LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE"

Transcript

1 manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore Roberta INDICE del manuale DESCRIZIONE GENERALE Pag. 3 ANALISI DEI RISCHI Pag. 9 CONTROLLO E MONITORAGGIO DEI PUNTI CRITICI Pag. 14 LIMITI CRITICI, AZIONI CORRETTIVE, DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA Pag. 17 progetto della classe V B coordinato dal prof. Demaria Angelo - area di progetto a.s. 2012/13

2 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 2 DESCRIZIONE GENERALE DEL LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE LOCALI ORGANIGRAMMA ATTIVITA / PRODOTTI AZIENDALI

3 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 3 LOCALI / ATTREZZATURA Il laboratorio di trasformazione è costituito da due locali contigui e dal locale dei servizi igienici. L' attrezzatura presente nei locali è la seguente: 2 tavoli in acciaio inox piano di cottura con piastra elettrica lavello in acciaio con doppia vasca smielatore centrifugo inox contenitore inox per il miele taglieri e coltelli pellicole per l' imballaggio ciotole/contenitori in plastica lavastoviglie refrigeratore Nel locale adibito al ricovero delle macchine agricole è disponibile una cella frigorifera. ATTIVITA /PRODOTTI Le attività, che durante l anno scolastico si andranno a svolgere, variano a seconda del periodo annuale e si possono così elencare: miele mostarde/marmellate/conserve ortaggi di quarta gamma Nel successivo capitolo del manuale H.A.C.C.P. le attività di trasformazione di ciascun processo produttivo saranno schematizzate con i rispettivi DIAGRAMMI DI FLUSSO.

4 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 4 I prodotti ottenuti sono destinati alla vendita all esterno (miele,mostarde/marmellate/conserve); all interno dell'istituto (miele, ortaggi di IV gamma, conserve, confetture e marmellate) Le figure che potranno accedere ed utilizzare il laboratorio sono: i docenti dell' Istituto, a seguito di specifici Progetti didattici il personale tecnico dell' azienda gli alunni delle classi dell'istituto coinvolte nelle varie fasi di trasformazione gli alunni di altre scuole interessate ad esperienze di Fattoria didattica

5 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 5 ORGANIGRAMMA H.A.C.C.P.

6 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 6 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI MARMELLATE/MOSTARDA/CONSERVE le materie prime derivano dalle attività colturali presso l'azienda dell'istituto o da fornitori esterni con certificazione

7 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 7 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI MIELE derivante dalle attività apicole condotte nell'azienda agraria dell'istituto

8 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 8 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI ORTAGGI di IV GAMMA provenienti dalle coltivazioni dell'azienda dell'istituto o da fornitori esterni con certificazione

9 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 9 ANALISI DEI R I S C H I

10 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 10 modalità di QUALIFICAZIONE E QUANTIFICAZIONE del RISCHIO L individuazione dei pericoli di ogni fase deve includere una analisi dei rischi basata su parametri il più possibile misurabili. In genere, si considera il prodotto numerico fra due elementi: la probabilità che l evento si manifesti (P) e l entità del danno che ne può conseguire (G): R= P x G Valore di rischio (gravità del danno = G) Viene assegnato un punteggio da 1 a 3, in base a quanto segue: 1 Il danno si risolve facilmente, senza farmaci e senza andare in ospedale. 2 Il danno implica il ricorso a cure/ospedale. 3 Il danno provoca malattie gravi/permanenti e/o morte. Probabilità (= P): Viene assegnato un punteggio da 1 a 3, in base a quanto segue: 1 L evento non si è mai verificato. 2 L evento si è verificato1-2 volte negli ultimi 10 anni. 3 L evento si è verificato più di 2 volte negli ultimi 10 anni. Gravità del danno probabilità Rischio da tenere sotto controllo

11 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 11 Analisi rischi MOSTARDA/MARMELLATE/CONSERVE FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Raccolta materie prime A Trasporto B Stoccaggio C presenza di residui di fitofarmaci 6 X / / / abbassamento termico 4 X Locali di lavorazione e trasformazione F Invasettamento a caldo G contaminazioni microbiche di attrezzi e piani da lavoro; contaminazione da parte degli operatori; presenza di scarafaggi e mosche Presenza di materiale/ frammenti estranei nei vasetti di vetro utilizzati 4 X 3 X Confezionamento e vendita E / / /

12 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 12 Analisi rischi MIELE FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Prelievo dei mielari dalle arnie A Smielatura con centrifuga in acciaio inox B Stoccaggio in contenitori inox C / / X Presenza di muffa o organismi all interno dello smielatore 1-2 X / 1-2 X Invasettamento in vasetti di vetro D Presenza di materiali estranei 3 X Confezionamento stoccaggio vendita E / / X

13 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 13 Analisi rischi ORTAGGI IV GAMMA FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Acquisto/ raccolta A Stoccaggio in idonei frigoriferi B Ortaggi contaminati/ nitrati Abbassamento termico 6 X 2 X Trasferimento nei locali C / / / Selezione, lavaggio e taglio D Inquinamento/ contaminazione dalle attrezzature utilizzate 6 X Confezionamento E materiale non idoneo al confezionamento / X Stoccaggio e conservazione F abbassamento termico improvviso nelle celle frigorifere; ingresso di aria nelle confezioni. 2 X

14 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 14 CONTROLLO E MONITORAGGIO DEI PUNTI CRITICI

15 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 15 A) Procedure di controllo delle materie prime INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA Selezione fornitore in base Responsabile di laboratorio e Dichiarazione di conformità alla documentazione di responsabile H.A.C.C.P. firmate da ogni fornitore conformità fornita Controllo delle tecniche colturali adottate presso l Azienda dell Istituto, per gli ortaggi e la frutta prodotta dall Azienda stessa Controllo visivo delle materie prime (uva, mostarda, miele, ortaggi di IV gamma) Responsabile laboratorio H.A.C.C.P Addetti tecnici dell azienda che raccolgono i prodotti. Autodichiarazione e registro di campagna. Redarre una scheda apposita ( scheda visiva). B) Procedura di controllo sul funzionamento delle celle frigorifere INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA Controllo visivo quotidiano Aiutante tecnico Scheda predisposta allegata al dei termometri all interno Giorgio Faganelli manuale delle celle C) Procedure di controllo igienico dei locali di lavoro e dei relativi arredi ( piano di lavoro, piano di cottura e lavandino) INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA ogni qualvolta si utilizza il laboratorio si deve attuare il lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro con prodotti ad azione disinfettante non tossici per l uomo Aiutante tecnico Giorgio Faganelli Scheda specifica allegata al manuale controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti controllo microbiologico del laboratorio attraverso campionature (tamponi) trimestrali e relativa analisi quali -quantitativa in laboratorio Responsabile laboratorio Roberta Cantatore Responsabile laboratorio Roberta Cantatore Scheda specifica allegata al manuale Scheda richiesta dal laboratorio di analisi

16 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 16 D) Procedure di controllo delle attrezzature e dei materiali per il confezionamento INTERVENTI PREVISTI Controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma Controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento PERSONALE INCARICATO Aiutante tecnico Giorgio Faganelli Responsabile confezionamento (docente/assistente tecnico che segue il processo) DOCUMENTI DI VERIFICA Scheda di controllo su questi materiali ed attrezzature compilata dopo ogni utilizzo, visionata e firmata dal responsabile H.A.C.C.P. Scheda di conformità dei contenitori, firmata - prima del rispettivo utilizzo - dal responsabile H.A.C.C.P. E) Procedure di controllo formazione/informazione degli operatori INTERVENTI PREVISTI Formazione iniziale di alunni ed addetti su funzioni, obblighi e procedure correlate al presente manuale H.A.C.C.P. Formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi o frequenti PERSONALE INCARICATO RESPONSABILE H.A.C.C.P. RESPONSABILE H.A.C.C.P. DOCUMENTI DI VERIFICA Scheda sulla formazione/informazione Scheda sulla formazione/informazione

17 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 17 LIMITI CRITICI AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA

18 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 18 Procedura di CONTROLLO DELLE MATERIE PRIME PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : presenza di residui di fitofarmaci PROCEDURE DA ATTUARE: Selezione fornitore in base alla documentazione di conformità fornita, controllo delle tecniche colturali adottate presso l Azienda dell Istituto e del relativo registro di campagna, per gli ortaggi e la frutta prodotta dall Azienda stessa. LIMITI CRITICI: mancanza/difetto della autocertificazione da parte di fornitori esterni o del registro di campagna per i prodotti dell azienda annessa all Istituto. AZIONI CORRETTIVE: sospendere l utilizzo delle suddette materie prime, chiedere la suddetta certificazione, sostituire il fornitore se la non conformità persiste, compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: autodichiarazione del personale dell azienda o autocertificazione dei fornitori esterni, scheda di controllo materie prime (allegato 1); PUNTI CRITICI Presenza di residui di fitofarmaci PROCEDURE DI CONTROLLO Controllo e selezione fornitore LIMITI CRITICI mancanza / difetto autocertificazione e/o registro di campagna AZIONI CORRETTIVE non utilizzo delle suddette materie prime chiedere la certificazione sostituire il fornitore DOCUMENTI Autocertificazione Scheda (allegato 1) Scheda (allegato3)

19 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 19 Procedura di CONTROLLO DELLE CELLE FRIGORIFERE PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : abbassamento termico durante le fasi di stoccaggio e/o conservazione. PROCEDURE DA ATTUARE: dotare la cella frigorifera di un termometro a sonda e controllarlo quotidianamente. LIMITI CRITICI: temperatura della cella superiore a 4 C. AZIONI CORRETTIVE: controllo organolettico dei prodotti conservati all interno ed eventuale eliminazione; riparazione tecnica della cella frigorifera o sostituzione della stessa, compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo celle frigorifere (allegato 2) PUNTI CRITICI abbassamento termico durante le fasi di stoccaggio e/o conservazione PROCEDURE DI CONTROLLO dotare la cella frigorifera di un termometro a sonda e controllarlo quotidianamente LIMITI CRITICI temperatura della cella superiore a 4 C. AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTI controllo organolettico dei prodotti Scheda (allegato 2) riparazione/ sostituzione della cella Scheda (allegato3) frigorifera

20 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 20 Procedura di controllo igienico di LOCALI ED ARREDI PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : contaminazioni microbiche dannose di locali, attrezzi e piani da lavoro; presenza di topi, scarafaggi e mosche. PROCEDURE DA ATTUARE: ogni qualvolta si utilizza il laboratorio si deve attuare la pulizia con il lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro con prodotti ad azione disinfettante non tossici per l uomo e dotati di regolare scheda di conformità; derattizzazione e disinfestazione annuale con prodotti chimici corredati di scheda di conformità; tenere i serramenti chiusi quando non si usa il laboratorio per contrastare la presenza di mosche; controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti; controllo microbiologico del laboratorio attraverso campionature (tamponi) trimestrali e relativa analisi quali -quantitativa in laboratorio. LIMITI CRITICI: presenza su pavimento, piani di lavoro ed attrezzature di animali e/o residui organici di origine animale; presenza visibile sui muri o sui piani di lavoro di muffe; mancanza o incompletezza dei documenti di controllo/verifica predisposti; carica batterica eccessiva AZIONI CORRETTIVE: rimozione/eliminazione immediata dei residui organici; intervento conseguente di pulizia, disinfezione/disinfestazione/derattizzazione a seconda della anomalia riparazione; informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7); compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo pulizia locali, piani di lavoro ed attrezzature(allegato 4); scheda di certificazione degli interventi di derattizzazione/disinfestazione dei locali (allegato 5); scheda di controllo microrganismi (allegato 6) ; schede tecniche dei prodotti utilizzati negli interventi sopra indicati PUNTI CRITICI Eccessiva presenza di microrganismi dannosi; presenza di topi, scarafaggi e mosche. PROCEDURE DI CONTROLLO Lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro; derattizzazione e disinfestazione annuale ; contrastare la presenza di mosche; controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti; controlli della carica microbica LIMITI CRITICI Presenza di animali e/o residui organici; presenza di muffe; mancanza o incompletezza dei documenti di controllo/verifica predisposti; carica batterica eccessiva AZIONI CORRETTIVE rimozione/eliminazione immediata dei residui organici pulizia, disinfezione/disinfestazio ne/derattizzazione informazione/formazione del personale o degli allievi DOCUMENTI Scheda (allegato3) Scheda (allegato4) Scheda (allegato5) Scheda (allegato6); Schede tecniche dei prodotti utilizzati Scheda (allegato 7)

21 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 21 Procedura di controllo DELLE ATTREZZATURE E DEI MATERIALI PER IL CONFEZIONAMENTO PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI: presenza di muffa o altri organismi all interno dello smielatore; contaminazione prodotta dalle attrezzature impiegate (stoviglie, taglieri, forbici, contenitori, ecc...) ; materiali per il confezionamento con presenza di materiale/frammenti estranei o non idonei alla conservazione degli alimenti. PROCEDURE DA ATTUARE: controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma; controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento; controllo visivo dell integrità e della pulizia dei contenitori LIMITI CRITICI: oltre il 3% di contenitori con sporcizia evidente/frammenti estranei; contenitori non certificati per la conservazione degli alimenti; presenza di sporcizia, muffe e/o ruggine sulle attrezzature. AZIONI CORRETTIVE: immediato lavaggio dell'attrezzatura sporca con idonei detergenti o. se non lavabile, eliminazione; eliminazione e sostituzione dei contenitori; informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) ; compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo pulizia locali, piani di lavoro ed attrezzature (allegato 4); schede tecniche dei prodotti utilizzati negli interventi sopra indicati. PUNTI CRITICI PROCEDURE DI CONTROLLO LIMITI CRITICI AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTI Presenza di muffa o altri organismi nello smielatore; contaminazione prodotta dalle attrezzature impiegate; materiali per il confezionamento non idonei Controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma; controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento; controllo visivo dell integrità e della pulizia dei contenitori Oltre il 3% di contenitori con sporcizia evidente/frammenti estranei; contenitori non certificati per la conservazione degli alimenti; presenza di sporcizia, muffe e/o ruggine sulle attrezzature immediato lavaggio/eliminazione dell'attrezzatura eliminazione e sostituzione dei contenitori informazione/formazione del personale o degli allievi Scheda (allegato3) Scheda (allegato4) Schede tecniche dei prodotti utilizzati Scheda (allegato 7)

22 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 22 Procedura di controllo FORMAZIONE/INFORMAZIONE DEGLI OPERATORI PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI: attività di laboratorio condotte dagli alunni senza conoscere i principi generali dell'h.a.c.c.p. ; operazioni non controllate e monitorate dai propri Docenti; il personale Docente o tecnico durante le proprie attività nel laboratorio di trasformazione non applica correttamente le procedure previste dal manuale H.A.C.C.P. PROCEDURE DA ATTUARE: formazione ed informazione preliminare svolta dalla Responsabile H.A.C.C.P. nei confronti di alunni, tecnici dell'azienda agraria e docenti che utilizzano il laboratorio, su funzioni, obblighi e procedure correlate al presente manuale H.A.C.C.P. ; formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi e/o frequenti LIMITI CRITICI: frequenza di anomalie e non conformità oltre 10 / anno scolastico AZIONI CORRETTIVE: informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) ; compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) PUNTI CRITICI Attività di laboratorio condotte dagli alunni senza conoscere i principi generali dell'h.a.c.c.p. ; operazioni non controllate e monitorate dai Docenti; il personale Docente o tecnico non applica correttamente le procedure previste dal manuale PROCEDURE DI CONTROLLO Formazione/ informazione preliminare svolta dalla Responsabile H.A.C.C.P. nei confronti di alunni, tecnici dell'azienda e docenti che utilizzano il laboratorio; formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi e/o frequenti LIMITI CRITICI anomalie e non conformità oltre 10/'anno scolastico AZIONI CORRETTIVE informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili DOCUMENTI Scheda (allegato 7)

23 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 23 Allegato 1) SCHEDA DI CONTROLLO MATERIE PRIME N data PRODOTTO (P1) da fornitori esterni (P2) dall Azienda dell Istituto Penna P 1 : certificazione / autodichiarazione conforme? si no AZIONI CORRETTIVE INTRAPRESE (se NON conforme) P 2 : registro di campagna/autodichiarazione conforme? si no AZIONI CORRETTIVE INTRAPRESE (se NON conforme) NOTE (firme di controllo) Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

24 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 24 Allegato 2) SCHEDA DI CONTROLLO CELLE FRIGORIFERE N mese di anno data ora Temperatura della cella > 4 C azioni correttive Firma di chi effettua il controllo Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

25 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 25 Allegato 3) SCHEDA DELLE NONCONFORMITA N data PROCEDURA di riferimento PROCESSO PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE MIELE ORTAGGI IV GAMMA Tipologia/e della NON CONFORMITA INTERVENTI CORRETTIVI PREVISTI ED ATTUATI 1) 2) 3) ESITO DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI NON CONFORMITA COMPLETAMENTE RISOLTA/SUPERATA PARZIALMENTE RISOLTA/SUPERATA NON RISOLTA/SUPERATA ALTRO Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

26 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 26 Allegato 4) SCHEDA DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA N anno periodo dal al data ora Tipo di intervento e LOCALI/ARREDI/ATTREZZATURA prodotto eventualmente oggetto dell intervento utilizzato Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

27 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 27 Allegato 5) SCHEDA INTERVENTI DI DERATTIZZAZIONE/DISINFESTAZIONE N periodo dal al data ora LOCALI oggetto dell intervento Tipo di intervento e prodotto utilizzato Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

28 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 28 Allegato 6) SCHEDA DI CONTROLLO MICRORGANISMI (BATTERI E MUFFE) N periodo dal al data ora LOCALI oggetto dell intervento Tipologia di controllo Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

29 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 29 Allegato 7) SCHEDA PER ATTIVITÀ DI FORMAZIONE/ INFORMAZIONE N data ATTIVITA' A1 formazione (CORSO) A2 informazione RIVOLTA A : docenti personale tecnico dell'azienda alunni MOTIVAZIONI/FINALITA' ARGOMENTI TRATTATI NOTE (firme dei soggetti destinatari ) Responsabile H.A.C.C.P.

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO 0 04/2002 1 di 6 DICHIARAZIONE DEL TITOLARE L Amministrazione della MCS S.r.l. garantisce il livello di Qualità dei suoi prodotti, rispondendo alle richieste ed alle esigenze dei Clienti. La Qualità, secondo

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE

IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE Nell ambito di una completa prevenzione della sute e della sicurezza sul lavoro e della gestione delle attività ambienti dell impresa sviluppate sistema informativo

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 LE NON CONFORMITA NON CONFORMITA CRITICA MAGGIORE MINORE DEVIAZIONE Deviazione di importanza

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria.

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE Pag. 1 di 17 PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE Pag.1 Dr.Patrizia Pacini - Dirigente Medico Responsabile S.I.A.N.- Dr.Stefania Tessari Dirigente Medico S.I.A.N. p.i. Giuliano Ferron -Tecnico della Prevenzione

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

Laboratorio di smielatura provinciale consortile

Laboratorio di smielatura provinciale consortile Laboratorio di smielatura provinciale consortile dell Amministrazione Provinciale di Siena Dott.ssa Serena Rocchi, veterinario, collaboratore presso: Amministrazione Provinciale di Siena Via Massetana

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

Struttura laboratorio e punto vendita

Struttura laboratorio e punto vendita Struttura laboratorio e punto vendita Cosa facciamo Progetto ristorazione Laboratorio centrale per carne pesce verdure e contorni Laboratorio in grado di preparare e conservare semilavorati che possono

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L.

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. 'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR Azienda Sede azienda Farmacia Dott. Via Attività svolta Consulenza Farmacia Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. tel 0585/250783

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Farmacia: Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Regolamento (CE) n. 852/2004 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Responsabile di questo Manuale di Autocontrollo è il dr titolare

Dettagli

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL

Dettagli

Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP)

Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP) Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP) 1 Premessa Il sistema HACCP (Hazard Analysis Critical Control Points), che fonda su solide basi scientifiche, definisce i rischi specifici

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini HACCP: La Storia La Storia Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point) è nato circa 50 anni fa per una esigenza operativa diversa da

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n.

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n. Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDICE - 1 Definizione

Dettagli

Ristorazione collettiva ed assistenziale

Ristorazione collettiva ed assistenziale Ristorazione collettiva ed assistenziale DEFINIZIONE Sono considerate attività di ristorazione collettiva la preparazione e/o la somministrazione di pasti in: Mense di Ospedali e Case di Cura; Case di

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto MANUALE di AUTOCONTROLLO redatto secondo il METODO HACCP per le fasi di TRASPORTO e DISTRIBUZIONE del VITTO ai degenti della Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce di Nemi UOC di Riabilitazione

Dettagli

Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013

Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013 Piano di Autocontrollo Revisione n. 2 settembre 2013 Adempimenti Regolamento (CE) N 852/2004 (ex D. Lgs. N 155/97) relativi al servizio di refezione scolastica nelle scuole comunali di Palermo Anno scolastico

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1) Data sopralluogo: ora 2) R.S.A. Casa di Riposo Residenza Polifunzionale 3) Denominazione: 4) Ragione Sociale: 5) Comune indirizzo n civico piano su cui è collocata la casa

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

ALLEGATO F PIANO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE

ALLEGATO F PIANO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ALLEGATO F PIANO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 15 pagine pag.1di pag totali.15 Il piano manutenzione attrezzature ha lo scopo di definire, nel dettaglio

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche. Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche. Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali Docente: Dott.ssa Francesca Balocco HACCP HACCP è l acronimo di Hazard

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

La pulizia delle attrezzature da cucina

La pulizia delle attrezzature da cucina La pulizia delle attrezzature da cucina La cucina è e sarà il nostro ambiente di lavoro, per questo dobbiamo sapere come prendercene cura anche per non compromettere la nostra salute e quella dei nostri

Dettagli

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 69 Visto il Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modifiche ed integrazioni; Vista la L.R. n.22 del

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP PREDISPOSTO AI SENSI DEL Reg. CE 178/2002 e del Reg. CE 852/2004 Elaborato in data: 19 Novembre 2012 AMITALIA S.r.l VIA COMO, 47 20020 - SOLARO (MI) INDICE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sezione 1

RELAZIONE TECNICA sezione 1 RELAZIONE TECNICA sezione 1 Identificazione dello stabilimento (esercizio) Ragione sociale Sede operativa CAP via/piazza Numero addetti previsti Tipologia di attività Lavorazioni particolari Macelleria:

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

KIT ISTRUZIONI OPERATIVE FORNI ALIMENTARI MACELLERIE ROSTICCERIE BAR

KIT ISTRUZIONI OPERATIVE FORNI ALIMENTARI MACELLERIE ROSTICCERIE BAR KIT ISTRUZIONI OPERATIVE o FORNI ALIMENTARI o MACELLERIE ROSTICCERIE o BAR BAR Interventi sulle seguenti superfici: - Bancone Bar - Tavoli / Sedie - Lavastoviglie - Vetrine esposizione - Pavimenti - Toilette

Dettagli

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p.

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. SCHEDA FESTA Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. IVA riguardo la seguente iniziativa organizzata sul territorio

Dettagli

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo.

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo. PRINCIPI DELL'HACCP HACCP è un sistema che identifica specifici rischi e le misure specifiche per il loro controllo. Ogni settore di preparazione alimentare deve, nell ambito delle proprie lavorazioni,

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Responsabile del Procedimento Il Referente DUVRI Potenza, lì / / PREMESSA Il

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE

MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE GRUPPO Buonristoro SEDE LEGALE Capogruppo Castelmaggiore (BO), via Bonazzi 45 c/d SEDE OPERATIVA Castelmaggiore (BO), via Bonazzi 45 c/d Il presente manuale

Dettagli

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Dr.Fiorella Costa TREVISO 5 DICEMBRE 2007 1 Con il Decreto Legislativo 31/2001 e la DGRV 4080/2004 il panorama legislativo delle acque destinate

Dettagli

Produzione e vendita di prodotti di origine vegetale: requisiti igienico sanitari e procedure di gestione della sicurezza alimentare

Produzione e vendita di prodotti di origine vegetale: requisiti igienico sanitari e procedure di gestione della sicurezza alimentare Produzione e vendita di prodotti di origine vegetale: requisiti igienico sanitari e procedure di gestione della sicurezza alimentare Oristano 11 giugno 2013 Panoramica sulla Normativa di riferimento e

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

Comune di Gaggiano Provincia di Milano

Comune di Gaggiano Provincia di Milano Comune di Gaggiano Provincia di Milano Specifiche tecniche del DOCUMENTO UNICO di VALUTAZIONE dei RISCHI da INTERFERENZE D.U.V.R.I. PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PREPARAZIONE, SPORZIONAMENTO, DISTRIBUZIONE

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO. secondo il metodo HACCP (Reg.Ce852/2004 e reg. 853/2004, D.Lgs 193/2007)

MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO. secondo il metodo HACCP (Reg.Ce852/2004 e reg. 853/2004, D.Lgs 193/2007) Piano di autocontrollo secondo metodica Pagina 1 di 34 MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO secondo il metodo (Reg.Ce852/2004 e reg. 853/2004, D.Lgs 193/2007) Per la preparazione, somministrazione

Dettagli

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19)

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19) ANNESSO 1.B SCHEDE CONTENENTI, PER CIASCUNA TIPOLGIA DI LOCALI, LE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE SVOLTE, LE RELATIVE PERIODICITA ED I GIORNI IN CUI I SERVIZI DEVONO ESSERE SVOLTI. (APPLICABILI PER GLI

Dettagli

Principale normativa di riferimento: D. l.vo 109/1992 e Reg. UE 1169/2011 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari)

Principale normativa di riferimento: D. l.vo 109/1992 e Reg. UE 1169/2011 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari) Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene alimenti e nutrizione Servizio Veterinario - Alimenti di Origine Animale (Area B) CONTROLLO UFFICIALE delle IMPRESE ALIMENTARI CAMPI D ESAME Il controllo ufficiale,

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DI CONSERVE. Prodotti di pregio e sviluppo dei sistemi locali

DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DI CONSERVE. Prodotti di pregio e sviluppo dei sistemi locali DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DI CONSERVE Prodotti di pregio e sviluppo dei sistemi locali 1 1 INTRODUZIONE 1.1 SCOPO DEL MANUALE Il presente disciplinare rappresenta l insieme delle linee guida per l

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO Studio RO.SI. di M. Ronga ed E. Siri Via Sciadonna 28 00044 Frascati (RM) PI/CF: 11242101001 0683663976 3396001010 3208123724 info@studiorosi.org - www.studiorosi.org Studio RO. SI. IGIENE E SICUREZZA

Dettagli

REFETTORIO SCUOLA INFANZIA SAN MICHELE LIDO MANUALE AUTOCONTROLLO

REFETTORIO SCUOLA INFANZIA SAN MICHELE LIDO MANUALE AUTOCONTROLLO REFETTORIO SCUOLA INFANZIA SAN MICHELE LIDO Via G. Da Verrazzano 63900 MANUALE DI AUTOCONTROLLO LIVELLO DI EDIZIONE Edizione Data Elaborato da: Verificato ed Approvato da: 2 Consulente Esterno Comune di

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

Concessione SERVIZIO di Gestione MENSE COMUNALI

Concessione SERVIZIO di Gestione MENSE COMUNALI ALLEGATO 9 COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria Concessione SERVIZIO di Gestione MENSE COMUNALI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHIO INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 decreto Legislativo 81/2008

Dettagli

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO SCHEDA PER LA CLASFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO Ragione sociale:.... Sede legale: Sede produttiva:....... Telefono: fax:..e-mail:..... Codice fiscale / partita IVA:... Legale rappresentante:...

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI TORINO CIG [355481]

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI TORINO CIG [355481] PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI TORINO CIG [355481] ALLEGATO N. 6 al Capitolato Speciale d Appalto SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina Corso CUOCO Centro Studi La Base Via dei Pucci, 11 -Firenze Relatore: Geom. Enrico Clarelli www.geoclarelli.it

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

Parte III SISTEMA DI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO CON IL METODO HACCP Decreto Legislativo 6 Novembre 2007, n. 193

Parte III SISTEMA DI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO CON IL METODO HACCP Decreto Legislativo 6 Novembre 2007, n. 193 Parte III SISTEMA DI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO CON IL METODO HACCP Decreto Legislativo 6 Novembre 2007, n. 193 Enunciato del metodo H.A.C.C.P. e le sue origini HACCP è l acronimo della parole inglesi

Dettagli

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo igienico che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Capo D Orlando Novembre 2003 Edizione I/ Rev. 0 Indice 1. Premessa pag. 2 2. Presentazione ditta e descrizione locali 4 3. Schema 1 - Documentazione tecnica 6 4. Formazione

Dettagli

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA Le misure degli arredi e delle attrezzature riportate

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA LG: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA TUA FAMIGLIA ASPIRAPOLVERE KOMPRESSOR LAVABIANCHERIA DIRECT DRIVE A VAPORE Da sempre LG è

Dettagli

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi AMBITO VOLONTARIO normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi La certificazione è l'insieme delle procedure e delle attività,

Dettagli

Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) Associazione Nazionale Torrefattori di Caffè (ANT)

Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) Associazione Nazionale Torrefattori di Caffè (ANT) Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) Associazione Nazionale Torrefattori di Caffè (ANT) MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER LA PRODUZIONE ED IL CONFEZIONAMENTO DI CAFFE TORREFATTO

Dettagli

PROCEDURA SMIELATURA CONSORTILE, INTEGRATIVA AL MANUALE HACCP

PROCEDURA SMIELATURA CONSORTILE, INTEGRATIVA AL MANUALE HACCP L Apicoltura Moderna in Pillole Venerdì 11 marzo 2011- Roma PROCEDURA SMIELATURA CONSORTILE, INTEGRATIVA AL MANUALE HACCP ATTIVITA DI LAVORAZIONE I melari del cliente saranno ricevuti nella zona di ricevimento,

Dettagli

Allegato n. 2 al RMQP CARTA DEI PUBBLICI ESERCIZI SERVIZIO RISTORAZIONE

Allegato n. 2 al RMQP CARTA DEI PUBBLICI ESERCIZI SERVIZIO RISTORAZIONE al RMQP CARTA DEI PUBBLICI Pag. 2 di 12 INDICE 1. ELEMENTI DI AMMISSIBILITÀ:... 3 2. SEZIONE ALIMENTI... 3 2.1 CRITERI OBBLIGATORI... 3 2.2 CRITERI FACOLTATIVI... 4 3. SEZIONE ENERGIA... 4 3.1 CRITERI

Dettagli

Produrre materie prime sicure per l alimentazione dell uomo e degli animali è fondamentale per lo sviluppo del settore agricolo

Produrre materie prime sicure per l alimentazione dell uomo e degli animali è fondamentale per lo sviluppo del settore agricolo Sicurezza degli alimenti e dei mangimi MANGIMI E ALIMENTI BUONE PRASSI IGIENICHE HACCP GESTIONE DEI RISCHI Produrre materie prime sicure per l alimentazione dell uomo e degli animali è fondamentale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO. Il Consiglio di Istituto

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO. Il Consiglio di Istituto ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO Il Consiglio di Istituto VISTE VISTE PRESO ATTO le disposizioni ministeriali in materia di ristorazione scolastica, le disposizioni sanitarie in materia d igiene

Dettagli

DOCUMENTO SEMPLIFICATO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI

DOCUMENTO SEMPLIFICATO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI Farmacia Timbro DOCUMENTO SEMPLIFICATO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI 1. DESCRIZIONE DELLE PROCEDURE HACCP - MANUALE SEMPLIFICATO pag. 2 2. PIANO DI AUTOCONTROLLO - Istruzioni per la compilazione

Dettagli

UNIVERSITA PER STRANIERI DI SIENA

UNIVERSITA PER STRANIERI DI SIENA UNIVERSITA PER STRANIERI DI SIENA Selezione pubblica per l affidamento della gestione dei Servizi globali della Foresteria Villa Il Pino Via E. Berlinguer, 1 Siena per il periodo 1 marzo 30 settembre 2009

Dettagli