ANNO Bilancio sociale SA AVR S.p.A. Via Francesco Tensi, Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO 2013. Bilancio sociale SA 8000. AVR S.p.A. Via Francesco Tensi, 116 00133 Roma"

Transcript

1 ANNO 2013 Bilancio sociale SA 8000 AVR S.p.A. Via Francesco Tensi, Roma

2 Pag. 2 di 30 Sommario 1. Introduzione DESCRIZIONE DELL ORGANIZZAZIONE Presentazione dell azienda Politica di Responsabilità Sociale Struttura organizzativa e Responsabilità Mappa degli stakeholders REQUISITI DELLA NORMA SA8000 E RISULTATI CONSEGUITI Lavoro infantile Lavoro obbligato Sicurezza e salute Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva Discriminazione Procedure disciplinari Orario di lavoro Retribuzione Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale Politica di Responsabilità Sociale Rappresentanti della direzione e dei lavoratori Pianificazione ed implementazione Riesame della Direzione Verifiche ispettive interne ed esterne Controllo dei fornitori Formazione Problematicità ed azioni correttive Comunicazione esterna Accesso alla verifica e registrazioni Obiettivi... 29

3 1. Introduzione Negli ultimi anni il tema della responsabilità sociale d impresa si è affermato sempre più come un elemento centrale intorno al quale sviluppare l attività d impresa. Gli aspetti etici di correttezza, trasparenza e rispetto dei diritti umani sembrano condizionare in modo crescente l economia ed i sistemi sociali e parallelamente aumenta il ruolo giocato dalle relazioni di tutte le parti interessate (istituzioni, lavoratori, fornitori, clienti, associazioni di categoria, finanziatori, ecc.) con l impresa. Sempre più aziende, dunque, decidono di affermare la propria responsabilità sociale e conquistare la legittimità ad operare nei contesti in cui sono presenti attraverso l implementazione di specifici strumenti di gestione etica: Certificazioni etiche SA8000; Bilanci sociali; Codici etici; Etichette sociali. Sempre rivolta al miglioramento continuo (kaizen) delle proprie prestazioni ed al fine di preparare l organizzazione ad affrontare mercati sempre più complessi, l azienda ha implementato un Sistema di Gestione Integrato (SGI) conforme alle norme ISO 9001:2008 (qualità), ISO 14001:2004 (ambiente), OHSAS 18001:2007 (sicurezza), SA 8000:2008 (etica), la cui certificazione di parte terza è stata conseguita a Luglio In particolare la certificazione Etica e di Responsabilità Sociale ci consente di agire ed operare sul mercato nel rispetto di principi e valori quali la correttezza, la trasparenza, il rispetto dei diritti dei lavoratori, la salute e sicurezza. L'impegno ''etico'', per la ns. Azienda, costituisce una nuova ulteriore leva competitiva coerente con uno sviluppo sostenibile. La Responsabilità Sociale ci impegna ad andare oltre il rispetto delle normative vigenti e ad integrare le problematiche sociali ed ambientali nella nostra strategia, nella operatività quotidiana e nei rapporti con gli stakeholders di riferimento. Il presente documento si prefigge l obiettivo di assolvere al bisogno d informazione e trasparenza nei confronti di tutte le parti interessate (stakeholders) allo scopo di: rendere nota la Politica di responsabilità sociale dell azienda; permettere una maggiore conoscenza degli impegni che AVR S.p.A. si assume in ambito di responsabilità sociale adeguandosi allo standard SA8000; fornire alla Direzione aziendale uno strumento utile per il riesame interno e la verifica del raggiungimento degli obiettivi aziendali; evidenziare il miglioramento continuo della gestione aziendale attraverso i trend degli indicatori adottati. I principi che guidano la redazione del Bilancio SA8000 sono i seguenti: periodicità: il Bilancio SA8000 è stato strutturato in modo da poter essere aggiornato e pubblicato alla fine di ogni anno, contestualmente alla presentazione del Bilancio d'esercizio; rilevanza e significatività: i risultati aziendali vengono presentati attraverso l'utilizzo di informazioni e indicatori che permettano di descrivere in modo puntale la conformità rispetto ai requisiti SA8000;

4 Pag. 4 di 30 comprensibilità, completezza ed accuratezza: le informazioni e i dati che il Bilancio SA8000 presenta coprono tutti i requisiti della norma SA8000 e sono esposti in modo da essere chiari e comprensibili a tutte le parti interessate; comparabilità: dove possibile, gli indicatori riportati nel Bilancio SA8000 vengono comparati con quelli di almeno i due periodi precedenti e con indicatori di settore; fedele rappresentazione: il Bilancio SA8000 è approvato dalla Direzione, che si assume la responsabilità delle informazioni in esso contenute. Il Bilancio SA8000 si struttura in tre parti: 1. la parte prima illustra le principali attività aziendali, la Politica di Responsabilità Sociale approvata dalla Direzione e la struttura organizzativa posta in essere per rispondere alla norma SA8000; 2. la seconda parte descrive, per ciascun requisito della norma SA8000, le azioni e le attività poste in essere dall'azienda per garantirne il rispetto e la conformità; 3. la terza parte descrive il Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale implementato; infine, viene presentato il Piano di Miglioramento con il dettaglio degli obiettivi futuri che si intendono perseguire nell'ottica del miglioramento continuo del Sistema. Il Bilancio SA8000 si rivolge a tutti gli stakeholders di AVR S.p.A. (clienti, fornitori, dipendenti, istituzioni,sindacati, ecc.) e la sua diffusione è garantita attraverso la pubblicazione dello stesso sul sito web dell'organizzazione.

5 Pag. 5 di DESCRIZIONE DELL ORGANIZZAZIONE 2.1 Presentazione dell azienda AVR S.p.A., come ben sapete, è un impresa che si occupa di opere e servizi per le strade e per l ambiente. Nel settore stradale AVR realizza ed esegue in modo diretto e autonomo opere e servizi per la gestione, la manutenzione e la costruzione di strade urbane ed extraurbane e autostrade, tra cui edilizia stradale (interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e realizzazione di pavimentazioni, giunti di dilatazione e opere d arte), segnaletica orizzontale, verticale e luminosa, impianti di illuminazione ed impianti idraulici, sicurezza stradale (installazione e ripristino dei dispositivi di ritenuta stradali), servizi di viabilità, sorveglianza, pronto intervento, operazioni invernali nonché servizi di governo tra cui progettazione, pianificazione, programmazione, controllo e rendicontazione delle attività eseguite anche grazie all utilizzo di un complesso Sistema Informativo. AVR dispone inoltre di Call Center localizzati e specializzati e di una Sala Controllo centrale che consente un operatività in tempo reale h24 per 365 giorni all anno. Nell ambito dei propri contratti AVR abbina alle capacità operative e gestionali competenze amministrative e legali applicate all intero ciclo delle responsabilità e delle attività derivanti dalla custodia di un bene (sinistri passivi e attivi, manomissioni, concessioni, etc.). AVR ha introdotto inoltre tra i servizi offerti i rilievi stradali ad alto rendimento dotandosi di un veicolo dedicato equipaggiato per il rilievo e analisi dati relativi alla sede stradale. Nel settore ambientale AVR svolge servizi di igiene urbana (raccolta e trasporto rifiuti, spazzamento, gestione centri di raccolta, etc.) per oltre 20 Comuni di piccole, medie e grandi dimensioni con un totale di circa abitanti serviti in Lazio, Lombardia, Toscana e Calabria. Svolge inoltre interventi di bonifica e pronto intervento ambientale a fronte di sversamenti e perdite di carico a seguito di incidenti, protezione e riqualificazione ambientale, servizi per la realizzazione e la manutenzione di aree a verde, arredo urbano e ingegneria naturalistica. Nel corso del 2013 AVR ha inoltre approfondito la presenza nel settore degli impianti di trattamento, selezione e stoccaggio dei rifiuti, dove già dall acquisizione della partecipazione di Teorema S.p.A. nel 2006 dispone di un impianto presso Acquaviva delle Fonti (Bari), avviando attraverso la società controllata Ricreo S.r.l. un nuovo impianto a Capurso (Bari) per la selezione, il trattamento e lo stoccaggio dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata. AVR IN BREVE SEDI AZIENDALI Le sedi territoriali sono da considerare come sedi principali, le sedi locali come sedi secondarie ROMA RM Sede Legale, Direzionale e Amministrativa ROMA RM Sede Territoriale ALTOPASCIO LU Sede Territoriale PISA PI Sede Locale EMPOLI FI Sede Locale RONCOBILACCIO FI Cantiere REGGIO CALABRIA RC Sede Territoriale ARESE MI Sede Locale CHIUDUNO BG Sede Locale

6 Pag. 6 di 30 Principali indicatori economici VALORE DELLA PRODUZIONE EBITDA (MOL) EBIT (Reddito Operativo) UTILE NETTO RIPARTIZIONE PERSONALE AVR Personale in ULA DIRIGENTI QUADRI TECNICI E IMPIEGATI di cui LAUREATI OPERAI TOTALE RIPARTIZIONE DEL PARCO MEZZI AZIENDALE ANNO Lazio Toscana Calabria Lombardia Polonia TOTALE CERTIFICAZIONI DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE NORMA di RIFERIMENTO Descrizione Anno prima certificazione ISO 9001:2008 Qualità 2003 ISO 14001:2004 Ambiente 2010 OHSAS 18001:2007 Sicurezza 2010 SA8000:2008 Etica 2010 ATTESTAZIONI SOA Categoria Descrizione Classe OG1 Edifici civili e industriali II OG3 Strade, autostrade, ponti, viadotti, ferrovie, metropolitane VI 1 Unità Lavorative Annue Valori arrotondati all intero più vicino

7 Pag. 7 di 30 OG12 Opere ed impianti di bonifica e protezione ambientale I OG13 Opere di ingegneria naturalistica IV OS10 Segnaletica stradale non luminosa IV OS11 Apparecchiature strutturali speciali III-BIS OS12-A Barriere e protezioni stradali IV OS21 Opere strutturali speciali I OS24 Verde e arredo urbano IV ISCRIZIONI ALBO GESTORI AMBIENTALI Categoria Classe Attività autorizzata 1 B 4 B 5 C 8 C Raccolta e trasporto rifiuti urbani e assimilabili (popolazione complessivamente servita inferiore a abitanti e superiore o uguale a abitanti). Raccolta e trasporto rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi (quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a tonnellate e inferiore a tonnellate) Raccolta e trasporto rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi (quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a tonnellate e inferiore a tonnellate) Intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi (quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a tonnellate e inferiore a tonnellate) 9 C Bonifica di siti fino a ,70 10A 10B D D Attività di bonifica di beni contenenti amianto fino a ,52 effettuata sui seguenti materiali: materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi. Attività di bonifica di beni contenenti amianto fino a ,52 effettuata sui seguenti materiali: materiali d'attrito, materiali isolanti, contenitori a pressione, apparecchiature fuori uso, altri materiali incoerenti contenenti amianto. Tra gli stakeholders interni vanno annoverati il Consiglio di Amministrazione (3 componenti), il Collegio Sindacale (3 componenti effettivi + 2 supplenti) e tutto il personale dipendente. Rispetto agli stakeholders interni la responsabilità sociale dell'impresa si manifesta e si afferma nel garantire il rispetto delle regole, nel coinvolgimento e nella fiducia reciproca, in un clima aziendale idoneo a favorire la maggior tutela possibile dei dipendenti e dei collaboratori, nella volontà di favorire la crescita di competenze di ciascuno. Principali stakeholders esterni sono invece i clienti (prevalentemente pubblici), i fornitori, le istituzioni pubbliche, gli enti di attestazione/certificazione, gli istituti di credito, i sindacati.

8 Pag. 8 di Politica di Responsabilità Sociale La Politica Integrata (relativa non solo alla Responsabilità sociale ma rivolta anche alla Qualità, alla Sicurezza ed all Ambiente) di AVR S.p.A. si fonda infatti su quattro principi che riteniamo essere elementi portanti della valorizzazione e della redditività odierna e futura dell azienda: la Soddisfazione dei nostri Clienti come uno degli obiettivi fondamentali alla base dell impegno quotidiano e della professionalità di tutte le persone che operano in azienda; la tutela dell Ambiente come uno dei criteri che concorrono al processo decisionale aziendale, non solo a garanzia della conformità legislativa ma per una più ampia eco-sostenibilità dell azienda nel suo complesso; il ragionevole e costante miglioramento delle attività di prevenzione e protezione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro, perché la garanzia di un lavoro sicuro è il primo obbligo che la nostra azienda assume nei confronti dei propri dipendenti; l applicazione e la promozione di una conduzione aziendale eticamente corretta nella convinzione che la nostra azienda possa concretamente partecipare al miglioramento del contesto sociale di cui è parte. Sulla spinta di tali principi che animano la vita quotidiana della nostra azienda, AVR S.p.A. si impegna a: promuovere il miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali, di salute e sicurezza e di responsabilità sociale, al fine di garantire la prevenzione dell inquinamento, degli infortuni e delle malattie lavorative, il rispetto dei diritti dei lavoratori; rispettare le prescrizioni legali e di altro tipo applicabili relative alla gestione dei propri aspetti ambientali, di salute e sicurezza e di responsabilità sociale, compresi i regolamenti internazionali in materia di etica del lavoro e le loro interpretazioni; informare e formare tutto il personale sul Sistema di Gestione Integrato e sulla sua applicazione all interno dell azienda affinché tutti partecipino attivamente al raggiungimento degli obiettivi di miglioramento; promuovere il miglioramento continuo delle proprie prestazioni in termini di qualità dei lavori/servizi offerti attraverso la continua formazione e specializzazione del proprio personale; garantire l affidabilità dei materiali, delle tecniche e delle tecnologie proposte ai propri clienti per soddisfare le loro esigenze; formare il personale affinché lo stesso sia in grado di identificare e ridurre gli impatti sull ambiente derivanti dalle proprie attività, promuovendo ad ogni livello un diffuso senso di responsabilità verso l ambiente; progettare, realizzare e gestire le proprie Sedi tenendo in debito conto le prescrizioni legali, le interazioni con i vari comparti ambientali, con i lavoratori e con il contesto territoriale al fine di tenere sotto controllo e minimizzare gli impatti sull ambiente e i rischi per i lavoratori; promuovere la raccolta differenziata, il riciclo, il risparmio energetico e l utilizzo delle fonti rinnovabili di energia sia verso i propri dipendenti che verso terzi; formare il personale affinché lo stesso sia in grado di identificare e prevenire i rischi connessi alle proprie attività, promuovendo ad ogni livello un diffuso senso di responsabilità verso la propria salute e sicurezza e quella dei propri colleghi;

9 Pag. 9 di 30 garantire la sicurezza delle dotazioni e attrezzature affidate al proprio personale prediligendo l acquisto di dotazioni e attrezzature all avanguardia in termini di salute e sicurezza sul lavoro, se disponibili a costi economicamente accettabili; incoraggiare, per quanto è consentito dal peso commerciale di AVR, i fornitori, subappaltatori e collaboratori a promuovere ed a investire a loro volta nell adozione di un comportamento socialmente responsabile; opporsi ad ogni forma di lavoro infantile o forzato, sfruttamento, ritorsione e discriminazione; comunicare con i clienti, i fornitori e con la popolazione per migliorare la sicurezza, la gestione ambientale e il rispetto dei diritti fondamentali dell uomo e del lavoratore; riesaminare periodicamente tale politica al fine di garantirne la costante conformità e coerenza con la natura, le dimensioni e le caratteristiche degli aspetti ambientali, di salute e sicurezza e di etica sociale propri dell organizzazione, comprese le modifiche alle prescrizioni legali e di altro tipo applicabili. Tali principi definiscono il quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli obiettivi e traguardi per l ambiente, la salute e la sicurezza dei lavoratori e la responsabilità sociale. AVR S.p.A. si impegna a destinare adeguate risorse umane e finanziare alla piena divulgazione della presente politica nonché al raggiungimento degli obiettivi, dei traguardi e del programma definito. In particolare, al fine di divulgare la politica ed attivare un efficace comunicazione, AVR S.p.A. si impegna a riportare la politica e gli obiettivi sul proprio sito web e a sensibilizzare e coinvolgere le aziende a cui vengono affidati processi outsourcing.

10 Pag. 10 di Struttura organizzativa e Responsabilità 2.4 Mappa degli stakeholders Con il termine "stakeholders" si fa riferimento a tutti quei soggetti interni ed esterni all'azienda che hanno un interesse di qualsiasi natura verso l'azienda stessa, che si concretizza in una serie di aspettative, esigenze informative, interessi di natura economica, ecc. Nel grafico seguente vengono riportati i principali stakeholders individuati da AVR S.p.A. al fine di verificare la capacità di rispondere alle esigenze e richieste di ognuno attraverso un dialogo aperto, trasparente e basato sulla fiducia. Gli stakeholders possono essere divisi in due categorie: interni ed esterni. Tra gli stakeholders interni vanno annoverati il Consiglio di Amministrazione (3 componenti), il Collegio Sindacale (3 componenti effettivi + 2 supplenti) e tutto il personale dipendente. Rispetto agli stakeholders interni la responsabilità sociale dell'impresa si manifesta e si afferma nel garantire il rispetto delle regole, nel coinvolgimento e nella fiducia reciproca, in un clima aziendale idoneo a favorire la maggior tutela possibile dei dipendenti e dei collaboratori, nella volontà di favorire la crescita di competenze di ciascuno. Principali stakeholders esterni sono invece i clienti (prevalentemente pubblici), i fornitori, le istituzioni pubbliche, gli enti di attestazione/certificazione, gli istituti di credito, i sindacati.

11 Pag. 11 di 30 C.d.A. Collegio Sindacale Clienti Personale dipendente Cittadini/ Utenti AVR S.p.A. Istituti di credito Istituzioni Fornitori critici Enti di attestazione e certificazione Sindacati Rispetto agli stakeholders esterni la responsabilità sociale si esplicita in maniera variegata e in relazione ai ruoli che ciascuno di essi assume e che può essere sintetizzata nella consapevolezza di interagire con un'impresa la cui attenzione alla Responsabilità Sociale è manifesta, certificata da organismi indipendenti e resa esplicita anche attraverso il Bilancio SA 8000: Clienti - L'azienda considera il cliente come un partner con cui lavorare per la soddisfazione non solo delle sue esigenze, ma anche delle aspettative aziendali, in un clima di trasparenza, di reciproco rispetto e di fiducia. I principali clienti di AVR sono Autostrade per l Italia, ANAS, Provincia di Firenze, Provincia di Reggio Calabria, PISAMO ed i Comuni di Firenze, Pisa, Albino, Arese, Lanuvio, Riano, Morolo, Giuliano, Villa San Giovanni e Condofuri. Fornitori - L'azienda ha strutturato un sistema di selezione e qualifica, monitoraggio e sensibilizzazione dei propri fornitori chiedendo agli stessi di avere rispetto delle regole e degli impegni che la norma

12 Pag. 12 di 30 SA8000 richiede di soddisfare. Sono stati identificati i settori più critici relativamente agli aspetti della Responsabilità Sociale ed a tutti i fornitori critici è stata chiesta la sottoscrizione di una lettera di impegno al rispetto dei principali principi etici. Istituti di credito Nel novero dei fornitori abbiamo voluto selezionare ed evidenziare il ruolo giocato dagli istituti di credito (quelli con cui opera AVR sono Unicredit, BNP e Banco Desio) senza i quali l azienda non potrebbe di fatto operare sul mercato. I rapporti tra le parti richiedono la necessità di rivolgere una particolare attenzione alla comunicazione, al rispetto delle regole, alla reputazione oltre che alla solidità economico-finanziaria dell azienda. Istituzioni L'atteggiamento aziendale nei confronti di tutte le istituzioni con cui interagisce è improntato alla trasparenza, al dialogo ed alla collaborazione. Le principali istituzioni con cui vi sussistono rapporti sono Regioni, Province, Comuni, ASL, Ispettorato del Lavoro, CTP e Vigili del Fuoco delle aree geografiche in cui AVR opera, INPS e INAIL, Camera di Commercio di Roma. Enti di certificazione - Per l'ottenimento della certificazione del proprio sistema di Responsabilità Sociale (e del proprio Sistema Integrato) AVR S.p.A ha scelto come organismo di attestazione RINA S.p.A. Per l attestazione SOA AVR si è rivolta invece alla Delo Sovim S.p.A. Cittadini Nelle attività svolte sia di carattere manutentivo sia di igiene urbana il cliente finale è sempre rappresentato dall utente/cittadino. AVR rivolge un attenzione continua al cittadino ed al territorio in cui opera non solo monitorando la qualità del servizio offerto ma anche mediante campagne di comunicazione/informazione, customer service, sensibilizzazione (nel settore igiene urbana). Sindacati - L'atteggiamento aziendale nei confronti dei Sindacati con cui interagisce è improntato alla trasparenza, al dialogo ed alla collaborazione. In particolare, l'azienda comunica con le organizzazioni maggiormente rappresentative sul territorio che sono elencate nella sezione seguente. Stakeholder Azionisti/Sindaci Personale dipendente Clienti Fornitori Istituzioni Pubbliche/ Enti locali Enti di certificazione Istituti di credito Cittadini Sindacati Argomenti chiave Trasparenza, corretta gestione delle attività Valorizzazione, pari opportunità, formazione e sicurezza Qualità del servizio, correttezza, trasparenza, sicurezza, informazione Qualificazione, impegno etico e sociale Comunicazione trasparente, attenzione al territorio, rispetto delle norme vigenti Qualificazione, rispetto delle regole, impegno etico e sociale Comunicazione, solidità patrimoniale, reputazione, Fruibilità del servizio, correttezza, attenzione al territorio, informazione Corretta gestione dei rapporti lavorativi

13 Pag. 13 di REQUISITI DELLA NORMA SA8000 E RISULTATI CONSEGUITI 3.1 Lavoro infantile Il requisito è integralmente applicato. Non ci sono mai stati né si riscontrano ad oggi casi di dipendenti bambini e/o giovani lavoratori. AVR ha sempre adottato una politica volta solo all assunzione di persone che abbiano raggiunto la maggiore età e che dunque non siano più soggette all obbligo scolastico. Al fine di escludere anche in futuro la possibilità che si possano verificare, per mero errore, situazioni di lavoro minorile, l'azienda ha definito una procedura di recupero dei bambini per i quali si dovesse riscontrare una situazione lavorativa ed una serie di regole per tutelare gli adolescenti e gli studenti che necessitano di lavorare. La procedura prevede una serie di interventi da mettere in atto nel caso in cui si accertasse la presenza di bambini o giovani lavoratori sottoposti a formazione obbligatoria presso uno dei fornitori, e definisce le misure da porre in essere nei confronti di eventuali stagisti e tirocinanti minorenni (numero massimo di ore di lavoro e studio inferiore a 10; possibilità di conciliare lavoro e studio definendo orari di lavoro, preferibilmente part-time, compatibili con il percorso scolastico, affiancamento di un tutore, ecc.). Attualmente tutto il personale operativo risulta essere maggiorenne e AVR S.p.A. non ha riscontrato presso nessun fornitore/cliente situazioni di lavoro minorile, pertanto la procedura risulta non attiva. LAVORO INFANTILE - Obiettivo 2013 Non utilizzo di lavoro infantile e mantenimento degli attuali indicatori di riferimento. L Azienda, qualora accertasse l utilizzo di lavoro infantile, procederà a coinvolgere le autorità pubbliche competenti ed ad attuare tutto quanto previsto dalla procedura Lavoro infantile INDICATORE Composizione organico dell azienda per fasce d età RESPONSABILITA Rappresentante della Direzione SA8000 L azienda in tutto il 2013 non ha impiegato RISULTATO CONSEGUITO personale inferiore ai 18 anni di età LAVORO INFANTILE Obiettivo 2014 Conferma dei risultati 2013

14 Pag. 14 di Lavoro obbligato Il requisito è integralmente applicato. AVR S.p.A. non favorisce né applica alcuna forma di lavoro forzato e obbligato. In particolare, non ci sono mai stati né si riscontrano ad oggi casi in cui l azienda abbia dato sostegno o abbia effettuato il ricorso all utilizzo di lavoro obbligato e/o abbia chiesto depositi di denaro e/o documenti d identità in originale all atto dell assunzione. Il rapporto di lavoro è improntato sulla massima chiarezza e trasparenza. I dipendenti sono assolutamente consapevoli di quanto previsto dalla legislazione vigente e sono a conoscenza delle modalità di scioglimento del contratto di lavoro. In ogni caso i CCNL sono messi a disposizione del personale che li può consultare liberamente. Per assicurare la piena volontarietà e consapevolezza dei diritti e dei doveri dei lavoratori derivanti dal rispettivo contratto di lavoro, inoltre, è stato distribuito a tutti i dipendenti l estratto del CCNL applicato inerente queste tematiche. L Ufficio Amministrazione e Personale è in ogni caso a disposizione di tutto il personale che volesse chiedere informazioni e spiegazioni relative al rapporto di lavoro. L'azienda, in ottemperanza a quanto previsto dalla legislazione cogente e contrattuale in materia, provvede ad erogare anticipi sul TFR nei casi concessi e quando tale richiesta sia eseguita in modo formale, ma mai utilizza prestiti in denaro per "legare" i dipendenti. LAVORO OBBLIGATO Obiettivo 2013 Mantenimento dell attuale situazione di non utilizzo di lavoro obbligato. Denunce di lavoro obbligato o costretto, numero INDICATORE non conformità con la legge sul lavoro obbligato RESPONSABILITA Rappresentante della Direzione SA8000 RISULTATO CONSEGUITO Nessuna denuncia e nessuna NC rilevata LAVORO OBBLIGATO Obiettivo 2014 Mantenimento dell attuale situazione di non utilizzo di lavoro obbligato. 3.3 Sicurezza e salute AVR S.p.A. garantisce ai propri collaboratori un ambiente di lavoro salubre e sicuro e adotta tutte le misure necessarie per prevenire incidenti e danni alla salute. A questo scopo: si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza ed è stata certificata conforme alla norma OHSAS 18001:2007 ha nominato un RSPP e quattro ASPP (e altri 3 sono in fase di formazione); ha eletto 10 Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; ha redatto un Documento di valutazione dei rischi per ogni sede aziendale in conformità alla normativa vigente; ha formato preposti, addetti alla gestione delle emergenze, addetti al primo soccorso in quantità adeguata alle esigenze delle varie sedi aziendali; ha dotato i propri locali di estintori e segnaletica; ha dotato i propri locali di cassette di primo soccorso; ha definito procedure e piani di emergenza per le attività in sede ed in cantiere che periodicamente testa mediante simulazioni AVR S.p.A. effettua inoltre attività di regolare formazione e informazione pre-assuntiva in materia di sicurezza e di salute nonché sulle tematiche principali della responsabilità sociale e si preoccupa che tale

15 Pag. 15 di 30 formazione venga ripetuta in presenza di nuove assunzioni e cambi mansione. Tali attività formative sono state espletate come da programma con la collaborazione dei CTP Roma e Toscana. Non esistendo un ente paritetico per i lavoratori impiegati nel settore dei Servizi Ambientali la formazione è stata svolta mediante corsi tenuti dall RSPP. Al fine di migliorare gli ambienti di lavoro (ad es. uffici, arredi, pulizie) e spazi comuni (ad es. mensa, servizi igienici), AVR negli ultimi anni sta effettuando una serie di investimenti che stanno riguardando le sedi aziendali. Nel 2012, in particolare, sono stati ultimati i lavori di adeguamento della sede di Roma e di Pisa dove sono stati realizzati piazzali più ampi ed aree di stoccaggio più funzionali. E stato, inoltre, affittato un capannone dotato di ufficio più confortevole e grande a Chiuduno (BG) in sostituzione dell area precedentemente utilizzata per il magazzino ed il ricovero dei mezzi. AVR S.p.A. garantisce condizioni salubri di lavoro, bagni puliti e accesso ad acqua potabile in ognuna delle sedi aziendali. AMBIENTE DI LAVORO Obiettivo 2013 Affitto di una sede maggiormente confortevole a Firenze. Fine lavori di adeguamento e ottenimento autorizzazioni PISA. Adeguamento sede di Roma alle prescrizioni per ottenimento CPI INDICATORE Autorizzazioni ottenute RESPONSABILITA Responsabili sedi di Roma e Pisa Eseguite modifiche sull illuminazione a Firenze. RISULTATO CONSEGUITO Individuato consulente per il CPI di Roma. Completato iter autorizzativo su Pisa. AMBIENTE DI LAVORO - Obiettivo 2013 Avvio nuova sede ad Empoli in luogo di quella di Firenze. Reperire una nuova sede più adeguata per RC. Nel 2013 si sono verificati 43 infortuni di durata complessiva 1024 giorni così ripartiti: 11 nella sede di Altopascio di durata complessiva 413 giorni; 3 nella sede di Pisa di durata complessiva 58 giorni; 14 nella sede di Roma di durata complessiva 290 giorni; 13 nella sede di Reggio Calabria di 213 giorni di durata; 2 nella sede di Chiuduno/Arese di durata complessiva 50 giorni; nessun infortunio nella sede legale e nelle altre sedi. Riepilogo infortuni 2013 ALTOPASCIO BERGAMO PISA RC ROMA TOTALE N GG N GG N GG N GG N GG N GG Altro Colpito da Investito da Piede in fallo Punto da Rimasto incastrato/schiacciato Si è tagliato Caduta Totale complessivo

16 Pag. 16 di 30 Dall osservazione delle tabelle presentate si può notare come i principali fattori di rischio a cui il personale (prevalentemente operaio) è esposto sono quelli legati alle cadute/scivolamenti a livello oppure agli urti/punture. FATTORE DI RISCHIO/PERICOLO ALT BG PI RC RM TOTALE Esposizione ad animali da allevamento o stabulario 1 1 Getti, schizzi 1 1 Investimento, ribaltamento Movimentazione manuale dei carichi 2 2 Postura scorretta 1 1 Punture, tagli, abrasioni Scivolamento, caduta a livello Scivolamento, caduta dall'alto 3 3 Urti, colpi, impatti, compressioni (schiacciamenti) Altro 1 1 TOTALE L analisi dei dati del 2013 ha, inoltre, mostrato che gli infortuni sono maggiormente concentrati nel tronco corporeo e sulle mani, ove non polilocalizzati. SEDE DELLA LESIONE ALT BG PI RC RM TOTALE Braccio Collo 1 1 Gamba Mano Occhio 1 1 Piede Polilocalizzata Tronco Testa 1 1 Caviglia Viso Ginocchio 1 1 Gomito 1 1 TOTALE Per effetto degli infortuni occorsi nel 2013 gli indici di frequenza e gravità calcolati secondo le modalità previste dalla norma UNI 7249:2007 sono diminuiti sensibilmente rispetto all anno precedente. Il miglioramento più significativo ha riguardato l indice di gravità che è rientrato al di sotto della soglia del valore obiettivo mentre l indice di frequenza è ancora leggermente al di sopra.

17 Pag. 17 di 30 Analizzando i valori degli indici di frequenza e gravità suddivisi per sede di riferimento si può notare, inoltre, che il miglioramento ha riguardato, seppur in modo diverso, tutte le sedi ad eccezione di Roma.

18 Pag. 18 di 30 INFORTUNI Obiettivo 2013 Indice complessivo di frequenza e gravità inferiori rispettivamente a 40 e 1. Riduzione degli indici di ogni singola sede INDICATORE Indice di frequenza; Indice di gravità RESPONSABILITA Datori di Lavoro, RSPP, Responsabile SGI Aumento dell indice di frequenza da 44,41 a RISULTATO CONSEGUITO Aumento dell indice di gravità da 1,33 a 0,98 INFORTUNI Obiettivo 2014 Indice complessivo di frequenza e gravità inferiori rispettivamente a 38 e 0,95. Riduzione degli indici di ogni singola sede Le visite mediche d idoneità sono state regolarmente effettuate sia al personale neo-assunto sia ai lavoratori in forza come da apposito scadenzario. I dipendenti provvisti di patente C sono stati sottoposti ad alcol-test, tutti con esito negativo. Un campione rappresentativo di autisti patente C è stato sottoposto, inoltre, a drug test con esito negativo. Le principali prescrizioni per il personale operaio hanno riguardato l utilizzo di otoprotettori e la movimentazione manuale dei carichi e sono state nella maggior parte una conferma delle prescrizioni preesistenti. Nel 2013 sono stati effettuati visite sui cantieri da parte di ASL ed enti preposti senza che siano state riscontrate non conformità nell ambito della sorveglianza sanitaria. SORVEGLIANZA SANITARIA Obiettivo 2013 Visite mediche regolarmente eseguite. Nessun caso di malattia professionale. Nessuna Non Conformità da parte di enti di controllo e di certificazione. Continuo adeguamento dei protocolli sanitari alle mansioni svolte dai lavoratori INDICATORE Idoneità alla mansione; Numero test tossicologici RESPONSABILITA Datori di Lavoro, RSPP, Medici competenti RISULTATO CONSEGUITO Tutti i lavoratori sono risultati idonei alla mansione seppure con prescrizioni. Effettuati test tossicologici al 100% degli autisti patente C. Nessuna non conformità riscontrata da parte di enti di controllo e certificazione. Nessun caso di malattia professionale per il quale l azienda sia stata riconosciuta responsabile.

19 Pag. 19 di 30 SORVEGLIANZA SANITARIA Obiettivo 2014 Visite mediche regolarmente eseguite. Nessun caso di malattia professionale. Nessuna Non Conformità da parte di enti di controllo e di certificazione. Continuo adeguamento dei protocolli sanitari alle mansioni svolte dai lavoratori e allineamento con il DVR 3.4 Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva L azienda riconosce a tutti i propri dipendenti il diritto di costituire associazioni sindacali, di aderirvi e di svolgere attività sindacale. Non ci sono mai stati e non ci sono ad oggi casi in cui l azienda abbia ostacolato tale diritto. Il personale aziendale risulta, pertanto, libero di iscriversi a sindacati come confermato dal numero di sigle sindacali presenti in azienda, dal numero costante di iscritti ai sindacati e dalle assemblee svolte in aumento. L azienda garantisce che l adesione ad una organizzazione sindacale non costituisca motivo di discriminazione di alcun tipo e che i lavoratori possano, se vogliono, comunicare liberamente con i rappresentanti sindacali, nei luoghi di lavoro. Al 31 dicembre 2013 risultano iscritti alle varie OO.SS. n. 194 lavoratori su 726 dipendenti dell azienda, pari al 12.95% distribuiti percentualmente per sigla e per sede come illustrato nei grafici seguenti.

20 Pag. 20 di 30 I rappresentanti sindacali godono delle prerogative di legge e dei permessi per l espletamento del loro mandato nei limiti stabiliti dal CCNL. Nel 2013 si sono tenute 13 assemblee retribuite e non si è registrato alcuno sciopero sindacale. LIBERTA DI ASSOCIAZIONE Obiettivo 2013 Confermare la politica aziendale volta alla libertà di associazione e continuare a garantire il diritto alla contrattazione collettiva. Confermare l assenza di scioperi INDICATORE Numero di lavoratori iscritti ai sindacati; Numero di giornate di sciopero. RESPONSABILITA Datori di Lavoro, Rappresentante della Direzione SA8000 RISULTATO CONSEGUITO Il numero di iscritti ai sindacati è rimasto costante. Assenza di scioperi LIBERTA DI ASSOCIAZIONE Obiettivo 2014 Confermare la politica aziendale volta alla libertà di associazione e continuare a garantire il diritto alla contrattazione collettiva. Confermare l assenza di scioperi 3.5 Discriminazione AVR S.p.A. non intende in alcun modo attuare o dare sostegno alla discriminazione nell'assunzione, nella remunerazione, nell'accesso alla formazione, promozione, licenziamento o pensionamento, in base a razza, ceto, origine nazionale, religione, invalidità, sesso, orientamento sessuale, appartenenza sindacale, affiliazione politica, età. L azienda garantisce pari opportunità a tutti i dipendenti e non attua né permette interferenze nella vita loro privata. L etica aziendale non consente di utilizzare negli ambienti lavorativi linguaggi, gesti e/o espressioni che possano ledere e/o offendere la dignità del personale aziendale. Nei grafici sottostanti è rappresentata la ripartizione al 31 dicembre 2013 dell organico aziendale per sesso e nazionalità.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO Premessa Le Parti, nel predisporre questo nuovo contratto collettivo per le aziende del turismo, hanno

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli