DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE ING GROEP N.V. ISIN: NL (Sede sociale: Amstelveenseweg KL Amsterdam, Paesi Bassi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE ING GROEP N.V. ISIN: NL0000303600 (Sede sociale: Amstelveenseweg 500-1081 KL Amsterdam, Paesi Bassi)"

Transcript

1 DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE ING GROEP N.V. ISIN: NL (Sede sociale: Amstelveenseweg KL Amsterdam, Paesi Bassi) Il presente documento di sintesi è redatto in data 10 ottobre 2006 da TLX S.p.A. in qualità di richiedente l ammissione alla negoziazione sul mercato regolamentato TLX, in regime di esenzione dall obbligo di pubblicazione del prospetto ai sensi dell art. 57, comma 1, lettera h) del Regolamento Consob n /99. TLX S.p.A. nel redigere il presente documento ha preso in considerazione le informazioni rese pubbliche dall emittente in ottemperanza ai propri obblighi di informazione continua derivanti dallo status di società quotata. L investitore deve considerare che: a) il presente documento di sintesi va letto come un'introduzione alle informazioni diffuse dall emittente al mercato; b) qualsiasi decisione di investire negli strumenti finanziari deve basarsi sull'esame da parte dell'investitore delle informazioni diffuse dall emittente al mercato; c) qualora sia proposto un ricorso dinanzi all'autorità giudiziaria in merito alle informazioni diffuse dall emittente al mercato, l'investitore ricorrente potrebbe essere tenuto, a norma del diritto nazionale degli Stati membri, a sostenere le spese di traduzione delle informazioni diffuse dall emittente al mercato prima dell'inizio del procedimento; d) i redattori del presente documento di sintesi, così come chi ne ha chiesto la notifica e l eventuale traduzione, sono responsabili ove essa risulti fuorviante, imprecisa o incoerente con le informazioni diffuse dall emittente al mercato. Si specifica inoltre che le informazioni finanziarie pubblicate dall emittente in conformità ai propri obblighi permanenti di informazione sono reperibili in lingua olandese e inglese sul sito nella sezione Investor Relations. Se non indicato diversamente le informazioni contenute nel presente Documento sono tratte dall ING Group Annual Report TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 1

2 A) Ultimi documenti pubblicati dall Emittente utilizzati per la redazione del presente Documento Documento Data ING Group Annual Report 2005 (Bilancio d esercizio 2005) Annual Report 2005 on Form 20-F (Bilancio d esercizio 2005 pubblicato negli USA) marzo 2006 Results First Six Months 2006 (Relazione semestrale 1 semestre 2006) Base Prospectus ING Group dated 28 September 2006 (Prospetto di base) B) Informazioni sulla società ING GROEP N.V., di diritto olandese, opera nel settore bancario e assicurativo in più di 50 Paesi nei cinque continenti. In questo settore è tra i primi dieci gruppi in Europa per capitalizzazione di mercato. Nasce nel 1991 dalla fusione tra Nationale-Nederlanden N.V. la maggiore compagnia assicurativa olandese, e NMB Postbank Groep N.V., nata a sua volta dalla fusione di NMB Bank e Postbank. Offre prodotti e servizi bancari, finanziari e assicurativi per privati, piccole e grandi aziende, istituzioni private e pubbliche, attraverso canali tradizionali e telematici. Il suo business è suddiviso in sei divisioni: Insurance Europe Offre servizi assicurativi nei Paesi Bassi, in Belgio, Spagna, Grecia e nell Europa Centrale e servizi di gestione patrimoniale (asset management) in Europa. Insurance Americas Gestisce l attività assicurativa e di gestione patrimoniale nelle Americhe. Insurance Asia/Pacific Offre servizi di assicurazione sulla vita e di asset/wealth management nella zona Asia/Pacifico. Wholesale Banking Si occupa delle operazioni di banca universale globale. È suddivisa in cinque divisioni: Clients, Network, Products, Corporate Finance and Equity Markets, e Financial Markets. Un attività distinta è costituita dalla società immobiliare ING Real Estate. Retail Banking Gestisce l attività bancaria retail nei Paesi Bassi, in Belgio, Polonia, Romania, India e Cina. Offre anche servizi di private banking nei Paesi Bassi, in Belgio, Lussemburgo, Svizzera ed in alcuni paesi asiatici, del Sud America e dell Europa Centro-Orientale. ING Direct Sviluppa un attività di banca diretta (direct retail-banking) per clienti retail in Australia, Canada, Francia, Germania, Austria, Italia, Spagna, Gran Bretagna e negli Stati Uniti. TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 2

3 C) Informazioni chiave Forma giuridica dei titoli I titoli che l investitore può acquistare hanno la forma giuridica di certificati di deposito per azioni ordinarie (depositary receipts for ordinary shares), emessi da un Trust denominato Stichting ING Aandelen (Trust Office ING Shares), che detiene le azioni ordinarie. A ciascun certificato di deposito corrisponde un azione. L acquisto di un certificato di deposito comporta l acquisizione dei medesimi diritti di un azione. Capitale sociale Il capitale sociale ammonta a 633,7 milioni di euro, composto da 2.204,9 milioni di azioni ordinarie (ordinary shares) e 87,1 milioni di azioni privilegiate A ( A preference shares). (Fonte: Base Prospectus ING Group dated 28 September 2006) Informazioni finanziarie selezionate Patrimonio netto di competenza degli azionisti della società (in milioni di euro) Rapporto debt/equity 9,3% 11,9% Dividend per share (in euro) 1,18 1,07 EPS (earnings per share, in euro) 3,32 2,71 ROE (return on equity after taxes) 26,6% 25,4% Si veda il paragrafo G) Informazioni finanziarie. Mercati di quotazione Il mercato di prima quotazione per le azioni di ING GROEP N.V. è Euronext Amsterdam. Politica dei dividendi Dati storici in euro: Dividendo per azione 1,18 1,07 0,97 0,97 0,97 Rating di ING GROEP N.V. (aggiornato al Fonte: Agenzie di rating ) Long term Short Term Outlook Moody s Aa3 - Stable S&P AA- A-1+ Stable Fitch TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 3

4 Scala dei valori Long Term: Il valore del rating assegnato dalle agenzie Moody s e S&P esprime un giudizio in merito alla probabilità che l emittente diventi insolvente e non sia quindi in grado di onorare gli impegni di pagamento. Fattori di Rischio comportanti effetti negativi sulla situazione economicopatrimoniale e finanziaria di ING GROEP Fattori di rischio generici e specifici del titolo azionario In generale l investimento in un titolo azionario espone l investitore ai seguenti due rischi: rischio generico (o sistematico) e rischio specifico - Il rischio generico rappresenta quella parte di variabilità del prezzo di ciascun titolo che dipende dalle fluttuazioni del mercato e non può essere eliminato per il tramite della diversificazione. Il rischio sistematico per i titoli di capitale racchiude tra l altro fattori quali la politica economica di un governo, l inflazione, la svalutazione, la variazione dei tassi d interesse e le condizioni socio-politiche in generale; - Il rischio specifico dipende dalle caratteristiche peculiari dell'emittente: è fondamentale apprezzare la solidità patrimoniale delle società emittenti e le prospettive economiche delle medesime tenuto conto delle caratteristiche dei settori in cui le stesse operano, considerando che il prezzo dei titoli di capitale tende a riflettere le aspettative che i partecipanti al mercato hanno circa le prospettive di guadagno delle imprese emittenti. Nell ING Group Annual Report 2005, l emittente dichiara la sussistenza dei seguenti rischi: Rischi generici e di settore Esposizione ai rischi tipici delle attività finanziarie, bancarie e assicurative quali i rischi di mercato, di credito, di liquidità, operativi, di reputazione, di mutamento delle condizioni di business, di mercato, di inadeguatezza delle tecniche revisionali per la copertura di possibili perdite future, di determinazione dei premi e di sottoscrizione dei contratti assicurativi; TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 4

