Corso di Estimo. Diagramma di Gantt. Prof. Stefano Stanghellini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Estimo. Diagramma di Gantt. Prof. Stefano Stanghellini"

Transcript

1 Corso di Estimo Diagramma di Gantt Docente: Collaboratore: Prof. Stefano Stanghellini Arch. Alessandro Mascarello

2 Perché si si calcola la durata del cantiere? La durata del cantiere si calcola per stabilire: Il tempo in giorni naturali e consecutivi da indicare nel contratto di appalto; Quando procedere all emissione dei pagamenti all appaltatore SAL; Definire quando alcune parti delle opere sono ultimate (nell eventualità della messa in esercizio per parti). Programmare le fasi successive all ultimazione dei lavori per la messa in esercizio della struttura (es. ordinativi di mobili, attrezzature, ecc.) Per individuare se il cantiere supera i 200 UUG e rientra nei casi di applicazione del D.Lgs. 494/96 e succ. mod. e integr.

3 A chi serve? Al committente: Per conoscere le scadenze e le risorse economiche necessarie per remunerare l appaltatore All appaltatore Per sapere quando effettuare gli ordinativi dei materiali; Per organizzare la manodopera; Per sapere quando effettuare i pagamenti dei fornitori Nel caso di ritardi, per individuare scelte operative in grado di restringere i tempi (es. aumentare la manodopera della squadra) Al DL Per verificare l andamento dei lavori e predisporre gli atti relativi (verbali e ordini di servizio) Al Coordinatore in fase di progettazione ed esecuzione Per individuare la sovrapposizione in cantiere di lavorazioni pericolose e rischiose per la salute dei lavoratori

4 Calcolo della durata di una lavorazione Dati: Costo della lavorazione: P Incidenza percentuale della manodopera sulla lavorazione: MO% Costo medio orario della manodopera: Ku man Ore lavorative giornaliere Ore gg Numero di componenti della squadra tipo: ST Procedimento: 1. Calcolo del prezzo totale della manodopera (Kt man) per la singola lavorazione: Kt man = P x MO% 2. Calcolo della durata in ore di manodopera (H man) per la singola lavorazione: H man = Kt man / Ku man 3. Calcolo degli uomini giorno (UUG) per la singola lavorazione: UUG = H man / Ore gg 4. Calcolo dei giorni naturali e consecutivi (GG) per la singola lavorazione: GG = UUG / ST

5 Esempio calcolo giorni lavorazione Dati: Dal CME di progetto si deduca che la lavorazione strutture di fondazione P ha un importo di ,66 Incidenza manodopera Mo% = 45% Costo medio orario manodopera Ku man = 25 /ora Ore lavorative giornaliere operaio = 8 Numero di componenti squadra tipo ST = 2,5 (due a tempo pieno e una mezza giornata) Calcolo: 1. Calcolo del prezzo totale della manodopera (Kt man) per la singola lavorazione: Kt man = ,66 x 0,45 = 6.065,85 2. Calcolo della durata in ore di manodopera (H man) per la singola lavorazione: H man = 6.065,85/ 25,00 = 2.42,63 ore 3. Calcolo degli uomini giorno (UUG) per la singola lavorazione: UUG = 2.40,26 / 8 = 30,33 uug 4. Calcolo dei giorni naturali e consecutivi (GG) per la singola lavorazione: GG = 30,33 / 2,5 = 12,13 ovvero 13 gg

6 L incidenza della manodopera sulle varie lavorazioni lavo r a zio n e In cid e n za p e r ce n t u a le Ed ilizia Op e r e e d ili 40% In fissi 18 Im p ian t i t e cn o lo g ici 27% St r u t t u r e in accia io 46% Co p e r t u re p a r t ico la r i 30% Asce n so ri 16% Op e re u rb a n iz z a z io n e Sca vi e m o vim e n t i t e r r a 18% Ma r cia p ie d i e p avim e n t a zio n i 45% e st e r n e Co n d o t t e id r au lich e e st e rn e 30% Fo g n a t u r a e st e r n a 38% Illu m in azio n e p u b b lica 25% Op e r e a ve r d e 30% Re cin zio n i 45%

7 Il costo della manodopera: un esempio di variazioni territoriali Costi della manodopera Operaio IV Liv Operaio specializzato Operaio qualificato Manov.Spec. Operaio com 1) Provincia 25,65 24,58 23,19 21,29 (terraferma) 2) Centro storico 26,02 24,95 23,55 21,65 Venezia,Isole della Laguna 3) Centro storico di 25,65 24,58 23,19 21,29 Chioggia 4) Veneto 23,66 22,67 21,33 19,62

8 Il Diagramma di Gantt E stato inventato da Henry Laurence Gantt negli anni 20 E uno strumento che permette di trasformare gli importi delle lavorazioni in barre con lunghezza proporzionale al tempo impiegato. Asse ascisse: Tempo (giorni, settimane, mesi, fasi, ecc.) Asse ordinate: lavorazioni

9 I legami temporali tra le lavorazioni I legami tra le lavorazioni possono essere: 1. FINE-INIZIO INIZIO: la lavorazione B non può cominciare prima che la lavorazione A sia finita (es. il getto del vespaio dopo l ultimazione degli scavi) 2. INIZIO-INIZIO INIZIO: la lavorazione B non può cominciare prima che anche la lavorazione A sia iniziata (es. la realizzazione dei c.a. e delle murature portanti) 3. INIZIO-FINE FINE: la lavorazione B non può iniziare prima che la lavorazione A sia finita (la posa della copertura e della guaina impermeabilizzante) 4. FINE-FINE FINE: la lavorazione B non può finire prima che la lavorazione A sia finita (es. la posa della caldaia e delle tubazioni degli impianti) 5. FINE con RITARDO: la lavorazione B non può cominciare che n giorni dopo dalla fine della lavorazione A (es. la tinteggiatura e la realizzazione degli intonaci)

10 Esempio per l edilizia N. NOME DELLA FASE ALLESTIMENTO CANTIERE 2 SCAVI DI SBANCAMENTO 3 OPERE IN CEMENTO ARMATO 4 MURATURE 5 IMPIANTI 6 INTONACI 7 PAVIMENTI RIVESTIMENTI E FINITURE 8 MONTAGGIO ATTREZZATURE 9 OPERE COMPLEMENTARI 10 OPERE ESTERNE

11 Calcolo durata lavorazioni in uomini/giorno Dimensionamento del Diagramma di Gantt in un progetto edilizio Esempio categoria scavi: Importo lavorazione P: ,77; Incidenza manodopera MO%: 45% Prezzo medio orario manodopera Ku man: 25,00 Numero di componenti squadra tipo ST: 6 Kt man: ,77x0,45 = ,40 Costo manodopera lavorazione di scavo H man: ,40/25,00 = 487,26 Numero di ore manodopera UUG: 487,26/8 = 60,91Numero UUGG GG: 60,91/6 = 10,15= 10 Numero giorni lavorazione

12 Calcolo durata lavorazioni in uomini/giorno INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE IMPORTI LAVORAZIONI KL Numero ore giorni Demolizioni , ,40 8 Scavi e reinterri 8.544, ,07 3 Calcestruzzi e complementi , ,75 99 Armature strutture in acciaio , ,71 22 Murature , ,29 21 Solai e coperture , ,42 30 Sottomanti, manti e complementi di , ,45 8 copertura Lattonerie e complementi 5.135, ,86 2 Vespai, massetti, strati , ,25 25 impermeabilizzanti, termo e fonoisolanti Intonaci e complementi , ,63 28 Manufatti fognari e fumari 7.417, ,07 2 Pavimenti, rivestimenti, opere in , ,19 31 pietra e marmo Inferriate, ringhiere, griglie e opere , ,22 13 in ferro Serramenti in alluminio e in acciaio , ,54 33 e complementi Serramenti e opere in legno , ,84 9 Opere varie interne , ,56 5 Opere varie esterne (pavimenti, , ,60 8 sottofondi, verde, segnaletica) Tinteggiature, verniciature, , ,41 10 rivestimenti plastici Impianti elettrici , ,13 73 Impianti termofrigoriferi, trattamento , , e distribuzione aria, idrico, scarico, sanitari, antincendio, regolazione e telesorveglianza) DURATA COMPLESSIVA DEI LAVORI ,60 547

13 Diagramma di Gantt Asse ascisse uomini/giorno Asse ordinate lavorazioni INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE Uomini/ giorno 01/04/ /04/ /04/ /04/ /04/ /04/ /04/ /04/ /04/ /04/ /04/2004 Demolizioni 8 Scavi e reinterri 3 Calcestruzzi e complementi 99 Armature strutture in acciaio 22 Murature 21 Solai e coperture 30 Sottomanti, manti e complementi di copertura 8 Lattonerie e complementi 2 Vespai, massetti, strati impermeabilizzanti, termo e fonoisolanti 25

14 Tabella calcolo giorni lavorazioni

15 Diagramma di Gantt

16 Altro esempio. esempio.

17 Calcolo della durata contrattuale La durata del cantiere da inserire nelle clausole di contratto in Giorni naturali e consecutivi NGC deve tener conto dei giorni festivi e dell andamento stagionale sfavorevole (art. 42 Dpr 554/99) ovvero: NGC = GG x 365/249 x 1,10 Dove 1,10 è un coefficiente che considera l andamento delle attività in funzione delle condizioni metereologiche avverse.

18 Esempio di Diagramma per lotti funzionali

19 Esempio di uso nella programmazione

20 Il Cronoprogramma Il Cronoprogramma è il programma dei lavori che rappresenta la distribuzione temporale dei costi Esso rappresenta l andamento nel tempo degli importi dei lavori da eseguire. Il risultato finale è un diagramma che riporta sull asse verticale gli importi progressivi a partire da zero (in corrispondenza della data di inizio dei lavori) fino all importo complessivo di tutti i lavori (in corrispondenza della data di ultimazione), e sull asse orizzontale i tempi di esecuzione

21 Esempio di cronoprogramma Diagramma di Gantt Cronoprogramma

22 Esempio: cronoprogramma

2. Stima sintetico-comparativa del costo di costruzione con individuazione delle incidenze percentuali e

2. Stima sintetico-comparativa del costo di costruzione con individuazione delle incidenze percentuali e Università IUAV di Venezia - Corso di Valutazione estimativa del progetto Prof. Stefano Stanghellini Esercitazione Stima del costo di costruzione di un opera (secondo le modalità del Decreto legislativo

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Milano Provincia di MI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Centro

Dettagli

Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori. Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia

Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori. Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia Approfondimento # 4 Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia A cura dott.ssa Annalisa Michielan

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Mentana Provincia di Roma DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Realizzazione

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO A Comune di Torino Provincia di TO DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 0 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 6) OGGETTO: (PISU 1) Lavori

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Processo edilizio e computo metrico estimativo

Processo edilizio e computo metrico estimativo Processo edilizio e computo metrico estimativo Seminario 11.V.06 A cura di arch. Federica Mottinelli Il Computo metrico estimativo Il Cme è il procedimento analitico per la stima del costo di costruzione

Dettagli

C R O N O P R O G R A M M A D E I L A V O R I

C R O N O P R O G R A M M A D E I L A V O R I C R O N O P R O G R A M M A D E I L A V O R I Art. 1.1 - Programma di esecuzione dei lavori 1. Il cronoprogramma dei lavori redatto in sede di progettazione esecutiva ai sensi dell articolo 40 del D.P.R.

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI

IL DIRETTORE DEI LAVORI IL DIRETTORE DEI LAVORI Prima di tutto: il DL opera se esiste un appalto e quindi un cantiere. Il cantiere costituisce di fatto il suo territorio. Oggi la normativa sulla direzione dei lavori e l andamento

Dettagli

La stima del valore di costo

La stima del valore di costo La stima del valore di costo 14.XI.2005 I costi del progetto Due sono i casi con produzioni di beni per progetto: un primo caso riguarda la produzione di beni intesa come promozione immobiliare un secondo

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO A Comune di Trieste Provincia di TS DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

SETTORE SERVIZI TECNICI Via A. Nanni 17/19 c.a.p. 07026 Olbia (OT) Tel. 0789/557600 Fax 0789/557690 C.F. 02034880902 1 STRALCIO FUNZIONALE

SETTORE SERVIZI TECNICI Via A. Nanni 17/19 c.a.p. 07026 Olbia (OT) Tel. 0789/557600 Fax 0789/557690 C.F. 02034880902 1 STRALCIO FUNZIONALE PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO SETTORE SERVIZI TECNICI Via A. Nanni 17/19 c.a.p. 07026 Olbia (OT) Tel. 0789/557600 Fax 0789/557690 C.F. 02034880902 1 STRALCIO FUNZIONALE OGGETTO: Collegamento alla Abbasanta

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Tramonti Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: REALIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Il Computo Metrico Estimativo 03.XII.2013 Progetto esecutivo e CME Il progetto esecutivo prevede la descrizione completa del progetto sotto il profilo Della forma: il progetto deve essere descritto nei

Dettagli

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing.

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Sara Domini Venezia, 29 Aprile 2010 Norme di misurazione Definizione Sono delle convenzioni

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di MILANO Provincia di MI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: ADEGUAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

rep.1 - Realizzazione di recinzione di cantiere (cortile) rep.1 - Realizzazione di impianto elettrico del cantiere Z1 2

rep.1 - Realizzazione di recinzione di cantiere (cortile) rep.1 - Realizzazione di impianto elettrico del cantiere Z1 2 Nome attività rep.1 - Realizzazione di recinzione di cantiere (cortile) rep.1 - Realizzazione di impianto elettrico del cantiere Mese -1Mese 1 Mese 2 Mese Mese Mese Mese 6 s1 s2 s s s s6 s7 s8 s9 s10 s11

Dettagli

ITALFERR S.p.A. - Gruppo FS Ristrutturazione, riqualificazione e recupero funzionale delle ex Officine Motori di Firenze Romito ad uso fabbricato tecnologico del nodo ferroviario di Firenze ed uffici direzionali

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi La stima analitica del valore di costo: il Computo Metrico

Dettagli

La stima del valore di trasformazione. Esercitazione in classe

La stima del valore di trasformazione. Esercitazione in classe La stima del valore di trasformazione. Esercitazione in classe Il quesito di stima Il vostro committente, proprietario dell area edificabile, vi chiede di verificare la bontà dell offerta che gli è stata

Dettagli

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo Laboratorio Integrato di Tecnologia Unità Didattica di Estimo a.a. 2010-11 Docente: Renato Da Re Collaboratrice: Valentina Antoniucci La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4 OPERATORE EDILE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

QUESTIONARIO C.A.R DECENNALE POSTUMA PER LEGGE 210

QUESTIONARIO C.A.R DECENNALE POSTUMA PER LEGGE 210 QUESTIONARIO C.A.R DECENNALE POSTUMA PER LEGGE 210 La Società si impegna a fare uso riservato delle notizie e delle informazioni riportate in questo questionario. 1) Nominativi Contraente Domiciliato in

Dettagli

Studio Contrino Rag. Gaspare - Seregno via Santuario n. 70 - Tel. (0362) 220979 Fax 328187

Studio Contrino Rag. Gaspare - Seregno via Santuario n. 70 - Tel. (0362) 220979 Fax 328187 OGGETTO: Circolare approfondimento Seregno, li 28 aprile 2010 IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA - ART. 17 c. 6 lett. a) Dpr 633/72 Il reverse charge (o inversione contabile) interessa per ora il solo settore

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

Comune di Roma. Computo metrico estimativo

Comune di Roma. Computo metrico estimativo Comune di Roma Provincia di ROMA LAVORI Realizzazione di villetta bifamiliare a schiera Computo metrico estimativo COMMITTENTE EREDI ROSSI IMPRESA CONTRATTO N Repertorio Registrato il Presso al n Mod.

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni Cassa Edile LAVORAZIONI Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni NATURA Altro Altro Altro 00 000 000 Costruzioni edili in nuove costruzioni Installazione cantiere

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PROGETTO ESECUTIVO Comune di ESCALAPLANO Provincia di CA OGGETTO: ADEGUAMENTO FABBRICATO ADIBITO A COMUNITA' ALLOGGIO PER ANZIANI COMMITTENTE: COMUNE DI ESCALAPLANO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Escalaplano,

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA

DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA STRUTTURE PORTANTI - Fondazioni continue in c.a., solai per il vuoto sanitario in muretti con blocchi cls, tavelloni e soprastante getto di caldana in c.a., solaio

Dettagli

Prof. G. Alaimo IL GANTT. (Il Cronoprogramma) Organizzazione del cantiere con laboratorio

Prof. G. Alaimo IL GANTT. (Il Cronoprogramma) Organizzazione del cantiere con laboratorio IL GANTT (Il Cronoprogramma) Strumenti e tecniche di programmazione operativa Prof. G. Alaimo La quantità e varietà di risorse da gestire nell esecuzione di un progetto impongono la necessità di programmare

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti

Dettagli

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA Comune di Noto Provincia di Siracusa PROGETTO ESECUTIVO DEI LOCULI ZONA AREA LIBERA CIMITERO INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA Art. 39 D.P.R. 207/10 INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA N.R. ARTICOLO

Dettagli

Procedura aperta n. 27/2012

Procedura aperta n. 27/2012 DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIA PUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA PER LA CULTURA Procedura aperta n. 27/2012 APPALTO INTEGRATO PER IL RESTAURO ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DI PARTE DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione ad uso esclusivo civile abitazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione ad uso esclusivo civile abitazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione ad uso esclusivo civile abitazione La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. È

Dettagli

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Comune di TORINO Provincia di TO RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Decreti Legislativi 277/91, 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti in materia

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "A" Comune di Marzeno di Brisighella Provincia di RA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 24, comma 2, lettera n) del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 e s.m.i.) (Allegato XV del D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI DEMOLIZIONI Demolizione edificio esistente SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti in materia

Dettagli

LAVORI EDILI CHIAVI IN MANO RISTRUTTURA I TUOI SPAZI CON SERENITÀ 30 ANNI DI ESPERIENZA SONO LA VOSTRA GARANZIA

LAVORI EDILI CHIAVI IN MANO RISTRUTTURA I TUOI SPAZI CON SERENITÀ 30 ANNI DI ESPERIENZA SONO LA VOSTRA GARANZIA LAVORI EDILI CHIAVI IN MANO RISTRUTTURA I TUOI SPAZI CON SERENITÀ 30 ANNI DI ESPERIENZA SONO LA VOSTRA GARANZIA NOVOSPAZIO è un azienda strutturata e organizzata per svolgere qualsiasi lavoro nel settore

Dettagli

Milano 1/2 ottobre 2014

Milano 1/2 ottobre 2014 Milano 1/2 ottobre 2014 Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali quali: murature, cemento armato, solai in laterocemento e solai misti in lamiera grecata e calcestruzzo, mediante l applicazione

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

scorporati dai lavori posti a base d asta per non essere sottoposti a ribasso (Determinazione Autorità Vigilanza LL.PP. n. 2/2001).

scorporati dai lavori posti a base d asta per non essere sottoposti a ribasso (Determinazione Autorità Vigilanza LL.PP. n. 2/2001). ,1',9,'8$=,21('(*/,21(5,'(//$6,&85(==$ Le disposizioni di legge in materia, ed in particolare: ex art. 31 bis Legge 109/94 (Merloni-ter) sue modifiche e integrazioni, per i lavori della PP. AA.; ex art.

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata in conformità alla normativa italiana vigente: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per recinzioni e per il contenimento terra, parapetti, velette,

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

QUESTIONARIO ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS)

QUESTIONARIO ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) QUESTIONARIO ASCURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

Esempio di un piano operativo di sicurezza

Esempio di un piano operativo di sicurezza 246 CAPITOLO TREDICI Esempio di un piano operativo di sicurezza 13.1. Un POS per un intervento di manutenzione straordinaria È esposto di seguito un esempio di POS, conforme al Decreto del Presidente della

Dettagli

Facoltà di Architettura

Facoltà di Architettura BOZZA DI LAVORO Facoltà di Architettura C.d.L. Magistrale in Architettura (Restauro) Esercizio professionale a.a. 2013/2014 parte 18 Arch. Armando Bueno Pernica arm.bueno@gmail.com studiobueno.jimdo.com

Dettagli

ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI

ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Interventi di tipo Strutturale. Scuola "Papa Giovanni XXIII". Sava (TA) pag. 1 R I P O R T O

Interventi di tipo Strutturale. Scuola Papa Giovanni XXIII. Sava (TA) pag. 1 R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO INTERVENTI STRUTTURALI (SpCap 1) Opere per Sicurezza Antincendio (Cap 1) 1 Fornitura e posa in opera di manufatti per AI010 ringhiere per... r dare il lavoro finito

Dettagli

Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile

Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile SOMMARIO La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni PARTE I - GENERALITÀ... PARTE II - DATI TECNICI...3 PARTE III

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE DATI INERENTI IL CANTIERE

ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE DATI INERENTI IL CANTIERE ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE Ragione sociale:...... sede legale: Via........... CAP...... città........... Recapiti Telefonici : Ufficio... Fax... Cellulare... Posta elettronica :....... DATI INERENTI

Dettagli

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE FONDAZIONI Fondazioni costituite da travi rovesce e platee in cemento armato,

Dettagli

Viale Regina Giovanna - MILANO. Viale Regina Giovanna - MILANO RESIDENZA EDEN LOCALITA' MORCONE CAPOLIVERI

Viale Regina Giovanna - MILANO. Viale Regina Giovanna - MILANO RESIDENZA EDEN LOCALITA' MORCONE CAPOLIVERI Viale Regina Giovanna - MILANO Viale Regina Giovanna - MILANO RESIDENZA EDEN LOCALITA' MORCONE CAPOLIVERI A due passi dalla splendida spiaggia di Morcone che offre molteplici possibilità di svago e divertimento

Dettagli

IMMOBILIARE MILANESE S.R.L. DESCRIZIONE DELLE OPERE PALAZZINA IN VIA DELLE VIOLE PARABIAGO - MILANO

IMMOBILIARE MILANESE S.R.L. DESCRIZIONE DELLE OPERE PALAZZINA IN VIA DELLE VIOLE PARABIAGO - MILANO IMMOBILIARE MILANESE S.R.L. DESCRIZIONE DELLE OPERE PALAZZINA IN VIA DELLE VIOLE PARABIAGO - MILANO 1 OPERE IN C.A. Tutte le opere strutturali dell edificio saranno in cemento armato con calcestruzzo gettato

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA CONDOMINIO VIA BANDINI N 9

MANUTENZIONE STRAORDINARIA CONDOMINIO VIA BANDINI N 9 MANUTENZIONE STRAORDINARIA CONDOMINIO VIA BANDINI N 9 art. DESCRIZIONE N. MISURE u.m. QUANT. lungh. largh. altez. OFFERTA ECONOMICA 1. INSTALLAZIONE CANTIERE PONTEGGI 1 1 Impianto elettrico di cantiere,

Dettagli

Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica

Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica Facoltà di Architettura L. Quaroni Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica BOZZA DI LAVORO Le slidesseguenti

Dettagli

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico "U. Foscolo"

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico U. Foscolo ALLESTIMENTO E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Realizzazione della recinzione di cantiere e relativi accessi; utilizzo di reti e/o pannelli in metallo e/o tavole in legno Uso della mazza Uso di rete, pannelli

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

QUESTIONARIO POLIZZA DI ASSICURAZIONE CAR E DECENNALE POSTUMA DANNI DIRETTI ALL IMMOBILE GENERALITÀ

QUESTIONARIO POLIZZA DI ASSICURAZIONE CAR E DECENNALE POSTUMA DANNI DIRETTI ALL IMMOBILE GENERALITÀ Agenzia: cod. _ QUESTIONARIO POLIZZA DI ASSICURAZIONE CAR E DECENNALE POSTUMA DANNI DIRETTI ALL IMMOBILE La Società s'impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. Il presente questionario

Dettagli

all'ottenimento del C.P.I e dell'agibilità dell'i.t.i.s."g.ferraris" di Verona 26/02/2010 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

all'ottenimento del C.P.I e dell'agibilità dell'i.t.i.s.g.ferraris di Verona 26/02/2010 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Piano interrato LAVORI A MISURA demolizioni e rimozioni A03.E05.10 Demolizione di strutture verticali superiori a cm 20 1 f breccia per struttura in muratura di laterizio MC 2,02 108,28 218,73 A03.E05.25

Dettagli

ELENCO SCHEDE GENERALI

ELENCO SCHEDE GENERALI GENERALI ELENCO SCHEDE Acqua potabile.doc Antenne.doc Corrente ad alta tensione.doc Drenaggi.doc Ferrovie.doc Fognature.doc Gas.doc Impianti antincendio.doc Impianti del gas all'interno dell'edificio.doc

Dettagli

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI lineavita IMP rifo_layout 1 18/11/13 11:48 Pagina 1 LINEE VITA E SISTEMI ANTICADUTA COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano LINEEVITASYSTEM

Dettagli

Comune di Pedara. Provincia Catania

Comune di Pedara. Provincia Catania Comune di Pedara Provincia Catania COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO Lavori di adeguamento del locale mensa e del locale caldaia presso la scuola materna di Piazza del popolo. ( PROGETTO ESECUTIVO) COMMITTENTE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE RELAZIONE TECNICA

CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE RELAZIONE TECNICA Provincia di Roma Dicembre 2009 LAVORI DI: RECUPERO ARCHITETTONICO CONSERVATIVO PER LA VALORIZZAZIONE DI EDIFICI SITI IN VIA DELL IDROVORE, 304 (FIUMICINO) CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Provincia Regionale di Palermo

Provincia Regionale di Palermo Provincia Regionale di Palermo Direzione Manutenzione del Patrimonio ed Edilizia Scolastica I Ist. Tecn. Industriale "V. Emanuele III" di Palermo - Progetto di miglioramento dell isolamento termico dell

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m.

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. 2.1.30.1 Scavi fino alla profondità di m 1,50. ( Euro novevirgolanovanta ) 2.3.40.1 Con l uso di mezzo meccanico. ( Euro settantaquattrovirgolazerozero ) mc 9,90 mc 74,00 2.6.70.1 ( Euro dodicivirgolasessanta

Dettagli

epsilon FASCICOLO INFORMATIVO DELLA SICUREZZA ai sensi del D. Lgs. 81 del 09/04/2008 (ex D. Lgs. 494/96 ed ex D. Lgs. 528/99)

epsilon FASCICOLO INFORMATIVO DELLA SICUREZZA ai sensi del D. Lgs. 81 del 09/04/2008 (ex D. Lgs. 494/96 ed ex D. Lgs. 528/99) PROGETTAZIONE IMPIANTI PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA CANTIERI O.P. 1/2015 ADEGUAMENTO NORMATIVO AULA MAGNA DELLA SCUOLA MEDIA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO (maggio 2015) Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

COMPUTO MUNICIPIO MAP FOSSA Categoria prezzario

COMPUTO MUNICIPIO MAP FOSSA Categoria prezzario COMPUTO MUNICIPIO MAP FOSSA Categoria Tipologia Unità di Numero Larghezza Lunghezza Altezza Peso Superficie Quantità Sovrappre Prezzo Prezzo totale prezzario misura (m) (m) (m) () () zzo unitario SCAVI

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere.

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere. AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56 Capitolato di massima delle opere. CAPITOLATO DI MASSIMA. L edificio è composto da un piano fuori terra di circa mq. 3.000 frazionabili. L aspetto architettonico,

Dettagli