SGUARDI POSITIVI. Editoriale SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SGUARDI POSITIVI. Editoriale SOMMARIO"

Transcript

1 La settimana di cittanuova.it Direttore responsabile - Michele Zanzucchi Mail - ANNO I - N. 0 - APRILE 2012 ANNO I - N. 1 - MAGGIO La settimana di cittanuova.it - Direttore responsabile Michele Zanzucchi - Mail Editoriale SGUARDI POSITIVI Un tempo varare un settimanale era impresa che richiedeva capitali ingenti, un enorme rischio d impresa, un équipe di decine o centinaia di giornalisti, un idea. Oggi la rivoluzione digitale ci permette di non aver più bisogno di grandi capitali, il rischio d impresa è ridotto, l équipe di giornalisti è quella collaudata della rivista quindicinale e del quotidiano online. Ma l idea serve ancora; anzi, serve ancor di più. Dicono gli esperti che i prodotti mediatici che risulteranno vincitori in futuro saranno quelli che riusciranno ad avere un idea vincente. La nostra è semplice, e non è nuova, perché è alla base di tutti i prodotti del Gruppo editoriale Città Nuova: nella crisi, nel caos e nell insicurezza, il mondo ha bisogno di uno sguardo positivo, che si declina in mille modi diversi. Ha bisogno di uno sguardo che ci fa porre dinanzi all altro, ogni mattina, come se fosse una persona nuova. Che ci fa guardare a ogni avvenimento come se, al di là della cronaca bella o brutta, ci volesse dire qualcosa di positivo, di costruttivo. Dietro richiesta di tanti nostri lettori, che non volevano perdere il meglio di quanto pubblicato sul web, ecco CN7, il vostro settimanale online, che raccoglie i pezzi pubblicati su cittanuova.it. Fateci avere i vostri commenti, cari 100 mila lettori! Michele Zanzucchi SOMMARIO. Sguardi positivi di Michele Zanzucchi... pag. 1 Il risveglio della comunità internazionale? di Chiara Andreola...» 2 Parolisi chattava con i trans. Anzi no di Sara Fornaro...» 3 Editori dell'anima di Michele Zanzucchi....» 6 Pep Guardiola lascia da vincitore di Cesare Cielo...» 8 Il Cyrano di Preziosi chiede amore di Pasquale Lubrano...» 9 Genfest al via di Rachele Marini....» 11 Imu, semplificazione cercasi di Adriano Pischetola...» 12 Il ritorno di Luca Signorelli di Mario Dal Bello...» 13

2 Sudan IL RISVEGLIO DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE? Gli ultimi scontri tra Nord e Sud hanno contribuito a far sì che il conflitto non venisse più ignorato dalle grandi potenze: a colloquio con padre Giulio Albanese di Chiara Andreola Anche l'unione africana si è fatta sentire: nel documento uscito dall'incontro del Consiglio per la pace e la sicurezza, lo scorso 24 aprile, viene dato un ultimatum di tre mesi a Sudan e Sud Sudan per «accordarsi sul petrolio e i relativi pagamenti, lo status dei cittadini di uno dei due Paesi residenti nell'altro, la demarcazione dei confini e lo status di Abiey». In caso contrario, «il Consiglio prenderà le misure appropriate, richiedendo anche il sostegno delle Nazioni Unite». Parole che potrebbero purtroppo sembrare vuote visto che, a oltre un anno dal referendum che ha portato all'indipendenza del Sud Sudan, i nodi principali di cui sopra rimangono irrisolti. La zona di Heglig, teatro degli ultimi scontri, è infatti uno dei tanti territori contesi, davanti a una frontiera che pur formalmente sancita nel trattato del 2005 è ancora liquida. Intanto, la situazione sul campo rimane critica. Contattare gente in loco, come "Città Nuova" aveva fatto in passato, risulta difficile: i telefoni non squillano e dal Kenya ci viene riferito che «nemmeno noi ci riusciamo da qualche tempo: siamo preoccupati». Notizie dirette ci arrivano tramite padre Giulio Albanese, fondatore dell'agenzia Misna e direttore di "Popoli e missione". Padre Albanese, che notizie ha avuto dal Sud Sudan? «La situazione è drammatica, perché sta venendo fuori il nervo scoperto: è stata fatta la pace, ma sono rimaste nel cassetto le questioni su cui bisognava davvero negoziare, ossia i confini e il petrolio. Si contava di affrontarle nel lasso di tempo tra il referendum e l'indipendenza, ma sono state sempre rinviate. Le relazioni tra i due Sudan sono incandescenti: se c'è stato qualche gesto di buona volontà, come la restituzione di alcuni prigionieri, è perché la comunità internazionale sta uscendo dal letargo. Uno sviluppo interessante si è avuto con la visita a Pechino di Salva Kiir, il presidente del Sud Sudan: la Cina, che aveva sempre foraggiato Khartoum, si è detta disposta a finanziare un oleodotto che porti il greggio fino in Kenya, evitando il Nord. Certo, ci vorrà almeno un anno per costruirlo, e si pone il problema di cosa fare nel frattempo: però questo fa capire come la soluzione della questione sudanese dipenda in buona parte dalle grandi potenze, soprattutto Cina e Usa». Dal Kenya ci è stato riferito che, per ora, non ci si attende l'arrivo di profughi: che cosa ci può dire delle condizioni della popolazione? «In realtà due giorni fa le Nazioni Unite hanno dato il via libera, a scopo cautelare, alla riapertura dei campi profughi in Kenya, quindi è possibile che ciò accada. È vero comunque che, per quanto il vero problema sia il petrolio, 2 CN7 - cittanuova.it

3 esiste anche una questione etnico-religiosa: c'è il rischio che i cristiani che vivono al Nord, musulmano, vengano immolati sull'altare di questo conflitto. Anche al Sud, a fare le regole del gioco sono sempre stati i Dinka, l'etnia maggioritaria: lì è morta più gente nelle guerre interetniche che in quelle con il Nord. L'unico vero perdente in questo conflitto è il popolo sudanese». A proposito del Sud, si è spesso osservato come questo nuovo Stato sia privo di un vero potere, e come la Chiesa si trovi a sopperire a molte delle carenze delle istituzioni: è ancora così? «Intanto non dimentichiamo che il Sud è a maggioranza animista: i cattolici sono tra il 3 e il 4 per cento della popolazione, mentre i cristiani l'11-12 per cento. Detto ciò, a dettare legge è sempre stato l'spla (l'esercito popolare di liberazione del Sudan, ndr), nato come movimento di ispirazione marxista e non cristiana, come spesso si è fatto credere durante la guerra fredda: per questo, personalmente, ho sempre raccomandato che la Chiesa usasse verso di esso la massima prudenza, per quanto si sia egregiamente riciclato dopo la caduta del muro. Rimangono comunque ex guerriglieri, e forse li abbiamo sovrastimati: anche ora, pur essendo l'mpla (il partito di maggioranza nato dall'spla, ndr) l'unico vero collante che tiene assieme lo Stato, non c'è un vero processo democratico in atto, né reale partecipazione della società civile. Il rischio che la classe dirigente diventi un'oligarchia è concreto, tanto è vero che i vescovi hanno fatto sentire la loro voce a questo proposito. Ma la Chiesa, che è sempre stata in prima fila nel processo di pace, non è tenuta molto in considerazione» Attualità PAROLISI CHATTAVA CON I TRANS. ANZI NO Diritto alla privacy o diritto di cronaca? Chi è imputato in un processo, anche per un crimine efferato, può preservare la propria dignità? Intervista al giornalista Rai Gianni Bianco di Sara Fornaro La notizia, qualche tempo fa, ha destato molto clamore. Salvatore Parolisi chattava con i trans: dall analisi del suo computer sembrava certo. Un dato importante per chi porta avanti le indagini sull'omicidio di Melania Rea, moglie fedele e mamma amorevole, uccisa ormai più di un anno fa nel bosco delle Casermette di Ripe di Civitella, in provincia di Teramo. Assassino ancora ignoto, unico indagato il marito Salvatore, appunto. Poi, dopo qualche giorno, la marcia indietro. La perizia della difesa del marito di Melania sembra sconfessare quanto era stato diffuso in precedenza. Peccato, però, che la smentita non abbia eguagliato la risonanza avuta dalla notizia. Al di là della colpevolezza o dell innocenza (sempre presunta fino alla sentenza definitiva) di Parolisi, resta una domanda: chi è imputato in un processo ha diritto alla privacy o tutto, indistintamente, può essere dato in pasto all opinione pubblica? Vita privata, gusti sessuali, eventuali amanti: sono indubbiamente informazioni importanti per chi indaga su un presunto uxoricidio, ma è necessario che vengano conosciute da tutti? CN7 - cittanuova.it 3

4 Ogni cosa, nel circo mediatico, deve finire in tivù o sui giornali? La questione è importante, anche perché spesso non c è riguardo neppure per le vittime di abusi o reati. Una ragazzina del Sud ha subìto, qualche mese fa, molestie dal nonno. Un sito Internet di informazione locale ha pubblicato nome e cognome dell uomo, nonché l indirizzo di casa. Difficile non risalire all identità della vittima, in barba a ogni codice deontologico dei giornalisti. Cambia scenario, un grande tg nazionale trasmette un servizio sulle rapine in villa, questa volta al Nord. Della coppia depredata e picchiata si dicono le generalità, i possedimenti, le abitudini intime. E la privacy? Esiste ancora un diritto alla dignità? Ne parliamo con Gianni Bianco, giornalista Rai, ogni giorno alle prese con fatti e misfatti della cronaca italiana. I mass media tendono ad approfondire sempre di più le notizie che maggiormente colpiscono l opinione pubblica, come l omicidio di Melania Rea. Esiste un confine tra le informazioni utili alle indagini e quelle di interesse pubblico? «Il confine tra dovere di cronaca e diritto alla privacy dovrebbe essere sempre chiaro. E non mancano anche le norme deontologiche che spiegano fin dove ci si può spingere nel raccontare le vite altrui. Nella stragrande maggioranza dei casi queste norme vengono scrupolosamente seguite dagli operatori dell informazione. Da qualche tempo però le regole sembrano improvvisamente saltare e le garanzie essere sospese, quando ci si trova di fronte a particolari fatti di cronaca. Cogne, Garlasco, Avetrana, Parolisi, Yara, come anni fa Novi Ligure. «Insomma quei delitti eclatanti che tanto appassionano lettori e spettatori e che in breve diventano argomenti di dibattito prima al bar e poi in ore e ore di chiacchiere in tivù al pari del tempo che fa e della Juventus che vince. Nascono i partiti (colpevolisti o innocentisti), nei salotti televisivi irrompe la commedia dell arte in cui ciascuno deve interpretare la propria parte prescindendo dalle convinzioni personali (c è il comprensivo, l avvocato del diavolo, la donna sensibile, il maschio aggressivo) e alla fine si parla di vittime certe e presunti carnefici, come se le sentenze fossero state già scritte. Soprattutto dimenticando di cosa si stia parlando. Di storie tragiche in cui c è chi ancora piange la scomparsa di una persona cara, e chi prova a difendersi dall accusa d essere un mostro». Da cosa dipende questa leggerezza? «Visto che tutti ne parlano e che gli ascolti tivù ne godono, sembra cadere ogni cautela. Tutti i dettagli, anche il meno essenziale, possono essere dati senza remore in pasto all opinione pubblica, affamata di novità, continuando così a parlare di vittime e carnefici, con la stessa leggerezza con la quale un tempo si faceva per le avventure delle teste coronate e degli aspiranti principi. In questi casi, sia chi l informazione la fa, che chi la riceve, sembra perdere il senso della realtà. Si scivola pericolosamente insieme in una dimensione parallela nella quale si può parlare liberamente di cose tanto drammatiche quasi senza esserne coinvolti emotivamente, con distacco rispetto a chi le ha vissute. «E così mentre tanti giornalisti continuano a fare sempre i conti con la propria coscienza, alcuni, magari meno avveduti, rischiano di dimenticare il rispetto che sempre ci vuole nel trattare vicende tanto delicate, legittimati in questo anche dall attteggiamento generale, il fatto che la cosa non sembra scandalizzare più nessuno». Come preservare la dignità di una persona quando si scrive di cronaca, pur realizzando un servizio completo dal punto di vista professionale? «Il segreto a mio parere è racchiuso dentro una parola che non compare nei codici deontologici, ma che è scritto nella coscienza di chi fa informazione con uno spirito di servizio. Parlo dell empatia, la capacità di entrare in sintonia con chi è oggetto dell informazione, di mettersi nei suoi panni, di comprendere il suo stato d animo. È un esercizio sempre utile per provare a capire più profondamente cosa senta chi ci sta di fronte, assassino o santo che sia. Questo 4 CN7 - cittanuova.it

5 viaggio verso l altro non confligge con il dovere di informare, senza censure, dicendo fino in fondo la verità. Non presuppone uno sconto sulle responsabilità di chi è oggetto di indagine e magari si è macchiato di colpe molto gravi. Ma provare a spostare da sé il baricentro della notizia, sforzarsi di intuire l uomo nascosto dietro l imputato, può aiutare a volte a rispettarlo nella sua umanità, riferendo della sua vita solo ciò che è necessario e buttando via quanto serve solo a distruggerne inutilmente l immagine». Il giornalista è libero di agire come crede o è vincolato dalla linea editoriale e dai propri superiori? «Se il giornalista è un "freelance" (uno che lavora da libero professionista e vende i suoi servizi a scatola chiusa al miglior offerente) può confezionare il proprio pezzo come meglio crede, senza ascoltare indicazioni che gli vengano dall alto. Se il giornalista è un dipendente deve adeguarsi a quanto gli viene chiesto dal suo direttore, che decide quale sia la linea editoriale del giornale e come alcuni fatti debbano essere trattati. «Questo non significa immaginare un Grande fratello o un oscuro burattinaio che manovra come marionette i cronisti. Intanto perché anche il direttore è un giornalista con una coscienza a cui dover rendere conto, e poi perché il cronista incaricato del pezzo, soprattutto se autorevole e stimato, concorda con i suoi superiori la linea del servizio, offrendo la sua sensibilità e proponendo il suo punto di vista. Se poi è inviato sul posto in cui il fatto è avvenuto, può fornire l elemento che al direttore manca: l esperienza sul campo, l aver visto e sentito con i propri occhi quello di cui si parla sulle agenzie di stampa. Posizione privilegiata che può pesare molto sulla confezione definitiva del servizio. Condizionamenti ce ne sono, i gruppi di potere fanno da sempre il loro lavoro. Ma anche quando un pezzo è stato imposto, al giornalista bravo restano sempre dei margini anche minimi, per provare a inserire elementi che bilancino eventuali indicazioni ritenute troppo pressanti e non appieno condivise». Hanno ancora un senso il codice deontologico e le carte dei diritti varate dall'ordine dei giornalisti? Come può difendersi un telespettatore (o un lettore)? «Codici e carte dei diritti hanno sempre un senso. Anche quando c è chi pensa che nessuno li tenga in conto e li applichi. Il fatto che ci siano ricorda sempre a tutti gli operatori dell informazione quello che si deve essere, uomini chiamati a fornire informazioni senza passare sopra le persone. Quando però ciò non accade, lettori e telespettatori possono farsi sentire. Un tempo si invitava a inviare lettere scritte, cosa piuttosto farraginosa che pochi facevano se non a seguito di campagne di sensibilizzazione su larga scala. Oggi è tutto più facile. Ci sono gli indirizzi mail, le testate hanno tutte una pagina Facebook e sono presenti su Twitter, i servizi girano su YouTube un secondo dopo la messa in onda. Basta un secondo e un giudizio negativo arriva direttamente nelle redazioni. Non ci si può più nascondere. «Per di più, rispetto al passato, quando quella critica restava chiusa in busta nello spazio ristretto della stanza del direttore, oggi invece diventa in un attimo di dominio pubblico, condiviso da altri utenti, inoltrato ad altri spettatori e capace in pochi minuti di diventare protesta (o apprezzamento) di popolo. E non è vero che chi è fatto oggetto di critiche (o complimenti) di questo tipo scrolli le spalle. Se è un professionista in gamba prenderà in seria considerazione quanto gli viene suggerito, soprattutto se questo gli verrà espresso in maniera costruttiva». CN7 - cittanuova.it 5

6 Media EDITORI DELL'ANIMA Chiude la veneranda Encyclopaedia Britannica. Anzi, non viene più stampata, ma rimane digitale. È la morte del libro di carta? Città Nuova dice di no di Michele Zanzucchi Una morte annunciata da tempo, da quando i marketing delle case editrici di mezzo mondo avevano visto arrivare sul mercato mostri informi e inconsistenti, libri senza carta, non scherziamo s il vous plaît! Come hanno reagito i bibliofili, gli amanti della stampa, i patiti dell odore di inchiostro, della ruvidezza o della morbidezza dei volumi, dipendenti dai gusti e dai polpastrelli? Hanno scritto libri di carta per protestare, per dire no, basta, giammai la carta andrà in soffitta (anche perché le soffitte non ci sono più). Tanti intellettuali hanno scritto, mai rassegnati alla scomparsa della carta, amata quasi come un feticcio. Di recente ne parlavo con un amica giornalista di lungo corso, venuta a sapere che un anziano professore di filosofia aveva deciso di devolvere la tappezzeria della sua abitazione (cioè circa 400 metri lineari di libri allineati sulle scansie) a un istituto universitario. Il quale ha rifiutato il lascito, perché impossibilitato a ospitare nei suoi locali altre quintalate di volumi. Disperazione! La moglie preferisce infatti viaggiare e sfogliare riviste leggere, i figli si sono dati al marketing e alla ristorazione, i nipoti sono nativi digitali, allergici alla polvere delle biblioteche. Non mi è dato sapere se il professore conta nella sua magione, tappezzata di sapienza, una qualsiasi delle 34 edizioni della Britannica. Ma so che l annuncio della chiusura dell edizione cartacea dell enciclopedia più famosa del mondo ripete su larga scala il dramma del professore di filosofia. Un mondo se ne va. Ma quale altro mondo arriva? Anche la nostra, e vostra, amata e rispettata editrice Città Nuova vive i tempi della Britannica. Proprio l altro giorno è stata in effetti presentata a Milano, agli addetti ai lavori, l edizione digitale dell "Opera Omnia" di Sant Agostino (meritoria impresa editoriale che ha prodotto 57 volumi per 30 mila pagine). "Primi secoli" è infatti una piattaforma digitale di ricerca intelligente, in cui tutta l immensa produzione agostiniana è stata taggata (orrido neologismo, mi si perdoni!), cioè punteggiata di segnalibri digitali, che permettono all utente di eseguire con facilità ricerche sofisticate, vedendo apparire miracolosamente in pochi secondi sullo schermo del computer risultati che senza il digitale avrebbero richiesto mesi di lavoro! Tale piattaforma è un motore che in futuro non conterrà solo Agostino, ma Tertulliano, l "Opera Omnia" di Ambrogio, Gregorio, o ancora l "Opera Omnia ineunte" della nostra amatissima fondatrice Domanda da cento punti: sarà ancora possibile tenere tra le mani il libro di carta, le "Confessioni" di Agostino o l ultimo ficcante "paperback" di Luigino Bruni, o ancora il ponderoso tomo "Dalla Trinità" del magnifico rettore Piero Coda? Oppure, che ne so, il prezioso volume di Igino Giordani "Il pensiero sociale della Chiesa", 800 pagine di carta india che lessi in quattro giorni di ospedale (operazione di poco conto) nei miei fruttuosissimi 24 anni? Niente paura, la stampa digitale permette ora di ristampare, a tiratura ridotta, ogni tipo di volume, e quindi anche il catalogo di Città 6 CN7 - cittanuova.it

7 Nuova, passato e presente, potrà essere riportato in vita, risuscitato. Anzi, c è di più: ben presto ognuno di noi, "aficionados" della vecchia e gloriosa Città Nuova quella del marchio rotondo con tanti triangolini che riproduce una decorazione dell abbazia di Pomposa, per un arguta intuizione di Giuseppe Garagnani (allora grafico dell editrice per i suoi trascorsi d architetto, poi tenace e rigoroso direttore della nostra rivista cartacea), potrà stampare a un prezzo competitivo il proprio libro con il nuovo marchio che Città Nuova offre ai suoi affezionati lettori, per libri che non entrerebbero nelle collane attuali: CNx, leggi CN per. Un marchio, tiburtino come Giordani, che si affiancherà a quello pomposiano, per la nuova avventura editoriale. Tutte queste parole (digitali e cartacee!) le ho scritte per rassicurarvi: il digitale non soppianterà la carta. La vostra amata Città Nuova ha infatti l ambizione di coniugare la carta ai byte, l inchiostro all olografia digitale. «È così che va il mondo», canterebbe Franco Battiato. Ed è così che potremo leggere lo stesso testo su carta o su schermo, ognuno come preferisce. Senza litigare in famiglia! Ma c è di più. Città Nuova, intesa come gruppo editoriale riviste, libri, web, CD e altro ancora, è sempre stata una fucina di idee, una grande impresa editoriale al servizio di una delle massime intuizioni mistiche e concrete del secolo XX, il carisma dell unità di Chiara Lubich. Siamo stati sin dall inizio degli editori di contenuti, più che degli stampatori o degli editori classici. Interessati all eccellenza, come voleva Pasquale Foresi, cofondatore dei Focolari e padre della nostra editoria, ma a un eccellenza che vuol comunicare qualcosa di grande. Che non si accontenta di poco. Siamo cioè stati ante litteram dei "content publisher", come si dice oggi, cioè editori interessati ai contenuti così come alla forma delle singole pubblicazioni. Ante litteram, ma ancor oggi tali. Le grandi prospettive dell editoria oggi parlano proprio di "content publisher" che di volta in volta diventano "magazine publisher", cioè editori di riviste, "book publisher", cioè editori di libri, "digital publisher", cioè editori con supporti digitali Mi si permetta: abbiamo la pretesa di essere addirittura mind publisher, editori d anima. L anima del mondo, l anima di ciascuno. L anima non è di carta, né di lettere digitali. Ma si serve di carta e di lettere digitali. Chiara Lubich ha venduto milioni di libri (di carta e digitali), ma all inizio della sua avventura, quando nella Sala Massaia di Trento doveva preparare dei discorsi sul Vangelo e sul Vangelo vissuto, li scriveva diligentemente su fogli di carta con la sua calligrafia arrotondata e ricca di sorprese; fogli che poi bruciava o strappava, perché «bisognava lasciar parlare solo lo Spirito Santo». Il miglior editore che esista. CN7 - cittanuova.it 7

8 Sport PEP GUARDIOLA LASCIA DA VINCITORE L allenatore del Barcellona ha vinto 13 trofei in quattro anni e non ha ceduto alla provocazione dei colleghi o alle pressioni dell ambiente. Ora torna alla vita semplice delle sue radici mai dimenticate di Cesare Cielo «Ho vissuto nel mondo del calcio per tanti anni, da calciatore e da allenatore, ma nella vita non c è soltanto il pallone: la vita offre tante altre cose». La forza di Josep Pep Guardiola, allenatore simbolo della squadra simbolo del Barça, sta anche in questo: saper rinunciare alla gloria del pallone per chiamare time-out e tornare per un po alla vita normale. Perché lui, il tecnico da record del Barcellona dei record, è una persona normale. Uno di noi, verrebbe da dire, se non fosse per il suo stipendio (10 milioni di euro lordi a stagione), non certo nella norma. Lui, però, è rimasto fedele ai suoi princìpi e alle sue radici. «Non ho bisogno di andare ad allenare all estero per mettermi alla prova ha risposto a chi gli chiedeva se fosse pronto a una nuova avventura lontano dalla Spagna : per una persona che, come me, è nata a sessanta chilometri da qui, non c è prova più grande che quella di allenare il Barcellona». Prova superata a pieni voti. In quattro anni, infatti, il Barça di Guardiola ha vinto tutto quello che c era da vincere, in Spagna (tre campionati di Primera División, una Coppa del Re e tre edizioni della Supercoppa) e all estero (due Champions League, due edizioni della Coppa del mondo per club e altrettante della Supercoppa europea): tredici trofei in totale, che potranno diventare quattordici se, il prossimo 25 maggio, Messi e compagni batteranno l Athletic Bilbao nella finale di Coppa del Re. Un bottino impensabile, se si considera che in precedenza Guardiola aveva allenato solamente il Barcellona B, la seconda squadra del club catalano. «Certo sottolineano i suoi detrattori (categoria che purtroppo non manca mai), facile vincere quando in squadra hai gente come Messi, Iniesta, Xavi, Fabregas, Dani Alves e chi più ne ha più ne metta». Verissimo, ma oltre alle qualità tecniche dei singoli, questo Barça ha incantato anche per organizzazione di gioco, impronta fornitagli in primo luogo dal suo tecnico. Un avventura, quella di Guardiola sulla panchina dei blugrana, che si concluderà proprio il 25 maggio. Lo ha comunicato ufficialmente lo stesso tecnico catalano nel corso di una conferenza stampa, alla quale hanno partecipato anche i massimi vertici del Barcellona e diversi suoi giocatori (ma non Messi, dettosi «troppo emozionato» per essere presente), convocata tre giorni dopo la cocente (e clamorosa) eliminazione dalla Champions League ad opera del Chelsea. La decisione, però, era maturata già da tempo. «Quattro anni qui sono un eternità», ha rimarcato Pep, evidentemente stanco di sottoporsi alle continue pressioni che quel ruolo richiede. Pressioni che, va detto, ha saputo gestire con grande stile. Educato, gentile, colto (parla correttamente quattro lingue: spagnolo, catalano, inglese e italiano), Guardiola non ha mai ceduto alle provocazioni 8 CN7 - cittanuova.it

9 del collega José Mourinho (giunto due anni fa sulla panchina del Real Madrid), rispondendogli il più delle volte sul campo. Quel campo sul quale si era esibito da protagonista, leader della linea mediana del Barça campione d'europa '92 (Guardiola è uno dei sei professionisti del pallone ad aver vinto la massima competizione continentale sia da giocatore che da allenatore) e anche di quella del Brescia, con Roberto Baggio davanti e Carletto Mazzone in panchina. L esperienza con la maglia delle Rondinelle fu una delle ultime come giocatore e, forse, una delle prime come tecnico: a quei tempi, infatti, Pep era già un allenatore in campo. Così, quando nel 2009 il Barça conquistò (e vinse) la finale di Champions League in programma a Roma, Guardiola si ricordò del vecchio maestro Mazzone, invitandolo all Olimpico ad assistere alla partita. Proprio vero: Pep non dimentica mai le sue radici L'intervista IL CYRANO DI PREZIOSI CHIEDE AMORE Intervista all'attore italiano che si sperimenta anche regista e, con il celebre personaggio di Rostand, mette in scena la voglia di sacro e di libertà degli uomini d'oggi di Pasquale Lubrano Alessandro Preziosi, uno degli attori più amati dal pubblico italiano, ha da pochi mesi assunto la direzione artistica del Teatro Stabile d Abruzzo e ha terminato la sua lunga tournée italiana proprio nel capoluogo abruzzese il 26 e 27 aprile 2012, più che mai convinto che l Abruzzo abbia bisogno di arte e di arte teatrale, ancor più oggi in cui anche gli edifici sono crollati. «È necessario dice organizzare iniziative artistiche nella città, anche a cielo aperto, e poter incontrare i cittadini, i giovani, e offrire loro il soffio vitale della vera creazione artistica di cui il teatro è ricco». Porterà agli abruzzesi l ultima sua produzione, il "Cyrano de Bergerac" di Edmond Rostand, che lo ha visto impegnato in questi mesi in tutti i teatri italiani da protagonista e regista. Perché questa scelta classica, oggi? «Perché non sono stati più scritti testi che hanno la stessa forza prorompente e drammaturgica, la stessa freschezza che ha il "Cyrano". E questo penso valga un po per tutti i classici. Trovo che la caratteristica del meccanismo drammaturgico del "Cyrano" sia la grande umanità del personaggio e della storia che viene raccontata. Forse negli anni è stata troppo concettualizzata, a volte resa troppo semplicemente. Ho cercato come regista di far emergere soprattutto la grande forza umana dei personaggi e del protagonista». Ogni uomo cerca il suo Dio. Qual è il Dio di Cyrano? «Credo che Cyrano abbia un suo Dio, un Dio legato al contrappunto di chi tra gli uomini non è riuscito a trovare qualcuno di cui venerare le caratteristiche. Cyrano esplicita la sua venerazione per il Don Chisciotte, e a livello interiore contrappone situazioni e personaggi nel tentativo di armonizzarli. Il Dio di Cyrano è il Dio della dignità, della fierezza». CN7 - cittanuova.it 9

10 Ma Cyrano è anche colui che dona il suo amore gratuitamente. Gratuitamente, una parola che sembra essere scomparsa in giorni come i nostri in cui prevale spesso l affare, la corsa ad avere più che a dare. «È vero, l amore che Cyrano dà gratuitamente non prevede neanche la possibilità di essere contraccambiato. Un amore che colora ogni sua situazione esistenziale: la messa in atto di un sotterfugio, il meccanismo della sostituzione affidando ad altri la parola Cyrano è una figura molto complessa, un amore assoluto, tanto che qualcuno ha anche supposto che non sia vero. Un amore che fino all ultimo viene taciuto all amata, e Cyrano, attraverso la poesia, prende le distanze dalla realtà, la distanza da quella possibilità di vivere un amore secondo modalità normali Forse il Dio di Cyrano è questo amore assoluto e impossibile». Una sorta di provocazione quindi questo tuo Cyrano. Una provocazione in un tempo in cui sembra prevalere il dio usa e consuma? «Nonostante tutto, oggi più che mai c è un grande bisogno d amore, amore dato e ricevuto. Purtroppo i tempi in cui questo amore viene vissuto, consumato e liquidato sono molto rapidi. L amore come sentimento e passione credo non manchi oggi come ieri. Manca la progettualità dell amore, di un amore assoluto, manca l amore fatto di sentimenti eterni e non solo di parole. Pensiamo che Cyrano per 14 anni continua a visitare la donna amata senza dirle che l ama. Questo tipo di amore certamente manca oggi nella nostra società. Il romanzo di Rostand è epico-sentimentale, e in esso i sentimenti raggiungono un livello altissimo di epicità. Nel contesto di oggi l uomo possiede gli strumenti, la libertà, la dignità per vivere un amore così?». Sono stato colpito dalla visionarietà della tua regia, dalle scenografie geometriche e multispaziali, dalla composizione sfolgorante della dimensione fantastica con la realtà dalle mille sfaccettature, dalla forza espressiva del personaggio che dona alla platea il suo dolore, ma anche la sua ardimentosa libertà. Ci sono state difficoltà in questa direzione della messa in scena del "Cyrano"? «La parola direzione non è la più adatta a definire la regia di questo spettacolo, in quanto c è stata una direzione artistica a stampo collaborativo e corale, con Tommaso Mattei che ha tradotto e adattato il testo, con i movimenti scenici di Nikolaj Karpov, con il costumista, con i giovani attori. La difficoltà è nata nell allestimento di un progetto che nasceva da zero, in quanto non ci siamo rifatti alle precedenti rappresentazioni: come scegliere e creare i costumi, le scenografie, gli attori giusti. Come pure non è stato facile portare in scena un Cyrano senza naso, un Cyrano in prosa e in versi, un Cyrano che al posto della spada usa la parola. La direzione drammaturgica è stata invece quella più facile nel senso che la facilità veniva dalla passione. Se hai passione per il teatro questa ti permette di alimentare ogni scelta, ogni momento e non smetti neanche a spettacolo finito. È stata la grande passione per il teatro che ci ha permesso di raggiungere e conquistare il pubblico di tante città italiane e che si attualizza oggi all Aquila, per aprire subito dopo una nuova stagione». 10 CN7 - cittanuova.it

11 Giovani GENFEST AL VIA Con il primo maggio si apre ufficialmente l anno che vedrà i giovani dei Focolari impegnati nel costruire ponti di fraternità. In settembre a Budapest il meeting mondiale di Rachele Marini Se il primo maggio è ricordato per la festa dei lavoratori e in Italia per il concertone di Roma, i giovani del Movimento dei focolari, nella cittadella di Loppiano, hanno aperto un altro cantiere: qui si costruiscono relazioni, si elaborano progetti, si sogna in grande, non solo per il Paese ma per l umanità. Da oltre trent anni a questa data si associa un meeting internazionale che quest anno dà lo start al Genfest, un laboratorio insolito, che ha il sapore della sfida, e che a Budapest, a fine agosto, vedrà il suo apice. Eppure questi giovani vogliono lavorare sul serio per i prossimi 365 giorni nel costruire ponti di fraternità, relazioni autentiche e vere con il compagno di studio e con il vicino, con la famiglia e con chi ha altri riferimenti culturali o religiosi. Anche chi ha ferito la loro vita e la loro gente non è escluso da questa sinergia positiva. "Volume zero" è il titolo dell edizione 2012 di questo 1 maggio, ma i suoni sono tutt altro che bassi o sommessi, anzi, è uno scatenatissimo techno pop e un deejay ad accogliere i tremila presenti. L aria di festa è garantita, ma non c è meno ascolto o attenzione quando sul palco dell Auditorium si susseguono motti e programmi di vita di scrittori, scienziati, politici e mistici del passato e del presente: la fraternità ha interrogato tanti uomini a tutte le latitudini e li ha ingaggiati in questo cantiere simbolo che coinvolge anche migliaia di altri giovani che, alle 12.00, in collegamento telefonico si raccontano quali mattoni hanno cominciato ad impilare. Ci sono quelli impastati di terra ungherese. Qui da mesi ci si prepara al Genfest, con appuntamenti nazionali e meeting locali, perché tanti coetanei scoprano il valore di un impegno a favore dei tanti che pacificamente invaderanno la capitale a fine agosto. Poi c è la terra dolente della Siria a fornire nuova materia: i giovani collegati non ci nascondono la crudezza della guerra, ma non scartano le sfide della riconciliazione e dell amore proposte dal Vangelo. La città, la famiglia, la politica, le scelte della vita sono i temi su cui si confrontano attraverso le testimonianze, i workshop e le originali interviste. Si intrecciano i progetti di cambiamento personale con i progetti di futuro: famiglia e consacrazione, ma anche progetti sociali che li vedono protagonisti a scuola e nel Paese, come le scuole di partecipazione. La danza e la musica sono il linguaggio giovane per eccellenza che sa unire spettacolo a impegno, come è successo a centinaia di ragazzi che hanno aderito a un progetto contro il bullismo, Forti senza violenza, ideato dal complesso Gen Rosso e che da quattro anni gira le scuole di mezza Europa. Degli effetti a Genova, ad esempio, ne hanno parlato due testimoni diretti, che non solo hanno cambiato il loro atteggiamento verso la vita, ma hanno costituito un gruppo che attraverso il musical vuole portare testimonianza di valori positivi in tournée. «Un anima che ama è un piccolo sole nel mondo», ha ricordato Chiara Lubich attraverso una lettera che è stata letta ai presenti. E questo sole sfida le nuvole del cielo toscano e sfida anche quelle metaforiche che la crisi ha CN7 - cittanuova.it 11

12 addensato cupamente nella vita di tanti degli intervenuti: loro però scommettono ancora sulla fraternità e propongono persino un Osservatorio all Onu che la misuri. L anima del mondo in fondo ha bisogno anche di questo ossigeno di speranza under Tasse IMU, SEMPLIFICAZIONE CERCASI L applicazione della nuova imposta sugli immobili non appare agevole e alla portata di ogni cittadino: serve un raccordo tra fisco e contribuenti di Adriano Pischetola Ora è la legge dello Stato n.44/2012. L Imu (Imposta municipale propria), già introdotta da un decreto legge qualche mese fa, è ora disciplinata a regime (cioè senza prevedibili o immediate modifiche sostanziali) rispetto alla legge di conversione in vigore dallo scorso 29 aprile. Ma il punto è: siamo di fronte a un tributo di agevole applicazione pratica? La risposta è ovvia, e ognuno se n è accorto grazie ai titoli dei quotidiani e ai ripetuti (forse fin troppo) annunci dei mass media: è tutt altro che facile, e certamente si tratta di un balzello nient affatto ben accetto alla maggioranza dei cittadini, avvezzi, come erano, a non corrispondere alcuna imposta sulla casa, se adibita ad abitazione principale. Vademecum del contribuente Cerchiamo di districare la matassa e, sia pure a grandi linee, di stilare una sorta di vademecum del contribuente. Innanzitutto va chiarito che almeno per questa prima fase di applicazione del nuovo tributo le aliquote base sono solo essenzialmente due: quella dello 0,4 per cento (per la "prima casa", anzi sarebbe più corretto dire per l abitazione principale ) e quella dello 0,76 per cento (per gli altri immobili). Ma il primo problema è determinare l ammontare del valore tassabile (la "base imponibile" in gergo). Per farlo, occorre sapere qual è la rendita catastale dell immobile in questione (che si desume dall atto di acquisto, se aggiornato con i dati attuali, o consultando gli uffici dell Agenzia del territorio, anche in via telematica mediante accesso al sito www. agenziaterritorio.it), rivalutarla del 5 per cento e infine utilizzare i moltiplicatori fissi stabiliti dalla legge (per le abitazioni e le pertinenze cantine, fondini soffitte, garage, ecc il moltiplicatore è 160; per gli altri immobili i moltiplicatori sono più bassi). Quanto si paga A questo punto, se si tratta di abitazione principale (e per tale s intende quell unica unità immobiliare in cui il contribuente possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente) dall imposta così calcolata si potrà detrarre un importo di 200 euro e un ulteriore importo di 50 euro per ogni figlio convivente (dimorante e residente) di età non superiore a 26 anni, con un tetto massimo di riduzione pari a 400 euro. Da sottolineare che, in tal caso, non potranno invece fruire dell aliquota ridotta (pari allo 0,4 per cento), e delle detrazioni ora dette, altra o altre abitazioni che dovessero, per ipotesi, appartenere ad altri componenti del medesimo nucleo familiare 12 CN7 - cittanuova.it

13 e ove gli stessi dimorino abitualmente o risiedano anagraficamente, se poste nello stesso comune, anche se concesse a prestito a favore del coniuge o di parenti. C è da dire che un ampia discrezionalità è lasciata alle amministrazioni dei comuni ove sono situati gli immobili: essi infatti in talune ipotesi potranno aumentare o diminuire le aliquote di qualche punto percentuale e prevedere che l imposta venga applicata con più o meno rigore (per immobili locati o posseduti da un anziano o un disabile costretto a trasferirsi in un istituto di ricovero o sanitario per ricevere assistenza, così come quelli posseduti in Italia da un cittadino emigrato all estero, purché non locata a terzi). Le rate Circa il pagamento dell imposta per il 2012 è ora finalmente chiaro che per l abitazione principale si potrà versare l imposta in due rate (entro il 18 giugno la prima, e entro il 17 dicembre la seconda) o in tre (oltre quelle citate, la terza scadrebbe il 17 settembre) a discrezione del contribuente. Se si sceglie la prima opzione si verserà il 50 per cento dell imposta con la prima rata, e il saldo e il relativo conguaglio con la seconda. Se si sceglie l opzione in tre rate, il primo versamento corrisponde a un terzo dell imposta, il secondo conterrà l altro terzo e il conguaglio sarà la terza rata. Tale facoltà di scelta non è invece concessa a chi assolve l imposta su immobili diversi dall abitazione principale: dovrà necessariamente optare per il pagamento in sole due rate (entro il 18 giugno e il 17 dicembre, rispettivamente). Il pagamento dovrà avvenire tramite delega bancaria e, a partire da dicembre, anche tramite apposito bollettino postale. Questi i principi-base dell imposta in questione e delle modalità per assolverla: necessitano peraltro ulteriori chiarimenti da parte dell Agenzia delle entrate su problemi di non facile e immediata soluzione (una per tutte quella relativa alla seconda o ulteriori pertinenze che risultino censite al catasto insieme con l abitazione principale e che pare non possano fruire del regime agevolato). Bisognerà sforzarsi, poi, di creare un raccordo più diretto tra l Amministrazione finanziaria e i cittadini per consentire soprattutto a quelli meno abbienti e con meno confidenza con questioni tributarie di calcolare l imposta senza eccessivi affanni e senza dover ricorrere a consulenze esterne: uno sportello telematico per il cittadino sul sito dell Agenzia delle entrate potrebbe essere una prima risposta Grandi mostre IL RITORNO DI LUCA SIGNORELLI Dopo quasi sessant'anni torna il pittore "pelegrino" conterraneo del Perugino e maestro di Michelangelo di Mario Dal Bello È dal 1953 che il pittore pelegrino, come lo si definiva (cioè ricercato, originale, geniale), non si metteva in mostra. O meglio, non lo mettevamo in mostra, attorniato dai conterranei Perugino, Pintoricchio, Piero della Francesca, Pollaiolo e Ghirlandaio, per dire di un numero di colleghi che si contendevano e si contendono la palma della vittoria in un immaginario concorso per il miglior artista. Hanno anche lavorato insieme, nella Cappella CN7 - cittanuova.it 13

14 Sistina, Signorelli con Ghirlandaio e Perugino, fianco a fianco. Lo stile di Luca, asciutto, plastico, dinamico, lo si intravede subito accanto alle partiture armoniche di Ghirlandaio e alle dolcezze elastiche di Perugino. Luca ama il corpo umano, è indubbio: gliel hanno insegnato i Pollaiolo e lui lo insegnerà anche a Michelangelo (anche se quest ultimo dirà di non aver mai avuto alcun maestro, ma è uno dei suoi spropositi). Luca dunque, cortonese che viaggia tra Umbria, Firenze e Roma, esordisce con ricordi pierfrancescani ("Madonna col bambino", di Oxford, 1475 circa), ma trova presto la sua strada. Che è quella della monumentalità, ampia e forte. Per Signorelli, l arte va pensata in grande. La Pala nel duomo di Perugia vede una Madonna-matrona classica accanto a un gruppo di santi, ognuno chiuso nella sua fortezza plastica e nel colore bronzeo: sculture dipinte. Nulla di grazioso, anzi, tutto è ferrigno, con una luce chiarissima, pierfrancescana: razionale, come gli spazi. L angelo che accorda il liuto è un ragazzo asprigno, nervoso. Il mirabile vaso di fiori di campo, stilizzati come un Cézanne, è una figura geometrica battuta dalla luce del sole. Si sente il silenzio ma ha qualcosa di drammatico. Nelle diverse Madonne o Sacre Famiglie questo dramma cerca di placarsi, ma lo si avverte. La celebre Madonna Medici degli Uffizi ( ) è una scultura metallica dipinta: la madre gioca col figlio sul prato, circondata da giovani atleti bronzei in una commistione tra classicità e cristianità tipica dell epoca e di Luca in particolare. Un arte virile, libera. Quando a fine secolo Luca riprende gli affreschi incompiuti dell Angelico ad Orvieto nella cappella di san Brizio, la sua poetica è giunta alla piena maturità. Le scene tremende dell Apocalisse, della fine del mondo sono un fuoco di corpi che lottano tra vita e morte, di battaglie fra cielo e terra, di toni sulfurei e di colori acidi. Un finimondo plastico su cui torreggia la vittoria del Cielo. È il Signorelli visionario, un Tintoretto umbrotoscano che fa del corpo uno strumento della passione umana. Michelangelo da lui imparerà moltissimo e lo citerà spesso. Perchè per lui, come per Luca, i corpi sono voci dell anima. A differenza di oggi, dove sovente sono solo esibizioni di carne. Qualche volta anche Signorelli comunque si riposa, a modo suo. Negli angeli della Sagrestia di Loreto o nelle "Storie di san Benedetto" all abbazia di Monteoliveto maggiore, dove appaiono squarci naturali ampi e, ovviamente, robusti. Invecchiando, Luca si ritira dai grandi centri e lascia fare molto alla bottega, come anche fa il Perugino. Si sente fuori moda nell epoca di Raffaello e Michelangelo? Possibile. Ma il graffio della sua arte leonina ritorna in certi luoghi fuori dal giro come gli affreschi a Camprena, dove lascia una Crocifissione che è un saggio di regia cinematografica acutissimo. L ho scoperta anni fa per caso. Un capolavoro ignoto ai più. Val la pena percorrere l Umbria tra Perugia, Orvieto e Città di Castello ma anche Monteoliveto e Camprena, oltre che Firenze e Roma per incontrare Luca, un grande del rinascimento. Un arte bella ed energica, finalmente sicura di sé e asciutta. Quello che oggi ci vorrebbe. Luca Signorelli. Fino al 26/8 (cat. Silvana editoriale) Direttore responsabile: Michele Zanzucchi - Redazione: Maddalena Maltese, Sara Fornaro, Roberta Ruggeri Progetto Grafico: Umberto Paciarelli Gruppo editoriale Città Nuova. Autorizzazione tribunale di Roma n. 339/2009 del 06/10/ CN7 - cittanuova.it

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012 mod-tribici-015-06.doc5 rev. 6 del 31/05/12 CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it Mini-guida IMU 2012 NOVITA RILEVANTI:

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

"IL MIO GESÙ": UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE AL TEATRO MANZONI

IL MIO GESÙ: UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE AL TEATRO MANZONI "IL MIO GESÙ": UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE AL TEATRO MANZONI Domenica 13 Marzo alle ore 21.00, presso il Teatro Manzoni di Pistoia va in scena Il Mio Gesù : un opera musicale di Beppe Dati sulla figura

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini NOTA BIOGRAFICA Come in ogni buona pubblicazione di un libro di poesie si dovrebbe cominciare con una sintesi biografica dell autore, per raccontarne cronologicamente la storia e le opere; ma un po per

Dettagli

MODELO DE CORRECCIÓN

MODELO DE CORRECCIÓN ESCUELAS OFICIALES DE IDIOMAS DEL PRINCIPADO DE ASTURIAS PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 COMPRENSIÓN ORAL MODELO DE CORRECCIÓN HOJA DE RESPUESTAS EJERCICIO

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO #IOLEGGOPERCHÉ 2016 IL PROGETTO, LA DINAMICA, GLI ATTORI UNA NUOVA MISSIONE PER I MESSAGGERI DELLA LETTURA: SVILUPPARE E RILANCIARE LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito TEATRO E NARRAZIONE AREABAMBINI GIALLA Via degli Armeni, 5 Tel 0573-32640 LINEE GUIDA E OBIETTIVI EDUCATIVI Tutti gli itinerari condividono il presupposto che per il bambino ogni esperienza è frutto di

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @@ cüéä Çv t w w ctwéät @@ I.M.U. Imposta municipale propria anno 2013 NOVITA 2013 Con il Decreto legge 30 novembre 2013, n. 133, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 281

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Xxxx testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Un amorevole restauro conservativo ha trasformato la villa che fu dello scrittore e critico letterario Cesare Garboli in un accogliente guest house di

Dettagli