5 Effetti negativi sui risultati riguardanti le attività bancarie, finanziarie e assicurative, comportati da condizioni di mercato sfavorevoli o dalla volatilità degli strumenti finanziari, dei tassi di interesse e di cambio; Effetti negativi sul business e sui risultati derivanti da eventi catastrofici o non prevedibili; Esposizione alla concorrenza da parte degli altri operatori di settore, sia a livello nazionale che internazionale; Rischi legali derivanti da cambiamenti nella normativa applicabile nei vari Paesi in cui il Gruppo opera; Rischi specifici dell emittente: Effetti negativi sull operatività e sui risultati che potrebbero essere comportati dal numero d limitato di riassicuratori utilizzati nel caso di loro indisponibilità totale o parziale; Effetti negativi sull operatività e sui risultati che potrebbero essere comportati dalle carenze dei sistemi giudiziari di alcuni paesi in cui l emittente opera; Possibili reclami e azioni legali che l emittente potrebbe subire dalla vendita di prodotti finanziari innovativi nel caso in cui questi non soddisfino le aspettative dei clienti. TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 5

6 D) Amministratori, Alti Dirigenti e Dipendenti al Fonte: sito emittente Executive Board Nome Michel Tilmant Cees Maas Eric F. Boyer de la Giroday Dick Harryvan Eli P. Leenaars Tom J. McInerney Hans van der Noordaa Jacques de Vaucleroy Carica Presidente Vicepresidente e CFO Responsabile divisione Wholesale Banking Responsabile ING Direct e ING Card Responsabile Retail Banking (comprese ING Bank, Postbank e RVS nei Pesi Bassi, ING Belgium, ING Bank Slaski in Polonia e ING Vysya Bank in India), Operations/IT e private banking Responsabile Insurance Americas, ING Investment Management Americas e coordinamento globale di ING Investment Management Responsabile Insurance Asia/Pacific e ING Investment Management Asia/Pacific responsabile Insurance Europe e ING Investment Management Europe Supervisory Board: supporta l Executive Board nella gestione aziendale. Nel 2005 si è riunito otto volte. Nome Carica Cor A.J. Herkströter Presidente Eric Bourdais de Charbonnière Vicepresidente Luella Gross Goldberg Paul F. van der Heijden Claus Dieter Hoffmann Jan H.M. Hommen Piet Klaver Wim Kok Godfried J.A. van der Lugt Karel Vuursteen TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 6

7 Il Supervisory Board ha formato i seguenti tre Comitati: Audit Committee: è un organo di consulenza del Supervisory Board in tema contabile e di controllo interno. Nel 2005 si è riunito sei volte. Il Comitato è composto da: Nome Carica Jan H.M. Hommen Presidente Claus Dieter Hoffmann Wim Kok Godfried J.A. van der Lugt Remuneration and Nomination Committee: Si occupa delle politiche retributive e della composizione del Supervisory Board e dell Executive Board. Nel 2005 si è riunito tre volte. Il Comitato è composto da: Nome Carica Cor A.J. Herkströter Presidente Eric Bourdais de Charbonnière Luella Gross Goldberg Paul F. van der Heijden Corporate Governance Committee: Si occupa della valutazione annuale della governance del Gruppo e dell Executive Board e del miglioramento della relativa policy. Nel 2005 si è riunito due volte. Il Comitato è composto da: Nome Carica Cor A.J. Herkströter Presidente Eric Bourdais de Charbonnière Luella Gross Goldberg Paul F. van der Heijden Dipendenti Al i dipendenti del gruppo erano , in più dell anno precedente ( dipendenti). Il 32% è impiegato nella divisione Retail Banking, il 23% in Insurance Americas, il 18% in Wholesale Banking, il 14% in Insurance Europe, il 7% in Insurance Asia/Pacific mentre il restante 6% in ING Direct. Società di Revisione La revisione contabile di ING Group è affidata a Ernst & Young Accountants. TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 7

8 E) Resoconto della gestione e prospettive Resoconto della gestione Fonte: ING Group Annual Report 2005 I ricavi del 2005 sono pari a milioni di euro (4,4% in più del 2004) e sono riconducibili nello specifico per l 81% circa al polo assicurativo e per il 19% a quello bancario. L utile ante imposte (underlying profit before tax) è aumentato del 19,4%, raggiungendo gli milioni di euro. Nel polo assicurativo l aumento è stato pari all 11,5%, rispetto ai milioni del 2005; nel polo bancario l aumento è stato pari al 27,2%, rispetto ai milioni del Il bilancio 2005 si è chiuso con un utile netto di milioni di euro, in aumento del 25,3% rispetto al Fonte: Results First Six Months 2006 I ricavi sono pari a milioni di euro, l 8,4% in più rispetto allo stesso periodo del Nei primi sei mesi del 2006 l utile ante imposte (underlying profit before tax) è cresciuto del 31% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, raggiungendo i milioni di euro. Nel polo assicurativo l aumento è stato pari al 36,3%, in quello bancario la crescita è stata del 26,6%. L utile netto evidenziato dai risultati dei primi sei mesi del 2006 (4.020 milioni di euro) segna una crescita del 15,1% rispetto ai primi sei mesi del Recenti operazioni straordinarie significative (aggiornamento al ; Fonte: e Base Prospectus ING Group dated 28 September 2006) 29 settembre 2006: ING completa la vendita della sua partecipazione (all 83,7%) in Deutsche Hypothekenbank; 17 luglio 2006: ING rende noto l accordo con ABN AMRO Asset Management (Asia) Limited per l acquisizione di ABN AMRO Asset Management (Taiwan) Limited, società operativa nel business della gestione patrimoniale a Taiwan; 3 giugno 2006: ING annuncia l accordo tra ING Belgium e Evolution Group Plc per la vendita della brokerage unit britannica Williams de Broë Plc per 15 milioni di sterline; Altre informazioni: 30 marzo 2006: ING annuncia di aver ottenuto l autorizzazione ad esercitare l operatività assicurativa nel ramo vita in Bulgaria. TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 8

9 Prospettive strategiche Nell Annual Report 2005 ING dichiara di perseguire una strategia di medio-lungo termine che principalmente mira a cogliere le opportunità di sviluppo: del ramo assicurativo nei paesi emergenti, sulla base della crescita del potere economico in Asia ed Europa Centrale; dei servizi pensionistici, sulla base del trend di crescita della domanda determinata dall allungamento delle prospettive di vita della popolazione; del direct banking, sulla base del crescente gradimento da parte dei consumatori di prodotti e servizi tecnologici. Con riferimento agli obiettivi di breve-medio periodo, ING si propone di promuovere principalmente la vendita di prodotti investment-linked, di fondi comuni, assicurazioni di gruppo (group insurance) e prodotti pensionistici, e di puntare a rafforzare la distribuzione dei suoi prodotti in Asia attraverso partnership con banche ed enti finanziari locali. L emittente dichiara inoltre di perseguire il miglioramento dei fondamentali aziendali. TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 9

10 F) Principali azionisti e operazioni concluse con parti correlate alla società Azionisti rilevanti di ING GROEP Al ABN AMRO, Aegon e Fortis avevano una partecipazione in ING (depositary receipts for ordinary shares and for preference shares) superiore al 5% (ed inferiore al 10%). Al ING Groep e le sue controllate detenevano 38,7 milioni di azioni ordinarie (depositary receipts for ordinary shares) di ING Groep N.V.. A marzo 2006 ING ha reso noto di aver raggiunto un accordo con Aegon per il riacquisto di azioni privilegiate (depositary receipts for preference A shares), pari a 89,5 milioni di euro. L accordo ha ricevuto l approvazione da parte dell Assemblea degli azionisti il 25 aprile 2006 (Fonte: Ad agosto 2006 ING ha venduto 2,59 milioni di azioni proprie; a maggio 2006 aveva riacquistato 4,55 milioni di azioni proprie e 1,53 milioni a febbraio (Fonte: Results First Six Months 2006 e Distribuzione del flottante dal punto di vista geografico: Azionisti % di capitale al Gran Bretagna 28% USA e Canada 21% Paesi Bassi 17% Belgio 11% Lussemburgo 8% Francia 6% Svizzera 5% Germania 2% Altri 2% Principali operazioni con parti correlate ING GROEP dichiara che tutte le operazioni con parti correlate sono state effettuate a prezzi di mercato. Transazioni con Joint Ventures e società associate (milioni di euro) Joint ventures Società associate Joint ventures Società associate Crediti Debiti Garanzie emesse in favore di Spese pagate a Utile ricevuto da TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 10

11 Transazioni con ING Bank N.V. e ING Verzekeringen N.V. (milioni di euro) ING Bank N.V ING ING Bank Verzekering N.V. en N.V. ING Verzekering en N.V. Crediti Debiti Garanzie emesse in favore di Spese pagate a Utile ricevuto da TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 11

12 G) Informazioni Finanziarie STATO PATRIMONIALE RELAZIONE BILANCIO ANNUALE CONSOLIDATO SEMESTRALE (milioni di euro) ATTIVO Cassa e disponibilità liquide presso banche centrali Depositi e c/c presso banche Attività finanziarie valutate al fair value Investimenti Finanziamenti e Anticipi a Clienti Contratti di riassicurazione Partecipazioni in società collegate Investimenti immobiliari Immobilizzazioni materiali (Property and equipment) Immobilizzazioni immateriali Commissioni passive differite Deferred acquisition costs Altre attività Totale ATTIVO PASSIVO Patrimonio netto di competenza degli azionisti della società Interessi di minoranza Totale Patrimonio Netto Azioni privilegiate (Preference shares) Prestiti subordianati Titoli di debito (Debt securities in issue) Altri fondi presi a prestito (Other borrowed funds) Contratti di assicurazione e investimento (Insurance and investment contracts) Debiti verso banche (Amounts due to banks) Depositi di clienti e altri fondi su depositi TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 12

13 (Customer deposits and other funds on deposit) Passività finanziarie valutate al fair value Altre passività Totale Passività TOTALE PASSIVITA E PATRIMONIO NETTO Fonte: ING Group Annual Report 2005 e Results First Six Months 2006, redatti secondo i principi contabili IFRS RELAZIONE CONTO ECONOMICO BILANCIO ANNUALE SEMESTRALE CONSOLIDATO (milioni di euro) 1 semestre 1 semestre Ricavi polo assicurativo Ricavi polo bancario Totale ricavi* Costi polo assicurativo Costi polo bancario Totale costi operativi Svalutazioni e altri accantonamenti per rischi su crediti (32) 49 Risultato ante imposte polo assicurativo Risultato ante imposte polo bancario Risultato ante imposte Imposte sul reddito Risultato netto di pertinenza di terzi Risultato netto (utile netto) di pertinenza degli azionisti Fonte: Results First Six Months 2006, redatti secondo i principi contabili IFRS. * Il valore è al netto delle operazioni tra il polo assicurativo ed il polo bancario. TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 13

14 RENDICONTO FINANZIARIO BILANCIO ANNUALE CONSOLIDATO (milioni di euro) RELAZIONE SEMESTRALE 1 semestre semestre 2005 Flusso di cassa generato da attività operative Flusso di cassa generato da attività di investimento (50.306) (72.265) (9.035) (14.605) Flusso di cassa generato da attività finanziaria (1.175) Disponibilità e mezzi equivalenti ad inizio periodo (2.217) Effetto del passaggio ai principi contabili IAS 32/ (Implementation IAS 32/39) Effetto delle variazioni del tasso di cambio 300 (43) (285) 52 Disponibilità e mezzi equivalenti a fine periodo (2.701) Fonte: ING Group Annual Report 2005 e Results First Six Months 2006, redatti secondo i principi contabili IFRS Per un dettagliato commento sulle singole voci di bilancio, sui principi contabili ed i criteri di valutazione adottati, si invita a fare riferimento alle note riportate nei seguenti documenti: ING Group Annual Report 2005 e Results First Six Months TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 14

15 H) Indicazioni complementari Fonte dell'informazione Modalità di accesso all'informazione Tipologie di informazione Esempi Sito emittente Documento costitutivo e statuto dell'emittente Le informazioni finanziarie relative agli esercizi passati dell'emittente Le informazioni relative allo strumento finanziario Bilanci, relazioni semestrali, relazioni trimestrali... Rating, flottante... Sito del mercato EuroNext Informazioni fornite in ottemperanza alla Direttiva 2001/34 e alle disposizioni regolamentari connesse alle società aventi azioni quotate in borsa. Bilanci, relazioni semestrali e trimestrali, calendario eventi societari... L investitore può aderire gratuitamente al servizio News Service atraverso il sito internet TLX Documento di sintesi azione ING GROEP 15

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli