Il bisogno di cura nel carcinoma mammario: epidemiologia, diagnosi, stadiazione e screening

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bisogno di cura nel carcinoma mammario: epidemiologia, diagnosi, stadiazione e screening"

Transcript

1 Il bisogno di cura nel carcinoma mammario: epidemiologia, diagnosi, stadiazione e screening Giacomina Chiaradia 1, Federica Basso 2, Chiara de Waure 1, Giuseppe La Torre 1 1 Public Health HTA Unit, Istituto di Igiene, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma; 2 Direzione HTA & CS, GlaxoSmithKline S.p.A., Verona Il contesto attuale: dati epidemiologici e screening Il carcinoma mammario riveste un ruolo di rilevanza tra le diagnosi nella popolazione femminile, in quanto è la prima neoplasia in particolare nelle donne sotto i 45 anni, con una frequenza ancora più elevata nelle donne fino a 65 anni (Tabella 1) [1]. Considerando la fascia di età 0-84 anni, i dati stimati nel Reparto Epidemiologia dei Tumori del Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza e Promozione della Salute dell Istituto Superiore di Sanità, riportano, nel 2008, circa casi incidenti, mentre si registrano circa 8000 casi di decessi per tale patologia [1,2]. La probabilità di sviluppare un tumore della mammella da 0 a 84 anni è pari a circa l 11% mentre la probabilità di morire per tale tipo di patologia è del 3,2% [1] (Tabella 2). Analizzando i trend temporali dell incidenza rilevati dal registro tumori in Italia (registro AIRTUM) [3], si evidenzia come, a partire dalla fine degli anni 80, i casi di diagnosi per tumore al seno siano aumentati di circa il 20% mentre, al contrario, la mortalità sia diminuita (Figura 1). L aumento dell incidenza e la riduzione della mortalità possono essere spiegati sia con l aumentata attività di diagnosi precoce tramite lo screening mammografico, sia con una maggior consapevolezza dei fattori di rischio; entrambi gli aspetti sono alla base di una stadiazione precoce della patologia con conseguente applicazione tempestiva dei protocolli terapeutici. Non è trascurabile, tuttavia, anche l impatto dei miglioramenti terapeutici che, per il tumore della mammella, sono risultati più significativi rispetto a tutti gli altri tumori solidi. I tassi di incidenza nelle diverse regioni italiane risultano essere abbastanza omogenei anche se rimangono generalmente più bassi nel Sud Italia, probabilmente a causa di una diversa diffusione dei programmi di screening. Tali differenze emergono sia dai dati regionali stimati dal Reparto Epidemiologia dei Tumori del Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza e Promozione della Salute dell Istituto Superiore di Sanità, sia dallo studio di Baili et al [4], come mostrato dai grafici della Figura 2. Le differenze nei tassi d incidenza del tumore alla mammella registrati nelle macro-aree italiane sono comuni a tutte le fasce d età. Nel 2005, il tasso di incidenza standardizzato nella classe d età 0-54 è risultato pari a circa 60 casi per donne nelle regioni del Nord e a circa 40 casi per Tabella 1. Incidenza proporzionale del tumore della mammella nella popolazione femminile stratificata per età [1]. Tabella 2. Tumore della mammella (ICD-9 174): Numero di nuovi casi, tasso grezzo di incidenza, prevalenza, mortalità per , tasso standardizzato (standard europeo) per Età: Anno 2008 [2]. C A P I T O L O 1 5

2 Figura 1. Trend temporale di incidenza e mortalità del tumore della mammella nell area del registro tumori [3]. Figura 2. Tassi standardizzati di incidenza (a sinistra) e mortalità (a destra) per donne nella popolazione italiana (0-84 anni) differenziati per macro-aree [4] donne nel Centro-Sud. Nella fascia di età successiva (55-74), il tasso di incidenza è stato pari a circa 300 casi per nelle regioni del Centro-Nord rispetto a circa 200 nuovi casi per nel Sud. Infine, nella popolazione di età compresa tra 75 e 84 anni, si sono registrati 450 nuovi casi per nel Nord contro circa 300 nuovi casi per nel Centro-Sud [4]. Come già descritto le differenze regionali potrebbero in parte essere attribuite alla diversa diffusione dei programmi di screening che interessano la popolazione femminile di età compresa tra i 50 e i 69 anni in conformità con le linee guida europee sulla qualità dello screening e nella diagnosi della Commissione Europea [5]. In base ai dati del Sesto Rapporto dell Osservatorio Nazionale Screening [6], infatti, si evidenzia un forte squilibrio di offerta fra il Centro-Nord e il Sud dell Italia dove solo il 46% (dato aggiornato al 2006) delle donne risiede in aree per cui è stato previsto un programma di screening organizzato. Tuttavia, nel corso degli anni, si è assistito all aumento dell estensione dei programmi di screening mammografici, intesa come numero di donne appartenenti alla popolazione target raggiunte dall invito. Nel 2006, infatti, il 78,2% delle donne italiane nella fascia di età anni è stata inserita in un programma di screening con un sensibile aumento rispetto all anno precedente (76,4% nel 2005). Tutte le regioni del Nord e del Centro sono risultate coperte per oltre il 90% dai programmi di screening organizzati [6]. Le donne introdotte nei piani di screening sono passate dal 46% al 92% nel Nord Italia, dal 58% al 98% nel Centro Italia e dal 6% al 40% nel Sud Italia nell arco di tempo tra il 2000 e il Il 2006 ha visto l espansione dei programmi di screening per la prima volta anche in Calabria e Sardegna, con l unica eccezione della Puglia che ha però iniziato la sua attività nel Per quanto riguarda l adesione ai programmi di screening, ossia il numero di donne che hanno effettuato una mammografia di screening (entro 6 mesi dalla data di invito) sul totale di donne invitate, i dati dello studio PASSI [7] e dell indagine multiscopo ISTAT [8] hanno evidenziato che una percentuale tra il 71% e il 75% delle donne tra 50 e 69 anni ha fatto ricorso alla mammografia almeno una volta nella propria vita. L'incremento nel ricorso alla mammografia è risultato significativo in tutte le regioni, ciononostante la variabilità tra Nord e Sud permane: nel Nord Est, la percentuale di ricorso alla mammografia è stata dell 85,7% contro il poco più del 50% registrato nel Sud e nelle Isole [8]. La periodicità biennale dello screening viene però rispettata da una percentuale di donne pari a circa il 50-60% [7, 8]. Come viene diagnosticata la patologia I medici diagnosticano e classificano il tumore al seno in base agli stadi (da 0 a IV). Per determinare lo stadio del tumore al seno, l'oncologo prende in considerazione tre importanti fattori: le dimensioni del tumore, la presenza di interessamento linfonodale e la presenza di eventuali metastasi a distanza. L Associazione Italiana Medici Oncologi (AIOM) ha pubblicato delle linee guida per assicurare la qualità della diagnosi del tumore al seno [9]. La mammografia e l ecografia, da soli o in combinazione, sono i primi strumenti di indagine per il tumore al seno. L uso della mammografia prima dei 35 anni è limitata nella qualità 6 C A P I T O L O 1

3 dell immagine e nella sicurezza del risultato, ed è consigliata solo in particolari circostanze come nel caso di un forte sospetto di tumore maligno; per questa fascia di età è quindi consigliato l uso dell ecografia. Altro strumento d analisi è la risonanza magnetica che ha un elevata risoluzione ed è adatta alle donne giovani e ai soggetti con protesi mammaria, ma non è considerata come primo strumento di diagnosi. Associata a queste tecniche c è la biopsia, ossia il prelievo di un frammento di tessuto che viene poi analizzato istologicamente per la diagnosi patologica definitiva [9]. La diagnosi patologica finale dovrebbe essere fatta in accordo con la classificazione dell Organizzazione Mondiale della Sanità e della classificazione degli stadi TNM; ad essa devono essere affiancate valutazioni di parametri biologici. Di seguito si riporta la stadiazione del tumore della mammella, in accordo alla versione italiana della VI edizione dell UICC - Unione Internazionale Contro il Cancro - e dell AJCC - Cancer Staging Manual [10, 11]. Stadio 0: carcinoma in situ che non ha invaso né i linfonodi, né gli organi a distanza. Stadio I: il tumore ha una dimensione di 2 cm o inferiore e non si è esteso ai linfonodi, né ha dato origine a metastasi. Stadio IIA: comprende i tumori inferiori a 2 cm che hanno dato metastasi in 1-3 linfonodi ascellari e/o mammari interni e i tumori tra 2-5 cm di diametro che non hanno invaso i linfonodi. In tutti i casi non ci sono metastasi. Stadio IIB: comprende i tumori tra 2 e 5 cm di diametro che hanno dato metastasi in 1-3 linfonodi ascellari e/o mammari interni e i tumori di dimensione superiore ai 5 cm che non si sono estesi alla parete toracica o alla cute e ai linfonodi. Stadio IIIA: comprende i tumori più piccoli di 5 cm di diametro che hanno dato metastasi in 4-9 linfonodi ascellari o mammari interni e i tumori di diametro superiore a 5 cm con metastasi in fino a 9 linfonodi ascellari o mammari interni. Non sono presenti metastasi a distanza. Stadio IIIB: il tumore, di qualsiasi dimensione, si è esteso alla parete toracica o alla cute e può aver dato metastasi ai linfonodi ascellari o mammari interni. Non ci sono metastasi a distanza. Stadio IIIC: il tumore, di qualsiasi grandezza, ha dato metastasi in 10 o più linfonodi ascellari; o in linfonodi infraclavicolari; o metastasi clinicamente apparenti in linfonodi mammari interni in presenza di almeno 1 linfonodo ascellare positivo; o in più di 3 linfonodi ascellari con metastasi microscopicamente accertate, ma clinicamente negative, in linfonodi mammari interni; o in linfonodi sovraclavicolari. Il cancro al seno infiammatorio è classificato come stadio III, a meno che non presenti metastasi, per cui debba essere classificato di stadio IV. Stadio IV: cancro che ha dato metastasi a distanza, a prescindere dalla grandezza e dal coinvolgimento linfonodale. Per ciò che riguarda la distribuzione per stadio alla diagnosi, a livello mondiale il 61% dei tumori viene diagnosticato in fase di diffusione locale, il 31% in fase di diffusione ai linfonodi e il 6% in fase metastatica. I relativi tassi di sopravvivenza a 5 anni sono stimati pari al 98,1%, all 83,3% e al 27,1% rispettivamente [12]. I dati italiani mostrano un progressivo declino dei tumori diagnosticati in fase già metastatica, declino che sembra contestuale alla diffusione delle attività di screening. Il registro tumori di Modena riporta una riduzione dal 7,2% al 3,8% dei tumori diagnosticati in fase metastatica dal al 2002 [13]. Anche nel registro tumori di Ragusa la percentuale di tumori metastatici alla diagnosi si è ridotta dal 6% al 4% dal al [14]. Tali evidenze, anche se limitate e non rappresentative dell intera realtà nazionale, suggeriscono quindi che i tumori metastatici alla diagnosi siano lievemente meno numerosi in Italia rispetto a quanto riscontrato a livello mondiale. Fattori prognostici e predittivi Esistono fattori validati che si sono dimostrati importanti dal punto di vista prognostico ed utili nella scelta del tipo di trattamento quali [9, 15]: dimensioni del tumore, stato dei linfonodi ascellari, grado istologico, tipo istologico (istologie a prognosi favorevole: tubulare, mucinoso e papillare), età della paziente (< 35 anni: prognosi peggiore), markers della proliferazione markers biologici e genetici che, accanto ad un ruolo prognostico, ne hanno uno predittivo I markers biologici, ossia i recettori per gli estrogeni, per il progesterone e per il fattore di crescita epidermico (HER2), l attivatore del plasminogeno di tipo urochinasico (upa) e l inibitore dell attivazione del plasminogeno (PAI) hanno un ruolo chiave nella definizione delle caratteristiche del tumore [15]. Questi marcatori consentono di caratterizzare la biologia della cellula, il livello di aggressività del tumore e di definire anche la possibilità di impiegare determinate terapie. Il marcatore biologico infatti può essere uno dei bersagli della C A P I T O L O 1 7

4 terapia farmacologica [9]. Recettori ormonali ER e PgR: rappresentano un fattore prognostico favorevole e sono anche correlati con la risposta al trattamento ormonale che ha una utilità inequivocabile nella terapia adiuvante. Il ruolo dei recettori ormonali è talmente cruciale che oggi non è più accettabile, anche nella malattia avanzata, che l espressione di ER e PgR non venga determinata e riportata in maniera quantitativamente standardizzata (% di cellule interessate) [9]. Sovraespressione di HER-2: è riconosciuta come un fattore prognostico sfavorevole, ma è un fattore predittivo di risposta all anticorpo monoclonale trastuzumab e, verosimilmente, di resistenza al tamoxifene [9]. Altri fattori (indici di proliferazione, invasione vascolare e/o linfatica, p53, catepsina D, upa/pai-1, ciclina E): anche se estesamente studiati dal punto di vista biologico e clinico, non sono ancora stati validati o, come nel caso di upa/pai-1, pur avendo raggiunto un livello di evidenza 1, non sono utilizzati nella pratica clinica per la necessità di disporre di una discreta quantità di tessuto tumorale congelato e per i risultati subottimali in termini di sopravvivenza libera da malattia ottenuti ad un follow up di 10 anni nelle pazienti con bassi livelli [9]. Tuttavia l indice di proliferazione espresso da Ki-67 ha un ruolo nella definizione del rischio di recidiva. Il carcinoma mammario ER/ PR positivo Il recettore per gli estrogeni (ER) è espresso nei due terzi delle donne sotto i 50 anni e in circa l 80% nelle donne sopra i 50 anni e ha forti implicazioni nella scelta terapeutica [16]. I tumori al seno che presentano la positività sia per il recettore degli estrogeni che del progesterone (ER+ e/o PR+) hanno una prognosi migliore in confronto con i tumori ER- e/o PR- [17]. Attualmente sono conosciuti solo due sottotipi del recettore ER: ERα e ERβ che mediano le azioni degli estrogeni. Entrambi i recettori legano allo stesso sito l estradiolo ma differiscono nell affinità con la quale si legano ad altri ligandi e nella risposta che producono successivamente [18]. ERα è espresso nel 70% dei tumori al seno, ma la sua espressione non è l unico fattore determinante nella risposta terapeutica visto che un terzo delle donne ER+ non rispondono alla terapia ormonale [19]. Il recettore per il progesterone (PR) regola l attività degli estrogeni e la sua espressione è indicativa di miglior funzionamento del recettore estrogenico [20]; ci sono alcune evidenze, infatti, che suggeriscono che le pazienti PR+ rispondono meglio al tamoxifene sia nella malattia metastatica sia in terapia adiuvante. Il PR dovrebbe essere ricercato anche nei casi ER-, per i possibili falsi negativi, anche se il valore predittivo di PR+ in assenza di ER è controverso [21]. Il carcinoma mammario HER2 positivo e rischio di metastasi Il 20%-30% di tutti i tumori mammari iperesprimono la proteina HER2, recettore di membrana per il fattore di crescita epidermico (EGF) [22-25]. La determinazione dello stato HER2+ può avvenire attraverso 2 metodi approvati dalla Food and Drug Administration (FDA): per via immunoistochimica (IHC), individuando la sovraespressione della proteina codificata dal gene corrispondente (ErbB2) oppure tramite l analisi di immunofluorescenza in situ (FISH) [26-28]. L immunoistochimica identifica la sovraespressione della proteina HER2 sulla membrana cellulare; i risultati sono espressi mediante un punteggio semiquantitativo che va da 0+ (espressione normale) a 3+ (sovraespressione): questo metodo, seppur economicamente conveniente e facilmente accessibile, ha il problema di non essere totalmente affidabile, soprattutto in caso di risultato intermedio (2+) in quanto piuttosto soggettivo [29]. Il metodo FISH valuta l amplificazione del gene ErbB2, risultando molto più sensibile e specifico dell IHC [26]. Per contro, la FISH offre, invece, risultati quantitativi sul numero di copie di geni ma non il reale valore della sovraespressione sulla membrana cellulare. Nonostante i due metodi non siano concordanti al 100%, si ritiene che le pazienti con un espressione 3+ all indagine immunoistochimica così come i soggetti FISH+ abbiano tempi di progressione e tassi di sopravvivenza paragonabili, indipendentemente rispettivamente dal risultato della FISH e dell esame immunoistochimico [30]. Le linee guida ad oggi pubblicate non identificano uno dei due esami come il gold standard [30]. Donne con diagnosi di cancro della mammella che iperesprimono HER2 risultano maggiormente a rischio di progressione e decesso rispetto alle pazienti con tumori che non iperesprimono questa proteina [24]. I tumori HER2 positivi tendono a presentarsi in stadio più avanzato fin dalla diagnosi: le linee guida del NICE, riguardo al trattamento del tumore alla mammella con trastuzumab [23], documentano una percentuale del 14% di tumori metastatici alla diagnosi, mentre dal database SEER*Stat e dalla letteratura internazionale è emerso un valore del 6% [12,31,32]. Dati discordanti sono disponibili 8 C A P I T O L O 1

5 per la valutazione delle donne con diagnosi iniziale in stadio precoce ma destinate poi a sviluppare metastasi negli anni successivi: il Single Technology Appraisal [33] su lapatinib, pubblicato dal NICE a febbraio 2007, riporta che il 40-50% delle pazienti HER2+ diagnosticate con cancro al seno in stadio precoce è destinata a sviluppare metastasi in futuro, contro un valore del 30% riportato da due review condotte da Mollick e Paul [31, 34]. Le metastasi del cancro al seno possono localizzarsi praticamente in qualunque distretto corporeo, ma le sedi più comuni sono fegato, polmone, osso, cute e cervello. Le metastasi alle ossa interessano circa il 70% dei pazienti con cancro mammario metastatico e possono localizzarsi in tutta la struttura scheletrica [35]. Le metastasi al cervello sono presenti nel 15-20% dei casi dei tumori mammari metastatici; la percentuale è maggiore (25-48%) se si considerano solo le pazienti che iperesprimono HER2. La sopravvivenza mediana nei casi di metastasi cerebrale è di 4 settimane se il tumore non è trattabile e di 4-6 mesi se il paziente risponde ai trattamenti [36-40]. Circa le percentuali di fallimento dopo terapia in prima linea delle pazienti con tumore mammario metastatico HER2+, lo studio di Montemurro et al., recentemente aggiornato [22], ha stimato che la percentuale di donne candidate alla seconda linea dopo fallimento potrebbe essere di circa l 84%. Pazienti con tumore al seno HER2+ in Italia. I dati di letteratura relativi all epidemiologia del tumore al seno metastatico HER2+ sono stati utilizzati per effettuare una stima del numero di possibili pazienti candidate al trattamento chemioterapico con lapatinib in Italia. Nel 2008, l incidenza del tumore della mammella è stata stimata pari a 134 casi su donne [2], mentre la popolazione residente femminile italiana, nella fascia di età 0-84 anni è stata di [41] secondo le previsioni ISTAT. Ne consegue che i casi incidenti di tumore al seno nel 2009 sono stimati pari a Dato che secondo diverse fonti bibliografiche [21-24] i tumori al seno HER2+ sono tra il 20% e il 30% del numero totale di tumori diagnosticati (39.744), le pazienti che presentano una diagnosi di tumore HER2+ potrebbero essere comprese tra e nell anno. Analizzando i dati dello screening in Italia e considerando la non eccellente adesione da parte della popolazione femminile si è scelto di prendere in considerazione la stima più bassa del 20%, per cui le pazienti con diagnosi di tumore HER2+ sarebbero Visto la mancanza di dati certi sulla percentuale di donne HER2+ che presentano già alla diagnosi metastasi a distanza e la difficoltà di individuare tra le pazienti con diagnosi iniziale precoce quelle HER2+, nel contesto italiano, abbiamo deciso di rapportare i dati in letteratura sul tumore al seno al contesto in studio. Tra le pazienti individuate con sovraespressione HER2+, circa il 6% (477) [31,32] presenterebbe già metastasi alla prima diagnosi. I dati di letteratura [31, 34], seppure disomogenei, riportano una percentuale del 30% di donne che con diagnosi in stadi precoci di tumore mammario sviluppano nell anno successivo metastasi, per cui, in relazione alla popolazione in esame, pazienti potrebbero sviluppare una recidiva nell anno. Pertanto, il numero totale di pazienti con tumore HER2+ metastatizzato si attesterebbe, nell anno 2009, a circa soggetti: ipotizzando che il 95% riceva una prima linea di trattamento (2.583) e che circa l 84% vada comunque incontro a progressione [22], si stima che il numero di pazienti eleggibili al trattamento di seconda linea e successivi possa essere intorno a (Tabella 3). Tabella 3. Previsione del numero di pazienti con tumore HER2+ metastatici nell anno C A P I T O L O 1 9

6 Bibliografia 1) Rapporto sui tumori in Italia anno Disponibile online: [Ultimo accesso 04/09/08]. 2) I tumori in Italia. Stime di incidenza al Dati stimati dal Reparto Epidemiologia dei Tumori del Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza e Promozione della Salute dell Istituto Superiore di Sanità. Disponibile online: [Ultimo accesso 04/09/08]. 3) Tumore della mammella femminile. In: I tumori in Italia. Rapporto Disponibile online: [Ultimo accesso:04/09/08]. 4) Baili P, De Angelis R, Casella I, et al. Italian cancer burden by broad geographical area. Tumori 2007;93: ) Perry N, Broeders M, de Wolf C, Törnberg S, Holland R, von Karsa L. European Guidelines for quality assurance in breast cancer screening and diagnosis. 4th ed. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. 6) Giorgi D, Giordano L, Ventura L, Frigerio A, Paci E, Zappa M. Lo screening mammografico in Italia: survey 2005 e dati preliminari In: Osservatorio Nazionale Screening. Sesto rapporto. 7) Gallo T, Bertozzi N, Bietta C, Binkin N, De Giacomi G, Fateh-Moghadam P, et al. Lo screening per la neoplasia della mammella in Italia: i risultati dello studio Passi (progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia). BEN 2006;19(5). Disponibile online: [Ultimo accesso 04/09/08]. 8) Istituto Nazionale di Statistica. La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia. Anni Disponibile online: _00/testointegrale.pdf [Ultimo accesso 04/09/08]. 9) Linee guida AIOM. Disponibile online: [Ultimo accesso 04/09/08]. 10) Singletary SE, Connolly JL. Breast Cancer Staging: Working With the Sixth Edition of the AJCC Cancer Staging Manual. CA Cancer J Clin 2006;56 (1): ) La classificazione TNM del tumore mammario. VI edizione. Disponibile online: [Ultimo accesso 04/09/08]. 12) Cancer Stat Fact Sheets. Cancer of the Breast. Disponibile online: [Ultimo accesso 04/08/08]. 13) Cortesi L, Cirilli C, Federico M. Registro Tumori della provincia di Modena, Anno ) Gafà L, Lauria C, Tomatis M, Zanetti R, Ponti A. Survey sulla qualità della diagnosi e del trattamento dei tumori mammari in provincia di Ragusa (anni ). V rapporto Osservatorio Nazionale Screening. 15) Cainfrocca M, Goldstein LJ Prognostic and Predictive Factors in Early-Stage Breast Cancer. The Oncologist 2004;9: ) Payne SJ, Bowen RL, Jones JL, Wells CA. Predictive markers in breast cancer-the present. Histopathology 2008;52: ) Dunnwald LK, Rossing MA, LI CI. Hormone receptor status, tumor characteristics, and prognosis: a prospective cohort of breast cancer patients. Breast Cancer Res 2007; 9:R6. 18) Colditz GA. Relationship between estrogen levels, use of hormone replacement therapy, and breast cancer. J Natl cancer Inst. 1998; 90; ) Osborne CK. Steroid hormone receptors in breast cancer management. Breast Cancer Res Treat. 1998; 51; ) Horwitz KB, Koseki Y, McGuire WL. Estrogen control of progesterone receptor in human breast cancer: role of estradiol and antiestrogen. Endocrinology 1978;103: ) Bardou VJ, Arpino G. et al. Progesterone receptor status significantly improves outcome prediction over estrogen receptor status alone for adjuvant endocrine therapy in two large breast cancer databases. JCO 2003; 21: ) Montemurro F, Donadio M, Clavarezza M, Redana S, Jacomuzzi ME, Valabrega G, et al. Outcome of patients with HER2-positive advanced breast cancer progressing during trastuzumab-based therapy. Oncologist 2006;11(4): ) NICE. Guidance on the use of trastuzumab for the treatment of advanced breast cancer Technology Appraisal Guidance - No.34 March ) Slamon DJ, Clark GM, Wong SG, Levin WJ, Ullrich A, McGuire WL. Human breast cancer: correlation of relapse and survival with amplification of the HER-2/neu oncogene. Science 1987;235(4785): ) Viani G, Alfonso S et al. Adjuvant trastuzumab in the treatment of HER2- positive early breast cancer: a meta-analysis of published randomized trials. BMC Cancer 2007;7: ) Press MF, Slamon DJ, Flom KJ, Park J, Zhou JY, Bernstein L. Evaluation of Her-2/neu gene amplification and overexpression: comparison of frequently used assay methods in a molecularly characterized cohort of breast cancer specimens. J Clin Oncol 2002;20(14): ) Fornier M, Risio M, Van PC et al. Her2 testing and correlation with efficacy of trastuzumab therapy. Oncology 2002;16: ) Pauletti G, Dandekar S et al. Assessment of methods for tissues-based detection of the Her-2/neu alteration in human breast cancer: a direct comparison of fluorescence in situ hyridization and immunohistochemistry. J Clin Oncol 2000; 18: ) Gancberg D, Järvinen T, di Leo A, Rouas G, Cardoso F, Paesmans M, et al. Evaluation of HER-2/neu protein expression in breast cancer by immunohistochemistry: an interlaboratory study assessing the reproducibility of HER2/neu testing. Breast Cancer Res Treat 2002;74: ) FDA/CBER Review Team. FDA/CBER clinical review briefing document. Disponibile online: dockets/ac/01/briefing/3815b1_08_her2%20fish.htm [Ultimo accesso 04/08/08]. 31) Paul B, Trovato JA, Thompson J. Lapatinib: A dual tyrosine kinase inhibitor for metastatic breast cancer. Am J Health Syst Pharm 2008;65(18): ) O Shaughnessy J. Extending survival with chemotherapy in metastatic breast cancer. Oncologist 2005; 10(suppl.3): ) National Institute For Health And Clinical Excellence. Single Technology Appraisal (STA). Lapatinib for the treatment of previously treated women with advanced, metastatic or recurrent breast cancer. Disponibile online: [Ultimo accesso 04/08/08]. 34) Mollick JA, Carlson RW. Rational surveillance programs for early stage breast cancer patients after primary treatment. Breast Dis 2004;21: ) Cazzaniga ME, Dogliotti L, Cascinu S, Barni S, Labianca R, Chiara S, et al. Diagnosis, Management and clinical outcome of bone metastases in breast cancer patients: result from a prospective, multicenter study. Oncology 2006;71(5-6): ) Lin NU, Bellon JR, Winer EP. CNS metastases in breast cancer. J Clin Oncol 2004;22: ) Bendell JC, Domchek SM, Burstein HJ, et al. Central nervous system metastases in women who receive trastuzumab-based therapy for metastatic breast carcinoma. Cancer 2003;97: ) Lin NU, Winer EP. Brain metastases: The HER2 paradigm. Clin Cancer Res 2007;13(6): ) Lin NU, Carey LA, Liu MC, Younger J, Come SE, Bullitt E, et al. Phase II trial of lapatinib for brain metastases in patients with HER2+ breast cancer. Abstract and presentation at American Society of Clinical Oncology Annual Meeting J Clin Oncol 2006; 24 (18S): Abs 503. [CTEP6969]. 40) Previsioni della popolazione, , dati al 1 gennaio. Anno: Scenario: Centrale - Ripartizione: Italia. Disponibile online: [Ultimo accesso 04/08/08]. 41) Micheli A, Francisci S, Baili P, De Angelis R. Current cancer profiles of the Italian Regions. Tumori 2007;93(4). Disponibile online: =999&gender=2&period=2006,2006&ageclass=19,18&information= M,I&repkind=raw. [Ultimo accesso 04/08/08]. 1 0 C A P I T O L O 1

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario Progetto Canoa Carcinoma Mammario Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale Simona Duranti durantisimona@virgilio.it Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar Verona 22-23 marzo

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Convegno 26 Maggio 2012 Sala E. De Pasquale del Palazzo Comunale di Latina Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Dott. Enzo Veltri Direttore U.O.C Oncologia Latina 1 Mortalità

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano L inizio della storia... Perou CM et al. Molecular portraits of human breast tumors. Nature

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Patologia e aspetti biologici nel carcinoma mammario metastatico

Patologia e aspetti biologici nel carcinoma mammario metastatico Patologia e aspetti biologici nel carcinoma mammario metastatico Cristina Riva Laura Cimetti Dipartimento di Morfologia Umana Università dell Insubria Varese Il 20-30% delle pazienti affette da carcinoma

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2.

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2. XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009 Sottotipi di carcinoma della mammella identificati con markers immunoistochimici: dati del Registro Tumori

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA 1. Background Epidemiologico Il tumore della mammella, all interno del gruppo delle malattie neoplastiche, rappresenta di gran lunga il

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche 1. Introduzione Il carcinoma della mammella rappresenta ancora oggi il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. La probabilità di ammalarsi aumenta progressivamente

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Luci ed ombre nella valutazione dell HER2 positività

Luci ed ombre nella valutazione dell HER2 positività Luci ed ombre nella valutazione dell HER2 positività The human epidermal growth factor receptor (HER) gene family HER-2 gene amplification and/or protein overexpression has been identified in10% 34% of

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

Trattamento del carcinoma della mammella

Trattamento del carcinoma della mammella Trattamento del carcinoma della mammella Traduzione a cura del Dr.G.Antonini Estratto dal National Cancer Institute USA Versione per i pazienti 05/2013 La storia individuale dello stato di salute può dare

Dettagli

IL TUMORE AL SENO. I dati epidemiologici. La rete di assistenza

IL TUMORE AL SENO. I dati epidemiologici. La rete di assistenza IL TUMORE AL SENO nel lazio I dati epidemiologici. La rete di assistenza IL TUMORE AL SENO nel lazio Le fonti Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio www.asplazio.it Banca Dati I Tumori in Italia,

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Probabilità nella Popolazione Generale Carcinoma mammario 11% Carcinoma dell ovaio 0.7% PERCHE UNA CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA?

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Impatto clinico, economico e finanziario di lapatinib nel trattamento del tumore alla mammella metastatico HER2+ in Italia

Impatto clinico, economico e finanziario di lapatinib nel trattamento del tumore alla mammella metastatico HER2+ in Italia Impatto clinico, economico e finanziario di lapatinib nel trattamento del tumore alla mammella metastatico HER2+ in Italia Federica Basso 1, Filippo Cipriani 1 *, Simone Gerzeli 2, Giovanni Aguzzi 3 1

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Definizione Una sostanza misurabile quantitativamente nei

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Aggiornamento sul carcinoma mammario Brebbia (VA), 5 ottobre 2013

Aggiornamento sul carcinoma mammario Brebbia (VA), 5 ottobre 2013 Aggiornamento sul carcinoma mammario Brebbia (VA), 5 ottobre 2013 Screening mammografico in provincia di Varese: a che punto siamo? Franca Sambo Centro Screening - U.O.C. Prevenzione e Promozione della

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Introduzione Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Il Trastuzumab ha cambiato la storia naturale del carcinoma mammario metastatizzato

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

Epidemiologia e attuali strategie terapeutiche nel tumore del polmone

Epidemiologia e attuali strategie terapeutiche nel tumore del polmone 3 Master Universitario di Pneumologia Interventistica 2011-2012 Epidemiologia e attuali strategie terapeutiche nel tumore del polmone Francesca Mazzoni SC di Oncologia Medica 1 Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

AJCC & UICC 2002 (6th Ed) CRITERI PER LA STADIAZIONE DEL CARCINOMA DELLA TIROIDE

AJCC & UICC 2002 (6th Ed) CRITERI PER LA STADIAZIONE DEL CARCINOMA DELLA TIROIDE NOVITA AME AME NEWS N 2 Aprile 2003 Cari Amici, Enrico Papini ed i suoi collaboratori hanno preparato un ottimo elaborato sulla nuova stadiazione TNM del carcinoma della tiroide. Proseguiamo pertanto con

Dettagli

Attività Scientifica dal 2001.

Attività Scientifica dal 2001. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Giustini Lucio Data di Nascita 02/11/1949 Qualifica Medico Oncologo Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale Direttore UOC Oncologia Numero telefonico dell

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

ACCREDITAMENTO DEI CENTRI DI SENOLOGIA DIAGNOSTICA

ACCREDITAMENTO DEI CENTRI DI SENOLOGIA DIAGNOSTICA ACCREDITAMENTO DEI CENTRI DI SENOLOGIA DIAGNOSTICA OBIETTIVI Questo documento ha i seguenti obiettivi: - Descrivere i requisiti minimi necessari per l'accreditamento iniziale delle unità funzionali di

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

G. Mariscotti, M. Durando, G. Gandini. Torino 8 Marzo 2011

G. Mariscotti, M. Durando, G. Gandini. Torino 8 Marzo 2011 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ASOU SAN GIOVANNI BATTISTA TORINO ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA ED INTERVENTISTICA DIRETTORE: PROF. GIOVANNI GANDINI La radiologia

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Editoriali. Endocrinoterapia neoadiuvante nel carcinoma della mammella localmente avanzato

Editoriali. Endocrinoterapia neoadiuvante nel carcinoma della mammella localmente avanzato Editoriali Vol. 99, N. 1, Gennaio 2008 Pagg. 34-38 Endocrinoterapia neoadiuvante nel carcinoma della mammella localmente avanzato Gian Paolo Spinelli 1, Federica Tomao 2, Evelina Miele 3, Giulia Pasciuti

Dettagli

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Farci Daniele Data di nascita 04/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA

Dettagli

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC Caso clinico: triple positive Alberto Fumagalli Anno di nascita 1952 A.P.R.: ipertensione arteriosa in trattamento con beta-bloccante. Gennaio 1989 Biopsia

Dettagli

EVEROLIMUS - AFINITOR

EVEROLIMUS - AFINITOR giunta regionale Allegato D al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/10 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED EVEROLIMUS - AFINITOR Indicazione in esame: Everolimus

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

n. 5 PRODUTTORE / FORNITORE USO CATEGORIA PAZIENTI / CONDIZIONE CLINICA DESCRIZIONE DELLA TECNOLOGIA NOME COMMERCIALE DELLA TECNOLOGIA

n. 5 PRODUTTORE / FORNITORE USO CATEGORIA PAZIENTI / CONDIZIONE CLINICA DESCRIZIONE DELLA TECNOLOGIA NOME COMMERCIALE DELLA TECNOLOGIA TECNOLOGIA MammaPrint è un test in vitro, basato sulla tecnologia microarray, che consente l analisi del profilo di espressione genica del campione di tessuto neoplastico prelevato chirurgicamente in donne

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA Premessa LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA ALLEGATO A Il rinnovamento e le trasformazioni organizzative dei sistemi sanitari sono posti da tutti i paesi industrializzati come elementi fondamentali

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

GIOVANNELLI SIMONA s.giovannelli@usl2.toscana.it

GIOVANNELLI SIMONA s.giovannelli@usl2.toscana.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail GIOVANNELLI SIMONA s.giovannelli@usl2.toscana.it Nazionalità italiana Data di nascita 02-12-1975 Date (da a) DAL 1 MARZO 2012

Dettagli

MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004

MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004 MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004 Giovanni Profeta*, Giuseppe Ambrosio*, Roberto Monaco**, Giuseppina Ianniciello*,

Dettagli

I TUMORI DELLA MAMMELLA: PROBLEMI DI REGISTRAZIONE. Dr. Adriano Giacomin RT Piemonte, Provincia di Biella (CPO) Corso AIRTUM 10 maggio 2010 RHO

I TUMORI DELLA MAMMELLA: PROBLEMI DI REGISTRAZIONE. Dr. Adriano Giacomin RT Piemonte, Provincia di Biella (CPO) Corso AIRTUM 10 maggio 2010 RHO I TUMORI DELLA MAMMELLA: PROBLEMI DI REGISTRAZIONE Dr. Adriano Giacomin RT Piemonte, Provincia di Biella (CPO) Corso AIRTUM 10 maggio 2010 RHO MOTIVI DI INTERESSE INCIDENZA MORTALITA SOPRAVVIVENZA FAMIGLIARITA

Dettagli

Ginecologia Oncologica Una offerta di prevenzione Donna

Ginecologia Oncologica Una offerta di prevenzione Donna Ginecologia Oncologica Una offerta di prevenzione Donna Il SSN prevede l esecuzione ogni tre anni del Pap test come prevenzione oncologica nella donna del tumore del collo dell utero dai 25 ai 64 anni

Dettagli

La prevenzione primaria del tumore al seno (PIO DIANA5)

La prevenzione primaria del tumore al seno (PIO DIANA5) Istituto Nazionale dei Tumori Milano La prevenzione primaria del tumore al seno (PIO DIANA5) L obiettivo del progetto è quello di ridurre, attraverso un trial clinico controllato, il rischio di recidive

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il Ciss, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico all interno dei Comuni associati, poiché attraverso

Dettagli

Approccio multidisciplinare alla diagnostica del carcinoma della mammella

Approccio multidisciplinare alla diagnostica del carcinoma della mammella Busto Arsizio 28 settembre 2013 19 ottobre 2013 Approccio multidisciplinare alla diagnostica del carcinoma della mammella Claudia Cigala Anna Comi A.O. San Paolo - Milano Nonostante i grandi progressi

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3/02/10

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3/02/10 Seduta del 3/02/10 Presentazione attività di Ricerca e Innovazione del Dipartimento Oncologico (Dr. Giorgio Gardini) Relazione sull attività dell Associazione della Lega Italiana Tumori Relazione sul Convegno

Dettagli

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno la Speranza, l Amore, la cura 1 Il tumore al seno Il tumore al seno 2 Introduzione La mammella è una ghiandola con funzioni importanti: produce il latte, ma è anche un organo in cui alcuni ormoni si trasformano

Dettagli