1. Lo scenario in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Lo scenario in Italia"

Transcript

1 1. Lo scenario in Italia 1.1 Prevalenza dell auto privata per gli spostamenti In Italia il ricorso all auto privata per gli spostamenti è predominante rispetto a tutte le altre modalità di trasporto. In particolare, secondo i dati ISFORT sul 2013, considerando il totale degli spostamenti effettuati, si rileva che l 83,2% è effettuato con mezzi motorizzati e l 82,7% di questi è rappresentato dall auto privata. Considerando 100 il totale degli spostamenti, si rileva che: - il 16,8% sono non motorizzati - l 10,3% sono con mezzi pubblici - il 70% sono con auto privata - e il 2,9% sono con motociclo Modalità di trasporto - anno ,90% 16,80% 10,30% 70% non motorizzati TPL auto privata motociclo Dai suddetti dati emerge chiaramente come l utilizzo dell auto privata per gli spostamenti sia la modalità di trasporto preferita dagli italiani. La predilezione nei confronti dell auto privata è dimostrata anche dal tasso di motorizzazione, che indica il numero di auto presenti ogni 100 abitanti: nel 2013 il tasso di motorizzazione è del 61,6% (i.e. ogni 100 abitanti ci sono 61,6 autovetture), era del 62,1% nel 2012 e 62,5% nel Se si considerassero solo gli abitanti tra i 18 e 80 anni di età il

2 tasso sarebbe dell 80%. Parlando in valore assoluto, il parco veicolare in Italia è costituito da più di 37 milioni di unità. Modalità trasporto - Andamento nel tempo 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% non motorizzati 16,80% 17,70% 19,60% 21,10% 20,60% 21,00% 24,40% TPL 10,30% 10,20% 10,90% 9,60% 8,40% 9,70% 9,30% auto privata 70% 69,30% 65,80% 65,50% 66,80% 64,80% 61,10% motociclo 2,90% 2,70% 3,70% 3,90% 4,20% 4,50% 5,20% non motorizzati TPL auto privata motociclo Come si evince dall istogramma sopra rappresentato, c è stato una progressiva riduzione del numero di spostamenti non motorizzati (passati dal 24,4% del 2000 al 16,8% del 2013), un aumento di un punto percentuale degli spostamenti con TPL (dal 9,3% del 2000 al 10,3% del 2013), una diminuzione nell utilizzo del motociclo (dal 5,20% al 2,90%) e un significativo aumento nell utilizzo dell auto privata (dal 61,1% del 2000 al 70% del 2013). 1.2 Dati su numero di spostamenti e km-passeggeri Nel 2013 il numero medio di spostamenti giornaliero si attesta a 100,2 milioni (nel 2012 era di 97,5) e n passeggeri * km è di circa milioni al giorno (1.261 milioni circa nel 2012). In termini di variazione, c è stato un incremento del numero di spostamenti rispetto al 2012 del 2,8% e un incremento dei passeggeri*km del 9,6%. Tale incremento rappresenta il primo segnale di ripresa della mobilità dall inizio della crisi economica, infatti se si considerasse il periodo , le variazioni sarebbero rispettivamente del -21,9% e -11,5%. La tendenza negativa registrata negli ultimi anni sul numero degli spostamenti, nel 2013 in ripresa, non è accompagnata da una diminuzione di pari entità dei passeggeri*km. Come si vede dal grafico qui sotto, infatti, il totale km giornaliero è cresciuto di quasi il 14% rispetto al 2000, mentre il numero degli spostamenti è diminuito di oltre il 20%. Questi dati mostrano come ci sia stato progressivamente un aumento delle percorrenze medie per spostamento.

3 In effetti, secondo dati ISFORT, negli ultimi 5 anni, c è stato un progressivo aumento della mobilità extra-urbana, dal 37,4% del 2008 al 41% del Ciò è dovuto in larga misura al fatto che è aumentata la distanza tra i luoghi di origine degli spostamenti (residenze) e i luoghi di destinazione (lavoro, scuola, ecc.). In sostanza, la popolazione si colloca sempre più spesso in luoghi periferici rispetto alla città, in cerca di condizioni abitative e di vita meno onerose, con un correlato effetto di aumento del pendolarismo. 135,0 125,0 115,0 105,0 95,0 85,0 indici spostamenti e passeggeri*km (anno 2000 = base 100) 75, indice spostamenti totali in un giorno medio feriale (anno 2000=100) indice passeggeri*km totali in un giorno medio feriale (anno 2000=100) La distanza media percorsa per spostamento, in effetti, è passata da 30,2 km nel 2000 a 38,7 km nel 2013 (nel 2012 era 35,2 km e nel 2011 era 32,4 km). 1.3 Tasso di occupazione medio delle auto Sulla base dei dati pubblicati nell Annuario Statistico Italiano 2014 per quanto riguarda i dati sui mezzi di trasporto utilizzati dagli occupati di età superiore a 15 anni per andare a lavoro, si ha che il 68,9% utilizza l auto come conducente e il 5,4% come passeggero. Facendo il rapporto tra il totale dei passeggeri trasportati (sia come conducente sia come passeggero) e il n di auto (pari al numero di persone che sono da soli in auto) si ha che il tasso di occupazione medio delle auto negli spostamenti casa-lavoro è di 1,17, quindi ogni 100 passeggeri ci sono 85,5 auto. Se si riuscisse a raggiungere un tasso di occupazione medio pari a 2, avremmo che ogni 100 passeggeri ci sono 50 auto con una conseguente riduzione del traffico del 41,5%, che vorrebbe dire dare un contributo risolutivo al problema di congestione stradale e dell inquinamento. 2. Carpooling (o covetturaggio) definizione

4 Il termine inglese car pooling (in italiano covetturaggio) indica una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. Nel car pooling uno più dei soggetti coinvolti mettono a disposizione il proprio veicolo, eventualmente alternandosi nell'utilizzo, mentre gli altri contribuiscono con adeguate somme di denaro a coprire una parte delle spese sostenute dagli autisti. Tale modalità di trasporto è diffusa in ambienti lavorativi o universitari, dove diversi soggetti, che percorrono la medesima tratta nella stessa fascia oraria, spontaneamente si accordano per viaggiare insieme. La pratica del condividere l'auto è maggiormente diffusa nei paesi del nord Europa e negli Stati Uniti d'america dove esistono associazioni specifiche e dove la pratica è prevista anche nella segnaletica stradale, mentre trova tuttora moderata applicazione in Italia. Cominciano però a svilupparsi alcune iniziative specifiche che trovano spazio anche sui quotidiani nazionali. Nel 2009 anche un'iniziativa ufficiale da parte di Autostrade per l'italia per l'incentivazione al car pooling: sulle autostrade A8 e A9 riduzioni sull'importo del pedaggio autostradale. Vantaggi Essendo le autovetture progettate per un minimo di 4 o 5 occupanti e solitamente utilizzate dal solo guidatore, il carpooling potenzialmente potrebbe migliorare la congestione del traffico riducendo il numero di veicoli in circolazione e senza abbisognare di investimenti in nuove infrastrutture. Risparmio economico in termini di costo pro-capite di carburante, olio, pneumatici, pedaggi, costi di parcheggio ecc. Riduzione dell'inquinamento, sempre a causa del minor numero di mezzi in circolazione. Miglioramento dei rapporti sociali tra le persone. Nessun problema con le normali RC Auto in Italia Svantaggi La condivisione dell'automobile riduce il grado di flessibilità proprio dell'uso individuale di un veicolo, rendendosi necessario un accordo preventivo da parte dei passeggeri sui tempi di viaggio e sui percorsi previsti. Fra le peculiarità del trasporto individuale figura inoltre una sfera di privacy che, nel car pooling come nei taxi collettivi, viene a mancare, diminuendo l'attrattività di tale modalità di trasporto almeno per quelle fasce di viaggiatori che utilizzano normalmente il viaggio in auto come momento del proprio lavoro (riunioni con colleghi, telefonate, ecc.)

5 Il carpooling può essere effettuato spontaneamente tra due o più persone conoscenti che decidono di condividere l auto per percorrere lo stesso tragitto, mettendosi d accordo su orario e rimborso spese oppure può essere fatto sulla base di un sistema organizzato, in cui non necessariamente conducente e passeggero/i si conoscono. Tali sistemi organizzati possono essere il risultato dell elaborazione dei piani di spostamento casa-lavoro da parte del Mobility Manager aziendale oppure possono essere delle piattaforme tecnologiche, realizzate soprattutto sul Web o per App mobile. Tali piattaforme sono sostanzialmente utilizzate come una bacheca nella quale inserire richieste o offerte di passaggio. Esse hanno il principale obiettivo di favorire l incontro tra domanda e offerta di passaggi, aumentando le probabilità di riuscita del matching. Il più diffuso sistema di carpooling utilizzato è basato su di una pianificazione preventiva del viaggio: conducente e passeggero si accordano con sufficiente anticipo su caratteristiche del percorso, orari e condivisione delle spese. Le moderne tecnologie e la crescente diffusione degli smartphone ha creato le premesse per l adozione e la diffusione di un sistema di car pooling denominato dynamic (i.e. in tempo reale). Tale sistema si poggia sull utilizzo di un App mobile. Essa permette ad un utente conducente che la stia usando di essere collegato in tempo reale con chiunque cerchi un passaggio lungo la stessa direzione. Il sistema combina diversi elementi tra cui la connessione in tempo reale degli utenti, la localizzazione GPS, un sistema completamente automatizzato di transazione per il pagamento, le informazioni in tempo reale sui passeggeri, le misure di sicurezza e le segnalazioni degli utenti che si stanno spostando per consentire un covetturaggio flessibile e controllabile. 3. Esempi italiani di carpooling In Italia il carpooling è una pratica consentita e indicata nella legge dello Stato: il D.M. 27/3/98 sulla mobilità sostenibile individua come attività da promuovere l'uso collettivo ottimale delle autovetture (carpooling). La legge 24 novembre 2000, n. 340 Disposizioni per la delegificazione di norme e per la semplificazione di procedimenti amministrativi - Legge di semplificazione 1999 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 275 del 24 novembre 2000 all art. 22 ha istituito i cosiddetti PUM (Piani Urbani per la Mobilità) con compiti di progettazione di sistemi per la mobilità urbana al fine di ridurre l uso individuale dell auto. Non solo ma si è anche previsto l istituzione di un apposito fondo dello stato di previsione a cura del Ministero dei Trasporti e della Navigazione. Malgrado sia promosso ed incoraggiato da una legge dello stato ed esperimenti siano in atto in alcune città il carpooling nel nostro paese è ancora poco utilizzato.

6 Con l istituzione della figura del Mobility Manager per le aziende con più di 300 dipendenti (decreto del 1998 del Ministero dell Ambiente), al quale è affidato il ruolo di ottimizzare gli spostamenti sistematici del personale mediante la predisposizione del Piano degli Spostamenti Casa-Lavoro (comunemente chiamato PSCL), si è avviata uno studio e pianificazione dei vari interventi attuabili per diminuire la flotta di auto private utilizzata per raggiungere la sede del lavoro. Poiché tra gli interventi in questa direzione, uno è sicuramente il carpooling, alcune società hanno ideato e realizzato una piattaforma tecnologica (molto spesso all interno della propria rete intranet) per favorire l incontro tra domanda e offerta di passaggio dei dipendenti, proprio come se fosse una grande bacheca di annunci, consultabile da tutto il personale. Esempi di queste realtà sono i sistemi realizzati da Telecom Italia, Fiat Group, Unipol, ecc. Progetto Jungo La Provincia Autonoma di Trento (PAT) ha da tempo avviato approfondimenti al fine di promuovere, accanto alle diverse iniziative volte alla diversione modale tra traffico privato e trasporto pubblico, una riduzione dell impatto del traffico privato attraverso l uso intelligente delle vetture, in particolare favorendo la crescita del coefficiente di occupazione delle stesse. Con determinazione n.139 di data 4 novembre 2008 la PAT ha previsto di appoggiare sul territorio provinciale la sperimentazione di una nuova forma di trasporto denominata Jungo (ideatore e promotore: Enrico Gorini di Rimini), che consente di raccogliere e gestire l incontro tra domanda ed offerta di trasporto privato di cortesia (una sorta di evoluzione dell autostop) introducendo alcuni parametri minimi di garanzia. Questo progetto è un sistema che crea le condizioni pratiche e realistiche per sfruttare i flussi di auto in movimento incoraggiando l imbarco a vista su una comune direttrice di percorrenza, senza preventiva programmazione. Il ruolo della Provincia è stato quello di mettere a disposizione degli interessati uno sportello informativo per raccogliere le domande degli utenti che intendessero aderire a Jungo, e di verificare l assenza di carichi penali degli aderenti residenti o domiciliati in Provincia. Ha poi messo a disposizione un numero per raccogliere tutte le segnalazioni di infrazione al codice Jungo. Lo sportello ed il numero sono attivi dal 1 dicembre Jungo è definita una strategia mangia - traffico ed è fondata sul principio che è possibile ridurre drasticamente il traffico, semplicemente creando le condizioni tecnologiche ed organizzative perché chiunque possa sentirsi incoraggiato ad aprire la portiera della propria auto ai richiedenti imbarco, in condizioni di sicurezza e convenienza reciproca. Nella dottrina Jungo il traffico

7 stradale è semplicemente una rete di nastri trasportatori, costituiti dai sedili vuoti delle autovetture viaggianti. Dal punto di vista del nastro trasportatore le automobili hanno un efficienza del 24 %: ogni auto trasporta circa 1,2 persone. Significa che si potrebbe far muovere lo stesso numero di persone con 1/4 di spesa e 1/4 di inquinamento. Con meno auto, il tempo medio di spostamento in città potrebbe diventare 3-4 volte inferiore all attuale. Da questo punto di vista, i posti auto vuoti sono una enorme risorsa sottoutilizzata e di facile accesso. Peraltro il carpooling classico non si è dimostrato una risposta valida sui grandi numeri per la necessità di una preventiva programmazione e i vincoli da rispettare (stessa tratta, stesso equipaggio, stesso orario) che rappresentano gravi limiti. Si deve infatti tener conto che gli spostamenti spesso durano pochi minuti e vincolarsi e programmare tragitti così brevi risulta inefficiente. Il progetto Jungo dunque si propone di creare un sistema di imbarco agile che sia più possibile standardizzato, semplice e immediato. Alcuni fattori chiave di questa pratica sono l efficienza individuale (intesa come rapidità), vantaggio economico individuale (risparmi) e sicurezza. L idea di Jungo è quella di mettere in moto le condizioni tecnologiche e organizzative perché chi si sposta in auto possa avere l opportunità di imbarcare pedoni paganti e sicuri, guadagnando il ticket versato direttamente dal passeggero. L iscrizione annuale ha un costo di 15 ed ogni aderente viene munito di una card personale Jungo, di durata annuale, che garantisce l assenza di precedenti penali significativi fino al mese prima del rilascio (sarà lo stesso utente che al momento dell adesione firmerà il consenso alle visure necessarie). Questa garanzia è essenziale per Jungo. Ogni aderente può usare la tessera sia come passeggero sia come guidatore con assoluta flessibilità: per brevi tragitti cittadini, per tragitti extraurbani e per viaggi di lunga percorrenza. L incontro avviene normalmente a richiesta, direttamente sulla direttrice viaria interessata. Si privilegiano le strade di scorrimento, ovvero con un livello di traffico sufficiente (sopra le 500 auto private all ora), per garantire un tempo di attesa medio ridotto. L aspirante passeggero si ferma accanto alla carreggiata (in un punto adatto) mostrando la tessera per intercettare un automobilista Jungo. La tessera esibita e tenuta alta significa per tutti la stessa cosa: cerco un passaggio secondo questa direttrice di marcia, sono di Jungo (e quindi sono sicuro), voglio pagare. La quota da pagare è uguale per tutti, in parte fissa e in parte variabile, e cioè: 20 cent di contributo fisso all'automobilista e 10 cent/km. Un automobilista, interessato a risparmiare i costi del proprio tragitto o magari per desiderio di viaggiare in compagnia, vedendo il gesto accosta; entrambi gli utenti (che normalmente non si conoscono), verificano reciprocamente la tessera Jungo personale che garantisce l affidabilità del titolare: oltre che per la verificata assenza di precedenti penali significativi, anche per l assenza di segnalazioni negative da altri utenti. Il retro della tessera facilita i conteggi per il costo chilometrico. E importante notare che il costo del tragitto è predeterminato e non suscettibile di

8 trattativa, e dunque è conoscibile preventivamente in maniera certa e definitiva. Il pagamento avviene al termine della tratta, direttamente fra i due interessati. Il sistema presuppone una massa critica dell 1% della popolazione totale del territorio considerato, per realizzare un tempo medio di attesa di 6 minuti. Il sistema, così concepito, è nella logica di un comportamento collettivo coordinato, nel quale il gestore si limita alla predisposizione e manutenzione della cornice organizzativa e tecnologica, lasciando poi ai cittadini-attori l attuazione del gioco nel territorio. Risultati 2013 di Jungo in Trentino Serie storica dei tempi medi di attesa in Trentino (uomini) Come emerge dal grafico, l'attesa media degli imbarchi, per gli uomini, è stata di 7.6 minuti. Il tempo di 22,7 minuti evidenziato per il 2008 rappresenta la situazione ante Jungo e corrisponde sostanzialmente al tempo di attesa per il normale auto-stop che si registrava in quel territorio. 4. Siti internet di richiesta/offerta di passaggio Negli ultimi anni hanno avuto un importante sviluppo e diffusione i siti internet per il carpooling. Questi siti permettono di pubblicare offerte di passaggio o di ricercare un passaggio a seconda se si è interessati a proporsi come conducenti o come passeggeri. Sono sostanzialmente delle bacheche virtuali realizzate per favorire l incontro tra domanda ed offerta. Tutti i siti prevedono un iscrizione gratuita e obbligatoria durante la quale bisogna fornire ai gestori i propri dati personali (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, indirizzo , numero di cellulare, ecc.) e una serie di informazioni su se stessi in rapporto alle abitudini personali durante i percorsi in auto (fumatore o meno, ascolto di musica o meno, loquacità, ecc.) che permettono di facilitare la ricerca e quindi la creazione degli abbinamenti conducente-passeggero. Il funzionamento di questi siti si basa sul seguente meccanismo: un utente che voglia mettere a disposizione i posti vuoti della propria auto per condividere un viaggio con altri utenti, accede al sito a cui è iscritto e compila una scheda in cui fornisce tutti i dati relativi al viaggio (origine, destinazione, orario di partenza previsto, orario di

9 arrivo previsto, disponibilità a deviazioni per il carico del passeggero, disponibilità ad imbarcare bagagli, disponibilità ad imbarcare animali, ecc.). In questo modo inserisce il viaggio nel database del sito e lo rende disponibile agli altri utenti i quali potranno contattare l inserzionista o via mail o tramite telefono. Un utente che voglia trovare un passaggio per un determinato percorso, accede al sito a cui è iscritto e tramite la compilazione di un apposito spazio in cui inserisce le coordinate del proprio viaggio (origine, destinazione, orario di partenza previsto, ecc.) effettua una ricerca che gli fornisce una lista di offerte compatibili con la sua richiesta. Verificando le caratteristiche di ogni offerta egli deciderà quale conducente contattare. Spesso il sito fornisce anche un suggerimento riguardo il costo del viaggio così da facilitare l accordo sulla suddivisione delle spese tra i partecipanti. Conducente e passeggero potenziali entrano in contatto e si accordano sui dettagli (luogo esatto del ritrovo, orario esatto, costo del viaggio per il passeggero, ecc.). A seguito dell avvenuto passaggio si è invitati a compilare una scheda di feedback, ossia un giudizio reciproco degli utenti sulla qualità e riuscita del carpooling. Questo permette di creare un meccanismo per cui ogni utente può godere di giudizi positivi e/o negativi, che generalmente contribuiscono alla determinazione di un punteggio ( rating ) (pubblicato sul sito) e quindi godere di più o meno affidabilità e garantire così la creazione di un sistema più sicuro. 4.1 Scenario principali competitors Statistiche ufficiali sulle dimensioni del carpooling in Italia non sono ancora disponibili. Si tratta di un fenomeno recente e in continua espansione. Di conseguenza, negli ultimi anni, si sono moltiplicati i siti che raccolgono le offerte di passaggi. Alcune realtà hanno assunto dimensioni internazionali arrivando a coprire più Paesi europei. Un esempio è BlaBlaCar. Stando ai numeri forniti dal portale, il servizio conta più di 5 milioni di iscritti in Europa con un trend in forte crescita. La percentuale di italiani sugli utenti globali è circa il 10% del totale. Tramite la piattaforma sono stati condivisi tre miliardi di chilometri in tutta Europa secondo quanto affermato da Olivier Bremer, country manager di BlaBlaCar per l Italia. In questo modo sarebbe stata risparmiata l emissione di più di 750 mila tonnellate di CO2. Nel caso del car pooling, in genere, si tratta di brevi distanze e di spostamenti effettuati soprattutto da pendolari che condividono l auto per tratte casa-lavoro. Sono spostamenti ripetuti con equipaggi fissi dove l auto viene solitamente messa a turno dai passeggeri. Il ride sharing, come nel caso

10 di BlaBlaCar, è un fenomeno diverso: si tratta di viaggi lunghi, dai 100 km in su. I passeggeri sono sempre diversi e chi viaggia contribuisce alle spese di viaggio pagando la quota fissata dal conducente. Navigando in rete, per quanto riguarda l Italia, i siti per condividere l auto si incontrano però alla voce car pooling. Tra i primi risultati c è il sito Carpooling.it. Secondo i dati pubblicati sul portale, sono più di 5 milioni gli utenti registrati che viaggiano in Europa in maniera economica, veloce e divertente, riducendo le emissioni di CO2 e il traffico. Carpooling è la piattaforma europea nata in Germania che negli ultimi quattro anni si è sviluppata nel resto del continente. Disponibile in 7 lingue, permette di trovare un passaggio verso tutte le destinazioni europee. A supporto dei siti di car pooling, negli ultimi anni si sono aggiunti i social network e le app per smartphone e tablet. Carpooling.it offre il suo servizio anche attraverso un widget destinato agli eventi. Gli organizzatori di concerti, fiere o mostre possono integrare l applicazione di carpooling.it nel loro sito o pagina Facebook e permettere ai propri clienti di raggiungere insieme le località delle manifestazioni. Il widget consente di cercare e/o offrire un passaggio per una determinata città direttamente sul social network o sul sito dell iniziativa. Nel widget vengono visualizzati gli ultimi 20 viaggi inseriti dagli utenti di carpooling.it. Ogni annuncio presenta informazioni su data, orario di partenza e, nel caso di Facebook, un link all eventuale profilo del viaggiatore. Un altro dei principali portali di carpooling è stato realizzato da una start-up di Torino e si chiama Bringme. Secondo i dati pubblicati sul proprio sito internet, nel corso del 2013 il numero di viaggi disponibili ha toccato la cifra di 8.000, con oltre posti in auto in attesa di passeggeri. Il numero di utenti iscritti è cresciuto del 31% in soli due mesi e i viaggi concordati sono stati 487. Proseguendo la panoramica sui portali di car pooling, c è il sito roadsharing.com, nato nel 2008 per mano di una web agency fiorentina, realizzato in quattro lingue e patrocinato della Provincia di Firenze. Navigando sul sito ci si accorge che l offerta di passaggi è rappresentata principalmente da viaggi medio-lunghi anche da e verso paesi esteri. Poi, incontriamo Avacar.it e youtrip.it, che rappresentano realtà minori all interno del ventaglio di offerte di siti di carpooling. Un capitolo a parte è da riservare al portale Uber.it, versione italiana della piattaforma originariamente sorta negli USA. In questo caso non si parla propriamente di carpooling, infatti secondo quanto emerso dalle notizie diffuse dalla stampa, l autista ricaverebbe un profitto dall erogazione del passaggio, infrangendo uno dei requisiti essenziali del carpooling, inoltre non è chiaro se il conducente nel dare un passaggio effettua la tratta che farebbe in ogni caso (anche in

11 assenza del passeggero) o se il percorso è basato soltanto sulle esigenze del passeggero. Proprio nell ultimo anno c è stato molto clamore attorno alla vicenda di Uber, soprattutto a causa delle lamentele e proteste provenienti da taxisti, i quali intravedono nell attività di Uber una forma di elusione delle norme sul trasporto di persone a pagamento. Nonostante queste critiche il portale di Uber è sicuramente uno dei più gettonati per la richiesta di passaggi e conterebbe migliaia di iscritti. E già attivo nelle città di Milano e Roma ed è stato appena esteso anche alla città di Genova. Inoltre, a breve, si prevede l arrivo di Uber anche in altre due città italiane del nord. Quasi sempre, in associazione ai portali di carpooling ci sono le relative App utilizzabili da smartphone e tablet. Con le app è possibile richiedere e offrire passaggi in qualunque momento, avendo a portata di mano il proprio cellulare. Inoltre, grazie all integrazione delle App è possibile attivare alcune funzionalità aggiuntive legate al servizio, come la geolocalizzazione attraverso il segnale GPS, che consente al sistema di sapere in qualunque momento dove si trovano passeggero e autista ed è possibile tracciare il percorso. Soprattutto nel caso di carpooling in dinamico, disporre delle posizioni di autista e passeggero, consente al sistema di calcolare in tempo reale il tempo che il passeggero dovrà aspettare prima dell arrivo dell autista, il tempo previsto di arrivo a destinazione e il punto di pick-up. Le App di carpooling rendono in generale il servizio più flessibile e di fruizione più immediata. Le App più utilizzate sono quelle che si riferiscono ai portali più conosciuti: BlaBlaCar, Carpooling, UberPop, Roadsharing. Nel campo delle applicazioni legate al car pooling c è poi l ultima novità lanciata dal portale italiano Bring-me. Si tratta dell app Carpooling Certificate che permette di certificare l effettiva compresenza su una stessa vettura di uno o più passeggeri. La certificazione del viaggio avviene grazie al lancio dell app da parte di un componente dell equipaggio sul proprio smartphone. Carpooling Certificate rileva via bluetooth o attraverso l interazione tra applicazioni gli altri componenti e stabilisce così quante persone sono presenti a bordo. Durante il viaggio l applicazione conteggia i chilometri percorsi e all arrivo verifica la presenza dei medesimi apparati telefonici individuati alla partenza. Il sistema riporterà un certificato che indicherà la strada percorsa, il numero di persone presenti e la CO2 risparmiata. Quest ultimo dato viene calcolato in maniera standard considerando le emissioni di CO2 previste dalla normativa Euro5: 130 grammi di CO2 per chilometro moltiplicate per ogni passeggero (ad esclusione del conducente). Questa caratteristica è finalizzata alla creazione di un sistema premiante che permetta di concedere sconti a chi faccia carpooling con con questa App. Mappatura delle principali App per carpooling in base a lunghezza del percorso e area di estensione:

12 piattaforma di Carpooling Brevi distanze 50 km Medio-lunghe distanze > 50 km BlaBlaCar.it Bring-me.it Carpooling.it Uber.it 5. Trend del mercato e conclusioni Sulla base delle notizie provenienti dalla stampa sulla diffusione del carpooling sembrerebbe che questa pratica di comportamento sia in costante aumento. Il sito BlaBlaCar ha annunciato che nell estate del 2014 si sarebbe registrato una crescita del 480% di offerte di passaggi rispetto allo stesso periodo del 2013, corrispondenti ad oltre posti in auto disponibili. I fattori che incidono più fortemente sul graduale aumento della condivisione dell auto consistono prevalentemente nel caro carburante, nella diminuzione del reddito disponibile e nei costi eccessivi legati al trasporto. L attenzione dei mass media nei confronti del fenomeno di crescita del carpooling, inoltre, non fa che aumentare la conoscenza presso il grande pubblico dell esistenza di queste piattaforme tecnologiche di incontro tra domanda e offerte di passaggio e aumentarne l accesso da parte di nuovi utenti. A sostegno del carpooling giocano inoltre le campagne di sensibilizzazione dei cittadini verso i temi della mobilità sostenibile, a cui si associano concetti di forte interesse come la salvaguardia dell ambiente e la tutela della salute delle persone. Il mercato del carpooling presenta enormi potenzialità: basta considerare i risultati ottenuti nell ultima indagine dell Audimob sulle azioni di risposta alla crisi economica nell uso dei mezzi di trasporto: nel 2013 il 34,3% del campione ha risposto che ha pensato di condividere percorsi abituali con altri passeggeri e il 27,1% di questi lo ha fatto effettivamente. A concorrere positivamente ad una futura espansione del carpooling, infine, c è anche la percentuale di popolazione che vorrebbe diminuire l utilizzo dell auto privata, cioè il 36,2% del campione (40,4 % uomini 32,3% donne).

13 Fonti: - Rapporto Congiunturale di fine anno Dati campionari 2013 (Audimob) - Annuario Statistico Italiano 2014 (Istat) - Tesi di Laurea Il covetturaggio dinamico a servizio della mobilità sostenibile Di Giovanni Zoccarato - 11 Rapporto sulla mobilità in Italia Poca luce in fondo al Tunnel Come ripartire dopo la crisi (Isfort)

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Relatore: Ing. Ubaldo DE BEI Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Venezia, 15 novembre 2011 Car Pooling Il

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Jungo:: di cosa si parla? Jungo L AUTO problema : diamo i numeri? LUINO: Parco veicolare: Luino= 665x mille abitanti Abitanti = 14.000 circa Auto circolanti totali: 665x14 = 9.310 Posti auto disponibili

Dettagli

SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014

SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014 STATI GENERALI della Green Economy Percorsi e strumenti per la diffusione dell ecoinnovazione e del consumo sostenibile SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014 Nicola Tiezzi ICARO Srl Sharing

Dettagli

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini

Dettagli

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. Città in movimento: pensare e progettare nuovi spazi di interazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile IL COVETTURAGGIO DINAMICO AL SERVIZIO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti al fine di individuarne

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO Regolamento Pool2job REGOLAMENTO Pool2job Progetto pilota Pool2job per il traffico frontaliero nella

Dettagli

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo Comune di Palermo Ufficio Traffico Progetto Car-pooling per la Città di Palermo 1 - Denominazione e referenti Il Progetto Car-pooling per la città di Palermo è sostenuto dal Comune di Palermo. 2 - Premesse

Dettagli

PIETRO GELMINI Centro Studi Traffico Milano

PIETRO GELMINI Centro Studi Traffico Milano Il contributo dei progetti di riforma della mobilità e della sosta per favorire la rigenerazione urbana e la crescita della mobilità sostenibile PIETRO GELMINI Centro Studi Traffico Milano Domanda chiave

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO, PAOLO NICOLÒ ROMANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO, PAOLO NICOLÒ ROMANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2436 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO,

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro MobilityManager La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Il Car pooling nelle aree residenziali

Il Car pooling nelle aree residenziali Il Car pooling nelle aree residenziali Introduzione L'obiettivo del car-pooling è quello di realizzare viaggi collettivi. Un equipaggio di car-pooling è formato da almeno due persone che condividono una

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Enrico Musso Università di Genova Il Car Sharing per l utente: l interesse, immagine, gradimento Roma, 7 aprile 2009 Auditorium dell Ara Pacis 1. Caratteristiche

Dettagli

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Una fermata Audimob, di approfondimento su incentivi e investimenti pubblici per politiche di sostegno finalizzate a trovare soluzioni

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO 1 Denominazione e referenti Il Progetto Andiamo a scuola con il car pooling è promosso dal Comune

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 GREEN CITY ENERGY on the see Genova, 29 Novembre 2012 Un progetto europeo di successo per la mobilità sostenibilenei distretti industriali Luca Buzzoni - Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

Attivazione del telelavoro ----- L esperienza concreta dell Azienda Ospedaliera della provincia di Pavia

Attivazione del telelavoro ----- L esperienza concreta dell Azienda Ospedaliera della provincia di Pavia Attivazione del telelavoro ----- L esperienza concreta dell Azienda Ospedaliera della provincia di Pavia Provincia di Monza-Brianza Congresso del 20/10/2010 Sede provinciale Enrico Cuoco Dirigente Responsabile

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager CAGGIANIELLO Giorgio Direzione Risorse Umane\Amministrazione VAUDAGNA Marco

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

La piattaforma, di cui in Figura 1 pagina 7 sara caratterizzata dalle seguenti sezioni o aree funzionali:

La piattaforma, di cui in Figura 1 pagina 7 sara caratterizzata dalle seguenti sezioni o aree funzionali: La piattaforma di carpooling http://siena.autostradecarpooling.it Autostrade per l Italia si impegna a sviluppare per Siena e le aziende coinvolte nell iniziativa un unica piattaforma di carpooling che

Dettagli

La tecnologia per il car pooling

La tecnologia per il car pooling La tecnologia per il car pooling L utilizzo della tecnologia per la misurazione e la certificazione del car pooling, risultati e riflessioni. In collaborazione con L associazione, chi siamo: Siamo automobilisti,

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate

Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate Agosto 2005 English version available 1 Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate Introduzione A Mosca e nelle

Dettagli

Spedingo.com ( http://www.spedingo.com )

Spedingo.com ( http://www.spedingo.com ) Spedingo.com ( http://www.spedingo.com ) 1) Introduzione Spedingo.com è un internet marketplace dedicato al settore dei trasporti e delle spedizioni. Il portale che mette in contatto soggetti che hanno

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto.

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto. Studio di fattibilità di un sistema di car-pooling per le aziende della Valsassina Federico Lia Consorzio Poliedra Politecnico di Milano Barzio 25 Maggio 2011 Il car pooling Il car pooling consiste nell'utilizzare

Dettagli

Moov up Una soluzione per il carpooling Rivalta di Torino, 19 novembre 2014 www.moovup.it

Moov up Una soluzione per il carpooling Rivalta di Torino, 19 novembre 2014 www.moovup.it Moov up Una soluzione per il carpooling Rivalta di Torino, 19 novembre 2014 Moov up è la prima piattaforma dedicata al dynamic ride sharing (condivisione in tempo reale dei propri spostamenti) in ambito

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

enjoy, una nuova idea di movimento Simone Serafini Roma, 10.12.2014

enjoy, una nuova idea di movimento Simone Serafini Roma, 10.12.2014 enjoy, una nuova idea di movimento Simone Serafini Roma, 10.12.2014 la sharing economy Il 2015 sarà l anno della sharing economy. La sharing economy si propone come un nuovo modello economico, capace di

Dettagli

Incontro sul tema del Mobility Manager

Incontro sul tema del Mobility Manager Incontro sul tema del Mobility Manager prof. ing. Bruno DALLA CHIARA POLITECNICO DI TORINO, Dip. DIATI- Trasporti docente del s.s.d. Trasporti («Sistemi di Trasporto») Catania, 22 giugno, 9:30 presso il

Dettagli

EagleMobility: sistema di monitoraggio del traffico privato tramite cellulare

EagleMobility: sistema di monitoraggio del traffico privato tramite cellulare Monitoraggio della mobilità attraverso la telefonia mobile EagleMobility: sistema di monitoraggio del traffico privato tramite cellulare in partnership con e le sue sei aree: Mobilità: pianificazione e

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl I.C.S. Iniziativa Car Sharing I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl Roma, 12 ottobre 2010 Il car sharing e il trasporto pubblico locale: duefacce della stessa medaglia In Italia il car sharing

Dettagli

20 febbraio 2015. Il modello trentino di car sharing: Risultati e potenzialità

20 febbraio 2015. Il modello trentino di car sharing: Risultati e potenzialità 20 febbraio 2015 Il modello trentino di car sharing: Risultati e potenzialità Il car sharing è uno strumento di mobilità sostenibile Lo è (di fatto, perché riduce il numero di auto prodotte e vendute e

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Il sogno delle città senza traffico: la misurazione del problema e l idea del flexible congestion charge

Il sogno delle città senza traffico: la misurazione del problema e l idea del flexible congestion charge Preliminare Marzo 2009 Il sogno delle città senza traffico: la misurazione del problema e l idea del flexible congestion charge È come se avessimo un mostro chiuso nei nostri garage. È come se non fosse

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

La visione per il trasporto urbano nelle smart cities del futuro. Questa presentazione contiene informazioni confidenziali.

La visione per il trasporto urbano nelle smart cities del futuro. Questa presentazione contiene informazioni confidenziali. La visione per il trasporto urbano nelle smart cities del futuro IL TRASPORTO DEL FUTURO SARÀ Il trasporto del futuro sarà SMART ECOLOGICO INTEGRATO CONVENINTE L EFFICIENZA DELLE PIATTAFORME DI SHARING

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Roma, 24/02/2014 COMUNICATO STAMPA

Roma, 24/02/2014 COMUNICATO STAMPA Roma, 24/02/2014 COMUNICATO STAMPA Muoversi green Prenota online la macchina per l università con il nuovo servizio di carpooling destinato agli studenti e ai circa 10.000 dipendenti della Sapienza attivato

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

Solo vantaggi Semplice, Pratica e Comoda. Da portare sempre con sè per parcheggiare a Brescia risparmiando.

Solo vantaggi Semplice, Pratica e Comoda. Da portare sempre con sè per parcheggiare a Brescia risparmiando. La Park City Card è una nuova ed utile tessera voluta e distribuita dall Amministrazione Comunale di Brescia a tutti i cittadini bresciani maggiorenni, che dà diritto ad uno sconto del 50% sulle tariffe

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

Palermo Smart Mobility

Palermo Smart Mobility Palermo Smart Mobility PROGRAMMA 2016-2018 PER L IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI DI MOBILITA DOLCE E CONDIVISA Obiettivi del programma Palermo Smart Mobility Il programma Palermo Smart Mobility, prevede lo

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012.

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Indice: 1. Premessa 1.1 Contesto normativo 2. Il questionario di indagine 3. I risultati dell indagine 4. Analisi e proposte relative all accessibilità

Dettagli

Il carpooling aziendale

Il carpooling aziendale Giornata informativa di SvizzeraEnergia per i Comuni 15.10.2014 Fernando Martinez, FMC Davide Marconi, Planidea SA Temi I Studio pilota II L idea di Pool2Job III Condizioni di partecipazione IV Come funziona?

Dettagli

OFFICINA DELLE IDEE: Workshop INNOVAZIONE ED INCLUSIONE COME ARMA COMPETITIVA DEL TERRITORIO. 1.Nuova Carta Regionale dei Servizi

OFFICINA DELLE IDEE: Workshop INNOVAZIONE ED INCLUSIONE COME ARMA COMPETITIVA DEL TERRITORIO. 1.Nuova Carta Regionale dei Servizi OFFICINA DELLE IDEE: Workshop INNOVAZIONE ED INCLUSIONE COME ARMA COMPETITIVA DEL TERRITORIO 1.Nuova Carta Regionale dei Servizi Stato dell'arte: Il Comune di Busto Arsizio ha già messo in atto e ha tuttora

Dettagli

INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA

INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA 1 2011 OBIETTIVI DELL INDAGINE Fornire un un contributo conoscitivo sugli attuali comportamenti di mobilità in sei principali comuni della provincia di

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1 Direzione Programmazione della Mobilità 1 Febbraio 2006 Carlo Gentile 1 ROMA CAR SHARING Il Car Sharing Una nuova concezione dell uso dell autovettura privata che mira al servizio e non più al possesso:

Dettagli

Il carpooling aziendale

Il carpooling aziendale Forum cantonale sulla mobilità aziendale nel settore socio-sanitario 15.04.2015 Davide Marconi, Planidea SA Pool2Job: L idea Assistere le aziende nella promozione del car pooling aziendale. Accompagnare

Dettagli

Deliberazione n. 239

Deliberazione n. 239 Protocollo RC n. 20628/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 LUGLIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di luglio, alle ore

Dettagli

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005 CAR SHARING SERVICE Assessore: Ing. Giovanni Avanti Cosa è il Car Sharing? Il Car Sharing è un servizio di condivisione dell auto nato in Svizzera alla fine degli anni 80 e sviluppatosi in tutta Europa

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

HOWMOVE HOME-WORK MOBILITY EVALUATION TOOL SUITE

HOWMOVE HOME-WORK MOBILITY EVALUATION TOOL SUITE STRUMENTI SOFTWARE PER LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI ENERGETICO- AMBIENTALI ED ECONOMICI DEGLI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO HOWMOVE HOME-WORK MOBILITY EVALUATION TOOL SUITE IL CASO STUDIO DEL CENTRO ENEA CASACCIA

Dettagli

CARTELLA STAMPA NOVEMBRE 2012 1 CARTELLA STAMPA

CARTELLA STAMPA NOVEMBRE 2012 1 CARTELLA STAMPA 1 CARTELLA STAMPA CARTELLA STAMPA NOVEMBRE 2012 INDICE P.4 SNCF PRESENTA idbus P.6 ROTTE idbus P.8 L UNICITÀ DI idbus P.14 PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU idbus 2 CARTELLA STAMPA SNCF, LEADER EUROPEO DELLA

Dettagli

IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE

IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE La presente pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con Clickutility On Earth. Il CVO non

Dettagli

6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA

6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA 6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 21 febbraio 2011 presentata dal gruppo PS (Nicoletta Mariolini, Carlo Lepori e cofirmatari) Mobilità aziendale

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

Piano spostamenti Casa - Lavoro

Piano spostamenti Casa - Lavoro Piano spostamenti Casa - Lavoro anno 2010 IKEA Torino Viale Svezia, 1 10093 Collegno (TO) INTRODUZIONE Come previsto dal D.M. 27 marzo 1998 (art. 1 comma 3) il negozio IKEA di Collegno avendo in organico

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli