LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE"

Transcript

1 manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore Roberta INDICE del manuale DESCRIZIONE GENERALE Pag. 3 ANALISI DEI RISCHI Pag. 9 CONTROLLO E MONITORAGGIO DEI PUNTI CRITICI Pag. 14 LIMITI CRITICI, AZIONI CORRETTIVE, DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA Pag. 17 progetto della classe V B coordinato dal prof. Demaria Angelo - area di progetto a.s. 2012/13

2 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 2 DESCRIZIONE GENERALE DEL LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE LOCALI ORGANIGRAMMA ATTIVITA / PRODOTTI AZIENDALI

3 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 3 LOCALI / ATTREZZATURA Il laboratorio di trasformazione è costituito da due locali contigui e dal locale dei servizi igienici. L' attrezzatura presente nei locali è la seguente: 2 tavoli in acciaio inox piano di cottura con piastra elettrica lavello in acciaio con doppia vasca smielatore centrifugo inox contenitore inox per il miele taglieri e coltelli pellicole per l' imballaggio ciotole/contenitori in plastica lavastoviglie refrigeratore Nel locale adibito al ricovero delle macchine agricole è disponibile una cella frigorifera. ATTIVITA /PRODOTTI Le attività, che durante l anno scolastico si andranno a svolgere, variano a seconda del periodo annuale e si possono così elencare: miele mostarde/marmellate/conserve ortaggi di quarta gamma Nel successivo capitolo del manuale H.A.C.C.P. le attività di trasformazione di ciascun processo produttivo saranno schematizzate con i rispettivi DIAGRAMMI DI FLUSSO.

4 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 4 I prodotti ottenuti sono destinati alla vendita all esterno (miele,mostarde/marmellate/conserve); all interno dell'istituto (miele, ortaggi di IV gamma, conserve, confetture e marmellate) Le figure che potranno accedere ed utilizzare il laboratorio sono: i docenti dell' Istituto, a seguito di specifici Progetti didattici il personale tecnico dell' azienda gli alunni delle classi dell'istituto coinvolte nelle varie fasi di trasformazione gli alunni di altre scuole interessate ad esperienze di Fattoria didattica

5 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 5 ORGANIGRAMMA H.A.C.C.P.

6 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 6 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI MARMELLATE/MOSTARDA/CONSERVE le materie prime derivano dalle attività colturali presso l'azienda dell'istituto o da fornitori esterni con certificazione

7 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 7 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI MIELE derivante dalle attività apicole condotte nell'azienda agraria dell'istituto

8 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 8 DIAGRAMMA DI FLUSSO - PRODUZIONE DI ORTAGGI di IV GAMMA provenienti dalle coltivazioni dell'azienda dell'istituto o da fornitori esterni con certificazione

9 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 9 ANALISI DEI R I S C H I

10 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 10 modalità di QUALIFICAZIONE E QUANTIFICAZIONE del RISCHIO L individuazione dei pericoli di ogni fase deve includere una analisi dei rischi basata su parametri il più possibile misurabili. In genere, si considera il prodotto numerico fra due elementi: la probabilità che l evento si manifesti (P) e l entità del danno che ne può conseguire (G): R= P x G Valore di rischio (gravità del danno = G) Viene assegnato un punteggio da 1 a 3, in base a quanto segue: 1 Il danno si risolve facilmente, senza farmaci e senza andare in ospedale. 2 Il danno implica il ricorso a cure/ospedale. 3 Il danno provoca malattie gravi/permanenti e/o morte. Probabilità (= P): Viene assegnato un punteggio da 1 a 3, in base a quanto segue: 1 L evento non si è mai verificato. 2 L evento si è verificato1-2 volte negli ultimi 10 anni. 3 L evento si è verificato più di 2 volte negli ultimi 10 anni. Gravità del danno probabilità Rischio da tenere sotto controllo

11 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 11 Analisi rischi MOSTARDA/MARMELLATE/CONSERVE FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Raccolta materie prime A Trasporto B Stoccaggio C presenza di residui di fitofarmaci 6 X / / / abbassamento termico 4 X Locali di lavorazione e trasformazione F Invasettamento a caldo G contaminazioni microbiche di attrezzi e piani da lavoro; contaminazione da parte degli operatori; presenza di scarafaggi e mosche Presenza di materiale/ frammenti estranei nei vasetti di vetro utilizzati 4 X 3 X Confezionamento e vendita E / / /

12 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 12 Analisi rischi MIELE FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Prelievo dei mielari dalle arnie A Smielatura con centrifuga in acciaio inox B Stoccaggio in contenitori inox C / / X Presenza di muffa o organismi all interno dello smielatore 1-2 X / 1-2 X Invasettamento in vasetti di vetro D Presenza di materiali estranei 3 X Confezionamento stoccaggio vendita E / / X

13 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 13 Analisi rischi ORTAGGI IV GAMMA FASI RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO R = P x G PUNTO CRITICO CONTROLLO (C.C.P.) Acquisto/ raccolta A Stoccaggio in idonei frigoriferi B Ortaggi contaminati/ nitrati Abbassamento termico 6 X 2 X Trasferimento nei locali C / / / Selezione, lavaggio e taglio D Inquinamento/ contaminazione dalle attrezzature utilizzate 6 X Confezionamento E materiale non idoneo al confezionamento / X Stoccaggio e conservazione F abbassamento termico improvviso nelle celle frigorifere; ingresso di aria nelle confezioni. 2 X

14 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 14 CONTROLLO E MONITORAGGIO DEI PUNTI CRITICI

15 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 15 A) Procedure di controllo delle materie prime INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA Selezione fornitore in base Responsabile di laboratorio e Dichiarazione di conformità alla documentazione di responsabile H.A.C.C.P. firmate da ogni fornitore conformità fornita Controllo delle tecniche colturali adottate presso l Azienda dell Istituto, per gli ortaggi e la frutta prodotta dall Azienda stessa Controllo visivo delle materie prime (uva, mostarda, miele, ortaggi di IV gamma) Responsabile laboratorio H.A.C.C.P Addetti tecnici dell azienda che raccolgono i prodotti. Autodichiarazione e registro di campagna. Redarre una scheda apposita ( scheda visiva). B) Procedura di controllo sul funzionamento delle celle frigorifere INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA Controllo visivo quotidiano Aiutante tecnico Scheda predisposta allegata al dei termometri all interno Giorgio Faganelli manuale delle celle C) Procedure di controllo igienico dei locali di lavoro e dei relativi arredi ( piano di lavoro, piano di cottura e lavandino) INTERVENTI PREVISTI PERSONALE INCARICATO DOCUMENTI DI VERIFICA ogni qualvolta si utilizza il laboratorio si deve attuare il lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro con prodotti ad azione disinfettante non tossici per l uomo Aiutante tecnico Giorgio Faganelli Scheda specifica allegata al manuale controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti controllo microbiologico del laboratorio attraverso campionature (tamponi) trimestrali e relativa analisi quali -quantitativa in laboratorio Responsabile laboratorio Roberta Cantatore Responsabile laboratorio Roberta Cantatore Scheda specifica allegata al manuale Scheda richiesta dal laboratorio di analisi

16 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 16 D) Procedure di controllo delle attrezzature e dei materiali per il confezionamento INTERVENTI PREVISTI Controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma Controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento PERSONALE INCARICATO Aiutante tecnico Giorgio Faganelli Responsabile confezionamento (docente/assistente tecnico che segue il processo) DOCUMENTI DI VERIFICA Scheda di controllo su questi materiali ed attrezzature compilata dopo ogni utilizzo, visionata e firmata dal responsabile H.A.C.C.P. Scheda di conformità dei contenitori, firmata - prima del rispettivo utilizzo - dal responsabile H.A.C.C.P. E) Procedure di controllo formazione/informazione degli operatori INTERVENTI PREVISTI Formazione iniziale di alunni ed addetti su funzioni, obblighi e procedure correlate al presente manuale H.A.C.C.P. Formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi o frequenti PERSONALE INCARICATO RESPONSABILE H.A.C.C.P. RESPONSABILE H.A.C.C.P. DOCUMENTI DI VERIFICA Scheda sulla formazione/informazione Scheda sulla formazione/informazione

17 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 17 LIMITI CRITICI AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA

18 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 18 Procedura di CONTROLLO DELLE MATERIE PRIME PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : presenza di residui di fitofarmaci PROCEDURE DA ATTUARE: Selezione fornitore in base alla documentazione di conformità fornita, controllo delle tecniche colturali adottate presso l Azienda dell Istituto e del relativo registro di campagna, per gli ortaggi e la frutta prodotta dall Azienda stessa. LIMITI CRITICI: mancanza/difetto della autocertificazione da parte di fornitori esterni o del registro di campagna per i prodotti dell azienda annessa all Istituto. AZIONI CORRETTIVE: sospendere l utilizzo delle suddette materie prime, chiedere la suddetta certificazione, sostituire il fornitore se la non conformità persiste, compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: autodichiarazione del personale dell azienda o autocertificazione dei fornitori esterni, scheda di controllo materie prime (allegato 1); PUNTI CRITICI Presenza di residui di fitofarmaci PROCEDURE DI CONTROLLO Controllo e selezione fornitore LIMITI CRITICI mancanza / difetto autocertificazione e/o registro di campagna AZIONI CORRETTIVE non utilizzo delle suddette materie prime chiedere la certificazione sostituire il fornitore DOCUMENTI Autocertificazione Scheda (allegato 1) Scheda (allegato3)

19 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 19 Procedura di CONTROLLO DELLE CELLE FRIGORIFERE PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : abbassamento termico durante le fasi di stoccaggio e/o conservazione. PROCEDURE DA ATTUARE: dotare la cella frigorifera di un termometro a sonda e controllarlo quotidianamente. LIMITI CRITICI: temperatura della cella superiore a 4 C. AZIONI CORRETTIVE: controllo organolettico dei prodotti conservati all interno ed eventuale eliminazione; riparazione tecnica della cella frigorifera o sostituzione della stessa, compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo celle frigorifere (allegato 2) PUNTI CRITICI abbassamento termico durante le fasi di stoccaggio e/o conservazione PROCEDURE DI CONTROLLO dotare la cella frigorifera di un termometro a sonda e controllarlo quotidianamente LIMITI CRITICI temperatura della cella superiore a 4 C. AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTI controllo organolettico dei prodotti Scheda (allegato 2) riparazione/ sostituzione della cella Scheda (allegato3) frigorifera

20 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 20 Procedura di controllo igienico di LOCALI ED ARREDI PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI : contaminazioni microbiche dannose di locali, attrezzi e piani da lavoro; presenza di topi, scarafaggi e mosche. PROCEDURE DA ATTUARE: ogni qualvolta si utilizza il laboratorio si deve attuare la pulizia con il lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro con prodotti ad azione disinfettante non tossici per l uomo e dotati di regolare scheda di conformità; derattizzazione e disinfestazione annuale con prodotti chimici corredati di scheda di conformità; tenere i serramenti chiusi quando non si usa il laboratorio per contrastare la presenza di mosche; controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti; controllo microbiologico del laboratorio attraverso campionature (tamponi) trimestrali e relativa analisi quali -quantitativa in laboratorio. LIMITI CRITICI: presenza su pavimento, piani di lavoro ed attrezzature di animali e/o residui organici di origine animale; presenza visibile sui muri o sui piani di lavoro di muffe; mancanza o incompletezza dei documenti di controllo/verifica predisposti; carica batterica eccessiva AZIONI CORRETTIVE: rimozione/eliminazione immediata dei residui organici; intervento conseguente di pulizia, disinfezione/disinfestazione/derattizzazione a seconda della anomalia riparazione; informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7); compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo pulizia locali, piani di lavoro ed attrezzature(allegato 4); scheda di certificazione degli interventi di derattizzazione/disinfestazione dei locali (allegato 5); scheda di controllo microrganismi (allegato 6) ; schede tecniche dei prodotti utilizzati negli interventi sopra indicati PUNTI CRITICI Eccessiva presenza di microrganismi dannosi; presenza di topi, scarafaggi e mosche. PROCEDURE DI CONTROLLO Lavaggio dei pavimenti, dei piani di cottura e di lavoro; derattizzazione e disinfestazione annuale ; contrastare la presenza di mosche; controllo visivo mensile di muffe, topi ed insetti; controlli della carica microbica LIMITI CRITICI Presenza di animali e/o residui organici; presenza di muffe; mancanza o incompletezza dei documenti di controllo/verifica predisposti; carica batterica eccessiva AZIONI CORRETTIVE rimozione/eliminazione immediata dei residui organici pulizia, disinfezione/disinfestazio ne/derattizzazione informazione/formazione del personale o degli allievi DOCUMENTI Scheda (allegato3) Scheda (allegato4) Scheda (allegato5) Scheda (allegato6); Schede tecniche dei prodotti utilizzati Scheda (allegato 7)

21 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 21 Procedura di controllo DELLE ATTREZZATURE E DEI MATERIALI PER IL CONFEZIONAMENTO PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI: presenza di muffa o altri organismi all interno dello smielatore; contaminazione prodotta dalle attrezzature impiegate (stoviglie, taglieri, forbici, contenitori, ecc...) ; materiali per il confezionamento con presenza di materiale/frammenti estranei o non idonei alla conservazione degli alimenti. PROCEDURE DA ATTUARE: controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma; controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento; controllo visivo dell integrità e della pulizia dei contenitori LIMITI CRITICI: oltre il 3% di contenitori con sporcizia evidente/frammenti estranei; contenitori non certificati per la conservazione degli alimenti; presenza di sporcizia, muffe e/o ruggine sulle attrezzature. AZIONI CORRETTIVE: immediato lavaggio dell'attrezzatura sporca con idonei detergenti o. se non lavabile, eliminazione; eliminazione e sostituzione dei contenitori; informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) ; compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: scheda di controllo pulizia locali, piani di lavoro ed attrezzature (allegato 4); schede tecniche dei prodotti utilizzati negli interventi sopra indicati. PUNTI CRITICI PROCEDURE DI CONTROLLO LIMITI CRITICI AZIONI CORRETTIVE DOCUMENTI Presenza di muffa o altri organismi nello smielatore; contaminazione prodotta dalle attrezzature impiegate; materiali per il confezionamento non idonei Controllo periodico visivo di coltelli, forbici, taglieri e pentole usate per frutta/ortaggi di IV gamma; controllo visivo ex-ante del materiale di vetro e plastica usati per il confezionamento; controllo visivo dell integrità e della pulizia dei contenitori Oltre il 3% di contenitori con sporcizia evidente/frammenti estranei; contenitori non certificati per la conservazione degli alimenti; presenza di sporcizia, muffe e/o ruggine sulle attrezzature immediato lavaggio/eliminazione dell'attrezzatura eliminazione e sostituzione dei contenitori informazione/formazione del personale o degli allievi Scheda (allegato3) Scheda (allegato4) Schede tecniche dei prodotti utilizzati Scheda (allegato 7)

22 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 22 Procedura di controllo FORMAZIONE/INFORMAZIONE DEGLI OPERATORI PROCESSI COINVOLTI: PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE, MIELE ed ORTAGGI IV GAMMA PUNTI CRITICI: attività di laboratorio condotte dagli alunni senza conoscere i principi generali dell'h.a.c.c.p. ; operazioni non controllate e monitorate dai propri Docenti; il personale Docente o tecnico durante le proprie attività nel laboratorio di trasformazione non applica correttamente le procedure previste dal manuale H.A.C.C.P. PROCEDURE DA ATTUARE: formazione ed informazione preliminare svolta dalla Responsabile H.A.C.C.P. nei confronti di alunni, tecnici dell'azienda agraria e docenti che utilizzano il laboratorio, su funzioni, obblighi e procedure correlate al presente manuale H.A.C.C.P. ; formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi e/o frequenti LIMITI CRITICI: frequenza di anomalie e non conformità oltre 10 / anno scolastico AZIONI CORRETTIVE: informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) ; compilare la dichiarazione di risoluzione/superamento della non conformità (allegato 3) DOCUMENTAZIONE DI VERIFICA: informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili (allegato 7) PUNTI CRITICI Attività di laboratorio condotte dagli alunni senza conoscere i principi generali dell'h.a.c.c.p. ; operazioni non controllate e monitorate dai Docenti; il personale Docente o tecnico non applica correttamente le procedure previste dal manuale PROCEDURE DI CONTROLLO Formazione/ informazione preliminare svolta dalla Responsabile H.A.C.C.P. nei confronti di alunni, tecnici dell'azienda e docenti che utilizzano il laboratorio; formazione /informazione in itinere, in occasione di non conformità gravi e/o frequenti LIMITI CRITICI anomalie e non conformità oltre 10/'anno scolastico AZIONI CORRETTIVE informazione/formazione del personale o degli allievi che ne sono responsabili DOCUMENTI Scheda (allegato 7)

23 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 23 Allegato 1) SCHEDA DI CONTROLLO MATERIE PRIME N data PRODOTTO (P1) da fornitori esterni (P2) dall Azienda dell Istituto Penna P 1 : certificazione / autodichiarazione conforme? si no AZIONI CORRETTIVE INTRAPRESE (se NON conforme) P 2 : registro di campagna/autodichiarazione conforme? si no AZIONI CORRETTIVE INTRAPRESE (se NON conforme) NOTE (firme di controllo) Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

24 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 24 Allegato 2) SCHEDA DI CONTROLLO CELLE FRIGORIFERE N mese di anno data ora Temperatura della cella > 4 C azioni correttive Firma di chi effettua il controllo Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

25 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 25 Allegato 3) SCHEDA DELLE NONCONFORMITA N data PROCEDURA di riferimento PROCESSO PRODUZIONE MOSTARDA/CONFETTURE MIELE ORTAGGI IV GAMMA Tipologia/e della NON CONFORMITA INTERVENTI CORRETTIVI PREVISTI ED ATTUATI 1) 2) 3) ESITO DEGLI INTERVENTI CORRETTIVI NON CONFORMITA COMPLETAMENTE RISOLTA/SUPERATA PARZIALMENTE RISOLTA/SUPERATA NON RISOLTA/SUPERATA ALTRO Responsabile progetto/attività didattica Responsabile H.A.C.C.P.

26 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 26 Allegato 4) SCHEDA DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA N anno periodo dal al data ora Tipo di intervento e LOCALI/ARREDI/ATTREZZATURA prodotto eventualmente oggetto dell intervento utilizzato Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

27 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 27 Allegato 5) SCHEDA INTERVENTI DI DERATTIZZAZIONE/DISINFESTAZIONE N periodo dal al data ora LOCALI oggetto dell intervento Tipo di intervento e prodotto utilizzato Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

28 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 28 Allegato 6) SCHEDA DI CONTROLLO MICRORGANISMI (BATTERI E MUFFE) N periodo dal al data ora LOCALI oggetto dell intervento Tipologia di controllo Firma dell operatore Responsabile laboratorio di trasformazione Responsabile H.A.C.C.P.

29 manuale H.A.C.C.P. mese maggio - anno 2013 rev.0/ pag. 29 Allegato 7) SCHEDA PER ATTIVITÀ DI FORMAZIONE/ INFORMAZIONE N data ATTIVITA' A1 formazione (CORSO) A2 informazione RIVOLTA A : docenti personale tecnico dell'azienda alunni MOTIVAZIONI/FINALITA' ARGOMENTI TRATTATI NOTE (firme dei soggetti destinatari ) Responsabile H.A.C.C.P.

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott.

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott. LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE, NELL AMBITO DELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE, DELLA NORMATIVA COMUNITARIA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER IL SETTORE DELLA PANIFICAZIONE INDUSTRIALE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER IL SETTORE DELLA PANIFICAZIONE INDUSTRIALE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER IL SETTORE DELLA PANIFICAZIONE INDUSTRIALE Versione Febbraio 2008 2 Indice 1. Introduzione Pag. 4 2. Definizione e terminologia di riferimento Pag. 5 3. Riferimenti

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI MANUALE DEPARTMENT OF FOOD SAFETY, ZOONOSES AND FOODBORNE DISEASES A.S.L. TO5 Ce.I.R.S.A. Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione per la Sicurezza

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro line GREY NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE MR 1 Economia Tutte le lavastoviglie della serie NE MULTIRINSE sono dotate del sistema rivoluzionario MULTIRINSE,

Dettagli

manuale di buone pratiche di igiene

manuale di buone pratiche di igiene ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA della Lombardia e dell Emilia BRUNO UBERTINI Romagna Bruno Ubertini ENTE SANITARIO DI DIRITTO

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Disposizioni generali

Disposizioni generali IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLE BEVANDE CAPITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Ambiti e organi di vigilanza I Servizi o Unità Operative di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione e Igiene degli Alimenti

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Lavastoviglie a nastro

Lavastoviglie a nastro NE ECO2 Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE ECO2 1 Igiene Le vasche stampate con gli spigoli arrotondati garantiscono una pulizia accurata della macchina. 2 Affidabilità La

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

La Storia leadership conquistata da Ecocleaning Italia risultato di impegno e determinazione.

La Storia leadership conquistata da Ecocleaning Italia risultato di impegno e determinazione. La Storia La leadership conquistata da Ecocleaning Italia nel settore dei servizi per le aziende è il risultato di impegno e determinazione. Ecocleaning Italia nasce nel 2005 ed immediatamente si specializza

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica PULIRE SEPARARE CUOCERE CONSERVARE a cura di Maria Rita Fontana - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Michele Pupillo - Servizio Igiene degli Alimenti e della

Dettagli

Perché è importante che i pulcini siano a proprio agio?

Perché è importante che i pulcini siano a proprio agio? Controlla che I tuoi pulcini siano a proprio agio Perché è importante che i pulcini? Quando I pulcini nascono non sono in grado di controllare la loro temperatura corporea. La corretta temperatura di stoccaggio

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Benito Campana Itinerario Cosa comunicare al consumatore Lunghezza della filiera e le responsabilità

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE PIANI A INDUZIONE. cod. 7372 241

MANUALE D ISTRUZIONE PIANI A INDUZIONE. cod. 7372 241 MANUALE D ISTRUZIONE PIANI A INDUZIONE cod. 7372 241 Gentile cliente Il piano cottura induzione ad incasso è destinato all uso domestico. Per l imballaggio dei nostri prodotti usiamo materiali che rispettano

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri.

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Nuove lavastoviglie ActiveWater Smart. Il massimo delle prestazioni in dimensioni ridotte. Sistema ActiveWater. Lavaggi perfetti, risparmio

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli