo aumento di risparmi quotidiani dell uomo frugale, laborioso, e preveggente: e quelle somme, che resterebbero oziose e senza frutto, e con pericolo ora di essere consumate nella bottega del venditore d acquavite o in quella del lotto, ora di cadere in male mani, quelle sono assicurate, e fannosi ogni giorno maggiori. La Cassa di Risparmio (se ne sarà apprezzata l importanza e la virtù) procaccerà alle più disagiate famiglie la comodità di accumulare a poco a poco un cinquanta, un cento e più scudi pei momenti di maggior bisogno: per l allogamento d un figlio ad apprender bene un utile mestiere: per l aprimento di un officina a favore dello stesso quando avrà acquistata un abilità sufficiente: pel collocamento in matrimonio d un figliuolo o d una figliuola, per l eventuale disgrazia di una malattia: per una momentanea cessazione di lavori; per uno straordinario rincaramento di viveri: per cento altri casi della vita, ne quali chi è povero ed è colto alla sprovvista diviene un miserabile ed è costretto a ricorrere ad altrui, a perdere, per così dire la propria libertà e indi-

2 pendenza, ad accattare financo l amaro tozzo della elimosina, e (quel ch è ancora peggio) ridotto a commettere furti ed altri delitti. [ ] Punti di Regolamento più utili a conoscersi dal Pubblico 1. La Cassa di Risparmio riceve danaro in deposito e ne paga l interesse al 4 per cento. Niuno può deporre meno di una lira di cassa né frazioni di lire, né più di lire mille in un anno. Quegli che affiderà alla Cassa una somma maggiore di lire non riceverà per l eccedenza che l interesse del 2 per cento. Gli interessi del danaro versato nella prima quindicina di un mese, incominceranno a decorrere dal 1. del mese susseguente, e dal giorno 16 quelli della seconda quindicina. 2. Niun interesse è pagato per somma minore di lire 10. La Cassa non paga frazioni di soldi. 3. La Cassa si obbliga di restituire ai creditori di essa i loro depositi minori di lire 100 entro 10 giorni, minori di lire 500 entro 50 giorni, e le somme maggiori entro 5 mesi dopo la fattane domanda di restituzione in iscritto. 4. Alla fine del dicembre d ogni anno, saranno aggiustati i conti di ciascun creditore della Cassa. Gli interessi saranno pagati o capitalizzati, cioè aggiunti alla somma capitale secondo il beneplacito di ognuno. 1. Il pagamento degli interessi si effettua nella prima quindicina del mese di gennajo. Gli interessi che in detto intervallo non saranno stati ritirati, saranno portati in aumento del capitale. 5. A chiunque si presenti nel giorno ed all ora stabiliti a deporre alcuna somma presso uno de Ricevitori della Cassa di Risparmio, questi rilascia una cartella di credito equivalente, coll indicazione se frutta interesse, e quando incomincia a decorrere. 1. La madre di questa cartella è trattenuta dal Ricevitore dopo che sarà stata firmata dal deponente se sa scrivere; in caso diverso si fa cenno sulla medesima di questa circostanza. 2. Detta cartella è firmata dal rispettivo Ricevitore, dal Presidente dal Segretario dell Amministrazione, e munita del bollo di questa. [ ] 5. Il deponente pagherà un soldo per il distacco di ogni cartella sino alla somma inclusiva di 20 lire, e due soldi per ogni altra somma maggiore. 6. Ogni deposito porta con sé il distacco di una cartella o sia ricevuta dal Ricevitore. Se poi il deponente possessore di diverse cartelle volesse per suo comodo riunir tutto il credito in una sola cartella, si rivolge al Cassiere generale, che gliela rilascerà contro il ritiro delle cartelle parziali e il pagamento di una lira. 7. Le monete si ricevono nella Cassa di Risparmio al corso fissato per la Cassa Cantonale. I computi si fanno in lire di Cassa. 8. I libri destinati a registri appartenenti alla Cassa di Risparmio devono sempre essere numerizzati e bollati dall Ufficio dell Amministrazione. 9. Le Ricevitorie saranno aperte in Lugano e Locarno la domenica e le giornate di mercato: in Bellinzona lo saranno parimenti la domenica e il giovedì d ogni settimana. 10. Restano aperte per tre ore, cioè dalle 8 alle 11 antimeridiane. C. Kronauer, Gli istituti di credito ticinesi, Zurigo 1918, p

3 5. Le banche Il registro delle ipoteche IlnuovocodiceciviledelCantonedel1837prescrissel obbligodell allestimento, per ogni distretto, di registri ipotecari per avere informazioni più precise circa il grado di ricchezza e di indebitamento del Paese. L operazione incontrò gravi difficoltà sia per la mancanza di un censimento dei beni immobiliari, che prenderà avvio con fatica solo nel1845,sia per l opposizione di chipreferivamantenereilrapportotracreditorie debitori sul piano delle relazioni personali di fiducia. Le statistiche che si riuscì ad elaborare, in modo ancora incompleto perché relative solo a quattro distretti, evidenziano l alto indebitamento delle regioni periferiche e la netta prevalenza delle piccole iscrizioni ipotecarie, a dimostrazione della larga diffusione nel paese di molti piccoli proprietari terrieri. Iscrizioni ipotecarie Anteriori al Codice Posteriori al Codice Totale Riviera Mendrisio Blenio Locarno Osservasi in 1. luogo che nel complesso dei quattro Distretti il numero delle iscrizioni posteriori al Codice si ragguaglia presso a poco come uno a quattro. Ma in ciascuno di essi varia come segue: Locarno come 1 a 5 Mendrisio» 1 a 4 Riviera» 1 a 3 Blenio» 1 a 2 Pertanto dal 1837 in poi il massimo movimento per iscrizioni ipotecarie nuove accadeva in Blenio, quindi nella Riviera: era meno considerabile nel Distretto di Mendrisio, meno ancora in quel di Locarno. 2. Paragonando il numero delle iscrizioni ipotecarie con quello delle famiglie (supposte, per termine medio, di 5 individui), e presa per base la popolazione del 1837, si ottengono i seguenti rapporti: Distretto Famiglie Iscrizioni ipotecarie per 100 famiglie Mendrisio N. 95 Riviera 852» 196 Locarno 4 300» 210 Blenio 1 610» 240 Presi i quattro Distretti insieme, la proporzione si è di 177 Iscrizioni ipotecarie ogni 100 famiglie, poco meno di due iscrizioni per ciascuna. È manifesto che per rispetto al numero delle iscrizioni ipotecarie, de quattro Distretti quel che sta meglio si è Mendrisio, ed è Blenio quello che risulta proporzionatamente più aggravato. 3. Se da quanto avviene riguardo alle famiglie dei quattro Distretti, facciasi congettura a quanto può essere delle a famiglie del Cantone, si trova che il total numero delle iscrizioni ipotecarie può ben sommare a circa

4 Classificazione delle iscrizioni ipotecarie Distretto Per meno Da 400 Da Da Da Da Da di 400 L. a a a a a in su Locarno Mendrisio Blenio Riviera Pigliate rispettivamente queste classi, offrono i seguenti risultati: la prima, cioè, de titoli della minima entità, il 57 per cento del total numero d iscrizioni; la seconda il 21 per cento; la terza il 14; la quarta appena il 2; la quinta 3 /4 di uno per cento; la sesta e la settima riescono frazioni affatto insignificanti. Nei quattro Distretti però stanno al numero di 100 iscrizioni ipotecarie. Locarno Mendrisio Blenio Riviera quelle per meno di 400 L. come 57 a a a a 100 quelle di 400 a come 28 a a a a 100 quelle di a come 13 a a a a 100 quelle di a come 1 1 /3 a a a a 100 Delle altre pochissime non occorre tener conto. Riesce ovvia l osservazione come de piccoli crediti ipotecari il numero più forte si è in Blenio, quindi nel Locarnese e nella Riviera; molto men forte è nel Mendrisiotto, nel quale invece abbondano i crediti più considerevoli, cioè di a lire, e non sono del tutto scarsi anche quei maggiori. Entità delle iscrizioni ipotecarie Distretto Iscrizioni anteriori Iscrizioni posteriori Totale Somma al Codice al Codice Riviera Lire Lire Lire Blenio» » » Mendrisio» » » Locarno» » » Lire Lire Lire Osservasi in primo luogo che la somma portata dalle iscrizioni ipotecarie si ragguaglia al numero delle famiglie in modo che, ogni 100 di queste, v ha iscrizioni per lire in Blenio, per in Riviera, per nel Locarnese, e, per ultimo, per lire nel Mendrisiotto. 2. Che siccome nel complesso de quattro Distretti risulta per ciascuna delle famiglie una quota di lire d iscrizioni ipotecarie, così, istituendo sopra cosiffatta base un calcolo approssimativo per tutto il Cantone, avrebbesi che le proprietà fossero aggravate da una complessiva somma di circa trentatrè milioni di lire. Conto-reso del Consiglio di Stato, 1842, p

5 5. Le banche La nuova Banca cantonale 1915 Nel 1914 il Ticino fu scosso da una serie di scandali bancari che colpì duramente il risparmio dei cittadini: ben 7 milioni, su un capitale totale di 16,5 amministrato dalle 7 banche allora attive, andarono perduti. Il fallimento di due dei principali istituti, il Credito Ticinese e la Banca Cantonale Ticinese, creò sorpresa e indignazione anche perché la magistratura appurò il comportamento fraudolento e la connivenza politica tra la direzione degli istituti e i principali partiti politici, quello liberale vicino alla Banca Cantonale Ticinese e quello conservatore al Credito Ticinese. Durante il periodo previsto per la liquidazione delle banche fallite, venne addirittura fondato un giornale, Giustizia!, con l intento di informare e aiutare i piccoli creditori e dar voce al malumore di «un popolo che per lunghi anni è stato illuso, turlupinato dalla politica e dall affarismo, o più precisamente dalla politica affarista, e che oggi, nella travolgente fiumana del disastro, terribile quanto inatteso, vuole salvare almeno il suo onore, almeno il suo avvenire». In questo clima difficile il Cantone si fece promotore di una Banca Cantonale, già presente d altronde in tutti gli altri Cantoni svizzeri ad eccezione del Vallese, improntata a criteri di assoluta sicurezza. Per recuperare la fiducia dei cittadini infatti, alla nuova banca venne preclusa ogni operazione di credito che non poggiasse su garanzie reali o personali. In pratica fino alla prima riforma del 1961, che trasformò la Banca dello Stato in banca universale, le operazioni bancarie furono ridotte alla raccolta di risparmio e alla concessione del credito fondiario, come si deduce dal disegno di legge approvato dal Gran Consiglio nel Disposizioni generali Art. 1. È istituita la Banca dello Stato del Cantone Ticino. Art. 2. La Banca dello Stato del Cantone Ticino ha per iscopo: di favorire lo sviluppo economico del Cantone prestando specialmente i propri servizi al commercio, all industria ed all agricoltura. La sua attività comprende le operazioni previste all art. 13 della presente legge. Essa costituisce un ente giuridico distinto ed ha come tale una personalità civile propria. Al fisco è interdetto sulla stessa un ingerenza diversa da quella esercitata sulle altre banche private. Art. 3. Lo Stato fornisce alla Banca il capitale di dotazione, ne approva i regolamenti e ne esamina il rendiconto annuale. Art. 4. Lo Stato risponde per tutti gli impegni della Banca in quanto non bastino i mezzi della stessa. Essa nomina i membri del Consiglio d Amministrazione, ed i revisori. Art. 5. La Banca ha la propria sede principale a Bellinzona. Ha inoltre due succursali, di cui una a Locarno e l altra a Lugano. Agenzie e rappresentanze saranno istituite dal Consiglio di Stato ovunque sarà reputato utile o necessario. Art. 6. Il capitale iniziale di dotazione della Banca è stabilito nella somma di quattro milioni di franchi. Qualunque aumento di capitale deve essere autorizzato da speciale decreto del Gran Consiglio.

6 Art. 7. Le spese e le perdite di corso, cagionate dall emissione, sottoscrizione o conversione, dei prestiti dello Stato per fornire alla Banca il proprio capitale sono a carico esclusivo della Banca medesima. Art. 8. La Banca deve bonificare, annualmente, allo Stato l interesse del capitale di dotazione. Tale interesse è determinato dal Gran Consiglio, ogni anno, nella statuizione del bilancio preventivo, in base alle condizioni del mercato monetario. Non potrà però essere minore di quello corrisposto dallo Stato per la provvista del capitale. Art. 9. La Banca non può emettere obbligazioni se non sino all importo della metà del capitale di fondazione. Art. 10. L utile netto della Banca riceve la destinazione prevista all art. 43. Art. 11. La Banca è esonerata dal pagamento dell imposta cantonale e da ogni imposta comunale. Art. 12. I regolamenti elaborati in applicazione della presente legge dagli organi della Banca diventano esecutivi dal momento in cui hanno avuto l approvazione del Consiglio di Stato. Operazioni della Banca Art. 13. L attività della Banca comprende le operazioni seguenti: a) cassa di risparmio; b) prestiti ipotecari sopra immobili situati nel Cantone; c) concessione di crediti in conto corrente; d) anticipazioni ai Comuni e alle corporazioni pubbliche del Cantone; e) incasso e sconto di effetti cambiari; f) compra e vendita, per suo proprio conto, di titoli, esclusi quelli a redditi variabile, in quanto si tratti di valori facilmente realizzabili e destinati a collocare momentaneamente una parte dei fondi della Banca; g) compera e vendita di titoli per conto di terzi; h) partecipazione all emissione di titoli di Stato e di Comuni e ad impegni fissi dei medesimi; i) custodia di titoli e di altri valori per conto di terzi; j) accettazione di fondi in deposito nelle forme ed alle condizioni determinate da speciale regolamento; k) partecipazione, dietro richiesta e nella misura della sua convenienza, alla liquidazione commerciale di istituti di credito, escluso qualsiasi impegno da parte sua in quelle operazioni di liquidazione che possono dar luogo a questioni contenziose; l) servizio Cassa dello Stato. 1. È vietata alla Banca qualunque anticipazione o credito allo scoperto. Potrà farsi solo a favore di Comuni del Cantone o di istituti di credito di notoria solvibilità. Speciali regolamenti stabiliranno le guarenzie reali o personali, sotto cui dovranno farsi tutte le operazioni previste dalle lettere c, e, quelle sotto b potranno essere concesse solo sino alla concorrenza della metà del valore dell immobile offerto in pegno eccezionalmente sino alla concorrenza dei 2 /3 del valore istesso quando l immobile per la sua ubicazione, o per i suoi redditi presentasse affidamento di sicura e pronta realizzazione. Gli edifici delle officine e delle fabbriche non verranno stimati che per il loro valore intrinseco, indipendentemente dalla loro destinazione industriale. Le macchine divenute immobili per destinazione non sono comprese nella stima.

7 5. Le banche 335 I criteri di stima saranno stabiliti dal regolamento. 2. La Banca può accettare le funzioni di agente della Banca Nazionale Svizzera. Art. 14. La Banca dello Stato è l unico stabilimento autorizzato ed obbligato a ricevere i depositi degli Uffici di Esecuzione e Fallimenti, delle preture, delle tutele e curatele, sia in denaro, sia in titoli, sia in valori o documenti. Art. 15. La Banca non può fare od assumere altre operazioni all infuori di quelle previste dalla presente legge ove non siano consentite da speciali decreti legislativi. Le sono specialmente proibiti i giuochi di borsa e le relative operazioni tanto per conto proprio quanto per conto di terzi o del suo personale. Art. 16. È pure proibito alla Banca di assumere qualunque affare nel quale entrino in considerazione l interesse od il credito personale d un membro del proprio Consiglio d Amministrazione, del direttore o d un membro della commissione di revisione. Art. 17. La Banca non è obbligata di motivare un rifiuto di prestito o di credito. Art. 18. Le richieste di prestiti, di anticipazioni o di crediti da parte di cittadini del Cantone Ticino dovranno avere a parità di condizioni la precedenza su tutte le altre. Tali richieste dovranno possibilmente essere prese nell uguale considerazione tanto se si tratti di piccole somme, quanto se si tratti di somme considerevoli. Processi verbali del Gran Consiglio, sessione ordinaria primaverile 1915, p Il senso del risparmio a scuola L incoraggiamento e la promozione del risparmio sono sempre stati un obiettivo prioritario di ogni istituto bancario. Se la propensione al risparmio fu perciò sostenuta e incoraggiata presso tutti i ceti sociali, particolare attenzione venne comunque prestata alle giovani generazioni. Tra i numerosi mezzi escogitati per sviluppare il senso del risparmio, il più efficace risulterà essere il dono di un libretto con deposito iniziale. A partire dai primi decenni del Novecento le associazioni di risparmio cominciarono a coinvolgere le scuole; così l educazione al risparmio, oltre a rappresentare un importante missione economica popolare, adempì anche a una indispensabile funzione pedagogica, come risulta dalla presentazione del direttore della Cassa di Risparmio di Ginevra al primo Congresso internazionale del Risparmio tenutosi a Milano nel marzo del Quando il ragazzo entra nella scuola primaria, cioè nel momento in cui diventa capace di comprendere che il risparmio è un dovere e che saper risparmiare significa la sicurezza per la vecchiaia, allora devono essere compiuti degli sforzi serii per condurre alla Cassa di Risparmio coloro che per circostanze varie non ne conoscono ancora la via. Lo scopo da perseguire è dunque: inculcare il principio del risparmio ai ragazzi e incoraggiare all economia quelli che non la praticano ancora, perché non ne hanno avuto la possibilità. Soprattutto alla classe più povera, bisogna insegnare il mezzo di prepararsi fin dall infanzia un avvenire più dolce.

8 Tre mezzi sono interessanti e si completano a vicenda. Sono: 1 il libretto di risparmio scolastico; 2 il modulo per i francobolli; 3 il salvadanaio. L idea del libretto scolastico non è nuova, ma la Cassa di Risparmio di Ginevra non l ha adottato che nel Si ebbero subito risultati soddisfacenti, poiché il primo anno su 750 libretti distribuiti, più di 200 ragazzi effettuarono in sei mesi un primo versamento e ritirarono un salvadanaio. Ecco come funziona il servizio: A ogni scolaro che non possiede già un libretto di risparmio, questo è regalato al principio dell anno. II capitale iniziale è fissato dall Amministrazione e costituisce un dono che, aumentato dall interesse, non apparterrà al titolare se questi, prima di diventar maggiorenne, non abbia effettuato un complesso di versamenti per l ammontare di 12 franchi cioè di un franco all anno dagli 8 ai 20 anni. Intanto devono agire gli educatori dell infanzia ai quali viene distribuito dalla Cassa di Risparmio un opuscolo sull insegnamento. Per permettere anche ai più piccoli e ai più poveri di portare alla Cassa di Risparmio i frutti delle loro economie, si distribuiranno ai ragazzi dei moduli che completati con 10 francobolli da 10 centesimi o 20 da 5 centesimi rappresentano il valore di un franco, e così il ragazzo che viene a versare ogni anno un modulo completato, arrivando alla maggiore età, si troverà in possesso del dono iniziale fatto dalla Cassa di Risparmio più 12 franchi e gli interessi. Il salvadanaio esercita un attrazione speciale sui ragazzi e anche è beneviso dagli adulti. È fatto in modo che non è possibile estrarne le monete che vi vengono introdotte se non si possiede la chiave, la quale è affidata al Cassiere della Cassa di Risparmio. Quando il ragazzo vuole effettuare il versamento, il Cassiere apre il salvadanaio in presenza del depositante e conta le monete iscrivendone l importo sul libretto del possessore del salvadanaio. Un Istituto di risparmio combina facilmente la distribuzione dei libretti con quella dei moduli per francobolli e quella dei salvadanai. I versamenti fatti alla Cassa di Risparmio di Ginevra nel 1923 dai possessori di salvadanaio sono stati per un importo di franchi Sono in circolazione salvadanai per depositanti. M.L. Fabre, Studio su qualche mezzo adatto a sviluppare il sentimento del risparmio nella scuola primaria, in Primo Congresso internazionale del Risparmio, Milano 1925, p Il sistema bancario ticinese Nel periodo si verificò in Ticino un eccezionale incremento del sistema bancario: si passò infatti da 14 banche e 141 uffici di rappresentanza nel 1957 a 20 banche e 221 uffici nel Prese forma in quel periodo la piazza finanziaria ticinese con l affermazione delle banche regionali, l apertura di nuovi istituti stranieri, tra cui la banca del Gottardo nel 1957, e la capillare diffusione nel territorio delle grandi banche svizzere (Società di Banca Svizzera, Credito Svizzero, Banca Popolare Svizzera e Unione di Banche Svizzere) che avevano aperto una loro prima succursale già tra il 1908 il Il numero di abitanti serviti in media da ogni sportello

9 5. Le banche 337 passò da a (media nazionale 1 410) e il risparmio bancario medio ticinese rimase costantemente superiore a quello svizzero. Questo successo dipese certamente da un reddito cantonale pro-capite più elevato e soprattutto dall apporto crescente dei capitali esteri. L accresciuto benessere fu alla base anche degli ottimi affari compiuti dalle compagnie assicurative, come si riscontra dalle tabelle del documento. La funzione monetaria Tra i compiti delle banche figura pure quello, spesso sottovalutato, di facilitare i pagamenti e le transazioni commerciali. Uno dei mezzi per realizzare questa meta è il conto salariale. Lo stipendiato non riceve più la paga in contanti, non rischia di perderla o di esserne derubato, ma dispone di un conto presso una banca. I suoi pagamenti non si faranno più in contanti ma con un semplice ordine di pagamento alla banca. Abbiamo saputo da fonte degna di fede che questi conti hanno avuto un incremento notevole anche in Ticino, specialmente dopo il La funzione di raccolta di mezzi Una delle funzioni principali delle banche è quella di raccogliere mezzi finanziari per poi distribuirli. La raccolta avviene nella forma del risparmio bancario. [ ] Il risparmio bancario è, come l autofinanziamento e le assicurazioni, soltanto una delle forme possibili di risparmio, vale a dire di rinuncia a consumare parte del reddito. Riveste però particolare importanza perché, come fattore essenziale della liquidità bancaria, è uno degli elementi che determinano la politica creditizia delle banche. Vale quindi la pena soffermarsi a considerare nelle sue diverse forme il risparmio bancario in Ticino: Mezzi raccolti con le forme classiche del risparmio in Ticino (in milioni di franchi) Depositi Libretti Obbligazione Totale Indice % a risparmio di deposito di cassa

10 Mezzi raccolti con le forme classiche del risparmio in Svizzera (in milioni di franchi) Depositi Libretti Obbligazioni Totale Indice a risparmio di deposito di cassa Risparmio bancario in relazione al reddito cantonale e alla popolazione in Ticino Risparmio bancario annuo Risparmio bancario annuo Risparmio bancario annuo (in milioni) pro capite (in franchi) in % del reddito cantonale Risparmio bancario in relazione al reddito nazionale e alla popolazione in Svizzera Risparmio bancario annuo Risparmio bancario annuo Risparmio bancario annuo (in milioni) pro capite (in franchi) in % del reddito nazionale A fine 1969 il totale del risparmio bancario svizzero, accumulato, ammontava a milioni di franchi; quello globale ticinese era di milioni di franchi. L indice per il risparmio bancario è passato, in Svizzera, da 100 nel 1959 a nel Lo stesso indice, riferito al risparmio ticinese ha raggiunto nel 1969 la quota Questo ci indica che l incremento del risparmio bancario ticinese, nel periodo compreso fra il 1959 e il 1969, è stato molto più pronunciato di quello svizzero. La quota di risparmio media, cioè il risparmio bancario annuo in rapporto al reddito, è stato per il Canton Ticino negli anni superiore a quella della Svizzera.

11 5. Le banche 339 Risparmio bancario in % del reddito Differenza Ticino Svizzera Il fatto che la quota di risparmio ticinese è superiore a quella svizzera diventa ancora più significativo per l entità del risparmio se si considera che il reddito ticinese è inferiore a quello medio svizzero. In altre parole: anche se il reddito pro capite ticinese è inferiore a quello svizzero, per ogni unità di reddito si risparmia di più in Ticino che non nella media della Svizzera. Sebbene l incremento del risparmio ticinese sia più marcato di quello svizzero, nonostante che la quota di risparmio sia stata più elevata in Ticino, il risparmio bancario pro capite è, dal 1967, inferiore a quello svizzero. Così nel 1969 il risparmio pro capite ticinese è stato di oltre 100 fr. inferiore a quello svizzero: abbiamo infatti fr per il Ticino contro fr per la Svizzera. [ ] L evoluzione del volume complessivo dei premi incassati e delle indennità versate dalle compagnie private di assicurazione dal 1960 al 1968 per tutti i rami insieme. L espansione dell economia nazionale di questi ultimi anni ha trovato riscontro anche nell evoluzione dei premi incassati e delle indennità versate, sia per l insieme della Svizzera sia nel Ticino. È inoltre evidente che oltre alla crescita vera e propria dell economia anche il deprezzamento della moneta ha contribuito in una certa misura attraverso l adeguamento delle indennità versate e quindi dei premi al gonfiamento dei valori annuali dei bilanci assicurativi. Pensiamo soprattutto ai rami «responsabilità civile», «infortuni», «incendi» e «trasporti». Ad eccezione dell assicurazione «grandine e animali» in tutti gli altri rami i premi incassati nel Ticino hanno segnato incrementi più consistenti di quelli manifestatesi per la Svizzera nel suo complesso. Eloquente ci sembra a questo riguardo la contrapposizione degli indici di evoluzione ( ). Ramo assicurativo Indici 1968 (1960 = 100) Svizzera Ticino Vita Infortuni Responsabilità civile Incendio Trasporti Casco veicoli Grandine/animali Altri rami Totale [ ] Un analisi esatta delle componenti che hanno determinato una crescita più accentuata dei premi incassati nel Ticino in confronto della Svizzera appare assai problematica. Un primo fattore di carattere generale dovrebbe essere quello del maggior incremento della popolazione cantonale rispetto a quella svizzera. Posto infatti l anno 1960 = 100 vediamo che nel 1968 l indice svizzero era salito a 115 mentre il

12 Scimfuss, 5 aprile, ore 11.23, visto dal Gottardo. Foto: Jean Odermatt La premessa di ogni strategia è una chiara visione. Scimfuss, 30 dicembre, ore 16.33, visto dal Gottardo. Dalle cime del massiccio del Gottardo, sguardi e pensieri possono raggiungere orizzonti lontani. Anche noi guardiamo lontano, in un altro mondo. Nel mondo della finanza. Il nostro mondo. Ogni gestione patrimoniale di successo deve individuare e anticipare le tendenze. Le nostre operazioni sui mercati finanziari si basano sulla lungimiranza dei pensieri. E sull abilità con cui applichiamo la strategia d investimento. Il nostro obiettivo dichiarato è il successo. Sede centrale: Banca del Gottardo, Viale S. Franscini 8, CH-6901 Lugano, tel Bellinzona, Chiasso, Ginevra, Locarno, Losanna, Zurigo, Lussemburgo, Monte Carlo, Nassau, Praga, Vienna, Hong Kong, Buenos Aires, Caracas, São Paulo 47. Pubblicità a sostegno della qualità dei servizi finanziari svizzeri.

13 5. Le banche 341 corrispondente valore per il Ticino era di 123. Ciò spiega però soltanto in parte il divario manifestatosi dal 1960 al Infatti anche il calcolo dei premi incassati per testa di abitante indica che dal 1961 in poi nel complesso dei rami assicurativi il Ticino ha sempre avuto una spesa pro capite per premi assicurativi superiore a quella svizzera. Anno Premi pro capite Svizzera Ticino Rendiconto Dipartimento dell economia pubblica, 1970, p Giri di miliardi a Lugano: le perdite della Banca Lloyds Il consigliere di Stato Claudio Generali, in seguito direttore di un importante banca luganese, ha espressamente affermato che «non è segreto per nessuno che il ruolo trainante assunto dal sistema bancario e la piazza finanziaria ticinese si deve al consistente afflusso di fondi dall economia italiana». A partire dalla metà degli anni Sessanta, il rallentamento economico, l aumento dell inflazione e, soprattutto, l instabilità politica, spinsero la ricca borghesia italiana a esportare i loro capitali nelle più sicure e redditizie banche svizzere. Chiasso e Lugano divennero due terminali finanziari fondamentali che videro in breve tempo crescere sportelli bancari, studi legali e notarili e società finanziarie specializzate nella gestione di patrimoni per conto di terzi. Lugano in particolare divenne la cassaforte d Italia e l ingente quantità di capitali alla ricerca di sicurezza e buoni rendimenti indussero alcuni operatori bancari ad aumentare le operazioni ad alto rischio. La piazza finanziaria ticinese commise gravi errori che ebbero risonanza negativa all estero; gli anni Settanta furono, ad esempio, caratterizzati da clamorosi scandali che coinvolsero banche, studi notarili e personaggi politici di primo piano. Nel 1974 le speculazioni sbagliate della banca Lloyds di Lugano attirarono l attenzione della stampa internazionale, come documenta l articolo del giornalista tedesco Paul Klügl seguito dall intervista al direttore della Banca del Gottardo. L intervento della magistratura per reati penali negli affari finanziari divenne sempre più frequente: clamorosi furono nel 1977 i casi della Weisscredit a Lugano/Chiasso con una perdita di circa 220 milioni e della Texon Anstalt/Credito Svizzero a Chiasso con un danno di circa milioni di franchi. Documento A Il responsabile del settore divise della Banca Lloyds di Lugano ha polverizzato 200 milioni di franchi con speculazioni sbagliate. Nel mondo bancario ticinese, malgrado la debolezza della Lira, si è fatta l abitudine alle grandi somme.

14 Per decenni la piazza finanziaria luganese ha dormicchiato il giusto sonno di una città di provincia. La Banca della Svizzera Italiana, fondata nel 1873, bastava a coprire la domanda. Soltanto nel 1913 il Credito Svizzero prese piede in Ticino, seguito nel 1915 da una filiale della Banca Cantonale con sede a Bellinzona. Infine, siamo nel 1926, i signori Solari e Blum rischiarono la creazione di una banca. E per quei tempi la piazza finanziaria luganese era più che servita. Oggi ben 36 istituti bancari attendono i loro clienti al caldo sole del Ticino. Chi, gironzolando per il centro di Lugano, si imbatte negli scavi delle tanto sospirate canalizzazioni, finisce per vedere intorno a sé solamente delle banche, scordandosi tutto il resto. Accanto alle insegne si leggono nomi di fama mondiale, ciò che comincia a stupire gli stessi addetti ai lavori. E tuttavia, nemmeno un nome conosciuto può preservare dalle disavventure, come insegna dolorosamente il recente caso della Lloyd. 200 milioni di perdite in una filiale con soli 20 impiegati non è certo cosa di tutti i giorni! In effetti, a Lugano la realtà bancaria non è delle più comuni. E quello che, nell intervista che segue, il direttore generale della Banca del Gottardo chiama eufemisticamente «l attrattiva particolare che si esercita verso una determinata direzione geografica», è talmente noto che persino uno scolaro elementare lo saprebbe. Lugano deve in realtà la prosperità delle sue banche al disastro finanziario italiano. Quanto più la Lira si deprezza, tante più banche sorgono a Lugano. Tutti quelli che in Italia contano, hanno relazioni con banche ticinesi. Ovvio: Lugano dista da Milano una sola ora di autostrada! E tuttavia all origine di questo flusso di miliardi non ci sono soltanto capitali provenienti dall evasione fiscale. Certamente non sempre dietro i miliardi di lire che giungono qui stanno delle nobili ragioni di ordine macroeconomico. Non v è dubbio che l esportazione illegale di banconote italiane stia fiorendo. Non è un caso che il tasso di cambio della lira sia in Ticino di un paio di punti al di sotto di quello praticato a Zurigo. Comunque sia, anche degli autorevoli istituti italiani hanno approfittato dei vantaggi offerti dalla piazza bancaria luganese. 14 delle 36 banche operanti a Lugano sono in prevalenza o totalmente in mani straniere. Ciò che appare manifesto nel caso delle filiali di grandi banche straniere, come American Express o la First National City Bank, diventa invece un segreto ben custodito per gli istituti a maggioranza estera operanti in base al diritto svizzero. Raramente, ad esempio, si trovano nei rendiconti di gestione della Banca del Gottardo degli schemi che illustrino in modo completo gli intrecci finanziari. Così, qua e là, si vocifera che dietro una certa banca vi sia questo o quel gruppo italiano e talvolta spunta persino il nome di imprese statali. Certo è che, oggi come ieri, l interesse dell Italia per la piazza bancaria ticinese rimane vivo. Un esempio tipico è costituito dal riassetto avvenuto in primavera del consiglio di amministrazione della Banca della Svizzera Italiana, la quale, con una somma di bilancio superiore a 1.8 miliardi, risulta essere la più importante sulla piazza. Al vertice figura ora Ettore Tenchio, indicato nel rapporto d esercizio come presidente della Società svizzera di radiodiffusione. Ma egli non rappresenta certamente gli interessi della Radio e della Televisione svizzera in seno al consiglio di amministrazione della banca. Assai più illuminante è la posizione del nuovo vicepresidente, che funge al contempo da delegato del consiglio di amministrazione della Banca Commerciale Italiana. Stando così le cose, chi si stupisce più se la somma di bilancio è più che raddoppiata dal 1969 e se il capitale della banca è triplicato dal 1971?

15 5. Le banche 343 Di tanto in tanto un informazione ci fa capire che i miliardi messi a bilancio non sono che la punta di un iceberg. Così, ad esempio, quando la Banca della Svizzera Italiana rende noto che alla fine del 1973 i conti fiduciari gli investimenti operati per conto di clienti sul mercato delle divise europee hanno superato la soglia dei 2 miliardi di franchi, oppure quando la Banca del Gottardo fa sapere che la somma globale dei titoli in gestione ammonta a 3.4 miliardi di franchi. Anche a Lugano i tempi della crescita tumultuosa stanno per volgere al termine. Tuttavia finché l Italia non troverà una via d uscita dalla crisi finanziaria, la piazza finanziaria luganese non dovrà farsi eccessive preoccupazioni sul suo futuro. Documento B La fiducia è invariata Weltwoche: Le perdite subite dalla Banca Lloyds sul mercato delle divise hanno nuociuto all immagine della piazza finanziaria luganese. Questo incidente ha avuto ripercussioni sulla vostra clientela? Garzoni: No, ma d altra parte non va dimenticato che l opinione pubblica, in molti paesi, è diventata più insicura per tutto ciò che è avvenuto in campo economico e finanziario. A mio parere, bisognerebbe affrontare i problemi concreti con maggior decisione e fiducia nel futuro, anziché diffondere un pessimismo indifferenziato. Per rafforzare la fiducia nel settore bancario, la Germania ha fatto negli scorsi giorni un passo in avanti. Anche in Svizzera si è levata la voce, secondo cui occorrerebbe muoversi nella stessa direzione. Weltwoche: Ha l impressione che la concorrenza cerchi di trarre vantaggio da quanto accaduto a Lugano? Garzoni: Il caso è stato chiuso senza alcuna perdita per terzi. Le altre banche locali non hanno mai neanche lontanamente pensato di approfittare dell occasione per trarre vantaggio. Del resto, tutte le banche sulla piazza non possono che aver un solo, comune interesse: evitare di mettere a repentaglio il buon nome della piazza luganese. Certamente in questo contesto si è parlato ancora una volta soprattutto di Lugano. D altra parte credo di poter ritenere che queste operazioni sulle divise non sono probabilmente avvenute con il coinvolgimento di altre banche ticinesi. Weltwoche: Ma non è forse vero che la piazza bancaria è decisamente sovradimensionata in rapporto al potenziale locale? Garzoni: La Svizzera è considerata da tempo un paese che, grazie alla sua stabilità politica, economica e finanziaria, gode di una forte attrattiva e che perciò esercita un ruolo di intermediazione riconosciuto a livello internazionale. Questa funzione-fulcro della piazza finanziaria svizzera deve essere assolutamente preservata. È nell interesse stesso del nostro paese, poiché essa contribuisce alla creazione della ricchezza, crea molti posti di lavoro e fornisce un importante contributo diretto e indiretto al gettito fiscale. All interno di questo sistema ogni piazza finanziaria svizzera possiede una sua attrattiva particolare che si esercita in determinate direzioni geografiche. Comunque sia, oltre alla gestione patrimoniale, la maggior parte delle banche ticinesi svolge una cospicua attività nell ambito commerciale e ipotecario a livello locale. Weltwoche: Il caso della Lloyds è riconducibile ad un esposizione straordinariamente forte nel settore delle divise. Si tratta di una prassi comune?

16 Garzoni: La riduzione dei volumi di scambio tra le divise, le ridotte oscillazioni nei corsi delle valute, le indicazioni vincolanti e i controlli da parte delle direzioni bancarie, nonché i rapporti indirizzati alla Banca Nazionale fanno sì che il settore divise, che peraltro costituisce un ramo indispensabile dell attività bancaria, occupi il suo giusto spazio. La futura regolamentazione delle operazioni sulle divise delimiterà ancora meglio il campo d azione. Weltwoche: Lei ritiene adeguata la struttura del settore bancario ticinese? Garzoni: A me sembra importante che le strutture attuali vengano in linea di massima mantenute. È indubitabile che le imprese di piccole e medie dimensioni, tanto nel settore bancario quanto in altri, svolgono e svolgeranno anche in futuro una funzione importante, soprattutto perché sanno capire al meglio le esigenze della clientela. Oltre a ciò, l opinione pubblica ritiene a giusta ragione, anche in base ad altre considerazioni, che una struttura pluralistica sia in ogni caso da preferire ad una concentrazione di potere. Weltwoche, 2 ottobre 1974, tradotto da Corrado Biasca 5.7. Lotta al riciclaggio di capitali Per salvaguardare la buona reputazione del sistema bancario svizzero, in seguito ai gravi scandali del 1977, l Associazione svizzera dei banchieri e la Banca nazionale stipularono un accordo di diritto privato, in seguito più volte rinnovato, denominato «Convenzione di diligenza delle banche svizzere» (1977) con cui si stabilivano le regole minime da seguire per l accertamento dell identità della clientela e dell origine dei fondi. Questo codice di autoregolamentazione fu applicato dalle banche in alcuni casi che ebbero poi grande rilevanza pubblica: furono interrotte, ad esempio, le relazioni finanziare nella faccenda della «Pizza connection» profitti derivanti dal traffico di stupefacenti (1987) e nel caso dell ex dittatore filippino Marcos furono bloccati gli averi depositati. La legislazione fu poi inasprita nel 1990 quando entrò in vigore una norma del codice penale svizzero che puniva chi avesse omesso di verificare l origine di capitali sospetti. Sulla base di questo nuovo articolo la Commissione federale delle banche, cioè la suprema autorità di sorveglianza della legislazione svizzera sulle banche nominata dal governo, emanò nel 1992 delle direttive relative alla provenienza e alla lotta del riciclaggio di capitali, di cui si riportano alcuni articoli, che hanno lo scopo di sensibilizzare il personale bancario. Principi 5. Le banche non devono accettare averi di origine criminale. Gli organi o gli impiegati di banca si rendono colpevoli del reato di riciclaggio di capitali nel caso in cui accettino, custodiscano in deposito o aiutino a piazzare o a trasferire dei valori patrimoniali di cui essi conoscano o possano presumere siano provento di un crimine (art. 305 bis CP). 6. L accettazione per negligenza di valori patrimoniali di origine criminale non è punibile, ma può contravvenire alla disposizione della Legge sulle banche relativa alla garanzia di un attività irreprensibile. Ecco perché le banche devono dar prova

17 5. Le banche 345 della diligenza richiesta dalle circostanze anche in affari che per esse non comportano rischi finanziari riconoscibili (rischio di solvenza). 7. Le banche devono, esercitando la diligenza richiesta dalle circostanze, identificare il loro contraente e, nel caso, l avente diritto economico, quando questi non fossero identici. La violazione di questo dovere è punibile penalmente in base all art. 305ter CP e può costituire un infrazione delle regole deontologiche in uso nel settore bancario (art. 16). 8. Le banche devono, in base alle condizioni stabilite da queste Direttive (art ), chiarire la causale economica e lo scopo delle transazioni di cui la forma e l ammontare risultino inconsueti se considerati in relazione con il cliente e la banca, rispettivamente le sue succursali e agenzie, nella misura in cui il loro scopo economico e la loro liceità non siano immediatamente riconoscibili. 9. Qualora si sospettasse la provenienza criminale dei valori patrimoniali, le banche devono decidere, in base all importanza dei sospetti, se sia il caso di sorvegliare più da vicino la relazione sospetta con il cliente, intraprendere verifiche complementari, declinare o rompere il rapporto d affari e/o informare le autorità penali competenti (art ). 10. Nell ambito delle disposizioni legali per la prevenzione e la lotta contro il riciclaggio, le banche devono collaborare con le autorità elvetiche per quanto concerne sia le procedure interne che quelle di mutua assistenza internazionale in materia penale. Esse sono tenute a conservare i documenti richiesti per legge in maniera che possano dare seguito, in modo affidabile ed entro un lasso di tempo ragionevole, ad un ordine di sequestro o ad una richiesta di informazioni da parte delle autorità competenti (art ). [ ] Comportamento in caso di transazioni insolite 17. Non è dovere delle banche né esse ne hanno i mezzi di esaminare sistematicamente ogni transazione con la clientela per individuarne una possibile relazione illecita. Tuttavia, un attenzione particolare e certe verifiche complementari sono in principio necessario nei casi menzionati all art. 18. Dovere di verifica 18. Le banche devono procedere alle verifiche complementari previste dall art. 19: a) quando, all apertura di una relazione d affari, un cliente consegna biglietti di banca o metalli preziosi per un controvalore superiore a Fr da accreditare su un conto o un deposito; b) quando, nel corso di una relazione d affari con la banca, un cliente versa o preleva da un conto o da un deposito dei biglietti di banca o dei metalli preziosi, nel caso in cui l ammontare di una singola transazione oppure il numero delle transazioni appaia anormalmente elevato rispetto all attività conosciuta del cliente. Le banche fissano questi limiti massimi nelle loro istruzioni interne; c) quando la banca rileva la presenza di indizi di riciclaggio di capitali ai sensi dell elenco allegato a queste Direttive. 19. Nei casi menzionati all art. 18, le banche sono tenute a procurarsi, verificandone la loro plausibilità, quelle informazioni che permettono una valutazione sufficiente della causale economica di dette transazioni. A questo scopo, la banca richiede

18 ai loro contraenti una dichiarazione scritta oppure allestisce una nota d incarto in cui registra il risultato delle verifiche. Secondo le circostanze del caso concreto, delle indicazioni sui seguenti punti possono facilitare la succitata valutazione: a) scopo e genere di una determinata transazione; b) situazione finanziaria del contraente, rispettivamente dell avente diritto economico; c) attività commerciale o professionale del contraente, rispettivamente dell avente diritto economico; d) provenienza dei valori patrimoniali depositati. [ ] Comunicazione alle autorità giudiziarie penali 24. Quando la banca si decide per la segnalazione all autorità penale competente essa deve astenersi per quanto possibile dall informarne il cliente e dall autorizzare prelievi importanti. 25. Se la segnalazione della banca alle autorità penali interviene nell ambito di una transazione richiesta da un cliente, o quando quest ultimo desidera eseguire una transazione mentre è in atto detta segnalazione, e che la banca decide di non eseguire la transazione prima della scadenza del termine conformemente all art. 26, essa può informare il cliente riguardo alla segnalazione. 26. Se l autorità non emana immediatamente una decisione di blocco o di sequestro conformemente alle disposizioni di procedura penale applicabili, e non ne dà notifica scritta alla banca entro i cinque giorni lavorativi, la banca è libera di decidere sul come procedere nella sua relazione d affari con il cliente. In questo caso essa non ha l obbligo di limitare le disposizioni del cliente; essa può in particolare effettuare pagamenti in contanti e procedere alla consegna fisica di titoli e di metalli preziosi allo sportello. 27. Se l autorità emana una decisione (blocco, sequestro, richiesta di informazioni, o di documenti, ecc.), la banca può informarne il cliente salvo disposizioni contrarie volute dalla stessa autorità. [ ] Commissione federale delle banche, Circolare del 18 dicembre 1991 in Chopard, (a cura di), Il sistema bancario svizzero contro il riciclaggio, Bellinzona 1993, p L importanza del settore bancario e l evoluzione del terziario La distribuzione della popolazione attiva per settore mostra chiaramente come l occupazione sia sensibilmente aumentata nei servizi che, in Ticino nel 1970, davano lavoro al 55% della popolazione, il tasso più elevato in Svizzera dopo Ginevra. Un ruolo fondamentale per l espansione del terziario lo ha svolto la piazza finanziaria: tra il 1975 e il 1991 l impiego è aumentato del 54% nelle banche, del 94% nelle assicurazioni e del 146% nelle consulenze: in totale il settore ha conosciuto un incremento del 48% passando da impieghi nel 1975 a circa nel Nell ultimo decennio del XX secolo gli effetti della crisi mondiale dovuta alla globalizzazione dei mercati hanno avuto conseguenze anche in Ticino. Il settore bancario ha subito una profonda ristrutturazione che ha comportato fusioni tra istituti (Banca Popo-

19 5. Le banche 347 lare Svizzera e Credito Svizzero nel 1993; Società di Banche Svizzere e Unione di Banche Svizzere nel 1997) e una diminuzione del numero di impiegati. Popolazione attiva per settore economico: Svizzera, cifre assolute settore I settore II settore III Annuario statistico svizzero 1985, 1989, 1996 Popolazione attiva per settore economico: Ticino, valori assoluti settore I settore II settore III Annuario statistico ticinese 1990, 1995, 2000 Effettivo del personale bancario nel Ticino Anno Ticino Lugano R. Chopard, Il sistema bancario ticinese e la piazza finanziaria svizzera, Lugano 1992, p Segreto bancario e futuro della piazza finanziaria svizzera e ticinese L articolo 47 della legge federale sulle banche e le casse di risparmio del 1934 introdusse il principio del segreto bancario e obbligò le banche a non divulgare informazioni sui propri clienti. Esso però può essere sospeso nei casi di accertamenti giudiziari e sulla base di disposizioni del diritto civile, penale e della «Convenzione di diligenza delle banche». Per lungo tempo il segreto bancario ha costituito un formidabile strumento di vantaggio per la piazza finanziaria svizzera poiché assicura l anonimato dei propri clienti nei confronti delle autorità fiscali del paese di origine. L unico tentativo per ridimensionare il vincolo di riservatezza delle banche svizzere venne effettuato dal partito socialista con l iniziativa popolare «contro l abuso del segreto bancario e la potenza delle banche» che raccolse nel 1984 solo il 27% dei consensi. La situazione si è però modificata con la nascita dell Unione Europea che ha chiesto l abolizione del segreto bancario alla Svizzera, accusata di favorire l evasione fiscale. Il Consiglio federale ha avviato i negoziati nel 2002 affermando che, pur essendo di-

20 sponibile per la ricerca di soluzioni adeguate alla tassazione dei redditi da risparmio, il segreto bancario è intoccabile. I margini di manovra e le misure da adottare per aumentare la competitività della piazza finanziaria svizzera e soprattutto ticinese, sono illustrati nel testo della responsabile del Dipartimento delle finanze e dell economia del Cantone, Marina Masoni. Le attività finanziarie occupano in Ticino circa diecimila persone, pari al 7% della forza lavoro. Le banche, da sole, portano nelle casse dello Stato, a seconda del momento congiunturale, fra il 30% e il 50% del gettito fiscale delle persone giuridiche. Basterebbero questi due dati per dare la misura dell importanza della piazza finanziaria per il Ticino. [ ] Le attività bancarie sono al centro dell attenzione politica in questi anni di grandi cambiamenti economici non solo in relazione alle condizioni-quadro che favoriscono lo sviluppo di questo ramo portante del settore terziario, ma anche in rapporto a considerazioni di ordine etico: pensate in particolare ai pericoli di inquinamento delle attività bancarie da parte della criminalità; oppure alle crescenti pressioni politiche in direzione di una regolamentazione legata agli aspetti fiscali e ai flussi internazionali dei capitali. L attenzione si concentra in particolare sul segreto bancario. Le pressioni politiche sul nostro Paese sono forti. In gioco è non soltanto un punto di forza della Svizzera in quanto piazza finanziaria, ma anche un diritto fondamentale dell individuo: il segreto bancario va infatti considerato tale. E poiché è un diritto fondamentale, a giusta ragione il Consiglio federale ha dichiarato che non è negoziabile. È una posizione che va ribadita chiaramente a tutti i livelli e in tutte le istanze, anche e soprattutto in riferimento alla decisione dell Unione Europea di abolirlo entro il Si sta pure affermando, all interno dell UE, una tendenza molto marcata verso un armonizzazione fiscale sostanziale e non solo formale. È una tendenza che non fa gli interessi dei contribuenti, siano essi persone fisiche o persone giuridiche. La concorrenza fiscale tra regioni e tra Paesi è uno strumento a garanzia del contribuente contro le tentazioni espansive in fatto di spesa pubblica. In Svizzera abbiamo accettato, al nostro interno, l armonizzazione fiscale formale non accetteremmo un armonizzazione materiale che togliesse ai Cantoni la competenza di stabilire il livello della pressione fiscale. Se nei confronti internazionali la Svizzera è ancora tra i Paesi che hanno una spesa pubblica tra le più contenute in rapporto al PIL, lo si deve anche ad un sistema fiscale che internamente realizza una competizione tra i Cantoni. Gli spostamenti di capitali tra un Paese e l altro sono determinati anche dalla maggiore o minore attrattiva dei sistemi fiscali. È quindi a livello di fiscalità che vanno trovate le soluzioni, senza imporre ai singoli Stati la rinuncia a diritti fondamentali come il segreto bancario e senza imporre nemmeno una misura standardizzata per i prelievi fiscali. La posizione della Svizzera a difesa della sua piazza finanziaria e dei diritti dei contribuenti appare difficilmente attaccabile, anche dal profilo etico. Il segreto bancario è e deve restare una condizionequadro fondamentale del nostro sistema bancario. Dovesse cadere per pressioni politiche esterne, subiremmo pesanti conseguenze. Il Ticino più delle altre piazze finanziarie in Svizzera. Di qui l importanza di curare anche l immagine della nostra piazza finanziaria e delle banche in particolare. Un compito che spetta innanzitutto alle banche stesse, tramite la professionalità dei loro collaboratori, ma anche naturalmente allo Stato, tramite un efficace e corretta assistenza giudiziaria in materia penale e tra-

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA Vista la legge 25 gennaio 2006, n. 29, recante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli