L INDUSTRIA SIDERURGICA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INDUSTRIA SIDERURGICA ITALIANA"

Transcript

1

2 Assemblea Annuale 2014 L INDUSTRIA SIDERURGICA ITALIANA Relazione Annuale

3 L acciaio è un materiale prezioso, pulito e riciclabile al cento per cento, che mantiene inalterate le sue proprietà una volta riciclato. Per queste ragioni l acciaio è oggi il materiale più riciclato al mondo. L acciaio è un materiale unico per resistenza, durevolezza, versatilità e duttilità, caratteristiche che ne favoriscono l impiego in infi nite applicazioni, essenziali per le moderne società sviluppate. In particolare l acciaio è un materiale fondamentale e insostituibile nelle opere di ingegneria, nel settore dell edilizia e delle costruzioni, della meccanica, dei trasporti, della produzione e trasporto di energia, delle comunicazioni e dell agroalimentare. L acciaio con i suoi molteplici utilizzi è presente nella vita di tutti i giorni: dalle strutture che sorreggono le case in cui abitiamo alle automobili e agli altri mezzi con cui ci spostiamo, dagli elettrodomestici all arredamento dei nostri appartamenti e uffi ci, dagli utensili di uso quotidiano alle posate con cui mangiamo, fi no ad arrivare alle opere d arte, ai gioielli e persino alla penna a sfera. L impiego dell acciaio risulta inoltre fondamentale per lo sviluppo dell economia in una direzione sempre più ecosostenibile, tenendo conto non solo della sua completa riciclabilità, ma anche del suo largo utilizzo in applicazioni utili ad un uso effi ciente delle risorse: si pensi alla produzione di energia da fonti rinnovabili (ad esempio l energia eolica), alle strutture per la raccolta e il trasporto della risorsa idrica, alla rimodulazione del trasporto per l alta velocità ferroviaria. Anche i sottoprodotti derivanti dai processi di produzione dell acciaio sono oggi utilizzati in maniera sostenibile ad esempio nella produzione del cemento e nella realizzazione di opere stradali. L Italia è il secondo Paese Europeo (dopo la Germania) per produzione di acciaio, con 24,1 milioni di tonnellate nel, e il primo per volume di riciclo di rottame ferroso, con circa 20 milioni di tonnellate annue di materiale che viene rifuso nelle acciaierie nazionali. Federacciai è la Federazione che rappresenta le Imprese Siderurgiche Italiane, fa parte di Confi ndustria e conta ad oggi circa 150 aziende associate che realizzano e trasformano oltre il 95% della produzione italiana di acciaio. Federacciai è nata con l obiettivo di tutelare, supportare e mettere in relazione tra loro le aziende produttrici, trasformatrici e distributrici di acciaio e prodotti siderurgici affi ni. Inoltre, come principale portavoce delle aziende del settore, promuove le politiche industriali a sostegno del comparto attraverso iniziative in campo economico, politico e tecnico-scientifi co. La Federazione lavora per dare visibilità, in Italia e all estero, al settore siderurgico evidenziandone le caratteristiche economiche, le articolazioni e l evoluzione produttiva e commerciale. A questo scopo Federacciai sostiene tutte le azioni che rafforzano la capacità delle imprese siderurgiche di competere sul mercato, nazionale e internazionale, e sostiene le politiche economiche volte a risolvere le criticità del settore. Federacciai, inoltre, partecipa agli organi di gestione e alle commissioni di varie organizzazioni italiane e internazionali.

4 INDICE ORGANI STATUTARI pag. 5 PARTE I IL MERCATO pag Il contesto di mercato pag La siderurgia nel mondo pag La siderurgia in Italia pag. 17 PARTE II ASSOCIAZIONI DI COMPARTO pag Associazione Acciaio Prodotti Piani e Lunghi pag Associazione Prima Trasformazione e Tubi pag Associazione Acciai Speciali pag Associazione Italiana Elettrosiderurgia - A.I.E. pag. 41 PARTE III LE TEMATICHE GENERALI pag Affari internazionali pag Energia pag Ambiente pag Attività di comunicazione pag Rottame - Nuovo Campsider pag. 64 PARTE IV SOCIETÀ ED ENTI COLLEGATI pag Società consortile Gas Intensive pag Riconversider pag Unsider pag. 73 PARTE V AZIENDE ASSOCIATE pag. 77 PARTE VI APPENDICE STATISTICA pag. 83 3

5 O STAT

6 ORGANI STATUTARI Comitato di Presidenza Consiglio Direttivo RGANI UTARI

7 RELAZIONE ANNUALE - ORGANI STATUTARI COMITATO DI PRESIDENZA (Composizione al ) PRESIDENTE Antonio GOZZI PAST PRESIDENT Giuseppe PASINI VICE PRESIDENTI elettivi Michele Antonio Mario Antonio Nicola AMENDUNI BELTRAME CALDONAZZO MARCEGAGLIA RIVA VICE PRESIDENTI e PRESIDENTI DELLE ASSOCIAZIONI DI COMPARTO Paola ARTIOLI Antonio GOZZI Cesare RIVA Luca ZANOTTI 6

8 RELAZIONE ANNUALE - ORGANI STATUTARI CONSIGLIO DIRETTIVO (Composizione al ) IL COMITATO DI PRESIDENZA E I SIGNORI Alessandro BANZATO Giuliano BOATO Ruggero BRUNORI Giorgio BUZZI Marcello CALCAGNI Maurizio CALCINONI Alessandro COLOMBO Giacomo GHIDINI Mario GUSSAGO Alberto INZAGHI (Consigliere Tesoriere) Carlo LEALI Pierluigi LEALI Carlo MALASOMMA Roberto MARZORATI Carlo MAZZOLENI Federico PITTINI Franco POLOTTI Marco PUCCI Giancarlo QUARANTA Matteo RIGAMONTI Gianluca RODA Francesco SEMINO Margherita STABIUMI Mauro STEFANA REVISORI DEI CONTI EFFETTIVI Andrea Giuseppe Giampaolo AGNELLI POZZOLI TALPONE REVISORI DEI CONTI SUPPLENTI Romolo RAGGIO Dario SEMENZATO DIRETTORE GENERALE Flavio BREGANT 7

9 RELAZIONE ANNUALE - ORGANI STATUTARI CONSIGLIO DIRETTIVO ASSOCIAZIONE ACCIAIO PRODOTTI PIANI E LUNGHI COMUNI Cesare RIVA Presidente Giovanni Ruggero Enrico Giacomo Carlo Alessandro Massimo Giovanni Federico Franco Giancarlo Nicola Margherita BAJETTI BRUNORI FORNELLI GHIDINI LEALI LOMBARDI MAZZUCOTELLI PASINI PITTINI POLOTTI QUARANTA RIVA STABIUMI CONSIGLIO DIRETTIVO ASSOCIAZIONE ACCIAI SPECIALI Paola ARTIOLI Presidente Ernesto Michele Alessandro Giuseppe Egidio Roberto Andrea Sandro Alessandro Roberto Franco Fabio Mario Corrado AMENDUNI AMENDUNI BANZATO BERRETTI BINI FORCELLA FORONI FRACCIA LOMBARDI MARZORATI POLOTTI RIVA VERGNA VICENTINI 8

10 RELAZIONE ANNUALE - ORGANI STATUTARI CONSIGLIO DIRETTIVO ASSOCIAZIONE TUBI E PRIMA TRASFORMAZIONE Luca ZANOTTI Presidente Giovanni Italo Marco Andrea Luigi Mario Piero Alberto Roberto Andrea Silvio Silvio Alessandro ANTONIETTI BARONI BERERA BERI BUZZI CALDONAZZO GRUPPI INZAGHI MARCORA MONTRASIO POMPEI TAVECCHIA VALSECCHI CONSIGLIO DIRETTIVO ASSOCIAZIONE ITALIANA ELETTROSIDERURGIA Antonio GOZZI Presidente Ruggero Maurizio Vincenzo Alessandro Antonio Elena Giuseppe Giovanni Federico Margherita Francesco Giorgio BRUNORI CALCINONI CRAPANZANO COLOMBO FAGGIONATO MAGRI MARZORATI PASINI PITTINI STABIUMI UBERTO ZUCCARO 9

11 IL ME

12 1. IL MERCATO Il contesto di mercato La siderurgia nel mondo La siderurgia in Italia RCATO

13 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO 1 Il contesto di mercato 1 Nel l economia mondiale ha continuato a crescere a ritmi moderati (+3,0%) e in lieve rallentamento sull anno precedente (-0,1 p.p.). Il volume del commercio mondiale di beni e servizi è aumentato del 2,7%, con un tasso di crescita stabile. L andamento economico ha mostrato forti diversifi cazioni nei gruppi di economie, con un allentamento del divario tra quelle avanzate e quelle emergenti e in via di sviluppo. Tra le Economie emergenti e in via di sviluppo, in miglioramento del 4,7% sull anno precedente, si confermano in forte espansione la Cina (+7,7%) e l India (+4,4%), mentre rallentano la Russia (+1,5%) e il Messico (+1,2%). Tra le Economie avanzate, in aumento del 1,3% sull anno precedente, i principali motori di sviluppo sono stati gli Stati Uniti (+1,9%), il Giappone (+1,7%) e il Regno Unito (+1,7%), mentre l Area Euro è uscita dalla recessione (-0,4%). L andamento dell Area Euro è stato trainato dalla Germania, con il PIL in aumento del 0,5% sull anno precedente (la minor crescita dall inizio della crisi del ), grazie al miglioramento della domanda interna e delle esportazioni. La crescita tedesca ha stimolato i Paesi limitrofi, mentre i Paesi dell area mediterranea sono rimasti in fase di contrazione, con l Italia tra i più penalizzati. Variazione % anno precedente Prodotto mondiale Economie Avanzate - Stati Uniti - Area Euro - Giappone - Regno Unito Economie emergenti - Russia - Cina - India - Brasile - Messico PIL principali Economie mondiali Variazione % anno precedente Unione Europea - Area Euro - Germania - Austria - Belgio - Francia - Italia - Spagna Regno Unito PIL principali Economie europee -3-2,5-2 -1,5-1 -0,5 0 0,5 1 1,5 2 Elaborazioni su dati FMI Elaborazioni su dati FMI Nel l economia italiana ha segnato un calo del 1,9% sull anno precedente, mostrando i primi segnali di uscita dalla recessione: dal terzo trimestre dell anno, il PIL ha interrotto la caduta congiunturale, che si protraeva dall estate del. Mld di Euro, prezzi costanti PIL in Italia Variazione anno precedente prezzi costanti 6% PIL in Italia % % % - 2% - 4% -1,9% % Elaborazioni su dati ISTAT Elaborazioni su dati ISTAT 1 I dati statistici riportati nella presente relazione fanno riferimento alle informazioni disponibili alla data del 31 marzo

14 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO Il rallentamento dell economia è stato trainato dalla nuova contrazione della domanda delle famiglie residenti, in calo del 2,6% sull anno precedente, sul quale incide la diffi cile condizione del mercato del lavoro con il tasso di disoccupazione mediamente al 12,2%, in continua ascesa dal. Più accentuato l arretramento degli investimenti fi ssi lordi, che sono diminuiti del 4,7% sull anno precedente, dopo la marcata contrazione (-8,0%) del. In particolare, quelli nelle costruzioni, che rappresentano oltre il 22% della domanda di prodotti siderurgici, hanno segnato una fl essione del 6,7% sull anno precedente e una caduta sull attività pre-crisi di circa il 30%. Mld di Euro, prezzi costanti Investimenti fissi lordi nelle costruzioni Variazione anno precedente prezzi costanti 8% 6% 4% 2% 0% - 2% - 4% - 6% - 8% Investimenti fissi lordi nelle costruzioni -6,7% % Elaborazioni su dati ISTAT Elaborazioni su dati ISTAT La produzione industriale è diminuita del 3,0% sull anno precedente, con il valore dell indice inferiore di oltre il 2% al minimo degli ultimi vent anni registrato nel. L attività manifatturiera dei settori utilizzatori di acciaio ha segnato mediamente contrazioni più accentuate rispetto a quella dell industria nel suo complesso. Tra i settori con una maggiore intensità di acciaio, le fl essioni più marcate sono state segnate: dalla carpenteria metallica (-6,5%), dalla meccanica (-5,4%) e dagli elettrodomestici (-8,0%). Menzione a parte merita il settore dell automotive, che rappresenta circa il 9% della domanda di prodotti siderurgici, in questo caso la fl essione del 3,9% sull anno precedente sintetizza il marcato arretramento dei primi mesi nell anno e la graduale ripresa iniziata dal terzo trimestre. Il valore medio annuale della produzione industriale dei suddetti settori è stato il più basso degli ultimi vent anni. Variazione anno precedente 10% Produzione industriale Prodotti in metallo Produzione industriale settori utilizzatori di acciaio -12% -10% -8% -6% -4% -2% 0% 2% - 0,3% Carpenteria met. - 6,5% 5% Serbatoi e caldaie - 5,4% 0% Motori elettrici Elettrodomestici - 8,0% - 4,5% - 5% - 10% - 15% - 20% ,0% Meccanica Veicoli a motori parti ecc. Autoveicoli Carrozzerie e rimorchi Parti e motori Altri mezzi di trasporto Cantieri navali Locomotive - 9,1% - 5,4% - 3,9% - 5,0% - 5,2% - 2,3% - 1,4% 0,8% Elaborazioni su dati ISTAT Elaborazioni su dati ISTAT 13

15 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO 2 La siderurgia nel mondo Nel la produzione mondiale di acciaio è stata pari a 1,6 Mld.t., con un tasso di crescita del 3,1% in aumento di circa 2 p.p. su quello dell anno precedente. Secondo le stime dell Associazione mondiale dei produttori di acciaio (World Steel), il tasso di utilizzo della capacità produttiva mondiale è aumentato di 2 p.p., passando dal 76,2% del al 78,1% del. M.t Produzione mondiale di acciaio 100% 95% 90% 85% 80% 75% 70% 65% Tasso di utilizzo della capacità produttiva mondiale 78,1% 0 60% Mondo esclusa Cina Cina Elaborazioni su dati World Steel Elaborazioni su dati World Steel La crescita mondiale è stata trainata nuovamente dalla Cina, con una produzione pari a 779,0 M.t., in aumento del 6,6% sull anno precedente, oltre il 48% della produzione mondiale. Per contro, la produzione del resto del mondo, 827,7 M.t., è rimasta sostanzialmente stabile sull anno precedente (-0,1%), soltanto 48,7 M.t. in più rispetto a quella cinese. L andamento per macro-aree segnala l incremento dell Asia (1,1 Mld, +5,3%), con una quota sulla produzione mondiale al 67,3%, che guadagna un punto e mezzo su quella dell anno precedente, grazie non solo alla crescita della Cina, ma anche a quella di India e Giappone. Diversamente, peggiorano tutte le altre principali macro-aree: Unione Europea (165,9 M.t., -1,6%), Nord America (118,9 M.t., -2,2%), Confederazione degli Stati Indipendenti (108,8 M.t., -1,9%) e Altri Europa (38,6 M.t., -3,2%). Produzione acciaio per macro-aree e quota sul totale M.t. var.% 13/12 quota Unione Europea (28) 139,4 172,9 177,8 168,6 165,9-1,6% 10,3% Altri Europa 29,0 33,6 39,1 39,9 38,6-3,2% 2,4% CSI 97,6 108,2 112,7 111,0 108,8-1,9% 6,8% Nord America 83,8 111,6 118,7 121,6 118,9-2,2% 7,4% Sud America 37,8 43,9 48,2 46,4 45,9-1,1% 2,9% Africa 15,4 16,6 15,7 15,3 16,0 4,2% 1,0% Medio Oriente 17,7 20,0 23,0 24,7 26,3 6,8% 1,6% Asia 811,4 917,8 994, , ,6 5,3% 67,3% Oceania 6,0 8,1 7,2 5,8 5,6-3,7% 0,3% Mondo 1.238, , , , ,7 3,1% 100,0% Elaborazioni su dati World Steel 14

16 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO Il rallentamento europeo è stato trainato dall Italia, la cui produzione è diminuita del 11,6% sull anno precedente, fermandosi a 24,1 M.t., e ha perso circa un punto e mezzo sul totale europeo. Per contro, gli altri produttori sono rimasti sostanzialmente stabili sui livelli dell anno precedente: Germania (42,6 M.t., 0,0%), Francia (15,7 M.t., +0,5%) e Spagna (13,8 M.t., +1,4%). In controtendenza, il Regno Unito, con 11,9 M.t., ha segnato un incremento del 23,8% sull anno precedente e ha guadagnato un punto e mezzo sul totale europeo. M.t. 250 Produzione acciaio in Unione Europea (28) Dettaglio produzione Unione Europea (28) nel Altri 17,0 % Germania 25,7 % 200 Olanda 4,0 % ,9 Belgio 4,3 % Austria 4,8 % Polonia 4,8 % Italia 14,5 % Francia 9,5 % Regno Unito 7,1 % Spagna 8,3 % Elaborazioni su dati Federacciai e World Steel Elaborazioni su dati Federacciai e World Steel Produzione acciaio nell Unione Europea (28) e quota sul totale nel M.t. var.% 13/12 quota Germania 32,7 43,8 44,3 42,7 42,6 0,0% 25,7% Italia 19,8 25,8 28,7 27,3 24,1-11,6% 14,5% Francia 12,8 15,4 15,8 15,6 15,7 0,5% 9,5% Spagna 14,4 16,3 15,5 13,6 13,8 1,4% 8,3% Regno Unito 10,1 9,7 9,5 9,6 11,9 23,8% 7,1% Polonia 7,1 8,0 8,8 8,4 8,0-4,9% 4,8% Altri 42,5 53,9 55,2 51,5 49,9-3,1% 30,1% Unione Europea (28) 139,4 172,9 177,8 168,6 165,9-1,6% 100,0% Elaborazioni su dati Federacciai e World Steel 15

17 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO La classifi ca dei primi 20 produttori di acciaio è rimasta stabile sull anno precedente. L analisi delle variazioni evidenzia come l Italia abbia registrato la contrazione più marcata (-3,2 M.t.), seguita dalla Corea del Sud (-3,0 M.t.) e dagli Stati Uniti (-1,8 M.t.). Gli aumenti maggiori sono stati registrati da Cina (+48,0 M.t.), India (+3,9 M.t.) e Giappone (+3,3 M.t.). Produzione acciaio per Paese nel Produzione acciaio per Paese - Variazione / Cina Giappone Stati Uniti India Russia Sud Corea Germania Turchia Brasile Ucraina Italia Taiwan (R.o.C.) Messico Francia Iran Spagna Canada Regno Unito Polonia Austria Cina Giappone Stati Uniti India Russia Sud Corea Germania Turchia Brasile Ucraina Italia Taiwan (R.o.C.) Messico Francia Iran Spagna Canada Regno Unito Polonia Austria M.t M.t. Elaborazioni su dati Federacciai e World Steel Elaborazioni su dati Federacciai e World Steel 16

18 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO 3 La siderurgia in Italia Nel l attività del settore siderurgico italiano è stata caratterizzata da andamenti contrastanti tra l offerta e la domanda nazionale. Dal lato dell offerta, l attività ha mostrato un forte rallentamento sull anno precedente, rifl ettendo non solo le criticità intrinseche dell operatività di mercato, ma soprattutto lo shock esogeno che ha caratterizzato l attività del principale produttore nazionale. Dal lato della domanda, si è registrato un lieve incremento sull anno precedente, con un diverso andamento tra le categorie di prodotti. In particolare, la domanda di prodotti lunghi si è confermata in marcato rallentamento, in sintonia con il settore delle costruzioni nazionale, mentre quella di prodotti piani è migliorata. 3.1 La produzione Nel la produzione di acciaio è stata pari a 24,1 M.t., in calo del 11,6% (-3,2 M.t.) sull anno precedente e del 23,9% (-7,5 M.t.) sul picco del. L andamento mensile ha mostrato marcate contrazioni tendenziali nei primi mesi dell anno, attenuatesi da settembre, e un incremento del 4,1% a dicembre. In riferimento al processo produttivo, la contrazione della produzione ha interessato principalmente quella da convertitore, in calo del 27,0% sull anno precedente, e in misura minore quella da forno elettrico, in fl essione del 3,7%. Il tasso di utilizzo della capacità produttiva è diminuito di 7 p.p. sull anno precedente, scendendo dal 61,0% del al 53,9% del. M.t. 35 Produzione acciaio Variazione anno precedente 40% Produzione acciaio 30% 30 20% 25 24,1 10% 0% - 10% 20-20% -11,6% - 30% 15-40% Elaborazioni su dati Federacciai Elaborazioni su dati Federacciai La produzione di laminati lunghi a caldo ha segnato un nuovo rallentamento, fermandosi a 11,5 M.t., in fl essione del 3,1% (-363,1 mila t.) sull anno precedente e del 33,9% (-5,8 M.t.) sul picco del. In particolare, il dato del è soltanto 307,6 mila t. superiore al minimo del. Ad eccezione dei laminati mercantili, in lieve crescita sull anno precedente, nel la produzione di tutti gli altri prodotti è diminuita. Il tondo per cemento armato conferma il suo primato negativo, con la produzione ferma a 3,3 M.t., in calo del 6,9% sull anno precedente, seguono le travi e il materiale d armamento, con 1,1 M.t. in fl essione del 3,8% e la vergella, con 3,6 M.t., in riduzione del 2,7%. 17

19 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO M.t. 18 Produzione laminati lunghi Variazione anno precedente 20% Produzione laminati lunghi 16 10% 14 0% - 10% -3,1% 12 11,5-20% 10-30% 8-40% Elaborazioni su dati Federacciai Elaborazioni su dati Federacciai Nel la produzione di laminati piani a caldo, 12,1 M.t., è diminuita del 16,5% (-2,4 M.t.) sull anno precedente, dopo la lieve crescita (+0,5%) del. La contrazione è stata trainata dai coils, con una produzione di 10,1 M.t., in calo del 15,0% (-1,8 M.t.) sull anno precedente, e in misura minore dalle lamiere da treno, 1,9 M.t. (-987,8 mila t., -25,3%). M.t Produzione laminati piani Variazione anno precedente 40% 30% Produzione laminati piani 20% 14 10% 12 12,1 0% - 10% 10-20% -16,5% - 30% 8-40% Elaborazioni su dati Federacciai Elaborazioni su dati Federacciai 18

20 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO 3.2 Il consumo apparente di prodotti siderurgici primari Nel, il consumo apparente 2 di prodotti siderurgici primari è stato pari a 25,2 M.t., in aumento del 0,6% sull anno precedente, dopo la marcata contrazione del quando il consumo apparente diminuì del 16,2% sul, fermandosi a 25,0 M.t. Rispetto al picco del, la domanda nazionale è diminuita del 36,1% (-14,2 M.t.). M.t Consumo apparente Variazione anno precedente 40% 30% Consumo apparente % 10% 0% 0,6% 25 25,2-10% - 20% 20-30% 15-40% Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT Nel le consegne delle imprese nazionali pari a 26,7 M.t., sono diminuite del 8,2% (-2,4 M.t.) sull anno precedente e del 22,1% (-7,6 M.t.) sul picco del. La domanda estera dei prodotti nazionali, 12,0 M.t., sebbene in contrazione sull anno precedente (-1,1 M.t., -8,2%), non presenta rilevanti scostamenti né rispetto al picco di attività pre-crisi (12,1 M.t.), né rispetto alla media del periodo - (11,9 M.t.). In sintonia con il quadro economico generale, il rallentamento delle esportazioni è stato maggiore per quelle europee, 8,0 M.t. (-828,5 mila t., -9,4%) e minore per quelle extra-europee, 4,1 M.t. (-240,5 mila t., -5,6%). Il rapporto esportazioni-consegne è rimasto stabile sull anno precedente e pari al 45,0%, valore più alto dal 1999: quello europeo è diminuito dal 30,2% al 29,8%, mentre quello extra-europeo è migliorato dal 14,7% al 15,1%, confermando il trend crescente degli ultimi tre anni. Dopo il forte rallentamento dell anno precedente, nel le importazioni di prodotti siderurgici sono aumentate del 13,7%, raggiungendo 14,4 M.t., con una crescita maggiore per quelle extra-europee, 6,5 M.t. (+987,7 mila t., +18,0%), rispetto a quelle europee, 8,0 M.t. (+749,4 mila t., +10,4%). Consumo apparente e dettaglio per categorie di prodotti 000 t. Totale generale Totale semilavorati Totale laminati var. % var. % var. % 13/12 13/12 13/12 Consegne ,2% ,6% ,0% Import ,7% ,9% ,9% - Import UE (28) ,4% ,5% ,6% - Import Paesi extra UE ,0% ,2% ,5% Export ,2% ,5% ,6% - Export UE (28) ,4% ,4% ,5% - Export Paesi extra UE ,6% ,8% ,8% Consumo Apparente ,6% ,4% ,6% Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT 2 Il consumo apparente misura la quantità di prodotti siderurgici acquistata sul territorio italiano ed è valutato sommando le consegne di prodotti siderurgici dei produttori nazionali (peso fi nito) e le importazioni, e sottraendo gli arrivi, ovvero le importazioni dirette dei prodotti siderurgici, e le esportazioni. Include i prodotti semilavorati, i laminati lunghi e piani (caldo, freddo e rivestito). 19

21 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO In riferimento alla tipologia di prodotto si segnala che il fl ebile aumento della domanda sintetizza il nuovo peggioramento del consumo apparente dei prodotti lunghi (8,9 M.t., -5,8%), con un livello mai così basso dal 1999, e il miglioramento della domanda dei prodotti piani (14,0 M.t., +5,2%), in particolare dei coils (5,8 M.t., +12,2%). Prodotti lunghi Per quanto concerne il mercato dei prodotti lunghi, le consegne, 11,2 M.t., sono diminuite del 3,9% sull anno precedente e sono state soltanto 304,5 mila t. superiore al minimo del. In controtendenza con l andamento generale, le esportazioni di prodotti lunghi sono aumentate del 4,4% sull anno precedente, raggiungendo 4,1 M.t.: quelle europee (2,1 M.t., +4,3%) e quelle extra-europee (2,0 M.t., +4,5%). L incremento è stato trainato dal tondo per cemento armato (1,7 M.t., +19,6%) e dalla vergella (872,5 mila t., +5,3%). I principali mercati di riferimento si confermano l Algeria, con una quota del 36,0% (+3,5 p.p.) sul totale, seguono la Germania, con 15,3%, e la Francia, con 8,6%. Il rapporto esportazioni-consegne conferma il trend positivo osservato dal, con un miglioramento di tre p.p. sull anno precedente, dal 33,9% del al 36,9% del. Il miglioramento ha interessato sia quello valutato sulle esportazioni extra-europee (18,0%, +1,6 p.p.), cresciuto di oltre 9 p.p. dall inizio della crisi del settore delle costruzioni nazionali, sia quello sulle esportazioni europee (18,8%, +1,4 p.p.). Nonostante la forte debolezza del mercato interno, le importazioni, 1,9 M.t., sono aumentate del 4,4% sull anno precedente: quelle europee (1,4 M.t., +0,8%) e quelle extra-europee (438,8 mila t., +17,8%). I mercati che hanno maggiormente benefi ciato di tali aumenti sono stati la Francia (10,2%, +1,3 p.p.), la Svizzera (9,8%, +1,1 p.p.) e la Turchia (5,0%, +1,5 p.p.). M.t Consumo apparente prodotti lunghi Variazione anno precedente 20% 10% 0% Consumo apparente prodotti lunghi 12-10% -5,8% % 9 8,9-30% 8-40% Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT 20

22 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO Prodotti piani In riferimento al mercato dei prodotti piani, nel il consumo apparente è stato caratterizzato da andamenti positivi in tutto l anno: I trimestre (+4,4%), II trimestre (+5,7%), III trimestre (+3,2%) e IV trimestre (+7,4%). Dal lato dell offerta, le consegne hanno segnato una fl essione del 11,2% sull anno precedente, fermandosi a 13,4 M.t. Le esportazioni di prodotti piani, dopo la marcata crescita del, sono state pari a 7,2 M.t., in fl essione del 13,3% sull anno precedente. Il peggioramento è stato trainato da quelle europee (5,4 M.t., -13,9%) e in misura minore da quelle extra-europee (1,8 M.t., -11,6%). A livello europeo il calo ha interessato in particolare la Germania (1,7 M.t., -13,2%) e la Spagna (645,9 mila t., -24,7%), mentre a livello extra-europeo il Messico (172,0 mila t., -32,7%) e gli Stati Uniti (169,3 mila t., -32,8%). Il rapporto esportazioni-consegne è diminuito di circa un punto e mezzo percentuale sull anno precedente, fermandosi al 54,1%, dopo aver segnato il massimo dal 1999 nel. La riduzione del rapporto rifl ette la fl essione di quello valutato sulle esportazioni europee (da 41,7% a 40,4%) mentre quello sulle esportazioni extra-europee è rimasto pressoché stabile (da 13,8% a 13,7%). Le importazioni di prodotti piani, 9,4 M.t., sono aumentate del 21,0% sull anno precedente, trainate da quelle di coils a caldo (4,8 M.t., +34,5%). L incremento ha interessato sia quelle europee (6,1 M.t., +14,4%) sia quelle extra-europee (3,3 M.t., +35,9%). I mercati che hanno registrato i maggiori aumenti sono stati, a livello europeo, la Germania (1,7 M.t., +17,1%) e l Olanda (582,5 mila t., +134,9%) e, a livello extra-europeo, la Turchia (503,0 mila t., +176,5%) e la Russia (721,7 mila t., +42,6%). M.t Consumo apparente prodotti piani Variazione anno precedente 40% 30% 20% 10% Consumo apparente prodotti piani 5,2% 14 14,0 0% - 10% 12-20% 10-30% 8-40% Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT Consumo apparente per categorie di prodotti laminati 000 t. Laminati lunghi Laminati piani Totale laminati var. % var. % var. % 13/12 13/12 13/12 Consegne ,9% ,2% ,0% Import ,4% ,0% ,9% - Import UE (28) ,8% ,4% ,6% - Import Paesi extra UE ,8% ,9% ,5% Export ,4% ,3% ,6% - Export UE (28) ,3% ,9% ,5% - Export Paesi extra UE ,5% ,6% ,8% Consumo Apparente ,8% ,2% ,6% Elaborazioni su dati Federacciai e ISTAT 21

23 RELAZIONE ANNUALE - PARTE I: IL MERCATO 3.3 Indicatori economici della siderurgia primaria Dopo il rallentamento dell anno precedente, il prezzo medio base dei prodotti fi niti è diminuito del 9,2% sul, con fl essioni maggiori per quello dei prodotti lunghi (-10,3%) e leggermente minori per quello dei prodotti piani (-8,5%). Si segnala che la stessa debolezza ha interessato anche il mercato tedesco, con contrazioni allineate a quelle italiane. Indice = Prezzi medi base Variazione anno precedente 50% Prezzi medi base % 30% 20% % 100 0% - 10% 90-20% 80-30% 70-40% - 50% 60-60% Prodotti lunghi Prodotti piani Elaborazioni su dati MEPS Prodotti lunghi Prodotti piani Elaborazioni su dati MEPS Per quanto concerne le materie prime, l indice Nuovo Campsider 3 del prezzo del rottame ha segnato una fl essione del 8,0% sull anno precedente, mentre quello del minerale di ferro 4 è aumentato del 3%, dopo il marcato rallentamento del. Secondo le rilevazioni ISTAT 5, il fatturato della siderurgia primaria, che rappresenta circa il 56% del fatturato dell intero settore, è diminuito del 15,0% sull anno precedente, con una riduzione maggiore sul mercato estero (-17,4%) rispetto a quello domestico (-13,7%). In particolare, a dicembre è stata registrata la prima variazione positiva dopo due anni di continui arretramenti tendenziali. Per quanto concerne gli altri settori si rilevano fl essioni minori: quello dei tubi, condotti, profi lati cavi e relativi accessori ha registrato una contrazione del 3,4%, senza particolari scostamenti tra il mercato italiano e quello estero; mentre quello degli altri prodotti della prima trasformazione ha segnato una fl essione del 5,6%, trainato dal calo del mercato interno (-6,4%) e in misura minore da quello del mercato estero (-2,2%). Complessivamente, il fatturato dell intero settore, stimato in 34 miliardi di Euro, è diminuito di oltre il 10% sull anno precedente, per il secondo anno consecutivo, e di oltre il 30% sul picco pre-crisi. 3 L indice Nuovo Campsider è calcolato con una media pesata delle categorie E3, E8, E40, 40/41, con pesi rispettivamente pari a 50%, 30%, 10%, 10%. 4 Il prezzo del minerale di ferro utilizzato nell analisi è quello indiano importato dalla Cina, rilevato da SSB Steel Price. 5 Le rilevazioni ISTAT sono basate sulla classifi cazione ATECO, le voci riportate sono le seguenti: 24.1 siderurgia, 24.2 fabbricazione di tubi, condotti, profi lati cavi e relativi accessori in acciaio esclusi quelli in acciaio colato e 24.3 fabbricazione di altri prodotti della prima trasformazione dell acciaio. 22

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Un Plus per la vostra presenza su Internet.

Un Plus per la vostra presenza su Internet. Un Plus per la vostra presenza su Internet. Da oltre venti anni gli svizzeri registrano i loro nomi a dominio su www.switch.ch, il sito uffi ciale per la registrazione di nomi.ch e.li. e da quasi altrettanto

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE 64 Quaderni di ricerca sull artigianato 65 - Sennet R. (2008), L uomo artigiano, Feltrinelli, Milano. - Sennet R. (2012), Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione, Feltrinelli, Milano.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli