LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE"

Transcript

1 manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore Roberta INDICE del manuale DESCRIZIONE GENERALE Pag. 3 ANALISI DEI RISCHI Pag. 9 CONTROLLO E MONITORAGGIO DEI PUNTI CRITICI Pag. 14 LIMITI CRITICI, AZIONI CORRETTIVE, DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA Pag. 17 progetto della classe V B coordinato dal prof. Demaria Angelo - area di progetto a.s. 2012/13

2 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 2 DESCRIZIONE GENERALE DEL LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE LOCALI ORGANIGRAMMA ATTIVITA / PRODOTTI AZIENDALI

3 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 3 LOCALI / ATTREZZATURA Il laboratorio di trasformazione è costituito da due locali contigui e dal locale dei servizi igienici. L' attrezzatura presente nei locali è la seguente: 2 tavoli in acciaio inox piano di cottura con piastra elettrica lavello in acciaio con doppia vasca smielatore centrifugo inox contenitore inox per il miele taglieri e coltelli pellicole per l' imballaggio ciotole/contenitori in plastica lavastoviglie refrigeratore Nel locale adibito al ricovero delle macchine agricole è disponibile una cella frigorifera. ATTIVITA /PRODOTTI Le attività, che durante l anno scolastico si andranno a svolgere, variano a seconda del periodo annuale e si possono così elencare: miele mostarde/marmellate/conserve ortaggi di quarta gamma Nel successivo capitolo del manuale H.A.C.C.P. le attività di trasformazione di ciascun processo produttivo saranno schematizzate con i rispettivi DIAGRAMMI DI FLUSSO.

4 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 4 I prodotti ottenuti sono destinati alla vendita all esterno (miele,mostarde/marmellate/conserve); all interno dell'istituto (miele, ortaggi di IV gamma, conserve, confetture e marmellate) Le figure che potranno accedere ed utilizzare il laboratorio sono: i docenti dell' Istituto, a seguito di specifici Progetti didattici il personale tecnico dell' azienda gli alunni delle classi dell'istituto coinvolte nelle varie fasi di trasformazione gli alunni di altre scuole interessate ad esperienze di Fattoria didattica

5 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 5 ORGANIGRAMMA H.A.C.C.P.

6 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 6 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI MARMELLATE/MOSTARDA/CONSERVE le materie prime derivano dalle attività colturali presso l'azienda dell'istituto o da fornitori esterni con certificazione

7 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 7 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI MIELE derivante dalle attività apicole condotte nell'azienda agraria dell'istituto

8 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 8 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI ORTAGGI di IV GAMMA provenienti dalle coltivazioni dell'azienda dell'istituto o da fornitori esterni con certificazione

9 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 9 ANALISI DEI R I S C H I

10 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 10 modalità di QUALIFICAZIONE E QUANTIFICAZIONE del RISCHIO L individuazione dei pericoli di ogni fase deve includere una analisi dei rischi basata su parametri il più possibile misurabili. In genere, si considera il prodotto numerico fra due elementi: la probabilità che l evento si manifesti (P) e l entità del danno che ne può conseguire (G): R= P x G Valore di rischio (gravità del danno = G) Viene assegnato un punteggio da 1 a 3, in base a quanto segue: 1 Il danno si risolve facilmente, senza farmaci e senza andare in ospedale. 2 Il danno implica il ricorso a cure/ospedale. 3 Il danno provoca malattie gravi/permanenti e/o morte. Probabilità (= P): Viene assegnato un punteggio da 1 a 3, in base a quanto segue: 1 L evento non si è mai verificato. 2 L evento si è verificato1-2 volte negli ultimi 10 anni. 3 L evento si è verificato più di 2 volte negli ultimi 10 anni. Gravità del danno probabilità Rischio da tenere sotto controllo

11 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 11 Analisi rischi MOSTARDA/MARMELLATE/CONSERVE FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Raccolta materie prime A Trasporto B Stoccaggio C presenza di residui di fitofarmaci 6 X / / / abbassamento termico 4 X Locali di lavorazione e trasformazione F Invasettamento a caldo G contaminazioni microbiche di attrezzi e piani da lavoro; contaminazione da parte degli operatori; presenza di scarafaggi e mosche Presenza di materiale/ frammenti estranei nei vasetti di vetro utilizzati 4 X 3 X Confezionamento e vendita E / / /

12 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 12 Analisi rischi MIELE FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Prelievo dei mielari dalle arnie A Smielatura con centrifuga in acciaio inox B Stoccaggio in contenitori inox C / / X Presenza di muffa o organismi all interno dello smielatore 1-2 X / 1-2 X Invasettamento in vasetti di vetro D Presenza di materiali estranei 3 X Confezionamento stoccaggio vendita E / / X

13 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 13 Analisi rischi ORTAGGI IV GAMMA FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Acquisto/ raccolta A Stoccaggio in idonei frigoriferi B Ortaggi contaminati/ nitrati Abbassamento termico 6 X 2 X Trasferimento nei locali C / / / Selezione, lavaggio e taglio D Inquinamento/ contaminazione dalle attrezzature utilizzate 6 X Confezionamento E materiale non idoneo al confezionamento / X Stoccaggio e conservazione F abbassamento termico improvviso nelle celle frigorifere; ingresso di aria nelle confezioni. 2 X

14 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 14 CONTROLLO E MONITORAGGIO DEI PUNTI CRITICI

15 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 15 A) Procedure di controllo delle materie prime INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA Selezione fornitore in base Responsabile di laboratorio e Dichiarazione di conformità alla documentazione di responsabile H.A.C.C.P. firmate da ogni fornitore conformità fornita Controllo delle tecniche colturali adottate presso l Azienda dell Istituto, per gli ortaggi e la frutta prodotta dall Azienda stessa Controllo visivo delle materie prime (uva, mostarda, miele, ortaggi di IV gamma) Responsabile laboratorio H.A.C.C.P Addetti tecnici dell azienda che raccolgono i prodotti. Autodichiarazione e registro di campagna. Redarre una scheda apposita ( scheda visiva). B) Procedura di controllo sul funzionamento delle celle frigorifere INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA Controllo visivo quotidiano Aiutante tecnico Scheda predisposta allegata al dei termometri all interno Giorgio Faganelli manuale delle celle C) Procedure di controllo igienico dei locali di lavoro e dei relativi arredi ( piano di lavoro, piano di cottura e lavandino) INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA ogni qualvolta si utilizza il laboratorio si deve attuare il lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro con prodotti ad azione disinfettante non tossici per l uomo Aiutante tecnico Giorgio Faganelli Scheda specifica allegata al manuale controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti controllo microbiologico del laboratorio attraverso campionature (tamponi) trimestrali e relativa analisi quali -quantitativa in laboratorio Responsabile laboratorio Roberta Cantatore Responsabile laboratorio Roberta Cantatore Scheda specifica allegata al manuale Scheda richiesta dal laboratorio di analisi

16 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 16 D) Procedure di controllo delle attrezzature e dei materiali per il confezionamento INTERVENTI PREVISTI Controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma Controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento PERSONALE INCARICATO Aiutante tecnico Giorgio Faganelli Responsabile confezionamento (docente/assistente tecnico che segue il processo) DOCUMENTI DI VERIFICA Scheda di controllo su questi materiali ed attrezzature compilata dopo ogni utilizzo, visionata e firmata dal responsabile H.A.C.C.P. Scheda di conformità dei contenitori, firmata - prima del rispettivo utilizzo - dal responsabile H.A.C.C.P. E) Procedure di controllo formazione/informazione degli operatori INTERVENTI PREVISTI Formazione iniziale di alunni ed addetti su funzioni, obblighi e procedure correlate al presente manuale H.A.C.C.P. Formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi o frequenti PERSONALE INCARICATO RESPONSABILE H.A.C.C.P. RESPONSABILE H.A.C.C.P. DOCUMENTI DI VERIFICA Scheda sulla formazione/informazione Scheda sulla formazione/informazione

17 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 17 LIMITI CRITICI AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA

18 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 18 Procedura di CONTROLLO DELLE MATERIE PRIME PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : presenza di residui di fitofarmaci PROCEDURE DA ATTUARE: Selezione fornitore in base alla documentazione di conformità fornita, controllo delle tecniche colturali adottate presso l Azienda dell Istituto e del relativo registro di campagna, per gli ortaggi e la frutta prodotta dall Azienda stessa. LIMITI CRITICI: mancanza/difetto della autocertificazione da parte di fornitori esterni o del registro di campagna per i prodotti dell azienda annessa all Istituto. AZIONI CORRETTIVE: sospendere l utilizzo delle suddette materie prime, chiedere la suddetta certificazione, sostituire il fornitore se la non conformità persiste, compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: autodichiarazione del personale dell azienda o autocertificazione dei fornitori esterni, scheda di controllo materie prime (allegato 1); PUNTI CRITICI Presenza di residui di fitofarmaci PROCEDURE DI CONTROLLO Controllo e selezione fornitore LIMITI CRITICI mancanza / difetto autocertificazione e/o registro di campagna AZIONI CORRETTIVE non utilizzo delle suddette materie prime chiedere la certificazione sostituire il fornitore DOCUMENTI Autocertificazione Scheda (allegato 1) Scheda (allegato3)

19 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 19 Procedura di CONTROLLO DELLE CELLE FRIGORIFERE PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : abbassamento termico durante le fasi di stoccaggio e/o conservazione. PROCEDURE DA ATTUARE: dotare la cella frigorifera di un termometro a sonda e controllarlo quotidianamente. LIMITI CRITICI: temperatura della cella superiore a 4 C. AZIONI CORRETTIVE: controllo organolettico dei prodotti conservati all interno ed eventuale eliminazione; riparazione tecnica della cella frigorifera o sostituzione della stessa, compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo celle frigorifere (allegato 2) PUNTI CRITICI abbassamento termico durante le fasi di stoccaggio e/o conservazione PROCEDURE DI CONTROLLO dotare la cella frigorifera di un termometro a sonda e controllarlo quotidianamente LIMITI CRITICI temperatura della cella superiore a 4 C. AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTI controllo organolettico dei prodotti Scheda (allegato 2) riparazione/ sostituzione della cella Scheda (allegato3) frigorifera

20 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 20 Procedura di controllo igienico di LOCALI ED ARREDI PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : contaminazioni microbiche dannose di locali, attrezzi e piani da lavoro; presenza di topi, scarafaggi e mosche. PROCEDURE DA ATTUARE: ogni qualvolta si utilizza il laboratorio si deve attuare la pulizia con il lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro con prodotti ad azione disinfettante non tossici per l uomo e dotati di regolare scheda di conformità; derattizzazione e disinfestazione annuale con prodotti chimici corredati di scheda di conformità; tenere i serramenti chiusi quando non si usa il laboratorio per contrastare la presenza di mosche; controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti; controllo microbiologico del laboratorio attraverso campionature (tamponi) trimestrali e relativa analisi quali -quantitativa in laboratorio. LIMITI CRITICI: presenza su pavimento, piani di lavoro ed attrezzature di animali e/o residui organici di origine animale; presenza visibile sui muri o sui piani di lavoro di muffe; mancanza o incompletezza dei documenti di controllo/verifica predisposti; carica batterica eccessiva AZIONI CORRETTIVE: rimozione/eliminazione immediata dei residui organici; intervento conseguente di pulizia, disinfezione/disinfestazione/derattizzazione a seconda della anomalia riparazione; informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7); compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo pulizia locali, piani di lavoro ed attrezzature(allegato 4); scheda di certificazione degli interventi di derattizzazione/disinfestazione dei locali (allegato 5); scheda di controllo microrganismi (allegato 6) ; schede tecniche dei prodotti utilizzati negli interventi sopra indicati PUNTI CRITICI Eccessiva presenza di microrganismi dannosi; presenza di topi, scarafaggi e mosche. PROCEDURE DI CONTROLLO Lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro; derattizzazione e disinfestazione annuale ; contrastare la presenza di mosche; controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti; controlli della carica microbica LIMITI CRITICI Presenza di animali e/o residui organici; presenza di muffe; mancanza o incompletezza dei documenti di controllo/verifica predisposti; carica batterica eccessiva AZIONI CORRETTIVE rimozione/eliminazione immediata dei residui organici pulizia, disinfezione/disinfestazio ne/derattizzazione informazione/formazione del personale o degli allievi DOCUMENTI Scheda (allegato3) Scheda (allegato4) Scheda (allegato5) Scheda (allegato6); Schede tecniche dei prodotti utilizzati Scheda (allegato 7)

21 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 21 Procedura di controllo DELLE ATTREZZATURE E DEI MATERIALI PER IL CONFEZIONAMENTO PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI: presenza di muffa o altri organismi all interno dello smielatore; contaminazione prodotta dalle attrezzature impiegate (stoviglie, taglieri, forbici, contenitori, ecc...) ; materiali per il confezionamento con presenza di materiale/frammenti estranei o non idonei alla conservazione degli alimenti. PROCEDURE DA ATTUARE: controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma; controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento; controllo visivo dell integrità e della pulizia dei contenitori LIMITI CRITICI: oltre il 3% di contenitori con sporcizia evidente/frammenti estranei; contenitori non certificati per la conservazione degli alimenti; presenza di sporcizia, muffe e/o ruggine sulle attrezzature. AZIONI CORRETTIVE: immediato lavaggio dell'attrezzatura sporca con idonei detergenti o. se non lavabile, eliminazione; eliminazione e sostituzione dei contenitori; informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) ; compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo pulizia locali, piani di lavoro ed attrezzature (allegato 4); schede tecniche dei prodotti utilizzati negli interventi sopra indicati. PUNTI CRITICI PROCEDURE DI CONTROLLO LIMITI CRITICI AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTI Presenza di muffa o altri organismi nello smielatore; contaminazione prodotta dalle attrezzature impiegate; materiali per il confezionamento non idonei Controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma; controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento; controllo visivo dell integrità e della pulizia dei contenitori Oltre il 3% di contenitori con sporcizia evidente/frammenti estranei; contenitori non certificati per la conservazione degli alimenti; presenza di sporcizia, muffe e/o ruggine sulle attrezzature immediato lavaggio/eliminazione dell'attrezzatura eliminazione e sostituzione dei contenitori informazione/formazione del personale o degli allievi Scheda (allegato3) Scheda (allegato4) Schede tecniche dei prodotti utilizzati Scheda (allegato 7)

22 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 22 Procedura di controllo FORMAZIONE/INFORMAZIONE DEGLI OPERATORI PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI: attività di laboratorio condotte dagli alunni senza conoscere i principi generali dell'h.a.c.c.p. ; operazioni non controllate e monitorate dai propri Docenti; il personale Docente o tecnico durante le proprie attività nel laboratorio di trasformazione non applica correttamente le procedure previste dal manuale H.A.C.C.P. PROCEDURE DA ATTUARE: formazione ed informazione preliminare svolta dalla Responsabile H.A.C.C.P. nei confronti di alunni, tecnici dell'azienda agraria e docenti che utilizzano il laboratorio, su funzioni, obblighi e procedure correlate al presente manuale H.A.C.C.P. ; formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi e/o frequenti LIMITI CRITICI: frequenza di anomalie e non conformità oltre 10 / anno scolastico AZIONI CORRETTIVE: informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) ; compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) PUNTI CRITICI Attività di laboratorio condotte dagli alunni senza conoscere i principi generali dell'h.a.c.c.p. ; operazioni non controllate e monitorate dai Docenti; il personale Docente o tecnico non applica correttamente le procedure previste dal manuale PROCEDURE DI CONTROLLO Formazione/ informazione preliminare svolta dalla Responsabile H.A.C.C.P. nei confronti di alunni, tecnici dell'azienda e docenti che utilizzano il laboratorio; formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi e/o frequenti LIMITI CRITICI anomalie e non conformità oltre 10/'anno scolastico AZIONI CORRETTIVE informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili DOCUMENTI Scheda (allegato 7)

23 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 23 Allegato 1) SCHEDA DI CONTROLLO MATERIE PRIME N data PRODOTTO (P1) da fornitori esterni (P2) dall Azienda dell Istituto Penna P 1 : certificazione / autodichiarazione conforme? si no AZIONI CORRETTIVE INTRAPRESE (se NON conforme) P 2 : registro di campagna/autodichiarazione conforme? si no AZIONI CORRETTIVE INTRAPRESE (se NON conforme) NOTE (firme di controllo) Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

24 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 24 Allegato 2) SCHEDA DI CONTROLLO CELLE FRIGORIFERE N mese di anno data ora Temperatura della cella > 4 C azioni correttive Firma di chi effettua il controllo Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

25 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 25 Allegato 3) SCHEDA DELLE NONCONFORMITA N data PROCEDURA di riferimento PROCESSO PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE MIELE ORTAGGI IV GAMMA Tipologia/e della NON CONFORMITA INTERVENTI CORRETTIVI PREVISTI ED ATTUATI 1) 2) 3) ESITO DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI NON CONFORMITA COMPLETAMENTE RISOLTA/SUPERATA PARZIALMENTE RISOLTA/SUPERATA NON RISOLTA/SUPERATA ALTRO Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

26 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 26 Allegato 4) SCHEDA DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA N anno periodo dal al data ora Tipo di intervento e LOCALI/ARREDI/ATTREZZATURA prodotto eventualmente oggetto dell intervento utilizzato Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

27 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 27 Allegato 5) SCHEDA INTERVENTI DI DERATTIZZAZIONE/DISINFESTAZIONE N periodo dal al data ora LOCALI oggetto dell intervento Tipo di intervento e prodotto utilizzato Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

28 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 28 Allegato 6) SCHEDA DI CONTROLLO MICRORGANISMI (BATTERI E MUFFE) N periodo dal al data ora LOCALI oggetto dell intervento Tipologia di controllo Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

29 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 29 Allegato 7) SCHEDA PER ATTIVITÀ DI FORMAZIONE/ INFORMAZIONE N data ATTIVITA' A1 formazione (CORSO) A2 informazione RIVOLTA A : docenti personale tecnico dell'azienda alunni MOTIVAZIONI/FINALITA' ARGOMENTI TRATTATI NOTE (firme dei soggetti destinatari ) Responsabile H.A.C.C.P.

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Tirocinio formativo in Azienda per Alternanza Scuola Lavoro dal 28/04/12 al 17/06/12 (fine settimana fino al 03 giugno e dal 09 al 17 Giugno)

Tirocinio formativo in Azienda per Alternanza Scuola Lavoro dal 28/04/12 al 17/06/12 (fine settimana fino al 03 giugno e dal 09 al 17 Giugno) I,P.P.S.A.R "L. Carnacina" 37011 - BARDOLINO (VR) via Europa Unita 045/6213311 Fax 045/7210132 Sezione Associata: 37067 Valeggio sul Mincio (VR) Via Centro, 1 0456370592 r.a. - 0456379919 Tirocinio formativo

Dettagli

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO 0 04/2002 1 di 6 DICHIARAZIONE DEL TITOLARE L Amministrazione della MCS S.r.l. garantisce il livello di Qualità dei suoi prodotti, rispondendo alle richieste ed alle esigenze dei Clienti. La Qualità, secondo

Dettagli

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 PIANO HACCP FARMACIE LISTA DI CONTROLLO Commento: DATI IDENTIFICATIVI : DENOMINAZIONE RAGIONE SOCIALE Legale Rappresentante Sede Generalità E presente l intestazione? SI/_/ (nella pagina di copertina deve

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione..

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione.. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6 DESTINATARI emissione. Redazione.. Approvazione Distribuzione. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 2 di 6 1. SCOPO E APPLICAZIONE La presente Procedura è riferita alle

Dettagli

IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE

IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE Nell ambito di una completa prevenzione della sute e della sicurezza sul lavoro e della gestione delle attività ambienti dell impresa sviluppate sistema informativo

Dettagli

LABORATORIO DI SMIELATURA CONSORTILE DI SIENA

LABORATORIO DI SMIELATURA CONSORTILE DI SIENA L Apicoltura Moderna in Pillole Venerdì 11 marzo 2011- Roma LABORATORIO DI SMIELATURA CONSORTILE DI SIENA UNA REALTA TOSCANA Serena Rocchi, veterinario libero professionista esperto apistico email: serena.rocchi@gmail.com

Dettagli

Giampaolo Giunta Azienda USL 5 Grosseto

Giampaolo Giunta Azienda USL 5 Grosseto DGRT 416/2013 Piano Formativo Regionale Evento N 2 Il controllo ufficiale degli stabilimenti riconosciuti: dalla verifica di conformità alla valutazione di efficacia Lista riscontro HACCP ALCUNI ESEMPI

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014 Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine ASL Bergamo 10 dicembre 2014 1 Riferimenti Normativi e Gestione in Autocontrollo ASL Bergamo Servizio Igiene e Sanità Pubblica 10 dicembre 2014 2 QUALE NORMATIVA

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2 MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2 2. passi preliminari...2 2.1 DEFINIZIONE DEI TERMINI DI RIFERIMENTO...3 2.2 COSTITUZIONE DEL GRUPPO HA...3 2.3 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO...3 2.4 IDENTIFICAZIONE DELLA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI OBIETTIVI DELL AUTOCONTROLLO ALIMENTARE Applicando quanto previsto dal Reg. CE 852/04

Dettagli

Piano dell autocontrollo D.Lgs. 155/97

Piano dell autocontrollo D.Lgs. 155/97 REFETTORIO SCUOLA ELEMENTARE FRATELLI RIZZI Piazza Brenna - PROSERPIO Piano dell autocontrollo D.Lgs. 155/97 Data elaborazione documento: Settembre 2012 V revisione piano del 2001 Redattore: Responsabile

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

La norma ISO 7218:2007

La norma ISO 7218:2007 La norma ISO 7218:2007 Novità ed implicazioni nella gestione del laboratorio Dr. Angelo Viti ROMA ISS 19-20- Dicembre 2009 Angelo Viti 1/22 Angelo Viti 2/22 Organizzazione generale di un laboratorio di

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

MODALITA FUNZIONAMENTO COMMISSIONE CONTROLLO MENSA SCOLASTICA

MODALITA FUNZIONAMENTO COMMISSIONE CONTROLLO MENSA SCOLASTICA MODALITA FUNZIONAMENTO COMMISSIONE CONTROLLO MENSA SCOLASTICA ART.1 OBIETTIVI Il Comune di Montereale Valcellina istituisce una Commissione Consultiva per il controllo del servizio mensa, con l obiettivo

Dettagli

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 LE NON CONFORMITA NON CONFORMITA CRITICA MAGGIORE MINORE DEVIAZIONE Deviazione di importanza

Dettagli

Tecnologie Alimentari. FTC15 Linea Lavorazione Miele

Tecnologie Alimentari. FTC15 Linea Lavorazione Miele Didacta Italia Tecnologie Alimentari FTC15 Linea Lavorazione Miele ISO9001:2000 Didacta Italia Srl - Strada del Cascinotto, 139/30-10156 Torino Tel. (011) 273.17.08 273.18.23 - Fax (011) 273.30.88 e-mail:

Dettagli

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Allegato 3 - Guida per la valutazione uniforme dell autocontrollo INDICE I Introduzione... 1 A.... 1 B. La documentazione generale

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 L' articolo 10, comma 5, della legge 21 dicembre 1999 n. 526 " Legge comunitaria per il 1999 ", prevede

Dettagli

Le modalità di individuazione e gestione dei CCP

Le modalità di individuazione e gestione dei CCP Le modalità di individuazione e gestione dei CCP Pietro Noè Ministero della Salute CODEX ALIMENTARIUS - PROCEDURE PER CONTROLLO ALIMENTI.pdf HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) (analisi dei

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE ED AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO

CONTROLLO UFFICIALE ED AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO CONTROLLO UFFICIALE ED AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO Il controllo ufficiale dei prodotti alimentari riguarda tutte le fasi della produzione, fabbricazione, lavorazione, magazzinaggio, trasporto, distribuzione,

Dettagli

Associazione Biologi Piemonte Dr.ssa Franca Di Giovanni BIOLEADER srl Rete Biolab

Associazione Biologi Piemonte Dr.ssa Franca Di Giovanni BIOLEADER srl Rete Biolab Corso di Formazione 2014 CORSO HACCP DALLA NORMATIVA ALL APPLICAZIONE PRATICA Associazione Biologi Piemonte Dr.ssa Franca Di Giovanni BIOLEADER srl Rete Biolab I PUNTI DELLA TRATTAZIONE Il Manuale di autocontrollo

Dettagli

REGOLE PER LA LAVORAZIONE

REGOLE PER LA LAVORAZIONE REGOLE PER LA LAVORAZIONE La manipolazione degli alimenti deve essere ridotta al minimo indispensabile Usare piani di lavoro ed utensili differenti per carni rosse e pollame carni e verdure crude prodotti

Dettagli

Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola QUALITÀ DEGLI ALIMENTI: IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SISTEMA HACCP

Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola QUALITÀ DEGLI ALIMENTI: IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SISTEMA HACCP Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola Milano 21 Maggio 2015 Galleria Meravigli QUALITÀ DEGLI ALIMENTI: IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SISTEMA HACCP Ing. Patrizia Di Lelio 1

Dettagli

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo igienico che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O ALL.2 All ufficio Dipartimento di Prevenzione della ASL di e p.c. Al Comune di NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art.

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p.

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. SCHEDA FESTA Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. IVA riguardo la seguente iniziativa organizzata sul territorio

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO 4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP E PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO PIANO DI AUTOCONTROLLO Pag. 19 MPE / SL / PF deteriorati Adeguata Fornitori Annuale, Controllo Documentale MPE / SL / PF contaminati

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE Pag.1 Dr.Patrizia Pacini - Dirigente Medico Responsabile S.I.A.N.- Dr.Stefania Tessari Dirigente Medico S.I.A.N. p.i. Giuliano Ferron -Tecnico della Prevenzione

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO (Reg. CE 852/04) Fino a tempi relativamente recenti si riteneva, da parte dei produttori di alimenti e degli organi preposti alla vigilanza, che il controllo della qualità e

Dettagli

Manuale di buona prassi igienica

Manuale di buona prassi igienica Manuale di buona prassi igienica REVISIONE N. 1 2013 AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Revisione n. 1-2013 Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull

Dettagli

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Capo D Orlando Novembre 2003 Edizione I/ Rev. 0 Indice 1. Premessa pag. 2 2. Presentazione ditta e descrizione locali 4 3. Schema 1 - Documentazione tecnica 6 4. Formazione

Dettagli

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl Chelab srl Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007 1 Esigenze della GDO Conformità A voi cosa interessa? dei prodotti e del processo di distribuzione

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI STABILIMENTI IN BASE AL RISCHIO

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI STABILIMENTI IN BASE AL RISCHIO Allegato 4 SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI STABILIMENTI IN BASE AL RISCHIO DITTA Sede legale: Via n. Tel. Comune Sede stabilimento: Via n. Comune Rappresentante legale Sig. Residente in Ispettore incaricato

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

PIÙ PULITO, PIÙ SANO, PIÙ SICURO

PIÙ PULITO, PIÙ SANO, PIÙ SICURO PIÙ PULITO, PIÙ SANO, PIÙ SICURO HEALTHCARE Pulizia e sicurezza, in ambiente sanitario per pazienti, medici e operatori. Affidati all esperienza di professionisti delle macchine per la pulizia, sapremo

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

Struttura laboratorio e punto vendita

Struttura laboratorio e punto vendita Struttura laboratorio e punto vendita Cosa facciamo Progetto ristorazione Laboratorio centrale per carne pesce verdure e contorni Laboratorio in grado di preparare e conservare semilavorati che possono

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODUZIONI ORTICOLE DA PRODUZIONE BIOLOGICA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia

Dettagli

Corsi di formazione Haccp

Corsi di formazione Haccp Corsi di formazione Haccp La Normativa HACCP o Autocontrollo alimentare disciplina le regole di igiene nei luoghi di lavoro ove si preparano, si immagazzinano o si distribuiscono alimenti o bevande. Il

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L.

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. 'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR Azienda Sede azienda Farmacia Dott. Via Attività svolta Consulenza Farmacia Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. tel 0585/250783

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

Autocontrollo Risorsa o rompicapo? Dr.sa Angelamaria Barone

Autocontrollo Risorsa o rompicapo? Dr.sa Angelamaria Barone Autocontrollo Risorsa o rompicapo? Dr.sa Angelamaria Barone La prima norma comunitaria che fa esplicito riferimento al sistema HACCP è il reg. 852/04. Ne elenca tutti i principi nel dettaglio e ne chiede

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

Corso UNAAPI: HACCP. a cura di Roberto Barbero

Corso UNAAPI: HACCP. a cura di Roberto Barbero Corso UNAAPI: HACCP a cura di Roberto Barbero Materiale didattico utilizzato per i moduli formativi organizzati dall UNAAPI. Ogni riproduzione ed uso è possibile solo se precedentemente concordata con

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti

Le malattie trasmesse da alimenti Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini HACCP: La Storia La Storia Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point) è nato circa 50 anni fa per una esigenza operativa diversa da

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del Servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 6 AL CAPITOLATO MONITORAGGIO ISPETTIVO ED ANALITICO Allegato 6- Monitoraggio ispettivo ed analitico Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. Oggetto delle attività di monitoraggio...3 2. Soggetti coinvolti e

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - Procedura del Sistema di Gestione della Qualità PGE 02 Rev. 01 del 23.03.2012 Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI ELENCO REVISIONI

Dettagli

ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento.

ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento. ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento. Inoltre, durante lo smistamento delle derrate, il personale

Dettagli